Richard Nixon

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "Nixon". Si busqueu altres significats, vegeu Nixon (desambiguació) .
Richard Nixon
Retrat presidencial de Richard Nixon.jpg

37è president dels Estats Units d'Amèrica
Durada del càrrec 20 de gener de 1969 -
9 d'agost de 1974
Vicepresident Spiro Agnew
Gerald Ford
Predecessor Lyndon B. Johnson
Successor Gerald Ford

36è vicepresident dels Estats Units d'Amèrica
Durada del càrrec 20 de gener de 1953 -
20 de gener de 1961
President Dwight Eisenhower
Predecessor Alben W. Barkley
Successor Lyndon B. Johnson

Senador dels Estats Units per Califòrnia
Durada del càrrec 4 de desembre de 1950 -
1 de gener de 1953
Predecessor Sheridan Downey
Successor Thomas Kuchel

Membre de la Cambra de Representants - Califòrnia , districte 12
Durada del càrrec 3 de gener de 1947 -
1 de desembre de 1950
Predecessor Jerry Voorhis
Successor Patrick J. Hillings

Dades generals
Festa Republicà
Universitat Whittier College
Universitat de Duke
Professió Advocat
Signatura Signatura de Richard Nixon
Richard Milhous Nixon
El tinent de cap Richard Nixon 1945.jpg
Nixon amb uniforme el 1945
Naixement Yorba Linda , 9 de gener de 1913
Mort Nova York , 22 d’abril de 1994
Causes de la mort ictus
Dades militars
País servit Estats Units Estats Units
Força armada Bandera de la Marina dels Estats Units.svg Marina dels Estats Units
Anys de servei 1942 - 1946
Llicenciatura Tinent de comandant
Guerres Segona Guerra Mundial
Campanyes Guerra del Pacífic (1941-1945)
Decoracions Medalla d’elogi de la Marina i el Cos de Marines (2)
"fonts del cos del text"
veus militars a la Viquipèdia

Richard Milhous Nixon ( Yorba Linda , 9 de gener de 1913 - Nova York , 22 d'abril de 1994 ) va ser un polític nord- americà , 37è president dels Estats Units d'Amèrica del 1969 al 1974.

Entre les seves polítiques eren la retirada progressiva dels homes sobre el terreny en la guerra del Vietnam en favor dels bombardejos, la diplomàcia i la guerra secreta [1] [2] , l'obertura a la Xina, en clau anti-soviètica i la recerca de noves sortides comercials, anti el comunisme i la llibertat d’empresa, el suport parcial als drets civils en particular en la lluita contra el segregacionisme, l’enduriment de les prohibicions contra les anomenades drogues toves [3] , la institucionalització de les primeres polítiques mediambientals i la recerca d’una reforma sanitària integral que manté el paper clau de l'empresa privada en lloc del sector públic [4] . La seva presidència també va donar suport al cop d'estat a Xile , que va expulsar violentament el govern de Salvador Allende , que va morir durant el setge del Palau de la Moneda, i va portar Augusto Pinochet al poder.

Fins ara ha estat l’únic president dels Estats Units que va deixar el càrrec. La seva renúncia va tenir lloc el 9 d'agost de 1974, per anticipar la destitució després de l' escàndol de Watergate . Richard Nixon continua sent un dels presidents més controvertits de la història dels Estats Units d'Amèrica. Durant el seu mandat i, especialment, els primers anys després de la seva renúncia, el seu mètode de govern va ser durament criticat, cosa que no excloïa ni la pressió il·legal ni la ingerència tant en els assumptes interns com en les relacions internacionals; la seva política bèl·lica a Indoxina es va considerar immoral, fora dels límits constitucionals i excessivament bel·ligerant; es va contestar la seva tendència a envoltar-se de col·laboradors de confiança, però amb un comportament qüestionable. La seva renúncia i l'admissió parcial dels seus pecats van minar greument l'avaluació general de la seva presidència des del punt de vista històric .

Després de la presidència, Nixon -que també va ser el primer president dels Estats Units d'Amèrica nascut en un estat del Pacífic- va escriure nou llibres i va viatjar a l'estranger, ajudant a la rehabilitació de la seva imatge com a estadista d'edat avançada. Va patir un ictus debilitant el 18 d'abril de 1994 i va morir quatre dies després a l'edat de 81 anys.

Biografia

Orígens familiars

Lloc de naixement de Richard Nixon

Va néixer de Francis A. Nixon i Hannah Milhous (després Hannah Nixon), el 9 de gener de 1913 , a la casa del seu pare a Yorba Linda , Califòrnia . La seva mare era quàquera (el seu pare es va convertir del metodisme després del matrimoni) i la seva educació es va caracteritzar pels costums dels quàquers de l'època, com abstenir-se d'alcohol, ballar i un llenguatge brut. Nixon tenia quatre germans: Harold (1909-1933), Donald (1914-1987), Arthur (1918-1925) i Edward (1930-2019). Quatre dels cinc nens van rebre els noms de reis d’Anglaterra . [5] [6]

Els primers anys de Nixon van estar marcats per dificultats i va citar una frase d’ Eisenhower per descriure la seva infància: "Érem pobres, però la sort era que no ho sabíem". El ranxo familiar va fer fallida el 1922 i els Nixon es van traslladar a Whittier . En una zona amb molts quàquers, Frank Nixon va obrir una botiga de queviures i gas. El seu germà petit Arthur va morir el 1925 després d'una curta malaltia. [7] A l'edat de set anys, es va trobar que Richard tenia una lesió pulmonar i, amb antecedents familiars de tuberculosi , se li va prohibir practicar esport. La lesió va resultar ser un teixit cicatricial causat per un primer episodi de pneumònia . [6] [8]

Estudis

Nixon als 17 anys

El jove Richard va assistir a l'escola primària East Whittier. Els seus pares van creure que la Whitter High School va motivar el germà gran Harold a viure una vida desalijada, abans de caure malalt de tuberculosi i morir el 1933 . Així que van enviar Richard a l’escola secundària Fullerton Union. Tenia excel·lents notes, tot i que va haver de viatjar una hora amb l’autobús escolar per arribar a l’escola. Després del seu primer any, va viure amb una tia a Fullerton durant la setmana. Va jugar a l'equip de futbol i va participar en l' oratori de debats, destacant en els discursos de la seva classe. [9]

A partir del setembre de 1928, els seus pares van acordar traslladar-lo a l'escola de Whittier. A Whittier, Nixon va patir la seva primera derrota electoral, com a candidat a la presidència dels estudiants. Normalment es llevava a les quatre de la matinada per conduir el camió familiar a Los Angeles i comprar verdures al mercat, després les portava a la botiga i anava a l’escola. Mentrestant, la seva mare i Harold es van traslladar a Arizona , amb l'esperança que el temps sec ajudaria el noi a combatre la seva malaltia. [9]

A Nixon se li va oferir una beca per anar a Harvard , però la malaltia contínua de Harold i la necessitat de cuidar-lo de la seva mare van fer que Richard necessités comprar. Va romandre a la seva ciutat natal i va assistir al Whittier College. Nixon va jugar a equips universitaris de bàsquet i futbol, ​​però amb poc èxit. Nixon volia unir-se a una societat literària, la Franklin, però no va ser admès perquè no provenia d’una família important: va respondre ajudant a fundar una nova societat, la Orthogonian Society.

A més de la feina de la societat, l’escola i la botiga, Nixon va trobar temps per a un gran nombre d’activitats extraescolars, convertint-se en un defensor del debat i guanyant-se la reputació de treballador. [10] El 1933 es va comprometre amb Ola Florence Welch, filla del cap de la policia Whittier: la relació va acabar el 1935. [9] [11] Després de graduar-se el 1934 , Nixon va rebre una beca per assistir a la Facultat de Dret de la Universitat de Duke . El 1937 es va especialitzar en dret. [9]

Matrimoni, carrera jurídica i servei militar

Després de graduar-se de Duke, Nixon inicialment esperava unir-se a l' Oficina Federal d'Investigació (FBI). Anys més tard va rebre una resposta a la seva carta de sol·licitud, en assabentar-se que havia estat admès, però el seu nomenament s’havia cancel·lat a última hora a causa de les retallades pressupostàries. [12] Va tornar a Califòrnia, on va ser admès a l'Advocacia de l'Estat, una oficina administrativa del Tribunal Suprem . Va començar les seves pràctiques com a advocat a la firma d'advocats Wingert & Bewley de Whittier's, que s'ocupava de litigis comercials per a empreses petrolieres locals i altres assumptes corporatius.

Nixon presumia amb orgull que era l'únic president modern que havia treballat com a advocat en exercici. [13] No obstant això, es mostrava reticent a treballar en casos de divorci , perquè estava avergonyit i molestat per haver de parlar amb els seus clients sobre la seva vida sexual i personal. [14] El 1938 va obrir la seva pròpia sucursal de Wingert i Bewley a La Habra i es va convertir en soci de ple dret de la firma l'any següent. [15] El gener de 1938 va conèixer la seva futura esposa, una professora anomenada Thelma "Pat" Ryan : a les seves memòries va descriure la reunió com "un cas d'amor a primera vista". [16]

Es van casar en una modesta cerimònia el 21 de juny de 1940 i , després de la seva lluna de mel a Mèxic, els Nixon van començar la seva vida matrimonial a Whittier; van tenir dues filles, Tricia (nascuda el 1946 ) i Julie (nascuda el 1948 ). [17] El gener de 1942 la parella es va traslladar a Washington DC , on Nixon va ser contractat pel Departament de Control de Preus.

Quatre mesos després va ser cridat per servir a la Marina dels Estats Units . Com a quàquer, podria haver estat exempt del servei militar, però només es va beneficiar d’extensions per a empleats governamentals, de manera que es va incorporar a la Marina el 1942. [18] Nixon es va convertir en bandera a l’octubre de 1942: el seu primer càrrec va ser assistent del comandant de la Marina Air Station Ottumwa a Iowa . Aleshores era oficial de control de passatgers del Comandament de Transport Aeri del Pacífic Sud, treballant en la logística d’operacions al Teatre Pacífic Sud-oest de la Segona Guerra Mundial . L'1 d'octubre de 1943, Nixon va ser ascendit a tinent i tenia dues estrelles de servei i una citació d'elogis, tot i que mai no va participar en combat.

Al seu retorn als Estats Units d'Amèrica, Nixon va ser nomenat gerent administratiu de la Naval Air Station a Alameda , Califòrnia. El gener de 1945 va ser traslladat a l'Oficina d'Aeronàutica de Filadèlfia per ajudar a negociar la finalització dels contractes de guerra, rebent una altra carta de felicitació pel seu treball. Més tard, Nixon va ser assignat a altres oficines per treballar en contractes i, finalment, a Baltimore . L'octubre de 1945 fou ascendit a tinent de comandant . Va deixar la Marina l'1 de gener de 1946 . [19]

La carrera política

Diputat i senador

Ja el 1945 s’havia apropat al partit republicà . Escollit pel partit com a candidat californià, la seva carrera política va començar el 1946 quan va ser elegit a la Cambra de Representants , derrotant la congressista Helen Gahagan Douglas . [20] Douglas el va canviar el nom de Tricky Dicky ("el traïdor Riccardino") pels mitjans injustos utilitzats a la campanya electoral: el sobrenom (o l'equivalent de Dick el truc ) el va acompanyar durant tota la seva vida. Dick també era el diminutiu que els amics i la família li deien [21] [22] .

Aprofitant el seu atractiu electoral i la seva reputació d’anticomunista , Nixon va escalar ràpidament la jerarquia del partit. Al Congrés, Nixon va donar suport a la Llei Taft-Hartley de 1947 - una llei federal que controlava les activitats i el poder dels sindicats - i era membre dels comitès d'educació i treball. Va ser membre del Comitè de Herter, que va analitzar la necessitat d'Europa de programes d'ajuda als Estats Units d'Amèrica: Nixon era el membre més jove del comitè i l'únic a la costa oest . El seu treball va conduir al Pla Marshall . [23]

Nixon va guanyar l'atenció nacional el 1948 quan, com a membre de la Comissió d'Activitats Antiamericanes de Joseph McCarthy , va presentar el processament contra Alger Hiss , acusat d' espionatge . Nixon estava convençut que Hiss, un advocat i funcionari del Departament d'Estat, era un espia soviètic i un simpatitzant comunista i va aconseguir que fos condemnat per perjuri . [24] Va presentar-se al Senat i va obtenir l'escó el 1950 . Nixon també va criticar el president Harry Truman , acusat de manipular l'opinió pública durant la guerra de Corea ; va defensar l'oportunitat que Alaska i Hawaii es convertissin en estats membres; va votar pels drets civils de les minories i contra els controls de preus i altres restriccions monetàries; es va oposar als beneficis per als immigrants il·legals. [25]

Vicepresident dels Estats Units d'Amèrica

Propaganda electoral de Nixon i Eisenhower

Amb només trenta-nou anys d'edat, el juliol de 1952 , va ser escollit pel Partit Republicà com a candidat a vicepresident al costat de Dwight Eisenhower . [26] L'elecció no va estar exempta de controvèrsia: el setembre del mateix any el New York Post va publicar un article, segons el qual alguns finançadors de la campanya electoral havien creat un fons secret per a les despeses personals de Nixon.

Però es va defensar enèrgicament. Va fer una auditoria independent que va demostrar que la notícia era infundada. El més important, va aparèixer a la televisió el 23 de setembre de 1952 per respondre directament a les acusacions, amb un discurs apassionat i retòric, que va passar a la història com el "discurs de Dames" i que va augmentar molt la seva popularitat. [27] [28] A les eleccions presidencials de 1952, Eisenhower i Nixon van ser elegits president i vicepresident dels Estats Units d'Amèrica , respectivament, superant els seus competidors per set milions de vots. [27]

Nixon va donar al càrrec de vicepresident més protagonisme que en el passat [27] , fent el seu paper de manera incisiva i consolidant la seva talla de polític nacional i internacional. En aquest context, van ser especialment importants els nombrosos viatges a l’estranger fets amb la seva dona per recolzar el suport a la política dels Estats Units d’Amèrica durant la Guerra Freda . Entre aquests, cal esmentar la visita a la Unió Soviètica el 1959 per a la inauguració de l'Exposició Nacional Americana a Moscou : el 24 de juliol, recorrent la fira amb la secretària general soviètica Nikita Khrushchev , els dos es van aturar al model d'una cuina americana i van comprometre, de manera improvisada, el famós " debat a la cuina " sobre els mèrits del capitalisme enfront del comunisme , i viceversa. [27] La majoria dels nord-americans creien que Nixon havia guanyat el debat augmentant el seu prestigi intern. [29]

El debat va tenir lloc durant un període de creixent tensió de la Guerra Freda , que va començar amb el llançament de l’ Sputnik el 1957 i va continuar amb la crisi de l’ U-2 el 1960 , [29] i es va enregistrar en una cinta de vídeo en color, una nova tecnologia, Els Estats Units d'Amèrica van ser pioners. Nixon no va deixar de destacar-lo com un dels molts avenços tecnològics nord-americans [29] i va presumir d'altres èxits de l'estil de vida americà, com rentavaixelles , tallagespes , supermercats plens d'articles de queviures, Cadillacs convertibles, colors de maquillatge, llapis de llavis , taló alt sabates, aparells d' alta definició , pastissos variats, menjars preparats (els anomenats sopars de TV ) i Pepsi-Cola . [29] Va ser l'èmfasi de Nixon en els electrodomèstics americans el que va ajudar a donar a l'esdeveniment el títol de "debat de cuina". [29]

Tots dos polítics van presentar arguments a favor de les conquestes industrials del seu país. Khrusxov va emfatitzar el focus dels soviètics en "les coses que importen" en lloc del luxe, i va preguntar amb sarcasme si hi havia una màquina que "us posés menjar a la boca i la tirés cap avall". Nixon va respondre que almenys la competència era més tecnològica que militar. Finalment, tots dos van acordar que els Estats Units d'Amèrica i la Unió Soviètica havien d'haver estat més oberts l'un a l'altre: no obstant això, Khrusxov era escèptic respecte a la promesa de Nixon que la seva part en el debat seria traduïda a l'anglès i difosa als Estats Units de. Amèrica. [29]

Derrota a les eleccions presidencials contra Kennedy

Al final del segon mandat d'Eisenhower, Nixon es presentà a la presidència, però a les eleccions del 1960 fou derrotat pel candidat demòcrata John Fitzgerald Kennedy . Es tracta de debatre si els anys seixanta van ser les primeres eleccions presidencials dels Estats Units que va decidir la televisió. L’enfrontament televisiu Kennedy-Nixon, que va enfrontar els dos contendents pocs dies abans de l’obertura de les urnes, va ser el primer debat presidencial que es va emetre per televisió i es considera un punt d’inflexió en la comunicació política: el moment en què el mitjà televisiu assumeix un paper decisiu i la imatge televisiva esdevé de capital importància per a la política.

Kennedy va ser considerat per unanimitat el guanyador de l'enfrontament, tot i que els observadors havien considerat els dos essencialment iguals en termes d'oratòria. Kennedy va aconseguir imposar-se perquè era més telegènic, captivador i segur de si mateix, mentre que Nixon, que no volia recórrer a maquilladors, va ser penalitzat per l'estat de salut subòptim, a causa de setmanes d'hospitalització per una fractura, que el feia pàl·lid, amb poc pes i maldestre en un vestit massa gran [30] . Gran part del mèrit de l’èxit de Kennedy encara s’ha d’acreditar, així com posteriorment, a la contribució d’un dels seus col·laboradors més propers, Arthur Schlesinger Jr. , autor dels discursos de Kennedy, anomenat The New Frontier , inspirat en el pensament de Gaetano Salvemini [ 31] [32] .

Derrota electoral a Califòrnia i retirada temporal

El 1962 es va presentar al governador de Califòrnia , però només va obtenir el 46,87% dels vots i va ser derrotat per poc menys de 300.000 vots pel candidat demòcrata Pat Brown . Destacat per la cara i difícil campanya electoral, presa de la desesperació per la resposta de les urnes després que els principals enquestadors li haguessin concedit la victòria, Nixon va decidir deixar la política:

"A partir d'ara ja no tindràs un Richard Nixon per donar una puntada ... aquesta serà la meva última roda de premsa ..."

( Sentència dirigida per Richard Nixon als periodistes durant la conferència de premsa que anunciava la seva retirada de la vida política després de la seva derrota a les eleccions de 1962 per al càrrec de governador de Califòrnia [27] . )

La "promesa electoral" del 1968

Nixon a Filadèlfia durant la campanya electoral, juliol de 1968
Ronald Reagan i la seva esposa Nancy amb Nixon i la primera dama Pat Nixon , juliol de 1970

Superada la temptació d'abandonar la política, amb motiu de les eleccions presidencials del 1968, Nixon va aconseguir tornar al protagonista de l'escena política, obtenint la nominació al seu partit. El llavors president, el demòcrata Lyndon B. Johnson , que va succeir Kennedy després del seuassassinat el 1963 , va evitar presentar-se a la presidència mentre tenia un fort avantatge a les urnes, per tal de dedicar-se completament a les negociacions en curs per la pacificació de Vietnam . El retorn i l'èxit de Nixon entre els republicans es poden atribuir parcialment a una greu confusió política, agreujada per l'assassinat de Robert Kennedy poc abans de la seva probable victòria final a les primàries del Partit Demòcrata el juny del 1968. [33]

Durant la campanya electoral, Nixon va apel·lar a allò que va anomenar la " majoria silenciosa " (una expressió que sovint feia servir) dels nord-americans conservadors a qui no els agradava la contracultura hippie i les manifestacions contra la guerra del Vietnam. [34] [35] Nixon va prometre a l'electorat una "pau amb honor" i, tot i que mai va afirmar explícitament que podia guanyar la guerra, va dir que la nova administració acabaria amb el conflicte i aconseguiria la pau al Pacífic (el nou lideratge posarà fi a la guerra i guanyar la pau al Pacífic ). No va explicar detalladament el seu pla, cosa que va portar el candidat demòcrata Hubert Humphrey a declarar que Nixon havia de tenir algun "pla secret".

En realitat, Nixon mai no va utilitzar el terme "pla secret": no obstant això, les paraules de Humphrey el van burlar i, sense negar-se, es van convertir en el tema central de la campanya electoral. [34] [36] Nixon va derrotar a Humphrey per un marge inferior a l'1% en el vot popular. Alguns diaris titulaven: "La major resurrecció des de l'època de Llàtzer ", [37] però els crítics el van acusar d'haver establert hàbilment la campanya electoral en l'elusiu "pla secret" de posar fi a la guerra, impedint al mateix temps les negociacions de Johnson. , considerat "deshonorable". [37]

La Presidència

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Presidència de Richard Nixon i Doctrina Nixon .
Cerimònia inaugural de Richard Nixon (20 de gener de 1969)

"Aquesta nit me'n direc, gran silenciosa majoria dels meus compatriotes nord-americans, i us demano el vostre suport ..."

( Richard Nixon en el seu discurs a la nació pronunciat el 3 de novembre de 1969 per defensar la seva política al Vietnam [38] ) .
Richard Nixon amb Hirohito ( 1971 )

Nixon, juntament amb l'assessor de seguretat nacional i posteriorment secretari d'Estat Henry Kissinger , van donar un gir a la política exterior nord-americana, encara centrada en la doctrina Truman i en un món estrictament bipolar. Es van convertir en els portadors d’una realpolitik , segons la qual els EUA intervindrien amb accions militars només si els interessos nord-americans estaven realment en joc. Combinaven la interferència estratègica en els assumptes interns de nombrosos països, especialment a l’ Amèrica Llatina , en el context de la guerra freda contra l’URSS i el comunisme, amb innovadores polítiques de distensió i diàleg amb altres potències mundials ( Unió Soviètica i Xina ).

"Podeu treballar amb Nixon"

( Brejnev al Buró Polític després de la visita de Nixon a Moscou el 1972 [39] )

Entre els esdeveniments més importants de la seva presidència hi ha [40] :

  • La retirada gradual de la guerra del Vietnam . La desvinculació nord-americana d'Andoxina, sancionada pels acords de París del gener de 1973, va arribar només després d'una sèrie d'iniciatives polèmiques i agressives de Nixon: "bombardeigs secrets" a Cambodja i Laos (a partir del novembre de 1969), incursions terrestres a Cambodja a la recerca dels presumptes seu de les forces comunistes insurgents (maig de 1970), represa dels bombardejos indiscriminats contra Vietnam del Nord (maig i desembre de 1972). Aquestes iniciatives van provocar una violenta polèmica a la premsa, van atreure fortes crítiques a la feina del president i van provocar protestes importants, especialment per part dels estudiants de les universitats nord-americanes.
Nixon i alguns senadors, el dia que comença el mandat presidencial

Nixon també va guanyar fàcilment les eleccions del 7 de novembre de 1972 , que el van oposar a George McGovern , un candidat progressista , gairebé a la vora del socialisme , que, des del punt de vista americà, es podria definir com una esquerra radical . Nixon es va imposar a l'oponent demòcrata amb una diferència de gairebé el 24% en la votació popular, el quart marge més alt de la història de les eleccions presidencials nord-americanes. [37]

Nixon amb Elvis Presley , desembre de 1970
Els pacifistes protesten contra Nixon per la guerra del Vietnam , Milà, 1972; la lletra X del seu nom es va transformar en aquestes manifestacions en l' esvàstica

Mentrestant, les protestes dels pacifistes continuaven: el dia de Nadal de 1972, un jesuïta americà, Philip Berrigan, al capdavant d’alguns manifestants contra la guerra del Vietnam, va representar una obra de moral davant la Casa Blanca, assignant al president Nixon el paper d’ Herodes . [43]

En el seu segon mandat, Nixon va ordenar un pont aeri per reposar les pèrdues israelianes a la guerra de Yom Kippur , cosa que va provocar un reinici del procés de pau a l'Orient Mitjà.

Durant la presidència de Nixon, el Tribunal Suprem va dictar les sentències que, a nivell federal, van legalitzar l' avortament ( Roe contra Wade , 1973) i van suspendre la pena de mort durant 4 anys, commutant moltes sentències ( Furman contra Geòrgia , 1972). [44] Nixon va ser el primer president dels Estats Units a visitar Israel el 1974 .

La visita a la Xina

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: la visita de 1972 de Nixon a la Xina .

Dagli anni sessanta la Cina aveva dovuto riconoscere il fallimento del tentativo di minare l'autorità sovietica all'interno del movimento socialista, mentre la Rivoluzione culturale aveva inferto un duro colpo alla credibilità internazionale del governo di Pechino, decretando un pericoloso isolamento. Dal punto di vista cinese, inoltre, gli Stati Uniti avevano cessato di essere la minaccia di un tempo in seguito all'andamento della guerra del Vietnam e alla crisi del dollaro . Di conseguenza, la dirigenza cinese ritenne opportuno riavvicinarsi agli americani.

Dal canto loro gli USA erano intenzionati a ricostruire le relazioni tra i due Paesi (interrottesi nel 1949 ), soprattutto in chiave di contenimento anti-sovietico. La Cina inoltre rappresentava un ottimo sbocco di mercato. Nel 1967 Nixon scriveva che era "del tutto impossibile lasciare la Cina fuori dalla comunità delle nazioni". [45]

Richard Nixon con Mao Zedong

Il riavvicinamento tra i due Paesi avvenne in maniera graduale: nell'estate del 1969 il governo di Washington decise di eliminare alcune restrizioni commerciali; nel 1971 la squadra americana di tennis tavolo fu invitata a partecipare ad un torneo in Cina, dando inizio alla cosiddetta " diplomazia del ping pong ". [45] La visita di Nixon fu preparata dagli incontri segreti di Henry Kissinger , avvenuti tra il 9 e l'11 luglio del 1971 , dopo i viaggi in Pakistan . [45] Il viaggio di Nixon ebbe luogo tra il 21 febbraio e il 28 febbraio 1972, visitando le città di Pechino , Hangzhou e Shanghai . Appena arrivato, Nixon incontrò subito Mao Zedong .

Il segretario di Stato William P. Rogers venne escluso dal viaggio e l'unico statunitense presente, oltre al presidente, era Winston Lord , membro del National Security Council , che fu poi nominato ambasciatore degli Stati Uniti in Cina. Per non creare ulteriori imbarazzi a Rogers, Lord non comparve in nessuna foto ufficiale. [46] Nixon tenne molti incontri anche con Zhou Enlai , grande diplomatico e capo del governo cinese. Al termine del viaggio co-firmò il comunicato di Shanghai , un documento di politica estera che ha posto le basi per le relazioni bilaterali sino-americane. Gli Stati Uniti abbandonarono di conseguenza il loro sostegno militare a Taiwan e la "politica delle due Cine". [45]

La pace con il Vietnam del Nord

«Ho concluso un accordo per porre fine alla guerra e portare una pace onorevole nel Vietnam e nel Sud-Est asiatico.»

( Discorso di Nixon dopo la firma degli accordi di pace )

Il 27 gennaio 1973 i rappresentanti degli Stati Uniti, del Vietnam del Nord , del Vietnam del Sud ei vietcong , tramite i rappresentanti del loro governo nella Repubblica del Sud Vietnam , firmarono il cessate il fuoco , i cosiddetti accordi di pace di Parigi . L' armistizio non fu un patto tra vincitori e vinti e lasciò aperte molte questioni, che provocarono il riaccendersi dei conflitti nella regione, con la successiva caduta del Vietnam del Sud e la riunificazione dei due Stati in unico Vietnam nel 1975.

Considerato il prezzo pagato - Vietnam del Nord e vietcong dal 1969 avevano perso mezzo milione di uomini - l'accordo non fu trionfale per i dirigenti comunisti. Tuttavia fu considerato un passo importante sulla strada della riunificazione del paese. Il maggior successo di Hanoi fu il ritiro di tutti i soldati statunitensi: per la prima volta, dopo oltre cent'anni di dominazione francese e di presenza armata statunitense, il Vietnam era libero da truppe straniere. L'accordo legittimò i 140.000 nordvietnamiti nel Sud e riconobbe di fatto il Governo nazionale rivoluzionario del Fln . Thieu e il suo regime si sentirono abbandonati dagli Stati Uniti, anche perché Saigon era stata coinvolta solo marginalmente nelle trattative.

Nixon dichiarò al popolo americano che era stato raggiunto l'accordo per il ritiro delle truppe americane e la restituzione dei prigionieri di guerra. Washington sapeva che l'armistizio era gravato da alcuni rilevanti problemi, come la presenza di truppe nordvietnamite nel Vietnam del Sud. Inoltre l'estensione del conflitto alla Cambogia e al Laos, voluta da Nixon, aveva fatto precipitare questi Paesi nel vortice della violenza e della guerra. Il vero successo di Nixon e Kissinger fu tuttavia quello di aver trovato una strada per far uscire gli Stati Uniti dalla giungla vietnamita, in una guerra che non avrebbero potuto vincere. [47] Kissinger si sentì sollevato dall'idea di aver procurato agli Stati Uniti un adeguato margine di tempo fra l'armistizio e quello che riteneva l'inevitabile crollo del Vietnam del Sud: a chi gli chiese per quanto tempo Saigon potesse reggere, rispose: "Credo che, se avremo fortuna, potranno farcela ancora per un anno e mezzo". [48]

L'Amministrazione Nixon e l'Operazione Condor

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Golpe cileno del 1973 e Operazione Condor .

È controverso il ruolo giocato da Nixon e dal suo governo nel fomentare colpi di Stato anticomunisti contro governi democraticamente eletti nei Paesi dell'America latina, la cosiddetta Operazione Condor . In realtà l'Amministrazione Nixon sostanzialmente riprese la politica estera dei precedenti presidenti, compreso Kennedy con l' invasione della baia dei Porci contro la Cuba di Fidel Castro . [49]

Il socialista cileno Salvador Allende , amico di Fidel Castro, fu considerato l'avanguardia per l'instaurazione di una nuova "base sovietica" nell'emisfero occidentale. Nixon evocò l'immagine di un "sandwich rosso", formato da Cuba e Cile, che avrebbe prima o poi reso rosso tutto il continente in una morsa stretta attorno agli Stati Uniti. [49] Il Segretario di Stato Kissinger affermò:

«Non vedo perché dovremmo restare con le mani in mano a guardare mentre un Paese diventa comunista a causa dell'irresponsabilità del suo popolo. La questione è troppo importante perché gli elettori cileni possano essere lasciati a decidere da soli.»

( Henry Kissinger a proposito dell'elezione di Salvador Allende a Presidente del Cile [50] )

Mentre l'ostilità del governo statunitense nei confronti del governo Allende non è messa in discussione, il ruolo degli Stati Uniti nei diversi progetti di colpo di Stato in Cile rimane una questione controversa. Un loro coinvolgimento diretto non è né dimostrato né contraddetto dai documenti resi pubblici, mentre molti altri potenzialmente rilevanti rimangono tuttora coperti da segreto . Documenti pubblicati nel 2004 dimostrano il sostegno fornito dal governo USA [41] . Riguardo all'ascesa al potere di Pinochet, la CIA intraprese un'analisi interna esaustiva e intervistò ex agenti, concludendo in un rapporto del 2000 che l'agenzia "non assistette Pinochet nell'assumere la Presidenza" [51] .

La CIA fornì fondi e appoggio propagandistico agli oppositori di Allende durante le elezioni presidenziali in Cile del 1964 e del 1970 , così come durante la presidenza. [49] Documenti declassificati durante l' Amministrazione Clinton dimostrano che il governo degli Stati Uniti e la CIA , una volta divenuto chiaro nel settembre 1970 che Allende aveva vinto con la maggioranza relativa dei voti, avevano cercato di rovesciarlo già dopo la sua elezione, impedendone l'insediamento alla Presidenza ( Progetto FUBELT [52] ). Uno dei documenti desecretati riguarda gli appunti di Nixon che, rivolto al capo della CIA, espresse la sua preoccupazione: «Una possibilità su dieci forse, ma salvate il Cile». [53]

La CIA propose due piani diversi. Track I era pensato per persuadere il Congresso cileno, attraverso il presidente cristiano-democratico uscente Eduardo Frei , a confermare il candidato conservatore Jorge Alessandri come presidente. Alessandri si sarebbe dovuto dimettere poco dopo, rendendo Frei eleggibile per sfidare Allende in nuove elezioni. Il Track I venne scartato perché Frei, nonostante fosse fermamente contrario ad Allende, era anche contrario a interrompere la lunga tradizione democratica del Cile. La CIA aveva anche previsto un secondo piano, Track II , nel caso Track I fosse fallito: l'agenzia avrebbe cercato generali desiderosi di impedire ad Allende di assumere la presidenza, per fornir loro supporto per un golpe.

Si presumeva che una giunta militare provvisoria avrebbe potuto indire nuove elezioni, nelle quali Allende poteva essere sconfitto. [49] La CIA venne in contatto con il generale Roberto Viaux, che stava progettando un colpo di Stato assieme a ufficiali a lui fedeli. Una parte importante del piano di Viaux prevedeva il rapimento del Capo di Stato Maggiore dell'esercito, il generale René Schneider , il quale, da costituzionalista, si opponeva all'idea di un golpe condotto da una classe militare storicamente apolitica. [49]

La CIA mantenne i contatti con Viaux, ma concluse che non era adatto per il golpe [54] e decise di non appoggiare il suo piano. Kissinger, riferendosi a Viaux, disse a Nixon il 15 ottobre 1970: "Questa sembra senza speranza. L'ho abbandonata. Niente sarebbe peggio di un colpo fallito". La CIA cercò altri interlocutori tra gli ufficiali superiori cileni. In una comunicazione riservata, ora declassificata, Thomas Karamessines, vicedirettore delle operazioni della CIA, scriveva il 16 ottobre alla stazione della CIA di Santiago : "È politica ferma e in atto che Allende venga rovesciato da un golpe... è imperativo che queste operazioni vengano intraprese clandestinamente e in sicurezza, in modo tale che la mano americana e dell'USG [governo degli Stati Uniti] rimanga ben nascosta" [55] . Nella raccolta di oltre mille documenti prodotti da varie agenzie governative statunitensi e divulgati dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nell'ottobre 1999, ne figura uno che descrive un notevole aumento della cooperazione militare statunitense: dopo la salita al potere di Allende nel 1970, essa ammontava a 800.000 dollari annui, per giungere a 10,2 milioni di dollari nel 1972.

Il 22 ottobre Viaux mise in atto comunque il suo piano, che fu eseguito con incompetenza. Il generale Schneider estrasse una rivoltella per difendersi dagli assalitori, che a loro volta estrassero le loro armi colpendolo in quattro punti vitali. Morì all'ospedale militare di Santiago del Cile e la sua uccisione provocò un'ondata di sdegno nazionale. Il 10 settembre 2001 la famiglia del generale Schneider intentò una causa contro Henry Kissinger, accusato di aver organizzato l'assassinio di Schneider perché si opponeva al colpo di Stato militare [56] . I documenti della CIA disponibili indicano che l'agenzia aveva discusso possibili piani per il suo rapimento, ma la sua uccisione non fu mai prevista.

Immediatamente dopo l'insediamento del governo Allende, gli USA cercarono di applicare pressioni economiche sul Cile. Documenti del Consiglio Nazionale per la Sicurezza, declassificati dalla presidenza Clinton [57] , comprendono il Decision memorandum no. 93 , datato 9 novembre 1970 , scritto da Kissinger e indirizzato ai capi della diplomazia, della difesa e dell' intelligence . Nel documento si dichiara che pressione doveva essere posta sul governo Allende per impedirne il consolidamento e limitarne la capacità di implementare politiche avverse agli USA e ai suoi interessi nell'emisfero, come la completa nazionalizzazione di imprese straniere e dell'industria del rame.

Nixon dispose che nessun nuovo accordo bilaterale per aiuti economici doveva essere intrapreso con il governo del Cile [58] . Tra il 1964 e il 1970 , sotto il governo Frei, oltre un miliardo di dollari in assistenza economica fluì verso il Cile; durante il governo Allende (1970-73) gli esborsi furono inesistenti o trascurabili [59] . La riduzione degli aiuti, combinata alla caduta del valore del rame da un massimo nel 1970 di 66$ a un minimo di 48$ a tonnellata, minò la ristrutturazione dell'economia cilena proposta da Allende, secondo un programma che dipendeva dalla spesa pubblica, peggiorando la condizione socio-economica dei cittadini cileni più poveri. Non è chiaro se le politiche statunitensi nei confronti del Cile causarono la crisi economica o aggravarono semplicemente una situazione già difficile. È realistico concludere che ebbero un effetto negativo sulle possibilità di Allende di alleviare la crisi. [49]

Nixon con i membri del gabinetto presidenziale
Nixon, Kissinger , Gerald Ford e il capo dello staff Alexander Haig

Nel 1973 la CIA fu avvisata da suoi informatori dell'imminente azione di Augusto Pinochet con due giorni di anticipo, ma sostenne di "non aver giocato alcun ruolo diretto" e non si dispone di prove che gli USA appoggiarono direttamente il golpe dell'11 settembre 1973. Henry Kissinger disse al presidente Richard Nixon che gli Stati Uniti "non lo avevano fatto", ma ne avevano "creato le condizioni il più possibile" [60] .

Il Comitato Church determinò che le armi usate durante il golpe "erano, con tutta probabilità, diverse da quelle fornite dalla CIA ai cospiratori". [49] L'Amministrazione Nixon fu indubbiamente soddisfatta del suo esito: Nixon aveva parlato con disappunto del precedente golpe fallito nello stesso anno (il tanquetazo ). Se Allende fosse riuscito a completare il suo mandato di 6 anni, la CIA avrebbe probabilmente e semplicemente fornito fondi per appoggiare la candidatura di un rivale non marxista, come aveva fatto nel 1964 e nel 1970.

Gli USA criticavano pubblicamente il regime di Pinochet, mentre gli fornivano copertamente supporto. [49] Un documento reso pubblico dalla CIA nel 2000, intitolato Le attività della CIA in Cile , rivela che l'agenzia appoggiò attivamente la giunta militare dopo il rovesciamento di Allende e che molti degli ufficiali di Pinochet divennero informatori a libro paga della CIA o dell'esercito statunitense, anche quelli coinvolti in violazioni dei diritti umani [61] . Le politiche dichiarate della CIA rispetto agli informatori retribuiti sono poi cambiate, ma all'epoca essi venivano valutati caso per caso, soprattutto rispetto al valore delle informazioni fornite. [49]

Il colpo di Stato, indipendentemente dal grado di coinvolgimento degli USA, fece raggiungere al governo statunitense l'obiettivo di sradicare la minaccia del socialismo in Cile e portò al potere un regime favorevole agli interessi statunitensi. Nella sua valutazione della politica estera USA attorno al periodo del golpe in Cile, Jeane Kirkpatrick , futura ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite , sottolineò la mancanza di aggressività della sua nazione nei paesi in via di sviluppo : "Particolarmente nell'ultimo decennio abbiamo praticato ovunque un notevole attendismo" [62] .

Mentre questo è vero per le politiche pubbliche degli USA, gravemente limitate dal movimento che era cresciuto in opposizione alla guerra del Vietnam , cionondimeno come minimo le politiche statunitensi contribuirono alla caduta di Allende e all'instaurazione della dittatura militare e gli USA in alcuni momenti appoggiarono attivamente la progettazione di colpi di Stato, anche se probabilmente non quello di Pinochet. [62] Henry Kissinger affermò che queste azioni devono essere inquadrate nella particolare situazione di tensione della guerra fredda contro l' Unione Sovietica ei suoi alleati, che era ricominciata dopo la distensione del 1954-1962. [49]

Lo scandalo Watergate e le dimissioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Scandalo Watergate .

Abile quanto intemperante di carattere (anche a causa dell'atteggiamento ostile della stampa nei suoi confronti), nel 1974 Nixon fu coinvolto nello scandalo Watergate e costretto a dimettersi.

Il Watergate fu una serie di eventi che durò circa due anni (1972-1974) e che era iniziato con un abuso di potere da parte dell'Amministrazione Nixon finalizzato a indebolire l'opposizione politica dei movimenti pacifisti e del Partito democratico. [63] Lo scandalo si sviluppò nel contesto politico del proseguimento della guerra del Vietnam, che sin dalla presidenza di Lyndon B. Johnson era sempre più impopolare fra il pubblico americano e le élite economiche.

Importanti atti d'accusa furono le "carte del Pentagono" ( Pentagon papers ), uno studio top-secret del Dipartimento della Difesa sul coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam e sui precedenti conflitti politici o militari nel Sud-Est asiatico, alla vigilia della fine dell'occupazione coloniale francese in Indocina. [63] Nixon resse a due anni di montanti difficoltà politiche, ottenendo all'inizio persino la rielezione, ma la pubblicazione nell'agosto 1974 del nastro noto come "la pistola fumante" ( smoking gun ) portò con sé la prospettiva di un sicuro impeachment (rimozione). Nixon diede le dimissioni quattro giorni dopo, l'8 agosto, [63] prima che la Camera dei Rappresentanti desse via libera alla procedura.

Nixon annuncia il rilascio delle trascrizioni dei nastri dello scandalo Watergate

La notte del 17 giugno 1972 Frank Wills, una guardia di sicurezza che lavorava nel complesso di uffici del Watergate Hotel a Washington, notò un pezzo di nastro adesivo sulla porta fra il pozzo delle scale e il parcheggio sotterraneo, che manteneva la porta socchiusa. Wills lo rimosse, presumendo che l'avesse messo l'impresa di pulizia. Più tardi ritornò e, scoprendo che il nastro era di nuovo al suo posto, contattò la polizia di Washington. [63]

La polizia sorprese cinque uomini - Bernard Barker, Virgilio González, Eugenio Martínez, James W. McCord Jr. e Frank Sturgis - e li arrestò per essersi introdotti nel quartier generale del Comitato nazionale democratico, la principale organizzazione per la campagna e la raccolta fondi del Partito democratico.

Gli uomini erano già entrati nello stesso ufficio tre settimane prima ed erano tornati per riparare alcune microspie telefoniche che non funzionavano e, secondo alcuni, per fare delle fotografie. [63] McCord era ufficialmente impiegato come capo della sicurezza al Comitato per rieleggere il presidente (CRP), al quale ci si riferiva comunemente come CREEP ("avanzare strisciando"), particolare che suggerì una connessione fra gli scassinatori e qualcuno vicino al presidente. [63]

L'addetto stampa di Nixon - Ron Ziegler - definì l'affare come un "furto di terz'ordine". Sebbene lo scasso fosse avvenuto in un momento sensibile, con la campagna elettorale che appariva all'orizzonte, molti americani inizialmente ritennero che nessun presidente col vantaggio che Nixon aveva nei sondaggi sarebbe stato così sconsiderato e privo di etica da rischiare la sua associazione ad un fattaccio del genere. Messo sotto accusa, lo scassinatore McCord si identificò come un agente della CIA in pensione. [63]

I reporter del Washington Post Bob Woodward e Carl Bernstein iniziarono un'inchiesta giornalistica. Molto di quello che pubblicavano era già noto al Federal Bureau of Investigation e ad altri investigatori governativi - che del resto erano spesso le fonti di Woodward e Bernstein - ma in tal modo il Watergate si mantenne sotto la luce dei riflettori. Il rapporto di Woodward con una fonte segreta governativa di altissimo livello aggiungeva un alone di mistero. Il nome in codice della fonte era "Gola profonda" (dal titolo di un film pornografico dello stesso anno che aveva avuto un successo clamoroso) e la sua identità (quella del vicedirettore dell'FBI, Mark Felt [64] ) fu tenuta nascosta al pubblico. [63]

Sembra che l'effrazione al Watergate rientrasse nelle operazioni abitualmente previste e messe in atto dai dirigenti del Comitato per la rielezione del Presidente per intralciare, anche con azioni illegali, gli avversari di Nixon; essa sarebbe stata autorizzata, durante degli incontri nel febbraio 1972, dal presidente del Comitato John Mitchell e dal suo vice Jeb Magruder [65] . Alla Casa Bianca, il consigliere legale del Presidente, John Dean , era stato informato, ma sembra che Nixon non ne fosse personalmente a conoscenza. Egli venne informato nei giorni seguenti e il 20 giugno 1972 ne parlò telefonicamente con Mitchell e di persona con i suoi principali collaboratori HR Haldeman e John Ehrlichman . Questa cruciale conversazione venne registrata dal sistema segreto di registrazione installato nella Casa Bianca, ma il nastro risultò in parte manomesso e mancante di diciotto minuti di colloqui tra il presidente e Haldeman; non è possibile quindi sapere con certezza cosa si dissero i due nel corso della riunione [66] . Dagli appunti riservati compilati da Haldeman risulterebbe che nell'incontro del 20 giugno 1972 si parlò soprattutto delle misure da prendere per minimizzare i fatti, distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica e "creare una diversione" [67] .

Il pomeriggio del 22 giugno 1972 Nixon rilasciò la sua prima dichiarazione pubblica sui fatti del Watergate: durante una conferenza stampa affermò categoricamente che "la Casa Bianca non è minimamente coinvolta in questo particolare episodio" [68] . In realtà, il presidente il giorno seguente venne messo in allarme sulle possibili conseguenze delle indagini nel corso di un colloquio riservato con il suo influente capo di gabinetto Bob Haldeman [66] . Il 23 giugno 1972, infatti, si svolse e venne registrata la famosa conversazione tra i due uomini che alla fine della vicenda sarebbe stata divulgata come la "prova regina ( smoking gun , "pistola fumante") della responsabilità diretta di Nixon nel piano di copertura e ostruzione della giustizia attivato dalla Casa Bianca subito dopo l'effrazione.

Nella conversazione Haldeman avvertiva il presidente che l'indagine stava facendo progressi pericolosi che avrebbero potuto coinvolgere prima il Comitato per la rielezione e il suo direttore John Newton Mitchell e quindi la stessa Casa Bianca; il capo di gabinetto riferì che Mitchell e il consigliere legale dell'esecutivo, John Dean , proponevano un intervento diretto sull'FBI per richiedere, sulla base di non meglio precisate esigenza di "sicurezza nazionale", di limitare le indagine alla cerchia ristretta dei responsabili materiali dell'effrazione [69] . Haldeman propose a Nixon di contattare la CIA, che a sua volta avrebbe dovuto intervenire sul direttore dell'FBI L. Patrick Gray invitandolo a bloccare le indagini [70] . Dalle registrazioni si evince che Nixon concordò con Haldeman e autorizzò il piano di insabbiamento e l'intervento sull'FBI tramite la CIA, affermando oscuramente che "potrebbero venir fuori un sacco di cose"...."togli quella crosta e trovi un casino di cose" [71] .

Inoltre la Casa Bianca, nel 1971, aveva fondato un'unità speciale di investigazione soprannominata "gli idraulici" ( the plumbers ). Questo gruppo investigava sulle fughe di notizie che l'Amministrazione voleva tenere riservate e portò avanti diverse operazioni contro i Democratici e gli oppositori alla guerra in Vietnam. La più famosa fu l'irruzione nell'ufficio di Lewis Fielding, lo psichiatra di Daniel Ellsberg , un ex impiegato del Pentagono e del Dipartimento di Stato che aveva inoltrato le "carte del Pentagono" al New York Times ed era stato perseguito per spionaggio, furto e cospirazione. Due membri del gruppo mandati sul posto, E. Howard Hunt e G. Gordon Liddy, non trovarono niente di utile contro Ellsberg e devastarono l'ufficio per coprire le proprie tracce. L'irruzione fu collegata con la Casa Bianca solo molto tempo dopo, ma al momento causò il collasso del processo di Ellsberg per evidente cattiva amministrazione del governo. [63]

Nixon saluta i suoi sostenitori e lascia la Casa Bianca il 9 agosto 1974 [72]

L'8 gennaio 1973 iniziò il processo contro i cinque scassinatori, oltre a Liddy e Hunt. Tutti eccetto McCord e Liddy si dichiararono colpevoli e tutti furono condannati per cospirazione, furto con scasso e intercettazioni telefoniche abusive. Il sistema di copertura studiato e attivato dai collaboratori del presidente con la piena approvazione di Nixon crollò nella primavera del 1973: dopo le prime ammissioni del direttore dell'FBI Gray, che affermò di aver collaborato con John Dean per occultare alcuni documenti rinvenuti nell'ufficio di Hunt, furono McCord e Jeb Magruder che rivelarono per la prima volta come il piano di intercettazioni del Watergate derivasse direttamente da disposizioni provenienti da alte autorità della Casa Bianca; essi fecero i nomi di Mitchell, Dean e Colson. Magruder, inoltre, rese noti i primi particolari del piano di copertura studiato dall'Amministrazione che, sotto il controllo di Dean, aveva previsto il pagamento in denaro del silenzio di Hunt e degli altri scassinatori.

Il 21 marzo 1973 John Dean parlò direttamente con Nixon e illustrò con grande chiarezza la gravità della situazione: egli disse che "un cancro sta divorando ogni cosa" nella presidenza...un cancro che "stava crescendo rapidamente". Il piano di insabbiamento stava per essere svelato e rischiava di coinvolgere il presidente; Dean consigliava di interrompere il pagamento del silenzio ad Hunt e agli altri e di distaccare la presidenza dal caso Watergate, accettando che fossero coinvolti e giudicati Haldeman, Ehrlichman ed egli stesso [73] . Nixon non parve molto impressionato; egli invece insistette perché si continuasse a pagare Hunt e disse che si sarebbe potuto trovare in qualche modo il denaro necessario, che Dean calcolò in circa un milione di dollari per due anni. Apparentemente Nixon contava di far ricadere la colpa dell'insabbiamento sul solo Dean e di proteggere Haldeman e Ehrlichman [74] .

Il senatore repubblicano Howard Baker del Tennessee formulò la memorabile domanda "Cosa sapeva il presidente e quando venne a saperlo?", che per la prima volta focalizzò l'attenzione sul ruolo personale di Nixon nello scandalo.

Quando i nastri della Casa Bianca divennero pubblici, Nixon rifiutò di essere messo sotto accusa e di consegnare i nastri originali, appellandosi al privilegio dell'esecutivo, e ordinò a Cox, attraverso il ministro della giustizia Richardson, di lasciar cadere la sua citazione in giudizio. Il rifiuto di Cox portò al cosiddetto "massacro del sabato sera" del 20 ottobre 1973: Nixon obbligò alle dimissioni il procuratore generale Richardson e il suo vice William Ruckelshaus, in cerca di qualcuno al Dipartimento di giustizia disposto a licenziare Cox. La ricerca finì con l'avvocato generale Robert Bork, che fece quanto gli era stato chiesto e licenziò il procuratore speciale Cox. Le asserzioni di malfunzionamento del governo indussero Nixon a pronunciare la famosa frase "Non sono un imbroglione" ( I'm not a crook ) il 17 novembre di fronte a 400 editori dell'Associated Press riuniti al Walt Disney World Resort in Florida . [63]

Nixon, comunque, dovette permettere l'insediamento di un nuovo procuratore speciale, Leon Jaworski, che continuò l'indagine. Mentre si ostinava a rifiutare di consegnare i nastri originali, Nixon acconsentì a rilasciare un gran numero di loro trascrizioni. La questione dei nastri alla fine arrivò alla Corte Suprema . Il 24 luglio 1974 la Corte dichiarò inammissibile all'unanimità la pretesa di Nixon di appellarsi al privilegio dell'esecutivo e gli ordinò di consegnare i nastri originali a Jaworski. Il 30 luglio Nixon eseguì l'ordine e rilasciò i nastri incriminati. [63]

Il Congresso fu convocato per votare l' impeachment , ma, prima che potesse essere messo in stato d'accusa e poi destituito, Nixon rassegnò le dimissioni in un discorso in cui rivendicò il suo operato come presidente. [63] Dimettendosi l'8 agosto 1974 , senza tuttavia ammettere le sue responsabilità, Nixon intendeva sottrarsi al procedimento di impeachment . [63] .

«Non sono mai stato uno che molla. Lasciare il mio incarico prima della fine del mandato è qualcosa che mi ripugna, ma come presidente devo mettere davanti a tutto gli interessi del Paese. (...) Continuare la mia battaglia personale nei mesi a venire per difendermi dalle accuse assorbirebbe quasi totalmente il tempo e l'attenzione sia del presidente sia del Congresso, in un momento in cui i nostri sforzi devono essere diretti a risolvere le grandi questioni della pace fuori dai nostri confini e della ripresa economica combattendo l'inflazione al nostro interno. Ho deciso perciò di rassegnare le dimissioni da presidente con effetto a partire dal mezzogiorno di domani. [75] »

Negli ultimi giorni Nixon appariva estremamente provato moralmente e fisicamente; il capo di gabinetto Alexander Haig , che svolse un ruolo decisivo nella risoluzione del presidente di rassegnare le dimissioni, giunse al punto di temere gesti di autolesionismo da parte di Nixon [76] , mentre sembra che, la notte prima di lasciare la Casa Bianca, il Presidente abbia avuto un drammatico colloquio privato con Henry Kissinger, durante il quale si abbandonò alla disperazione [77] .

La mattina del 9 agosto 1974 Nixon, accompagnato dai suoi famigliari, parlò per l'ultima volta al personale della Casa Bianca, esprimendo i suoi ringraziamenti e abbandonandosi ai ricordi della sua difficile infanzia; pur mostrandosi ancora molto sofferente moralmente, riuscì a concludere il suo discorso con accenti di ottimismo e serenità [78] .

Gli successe, dopo le precedenti dimissioni del vicepresidente Spiro Agnew , a causa di un altro scandalo, il suo secondo vicepresidente, Gerald Ford (che in questo modo fu l'unico presidente degli Stati Uniti a non essere stato eletto né ome presidente né come viceresidente), che concesse poi a Nixon la grazia presidenziale, ponendo fine al rischio di procedimento giudiziario contro di lui. [79]

Il primo ministro italiano Giulio Andreotti , Frank Sinatra e Nixon nel 1973 , durante una festa alla Casa Bianca

Una "presidenza imperiale"

La presidenza di Richard Nixon fu oggetto di critiche soprattutto per il suo uso spregiudicato del potere, tant'è che venne definita "imperiale". Nixon fu accusato di aver allargato a dismisura i suoi poteri, stravolgendo di fatto la Costituzione. In politica estera come in politica interna faceva un uso massiccio dei servizi segreti.

Si parlava di una "lista nera", o "lista dei nemici" di Nixon, da lui stesso compilata, composta da persone, famose o meno, da spiare e screditare. [80] Nixon fece spiare anche molti dei suoi collaboratori: per questo fu additato come paranoico , ossessionato dal voler conoscere i segreti di coloro che considerava una minaccia. [49] Ebbe inoltre un ruolo di primo piano nell'ostacolare le indagini sul Watergate .

In realtà l'estensione di fatto dei poteri della Presidenza era un processo già in atto con Franklin D. Roosevelt e che aveva raggiunto picchi simili già durante l'Amministrazione di Lyndon B. Johnson . [81]

Gli ultimi anni

Nixon e Bill Clinton alla Casa Bianca ( 1993 )

Lasciata la Presidenza, Nixon si dedicò alla cura della biblioteca che porta il suo nome. Nel corso degli anni riuscì a riprendere un certo ruolo nell'Amministrazione americana come apprezzato consigliere di politica estera. [82]

Morì nel 1994 , all'età di 81 anni, a causa di un ictus , assistito dalle figlie. [83] Al funerale, svoltosi in forma privata davanti alla sua abitazione di Yorba Linda , parteciparono varie personalità, fra i quali l'amico e collaboratore Kissinger , che gli dedicò una commemorazione. Nixon aveva lasciato l'esplicita disposizione di rifiutare un funerale di Stato, qualora fosse stato concesso. [84]

L'allora presidente Bill Clinton , con un gesto a sorpresa, ordinò di mettere a mezz'asta tutte le bandiere nazionali nel Paese e chiese che gli fossero resi gli onori militari. Nel suo discorso di commiato, Clinton affermò che l'ex capo di Stato aveva pagato un prezzo superiore alle sue colpe, invitando la nazione a riconciliarsi con il suo passato e con la figura stessa di Richard Nixon.

Nixon è sepolto presso il Richard Nixon Library and Birthplace di Yorba Linda , vicino a Los Angeles . [84]

Critiche

Il Presidente Nixon fotografato il 24 dicembre 1971

Nixon fu duramente criticato durante e dopo il mandato. Il giornalista Christopher Hitchens lo accusò ripetutamente nei suoi libri per il golpe contro Allende , per l'attività di spionaggio del Watergate e per le affermazioni razziste emerse da alcune registrazioni. [85]

Henry Kissinger affermò invece di aver detto a Nixon che la storia lo avrebbe trattato meglio dei contemporanei. [49] Il governatore della California Arnold Schwarzenegger sostenne che Nixon fu determinante per la scelta della sua parte politica, i repubblicani, nel 1968 . [86]

Alla morte di Nixon nel 1994, il giornalista italiano conservatore Montanelli rievocò la sua profonda influenza sugli avvenimenti mondiali e la personalità del politico americano [87] :

«Fino ad una decina di anni or sono, la maggioranza degli americani erano convinti che, se Nixon fosse rimasto nella Storia del loro Paese, - cosa che al loro orecchio suonava come un obbrobrio - vi sarebbe rimasto solo per il Watergate, cioè appunto per l'obbrobrio. Negli ultimi tempi tutto si è rovesciato: l'obbrobrio non è stato più il Watergate, ma la campagna scandalistica che lo aveva provocato. Gli stessi protagonisti che l'avevano montata - Bob Woodward e Carl Bernstein del Washington Post - ne riconobbero le forzature e fecero atto di contrizione. Non avevano inventato nulla, ma avevano deformato tutto. Il che dimostra che anche dicendo la verità si può mentire. La sorte è stata, tutto sommato, clemente con Nixon dandogli il tempo di vedere questo capovolgimento. Subito dopo le forzate dimissioni, non era riuscito a trovare un appartamento a New York perché nessuno voleva affittarglielo: gli altri inquilini traslocavano. Ultimamente era ricevuto, e anzi continuamente sollecitato alla Casa Bianca, dove lo si accoglieva come lo Elder Statesman, lo statista anziano da consultare come un vecchio saggio sui problemi difficili. Fu a lui che Bush si rivolse per riallacciare un dialogo con Pechino dopo la rottura seguita al fattaccio di Tienanmen . E lui a Pechino lo riallacciò: i cinesi non avevano dimenticato che quel dialogo erano stati Nixon e Kissinger ad aprirlo, quando l'America aveva deciso di chiudere l'avventura del Vietnam in cui Kennedy e Johnson l'avevano malaccortamente cacciata. Ma anche Clinton è ricorso alla sua esperienza per capire cosa succedeva in Russia e trarne qualche insegnamento. Nixon andò a Mosca, e ne tornò con cattivi presagi sulla sorte di Eltsin che i successivi avvenimenti hanno confermato. Non era un uomo "simpatico", e soprattutto non aveva nulla che potesse sedurre l'America dei salotti e della intellighentzia, che gli uomini politici li misurano a modo loro, mai quello giusto. Scambiarono per un grande intellettuale Kennedy, che in vita sua aveva visto migliaia di film, ma mai letto un libro. E prendevano Nixon, che di libri ne ha letti ed ha continuato a leggerne (ea scriverne, niente male), fino all'ultimo giorno per una specie di Bossi californiano, rozzo e triviale. Non per nulla la loro indignazione giunse al colmo quando furono riprodotte certe sue conversazioni confidenziali con alcuni collaboratori, punteggiate di figlio di p... e di vaffanc... «Come se nei salotti più sofisticati di New York si usasse altro linguaggio», commentò Kissinger.

Ma forse quello che più infastidiva gli americani era la renitenza di Nixon ad appelli e richiami tanto più sonori quanto più vacui, come «la nuova frontiera» e simili. Nixon era un professionista della politica, uno dei pochissimi che l'America abbia mandato alla Casa Bianca. Non andava per sogni e per versetti del Vangelo. Conosceva il suo Bismarck , il suo Disraeli , e credo anche il suo Machiavelli che in America basta nominarli per finire scomunicati. Per questo lo consideravano un mestierante, e per questo si era scelto come consigliere un altro mestierante, l'ebreo tedesco Kissinger. Furono questi due uomini che ridiedero all'America la leadership nella politica estera coinvolgendo nel gioco la Cina e scavandone il solco da Mosca. I successori di Nixon, e specialmente Reagan , vissero in gran parte di questa eredità.»

Beppe Severgnini , allora giovane corrispondente da Washington per il quotidiano La Voce , riepilogò in un lungo necrologio la polarizzazione esercitata in vita dal personaggio [88] :

«Il biografo di Richard Nixon racconta che nella notte del 30 luglio 1974, al culmine dello scandalo Watergate , il presidente prese il taccuino che teneva sempre accanto al letto, divise il foglio con una riga verticale, e scrisse ordinatamente i pro ei contro delle eventuali dimissioni. Era un espediente cui ricorreva spesso, quello di valutare i pro ei contro di una decisione, di una situazione o di un candidato. Ora che se n'è andato, è giunto il momento di estendere il trattamento allo stesso Richard Nixon. Erano più lodevoli le sue intenzioni, o più gravi le sue colpe? Fino a qualche tempo fa, gli americani non avrebbero avuto dubbi. Richard Nixon era l'uomo che tutti amavano odiare. Come la britannica Thatcher e il polacco Jaruzelski , Nixon era un prodotto da esportazione. Gli stranieri riuscivano a vedere le grandi linee della sua strategia; gli americani si fermavano disgustati di fronte alle meschinità della tattica. Agli occhi dei connazionali, la bravura ei successi di quel presidente - cercare una via d'uscita dal Vietnam, corteggiare la Russia, sedurre la Cina - costituivano un'aggravante. A un incapace, il buon cuore dell'America avrebbe perdonato più in fretta e volentieri. Negli ultimi giorni, tuttavia, sono cambiate molte cose. La lenta riabilitazione di Nixon ha subìto un'accelerazione improvvisa e si è conclusa... Nixon lascia una traccia maestosa nella storia americana... A differenza di tutti gli scandali che da esso hanno preso il nome... il Watergate era, e rimane, una storia di dimensioni modeste... Non furono questi spioni un po' goffi ad inguaiare Nixon (nel frattempo rieletto), ma un giornale ( The Washington Post ), un giudice ( John Sirica ) e soprattutto Nixon stesso, che negò, mentì, tacque, trafficò, cancellò parte dei nastri che riportavano conversazioni compromettenti avvenute alla Casa Bianca (e rivelavano al mondo come i presidenti, all'occorrenza, sapessero imprecare come carrettieri). Richard Nixon non si sentiva colpevole: i predecessori, sosteneva, avevano fatto di peggio. E, in ogni modo, la virtù non era una qualità indispensabile a un grande leader. Più importanti - scriverà Nixon - sono «l'intelligenza, il coraggio, la tenacia, il giudizio, la capacità di assumere un rischio calcolato e una certa dose di charme». Il guaio, per lui, è che gli americani non la pensavano (e non la pensano) così... Se lo scandalo Watergate ha costituito il punto più basso della carriera di Richard Nixon, la politica estera gli ha conferito gli allori più resistenti. Insieme a Henry Kissinger - i due sembravano a volte una «coppia da cinematografo», perfettamente affiatata e sincronizzata - Nixon trascinò gli Stati Uniti fuori dalla palude del Vietnam, dove Kennedy e Johnson erano scivolati. Volle però coprire la ritirata dietro una cortina fumogena: mandò truppe americane in Cambogia, aerei americani su Hanoi, Kissinger dovunque: gridò che una grande potenza non poteva essere umiliata. Ma, indiscutibilmente, innescò la marcia indietro, assecondando l'elettore tipo («la moglie del macchinista dell'Ohio»), che aveva creduto in una guerra semplice e breve, s'era ritrovata una lunga e complessa, e si era stancato. Mentre si preparava a lasciare il Vietnam in punta di piedi, Nixon entrò in Cina tra squilli di tromba. Mostrando che solo gli anticomunisti sapevano muoversi con destrezza tra i comunisti, nel 1972 venne ricevuto trionfalmente a Pechino (Mosca seguirà l'anno dopo). Senza mai forzare le ragioni della visita (approfondire il solco che divideva l'Urss dalla Cina, convincere quest'ultima ad esercitare pressioni sui nord-vietnamiti) il presidente statunitense conquistò i cinesi, per cui il viaggio significava la fine di un lungo isolamento. La simpatia è continuata negli anni: dopo la strage di Tienanmen (1989), George Bush chiese proprio a Nixon di riaprire la strada del dialogo. Questi interventi, negli ultimi anni, hanno offerto a Nixon l'occasione di tornare lentamente alla ribalta. Una ribalta ben remunerata, fatta di libri, di conferenze e viaggi... Nixon ha fornito consigli preziosi anche a Bill Clinton. Consigli preziosi: Nixon sapeva molto. Non era soltanto un maestro nel raccogliere informazioni durante colloqui, viaggi, incontri e interminabili telefonate... Questa faticosa riabilitazione avrebbe amareggiato molti. Non Nixon. Parlando di sé, recentemente, l'ex presidente ha spiegato di aver sempre amato la battaglia, più che la vittoria (alla quale reagiva regolarmente con la depressione). La cosa che più lo affascinava, disse in più occasioni, era la capacità di risorgere dopo una sconfitta. Per questo motivo stimava Mao Zedong e Ciu Enlai : la Lunga Marcia , ai suoi occhi, costituiva uno splendido esempio di comeback, la riscossa che gli era tanto cara. Siamo alla fine, ei pro ei contro del personaggio ancora si compensano. Un ultimo elenco: Richard Nixon è stato un presidente machiavellico, egocentrico, amorale, permaloso (era convinto che il partito repubblicano , che lo candidò per cinque volte per cariche importanti, l'avesse «trattato male»). Era incapace di concedere fiducia, e totalmente sprovvisto di senso dell'umorismo. Viveva ossessionato dai dettagli, e terrorizzato dalla spontaneità. Ma era un uomo dignitoso. Agli americani che da anni lo supplicavano di lasciarsi perdonare, fece capire che non poteva: rifiutava di confessare colpe che non sentiva. Ha invece preferito risalire la china: fino alla vetta, rappresentata dalla qualifica di elder statesman, «anziano statista», nel modo più lento, più difficile, più spiacevole. Nel modo di Nixon.»

Anche Massimo Fini ha ricordato la cattiva fama che accompagnava l'ex presidente. [89]

Opere

  • I Discorsi di Mosca , USInformation Service, Roma, 1959.
  • Six Crises , Doubleday, New York, 1962.
  • La Vera Guerra , Collana I Jumbo, Editoriale Corno, 1981.
  • Le Memorie di Richard Nixon , volume 1, trad. Alda Carrer, Collana I Jumbo, Editoriale Corno, 1981, pp. 722.
  • Le Memorie di Richard Nixon , volume 2, Editoriale Corno, 1982, pp. 727.
  • Leaders. Profiles and Reminiscences of Men Who Have Shaped the Modern World , Grand Central Publishing, 1982.
  • La Pace a Muso Duro. Trattare da posizioni non di forza ma di equilibrio; la pace senza aggettivi non basta , Garzanti Libri, Milano, I ed. 1984, pp. 128.
  • Mai più Vietnam. Gli aspetti ignorati della guerra che ha diviso Stati Uniti e Occidente. Politica e strategia nel conflitto per il terzo mondo. Una testimonianza per la Storia. Prefazione di Raimondo Luraghi , Reverdito Editore, 1987.
  • 1999. Victory Without War , Simon & Schuster, 1988.
  • In The Arena. A Memoir of Victory, Defeat and Renewal , Simon & Schuster, 1990.
  • Seize the Moment. America's Challenge in a one-superpower world , Simon & Schuster, 1992.
  • Beyond Peace , Rondom House, 1994.

Nixon nella cultura di massa

Filmografia

Musica

Televisione

  • Nel cartone Futurama , Nixon ricopre la carica di presidente della Terra nel XXXI secolo.
  • Nel cartone I Simpson , Nixon è spesso vittima di frecciate satiriche.
  • Nella serie tv "Legends of Tomorrow", nella quarta stagione, episodio 10, Nixon deve essere salvato dall'insetto della verità.
  • Nella serie tv Doctor Who , Nixon compare nella sesta stagione, durante gli episodi "L'astronauta impossibile" e "il giorno della Luna".

Onorificenze

Onorificenze statunitensi

Navy and Marine Corps Commendation Medal - nastrino per uniforme ordinaria Navy and Marine Corps Commendation Medal
American Campaign Medal - nastrino per uniforme ordinaria American Campaign Medal
Asiatic-Pacific Campaign Medal (con due stelle) - nastrino per uniforme ordinaria Asiatic-Pacific Campaign Medal (con due stelle)
World War II Victory Medal - nastrino per uniforme ordinaria World War II Victory Medal
Armed Forces Reserve Medal con clessidra d'argento - nastrino per uniforme ordinaria Armed Forces Reserve Medal con clessidra d'argento
Ellis Island Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Ellis Island Medal of Honor

Onorificenze straniere

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 3 dicembre 1988 [90]
Cavaliere di I Classe dell’Ordine del Pakistan (Pakistan) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Pakistan (Pakistan)
— 1º agosto 1969

Note

  1. ^ NAM - cronaca della guerra in Vietnam 1965-1975 , Novara, De Agostini, 1988, p. 420 ; 470-475.
  2. ^ Stanley Karnow, Storia della guerra del Vietnam , Milano, Rizzoli, 1985, p. 395-403-410.
  3. ^ L'editoriale del New York Times a favore della legalizzazione della marijuana , su ilpost.it , 27 luglio 2014.
  4. ^ Nixon's Plan For Health Reform, In His Own Words , su kaiserhealthnews.org , 3 settembre 2009.
  5. ^ Rispettivamente da: Aroldo (nome di due re), Artù , Edoardo (nome di molti re), Riccardo I Plantageneto detto "Cuor di Leone".
  6. ^ a b Nixon: Politician, President, Administrator , 23 e segg.
  7. ^ Aitken , 12 .
  8. ^ Aitken , 27 .
  9. ^ a b c d Nixon: Politician, President, Administrator , 35-40 .
  10. ^ Aitken , 28 e segg.
  11. ^ Aitken , 58-63 .
  12. ^ Aitken , 76 .
  13. ^ Aitken , 79-82 .
  14. ^ Roger Morris, Richard Milhous Nixon: The Rise of an American Politician , p. 193
  15. ^ Aitken , 90-95 .
  16. ^ RN: memories of Richard Nixon, p. 23
  17. ^ Aitken , 94-96 .
  18. ^ Aitken , 96-97 .
  19. ^ Aitken , 100-112 .
  20. ^ Irwin Gellman, 1999, The Contender , New York: The Free Press. ISBN 978-1-4165-7255-8 ; p. 304
  21. ^ Tricky Dicky: Richard Nixon Recordings Confirm Popular View
  22. ^ Nel film Frost/Nixon - Il duello si dà conto di una domanda a sorpresa che Nixon rivolse all'inesperto intervistatore del Regno Unito Robert Frost a due secondi dall'inizio della trasmissione in diretta dell'intervista, per acquisire su di lui un vantaggio in self control dinanzi al pubblico.
  23. ^ Morris, 365
  24. ^ Gellmann, 339-341
  25. ^ Nixon Library: The Senator , su nixonlibrary.gov . URL consultato il 28 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 16 febbraio 2013) .
  26. ^ Aitken , 205-206 .
  27. ^ a b c d e The Vice President , su The Life , Richard Nixon Presidential Library. URL consultato il 18 luglio 2008 (archiviato dall' url originale il 15 giugno 2013) .
  28. ^ Checkers era il nome del cocker spaniel di Nixon, ricevuto in regalo insieme agli altri contributi della campagna elettorale. Durante il suo intervento televisivo, Nixon affermò che non avrebbe restituito il cane perché le sue figlie lo adoravano.
  29. ^ a b c d e f Safire, William. "The Cold War's Hot Kitchen", The New York Times , venerdì, 24 luglio 2009.
  30. ^ ( EN ) Erika Tyner Allen, Kennedy-Nixon Presidential Debates, 1960 , su museum.tv , The Museum of Broadcast Communications. URL consultato il 19 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 27 luglio 2008) .
  31. ^ Strategia di pace . I discorsi della Nuova Frontiera. John F. Kennedy. Mondadori. 1965. ASIN B00A30WRXU
  32. ^ La nuova frontiera . John Fitzgerald Kennedy. Scritti e discorsi (1958-1963). Donzelli Editore. 2009, pp. 160. ISBN 88-6036-383-7 .
  33. ^ Parmet, Herbert S. (1990). Richard Nixon and His America. Boston: Little, Brown & Co. ISBN 978-0-316-69232-8 .; p. 503-508
  34. ^ a b Nixon: Politician, President, Administrator , 270 e segg.
  35. ^ Morrow, Lance (September 30, 1996). "Naysayer to the nattering nabobs". Time. Retrieved July 16, 2011.
  36. ^ Schulzinger, Robert D. (2003). A Companion to American Foreign Relations , Oxford, Blackwell Publishing. ISBN 978-1-4051-4986-0 .; p. 413
  37. ^ a b c Nixon: Politician, President, Administrator , 285 e segg.
  38. ^ S.Karnow, Storia della guerra del Viet Nam , Rizzoli 1985, p.412.
  39. ^ A. Dobrinin, In confidence: Moscow's Ambassador to America's Six Cold War Presidents (1962-1982) , New York, Times Books, 1997, p. 251
  40. ^ Nixon: Politician, President, Administrator , 259 e segg.
  41. ^ a b Kissinger Telcons on Chile
  42. ^ Still Hidden: A Full Record Of What the US Did in Chile articolo sul Washington Post di Peter Kornbluh
  43. ^ Six arrested at protest likening Nixon to Herod , su news.google.com .
  44. ^ La volta che gli Stati Uniti abolirono quasi la pena di morte , su ilpost.it .
  45. ^ a b c d E. Di Nolfo - Storia delle relazioni internazionali p. 1190
  46. ^ Kissinger, Years of Upheaval p. 65
  47. ^ Frey, Storia della guerra in Vietnam , cit., pp. 210-216.
  48. ^ Citato in W.Isacsson, Kissinger. Eine Biographie , Berlino, 1993, p. 537.
  49. ^ a b c d e f g h i j k l Interviste di Kissinger e altri in Segreti di guerra - Guerra fredda: i segreti di Nixon , documentario di RAI Storia
  50. ^ Citato da Luciano Canfora in Esportare la libertà. Il mito che ha fallito , Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2007, cap. V, 3, p. 70.
  51. ^ CIA: Cile Archiviato il 6 luglio 2006 in Internet Archive .
  52. ^ Gli sforzi statunitensi per impedire l'elezione di Allende sono discussi in: Elezioni presidenziali in Cile del 1970 .
  53. ^ CIA, Notes on Meeting with the President on Chile, September 15, 1970
  54. ^ Alan Leslie Cooper, El Terrorista de Ultraderecha que Amenazó con Balear a los Mapuche por la Muerte de su Prima
  55. ^ Karamessines, 1970.
  56. ^ Why the law wants a word with Kissinger - smh.com.au
  57. ^ CBS News , su cbsnews.cbs.com (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2004) .
  58. ^ Kissinger, 1970.
  59. ^ Petras & Morley, 1974.
  60. ^ The Kissinger Telcons , su gwu.edu .
  61. ^ CIA Acknowledges Ties to Pinochet's Repression
  62. ^ a b Kirkpatrick, 1979.
  63. ^ a b c d e f g h i j k l m La Storia dello scandalo Watergate ; vedi anche Watergate , Washington post
  64. ^ Chi era Gola profonda?
  65. ^ B. Woodward/C. Bernstein, Tutti gli uomini del Presidente , pp. 291 e 293.
  66. ^ a b B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , p. 556.
  67. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , p. 105.
  68. ^ B. Woodward/C. Bernstein, Tutti gli uomini del Presidente , p. 33.
  69. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 333-335.
  70. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 335-336.
  71. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , p. 337.
  72. ^ Lucas, Dean, Famous Pictures Magazine – Nixon's V sign , su famouspictures.org . URL consultato il 1º giugno 2007 (archiviato dall' url originale il 26 settembre 2007) .
  73. ^ B. Woodward/C. Bernstein, Tutti gli uomini del presidente , pp. 319-320.
  74. ^ B. Woodward/C. Bernstein, Tutti gli uomini del presidente , p. 320.
  75. ^ Usa: Nixon 39 anni fa si dimetteva per lo scandalo Watergate
  76. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 493-494.
  77. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 515-518.
  78. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 551-554.
  79. ^ Gerald Ford's pardon on Nixon
  80. ^ L'America di McCarthy ossessionata dal nemico
  81. ^ Keith W. Olson, Watergate in Small , pp. 481–496.
  82. ^ Nixon Library-Post Presidency , su nixonlibrary.gov . URL consultato il 28 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 21 ottobre 2013) .
  83. ^ Martin Weil, Eleanor Randolph, (April 23, 1994), "Richard M. Nixon, 37th President, dies", The Washington Post , p. A01. Retrieved July 16, 2011.
  84. ^ a b Reagan funeral: events and other president's funerals
  85. ^ Quando l'America era in mano a un presidente razzista , in Il Corriere .
    «Ricordo benissimo la profonda sensazione di disgusto che provavo ogni qual volta mi capitava anche solo di guardare, o peggio ancora di ascoltare, il presidente e il suo orribile (a dir poco) sodale, Henry Kissinger. [...] il solo pensiero della banda Nixon alla Casa Bianca scatena in chi scrive un'avversione cieca e assoluta.» .
  86. ^

    «Ricordo di aver guardato la battaglia presidenziale tra Nixon e Humphrey alla tv. Un mio amico che parlava tedesco e inglese tradusse per me. Sentii Humphrey dire cose che suonavano come socialismo , che io avevo appena lasciato. Ma poi sentii parlare Nixon: stava parlando della libera impresa, di lasciarsi il vecchio governo alle spalle, di abbassare le tasse e rinforzare l'esercito. Ascoltare Nixon parlare sembrava più un respiro d'aria fresca. Dissi al mio amico: "Di che partito è lui?", il mio amico rispose: "È un repubblicano", e io: "Allora io sono un repubblicano". E da quel momento sono stato un repubblicano.»

    ( Arnold Schwarzenegger – Discorso al Congresso nazionale repubblicano, 31 agosto 2004 )
  87. ^ Indro Montanelli, «La morte di Nixon. Il realista inviso agli snob», editoriale in prima pagina su La Voce , domenica 24 aprile 1994
  88. ^ «Miserie e splendori dell'uomo che tutti amavano odiare. Era un anticomunista di ferro», Beppe Severgnini , domenica 24 aprile 1994, coccodrillo su La Voce , p. 17»
  89. ^ Massimo Fini, Il Mullah Omar , Marsilio Editori, aprile 2011.
    «Sia detto di passata, Richard Nixon è stato il miglior presidente americano del dopoguerra: ha chiuso la guerra del Vietnam, ha aperto alla Cina con quarant'anni di anticipo, ha eliminato l'equivoco del gold exchange standard , non era mafioso. Ma poiché, a differenza di Kennedy (che iniziò la guerra del Vietnam, combinò il pericoloso pasticcio della "baia dei porci", portò, insieme a Kruscev, il mondo sull'orlo della terza guerra mondiale, era intimo di noti gangster mafiosi come Sam Giancana ), aveva un brutto grugno, è passato alla storia come "Nixon boia".» .
  90. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato , su quirinale.it .

Bibliografia

  • AA. VV.; a cura di Leon Friedman, William F. Levantrosser, Richard M. Nixon: Politician, President, Administrator , Hofstra University, 1991.
  • Jonathan Aitken, Nixon: A Life , Regnery Pub., 1993.
  • Marco Cesarini Sforza, NIXON , Collana Gente Famosa: Chi è, Longanesi 1968
  • Amedeo Benedetti , Richard Nixon ritratto a penna da Henry Kissinger , in “Rivista di Studi Politici Internazionali”, anno 79 (2012), n. 4, pp. 588–599.
  • Conrad Black , Richard M. Nixon: A Life in Full , The Perseus Book, 2007
  • Margaret MacMillan, Nixon and Mao: The Week That Changed the World , New York, Random House, 2007
  • Rick Perlstein, NIXONLAND. The Rise of a President and the Fracturing of America , Scribner, New York, 2008 ISBN 978-0-7432-4302-5
  • Marc Frey, Storia della guerra in Vietnam - La tragedia in Asia e la fine del sogno americano , Torino, Einaudi, 2008, ISBN 978-88-06-19259-4 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni


Predecessore Presidente degli Stati Uniti d'America Successore Seal of the President of the United States.svg
Lyndon B. Johnson 20 gennaio 1969 - 9 agosto 1974 Gerald Ford
Predecessore Vicepresidente degli Stati Uniti d'America Successore Seal of the Vice President of the United States.svg
Alben W. Barkley 1953 - 1961 Lyndon B. Johnson
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 44303100 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2279 0777 · LCCN ( EN ) n79018757 · GND ( DE ) 11858832X · BNF ( FR ) cb119177538 (data) · BNE ( ES ) XX831641 (data) · ULAN ( EN ) 500475822 · NLA ( EN ) 35388842 · NDL ( EN , JA ) 00451392 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79018757