Rimini

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Rimini (desambiguació) .
Rimini
comú
Rimini - Escut d'armes Rimini - Bandera
Rimini - Vista
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Region-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emília Romanya
província Província de Rimini-Stemma.svg Rimini
Administració
Alcalde Andrea Gnassi ( PD ) del 31-5-2011 (2n mandat del 6-6-2016)
Territori
Coordenades 44 ° 03'34 "N 12 ° 34'06" E / 44,059444 ° N 12,568333 ° E 44,059444; 12.568333 (Rimini) Coordenades : 44 ° 03'34 "N 12 ° 34'06" E / 44.059444 ° N 12.568333 ° E 44.059444; 12.568333 ( Rimini )
Altitud 15 m aixi
Superfície 135,71 km²
Habitants 148 241 [1] (03.31-2021)
Densitat 1 092,34 habitants / km²
Fraccions vegeu la llista de fraccions del municipi de Rimini
Municipis veïns Bellaria-Igea Marina , Coriano , Riccione , San Mauro Pascoli ( FC ), Santarcangelo di Romagna , Serravalle ( RSM ), Verucchio
Altra informació
Codi Postal 47921–47924
Prefix 0541
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 099014
Codi cadastral H294
Placa RN
Cl. sísmic zona 2 (sismicitat mitjana) [2]
Cl. climàtic zona E, 2 139 GG [3]
Anomenar habitants Rimini
Patró San Gaudenzio (patró)
Sant Julià (copatró)
Festa 14 d’octubre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rimini
Rimini
Rímini: mapa
Posició del municipi de Rimini dins de la província del mateix nom
Web institucional

Rimini ( Rémin , Rémni o Rémne a Romagna , [4] escolta [ ? · Info ] , Rimino en italià arcaic [5] ) és una ciutat i comuna italiana de 148 241 habitants [1] , capital de la província homònima d' Emília-Romanya .

Estació d’estiueig d’importància internacional [6] [7] , es troba a la Riviera Romagna i s’estén durant 15 km al llarg de la costa de l’ alt Adriàtic . Presumeix d’una llarga tradició turística: el 1843 s’hi va inaugurar el primer establiment de bany a Itàlia.

Colònia fundada pels romans el 268 aC , durant tot el període de la seva dominació va ser un node de comunicació entre el nord i el sud de la península i al seu sòl els emperadors romans van erigir monuments dels quals queden importants traces. [8]

Va ser un feu de la família Malatesta , i la cort de Sigismondo Pandolfo Malatesta va ser una de les més vives de l'època, acollint artistes com Leon Battista Alberti , Piero della Francesca , Roberto Valturio , Matteo de 'Pasti conservant importants obres de l'italià. Renaixement.

Geografia física

Territori

Platja de Rimini; al fons els turons de Romagna i el promontori de Gabicce

Rimini és la ciutat més gran de Valmarecchia , es troba al mar Adriàtic , a l’extrem sud-est de l’ Emília-Romanya , a poca distància de Montefeltro i les Marques . El territori municipal s’estén per 135,71 km² i limita amb Bellaria-Igea Marina , San Mauro Pascoli i Santarcangelo di Romagna al nord-oest, Verucchio i Serravalle al sud-oest, Coriano al sud i Riccione al sud-est. Rimini ocupa històricament una posició estratègica, a l'extrem sud de la vall del Po , la seva província representa el punt més meridional del nord d'Itàlia [9] .

Tot i que encara està a la plana , està envoltat al sud-oest per turons baixos i verds, als peus dels quals es troba la ciutat: Covignano (153 m), Vergiano (81 m), San Martino monte l'Abate (57 m ) i San Lorenzo a Correggiano (60 m), plantats de vinyes, oliveres i horts i dominats per cases senyorials. Aquestes lleugeres ondulacions, formades principalment per formacions argiloses i arenoses, connecten gradualment les zones de la plana, originades pels jaciments fluvials de la Marecchia i l’ Ausa , els dos rius principals de la zona de Rimini, a una sèrie de turons més elevats que s’eleven cap a els Apenins de Romagna. El riu Marecchia flueix dins d’un llit de grava molt gran i, després de rebre les aigües de la riera d’Ausa, desemboca a l’Adriàtic a través d’un desviador entre S. Giuliano Mare i Rivabella, mentre que el curs original del riu s’utilitza en el seu tram fins al mar. un canal portuari. El Marecchia , normalment pobre en aigua, estava sotmès a inundacions periòdiques capaces de provocar terribles inundacions a la seva desembocadura, on el seu llit es va reduir fins a reduir-se precedit de nombrosos bucles, i per aquest motiu es va desviar cap al nord de la ciutat [10] . El rierol Ausa , que durant segles va constituir el límit oriental de Rimini, va ser desviat de manera similar després de la Segona Guerra Mundial i el seu llit es va omplir i es va transformar en un parc urbà.

La franja litoral, formada per jaciments marins recents, està vorejada per una platja de sorra molt fina, de 15 km de longitud i fins a 200 m d’amplada, interrompuda només per les boques de les vies fluvials i inclinada molt lentament cap al mar. Al llarg de la costa discorre un cordó de sorra, o "penya-segat mort", format per fenòmens d'entrada marítima que es van produir cap al 4.000 aC i que els romans van utilitzar per establir el primer port de la ciutat. Es conserva una secció del cordó al nord de Rímini, entre Rivabella i Bellaria-Igea Marina , situada a uns 1.300 metres de la línia de costa [11] .

L’àrea de Rimini, per la seva posició geogràfica i les seves característiques climàtiques, es troba a la frontera entre la zona fitoclimàtica mediterrània i la zona centreeuropea [12] [13] i, per tant, representa un entorn de transició des del punt de vista naturalista. La flora de Rímini s’inclou tradicionalment a la zona fitoclimàtica de Lauretum , al punt de trobada entre la zona mediterrània de l’alzina, que aquí arriba al seu punt més septentrional al llarg de la costa adriàtica, la càlida zona submediterrània de fulla caduca. boscos de roure i el temperat del roure anglès, el carp i el freixe [14] .

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: estació meteorològica Rimini Miramare i estació meteorològica Rimini Centro .

Rímini té un clima temperat càlid, permanentment humit, amb estius molt calorosos (classificació Cfa de Köppen-Geiger). [15] Segons la classificació de Rivas-Martínez, es troba dins de la zona climàtica mediterrània (Csa). [16]

El clima és suau, amb un rang de temperatura diürn reduït, gràcies a la influència del mar Adriàtic , amb brises marines constants entre la primavera i la tardor , i relativament poca pluja a causa de la protecció parcial dels Apenins de la Romanya del pas dels oceànics. pertorbacions. Rimini té temperatures mitjanes de tardor i hivern i temperatures mínimes anuals mitjanes, entre les més altes de la història a Emília-Romanya [17] .

La temperatura mitjana anual del període 1971-2000 és de 13,6 ° C; el mes més fred és gener, amb una temperatura mitjana de 4,0 ° C, el mes més calorós és juliol, amb una temperatura mitjana de 23,1 ° C[18] . La temperatura més alta registrada per l'estació meteorològica Rimini-Miramare, situada a l'aeroport, és de 38,9 ° C (agost de 2000), la mínima és de -17,2 ° C (gener de 1985)[18] . Les temperatures extremes registrades per l'estació meteorològica de Rimini Lido, dins de l'àrea urbana, són de 37,9 ° C (agost de 1988) i -10,1 ° C (gener de 1985) [19] .

Les precipitacions són limitades (655 mm a l'any) i es distribueixen regularment durant tot l'any, amb valors màxims a l'octubre (75 mm) i valors mínims al gener i juliol (42 i 43 mm)[18] . A la primavera , tardor i hivern les precipitacions es produeixen principalment pel pas de pertorbacions oceàniques o per la formació de ciclons mediterranis, mentre que a l’ estiu són més freqüents de tipus convectiu, amb tempestes que arriben a la costa des dels Apenins o el Po Vall .

La humitat és molt alta tot l'any, amb un mínim del 72% al juny i juliol i un màxim del 84% al novembre i desembre. Els vents dominants provenen de W (Ponente), seguits dels de S (Ostro), E (Levante) i NE (Grecale) [20] . El vent del sud-oest, conegut com a libeccio o garbino, és un vent dels Apenins excepcionalment calorós i sec que precedeix l’arribada de depressions atlàntiques, que comporta temperatures molt elevades en cada temporada. La insolació mitjana, per al període 1961-1990, supera les 2.040 hores de sol a l'any [21] .

RIMINI MIRAMARE
( 1971 - 2000 )
Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 7.7 9.5 13.2 16.9 21,9 25,8 28,5 28.1 24,5 19.2 12,8 8.9 8.7 17.3 27,5 18,8 18.1
T. mitjanaC ) 4.0 5.3 8.5 11.9 16.6 20.4 23.1 22,8 19.4 14,8 9.0 5.2 4.8 12.3 22.1 14.4 13.4
T. min. mitjàC ) 0,4 1.1 3.7 6.9 11.2 15.0 17.7 17.6 14.4 10.4 5.1 1.5 1.0 7.3 16,8 10.0 8.8
Precipitacions ( mm ) 41,8 45.1 47,8 52,8 47,9 56.3 42,8 61.3 70,4 75.2 67,0 46,6 133,5 148,5 160,4 212,6 655,0
Dies plujosos 6 6 6 7 7 6 4 6 7 8 7 7 19 20 16 22 77
Humitat relativa mitjana (%) 83 79 76 75 75 72 72 74 76 81 84 84 82 75.3 72,7 80,3 77,6

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Rimini .

Els orígens i l’època romana

El port de Rimini al mosaic de vaixells de la domus del Palazzo Diotallevi (Rimini, Museu de la Ciutat)

Les primeres traces d’assentament humà a la zona de Rimini es remunten al paleolític inferior (fa més de 800.000 anys). L’assentament ja era afavorit en èpoques antigues per la posició geogràfica i les característiques morfològiques de la zona: turons rics en fonts d’aigua, a la desembocadura de l’ampla vall de Marecchia (via de comunicació fàcil amb l’alta vall de Tiberina pel pas del Viamaggio) i prop el mar, que oferia bones possibilitats d’aterrar a la desembocadura del riu[22] .

L’arribada dels celtes (390 aC) va provocar ràpidament la decadència i l’abandonament de nombrosos assentaments umbro-etruscs i, al mateix temps, va afavorir el desenvolupament dels centres costaners de Ravenna i Rimini [23] . Les tribus gal-celtes van mantenir el control del territori durant gairebé un segle, fins a la batalla de Sentino (295 aC), en què la coalició de gals , ombres , etruscs i samnites va ser derrotada pels romans , que van obrir el camí a la colonització de la Gàl·lia. Cisalpina [23] .

El 268 aC , a la desembocadura del riu Ariminus (avui Marecchia ), en una zona del Piceno [24] habitada anteriorment pels etruscs , els umbres , els grecs , els picens i els gals , els romans van "fundar" la colònia pel llatí dret d' Ariminum . L’estatut d’una colònia llatina, generalment conferida a ciutats fundades amb l’objectiu de controlar i defensar nous territoris, atorgava a Ariminum el paper d’un estat autònom, vinculat a Roma per tractats que regulaven el seu comerç, defensa i relacions exteriors [25] .

El pont de Tiberio, punt de partida de la Via Emilia

Ariminum va ser el centre d’importants vies de comunicació entre el nord i el centre d’ Itàlia [26] : la Via Flaminia ( 220 aC ), que venia de Roma , la Via Emilia ( 187 aC ), dirigida a Piacenza i la Via Popilia-Annia ( 132 aC) ), que connectava la ciutat amb Ravenna , Adria , Pàdua , Altinum i Aquileia . Va tenir una gran importància que el port de Rímini representés la línia defensiva de la flota romana a l’alt Adriàtic, mentre que Bríndisi era l’Adriàtic inferior. A més, Rimini i Arezzo eren les ciutats de defensa amb legions establertes en el moment de la Segona Guerra Púnica.

Durant l'últim segle de l'època republicana, la ciutat va participar en guerres civils, mantenint-se sempre fidel al poble romà i a Gaius Marius [26] . A causa d'aquesta lleialtat centenària a Roma, la ciutadania romana i el rang de primer municipi cispadà es van reconèixer a Ariminum el 90 aC. El 49 aC, després del pas del Rubicó (que va marcar l’inici del territori urbà de Roma, el Pomerium, i la identificació del qual encara és incerta), Juli Cèsar va dirigir un discurs a les seves legions al Fòrum de Rímini, pronunciant el famós frase " Alea iacta est " (el dau es llança).

A la primera era imperial, Rimini va gaudir d’un llarg període de prosperitat i renovació urbana i, amb els emperadors August , Tiberi iAdriano , es van construir grans obres públiques, com ara l’ Arc d’August , el pont de Tiberio , el teatre i l’amfiteatre [ 27] . Una reordenació general va implicar la xarxa d’aqüeductes, el sistema de clavegueram i els carrers de la ciutat, pavimentats i alçats en alguns trams [28] .

A partir del segle III dC, després d’haver perdut aquell paper directe en la història d’Itàlia que la ciutat havia assolit a l’època d’ August , Ariminum va estar sotmès a una progressiva decadència i a transformacions socials i culturals, inclosa la difusió dels cultes orientals, a relacions comercials i en presència de nombrosos funcionaris i comerciants estrangers [29] . Les primeres invasions bàrbares, enfrontades a la construcció d'una nova muralla a l'època aureliana, van provocar un declivi inexorable i una detenció de l'expansió urbana [30] .

Rímini, ja bisbat des del 313, va acollir el 359 un consell de més de 300 bisbes occidentals en defensa de l’ortodòxia catòlica contra l’ arianisme , una religió professada per molts pobles germànics que havien envaït Itàlia [31] . Segons la tradició, el primer bisbe de Rimini va ser San Gaudenzio [31] , que va venir d’ Efes i va ser assassinat pels arrians el 360.

L’edat mitjana

A finals de l'antiguitat, Rimini va participar en els esdeveniments de la guerra gòtic-gòtica , que va delmar la població i va provocar un progressiu abandonament d'algunes zones dins de les muralles. El 538 la ciutat fou assetjada per les tropes dels gots Vitige, que volien convertir-la en guarnició militar per a la defensa de Ravenna , fou ocupada pels gots el 549 i finalment conquerida pel general bizantí Narsete .

Sota la dominació bizantina es va establir la Pentàpolis marítima, formada per les ciutats de Rimini, Pesaro , Fano , Senigallia i Ancona . El territori de la Pentàpolis, juntament amb el de l' Exarcat , fou donat a l' Església el 756 pel rei dels francs , Pepí [32] .

La ciutat es va convertir en una comuna lliure durant el segle XII , durant el període de lluites d'investidura entre l'Església i l'Imperi [33] . Al segle XIII va començar un període d'intensa planificació i construcció urbanística. El centre del poder civil es va convertir en la Piazza del Comune (l'actual Piazza Cavour), on es van construir el Palazzo dell'Arengo i el Palazzo del Podestà . L’antic Fòrum va acollir el mercat durant segles i, posteriorment, tornejos i justes eqüestres .

El més potent famílies nobles de Rimini, el Gambacerri güelfs i la Parcitadi gibelins , competien pel poder civil al llarg del segle XIII. Després d’una primera fase en què la ciutat va defensar la causa gibel·lina, Rimini es va convertir en Güelfa, gràcies a l’aparició de la família Malatesta da Verucchio , el progenitor de la qual va ser Malatesta el Vell , també coneguda com a Mastin Vecchio i esmentada a la Divina Comèdia de Dante [34] .

La senyoria Malatesta

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: el Renaixement de Rimini i el Senyoriu de Rimini .
Piero della Francesca, Retrat de Sigismondo Pandolfo Malatesta (París, Louvre)

Els Malatestas van assumir la preeminència entre els güelfs de Rímini el 1248 , després de la derrota soferta a Parma per l'emperador Frederic II de Suàbia [35] . Malatesta el Vell va portar els exiliats de Gambacerri al govern de la ciutat, convertint-se en una figura molt popular i prestigiosa.

El 1295 Rimini, derrotada definitivament pels Parcitadi, fou conquerida pels Malatesta , que la convertiren en la capital de la senyoria . Durant uns dos segles la ciutat va tenir hegemonia sobre un vast territori, que va anar més enllà de les fronteres geogràfiques de Romagna , que s'estenia fins a Sansepolcro (1370-1430), Sestino i Senigallia .

A la mort de Malatestino (1317), Pandolfo Malatesta es va convertir en senyor de Rímini; després de la seva mort, la ciutat va passar a mans de Ferrantino, mentre que els seus fills Galeotto i Malatesta "guastafamiglia" pertanyien als territoris de les Marques. El 1343, després d'un llarg període de desacords i baralles entre els membres de la família, els mateixos Galeotto i Malatesta van arribar al poder a Rimini [36] . El domini sobre Rimini passà primer a mans de Galeotto I (1364) i després de Carlo (1385), que es distingí per les seves habilitats polítiques i diplomàtiques.

Sigismondo Pandolfo Malatesta , que va arribar al poder el 1432 , era un capità de la fortuna sense escrúpols i alhora un gran mecenes [37] . Sigismondo va servir primer en paga papal contra els Visconti, després al costat de Francesco Sforza contra el Papa, amb la lliga entre Florència i Venècia, amb els sienesos i finalment contra Pius II. Va aconseguir el prestigi dinàstic mitjançant acurats acords matrimonials, casant-se amb Ginevra d'Este (morta el 1440 ), Polissena Sforza i, el 1456, amb Isotta degli Atti, i va voler prestigiar el seu nom amb la construcció del temple de Malatesta i de Castel Sismondo. . El 1463 Sigismondo va ser derrotat per les tropes papals dirigides per Federico da Montefeltro , duc d' Urbino i el seu amarg rival [38] .

A la mort de Sigismondo (1468) va començar un període de lluites dinàstiques entre els seus fills Sallustio i Roberto , conegut com "el Magnífic". Líder de Valent i hàbil diplomàtic, Roberto va ser exclòs del govern de la ciutat a instàncies del propi Sigismondo, però va aconseguir prendre possessió de Rimini, sent acusat de la mort dels seus germans i madrastra Isotta [39] . Pandolfo IV, hostil a la noblesa local (que el va anomenar "Pandolfaccio"), i el seu fill Sigismondo II van ser els darrers senyors de la família Malatesta, que ara havia assolit un declivi definitiu, abans de la seva annexió a l' Estat de l'Església [40]. ] .

El mateix 1503 els senyors de Romagna, expulsats pel duc Cesare Valentino Borgia , aprofitant la mort del seu pare el papa Alexandre VI , es van oferir a sotmetre's a la República de Venècia amb la condició de recuperar els seus antics dominis: el Senat venecià va acceptar i la Sereníssima va prendre possessió de Rímini, Faenza i altres ciutats. L'acte va irritar profundament el nou pontífex, el genovès Juli II , que, després d'haver empresonat els Borja, tenia la intenció de restablir la possessió papal d'aquestes terres. Per tant, el papa va empènyer el 22 de setembre de 1504 França i l'Imperi a fer un triple tractat amb ell a Blois per a la futura partició dels dominis venecians . El 1505 Venècia es va oferir, per tant, a retornar les terres ocupades al papa, a excepció de Rimini i Faenza, mentrestant preocupades per la creixent crisi comercial. Aleshores, el papa va instar el nou emperador Maximilià I d’Habsburg a atacar Venècia, baixant a Itàlia amb el pretext del seu viatge de coronació a Roma.

Derrotat, però, Maximilià fins i tot es va arriscar a perdre Trieste i Fiume i es va veure obligat a demanar una treva. Quan el duge, en virtut de les seves prerogatives episcopals molt antigues , va afirmar nomenar el nou bisbe de Vicenza , els principals estats europeus van trobar el casus belli per atacar la República, acusat d’haver anul·lat el dret pontifici sobre els bisbes. El 23 de març de 1500 Juli II es va unir públicament a la lliga de Cambrai amb França, l'Imperi, Espanya i el Ducat de Ferrara , llançant l'interdicte sobre la Sereníssima i nomenant el duc Alfons I d'Este com a Gonfaloniere de Santa Romana Chiesa . Els venecians van ser derrotats pels francesos a la batalla d'Agnadello . En aquell moment, però, el papa, preocupat pel creixent poder dels estrangers sobre Itàlia, el 24 de febrer de 1510, després de retirar l’interdicte, es va aliar amb Venècia, excomunicant Alfons d’Este i cridant els suïssos a ajudar-los. Venècia, després de sobreviure al perill de la guerra de la Lliga de Cambrai, es va mantenir allunyada dels nous conflictes italians i europeus , centrant-se en l'amenaça turca. Al final dels conflictes, però, es va veure obligada a cedir les terres de Romagna a l’Estat papal.

Rimini a l'estat papal

Vista de Rimini , gravat per Georg Braun (1572)

El 1509, després de la caiguda de la Malatesta i el curt període de dominació veneciana, va començar el govern papal de la ciutat, que va passar a formar part de la Legació de Ravenna durant gairebé tres-cents anys. Des del punt de vista territorial i polític, Rimini ja no era la capital d’un estat autònom, sinó una ciutat marginal de l’ estat papal [41] .

La ciutat va ser severament provada pel pas de l'exèrcit imperial de Carles V el 1531 i pel trànsit de les tropes franceses el 1577, que van assaltar el territori. A això es van afegir freqüents inundacions causades per les inundacions de Marecchia , greus epidèmies i fams, que periòdicament van afectar la ciutat i el camp.

El 1672 la ciutat va ser sacsejada per un violent terratrèmol [42] , que va provocar el col·lapse parcial de cases i alguns edificis públics, inclosos l'ajuntament, la catedral, l'església Teatini i la de San Francesco di Paola.

El segle XVIII es va caracteritzar per una gran vivacitat de la vida de la ciutat, una renovació del teixit constructiu i una recuperació econòmica general, malgrat la repetició d’inundacions, pas d’exèrcits i terratrèmols , que van tornar a colpejar la ciutat el desembre de 1786, causant danys importants nombre d'edificis públics i privats [43] . En major mesura que al segle anterior, al segle XVIII Rimini es va distingir en el camp dels estudis científics i literaris amb l'obra dels científics Giovanni Bianchi , Giovanni Antonio Battarra i Michele Rosa , el cardenal i historiador Giuseppe Garampi i el poeta Aurelio Bertola [44] .

El segle XIX

Mauro Cesare Trebbi, La batalla de les cèl·lules (Faenza, Museu del Risorgimento i de l'Edat Contemporània)

Després que Napoleó Bonaparte entrés a Rímini el febrer de 1797, la ciutat es va annexionar per primera vegada a la República Cispadana i, a partir del 27 de juliol del mateix any, a la República Cisalpina . A Rimini se li va conferir, encara que per poc temps, el títol de capital del departament de Rubicó , qualificació que va mantenir fins a la unificació dels dos departaments de Romagna, que va tenir lloc el 1798 [45] .

A Rímini, el 30 de març de 1815, arribat del Regne de Nàpols , Gioacchino Murat va llançar la Proclamació de Rímini , mitjançant la qual exhortava els italians a lluitar junts per la constitució del Regne d'Itàlia [46] .

El 1831 les tropes austríaques van descendir a Romagna per suprimir la insurrecció que va esclatar a l'Estat papal que havia provocat la creació del govern de les Províncies Unides italianes per part de les legacions de Ravenna, Forlì, Bolonya i Ferrara. A les portes de la ciutat, a la localitat de Celle, dos mil voluntaris van lliurar una batalla contra els austríacs; el xoc, esmentat per Giuseppe Mazzini en el seu escrit "Una nit a Rimini", va acabar amb la restitució del territori de Romagna a l'Estat papal [47] .

El 30 de juliol de 1843 es va inaugurar el primer "Establiment privilegiat dels banys marítims", seguint el model de les ja establertes estacions costaneres franceses i centreeuropees.

L'annexió al Regne de Sardenya es va produir el 5 de febrer de 1860 , quan el Consell Municipal de Rimini va votar la disposició amb només dos vots en contra; el resultat va ser confirmat pel testament popular l'11 de març del mateix any [48] . L'any següent es va arribar a Rimini pel ferrocarril Bolonya-Ancona (1861). El ferrocarril, situat al mar de la ciutat, en la perspectiva d'un futur desenvolupament del port, va permetre connexions més fàcils amb la resta d'Itàlia, contribuint decisivament al gran desenvolupament de l'economia turística [49] .

Després de l'annexió al Regne d'Itàlia, Rimini va continuar sent el centre d'esdeveniments polítics de gran importància. El 1872 la ciutat va acollir la conferència que sancionava el naixement de l' anarquisme i la divisió contextual dels anarquistes de Mikhail Bakunin dels seguidors de Karl Marx ; dos anys més tard, el 1874, a Villa Ruffi, en la històrica reunió entre anarquistes i republicans, Aurelio Saffi i Alessandro Fortis van ser arrestats acusats de conspiració insurreccional [50] . L'agost de 1881, Andrea Costa va fundar a Rimini el Partit Socialista Revolucionari de Romagna [51] .

El segle XX

Operacions militars a la línia gòtica (1944)

El 24 de maig de 1915, l'endemà de la declaració de guerra dels ' italians a Àustria-Hongria , i el 18 de juny d'aquell mateix any, Rimini va ser sotmesa a un bombardeig naval austríac, que va causar danys importants però no va causar víctimes. El desembre de 1915 i els primers mesos de 1916 la ciutat va patir els primers atacs aeris enemics, per part de bombarders austríacs que van enlairar-se de Pola i es van dirigir als tallers ferroviaris. La difícil situació creada per les hostilitats de la Primera Guerra Mundial va tenir greus repercussions en l'economia de la ciutat, a causa del tancament de la temporada de banys [52] . El 1916 un fort terratrèmol va danyar greument edificis històrics, esglésies i monuments, inclosa l'església de Sant'Agostino, l'ajuntament i el teatre Vittorio Emanuele II [53] .

El 1922 Riccione , en aquella època, una fracció del municipi de Rimini, que s'havia desenvolupat ràpidament com a estació costanera, es va convertir en un municipi per dret propi. Con il regime fascista il turismo d'élite fu soppiantato dalla nascita del turismo di massa, con la costruzione di numerosi alberghi, pensioni e villini, e l'apertura di colonie marine nelle frazioni periferiche; la città storica fu invece interessata dagli interventi di risanamento del Borgo San Giuliano (1931) e di isolamento dell' Arco d'Augusto (1938). Nello stesso periodo furono costruite opere di grande importanza per il futuro assetto urbano, tra cui il deviatore del Marecchia (1931), il lungomare (a partire dal 1935) e l' aeroporto di Rimini-Miramare (1938) [54] . Nel 1939 l'aeroporto divenne sede di un reparto dell'aeronautica militare e scalo della linea aerea Roma-Venezia [55] .

Durante la seconda guerra mondiale , tra il 1º novembre 1943 e il settembre 1944 nel corso dell' Operazione Olive , il cui scopo era di sfondare la Linea Gotica , su Rimini furono effettuate 11.510 missioni aeree [56] , di cui 486 nella sola giornata del 18 settembre, e furono distrutti o danneggiati 754 mezzi corazzati. [57] Secondo una stima tedesca, alla fine della battaglia più dell'80% di Rimini era stata rasa al suolo e migliaia di civili perirono negli scontri e nei bombardamenti. [58] I riminesi abbandonarono la città, ormai quasi completamente distrutta, per rifugiarsi nelle campagne circostanti e nella vicina Repubblica di San Marino [59] , dichiaratasi neutrale e quindi ritenuta sicura. Tra il 25 agosto e il 30 settembre 1944 le forze tedesche, comandate dal generale Traugott Herr , e le forze alleate ( Regno Unito , Canada , Nuova Zelanda e Grecia ), guidate dal generale Harold Alexander , si scontrarono presso Rimini, nelle vicinanze della Linea Gotica , combattendo una delle più sanguinose battaglie di tutta la Campagna d'Italia [60] . Rimini fu liberata il 22 settembre.

Il secondo dopoguerra fu caratterizzato da una rapida ricostruzione e da un'enorme crescita del settore turistico. Gli alberghi principali erano il Grand Hotel (Arpesella), Il Villa Rosa Riviera (Marchetti), l'Excelsior Savoia, l'Aquila d'Oro (Grossi), l'hotel Amati (Amati). Rimini, grazie a tali albergatori pionieri, al giro di cambiali, al Credito Romagnolo e all'aeroporto, era divenuta una delle più importanti località turistiche d' Italia e d' Europa . Conobbe un forte incremento demografico: i circa 77 000 abitanti del 1951 diventarono oltre 100 000 nel 1963 per effetto del movimento migratorio dall'entroterra, nonostante la fondazione del nuovo comune di Bellaria-Igea Marina (1956) [61] . Nel 1992 Rimini divenne capoluogo dell' omonima provincia , ottenendo l'autonomia amministrativa dalla Provincia di Forlì .

Simboli

Stemma del Comune di Rimini

Il Comune di Rimini ha come emblema uno scudo bipartito: nella prima metà sono raffigurati, su uno sfondo argenteo nella parte superiore ed un mare increspato in quella inferiore, l'Arco d'Augusto – in un'ipotetica ricostruzione del suo aspetto originario – e il Ponte di Tiberio, monumenti di grande valore identitario per la città. Nella seconda metà, di colore rosso, campeggia una croce guelfa rossa bordata d'argento [62] . Approvato nel 1930, lo stemma cittadino è il risultato dell'unione di due emblemi preesistenti: quello del libero Comune medievale – così come risulta da alcuni sigilli – e la croce guelfa concessa alla città nel 1509 con la “bolla sipontina” dal pontefice Giulio II [63] .

Onorificenze

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria Titolo di Città
«Decreto del Capo del Governo [64] [65] »
31 marzo 1930
Medaglia d'oro al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor civile
«Fedele alle sue più nobili tradizioni, subiva stoicamente le distruzioni più gravi della guerra per la liberazione, attestando, con il sacrificio eroico di numerosi suoi figli, la sua purissima fede in un'Italia migliore, libera e democratica.»
— Rimini, 1940–1944, DPR 16 gennaio 1961

Monumenti e luoghi d'interesse

Il Ponte di Tiberio e la chiesa dei Servi

La città ha mantenuto per secoli l'assetto romano, con il tracciato regolare dei suoi isolati, custodendo allo stesso tempo i grandi monumenti romani che ne dimostravano le origini antiche. Le trasformazioni medievali, le grandi opere di rinnovamento urbano dei Malatesta , i terremoti, le soppressioni degli ordini conventuali ne hanno determinato un'evoluzione continua, leggibile nella stratificazione di testimonianze storiche. I bombardamenti della seconda guerra mondiale distrussero la città, compromettendo gravemente il patrimonio monumentale e l'integrità del centro storico [66] , che è stato ricostruito e restaurato per valorizzarne gli spazi ei numerosi, pregevoli edifici.

Architetture religiose

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Architetture religiose di Rimini .
Il cinquecentesco Tempietto di Sant'Antonio
Il Tempio Malatestiano

Rimini possiede numerose chiese di interesse storico e artistico, conventi e santuari , arricchiti da pregevoli opere d'arte, che testimoniano l'evoluzione dell'architettura e dell'arte attraverso i secoli.

In età romana la città aveva numerosi templi , dedicati a diverse divinità, dei quali non restano testimonianze significative, ad eccezione delle tracce di un antico tempio romano, rinvenute nella pieve di S. Lorenzo in Monte, sul colle di Covignano [67] .

La città, situata alla confluenza di strade consolari di grande traffico, con un porto importante in collegamento con l'Oriente, accolse molto presto la religione cristiana [68] . Le prime testimonianze monumentali del Cristianesimo , tra cui la cattedrale di S. Colomba e la basilica di S. Gaudenzo, furono modificate nel corso dei secoli e distrutte nel periodo napoleonico [68] .

L'interno della chiesa del Suffragio
La chiesa di Sant'Agostino
L'interno della chiesa di Santa Rita
La chiesa di San Giuliano

Nel Medioevo sorsero i grandi conventi e le chiese di numerosi ordini religiosi, quali i Benedettini , gli Agostiniani , i Domenicani , i Francescani , i Carmelitani ei Serviti [69] e la città si arricchì di santuari, oratori, celle e tempietti, alcuni dei quali costruiti a ricordo di eventi miracolosi. Tra gli edifici religiosi più importanti costruiti in epoca medievale si ricordano S. Agostino , S. Francesco , S. Giuliano , S. Giovanni Battista, la chiesa dei Servi e la chiesa di S. Domenico, non più esistente.

La chiesa gotica di S. Francesco, già utilizzata come luogo di sepoltura dalla famiglia Malatesta , fu interamente trasformata nella prima metà del XV secolo da Sigismondo Pandolfo Malatesta nel Tempio Malatestiano , monumentale mausoleo del signore di Rimini, su progetto di Leon Battista Alberti .

Sui colli che circondano la città si trovano la chiesa di S. Fortunato, la chiesa della Madonna delle Grazie e la pieve di S. Lorenzo in Monte, di origini medievali e trasformate più volte nel corso dei secoli.

Nel Cinquecento furono costruiti la chiesa della Madonna della Colonnella e il Tempietto di Sant'Antonio da Padova. Nello stesso secolo furono rinnovate le chiese di S. Rita e di S. Giuliano .

La città ebbe tra il XIV e il XVI secolo una fiorente comunità ebraica , che costruì tre sinagoghe , delle quali non rimane alcuna traccia. La più antica sinagoga è attestata già dal 1486, in Piazza Cavour; una seconda fu costruita nella contrada di S. Colomba e una terza, detta “Sinagoga magna”, in via Cairoli.

Nel Settecento ordini e confraternite promossero il rinnovamento di tutti i principali edifici religiosi: sorse la chiesa del Suffragio e vennero trasformate, in forme grandiose ed eleganti, le chiese di S. Agostino , S. Giovanni Battista, S. Bernardino e la chiesa dei Servi . Gli interni furono decorati da opere di artisti riminesi ed emiliani quali Guido Cagnacci , il Guercino , Vittorio Maria Bigari e Antonio Trentanove. La chiesa di S. Colomba fu cattedrale fino al 1798: il titolo fu prima trasferito alla chiesa di S. Agostino e, nel 1809, al Tempio Malatestiano [70] . Il patrimonio architettonico religioso fu profondamente segnato dalla soppressione degli ordini voluta da Napoleone e dai bombardamenti della seconda guerra mondiale , che inflissero danni gravissimi.

Architetture civili

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Architetture civili di Rimini .
L'Arco d'Augusto

Le architetture civili di Rimini comprendono numerosi edifici ( palazzi , teatri , hotel storici, ville , villini) e altri monumenti ( fontane , ponti , archi ) che testimoniano la storia della città attraverso i secoli.

Il ponte di Tiberio
Palazzo Garampi
Palazzo dell'Arengo
La fontana della Pigna

L' Arco d'Augusto e il ponte di Tiberio , monumenti di età romana imperiale , sono da almeno mille anni i simboli di Rimini, ammirati e celebrati, inclusi nello stemma civico fin dal X secolo [71] e assunti a modello per l'architettura del Rinascimento [72] . L' Arco d'Augusto , il più antico arco romano superstite e simbolo di Rimini, fu costruito nel 27 aC in onore dell'imperatore Augusto per celebrare il restauro delle più importanti strade consolari italiane [73] . Il ponte di Tiberio , imponente costruzione a cinque arcate, fu costruito sotto Augusto a partire dal 14 dC e terminato nel 21 dC da Tiberio .

I palazzi dell'Arengo e del Podestà , in piazza Cavour, furono costruiti rispettivamente nel 1204 e nel 1334 in stile gotico. Il grande complesso monumentale, sede del potere civile, delle assemblee cittadine e dell'amministrazione della giustizia fin dal Medioevo , fu trasformato nei secoli successivi e riportato alle forme originarie con lunghi restauri compiuti tra il 1919 e il 1925.

I palazzi nobiliari, caratterizzati da un classicismo composto e solenne, furono in gran parte costruiti tra il XVI e il XVIII secolo dai più importanti casati riminesi. Tra i più importanti figurano Palazzo Garampi, sede del municipio in piazza Cavour, Palazzo Gambalunga, sede della Biblioteca Gambalunghiana , Palazzo Buonadrata, sede della Cassa di Risparmio, Palazzo Cima, Palazzo Diotallevi, Palazzo Giovannini, Palazzo Massani, Palazzo Ricciardelli, Palazzo Ripa, Palazzo Zavagli [74] .

Al XIX secolo risale Palazzo Ghetti, mentre del 1914 è il Palazzo della Cassa di Risparmio, costruito in piazza Luigi Ferrari come sede di rappresentanza della storica banca riminese.

Sul colle di Covignano e sugli altri poggi che circondano la città sorgono splendide ville signorili, sede di proprietari terrieri e residenze di rappresentanza, immerse nel verde di vigneti , oliveti e giardini formali di lecci e cipressi , tra cui Villa Des Vergers, Villa Mattioli, Villa Alvarado, Villa Bianchini, Villa Cantelli, Villa il Castellaccio e Castello Miramare.

Per molti secoli l'unica fontana monumentale della città, di fondamentale importanza in quanto fonte di approvvigionamento idrico, fu la fontana della Pigna , in piazza Cavour, affiancata dal “fontanone” dei cavalli nella stessa piazza. Nel 1928 fu costruita la fontana dei Quattro Cavalli a Marina Centro , a ornamento dei giardini del Kursaal.

L'antica pescheria e il faro, edifici storici della marineria, risalenti alla metà del Settecento , testimoniano la vitalità economica, imprenditoriale e marittima della città, che fu per lungo tempo uno dei principali porti pescherecci e commerciali dell' Adriatico [75] .

Per la sua tradizione di località turistica, tra le più antiche in Italia , la città possiede inoltre numerosi esempi di architetture balneari, quali hotel , stabilimenti balneari e villini, tra cui il Grand Hotel , le palazzine Roma e Milano, i villini Solinas, Baldini, Recordati e Cacciaguerra, a Marina Centro .

Architetture militari

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Architetture militari di Rimini .

Il patrimonio storico di architetture militari di Rimini riassume l'immagine e la struttura stessa della città dall'antichità romana fino al primo Quattrocento , documentandone i caratteri fondanti, l'evoluzione e gli eventi storici.

Le mura, con i suoi torrioni e le sue porte , e il castello costituirono per secoli un sistema difensivo importante per la vita cittadina sotto molteplici aspetti: protezione dai pericoli esterni, elemento essenziale dell'assetto urbanistico e controllo sui commerci con il territorio circostante [76] .

Rimini ebbe una cinta muraria fin dalla sua fondazione (268 aC); nel III secolo dC fu costruito un nuovo sistema fortificato che rimase operativo per molto tempo, fino al Medioevo , quando nuove esigenze militari richiesero l'edificazione di una nuova cerchia fortificata, voluta dall'imperatore Federico II [76] .

La cinta muraria malatestiana fu costruita in fasi differenti tra la metà del XIV e l'inizio del XV secolo, a difesa della città e del borgo San Giuliano, seguendo un tracciato leggermente esterno rispetto alle precedenti mura di età repubblicana e federiciana. Le mura del borgo San Giuliano furono edificate per volere di Galeotto I Malatesta nel 1359 [77] , mentre la cinta muraria della città fu costruita nel 1426 da Carlo Malatesta [78] .

Castel Sismondo , voluto da Sigismondo Pandolfo Malatesta come residenza signorile e fortezza al tempo stesso, coronava il sistema difensivo malatestiano connettendosi alla cinta muraria cittadina.

Al mutare delle tecniche militari e delle condizioni politiche, tra la fine del Settecento e la metà dell' Ottocento , quasi tutte le porte cittadine furono abbattute e sostituite da barriere daziarie; ulteriori distruzioni avvennero nel Novecento , quando l'espansione urbana varcò l'antico e ormai obsoleto limite delle mura [79] .

Strade e piazze

Rimini presenta una struttura urbana di origine romana , composta da piazze e strade più volte trasformate nel tempo, che testimoniano la sua evoluzione attraverso i secoli.

Piazze

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Piazze di Rimini .

Piazza Cavour, centro della vita cittadina dal Medioevo , e piazza Tre Martiri, l'antico foro romano , sono le due piazze principali di Rimini, punti di ritrovo e d'incontro, nei quali si svolgono tradizionalmente cerimonie , mostre e mercati [80] .

Tra le grandi piazze della città figurano inoltre piazza Malatesta, anticamente unita a piazza Cavour, sulla quale prospettavano la cattedrale e il castello [81] , e piazza Luigi Ferrari, realizzata nell' Ottocento con un importante rinnovamento urbanistico.

Strade

Le principali strade storiche sono il corso d'Augusto, l'antico decumano massimo, che collega l' Arco d'Augusto al ponte di Tiberio attraversando le piazze principali, affiancato da caffè , negozi , grandi magazzini, palazzi nobiliari e sedi di rappresentanza delle principali istituzioni pubbliche e private della città, e via Giuseppe Garibaldi, l'antico cardo massimo, che collega Porta Montanara alla stazione ferroviaria .

Un carattere distintivo della vecchia Rimini è dato da numerose piazzette, che compongono angoli particolarmente suggestivi: le piazzette Gregorio da Rimini o “delle poveracce”, San Bernardino, Ducale, Zavagli, Gaiana e dei Servi nel centro storico, e le piazzette San Giuliano, Pozzetto, Ortaggi, Gabena, Padella e Pirinela nel borgo San Giuliano.

Decoro urbano

Le strade e le piazze di Rimini sono ornate da monumenti , sculture , colonne e iscrizioni di diverse epoche. Tra i più importanti, si ricordano la colonna di Giulio Cesare , costruita nel 1555 per celebrare l'allocuzione che qui l'imperatore romano rivolse ai soldati della XIII legione dopo il passaggio del Rubicone [82] , il monumento a Paolo V , in piazza Cavour, eretto nel 1614 come atto di riconoscenza della città a papa Paolo V Borghese [83] e il monumento ai caduti della Grande Guerra in piazza Luigi Ferrari, realizzato da Bernardino Boifava nel 1926 [84] .

Siti archeologici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Siti archeologici di Rimini .

Rimini possiede il più grande patrimonio archeologico dell' Emilia-Romagna [85] , eredità del suo lungo passato e del suo ruolo di importante nodo stradale, centro economico e punto di riferimento per il territorio.

La ricchezza di ritrovamenti si deve all'opera di Luigi Tonini , il più illustre storico riminese [86] , e ai numerosi scavi effettuati nella seconda metà del Novecento [87] , che hanno prodotto una disponibilità documentaria molto ampia sulla storia e sulla struttura della città romana , sull' architettura , l' arte , i culti religiosi , l' economia e molteplici aspetti della vita quotidiana dei suoi abitanti.

I rinvenimenti includono le rovine del monumentale anfiteatro, numerose domus di età repubblicana e imperiale , resti della sede stradale, necropoli sorte lungo le vie consolari e impianti produttivi. I siti archeologici di tre domus, grandi abitazioni signorili che riflettono nei loro caratteri architettonici e decorativi il contatto con la cultura greca e il diffondersi della filosofia dell'“otium”, sono stati conservati in loco: la domus del Chirurgo , la domus di palazzo Massani e la domus della Camera di Commercio [88] . Il complesso dei siti archeologici riminesi include inoltre gli scavi archeologici dell'ex Consorzio Agrario e del convento di S. Giuliano, la Colonna miliare del Terzo Miglio a Miramare e il Ponte romano di S. Vito.

Aree naturali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Parchi di Rimini .

Rimini ha un ampio sistema di verde pubblico, con 1,3 milioni di m² di parchi e giardini in ambito urbano (9,4 m²/ab) [89] e un totale di 3,2 milioni di m² di aree verdi nell'intero territorio comunale [90] , inclusi parchi fluviali, impianti sportivi e aree naturalistiche.

Il sistema del verde comprende una serie di grandi parchi urbani, creati lungo l'antico corso del fiume Marecchia e del torrente Ausa , parchi e giardini di quartiere, viali alberati e verde d'arredo.

I principali parchi cittadini sono il parco XXV Aprile, il parco Giovanni Paolo II , il Parco Alcide Cervi , il Parco Maria Callas, il Parco Fabbri, il Parco della Ghirlandetta, il Parco Federico Fellini, il Parco Sandro Pertini, a Marebello, e il Parco Giovanni Briolini, a S. Giuliano Mare.

Il complesso arboreo presente nel territorio riminese comprende circa 42.000 alberi , appartenenti a 190 diverse specie, in prevalenza tigli , platani , aceri , pioppi , pini e querce [91] . Nel comune di Rimini sono presenti 23 grandi esemplari arborei tutelati come alberi monumentali per la loro età e il loro valore naturalistico [92] , tra cui il platano di piazza Malatesta, la roverella del parco Giovanni Paolo II, i cipressi di S. Agostino, l' olmo di viale Amerigo Vespucci ei tigli di S. Fortunato.

La rete ciclabile cittadina si articola nel verde dei parchi e lungo i viali più importanti, collegando i principali monumenti, le attrazioni turistiche, le spiagge ei luoghi di ritrovo e offrendo opportunità a diverse categorie di utenti, dagli spostamenti urbani, alla mountain bike, al cicloturismo.

La rete ciclabile urbana è connessa, attraverso il parco XXV Aprile, al percorso ciclabile che collega Rimini a Saiano lungo il corso fluviale del Marecchia .

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [93]

Etnie e minoranze straniere

Al 31º dicembre 2019 la popolazione straniera residente era di 20 471 persone [94] . Le nazionalità maggiormente rappresentate erano:

Qualità della vita

Nella classifica Ecosistema urbano 2020 stilata da Legambiente , la città si posiziona al 14º posto tra le città più virtuose in Italia in materia di tutela dell'ambiente [95] .

La raccolta differenziata si attesta al 71,8% nell'anno 2020 [96] .

Rimini, insieme ai territori di Bellaria-Igea Marina , dei comuni della Valmarecchia e della Repubblica di S. Marino , è servita dall'impianto di depurazione di S. Giustina, che utilizza la tecnica di ultrafiltrazione a membrane. Per superare la gran parte dei divieti temporanei di balneazione disposti quando, in occasione di piogge intense o temporali , si rende necessario lo scarico in mare di acque reflue , nel 2013 sono stati avviati lavori di potenziamento della rete fognaria , il cui completamento è previsto per il 2024 [97] . Gli interventi eseguiti tra il 2013 e il 2020 hanno permesso di eliminare quasi del tutto i divieti temporanei di balneazione a Marina Centro, Viserba, nella zona sud di Viserbella e nelle zone nord di Rivabella e Torre Pedrera, in aggiunta ai tratti costieri già non interessati (la zona nord di Marina Centro, la zona sud di Bellariva, Marebello, la zona nord di Rivazzurra e la zona centrale di Torre Pedrera).

Rimini è al 25º posto per il clima tra i capoluoghi di provincia italiani secondo Il Sole 24 Ore [98] .

Cultura

Istruzione

L'ingresso di Palazzo Gambalunga, sede della Biblioteca Civica Gambalunga

Biblioteche

La Biblioteca Civica Gambalunga , storica istituzione fondata nel 1617 dal giureconsulto Alessandro Gambalunga , svolge un ruolo preminente nella vita culturale cittadina. Il patrimonio librario, costituito da circa 2.000 volumi al tempo della fondazione e ampliato nel corso dei secoli da acquisti e donazioni – tra cui quelle del cardinale Giuseppe Garampi e dell'antichista Adolphe Noel des Vergers – conta attualmente 280.000 libri (di cui 60.000 antichi), 1.350 manoscritti, 6.000 stampe [99] e 80.000 fotografie [100] . Tra le edizioni a stampa del XV secolo, gli incunaboli , spiccano il De claris mulieribus (1497) di Giacomo Filippo Foresti , tratto in parte dall' omonima opera di Giovanni Boccaccio , e il De re militari (1472) di Roberto Valturio , trattato di larga divulgazione sull'arte della guerra dedicato a Sigismondo Pandolfo Malatesta . La raccolta di codici miniati, provenienti da diversi ambiti culturali e linguistici europei, annovera il Regalis Historia di frate Leonardo (XIV secolo) e il De Civitate Dei di Sant'Agostino (inizi del XV secolo).

Scuole

Hanno sede a Rimini istituzioni scolastiche pubbliche di ogni ordine e grado: il territorio comunale conta 13 nidi d'infanzia comunali, 12 scuole dell'infanzia statali, 39 scuole primarie statali, 5 scuole secondarie statali di primo grado e 11 scuole secondarie statali di secondo grado (4 licei, 3 istituti tecnici, 3 istituti professionali e un istituto di studi musicali). [101]

Il più antico liceo cittadino è il Liceo Classico “Giulio Cesare”, istituito nel 1800 [102] e ospitato prima all'interno di Palazzo Gambalunga, poi a Palazzo Buonadrata e, dal 1996, nell'attuale sede di Via Maurizio Brighenti. Tra gli alunni celebri che frequentarono il liceo si ricordano Giovanni Pascoli , Federico Fellini , Sergio Zavoli e Antonio Paolucci . [102]

Università

La sede dell'Università di Bologna a Rimini, in Via Angherà

Il Campus di Rimini dell' Università di Bologna , sede di decentramento di attività e strutture dell'ateneo bolognese, è frequentato da circa 5.800 studenti [103] . I corsi di laurea del Campus riminese appartengono a otto facoltà [104] :

  • Economia
  • Scienze Statistiche
  • Farmacia
  • Lettere e Filosofia
  • Chimica Industriale
  • Scienze Motorie
  • Medicina e Chirurgia
  • Scienze della Formazione

Musei

Il Museo della Città , principale istituzione museale di Rimini, fu inaugurato come Galleria Archeologica al piano terra di Palazzo Gambalunga nel 1872 dallo storico riminese Luigi Tonini [86] , assai attivo nella ricerca e nello studio del patrimonio archeologico locale, che da secoli d'altronde rivestiva uno spiccato interesse nella cultura cittadina data la grandiosità dei monumenti e delle rovine che l'età romana aveva qui lasciato [105] . La galleria fu il primo museo della città e fu concepita come raccolta di antichità etrusche e romane rinvenute a Rimini e nelle campagne circostanti.

Nel 1923 il museo fu ordinato nelle sale del convento di San Francesco e nel 1938 fu ampliato con una sezione di arte medievale. I materiali furono sottratti alle distruzioni belliche con il trasferimento tra il 1940 e il 1943 di gran parte dei reperti in due distinti rifugi a Spadarolo e Novafeltria [106] . Nel 1964 le raccolte furono trasferite a Palazzo Visconti e infine, nel 1990, nel grande Collegio dei Gesuiti, progettato dall'architetto bolognese Alfonso Torregiani e ultimato nel 1749.

Nella sezione archeologica sono esposti corredi delle necropoli villanoviane di Verucchio e Covignano, frammenti architettonici, sculture, mosaici, ceramiche, monete di età repubblicana e imperiale e il singolare corredo medico dalla domus del chirurgo . Nella raccolta del lapidario romano, ordinato nella corte del convento, figurano monumenti funerari, epigrafi e miliari.

La sezione di arte medievale e moderna comprende raccolte di pittura, scultura, ceramica e oggetti d'arte di scuola romagnola ( Giovanni da Rimini , Giuliano da Rimini , Guido Cagnacci ), emiliana ( Guercino , Vittorio Maria Bigari ), toscana ( Domenico Ghirlandaio , Agostino di Duccio ) e veneta ( Giovanni Bellini ) dal XIV al XIX secolo. Il museo organizza esposizioni temporanee e promuove attività di ricerca, studio e restauro del patrimonio storico e artistico cittadino.

Nel 2020 è stato inaugurato il PART (Palazzi dell'Arte di Rimini), si tratta di una galleria d'arte contemporanea nata grazie alla collaborazione tra il Comune e la Fondazione della Comunità di San Patrignano . Ospita opere di proprietà della Fondazione San Patrignano di artisti come Vanessa Beecroft , Sandro Chia , Enzo Cucchi , Damien Hirst , Emilio Isgrò , Igor Mitoraj , Mimmo Paladino , Michelangelo Pistoletto , Mario Schifano .

Il Museo Fellini, dedicato all' omonimo regista riminese, ospita esposizioni temporanee di documenti, disegni, scenografie e costumi relativi alla produzione cinematografica di Federico Fellini [107] . Il 19 agosto 2021 è inaugurato il nuovo Fellini Museum Rimini ospitato in tre sedi: Castel Sismondo, Piazza Malatesta e Palazzo del Fulgor. [108]

Il Museo degli Sguardi, attualmente chiuso, ospitato nella settecentesca Villa Alvarado, sul colle di Covignano, fu istituito nel 2005 con l'acquisizione dei reperti del Museo delle culture extraeuropee “Dinz Rialto” , fondato a Rimini nel 1972 dall'omonimo esploratore padovano, delle raccolte del Museo Missionario Francescano delle Grazie e di collezioni private. Il museo conta oltre 3.000 pezzi provenienti da Cina, Oceania, Africa e America precolombiana [109] : dipinti, sculture, oggetti d'uso, totem, maschere, strumenti musicali e tessuti illustrano i modi in cui il mondo occidentale ha guardato storicamente alle culture di questi paesi.

Il Museo della Piccola pesca e della Marineria, a Viserbella , documenta la storia della marineria riminese attraverso una raccolta di imbarcazioni, attrezzi per la pesca, modelli, fotografie e un'ampia collezione di conchiglie, provenienti da tutto il bacino del Mediterraneo [110] .

Nel comune di Rimini sono presenti due musei privati: il Museo dell'Aviazione [111] in cui ha sede anche il Museo dell'Aeromodellismo [112] a Sant'Aquilina, al confine con la Repubblica di San Marino , e il Museo Nazionale del Motociclo, in località Casalecchio.

Media

Stampa

La città può vantare, a meno di trent'anni di distanza dalla data di fondazione della prima gazzetta italiana a Firenze , la pubblicazione del suo primo giornale, il Rimino (1660), stampato dal tipografo veneziano Simbene Simbeni [113] . Negli anni compresi tra l' Unità d'Italia e la prima metà del Novecento il largo numero di testate riminesi riflette la varietà e la pluralità delle posizioni e degli interessi cittadini [114] . Assai numerose furono le testate di partiti politici ( Il Progressista , La Vita Nuova , L'Alfabeto , Italia [115] , Il Mulo , L'Azione Democratica , La Discussione , Il Momento , La Riscossa , L'Ausa , La Lotta , Il Giornale del Popolo ) [116] e le testate fasciste ( La Penna Fascista , La Prora , Il Tricolore , La Testa di Ponte , Il 33 ) [117] , cui si affiancarono quelli di istituzioni pubbliche, enti religiosi, categorie professionali e movimenti culturali. Singolare testimonianza delle vicende storiche, dello sviluppo turistico e dell'evoluzione dei costumi sono i periodici balneari ( Corriere dei Bagni , Nettuno , La Sirena , Galatea , La tregua di Attila , Zigh-zagh [115] , Il Gazzettino Verde , La Perla dell'Adriatico , Il Nautilo , Loreley , Il Concerto , Il Lunario [116] , Il Lido , Il Moscone , Il Ficcanaso , Il Giojante , Allegre Giornate [117] ). L'informazione locale di Rimini è curata dalle redazioni dei quotidiani Corriere di Rimini , Il Resto del Carlino , il Corriere Romagna e dal settimanale cattolico Il Ponte .

Radio

La prima emittente radiofonica della città fu Radio Rimini (1975), le cui trasmissioni proseguirono fino al 1993 [118] . A Rimini ha sede Radio Icaro , fondata a Riccione nel 1981 e facente parte del circuito nazionale di radio cattoliche “Inblu”.

Televisione

La prima emittente televisiva cittadina fu Babelis tv poi rinominata TeleRimini (dal 2006 Rete 8-VGA ) le cui trasmissioni ebbero inizio nel dicembre 1971 [119] , con servizi sulla città e il suo territorio, telecronache di eventi sportivi e telefilm. L'informazione televisiva locale è curata inoltre da Teleromagna [120] e IcaroTV , che si occupano di cronaca, sport, folklore e programmi di approfondimento.

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arte riminese .
Cornice del mosaico di Anubi (Rimini, Museo della Città)

Lo sviluppo delle arti figurative a Rimini fu sempre condizionato in larga misura da apporti esterni, cui si devono opere assai rappresentative: l'assenza di una cultura artistica locale realmente attiva e autonoma spiega bene questo fenomeno, protrattosi nei secoli pur con alcune rare eccezioni [121] . La dispersione e la distruzione di molte testimonianze d'arte, dovute specialmente ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, non sempre consentono una lettura unitaria della storia artistica locale.

Mosaico di età tardoimperiale con Vittorie alate e scudo raffigurante Medusa (Rimini, Museo della Città)
Particolare della Cappella della Madonna dell'Acqua nel Tempio Malatestiano
Giotto, Crocifisso (Rimini, Tempio Malatestiano)
Piero della Francesca, Sigismondo Pandolfo Malatesta in preghiera davanti a San Sigismondo (Rimini, Tempio Malatestiano)

I monumenti più grandiosi dell'antichità a Rimini, l' Arco d'Augusto e il Ponte di Tiberio , furono costruiti per iniziativa dall'imperatore Augusto. Grandi edifici pubblici e importanti luoghi collettivi (anfiteatro, teatro, foro, terme) [122] sorsero nella prima età imperiale secondo forme architettoniche e modelli ormai consolidati. I caratteri tipologici dell'edilizia residenziale di età imperiale non hanno riscontri nelle regioni della Gallia Cisalpina , tanto per la complessità planimetrica, quanto per la ricchezza di ambienti di rappresentanza e la presenza di vasche ornamentali [123] . In età romana Rimini fu un centro artistico importante, per la presenza di pregevoli opere di importazione e per lo sviluppo in loco di officine e scuole specializzate nella produzione di ceramiche, terrecotte architettoniche [124] , bronzi artistici [125] e mosaici [126] , che raggiunsero altissimi livelli tecnici [127] .

Con l'istituzione del libero comune sorsero in fasi distinte le sedi del potere civile, Palazzo dell'Arengo e Palazzo del Podestà , la cui struttura è analoga a quella dei broletti dell' Italia settentrionale [128] . La più importante testimonianze dell'architettura ecclesiastica medievale è rappresentata dalla chiesa di Sant'Agostino [128] . Intorno al 1310 Giotto dipinse gli affreschi e il Crocifisso su tavola della chiesa di San Francesco: opere importantissime che furono determinanti per lo sviluppo della Scuola riminese del Trecento [129] , espressione artistica autonoma e di alto livello [128] , alla quale appartennero il Maestro dell'Arengo, Giovanni Baronzio , Neri da Rimini , Giovanni da Rimini , Giuliano da Rimini e Francesco da Rimini [130] .

Nella prima metà del Quattrocento il signore di Rimini, Sigismondo Pandolfo Malatesta , le cui ambizioni di mecenatismo furono di certo finalizzate ad accrescere il suo prestigio [131] , promosse la costruzione di opere architettoniche di assoluto rilievo: il Tempio Malatestiano di Leon Battista Alberti e Castel Sismondo . Per il monumento che doveva rendere immortale il suo nome, il Tempio Malatestiano , Sigismondo Pandolfo Malatesta chiamò Agostino di Duccio e Piero della Francesca , il cui affresco, Sigismondo Pandolfo Malatesta in preghiera davanti a san Sigismondo , insieme al ritratto su tavola del signore custodito al Louvre , rappresenta una tappa fondamentale nel percorso stilistico del maestro toscano [132] . Nella seconda metà del secolo giunsero a Rimini, sempre su commissione malatestiana, opere di Giovanni Bellini e Domenico Ghirlandaio .

Dopo la caduta dei Malatesta , perduto il ruolo di capitale, non si ebbero più grandi opere a Rimini. L'architettura barocca sfuggì agli eccessi e ai fasti propri di questo stile e mantenne un carattere più sobrio e controllato, al pari delle coeve opere bolognesi [133] . La pittura barocca assunse spiccati accenti naturalistici nei dipinti di Guido Cagnacci e Giovan Francesco Nagli , detto il Centino [133] , che si distinguono per le ricerche formali sull'uso della luce. Le architetture neoclassiche più significative furono realizzate da architetti forestieri, tra cui Giuseppe Valadier , Giuseppe Achilli e Luigi Poletti [134] . Tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX, secondo il nuovo gusto borghese per lo storicismo eclettico ed il linguaggio dell' Art Nouveau , sorsero grandi alberghi, villini e stabilimenti per l'alta società, concepiti come volumi tradizionali ma arricchiti da decorazioni floreali e motivi esotici.

Nel complesso scenario dell'architettura contemporanea spiccano le opere di Paolo Portoghesi , Massimiliano Fuksas , Mario Cucinella , Ron Arad e dello studio GMP (Gerkan, Marg und Partner) [135] . Opere rappresentative dell'arte riminese del Novecento sono le sculture informali di Elio Morri e Arnaldo Pomodoro (autore del monumento funebre a Federico Fellini ), le illustrazioni per grandi firme della moda di René Gruau, la street art di Eron; da ricordare inoltre i manifesti balneari di noti grafici e pittori italiani e stranieri, tra cui Adolfo Busi, Marcello Dudovich e Milton Glaser .

Teatro

Interno del teatro Novelli

Certa è la presenza di un teatro stabile a Rimini dal 1681, quando il Consiglio comunale decise la trasformazione del salone dell'Arengo in una sala teatrale di grandi dimensioni a palchetti in legno [136] su progetto del veneziano Pietro Mauri. Gli spettacoli delle compagnie filodrammatiche qui rappresentati furono seguiti per breve tempo dal giovane Carlo Goldoni , trasferitosi a Rimini per studiare alla scuola di filosofia dei Domenicani [136] . Le strutture del teatro si rivelarono ben presto insufficienti per il limitato numero di posti e furono smantellate nel 1839 a causa di motivi statici. Anche il Teatro Buonarroti , fondato nel 1816 e frequentato principalmente da esponenti dell'aristocrazia riminese, dovette essere chiuso nel 1843 per minacce di crolli. Tra il 1842 e il 1857 fu costruito il Teatro comunale Vittorio Emanuele II (dal 1947 dedicato a Amintore Galli ), progettato da Luigi Poletti secondo gli ormai tradizionali canoni del teatro ottocentesco. Il monumentale edificio neoclassico, preceduto da un portico a cinque arcate, si componeva di un grande atrio a tre navate al piano terra, di un foyer al piano superiore e di una cavea di tre ordini di ventuno palchi sui quali girava la balconata del loggione. Il teatro, inaugurato con la prima de l' Aroldo di Giuseppe Verdi , diretta dal maestro di Busseto, ospitò prestigiose stagioni liriche e di prosa fino alla sua parziale distruzione, avvenuta nel dicembre 1943 a causa di un bombardamento aereo.

  • Nell'immediato dopo guerra il Teatro viene occupato dai militari e poi, dai riminesi stessi, saccheggiato di arredamenti, mobilio, lampadari al fine di utilizzare i materiali per ricostruire le abitazioni distrutte dalla guerra. Nel 1947 il Teatro, semidistrutto, è dedicato al musicista Amintore Galli (1845-1919), critico musicale e compositore famoso a livello nazionale e mondiale, per il successo del suo Inno dei lavoratori con il testo scritto da Filippo Turati.
  • Nel 1975, viene realizzato il primo restauro dell'avancorpo del Teatro. È rinnovata la pavimentazione degli atri e delle sale laterali, consolidati con travi in ferro il piano e il soffitto della sala Ressi, restaurate le decorazioni e le pitture, impermeabilizzato l'esterno dell'edificio. Negli anni a seguire il foyer viene utilizzato per lo svolgimento del Consiglio Comunale.
  • Nel 1997, grazie a un finanziamento del Ministero dei Beni Culturali per i Beni Architettonici di Ravenna si provvede al restauro delle facciate esterne, delle superfici decorate nella Sala delle Colonne e nella Sala Ressi e al rifacimento di alcune pavimentazioni .
  • Nel 2010, dopo un lungo dibattito culturale sulle modalità di ricostruzione del Teatro Galli, viene approvato il progetto che prevede la ricostruzione della Sala e del Palcoscenico, che viene così a sostituire il progetto di un teatro completamente nuovo che aveva vinto il concorso bandito dal Comune e firmato dall'architetto Adolfo Nicolini, della scuola fiorentina.
  • Fra gli anni 2010-2015, grazie al contributo economico della Regione Emilia-Romagna – finanziamento Europeo POR FESR – viene realizzato un complesso e articolato intervento di restauro, consolidamento e adeguamento funzionale del Foyer in grado di recepire anche le nuove esigenze legate alla ricostruzione di tutto il Teatro. Nel corso dei lavori viene realizzata anche a livello del 2^ sottotetto, prevista dall'architetto Luigi Poletti ma incompleta dal 1857.
  • Il 30 ottobre 2011 il teatro viene riaperto con la presentazione dello spettacolo De bello Gallico - Rimini Enklave creato dal regista Roberto Paci Dalò e allestito come progetto site-specific nel cantiere del teatro. Grazie a questa prima presentazione, negli anni a seguire gli spazi verranno talvolta utilizzati per brevi periodi in particolare nel periodo natalizio.
  • Nel 28 marzo 2015, conclusi i lavori di restauro iniziati nel 2010, il Foyer viene consegnato alla città per essere utilizzato come contenitore culturale nell'attesa che si concluda la ricostruzione del Teatro Galli.
  • Il 28 ottobre 2018 terminano tutti i lavori di restauro e il teatro viene ufficialmente riconsegnato alla città.

Dal dopoguerra ad oggi le rappresentazioni ripresero al moderno Teatro Ermete Novelli , inaugurato nel 1935 a Marina Centro, sul luogo dell'Arena Lido, che allietava con serate di prosa e di operette il soggiorno dei turisti al lido di Rimini.

Cinema

Federico Fellini sul set cinematografico

Rimini compare per la prima volta sullo schermo in alcuni filmati sulla vita balneare, tra cui il documentario Rimini l'Ostenda d'Italia (1912) [137] . Negli anni trenta i cinegiornali Luce celebrano la conquista del tempo libero e la nascita del turismo di massa, divulgando per la prima volta l'immagine della città a un vasto pubblico. Fu tuttavia Federico Fellini , tra i più noti registi della storia del cinema, a rendere celebri nel mondo personaggi, luoghi e atmosfere di Rimini attraverso i suoi film, ispirati alla sua città natale, anche se girati quasi interamente negli studi di Cinecittà , a Roma: I vitelloni (drammatico 1953), (drammatico 1963, premio Oscar 1964), il documentario I clowns (1970) e specialmente Amarcord (drammatico 1973, premio Oscar 1975). I film e gli scritti del regista rivelano la conflittualità del suo rapporto con Rimini. Fellini ammise di non tornarvi volentieri: una sorta di imbarazzo nacque in lui per avere “speculato” tanto sulla sua città, che rappresentava per lui più una “dimensione della memoria” che un luogo reale [138] . Nei suoi lungometraggi ricorrono spesso, con significati allegorici, i temi autobiografici e le rievocazioni oniriche del mare, simbolo dell'avventura e del viaggio, del mondo contadino e popolare, della ricchezza e dello sfarzo del Grand Hotel , della città che scompare nei banchi di nebbia delle giornate invernali. Oltre ai lungometraggi di Fellini, tra i numerosi film girati a Rimini spiccano La prima notte di quiete (drammatico 1972, regia di Valerio Zurlini), Rimini Rimini (comico 1987, regia di Sergio Corbucci), Abbronzatissimi (comico 1991, regia di Bruno Gaburro), Sole negli occhi (drammatico 2001, regia di Andrea Porporati), Da zero a dieci (drammatico 2002, regia di Luciano Ligabue) e Non pensarci (commedia 2007, regia di Gianni Zanasi).

Musica

Il primo musicista riminese di cui si abbiano notizie fu Sant'Arduino da Rimini (X secolo) [139] ; una tradizione musicale di un certo rilievo è testimoniata nel secolo successivo dalla presenza di una “Scuola cantorum” presso la cattedrale di Santa Colomba. Tra il XV e il XVI secolo è da ricordare la significativa presenza di Guillaume Dufay , compositore francese tra i più importanti del tempo, che fu alla corte malatestiana fino al 1427 e vi compose numerose opere, e di Pietro Aaron , che nel 1518 divenne il primo maestro di cappella del coro della cattedrale.
Nel 1690 la città diede i natali a Carlo Tessarini , violinista e compositore di concerti, sonate e sinfonie [140] .
Rimini diede anche i natali al musicista Benedetto Neri 1771 - 1841, che visse e morì a Milano, dove fu professore al Conservatorio e Direttore musicale del Duomo.
Amintore Galli , illustre musicologo e compositore nato nel 1845 a Talamello , frequentò il Ginnasio di Rimini prima di trasferirsi a Milano per studiare al Conservatorio [141] . Galli fu critico per il quotidiano musicale “Il Secolo” e compose nel 1886 l' Inno dei lavoratori ; a lui fu dedicato nel 1945 il Teatro comunale di Rimini. Tra la fine dell' Ottocento ei primi anni del Novecento una certa vivacità caratterizzò lo Stabilimento dei Bagni, presso il quale si tenevano eventi mondani e serate danzanti; negli stessi anni furono ospiti del lido di Rimini il soprano Elena Bianchini Cappelli e il tenore Enrico Caruso [142] . In anni recenti la città diviene ispirazione per l' omonimo album di Fabrizio De André , pubblicato nel 1978, ed è ricordata in diverse canzoni popolari italiane e straniere: Rimini ( Fabrizio De André ), Inutile ( Francesco Guccini ), Amarcord ( Nino Rota , nella colonna sonora dell'omonimo film di Fellini), Adriatico ( Claudio Lolli ), Tokyo storm warning ( Elvis Costello ), Ritorna a Rimini ( Fred Buscaglione ). Sono nati a Rimini il cantautore Samuele Bersani , la cantante Raffaella Cavalli , il compositore e regista Roberto Paci Dalò e il compositore e produttore discografico Carlo Alberto Rossi , autore di canzoni di successo ( Le mille bolle blu e E se domani di Mina ).

Al centro della panoramica musicale riminese vi è, dal 1828 , l'associazione Filarmonica Città di Rimini che interviene alle principali manifestazioni istituzionali della città ed organizza concerti e manifestazioni musicali.

Cucina

Tagliatelle al ragù

La cucina riminese è semplice, popolare, ed è legata indissolubilmente alle tradizioni della civiltà contadina e alla cultura della terra, con influssi peculiari dovuti alla posizione tra mare e collina, al confine tra Romagna e Marche . I piatti riminesi si basano sull'uso di farina, uova, formaggi, carne e legumi, ingredienti classici della cucina romagnola , ai quali si aggiungono il pesce azzurro , di cui il mare Adriatico era ricchissimo, le erbe aromatiche – aglio, finocchio selvatico, prezzemolo, rosmarino, rosole, ortica, rucola – e prodotti tipici locali, tra cui olio extravergine di oliva , strigoli, bietole e spinaci.

Il piatto principale è tradizionalmente la pasta , asciutta, in brodo o al forno, preparata in molte forme diverse. I primi piatti si ottengono quasi tutti dalla sfoglia, uno degli elementi distintivi della cucina locale: un impasto di uova e farina, lavorato a mano e steso con il mattarello, dalla superficie fine e lievemente rugosa per assorbire i condimenti. Una versione verde della sfoglia, preparata con l'aggiunta di spinaci, viene utilizzata per le lasagne al forno . Tra i primi figurano i cappelletti , i passatelli in brodo, le lasagne al forno , i cannelloni , i nidi di rondine, i ravioli , le tagliatelle , i garganelli , i maltagliati , gli gnocchi e gli strozzapreti [143] , spesso conditi con ragù di carne o con burro e salvia.

Piada romagnola

I secondi piatti comprendono piatti di carne quali il pollo alla cacciatora , il coniglio in porchetta, le zucchine ripiene, i salumi, le grigliate miste composte da braciole di castrato e salsicce di maiale, e piatti di pesce, tra cui le grigliate di sgombri, saraghine, sardoncini e sarde, gli spiedini di pesce cotti sul “focone”, le seppie con i piselli, le fritture di calamaretti e di bianchetti (qui conosciuti come “omini nudi”) [144] .

La piada , chiamata anche piadina, è un pane di antica tradizione, sottile e friabile, ottenuto da un impasto di farina , acqua , strutto e sale , e fatta cuocere al fuoco su un testo di terracotta o in ghisa. È spesso accompagnata a grigliate di carne o di pesce, salsicce, verdure gratinate, salame, prosciutto, formaggi freschi o erbe di campagna. I cassoni, o crescioni, sono focacce ripiene che costituiscono una variante “chiusa” della piada [145] e vengono farciti con numerosi ripieni differenti: rosole ed erbe di campo, patate e salsicce, pomodoro e mozzarella.

I contorni comprendono insalate miste, verdure gratinate, patate al forno, strigoli saltati in padella, olive marinate con finocchio selvatico , aglio e scorza d'arancia. I dolci riminesi sono rustici e venivano preparati quasi esclusivamente in occasione del Natale e del Carnevale . La ciambella appartiene alla tradizione di Natale; i fiocchetti e le castagnole a quella di Carnevale; la piada dei morti è un dolce con noci, uvetta, pinoli e mandorle, caratteristico del mese di novembre [146] . La zuppa inglese è un dolce particolarmente ricco che combina il gusto delicato della crema pasticciera a quello robusto dei savoiardi imbevuti in diversi liquori [147] . I dessert di frutta includono i fichi caramellati, le pesche con l'Albana e le fragole con il vino rosso.

Prodotti tipici locali sono lo squacquerone , formaggio fresco a pasta molle, dal sapore leggermente acidulo, e la saba, sciroppo d'uva o mosto cotto, usato per la preparazione di dolci. L' olio extravergine di oliva ha una tradizione storica testimoniata dalla presenza di frantoi attivi sin dall'antichità [148] [149] . La produzione di olio deriva principalmente dalla varietà Correggiolo, la più diffusa sul territorio, dal colore giallo con riflessi verdi molto intensi e dal sapore fruttato, con note aromatiche di mandorla verde [150] . I vini più noti sono il Sangiovese , dal colore rosso rubino carico, e il Trebbiano , bianco asciutto e armonico, ma anche altri vini si sono imposti per le loro caratteristiche qualitative: il Pagadebit , la Rebola , il Cabernet Sauvignon [151] e l' Albana , bianco secco e amabile risalente probabilmente all'epoca romana.

Eventi

Manifestazioni ed eventi di primo piano si tengono a Rimini in ogni periodo dell'anno.

Ogni anno sono in programma diversi eventi: dalle rassegne – la più nota delle quali è la Sagra Musicale Malatestiana [152] –, a concerti, eventi sportivi ( Paganello ), culturali Festival del mondo antico , e mondani, tra cui particolare rilievo ha la Notte Rosa , che si festeggia in contemporanea lungo l'intera costa dell' Emilia-Romagna . In inizio estate altri eventi caratterizzano la città, uno di questi è "Al Mèni" [153] , Rimini diventa la capitale italiana del gusto, il Circo 8 e 1/2 dei sapori , showcooking degli chef, street food gourmet, gelati stellati, mercato dei prodotti di contadini, artigiani e designer.

Tra il 1954 e il 1956 la città fu sede delle finali del concorso di bellezza Miss Italia , che videro l'elezione di Eugenia Bonino nel 1954, Brunella Tocci nel 1955 e Nives Zegna nel 1956.

Per quanto riguarda le manifestazioni ed eventi fieristici, Rimini è dotata di un quartiere fieristico moderno e funzionale capace di attirare milioni di visitatori ogni anno. Nel solo 2015 il quartiere Fieristico di Rimini ha visto in calendario 41 manifestazioni, totalizzato 8.525 espositori, mentre i congressi e gli eventi ospitati sono stati 141, e il tutto ha generato oltre 2 milioni di presenze [154] . La società che organizza tali eventi fieristici è l' Italian Exhibition Group SpA società per azioni, quotata in borsa . Il quartiere fieristico di Rimini presidia quattro distretti economici (Travel & Tourism, Technology & Enviroment, Entertainment & Leisure e Hotel & Food Industry) con manifestazioni ad alta specializzazione (35 tra annuali e biennali, 11 delle quali con la qualifica di internazionale e per la maggior parte organizzate direttamente).

Il quartiere fieristico di Rimini si compone:

  • di una struttura fieristica, completata nel 2001 e ampliata nel 2017, che è uno tra i più grandi quartieri fieristici d'Italia, in termini di superficie. Organizzata su un unico livello, dispone di 189.000 mq di superficie utile, di cui 129.000 mq di superficie espositiva lorda e 60.000 mq di superficie per i servizi, ed è dotata di 24 sale convegni modulabili, una stazione ferroviaria interna di linea, 11.000 posti auto, oltre a sala stampa, business center e ristoranti/corner ristorazione. [155]
  • di un centro dei cogressi (il Palacongressi ) che sorge dove un tempo si trovava il vecchio quartiere fieristico riminese. Progettato dalla GMP di Amburgo e costruito ex novo dalla Società del Palazzo dei Congressi SpA di Rimini, sorge su un'area di 38.000 metri quadri e ha una capienza complessiva di 9 300 posti. Completano la struttura un'area servizi, ristoranti e centri di ristoro e un sistema di 500 parcheggi interrati.

Grazie a queste strutture fieristiche Rimini è sede di congressi nazionali e internazionali. Ad esempio, la città ospita il Meeting per l'amicizia fra i popoli e le Giornate internazionali di studio “Pio Manzù” , nell'ambito dei quali si tengono interventi, mostre e incontri su temi di attualità, società e politica. [1]

Geografia antropica

Urbanistica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Urbanistica di Rimini .
Vista aerea della città

Rimini presenta un impianto urbano di origine romana, riconoscibile dalla regolarità dei tracciati viari del centro storico. Tale impianto, basato su due assi fondamentali, il decumano (Corso d'Augusto) e il cardo massimo (via Giuseppe Garibaldi – via IV Novembre), era originariamente compreso entro i limiti naturali rappresentati dal Marecchia a NO e dell' Ausa a SE. I limiti difensivi rimasero per secoli coincidenti con le mura aureliane.

Nel Medioevo la città si espanse verso il porto, dotandosi di una nuova cinta muraria e trasformando alcune aree del centro urbano, come i rioni Montecavallo, Pomposo e Clodio, con strade strette e dall'andamento sinuoso, irregolare e concentrico. I mutamenti verificatisi tra il XV e il XIX secolo non comportarono modifiche sostanziali all'impianto ormai consolidato della città. Le vaste aree libere parzialmente coltivate a orti che esistevano nel tessuto urbano furono rimarginate solo tra la metà dell' Ottocento ei primi anni del Novecento [156] .

Nel 1825 l'immigrazione e soprattutto la necessità di localizzare fuori dalla cinta muraria le attività produttive portarono alla formazione, lungo le tre direttici per l'entroterra, del borgo Sant'Andrea. Questo sobborgo si aggiunse a quelli di San Giuliano e San Giovanni, esistenti rispettivamente almeno dall'XI e XVI secolo, anche se più volte ricostruiti [157] . Nel 1843 fu costruito il primo stabilimento balneare (1843), che fu collegato direttamente alla città attraverso Viale Principe Amedeo.

Dall'inizio del Novecento , grazie allo sviluppo turistico e demografico, Rimini si estese all'esterno della cinta muraria, verso la stazione ferroviaria e il mare. Nel secondo dopoguerra l'espansione delle nuove periferie e la definitiva saturazione della fascia a mare della linea ferroviaria portarono ad una saldatura dell'area urbana con le frazioni litoranee e gli altri centri della Riviera romagnola [158] , che si configura oggi come una conurbazione costiera estesa per oltre 50 km.

Suddivisioni storiche

Il centro storico di Rimini, compreso entro la cinta muraria malatestiana, fu storicamente diviso fin dall'età medievale in quattro rioni : Cittadella, Clodio, Pomposo e Montecavallo [159] . I confini esatti dei quartieri non sono noti, ma si suppone dovessero coincidere con le maggiori strade storiche della città: gli attuali Corso d'Augusto, Via Giuseppe Garibaldi e Via Alessandro Gambalunga [159] .

Il rione Cittadella, nella zona occidentale del centro, ospitava le principali sedi del potere civile e religioso (i palazzi comunali, Castel Sismondo e la Cattedrale di Santa Colomba) e rappresentava di fatto il quartiere più importante della città storica [159] . Il rione Clodio, il più settentrionale, aveva un carattere popolare e un impianto urbanistico strettamente legato alla presenza del fiume Marecchia e alla vicinanza all'antica linea di costa [159] , molto più arretrata rispetto a quella odierna. Il rione Pomposo, il più vasto, assunse il proprio nome dal monastero dei Benedettini di Pomposa; un'ampia parte del territorio per secoli fu occupata da conventi e orti [159] , scomparsi in seguito all'espansione del 1907 [160] . Il rione Montecavallo, che costituisce il settore meridionale del centro storico, si caratterizza per l'andamento curvilineo delle strade, di origine medievale e legate alla presenza della Fossa Patara, e per il piccolo rilievo detto “Montirone” [159] .

All'esterno della cinta muraria, lungo le principali strade, si sviluppavano quattro borghi , completamente assorbiti dall'espansione urbana tra gli anni cinquanta e sessanta del Novecento: San Giuliano, Sant'Andrea, San Giovanni e Marina [157] .

Il borgo più antico ed importante era quello di San Giuliano, lungo la Via Emilia, abitato da pescatori ed esistente già nell'XI secolo [157] . Il borgo San Giovanni e il borgo Sant'Andrea (noto anche come borgo Mazzini) furono entrambi distrutti nel corso di un incendio nel 1469 [157] . Il primo, sviluppatosi lungo la Via Flaminia e abitato da piccoli artigiani e borghesi, fu ricostruito intorno alla metà del Cinquecento; il secondo, formatosi lungo le strade di collegamento con l'entroterra – Via Covignano, Via Marecchiese e Via Monte Titano – fu ricostruito solo a partire dal 1825. Il borgo di Marina, sviluppatosi dal XV secolo lungo la riva destra del fiume Marecchia ed indissolubilmente legato alle attività portuali, fu radicalmente trasformato a causa degli sventramenti per l'apertura di Via dei Mille (1932) e dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, particolarmente pesanti data la vicinanza ai ponti cittadini e allo scalo ferroviario [161] .

Suddivisioni amministrative

La legge n. 42/2010 ha soppresso le circoscrizioni nei comuni con meno di 250 000 abitanti. In precedenza il Comune di Rimini era così suddiviso [162] :

  • Circoscrizione 1: Centro Storico - Marina Centro – San Giuliano (3,36 km²; 19.074 abitanti [163] )
  • Circoscrizione 2: Borgo San Giovanni – Lagomaggio – Marina Lido (3,67 km²; 21.033 abitanti)
  • Circoscrizione 3: Bellariva – Miramare (5,28 km²; 22.701 abitanti)
  • Circoscrizione 4: Borgo Mazzini – INA Casa – Vergiano – Corpolò (43,81 km²; 23.460 abitanti)
  • Circoscrizione 5: Celle – Viserba – San Vito – Santa Giustina (35,23 km²; 32.034 abitanti)
  • Circoscrizione 6: V PEEP – Grotta Rossa – Gaiofana (43,46 km²; 25.019 abitanti)

Frazioni e località

Frazioni litorale nord

San Giuliano Mare e sullo sfondo Rivabella

Le frazioni litoranee a nord della città sono cinque (da nord-ovest a sud-est): Torre Pedrera , Viserbella , Viserba , Rivabella e San Giuliano Mare. Le località di Bellaria e Igea Marina , oggi unite nel comune omonimo , furono frazioni di Rimini fino al 1956 .

Questo tratto di costa, lungo circa 6 km, presenta un arenile meno profondo rispetto alla marina di Rimini e protetto dall' erosione da scogliere , con fondali molto bassi (a 500 metri dalla costa si raggiungono circa 5 metri di profondità).

Torre Pedrera, la frazione più settentrionale, deve il suo nome all'antica torre fatta costruire nel 1673 in prossimità del fiume Pedriera come difesa contro gli attacchi dei pirati. È dotata di una propria stazione ferroviaria ( stazione di Rimini Torre Pedrera ) sulla linea Ferrara-Rimini .

Viserba , la più antica e popolosa tra le frazioni settentrionali, si sviluppò dopo il 1889 , con l'inaugurazione della stazione ferroviaria ( stazione di Rimini Viserba ) sulla linea Ferrara-Rimini [164] , creata per favorire il commercio dei materiali della corderia , una fabbrica presente dal 1840 e passata da semplice mulino a pillificio e corderia.

Nel 1908 Viserba fu collegata al Lido di Rimini dalla strada litoranea [165] , lungo la quale sorsero numerosi villini , ancora oggi in parte esistenti. Nella prima metà del Novecento Viserba ebbe l'appellativo di "regina delle acque", per la presenza della fonte Sacramora e di abbondanti acque nel sottosuolo, dovute alla sua posizione al centro della conoide fluviale del Marecchia . Dal secondo dopoguerra Viserba si è espansa ulteriormente verso l'entroterra ( Viserba Monte ), fino a raggiungere in tempi recenti la Strada statale 16 Adriatica , attraverso la costruzione di un vasto quartiere di edilizia popolare .

San Giuliano Mare, separata dal centro di Rimini solo dal porto canale, è sede della darsena Marina di Rimini , il maggiore porto turistico della città, dotato di 680 posti barca.

Frazioni litorale sud

Le frazioni litoranee a sud di Rimini sono quattro (da nord-ovest verso sud-est): Bellariva, Marebello, Rivazzurra e Miramare . La città di Riccione , oggi comune autonomo, costituiva la frazione più meridionale del comune di Rimini fino al 1923.

Lungo questo tratto costiero, lungo circa 5 km, sorgono le principali colonie marine di Rimini: il Sanatorio Comasco (1906) e l'Ospizio Marino Bolognese “A. Murri” (1912) [166] a Bellariva, la Colonia Villa Margherita (1920) a Marebello [167] , la Colonia Enel a Rivazzurra (1932) [168] e le colonie Novarese (1934) [169] e Bolognese (1932) [170] a Miramare . Questo tratto di costa fu quasi interamente edificato durante il forte sviluppo turistico degli anni sessanta del Novecento, quando, senza ancora un piano regolatore, furono costruiti uno a ridosso dell'altro numerosi hotel economici e pensioni, aperti a partire da aprile-maggio.

La maggiore frazione litoranea meridionale, nonché la più antica, è Miramare , sorta nei primi anni del Novecento e sviluppatasi dagli anni trenta lungo viale Ivo Oliveti e la strada litoranea. Miramare è sede dell' Aeroporto internazionale “Federico Fellini” e possiede una propria stazione ferroviaria sulla linea ferroviaria Bologna-Ancona ; ospita inoltre il centro termale marino di Riminiterme.

Altre frazioni importanti

San Lorenzo in Correggiano (in dialetto riminese San Lurènz in Curzein), situata sull'omonimo colle, posto tra via Coriano e via Montescudo a circa 4 km dalla Strada statale 16 Adriatica , ha una popolazione di circa 500 abitanti. Da sempre parte del contado riminese, nel 1371 era ricordata come Villa Plebis Sancti Laurentii in Coregiano e ospitava 34 focolari. Il celebre orientalista Giuseppe Adolfo Noel des Verges comprò in questi luoghi nel 1843 la Villa des Vergers.

Elenco completo delle frazioni e delle località abitate, in ordine alfabetico [171]

Bellariva, Belvedere, Borgo nuovo, Ca' Acquabona, Ca' Guda, Ca' Palloni, Ca' Rinaldi, Ca' Spina, Ca' Tentoni, Ca' Tomba, Calastra nuova, Calorè, Casalecchio, Case della Fossa, Case Monte Cieco, Case Orsoleto, Case Pradese, Casetti, Casetti Prazzolo, Corpolò, Dogana, Fienili, Fornace, Fornace di Miramare, Fornace Marchesini, Gaiofana, Gaiofana di Vergiano, Ghetto Casale, Ghetto Masere, Ghetto Mavos, Ghetto Petini, Ghetto Piccinelli, Ghetto Randuzzi, Ghetto Tamagnino, Ghetto Tombanuova, Ghetto Turco, Grillo, Il Palazzone, La Brusada, La Cerbaiola, La Fasolina, La Zingarina, Lagone, Le Casette, Macanno, Malte, Marano, Marebello, Miramare di Rimini , Missiroli, Monte Cieco, Morri, Mulino Carlotti, Orsoleto, Osteria, Osteria del Bagno, Osteria del Fiume, Pelito, Pozzi, Rivabella, Rivazzurra , Sacramora, Sabanelli, San Fortunato, San Giovanni in Bagno, San Giuliano, San Giuliano mare, San Lorenzo monte, San Lorenzo in Correggiano, San Martino in Riparotta, San Martino in Venti, San Martino monte L'Abate, San Paolo, San Salvatore, San Vito , Santa Aquilina, Santa Cristina, Santa Giustina , Santa Maria in Cerreto, Spadarolo, Stazione Vergiano, Torre Pedrera , Tramontana, Urbinità, Variano, Vergiano , Villa Francolini, Villaggio 1º maggio, Viserba , Viserba monte, Viserbella .

Economia

Rimini è un centro turistico di importanza internazionale [172] . L' economia è basata sul terziario turistico, il cui sviluppo, iniziato nella prima metà dell'Ottocento e definitivamente affermatosi con il "miracolo economico" del secondo dopoguerra, ha condizionato gli altri settori: il terziario avanzato, il commercio , l' edilizia e l' industria [173] . Tra i maggiori albergatori si possono ricordare Arpesella, Marchetti, Amati e Grossi. L' agricoltura e la pesca , che per secoli costituirono le principali risorse economiche per la città, sono settori secondari, anch'essi in parte subordinati alle attività turistiche.

Terziario

La spiaggia di Rimini
La ruota panoramica e il porto di notte
Veduta del porto canale dal Ponte della Resistenza

Il turismo a Rimini nacque inizialmente come soggiorno di tipo terapeutico, per cure talassoterapiche, idroterapiche ed elioterapiche, evolvendosi in villeggiatura balneare d'élite alla fine dell'Ottocento, in turismo medio e piccolo borghese nel Ventennio fascista e, nel secondo dopoguerra, in turismo di massa [174] .

Rimini concentra circa un quarto dell'offerta alberghiera regionale, con oltre 1.000 hotel [175] , di cui circa 220 aperti tutto l'anno [176] , per un totale di 72.000 posti letto [177] , oltre a residence, appartamenti, villette, bed & breakfast e campeggi.

Il turismo si basa sul settore balneare, accanto al quale si sviluppa l'offerta legata alle fiere e ai congressi, agli eventi, alla notte, alla cultura, al benessere e all'enogastronomia [178] .

Rimini è sede di fiere e congressi internazionali, con un quartiere fieristico e un palacongressi tra i più importanti in Europa [179] , grazie alla posizione geografica e alla concentrazione di strutture ricettive, servizi e attrattive che la città offre. Il commercio , come numero di imprese e di addetti, figura tra i principali settori economici, con un importante centro commerciale all'ingrosso, due ipermercati, grandi magazzini, supermercati e centinaia di negozi e boutique.

Industria

L' industria , meno sviluppata rispetto al turismo e al terziario, comprende numerose aziende di media e piccola dimensione operanti nei settori alimentare, della meccanica del legno, dell' edilizia , dell' arredamento , dell' abbigliamento e dell'editoria [180] . Rimini è sede inoltre di uno storico stabilimento delle Officine Manutenzione Ciclica di Trenitalia, specializzato nelle attività di manutenzione e riparazione di mezzi di trazione diesel [181] . Il sistema produttivo riminese comprende due principali poli industriali e artigianali: quello delle Celle e quello del Villaggio I maggio, situati rispettivamente a nord-ovest ea sud-ovest della città.

Agricoltura

L'agricoltura riveste un'importanza marginale rispetto agli altri settori per l'economia locale [182] .

Le colture più diffuse nel riminese in termini di superficie coltivata sono, nell'ordine, l' erba medica , il frumento , il grano duro , la vite , l' olivo , l' orzo e il sorgo . Tra gli alberi da frutto predominano l' albicocco , il pesco e il susino [183] .

Importanti la tradizione vitivinicola, con i vitigni Sangiovese , Trebbiano , Rebola , Pagadebit e Albana , e la produzione di olio extravergine d'oliva (con l' Olio Colline di Romagna Dop ), da cultivar Correggiolo, Frantoio, Moraiolo, Pendolino e Rossina [184] .

Pesca

Il settore della pesca ha un'importanza secondaria nell'economia della città, nonostante rappresenti una delle attività storiche del territorio. Rimini è uno tra i principali porti pescherecci del mare Adriatico[185] e la sua flotta, con un centinaio di barche, è la più ampia del compartimento riminese, che comprende un tratto di circa 50 km di costa, da Cattolica a Cesenatico [186] .

Artigianato

Per quanto riguarda l' artigianato , Rimini è rinomata soprattutto per la produzione di ceramiche , di medaglie artistiche, di mobili artistici in stile , di pizzi a tombolo, di intarsi su marmo , e per i laboratori di abbigliamento . [187]

Infrastrutture e trasporti

Strade

Rimini è collegata alla rete autostradale nazionale tramite due caselli, situati a nord ea sud della città, della autostrada A14 Bologna-Taranto .
Altre strade importanti che interessano il comune sono: la strada statale 9 Via Emilia , la strada statale 16 Adriatica e la Via Flaminia .

Ferrovie

Stazione di Rimini
Stazione di RiminiFiera

La città è attraversata da due linee ferroviarie, la Bologna-Ancona e la Ferrara-Ravenna-Rimini , ed è servita da cinque impianti tra stazioni e fermate : Rimini , RiminiFiera , Rimini Miramare , Rimini Viserba e Rimini Torre Pedrera .

In tempi precedenti, la città fu dotata di altre due linee ferroviarie:

Entrambe le linee erano a scartamento ridotto da 950 mm ed inizialmente furono esercite in concessione da società private, rispettivamente la Società Veneto Emiliana Ferrovie Tranvie (SVEFT) e la Società Anonima delle Ferrovie e Tramvie Padane (FTP).

Aeroporti

Aeroporto "Federico Fellini" a Rimini Miramare

Rimini è servita dall' Aeroporto di Rimini , il secondo della regione come numero di passeggeri. Nato come aeroporto militare (numerosi i piloti riminesi in guerra tra cui Fabbri, Melandri e Grossi) è dotato di una pista di decollo/atterraggio molto lunga, pertanto talvolta viene utilizzato come scalo secondario di Bologna soprattutto per aerei e cargo di grosse dimensioni che non potrebbero atterrare altrove. Collega la città ad alcuni importanti aeroporti europei come Londra , Varsavia , Mosca , San Pietroburgo , Vienna , Lussemburgo , Helsinki , Cracovia , Tallinn , Budapest , Kiev , Monaco di Baviera [188]

Mobilità urbana

Il trasporto pubblico del bacino di Rimini, comprendente le linee autobus urbane e interurbane a servizio della città e della provincia , è gestito da Start Romagna . Start Romagna esercisce anche la filovia interurbana per Riccione , che nel 1939 sostituì la preesistente tranvia extraurbana , la quale svolgeva anche servizio urbano.

Dal 23 novembre 2019 è attivo il servizio di autobus a transito rapido Metromare (in precedenza Trasporto Rapido Costiero), che collega la stazione di Rimini e la stazione di Riccione con 15 fermate intermedie, viaggiando in sede riservata lungo un itinerario sopraelevato adiacente alla linea ferroviaria (eccetto per il tratto finale su sede promiscua presso la stazione di Riccione ). [189]

Car sharing

Dal 28 giugno 2021 Rimini è servita dal servizio di car sharing a flusso libero Corrente , di Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna , presente in città con 50 vetture elettriche Renault Zoe . [190] .

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Rimini .

Gemellaggi

Rimini è gemellata con: [191] [192]

Sport

Lo stadio "Romeo Neri"
Il 105 Stadium, sede di incontri di basket, concerti e spettacoli

Principali società sportive

  • Rimini Football Club : principale squadra calcistica cittadina, ha partecipato a 9 campionati di Serie B . Attualmente milita in Serie D .
  • Basket Rimini : ha disputato 32 stagioni fra la prima e la seconda serie nazionale nel periodo 1978-2011. La sua prima squadra è stata attiva fino alla stagione 2017-2018.
  • Rinascita Basket Rimini : nata nel 2018, milita in Serie B . Nel 2020 ha rilevato lo storico codice di affiliazione del Basket Rimini.
  • Rimini Baseball Club : ha vinto 13 scudetti e 3 Coppe dei Campioni. Dal 2019 non è più iscritta al campionato italiano.
  • New Rimini Baseball Softball : nuova realtà nata nel 2021 dalla collaborazione di cinque realtà locali, milita in Serie A .
  • Pallamano Rimini '72, con un passato nella massima serie. La società ha cessato la propria attività nel 2013.
  • Polisportiva Stella: la sezione di calcio maschile milita in Promozione , quella di basket maschile in Serie D, quella di volley femminile in Serie B2.
  • Junior Rimini Baseball: militante in Serie B , è una delle cinque società dietro al progetto New Rimini Baseball Softball .
  • Calcio a Cinque Rimini: militante in Serie C1.
  • ASD Rimini Rugby: nata nel 2002, milita in Serie C2.
  • Rimini Pallavolo : fondata nel 1968, partecipò alla Serie A2 maschile nel 1983-1984. Nel 2014 si è fusa con il Viserba Volley per creare Riviera Volley.
  • Riviera Volley: milita in Serie B2 femminile.
  • Pallavolo Viserba: nata nel 1973, aveva raggiunto la Serie B1 maschile con la denominazione Viserba Volley. Nel 2017 è uscita dal progetto Riviera Volley formando appunto Pallavolo Viserba, che oggi milita in Serie D maschile e in Seconda Divisione femminile.
  • SG Volley: milita in Prima Divisione femminile.
  • Femminile Rimini Calcio: operativa dal 2014 al 2018, ha partecipato a tre campionati di Promozione e uno di Eccellenza.
  • LSDF (ultimate frisbee).

Impianti sportivi

A Rimini sono presenti 66 impianti sportivi pubblici comunali e 8 provinciali, che comprendono lo stadio "Romeo Neri" , dotato di 9.800 posti a sedere e di una pista di atletica, lo stadio del baseball dei Pirati , centri sportivi polifunzionali, campi da calcio, palestre, piscine, pattinodromi e campi da rugby [193] . La città è dotata inoltre di due palasport, il 105 Stadium , da 5.000 posti, e il palasport "Flaminio" , da 2.800 posti [194] .

Note

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2021.
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ Giuliano Gasca Queirazza, Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani , Milano, GARZANTI, 1996, ISBN 978-88-11-30500-2 .
  5. ^ Giovan Battista Costa, Il Tempio di S. Francesco di Rimino, o sia descrizione delle cose più notabili in esso contenute , in «Miscellanei di varia letteratura» , V, 1765, Lucca.
  6. ^ Guida Michelin. Rimini . , su viaggi.viamichelin.it (archiviato dall' url originale il 13 maggio 2012) .
  7. ^ Farina , p. 188.
  8. ^ Domus del Chirurgo | Rimini turismo , su riminiturismo.it . URL consultato il 3 agosto 2018 .
  9. ^ L'Emilia-Romagna paese per paese , Firenze, Bonechi 1984, p. 250.
  10. ^ L'Emilia-Romagna paese per paese , Firenze, Bonechi, 1984, p. 250.
  11. ^ PSC Comune di Rimini, Quadro Conoscitivo, Sistema Ambientale. Geologia , p. 15.
  12. ^ Emilia-Romagna , Milano, Touring Club Italiano, 1999, p. 27
  13. ^ Pietro Zangheri, Repertorio sistematico e topografico della flora e fauna vivente e fossile della Romagna , Tomo V, Museo civico di Storia Naturale di Verona, Verona, 1966-1970, p. 2052.
  14. ^ Vegetazione d'Italia. Carta delle zone climatico-forestali secondo la classificazione di Pavari. , su ilpolline.it .
  15. ^ Updated world map of the Köppen-Geiger climate classification ( PDF ), su hydrol-earth-syst-sci.net , p. 1641.
  16. ^ Mappa bioclimatica d'Europa. Fasce termoclimatiche , su pendientedemigracion.ucm.es .
  17. ^ Atlante idroclimatico dell'Emilia-Romagna 1961–2008 , su it.scribd.com , 22, 25, 28.
  18. ^ a b c Atlante climatico del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Stazione meteorologica di Rimini Miramare ( PDF ), su clima.meteoam.it , p. 1.
  19. ^ Servizio Idrometeorologico Arpa Emilia-Romagna. Stazione meteorologica di Lido di Rimini , su arpa.emr.it , p. 1.
  20. ^ Atlante climatico del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Stazione meteorologica di Rimini Miramare ( PDF ), su clima.meteoam.it , 9-12.
  21. ^ Enea. Profilo climatico della stazione meteorologica di Rimini , su clisun.casaccia.enea.it , 9-12.
  22. ^ Susini e Tripponi , p. 19 .
  23. ^ a b Maroni e Stoppioni , p. 25 .
  24. ^ Tito Livio, Periocha XV : "Colonia(e) deducta(e) Ariminum in Piceno [...]".
  25. ^ Giorgetti , p. 31 .
  26. ^ a b Maroni e Stoppioni , p. 31.
  27. ^ Maroni e Stoppioni , p. 41.
  28. ^ Maroni e Stoppioni , pp. 43-44 .
  29. ^ Giorgetti , pp. 45-47 .
  30. ^ Maroni e Stoppioni , p. 61.
  31. ^ a b Maroni e Stoppioni , p. 68.
  32. ^ Maroni e Stoppioni , p. 70.
  33. ^ Maroni e Stoppioni , p. 77.
  34. ^ Maroni e Stoppioni , p. 86.
  35. ^ Fino ad allora gli stessi Malatesta erano stati ghibellini.
  36. ^ Maroni e Stoppioni , p. 89.
  37. ^ Maroni e Stoppioni , p. 102.
  38. ^ Maroni e Stoppioni , pp. 102-103 .
  39. ^ Maroni e Stoppioni , p. 109.
  40. ^ Maroni e Stoppioni , p. 110.
  41. ^ Maroni e Stoppioni , p. 111.
  42. ^ Maroni e Stoppioni , p. 128.
  43. ^ Conti e Pasini , pp. 33-35 .
  44. ^ Maroni e Stoppioni , pp. 126-127 .
  45. ^ Maroni e Stoppioni , p. 135.
  46. ^ Maroni e Stoppioni , p. 138.
  47. ^ Maroni e Stoppioni , p. 140.
  48. ^ Maroni e Stoppioni , p. 145.
  49. ^ Conti e Pasini , p. 149.
  50. ^ Maroni e Stoppioni , p. 152.
  51. ^ Maroni e Stoppioni , p. 153.
  52. ^ Conti e Pasini , p. 109.
  53. ^ Conti e Pasini , p. 98.
  54. ^ Maroni e Stoppioni , pp. 168-171 .
  55. ^ Conti e Pasini , p. 122.
  56. ^ Amedeo Montemaggi, Le due battaglie di Savignano , Guaraldi, p. 9.
  57. ^ Offensiva della Linea Gotica , su gothicline.org . URL consultato il 9 luglio 2013 .
  58. ^ La Città Invisibile - La Linea Gotica , su lacittainvisibile.it .
  59. ^ Maroni e Stoppioni , p. 175.
  60. ^ Conti e Pasini , pp. 271-273 .
  61. ^ Maroni e Stoppioni , p. 178.
  62. ^ In araldica destra e sinistra si riferiscono a chi porta lo scudo, risultano invertite per chi lo guarda standogli di fronte, pertanto, sono stati utilizzati i termini "prima metà" e "seconda metà" così come utilizzati nella descrizione dello stemma sul sito del comune di Rimini: Nome, stemma civico, gonfalone, antichi statuti , su comune.rimini.it , Comune di Rimini.
  63. ^ Regolamento di disciplina dell'uso del Gonfalone e dello Stemma del Comune di Rimini , pag. 1. , su comune.rimini.it .
  64. ^ Copia archiviata , su araldicacivica.it . URL consultato il 7 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 20 dicembre 2016) .
  65. ^ http://www.comune.rimini.it/trasparenza-e-servizi/trasparenza/amministrazione-trasparente/disposizioni-generali/atti-generali/regolamenti/affari-4
  66. ^ Comune di Rimini. La storia. Fascismo, guerra e ricostruzione [ collegamento interrotto ] , su comune.rimini.it .
  67. ^ Maroni e Stoppioni , p. 38.
  68. ^ a b Pasini , p. 7 .
  69. ^ Pasini , pp. 15-16, p. 31 .
  70. ^ Comune di Rimini. Resti della Cattedrale di Santa Colomba , su comune.rimini.it (archiviato dall' url originale il 1º giugno 2015) .
  71. ^ Pasini , p. 19 .
  72. ^ Cricco e di Teodoro , p. 650 .
  73. ^ Matteini , p. 124.
  74. ^ Comune di Rimini. Palazzi storici , su comune.rimini.it (archiviato dall' url originale il 21 gennaio 2015) .
  75. ^ Maria Lucia De Nicolò. Esperienze di ricerca nell'Archivio di Stato di Rimini , su archiviodistato.rimini.it . URL consultato il 3 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 23 marzo 2015) .
  76. ^ a b Delucca , p. 907.
  77. ^ Tonini , p. 39.
  78. ^ Delucca , p. 936.
  79. ^ Delucca , p. 918.
  80. ^ Conti e Pasini , p. 111.
  81. ^ Conti e Pasini , p. 222.
  82. ^ Tonini , p. 55.
  83. ^ Nanni, Giuccioli e Brescia , pp. 9-15 .
  84. ^ Matteini , p. 82.
  85. ^ Paola Emilia Rubbi, Oriano Tassinari, I grandi itinerari dell'Emilia-Romagna. Gli etruschi ei romani , p. 6
  86. ^ a b Graziosi Ripa , p. 317.
  87. ^ Graziosi Ripa , p. 322.
  88. ^ Fontemaggi e Piolanti , pp. 43-52 .
  89. ^ Rapporto Ecosistema Urbano 2013 ( PDF ) ( PDF ), su legambiente.it , p. 55.
  90. ^ Rapporto Ecosistema Urbano 2013 ( PDF ) ( PDF ), su legambiente.it , p. 56.
  91. ^ Il censimento alberi e aree verdi del Comune di Rimini ( PDF ) ( PDF ), su comune.rimini.it , p. 1 (archiviato dall' url originale il 20 gennaio 2015) .
  92. ^ Alberi monumentali e di pregio del Comune di Rimini ( PDF ) ( PDF ), su gevrimini.it , p. 2.
  93. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  94. ^ ISTAT , su demo.istat.it .
  95. ^ Ecosistema Urbano 2020 Legambiente , su lab24.ilsole24ore.com .
  96. ^ Eco dalle città. Raccolta differenziata a Rimini nel 2020 , su ecodallecitta.it .
  97. ^ Gruppo HERA. Psbo, il gigante buono che protegge il mare di Rimini , su gruppohera.it .
  98. ^ Indice del clima 2019 Il Sole 24 Ore. , su lab24.ilsole24ore.com .
  99. ^ Biblioteca Gambalunga. Storia e patrimonio. , su bibliotecagambalunga.it . URL consultato il 9 agosto 2011 (archiviato dall' url originale l'11 novembre 2011) .
  100. ^ Biblioteca Gambalunga. Raccolte. Fotografie. , su bibliotecagambalunga.it . URL consultato il 9 agosto 2011 (archiviato dall' url originale il 13 febbraio 2011) .
  101. ^ Comune di Rimini. Servizi educativi. , su comune.rimini.it (archiviato dall' url originale il 21 marzo 2015) .
  102. ^ a b Liceo Classico Psicopedagogico “G. Cesare” – “M. Valgimigli” , su liceocesarevalgimigli.it . URL consultato il 9 agosto 2011 (archiviato dall' url originale il 27 dicembre 2011) .
  103. ^ 9º Osservatorio Istruzione Universitaria nella Provincia di Rimini. AA 2009–2010. ( PDF ), su provincia.rimini.it , p. 8 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  104. ^ Campus di Rimini. Facoltà e Corsi di Laurea. , su polorimini.unibo.it .
  105. ^ Graziosi Ripa , p. 316.
  106. ^ Graziosi Ripa , p. 320.
  107. ^ Pasini , p. 61.
  108. ^ Home - Museo Fellini , su fellinimuseum.it . URL consultato il 19 agosto 2021 .
  109. ^ Pasini , p. 63.
  110. ^ Pasini , p. 53.
  111. ^ Museo dell'Aviazione , su museoaviazione.com . URL consultato il 22 marzo 2020 .
  112. ^ Museo Aeromodellismo , su museoaviazione.com . URL consultato il 22 marzo 2020 .
  113. ^ Meldini , p. 90.
  114. ^ Meldini , pp. 90-91 .
  115. ^ a b Conti e Pasini , p. 161.
  116. ^ a b Conti e Pasini , p. 195.
  117. ^ a b Conti e Pasini , p. 233.
  118. ^ Radio Rimini , su storiaradiotv.it .
  119. ^ VGA - TeleRimini , su storiaradiotv.it . URL consultato il 3 settembre 2011 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  120. ^ Teleromagna , su teleromagna.it . URL consultato l'11 settembre 2015 .
  121. ^ Pasini , p. 167.
  122. ^ Maroni e Stoppioni , pp. 47-48 .
  123. ^ Scagliarini Corlaita , p. 277.
  124. ^ Maroni e Stoppioni , p. 35.
  125. ^ Maioli , p. 195.
  126. ^ Bollini , p. 294.
  127. ^ Maroni e Stoppioni , p. 54.
  128. ^ a b c Pasini , p. 170.
  129. ^ Pasini , p. 172.
  130. ^ Pasini , p. 173.
  131. ^ Pasini , p. 18.
  132. ^ Pasini , pp. 174-175 .
  133. ^ a b Pasini , p. 31.
  134. ^ Pasini , pp. 180-181 .
  135. ^ Farina , p. 218.
  136. ^ a b Farneti , p. 158.
  137. ^ Meldini , p. 102.
  138. ^ Fellini , p. 25.
  139. ^ Rimini, una vivacità musicale antica , su ilponte.com (archiviato dall' url originale il 12 febbraio 2015) .
  140. ^ Carlo Tessarini (c. 1690-c.1767) , su comune.rimini.it . URL consultato il 3 settembre 2011 (archiviato dall' url originale il 13 maggio 2006) .
  141. ^ Amintore Galli (1845-1919) , su comune.rimini.it (archiviato dall' url originale il 12 febbraio 2015) .
  142. ^ Farina , p. 99.
  143. ^ Riviera di Rimini. Enogastronomia , su riviera.rimini.it .
  144. ^ I piatti tipici , su comune.rimini.it , Comune di Rimini (archiviato dall' url originale il 18 gennaio 2015) .
  145. ^ Ricette della tradizione. Piada , su riviera.rimini.it .
  146. ^ Ricette della tradizione. Piada dei morti , su riviera.rimini.it .
  147. ^ Ricette della tradizione. Zuppa inglese , su riviera.rimini.it .
  148. ^ Olio extravergine di oliva Colline di Romagna DOP , su riminiturismo.it (archiviato dall' url originale il 18 gennaio 2015) .
  149. ^ Olio , su stradadeivinidirimini.it .
  150. ^ Un filo d'Olio , Rimini, Provincia di Rimini, 2007, p. 17.
  151. ^ I vitigni della DOC Colli di Rimini , su collidiriminidoc.it (archiviato dall' url originale il 26 agosto 2014) .
  152. ^ Sagra Musicale Malatestiana
  153. ^ Al Mèni
  154. ^ I numeri , su www.riminifiera.it . URL consultato il 18 febbraio 2021 .
  155. ^ Quartiere - Italian Exhibition Group , su www.iegexpo.it . URL consultato il 18 febbraio 2021 .
  156. ^ Conti e Pasini , pp. 39-41 .
  157. ^ a b c d Conti e Pasini , p. 251.
  158. ^ Conti e Pasini , p. 283.
  159. ^ a b c d e f Conti e Pasini , p. 215.
  160. ^ Conti e Pasini , p. 211.
  161. ^ Conti e Pasini , p. 263.
  162. ^ Circoscrizioni. , su comune.rimini.it .
  163. ^ Bollettino Demografico 2010 ( PDF ), su comune.rimini.it (archiviato dall' url originale il 12 novembre 2011) .
  164. ^ Conti e Pasini , p. 116.
  165. ^ Conti e Pasini , p. 117.
  166. ^ Conti e Pasini , p. 90.
  167. ^ IBC , p. 140.
  168. ^ IBC , p. 141.
  169. ^ IBC , p. 137.
  170. ^ IBC , p. 134.
  171. ^ Comune di Rimini CAP 47921 (RN) Emilia-Romagna - Tutti i dati utili. , su italia.indettaglio.it . URL consultato il 7 dicembre 2016 .
  172. ^ Turri , p. 26.
  173. ^ L'Emilia-Romagna paese per paese , p. 273
  174. ^ Conti e Pasini , p. 9.
  175. ^ Quadro Conoscitivo PSC, Sistema economico e sociale , p. 107
  176. ^ Hotels. Rimini turismo , su riminiturismo.it .
  177. ^ Quadro Conoscitivo PSC, Sistema economico e sociale , p. 104
  178. ^ Quadro Conoscitivo PSC, Sistema economico e sociale , p. 101
  179. ^ Rapporto Censis 2006 ( PDF ) ( PDF ), su confartigianato.it , p. 1 (archiviato dall' url originale il 5 novembre 2012) .
  180. ^ L'Emilia Romagna paese per paese , Bonechi, 1992, p. 274, ISBN 978-88-8029-459-7 .
  181. ^ L'officina Locomotive di Rimini fra tradizione e innovazione , su fsnews.it , p. 1.
  182. ^ Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale. Relazione generale , pagg. 21–22.
  183. ^ https://www.riminiturismo.it/visitatori/ospitalita/dove-dormire/alberghi?title=&field_indirizzo_albergo_value_1=&field_frazione_albergo_value=All&field_stelle_value=All&field_tipo_di_apertura_value=1%7C titolo=Hotels. Rimini turismo}}
  184. ^ Le città dell'olio , Touring Club Italiano, p. 69
  185. ^ Turri , p. 72.
  186. ^ I luoghi della pesca in Emilia-Romagnap ( PDF ), su emiliaromagnaturismo.it , pp. 77-82. URL consultato il 18 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  187. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 2, Roma, ACI, 1985, p. 4,6.
  188. ^ http://riminiairport.com/
  189. ^ Inaugurato il Metromare , Rimini notizie, 23 novembre 2019.
  190. ^ https://www.vaielettrico.it/corrente-va-in-vacanza-a-rimini-schierate-50-renault-zoe/
  191. ^ Gemellaggi Archiviato l'8 settembre 2015 in Internet Archive ., Comune di Rimini
  192. ^ Gemellaggi , su comune.rimini.it .
  193. ^ Comune di Rimini. Impianti sportivi pubblici. , su sport.comune.rimini.it (archiviato dall' url originale il 22 gennaio 2015) .
  194. ^ Comune di Rimini. Strutture private. , su sport.comune.rimini.it (archiviato dall' url originale il 22 gennaio 2015) .

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Rimini .
  • Autori vari, Analisi di Rimini antica. Storia e archeologia per un museo , Rimini, Comune di Rimini, 1980, SBN IT\ICCU\RAV\0032722 .
  • Giorgio Conti, Pier Giorgio Pasini, Rimini città come storia , Rimini, Giusti, 1982, SBN IT\ICCU\RAV\0142060 .
  • Giorgio Conti, Pier Giorgio Pasini, Rimini città come storia 2 , Rimini, Giusti, 2000, SBN IT\ICCU\RAV\0724508 .
  • Ferruccio Farina, Una costa lunga due secoli. Storia e immagini della riviera di Rimini , Rimini, Panozzo, 2003, ISBN 88-7472-027-0 .
  • Federico Fellini, La mia Rimini , Bologna, Cappelli, 1967, SBN IT\ICCU\RER\0005332 .
  • Angela Fontemaggi, Orietta Piolanti, Rimini antica. Percorsi archeologici tra terra e mare , Rimini, Provincia di Rimini, 2008, SBN IT\ICCU\RAV\1694838 .
  • Grazia Gobbi, Paolo Sica, Le città nella storia d'Italia. Rimini , Roma, Laterza, 1982, SBN IT\ICCU\RAV\0016212 .
  • Oriana Maroni, Maria Luisa Stoppioni, Storia di Rimini , Cesena, Il Ponte Vecchio, 1997, SBN IT\ICCU\RAV\0305833 .
  • Nevio Matteini, Rimini. I suoi dintorni. La riviera di Romagna , Rimini, Cappelli, 1966.
  • Pier Giorgio Pasini, Itinerari malatestiani a Rimini e nel riminese , Rimini, Provincia di Rimini, 2013, ISBN 978-88-8049-868-1 .
  • Pier Giorgio Pasini, Musei nella provincia di Rimini , Rimini, Provincia di Rimini, 2006, SBN IT\ICCU\RAV\1624996 .
  • Pier Giorgio Pasini, Presenze d'arte negli edifici sacri di Rimini e del Riminese , Rimini, Provincia di Rimini, 2003, SBN IT\ICCU\RAV\1100905 .
  • Luigi Tonini, Guida del forestiere nella città di Rimini , Rimini, Malvolti ed Ercolani, 1864, SBN IT\ICCU\RAV\0317628 .
  • Luigi Tonini, Rimini dopo il Mille , Rimini, Bruno Ghigi, 1975, SBN IT\ICCU\RAV\0032047 .
  • Luigi Tonini, Storia di Rimini: Rimini avanti il principio dell'era volgare , Rimini, Orfanelli e Grandi, 1848, SBN IT\ICCU\MIL\0645350 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 136027800 · ISNI ( EN ) 0000 0001 0723 3104 · LCCN ( EN ) n79039956 · GND ( DE ) 4050057-3 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79039956
Provincia di Rimini Portale Provincia di Rimini : accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Provincia di Rimini