Revolució hongaresa del 1956

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Revolta hongaresa del 1956
Szétlőtt harckocsi a Móricz Zsigmond körtéren.jpg
Un tanc soviètic T-34/85 destruït a Budapest
Data 23 d'octubre - 4 de novembre de 1956
Lloc República Popular d'Hongria
Resultat Victòria de les forces soviètiques i de les forces governamentals hongareses, la revolució suprimida
Desplegaments
Unió Soviètica Unió Soviètica
Hongria Hongria
Bandera de la Revolució Hongaresa (1956) .svg Revolucionaris hongaresos
Comandants
Unió Soviètica Nikita Sergeevič Khrushchev ( secretària general del PCUS )
Unió Soviètica Jurij Vladimirovič Andropov (ambaixador soviètic a Budapest)
Unió Soviètica Ivan Aleksandrovič Serov (director del KGB )
Unió Soviètica Ivan Stepanovič Konev ( comandant suprem del Pacte de Varsòvia )
Hongria Ernő Gerő (secretari general del Partit Obrer Hongarès )
Hongria János Kádár (secretari general del Partit Socialista Obrer Hongarès )
Hongria András Hegedüs (president del Consell de Ministres)
Hongria László Piros (ministre de l'Interior)
Hongria István Bata (ministre de Defensa)
Bandera de la Revolució Hongaresa (1956) .svg Imre Nagy ( primer ministre d'Hongria )
Bandera de la Revolució Hongaresa (1956) .svg Pál Maléter (ministre de Defensa d'Hongria)
Bandera de la Revolució Hongaresa (1956) .svg Béla Király (comandant de la Guàrdia Nacional o Honvédség )
Bandera de la Revolució Hongaresa (1956) .svg Gergely Pongrátz (comandant dels grups insurrectes de Budapest)
Bandera de la Revolució Hongaresa (1956) .svg József Dudás (comandant dels grups insurrectes de Budapest)
Efectiu
150.000 soldats, 6.000 vehicles blindats (només tropes soviètiques) Desconegut
Pèrdues
Pel que fa als militars soviètics, 720 morts, 1540 ferits En total van morir uns 2.652 soldats i civils hongaresos d'ambdós bàndols i en totes les fases de la revolta
Rumors de disturbis a la Viquipèdia

La revolució hongaresa del 1956 , també coneguda com a insurrecció hongaresa o simplement aixecament hongarès , va ser un alçament armat amb un esperit antisoviètic sorgit a l'aleshores socialista d'Hongria que va durar del 23 d'octubre al 10-11 de novembre de 1956 . Inicialment oposat per l' ÁVH , [1] va ser finalment severament reprimit per la intervenció armada de les tropes soviètiques del mariscal Ivan Stepanovich Konev . Van morir uns 2.700 hongaresos d'ambdós bàndols, és a dir, pro i en contra de la revolució, i 720 soldats soviètics [2] . Els ferits eren molts milers i prop de 250.000 (al voltant del 3% de la població d' Hongria ) eren els hongaresos que van deixar el seu país i es van refugiar a Occident. La revolució va provocar una caiguda important del suport a les idees del bolxevisme a les nacions occidentals.

Visió general

Mátyás Rákosi
Imre Nagy
Pál Maléter
Nikita Khrushchev

L'aixecament va començar el 23 d'octubre de 1956 amb una manifestació pacífica de diversos milers d'estudiants (més tard s'uniren molts milers d'hongaresos) en suport dels estudiants de la ciutat polonesa de Poznań , en què una manifestació va ser reprimida violentament pel govern. Més tard es va convertir en una revolta contra la dictadura de Mátyás Rákosi , membre de la "vella guàrdia" estalinista, i contra la presència soviètica a Hongria.

En pocs dies, milions d'hongaresos es van unir o van donar suport a la revolta. La revolta va guanyar el control sobre moltes institucions i sobre un vast territori. Els participants van començar a enfortir les seves polítiques. Hi va haver execucions sumàries de pro-soviètics i membres de la policia política ÁVH, especialment desagradats per la població.

Després de diverses vicissituds, el Partit Obrer Hongarès va nomenar Imre Nagy com a primer ministre que va concedir gran part del que els manifestants van demanar, acabant interpretant les seves peticions, identificant-se amb la revolució en curs.

El 3 de novembre, en un barri de l'Exèrcit Roig comandat pel general Malinin, durant la represa de les converses amb els soviètics sobre la retirada de l'Exèrcit Roig després de la declaració de neutralitat l'1 de novembre, el recentment nomenat ministre de defensa, el general Pál Maléter , va ser nomenat arrestat pels soldats del KGB sota el comandament d' Ivan Serov , juntament amb tota la delegació hongaresa, malgrat les protestes del mateix Malinin.

El vespre del 4 de novembre, Imre Nagy es va refugiar a l'ambaixada de Iugoslàvia, gràcies a una conducta segura que li va donar aquell país. El 22 de novembre, a causa d'un acord que havia intervingut mentrestant entre Tito i Khrushchev , després d'una visita del segon al primer a Brijuni , es va lliurar als soviètics.

Nagy i Maléter seran jutjats i posteriorment penjats (i no afusellats, segons informen algunes fonts) després de gairebé dos anys (el 16 de juny de 1958, juntament amb el periodista Miklós Gimes) [3] . Així va acabar entre el 4, el dia de l'entrada de l'Exèrcit Roig a Budapest, i el 7 de novembre, amb la restauració d'un govern prosoviètic encapçalat per János Kádár , la "Revolució del 56".

János Kádár

A la tardor de 1956, les tropes soviètiques van intervenir a Hongria en dues ocasions, de nou per reforçar els governs prosoviètics: per primera vegada, les tropes estacionades a Hongria van donar suport al govern estalinista en la fase de transició del govern de Gerő, que es va esfondrar el 23 d’octubre, al govern de Nagy, a petició del CC del partit socialista hongarès governant.

El segon, que utilitzava tropes blindades de la Unió Soviètica (invasió), va donar suport al govern de Kádár, la formació del qual (que va tenir lloc realment després del 7), es va retrocedir al 3 de novembre per tal de donar suport a la tesi que fins i tot aquella època les tropes havien estat convidades formalment a intervenir per un govern "legítim".

La nit del 23 d’octubre i els dies següents, l’hongarès ÁVH va disparar contra els manifestants. Les tropes soviètiques (ja presents a Hongria) en la primera intervenció van intentar mantenir l'ordre al voltant de les seves casernes. La resistència armada dels insurgents i la intervenció mediadora del govern Nagy, així com l’enfonsament del Partit Socialista Hongarès, van provocar un alto el foc entre les tropes soviètiques i els insurgents el 28 d’octubre de 1956.

La nit del 4 de novembre de 1956, l'Exèrcit Roig, que havia entrat a Hongria en vigor els dies anteriors, va intervenir, llançant una ofensiva amb múltiples divisions recolzades per artilleria i força aèria contra Budapest . Al gener de 1957, Kádár havia posat fi a la revolta.

A causa del ràpid canvi en les polítiques governamentals i socials, i l'ús de l'exèrcit per aconseguir fins polítics, aquesta insurrecció es considera sovint com una revolució .

La revolta

Preludi

Miklós Horthy
Ferenc Szálasi

Als anys 30 , el militarista de dretes, Miklós Horthy , regent d'Hongria , va forjar una aliança amb l'Alemanya nazi , amb l'esperança de recuperar algunes de les pèrdues territorials a causa del Tractat de Trianon , que va seguir a la Primera Guerra Mundial . Havent guanyat territoris gràcies a les concessions del primer i segon arbitratge de Viena i Banat , Hongria va entrar finalment a la Segona Guerra Mundial el 1941 , lluitant principalment contra la Unió Soviètica . L'octubre de 1944 , Hitler va substituir Horthy pel col·laborador nazi hongarès Ferenc Szálasi i el seu partit Arrow Cross , per tal d'evitar la desviació d'Hongria a la Unió Soviètica, tal com havia passat uns mesos abans amb Romania .

Les fletxes s’adheriren plenament a la política racial alemanya: durant la fase final de la guerra més de 400.000 jueus hongaresos i diverses desenes de milers de gitanos van ser deportats als camps d’extermini nazis.

Al final de la Segona Guerra Mundial , les fronteres hongareses del 1920 es van restablir, llevat de petites pèrdues territorials a favor de Txecoslovàquia . Hongria va passar a formar part de l’esfera d’influència soviètica i, després d’un període molt curt de democràcia multipartidista , es va transformar gradualment en un estat comunista entre el 1947 i el 1949 , sota la dictadura de Mátyás Rákosi i del Partit Obrer Hongarès . Les tropes soviètiques havien entrat a Hongria el setembre de 1944; inicialment com a exèrcit invasor i força d'ocupació, després per invitació nominal del govern hongarès i finalment sobre la base de la pertinença hongaresa al Pacte de Varsòvia .

Georgy Malenkov

El 5 de març de 1953, Iosif Stalin va morir, deixant un buit de poder a la part alta de la Unió Soviètica . Això va conduir a una fase caracteritzada per un breu període de relativa "desestalinització", durant la qual es van tolerar els sentiments antistalinistes velats. La majoria dels partits comunistes europeus van començar a expressar una ala "revisionista". El 17 de juny del mateix any, els treballadors de Berlín Oriental van iniciar una revolta exigint la dimissió del govern SED . Això va ser reprimit amb rapidesa i violència amb l'ajut de l'exèrcit soviètic. El nombre de víctimes era d'entre 125 i 270 [4] .

El 13 de juny de 1953 , abans de la revolta anticomunista de Berlín Oriental, el Politburó de la URSS va convocar els dirigents comunistes hongaresos al Kremlin i va destituir el primer ministre hongarès Mátyás Rákosi , "el millor deixeble hongarès de Stalin", ordenant-li que: renunciar al càrrec de primer ministre a Imre Nagy, que ja havia estat ministre d'Agricultura en governs anteriors, i que Rákosi no li agradava. Va ser Malenkov qui va recolzar fermament Nagy. Després de la presa de possessió del govern de Nagy, el 4 de juliol, va començar l'alliberament dels presos polítics, víctimes de les "purgues" de Rákosi. Es van adoptar diverses mesures de liberalització en els àmbits econòmic, polític i cultural. També va començar la convivència entre dues figures polítiques incompatibles: Nagy i Rákosi.

El gener de 1955, el Politburó soviètic va convocar els líders comunistes hongaresos al Kremlin i va atacar violentament Nagy. El paper de l’ acusador el va jugar el mateix Malenkov (Mentrestant, Lavrentij Beria havia estat arrestat i executat el desembre de 1953 i, per tant, ja no formava part de la delegació que va rebre els hongaresos, com el 1953), que havia donat suport a Nagy el 1953. Les acusacions es referien a la gestió de l'agricultura, que no havia replicat el sistema soviètic de kolkhoz , i un liberalisme excessiu, que hauria provocat una (lleu) manifestació antisoviètica durant una reunió entre els equips nacionals de waterpolo dels dos països, a Budapest , l'any anterior i, en general, la "desviació burgesa". Les acusacions es van fer sobre la base d'un dossier preparat per Andropov , llavors l'ambaixador soviètic a Budapest. Poc després, Nagy va patir un infart lleu. Donat d'alta de l'hospital, durant la seva convalescència, gràcies a l'acció de Rákosi, va ser destituït com a primer ministre.

El 25 de març de 1955, l'Organització de la Joventut Comunista Hongaresa va fundar a Budapest el " Cercle Petőfi ", que va tenir un paper essencial en els esdeveniments del 1956. El club va rebre el nom de Sándor Petőfi , el poeta que, segons la llegenda, va desencadenar la revolució de 1848 amb la lectura d’un dels seus poemes.

El 18 d'abril de 1955, András Hegedüs , un home de Rákosi, va esdevenir primer ministre. El 14 de maig de 1955 va néixer el Pacte de Varsòvia , que vinculava l’URSS i els " països satèl·lits " a una aliança militar d '"ajuda mútua". Poc després, Khrusxov va anar a Belgrad per retrobar-se amb Tito , que havia estat trencat dramàticament en temps de Stalin .

El 15 de maig de 1955 es va signar el Tractat d’Estat austríac , que va posar fi a l’ ocupació aliada d’Àustria , que es va convertir llavors en una nació independent i desmilitaritzada. Com a conseqüència directa, Àustria va declarar formalment la seva neutralitat el 26 d'octubre de 1955. El tractat i la declaració van canviar significativament les estratègies de planificació militar a la Guerra Freda , ja que van crear un cordó neutral que va dividir l' OTAN de Viena a Ginebra i va augmentar la importància estratègica d'Hongria per al Pacte de Varsòvia.

Un cert procés de "normalització" va continuar entre juny i juliol de 1955. Rajk , penjat el 1949 per " titisme ", va ser rehabilitat post mortem , encara que només amb un document intern del partit socialista. El cardenal József Mindszenty va ser traslladat de la presó al seu domicili forçat al castell d'Almassy, ​​prop de Felsőpetény .

Els soviètics volien mantenir el poder a Hongria sota control, però no tornar als mètodes del passat. Van autoritzar alguna oposició, tot i que dins d’uns límits molt estrets. Hi va haver un cert ferment entre intel·lectuals, escriptors, estudiants, amb diaris i publicacions. Rákosi va regnar mitjançant intermediaris, però la seva llibertat de moviment estava limitada per Moscou.

L'octubre de 1955, cinquanta-nou escriptors i artistes famosos van signar un manifest de protesta contra els mètodes brutals utilitzats contra els intel·lectuals. Rákosi va intentar superar aquesta "mini-revolta", però sense èxit. El 3 de desembre del mateix any Imre Nagy va ser expulsat del partit. El 25 de febrer de 1956 va tenir lloc a Moscou el 20è Congrés del Partit Comunista de la Unió Soviètica . Nikita Khrushchev va denunciar el " culte a la personalitat " de Stalin i les seves "violacions de la legalitat socialista". Així es va iniciar la desestalinització , però el 28 de juny a Poznań , Polònia , els disturbis obrers van ser suprimits per la policia.

El 13 de juliol de 1956, la desestalinització va suposar el final de la carrera de Rákosi. El Kremlin , preocupat pels informes d’ Andropov , va enviar Anastas Mikojan a Budapest, que el va liquidar exigint-li que “es posés malalt” i anés a Rússia a un curs de tractament. Per liquidar-lo, el va atrapar al judici sobre el cercle Petőfi. Per a Rákosi allò era un cau dels enemics del poble, però Mikojan ho va contradir: per a Rákosi era el final. Cinc dies més tard, Rákosi es va veure obligat a dimitir com a secretari general del partit socialista hongarès i va ser substituït per Ernő Gerő , el seu antic "tinent lleial", més disposat que ell a agafar el gir del vent. El 6 d'octubre de 1956 va tenir lloc a Budapest el funeral de Rajk, que havia estat rehabilitat pòstumament. Hi van assistir unes 200.000 persones, inclosa Nagy, que tenia al braç a Julia, la vídua de Rajk. Una setmana més tard, el 13 d'octubre de 1956, Imre Nagy va ser readmesa al partit.

Entre el 19 i el 21 d'octubre de 1956 a Polònia, el "revisionista" Władysław Gomułka va ser rehabilitat i elegit cap del Partit Obrer Unificat Polonès , després d'un "enfrontament" amb els soviètics. El restabliment de Gomułka inspirarà esperances per a grans reformes i una major autonomia a tota l’Europa de l’Est. El 22 d'octubre de 1956 es van celebrar assemblees d'estudiants a les principals ciutats universitàries hongareses. Tothom va votar per la sortida de la Joventut Comunista i per la reconstitució de cossos estudiantils autònoms. El cercle Petőfi es va unir al moviment i es va elaborar un document de 16 punts, que constituïa la plataforma per a la manifestació convocada per al dia 23 a Budapest, en solidaritat amb Polònia. Aquests són els principals punts: igualtat en les relacions amb la Unió Soviètica , judici públic a Rákosi, reintegració de Nagy, eleccions multipartidistes, retirada de les tropes soviètiques (que eren presents a Hongria sobre la base del tractat de pau al final del Segona Guerra Mundial, i no com de vegades es va afirmar erròniament, pel Pacte de Varsòvia). [ sense font ]

Comença la revolta: el 23 d’octubre

Bandera hongaresa amb l’emblema comunista esquinçat.

Cap a les tres de la tarda del 23 d’octubre de 1956, estudiants de la Universitat de Tecnologia i Economia de Budapest es van reunir davant de l’estàtua de Petõfi a Pest per organitzar una manifestació pacífica de solidaritat a favor de Gomułka. Nagy va ser recuperat per la multitud i va pronunciar un breu discurs del Parlament al final de la processó al vespre, però no va tenir molt èxit: la multitud va xiular el seu elvtarsak (camarades), una paraula clàssica de l'argot comunista amb la qual va començar, perquè no podia prendre més que aquella denominació, ni va acollir la seva invitació a deixar-ho tot a les decisions del partit. La ràdio va emetre un discurs amenaçador de Gerõ. La petita reunió inicial va atreure progressivament a molta més gent i es va passar ràpidament de la manifestació a la protesta. Molts soldats hongaresos de servei a la ciutat es van unir als manifestants, arrabassant les estrelles soviètiques de les seves gorres i llançant-les contra la multitud. Animada, aquesta multitud creixent va decidir creuar el gran riu Danubi que divideix la ciutat en dos i dirigir-se cap a l'edifici del Parlament. En el seu moment àlgid, la multitud comptava com a mínim amb dues-centes mil persones (però és difícil calcular el nombre exacte) sense un líder reconegut. Els manifestants van enderrocar l'enorme estàtua de Stalin i van destruir diverses llibreries soviètiques.

Davant de la seu de la ràdio hongaresa, van demanar que s’emetés un comunicat de 16 punts. La direcció de la ràdio va fingir acceptar, però la delegació va donar la benvinguda a la seu de la ràdio va ser arrestada. A mesura que es va difondre la notícia, l'edifici va ser assetjat per manifestants que van exigir l'alliberament immediat de la delegació. La policia de seguretat ( ÁVH ) va obrir foc contra la multitud, causant les primeres morts entre els manifestants: va començar una batalla real. Altres manifestacions en altres centres del país van tenir una sort similar: l'ÁVH va disparar i matar.

Al vespre, el comitè central del partit es va reunir i va decidir "demanar la intervenció de les tropes soviètiques en cas de necessitat". Es va crear un comitè militar, el dia 24 Imre Nagy va ser nomenat cap del govern en substitució d’ András Hegedüs i va cooptar dos dels seus col·laboradors. [5] A última hora de la nit es va decidir que hi havia un cas de necessitat i es va sol·licitar la intervenció de les tropes soviètiques. Això va agreujar ràpidament els enfrontaments i les manifestacions van adquirir un caràcter insurreccional: els vehicles de la policia van ser tombats i cremats, les fàbriques d’armes i els treballadors de l’arsenal van distribuir armes als civils. La seu de l'ÁVH va ser assetjada per la multitud. Quan les autoritats van intentar subministrar a la policia de seguretat amagant les armes en una ambulància amb sirenes i llums intermitents, la multitud els interceptaria i prendria possessió de les armes.

El mateix 23 d’octubre, la Unió Soviètica va activar els plans d’emergència que s’havien preparat des de principis d’octubre, per tal que la policia intervingués en la situació interna d’Hongria. El Praesidium del Comitè Central de l'URSS ja estava preocupat per la situació interna hongaresa a l'abril, quan els informes d'Andropov el van fer conèixer el pla de Rákosi d'eliminar un gran nombre d'intel·lectuals. La preocupació va créixer a la tardor, quan Gerő va demostrar que havia perdut el control del partit. La intervenció soviètica, que va començar efectivament el 24 d’octubre, va començar emprant forces ja presents a Hongria. Aquests soldats soviètics s’havien acostumat a la forma de vida hongaresa. La seva missió tradicional era defensar la Unió Soviètica d'una invasió de l' OTAN . Aquesta primera intervenció va ser políticament confusa: per exemple, quan una columna de tancs es va reunir amb una marxa de protesta cap al Parlament, els tancs van acompanyar els manifestants.

Del 23 d’octubre al 4 de novembre

A les fàbriques es van formar consells obrers, majoritàriament d’orientació anarcosindicalista, que van proclamar una vaga general. Moscou va enviar Mikoyan i Suslov a Budapest . Després de l'aparició dels vehicles blindats soviètics, la insurrecció es va estendre. La major part dels combats van tenir lloc a Budapest. Els comandants soviètics sovint negocien l'alto el foc local amb els revolucionaris. En algunes regions, les forces soviètiques van aconseguir aturar l'activitat revolucionària.

El 25 d'octubre va prendre possessió el govern de Nagy , en què va aparèixer el filòsof marxista Lukács juntament amb altres moderats. Kádár es va convertir en secretari del partit en lloc de Gerő . Davant els assalts a la seu de la ràdio i del partit, l’ ÁVH va disparar contra els antiavalots. Mentrestant, a diverses parts del país van sorgir consells obrers que exigien la retirada dels soviètics i les eleccions lliures, mentre continuaven els combats. En algunes províncies ( Borsod i Győr-Sopron ) el poder va passar als consells i es va dissoldre l'ÁVH.

El 28 d’octubre, les tropes soviètiques, juntament amb elements de l’ exèrcit hongarès lleials a l’antic règim, van concebre un pla de contraatac, però no estava gens segur que poguessin guanyar (els forts dubtes sobre això també es van colar entre els hongaresos). comandants). Altres oficials de l'exèrcit es van negar a participar en la iniciativa i disparar contra els antiavalots. Una secció de la policia, encapçalada pel comissari de Budapest Sándor Kopácsi , es va quedar amb aquest últim. Així, les unitats de l'exèrcit, com les de la caserna de Kilián, on estava destinat el coronel Pál Maléter, van enviar a suprimir la insurrecció el 25 d'octubre i, tot i que amb certes vacil·lacions, van passar al bàndol dels insurrectes. Com a resultat, l'exèrcit hongarès va continuar essencialment passiu. Nagy va intervenir per evitar una carnisseria i va iniciar febroses negociacions, primer amb Andropov , després amb Mikoian i finalment amb el mateix Khrusxov. En aquell moment, l'actitud del Kremlin va continuar sent la de considerar Nagy un element preciós per trobar una sortida pacífica, "a l'estil polonès", atorgant una major autonomia i també retirant tropes, si cal. A mesura que avançaven les negociacions, els soviètics van fer maldestres moviments militars i foren essencialment colpejats pels homes de Maléter . Nagy va negociar un alto el foc amb els soviètics que va anunciar a les 13.20 hores, juntament amb el reconeixement del caràcter nacional i democràtic de la insurrecció i l'inici de les negociacions amb els insurgents. També va anunciar la imminent retirada de les tropes soviètiques i la dissolució de l'ÁVH. El partit socialista "autoconegut", Gerő es va unir a Rákosi en el seu exili a l'URSS. Es va celebrar la treva.

Reneixen sindicats, diaris i associacions culturals abolides per Rákosi . A Roma, 101 intel·lectuals comunistes van signar una crida a la solidaritat amb els insurrectes . Diversos agents d'ÁVH i líders del partit (inclòs el secretari de Budapest orientat a la reforma) van ser assassinats, mentre es va començar a formar una guàrdia nacional formada per insurgents. El 30 d'octubre, Mikoyan i Suslov van tornar a Budapest, portadors d'una resolució del Praesidium que establia relacions d'igualtat entre l'URSS i la resta de països socialistes. Per tant, es va decidir no intervenir militarment. Es va formar un nou govern quadripartit de Nagy format per comunistes, socialdemòcrates, camperols nacionals i petits propietaris. El cardenal Mindszenty va ser alliberat i va tornar a Budapest. El líder d’aquesta patrulla de llibertadors era el major d’origen italià Antal Pallavicini (que fou penjat el 10 de desembre de 1957).

Mentrestant, va començar la crisi de Suez : la força aèria anglo-franco-israeliana va atacar Egipte , que havia nacionalitzat el canal . El 31 d’octubre a Moscou, el Praesidium del Comitè Central de l’URSS, absents de Mikojan i Suslov, que es trobaven a Hongria, va decidir intervenir, sobretot en consideració de la situació internacional i no donar “un signe de debilitat a favor de la imperialistes ". Nikita Khrushchev , un cop decidida la intervenció, va instar Ivan Serov , el comandant del KGB amb qui tenia una llarga associació i una estima recíproca des dels temps d'Ucraïna, a intervenir envaint Hongria amb força. Al mariscal Ivan Stiepanovic Koniev, mariscal de la URSS, comandant en cap del Pacte de Varsòvia, se li va demanar una opinió sobre el temps necessari per esclafar la revolta i la resposta va ser de tres dies. Així es va decidir la invasió amb el nom en clau Operació Turbina .

L'1 de novembre es van fer evidents els moviments de tropes blindades de l'Exèrcit Roig a les fronteres i dins d'Hongria. Nagy va demanar una explicació a Andropov, que el va tranquil·litzar: es retiren, només són moviments "tècnics". Les explicacions no eren creïbles i el govern va proclamar la neutralitat, demanant a l' ONU per teleimpressora que posés a l'agenda la qüestió hongaresa, amb la provisió d'una garantia internacional per part dels quatre grans (inclosa l'URSS) de neutralitat hongaresa. Això no passarà a temps.

El 2 de novembre, el Consell de Seguretat de l’ONU va posar a l’ordre del dia la qüestió hongaresa. A Hongria, Maléter va ser nomenat ministre de Defensa. Mentre Khrusxov va volar primer a Bucarest (Romania) i després a Brijuni ( Iugoslàvia ), per obtenir el consentiment de la invasió dels respectius partits comunistes al poder, la calma va començar a tornar al país i la Guàrdia Nacional va començar a posar ordre. Ja l'1 de novembre al vespre, Kádár havia desaparegut de la circulació i va volar a Moscou, contradient les seves declaracions de defensa de la "nostra gloriosa revolució", publicades aquell mateix dia, juntament amb Ferenc Münnich . Va ser Andropov qui va pressionar Münnich, un stalinista prosoviètic, que al seu torn va convèncer Kádár. En la confusió d’aquells moments, la seva desaparició va passar gairebé desapercebuda. A Moscou, Kádár va parlar davant el Praesidium i va afirmar que "una intervenció armada reduiria a zero la credibilitat moral dels comunistes".

El 3 de novembre, Maléter i la delegació hongaresa, que s'enfrontava a una segona etapa de negociacions per a la retirada de l'exèrcit soviètic en una caserna de l' Exèrcit Roig comandada pel general Malinin , van ser arrestats per Ivan Serov i els seus homes. Malinin va protestar enèrgicament, però va haver d’aprofitar al màxim una mala situació. Mentrestant, els consells van aprovar una moció per reprendre els treballs a tota Hongria el 5 de novembre. Kádár a Moscou va participar en discussions sobre la formació d'un nou govern.

La reazione politica sovietica

Anche se si ritiene comunemente che la dichiarazione ungherese di voler uscire dal Patto di Varsavia abbia provocato la soppressione della rivoluzione da parte dell'esercito sovietico, le minute degli incontri al Praesidium del Comitato Centrale del PCUS indicano che le richieste di ritiro delle truppe sovietiche furono solo uno fra tanti diversi fattori che determinarono la scelta dell'invasione e soprattutto che la dichiarazione di neutralità ungherese fu posteriore alla decisione dell'invasione e susseguente alle informazioni sull'afflusso di nuove truppe sovietiche ai confini dell'Ungheria.

Mentre il Praesidium aveva discusso e deciso di non intervenire, una fazione favorevole alla linea dura e che si radunava attorno a Molotov , spingeva per l'intervento. Chruščёv e il generale Žukov non erano favorevoli all'intervento, ma la paura di uno sgretolamento del sistema a causa delle tendenze centrifughe nei paesi satelliti, inasprì la posizione rigida del Praesidium del PCUS.

Le posizioni espresse dai rivoltosi ungheresi che più allarmarono il Praesidium del CC del PCUS furono lo spostamento verso la democrazia parlamentare multipartitica e la costituzione del Consiglio Nazionale Democratico dei Lavoratori. Entrambe sfidavano la predominanza del Partito Comunista Sovietico nell'Europa Orientale e forse nella stessa Unione Sovietica. Mentre Regno Unito e Francia erano impegnate militarmente e politicamente in Egitto nella crisi di Suez , gli Stati Uniti espressero il 27 ottobre la loro posizione per bocca del Segretario di Stato dell'amministrazione Eisenhower , John Foster Dulles : «Non guardiamo a queste nazioni [Ungheria e altre del Patto di Varsavia] come a potenziali alleati militari». Mai, in modo concreto, al di là della retorica politica, gli USA presero in considerazione la possibilità di un intervento militare, ma nemmeno quella di esercitare più forti pressioni politiche sull'URSS.

Fu sostanzialmente Radio Free Europe da Monaco di Baviera ad esasperare la situazione, ventilando la possibilità di un intervento militare occidentale, americano in particolare, fornendo acqua al mulino della tesi sovietica e poi kadariana della "controrivoluzione". Sulla base di questa combinazione di considerazioni di politica interna e di politica estera, il Praesidium dell'URSS, il 31 ottobre, decise di rompere il cessate il fuoco e di spazzare via la rivoluzione ungherese. Chruščёv titubò a lungo, ma, una volta presa la decisione, fece pressioni sul KGB perché intervenisse in fretta.

La rivoluzione schiacciata (4-10 novembre)

Il 4 novembre l' Armata Rossa arrivò alle porte di Budapest con circa 200.000 uomini e 4.000 carri armati, e iniziò l'attacco, trovando un'accanita resistenza nei centri operai; la sproporzione abissale delle forze in campo era tale che le resistenze ebbero comunque vita brevissima. In serata Kádár raggiunse l'Ungheria e fece annunciare dalla città di Szolnok , con un messaggio radio, la formazione di un "governo rivoluzionario operaio e contadino".

Anche Nagy fece trasmettere tramite Radio Kossuth Libera (radio di Stato) alle ore 5,20 il seguente messaggio, che venne ripetuto anche in inglese , russo , e francese :

( HU )

«Itt Nagy Imre beszél, a Magyar Népköztársaság Minisztertanácsának elnöke. Ma hajnalban a szovjet csapatok támadást indítottak fõvárosunk ellen azzal a nyilvánvaló szándékkal, hogy megdöntsék a törvényes magyar demokratikus kormányt. Csapataink harcban állnak. A kormány a helyén van. Ezt közlöm az ország népével és a világ közvéleményével.»

( IT )

«Qui parla il Primo Ministro Imre Nagy. Oggi all'alba le truppe sovietiche hanno aggredito la nostra capitale con l'evidente intento di rovesciare il governo legale e democratico di Ungheria. Le nostre truppe sono impegnate nel combattimento. Il governo è al suo posto. Comunico questo fatto al popolo del nostro Paese ed al mondo intero.»

( Tratto da: La rivoluzione Ungherese, una documentata cronologia degli avvenimenti attraverso le trasmissioni delle stazioni radio ungheresi , Arnoldo Mondadori Editore, Roma, 1957. )

Nagy e diversi suoi compagni trovarono rifugio nell'ambasciata jugoslava, dopo aver ricevuto assicurazioni sulla possibilità della concessione dell' asilo politico . István Bibó , unico ministro a non lasciare il Parlamento denunciò, in nome del governo, l'illegalità dell'occupazione. Il 14 novembre si formò il consiglio operaio centrale di Budapest e dintorni, che proclamò lo sciopero generale, chiese il ritiro delle truppe sovietiche e il ritorno del governo Nagy. Kádár dovette negoziare a lungo con i Consigli operai prima di riguadagnare il controllo della situazione. Il 22 novembre i rifugiati dell'ambasciata jugoslava uscirono con un salvacondotto di Kádár per "fare ritorno a casa", ma in realtà vennero immediatamente rapiti dai sovietici. Si rifiutarono di riconoscere il nuovo governo e vennero deportati a Snagov , in Romania .

Il 4 novembre tutti i piani che erano stati predisposti per diversi giorni diedero i loro frutti. Le truppe sovietiche impiegate erano diverse da quelle di stanza in Ungheria, che erano state utilizzate nelle operazioni precedenti. Queste non avevano simpatie per gli Ungheresi , e, allo scopo di evitare possibili tentennamenti nell'andare a reprimere un popolo "fratello", era stato detto loro che ci si poteva aspettare un attacco delle truppe americane da nord (rendendo così possibile lo scoppio di una terza guerra mondiale). L' Unione Sovietica giustificherà poi il suo intervento sulla base della responsabilità nei confronti di un alleato del Patto di Varsavia , ovvero il governo Kádár, che disse essersi formato il 4 novembre. Le truppe sovietiche assegnate al compito provenivano dalla riserva nazionale, le altre nazioni del Patto di Varsavia non fornirono truppe.

Questo intervento, contrariamente a quello del 23 ottobre, non si affidava a colonne di carri armati senza sostegno che penetravano in aree urbane densamente popolate. L'intervento del 4 novembre venne costruito attorno ad una strategia combinata di incursioni aeree, bombardamenti di artiglieria e azioni coordinate tra carri e fanteria (i sovietici impiegarono circa 4 000 carri armati) per penetrare nelle aree urbane nevralgiche. Mentre l'esercito ungherese metteva in piedi una resistenza scoordinata, fu la classe operaia ungherese, organizzata dai propri Consigli, che giocò un ruolo chiave nel combattere le truppe sovietiche. A causa della forza della resistenza della classe operaia, furono le zone industriali e proletarie di Budapest ad essere bersagliate di preferenza dall'artiglieria sovietica e dai raid aerei. Queste azioni continuarono in modo improvvisato fino a quando i Consigli di lavoratori, studenti e intellettuali chiesero il cessate il fuoco il 10 novembre.

La decisione di Mosca

Nel valutare le motivazioni dell'intervento sovietico, si devono esaminare diversi fattori. Il Praesidium del Comitato Centrale del PCUS cercò di sostenere un governo ungherese che fosse controllato da un partito amico. Alla fine di ottobre il governo Nagy si era spinto ben oltre i limiti accettabili dal PCUS. Per la maggioranza del Praesidium , le istanze del controllo dei lavoratori in Ungheria erano incompatibili con la propria idea di socialismo e dovevano essere eliminate. Le relazioni internazionali sovietiche nell' Europa centrale non erano dettate solo dal desiderio di esercitare un'egemonia di stampo imperiale, ma anche dalla paura di un'invasione da ovest. Queste paure erano radicate profondamente nella politica estera sovietica: risalivano alla guerra civile ea quella con la Polonia negli anni 1920 . Fu comunque l'invasione tedesca dell' URSS nel 1941 , aiutata dallo Stato ungherese, che cementò il concetto sovietico di un necessario cuscinetto difensivo di Stati alleati in Europa Centrale.

Dal punto di vista del gruppo dirigente sovietico di quel tempo, va citata la causa probabilmente determinante della decisione di effettuare l'invasione - idea osteggiata fino all'ultimo da Mikojan - e cioè la paura di Chruščёv di essere rovesciato dagli stalinisti ( Molotov , ad esempio), che già mordevano il freno e che difficilmente gli avrebbero perdonato di avere "perso l'Ungheria". Questa paura era assai più giustificata delle vecchie e tradizionali visioni staliniste dell'"accerchiamento" che non erano così presenti in un Chruščёv, convinto della possibilità della coesistenza pacifica. Non c'è dubbio che Molotov avrebbe tentato di rovesciarlo in tale evenienza, facendo appello certamente alle "antiche paure" per raccogliere attorno a sé l'Armata rossa, che pullulava ancora di ufficiali che dovevano la loro carriera a Stalin .

Nel 1956 c'era inoltre il timore diffuso, e reale, di un dilagare a macchia d'olio del "fenomeno Ungheria", un effetto domino, com'è stato scritto. C'erano state manifestazioni di massa a Varsavia (Polonia) in appoggio della rivoluzione ungherese, e anche in Romania in diversi luoghi ebbero luogo manifestazioni di protesta. Sempre in Romania, in Transilvania , nell'Università Bolyai di Cluj si era costituito un "movimento studentesco" al quale aderivano molti docenti iscritti al partito. Il tutto somigliava molto ai prodromi della rivoluzione ungherese. Il KGB riferiva che in Cecoslovacchia , a Bratislava e altri centri di provincia, dove avevano luogo manifestazioni studentesche, c'era una "crescente ostilità e sfiducia nell'Unione Sovietica".

Nella stessa Unione Sovietica c'era stata un'ondata di disordini come contraccolpo della destalinizzazione. Nella primavera del '56 si erano verificati disordini in Georgia - Paese tradizionalmente insofferente al dominio sovietico fin dai tempi dell'ottobre 1917 (era saldamente in mano, allora, ai menscevichi ) - a Tbilisi e in altre città, e il Cremlino aveva dichiarato la legge marziale in tutto il Paese, inviando truppe e carri armati. Durante il primo intervento in Ungheria, nell' università di Mosca studenti e docenti avevano manifestato contro l'intervento ed erano stati repressi. Anche a Jaroslavl' c'erano state manifestazioni di protesta e il KGB era intervenuto con mano pesante. Dal fronte degli scrittori sovietici si temeva - a torto o ragione - una loro emulazione del circolo Petőfi .

Il gruppo dirigente dell'URSS dell'epoca era composto da uomini che erano sopravvissuti allo stalinismo. Questo vale anche per gli stessi stalinisti come Molotov, che si era salvato da una purga (una delle ultime due) grazie alla provvidenziale morte di Stalin. Abituati a fronteggiare avversità e pericoli di ogni genere, non erano certo nel panico di fronte ad una situazione difficile, ma appariva loro chiaro che c'era un rischio reale di sgretolamento dell'URSS e del suo sistema, una specie di "anticipazione" di quanto avverrà assai più tardi, dopo la caduta di Gorbačëv e del regime.

Bisogna inoltre tenere anche presente che, come già detto, Mikojan, che era stato inviato in Ungheria assieme a Suslov in quanto "specialista" di quel Paese, è stato fino all'ultimo fautore di una soluzione negoziata, cercando di scongiurare l'invasione anche dopo che questa era già stata decisa (in sua assenza, essendo lui in Ungheria), appena rientrato al Cremlino. La sua idea continuava ad essere quella di una soluzione "alla Gomułka ", che impedisse di "perdere l'Ungheria", e insieme di non perdere credibilità internazionale anche e soprattutto all'interno dei "Paesi satelliti". Inseguendo Nikita Chruščёv nel cortile del Cremlino, mentre questi stava partendo per il suo giro dei Paesi dell'Est per ottenere quanto meno una "neutralità" se non l'approvazione dell'invasione, Mikojan arriverà a minacciare le dimissioni, anche se in modo un po' oscuro. Chruščёv equivocherà il suo discorso, interpretandolo come una minaccia di suicidio, e lo inviterà a non fare sciocchezze. Quando Chruščёv rientrerà dal suo giro, sarà ormai troppo tardi, e Mikojan si adatterà agli eventi.

Anche un oscuro quadro, funzionario alla Pianificazione, Maksim Suburov , si pronunciò contro la soluzione militare, perché "avrebbe giustificato l'esistenza della NATO ", una motivazione non molto lontana da quella di Mikojan. A quanto risulta, furono le uniche due voci contrarie all'intervento dell'Armata rossa. Lo stesso Kádár, che aveva partecipato in modo convinto al movimento rivoluzionario, all'inizio si dichiarò a Mosca per una soluzione negoziata. I sovietici, dietro suggerimento di Tito, preferirono lui a Ferenc Münnich - un uomo a quanto si dice dal carattere piuttosto servile - perché più credibile, a causa del suo passato non solo nei brevi giorni della rivoluzione: era stato lui stesso una vittima di Rákosi .

Dal 10 novembre in poi

Tra il 10 novembre e il 19 dicembre i consigli dei lavoratori negoziarono direttamente con le forze di occupazione sovietiche. Mentre riuscirono a ottenere alcuni rilasci di prigionieri politici, non ottennero il loro scopo, il ritiro dei sovietici. János Kádár , capo del Partito Socialista Operaio Ungherese formò un nuovo governo, col supporto dell'URSS, che dopo il dicembre 1956 aumentò costantemente il suo controllo sull'Ungheria. Sporadici attacchi della resistenza armata continuarono fino alla metà del 1957.

Imre Nagy , Pál Maléter e il giornalista Miklós Gimes vennero processati e giustiziati in gran segreto dal governo di Kádár il 16 giugno 1958 , dopo un processo a porte chiuse durato cinque giorni. Jozsef Szilagyi, capo della segreteria di Nagy, era già stato giustiziato due mesi prima.

Il Primate cattolico d'Ungheria, il cardinale József Mindszenty trovò rifugio nella sede della rappresentanza diplomatica statunitense a Budapest, dove sarebbe rimasto per ben quindici anni. Altre esecuzioni avvennero a più riprese. Le stime della CIA , pubblicate negli anni sessanta , parlano approssimativamente di 1.200 esecuzioni.

Nel 1963 la gran parte dei prigionieri politici sopravvissuti della rivoluzione ungherese del 1956 furono rilasciati dal governo di János Kádár.

Il 23 ottobre 1989 , a pochi mesi dalla caduta del regime comunista e in occasione del trentatreesimo anniversario della rivoluzione, venne ufficialmente proclamata la Repubblica d'Ungheria, che perse definitivamente la vecchia denominazione di Repubblica Popolare . Da allora tale giorno è festa nazionale.

Imre Nagy e tutte le vittime della rivolta del '56 sono stati riabilitati. Il funerale di Nagy, come già accadde per Rajk , è stato "ripetuto", o forse è più corretto dire ha avuto luogo per la prima volta, il 16 giugno 1989 . Per il Partito comunista italiano, un paio di anni prima di cambiare nome in PDS , ai funerali partecipò Achille Occhetto , l'allora segretario. Gorbačëv ammetterà come errore l'intervento militare del '68 a Praga ma non quello del '56 a Budapest. L'11 e il 12 novembre 1992 il presidente russo Boris Eltsin , succeduto a Michail Gorbačëv, in visita a Budapest, rese omaggio ai caduti della rivoluzione e, parlando al Parlamento ungherese, chiese scusa per l'invasione. Consegnò inoltre al governo ungherese i documenti sovietici sulle vicende del '56.

Cause

Il collasso economico ei bassi standard di vita provocarono un profondo malcontento nella classe lavoratrice, reso manifesto ad esempio dai violenti scontri che spesso accompagnavano le partite di calcio. I contadini erano scontenti delle politiche terriere promosse dal Partito Socialista, il quale non fu neppure in grado di unire le sue ali riformista e stalinista. Oltre a questo si aggiungevano le proteste di giornalisti e scrittori non soddisfatti delle loro condizioni di lavoro e dell'impossibilità di un controllo diretto dei loro sindacati . Il malcontento degli studenti ruotava intorno alle condizioni accademiche e ai criteri di accesso all'università, con proteste che sfociarono nella creazione di sindacati studenteschi indipendenti. Il discorso di Nikita Chruščёv sul governo sovietico sotto Stalin causò un acceso dibattito all'interno dell' élite del Partito Socialista Ungherese: proprio mentre all'interno del Partito era in pieno corso la discussione sulla leadership , la popolazione si mobilitò.

Dibattito storico

L'importanza storica e politica della rivoluzione ungherese del 1956 è ancora ampiamente dibattuta.

Le principali visioni sulla natura della rivoluzione sono:

  • Fu una rivoluzione anarchica e socialista libertaria , che mirava a creare un nuovo tipo di società modellata sui consigli dei lavoratori ungheresi. Questa fu l'interpretazione maggiormente diffusa tra i comunisti libertari , gli anarchici e alcuni trotskisti .
  • Fu una rivoluzione liberale spontanea con l'intento di stabilire l' autodeterminazione politica e l'indipendenza dal Patto di Varsavia o una socialdemocrazia come in Svezia . Questa è l'interpretazione diffusa in Ungheria e negli Stati Uniti e sostenuta dai liberali e anche dai social-democratici.
  • Fu una rivoluzione fascista , che mirava a ripristinare un governo Hortyiano o delle Croci Frecciate . Questa è stata un'interpretazione piuttosto diffusa tra i partiti comunisti allineati con l' Unione Sovietica e la Repubblica Popolare Cinese , ed è presente in molte fonti primarie che trattano della rivoluzione, ad esempio, nella serie di "libri bianchi" del governo ungherese (novembre 1956–1959). Tale visione è stata sostenuta solo da una minoranza di storici durante gli anni del regime anche per il fatto che da parte ungherese tutti i resoconti ei documenti che riguardavano i tragici avvenimenti del 1956 furono, fino al 1989, continuamente sottoposti a censura .

Esiste dunque una grande varietà di posizioni storiografiche , in conflitto e spesso inconciliabili. Per giunta, poiché la rivoluzione ebbe breve vita, è molto difficile speculare su quali sarebbero stati i suoi effetti se avesse avuto successo.

Gli effetti sulla sinistra italiana

Lo scoop dell' Avanti! e la presa di posizione del gruppo dirigente del Partito Socialista Italiano a favore della rivoluzione ungherese

Il giornalista Luigi Fossati , allora inviato dell' Avanti! , si trovò casualmente a realizzare un grande scoop : presente a Budapest durante la rivoluzione dell'ottobre 1956 , fu l'unico giornalista occidentale ad assistere personalmente alla rivolta del popolo ungherese contro il regime stalinista di Rákosi fino all'arrivo, il 4 novembre, dei carri armati inviati da Mosca . Scrisse quindi una serie di articoli basati su quanto da lui personalmente osservato e su quanto riferitogli direttamente dai partecipanti alla sollevazione popolare, che riuscì a far recapitare al suo giornale tramite un connazionale in partenza per l'Italia.

L' Avanti! pubblicò gli articoli senza alcuna censura, benché contenessero l'implicita accusa all' URSS di aver invaso militarmente l' Ungheria al solo scopo di reinstaurare l'ortodossia sovietica e di stroncare il tentativo di rinnovamento del regime comunista richiesto dalla maggioranza della popolazione ungherese. All'epoca il Partito Socialista Italiano era ancora molto legato al PCI e al mito dell'Unione Sovietica come patria del socialismo reale.

Il reportage di Fossati fu ripreso da quasi tutti i giornali italiani e da molti quotidiani e periodici esteri.

Lo scoop dell' Avanti! determinò la presa di posizione della gran parte del gruppo dirigente del Partito Socialista Italiano a favore della rivoluzione ungherese, con il definitivo allontanamento del PSI dal regime sovietico .

Nel numero dell' Avanti! del 28 ottobre 1956 [6] , in cui era pubblicato il reportage di Fossati, il segretario del PSI, Pietro Nenni scrisse:

«Gli ungheresi chiedono democrazia e libertà. Il vecchio motto che non si sta seduti sulla punta delle baionette vale anche per i carri armati. Si può schiacciare una rivolta, ma se questa, come è avvenuto in Ungheria, è un fatto di popolo, le esigenze ed i problemi da essa poste rimangono immutati. Il movimento operaio non aveva mai vissuto una tragedia paragonabile a quella ungherese, a quella che in forme diverse cova in tutti i paesi dell'Europa orientale, anche con i silenzi, i quali non sono meno angosciosi delle esplosioni della collera popolare. Quanto di meglio noi possiamo fare per i lavoratori ungheresi è aiutarli a risolvere i problemi da essi posti a base del rinnovamento della vita pubblica nel loro e negli altri paesi dell'Europa orientale, aiutarli a spezzare gli schemi della dittatura in forme autentiche di democrazia e di libertà. Daremo tutta l'opera nostra in aiuto del popolo ungherese perché possa attuare il socialismo nella democrazia, nella libertà, nell'indipendenza.»

Nenni restituì il Premio Stalin per la pace conferitogli cinque anni prima e devolse la somma ricevuta alla Croce Rossa Internazionale in favore delle vittime della rivoluzione ungherese e della crisi di Suez .

All'interno del partito fondò la corrente " autonomia socialista ", tendente a creare le condizioni per un governo espressione di un accordo tra i socialisti e il centro , contrapposta alla corrente dei " carristi ", così chiamati perché favorevoli ai carri armati delle truppe sovietiche in Ungheria , i cui componenti, in gran parte, uscirono dal Partito nel 1964 per dar vita al nuovo PSIUP .

La polemica con il PCI, che appoggiò senza remore l'intervento delle truppe sovietiche in Ungheria, fu durissima.

Tra i dirigenti comunisti dell'epoca si distinse Giorgio Napolitano , il quale solo nel 2006 , in occasione del 50º anniversario dei "fatti d'Ungheria" ammise che "Nenni aveva ragione" [7] .

La posizione dei socialisti sulla vicenda ungherese e la presa di distanze dal regime sovietico favorirono l'ingresso nel PSI degli ultimi " azionisti " ( Codignola ), provenienti dalla lista di Unità Popolare e di alcuni esponenti comunisti usciti dal PCI proprio in conseguenza dell'appoggio all'intervento sovietico in Ungheria, tra i quali Antonio Giolitti , Loris Fortuna , Antonio Ghirelli .

La pubblicazione del reportage di Luigi Fossati nei Libri Bianchi Einaudi

Il 17 novembre 1956 , a due settimane dall'invasione sovietica in Ungheria, l'editore torinese Giulio Einaudi scrisse al segretario del PCI Palmiro Togliatti [8] e, rinnovandogli la sua fiducia politica e stima personale, lo esortava a partecipare al processo di "normalizzazione" dell'Ungheria, facendosi promotore, a livello internazionale, dell'idea di un socialismo diverso da quello sovietico: «A mio avviso non perderei un minuto, e anche con sollecitudine mi recherei a Mosca , a Belgrado , a Varsavia , a Budapest . Porteresti tutto il peso della tradizione di lotta del Partito […]. Scusami per questa lettera, dettata dalla coscienza delle comuni responsabilità, di una grande fiducia nel socialismo, di una grande stima per la tua persona». [9]

Tre giorni dopo, il 20 novembre 1956, Einaudi, non avendo ricevuto risposta, o avendola ricevuta negativa da parte del segretario del Pci, scrisse al segretario del PSI Pietro Nenni [10] per richiedergli l'autorizzazione a pubblicare il reportage di Fossati da Budapest, con una sua prefazione: «Da parte mia vorrei soltanto dire che la pubblicazione di una Casa non di partito darebbe alla tua prefazione e al resoconto dei fatti d'Ungheria un significato politico, una "presa", nel Paese, su un'opinione pubblica intontita e disorientata, di cui tu sei meglio di me in grado di valutare l'importanza in questo momento.». [9]

Nenni, comprendendo che l'iniziativa di Einaudi avrebbe allargato la discussione sui "fatti d'Ungheria" a tutta la sinistra, facendo conoscere la posizione socialista di difesa dell'autonomia del popolo ungherese dall'intervento militare sovietico, acconsentì alla pubblicazione e fece avere a Einaudi una prefazione che introdusse il testo di Fossati: «Le corrispondenze di Luigi Fossati all' Avanti! sugli avvenimenti di Budapest sono qualcosa di più di un reportage ; sono la testimonianza di un socialista». Parole politicamente nette che vennero riprodotte in nero sull'austera copertina bianca che, studiata dall'artista e grafico Bruno Munari , diventò la veste ufficiale della nuova collana di libri d'attualità edita dalla Einaudi , che da essa prese il nome: "I libri bianchi". [9]

Einaudi aveva dunque deciso di divulgare nel primo libro della nuova serie bianca della sua attività editoriale una ricostruzione dei fatti contraria a quella sostenuta dal Pci di Togliatti, partito con il quale egli aveva sempre coltivato un rapporto privilegiato seppur non privo di contrasti. Si trattò a tutti gli effetti di un atto politico, la cui forza fu resa ancora più dirompente dal fatto che intorno a Giulio Einaudi, in quei turbinosi mesi del 1956, si muoveva tutta la casa editrice, a cominciare dalla cellula aziendale comunista intitolata a Giaime Pintor che, negli ultimi giorni di ottobre, approvò all'unanimità due documenti di critica alle posizioni del Pci sui fatti polacchi e ungheresi [9] [11]

La posizione assunta dalla cellula Pintor contro la linea del Partito ebbe un'eco nell'intervento di Togliatti nella riunione della Direzione del PCI del 30 ottobre: «L'altra posizione sbagliata è che la sommossa è stata democratica e socialista e dovevamo sostenerla fin dall'inizio. Assieme a ciò attacco al partito per non essersi mosso sui problemi internazionali dopo il XX congresso. Posizioni di organizzazioni e gruppi di compagni a Pisa, Mantova, Modena, Cellula Pintor (di Torino) e di Roma (giornalisti e intellettuali)» (dal verbale della seduta) [12] ). [9]

A Roma , la sede della casa editrice diventò uno dei punti di riferimento degli intellettuali e degli studenti universitari comunisti in dissenso con la linea del PCI. Nelle stanze dell'Einaudi si raccolsero le firme di adesione alla lettera del 29 ottobre indirizzata al Comitato centrale del PCI – il cosiddetto " Manifesto dei 101 " – promossa da Carlo Muscetta , allora direttore della rivista Società . [13] [14] Nel novembre del 1956 l'invasione sovietica dell'Ungheria trovava dunque la casa editrice già compatta e attiva sul fronte del dissenso con il partito di Togliatti [9] .

La forte unità politica del gruppo einaudiano si tradusse subito nella realizzazione di un progetto editoriale dedicato all'attualità. Sono tempi nuovi che esigono libri nuovi , come scrisse l'autore anonimo – ma sicuramente si trattava di Calvino – che così presentava la collana dei "Libri bianchi", già attiva da due anni, ai lettori del Notiziario Einaudi : «Mesi cruciali per la storia del mondo, quelli che stiamo vivendo. Le nostre giornate sono scandite dall'uscita delle edizioni speciali dei quotidiani, dalle notizie che ci porta la radio. Il ritmo dei libri è necessariamente più lento, eppure i volumetti della serie "bianca" che già nei caratteri della copertina richiamano l'immediatezza – tanto spesso drammatica – dei giornali, intendono non solo seguire ma precedere l'attualità, un precedere che vorremmo equivalesse a un prevenire, informandoci tempestivamente dei problemi che s'affacciano alla ribalta [9] [15] .

Qui Budapest , come fu intitolato il reportage di Fossati, inaugurò con successo la collana dei "Libri bianchi": fu salutato dalla stampa come «il primo libro sull'insurrezione magiara» [16] , «una delle testimonianze più esaurienti e obiettive che si possano avere in Italia sulle drammatiche giornate di ottobre e novembre in Ungheria» [17] , «una raccolta di corrispondenze di grande interesse ed importanza non solo per il quadro obiettivo dei tragici avvenimenti che da esse risulta, ma soprattutto per cogliere, in queste osservazioni secche e apparentemente spassionate, il travaglio ideologico del socialismo italiano a contatto con fatti di valore traumatico». [9] [18] [19]

Il libro di Fossati fu un successo editoriale per la tempestività della pubblicazione (gennaio 1957), ma anche per la raffinatezza dell'analisi proposta. Le doti di scrittura di Fossati si accompagnavano alla sottigliezza e alla profondità analitica che l'autore dimostrava nell'elaborazione di considerazioni politiche su eventi ancora in corso. Per Fossati la scrittura diventava il mezzo attraverso cui operare una scelta di campo, in senso politico-ideologico ma, prima ancora, in senso morale [9] : «Mentre vi trasmetto le ultime note stese durante la battaglia della capitale ungherese, desidero fare una sola precisazione: in questi venti giorni pieni di orrori e violenze, ho parlato con molti operai, con studenti di Budapest. Non ho confuso i loro volti con quelli dei provocatori di marca fascista. Questi lavoratori, questi studenti, mi hanno raccomandato di raccontare esattamente i fatti di cui ero stato testimone diretto. Ho cercato di mantenermi fedele all'impegno, nel limite delle mie forze: l'ho ritenuto, in un momento tanto doloroso, un obbligo morale». [20]

A Qui Budapest seguì, come secondo volume della collana dei Libri Bianchi , lo scritto di Antonio Giolitti Riforme e rivoluzione , uscito nei primi mesi del 1957 , destinato ad avere un'ampia eco nel dibattito politico suscitato nella sinistra italiana dai fatti di Ungheria. [9]

Nel dicembre del 1956 si era tenuto a Roma l' VIII Congresso del Pci , nell'ambito del quale Giolitti espresse pubblicamente il suo dissenso rispetto all'interpretazione ufficiale del partito sui fatti di Ungheria. Di fronte alle richieste di chiarimento avanzate dalla direzione del Pci, Giolitti per rispondere in maniera più analitica scrisse un memoriale, destinato quindi a rimanere nell'ambito ristretto del partito. Ma una volta depositato questo scritto presso la direzione comunista su di esso non si aprì alcuna discussione e sul suo autore calò il silenzio. Giolitti decise allora di rendere pubbliche le sue riflessioni attraverso la casa editrice con cui egli collaborava dal 1943 [21] .

Riforme e rivoluzione uscì nei primi mesi del 1957. Alla fase preparatoria della sua pubblicazione la casa editrice si dedicò con impegno intellettuale e passione civile inusuali. A cominciare dal testo stampato in copertina, che venne sottoposto a un'elaborazione minuziosa di cui Giulio Bollati , il principale collaboratore di Giulio Einaudi , diede notizia a Giolitti in una lettera del primo aprile 1957: «Dopo uno spoglio accurato dei passi del tuo libro che meglio esprimono il contenuto e lo spirito del lavoro, Einaudi e noi con lui, ci siamo fermati su questo (p. 22 delle bozze): «Affrontare questi problemi in questi termini non è "revisionismo senza principi": ciò comporta non l'abbandono dei principi, bensì dei vecchi schemi […] e il riesame di certi giudizi e di certe previsioni sulla crisi del capitalismo che i fatti hanno smentito e che l'analisi marxista non solo permette, ma si impone di correggere». Il testo della fascetta, avvertiva Bollati, è stato approvato «all'unanimità da tutti quanti». Attraverso la pubblicazione dello scritto di Giolitti la casa editrice poté dunque misurare la sua capacità di incidere sul dibattito politico in atto attraverso quello che Calvino definì a tutti gli effetti «un libro per la discussione» [9] [22] .

Da un punto di vista commerciale, il manifesto di Giolitti rappresentò, per gli standard di quegli anni, un successo, raggiungendo nel giro di pochi mesi la quarta edizione [23] , suscitò consensi e malumori che spaccarono ulteriormente la compagine della sinistra italiana lungo la linea Psi-Pci [24] . Sulle pagine della stampa nazionale si innescò un fitto dibattito intorno alle tesi del «compagno Giolitti». [25]

Giorgio Napolitano , ex Presidente della Repubblica italiana (nel 1956 responsabile della commissione meridionale del Comitato Centrale del PCI), condannò la presa di posizione di Giolitti, qualificando come controrivoluzionari gli insorti ungheresi.

«Il compagno Giolitti ha il diritto di esprimere le proprie opinioni, ma io ho quello di aspramente combattere le sue posizioni. L'intervento sovietico ha non solo contribuito a impedire che l'Ungheria cadesse nel caos e nella controrivoluzione ma alla pace nel mondo.»

( 1956: [26] )

A 50 anni di distanza Giorgio Napolitano, nella sua autobiografia politica Dal PCI al socialismo europeo , parlò del suo "grave tormento autocritico" riguardo a quella posizione, nata dalla concezione del ruolo del Partito comunista come «inseparabile dalle sorti del campo socialista guidato dall' URSS », contrapposto al fronte "imperialista" . Nel 2006 , in occasione dell'anniversario dei fatti d' Ungheria del 1956, Antonio Giolitti ricevé l'omaggio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano , il quale, recandosi personalmente nella sua abitazione romana, riconobbe che cinquant'anni prima la ragione stava dalla sua parte. Il 26 settembre 2006 il Presidente Napolitano, in visita ufficiale in Ungheria, rese omaggio al monumento ai caduti della rivoluzione e alla tomba di Imre Nagy. [27] .

Ma la risposta più inattesa arrivò proprio dall'interno del PCI, che decise di rispondere pubblicamente a Riforme e rivoluzione attraverso un opuscolo firmato da Luigi Longo , vicesegretario del Pci, e intitolato Revisionismo nuovo e antico . [28]

Un opuscolo, quello di Longo, che la Einaudi pubblicò nella primavera del 1957 come sesto volume dei Libri bianchi : fu un'occasione importante per la collana di presentarsi come spazio libero di discussione e confronto sui temi politici all'ordine del giorno. Il senso della scelta di questa pubblicazione venne reso esplicito nella brevissima nota editoriale che accompagnò lo scritto di Longo: «Ci sembra che una discussione pubblica tanto franca ed esplicita tra due esponenti del maggior partito di sinistra costituisca nella nostra recente vita politica un fatto nuovo e chiarificatore, suscettibile di ulteriori interessanti sviluppi. La discussione tra Longo e Giolitti si inserisce nel più ampio dibattito in corso nello schieramento della sinistra italiana. La nostra collana resta aperta a quanti, uomini di cultura e uomini politici, vorranno contribuire ad approfondirlo».

Il PCI ei fatti d'Ungheria

La linea ufficiale del PCI fu dettata dal suo segretario generale Palmiro Togliatti , secondo cui non bisognava perdere di vista la globalità del processo storico di affermazione del comunismo.

A partire dalla sollecitazione lanciata nell'ottobre 1986 dallo storico magiaro-francese François Fejto , sono stati trovati i documenti che comprovano al di là di ogni ragionevole dubbio che Togliatti sollecitò i sovietici all'intervento armato contro la rivoluzione ungherese: in una sua lettera del 30 ottobre 1956 al Comitato Centrale del PCUS , pubblicata su La Stampa l'11 settembre 1996 [29] , scrisse:

«Alla segreteria del CC del PCUS
30 ottobre 1956
Gli avvenimenti ungheresi hanno creato una situazione pesante all'interno del movimento operaio italiano e anche nel nostro partito. Il distacco di Nenni da noi che pure, a seguito delle nostre iniziative, aveva mostrato una tendenza a ridursi, si è ora bruscamente acuito. La posizione di Nenni sugli avvenimenti coincide con quella dei socialdemocratici .
Nel nostro partito si manifestano due posizioni diametralmente opposte e sbagliate. Da una parte estrema si trovano coloro i quali dichiarano che l'intera responsabilità di quanto avvenuto in Ungheria risiede nell'abbandono dei metodi stalinisti. All'altro estremo vi sono coloro che accusano la direzione del nostro partito di non aver preso posizione in difesa dell'insurrezione di Budapest e che affermano che l'insurrezione era pienamente da appoggiare e che era giustamente motivata. Questi gruppi esigono che l'intera direzione del nostro partito sia sostituita e ritengono che Di Vittorio dovrebbe diventare il nuovo leader del partito. Essi si basano su una dichiarazione di Di Vittorio che non corrispondeva alla linea del partito e che non era stata da noi approvata. Noi conduciamo la lotta contro queste due posizioni opposte ed il partito non rinuncerà a combatterla.
Tuttavia vi assicuro che gli avvenimenti ungheresi si sono sviluppati in modo tale da rendere molto difficile la nostra azione di chiarimento all'interno del partito e per ottenere l'unità attorno alla sua direzione. Nel momento in cui noi definimmo la rivolta come controrivoluzionaria ci trovammo di fronte ad una posizione diversa del partito e del governo ungheresi e adesso è lo stesso governo ungherese che esalta l'insurrezione. Ciò mi sembra errato. La mia opinione è che il governo ungherese, rimanga o no alla sua guida Imre Nagy , si muoverà irreversibilmente verso una direzione reazionaria.
Vorrei sapere se voi siete della stessa opinione o se siete più ottimisti. Voglio aggiungere che tra i dirigenti del nostro partito si sono diffuse preoccupazioni che gli avvenimenti polacchi ed ungheresi possano lesionare l'unità della direzione collegiale del vostro partito, quella che è stata definita al XX Congresso . Noi tutti pensiamo che, se ciò avvenisse, le conseguenze potrebbero essere molto gravi per l'intero nostro movimento.»

( Palmiro Togliatti )

Togliatti aveva già inviato la lettera ai sovietici, all'insaputa di tutti gli altri dirigenti comunisti italiani, quando, la sera del 30 ottobre, si riunì la direzione del PCI, nel corso della quale egli enunciò il celebre principio: «Si sta con la propria parte anche quando sbaglia».

Palmiro Togliatti sostenne anche: «È tutta colpa di quegli agitatori qualunquisti del Circolo Petöfi di Pest e dell'influenza esercitata dal filosofo György Lukács , comunista per modo di dire. Lo rimanderemo a scrivere i suoi libri a Vienna , come ha fatto per tanto tempo. [...] Giunto a questo punto è mia opinione che una protesta contro l'Unione Sovietica avrebbe dovuto farsi se essa [...] non fosse intervenuta, e con tutta la sua forza questa volta, per sbarrare la strada al Terrore bianco e schiacciare il fascismo nell'uovo, nel nome della solidarietà che deve unire nella difesa della civiltà tutti i popoli, ma prima di tutto quelli che già si sono posti sulla via del socialismo» [30] .

A fine novembre 1957 , durante la Prima Conferenza mondiale dei partiti comunisti tenutasi a Mosca , Togliatti votò, insieme agli altri leader comunisti (tranne il segretario del Partito Comunista Polacco Gomulka , presente il nuovo leader ungherese János Kádár ) a favore della condanna a morte dell'ex presidente del Consiglio ungherese Imre Nagy e del generale Pál Maléter , ministro della Difesa, arrestati l'anno prima dalle truppe sovietiche d'occupazione, il 3 novembre nel quartier generale sovietico di Tököl e il 22 novembre appena uscito dall'ambasciata jugoslava con il salvacondotto del governo Kádár, con l'accusa di aver aperto «la strada alla controrivoluzione fascista».

La condanna a morte sarebbe stata sancita soprattutto su pressione della Cina. Secondo quanto affermato dallo stesso Kádár in un verbale di riunione del CC del partito comunista ungherese del 29 novembre 1957 [31] , Togliatti pregò di rinviare quelle ingombranti esecuzioni a dopo le imminenti elezioni politiche italiane del 25 maggio 1958 , perché il PCI non ne fosse troppo danneggiato. L'invito fu accolto e Imre Nagy fu impiccato il 16 giugno 1958 .

A Pietro Ingrao , che era andato a trovarlo subito dopo l'invasione per confidargli il suo turbamento, riferendogli di non avere dormito la notte per l'angoscia, Togliatti rispose: «Io invece ho bevuto un bicchiere di vino in più» [32] . Ingrao, pur nel suo "turbamento", essendo all'epoca direttore del quotidiano del PCI l'Unità , si trovò a firmare due perentori editoriali ( Da una parte della barricata a difesa del socialismo , uscito senza firma il 25 ottobre 1956, e Il coraggio di prendere posizione , pubblicato il 27 ottobre a firma "PI") con cui esprimeva una durissima condanna della Rivoluzione ungherese [33] , una posizione filo- sovietica della quale si sarebbe pubblicamente pentito nel prosieguo della sua vicenda politica [34] .

L'Unità definì gli operai insorti "teppisti" e "spregevoli provocatori", nonché "fascisti" e "nostalgici del regime horthyiano ", giustificando l'intervento delle truppe sovietiche, sostenendo che si trattasse di un elemento di "stabilizzazione internazionale" e di un "contributo alla pace nel mondo". Il corrispondente del giornale comunista Orfeo Vangelista così descriveva i "fatti d'Ungheria": «Gruppi di facinorosi, seguendo evidentemente un piano accuratamente studiato, hanno attaccato la sede della radio e del Parlamento. Gruppi di provocatori in camion hanno lanciato slogan antisovietici apertamente incitando a un'azione controrivoluzionaria. In piazza Stalin i manifestanti hanno tentato di abbattere la statua di Stalin. L'intervento sovietico è un dovere sacrosanto senza il quale si ritornerebbe al terrore fascista tipo Horty . Le squadre dei rivoltosi sono composte prevalentemente da giovani rampolli della aristocrazia e della grossa borghesia» [35] [36] .

Luigi Longo sostenne la tesi della rivolta imperialista : «L'esercito sovietico è intervenuto in Ungheria allo scopo di ristabilire l'ordine turbato dal movimento rivoluzionario che aveva lo scopo di distruggere e annullare le conquiste dei lavoratori».

Umberto Terracini dichiarò: «L'intervento sovietico non può che trovare unanime appoggio e solidarietà in tutti i veri democratici italiani».

Tuttavia la base del partito rimase molto scossa e negli anni successivi si ebbe un calo degli iscritti al PCI. Contestualmente si ebbero diverse manifestazioni di piazza di militanti comunisti scesi a sostegno dei rivoluzionari ungheresi.

La CGIL prese posizione a favore degli insorti, con un comunicato approvato all'unanimità dalla Segreteria della Confederazione il 27 ottobre 1956 e redatto dal vice-Segretario socialista Giacomo Brodolini [37] , con la piena approvazione del Segretario generale Giuseppe Di Vittorio [38] : «La Segreteria della CGIL esprime il suo profondo cordoglio per i caduti nei conflitti che hanno insanguinato l'Ungheria [...] , ravvisa in questi luttuosi avvenimenti la condanna storica e definitiva dei metodi antidemocratici di governo e di direzione politica ed economica che determinano il distacco fra dirigenti e masse popolari... deplora che sia stato richiesto e si sia verificato in Ungheria l'intervento di truppe straniere...» ( Avanti! e l'Unità del 28 ottobre 1956 [39] [40] ). Poiché si era diffusa la voce che l'atteggiamento assunto dalla CGIL riguardo agli avvenimenti ungheresi fosse dovuto principalmente alle pressioni dei sindacalisti socialisti, Di Vittorio si sentì di dover dimostrare che tale posizione rifletteva effettivamente le convinzioni di tutti i membri della segreteria confederale (del resto il documento era stato votato all'unanimità), rilasciando a sua volta una dichiarazione all'agenzia di stampa SPE, affermando che «gli avvenimenti hanno assunto un carattere di così tragica gravità che essi segnano una svolta di portata storica» e che «è un fatto che tutti i proclami e le rivendicazioni dei ribelli, conosciuti attraverso le comunicazioni ufficiali di radio Budapest, sono di carattere sociale e rivendicano libertà e indipendenza. Da ciò si può desumere chiaramente che — ad eccezione di elementi provocatori e reazionari legati all'antico regime - non vi sono forze di popolo che richiedano il ritorno del capitalismo o del regime di terrore fascista di Horty ». [41] .

Per questa sua presa di posizione Giuseppe Di Vittorio fu assoggettato da Togliatti ad una sorta di "processo interno" al PCI, nel quale il leader sindacale fu costretto ad aderire alla posizione ufficiale del partito, in una sorta di abiura di quanto in precedenza da lui affermato, giustificando pubblicamente la sua condotta di sindacalista con l'esigenza di unità della confederazione [42] . L'episodio è raccontato nella fiction sulla vita di Giuseppe Di Vittorio Pane e libertà del 2009 [43] .

Alcuni intellettuali comunisti deplorarono l'intervento sovietico nel " Manifesto dei 101 " [44] , firmato tra gli altri da un gruppo di storici ( Renzo De Felice , Luciano Cafagna , Salvatore Francesco Romano , Piero Melograni , Roberto Zapperi , Sergio Bertelli , Francesco Sirugo , Giorgio Candeloro ), da alcuni universitari comunisti romani ( Alberto Caracciolo , Alberto Asor Rosa , Mario Tronti , Enzo Siciliano ), dal filosofo Lucio Colletti [45] , da alcuni critici ( Dario Puccini , Mario Socrate , Luciano Lucignani ), da artisti e studiosi d'arte ( Lorenzo Vespignani e Corrado Maltese ), da uomini di cinema ( Elio Petri ), da giuristi ( Vezio Crisafulli ), da architetti ( Piero Moroni ) e da scienziati ( Franco Graziosi e Luciano Angelucci ).

Molti intellettuali iscritti o simpatizzanti del PCI si dimisero dal Partito - tra di essi Antonio Giolitti , Eugenio Reale , Vezio Crisafulli , Fabrizio Onofri [46] , Natalino Sapegno , Domenico Purificato , Gaetano Trombatore , Carlo Aymonino , Carlo Muscetta , Loris Fortuna , Antonio Ghirelli [47] , Italo Calvino , Elio Vittorini , Rachele Farina - o presero le distanze in maniera netta dal PCI dopo l'appoggio dato all'invasione sovietica, in ciò unendosi alla critica nei confronti dell'intervento armato formulata pubblicamente da chi aveva già abbandonato da tempo il partito ( Ignazio Silone ).

Tale presa di posizione fu favorita dalle dichiarazioni della CGIL e del Partito Socialista Italiano , in particolare della sua corrente autonomista guidata da Pietro Nenni , che condannò senza riserve la repressione. L'approvarono invece alcuni esponenti della sinistra socialista, da allora definiti " carristi ".

Note

  1. ^ Államvédelmi Hatóság , in lingua italiana: Autorità per la protezione dello Stato - in pratica il servizio segreto
  2. ^ Nehany statisztikai adat a forradalomol , su rev.hu . URL consultato il 9 marzo 2007 (archiviato dall' url originale il 27 agosto 2006) .
  3. ^ ( EN ) "On This Day 16 June 1989: Hungary reburies fallen hero Imre Nagy" British Broadcasting Corporation (BBC) reports on Nagy reburial with full honors. Retrieved 13 October 2006.
  4. ^ 17. Juni 1953: Bibliographische Datenbank Archiviato il 7 maggio 2005 in Internet Archive .
  5. ^ Assemblea generale dell'ONU Commissione speciale sul problema ungherese (1957), capitolo IV.C, paragrafo 225 (p. 71)
  6. ^ L'avanti - , su avanti.senato.it . URL consultato il 12 novembre 2018 .
  7. ^ Fabrizio Roncone, L'autocritica di Napolitano: Ungheria, Nenni aveva ragione , Corriere della Sera , 30 agosto 2006.
  8. ^ Cfr. Lettera di Einaudi a Togliatti conservata presso l'Archivio dell' Istituto Gramsci di Roma.
  9. ^ a b c d e f g h i j k Cfr. Irene Mordiglia, I "Libri bianchi" Einaudi. Nascita di una collana di attualità , in Fondazione Mondadori.it
  10. ^ Cfr. Archivio della Casa editrice Einaudi , incartamento Nenni , 20 novembre 1956.
  11. ^ I due documenti sono riprodotti in Italo Calvino , Saggi, 1945-1985 , a cura di M. Barenghi, Milano, Mondadori, 1995, pp. 3008-3011.
  12. ^ riprodotto in Quel terribile 1956, I verbali della Direzione comunista tra il XX Congresso del PCUS e l'VIII Congresso del PCI , a cura di L. Righi, Roma, Editori Riuniti, 1996, p.220
  13. ^ Cfr. Carlo Muscetta, L'Erranza, memorie in forma di lettera , Catania, Il Girasole edizioni, 1992, p. 118 ss. Per una ricostruzione della vicenda del Manifesto cfr. V. Meliadò, Il fallimento dei "101". Il Pci, l'Ungheria e gli intellettuali italiani , prefazione di Renzo Foa , Roma, Liberal edizioni, 2006.
  14. ^ "Le firme vennero per lo più raccolte da Giuliana Bertone, allora segretaria di redazione di Società , nella sede romana della casa editrice Einaudi dove c'era la redazione della rivista.
  15. ^ Cfr. «I "Libri Bianchi", Einaudi e l'attualità mondiale», Notiziario Einaudi , giugno 1958, n. 2. L'articolo fu pubblicato anonimo.
  16. ^ Carlo Casalegno , Gli operai difesero la libertà, i sovietici l'hanno soffocata , su La Stampa , 26 gennaio 1957.
  17. ^ Recensione anonima a Qui Budapest , in Cinema nuovo , 15 febbraio 1957.
  18. ^ V. Incisa, Diario ungherese , in Risorgimento , aprile 1957.
  19. ^ Vedi: Indro Montanelli , La stanza di Montanelli. Italia: Paese laico di cultura cattolica , Corriere della Sera , 20 novembre 1996, p. 39. Archivio storico.
  20. ^ Luigi Fossati, Qui Budapest , Torino, Einaudi, 1957, p. 11.
  21. ^ Sulla prima elaborazione in forma di memoriale di Riforme e rivoluzione , cfr. Antonio Giolitti , Lettere a Marta, Ricordi e riflessioni , Bologna, il Mulino, 1992.
  22. ^ Antonio Giolitti , Libri per la discussione , in «Notiziario Einaudi», Giugno 1956.
  23. ^ Le recensioni dell'epoca registrarono il clamore suscitato dall'opuscolo: «Da alcuni giorni molto si discute negli ambienti della estrema sinistra italiana su un libretto di Antonio Giolitti, Riforme e rivoluzione , appena pubblicato dall'editore E[inaudi]. Non a torto. […] Queste sessanta pagine sono davvero esplosive» ( Carlo Casalegno , Antonio Giolitti , comunista eretico , su La Stampa , 21 aprile 1957); «Alla riapertura delle librerie in Roma, dopo le solari vacanze di Pasqua, il saggio polemico dell'on. Antonio Giolitti edito da Einaudi con titolo Riforme e rivoluzione era esaurito. Un autentico successo editoriale» (B. Baldi, L'eretico senza autodafé , in Il Piccolo , 28 aprile 1957).
  24. ^ Tra le reazioni suscitate dalla pubblicazione di Riforme e rivoluzione va ricordato lo scritto di Palmiro Togliatti Errori di metodo ed errori di sostanza in un opuscolo del compagno Giolitti , su Rinascita , maggio 1958, n. 5.
  25. ^ Cfr. le recensioni di Norberto Bobbio , Riforme e rivoluzione , in "Notiziario Einaudi", giugno 1957, n.2; Valentino Gerratana , Una deformazione del pensiero di Gramsci e della politica del Partito Comunista , in L'Unità 19 maggio 1957; Lucio Magri , Il metafisico processo produttivo , in Dibattito politico , giugno 1957; Lucio Magri, Lenin falsificato , ibidem , 16 giugno 1957; Lucio Magri, Partito rivoluzionario o movimento di opinione , ibidem , 16 luglio 1957; Recensione anonima a Riforme e rivoluzione , su Avanti! , 18 aprile 1957; M. Salerno, Recensione a Riforme e rivoluzione , su Paese Sera , 19 aprile 1957.
  26. ^ citato in Gian Antonio Stella, «Principe rosso», violò il tabù del Viminale, Corriere della sera , 8 maggio 2006
  27. ^ Napolitano sulla tomba di Nagy "L'omaggio è un dovere morale" - Politica - Repubblica.it , su www.repubblica.it . URL consultato il 2 gennaio 2016 .
  28. ^ Il 17 maggio Longo si mise in contatto con Giulio Einaudi per informarlo della sua intenzione di redigere una risposta a Riforme e rivoluzione di Giolitti. Scriveva Longo: «Penso che, agli effetti del dibattito sui temi trattati, sarebbe bene se anche la mia risposta apparisse nella stessa collezione in cui è apparsa la pubblicazione di Giolitti. Sei d'accordo? La mia risposta occuperà un numero di pagine press'a poco uguale a quelle del lavoro di Giolitti» (Archivio della Casa editrice Einaudi , incartamento Longo).
  29. ^ Il testo della lettera è riportata anche in: Csaba Bekes, Malcom Byrne, Janos M. Rainer (eds.), The 1956 Hungarian Revolution: A History in Documents , Central European University Press, Budapest-New York 2002, p. 294; Adriano Guerra, Comunismi e Comunisti , Dedalo, Bari 2005, pp. 190-91; Federigo Argentieri Ungheria 1956. La rivoluzione calunniata , Marsilio, Venezia 2006, pp. 135-36. Aldo Agosti , autore della biografia Palmiro Togliatti (Torino, UTET 1996, ISBN 88-02-04930-0 , riedita nel 2003, quindi dopo la pubblicazione della lettera), nelle pagine 450-56 dedicate agli avvenimenti ungheresi, la ignora, riportando furbescamente però un brano di una lettera pensosa e dubitativa, quanto inefficace sul piano pratico, del 29 ottobre all'editore Giulio Einaudi .
  30. ^ Palmiro Togliatti , "Per difendere la libertà e la pace", su L'Unità , 6 novembre 1956
  31. ^ pubblicato dall'Archivio Nazionale Ungherese di Budapest nel 1997 in volume coi verbali del CC del POSU del biennio 1957-58, tradotto ed edito da Federigo Argentieri in Ungheria 1956 , op. cit., pp. 142-46
  32. ^ la Repubblica , 15 febbraio 1996
  33. ^ Adriano Guerra , Comunismi e comunisti: dalle "svolte" di Togliatti e Stalin del 1944 al crollo del comunismo democratico , Edizioni Dedalo , 2005, p. 192, ISBN 88-220-5353-2 .
  34. ^ Riccardo Barenghi , Ingrao, la schiena dritta di un eterno sconfitto , in La Stampa , 29 marzo 2015. URL consultato il 27 agosto 2015 .
  35. ^ L'Unità del 25 ottobre 1956.
  36. ^ Quando Napolitano disse: "in Ungheria l'Urss porta la pace" Archiviato il 23 maggio 2012 in Internet Archive .
  37. ^ Cfr. Piero Boni , Il sindacalista Giacomo Brodolini , in Una stagione del riformismo socialista, Giacomo Brodolini a 40 anni dalla sua scomparsa , a cura di Enzo Bartocci , atti del Convegno omonimo svoltosi a Recanati il 27 e 28 marzo 2009, Edizioni Fondazione Giacomo Brodolini, Collana "Studi e ricerche", 2010, pp. 89-90.
  38. ^ Ricorda Piero Boni : «Vorrei richiamare ancora una volta quell'episodio che non costituì di certo un ricatto da parte dei socialisti nei confronti della maggioranza comunista della CGIL, come qualcuno ha scritto. In quella famosa mattina del 27 ottobre ci eravamo incontrati Brodolini ed io nella sede della Confederazione in Corso d'Italia e convenimmo che la CGIL non potesse rimanere insensibile di fronte alla gravità di un avvenimento quale l'invasione dell'Ungheria da parte delle truppe russe e alla violenta repressione che ne era seguita. Si decise pertanto di chiedere la convocazione immediata della Segreteria e di proporre una mozione di condanna di quanto era avvenuto. Giacomo Brodolini provvide alla stesura di un testo in cui si affermava "la condanna storica e definitiva di metodi antidemocratici di governo e di direzione politica ed economica. Sono questi metodi – si diceva – che determinano il distacco tra i dirigenti e le masse popolari". Portammo il testo a Lizzadri il quale lo approvò immediatamente e insieme andammo da Giuseppe Di Vittorio non con l'intenzione di proporre la dichiarazione come iniziativa di parte, ma come posizione dell'intera Confederazione. Di Vittorio, dopo averla letta attentamente più di una volta, disse "va bene". Alla fine era più convinto di noi».
  39. ^ Questo il testo integrale del comunicato della CGIL:
    "La segreteria della CGIL di fronte alla tragica situazione determinatasi in Ungheria, sicura di interpretare il sentimento comune dei lavoratori italiani, esprime il suo profondo cordoglio per i caduti nei conflitti che hanno insanguinato il Paese.
    La segreteria confederale ravvisa in questi luttuosi avvenimenti la condanna storica e definitiva di metodi antidemocratici di governo e di direzione politica ed economica che determinano il distacco fra dirigenti e masse popolari.
    Il progresso sociale e la costruzione di una società nella quale il lavoro sia liberato dallo sfruttamento capitalistico sono possibili soltanto con il consenso e la partecipazione attiva della classe operaia e delle masse popolari, garanzia della più ampia affermazione dei diritti di libertà, di democrazia e di indipendenza nazionale.
    L'evolversi positivo della situazione in Polonia ha dimostrato che soltanto sulla via dello sviluppo democratico si realizza un legame effettivo, vivente e creatore fra le masse lavoratrici e lo stato popolare.
    La CGIL si augura che cessi al più presto in Ungheria lo spargimento di sangue e che la nazione ungherese trovi, in una rinnovata concordia, la forza per superare la drammatica crisi attuale, isolando così gli elementi reazionari che in questa crisi si sono inseriti col proposito di ristabilire un regime di sfruttamento e di oppressione.
    In pari tempo, la CGIL, fedele al principio del non intervento di uno Stato negli affari interni di un altro Stato, deplora che sia stato richiesto e si sia verificato in Ungheria l'intervento di truppe straniere.
    Di fronte ai tragici fatti di Ungheria e alla giustificata commozione che hanno suscitato nel popolo italiano, forze reazionarie tentano di inscenare speculazioni miranti a perpetuare la divisione tra i lavoratori, a creare disorientamento nelle loro file, a ingenerare sfiducia verso le loro organizzazioni per indebolirne la capacità di azione a difesa dei loro interessi economici e sociali.
    La CGIL chiama i lavoratori italiani a respingere decisamente queste speculazioni ea portare avanti il processo unitario in corso nel Paese, per il trionfo dei comuni ideali di progresso sociale, di libertà e di pace."
    in Avanti! del 28 ottobre 1956
  40. ^ Il pdf con la prima pagina de l'Unità contenente l'articolo è scaricabile da qui Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive .
  41. ^ Cfr. in Avanti! del 28 ottobre 1956
  42. ^ Nel caso ungherese, ad avviso di Bruno Trentin (cfr. Lavoro e libertà , Roma, Ediesse, 2008, pp. 36-37), Di Vittorio dovette giustificare, senza sconfessare il documento, la posizione assunta dalla CGIL con l'esigenza di tener conto delle esigenze unitarie interne alla confederazione.
  43. ^ Si tratta di una miniserie in due puntate, prodotta da Rai Fiction e Palomar, per la regia di Alberto Negrin , in cui il sindacalista pugliese è interpretato dall'attore Pierfrancesco Favino .
  44. ^ Emilio Carnevali, I fatti d'Ungheria e il dissenso degli intellettuali di sinistra. Storia del manifesto dei "101" , in MicroMega , n.9/2006
  45. ^ che diede anche una dettagliata descrizione delle pressioni ricevute dal gruppo per recedere dalla firma: cfr. La Rivolta dei 101 nell'Archivio storico del Corriere della Sera
  46. ^ vedi Dizionario Biografico Treccani - Fabrizio Onofri
  47. ^ Sembra che Ghirelli abbia abbandonato una riunione de l'Unità , proponendo sarcasticamente di mutare il nome della testata in l'Unanimità .

Bibliografia

  • AA.VV. L'indimenticabile '56 , rivista MicroMega 9/2006. ISBN 88-8371-186-6 .
  • AA.VV. Ungheria 1956, un fragile sogno di libertà a cura di Giorgio Salmon, Prospettiva edizioni, 2016 ISBN 88-941047-2-9
  • AA.VV. Numero monografico della rivista "Giano", a. 2006, n. 54.
  • Il complotto controrivoluzionario di Imre Nagy e dei suoi complici , Ufficio di informazione del Consiglio dei ministri della repubblica popolare ungherese, sil (ma Budapest), sid (ma 1958).
  • AA.VV. Il processo Nagy: il revisionismo comunista alla sbarra , Edizioni di Tempo presente, 1987.
  • AA.VV. "L'Italia e la rivoluzione ungherese del '56" 1–2 ottobre 1996 — "Olaszország és az 56-os Magyar Forradalom" 1996. Október 1-2 , Istituto Italiano di Cultura per l'Ungheria — Magyarországi Olasz Kultúrintézet, 1996.
  • AA.VV. Ungheria, 1956. La cultura si interroga. La rivoluzione patriottica e democratica d'Ungheria nello specchio di letteratura, storia, pubblicistica, politica, diplomazia, economia, arte. A cura di Roberto Ruspanti. Scritti e contributi di Lajos Antal, József Antall et al. Soveria Mannelli, Rubbettino, 1996. ISBN 88-7284-502-5 .
  • AA.VV. Ungheria 1956: Necessità di un bilancio , edizioni Lotta Comunista, 2006 ISBN 88-86176-01-5 .
  • AA.VV., 12 giorni, la rivoluzione ungherese del '56 , opuscolo dello SDI per il 50º anniversario dei fatti d'Ungheria, 2006.
  • Argentieri, Federigo. Ungheria 1956. La rivoluzione calunniata , Marsilio, Venezia, 2006, ISBN 88-317-8981-3 .
  • Bayer Zsolt, 1956 "...Perché rimanga un segno" , Istituto per il Secolo XX ed Ufficio per la Storiografia, Budapest 2001. ISBN 963-9406-04-X .
  • Bettiza Enzo e altri; La crepa nel muro: Ungheria 1956 , Roma, 1999. ISBN 88-7984-182-3 .
  • Bettiza Enzo; 1956 Budapest: i giorni della rivoluzione Mondadori, 2006. ISBN 88-04-55868-7 .
  • Bolognini Luigi; La squadra spezzata. L'Aranycsapat di Puskás e la rivoluzione ungherese del 1956 , Lininia 2007. ISBN 88-6041-095-9 .
  • Chiesura, Giorgio ; Non scrivete il mio nome , Einaudi, 1957.
  • Dalos György, Ungheria, 1956 , Donzelli, 2006. ISBN 88-6036-065-X .
  • Democrazia cristiana: Direzione centrale, La democrazia cristiana, la crisi del comunismo e l'insurrezione d'Ungheria , Edizioni Cinque lune, 1957.
  • Ferenc Feher, Agnes Heller, Ungheria 1956 , Milano, 1983.
  • Fiore Ilario, Ultimo treno per Budapest , Mondadori, 1957.
  • Luigi Fossati , Qui Budapest , con prefazione di Pietro Nenni , Einaudi , 1957 .
  • Froio, Felice, Il PCI nell'anno dell'Ungheria , L'espresso , 1980.
  • Ghezzi, Carlo; Giuseppe Di Vittorio ei fatti d'Ungheria del 1956 , Roma, Ediesse, 2007. ISBN 88-230-1175-2 .
  • Granville, Johanna; Il primo Domino: decisioni internazionali prese durante la crisi ungherese del 1956 The First Domino: International Decision Making During the Hungarian Crisis of 1956 , Texas A & M University Press, 2004. ISBN 1-58544-298-4 .
  • Granville, Johanna; Imre Nagy conosciuto anche "Volodya" - un dentello nell'alone del martire? "Imre Nagy aka 'Volodya'-A Dent in the Martyr's Halo?" , Cold War International History Project Bulletin , no. 5 (Woodrow Wilson Center for International Scholars, Washington, DC), Spring, 1995, pp. 28, 34-37 (da Scribd )
  • Granville, Johanna, Presa con marmellata sulle nostre dita: Radio Europa Libera e la rivoluzione ungherese del 1956 Caught With Jam on Our Fingers: Radio Free Europe and the Hungarian Revolution in 1956 Diplomatic History , vol. 29, no. 5 (2005): pp. 811–839.
  • Granville, Johanna, Documenti d'archivio sovietici sulla rivoluzione ungherese, 24 ottobre - 4 novembre 1956 Soviet Archival Documents on the Hungarian Revolution, 24 October - 4 November 1956 , Cold War International History Project Bulletin , no. 5 (Woodrow Wilson Center for International Scholars, Washington, DC), Spring, 1995, pp. 22–23, 29-34.
  • Guerra Adriano, Trentin Bruno, Di Vittorio e l'ombra di Stalin. L'Ungheria, il PCI e l'autonomia del sindacato . ISBN 88-230-0301-6 .
  • Höbel A. (a cura di), Il Pci e il 1956. Scritti e documenti dal XX Congresso del Pcus ai fatti di Ungheria , La Città del Sole, 2006
  • Irving David; Ungheria 1956: rivolta di Budapest , Mondadori, 1982.
  • Kádár János, Politica ed economia in Ungheria , Editori Riuniti, 1975.
  • Kopácsi Sándor, In nome della classe operaia: i ricordi di Sandor Kopacsi, questore di Budapest nel 1956 , Edizioni e/o, 1979, ristampato come Sándor Kopácsi, Abbiamo quaranta fucili, compagno colonnello , Edizioni e/o, 2006. ISBN 88-7641-747-8 .
  • Lessing Erich, Fejtő François, Konrád György, Bauquet Nicolas, Budapest 1956, la Rivoluzione. Fotografie di Erich Lessing , Marietti 2006, ISBN 88-211-8932-5 .
  • Lombardi Lapo, La santa Sede ei cattolici dell'Europa orientale agli albori della guerra fredda. I casi della Polonia e dell'Ungheria , Pontificia Università Gregoriana, 1997. ISBN 88-7652-765-6 .
  • Malfatti Franco Maria, La crisi del comunismo e la rivolta in Ungheria , Edizioni Cinque Lune, 1956.
  • Manenti Clemente, Ungheria 1956. Il cardinale e il suo custode , Sellerio di Giorgianni, 2006. ISBN 88-389-2180-6 .
  • Méray Tibor, La rivolta di Budapest (23 ottobre-4 novembre 1956) , Mursia, 1969.
  • Medvedev Roy A., Nikita Chruscev. Ascesa e caduta. Da Stalingrado al XX Congresso. Dall'invasione dell'Ungheria alla destituzione , Editori Riuniti, 2006.
  • Meliadò Valentina, Il fallimento dei «101». Il PCI, l'Ungheria e gli intellettuali italiani , Fondazione Liberal, 2006. ISBN 88-88835-27-X .
  • Mindszenty, Jozsef; Memorie , Rusconi, 1975. ISBN 88-18-57023-4 .
  • Montanelli, Indro, I sogni muoiono all'alba , opera teatrale in due tempi, Milano: Il teatro delle novità, stampa 1962. Da questa opera teatrale è stata adattata una pellicola cinematografica con stesso titolo.
  • Montanelli Indro, Dentro la storia: Finlandia 1939-40, Ungheria 1956 , Milano, 1992. ISBN 88-17-42806-X .
  • Montanelli Indro, La sublime pazzia della rivolta. L'insurrezione ungherese del 1956 , Milano, Rizzoli, 2006. ISBN 88-17-01444-3 .
  • Nagy András, Il caso Bang-Jensen. Ungheria 1956: un paese lasciato solo , Baldini Castoldi Dalai, 2006. ISBN 88-8490-937-6 .
  • Nagy Imre, Scritti politici , Feltrinelli, 1958.
  • Napolitano Giorgio, Dal Pci al socialismo europeo. Un'autobiografia politica , Bari, Laterza, 2005. ISBN 88-420-7715-1 .
  • Nazioni Unite, Sui fatti d'Ungheria: testo del rapporto del Comitato speciale dell'ONU , A cura della Presidenza del Consiglio dei ministri, Servizio dell'informazione, Centro di documentazione, 1957.
  • Nazioni Unite, Il rapporto dell'ONU sulle esecuzioni in Ungheria , Oltrecortina, 1958.
    • AA.VV. La repressione sovietica in Ungheria: gli sviluppi della situazione ungherese dopo il rapporto della commissione speciale dell'ONU , Mondadori, 1957.
  • Nemeth Gizella - Papo Adriano, La rivoluzione ungherese del '56, ovvero il trionfo di una sconfitta , ISBN 88-7284-502-5 .
  • Rainer János M., Imre Nagy. A biography , IB Tauris, London & New York, 2009.
  • Sebestyen Victor, Budapest 1956. La prima rivolta contro l'impero sovietico , Rizzoli storica, 2006. ISBN 88-17-01042-1 .
  • Volcic Demetrio, 1956 Krusciov contro Stalin , Sellerio, Palermo 2006, ISBN 88-389-2179-2 .
  • Walcz Amarylisz, La rivoluzione ungherese del 1956 e l'Italia , Ambasciata della Repubblica di Ungheria e Accademia di Ungheria in Roma, 2001. ISBN 88-7641-747-8 .
  • Epoca – Settimanale politico di grande informazione (numero speciale sulla Rivoluzione Ungherese), n. 319, Mondadori, 11 novembre 1956.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità LCCN ( EN ) sh85063068 · GND ( DE ) 4127049-6