Aquesta pàgina està semi-protegida. Només els usuaris registrats poden canviar-lo

Romania

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu Romania (desambiguació) .
Romania
Romania - Bandera Romania - Escut d'armes
( detalls ) ( detalls )
Romania - Localització
Romania (verd fosc) a la Unió Europea (verd clar)
Dades administratives
Nom complet Romania
Nom oficial Romania
Idiomes oficials Llengua romanesa, llengua de signes romanesa
Altres idiomes Hongarès , romaní , ucraïnès , alemany , rus
Capital Bucarest (2.103.346 hab. / 2015)
Política
Forma de govern República semi-presidencial
President Klaus Iohannis
primer ministre Florin Cîțu
Independència 13 de juliol de 1878
de l’ Imperi Otomà
Entrada a l’ ONU 14 de desembre de 1955
Entrada a la UE 1 de gener de 2007
Superfície
Total 238 391 km² ( 83º )
% d'aigua 3,0%
Població
Total 19 638 000 [1] hab. (2017) ( 59º )
Densitat 84,4 habitants / km²
Índex de creixement -0,26% (2012) [2]
Nom dels habitants Romanesos o romanesos [3]
Geografia
Continent Europa
Fronteres Ucraïna , Moldàvia , Hongria , Sèrbia , Bulgària
Jet lag UTC + 2
UTC + 3 en horari d'estiu
Economia
Moneda Leu romanès
PIB (nominal) 239 851 [4] milions de dòlars (2018) ( 47º )
PIB per càpita (nominal) 12 285 [4] $ (2018) ( 65è )
PIB ( PPP ) 516 336 [4] milions de dòlars (2018) ( 47º )
PIB per càpita ( PPP ) 26 446 [4] $ (2018) ( 59è )
ISU (2016) 0,802 (molt alt) ( 50º )
Fertilitat 1.4 (2010) [5]
Consum d'energia 0,24 kWh / ab. curs
Diversos
Codis ISO 3166 RO , ROU, 642
TLD .ro , .eu
Prefix tel. +40
Autom. RO
himne nacional Deșteaptă-te, Române!
festa nacional 1 de desembre
Romania - Mapa
Evolució històrica
Estat anterior Bandera de Romania (1965-1989) .svg RS romanès

Coordenades : 46 ° N 25 ° E / 46 ° N 25 ° E 46; 25

Romania (en romanès România , [romɨˈnia] ) és un estat membre de la Unió Europea i l' ONU , situat al centre-est d'Europa a la zona adjacent a la península dels Balcans . Té una població de 19 638 000 habitants (agost de 2017) i una superfície de 238 391 km² . És una república semi-presidencial i la seva capital és Bucarest .

Limita a l' oest amb Hongria i Sèrbia , al sud amb Bulgària , a l' est amb el Mar Negre , Moldàvia i Ucraïna i al nord de nou amb Ucraïna . Des del 29 de març de 2004, Romania forma part de l' OTAN i, des de l'1 de gener de 2007, de la Unió Europea .

La seva moneda és el leu (símbol L ), (1 leu = 0,205421 euros , a partir del 22 de novembre de 2020).

Etimologia

El nom Romania deriva de l' adjectiu llatí romanus (romà) [6] . L’ Imperi Romà va identificar les zones conquerides amb la paraula llatina Romània .

El nom de Romania s’utilitza oficialment per anomenar les terres de l’estat actual només a partir de la segona meitat del segle XIX . Anteriorment es parlava de Valàquia ( Terra Romena - Țara Româneascǎ en romanès) i Moldàvia per nomenar els principats amb població romanesa.

On el nom de Valàquia es deriva dels termes Vlah, Walsch, etc. utilitzat per les poblacions germàniques i eslaves per nomenar tots els pobles europeus de parla llatina, els valacs es deien a si mateixos romans [7] [8] [9] .

La raó per la qual els romanesos s’identifiquen a través del mot llatí romanus ( română român / i, per tant, român ) comença a ser esmentada a partir del segle XVI per alguns autors, inclosos alguns humanistes italians que van tenir l’oportunitat de viatjar a Transsilvània , Moldàvia i Valàquia. El document més antic escrit en llengua romanesa és una carta de 1521 (coneguda amb el nom de Carta de Neacșu de Câmpulung - Scrisoarea lui Neacșu din Câmpulung ) en què s’anunciava l’imminent atac dels turcs al representant local de Brașov . El mateix document és el més antic que atesta el nom de Țara Românească - país romanès .

Encara avui la pronunciació correcta de la paraula român és més propera a la de romà que a la traducció fonètica romanesa (que en llengua italiana conviu amb l’expressió romanesa [10] [11] ).

La denominació Romània també s’utilitza avui per designar el territori de difusió de totes les llengües romàniques a Europa i altres llocs segons els temps.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Romania .

Antiguitat

El temple de Sarmizegetusa Regia
El castro romà de Potaissa

Les fronteres de Romania inclouen la major part de l'antic territori de Dàcia .

El territori de Romania va estar habitat al segon mil·lenni aC per algunes tribus indoeuropees , conegudes amb el nom de tracis . Des del segle VI aC , es va informar dels getes a la regió del Danubi , mentre que els dacis van ser atestats a Transsilvània . Probablement els getes i els dacis eren el mateix poble, pertanyent a la família tràcia. Durant l’època del primer rei geto-daci Burebista ( 82 - 44 aC ), l’extensió de l’estat era la següent: al nord els Carpats boscosos, al sud les muntanyes de l’ Hameus (Balcans), a l’oest la confluència de el riu Morava amb el Danubi mitjà i a l'est amb el riu Bug del Sud .

Després de la mort de Burebista, l’estat geto-daci es va desintegrar primer en quatre i després en cinc parts. El nucli principal es va mantenir a la zona de les muntanyes Șureanu, on més endavant dominaran els reis Cosmicus i Coryllus. La unitat de l'estat es va fer possible en l'època del rei Decèbal ( 87 - 106 dC ). El nou regne tenia la seva capital a Sarmizegetusa . El regne de Decebalus era més petit que el de Burebista, però per altra banda estava molt millor organitzat a nivell estatal. El regnat de Decèbal representa el període d'apogeu de la civilització geto-dàcia, situada al segon període de l'edat del ferro . A causa de l’empitjorament de l’amenaça romana (les legions de Roma havien empès fins a la plana panònica per un costat i el baix Danubi per l’altre), Decebal va haver d’afrontar dues campanyes militars dels romans dirigides per l’emperador Trajà al anys 101 - 102 i 105 - 106 dC Com a resultat d’aquestes guerres, Dàcia fou conquerida per una petita part i transformada en província romana.

El 274 l'emperador Aureliano va decidir abandonar Dàcia; només la Dobruja va continuar formant part del món romà i de l’ Imperi Romà d’Orient fins a les primeres dècades del segle VII . Posteriorment, la regió va acollir diferents pobles, alguns dels quals van contribuir a la formació de la composició ètnico-antropològica actual del país carpato-danubià. Gent de cultura sarmàtica iraniana ( Iazigi , Roxolani ), germànica (heruli, gots, gèpides, llombards i, posteriorment, saxons i suevos), turca-tàrtara (hunos, àvars, protobúlgars, pecenegis, cumans , tàtars, mongols, turcs) , Ricgric ( magiars , sicilians , csango ), llatí , eslau, hebreu , armeni , grec , gitano , etc. van venir com a invasors o immigrants en diverses onades a partir del segle III . Entre les poblacions encara presents i que han mantingut la seva pròpia llengua i cultura, assenyalem els magiars , els sicilians , els csango, els saxons , els suecs , els turcs de la Dobruja i els gagauzos de Moldàvia.

Edat Mitjana i Edat Moderna

Fortificacions de Sibiu

A l' edat mitjana els romanesos vivien en tres principats diferents: Valàquia (o millor dit, "țara românească"), el Principat de Moldàvia i Transsilvània que, posteriorment, en el Renaixement es van convertir en vassalls de l'Imperi otomà (a partir de 1476, Valàquia, a partir de 1538 Moldàvia i, després de 1547, Transsilvània ). Valaquia i Moldàvia van obtenir autonomia de l’Imperi Otomà el 1859, després de la guerra de Crimea (1853-1856). Al segle XVII el principat de Transsilvània es va treure dels turcs i va ser ocupat pels austríacs fins al 1918, quan van cedir el principat de Transsilvània a Romania.

Independència i història recent

România Revoluționară de Constantin Daniel Rosenthal

Romania va néixer el 24 de gener de 1859 , quan es van unir l'oest de Moldàvia i Valàquia , donant el principat únic a Alexandru Ioan Cuza. Va passar per moments de tensió social com les revoltes camperoles del 1907, severament reprimides pels militars.

El 1913 va guanyar la segona guerra dels Balcans contra Bulgària i, després de la pau de Bucarest el 10 d'agost de 1913, va obtenir l'annexió de Silistra, tota la Dobruja i una part de la costa búlgara al mar Negre .

Va participar a la Primera Guerra Mundial el 1916 i, a la fi d'aquest any, va patir la sobtada ocupació per part de les forces austro-alemanyes, ocupació gairebé total excepte a l'oest de Moldàvia, on encara a la segona meitat de 1917 pel cap de gabinet Ion Antonescu va ser rebutjat per un intent d'invasió de les tropes alemanyes del mariscal de camp Von Mackensen.

Amb el col·lapse dels imperis centrals i després la secessió hongaresa d'Austria, va renéixer com a vencedor, ocupant al seu torn, després de 1918, els territoris veïns de Transsilvània , Crișana , Maramureș , Banat , Bucovina i Bessarabia , que condueixen a la unitat nacional. dels romanesos en un sol estat.

Carles I , primer rei de Romania

L'exèrcit romanès es va convertir llavors en el protagonista de la guerra romanesa-hongaresa, on va aixafar la República dels Consells de Béla Kun el 1919 amb una eficaç col·laboració occidental: així el pes dels militars dins de l'estat romanès va començar a créixer.

Romania el 1941

Entre el 1927 i el 1930, gràcies a Corneliu Zelea Codreanu, va sorgir el Moviment Legionari de la Guàrdia de Ferro (en romanès Garda de Fier ), amb un caràcter nacionalista, integralista cristià, antic bolxevic, anticapitalista, que identificava el capitalisme en el dels nous jueus. al país des de principis de segle. Tot i que a l’extrema dreta, des del 1932 va reunir simpatia entre tots els estrats socials comprometent-se a millorar les condicions de vida dels camperols i dels treballadors. Els seus seguidors es deien legionaris. Van alternar activitats voluntàries reals, inclosa l'execució física d'obres públiques, amb violència, assassinats que van provocar les massacres dels seus seguidors i l'empresonament del fundador, que va ser assassinat posteriorment pels assassins del rei Carles.

Durant el 1934 va entrar en possessió d’una petita concessió al territori albanès, la Concessió de Santi Quaranta .

En esclatar la Segona Guerra Mundial, Romania es va declarar neutral, va permetre el trànsit del govern polonès que fugia dels nazis i dels soviètics i va mantenir obertes les relacions amb les potències occidentals, en particular el Regne Unit i Itàlia.

El dictador Ion Antonescu coneix Benito Mussolini

L'augment del poder de l'exèrcit va portar l'anomenat Conducător Ion Antonescu , un oficial superior que es va convertir en ministre de Defensa el 1937 i nomenat primer ministre pel rei Carles II el 1940. Antonescu va obligar el rei Carles a abdicar a favor del seu fill Miquel (qui per tant, va jugar un paper purament simbòlic) i va inclinar Romania a la seva política autoritària, ideològicament propera al feixisme .

L’estiu de 1940 , la Unió Soviètica, que no va reconèixer les annexions territorials romaneses, després del 1918, de zones de l’imperi rus desaparegut, va reclamar i ocupar Bessaràbia , el nord de Bucovina i el territori d’Herța . La manca de resposta militar del bàndol romanès va provocar la gana dels governs nacionalistes dels països del voltant i, per tant, Romania va ser obligada pel segon arbitratge de Viena del 30 d’agost de 1940 a retornar part de Transsilvània a l’Hongria de Miklós Horthy i a cedir el sud Dobruja ( Tractat de Craiova de 7 de setembre de 1940), amb aquiescència germano-italiana. A canvi d’aquestes concessions, Romania va obtenir la garantia unilateral d’Alemanya en defensa de la integritat territorial romanesa de qualsevol reclamació territorial de tercers països, suscitant la reacció tant de Stalin com de Mussolini, que creien que la condició polític-territorial de Romania no es podria discutir sense el seu consentiment. Per tant, Romania es va unir al pacte tripartit aquell mateix any i, després, es va unir a Alemanya en la invasió de Rússia ( Operació Barbarroja ) un any després. Després del rus i l'alemany, el contingent romanès va ser el més emprat al front oriental i va patir pèrdues considerables quan la marea de la guerra va començar a girar a favor dels soviètics, especialment a la batalla de Stalingrad . Internament, Romania va treballar per evitar el reclutament de ciutadans romanesos ètnics alemanys a les forces armades del Reich alemany i el Waffen-SS, però no va fer res per evitar la discriminació i la deportació de jueus romanesos.

Nicolae Ceaușescu , líder de Romania del 1965 al 1989

En aquest període, el Conducător va buscar primer la col·laboració de la Guàrdia de Ferro, assignant càrrecs governamentals al nou líder, després a causa de la violència generalitzada dels legionaris va haver de reprimir-lo, ajudat pel mateix Hitler (que probablement havia trobat analogia amb el amenaça que l’ AS havia representat per a ell).

L'estiu de 1944 , l' Exèrcit Roig va arribar a les fronteres del país. Amb un cop d'Estat, Antonescu va ser destituït i el nou rei Miquel I va signar un armistici amb els aliats , girant el seu exèrcit contra els soldats alemanys, que van continuar resistint un temps més a Transsilvània i Oltenia, recolzats per les milícies. Romanesos de la Guàrdia de Ferro, amb qui Antonescu s’havia enfrontat diverses vegades durant la seva dictadura.

Després de la guerra, importants zones territorials de Romania, iguals a aproximadament una cinquena part de la seva superfície, van ser cedides a la Unió Soviètica i ara estan incloses a la República de Moldàvia i a Ucraïna , que també va adquirir l' illa de les Serps (Insula Șerpilor) , l'única illa romanesa a mar obert de la costa occidental del mar Negre, la venda de la qual no estava coberta pel tractat de pau. Bulgària va conservar, amb l'aprovació de la Unió Soviètica, el sud de la Dobruja, l'anomenat quadrilàter, territori que havia obtingut el 1940, gràcies a la pressió de Hitler sobre el govern de Bucarest.

Després de la derrota de la Segona Guerra Mundial , Romania es va convertir en un estat comunista en l'òrbita del Pacte de Varsòvia . De fet, el 30 de desembre de 1947 el rei Miquel I va ser obligat a abdicar pel primer ministre Petru Groza . El 1948 es va abolir oficialment la monarquia i es va aprovar la Constitució de la República Popular Romanesa .

No obstant això, en els primers anys de la dictadura hi va haver múltiples intents insurreccionals anti-stalinistes o totalment anticomunistes, sovint sedats en sang.

A partir dels anys seixanta , els contrastos amb la Unió Soviètica es van fer més explícits, principalment a causa de les diferències en l’aplicació de la política econòmica, tant que Romania va començar a desenvolupar la seva pròpia política exterior independent des de Moscou mentre, el 1965 , es va llançar nova Constitució de la República Socialista de Romania .

El mateix any, potser va començar el període més fosc de la història romanesa del segle XX, amb l’aparició del govern dictatorial del president Nicolae Ceaușescu (el nou Conducător ), caracteritzat per un paternalisme de façana basat en el terror i sord a les obertures internes experimentades. pels soviètics (primer Kruščëv i vint anys després Gorbačëv), que el 1989 acabarà només amb una impactant revolta popular de la mateixa època que la caiguda del mur de Berlín a l'empresa germana DDR , però ràpidament "conduït" per un grup de persones pertanyents a l'antiga nomenklatura, ajudat per les estructures de la cèlebre Securitate (l'omnipresent policia secreta) [ es necessita una cita ], que ràpidament es va desfer de Ceausescu i la seva poderosa esposa amb un procés de resum. pocs minuts i una execució igualment precipitada i resumida. [12]

Des de llavors, Romania s’ha donat un estatut democràtic, amb una Constitució inspirada en els models occidentals. El 29 de març de 2004, Romania va ingressar a l' OTAN , juntament amb Bulgària , Estònia , Letònia , Lituània , Eslovàquia i Eslovènia , mentre que l'1 de gener de 2007 Romania va ingressar a la UE juntament amb Bulgària .

Geografia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Geografia de Romania .

El territori actual de Romania es defineix sovint com a espai carpàtic-danubià-pontic , dividit gairebé per igual entre muntanyes (31%), turons (33%) i planes (36%).

La serralada dels Carpats s’estén més enllà De 1 000 km a través del centre de la ciutat, amb una superfície d'aprox 70 000 km² . Aquestes muntanyes són de baixa i mitjana altitud , i la seva base no és més àmplia que 100 km ; estan profundament solcades per valls longitudinals i transversals i per diversos rius grans. Aquestes característiques, combinades amb el fet que hi ha moltes passades (fins a 2 256 m ), van fer dels Carpats una barrera molt més feble que la resta de serres europees. Una altra característica particular d’aquestes muntanyes és la presència de nombroses plataformes erosionades que formen així altiplans a altituds relativament altes; hi ha assentaments permanents en aquesta zona més enllà 1 200 m .

Els Carpats romanesos es divideixen en tres subcadenes: els Carpats Orientals , els Carpats Meridionals i els Carpats Occidentals ; cadascuna d’aquestes cadenes té particularitats que la distingeixen de les altres.

Les Gorges de Turda

Gran part de les fronteres romaneses amb Sèrbia i Bulgària al sud i al sud-oest està formada pel Danubi . El Danubi té com a afluent el riu Prut , que forma la frontera amb la República de Moldàvia al nord-est, on la desembocadura del riu al mar Negre també marca la frontera amb Ucraïna .

Les muntanyes dels Carpats dominen gran part de Romania, especialment al nord-oest, disposant-se en una ferradura, amb cims tan alts com 2 500 m i arribant a i 2 544 m de la muntanya Moldoveanu .

Les principals ciutats són Bucarest ( București ), Iași , Brașov , Timișoara , Cluj-Napoca , Constana (Constanța), Craiova , Ploiești , Sibiu , Suceava , Galați , Brăila , Oradea , Bacău .

Al costat del Danubi, els rius més importants de Romania són:

Població

Demografia

Creixement de la població del 1961 al 2010
Anys Població
1866 4 424 961
1887 5 500 000
1899 5 956 690
1912 7 234 919
1930 18 057 028
1939 19 934 000
1941 13 535 757
1948 15 872 624
1956 17 489 450
1966 19 103 163
1977 21 559 910
1992 22 760 449
2002 21 680 974
2011 20 121 641
2016 19 474 952
2018 19 105 089
Les dades anteriors a 1948 fan referència a un territori diferent del determinat per les fronteres actuals

Disminuïda després del 1990, la població romanesa va registrar una taxa de creixement natural del -0,8% o -9,2% entre el 2002 i el 2011. Actualment la població és de 20 121 641 habitants [1] (les dades inicials proporcionades el 2012 indicaven una població estable de 19 043 767 habitants). La mortalitat infantil és del 20 per mil, aproximadament tres vegades superior a la italiana. L’esperança de vida és de 72,45 anys. La població es concentra a les zones urbanes en un 64%. En els darrers anys, Romania ha estat sotmesa a fortes migracions tant a l’interior com a l’estranger; de fet, Romania amb més de 2,5 milions de residents en un altre estat membre de la Unió Europea (més d’un milió dels quals són residents a Itàlia) s’ha confirmat en el panorama europeu com la comunitat més inclinada a la mobilitat intercomunitària interna, arribant en nombre la turca i superant amb escreix les poloneses, marroquines i italianes.

Al país hi ha 25.000 parlants nadius d’ alemany i 32.000 parlants nadius de turc , així com 50.000 parlants d’ ucraïnès , [13] concentrats en algunes regions, properes a les fronteres, on constitueixen la majoria de la població d’aquestes zones. [14] Segons l'Eurobaròmetre del 2012 , entre les llengües estrangeres, el 31% dels romanesos parla anglès , el 17% el francès i el 7% l' italià . [15]

Ètnies

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: grups ètnics a Romania .
La mesquita del rei Carles I de Constança , centre de l' islam a Romania

La gran majoria de la població és d’ètnia romanesa.

Hi ha minories hongareses considerables (6,5% segons el cens del 2011, concentrat principalment a Transsilvània ) i, en menor mesura, gitanos , alemanys i ucraïnesos (especialment a les regions del nord; 0,3% de la població total del país), turcs i el tàtar (a Dobruja ; 0,26%) i també el rus (0,2%) i el serbi (0,11%). Les nombroses minories ètniques, més de vint, estan representades per llei al Parlament cadascuna per un membre del parlament.

La minoria més gran és l’hongaresa i es concentra sobretot a dos districtes centrals del país (Harghita i Covasna, així com a Mureș, on hi ha percentatges del 50%) i s’expressa políticament a través d’un partit. Una part de la minoria hongaresa pertany a l'ètnia siciliana , mentre que a la Moldàvia romanesa hi ha desenes de milers d'hongaresos "arcaics" de l'ètnia Csángó .

Fins als anys setanta, una minoria alemanya també era força rellevant, els alemanys de Romania ( Rumäniendeutsche ), presents principalment a Transsilvània ( Siebenbürgen en alemany, Erdely en hongarès, Ardeal en romanès) i a les regions occidentals, però la majoria, condicions polítiques, econòmiques i socials, va emigrar a Alemanya ; avui representa uns quants punts percentuals, especialment al Banat i al districte de Satu Mare (extrem nord-oest). El 1930 hi havia 745 421 alemanys a Romania (el 4,1% de la població del país), [16] però només en quedaven 36 042 el 2011. [17] [18] Els saxons de Transsilvània , immigrants a l’edat mitjana [19] [ 20] [21] [22] són anomenats "saxons", mentre que els de Banat, que van emigrar principalment al segle XVIII , "suevos". [23]

Entre els grups ètnics presents hi ha els gitanos , una petita minoria polonesa (unes deu mil persones) que viu a la província de Suceava i una altra petita minoria croata (també d’unes deu mil persones) que viu a la ciutat de Carașova i a la frontera propera. amb Sèrbia al Banat .

Altres minories, de dimensions modestes, són l' eslovaca , la txeca , l' ucraïnesa , la russa (Lipoveni), l' armènia , la grega i altres.

Mapa ètnic de Romania, 2011

A Romania també es creu que hi ha al voltant de 20.000 italians, la majoria dels quals van arribar al país després del final del govern socialista prosoviètic; es concentren principalment al Banat (zona de Timișoara) i a Transsilvània, però es troben a gairebé totes les regions de Romania, on han creat petites i mitjanes empreses i establiments comercials. A més dels immigrants recents, també hi ha italians pertanyents a la minoria històrica (estimada en 9.000 persones). Altres grups es troben a Cluj , Oradea , Satu Mare , Suceava , Craiova , Hunedoara-Otelu Rosu , Galați , Iași , Tulcea , Sântămăria-Orlea , així com a Bucarest [24] .

La presència italiana a Romania es remunta a finals del segle XIX i principis del XX, quan emigrants del Vèneto, el Friül, la Ligúria i Sardenya van anar a Romania per treballar a mines, patis de ferrocarril o construcció [25] . Se suposa que uns 130.000 italians es van traslladar a Romania en aproximadament mig segle abans de la Segona Guerra Mundial , la majoria dels quals van tornar a la seva terra després del 1945 [26] .

Religió

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Església catòlica a Romania i Traduccions bíbliques romaneses .
Catedral Greco-Catòlica de la Santíssima Trinitat a Blaj

La majoria de romanesos pertanyen a l’església ortodoxa romanesa . El catolicisme de rit llatí és practicat sobretot per hongaresos i csángó , que viuen majoritàriament a Transsilvània i a la Moldàvia romanesa , mentre que el catolicisme de rit bizantí és practicat pels romanesos de Transsilvània, fidels de l’església greco-catòlica romanesa . Segons estadístiques catòliques, tots els catòlics batejats a Romania representen el 8,64% de la població. [27] Il protestantesimo (in particolare il Calvinismo , il Luteranesimo , l' Avventismo e l' Unitarianismo ), è principalmente praticato da popolazioni di origine tedesca e ungherese della Transilvania. In Dobrugia , la regione che si trova sulla costa del Mar Nero , vi è una piccola minoranza islamica , resto della colonizzazione ottomana .

La comunità ebraica , che fu una delle più consistenti d' Europa (756 930 appartenenti nel 1930 ), subì le persecuzioni della seconda guerra mondiale per mano dei nazisti, e poi a causa della politica di Ion Antonescu (il numero degli ebrei romeni uccisi oscilla tra le 270 000 e le 380 000 persone). [28] Dei sopravvissuti, la stragrande maggioranza è emigrata in Israele , in parte già durante la guerra, dove gli ebrei di origine romena costituiscono ora una delle presenze più importanti.

Lingue

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua romena .
Testo romeno "Tiperit en Klus en Anul Domnului 1703” (stampato a Cluj nel 1703), sul foglio dal titolo Catehismului tradotto da G. Buitul
Cattedrale di Curtea de Argeș

La lingua ufficiale è il romeno , una lingua neolatina . [29] La struttura linguistica basata sulle declinazioni è di origine latina, Il lessico deriva dal latino e da altre lingue romanze, francese in primis, con importanti influenze linguistiche slave , generalmente balcaniche, e turche . Va ricordato inoltre che solo nel XIX secolo l'alfabeto latino ha sostituito il cirillico, impiegato fino ad allora dal clero e dall'aristocrazia. La Romania e la Moldavia (intesa come attuale Repubblica Moldova) costituiscono la maggiore isola linguistica neolatina nell' Europa orientale .

Il romeno è parlato come prima lingua dall'85% della popolazione, mentre l' ungherese e il dialetto vlax della lingua romaní sono parlati rispettivamente dal 6,2% e dall'1,2% degli abitanti. Ci sono inoltre 25 000 persone di madre lingua tedesca , 32 000 di madre lingua turca e 50 000 di madre lingua ucraina , oltre ad altri gruppi di minore entità.[30]

Ordinamento dello stato

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Romania .

Secondo la costituzione del 2003 la Romania è una repubblica semipresidenziale nella quale il potere esecutivo viene esercitato fra il presidente e il primo ministro.

Il Presidente è eletto con voto popolare per un massimo di due mandati di 5 anni (4 anni fino al 2004). Egli è il Capo di Stato incaricato di salvaguardare la costituzione, gli affari esteri e il funzionamento corretto delle autorità pubbliche. È anche il comandante supremo dell'esercito e presidente della Corte suprema di difesa. Secondo la costituzione egli funge da mediatore tra i poteri centrali dello Stato, così come tra lo Stato e la società. Il presidente nomina il primo ministro, che a sua volta sceglie il governo. Quest'ultimo deve essere confermato dal Parlamento con un voto di fiducia.

Il potere legislativo nello Stato romeno è esercitato dal Parlamento , che consiste in due camere, il Senat ( Senato ), che conta 176 membri e la Camera Deputaților ( Camera dei Deputati ), che ha 412 membri. I membri di entrambe le camere sono scelti in elezioni che si tengono ogni quattro anni.

Il potere giudiziario è indipendente, ei giudici nominati dal presidente non sono rimovibili. I procedimenti sono pubblici, eccetto circostanze particolari indicate dalla legge. Il sistema giudiziario romeno si basa sul Codice napoleonico e il civil law .

La Corte Costituzionale giudica la costituzionalità delle leggi. Il Ministero della Giustizia difende l' applicazione della legge insieme con i diritti e le libertà dei cittadini.

Regioni storico-geografiche

Regioni storico-geografiche della Romania

Il paese è diviso in 4 regioni storico-geografiche:

Regioni storiche

Regioni storiche della Romania

Il paese è diviso in nove regioni storiche:

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Distretti della Romania .

La Romania è inoltre divisa in 41 distretti ( județ , plurale județe ), simili ai dipartimenti francesi , e la città di Bucarest , la capitale (divisa in municipi, analogamente a altre città metropolitane europee). I distretti sono (in ordine alfabetico):

Nel 2001 , con la legge n. 351 sono state istituite le Zone metropolitane . [31]

Città principali

Principali città per numero di abitanti [32]

Bucarest
Bucarest (București)
Cluj Napoca
Cluj Napoca
Timișoara
Timișoara

Città Distretto Pop.

Iași
Iași
Costanza
Costanza (Constanța)
Craiova
Craiova

1 Bucarest 1 883 425
2 Cluj Napoca Cluj 324 576
3 Timișoara Timiș 319 279
4 Iași Iași 299 422
5 Costanza Costanza 283 872
6 Craiova Dolj 269 506
7 Brașov Brașov 253 200
8 Galați Galați 249 432
9 Ploiești Prahova 209 945
10 Oradea Bihor 196 367
11 Brăila Brăila 180 302
12 Arad Arad 159 074
13 Pitești Argeș 155 383
14 Sibiu Sibiu 147 245
15 Bacău Bacău 144 307

Situazione dell'infanzia e degli orfani

Nel 1989 100 000 bambini risultavano abbandonati e istituzionalizzati in pubbliche strutture. Nei primi sei mesi del 1991, vigente una legge sull' adozione inadeguata e alla presenza di intermediari talvolta poco scrupolosi, 6 752 bambini sono stati adottati da stranieri.

Da allora a oggi, la situazione è andata migliorando, e si è creato un grande momento di riflessione su tutta l'area dell'infanzia. In un suo rapporto, l' Unicef afferma che molti dei bambini delle istituzioni sono stati abbandonati più dalla società che dai genitori che, semplicemente, non hanno i mezzi per occuparsi di loro. La maggioranza di questi bambini appartengono alla numerosa minoranza "rom", o sono figli di genitori alcolizzati e famiglie disgregate, spesso si tratta anche di figli di giovani madri che li affidano a questi orfanotrofi.

Fino al sesto mese di vita, i bambini abbandonati vengono ospedalizzati. Poi, fino ai diciotto anni di età, è previsto l'inserimento in strutture oggi modernizzate. All'abbandono provvisorio spesso segue quello definitivo.

I bambini istituzionalizzati negli orfanotrofi, oggi rispetto anche solo a dieci anni fa, dispongono di strutture notevolmente migliorate.

Nei primi anni 2000, in vista dell'ingresso della Romania nella UE, l'urgenza di adeguare le strutture esistenti ai parametri europei, tra i quali il rapporto tra superficie del centro di accoglienza e numero degli ospiti, ha portato a provvedimenti deleteri, quali la immediata restituzione dei giovani, allo scoccare del 18º anno, alle famiglie di provenienza, ancora fortemente disagiate, mentre in precedenza essi potevano permanere più a lungo nelle strutture di accoglienza. Ne è conseguito un aumento della delinquenza e prostituzione giovanile.

La politica per la tutela dell'infanzia ( Protecția Copilului ) è ripartita localmente tra le DGASPC (Dir. Gen. per l'Assistenza Sociale e la Tutela dell'Infanzia) distrettuali e dipende dalla Presidenza del Consiglio, che svolge attività di indirizzo e coordinamento, ei Distretti ( Județ ), 40 nel paese più 6 per Bucarest, che gestiscono il bilancio per la gestione dei bambini in stato di abbandono. L'ammontare del budget distrettuale è deciso con la legge finanziaria statale annuaria del Parlamento.

Istituzioni

Università

Il 26 ottobre del 1860 venne fondata la più antica università della Romania, l' Università Alexandru Ioan Cuza , che prende il nome e fu fondata dal principe Alexandru Ioan Cuza . Denominata anche Università di Iași, in quanto ha sede nella città romena di Iași

Ordinamento scolastico

Sistema sanitario

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Salute in Romania .

Forze di polizia

La Jandarmeria durante un'esercitazione

Per la tutela della sicurezza la Romania si avvale di diverse forze di polizia:

Forze armate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Forțele Armate Române .

La difesa della Romania è affidata alle Forze armate romene nate nel 1860 . Durante la seconda guerra mondiale combatterono a fianco dei nazisti fino al 1944 quando Michele I di Romania riprese il potere e passò con gli alleati. Dopo essere entrata nella NATO la Romania sta attuando una modernizzazione delle sue forze armate, ha abolito il servizio militare obbligatorio e sta rinnovando i mezzi obsoleti.

Attualmente le forze armate romene partecipano a missioni internazionali come quella in Afghanistan e in Iraq (terminata nel 2009 ).

Politica

Politica interna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Romania .
Le proteste antigovernative a Bucarest, 22 gennaio 2017

La Costituzione della Romania , risalente al 1991 e riformata nel 2003 , proclama la Romania unarepubblica [33] e uno stato di diritto democratico e sociale, che ottiene la sua sovranità dal popolo. Afferma inoltre che "la dignità umana, i diritti e le libertà dei cittadini, lo sviluppo non ostacolato della personalità umana, i diritti e il pluralismo politico sono valori supremi e garantiti". [34]

La Costituzione prevede un Presidente, un Primo ministro, un Parlamento, una Corte Costituzionale e un sistema separato di tribunali inferiori tra i quali la Corte Suprema.

Dal 23 dicembre 2020 è Primo ministro Florin Cîțu .

Politica estera

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Relazioni Romania-NATO .

Rapporti con l' Unione europea

  • 1º febbraio 1992 : Firma l'Accordo di Associazione con le Comunità Europee ei loro Stati membri;
  • 1º febbraio 1995 ; Entra in vigore l'Accordo di Associazione;
  • 10 dicembre 1999 : Apre i negoziati di adesione con l' Unione europea ;
  • 15 giugno 2004 : Chiude i negoziati di adesione con l' Unione europea ;
  • 25 aprile 2005 : Il Consiglio Europeo approva la sua adesione all'Unione Europea [35] e firma il Trattato di adesione; [36]
  • 27 maggio 2005 : Deposita presso il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica italiana i propri strumenti di ratifica del Trattato di adesione;
  • 1º gennaio 2007 : Diventa membro dell'Unione Europea.

A partire dal 1º gennaio 2007, la Romania ha aderito all' Unione europea . I faticosi progressi che il paese ha compiuto nell'avvicinamento alla compagine continentale sono testimoniati dalla mole di lavoro che la Commissione europea ritiene vi sia ancora da fare, in particolare sotto il profilo della lotta alla corruzione . Anche l'avanzamento nel settore sociale resta tuttavia un elemento d'analisi per verificare quanto il paese si dimostrerà solerte nel proseguire l'opera di rinnovamento e di risanamento successivamente all'ingresso nell'Unione Europea.

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Romania .

Dopo il collasso del Blocco Sovietico nel 1989 - 91 , la Romania è rimasta con una base industriale obsoleta e un paniere di capacità industriali totalmente inadatto ai suoi bisogni.

Nel febbraio 1997 la Romania intraprese un programma comprensivo di stabilizzazione macroeconomica e riforma strutturale, ma questa riforma fu successivamente un frustrante processo a singhiozzo. I programmi di ristrutturazione includevano la privatizzazione o liquidazione di grandi industrie ad alto consumo elettrico (combinat) e maggiori riforme nel settore dell' agricoltura e della finanza . Nel 1999 l'economia della Romania si è contratta per il terzo anno consecutivo di circa il 4,8%.

La Romania ha raggiunto in agosto 1997 un accordo con il Fondo Monetario Internazionale per un prestito di 547 milioni di dollari , ma il rilascio della seconda rata è stato procrastinato in ottobre a causa dei requisiti non raggiunti sul prestito per il settore privato e cambiamenti nelle spese budgetarie.

Bucarest ha evitato di dichiararsi insolvente per gli interessi di metà anno, ma ha dovuto usare le riserve per farlo, riserve che sono arrivate approssimativamente a 1,5 miliardi di dollari alla fine dell'anno 1999 .

Le priorità del governo includevano: ottenere un rinnovo del prestito del FMI, concentrarsi sulla politica fiscale, accelerare la privatizzazione e ristrutturare le imprese senza profitto.

Dal 2002 vi sono stati anni di successo di crescita economica che è stata stimata essere del 4,5% per anno, tasso che è cresciuto a più del 5% nel 2005. Dal 2003 l'aumento dei salari supera il tasso di inflazione , che era di circa 1,2% per mese, ma che successivamente è decresciuta. Nel 2005 l'inflazione si è abbassata al 7,8% annuo ed era stimata in calo anche per il 2006. Sono però in forte aumento anche i prezzi immobiliari. Col calo dell'inflazione, è stata possibile una riforma monetaria che ha introdotto il nuovo Leu (RON) in luogo di 10 000 vecchi Lei , e che nel 2006 valeva circa 3,6 volte meno dell'euro. Il peso del settore agricolo, che ancora di recente sfiorava il 40% del PIL complessivo, sta diminuendo in favore dei settori industriale e dei servizi ed attualmente è sotto il 10%; sempre di rilievo è l'immensa produzione mensile di sale estratto dalle miniere rumene che riforniscono buona parte dell'Europa. [37] Nel 2007 l'economia è aumentata dell'8% e del 7,2% nel 2008 . L'anno di crisi 2009 ha quasi del tutto annullato la crescita precedente, con un ribasso pari allo 7,05%. La retromarcia dell'economia nel periodo di crisi è stata causata dalla falsa crescita avvenuta negli anni precedenti, ovvero una crescita economica basata sul boom immobiliare e sui prestiti bancari destinati al consumo, senza investimenti concreti del governo nelle infrastrutture e nella produttività del paese. La contrazione dell'economia ha causato una notevole riduzione degli incassi delle tasse, costringendo il governo a richiedere un prestito pari a circa 20 miliardi di dollari / $ al Fondo Monetario Internazionale e alla Banca Mondiale . Il finanziamento richiesto dal governo è stato ampiamente criticato dai media e dalla popolazione. Inoltre, nel maggio 2010 i salari degli statali sono stati ridotti del 25% e l'IVA aumentata dal 19% al 24%, misure prese per contrastare l'aumento del deficit budgetario.

Nel 2010 il salario netto medio mensile è stato di circa 2 322 lei (RON), pari a circa 540 , calcolato a un corso di 4,3 lei/Euro.

La Romania è entrata nell'UE il 1º gennaio del 2007 insieme con la Bulgaria .

Agricoltura

La Romania possiede una produzione agricola sviluppata su circa 14,7 milioni di ettari. Secondo alcune rilevazioni effettuate nell'agosto del 2009, circa 3 milioni di persone (ovvero il 30% della popolazione rumena) lavora nel comparto dell'agricoltura. La meccanizzazione è relativamente povera, con una stima di un trattore ogni 54 ettari. In Romania ci sono circa 170 000 trattori, l'80% dei quali risulta però vecchio e obsoleto, per lo più risalente al periodo del Regime Comunista. La cura dei campi è dunque in parte portata ancora avanti grazie all'aiuto degli animali.

Le maggiori produzioni agricole rumene sono quelle legate al girasole e alla soia, con rispettivamente 991.000 e 191.000 ettari coltivati.

Industria dei trasporti

Sino al 1989, anno della caduta del regime comunista, la Romania era stata tra i principali produttori di automobili e veicoli di tutto il blocco est europeo. Successivamente al 1989, le produzioni nazionali sono calate in maniera consistente. Dopo il 1990 molte aziende, tra cui l'ARO e la Oltcit, dichiararono bancarotta e furono privatizzate. Con la liberarlizzazione del mercato inoltre molti marchi stranieri, tra cui la Volvo, la Ford e la Toyota mostrarono vivo interesse verso la Romania, con l'intento di aprire delle vere e proprie attività decentrate di produzione [38] .

Trasporti

Cartina che illustra la rete stradale romena
Stazione del metro Titan di Bucarest
Treno CFR

Dalla sua posizione geografica, la Romania è una zona di intersezione di molti trasporti, che lega l'Europa del sud con quella del nord e la parte orientale con quella occidentale di questa. Negli ultimi anni il paese ha investito molto per allargare e modernizzare la rete stradale, anche se ancora non soddisfa l'economia attuale: le regioni della Transilvania e del Banato sono state quelle che hanno investito di più nel settore, motivo per cui il loro tasso di esportazioni - anche con altri paesi dell' Unione europea - è divenuto di molto superiore rispetto ad altre zone dell'est del paese come la regione Moldova . Il divario fra le regioni dell'ovest della Romania, avviate verso uno sviluppo costante, e quelle orientali è attualmente in forte aumento. Ad oggi, la Romania ha una rete autostradale di 764 km che comprende: A1 : Bucarest - Pitești , Sibiu ( Șelimbăr ) - Deva ( Șoimuș ), Traian Vuia - Balinț , Timișoara ( Izvin ) - Arad , Pecica - Nădlac ; A2 : Bucarest - Costanza ; A3 : Bucarest ( Crețuleasca ), - Ploiești ( Bărcănești ), Câmpia Turzii - Gilău ; A4 : Ovidiu , Porto di Costanza ; A6 : Balinț - Lugoj .

La compagnia nazionale di trasporti ferroviari della Romania è Căile Ferate Române (CFR) che nel 2004 comprendeva 11380 km di infrastruttura ferroviaria (la quarta ferrovia più grande dell'Europa), [39] di cui 8 585 km elettrificata.

Gli aeroporti in Romania destinati al traffico aereo pubblico sono 17, tutti internazionali. La compagnia aerea di bandiera è la Tarom ; recentemente hanno aperto collegamenti con Bucarest e altri aeroporti (tra cui Timișoara e Cluj ) diverse compagnie low-cost (fra cui la romena Blue-Air , l'ungherese-polacca Wizz Air e l'irlandese Ryanair )

Il trasporto fluviale romeno è ancora poco utilizzato, tuttavia è in grande crescita grazie ai molti fiumi navigabili e al Danubio .

Turismo

Carpazi Orientali
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Turismo in Romania .

La Romania è composta per 33% di montagne, per 33% di colline e per 33% di pianure. All'estremità orientale del paese si trova il Mar Nero dove ci sono le località costiere più visitate del paese: Mamaia e Costanza . Grandi stazioni montane ( Sinaia , Bușteni , Predeal etc.) si trovano all'estremità orientale delle Alpi Transilvaniche , mentre i Monti Apuseni , di formazione carsica, sono ricchi di grotte, doline, pozzi, ecc.

La Bucovina è una regione montuosa ricca di incantevoli paesaggi e con un alto numero di visite annue, aumentate soprattutto negli ultimi anni. Collocata nel nord-est della Romania, visitando questa regione si respira un clima unico, con molti luoghi storici da visitare (come il monastero di Putna costruito da Stefano il Grande o gli affreschi del monastero di Voroneṭ , che dal 1993 fa parte del patrimonio UNESCO dell'umanità). Per quanto riguarda la gastronomia vanno ricordate almeno la păstrăv cu smântână e la ciorbă rădăuțeană (funghi porcini molto apprezzati in questa regione). La regione ha una vasta offerta turistica, conveniente grazie a innumerevoli agriturismi e bed and breakfast.

Il delta del Danubio è il più esteso e meglio conservato dei delta europei.

La Transilvania si vanta di avere la più grande concentrazione di fortificazioni medievali del continente (le chiese fortificate ), oltre che numerosi castelli, chiese lignee e città medioevali ( Alba Iulia , Bistrița , Brașov , Cluj-Napoca , Făgăraș , Gherla , Mediaș , Sighișoara , Râșnov , Sibiu , Târgu Mureș ecc.).

Economisti

Cultura

Nel 2007 Sibiu e Lussemburgo sono state capitali europee della cultura.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Accademia rumena .

Storia e archeologia

Filosofia

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura rumena .

Arte

Scultura

Pittura

Musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica rumena .

La musica romena include tutte le creazioni musicali sviluppate dal popolo romeno e dai loro antenati. La possibilità di trattare la musica dei Geto-Daci e quella dei Romani è molto limitata a causa della limitata quantità di documenti mantenuti, risalenti a quell'epoca. Fin dal Medioevo, la posizione alla confluenza di Oriente e Occidente ha portato ad una distinzione nella musica apprezzata nei primi stati romeni: quelli posti ad Ovest sono stati notevolmente influenzati dall'occidente, al contrario gli stati orientali si sono arricchiti di elementi derivanti dalla musica bizantina , slava e successivamente da quella turca . Queste influenze hanno agito sia sulla musica folcloristica che su quella erudita ( sacra - il canto gregoriano ad Ovest e quello bizantino ad Est - o laica). Il folclore comprende tutte le creazioni spirituali romene nel campo dell'arte del suono. Si fa spesso riferimento all'eredità musicale derivante dai canti popolari e dai popoli dai quali essi derivano. Sotto la delimitazione del folclore, il folclore musicale costituisce un ramo della creatività tradizionale rumena, affiancato al folclore letterario, al ballo e al teatro popolare. All'inizio del XX secolo, si erge il compositore George Enescu , primo creatore rumeno a realizzare una sintesi organica, profonda tra musica popolare rumena e le tendenze di musica classica del suo tempo (è l'epoca del tardo romanticismo); usa un linguaggio musicale moderno e sperimenta l'area modale e quella microtonale. Enescu è considerato il miglior compositore rumeno di tutti i tempi. Oltre a George Enescu, diverse sono le figure di rilievo, tra cui Maria Tănase , probabilmente la più grande cantante rumena [41] Ciprian Porumbescu , Clara Haskil , Sergiu Celibidache , Mădălina Manole , Dinu Lipatti , Radu Lupu , Constantin Gaciu , Pavel Turcan .

Lo strumento musicale del paese è la cobza , strumento simile all' oud e al barbat , mentre un noto canto tradizionale è Miorița , diffuso in tutta la Romania.

Il Festival nazionale di musica folcloristica di Mamaia è il festival più importante e grande del paese. Dal 2015 ha riscosso particolare successo il festival di musica elettronica Untold Festival che raggruppa i migliori artisti al mondo di questo genere. Diversi sono gli artisti contemporanei che hanno raggiunto la fama internazionale, tra cui Inna , Alexandra Stan , Laura Stoica , importante esponente del genere musicale Pop Rock, Edward Maya e Haiducii .

Cinema

Anche il settore cinematografico riveste una certa importanza culturale: tra le attrici spiccano Ramona Badescu e Elvira Popescu , tra gli attori Ion Caramitru .

Scienza e tecnologia

Una delle più note, a livello internazionale, personalità scientifiche romene fu quella di Henri Coandă (1886-1972), che inventò, nel 1910, il primo aereo jet della storia, il Coandă-1910 e espose, nel 1936, un tipo di fenomeno fluidodinamico noto come Effetto Coandă , sul getto dei fluidi.

La nascita della bio-speleologia

Nel XX secolo si afferma la bio-speleologia (1907), il cui fondatore viene ritenuto lo scienziato romeno Emil Racoviță (1868-1947). [42] .

Ingegneria

La Romania, nel corso del XX secolo, ha fatto importanti progressi nel campo dell'ingegneria, in particolare con Elisa Leonida Zamfirescu (1887-1973), considerata la prima donna ingegnere al mondo, nel 1912.

Invenzioni celebri

La Romania nello spazio

Patrimonio Mondiale UNESCO in Romania

La lista del Patrimonio Mondiale UNESCO comprende vari monumenti in Romania, fra cui: i villaggi sassoni della Transilvania con le relative chiese fortificate, le chiese interamente affrescate della Moldavia settentrionale e della Bucovina, le chiese in legno del Maramureș , il Monastero di Horezu , il centro storico di Sighișoara , le fortificazioni daciche dei Monti Orăștie e il Delta del Danubio. Fra i villaggi sassoni della Transilvania si ricordano i seguenti: Biertan , Câlnic-Alba , Dârjiu , Prejmer , Sachiz , Valea Viilor e Viscri .

In Moldavia si ricordano i seguenti Monasteri: Arbore , Humor , Moldovița , Pătrăuți , Probota , Voroneț e Sucevița . In Maramureș sono incluse nel Patrimonio UNESCO le Chiese lignee del Maramureș situate nelle seguenti località: Budești , Desești , Ieud Deal , Plopiș , Poienile Izei , Rogoz , Șurdești e Bârsana .

Sport

Le prime associazioni sportive romene furono fondate nel XIX secolo. Una di queste si chiamava „Societatea de dare la semn” (Società di tiro a segno ). Nei primi anni del XX secolo si aggiunsero associazioni di pugilato e ciclismo . Il primo incontro ufficiale di calcio romeno si svolse a Timișioara nel 1902 e il primo club di Rugby romeno fu fondato a Bucarest nel 1910. Nel 1904 fu istituito il Comitato Olimpico e Sportivo Rumeno .

Oina

L' oina è uno sport ufficiale e tradizionale della Romania. Ci sono testimonianze che questo sport veniva giocato da 6 secoli sui territori romeni. Nell'epoca di Vlaicu Vodă , nel 1364 , l'oina veniva giocata nella Valacchia ed era presente ovunque: nei villaggi, nei comuni e persino nella vita delle persone. [44]

Calcio

La Nazionale di calcio della Romania debuttò l'8 giugno 1922 a Belgrado contro la Jugoslavia e ne uscì vincente per 2-1. Il 20 maggio 1923 la nazionale di calcio romena entrò a far parte della FIFA .

Il primo appuntamento internazionale del calcio romeno fu la partecipazione ai giochi olimpici del 1924 . La Romania partecipò anche ai primi tre campionati mondiali di calcio , nel 1930 , 1934 e 1938 .

Dopo questi campionati mondiali non partecipò alla fase finale fino al 1970 , quando perse tutte le partite. Partecipò anche ai mondiali degli anni novanta, tra cui quelli del 1990 , del 1994 e del 1998 , che fu l'ultima presenza alla fase finale dei mondiali di calcio. Molto famosi sono i calciatori Gheorghe Hagi , soprannominato "Re del calcio romeno" o "Il Maradona dei Carpazi", [45] Adrian Mutu e Cristian Chivu . Helmuth Robert Duckadam , divenuto campione di Romania nel 1984-85 e vincitore nello stesso anno della Coppa nazionale, fu nella stagione successiva l'eroe della Steaua , regina sia di Romania che d'Europa. Nella finale di Siviglia contro il Barcellona, vinta ai rigori dai rumeni, riuscì a neutralizzare tutti e quattro i rigori calciati dai giocatori blaugrana Alexanco, Pedraza, Pichi Alonso e Marcos. L'eccezionale performance di Duckadam impressionò gli sportivi ei giornalisti di tutto il mondo, tanto che l'indomani il quotidiano italiano Corriere dello Sport scrisse in prima pagina «Superman è rumeno».

Rugby

Incontro di rugby a Colombes tra militari francesi e la nazionale romena

Il rugby giunse in Romania, importato da alcuni studenti che lo avevano appreso durante la loro frequenza universitaria in Francia , nei primi anni dei XX secolo e già nel 1913 si disputò il primo campionato , la cui finale si tenne in un impianto pensato proprio per tale disciplina, lo stadio Arcul de Triumf di Bucarest [46] , da sempre gestito dalla Federaţiă Română de Rugby [46] .

Nel 1919, tre anni prima di quella del calcio, esordì laNazionale romena di rugby in un incontro contro gli Stati Uniti ; nel 1924, prese parte al torneo olimpico di rugby a Parigi , conquistando la medaglia di bronzo. La Romania fu, nel 1934, tra i paesi fondatori di una federazione internazionale alternativa all' International Rugby Football Union , la FIRA - Federazione Internazionale di Rugby Amatoriale, oggi Rugby Europe , e partecipa dal 1938 al campionato europeo , competizione che ha vinto sei volte prima della ristrutturazione del 2000 (con l'uscita dal campionato diFrancia e Italia ) e altre quattro volte fino al 2015.

Nel periodo socialista la Romania aveva visto incrementare i praticanti, da 1 500 nell'immediato dopoguerra fino a 13 500 alla fine degli anni settanta [47] : ha preso parte a tutte le edizioni della Coppa del Mondo di rugby , tranne che a quella del 2019.

A titolo statistico fu una squadra romena, il Farul Costanza, a disputare ea ospitare il primo incontro ufficiale della Heineken Cup , la Coppa dei campioni d'Europa di club, il 31 ottobre 1995, contro i francesi del Tolosa che vinsero 54-10 [48] .

La squadra più vittoriosa del campionato romeno è lo Steaua di Bucarest, sezione rugbistica della polisportiva dell'esercito, che ha vinto 24 titoli di campione nazionale.

Tra i giocatori romeni di rilievo figura Alexandru Penciu , colonnello dell'esercito e mediano d'apertura , capitano della Nazionale e con un passato sportivo anche in Italia a Rovigo ; soprannominato in patria Alexandru cel Mare ( Alessandro Magno ) è ritenuto uno dei migliori rugbisti rumeni di sempre [49] .

Pallamano

La nazionale romena di pallamano maschile detiene quattro titoli mondiali [50] .

Ginnastica

La ginnastica romena ha avuto un numero significativo di trionfi e per questo è molto famosa nel mondo. Nadia Comăneci , con la sua performance, è ricordata come la prima ginnasta al mondo che ha ottenuto il 10 perfetto. [51]

Tennis

Anche nella disciplina tennistica la Romania ha ottenuto buoni risultati, in particolare con Ilie Năstase e Ion Țiriac , inseriti nella lista International Tennis Hall of Fame . Tra le donne ricordiamo Simona Halep .

Alpinismo

La Romania ai Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Romania ai Giochi olimpici .

La prima partecipazione della Romania ai giochi olimpici fu nel 1900 con un solo atleta. Dal 1924 in poi la Romania partecipò a tutti i giochi olimpici in tutti gli sport, con l'esclusione di due edizioni estive e una invernale. La Romania ha un palmarès di 292 medaglie di cui 86 d'oro, 89 d'argento e 117 di bronzo. [53]

L'atleta romena più medagliata dei Giochi olimpici moderni è Nadia Comăneci , nella ginnastica artistica, con cinque ori, tre argenti e un bronzo.

Il primo campione olimpico romeno fu Iosif Sîrbu , nel tiro a segno, ai Giochi olimpici di Helsinki 1952.

Altri eventi sportivi

Il 2 maggio 1910 venne istituito il Tenis Club Roman (TCR). Questo club riuniva più discipline tra cui: sport atletici, canottaggio, rugby, calcio, nuoto, pattinaggio, sport invernali, scherma, tennis e tiro. I colori del club erano il bianco e il verde e gli atleti erano circa 350. Qualche anno dopo il rugby cominciò a essere inquadrato sempre di più in questo club [54] assieme al calcio.

Con Ion Țiriac e Ilie Năstase la Romania fu tre volte finalista della Coppa Davis , senza però riuscire a vincere.

Gastronomia

Branza de Burduf formaggio stagionato nella corteccia di pino
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina romena .

La cucina romena è basata su piatti saporiti a base di carne, pesce, verdure e diverse spezie. Alcuni dei piatti tradizionali sono:

  • Ciorbă : è il piatto principale ed è una minestra o zuppa, preparata con ingredienti diversi, soprattutto verdure e carne.
  • Cozonac : dolce tipico pasquale e natalizio dalla forma parallelepipeda ripieno di canditi, noci o cacao.
  • Fasole cu cârnați : fagioli con salsiccia affumicata.
  • Mamaliga : polenta, solitamente accompagnata da Brânză , il tradizionale formaggio di capra.
  • Mititei o mici : polpette di forma cilindrica di carne di manzo (talvolta mescolata con maiale o pecora) condita con aglio e pepe nero (a volte peperoncino) e una spezie chiamata Cimbru (il timo ). Sono cucinati sulla griglia e possono essere serviti con senape , o con altre salse locali.
  • Musaca : specialità di carne di maiale tritata e speziata con aglio e peperoncino.
  • Răcituri : conserva di più parti bollite del maiale, immerse in un composto gelatinoso ottenuto dalle ossa.
  • Salată de vinete : crema di melanzane grigliate e maionese.
  • Sarmale : involtini di foglie di verza o di vite farciti con macinato di carne di maiale, riso, più altre verdure e spezie.
  • Tochitură : carne di maiale, formaggio di pecora, uova, aglio, polenta.

Festività

Festività ufficiali
Data Nome italiano Nome locale Commenti
31 dicembre/1º gennaio Capodanno / Primo dell'anno Revelion/Anul nou
aprile/maggio Pasqua Paști La maggioranza dei romeni festeggia la Pasqua ortodossa . La festività dura tre giorni.
1º maggio Festa del lavoro Ziua muncii Festa internazionale del lavoro.
1º dicembre Festa nazionale
( Giornata della Grande Unione )
Ziua Unirii Si festeggia l'unificazione della Transilvania con la Romania il 1º dicembre 1918 .
24 dicembre/25 Natale Crăciun I romeni festeggiano la vigilia il 24 e il Natale il 25 e 26 dicembre.
Feste tradizionali
Data Nome Commenti
24 febbraio Dragobete Festa degli innamorati
1º marzo Mărțișor Festa dell'arrivo della primavera
8 marzo Ziua femeii Festa delle donne
1º novembre Iluminarea Festa dei morti

Altre ricorrenze nazionali

Data Nome Significato
15 gennaio Giorno della Cultura Nazionale Romena In onore alla data di nascita del poeta nazionale Mihai Eminescu

Media

La televisione in Romania (o Televiziunea Română ) è stata introdotta nell'agosto del 1955 in via sperimentale e il 31 dicembre 1956 in via ufficiale. I canali televisivi più seguiti sono: Pro TV (con 6 615 000 telespettatori), TVR1 Estrada tv (5 543 009), (4 451 000), 29TVH (4 389 006), Valcea tv (4 200 003), Antena 1 (3 305 000), Kanal D (1 272 000), Acasǎ (1 247 000), Prima TV (2 205 000) e Antena 3 (73 000). Il 59% degli utenti usa la televisione via cavo .

Note

  1. ^ a b ( RO ) Resident population on 1st January 2017 ( PDF ), su recensamantromania.ro , INSSE. URL consultato l'11 settembre 2014 .
  2. ^ ( EN ) Population growth rate , su cia.gov , Central Intelligence Agency . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  3. ^ Si dice romeno o rumeno? , su Accademia della Crusca – Il più bel fiuor ne coglie .
  4. ^ a b c d ( EN ) World Economic Outlook Database, April 2019 , su IMF.org , Fondo Monetario Internazionale . URL consultato il 16 mag 2019 .
  5. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  6. ^ Dizionario esplicativo della lingua romena, 1998; Nuovo dizionario esplicativo della lingua romena, 2002
  7. ^ Claudiu Isopescu, Notizie intorno ai romeni nella letteratura geografica italiana del Cinquecento , in Bulletin de la Section Historique , XVI, 1929, pp. 1-90.
    «Viaggiando in Transilvania, Moldavia e Valacchia, Francesco delle Vale scrive nel 1532: “La lingua loro è poco diversa dalla nostra Italiana, si dimandano in lingua loro Rumei perché dicono esser venuti anticamente da Roma ad habitar in quel paese, et se alcuno dimanda se sano parlare in la lingua valacca, dicono a questo in questo modo: Sti Rominest? Che vol dire: Sai tu Romano, per esser corota la lingua…”» .
  8. ^ ( FR ) Paul Cernovodeanu, Voyage fait par moy, Pierre Lescalopier l'an 1574 de Venise a Constantinople, fol 48 , in Studii si materiale de istorie medievala , IV, 1960, p. 444.
    «Tout ce pays la Wallachie et Moldavie et la plus part de la Transilvanie a esté peuplé des colonie romaines du temps de Traian l'empereur […] Ceux du pays se disent vrais successeurs des Romains et nomment leur parler romanechte, c'est-à-dire romain…» .
  9. ^ Holban vol. 1 , pagg. 158-61: «Anzi essi si chiamano romanesci, e vogliono molti che erano mandati qui quei che erano dannati a cavar metalli…» .
  10. ^ Romeno sul Vocabolario Treccani
  11. ^ Accademia della Crusca - Si dice romeno o rumeno?
  12. ^ Quel che resta dei Ceausescu , su ilpost.it . URL consultato il 1º dicembre 2014 .
  13. ^ 2011 census results by native language ( XLS ), su recensamantromania.ro , www.recensamantromania.ro, website of the Romanian Institute of Statistics. URL consultato il 5 maggio 2015 .
  14. ^ IARNA UCRAINEANĂ – Află care sunt localitățile din Maramureș în care se prăznuiesc sărbătorile de iarnă după rit vechi [ Ukrainian winter: find out in which communes of Maramureș are the Winter holidays celebrated by the old calendar ] , in Infomm.ro . URL consultato il 5 maggio 2015 (archiviato dall' url originale il 18 maggio 2015) .
  15. ^ EUROPEANS AND THEIR LANGUAGES, REPORT ( PDF ), su ec.europa.eu , Eurostat, 2012. URL consultato il 21 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 6 gennaio 2016) .
  16. ^ German Population of Romania, 1930–1948 , su hungarian-history.hu . URL consultato il 7 settembre 2009 (archiviato dall' url originale il 17 agosto 2007) .
  17. ^ Official Romanian census from 2011
  18. ^ ( RO ) Official site of the results of the 2002 Census . URL consultato il 31 agosto 2008 (archiviato dall' url originale il 5 febbraio 2012) .
  19. ^ ( DE ) Georg Daniel Teutsch, Über den Namen der Siebenbürger Sachsen , in Archiv , I, 1845, pp. 13-177.
  20. ^ ( DE ) A. Scheiner, Sachse, sächsisch , in Korrespondenzblatt des Vereins für siebenbürgische Landeskunde , vol. 9, 1886, pp. 127-28.
  21. ^ ( DE ) KK Klein, Saxones vel Teutonici , in Korrespondenzblatt des Vereins für siebenbürgische Landeskunde , vol. 53, 1930, pp. 78-83.
  22. ^ ( DE ) A. Scheiner, Die Entstehung des Namens der Siebenbürger Sachsen , in Siebenbürgische Vierteljahrsschruft , vol. 60, 1937, pp. 104-05.
  23. ^ Gündisch, Konrad. Siebenbürgen und die Siebenbürger Sachsen . Bonn: Langen Müller, 1998.
  24. ^ Vignoli .
  25. ^ Stefania Parmeggiani, Quando i clandestini eravamo noi e la Romania non voleva gli italiani , in la Repubblica , 14 aprile 2009. URL consultato l'11 novembre 2015 .
  26. ^ Scagno .
  27. ^ Statistics by Country, by Catholic Population [Catholic-Hierarchy]
  28. ^ Dati tratti da [1] .
  29. ^ http ://geografia.capitello.it/primogrado/7/lorigine-delle-lingue-europee Archiviato l'8 settembre 2015 in Internet Archive .
  30. ^ Risultati del censimento 2011 per lingua materna ( XLS ), su recensamantromania.ro , www.recensamantromania.ro, website of the Romanian Institute of Statistics. URL consultato il 5 maggio 2015 ( archiviato il 24 settembre 2015) .
  31. ^ Costituzione zone metropolitane ( PDF ), su mie.ro . URL consultato il 15 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 26 gennaio 2009) .
  32. ^ http://www.recensamantromania.ro/wp-content/uploads/2013/07/sR_Tab_8.xls
  33. ^ Art. 1 Comma 2 della Costituzione del 2003: Forma de guvernământ a statului român este republica
  34. ^ Art. 1 Comma 3 della Costituzione del 2003: România este stat de drept, democratic și social, în care demnitatea omului, drepturile și libertățile cetățenilor, libera dezvoltare a personalității umane, dreptatea și pluralismul politic reprezintă valori supreme [...] și sunt garantate
  35. ^ Decisione del Consiglio dell'Unione europea, del 25 aprile 2005, relativa all'ammissione della Repubblica di Bulgaria e della Romania all'Unione europea ( ( PDF ) GU UE L 157 del 21.6.2005 )
  36. ^ Trattato tra il Regno del Belgio, la Repubblica ceca, il Regno di Danimarca, la Repubblica federale di Germania, la Repubblica di Estonia, la Repubblica ellenica, il Regno di Spagna, la Repubblica francese, l'Irlanda, la Repubblica italiana, la Repubblica di Cipro, la Repubblica di Lettonia, la Repubblica di Lituania, il Granducato del Lussemburgo, la Repubblica di Ungheria, la Repubblica di Malta, il Regno dei Paesi Bassi, la Repubblica d'Austria, la Repubblica di Polonia, la Repubblica portoghese, la Repubblica di Slovenia, la Repubblica slovacca, la Repubblica di Finlandia, il Regno di Svezia, il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (Stati membri dell'Unione europea) e la Repubblica di Bulgaria e la Romania relativo all'adesione della Repubblica di Bulgaria e della Romania all'Unione europea ( ( PDF ) GU UE L 157 del 21.6.2005 )
  37. ^ Fonte: EIU, Economist Intelligence Unit: Country Report gennaio 2008 Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive .
  38. ^ ( EN ) Izgonitorii marilor producatori auto , in 9AM . URL consultato il 28 gennaio 2018 .
  39. ^ Curierul Național Archiviato il 24 marzo 2015 in Internet Archive . - CFR administrează a patra rețea feroviară din Europa ca volum de pasageri și marfă. - Accesat la data de 08.03.2009
  40. ^ http://culturaromena.it/mihai-eminescu-poeta-nazionale/
  41. ^ https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=9179
  42. ^ Emil Racoviţă – lo scienziato romeno che ha fondato la Bio-speleologia , su imperialtransilvania.com , 12 marzo 2016. URL consultato il 18 settembre 2019 (archiviato dall' url originale il 10 novembre 2018) .
  43. ^ http://www.imperialtransilvania.com/it/2015/09/12/leggi-notizia/argomenti/events-1/articolo/petrache-poenaru-il-romeno-che-ha-inventato-la-penna-stilografica-moderna.html
  44. ^ Istoria oinei Archiviato l'11 gennaio 2012 in Internet Archive ..
  45. ^ Gheorghe Hagi Archiviato il 29 aprile 2011 in Internet Archive . - Biografie - Accesat la data de 15.03.2009
  46. ^ a b ( RO ) Dudu Florian e Constantin Zamfir, Stadionul National de Rugby „Arcul de Triumf” , su frr.ro , Federaţiă Română de Rugby . URL consultato il 24 marzo 2015 (archiviato dall' url originale il 24 marzo 2015) .
  47. ^ Ravagnani , pag. 221 .
  48. ^ Toulouse and Munster notch 50th Heineken appearances , su espn.co.uk , ESPN , 9 gennaio 2003. URL consultato l'11 novembre 2015 .
  49. ^ ( RO ) Galeria marilor rugbysti romani , su rugby.ro . URL consultato il 20 febbraio 2010 .
  50. ^ Federația Română de Handbal - Istoric - Accesat la data de 15.03.2009
  51. ^ Federația Română de Gimnastică 15 marzo 2009 [ collegamento interrotto ]
  52. ^ https://adevarul.ro/locale/piatra-neamt/Inca-premiera-mai-cunoscut-alpinist-roman-ticu-lacatusu-conduce-noua-expeditie-himalaya-1_5c504f62df52022f7521d729/index.html
  53. ^ All-Time Medal Standings Archiviato il 9 giugno 2007 in Internet Archive .
  54. ^ Rugby Românesc - Istori - Accesat la data de 11.05.2009

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 124251001 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2358 7092 · LCCN ( EN ) n79049551 · GND ( DE ) 4050939-4 · BNF ( FR ) cb11865467h (data) · NLA ( EN ) 35460408 · BAV ( EN ) 494/36670 · NDL ( EN , JA ) 00569801 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79049551