Sant Josep

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu Sant Josep (desambiguació) .
Sant Josep
Sant Josep amb l'Infant Jesús de Guido Reni, c 1635.jpg
Sant Josep amb el Nen
Guido Reni , 1635

Esposa de la Santíssima Mare de Déu,
Putatiu Pare de Jesucrist

Naixement ... , 1r cent. B.C
Mort Natzaret, 1r cent. A.D
Venerat per Totes les esglésies cristianes que admeten l’adoració dels sants
Recidiva 19 de març ;
1 de maig recordat amb el títol de Treballador
Atributs Pal de flors, Nen Jesús, Lliri, eines de Fuster.
Patró de Església catòlica
Regne de Nàpols , Diòcesi d’Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti , Diòcesi de Capodistria , Diòcesi d’Orvieto-Todi
Associació cristiana de treballadors italians (ACLI), Acció catòlica italiana: Unió d’homes, missions catòliques a la Xina, Monti di Pietà.
Agonitzants, Artesans, Feliç mort, Fusters, Contra les temptacions carnals i sexuals, Ebenistes, Tresorer, Exiliats, Fusters, Treballadors, Moribunds, Jornalers, Pares de famílies, Pioners, Advocats legals, Sense sostre.
Patró de Bohèmia , els Länder austríacs d' Estíria , Vorarlberg , Caríntia i Tirol , Canadà , Croàcia , Mèxic , Perú i Vietnam .

Sant Josep (en hebreu : יוֹסֵף ?, Yosef, en grec antic Ιωσηφ; en llatí : Ioseph ...-...), segons el Nou Testament , és el marit de Maria i el pare acollidor de Jesús . Es defineix com un home just .

Venerat com a sant per l’església catòlica i l’església ortodoxa , va ser declarat patró de l’església catòlica pel beat Pius IX el 8 de desembre de 1870. Sant Josep, Maria i el nen Jesús també són reconeguts col·lectivament com a Sagrada Família .

Hagiografia

Pare putatiu

Elisabetta Sirani (Bolonya 1638-1665), Sant Josep amb el nen Jesús , c. 1662
San Giuseppe, obra de fusta d’un artista desconegut del 1738, Catenanuova , Església Mare

Els evangelis i la doctrina cristiana afirmen que el veritable pare de Jesús és Déu : Maria el va concebre miraculosament mitjançant la intervenció de l’ Esperit Sant (Evangeli segons Joan), sense haver tingut una unió de carn amb el seu promès Josep, que inicialment tenia intenció de repudiar en secret, se li va assabentar del que havia passat un àngel que se li va aparèixer en un somni i va acordar casar-se amb ella i reconèixer legalment Jesús com el seu propi fill. Per tant, la tradició l'anomena "putatiu pare" de Jesús (del llatí puto , "crec"), és a dir, aquell que "es creia" que era el seu pare (sobre la base de Lluc 3,23 [1] ).

Professió

A Mateu 13,55 [2] s’esmenta la professió de Josep quan es diu que Jesús era fill d’un téktón . El terme grec téktón ha estat interpretat de diverses maneres. Es tracta d’un títol genèric, que no es limitava a indicar les simples obres d’un fuster , sinó que s’utilitzava per a operadors dedicats a activitats econòmiques relacionades amb la construcció , en què es practicava un comerç amb material pesat, que mantenia la duresa fins i tot durant el processament, per exemple fusta o pedra. Al costat de la traducció –acceptada per la majoria dels estudiosos– de téktón com a fuster , alguns han volgut comparar la d’un picapedrer . Alguns estudiosos han plantejat la hipòtesi que no tenia una simple botiga artesana, sinó una activitat emprenedora lligada a la construcció, per tant, en el sentit estricte no hauria de pertànyer a una família pobra [3] .

Segons alguns evangelis apòcrifs, Maria era filla d’Anna i del ric Joachim; aquesta interpretació de la professió empresarial de Josep s’adapta millor a la rica condició econòmica dels seus nuvis (en comparació amb tenir dos pares de Jesús descendents del rei David, però amb Josep d’orígens modestos).

Entre els jueus de l'època, als cinc anys els nens van començar la instrucció religiosa i van aprendre la professió del seu pare; per tant, és concebible que Jesús, al seu torn, exercís la professió de fuster en la seva joventut [4] . El primer evangelista que va utilitzar aquest títol per a Jesús va ser Marc, que defineix a Jesús un téktón amb motiu d’una visita a Natzaret, observant que els seus conciutadans es pregunten irònicament: "No és aquest el téktón , el fill de Maria?" [5] . Mateu reprèn el relat de Marc, però amb una variació: "No és ell (Jesús) el fill del téktón ?" [6] . Com és evident, aquí és Joseph qui està inscrit en aquesta professió.

A l’antiguitat, però, els Pares llatins de l’Església traduïen el terme grec de téktón amb fuster, oblidant potser que a l’època israeliana la fusta no només s’utilitzava per preparar arades i mobles diversos, sinó que s’utilitzava com a material per construir cases i qualsevol edifici. De fet, a més de les finestres de fusta, les teulades adossades de les cases israelites es van instal·lar amb bigues connectades entre elles amb branques, argila , fang i terra premsada, tant que el salm 129 [7] descriu com van créixer les teulades herba.

Segons els evangelis, Josep exercia la seva professió a Natzaret , on vivia amb la seva família. Potser també va treballar durant algun temps a Cafarnaüm ; en suport d'aquesta hipòtesi es cita un fragment de l' Evangeli segons Joan , en el qual Jesús predica a la sinagoga de Cafarnaüm i els seus oponents diuen d'ell que és fill de Josep (Jn 6: 41-59 [8] ), cosa que demostraria que coneixien Josep. Alguns estudiosos especulen que va poder haver treballat durant un període determinat, probablement juntament amb Jesús, també a Zippori , una ciutat important situada a pocs quilòmetres de Natzaret [9] .

Orígens i matrimoni amb Maria

Les notícies dels evangelis canònics sobre Sant Josep són molt minses. Mateu i Lluc parlen d’ell: ens diuen que Josep era descendent del rei David i vivia a la petita ciutat de Natzaret [Nota 1] .

Les versions dels dos evangelistes divergen en la llista de la genealogia de Jesús, incloent qui era el pare de Josep:

  • Lluc 3: 23-38 [10] : Jesús, quan va començar el seu ministeri, tenia uns trenta anys i era fill, com es creia, de Josep, fill d'Eli
  • Mateu 1,1-16 [11] : Jacob va engendrar Josep, el marit de Maria, del qual va néixer Jesús anomenat Crist.
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Genealogia de Jesús .

Segons la tradició dels evangelis apòcrifs , en particular el Protoevangelium de Jaume (segle II), Joseph, descendent de la família de David i natural de Betlem, abans del seu matrimoni amb Maria es va casar amb una dona que li va donar sis fills: quatre nois ( Judes, Josep, Jaume i Simeó) i dues femelles (Lisies i Lídia). Tanmateix, aviat va quedar vidu i amb fills a càrrec. Els apòcrifs van intentar així justificar la presència dels germans de Jesús als evangelis. L’ Església ortodoxa accepta aquesta tradició (com també es mostra als mosaics de l’ església de San Salvatore a Chora a Constantinoble ), mentre que l’ església catòlica rebutja aquesta interpretació i argumenta que eren cosins o altres parents propers (en grec antic hi ha dos termes diferents: adelfòi , germans i singhnetoi , cosins, però en hebreu i arameu s’utilitza una sola paraula, ah , per indicar germans i cosins [Nota 2] [Nota 3] .)

Seguint encara la tradició apòcrifa, Josep, ja en vellesa, es va unir a altres celibats de Palestina, tots descendents de David, recordats per alguns subhastadors de Jerusalem. De fet, el sacerdot Zacharias havia ordenat que tots els fills del llinatge reial fossin convocats per casar-se amb la jove Maria, futura mare de Jesús, de llavors dotze anys, que havia viscut nou anys al temple. Per indicació divina, aquests celibats portarien el seu bastó a l’altar i Déu mateix faria llavors florir, escollint així l’escollit.

Zaccaria va entrar al temple i va demanar una resposta a la pregària, després va retornar els bastons als seus legítims amos; l'última va ser la de Josep, estava florida i en va sortir un colom que es va col·locar al cap [Nota 4] . Josep es va blindar, assenyalant la diferència d’edat, però el sacerdot li va advertir que no desobeís la voluntat de Déu i, després, atemorit, va portar Maria a casa seva.

Dubte davant l’embaràs de Mary

Antonio Palomino , Somni de Sant Josep

La història de Maria i Josep comença als evangelis amb l’episodi de l’ Anunciació : “Al sisè mes l’ àngel Gabriel va ser enviat per Déu a una ciutat de Galilea , anomenada Natzaret , a una verge, promesa amb un home de la casa de David, anomenat Josep, la verge es deia Maria " [12] .

Es presenta a Joseph com el descendent de David, marit de la Verge que es va convertir en el protagonista del Misteri de l’ Encarnació . Per l'obra de l' Esperit Sant , Maria va concebre un fill "que serà anomenat Fill de l'Altíssim". L’àngel, confirmant l’extraordinari esdeveniment, li va dir llavors que la seva cosina Isabel , tot i que estèril, també esperava un fill. La Maria va anar immediatament al seu familiar i, al tornar, ja al tercer mes, es van veure els signes de l’embaràs.

En aquestes circumstàncies, "el seu marit Josep, que era just i no volia divorciar-se d'ella, va decidir retirar-la en secret [13] ", segons diu l' Evangeli segons Mateu . L’home no sabia com comportar-se davant la miraculosa maternitat de la seva dona: segur que buscava una resposta a la inquietant pregunta, però sobretot buscava la sortida d’una situació difícil sense exposar Maria a la pena de lapidació.

Tot i això, un àngel se li va aparèixer en un somni i li va dir: "Josep, fill de David, no tingueu por de portar Maria amb vosaltres, perquè el que es genera en ella prové de l'Esperit Sant. Donarà a llum un fill i l'anomenareu Jesús : ell salvarà el seu poble dels seus pecats " [14] . Despert del son, Josep va fer el que l’àngel li havia ordenat i es va endur la seva dona, acceptant el seu misteri de maternitat i les seves responsabilitats posteriors.

Josep, guardià de Maria i del Jesús acabat de néixer

Pierre Parrocel , Sant Josep adorant l'infant Jesús , 1694

Segons el relat evangèlic segons Lluc , uns mesos després Josep es va traslladar amb Maria des de la ciutat de Natzaret, a Galilea, a Betlem , a Judea , a causa d’un cens (vegeu el cens de Quirini ) de la població de tot l’ imperi , per a la qual cosa també va haver de registrar-se a la seva ciutat natal, juntament amb la seva núvia. Mentre els dos eren a Betlem, va arribar el moment del part i Maria va donar a llum al seu fill "que va ser embolicat i posat en un pessebre, perquè no hi havia espai per a ells a la fonda" [15] .

Per tant, Josep va ser testimoni de l’adoració del nen per part dels pastors aconsellats per un àngel [16] i, posteriorment, també de la dels reis mags , que venien de l’extrem orient, segons la indicació obtinguda de les estrelles i d’una estrella de particular. Els Reis Mags "van entrar a la casa, van veure el nen amb la seva mare Maria i, caient, l'adoraven" [17] : Joseph no és esmentat ni vist, però segur que va estar present a l'acte.

Vuit dies després del seu naixement, segons la llei de Moisès , es va produir la circumcisió del nen, a qui Josep va donar el nom de Jesús. Quaranta dies després, ell i Maria van portar el nounat a Jerusalem per presentar-lo al temple i allà van ser testimonis. l'exaltació profètica del vell: Simeó , que va predir un futur gloriós per al nen, un signe de contradicció i glòria per al seu poble Israel . Després de la presentació al temple, l’evangelista Lluc ens explica que van tornar a Galilea, a la seva ciutat, Natzaret.

La Sagrada Família va romandre a Betlem durant un període no especificat, sembla des d’un mínim de 40 dies ( Lluc 2,22; 2,39 [18] ) fins a un màxim de dos anys ( Mateu 2,16 [19] ), després de que, segons Mateu, va advertir en un somni d'un àngel, Josep va fugir a Egipte amb la seva dona i el seu fill a Egipte a causa de la persecució del rei Herodes que, havent escoltat la història dels Reis Mags, va voler desfer-se d'aquell "rei no nascut de els jueus ", matant a tots els nens de Betlem de dos anys o menys. Després d'un període d'exili no especificat, va rebre en un somni l'ordre de marxar, ja que Herodes era mort (no podia haver mort abans del naixement del que volia matar), va tornar amb la seva família a Natzaret, però no va parar a Betlem a causa de la monarquia d’ Arcelau , no menys perillosa que la del seu pare. Lluc no menciona la seva estada a Egipte, però accepta tornar a Natzaret, on Jesús va viure fins al començament de la seva vida pública.

La vida "oculta" de Natzaret

Els evangelis resumeixen en poques paraules el llarg període de la infantesa de Jesús, durant el qual ell, a través d’una vida aparentment normal, es va preparar per a la seva missió.

Només un moment s'elimina d'aquesta "normalitat" i és descrit només per Luke.

Jesús, als dotze anys, probablement amb motiu del seu Bar mitzvah , la iniciació religiosa dels jueus [20] , va marxar pelegrí junt amb els seus pares a Jerusalem per celebrar la festa de la Pasqua . Però quan van passar els dies de la festa, mentre ell reprenia el camí de tornada, Jesús es va quedar a Jerusalem, sense que Maria i Josep se n’adonessin. Al cap d'un dia, es van adonar d'això i van començar a buscar-lo, el van trobar després de tres dies buscant al temple, assegut i discutint amb els metges. La Maria li va preguntar: "Fill, per què ho vas fer? Aquí estem el teu pare i jo, que et busquem ansiosament". Resposta de Jesús: "Per què em buscàveu? No sabíeu que he de cuidar les coses del meu Pare?" va deixar bocabadats els pares.

La mort

Bartolomeo Altomonte , Mort de Sant Josep

De tornada a Natzaret, Jesús va créixer jove i fort, sotmès als seus pares. Quan va començar la seva vida pública, és probable que Joseph ja estigués mort. De fet, mai més no es torna a esmentar als Evangelis després del passatge de Lluc citat anteriorment (a vegades Jesús es diu "fill de Josep", però això no implica que encara estigués viu). Maria és present sola a la crucifixió de Jesús, cosa que no hauria passat si Josep hagués estat viu [21] . A més, quan Jesús està a la creu, confia Maria al seu deixeble Joan , que "des d'aquest moment la va portar a casa seva", cosa que no hauria estat necessària si Josep hagués estat viu.

Tot i que els evangelis canònics no diuen res sobre la mort de Josep, es troba certa informació en els evangelis apòcrifs . Segons la història apòcrifa de Josep el fuster , que descriu detalladament el pas del sant, Giuseppe tenia 111 anys quan va morir, sempre va tenir una salut excel·lent i va treballar fins al seu darrer dia. Advertit per un àngel de la seva imminent mort, es va dirigir a Jerusalem i, de tornada, va ser colpejat per la malaltia que el mataria. Esgotat al seu llit, aclaparat pels turments i preocupat en la seva ment, només el consol de Jesús el va poder calmar. Envoltat de la seva núvia, va ser alliberat de la visió de la mort i el més enllà , immediatament expulsat pel mateix Jesús. Els àngels van recollir l’ànima del sant i la van portar al cel. El seu cos va ser llavors enterrat amb honors en presència de tot Natzaret .

Encara avui no sabem on és la tomba del sant; a les cròniques dels pelegrins que van visitar Palestina hi ha algunes indicacions sobre la tomba de Sant Josep. Dues es refereixen a Natzaret i dues més a Jerusalem , a la vall de Cedró . No obstant això, no hi ha arguments consistents al respecte.

L’entrada de Josep al cel

Grans sants i teòlegs s'han mostrat convençuts que Josep va ser portat al cel en el moment de la resurrecció de Crist . Així, Francis de Sales en un dels seus sermons:

«No hem de dubtar gens que aquest gloriós sant té un enorme mèrit al Cel, amb Aquell que el va afavorir fins al punt d'elevar-lo al costat de si mateix en cos i ànima. Cosa que confirma el fet que no tenim relíquies del seu cos a la terra. Per tant, em sembla que ningú pot dubtar d’aquesta veritat. Com podia haver rebutjat aquesta gràcia a Josep, aquell que li havia estat obedient tot el temps de la seva vida? [22] "

En aquest sentit, el papa Joan XXIII –el maig de 1960, amb motiu de l’homilia per a la canonització de Gregorio Barbarigo– , va mostrar la seva prudent adhesió a aquesta antiga “pietosa creença” segons la qual Josep, així com Joan Baptista , haurien tingut ressuscitat en cos i ànima i ascendit amb Jesús al cel a l' Ascensió . La referència bíblica estaria a Mateu 27,52 [23] «... i es van obrir les tombes i es van aixecar molts cossos de sants morts. I, sortint de les tombes, van entrar a la Ciutat Santa i van aparèixer a molts ... " [24] .

El Josep dels evangelis apòcrifs

A partir del segle II, es van compondre evangelis apòcrifs, probablement segons les sectes gnòstiques, en els quals observem el desig d’aprofundir místicament les visions del pare de Jesús i les paraules de l’àngel durant els somnis, i també de considerar l’existència de Joseph en relació amb alguns passatges profètics i espirituals de l' Antic Testament . Cap dels escrits antics no ha estat acceptat com a divinament inspirat per l’Església, en primer lloc per la tardança d’aquests escrits (segle II i més enllà) i, en segon lloc, per les flagrants contradiccions presents en ells i respecte als evangelis canònics. La notorietat d’aquests escrits, però, els ha portat a convertir-se en un tema per a artistes i escriptors, exercint també una certa influència en diversos pintors cristians.

El Protoevangelium de Jaume (o " Primer Evangeli " o Història de Jaume sobre el naixement de Maria ) és un text compost a la segona meitat del segle II , probablement a Egipte, amb l'objectiu de defensar la virginitat de Maria. Ja a les primeres pàgines hi ha una narració del seu compromís amb Joseph als 12 anys. Maria només està "confiada a la custòdia de Josep" [25] , no per viure relacions matrimonials en el futur. Però es considera que els fills de Josep són "germans de Jesús". No s’esmenta l’edat de Josep. És un home vell, però encara capaç de treballar, de manera que deixa a casa a Mary i se'n va "a construir edificis", és a dir, a treballar en la construcció d'edificis [25] . La frase diu: era paleta.

Segueix la història de l'Anunciació, altament ficcionada, en què s'informa d'un Joseph que pateix amb nombroses sospites. En aquest Evangeli es recull la celebració del ritu de l’oblació de la gelosia de Nombres 5 : 11-31 [26] . Després de sis mesos de treballs de construcció, Joseph torna a casa i, veient a Mary, té por del seu misteriós embaràs. Però l’àngel se li apareix explicant el misteri i obligant-lo a “mirar Maria”. Així que marxa amb ella cap a Betlem, on naixerà el nen. Allà ve una dona sàvia anomenada Salomé que visita Maria i nota la seva virginitat fins i tot després de donar a llum. Segueix la narració de l’adoració dels Reis Mags i d’altres esdeveniments relacionats amb la nativitat, però Josep no s’esmenta, a l’Evangeli se l’anomena sovint “servidor obedient de les ordres de l’Altíssim” i “fidel guardià de Maria”. [ sense font ]

Per a la infantesa de Jesús també hi ha altres narracions en els diversos apòcrifs que poden semblar inventades, però ben rebudes per la devoció popular dels segles següents. Per exemple, en l’anomenat Evangeli de la infantesa de Tomàs , hi ha nombroses mencions sobre el “pare del Salvador que amb molt d’esforç i paciència es va dedicar a l’educació del nen Jesús”. Aquest Evangeli infantil, que en la seva forma actual es remunta al segle IV , narra els suposats miracles fets per Jesús entre els 5 i els 10 anys.

Comença amb el relat que Josep va enviar Jesús a l’escola per aprendre l’ alfabet grec . Quan el nen té vuit anys, comença a treballar amb Giuseppe per convertir-se, com ell, en pagès i fuster [27] . Quan es parla dels miracles de Jesús a l’Evangeli de la infància, probablement extret dels realitzats a Egipte, acaba amb la meravellosa curació d’un dels fills de Josep ferit de mort per una serp verinosa [28] . Al llarg de l'Evangeli, Josep apareix com un home honest i apreciat per la seva proximitat als seus fills, un pare presentat de manera hagiogràfica mitjançant l'ús del terme "Sant Josep".

Sant Jeroni va negar la idea d’un vell Josep i ja amb fills, en considerar que el sant no estava casat abans d’escollir Maria i que encara era jove. En l'exposició de les seves idees es diu: Josep "va contreure matrimoni amb Maria: tenia uns 14 o 15 anys, tenia uns 18 o 20 anys. Aquestes són les edats habituals per casar-se entre els jueus ... Josep i Maria viuen junts, sota el mateix sostre. Passen els dies i per a Maria s’acosta el moment del part ". [ sense font ]

Sant Josep segons els escrits patrístics

El Greco , Sant Josep

El propòsit principal dels primers teòlegs cristians era alliberar la figura del sant de les diverses devocions i heretgies sorgides dels apòcrifs i arribar així, mitjançant l’estudi dels Evangelis, a un examen precís de la genealogia de Jesús, del matrimoni de Josep i Maria i de la constitució de la Sagrada Família. Aquests tres moments essencials tornen en totes les seves investigacions; de vegades també s’afegeixen reflexions cristològiques per interpretar determinades hipòtesis sobre la llei del matrimoni, la justícia de Josep, el valor dels seus somnis, però mai s’arriba a poder presentar un perfil biogràfic.

El primer autor que recorda Giuseppe és Justin . Al segle III Orígenes , en una homilia, volia destacar que "Josep era just i la seva verge estava impecable. La seva intenció de deixar-la s'explica pel fet de reconèixer en ella la força d'un miracle i d'un misteri grandiós. Per acostar-s'hi, es considerava indigne "

Al segle IV van ser sant Ciril de Jerusalem , sant Cromaci d'Aquileia i sant Ambròs qui van fer algunes reflexions sobre la virginitat de Maria, sobre el matrimoni de Josep amb ella, sobre la veritable paternitat del seu marit. Per exemple, sant Ciril fa una comparació per explicar la paternitat de Josep i la relaciona amb la figura de santa Isabel.

La interpretació de Chromatius

Queden 18 sermons de Sant Cromaci que recullen els primers capítols de l’Evangeli de Mateu. Afirma: "No és sense raó que Mateu va sentir que havia d'assegurar-se que Crist, el nostre Senyor, era fill de David i d'Abraham, ja que tant Josep com Maria tenen el seu origen en el llinatge de David, és a dir, tenen un rei origen ".

En el tercer sermó, Cromaci es dedica a un estudi teològic del relat de Mateu 1 : 24-25 [29] : "L'evangelista continua narrant: En despertar del son, Josep va fer el que l'àngel del Senyor li havia ordenat i va portar amb ell la seva núvia, que, sense que tingués relacions carnals amb ella, va donar a llum un fill, a qui va anomenar Jesús. Per tant, Josep s’il·lumina sobre el sagrament del misteri celestial per mitjà d’un àngel: Josep obeeix de bon grat la paraula de l’àngel. recomanacions; ple d’alegria executa ordres divines; per tant, s’emporta la Mare de Déu; pot presumir de promeses que anuncien temps nous i feliços, perquè, per a una única missió, que li és confiada per la majestat divina, és escollida per ser mare verge, la seva dona, com mereixia que l’àngel li digués, però hi ha una expressió de l’evangelista: i no la va conèixer fins que va donar a llum el fill, que espera aclariments, ja que persones sense criteris (heretges i lectors de llibres apòcrifs) fan infinites preguntes; i després diuen que, després del naixement del Senyor, la Mare de Déu hauria conegut carnalment a Josep. Però la resposta a l'objecció plantejada per aquells prové tant de la fe com de la mateixa raó de la veritat: l'expressió de l'evangelista no es pot entendre de la manera que ho entenen aquells bojos. Déu ens guarda d’afirmar tal cosa, després de conèixer el sagrament d’un misteri tan gran, després de la condescendència (concepció) del Senyor que es va dignar a néixer de la Mare de Déu. Creient que podria haver tingut relacions carnals amb Josep més tard, Cromaci l'exclou i, per superar categòricament aquesta opinió existent en el seu temps, pren l'exemple de la germana de Moisès, que volia mantenir la seva virginitat. També esmenta Noè que «" va imposar una abstinència perenne del deute matrimonial. Si volem un altre exemple, Moisès, després d'haver escoltat la veu de Déu al matoll ardent, també es va abstenir de qualsevol relació matrimonial durant el temps següent. I seria permès creure que Josep, a qui l'Escriptura defineix com un home just, podria tenir relacions carnals amb Maria després d'haver nascut el Senyor? no tenen fi i determina un temps per a aquelles coses que no es tanquen per si mateixes en un temps determinat. Però també per a aquest cas les Escriptures ens ajuden; els nombrosos exemples possibles en triem uns quants ". L’últim pla de la figura de Josep està relacionat amb la història del seu retorn de la fugida a Egipte.

Segons Ambrose i Agustí

Estàtua de Sant Giuseppe, Església del Sant Crucifix de Santa Maria di Licodia (CT)

Interpretacions similars també es poden demostrar a sant Ambròs que, llegint les històries dels evangelistes, subratlla el sincer que era i desproveït de mentides i en el gran desig de presentar Josep com un home just, Ambròs adverteix que l’evangelista, quan explica " la immaculada concepció de Crist "veia en Josep un home just que no podia haver contaminat" el Sancti Spintus templum , és a dir, la Mare del Senyor fecundada a l'úter pel misteri de l'Esperit Sant ".

Nel commento classico del Vangelo, fatto poco dopo il Natale del 417 da sant'Agostino nel suo Sermone sulla Genealogia di Cristo, vengono riprese preziose notizie e opinioni anteriori. Secondo Matteo 1:18-21 [30] , Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla in segreto. Egli non volle punirla né denunciarla, ma accettò infine un matrimonio casto e fedele con la sposa promessa da Dio, e secondo le parole dell'angelo del Signore [31] [32] . "Molti perdonano le mogli adultere spinti dall'amore carnale, volendo tenerle, benché adultere, allo scopo di goderle per soddisfare la propria passione carnale. Questo marito giusto invece non vuole tenerla; il suo alletto dunque non ha nulla di carnale; eppure non la vuole nemmeno punire; il suo perdono, dunque, è solo ispirato dalla misericordia".

Agostino mette in luce il significato della sua paternità spiegando come la Scrittura voglia dimostrare che Gesù non nacque per discendenza carnale da Giuseppe poiché egli era angosciato, perché non sapeva come mai la sposa fosse gravida. Per attestare la non paternità di Giuseppe, Agostino cita l'episodio dello smarrimento di Gesù al tempio quando egli dice: Non sapevate che io debbo occuparmi delle cose del Padre mio? "Rispose così, poiché il Figlio di Dio era nel tempio di Dio. Quel tempio infatti non era di Giuseppe, ma di Dio. Poiché Maria aveva detto: Tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo, egli rispose: Non sapevate che io debbo occuparmi delle cose del Padre mio? In realtà egli non voleva far credere d'essere loro figlio senza essere nello stesso tempo Figlio di Dio. Difatti, in quanto Figlio di Dio, egli è sempre tale ed è creatore dei suoi stessi genitori; in quanto invece figlio dell'uomo a partire da un dato tempo, nato dalla Vergine senza il consenso d'uomo, aveva un padre e una madre".

Agostino sente però la necessità di dire che Gesù non disconosce Giuseppe come suo padre e infatti sottolinea come il giovane Nazareno fosse durante l'adolescenza sottomesso ai suoi genitori, quindi sia a Maria sia a Giuseppe. Per Agostino è molto importante spiegare la paternità di Giuseppe, poiché le generazioni sono contate secondo la sua linea genealogica e non secondo quella di Maria: "Enumeriamo perciò le generazioni lungo la linea di Giuseppe, poiché allo stesso modo che è casto marito, così è pure casto padre".

Lo Pseudo-Crisostomo e lo Pseudo-Origene

Nel VI secolo , ricordiamo al riguardo le omelie dello Pseudo- Crisostomo e dello Pseudo-Origene. Nell'Omelia dello Pseudo-Crisostomo Giuseppe viene messo in luce come uomo giusto in parole e in opere, giusto nell'adempimento della legge e per aver ricevuto la grazia. Per questo intendeva lasciare segretamente Maria, egli non dubitava delle sue parole ma una grande angoscia riempì il suo cuore e quando gli apparve l'angelo a Giuseppe si domandò perché non si era fatto vedere prima della concezione di Maria perché accettasse il mistero senza difficoltà.

Anche nell'Omelia dello Pseudo-Origene si manifesta l'intenzione di riflettere su un messaggio anteriore dell'angelo. Egli domanda: "Giuseppe, perché hai dubbi? Perché hai pensieri imprudenti? Perché mediti senza ragionare? È Dio che viene generato ed è la vergine che lo genera. In questa generazione sei tu colui che aiuta e non colui dal quale essa dipende. Sei il servo e non il signore, il domestico e non il creatore".

Negli ultimi secoli del primo millennio si continuano a studiare i diversi aspetti dell'esistenza e della missione di Giuseppe, cercando di esporre l'etimologia del suo nome, la sua discendenza davidica, e soprattutto le solite realtà biblico-teologiche.

Giuseppe nel Medioevo. La nascita d'un primo culto giuseppino

Statua di San Giuseppe col Bambino, Concattedrale di Palmi

Nel primo Medioevo, insieme a una più ampia devozione mariana, cominciava lentamente a fiorire anche una devozione a san Giuseppe. Gli scritti dei monaci benedettini costituiscono un valido contributo per arrivare a un inizio del culto giuseppino, rimasto però legato ai loro ambiti religiosi, dove si cominciò a inserire il nome di Giuseppe nei loro calendari liturgici o nel loro martirologio.

Testi importanti sulla posizione di Giuseppe nell'opera della salvezza, si incontrano nei due grandi mistici benedettini: Ruperto di Deutz († 1130 ) esan Bernardo di Chiaravalle († 1153 ). Entrambi hanno tentato di chiamare i fedeli a una vera devozione a Giuseppe: san Bernardo di Chiaravalle ha cercato di descrivere con devoto impegno la sua umile e nascosta figura. Nei suoi Sermoni " In laudibus Virginis Mariae ", composte per le feste della Madonna si trovano brani sul santo in cui è espresso che "la fama della Vergine Maria non sarebbe integra senza la presenza di Giuseppe". Sul santo, avverte Bernardo, non esiste "nessun dubbio che sia stato sempre un uomo buono e fedele. La sua sposa era la Madre del Salvatore. Servo fedele, ripeto, e saggio, scelto dal Signore per confortare la Madre sua e provvedere al sostentamento di suo figlio, il solo coadiutore fedelissimo, sulla terra, del grande disegno di Dio".

L'influsso di Bernardo si manifesta anche nella letteratura e poesia medioevale: è interessante pensare qui a Dante Alighieri , che degnamente invoca il nome di san Giuseppe al vertice della Divina Commedia .

Tra i teologi, san Bonaventura è stato il primo a ripensare al santo come protettore di Maria e Gesù Bambino nella povera grotta. Un altro francescano, il teologo Duns Scoto , sceglie alcune questioni intitolate De matrimonio inter BV Mariam et sanctum Joseph . Propone una nuova spiegazione del loro sposalizio, ricorrendo alla distinzione tra il diritto sui corpi e il loro uso nel matrimonio che, secondo il teologo, è stato perfetto, sotto tutti gli aspetti, ed è da considerare una "questione divina regolata dallo Spirito Santo".

Secondo san Tommaso d'Aquino , la presenza di Giuseppe era necessaria nel piano dell'Incarnazione, poiché senza di lui la gente avrebbe potuto dire che Gesù fosse un figlio illegittimo, frutto di una relazione illecita. Cristo aveva bisogno del nome, delle cure e della protezione di un padre umano; se Maria non fosse stata sposata, i Giudei l'avrebbero considerata un'adultera e l'avrebbero lapidata. Il teologo medievale continua dicendo che il matrimonio di Maria e di Giuseppe fu un vero matrimonio: "Essi erano uniti l'uno all'altro dall'amore reciproco, un amore spirituale. Si scambiarono quei diritti coniugali che sono inerenti al matrimonio, anche se, per il loro voto di verginità, non ne fecero uso".

Alla luce della Redemptoris Custos

Il 15 agosto 1989 , nel centenario dell' enciclica di Leone XIII intitolata Quamquam Pluries , Giovanni Paolo II ha scritto un' esortazione apostolica sulla figura e la missione di san Giuseppe nella vita di Cristo e della Chiesa; essa inizia con le parole Redemptoris Custos (Il Custode del Redentore), che definiscono il rapporto esistente tra Giuseppe e Gesù.

Questo importante documento pontificio deve essere considerato come la magna charta della teologia di san Giuseppe, proposta ufficialmente a tutta la Chiesa, a cominciare dai Vescovi fino a tutti i fedeli. L'esortazione Redemptoris Custos è strettamente collegata con l'enciclica Redemptoris Mater , preceduta dall'enciclica Redemptor Hominis e seguita da un'altra enciclica, intitolata Redemptoris Missio , che si riferisce alla Chiesa. Appare così chiaro che il magistero della Chiesa cattolica considera san Giuseppe inserito direttamente nel mistero della Redenzione, in stretta relazione con Gesù, verso il quale adempie la funzione di padre, con Maria, la madre di Gesù, della quale egli è sposo, e con la Chiesa stessa, affidata alla sua protezione. Si tratta di un ruolo eccezionale, che fa da supporto alla devozione della quale san Giuseppe ampiamente gode nel cuore dei credenti e che la teologia non deve trascurare.

La teologia

La lode di san Giuseppe è nel Vangelo . Matteo stima talmente san Giuseppe da farne l'"introduttore" al suo Vangelo , che inizia appunto con la genealogia, la quale ha lo scopo di agganciare Gesù a Davide e ad Abramo proprio attraverso Giuseppe; lo presenta, inoltre, come "sposo di Maria", la persona certamente più in vista nella Chiesa apostolica; lo qualifica, infine, come "uomo giusto", che comporta l'approvazione della sua condotta. Per questo san Bernardo dice candidamente che "la lode di san Giuseppe è nel Vangelo". Nessun santo, eccetto Maria, occupa nel Vangelo un posto così distinto. Eppure incontriamo ancora oggi chi ripete che il Vangelo ci riferisce poco o nulla di san Giuseppe e che, in ogni caso, la sua figura è marginale; di qui lo scarso interesse negli studi teologici, dove egli è del tutto ignorato.

Statua di San Giuseppe in una cappella della chiesa Notre-Dame di Amiens

C'è da aggiungere che, fin dai primi secoli, una letteratura che la Chiesa considera apocrifa , perché romanzesca, ha strumentalizzato la figura di san Giuseppe, attribuendogli figli avuti da un precedente matrimonio e un'età veneranda al momento del matrimonio con Maria. Evidentemente lo scopo degli apocrifi era quello di attribuire a lui "i fratelli di Gesù", nominati nei Vangeli e garantire la verginità di Maria , sposata da un "vecchio" Giuseppe in seconde nozze. Contro questa letteratura sempre emergente già predicava san Girolamo , affermando che queste cose non sono scritte nei Vangeli e che si tratta solo di "deliri". Le tante opere letterarie e artistiche che rappresentano san Giuseppe vecchio e quasi marginalmente sono il frutto di questa mentalità. Ecco allora la necessità di conoscere bene san Giuseppe, seguendo il Vangelo e quanto il magistero insegna su di lui attraverso la dottrina e il culto.

Perché la Cristologia non può ignorare san Giuseppe

Chi va a Betlemme , nella basilica della Natività che risale all'imperatore Costantino , vede sulle pareti due genealogie di Gesù, denominate albero di Jesse e lì rappresentate nel 1169 . Se la genealogia di Gesù ci viene tramandata da due evangelisti, Matteo e Luca , è chiaro che doveva essere ritenuta importante nell'annuncio del Vangelo. Nonostante le loro divergenze, che rivelano scopi differenti, in entrambe le genealogie occupano un posto rilevante il re Davide e Giuseppe. Nella Chiesa apostolica interessava, infatti, che Gesù fosse riconosciuto come "figlio di Davide", titolo con il quale le folle già si rivolgevano a Gesù, nella convinzione che Egli fosse il Messia , termine che in greco si traduce con Cristo . D'altra parte, con la Pentecoste Gesù si era rivelato figlio di Dio e ai cristiani era ormai noto che Gesù era stato concepito per opera dello Spirito Santo . Come conciliare, allora, l'origine divina di Gesù, "figlio di Dio", con quella umana, "figlio di Davide"? Ci troviamo qui nel mistero dell' Incarnazione , che evidentemente aveva superato i confini delle attese umane. Comprendiamo così perché l'evangelista Matteo, dopo aver collegato tutti gli antenati di Gesù con il verbo "generò", arrivato a Giuseppe non lo usa più, ma si limita a scrivere: "Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo" (1,16).

Un matrimonio vero e necessario

La Chiesa crede che Maria abbia concepito Gesù in modo miracoloso per opera dello Spirito Santo e la onora come "Madre di Dio". Se gli evangelisti, dunque, presentano Maria anche come "sposa di Giuseppe", non dovevano certamente mancare i motivi. Tra questi, ossia perché Gesù abbia dovuto nascere da una donna "sposata", Tommaso d'Aquino ne indica alcuni non trascurabili: per esempio, perché gli infedeli non avessero motivo di rifiutarlo, se apparentemente illegittimo; perché Maria fosse liberata dall'infamia e dalla lapidazione; perché la testimonianza di Giuseppe garantisse la nascita di Gesù da una vergine... Matteo, tuttavia, è più interessato al motivo cristologico, che si fonda sulla discendenza di Gesù da Davide. La sua garanzia dipende appunto dal fatto che Giuseppe, "figlio di Davide", era riconosciuto da tutti come "sposo di Maria". I figli della moglie, infatti, non sono giuridicamente figli del marito? La legge matrimoniale sta lì proprio per questo, a difesa dell'onore della donna e della prole. Ecco perché Giovanni Paolo II scrive: "Ed anche per la Chiesa, se è importante professare il concepimento verginale di Gesù, non è meno importante difendere il matrimonio di Maria con Giuseppe, perché giuridicamente è da esso che dipende la paternità di Giuseppe" (RC, n.7).

L'autenticità della paternità di san Giuseppe

Accanto alla testimonianza circa l'origine divina di Gesù, incontriamo nei Vangeli anche quella che Gesù era ritenuto il figlio di Giuseppe. Limitiamoci a Filippo, che dice a Natanaele: "Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè nella Legge ei Profeti: Gesù, figlio di Giuseppe, di Nazaret" ( Giovanni 1,45 [33] ). Bisogna anzi apertamente dire che il matrimonio di Giuseppe con Maria aveva talmente affermato la paternità di Giuseppe da nascondere la sua filiazione divina, ossia il Padre celeste. È stato scritto che Giuseppe è l'ombra del Padre, ma in realtà, secondo il piano di Dio, è invece, Giuseppe che ha messo in ombra il Padre. L'esortazione di Giovanni Paolo II afferma apertamente che nella santa Famiglia "Giuseppe è il padre: non è la sua una paternità derivante dalla generazione; eppure, essa non è apparente, o soltanto sostitutiva, ma possiede in pieno l'autenticità della paternità umana, della missione paterna nella famiglia" [34] . Ciò comporta che "con la potestà paterna su Gesù, Dio ha anche partecipato a Giuseppe l'amore corrispondente, quell'amore che ha la sua sorgente nel Padre".

Il matrimonio di Giuseppe con Maria e la conseguente legittimazione della sua paternità all'interno della famiglia sono orientate verso l'incarnazione, ossia verso Gesù che ha voluto inserirsi nel mondo in modo "ordinato". Origene definisce Giuseppe appunto come "l'ordinatore della nascita del Signore". Il suo matrimonio onora la maternità di Maria e garantisce a Gesù l'inserimento nella genealogia di Davide, come abbiamo visto. Ma la teologia che fa da chiave a tutta l'esortazione apostolica va ben oltre, come richiede l'unità "organica e indissolubile" tra l'incarnazione e la redenzione (n.6). Di qui l'affermazione che "san Giuseppe è stato chiamato da Dio a servire direttamente la persona e la missione di Gesù mediante l'esercizio della sua paternità: proprio in tale modo egli coopera nella pienezza dei tempi al grande mistero della redenzione ed è veramente ministro della salvezza" (n.8). La definizione "Ministro della salvezza" descrive perfettamente la grandezza di san Giuseppe, che ha avuto il singolare privilegio di servire direttamente Gesù e la sua missione, ossia la sua opera salvifica. Tutti gli Angeli ei Santi servono Gesù, ma san Giuseppe, insieme con Maria, lo ha servito "direttamente" come padre. Ciò vuol dire che molte delle opere salvifiche di Gesù, definite come "misteri della vita di Cristo", hanno avuto bisogno della "cooperazione" di san Giuseppe. Il riferimento riguarda tutti quei "misteri della vita nascosta di Gesù", nei quali era indispensabile l'intervento paterno. Toccava al padre, infatti, iscrivere il bambino all'anagrafe, provvedere al rito della circoncisione, imporgli il nome, presentare il primogenito a Dio e pagare il relativo riscatto, proteggere il Bambino e la madre nei pericoli della fuga in Egitto. È ancora il padre Giuseppe che ha introdotto Gesù nella terra di Israele e lo ha domiciliato a Nazaret, qualificando Gesù come Nazareno; è Giuseppe che ha provveduto a mantenerlo, a educarlo ea farlo crescere, procurandogli cibo e vestito; da Giuseppe Gesù ha imparato il mestiere, che lo ha qualificato come "il figlio del falegname". Non ci vuole molto sforzo a comprendere quante cose deve fare un padre dal punto umano, civile e religioso. Ebbene, tutto questo lo ha fatto anche Giuseppe.

Il rispetto dell'uomo giusto

Nel Vangelo di Matteo leggiamo che a Giuseppe viene attribuito il titolo di "giusto". Esso qualifica Giuseppe, che aveva deciso di separarsi da Maria quando aveva conosciuto che aveva concepito per opera dello Spirito Santo. Tale decisione non era dettata da un sospetto, come spesso si legge, ma esprimeva, invece, il "rispetto" verso l'azione e la Presenza di Dio, tale da spiegare la fiducia che gli venne conseguentemente accordata, per mezzo dell'angelo, di tenere con sé la sua sposa e di fare da padre a Gesù. La giustizia di san Giuseppe suppone in lui un'adeguata preparazione dello Spirito Santo. Allo stesso modo che Maria non si è trovata per caso a fare da madre a Gesù, ma era stata "progettata" allo scopo, come si ricava dal dogma dell'Immacolata Concezione, così si può logicamente ritenere che "Dio nel suo amore ha predestinato Maria per san Giuseppe, san Giuseppe per Maria, tutti e due per Gesù. Se Dio ha pensato con tanto amore a Maria come madre del Redentore, ciò non fu mai indipendentemente dal suo matrimonio verginale con Giuseppe; egli non ha mai pensato a Giuseppe se non per Maria e per il suo divin Figlio, che doveva nascere verginalmente in quel matrimonio" (C. Sauvé). Ciò è in perfetto accordo con quanto Leone XIII scrive nella sua enciclica Quamquam Pluries : «È certo che la Madre di Dio poggia così in alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma poiché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c'è dubbio che a quell'altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il matrimonio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell'onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all'eccelsa grandezza di lei».

Culto

Il culto di san Giuseppe, padre putativo di Gesù e simbolo di umiltà e dedizione, nella Chiesa d'Oriente era praticato già attorno al IV secolo : intorno al VII secolo la chiesa ortodossa copta ricordava la sua morte il 20 luglio. In Occidente il culto ha avuto una marcata risonanza solo attorno all'anno Mille.

Festività

San Giuseppe
San Giuseppe.jpg
Tipo religiosa
Data 19 marzo ; 1º maggio (san Giuseppe lavoratore)
Religione Cristianesimo
Tradizioni Varianti di luogo in luogo
Tradizioni profane festa del papà

La Chiesa cattolica ricorda san Giuseppe il 19 marzo con una solennità a lui intitolata; se il 19 marzo ricorre di domenica, la festa è spostata al giorno seguente; inoltre, negli anni in cui il 19 marzo cade nella Settimana santa , la celebrazione è anticipata al sabato prima della domenica delle Palme (per esempio, nel 2008 la solennità è stata celebrata il 15 marzo). In alcuni luoghi, come in Vaticano e in Canton Ticino , ma non in Italia , è festa di precetto . I primi a celebrarla furono i monaci benedettini nel 1030 , seguiti dai Servi di Maria nel 1324 e dai Francescani nel 1399 . Venne infine promossa dagli interventi dei papi Sisto IV e Pio V e resa obbligatoria nel 1621 da Gregorio XV . Fino al 1977 , il giorno in cui la Chiesa cattolica celebra san Giuseppe era considerato in Italia festivo anche agli effetti civili ma con legge 5 marzo 1977 n. 54 questo riconoscimento fu abolito e da allora il 19 marzo divenne un giorno feriale. In Canton Ticino , in altri cantoni della Svizzera e in alcune province della Spagna , questo giorno è considerato festivo agli effetti civili. In Italia sono stati presentati (2008), alla Camera e al Senato, alcuni disegni di legge per il ripristino delle festività soppresse agli effetti civili (san Giuseppe, Ascensione, Corpus Domini, santi Pietro e Paolo e lunedì di Pentecoste).

Un'altra festa era quella dello "Sposalizio di Maria Santissima con san Giuseppe" iniziata in Francia nel 1517 , adottata dai Francescani nel 1537 , promossa in particolar modo da san Gaspare Bertoni , celebrata il 23 gennaio. Il Santo Anello nuziale della Madonna si troverebbe conservato, secondo le tradizioni, nella Cattedrale di Perugia.

Pio IX nel 1847 invece estese a tutta la Chiesa la festa del Patrocinio di san Giuseppe, già celebrata a Roma dal 1478 : veniva celebrata la terza domenica dopo Pasqua e fu trasferita in seguito al terzo mercoledì dopo Pasqua. Venne, infine, sostituita nel 1955 da papa Pio XII con la festa di "san Giuseppe Artigiano", assegnata al 1º maggio, affinché la festa del lavoro potesse essere condivisa a pieno titolo anche dai lavoratori cattolici. [35]

In alcuni luoghi era celebrata, il 17 febbraio, "la Fuga in Egitto", conservata ancora oggi nel calendario particolare della Chiesa cattolica in Egitto, mentre i Copti la ricordano il 1º giugno.

Infine, san Giuseppe è ricordato nella festa della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe, collegata al tempo di Natale . Secondo il calendario della forma ordinaria del rito romano , si celebra nella domenica che intercorre tra il Natale e il Capodanno ; in assenza della domenica la si festeggia il 30 dicembre. Nella forma straordinaria del rito romano la festa della Sacra Famiglia cade nella domenica fra l'ottava dell' Epifania [36] . Nel rito ambrosiano la ricorrenza viene celebrata nella terza o quarta domenica successiva all'Epifania.

Tavole di San Giuseppe

Tavola di san Giuseppe a Cocumola (Lecce)

In Sicilia , nel Salento (per esempio a Faggiano , in provincia di Taranto) e in Molise [37] sono diffuse usanze denominate Tavole di San Giuseppe : la sera del 18 marzo le famiglie che intendono assolvere un voto o esprimere una particolare devozione al santo allestiscono in casa un tavolo su cui troneggia un'immagine del santo e sul quale vengono poste paste, verdure, pesci freschi, uova, dolci, frutta, vino. Sono poi invitati a mensa mendicanti, familiari, amici, e tre bambini poveri rappresentanti la Santa Famiglia. Si riceve il cibo con devozione e spesso recitando preghiere, mentre tredici bambine con in testa una coroncina di fiori, dette "tredici verginelle", cantano e recitano poesie in onore di san Giuseppe.

In provincia di Caltanissetta , e in particolare nella città di Gela , la tradizione vuole che chi intende fare voto debba, mesi prima, bussare a ogni porta della cittadina e chiedere qualcosa da donare ai poveri in nome di san Giuseppe (denaro o viveri che siano). Nelle proprie abitazioni si allestiscono grandi altari con strutture in legno, adornati con numerose lenzuola bianche ricamate. All'interno si può trovare qualunque tipo di genere alimentare, dal pane alla pasta, dal vino ai liquori. La "Cena di san Giuseppe", così chiamata, viene aperta al pubblico il mezzogiorno del 18 marzo, e il 19 marzo tre persone bisognose d'aiuto, in rappresentanza della Sacra Famiglia, vengono fatte accomodare come dei re alla tavola imbandita e viene loro servita la cena. Successivamente, viene diviso tra loro tutto ciò che è stato donato e acquistato grazie alle offerte dei devoti.

Uno dei paesi simbolo delle Tavole di San Giuseppe è San Marzano di San Giuseppe , in provincia di Taranto . Vi si svolge la tradizionale Tavola di San Giuseppe ei famosi "tredici piatti", che vengono offerti a curiosi e turisti. È un paese che conserva le tradizioni albanesi e dove si parla l'antica lingua arbereshe che parlava Giorgio Castriota Skanderbeg , principe condottiero degli albanesi.

Talvolta è un intero quartiere a provvedere ed allestire le tavole all'aperto. Alimento tradizionale di questa festa è la frittura, nota con il nome di "frittelle" a Firenze ea Roma, "zeppole" a Napoli e in Puglia , "sfincie" a Palermo . In alcune parti la festa è associata all'accensione di falò.

San Giuseppe è molto onorato in tutta l'isola siciliana. Degne di menzione sono le numerose "mense" a Borgetto , sfarzosi altari ornati di veli e pietanze, e gli altari di Salemi , strutture rivestite di foglie e addobbate con innumerevoli ed elaborate forme di pani realizzate a mano.

Nel Canton Ticino sono tradizionali i "tortelli di san Giuseppe". A Gravina in Puglia c'è l'usanza di preparare la focaccia di san Giuseppe, u ruccl in dialetto gravinese, una sorta di calzone ripieno di cipolle sponsali, uvetta e alici sotto sale o sott'olio arrotolate a forma di spirale, preparato con l'impasto della focaccia in olio extravergine d'oliva.

Falò di san Giuseppe

Nella Val Trebbia , nel cuore del territorio delle Quattro Province , si festeggia ancora oggi con la festa di san Giuseppe il rito serale del falò , che segna il passaggio dall' inverno alla primavera . Con il falò viene anche bruciato un fantoccio, la "vecchia", che simboleggia l'inverno. Molti traggono auspici per la primavera prossima da come arde il fantoccio. Il rito risale all'antico popolo dei Liguri , in occasione del particolare momento astronomico dell' equinozio ; poi la tradizione pagana si fuse con quella cristiana celtico-irlandese dei monaci di san Colombano , giunti in epoca longobarda . Un tempo in tutte le vallate ardevano migliaia di falò, che infiammavano di un tenue rossore le serate della zona; ora ardono ancora nei centri comunali con piccole sagre e canti. Un dolce tipico sono le frittelle di san Giuseppe (in dialetto, farsò ) che accompagnano la festa. A Bobbio la festa è una tradizione millenaria [38] : furono infatti i monaci irlandesi dell' abbazia di San Colombano , fondata nel 614 , a fondere il rito pagano con quello cristiano, nella luce che sconfigge le tenebre. Anche nel paese di Mormanno sono immemorabili le origini di questa tradizione, che vuole che in tutti i quartieri siano accesi grossi falò in onore al Santo, seguiti da musiche e balli tradizionali.

A Itri , in provincia di Latina , era uso fino a qualche anno fa che già due mesi prima della festa i ragazzi, spesso accompagnati da persone adulte, si recassero nei vicini boschi a tagliare piante di giovani lecci: lo scopo era di raccogliere quante più piante possibile per poter il giorno della festa accendere il fuoco più grande tra tutti i rioni del paese. Ancora oggi, nel giorno di san Giuseppe, all'imbrunire, in tutto il paese si accendono decine e decine di falò, nei pressi dei quali si organizzano feste con degustazione di prodotti tipici, tra cui le zeppole di san Giuseppe , fritte direttamente accanto ai fuochi.

Sempre in provincia di Latina, a Tremensuoli , frazione di Minturno , in contrada Piazzatella, il Comitato di Quartiere, insieme con i devoti a san Giuseppe, la sera del 18 marzo prepara ed accende il falò e procede alla distribuzione del pane benedetto (le "cuccetelle"), che è farcito di una minestra di ceci e fagioli (la "menestella"), preparata e cotta dalle donne dell'antico casale in cocci di terracotta vicino al fuoco del camino. Gratuitamente si distribuisce ai presenti anche vino locale, lupini e dolci tipici (zeppole di san Giuseppe). La sera del 19 marzo in contrada Monte San Luca si ripete l'evento, organizzato dalle famiglie Lepone/Serao.

In Puglia, a San Marzano di San Giuseppe (TA), ogno anno si svolge il 18 marzo il tradizionale "falò di san Giuseppe", detto Ziarr i Madhe , che è il più grande e antico in Italia. Nato nel 1866, è unico, in quanto viene realizzato con oltre 50 carri pieni di fascine di ulivo, trainati da cavalli, e da più di 5000 persone che trasportano tronchi sulle spalle. Alcuni cavalli si inginocchiano davanti al patrono san Giuseppe, in segno di forte devozione. San Marzano è un paese di origine albanese dove si parla ancora la lingua arbëreshë .

A Venafro , in Molise , la sera del 19 marzo si accendono i tradizionali "favor" nelle piazze dei vari rioni del centro storico, ovvero dei falò di varie grandezze. Ogni rione si organizza preparando prodotti tipici e intrattenimenti musicali di vario genere, per poter accogliere al meglio le centinaia e centinaia di visitatori che affollano strade, vicoli e piazze del suggestivo e incantevole centro antico. Tra i prodotti della tradizione non possono mancare i "sciusc", le zeppole di san Giuseppe e il vino locale. È un rito antichissimo che a cavallo tra gli anni '80 e '90 del secolo scorso stava gradualmente scomparendo; oggi, grazie all'impegno di giovani e meno giovani, questa manifestazione sta diventando un evento in grado di richiamare visitatori da tutto il circondario.

A Monte Sant'Angelo , in provincia di Foggia , la tradizione dei falò rionali è ancora viva (notte tra il 18 e il 19 marzo) e si sviluppa tra canti, balli, vino e pietanze legate alla tradizione popolare, rendendo unica e suggestiva l'atmosfera tra le viuzze del centro storico, illuminate di riflesso ea sprazzi dalle alte vampe. Anche a Mattinata , sempre in provincia di Foggia, in occasione della festa di san Giuseppe, fino a dieci anni fa, venivano accesi falò in tutti i rioni. Dal 2000 viene acceso un unico grande falò sul sagrato della chiesa abbaziale di Santa Maria della Luce, con un programma sia religioso sia civile di fuochi pirotecnici, balli tradizionali, canti e degustazione di prodotti tipici del territorio.

Anche a Serracapriola , piccolo centro dell'Alto Tavoliere alle porte del Molise, continua immutata negli anni la tradizione dei falò di san Giuseppe. Ogni anno, ragazzi e adulti raccolgono dai campi i cosiddetti "ceppi", cioè i rami residui dalla potatura degli olivi secolari, per formare alte pire da accendere la sera della festività del Santo; i più temerari si cimentano nel "salto del falò" per testimoniare coraggio e sprezzo del pericolo [39] . Durante i falò vengono offerti agli spettatori presenti zeppole salate e vino.

Lo stesso avviene a Torremaggiore , sempre nell'Alto Tavoliere, con le stesse modalità e formazioni, dove l'Associazione Culturale "Tradizione di Fuoco" dal 2011 ha ridato lustro a questo sentito e maestoso evento, che vede l'intera comunità unirsi nei vari falò; le varie associazioni, enti e comitati, nel pieno rispetto delle tradizioni, propongono eventi musicali ed eno-gastronomici che attirano pubblico anche da fuori regione. Al rintocco delle campane, che avvertono della fine dei vespri, tutti i falò vengono accesi, mentre il più maestoso, quello dell'Associazione Culturale "Tradizione di Fuoco", viene ritardato di circa 30 minuti per far sì che tutto il pubblico degli altri falò possa arrivare nella piazza/posteggio sito nelle vicinanze del cinema cittadino per assistere all'accensione tecno-pirotecnica del falò, seguito dall'apertura degli stand e dall'inizio degli spettacoli di balli e canti della tradizione locale.

Anche a Mottola , in provincia di Taranto , nel rione San Giuseppe, ove sorge una chiesa intitolata al Santo, ogni anno in occasione della festa di san Giuseppe si accendono i "fuochi" e durante la serata vengono arrostiti i ceci, piatto tradizionale della festa.

Vampa di san Giuseppe alla Kalsa , Palermo 2019

Il "fuocarone di san Giuseppe" è tradizione antichissima anche a Villa Basilica , nella minuscola frazione di Guzzano. Fino a qualche anno fa si accendeva il fuoco proprio il giorno di san Giuseppe, tradizione poi spostata al sabato successivo alla celebrazione. Qualche giorno prima della data del falò gli uomini del paese vanno al bosco alla ricerca di un tronco di pino che abbia le caratteristiche giuste. Il pino, tagliato, viene portato nella piazzola antistante l'abitato e piantato per terra dopo essere stato privato dei rami. Intorno viene costruito il fuocarone, con i rami stessi, la paglia e altro legno, in modo da avere una vera e propria pira alta anche una decina di metri. La sera stabilita, dopo la celebrazione della messa in onore del santo, viene appiccato il fuoco e, per ore, intorno a esso si canta, si suona, si balla e si consumano i cibi tipici della zona.

In Romagna , nella vallata del fiume Montone, a Rocca San Casciano era tradizione accendere un falò la sera, all'imbrunire della vigilia di san Giuseppe, bruciando le potature di viti o rami di arbusti; non sembra ci fossero particolari piatti o riti oltre al fuoco, ma sicuramente era un buon motivo per stare a veglia con i vicini o conoscenti.

Anche a Castrovillari , in provincia di Cosenza , la sera del 18 marzo si accendono in tutti i quartieri della città dei falò, chiamati "fucarine di san Giuseppe", e si eseguono balli e canti. Alla cima del falò viene issata l'immaginetta del Santo per invocare la sua protezione. Il piatto che si cucina in questa festa è la tagliatella con i ceci, in dialetto locale chiamata "lagana con ciciri". Dal 1992 si è costituita una giuria di sagra, che decreta alla fine del falò tre vincitori che si aggiudicano una coppa per aver eretto i falò più grandi e cucinato le migliori prelibatezze locali.

A Palermo la festa di san Giuseppe è celebrata con le cosiddette "Vampe", degli enormi falò che vengono allestiti in diversi rioni della città [40] .

Nel centro storico di Fasano , in Puglia, la manifestazione consiste nell'accensione di un grande falò in largo Seggio e largo San Giovanni Battista. Tutt'intorno sono presenti degli stand ove è possibile degustare prodotti tipici. Anche nelle altre frazione si festeggia san Giuseppe: a Cocolicchio, per la "Fanova di San Giuseppe fra i trulli", i trulli della piazza centrale vengono illuminati e riscaldati dal falò tra degustazioni di focaccia cotta nel forno a legna e vino prodotto nella zona del Canale di Pirro. A Torre Canne l'evento è organizzato dal "Comitato feste patronali" nell porticciolo della frazione. Il falò viene accompagnato dalla degustazione di zeppole, frittura di pesce e panini col polpo.

A Valencia e in altri comuni dell' omonima regione , ogni anno dall'ultima domenica di febbraio al 19 marzo si celebrano le " Falles ", o festa di san Giuseppe. Dopo settimane di feste, concerti, sfilate e giochi pirotecnici, queste culminano nella Nit del Foc , notte del fuoco, in cui s'incendiano centinaia di sculture di cartapesta ( Falles appunto) costruite nei quartieri da maestri artigiani sovvenzionati da apposite congregazioni di quartiere (anche esse denominate Falles ). Questa festa è riconosciuta come Patrimonio immateriale dell'Umanità dall' UNESCO . [41]

Pratiche devozionali

San Giuseppe è un santo molto onorato dalla Chiesa cattolica e per questo ricevette parecchi riconoscimenti liturgici: nel 1726 il suo nome fu inserito nelle Litanie dei santi e nel 1815 nella preghiera A cunctis ; nel 1833 fu approvata la recita di un piccolo "ufficio di san Giuseppe" al mercoledì e undici anni dopo il nome del Santo fu annoverato fra le invocazioni nelle preghiere da recitare dopo la Messa. Nel 1889 venne prescritta la preghiera A te o beato Giuseppe [2] , da recitare nel mese d'ottobre dopo il Rosario [42] , mentre nel 1919 fu inserito nel Messale un prefazio proprio di san Giuseppe. Nel 1962, durante il Concilio Vaticano II, papa Giovanni XXIII volle inserire il nome di san Giuseppe nel Canone Romano. Nel 2013 Papa Francesco , ratificando quanto già nei desideri di papa Benedetto XVI , ha stabilito che san Giuseppe fosse invocato dopo la Vergine Maria in tutte le altre preghiere eucaristiche del Rito Romano.

La più antica pratica devozionale in onore del santo risale al 1536 ed è chiamata "pratica dei Sette dolori e allegrezze di san Giuseppe"; secondo una leggenda, riportata da fra Giovanni da Fano (1469-1539) fu il santo stesso, salvando due naufraghi da una tempesta, a promuovere e creare questa pia pratica.

Nel 1597 furono pubblicate a Roma le prime Litanie di san Giuseppe, nel 1659 approvato il Cingolo o Cordone di san Giuseppe , nel 1850 la Coroncina di san Giuseppe , lo Scapolare di san Giuseppe nel 1893 , per ordine della Santa Sede. Altre pratiche sono quelle del Sacro Manto [43] , dei nove mercoledì, la Novena perpetua, la Corona Perpetua, la Corte Perpetua. I papi Pio IX e Pio XI inoltre consacrarono il mese di marzo a san Giuseppe. In occasione dell'Anno di San Giuseppe nel 2021 papa Francesco ha voluto rivedere e aggiornare le Litanie. [44] [45]

Chiese e patronati

Simulacro di san Giuseppe del XVIII secolo (cartapesta) venerato a Cocumola - Lecce

A Betlemme c'è una piccola chiesa, chiamata "Casa di san Giuseppe". Secondo recenti studi questa non è la vera casa dove Gesù fu adorato dai Re Magi, perché la chiesa, ricostruita dai francescani, non può vantare una tradizione anteriore al IV secolo.

In quanto alla casa di Giuseppe a Nazaret , fino al VI secolo rimase nelle mani dei giudeo-cristiani. Vi avevano eretto due chiesine, una dov'era la casa di Maria, e l'altra, dov'era la casa di Giuseppe. Lo attesta il pellegrino francese, Arculfo, che era sacerdote: "Nella chiesina dell'ex-casa di Giuseppe si trovava anche un pozzo lucidissimo dove i fedeli andavano ad attingere acqua per benedizione, tirandola con secchi dal pavimento della chiesa stessa". Nel VII secolo la pressione musulmana fece sparire questo santuario. L'altra chiesa, quella di Maria, non fu distrutta, ma esposta a pericoli. Solo nel XII secolo i crociati ricostruirono solennemente questa chiesa dedicata all'Annunciazione e vi collocarono i ricordi alla sacra famiglia, a Maria, a Giuseppe e alla sua tomba. Edificarono anche su rovine un'altra chiesa, che nella tradizione locale fu considerata come la casa di Giuseppe.

In Italia la chiesa più antica dedicata al santo si trova a Bologna , costruita dai Benedettini nel 1129 . A Roma la chiesa più antica è quella di San Giuseppe dei falegnami al Foro Romano , costruita nel 1540 . Chiese e santuari dedicati al santo si ritrovano poi in tutto il mondo. Tra i santuari il più imponente è però quello di Montréal , in Canada , fondato nel 1904 dal beato Andrè. In Italia vi sono infine quattro basiliche minori: a Roma (San Giuseppe in Trionfale), a Brescia , a Bisceglie , a Seregno . La concattedrale di Vasto dell' arcidiocesi di Chieti-Vasto è a lui dedicata.

L'8 dicembre 1870 Pio IX lo proclamò patrono della Chiesa universale, dichiarando esplicitamente la sua superiorità su tutti i santi, seconda solo a quella della Madonna .

Papa Leone XIII scrisse la prima enciclica interamente riguardante il santo: la Quamquam pluries , del 15 agosto 1889 .
Il 26 ottobre 1921 , papa Benedetto XV estese la festa della Sacra Famiglia a tutta la Chiesa.

Innumerevoli sono le categorie che lo considerano loro speciale patrono: viene invocato per l'infanzia, gli orfani, i vergini, la gioventù, le vocazioni sacerdotali, le famiglie cristiane, i profughi, gli esiliati. È speciale patrono degli operai in genere e segnatamente dei falegnami e degli artigiani. Si ricorre a lui inoltre per le malattie agli occhi, per gli ammalati gravi e in particolare per i moribondi.

Nel secolo scorso un monumentale santuario è stato innalzato ai piedi del Vesuvio a San Giuseppe Vesuviano ( Napoli ), paese che ne porta il nome.

Reliquie

La cintura di san Giuseppe

Non ci sono reliquie di ossa di san Giuseppe. Perugia dal 1477 si vanta di possedere l' anello nuziale di san Giuseppe; esso proviene da Chiusi , dove sarebbe stato portato da Gerusalemme nell' XI secolo .

In Francia , nella chiesa di Notre-Dame di Joinville è conservata la cintura di san Giuseppe, là portata da un crociato, nel 1252 . Ad Aquisgrana , in Germania , nel tesoro di Carlo Magno figurano delle bende, ricavate dai calzettoni di san Giuseppe per fasciare Gesù.

Nel Sacro Eremo di Camaldoli ( Arezzo ) si conserva il bastone di san Giuseppe. Esso proviene da Nicea , offerto dal cardinale Basilio Bessarione , nel 1439 .

Anche a Napoli presso il Real Monte e Arciconfraternita di San Giuseppe dell'Opera di vestire i Nudi si reclama la presenza del bastone di san Giuseppe. Esso dalla Terrasanta giunse in Inghilterra, presso un convento carmelitano nel Sussex agli inizi del XIII secolo, e fu poi portato a Napoli dal Cavalier Grimaldi nel 1712 a seguito dell'acquisizione dalla famiglia aristocratica Hampden, mentre con decreto della Curia Arcivescovile di Napoli in data 14 marzo 1714 la reliquia fu riconosciuta come autentica. Trovò collocazione definitiva nella Chiesa di San Giuseppe dei Nudi nel 1795 con solenni festeggiamenti proclamati dal Re di Napoli [46] .

Con relativa frequenza si possono incontrare frammenti del mantello o vesti di san Giuseppe.

Apparizione di san Giuseppe

Il 7 giugno 1660 , sul Mont Bessillon, vicino a Cotignac , Gaspar Ricard, un pastore di ventidue anni, stava pascolando le sue pecore. Verso mezzogiorno, finita l'acqua della borraccia, si fermò assetato sotto un albero per riposare, quando gli apparve uno sconosciuto che si presentò come san Giuseppe, invitandolo a spostare un masso dove avrebbe trovato l'acqua. Il masso era enorme, ma il pastore riuscì con meraviglia a spostarlo con facilità e poté dissetarsi con l'acqua sgorgata dal terreno. Voltatosi per ringraziare, si accorse che non c'era più nessuno. Luigi XIV si recò in visita alla fonte miracolosa, diventata luogo di pellegrinaggio, e papa Alessandro VII riconobbe l'apparizione [47] [48] . Sul luogo sorse un'abbazia dedicata a san Giuseppe, attualmente monastero di clausura .

L'anno di san Giuseppe

Papa Francesco , con la lettera apostolica Patris corde dell'8 dicembre 2020, ha indetto uno speciale "Anno di San Giuseppe", esteso da tale data all'8 dicembre 2021, per celebrare il 150º anniversario della proclamazione di san Giuseppe a patrono della Chiesa universale (1870) [49] . Durante tale periodo è possibile ottenere indulgenze secondo le modalità indicate dalla Chiesa [50] .

Nell'arte

Fino al primo Medioevo , le rappresentazioni isolate di Giuseppe nell'arte figurativa, al di fuori di scene come la Natività e la Fuga in Egitto , sono estremamente rare e sporadiche, per lo più in connessione con i patriarchi e gli antenati di Cristo. Nella Natività di Gesù e nelle scene a essa correlate ( Adorazione dei pastori o dei Magi ), Giuseppe solitamente dorme, a simboleggiare la sua partecipazione inattiva alla generazione del figlio. Nella Fuga e nel Riposo in Egitto ha un ruolo più attivo e solo nel tardo Rinascimento questo tipo di scene assumono un tono più domestico e quotidiano (come nella Madonna della Scodella di Correggio ). Compare inoltre nella Presentazione di Gesù al Tempio e nella Circoncisione , magari mentre porta l'offerta delle tortore bianche, in scene che talvolta contaminano i due episodi.

Un altro tipo di iconografia, più rara e diffusa soprattutto nel Nord-Europa, è quella del Dubbio di Giuseppe , in cui un angelo compare in sogno all'uomo durante la gravidanza di Maria, rassicurandolo sulla natura divina dell'evento (un bell'esempio dell'inizio del XV secolo si trova a Strasburgo ).

La più antica raffigurazione di Giuseppe come santo a sé stante, con l'attributo della verga fiorita, risale invece a Taddeo Gaddi nella cappella Baroncelli in Santa Croce a Firenze (1332-1338). Egli è dipinto per lo più come uomo anziano, barbuto, con vestiti di foggia antica e un mantello tipicamente giallo o arancione. Accanto alla verga fiorita possono apparire, come attributi, il bastone del viandante, gli strumenti del falegname e il giglio, simbolo di purezza.

A partire dalla fine del XV secolo o dagli inizi del XVI secolo diventa frequente la rappresentazione per la devozione privata della Sacra Famiglia (si pensi ai tanti esempi di Mantegna o di Botticelli ), che è vista anche come Trinità Terrestre. La figura di Giuseppe è comunque sempre defilata rispetto alla Madonna col Bambino, e in questo senso rappresentò una sconvolgente eccezione il Tondo Doni di Michelangelo , con Gesù sulle ginocchia del padre putativo e Maria che si volta per prendere (o per consegnare) il figlio.

Modesto Faustini, Bottega di san Giuseppe falegname

Tra le scene che includono Giuseppe, c'è quella dello sposalizio di Maria, in cui l'anziano viene scelto tra altri pretendenti per il fiorire della sua verga. Un noto esempio è quello di Raffaello . In queste rappresentazioni era importante rappresentare Giuseppe anziano, sottintendendo che non avrebbe potuto consumare il matrimonio con Maria e preservando quindi il dogma della Verginità . Tuttavia esistono alcuni esempi controversi il cui Giuseppe è rappresentato con un giovane (come nel caso del Rosso Fiorentino , o in quello di Andrea del Sarto ) e ciò è stato spiegato come un'allusione al ringiovanimento della Chiesa promosso da alcuni pontefici come papa Leone X .

Tra Sei e Settecento la devozione a Giuseppe inizia a fiorire come non mai, promossa soprattutto da Teresa d'Avila e dalla Compagnia di Gesù , così che il santo troverà maggiore presenza su altari a lui solo dedicati e di conseguenza anche nell'arte figurativa. La zona irradiante di questo culto è la Spagna , in particolare Toledo , dove esiste la cappella di San José, col santo rappresentato in compagnia di Gesù adolescente da El Greco . Diventano così frequenti le rappresentazioni indipendenti di Giuseppe col Bambino in braccio, senza Maria, e le scene della morte del santo, nel suo letto domestico, consolato dal figlio ormai giovane adulto e dalla moglie (si pensi alle numerose versioni del soggetto dipinte da Luca Giordano ).

In epoca moderna e contemporanea, accanto al proseguire delle iconografie tradizionali, si assiste con maggiore frequenza alla rappresentazione di Giuseppe come falegname e lavoratore: in queste scene si può cogliere l'eco delle tensioni sociali di Otto e Novecento, a cui la Chiesa rispondeva con l'immagine conciliante del santo "lavoratore divino" che insegna al piccolò Gesù il mestiere come padre esemplare [51] . Si possono citare come esempi la scena nella cappella dedicata al santo nella basilica di Loreto , di Modesto Faustini , o la pala nella basilica di San Lorenzo a Firenze , di Pietro Annigoni .

Società e istituti religiosi intitolati a san Giuseppe

Al cinema

Anno Film Attore Note
1903 La vie et la passion de Jésus Christ Monsieur Moreau
1912 From the Manger to the Cross; or, Jesus of Nazareth Montague Sidney
The Star of Bethlehem James Cruze Cortometraggio
1913 The Three Wise Men William A. Seiter
1914 La Passion Gabriel Moreau
1918 Restitution Frederick Vroom
1921 Behold the Man Monsieur Moreau
1925 A Tale of the Christ Winter Hall
1942 Himlaspelet Björn Berglund
1946 Maria di Magdala (María Magdalena, pecadora de Magdala) Arturo Soto Rangel
1948 Reina de reinas: La Virgen María Luis Mussot
1949 "A Child Is Born", episodio della serie Actor's Studio Howard Wierum
1950 "A Child Is Born", episodio della serie Lux Video Theatre Alan Shayne
1951 A Time to Be Born John Le Mesurier Film TV
"A Child Is Born", episodio della serie Lux Video Theatre Ernest Graves
1952 "A Child Is Born", episodio della serie Lux Video Theatre Alan Shane
"The Play of the Nativity of the Child Jesus", episodio della serie Studio One Paul Tripp
1954 Il figlio dell'uomo Gaetano Diana
1955 Away in a Manger Tristan Rawson Film televisivo
1959 Ben-Hur (Ben-Hur) Laurence Payne
1960 Joyful Hour Nelson Leigh Film televisivo
1961 Bibliska bilder Jackie Söderman Film televisivo
Il re dei re (King of Kings) Gérard Tichy
1964 Il Vangelo secondo Matteo Marcello Morante
1965 La più grande storia mai raccontata (The Greatest Story Ever Told) Robert Loggia
1966 L'enfance du Christ Theodore Uppman Film TV
1970 Hola... señor Dios José María Blanco
1972 "The Coming of the Kings", episodio della serie Jackanory Playhouse Barry Wilsher
1975 Il messia Yatsugi Khelil
1977 Gesù di Nazareth Yorgo Voyagis Sceneggiato televisivo
Gesù di Nazareth Riduzione cinematografica
dello sceneggiato
1978 L'asinello (The Small One) Gordon Jump Cortometraggio
Nel silenzio della notte (The Nativity) John Shea Film televisivo
1979 De verrijzenis van Ons Heer Leo Haelterman Film televisivo
Jesus (Jesus) Joseph Shiloach
Maria e Giuseppe - Una storia d'amore (Mary and Joseph: A Story of Faith) Jeff East Film televisivo
Follow the Star Martin Smith Film televisivo
1980 La vida de nuestro señor Jesucristo Guillermo Murray
1985 The Fourth Wise Man Adam Arkin Film televisivo
1986 L'enfance du Christ William Shimell Film televisivo
Jesus - Der Film Jürgen Brauch
1987 Un bambino di nome Gesù Bekim Fehmiu Film televisivo
The King Is Born Maikel Bailey Uscito in home video
The Nativity Gregory Harrison Uscito in home video
1993 The Visual Bible: Matthew Tony Caprari
Per amore, solo per amore Diego Abatantuono
1995 Así en el cielo como en la tierra Manuel Alexandre
Marie de Nazareth Francis Lalanne
1999 Cosas que olvidé recordar Jaime Oriol
Maria, madre di Gesù (Mary, Mother of Jesus) David Threlfall Film televisivo
Jesus (Jesus) Armin Mueller-Stahl Film televisivo
2000 Maria, figlia del suo figlio Nancho Novo Film televisivo
Giuseppe di Nazareth Tobias Moretti Film televisivo
The Testaments: Of One Fold and One Shepherd David Sturdevant
2003 Jesus, min søn Ebbe Trenskow Uscito in home video
2004 The Messiah: Prophecy Fulfilled Jonathan Watton Uscito in home video
AD/BC: A Rock Opera Richard Ayoade Film televisivo
2005 The Silent Saint Serdar Kalsin Film televisivo
The First Christmas Dallyn Vail Bayles Uscito in home video
2006 The Very First Noel Ernie Gilbert Uscito in home video
Nativity (The Nativity Story) Oscar Isaac
La sacra famiglia Alessandro Gassmann Film televisivo
2010 Io sono con te Mustapha Benstiti
Nemyslís, Zaplatís Zdenek Beran
Mary's Song James Constantine
The Nativity Andrew Buchan Miniserie televisiva
2011 Episodio 2x5 della serie Tegen de sterren op Jonas Van Geel
2012 Maria di Nazaret Luca Marinelli Film televisivo
2013 The Immaculate Confession Evangelos Giovanis Cortometraggio
"Il Messia", episodio della miniserie La Bibbia (The Bible) Joe Coen Miniserie televisiva
2014 The Gospel of Matthew Abdellatif Chaouqi
Son of God Joe Coen
The Desire of Ages Nathaniel Smith
No Ordinary Shepherd Adam Johnson Uscito in home video

Note

  1. ^ Di Giuseppe parla anche Giovanni, limitandosi però a citarlo appena come padre riconosciuto di Gesù senza attribuirgli altro ( Vangelo secondo Giovanni , 1, 45 e 6, 41 – 42).
  2. ^ Jose Miguel Garcia, La vita di Gesù: Nel testo aramaico dei Vangeli , Milano, Rizzoli, 2005.
    «il termine semitico "fratello" viene utilizzato per indicare altri gradi di parentela» .
  3. ^ Jean Galot SJ, Maria, la donna nell'opera della salvezza , Roma, Università Gregoriana, 1991, pp. 179-180.
    «In ebraico e in aramaico, non vi è una parola speciale per dire "cugino". Per esprimere esattamente questo grado di parentela, si deve dire "figlio del fratello del padre". Nel linguaggio corrente si evita questa espressione complicata e si parla semplicemente di fratello (ah).» .
  4. ^ Per questo motivo san Giuseppe è tradizionalmente raffigurato con Gesù bambino in braccio e con in mano un bastone dal quale sbocciano dei fiori (generalmente un giglio bianco)

Riferimenti

  1. ^ Lc 3,23 , su laparola.net .
  2. ^ Matteo 13,55 , su laparola.net .
  3. ^ David A. Fiensy, Jesus The Galileian:sounding in a first century life , Gorgias Press, 2007
  4. ^ Robrt Aron, Gli anni oscuri di Gesù , Mondadori, 1963
  5. ^ Marco 6,3 , su laparola.net .
  6. ^ Matteo 13,55 , su laparola.net .
  7. ^ Salmi 129 , su laparola.net .
  8. ^ Gv6,41-59 , su laparola.net .
  9. ^ Encyclopedia of the Historical Jesus , Taylor & Francis Group, New York, 2008
  10. ^ Luca 3,23-38 , su laparola.net .
  11. ^ Matteo 1,1-16 , su laparola.net .
  12. ^ Luca 1,26-27
  13. ^ Matteo 1,19 , su laparola.net .
  14. ^ Matteo 1,20-21
  15. ^ Luca 2,7 , su laparola.net .
  16. ^ Lc 2,8 , su laparola.net .
  17. ^ Matteo 2,11 , su laparola.net .
  18. ^ Lc 2,22;2,39 , su laparola.net .
  19. ^ Mt 2,16 , su laparola.net .
  20. ^ James H. Charlesworth, The Historical Jesus:An Essential Guide , Abingdon Press, 2008
  21. ^ Rinaldo Fabris, Gesù di Nazaret. Storia e interpretazione , Cittadella, Assisi, 1983
  22. ^ Francesco di Sales, citato in Vittorio Messori, Ipotesi su Maria , Edizioni Ares, Milano 2005, p. 383.
  23. ^ Matteo 27,52 , su laparola.net .
  24. ^ Vittorio Messori , Ipotesi su Maria , Edizioni Ares, Milano 2005, pp. 382-383.
  25. ^ a b Protovangelo di Giacomo cap. IX, 3
  26. ^ Numeri 5,11-31 , su laparola.net .
  27. ^ Vangelo di Tommaso , capp. 12-13
  28. ^ Vangelo di Tommaso , cap. 16,1
  29. ^ Matteo 1,24-25 , su laparola.net .
  30. ^ Mt 1:18-21 , su laparola.net .
  31. ^ Elio Ria, Giuseppe e la sua avventura d'amore , su sitosophia.org , 18 dicembre 2015 ( archiviato il 25 dicembre 2015) .
  32. ^ Gianfranco Ravasi , La giustizia di san Giuseppe e l'accoglienza della volontà divina , su famigliacristiana.it , 19 marzo 2019. URL consultato il 4 maggio 2019 ( archiviato il 22 marzo 2017) .
  33. ^ Gv 1,45 , su laparola.net .
  34. ^ Redemptoris Custos , n.21
  35. ^ Pio XII, Discorso in occasione della solennità di San Giuseppe artigiano dal sito ufficiale della Santa Sede
  36. ^ Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe (www.santiebeati.it) , su santiebeati.it . URL consultato il 30 dicembre 2012 .
  37. ^ LIZZANOplus: Riti popolari per San Giuseppe , su lizzanoplus.blogspot.com . URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 2 agosto 2018) .
  38. ^ Comune di Bobbio - Articoli
  39. ^ De Luca 1915
  40. ^ San Giuseppe e le tradizioni | www.palermoviva.it , su www.palermoviva.it . URL consultato l'11 ottobre 2017 .
  41. ^ ( ES ) UNESCO - La fiesta de las Fallas de Valencia , su ich.unesco.org . URL consultato il 24 febbraio 2019 .
  42. ^ Dal sito della Santa Sede
  43. ^ Il Sacro Manto, la preghiera che onora san Giuseppe , su lanuovabq.it . URL consultato il 5 dicembre 2021 .
  44. ^ Nuove invocazioni nelle Litanie in onore di San Giuseppe , su Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede , 1º maggio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021 .
  45. ^ Lettera della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ai Presidenti delle Conferenze dei Vescovi circa nuove invocazioni nelle Litanie in onore di San Giuseppe , su Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede , 1º maggio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021 .
  46. ^ Rif. a cura di Almerinda Di Benedetto, Il Real Monte e Arciconfraternita di San Giuseppe dell'Opera di Vestire i Nudi - La carità tra fede, arte e storia (1740-1890) , p. 69.
  47. ^ Rino Cammilleri, Le lacrime di Maria , Mondadori, 2013, ISBN 978-88-04-63074-6 . , pp.148-150.
  48. ^ L'unico caso di un'apparizione di San Giuseppe riconosciuta dalla Chiesa , su it.aleteia.org . URL consultato il 22 febbraio 2021 .
  49. ^ Decreto , su vatican.va . URL consultato il 3 dicembre 2021 .
  50. ^ Ecco come ottenere le indulgenze in questo Anno di San Giuseppe , su it.aleteia.org . URL consultato il 3 dicembre 2021 .
  51. ^ [1]

Bibliografia

  • Giovanni Paolo II , Redemptoris Custos , esortazione apostolica, edizioni Paoline, Milano, 1989
  • Tarcisio Stramare , San Giuseppe nel Mistero di Dio , Portalupi Editori, Casale Monferrato, 1993
  • Tarcisio Stramare, San Giuseppe nella storia della salvezza , Elledici, Torino, 1993
  • Tarcisio Stramare, La Santa Famiglia nel mistero dell'Incarnazione , Napoli, 1994
  • Tarcisio Stramare, Giuseppe lo chiamò Gesù , Portalupi Editore, Casale Monferrato, 2001
  • Tarcisio Stramare, San Giuseppe. Dignità, privilegi e devozioni , Camerata Picena, editrice Shalom, 2008
  • Tarcisio Stramare, Il mese di marzo dedicato a San Giuseppe , Camerata Picena, editrice Shalom, 2007
  • Diego Manetti (a cura di), Personaggi della Bibbia , in I Grandi libri della religione , XIII, Milano, Mondadori, 2006
  • Salvatore Fischetti, Lizzano per san Giuseppe. Le tavolate devozionali. Storia e costume , Edizione Amici della "A. De Leo", Brindisi, 1988
  • Salvatore Fischetti, "Di madre in figlia": Aspetti della ritualità devozionale per san Giuseppe nella Puglia meridionale , in San Giuseppe - Patrono per i nostri tempi , Atti del X Congresso Internazionale di Josephologia (Kalisz - Polonia,27 settembre-4 ottobre 2009), a cura di Andrzej Laton, Josephological Center, Kalisz 2010
  • Salvatore Fischetti, Cibi della tradizione giuseppina in Sicilia. Specificità e simbologie , in dalla Sicilia alla Puglia. La festa di san Giuseppe , Talmus-Art editore, San Marzano di San Giuseppe (Taranto) 2012
  • Angelo Figurelli, San Giuseppe. La tenerezza di Dio , Sugarco Edizioni, 2021, ISBN 978-88-7198-778-1

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 147328714 · ISNI ( EN ) 0000 0000 9928 2036 · LCCN ( EN ) n79147954 · GND ( DE ) 118558382 · CERL cnp00554352 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79147954