Pere (apòstol)

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "San Pietro". Si busqueu altres significats, vegeu Sant Pere (desambiguació) .
Papa Pere
Pope-peter pprubens.jpg
Sant Pere, retrat de Paul Rubens ; 1610-1612
1er papa de l’Església catòlica
Eleccions 30 - 33 [Nota 1]
Fi del pontificat 29, 64 o 67 de juny [Nota 2]
Successor Roba de llit
Nom Šim'ôn (שמעון)
Naixement Betsaida , Galilea , Judea romana , segle I aC
Mort Roma , Itàlia , Imperi Romà , 29, 64 o 67 de juny
Enterrament Grutes del Vaticà
Sant Pere
Simone Martini - San Pietro.jpg
Sant Pere de Simone Martini , 1326

Apòstol

Naixement Bethsaida , alts del Golan , Síria , Imperi romà , Judea romana , segle I aC
Mort Colle Vaticà , Roma , 29 de de juny de 64 o 67
Venerat per Totes les esglésies que admeten el culte als sants
Santuari principal la ciutat del Vatica Basílica de Sant Pere de la Ciutat del Vaticà
Recidiva 29 de juny (Església catòlica i ortodoxa); 22 de febrer : Càtedra de Sant Pere ; 18 de novembre : Dedicació de les Basíliques dels Sants Pere i Pau a Roma; 18 de gener (càtedra de Sant Pere a Roma a la missa tridentina ); 1 d'agost ( Sant Pere lligat )
Atributs Cadenes, claus , creu , vaixell, llibre, gall , xarxa de pesca , Triregno
Patró de Papes , Laci , Lamezia Terme , pescadors , peixateries, Villafranca di Verona , llamborders, fabricants de claus, porters, forners , enginyers , segadors , rellotgers , Roma , Torraca , Lissone Assemini , San Pietro Vernotico , Villa San Pietro , Bellinzona , Bremen , Colonia , Calascibetta , Cetara , Las Vegas , Umbria , Campremoldo Sopra , Galatina , San Pietro Apostolo , San Pietro in Guarano , Lamon , Aldifreda , San Pietro a Patierno , Schio , Alnicco di Moruzzo , Montecorvino Rovella , Riposto , Sampeyre , Ponte San Pietro and altres.

Simó conegut com a Pere ( Bethsaida , segle I aC - Roma , 29 de juny del 64 o 67 dC ) va ser un dels dotze apòstols de Jesús ; l’ Església catòlica el considera el primer papa . Nascut a Galilea , era un pescador jueu de Cafarnaüm . El seu nom original era Šim'ôn (שמעון, "qui escolta", transliterat al grec com a Σίμων) [Nota 3] .

Havent esdevingut apòstol de Jesús després de ser cridat al llac de Galilea , formava part d’un petit cercle (juntament amb Joan i Jaume ) dels tres que van presenciar la resurrecció de la filla de Jaire , la transfiguració al mont Tabor i l’agonia. de Jesús al jardí de les oliveres . Va intentar defensar el mestre de la detenció , ferint un dels agressors. L'únic, juntament amb l'anomenat " deixeble estimat ", que va seguir Jesús fins a la casa del gran sacerdot Caifàs , també es va veure obligat a fugir després d'haver negat tres vegades el Mestre, com havia predit. Abans de la crucifixió (Mt 16, 17-19; Lc 22, 32) i també després de la posterior resurrecció de Jesús (Jn 21, 15-19), Pere va ser nomenat pel mateix Mestre com a cap dels dotze apòstols i, per tant, promotor de aquell moviment que després es convertiria en la primera Església cristiana.

Predicador incansable, fou el primer a batejar un pagà, el centurió Corneli . No va estar d’acord amb Pau de Tars en algunes qüestions relatives a jueus i pagans, però resoltes durant el primer concili de Jerusalem discutint tradicions jueves com la circumcisió. Segons la tradició, es va convertir en el primer bisbe d' Antioquia de Síria durant uns 30 anys, del 34 al 64 dC, va continuar la seva predicació fins a Roma on va morir entre el 64 i el 67 , durant les persecucions anticristianes ordenades per l'emperador romà Neró . A Roma, Pere i Pau són venerats junts, com a pilars fundadors de l’ Església ; Pere és considerat sant per totes les confessions cristianes, tot i que alguns neguen la primacia petrina i d'altres la primacia papal que segueix. [1]

Fonts històriques

Les fonts històriques sobre la vida i l'obra de Sant Pere es poden dividir en tres categories:

  • La primera font, que s’ha de considerar entre les més properes al període en què va viure l’apòstol, la constitueixen els escrits del Nou Testament . Entre ells, un lloc destacat pertany als quatre Evangelis i als Fets dels Apòstols . Aquests textos, escrits en grec durant el primer segle, són els únics que contenen referències directes a la vida de Pere. A més dels textos citats, la tradició cristiana indica, en el cànon bíblic , també dues cartes que se li atribueixen, sobre l’autenticitat de les quals, però, queden alguns dubtes. Les paraules inicials indiquen que la primera carta va ser escrita per Pere. A més, Ireneo, Clemente Alessandrino, Origen i Tertullian ho citen atribuint-lo a Peter [2] . Eusebi afirma que els bisbes van utilitzar la carta lliurement i, a més, en el seu temps (al voltant de 260 - 342 dC) no hi va haver cap dubte sobre l'autenticitat de la carta. També es troben referències a Ignasi, Hermas i Barnabas, des de principis del segle II [3] . Fins i tot a la segona carta (2 Pere 1: 1) hi ha algun dubte d’autenticitat, principalment a causa de la diferència d’estil. Però aquesta circumstància pot no ser un problema real perquè el tema i la finalitat de les dues lletres eren diferents. La canonicitat de l’escrit també s’ha posat en dubte perquè els pares de l’Església la certifiquarien poc, però diversos catàlegs antics de les Escriptures gregues cristianes (inclosos els d’Ireneu, Ciril de Jerusalem, Atanasi d’Alexandria i altres) consideren que el segon Carta de Pere que forma part del cànon bíblic.
  • La segona categoria de fonts consisteix en els escrits apòcrifs que se li atribueixen. Aquests textos van pel nom de l' Evangeli de Pere , La predicació de Pere (avui perdut), Fets de Pedro , Llei de Pedro , Fets de Pere i Andreu , Fets de Pere i els dotze , Fets de Pere i Pau , Carta de Pere a Felip , Carta de Pere a Jaume el Menor , Apocalipsi de Pere (grec) , Apocalipsi de Pere (copte) . A causa de les darreres datacions i contingut, així com d'altres textos apòcrifs, aquests escrits tampoc no es consideren fonts històriques fiables. De fet, és possible que hi hagin convergit textos fundats històricament, però també discursos de caire apologètic, fruit de la veneració excessiva que s’havia estès al voltant de l’apòstol.
  • Una tercera i última font és el testimoni contingut en els escrits dels pares de l’Església , en particular de Papias , Climent i Ireneu [4] . Aquesta sèrie de testimonis té al seu costat la comoditat de les troballes arqueològiques. Entre elles, la més antiga és la inscripció grega "Peter (és) aquí" (πετρος ενι), però és el resultat d'una interpretació, ja que els únics grafits llegibles eren "Petr" i "eni" [5] , trobats al l’anomenada “paret vermella” a prop de l’antiga tomba de Pere , a la necròpolis preconstantiana sota l’actual basílica de Sant Pere de Roma. La datació d'aquesta troballa es remunta cap al 160 dC.

D’aquest fet, o més aviat del significat original del seu nom arameu, brolla tot el carisma de la seva figura. El seu nom original era Simone (en hebreu שמעון Šim'ôn, Shim'on , de l'arrel hebrea shama "escoltar" i que probablement pren el significat de "qui va escoltar"), però, segons el que Mateu [6] i Joan [7] , van rebre del mateix Jesucrist el nom de Kefa , que en arameu significa "roca", "pedra" i, per tant, per transliteració, "Pere", derivat del grec Petros (cf. Jn. 1, 35 -42).

Orígens

Segons l'Evangeli de Joan, Simó Pere era natural, així com el seu germà Andreu i l'apòstol Felip , de Betsaida [8] , una ciutat situada a uns 3 quilòmetres al nord del mar de Galilea , un antic poble reconstruït posteriorment pel tetrarca Felip que aquí va fundar la seva capital, situada a l'aleshores província romana de Judea .

Restes de la casa de Pere a Cafarnaüm

Segons els evangelis sinòptics , després del matrimoni es va traslladar a Cafarnaüm , un petit poble de Galilea que més tard es va convertir en un dels centres de predicació de Jesús , que sovint hi anava a romandre un temps, com a amic [9] , a la casa. de l’apòstol. El trasllat a Cafarnaüm, amb la seva dona, sogra, pare i germà Andrea, fou probablement dictat per raons pràctiques, ja que aquella ciutat oferia més oportunitats laborals per al comerç de peix [10] . Les excavacions arqueològiques, realitzades a partir del 1905, van treure a la llum les restes d’una antiga sinagoga i d’una església octogonal a la base de la qual es van descobrir els fonaments d’una casa de pescadors. El 1968 la casa es va identificar amb la de l'apòstol Pere gràcies a la presència d'alguns instruments de pesca que s'hi van trobar, però, sobretot, pel descobriment d'algunes pintades, que representen Jesús i Pere, que es remunten al segle II dC.

Els llaços familiars

Estàtua de Sant Pere a Cafarnaüm

Als evangelis, Sant Pere es presenta com el fill de Jonàs o Joan. Ara, sembla que a l’època de Jesús, el nom del profeta Jonàs ja no s’utilitzava. De fet, "Jonàs" podria ser la rara abreviatura de "Johanan", "Giovanni". Al quart Evangeli tenim la prova d’una versemblança: "Simó, fill de Joan". [11]

Sabem que era el germà d’Andreu, també apòstol, i tots dos van ser escollits i cridats al llac de Galilea. [12]

Segons els evangelis, un dia Jesús va curar la sogra de l'apòstol a Cafarnaüm " de febre ". [13] L'existència d'aquesta sogra va portar a la conclusió que Peter estava casat, però no se sap res de la seva dona ni dels seus fills. Tanmateix, és interessant recordar que l’apòstol Pau al·ludeix a una " dona creient " presentada per Cefes [14] que sens dubte era la seva dona. El mateix autor de la carta sol identificar els col·laboradors amb el títol de "germanes" ( adelphe [ Nota 4] ) i no "germanes femenines", ja que seria millor traduir "dona creient" (que deriva de les paraules gregues adelphen gunaika ). [15] .

La primera carta de Pere acaba amb:

  1. una pista a Silvano, "a qui considero com un germà fidel", en què pistòs adelphòs [16] significa una filiació espiritual, germans en l'Esperit Sant i la veritat;
  2. una salutació de "Marco, el meu fill" ( ho uiòs mou en grec), per la qual no queda clar si era a Babilònia o allà amb Peter a punt per marxar;
  3. la invitació a saludar-se "amb un petó de caritat" per als presents, que tots "estan en Crist" [17] .

Segons Clemente Alessandrino , l'esposa de Peter el va seguir en la seva predicació i va morir màrtir davant seu. [Nota 5]

Els fets apòcrifs de Peter Copts també atribueixen una filla a l'apòstol. L’autor del Passio dei santi Nereo i Achilleo (sobre V-VI) l’identifica amb Santa Petronilla , màrtir enterrada a les catacumbes de Domitilla , a causa d’una assonància amb el nom de l’apòstol i inserits a la seva història, a més de l'esmentat episodi, un passatge segons el qual la jove, curada de la seva malaltia, sol·licitada en matrimoni pel noble Flaccus, va morir plàcidament abans d'acceptar la seva proposta de matrimoni. La tradició indica el dia de la seva mort el 31 de maig, data que va passar després al martirisme romà . No obstant això, Sant Francesc de Sales diu que "Santa Peronella, com es demostra per Baronio i Galonius, era la filla espiritual de Sant Pere, no és la seva veritable filla". [18]

Condició econòmica i cultural

Els germans Pere i Andreu es presenten als evangelis, des de la seva primera crida, com a pescadors [19] i els trobem diverses vegades amb vaixells al llac de Galilea. També se sap que Jaume i Joan de Zebedeu eren, segons l' Evangeli de Lluc , companys de Simó [20] i, de fet, seran "cridats" immediatament després dels amics. Emblemàtic en aquest sentit és el conegut episodi de la captura miraculosa , en què Peter té la intenció de netejar les xarxes després d’una dura nit de treball sense resultat. Fins i tot després de la Resurrecció , Jesús es va aparèixer a Pere i a altres deixebles mentre pescaven a prop del mar de Galilea .

Un altre aspecte important de la vida de Pere sorgeix dels Fets dels Apòstols: la seva condició cultural. Arrestat amb Joan i portat a la presència del Sanedrí , l'apòstol va respondre amb intel·ligència al seu interrogatori, sorprenent als dos jutges que creien que era poc educat i poblat [21] . Per tant, es defineix Pere com a " agramàtics ", és a dir, poc expert en les Escriptures, sense preparació escolar ni retòrica, sinó també " idiotes ", és a dir, persones, un home dels estrats inferiors.

Biografia

Possible cronologia

Possible cronologia de la vida de Sant Pere [Nota 6]
Data Passatge bíblic Esdeveniment
2-4 dC? [22] - Naixement a Bethsaida per Jonàs o Joan
14-28 Mk1.16-20 [23] ; Mt8 : 14-15 [24] ; Lc 5 : 1-11 [25] ; Jn 1,40-42; 21 : 1-11 [26] Pietro està casat a Cafarnaüm i treballa de pescador amb Andrew, el seu germà, Jaume i Joan de Zebedeu
29? Mk1.16-18 [27] ; Mt 10,2 [28] ; Lk 5,10 [29] Inici del ministeri públic de Jesús: reunió de Simó amb Jesús al llac de Galilea [Nota 7]
30-33 Fets 2.1-41 [30] ; Fets 3.1 - 4.31 [31] [Nota 8] Simó Pere segueix Jesús durant el seu ministeri. Passió, mort i resurrecció de Jesús: Pere es converteix en líder dels deixebles després de la festa de la Pentecosta, és jutjat amb Joan i després alliberat.
34-35 8.14-25 [32] ; 10.1-11.18 [33] Pere compleix una missió amb Joan a Samaria. Xoca amb Simon el mag. Reunió amb Corneli i segona Pentecosta sobre els pagans.
42 12,1-24 [34] Tercera detenció i alliberament de Pere per Herodes Agripa I
48-51 Gal2,1-11 [35] ; 15,1-35 [36] Incident d'Antioquia i del Concili de Jerusalem
63-67? 1Pt1: 1 [37] Pere escriu la primera carta als cristians del Pont, Galàcia, Capadòcia, Àsia i Bitínia [38]
64-67 - Persecució dels cristians desitjada per Neró. Segons la tradició dels pares de l’Església, entre les víctimes també hi havia Pere i Pau [39]

Apòstol de Jesús

La trucada

El que es defineix com la vocació dels apòstols planteja problemes considerables per als exegetes. Va ser a Judea, al lloc on va aparèixer el Baptista , que, segons Joan, s’hauria de localitzar la primera crida, històricament col·locada en els primers mesos del 28 : dos deixebles de fet, escoltant Joan Baptista indicar Jesús com l’Anyell de Déu, se li va acostar i li van preguntar on vivia; després van passar el dia amb ell. Andreu, el germà de Simó, va ser un dels dos deixebles i va ser el primer a advertir el seu germà: " Hem trobat el Messies " [40] , i el va portar a Jesús, que, " fixant-hi la mirada, va dir: ets Simó, fill de Joan: et diràs Cefes[41] , que significa Pere.

L'apòstol Pere s'esmenta amb el nom de Kephas , no traduït a l'hebreu i al grec ( Κηφᾶσ ) [Nota 9] [42] , també a Gàlates 1:18 [43] i a 1 Corintis 9: 5 [44] [45 ] ] , pel que fa a l’anunci de la Resurrecció de Jesús.
Mateu situa el nou nom donat a Simó en un context diferent, el de la "'confessió de Cesarea" i aquesta diferència de tradició subratlla la importància que els primers cristians van donar al nom de Pere, que no s'utilitzava com a nom personal a el seu entorn.

Els sinòptics fan les primeres trucades a la riba del mar de Galilea , també conegut com el llac de Genesaret. Jesús ja coneixia Simó i, per predicar, li va demanar que pugés al seu vaixell i va convidar els pescadors a que arribessin al mar i llancessin les xarxes. Tot i que no havien agafat res tota la nit, Simon va obeir ràpidament i va obtenir una captura miraculosa , tan abundant que va ser necessari trucar a un altre vaixell per demanar ajuda. [46] Aclaparat, el futur apòstol va caure als peus de Jesús que va anunciar que a partir d’aquest moment es convertiria en pescador d’homes. La resposta dels primers deixebles va ser una absoluta abnegació: " Tirant les barques a terra, ho van deixar tot i el van seguir " [47] .

Per a la comprensió de la personalitat és significatiu el fet que Pere es va unir inicialment als deixebles del Baptista, que predicaven l’adveniment d’un Messies. Va ser un període històric en què va sorgir una certa intolerància cap al governant romà a Galilea i es va sentir força la idea d’un Messies, entès també com a líder espiritual, capaç de venjar-se de Roma. La trobada amb Jesús, dotada d’un notable carisma personal, així com d’unes habilitats taumatúrgiques extraordinàries i un comportament fora del normal fins i tot pel que fa a les normes socials i religioses, ha de marcar sens dubte un moment molt intens de la seva vida.

En el nombre de dotze

Fresc del pagament de l'homenatge de Masaccio (capella Brancacci, Florència)

Pere apareix a partir dels relats evangèlics, en què se l’esmenta 114 vegades amb especial consideració davant els altres apòstols , com a personatge espontani en les seves reaccions, impetuós però també disposat a entendre els seus errors i a aprendre. En el famós episodi del passeig per l’aigua, Peter va córrer a l’encontre del mestre demanant-li que fes el mateix i aprenent a costa seva, enfonsant-se a les onades, que la fe total és necessària per realitzar aquestes meravelles [48] .

Entre els dotze, també és el més agosarat en els seus discursos i sovint parla i actua en nom seu. Al començament del ministeri de Jesús , el va anar a buscar quan el Mestre s’havia retirat a la solitud del desert. En diverses ocasions el va preguntar sobre les paràboles , demanant-li explicacions o preguntant-li a qui anaven destinats, ja fos als Dotze o a la multitud. D’altra banda, és d’ell que els recaptadors d’impostos van anar a reclamar l’homenatge del Temple . Pere estava a punt de comunicar-ho a Jesús, que el va impedir i va declarar que ell mateix estava exempt de l’impost, però no volia provocar escàndols. Així doncs, Jesús va enviar Pere a atrapar un peix a la boca del qual es va trobar un stater , és a dir, quatre dracmes , que representaven l’import dels dos impostos deguts: el de Jesús i el de Pere [49] .

Quan una dona de la multitud va tocar la vora de la capa de Jesús amb l’esperança de ser curada i el Mestre va preguntar: “ Qui em va tocar? ”, Peter es va afanyar a observar que la multitud el pressionava per totes bandes [50] . Pere sempre li preguntava a Jesús fins a quin punt hauríem d’arribar a perdonar: “ Fins a set vegades? ”, Rebent com a resposta:" Setanta vegades set ".

Quan s’acostaven a Jerusalem , Pere va preguntar a Jesús sobre la figuera que havia maleït i que l’endemà s’havia trobat assecada de les seves arrels. Jesús només va respondre: " Tingueu fe en Déu ". A Jerusalem va ser de nou Pere qui va preguntar sobre la recompensa que esperava al cel aquells que, com ell, ho havien deixat tot per seguir Jesús. En resposta, va prometre: per a aquesta vida, una família espiritual i després de la mort, vida eterna. Davant del temple, després de la predicció de Jesús sobre la seva total destrucció, Pere va convèncer Andreu i els dos fills de Zebedeu per intentar junts obtenir de Jesús la data d’aquest esdeveniment.

Després del discurs a Cafarnaüm sobre el pa de la vida [Nota 10] , després del qual diversos deixebles van abandonar el mestre, quan Jesús va preguntar als dotze si ells també volien marxar, Pere va respondre en nom de tots dient: " Senyor, a qui anirem? Només vosaltres teniu les paraules de la vida eterna " [51] .

Testimoni de la transfiguració

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Transfiguració de Jesús .

Els evangelis sinòptics [52] expliquen que Jesús va marxar a una muntanya amb Pere, Jaume i Joan . Allà va canviar d’aspecte mostrant-se als tres deixebles amb una extraordinària esplendor de la persona i una increïble blancor de les seves vestimentes, i Moisès i Elies van aparèixer al seu costat. Peter va prendre la paraula dient:

« Senyor, ens agrada quedar-nos aquí; si voleu, faré tres tendes aquí, una per a vosaltres, una per a Moisès i una per a Elies. " ( Mt 17,4 , a laparola.net . )

Però Jesús va ignorar el suggeriment i va demanar que no informés l’episodi a ningú.

Confessió de fe i primacia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Confessió de Pere i Primacia de Pere .
Lliurament de les claus a Pere , miniatura del segle XI, Bayerische Staatsbibliothek (Munic)
( LA )

"Tu es Petrus, et super hanc petram aedificabo Ecclesiam meam et [...] tibi dabo claves Regni Caelorum."

( IT )

"Tu ets Pere, i sobre aquesta roca construiré la meva Església i [...] et donaré les claus del Regne del Cel".

( Evangeli segons Mateu 16 : 18-19 [53] ; escrit al voltant de la cúpula de Sant Pere al Vaticà )

A Cesarea de Filipos , Jesús va interrogar els seus apòstols sobre el que deien els homes sobre ell. Van arribar diverses respostes. Finalment el Mestre els va preguntar: "Qui dius que sóc?". Va ser Simó Pere qui, primer dels Dotze, va expressar en termes humans la realitat sobrenatural de Crist: "Ets el fill del Déu viu!" [54] .

Jesús proclama primer: "I jo et dic: tu ets Pere" [55] . El terme " Església ", tan freqüent sota la ploma de Pau, apareix només dues vegades als evangelis i designa la nova comunitat que Jesús estava a punt de fundar i que presenta com una realitat no només estable, sinó també indestructible, es " construeix " sobre Simon, que gràcies a aquest paper rep el nom de Pere.

A continuació, Jesús indica els poders conferits a Simó Pere: "Et donaré les claus del regne del cel i tot allò que lliguis a la terra quedarà lligat al cel, i tot el que deixis anar a la terra es deixarà anar al cel" [56] . El significat d’aquesta imatge, coneguda per la Bíblia i per l’Est de l’època, suggereix la tasca confiada a una sola persona per supervisar i gestionar la casa [Nota 11] . Pere és nomenat per Jesús "primer ministre" de la seva Església, de la qual haurà de governar no només la massa dels fidels, sinó els mateixos funcionaris.

El poder de lligar i afluixar implica el perdó dels pecats [57] , aquesta és una "gràcia", va assenyalar el papa Benet XVI, "que elimina l'energia de les forces del caos i del mal i es troba al cor del misteri i del ministeri. de l’Església ”, que“ no és una comunitat de perfectes, sinó de pecadors que han de reconèixer-se necessitant l’amor de Déu i ser purificats a través de la creu de Jesucrist ”. [58]

A més, inclou tota una activitat de decisió i legislació, tant en doctrina com en conducta pràctica, que coincideix amb l'administració de l'Església en general.

Els textos del Nou Testament mostren que Pere tenia un paper privilegiat dins del cercle dels apòstols . Totes les confessions cristianes coincideixen en aquest fet. D'altra banda, la interpretació eclesial i teològica d'aquesta dada és diferent [59] :

  • per a l’ Església catòlica aquesta primacia s’estén als Papes , és a dir, als bisbes de Roma, els seus successors. De fet, les dues frases anteriors són interpretades per l’Església catòlica com l’acte fundacional del papat: una funció que es perpetuarà al llarg dels segles en una comunitat en què Pere i els seus successors asseguren l’estabilitat i un poder de decisió directament relacionat amb la voluntat de Déu i que, per tant, no es pot extingir físicament amb Pere [60] .
  • per a l’ Església Ortodoxa, la primacia és relativa a tots els bisbes de la seva diòcesi. El bisbe de Roma no té res de diferent dels altres bisbes.
L'Església Ortodoxa defineix Pere com "l'apòstol per excel·lència", utilitzant també el títol de Corifeo , és a dir, director d'orquestra, primera veu d'un cor [61] . Es reconeix el seu paper fonamental en la vida de l’Església primitiva, especialment en els primers anys a Jerusalem, però el seu no es considera una "primacia" entre els altres apòstols, ja que Pere no és el màxim responsable en qüestions relacionades amb la fe o la moral ( i, de fet, al Concili de Jerusalem no és ell qui dóna les directrius finals, sinó Jaume).
Pel que fa a la sentència pronunciada per Jesús: "Tu ets Pere i sobre aquesta roca construiré la meva església", la interpretació ortodoxa sosté que el Nazareno es referia a la seva professió de fe i no tant a la persona del mateix Pere. Suposa això pel fet que el grec original utilitza el pronom demostratiu femení quan es diu "sobre aquesta pedra", mentre que correctament, si s'hagués referit a Pere, hauria utilitzat el gènere masculí [62] .
Els pares de l’església ortodoxa siríaca, en canvi, estaven plenament convençuts de la primacia de Pere dins de la primitiva comunitat cristiana [63] ; basant-se en la tradició rabínica, de fet, van veure en el nom de "Kefa" i, per tant, el rock, un símbol de l'Antic Testament del Messies. Així, quan Jesús va donar a Pere el nom de Kefa, el va investir amb un despatx paral·lel al seu. Afrahat, un dels principals pares sirians, fins i tot va creure que aquell era un altre nom de Jesús i, per tant, segons els seus escrits, donant el seu nom a l'apòstol, el va investir amb un ofici molt particular: com Moisès havia extret aigua de les roques, així, de Pere, el seu missatge fluiria entre les nacions.
  • per a les esglésies protestants la primacia només era vàlida per a la persona de Pere i va caure amb la mort de l'apòstol. Segons la tradició protestant, Pere era de fet un dels apòstols més importants en la direcció de la primera comunitat cristiana, però no tenia dret a cap primacia; de fet, no sobre l'apòstol, Jesús va dir " sobre aquesta roca construiré la meva Església " sinó sobre ell mateix o, com a màxim, sobre allò que Pere havia revelat, és a dir, " Tu ets el Crist, el Fill del Déu viu ". [64] . Segons la professada església luterana , aquesta és la pedra angular a la qual es refereix Jesús, prenent també com a confirmació un vers de la carta als efesencs , en el qual l’apòstol Pau declara que l’església es basa en els apòstols i els profetes, sense especificar-ho en Pere. [65] . La tradizione protestante rispetta dunque la figura dell'apostolo, alla quale sono stati dedicati parecchi luoghi di culto, ma non ritiene che il suo primato sulla comunità cristiana debba essere ereditato dai pontefici romani.
Le chiese evangelico-protestanti concordano nel ritenere Pietro il capo dei dodici apostoli, ma il suo primato deriverebbe non tanto dalla sua persona, che dai vangeli risulta piuttosto instabile, ma dalla sua professione di fede. Difatti non ignorano che negli Atti degli apostoli il santo abbia un particolare primato all'interno della comunità, ma lo ritengono soltanto uno fra i maggiori fautori della diffusione del cristianesimo, non la "roccia della Chiesa".
La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni , infine, ritiene sì che Pietro sia il primo capo della Chiesa, ma rifiuta anch'essa la successione papale. Secondo gli scritti di Joseph Smith , Pietro, insieme a Giovanni e Giacomo, scese dal paradiso e conferì le chiavi del sacerdozio di Melchisedec a Joseph Smith e Oliver Cowdery nel 1829, nei pressi della contea di Susquehanna, in Pennsylvania [66] .

Durante la Passione di Gesù

Annuncio della passione e ultima cena

Pietro nell' Ultima Cena attribuita a Cesare da Sesto, allievo di Leonardo da Vinci

Subito dopo l'episodio sopra citato [ non chiaro ] , Gesù comunicò ai suoi apostoli la prima rivelazione della passione che avrebbe dovuto subire. Pietro, prendendolo in disparte, protestò contro questa prospettiva che gli sembrava improbabile dicendo: " Dio te ne scampi, Signore; questo non ti accadrà mai ". Ciò gli attirò un severo biasimo: colui che era appena stato consacrato capo della Chiesa si sentì chiamare " Satana ", l'avversario, il tentatore, colui che vorrebbe far cadere il Cristo: " Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini " [67]

Con Giovanni, Pietro è chiamato ai preparativi del pranzo pasquale in cui Gesù istituì l' eucaristia . Giovanni e Luca situano in questa occasione l'annuncio del rinnegamento di Pietro [68] che invece Matteo e Marco collocano un po' più tardi [69] , sulla via del Getsemani. Gesù dichiarò a Simone che Satana cercava in loro la sua preda, ma che egli avrebbe pregato per loro. Gli predisse che avrebbe rinnegato il suo Maestro, ancora prima che il gallo cantasse: la sincerità di Pietro era totale, ma la forza gli sarebbe venuta meno. Nondimeno Gesù l'avrebbe riconfermato nel suo ruolo preminente per il sostegno della fede: " Tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli " (Lc 22,32 [70] ). È nel corso di quest'ultimo pasto che Gesù annunciò il tradimento di uno dei Dodici, e Pietro fece cenno a Giovanni, che era seduto accanto a Gesù: " Di', chi è colui a cui si riferisce? "(Gv 13,24 [71] ).

Il Vangelo di Giovanni, che non descrive l'istituzione dell'eucaristia, riferisce un altro episodio verificatosi durante la cena. Gesù s'interruppe per compiere delle funzioni normalmente lasciate a degli schiavi: lavare i piedi dei suoi ospiti. Stupefatto, Pietro protestò con energia ma alla risposta di Cristo: " Se non ti laverò, non avrai parte con me " (Gv13,8 [72] ), l'ardente apostolo, eccessivo nel consenso come lo era appena stato nel rifiuto, reclamò: " Signore, non solo i piedi ma le mani e il capo "(Gv 13,9 [73] ).

L'arresto di Gesù

Il Bacio di Giuda di Giotto , Cappella degli Scrovegni , Padova (1304-06). A sinistra si nota Pietro che ferisce all'orecchio un servo.

Ritiratosi nell'orto del Getsemani, Gesù chiese a Pietro, Giovanni e Giacomo di mettersi in disparte con lui per pregare. Essi però, sopraffatti dal sonno e dal vino della cena, caddero addormentati, ricevendo per ben tre volte il rimprovero del maestro che disse loro, e in particolare allo stesso Pietro: " Così non siete stati capaci di vegliare un'ora sola con me? Vegliate e pregate, per non cadere in tentazione. Lo spirito è pronto ma la carne è debole " [74] .

Tutti i Vangeli riportano che, al momento dell'arresto di Gesù, uno di quelli che stava con lui tagliò con la spada un orecchio al servo del sommo sacerdote di nome Malco (Mt 26,51; Mc 14,47; Lc 22,50; Gv 18,10 [75] ). Il Vangelo secondo Giovanni lo identifica in Simone Cefa; Gesù rimprovera il discepolo, dicendo di riporre la spada perché deve bere il suo calice.

«Pietro, che aveva una spada, la prese e colpì il servo del sommo sacerdote, recidendogli l'orecchio. Quel servo si chiamava Malco. 11 Gesù allora disse a Pietro: «Rimetti la tua spada nel fodero; non devo forse bere il calice che il Padre mi ha dato?»."»

Il triplice rinnegamento

Duccio di Buoninsegna , Rinnegamento di Pietro , tavola dalla Predella della Maestà , 1308-1311, Siena , Museo dell'opera del duomo .

Durante il processo religioso di Gesù, Pietro, seguito secondo Giovanni da un altro discepolo innominato [76] riuscì a intrufolarsi all'interno del cortile della casa del sommo sacerdote. L'apostolo innominato infatti, da molti riconosciuto nello stesso Giovanni, [77] era noto in quell'ambiente e riuscì a entrare insieme a Pietro, che venne però riconosciuto da una serva (su questo concordano tutti e quattro i Vangeli. Giovanni sottolinea che la donna era la portinaia), [78] la quale dichiarò davanti a tutti che il nuovo arrivato era uno dei discepoli di Gesù. Il pescatore di Cafarnao, sicuro di essere stato scoperto, giurò pubblicamente di non conoscerlo. Recatosi nell'atrio dove, come testimoniano Luca e Giovanni, era stato acceso un fuoco dalle guardie e dai servitori del sommo sacerdote, Pietro venne nuovamente riconosciuto, questa volta da un'altra serva, ma negò di nuovo la sua appartenenza al seguito del maestro.

Più tardi Pietro venne nuovamente riconosciuto dalla gente intorno al fuoco, a causa del suo accento che lo identificava come appartenente alla cerchia dei galilei. Uno di essi, secondo il resoconto di Giovanni, [79] era stato perfino presente al momento dell'arresto e l'aveva riconosciuto come colui che aveva ferito all'orecchio Malco . Senza via d'uscita, Pietro rinnegò una terza volta il Maestro. Sentito nello stesso istante il canto del gallo (due volte in Marco) [80] , ricordandosi le predizioni di Gesù (che secondo Luca egli incontrò subito dopo) riguardo al suo tradimento, l'apostolo fuggì via piangendo amaramente, fatto che è testimoniato allo stesso modo nei tre vangeli sinottici.

Durante le apparizioni del risorto

Giovanni d'Enrico : Il pentimento di san Pietro , statua in terracotta (1639) - Sacro Monte di Varallo

Dopo il triplice rinnegamento, i Vangeli abbandonano la figura di Pietro e non ci riportano ciò che egli fece durante la passione del Maestro. Lo ritroviamo soltanto la mattina di Pasqua: avvertito da Maria Maddalena che il corpo di Gesù era scomparso, Pietro corse al sepolcro con il discepolo che Gesù amava e lì trovò soltanto le bende di lino e il sudario che avevano avvolto il cadavere [81] . Il Vangelo di Luca e la lettera di San Paolo ai Corinzi narrano che Pietro fu tra i primi ai quali Gesù risorto apparve. [82] . In seguito anche lui condivise con i compagni le apparizioni nel Cenacolo e sul mare di Galilea .

Secondo il vangelo di Giovanni, Pietro e altri sette apostoli, passato il tempo delle apparizioni del risorto, tornarono sul lago di Tiberiade alle loro mansioni di pescatore [83] . Un mattino, mentre albeggiava, dopo una notte passata insonne e senza aver preso nulla, videro un uomo a riva che consigliò loro di gettare le reti dalla parte destra della barca. Seguendo i consigli dello sconosciuto essi presero una moltitudine di pesci; riconoscendo dunque in lui il maestro, Pietro si gettò in mare verso Gesù [84] . Quando tutti furono tornati a terra, Gesù li invitò ad arrostire i loro pesci ea dividere con lui il pasto, quindi si rivolse direttamente a Pietro e per tre volte gli chiese: " Simone di Giovanni mi vuoi bene?". [85]

La ripetizione della stessa domanda sconcertò l'apostolo, il quale insistette, e la terza volta, con una toccante umiltà disse: " Signore, tu sai tutto; tu sai che ti voglio bene ". La triplice protesta, secondo l'esegesi cristiana, serviva da contrapposizione al triplice rinnegamento nella tragica notte dell'arresto in casa di Caifa [86] . Pietro si sentì quindi predire in parole velate il martirio che lo attendeva in età avanzata [87] . Dopo di che Gesù lo invitò a seguirlo, e vedendo che anche il discepolo amato seguiva le loro orme, Pietro interrogò Gesù sul destino di costui, ma la risposta fu alquanto enigmatica [88] .

Nel luogo di questa apparizione vi è oggi una cappella in basalto detta " il Primato di Pietro ", che si erge su di uno scoglio a strapiombo sul lago, accessibile per il tramite di una scala scolpita nella roccia, che scende sino a una caletta. Eteria , una pellegrina proveniente dalla Spagna , che riferisce del suo viaggio nei luoghi santi in una cronaca risalente alla fine del IV secolo , cita " la scala dove stava il Signore ". La cappella attuale, che risale al 1935, ha sostituito un antico santuario, spesso riedificato dopo il passaggio di Eteria, e che si chiamò a lungo " la chiesa dei dodici apostoli ", perché si supponeva che Cristo vi avesse battezzato i suoi discepoli.

Predicazione del Vangelo

Predica di Pietro dopo la Pentecoste di Benjamin West

La Pentecoste

Sin dai giorni immediatamente successivi all' ascensione di Gesù , Pietro assunse il comando del piccolo gruppo degli apostoli. Ricordando il tradimento e la morte di Giuda , egli provvide alla sostituzione del traditore con un uomo che sarebbe divenuto, con gli undici, testimone della Risurrezione, eleggendo così tramite sorteggio un tale chiamato Mattia .

Il discorso di Pietro, immediatamente successivo alla discesa dello Spirito Santo sugli apostoli, comincia con una lunga citazione dal profeta Gioele con cui spiegare alla folla stupefatta il miracolo per il quale i dodici parlavano in tutte le lingue della terra: “ Io effonderò il mio Spirito sopra ogni uomo e diverranno profeti i vostri figli e le vostre figlie; i vostri anziani faranno sogni ei vostri giovani avranno visioni... Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato ”.

Pietro applicò al Cristo l'ultima frase della profezia e collegando immediatamente la morte e Pasqua , la sua Ascensione e l'effusione dello Spirito alla quale hanno assistito, egli dichiarò che Gesù era salito al cielo, e che aveva effuso lo Spirito come gli astanti stessi potevano vedere. Pietro consigliò dunque loro di pentirsi e farsi battezzare in nome di Cristo. Molti compresero che avendo partecipato alla crocifissione dovevano riparare, accettare la penitenza e il battesimo tanto che quel giorno vi furono tremila conversioni.

Un angelo aiuta Pietro a evadere, dipinto di Sebastiano Ricci , 1710, Trescore Balneario , Chiesa di San Pietro.

A questa prima predicazione seguì il primo miracolo dell'apostolo: nel nome di Gesù, Pietro restituì la salute a uno storpio che chiedeva l' elemosina . Poiché l'evento suscitò un grande concorso di popolo, Pietro da questo segno trasse profitto per annunciare la buona novella dichiarando che era stata la fede in Gesù ed essa sola, ad aver guarito lo zoppo. Anche qui Pietro invitò al pentimento e alla conversione, sottolineando per gli Ebrei che lo ascoltavano che Gesù era il compimento della promessa fatta ad Abramo e degli oracoli dei profeti. Questa nuova ondata contò circa cinquemila convertiti. (cf. Atti degli Apostoli, capitolo 3)

Primo arresto

Mentre Pietro parlava al popolo, con Giovanni al suo fianco, fu arrestato dai sacerdoti e dai sadducei : vennero entrambi gettati in prigione perché era già tardi e sarebbero stati convocati davanti al Sinedrio solo l'indomani. Pietro allora, forte della sua fede, proclamò ancora che aveva guarito il paralitico solo nel nome di Gesù. I sinedriti ne furono sconcertati: ritenevano Pietro e Giovanni uomini semplici, ma vedendo con quale autorità Pietro sapesse parlare restarono attoniti e più ancora li sorprese la presenza, inconfutabile, del miracolato. Essi decisero semplicemente di vietare a Pietro e Giovanni di prendere la parola e di insegnare in nome di Gesù, ma i due apostoli rifiutarono di obbedire. Esaurito ogni argomento e sentendosi impotenti davanti all'entusiasmo che si scatenava intorno al taumaturgo, i sinedriti lasciarono andare gli apostoli. (cf. Atti degli Apostoli 4,1-31)

Dal secondo al terzo arresto

Pietro liberato da un angelo dal carcere , tavola di Konrad Witz (XV secolo)

Gli Atti sottolineano come intanto i segni ei miracoli si moltiplicavano. Anania e sua moglie Saffira , che avevano mentito ai cristiani, furono smascherati da Pietro e caddero morti ai suoi piedi. La folla si accalcava intorno agli apostoli come un tempo in Galilea intorno al Maestro. I malati venivano portati lungo la via dove passava Pietro affinché “ anche solo la sua ombra coprisse qualcuno di loro ”. (cf. Atti degli Apostoli 5,1-16)

L'ira del sommo sacerdote e dei sadducei si manifestò allora di nuovo: ciò che non avevano saputo ottenere con la persuasione lo avrebbero imposto con la forza, e Pietro e Giovanni vennero nuovamente arrestati. Ma, secondo le Scritture, un angelo li liberò durante la notte. Quando i loro persecutori li vollero convocare per interrogarli, appreso che i prigionieri erano nel Tempio, intenti a insegnare, li fecero ricondurre davanti a loro, ma, adirati per la tranquilla ostinazione dei due apostoli, furono calmati solo dall'intervento di Gamaliele . (cf. Atti degli Apostoli 5,17-42)

Venuti a sapere che la Samaria contava ormai molti cristiani, grazie alla predicazione del diacono Filippo , gli apostoli mandarono ai nuovi convertiti Pietro e Giovanni, che erano autorizzati a imporre le mani, perché ricevessero lo Spirito Santo. Tra loro vi era Simon Mago (il cui nome sarà legato al peccato di “ simonia ” o commercio dei sacramenti ), al quale Pietro fece comprendere che il denaro non avrebbe mai potuto acquistare il potere d'invocare lo Spirito Santo. (Atti degli Apostoli 8,1-25)

Dopo la sosta in Samaria, Pietro fece ritorno alla pianura costiera. A Lidda guarì Enea , un paralitico; a Giaffa risuscitò una discepola di nome Tabita . I due prodigi guadagnarono alla fede molti abitanti delle due città. A Giaffa, Pietro abitava presso un conciatore di pelli. Mentre si trovava lì ebbe il privilegio di una visione: vide una grande tovaglia su cui si trovavano in gran quantità alimenti che la Legge di Mosè dichiarava impuri. Pietro venne invitato a mangiarli, e alle sue proteste una voce gli disse: “ Ciò che Dio ha purificato tu non chiamarlo più profano ”.

Poco dopo Pietro fu chiamato presso un pagano, il centurione Cornelio , che a sua volta era stato spinto da una visione a convocarlo. E mentre Pietro gli parlava, lo Spirito Santo calò sul centurione e sui suoi compagni, come in una nuova Pentecoste.

Nel frattempo Erode Agrippa I aveva cominciato una persecuzione contro i cristiani e fatto giustiziare Giacomo , fratello di Giovanni, che fu dunque il primo degli apostoli a subire il martirio. Essendosi così attirato il favore dei Sinedriti, Erode decise di fare arrestare anche Pietro, ma nuovamente un angelo apparve in carcere e svegliò il prigioniero, che obbedì come in sogno ai suoi ordini risvegliandosi soltanto quando fu fuori dalla prigione. Si recò allora alla casa di Maria, madre di Marco , dov'era radunato un certo numero di fedeli in preghiera e costoro stentarono a credere ai loro occhi. Lo stupore e la confusione furono ancora più grandi nel campo di Erode, il quale fece imprigionare i carcerieri, in conformità con l'usanza del tempo per cui le guardie che lasciavano evadere un prigioniero incorrevano nella sua stessa pena.

L'incidente d'Antiochia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Paolo di Tarso e il giudaismo .
Santi Pietro e Paolo di El Greco, Museo Ermitage

Dopo questa liberazione miracolosa, gli Atti degli Apostoli si limitano ad annotare che Pietro uscì e si incamminò verso un altro luogo. Il Nuovo Testamento tace su questa parte della vita dell'apostolo. Per taluni l'“ altro luogo ” sarebbe Roma, dove Pietro avrebbe cercato rifugio durante la persecuzione di Erode Agrippa, nel 44 [89] ; per altri, Antiochia , dove egli avrebbe soggiornato e dove si scontrò a quel tempo con Paolo, in un "incidente" che questi riferisce nel secondo capitolo dell' epistola ai Galati : fino a quel momento Pietro frequentava i pagani e mangiava con loro, ma all'arrivo di alcuni giudei, provenienti da Gerusalemme, per timore si allontanò da loro e si attenne alle prescrizioni mosaiche. Paolo gliene mosse vivo rimprovero poiché questo atteggiamento era contrario al pensiero cristiano, pur rendendogli omaggio come capo del gruppo apostolico.

Gli Atti degli apostoli li collocano insieme a Gerusalemme al tempo del primo concilio della giovane Chiesa nel 49 - 50 . La questione del centurione Cornelio, il primo non circonciso (e quindi considerato impuro dall'ebraismo) a entrare nella comunità dei cristiani, aveva suscitato diverse polemiche tra le varie chiese, che all'epoca erano ancora abbastanza autonome. La posta in gioco era fondamentale: per l'accesso alla nuova fede era sufficiente il battesimo o era necessario il prerequisito della circoncisione? In termini più generali (e tutt'altro che trascurabili): il cristianesimo poteva aprirsi all'ecumene o doveva rimanere un destino eventualmente limitato ai soli Ebrei?

I cristiani di origine ebraica di Antiochia sollevarono animatamente la questione, e investirono Paolo e Barnaba dell'incarico di rappresentare le loro istanze a Gerusalemme, nell'incontro con Pietro, fautore invece della tesi ecumenica, che prevedeva l'universalità della vocazione cristiana per un'indifferenziata dispensa della grazia ; evidente in ciò l'esperienza del centurione Cornelio.

Come linea di mediazione, i cristiani della chiesa di Gerusalemme ammettevano l'accesso dei pagani, purché preventivamente passassero per la fase della conversione alla legge di Mosè . La linea di Pietro prevalse decisamente, solo attenuata e mediata da Giacomo che, essendo il responsabile della chiesa cristiana di Gerusalemme, era a più stretto contatto con gli ambienti ebraici: accesso anche ai pagani purché si adeguassero a quelle norme e condizioni delle leggi ebraiche riconosciute e applicate anche dai cristiani-giudaici (non cibarsi della carne offerta nei sacrifici, divieto di matrimonio fra parenti, non mangiare animali morti per soffocamento, ecc.) [90] .

La decisione orientò l'intero avvenire della Chiesa, poiché ormai giudei e gentili avrebbero avuto gli stessi, identici diritti.

Il concilio di Gerusalemme è l'ultima apparizione di Pietro nel libro degli Atti. Egli era il portavoce dei discepoli e la comunità primitiva appare fondata su di lui; ma il prestigio di Giacomo a Gerusalemme andò aumentando e, al tempo dell'ultimo viaggio di Paolo a Gerusalemme, Giacomo è il solo citato. È probabile che l'apostolo Pietro si sia recato a questo punto ad Antiochia e vi abbia soggiornato circa sette anni; è infatti considerato il fondatore della Chiesa di Antiochia.

La missione petrina

" Pietro predica nelle catacombe " di Jan Styka

Una tradizione del II secolo , confermata anche da Girolamo [91] e da tutta la letteratura patristica cristiana, considera infatti l'apostolo il primo capo della comunità cristiana di Antiochia (non vescovo in quanto tale carica era inesistente all'epoca), tanto che già nei primi secoli la Chiesa romana celebrava il 22 febbraio la festa della Cattedra di San Pietro , la cui denominazione completa era appunto: Natalis cathedrae sancti Petri apostoli qua sedit apud Antiochiam . [92] . La circostanza è coerente anche perché nella prima metà del I secolo la Provincia Siriana era il centro della nascente religione cristiana, come è dimostrato dalla contemporanea presenza di Saulo a Damasco e di Giacomo a Gerusalemme. La prima epistola di Pietro è indirizzata a cinque Chiese dell'Asia Minore, il che conferma la sua opera evangelizzatrice della regione medio orientale.

Probabilmente si recò anche a Corinto , poiché Paolo vi segnalò dei partigiani di Pietro . Anche in questo caso una testimonianza del II secolo li individua entrambi come fondatori della chiesa locale. Le tradizioni agiografiche parlano di un successivo e definitivo viaggio verso Roma. In questo caso, l'Apostolo lo si considera sbarcato sulle coste pugliesi, seguendo le antiche rotte romane. Le città nella Puglia che vantano la fondazione petrina delle proprie diocesi sono Otranto, Leuca, Taranto e Lucera. Prima di raggiungere Roma, Pietro avrebbe ordinato il giovane diacono Cesario a Terracina [93] .

A Roma

È probabile che Pietro abbia predicato anche a Roma: Papia vescovo di Gerapoli, citato da Eusebio [94] , testimonia che Pietro predicò a Roma all'inizio del regno di Claudio (42), e che i suoi ascoltatori chiesero a Marco che mettesse per iscritto gli insegnamenti che avevano ascoltato a voce. Eusebio aggiunge che l'episodio è raccontato da Clemente Alessandrino nel VI libro delle Ipotiposi [4] . Anche Ireneo ricorda che Matteo aveva scritto il suo vangelo mentre Pietro e Paolo evangelizzavano Roma [95] [96] . Ulteriori documenti che riferiscono gli avvenimenti succedutisi dall'arrivo di Pietro nella città eterna fino al suo martirio sono nei testi apocrifi, denominati " Atti di Pietro " (composti in greco nella seconda metà del II secolo ), di contenuto abbastanza favolistico e senza dubbio poco fedeli alla realtà: testimonianza comunque di una devozione molto antica che vedeva in Pietro il padre evangelizzatore della città eterna.

Secondo Lattanzio Pietro andò a Roma quando già Nerone era salito al trono [97] , dunque dopo il 54 . Ma quel che stupisce è la mancanza di riferimenti a Pietro negli Atti degli apostoli (che narrano anche la permanenza di Paolo a Roma) e nelle lettere ai Colossesi ea Filemone, nelle quali Paolo ringrazia i compagni che lo sostengono a Roma.

Antiche tradizioni lo fanno ospite nella casa del senatore Pudente (sulla quale oggi sorge la Basilica di Santa Pudenziana sua figlia, dove è conservata la tavola sulla quale l'apostolo avrebbe celebrato l' eucaristia ) e nella casa, sull' Aventino , di Aquila e Priscilla (sui cui resti è stata edificata la chiesa di Santa Prisca ). Anche l'attuale basilica di San Sebastiano fu venerata da tempi antichissimi come Domus Petri , e un'iscrizione del papa Damaso all'interno della chiesa attesterebbe che lì abitarono Pietro e Paolo. Ugualmente la basilica di Santa Maria in Via Lata sorgerebbe proprio dove vi era una casa in cui abitarono Pietro, Paolo e Luca, che qui scrisse gli Atti degli apostoli. Si ricorda poi la località ad nymphas sancti Petri , sulla via Nomentana , presso il cimitero dell'Ostriano, dove secondo la tradizione l'apostolo battezzava i fedeli.

A Roma ebbe fine, secondo antiche tradizioni, lo scontro fra Pietro e il mago Simone di cui parlano anche Eusebio di Cesarea e Giustino .

La disputa con Simon Mago

La caduta di Simon Mago di Benozzo Gozzoli (Royal Collection, Hampton Court, UK)

Secondo la loro testimonianza questi era giunto a Roma al tempo di Claudio e Pietro l'aveva seguito proprio per confutare le sue teorie [98] . Giustino fu il primo a parlare di una statua in onore a Simon Mago, durante il regno di Claudio (41-54 dC), con l'iscrizione Simoni deo sancto ( Apol. I, 26 e 56) . Ireneo, Tertulliano, Eusebio e altri scrittori dipendono da lui. Negli Atti di Pietro viene detto che fu lo stesso Simon Mago a persuadere l'erezione di una statua con l'iscrizione A Simone, novello Dio (cap. 7). Nel 1574, nell'isola Tiberina e precisamente tra i due ponti, si è trovato un piedistallo conservato ora in Vaticano nella Galleria Lapidaria con l'iscrizione seguente: Semoni Deo Sancto Fidio sacrum . L'errore dell'apologeta Giustino sembra evidente, poiché nel caso del piedistallo la divinità in questione ( Semoni ) è un antico nume sabino [99] . Eusebio sottolinea inoltre che Simone era noto per la sua vita immorale, famoso per i prodigi della sua magia, che gli conquistarono la fama del popolo che edificò in suo onore perfino una statua su cui era inciso " Semoni Deo Sancto " [100] . Ancora oggi nella chiesa di Santa Francesca Romana si conserva una pietra con i solchi di due ginocchia, secondo la tradizione, quella su cui Pietro si inginocchiò pregando il Maestro di fermare gli incantesimi dell'avversario, che in effetti dovette abbandonare Roma e morì poco dopo: molti dei suoi seguaci, riconosciuta la superiorità del Dio annunciato da Pietro, si convertirono.

Secondo le Omelie di san Clemente Pietro ebbe più d'una volta discussioni pubbliche col mago Simone di Samaria, che insegnava dottrine spiritualiste mescolate con la mitologia greca e compiva stupefacenti prodigi con i quali conquistava l'attenzione della folla [101] . A Cesarea, dopo il concilio di Gerusalemme , in uno di questi scontri il mago, ostacolato dalle predicazioni dell'apostolo, preferì fuggire a Tiro . Pietro lo seguì, così da confermare nella fede i cristiani ingannati dal falso profeta, e raggiunse Tiro, Sidone e l'odierna Beirut , dove guarì parecchi malati e stabilì vescovi a capo delle comunità [102] . La tappa successiva fu Tripoli . Dopo tre mesi passati lì, l'apostolo si trasferì ad Antiochia, all'incirca nell'anno 52.

Secondo gli Atti di Pietro , invece, l'apostolo fu costretto a partire da Gerusalemme per dirigersi a Roma a causa di Simon Mago , che aveva causato una terribile defezione nella comunità cristiana dell'Urbe; questi infatti dichiarava di essere figlio di Dio grazie ai suoi poteri magici, attirando le attenzioni sia del popolo sia dello stesso Nerone. Recatosi dunque nel porto di Cesarea marittima , Pietro salì sopra una nave e cominciò il suo viaggio. Durante il tragitto convertì uno dei marinai, Teone, al cristianesimo, battezzandolo durante una breve sosta, prima di sbarcare a Pozzuoli .

A Roma Pietro venne ospitato da uno dei fedelissimi di Paolo, il presbitero Narcisso il quale gli rivelò che Simon Mago dimorava presso il senatore Marcello, che era divenuto uno dei suoi fedeli accoliti. Recatosi nel palazzo del senatore, Pietro con uno stratagemma miracoloso ne ottenne la conversione: Marcello rinnegò il suo passato di adepto del mago, per il quale aveva persino fatto erigere una statua.

La successiva sfida fra Simon Mago e Pietro si risolse decisamente a favore di quest'ultimo, che compì il miracolo della resurrezione del figlio di una matrona. Un secondo scontro vide la definitiva fuga e la morte in esilio di Simone [103] .

Gli Atti di Pietro continuano raccontando come, a seguito dello scontro con Simon Mago, l'apostolo fosse riuscito a conquistarsi molti proseliti che decisero di convertirsi al cristianesimo e farsi battezzare. Fra i catecumeni vi erano parecchie donne, fra le quali spiccavano Santippe, moglie del nobile Albino, e le quattro concubine del prefetto Agrippa. Esse avevano preferito abbandonare i loro amanti e seguire l'insegnamento cristiano attraverso l'astinenza sessuale. Agrippa e gli altri mariti, decisi a ricondurre nei propri talami le mogli, ordirono una congiura contro Pietro che, avvertito da Santippe, preferì fuggire piuttosto che essere ucciso. Durante la fuga, mentre si trovava sulla via Appia , gli venne incontro Gesù, portando con sé la sua croce. Quando l'apostolo chiese al maestro: " Domine, quo vadis ? " (Signore, dove vai?), questi rispose: "Vado a Roma per farmi crocifiggere un'altra volta". Sicuro che ormai la sua ora era segnata, Pietro preferì tornare a Roma per esservi crocifisso al posto del Maestro. Lungo la Via Appia, nei pressi delle catacombe di San Callisto , si trova oggi la piccola chiesa del "Domine quo vadis" , che ricorda l'evento.

Benché non vi sia nulla di improbabile nel pensare che l'apostolo avesse deciso di fuggire via da Roma prima del martirio, è senza dubbio frutto di tradizione leggendaria il racconto di Santippe e della congiura dei mariti poiché è ben noto agli studiosi che, se Pietro morì realmente a Roma, fu vittima delle persecuzioni anti-cristiane volute da Nerone e non di certo di un complotto voluto da amanti smaniosi.

Arresto e martirio

Pietro venne dunque arrestato a seguito della persecuzione neroniana e secondo antiche tradizioni rinchiuso, con Paolo, all'interno del carcere Mamertino (su cui poi sorse la chiesa di San Pietro in Carcere ) dove i due carcerieri, destinati a diventare i santi Processo e Martiniano , vedendo i miracoli operati dai due apostoli, chiesero il battesimo. Allora Pietro, con un segno di croce verso la Rupe Tarpea , riuscì a farne scaturire dell'acqua e con essa battezzò i due carcerieri che subito dopo aprirono loro le porte per invitarli alla fuga, venendo però scoperti e giustiziati. La leggenda non sembra però fondata, perché il carcere Mamertino era destinato a prigionieri che si dovevano custodire con attenzione (basti pensare a Giugurta e Vercingetorige ) e non certo a un uomo come l'apostolo, uno dei tanti immigrati nella capitale dell'Impero, a meno che Nerone non lo ritenesse talmente pericoloso da scatenare una rivolta negli ambienti della comunità cristiana. Benché non esistano prove certe della permanenza dei due nel carcere, la tradizione è comunque molto antica e la trasformazione del carcere in chiesa si fa risalire al IV secolo per volere di papa Silvestro I .

Fuggito dal carcere, Pietro si diresse verso la via Appia, ferito per la stretta delle catene. Nei pressi delle terme di Caracalla secondo la tradizione avrebbe perso la fascia che gli stringeva una gamba, oggi custodita nella chiesa dei Santi Nereo e Achilleo , detta appunto "in fasciola" [104] . Anche in questa versione ricorre l'episodio, già riportato, relativo all'incontro lungo la via Appia con il Maestro, che lo invitò a tornare a Roma per morirvi martire.

Catturato nuovamente dai soldati dell'imperatore venne crocifisso, secondo la tradizione trasmessa da Girolamo, Tertulliano , Eusebio e Origene , a testa in giù per sua stessa richiesta fra il 64 , anno dell'incendio di Roma e dell'inizio della persecuzione anti-cristiana di Nerone, e il 67 , benché l'autenticità di tale evento sia ancora oggi fonte di grande dibattito fra gli studiosi della Bibbia , [105] di matrice fondamentalmente atea.

Un punto controverso è poi la questione se Pietro e Paolo siano stati martirizzati nello stesso giorno e nello stesso anno. Il Martirologio Romano , i Sinassari delle Chiese orientali, nonché il Decretum Gelasianum del V secolo affermano: «Non in un giorno diverso, come vanno blaterando gli eretici, ma nello stesso tempo e nello stesso giorno Paolo fu con Pietro coronato di morte gloriosa nella città di Roma sotto l'imperatore Nerone» [106] , fissandone quindi la data al 29 giugno 67 .

La tradizione sulla presenza e martirio di Pietro a Roma è abbastanza ben radicata; a questo si aggiunge il fatto che nessun'altra Chiesa ha rivendicato la morte di Pietro. Tuttavia, si è osservato che la tradizione appare in forma scritta solo alla fine del II secolo , e l'identificazione di Pietro come primo vescovo di Roma compare nella letteratura solo all'inizio del III secolo ; inoltre né Clemente ( 96 dC) né Ignazio di Antiochia (circa 100 dC) confermano esplicitamente il martirio di Pietro a Roma, anche se la cosa potrebbe spiegarsi con il fatto che la cosa era nota a tutti [Nota 12] .

A sostegno della presenza di Pietro a Roma si pronunciano anche importanti storici di area protestante; tra questi il teologo e storico protestante Adolf von Harnack che si espresse con queste parole: "Il martirio di S. Pietro a Roma è stato negato dai tendenziosi pregiudizi protestanti e in seguito dai preconcetti dei critici partigiani... Non vi è studioso che attualmente esiti a riconoscere che questo fu un errore" [107] [108] . Anche il teologo luterano e storico Oscar Cullmann , pur negando il concetto di successione apostolica, non nega che Pietro sia stato a Roma e lì sia stato martirizzato [109] .

Testimonianze letterarie sulla presenza a Roma e sulla morte di Pietro

Le catene conservate a San Pietro in Vincoli

In un passo del Vangelo secondo Giovanni [110] (I secolo dC) Gesù si rivolge a Pietro dicendogli

« In verità, in verità ti dico che quand'eri più giovane, ti cingevi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, stenderai le tue mani e un altro ti cingerà e ti condurrà dove non vorresti » ( Giovanni 21,18 , su laparola.net . )

e successivamente compare l'inciso:

« Disse questo per indicare con quale morte avrebbe glorificato Dio » ( Giovanni 21,19 , su laparola.net . )

Si può supporre quindi che l'evangelista, e anche i lettori a cui egli si rivolgeva, conoscessero alcuni dettagli della morte di Pietro.

La Prima lettera di Pietro si conclude con:

« La chiesa che è in Babilonia, eletta come voi, vi saluta. Anche Marco, mio figlio, vi saluta. » ( 1Pietro 13 , su laparola.net . )

Pietro dichiara di trovarsi presso la chiesa di Babilonia . Su questo punto esistono due posizioni molto chiare: da un lato tutta la letteratura e tradizione cristiana che sostiene che per Babilonia si deve intendere Roma, e la posizione degli storici non cristiani che intendono Babilonia o Babilonide in senso letterale. Va ricordato che Pietro fu non il vescovo, carica inesistente all'epoca, ma il capo spirituale della comunità cristiana di Antiochia, che non solo era la terza città dell'Impero Romano, ma era anche situata nella Grande Siria che fu la sede della nascita e dello sviluppo delle prime comunità cristiane. Anche Saulo, come è noto, si convertì e cominciò la predicazione a Damasco. Il riferimento porterebbe quindi semplicemente alla Nuova Babilonia ( Seleucia ) lungo le rive del Tigri , oppure alla Babilonide, cioè alla zona tra Tigri ed Eufrate, zone della predicazione di Pietro. Le due posizioni sono chiaramente inconciliabili. C'è da dire che Pietro indirizzò la sua Prima lettera ai cristiani del Ponto, della Galazia, della Cappadocia, dell'Asia e della Bitinia letterali quindi si potrebbe concludere che anche Babilonia doveva essere letterale. Inoltre l'apostolo Paolo afferma che a Pietro era stata affidata 'l'evangelizzazione dei circoncisi' ebrei (Galati 2:7) e l' Encyclopaedia Judaica menziona le grandi accademie rabbiniche di Babilonia. [111] D'altro canto, la letteratura cristiana punta a dimostrare il primato di Pietro, nei suoi ultimi anni di vita, a Roma. Eusebio di Cesarea [112] accenna ad esempio alla testimonianza del vescovo Papia di Ierapoli e Clemente di Alessandria secondo i quali Marco scrisse il suo Vangelo a Roma su richiesta dei cristiani di quella città, che desideravano una testimonianza scritta degli insegnamenti di Pietro e dei suoi discepoli; questa notizia è confermata da Ireneo di Lione [113] . Sulla base di queste testimonianze Eusebio dichiarò che Pietro si rivolgeva a Roma con il nome figurato di Babilonia nella sua prima lettera (1 Pt 5, 13).Uno dei motivi per cui Pietro non avrebbe scritto in tutte le sue lettere il nome di Roma, potrebbe essere che dopo la sua liberazione miracolosa narrata negli Atti degli Apostoli e la fuga da Gerusalemme, egli era per le autorità un latitante ricercato; ma non mancano altre spiegazioni, come l'uso di crittogrammi tipicamente giudaici per Roma, come l'antico toponimo "Babilonia". [114] Nella prima lettera di Clemente (95-97 circa), attribuita a Clemente di Roma [Nota 13] si trova scritto:

«Per invidia e per gelosia i più validi ei più importanti pilastri [della Chiesa] hanno sofferto la persecuzione e sono stati sfidati fino alla morte. Volgiamo il nostro sguardo ai santi Apostoli... San Pietro, che a causa di un'ingiusta invidia, soffrì non una o due, ma numerose sofferenze, e, dopo aver testimoniato con il martirio, assurse alla gloria che aveva meritato»

( Clemente di Roma, lettera ai Corinzi , v )

Sono poi menzionati Paolo e altri, dichiarando che essi patirono il martirio presso di noi , ovvero tra i Romani, espressione che è chiarita dal capitolo IV. In questa lettera ci si riferisce a quella che fu poi interpretata come la prima persecuzione dei cristiani dopo il grande incendio di Roma , sotto l' imperatore Nerone , collocando quindi la morte di Pietro in quell'epoca.

Nella sua lettera scritta all'inizio del II secolo , prima del 107 , il vescovo Ignazio di Antiochia cerca di dissuadere i cristiani di Roma dall'intercessione in suo favore, con la quale avrebbero potuto evitarne la condanna a morte, dichiarando:

«Non vi comando, come Pietro e Paolo: loro furono apostoli, mentre io non sono altro che un rifiuto»

( Ignazio di Antiochia, Ai Romani 4 )

Il vescovo Dionigi di Corinto nella sua lettera alla Chiesa romana durante il pontificato di papa Sotero ( 165 - 174 ) scrive che [115] :

«Dovete quindi, con la vostra più vivida esortazione, riunire insieme i prodotti della semina di Pietro e di Paolo a Roma ea Corinto. Poiché entrambi hanno seminato la parola del Vangelo anche a Corinto, e insieme lì ci hanno istruiti, nello stesso modo in cui insieme ci hanno istruiti in Italia e insieme hanno patito il martirio»

Ireneo di Lione , che trascorse del tempo a Roma poco dopo la metà del II secolo prima di recarsi a Lione , descrive la chiesa di Roma come

«la più grande e antica chiesa, conosciuta da tutti, fondata e organizzata a Roma dai due più gloriosi apostoli, Pietro e Paolo»

( Ireneo di Lione, Contro gli eretici , III, iii; cf. III, i )

Cita quindi la nota attività apostolica di Pietro e Paolo a Roma per usarla come prova della tradizione.

Clemente di Alessandria dichiara che [116] :

«Dopo che Pietro ebbe annunciato la Parola di Dio a Roma e predicato il Vangelo nello spirito di Dio, la moltitudine degli uditori richiese a Marco, che aveva a lungo accompagnato Pietro nei suoi viaggi, di scrivere quello che gli apostoli avevano loro insegnato.»

( Clemente di Alessandria, Hypotyposes )

Tertulliano fa spesso riferimento alla predicazione di Pietro e Paolo a Roma:

«Se sei in Italia, hai Roma, da cui si diffonde un'autorità che va molto oltre [i confini della stessa Italia]. Quanto è fortunata questa Chiesa per cui gli Apostoli hanno versato la loro dottrina con il loro sangue, dove Pietro ha emulato la passione del Signore, dove Paolo è stato coronato con la stessa morte di Giovanni (Battista).»

( Tertulliano, De Praescriptione , xxxv )

Riferendosi al passo del Vangelo descritto precedentemente (Giovanni 21,15-19 [117] ):

«La germogliante fede cristiana fu insanguinata per primo da Nerone a Roma. Là Pietro fu legato da un altro come Gesù gli aveva profetizzato, quando fu legato alla croce»

( Tertulliano, Scorpiace , xv )

Per illustrare il fatto che non è importante con quale acqua si amministri il battesimo , scrive che non c'è

«[...] nessuna differenza tra quella con cui Giovanni battezzava nel Giordano e quella con cui Pietro battezzava nel Tevere »

( Tertulliano, Sul battesimo , capitolo 5 )

e contro Marcione si riferisce alla testimonianza dei cristiani romani:

«[...] a cui Pietro e Paolo hanno trasmesso in eredità il Vangelo racchiuso nel loro sangue»

( Tertulliano, Contro Marcione , IV, v )

San Girolamo nel De viris illustribus , basandosi su fonti più antiche, soprattutto Eusebio di Cesarea , scrive:

«Simon Pietro, figlio di Giovanni, dal villaggio di Betsaida nella provincia di Galilea, fratello di Andrea apostolo , ed egli stesso capo degli apostoli, dopo essere stato vescovo della Chiesa di Antiochia e aver predicato alla Diaspora - i credenti nella circoncisione , nel Ponto , Galazia , Cappadocia , Asia e Bitinia - si spostò a Roma nel secondo anno di Claudio per spodestare Simon Mago , e vi mantenne il seggio sacerdotale per venticinque anni fino all'ultimo, ovvero il quattordicesimo anno di Nerone. A causa sua ricevette la corona del martirio venendo inchiodato alla croce con la testa verso terra ei piedi innalzati al di sopra, sostenendo che era indegno di essere crocifisso nella stessa maniera del suo Signore. Scrisse due lettere che sono dette "cattoliche", la seconda delle quali, essendo diversa nello stile rispetto alla prima, è considerata da molti non di sua mano. Anche il Vangelo secondo Marco , che era suo discepolo e interprete, è ritenuto suo. D'altra parte i libri ascritti a lui, di cui il primo è intitolato Atti, un secondo Vangelo, un terzo Discorso, un quarto Apocalisse, un quinto Giudizio, sono respinti come apocrifi . Seppellito a Roma in Vaticano presso la via del trionfo, è venerato da tutto il mondo.»

( Sofronio Eusebio Girolamo, De viris illustribus )

Secondo l'apocrifo Dormizione della Santa Madre di Dio (IV-V secolo), attribuito all'apostolo Giovanni, Pietro, insieme agli altri apostoli, venne condotto per volere divino dal luogo dove egli si trovava fino a Gerusalemme per dare l'ultimo saluto a Maria, madre di Gesù , che voleva incontrare per l'ultima volta gli apostoli del figlio. Secondo la leggenda Pietro venne sollevato da una nuvola mentre predicava a Roma [118] e condotto in poco tempo a Gerusalemme, ritrovandosi subito al capezzale della Vergine, la cui salma egli baciò, insieme a Giovanni e Paolo, e preparò per la sepoltura. [ punti di vista minoritari ]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dormizione di Maria .

Testimonianze archeologiche

La tomba ei resti di Pietro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tomba di Pietro .
Foto della presunta tomba di Pietro nelle grotte vaticane

In mancanza di testimonianze documentarie certe sulla data della morte di Pietro, la tradizione l'ha fissata al 29 giugno. Si tratta, secondo alcuni studiosi, di uno dei più antichi esempi di trasposizione di una festa pagana in cristiana: in quel giorno infatti si celebrava la festa di Romolo e Remo che i cristiani trasformarono nella solennità dei due apostoli, quali fondatori di una " nuova Roma ", quella cristiana appunto. Con una serie di argomentazioni l'archeologa Margherita Guarducci giunse alla conclusione che il martirio dell'apostolo avvenne il 13 ottobre 64 [119] (ei più recenti Annuari Pontifici non hanno ancora definito l'incertezza).

Testimonianze apocrife individuano il luogo della crocifissione di Pietro nei pressi dell' obelisco del circo di Nerone (quello che anticamente si trovava all'esterno dell'attuale sagrestia della basilica e ora è situato al centro di piazza San Pietro ). L'apostolo fu sepolto nelle vicinanze dell'obelisco, dove rimase fino al 258 quando, per mettere al sicuro le spoglie durante la persecuzione di Valeriano , fu trasferito nelle catacombe di San Sebastiano, insieme ai resti di Paolo. Un secolo più tardi papa Silvestro I ripristinò le antiche sepolture, e Pietro tornò in Vaticano, nel luogo in cui Costantino fece poi costruire la primitiva basilica. Sulla tomba di Pietro la tradizione cristiana ha espresso precedentemente altre versioni contrastanti, a causa delle due traslazioni che tale sepoltura ha subìto nei primi due secoli prima di tornare alla posizione originaria. Secondo la testimonianza del presbitero Gaio, riportata da Eusebio di Cesarea "se andrai al Vaticano o sulla Via Ostiense, vi troverai i trofei dei fondatori della Chiesa" [120] . Comunque nessuna tradizione ha mai indicato altra città oltre Roma.

Vari tentativi di ritrovare la tomba dell'apostolo risultarono infruttuosi per essere il sito stato utilizzato come necropoli anche nel II e III secolo , ma durante degli scavi sistematici effettuati nelle grotte vaticane a partire dal 1939 (fortemente voluti da Pio XII ), venne individuata, in corrispondenza dell'altare della Basilica di San Pietro , un'edicola, poggiata su un muro intonacato di rosso, su cui era leggibile il graffito in caratteri greci “Πετρ(ος) ενι” (“Pietro è qui”), luogo generalmente indicato come tomba di Pietro. L'episodio è però divenuto uno dei misteri archeologici di Roma, in quanto non venne rinvenuto, sul momento, alcun resto riconducibile a una sepoltura. Solo nel 1965 uno degli operai che avevano partecipato agli scavi riferì alla Guarducci che all'epoca gli era stato consegnato del materiale riposto in una scatola da scarpe abbandonata da qualche parte nei magazzini. La scatola venne infatti rinvenuta: conteneva terra, frammenti d'intonaco rosso e di tessuto, monetine medievali e resti umani e animali. Le indagini scientifiche [121] appuravano che i resti umani, risalenti al I secolo , appartenevano a un uomo di 60-70 anni, la terra e l'intonaco rosso erano le stesse dell'edicola, i frammenti di stoffa erano di un drappo rosso intessuto d'oro e le monetine erano probabilmente state portate lì attraverso fessure e screpolature del terreno da topi ai quali infatti appartenevano i resti animali. Anche se non si poteva parlare di prove certe, gli indizi erano tali da poter affermare che l'edicola rinvenuta 16 anni prima poteva essere la tomba di Pietro [122] .

La casa di Cafarnao

In seguito agli scavi di Cafarnao del 1968 [123] , fu individuata la casa di Simon Pietro. Sotto il pavimento di una chiesa dedicata all'apostolo sin dal V secolo (la più antica che si conoscesse in Israele), si è trovata quella che gli archeologi hanno provato in modo indiscutibile essere appunto la casa di Pietro [124] . Si tratta di una povera abitazione, simile in tutto alle altre che la circondano tranne che in un particolare: le mura sono coperte di affreschi e graffiti (in greco, in siriaco, in aramaico, in latino) con invocazioni a Pietro per chiederne la protezione [Nota 14] . È accertato che la casa fu trasformata in luogo sacro sin dal primo secolo: è quindi la più antica “chiesa” cristiana conosciuta. Testimonia che prima del 100 (prima ancora, cioè, che la tradizione si fissasse completamente in testi scritti e definitivi) non solo già vigoreggiava il culto di Gesù ma giungeva a maturazione addirittura la “canonizzazione” dei suoi discepoli, già invocati come “santi” protettori [123] .

Opere attribuite a Pietro

Il Nuovo Testamento comprende due lettere tradizionalmente attribuite a Pietro: la prima lettera di Pietro e la seconda lettera di Pietro . Basandosi sulla buona qualità del greco, e considerando che Pietro doveva essere un pescatore di Galilea, quindi un illetterato, molti studiosi dubitano che l'apostolo abbia scritto personalmente queste lettere, e si ipotizza che siano state scritte dal suo segretario ( amanuense ) o da un seguace dopo la sua morte. In particolare i dubbi si concentrano sulla seconda, che nei primi secoli era fra i testi " discussi ". C'è anche chi ipotizza che essa sia un rifacimento della lettera di Giuda , anch'essa canonica .

Con il nome di Pietro esistono anche diversi testi apocrifi , fin dall'antichità considerati pseudoepigrafi; tra questi ci sono:

Culto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Santi Pietro e Paolo .
Statua di san Pietro a Piazza San Pietro , Città del Vaticano
Andrea Vanni , San Pietro, 1390

La Chiesa cattolica, che ha quale punto di riferimento e sede papale la basilica dedicata proprio all'apostolo Pietro, in suo onore celebra ogni anno ben quattro feste. Il 18 gennaio e il 22 febbraio viene ricordata la fondazione delle due sedi episcopali di Roma e di Antiochia (quest'ultima fu sotto la sua autorità per sette anni circa), il 1º agosto si celebra invece il miracolo delle catene. Il 29 giugno viene infine commemorato il martirio del santo. La sera del 28 giugno si ha la benedizione dei palli da parte del pontefice . Il mattino seguente, al cancello centrale della basilica Vaticana viene appesa la " nassa del pescatore ", a ricordare l'umile mestiere di Pietro. Contemporaneamente, nella basilica Lateranense si assiste all'ostensione dei reliquiari contenenti le teste di san Pietro e di san Paolo. Nella chiesa di San Pietro in Carcere, dopo una celebrazione sacra, si può compiere la visita alla prigione dove l'apostolo venne rinchiuso dopo l'arresto. Nei Vespri e nella Lodi viene recitato o contata l'inno Decora lux aeternitatis auream .

In Italia , il 29 giugno, giorno dei santi Pietro e Paolo, fino al 1976, era giorno festivo concordatario , ma la festività è stata abrogata nel marzo 1977, rimanendo solo come festa patronale per la città di Roma. In Ticino è tuttora giorno festivo.

Patronati

Nella Chiesa cattolica san Pietro è ricordato come il santo patrono dei fornai, costruttori di ponti, macellai, pescatori, mietitori, cordai, orologiai, fabbri, calzolai, tagliapietre, costruttori di reti da pesca e di navi; è anche il patrono della longevità e del papato ed è invocato per intercedere in caso di rabbia, problemi ai piedi e febbre . È anche il patrono, come primo papa, della Chiesa universale. Varie città, paesi e regioni considerano Pietro loro patrono, tra cui:

È il patrono anche di numerose altre città, come Brema , Calbayog , Chartres , Colonia , Dabaw , Dunajská Streda , Köpenick , Leida , Lessines , Maralal , Moissac , Naumburg (Saale) , Poznań , Providence , Ratisbona , San Pietroburgo , Toa Baja , Worms .

Luoghi di culto

Il maggior luogo di culto dedicato all'apostolo San Pietro è la basilica omonima della Città del Vaticano , nella piazza a lui dedicata. Roma, in particolare, possiede tante altre chiese dedicate al santo; fra queste la basilica di San Pietro in Vincoli , dove si conservano le catene con le quali Pietro sarebbe stato incatenato nella sua prigionia nel Carcere Mamertino (il nome «in vincoli» deriva appunto dal latino in vinculis , «in catene»). Alquanto fantastica è la storia di queste catene, che simboleggiano la continuità dell'azione esercitata da san Pietro a Gerusalemme e poi a Roma, e delle prigionie sofferte nelle due città: la leggenda narra che Atenaide Eudocia , moglie del imperatore bizantino Teodosio II , si recò in pellegrinaggio a Gerusalemme ricevendo in dono la catena con la quale Pietro era stato imprigionato: poi ne inviò una parte a Roma alla figlia Licinia Eudossia che la donò a papa Leone Magno . Quando il pontefice la depose nel reliquiario dov'era custodita la catena della prigionia romana, entrambe si saldarono insieme.

Altri luoghi a lui dedicati, sempre a Roma, sono ancora la chiesa di San Pietro in Carcere, l'ex-carcere Mamertino, dove è tuttora visitabile la cella dove l'apostolo venne rinchiuso poco prima della morte, la chiesa di San Pietro in Montorio dove, secondo una tradizione alternativa, egli venne crocifisso.

A pochi chilometri dalla città di Pisa , presso la località di San Piero a Grado , esiste una delle più importanti Basiliche del medioevo italiano, la Basilica di San Piero a Grado . Secondo la tradizione essa sarebbe stata edificata nel luogo in cui San Pietro Apostolo sarebbe approdato nel 43 dC e lì avrebbe officiato la prima Messa Cristiana in Italia. A partire dal V secolo sono testimoniati numerosi cenobi nei dintorni della suddetta, fondata sui resti di un'antica villa di epoca romana. Secondo la tradizione Pietro, approdato a Porto Pisano , si sarebbe rifugiato all'interno della villa e lì avrebbe professato la parola di Cristo fino a erigere una colonna, sulla quale fu posta una lapide marmorea, a simulazione di un altare. Su quell'altare avrebbe officiato la sua prima Messa in terra Pisana e quindi Italiana. L'altare sarebbe stato consacrato poi da papa Clemente I al quale, al momento della consacrazione, sarebbero cadute dalle narici tre gocce di sangue sulla pietra marmorea che ancora si conserva, come preziosa reliquia, nel Museo dell'Opera del Duomo (Pisa) . Un preziosissimo ciclo di affreschi del XIV secolo , opera di Deodato Orlandi , testimonia il passaggio di Pietro dal Porto Pisano. Di notevole interesse è l'area archeologica interna, che mostra i resti della prima Basilica di epoca paleocristiana, i successivi ampliamenti di VIII-X secolo e soprattutto la sopracitata colonna d'altare, sovrastata da un imponente ciborio gotico.

Santi battezzati dall'apostolo

Pietro e Paolo in un'incisione del IV secolo

Arte, letteratura e cinema

La statua di san Pietro nella Basilica di San Pietro in Vaticano
San Pietro in trono e storie della sua vita di Guido di Graziano, Pinacoteca di Siena
Girolamo dai Libri , San Pietro con le chiavi e la quercia, Museo di Castelvecchio , Verona .

Iconografia

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Dipinti su san Pietro

La più antica rappresentazione esistente [125] è un medaglione di bronzo con la raffigurazione delle teste degli apostoli, datato tra la fine del II secolo e l'inizio del III , conservato nel museo della Biblioteca Apostolica Vaticana : Pietro mostra una testa arrotondata con il mento prominente, la fronte sfuggente, i capelli spessi e ricci e la barba . Queste caratteristiche sono così individuali che fanno pensare a un ritratto.

Questo tipo di iconografia è stata rinvenuta anche in altre due rappresentazioni petrine in una camera della catacomba di Pietro e Marcellino , risalente alla seconda metà del III secolo [126] . Nei dipinti della catacomba , Pietro e Paolo appaiono frequentemente come intercessori e protettori dei defunti nelle rappresentazioni del giudizio finale [127] e nell'atto di accompagnare una figura di defunto in preghiera nel paradiso .

Nelle numerose rappresentazioni di Cristo in compagnia degli Apostoli che si rinvengono nelle catacombe e nei sarcofagi, Pietro e Paolo occupano sempre i posti d'onore alla destra e alla sinistra di Gesù. Nei mosaici delle basiliche romane, datati tra il IV e il IX secolo , Cristo compare al centro dell'immagine con Pietro e Paolo alla sua destra e sinistra, e accanto a loro i santi localmente venerati.

In sarcofagi e altri memoriali dei defunti sono presenti scene della vita di san Pietro come descritta nei Vangeli: Pietro che cammina sulle acque del lago di Tiberiade dopo aver lasciato la barca alla chiamata di Cristo, la profezia del suo tradimento, la lavanda dei piedi, la resurrezione di Tabitha, la cattura e la condanna a morte. In due gilt glasses è rappresentato come Mosè che fa sgorgare acqua dalle rocce con il suo bastone; il nome Pietro compare al di sotto della scena che può essere interpretata come una sua rappresentazione come guida dei Cristiani.

Nel periodo tra il IV e il VI secolo è particolarmente frequente l'immagine della consegna della legge a Pietro, che compare in vari tipi di monumenti: Cristo consegna a Pietro una pergamena aperta o arrotolata in cui spesso si trova la scritta Lex Domini (la legge del Signore). Nel Mausoleo di Santa Costanza a Roma questa è affiancata alla raffigurazione della consegna delle tavole della legge a Mosè.

In alcune raffigurazioni del IV secolo Pietro porta spesso un bastone nella mano, e successivamente una croce con una lunga asta trasportata sulla spalla, come se fosse uno scettro indicativo del suo compito. Nelle rappresentazioni dei sarcofagi del V secolo Gesù presenta a Pietro le chiavi (solitamente due, talvolta tre) invece della pergamena; dalla fine del VI secolo la rappresentazione con le chiavi risulta prevalente e queste diventano un caratteristico simbolo di Pietro [128] .

Dal secolo VI in poi Pietro ha la tonsura e viene per lo più rappresentato senza copricapo, vestito con abito o mantello apostolico, talvolta anche con paramenti episcopali o pontificali. Come attributo specifico, oltre alle chiavi, a partire dal XIV secolo anche un bastone con tre aste trasversali, che diventa simbolo del papato pietrino, mentre la croce capovolta ne indica il martirio. Raramente appaiono come attributi anche il gallo, il pesce o la barca.

Dal secolo XIV Pietro appare principalmente sotto vesti papali come figura centrale sugli altari a lui dedicati (per esempio l'altare maggiore di San Pietro a Monaco , opera di Erasmus Grasser nel 1400), come figura a sé stante nella serie degli apostoli o in compagnia di san Paolo come simbolo della Chiesa romana.

Uno dei primi cicli pittorici sulla vita di san Pietro era quello che si trovava nell'antica basilica vaticana, che venne in seguito distrutta e ricostruita nuovamente. Il più importante è però quello di Masolino e Masaccio , nella cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine a Firenze (alla cui realizzazione contribuì anche Filippino Lippi ), con le seguenti scene: Predicazione di san Pietro , Guarigione del paralitico e risurrezione della cristiana Tabita , Pagamento del tributo , Battesimo dei neofiti , Pietro guarisce i malati con la sua ombra , Distribuzione delle elemosine e morte di Anania , Resurrezione del figlio di Teofilo e san Pietro in cattedra , Paolo visita Pietro in prigione, Liberazione di Pietro, Disputa con Simon Mago e crocifissione di San Pietro . Un tempo chiudeva probabilmente il ciclo di rilievo di Donatello con la Consegna delle chiavi , oggi al Victoria and Albert Museum di Londra .

La Liberazione di san Pietro , di Raffaello Sanzio

Raffaello , nei suoi arazzi per la cappella Sistina (1524 circa) non attinge gli episodi dipinti da testi apocrifi, così come avevano fatto Masolino e Masaccio, bensì dagli scritti evangelici: la Pesca miracolosa , la Consegna delle chiavi , la Guarigione dello storpio e la Morte di Anania .

Le tre scene più importanti della vita di Pietro trovano però il loro massimo splendore pittorico in tre raffigurazioni conservate in Vaticano. Nella parete longitudinale della cappella Sistina , il Perugino raffigurò un Cristo in primo piano che consegna a Pietro in ginocchio la potestas pontificia di legare e sciogliere nella forma di due chiavi. Ai due lati dell'evento principale, apostoli e altri personaggi presenti, formano due cortei. Dietro sono dipinte le scene del rinvenimento della moneta e del tentativo di lapidazione di Gesù sullo sfondo del Tempio di Gerusalemme a struttura rinascimentale e dell' arco di Costantino .

Raffaello descrive invece la Liberazione di san Pietro dalla prigione di Erode nella stanza di Eliodoro (1511-1514), delineando in questa scena notturna, con drammatici effetti di luce, lo scioglimento delle catene da parte dell'angelo, che accompagna Pietro oltre i soldati dormienti per la scala, mentre dall'altro lato alcuni soldati coprono la fuga. In connessione con altri affreschi della stanza di Eliodoro, la scena è interpretata come simbolo della liberazione della chiesa per opera di Giulio II [129] .

Statua di San Pietro apostolo nella chiesa di San Pietro a San Piero in Bagno nel Comune di Bagno di Romagna

Nella cappella Paolina infine, Michelangelo dipinge l'affresco della Crocifissione di Pietro , contrapposta alla Conversione di Saulo : in mezzo a una folla multicolore viene issata la croce, posta diagonalmente, con Pietro già crocifisso, ma ancora vivo. La raffigurazione del luogo dell'evento, ai margini di un abisso, nonché la presenza di molti soldati a cavallo e armati, accentua l'impressione di crudeltà e brutalità. Nella stessa cappella Federico Zuccari dipinse nella volta quindici storie di Pietro e Paolo.

Intorno al 1600 circa il personaggio di Pietro viene spesso raffigurato come protagonista dei due eventi più dolorosi della sua vita: il rinnegamento e il martirio. Si può ricordare a tale proposito il dipinto Le lacrime di Pietro di Georges de La Tour con un Pietro piangente, seduto con a fianco un gallo (simbolo del triplice rinnegamento) e una lanterna accesa (simbolo dell'arresto di Cristo), oppure la Crocifissione di Pietro del Caravaggio , in cui l'apostolo è rappresentato ormai anziano mentre la croce nella quale è inchiodato viene issata dai suoi carnefici.

Narrativa

Cinematografia

Pietro, essendo figura predominante nella narrazione evangelica, appare in tutti i film o le fiction televisive che raccontano la vita e la morte di Gesù, fra i quali si possono ricordare:

L'apostolo è inoltre personaggio di rilevante importanza in film o sceneggiati televisivi che narrano le vicende della primitiva chiesa cristiana e il loro sbocciare nel cuore dell'Impero, ispirati principalmente a romanzi:

Un posto a parte deve essere riservato alla fiction televisiva San Pietro del 2005 di Giulio Base , incentrata direttamente sulla vita dell'apostolo, divisa in due episodi riguardanti l'uno la missione di san Pietro a Gerusalemme e nei territori adiacenti all'allora provincia romana della Giudea , l'altra lo scontro con l'impero romano e il successivo martirio. Omar Sharif veste i panni dell'apostolo, affiancato da Daniele Pecci nel ruolo di Paolo, Flavio Insinna nel ruolo di Davide, un gladiatore convertito, Claudia Koll , Lina Sastri , Sydne Rome , Ettore Bassi e Bianca Guaccero .

Nella cultura di massa

Negli anni "san Pietro" è diventato un personaggio molto riportato in strisce umoristiche, cartoni , commedie , drammi e sceneggiature teatrali. Spesso la sua immagine gioca sul suo ruolo di "portatore delle chiavi del regno di Dio "; su questa base è spesso rappresentato come un uomo anziano con la barba che siede presso le porte del paradiso , interrogando le anime dei morti e accompagnandole all'interno del paradiso o mandandole all' inferno secondo il giudizio divino.

Note

  1. ^ La data della Passione di Gesù , e di conseguenza dell'inizio della missione di Pietro, non è del tutto certa. Tuttavia, alla luce del testo evangelico, è da collocarsi tra il 30 e il 33.
  2. ^ Anche in questo caso, la data è tradizionale, e alcune teorie l'anticipano all'anno 64 .
  3. ^ Nei vangeli (cfr. Vangelo di Giovanni 1,42) viene indicato da Gesù con il termine aramaico di פטרוס ( kêpā ), col significato di "roccia", traslitterato in greco come Κηφᾶς (Cephas) per nominarlo, e una sola volta ( Lettera ai Galati II,7) tradotto, da san Paolo , sempre in greco, come Πέτρος ( Pétros da πέτρα, pétra , che entra in latino come pĕtra , "pietra"); diffuso in questa forma nel Nuovo Testamento scritto in lingua greca, e quindi tradotto prima in latino come Petrus e infine in italiano con "Pietro".
  4. ^ "il fratello o la sorella", sostantivi maschile e femminile, rispettivamente derivati da ho adelphòs ē hē adelphē in1Cor 7:15
  5. ^ Clemente, Stromata 7,11,63-64; è presumibile però che l'autore volesse usare questa tradizione mostrando un apostolo quale modello di marito perfetto, nel senso cristiano del termine.
  6. ^ Le ipotetiche ricostruzioni cronologiche circa la vita di Pietro e la storia della Chiesa dei primi decenni variano, seppure per pochi anni, a seconda degli studiosi.
  7. ^ La data d'inizio del ministero di Gesù resta comunque incerta poiché il vangelo di Luca riferisce "il 15º anno di governo di Tiberio" Lc3,1 , su laparola.net . ma non sappiamo se si sia riferito alla successione ad Augusto (14 dC) o al suo periodo di co-reggenza (12 dC)
  8. ^ Non sono inseriti i passi biblici relativi alla sequela di Pietro poiché sarebbero troppo numerosi essendo sparsi in tutto il Vangelo
  9. ^ Le altre occorrenze del nome Cephas sia nella traduzione Diodati che nella versione CEI Gerusalemme sono:1 Corinzi 3:22 per Kephas ; Giovanni 1:42 , su laparola.net . ;1Cor 1:12 ;1Cor 9:5 ; 1Cor 15:5 ; Galati 1:18 ; Galati 2:9 , anche ai vv.11,14
  10. ^ Gv6,22-66 , su laparola.net . Riferimento giovanneo al successivo episodio dell'ultima cena a Gerusalemme, di cui egli è il solo a non parlare
  11. ^ Padre Benoît traduce con “ maestro di palazzo ” o “ visir ”. Padre Benoît, Exégèse et thèologie , II, p. 302
  12. ^ McKenzie nega anche che si possa individuare con esattezza il luogo della sepoltura dell'apostolo, ma conclude che " la convergenza delle probabilità " porta molti studiosi ad accettare la tradizione romana secondo cui Pietro subì il martirio durante il regno di Nerone tra il 64 e il 67 (John L. Mckenzie, Dizionario biblico Sulla presenza di Pietro a Roma ).
  13. ^ L'attribuzione di questa lettera a papa Clemente I e la sua datazione sono discusse
  14. ^ Le campagne di scavo furono condotte, tra gli altri, da Virgilio C. Corbo, Stanislao Loffreda, Emanuele Testa e August Spijkerman L'archeologia ci parla del Gesù storico, di Pierbattista Pizzaballa - Diario

Riferimenti

  1. ^ Vedere, ad esempio, Enrico Cattaneo, I ministeri nella Chiesa antica: testi patristici dei primi tre secoli , Milano, Paoline, 1997, p. 94; Hubert Jedin (a cura di), Storia della Chiesa , vol. I: Le origini , di Karl Baus, Milano, Jaca Book, 1976, pp. 192 ss.
  2. ^ McClintock e Strong, Cyclopedia , ristampa 1981, vol. VIII, pag. 15
  3. ^ New Bible Dictionary , a cura di JDDouglas, seconda ediz., 1986, pag. 918
  4. ^ a b Marta Sordi, I cristiani e l'impero romano , 1984, Jaka Book.
  5. ^ Da "La Repubblica,it
  6. ^ Mt 16,18 , su laparola.net .
  7. ^ Gv 1,42 , su laparola.net .
  8. ^ Gv1,44 , su laparola.net .
  9. ^ Mc1,21.29 , su laparola.net .
  10. ^ C. Rendina, I Papi. Storia e segreti , pag. 15
  11. ^ Gv 1,42; 21,5.16.17 ; Mt16,17 , su laparola.net . ; Gv1,42 , su laparola.net .
  12. ^ Mt4,18-22 , su laparola.net . ; Mc1,16-20 , su laparola.net .
  13. ^ Mt8,14-16 , su laparola.net . ; Mc1,29-31 , su laparola.net . ; Lc4,38-39 , su laparola.net .
  14. ^ 1Cor9,4-5 , su laparola.net .
  15. ^ Michele Mazzeo, Pietro roccia della Chiesa , cap.1 pag.20
  16. ^ 1 Pietro 5:12-15 , su biblehub.com . URL consultato il 19 gennaio 2019 (archiviato dall' url originale il 1º maggio 2019) .
  17. ^ 1Pietro 5:12-14 , su laparola.net . , con testo greco
  18. ^ ( EN ) S. Francesco De Sales, Introduction to the devout life , Londra, 1971, p. 3.
  19. ^ Mt4,18-22 , su laparola.net . ; Mc1,16-20 , su laparola.net . ; Lc5,1-11 , su laparola.net . ; Gv1,40-42 , su laparola.net .
  20. ^ Lc5,10 , su laparola.net .
  21. ^ At4,13 , su laparola.net .
  22. ^ Michele Mazzeo, Pietro roccia della Chiesa, pag.437
  23. ^ Mc1,16-20 , su laparola.net .
  24. ^ Mt8,14-15 , su laparola.net .
  25. ^ Lc5,1-11 , su laparola.net .
  26. ^ Gv1,40-42; 21,1-11 , su laparola.net .
  27. ^ Mc1,16-18 , su laparola.net .
  28. ^ Mt10,2 , su laparola.net .
  29. ^ Lc5,10 , su laparola.net .
  30. ^ At2,1-41 , su laparola.net .
  31. ^ At3,1 - 4,31 , su laparola.net .
  32. ^ At 8,14-25 , su laparola.net .
  33. ^ At 10,1-11,18 , su laparola.net .
  34. ^ At 12,1-24 , su laparola.net .
  35. ^ Gal2,1-11 , su laparola.net .
  36. ^ At 15,1-35 , su laparola.net .
  37. ^ 1Pt1,1 , su laparola.net .
  38. ^ Michele Mazzeo, Pietro roccia della Chiesa, pag.443
  39. ^ Eusebio, Historia ecclesiastica 2,25,3-5; 1Clemente 5,2-7
  40. ^ Gv1,41 , su laparola.net .
  41. ^ Gv1,42 , su laparola.net .
  42. ^ Occorrenze del nome Cephas nella Bibbia , su laparola.net . URL consultato il 19 gennaio 2019 ( archiviato il 19 gennaio 2019) .
  43. ^ Bibbia di re Giacomo. Lettera ai Galati, capitolo 1, verso 18 , su Kingjamesbibleonline.org , 1611. URL consultato il 19 gennaio 2019 ( archiviato il 9 febbraio 2013) . , con il testo greco nella versione interlineare: ( EL , EN ) Bibbia interlineare. Galati 1:18 , su biblehub.com . URL consultato il 19 gennaio 2019 ( archiviato il 19 dicembre 2013) .
  44. ^ 1Corinzi 9:5 , su laparola.net .
  45. ^ Bibbia greca interlineare. Prima Lettera ai Corinzi, capitolo 9, versi 1-6 , su biblehub.com . URL consultato il 19 gennaio 2019 ( archiviato il 13 giugno 2013) .
  46. ^ Lc5,7 , su laparola.net .
  47. ^ Mt4,19-20 , su laparola.net . ; Lc5,11 , su laparola.net .
  48. ^ Mt14,28-31 , su laparola.net .
  49. ^ Mt17,24-27 , su laparola.net .
  50. ^ Lc8,45 , su laparola.net .
  51. ^ Gv6,61-68 , su laparola.net .
  52. ^ Mt+17,1-8.Mc+9,2-8.Lc+9,28-36 Matteo 17,1-8; Marco 9,2-8 e Luca 9,28-36 , su laparola.net .
  53. ^ Mt 16,18-19 , su laparola.net .
  54. ^ Mt16,16 , su laparola.net . ; Mc8,29 , su laparola.net . ; Lc9,20 , su laparola.net .
  55. ^ Mt16,18 , su laparola.net .
  56. ^ Mt16,19 , su laparola.net .
  57. ^ Vedi Bibbia CEI, nota a Mt16,18-19
  58. ^ Le chiavi per aprire il Regno dei Cieli - La spada per combattere il male , su it.zenit.org .
  59. ^ Vedi Bibbia TOB, nota na Mt16,18
  60. ^ C. Rendina, "I Papi. Storia e segreti", pag. 16.
  61. ^ John Meyendorff, et al. (1963), Il primato di Pietro nella Chiesa Ortodossa, Crestwood NY, ISBN 978-0-88141-125-6
  62. ^ The Orthodox New Testament, Vol. I: The Holy Gospels (1999) pag.105
  63. ^ Primato di San Pietro , su syrianchurch.org .
  64. ^ Mt16,16 , su laparola.net .
  65. ^ Ef2,20 , su laparola.net .
  66. ^ Doctrine & Covenants 27: 12–13
  67. ^ Mc+8:31-33.Mt+16:21-23 Mc 8:31-33 e Mt 16:21-23 , su laparola.net .
  68. ^ Gv13,36-38 , su laparola.net . ; Lc22,33-34 , su laparola.net .
  69. ^ Mt26,33-35 , su laparola.net . ; Mc14,29-31 , su laparola.net .
  70. ^ Lc 22,32 , su laparola.net .
  71. ^ Gv 13,24 , su laparola.net .
  72. ^ Gv13,8 , su laparola.net .
  73. ^ Gv 13,9 , su laparola.net .
  74. ^ Mt26,40-41 , su laparola.net .
  75. ^ Mt+26,51.Mc+14,47.Lc+22,50.Gv+18,10 , su laparola.net .
  76. ^ Gv18,15 , su laparola.net .
  77. ^ Giuseppe Ricciotti, Vita di Gesù Cristo , par.571 pag.652
  78. ^ Gv18,17 , su laparola.net .
  79. ^ Gv18,26 , su laparola.net .
  80. ^ Mc14,72 , su laparola.net .
  81. ^ Gv20,2-7;Lc24,12 , su laparola.net .
  82. ^ Lc24,34;1Cor15,5 , su laparola.net .
  83. ^ Gv21,1-3 , su laparola.net . . Anche il vangelo apocrifo di Pietro riporta questa notizia, vedi XIV 60
  84. ^ Gv21,7-8 , su laparola.net .
  85. ^ Gv21,15-17 , su laparola.net .
  86. ^ Vedi Bibbia Cei nota a Gv21,15
  87. ^ Gv21,18 , su laparola.net .
  88. ^ Gv21,20-22 , su laparola.net .
  89. ^ Eusebio di Cesarea, Historia Ecclesiastica , II, 14, 6
  90. ^ M. Adriani, La cristianità antica , Bibliotheca Fides, Roma, 1981, pagg. 175 e sgg.
  91. ^ Girolamo, De viris Illustribus , I
  92. ^ Dag Tessore, San Pietro , Città Nuova, cap. X, pag. 117
  93. ^ Atti di Pietro e Paolo dello Pseudo-Marcello
  94. ^ Eusebio, Storia Ecclesiastica
  95. ^ Adversus Haereses, III, 1,1
  96. ^ Eusebio, Adversus Haereses, v,8,3
  97. ^ Lattanzio, De mortibus persecutorum , II
  98. ^ Eusebio di Cesarea, Historia Ecclesiastica II, 13-14
  99. ^ Mario Erbetta, Gli Apocrifi del Nuovo Testamento, vol. II Atti e leggende , II 1978, Casa Editrice Marietti, 1966, p. 150.
  100. ^ Giustino, I Apologia , XXVI
  101. ^ Clementinae , I, 15
  102. ^ Clementinae , VII, 12
  103. ^ Atti di Pietro , 32 vv.4
  104. ^ Dag Tessore, San Pietro, cap.XVI pag.163
  105. ^ Si veda per esempio Corrado Augias e Remo Cacitti , Inchiesta sul cristianesimo , Arnoldo Mondadori Editore , 2008, ISBN 978-88-04-58303-5 . , pag 259
  106. ^ Decretum Gelasianum DS 350
  107. ^ Chronologie der altkirchlichen Literatur I, Berlino, 1897, p. 244
  108. ^ Sophia: rassegna critica di filosofia e storia della filosofia vol.29, 1961
  109. ^ Oscar Cullmann, Saint Pierre , 1962, pp. 62-67; in occasione della traduzione in inglese dell'opera sul Time è uscito questo articolo: Religion: Peter & the Rock - TIME
  110. ^ Gv 21,15-19 , su laparola.net .
  111. ^ Gerusalemme, 1971, vol. 15, col. 755
  112. ^ Eusebio di Cesarea, Storia Ecclesiastica ai versi II, xv; III, xl; VI, xiv
  113. ^ Ireneo di Lione, Contro gli Eretici , III, i
  114. ^ CP Thiede, Il Papiro Magdalen e le origini del Vangelo, ed. it. Casale Monferrato 1997, pp. 78 ss.; 154 ss.
  115. ^ Il testo è riportato nella Storia Ecclesiastica di Eusebio di Cesarea (II, 25).
  116. ^ Il testo è riportato nella Storia Ecclesiastica di Eusebio di Cesarea (VI, 14).
  117. ^ Gv 21,15-19 , su laparola.net .
  118. ^ Apocrifo della " Dormizione della Santa madre di Dio " XII
  119. ^ Claudio Rendina, I papi, storia e segreti volume primo, Ed. Newton Compton, Roma, 2005. 19. ISBN 88-541-0213-X
  120. ^ Storia Ecclesiastica 2,25,6-7
  121. ^ Per ulteriori informazioni vedi Margherita Guarducci, La Tomba di San Pietro , Editrice Rusconi 1989, Milano
  122. ^ Claudio Rendina, Nel ventre di San Pietro dentro la "città dei morti" , la Repubblica, 10 novembre 2002
  123. ^ a b Vittorio Messori Ipotesi su Gesù
  124. ^ Virgilio Corbo, Resti della Sinagoga del primo secolo a Cafarnao, in “Studia Hierosolymitana III”, (SBF Collectio Maior, 30) , 1981, Gerusalemme.
  125. ^ Vedi la sezione VI ( REPRESENTATIONS OF ST. PETER ) della voce su Pietro nella Catholic Encyclopedia
  126. ^ Wilpert, Die Malerein der Katakomben Rom , pagina 94 e 96
  127. ^ Wilpert, op. cit., pagina 390 e seguenti
  128. ^ Grisar, Analecta romana , I, Roma, 1899, pagina 627 e seguenti
  129. ^ Personaggi della Bibbia , Mondadori 2006, p. 399.

Bibliografia

  • Cipriani S., La figura di Pietro nel Nuovo Testamento , 1991
  • Caragounis CC, Peter and the Rock , Berlino 1990
  • Cullmann O., "San Pietro. Discepolo - Apostolo - Martire" (1952), in AA.VV., II primato di Pietro nel pensiero cristiano contemporaneo , Bologna 1965
  • Donati A., Pietro e Paolo La storia, il culto, la memoria nei primi secoli , Milano 2000
  • Garofalo S., Studi petrini , Roma 1968
  • Ghiberti G., L'apostolo Pietro nel Nuovo Testamento , Berlino 1992
  • Gnilka J., Pietro e Roma , Brescia 2003
  • Grant M., San Pietro , Londra 1994
  • Maccarone M., San Pietro in rapporto a Cristo nelle più antiche testimonianze , Roma 1968
  • Nardelli M., Pietro e Paolo apostoli a Roma , Brescia 1967
  • Pesch R., Simon Pietro , Stuttgart 1980
  • Rendina C., I Papi. Storia e segreti , Newton & Compton, Roma, 1983
  • Pier Luigi Guiducci , Gli storici e la Chiesa degli inizi , su storico.org . URL consultato il 18 ottobre 2019 ( archiviato il 18 ottobre 2019) .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
- 33 - 67 Papa Lino
Predecessore Vescovo di Antiochia Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
- intorno al 37 - intorno al 54 Evodio di Antiochia
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 13581141 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1984 7373 · LCCN ( EN ) n79022118 · GND ( DE ) 118593323 · BNF ( FR ) cb120020645 (data) · CERL cnp00396091 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-13581141