Sèrbia

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu Sèrbia (desambiguació) .
Sèrbia
Sèrbia: bandera Sèrbia: escut d'armes
( detalls ) ( detalls )
( SR ) Само слога Србина спашава
(Samo disloca Srbina spašava)
( IT ) Només la unitat salva els serbis
Sèrbia: ubicació
Sèrbia (en verd) i Kosovo (verd clar), un territori reclamat però no controlat.
Dades administratives
Nom complet República de Sèrbia
Nom oficial Република србија (Republika Srbija)
Idiomes oficials Serbi
Altres idiomes Bosnià , búlgar , croat , romanès , hongarès
Capital Belgrad ( 1 233 796 hab. / 2016)
Política
Forma de govern república parlamentària
President Aleksandar Vučić
primer ministre Ana Brnabić
Independència 13 de juny de 1878 (de l'Imperi Otomà )
Entrada a l’ ONU 1 de novembre del 2000 [1]
Superfície
Total 88,361 km² ( 110º )
% d'aigua 0,13%
Població
Total 7.001.444 hab. (2018) ( 86º )
Densitat 98 habitants / km²
Índex de creixement -0,464% (2012) [2]
Nom dels habitants Serbis
Geografia
Continent Europa
Fronteres Hongria , Romania , Bulgària , Kosovo (territori en disputa) , Macedònia del Nord , Montenegro , Bòsnia i Hercegovina i Croàcia
Jet lag UTC +1
Economia
Moneda Dinar serbi
PIB (nominal) 38 539 $ [3] milions de dòlars (2012) ( 88º )
PIB per càpita (nominal) 5 309 $ (2012) ( 98º )
PIB ( PPP ) 77 825 milions de dòlars (2012) ( 79º )
PIB per càpita ( PPP ) 10 722 $ (2012) ( 84º )
ISU (2016) 0,776 (alt) ( 67º )
Fertilitat 1.4 (2010) [4]
Diversos
Codis ISO 3166 RS , SRB, 688
TLD .rs, .срб
Prefix tel. +381
Autom. SRB
himne nacional Bože Pravde
festa nacional 15 de febrer
Sèrbia: mapa
[5] [6]
Evolució històrica
Estat anterior Sèrbia i Montenegro Sèrbia i Montenegro

Coordenades : 43 ° 57'N 20 ° 56'E / 43,95 ° N 20,933333 ° E 43,95; 20.933333

Sèrbia , oficialment República de Sèrbia (en serbi : Република Србија ?, Transliterada Republika Srbija ) és un estat sense litoral al sud-est d' Europa , entre les terres baixes de Panònia i la península dels Balcans . Limita amb Hongria , Romania , Bulgària , Macedònia del Nord , Montenegro , Bòsnia i Hercegovina , Kosovo i Croàcia , té uns 7 milions d’habitants i la seva capital és Belgrad .

La República de Sèrbia (1990-2006) va formar part de Iugoslàvia fins al 1992 , reduïda posteriorment a la unió estatal única de Sèrbia i Montenegro , però, després del referèndum del 21 de maig de 2006 , Montenegro va votar per la independència , la federació es va dissoldre i Sèrbia ( així com Montenegro) es va convertir en un estat sobirà.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Sèrbia .
Migració hipotètica dels serbis al segle VII segons algunes interpretacions del De administrando imperio : en groc la zona d’origen dels serbis , en verd la zona ocupada pels sorbs i en vermell la zona on es van establir els serbis.

La Sèrbia moderna va començar a formar-se només a partir dels segles VI i VII, després del descens de les poblacions eslaves a territoris que ara només eren províncies nominalment bizantines. El seu assentament va ser afavorit primer per la invasió d’ Armènia i Síria entre els anys 540 i 562 pels perses sassànides , després per la guerra romà-persa del 572-591 i per la guerra romà-persa del 602-628 , que va obligar l’ Imperi bizantí a contractar una gran part de les forces militars al front oriental [7] .

Edat mitjana

Monestir ortodox de Đurđevi Stupovi , a 7 quilòmetres de la ciutat de Novi Pazar , al centre de Sèrbia , un clar exemple de l’estil serbio-bizantí ( Patrimoni de la Humanitat )

El De administrando imperio informa que les poblacions eslaves procedents de Sèrbia blanca (que corresponen principalment a l'actual Lusàcia superior) [8] , després d'haver ajudat l'emperador Heracli I a repel·lir els àvars cap al 629 , [9] van obtenir l'autorització formal per establir-se a Tessàlia , i després emigren cap al nord. El mateix emperador va establir alguns principats, inclòs el principat de Zeta , com a estats amortidors per contrarestar les noves incursions dels àvars en territori bizantí. Un altre centre important d’agregació va ser la fortalesa de Ras , en llatí Arsa , de la qual deriva el nom de Raška , una organització estatal que, a les fonts occidentals del segle XII, era un exònim de Sèrbia [10] .

Entre el 871 i el 875, les poblacions proto-sèrbies, que es governaven en una situació de freqüents enfrontaments amb les poblacions veïnes, ja estaven plenament convertides al cristianisme.

El 1170, Stefan Nemanja , gran Zupan ( veliki župan ) de Raška , que havia pres el poder el 1166 després de la batalla de Zvečan destronant i exiliant els seus germans rivals, va aconseguir estendre el seu domini sobre totes les tribus sèrbies i la regió Zeta (actual) dia Montenegro ). En el moment del pas de la tercera croada, dirigida per Frederick Barbarossa , Stefano Nemanja va intentar obtenir el suport dels croats; fins i tot es va reunir amb Barbarossa a Niš , el 1189, i de nou l'any següent, obtenint així el reconeixement de la independència de Sèrbia de l' emperador de Bizanci , Isaac II Angelo . Després d’haver abdicat a favor del seu segon fill Esteve II conegut com a Prvovenčani (1196-1227) i d’haver-li concedit la corona de príncep de Rascia (al primogènit Vukan II se li va confiar el Principat de Zeta ), Stefano Nemanja es va retirar inicialment al monestir de Studenica i més tard al de Vatopedi al mont Athos , on ja hi havia un altre dels seus fills, Rastko, el fill petit, més conegut amb el nom de Sava. Stefan I va aconseguir, amb dificultat, preservar la independència de Sèrbia, tant contra l'Imperi Llatí de Constantinoble , format després de la quarta croada, com a partir de l'Imperi bizantí, reconstituït a Nicea . Esteve II es va aliar amb Roma i la República de Venècia , casant-se amb Anna Dandolo , nebot del duge Enrico Dandolo . Els emissaris del papa Honori III van coronar a Esteban II rei de Sèrbia en nom del pontífex amb l'esperança de reunir el serbi amb l'església llatina. El 1219, Stephen II també fou coronat de nou pel seu germà Sava , reconegut com a metropolità de l'Església sèrbia que s'havia independitzat. Esteve I fou l’autèntic fundador de la monarquia sèrbia en benefici de la dinastia Nemanjic. A la seva mort el 1228, Sèrbia va completar la seva reorganització al voltant de Raška , que es va convertir en el centre més important durant el regnat dels fills d’ Esteban II : Radoslav (1227-1233), Vladislav (1233-1243) i Uroš I (1243-1276). La dinastia Nemanjic havia aconseguit mantenir Sèrbia lluny de les crisis que van assolar els Balcans en aquell moment i mantenir el Principat independent.

Durant el regnat d’ Esteban VI Uroš II (1282-1321) i d’ Esteban VII Uroš III (1321-1331), Sèrbia va ampliar el seu poder a Macedònia i Bulgària, però va ser amb Stefan IX Uroš IV Dušan (1331-1355) que va conèixer el seu apogeu i el màxim floriment de la seva civilització. Stephen IX Uroš IV Dušan va regnar en aquell moment sobre un "imperi" que incloïa Rascia , Zeta , Macedònia , Albània i Tessàlia , arribant finalment al golf de Corint .

Va ser llavors quan Sèrbia es va independitzar definitivament de la tutela del patriarca de Constantinoble i, el 1346, l'arquebisbe de Peć va ser elevat al rang de "patriarca de tots els serbis". Des d’aquest moment fins avui, el patriarca de Peć serà elegit només pels bisbes serbis. D’altra banda, va ser precisament aquest patriarca qui va coronar Esteban IX Uroš IV Dušan el mateix any a Üskub ( Skopje ) amb el títol d ’“ Emperador dels serbis i grecs ”. La tradició va fer d' Esteban Dušan el "Carlemany de Sèrbia".

El domini otomà

Batalla de la Piana dei Merli

Amb la derrota del 15 de juny de 1389 , quan el príncep otomà Murad I va derrotar l'exèrcit cristià dirigit pel príncep serbi Stefan Lazar Hrebeljanović també anomenat Knez Lazar , en la històrica batalla de la Piana dei Merli (l'actual Kosovo Polje), i la posterior enfrontaments al nord del país, Sèrbia va començar un llarg període de dominació otomana ( 1459 - 1804 ). Les terres dels serbis van passar a ser propietat del sultà que les va transformar en feus militars hereditaris o atribuïdes de per vida a funcionaris turcs.

Com ja havia passat a Bulgària i Albània , els camperols serbis es van convertir en llogaters (que llogaven terres cultivables) dels ocupants turcs i totes les famílies sèrbies havien de subministrar periòdicament a l'exèrcit reclutes per al cos de genissars . El 1557 les relacions entre els serbis i els otomans van millorar, especialment després que el gran visir d'origen serbiMehmed-paša Sokolović (Sokollu Mehmed Pascià) restablís el patriarcat serbi a la seva seu original com a monestir patriarcal de Peć , permetent que tots els serbis fossin inclòs de l’Imperi. L'Església ortodoxa sèrbia es va convertir llavors en l'ànima de la resistència i l'únic guardià de les tradicions, la llengua i la cultura de l'estat de Sèrbia. També es va iniciar la reconstrucció d’alguns monestirs. Tot i això, les bones relacions no van durar gaire; després del fracàs de la revolta sèrbia del 1688-1690, milers de serbis dirigits pel patriarca de Peć [11] Arsenije III van haver de refugiar-se a Hongria , on el rei Leopold I els va concedir terres i privilegis: aquest va ser l’origen de la presència de la població sèrbia a les províncies del sud d'Hongria. Com a represàlia, els turcs van suprimir el patriarcat de Peć i el clergat serbi restant va ser annexionat a l'església ortodoxa grega.

Sèrbia, amb principis del segle XIX , també recolzada per l’Imperi rus , va intentar augmentar la seva autonomia respecte a l’Imperi otomà estructurant-se al Principat semi-independent de Sèrbia ( 1815 ) que es caracteritzava per una lluita interna entre les dues dinasties més poderoses del país, les Obrenovićs i les Karađorđevićs . El despertar dels serbis de Sèrbia no només va ser polític, sinó també intel·lectual. L'ensenyament va avançar significativament: el 1835, segons les dades de l'època, hi havia 60 escoles elementals a Sèrbia i cap institut superior; el 1859, el nombre d'escoles elementals havia arribat a les 352, de les quals 15 estaven reservades per a noies, a les quals cal afegir l'institut d'educació superior de Belgrad , obert el 1855. No obstant això, els serbis de Sèrbia van quedar clarament enrere en aquest sentit. que vivia a l’Imperi dels Habsburg.

De la independència a la guerra mundial

Pietro I Karađorđević

El 1878 el Congrés de Berlín va reconèixer la independència de Sèrbia i el veí Montenegro . Després del Congrés de Berlín, en què va ser reconegut oficialment com a estat sobirà, Sèrbia va continuar sent un país petit amb poc més de 50.000 quilòmetres quadrats, amb estructures arcaiques i una població de poc menys de 2 milions d’habitants. Sense accés al mar, sense ferrocarrils, Sèrbia estava formada per una immensa societat camperola de petits i mitjans propietaris, les principals activitats del qual eren el cultiu de cereals, l'arboricultura i la cria de porcs. Les poques indústries manufactureres estaven especialitzades en la transformació de productes agrícoles. L'única ciutat important de l'època era Belgrad, la capital, amb uns 30.000 habitants.

Els dos estats van participar en les guerres dels Balcans ( 1912 - 1913 ) primer contra Turquia i després Bulgària , i es van reforçar i ampliar territorialment. No obstant això, el projecte d'una possible unificació dels dos regnes va ser bloquejat per Àustria-Hongria . Les relacions entre el Regne de Sèrbia i la Monarquia Dual es van empitjorar, el govern serbi, en particular, va fer una propaganda fortament anti-austríaca, per intentar soscavar l’equilibri que mantenia un estat tan multiètnic com l’Àustria-Hongria i intentar afirmar ell mateix com a estat principal que podria proporcionar independència als eslovens i croats de la monarquia dels Habsburg; per fer-ho, Sèrbia també estava disposada a arrossegar Àustria-Hongria a una guerra destructiva. El 1914, l'hereu del tron ​​dels Habsburg va visitar la ciutat de Sarajevo el dia de Vidovdan , una de les celebracions més sentides del poble serbi. Francesco Ferdinando va donar suport a la idea de la transformació de l'imperi, de monarquia dual a triple, incloent així un tercer estat format pels territoris eslaus de la monarquia dels Habsburg, que hauria amenaçat les idees expansionistes sèrbies. El 28 de juny de 1914, un jove serbi bosnià anomenat Gavrilo Princip , sospitós de pertànyer a les files de l'organització anomenada Crna ruka ("mà negra"), va assassinar l'arxiduc Franz Ferdinand a Sarajevo .

Àustria-Hongria va decidir aprofitar l'oportunitat per fer guerra contra Sèrbia, després d'enviar al govern serbi una llista de "condicions", inclosa la possibilitat que els militars austrohongaresos circulessin al territori serbi sense haver de donar-ne compte. les autoritats sèrbies. El Regne de Sèrbia, que havia acceptat les altres condicions, es va negar categòricament a acceptar-les, cosa que va fer inevitable el conflicte, que de localitzat a global després que Rússia , França i Gran Bretanya es posessin al costat de Sèrbia.

La primera Iugoslàvia

Envoltat de les tropes enemigues austrohongareses alemanyes i búlgares, que havien iniciat l'ofensiva l'agost de 1915, l'exèrcit serbi es va veure obligat a fugir del seu territori i buscar seguretat, arribant a la costa albanesa guarnida per vaixells italians. Itàlia era de fet un aliat de Sèrbia. Durant la fugida, molts homes van morir a causa del fred i les epidèmies (el tifus i el còlera es van desenvolupar ràpidament). Cent mil homes, soldats i refugiats civils van arribar a Durres, mentre que altres cinquanta mil van arribar a San Giovanni di Medua. Amb ells també alguns presoners austríacs, que havien estat capturats en combats anteriors (posteriorment traslladats a Asinara, a Sardenya). Els italians havien creat camps d’assistència al territori albanès, un a Vlore i l’altre a Durres, amb hospitals, allotjaments i magatzems, abans d’iniciar les nombroses operacions de transbordament de refugiats amb unitats de la marina mercant, escortades per vaixells militars, que eren el transbordador entre les costes est i oest del mar Adriàtic, utilitzant el port de Bríndisi com a base logística i estació sanitària marítima. Una bona part de l'exèrcit serbi derrotat i el personal complet es van trobar refugi a Bríndisi, el 1916.

Després de la conclusió de la Primera Guerra Mundial , Sèrbia, que havia estat en guerra des de finals de juliol de 1914 i que havia patit moltes pèrdues humanes, comparables a les de les potències occidentals, es va ampliar als territoris, gràcies a l'adquisició de Voivodina. . Després de la Conferència de Pau de París del 1919, va passar a formar part del Regne dels serbis, croats i eslovens que, a partir del 1929, es va convertir en el Regne de Iugoslàvia sota la dinastia Karađorđević .

Sèrbia a la Segona Guerra Mundial

Durant la Segona Guerra Mundial , després del desmembrament del Regne de Iugoslàvia , Sèrbia es va convertir en un estat titella de l'Alemanya nazi, confiat per Hitler al general Milan Nedić , el mateix que el 1918 va fer signar la rendició per les potències centrals, de manera similar al general Pétain a França i al nazi serbi Dimitrije Ljotić . El govern pro-nazi de Nedić va col·laborar plenament amb Alemanya fins a l'alliberament conjunt de la capital per part de l' Exèrcit Roig i els partisans iugoslaus l'octubre de 1944 .

El mariscal Tito , que estava al capdavant del moviment comunista de la resistència iugoslava, després d’un període passat a l’ illa de Lissa , on residia sota protecció anglesa, es va traslladar a Belgrad , on, per fer-se acceptable per a la ciutat hostil al comunisme. , va concedir amnisties als col·laboradors, integrant-ne molts a l' Exèrcit d'Alliberament Popular i va perseguir durament els oponents fins al punt de forçar-los a rendir-se. També es va impedir que la família reial Karađorđević tornés a Iugoslàvia .

Sèrbia a la Iugoslàvia socialista de Tito

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: República Federal Socialista de Iugoslàvia .

Després de la Segona Guerra Mundial , Sèrbia es va convertir en una de les sis repúbliques de Iugoslàvia (1945-1991) juntament amb Bòsnia i Hercegovina, Croàcia, Montenegro, Macedònia i Eslovènia. En les dues dècades posteriors a la Segona Guerra Mundial, Iugoslàvia es va reconstruir i el nivell de vida dels ciutadans iugoslaus va augmentar considerablement.

Tito , president iugoslau de 1953 a 1980

La nova forma dels comunistes iugoslaus es deia autogestió ( самоуправљање / samoupravljanje ) amb els treballadors que controlaven les fàbriques i la producció. De facto, però, tots els aspectes de la vida política, social i econòmica estaven regulats pel poderós Partit Comunista Iugoslau, l’autogestió només era simbòlica i l’economia es gestionava de manera centralitzada, un mètode que hauria fracassat. La qüestió nacional es va considerar resolta per sempre amb el federalisme i amb el dogma Братство и једниство / Bratstvo i jedinstvo (Germanor i Unitat). Un altre experiment típicament iugoslau va ser la política exterior independent, en col·laboració amb països del Tercer Món a través del Moviment de No Alineats . De fet, Iugoslàvia mai ha format part de l’OTAN ni del Pacte de Varsòvia. Amb la constitució de Iugoslàvia de 1974 es va crear un dels sistemes burocràtics més complexos mai vistos. Les sis repúbliques es van convertir en estats gairebé independents i la unitat del país ara es basava només en el Partit Comunista, l'exèrcit i la figura de Tito. Poc després de la mort del mariscal el 4 de maig de 1980 , es van despertar nacionalismes i particularismes ètnics i religiosos, agreujats per la crisi econòmica que havia afectat el país. A Sèrbia, això va passar amb l’ascens al poder de Slobodan Milošević , a Croàcia amb la fundació de la Unió Democràtica Croata de Franjo Tuđman i l’aire de secessió aviat va envair el territori iugoslau.

La dissolució de Iugoslàvia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Guerres Iugoslaves .
La República Federal Socialista de Iugoslàvia.

L'estructura estatal de Iugoslàvia finalment es va aturar a principis dels anys 90, amb una nova crisi a la província de Kosovo , amb majoria albanesa, que va demanar obertament la independència definitiva de Sèrbia. Slobodan Milošević va fer servir amb destresa aquest clima de tensió i va aconseguir aparèixer com l'únic capaç de restablir finalment l'ordre a Sèrbia. Slobodan Milošević va poder comptar immediatament amb el suport de diversos seguidors destacats i el 1987 va prendre el control complet del partit comunista serbi i, indirectament, de la mateixa Sèrbia. Els anys següents va utilitzar constantment la retòrica populista i nacionalista i el poder derivat del seu partit per desfer-se dels líders de les dues regions autònomes, especialment Kosovo , així com per protegir les minories ètniques sèrbies presents a Bòsnia i especialment a Croàcia, provocant un ràpid deteriorament de les relacions amb les altres repúbliques de la federació iugoslava. El nacionalisme dominant va donar lloc a conflictes secessionistes i guerres civils que van implicar diversos territoris pertanyents a la República Socialista Federal de Iugoslàvia entre 1991 i 1995, provocant la seva dissolució.

La reconstitució com a estat independent

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: República de Sèrbia (1990-2006) .
El territori de la República Federal de Iugoslàvia (1992-2003) primer i de la Unió Estatal de Sèrbia i Montenegro (2003-2006) després; no es destaca la regió secessionista de Kosovo

El 1990, després del referèndum constitucional, Sèrbia va assumir el nom de República de Sèrbia ( Република Србија - Republika Srbija ) que també va mantenir el 1992, quan, després de la desintegració ara definitiva de la Iugoslàvia de Tito i l'esclat de les guerres iugoslaves, juntament amb Montenegro va donar a llum un nou estat federal que va prendre el nom de República Federal de Iugoslàvia (1992-2003) que al seu torn a partir del 2003 prendria el nom d’Unió Estatal de Sèrbia i Montenegro després que el 2002 el govern federal de la SRJ aprovés una reestructuració de la federació en un intent d’evitar la independència de Montenegro .

La reestructuració de la federació no va donar els resultats desitjats. Després d'aquest enèsim fracàs, el 2006 el govern montenegrí va decidir celebrar un referèndum per la independència, després del qual es va dissoldre la federació per consens. [12]

Per tant, la República de Sèrbia es va reconstituir de nou com a estat sobirà i independent després d'haver provat durant gairebé un segle experiments de federació i confederació amb els altres pobles de la península balcànica .

El 1999 la província autònoma de Kosovo es va situar sota el protectorat internacional de la UNMIK i l' OTAN amb la resolució número 1244 del 1999 del Consell de Seguretat de les Nacions Unides , que preveia l'elecció d'un Parlament local; en haver fracassat les negociacions que haurien d'haver definit el seu estatus , el Parlament del protectorat va aprovar la declaració d'independència de Kosovo el 17 de febrer de 2008. [13] Actualment [ quan? ] Kosovo és reconegut com a estat per 103 dels 193 països membres de l’ ONU (inclosos 23 de la Unió Europea ). Tot i que s’ha iniciat un procés de normalització de les relacions entre Belgrad i Pristina, recolzat per Brussel·les i indispensable per a l’adhesió de Sèrbia a la UE, aquesta no reconeix Kosovo com a estat sobirà.

Geografia física

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Geografia de Sèrbia .

Geologia

El paisatge del nord de Sèrbia consisteix en una vasta plana al·luvial que s’estén fins a la terra baixa panònica , de la qual Sèrbia inclou la porció sud, la Voivodina. La zona està travessada per alguns afluents del Danubi i hi ha poques zones modestes de relleu com la cadena del turó de Fruška Gora (539 m slm ). L'intera Vojvodina è parte integrante della pianura pannonica. Il 'confine' tra la regione della Vojvodina e la Serbia Centrale è costituito dai fiumi Sava e Danubio . Nel Sud della Serbia le pianure più ampie sono quelle che si trovano nella Metohija e nell'area secessionista del Kosovo. Il resto dei bassopiani coincide prevalentemente con le valli fluviali come la Zapadna Morava e la Nišava. A sud di Belgrado inizia la Serbia Centrale, nota anche come Šumadija. Tutte le catene montuose della Serbia e dei Balcani si trovano a Sud dei fiumi Sava [14] e Danubio [15] . Le Alpi Dinariche e la catena montuosa Šar-Pind si trovano a occidente, mentre i Carpazi, i Balcani i Rodopi sorgono a est.

La Serbia Occidentale è ricca di paesaggi variegati per forme e colori: dalla fertile piana della Mačva al basso monte Cer , fino alle prime montagne di Povlen e Maljen dove nascono le alture di Tara , Zlatibor e Zlatar . Il corso tortuoso della Drina in questo punto delimita il confine territoriale tra la Repubblica di Serbia e la Bosnia-Erzegovina .

La Serbia Centrale è invece dominata da colline e da qualche rilievo di altitudine compresa fra i 1000 ei 1500 m slm Verso sud il territorio diventa montuoso, il massiccio più importante è quello di Kopaonik , situato nel centro-sud della Serbia, nella zona fra Kraljevo , Kruševac e Novi Pazar . È un'area inclusa in un parco nazionale, famoso anche per un'importante stazione sciistica. [16]

La Serbia Orientale è una delle aree meno visitate della Serbia. Il paesaggio è caratterizzato da una varietà di montagne che sono la punta più meridionale dei Carpazi . A ponente si trovano le pianure della Morava e la fertile piana di Stig al cui centro si trova la città di Požarevac , la città più grande e più ricca della Serbia Orientale. Qui si trova anche la valle del Timok, famosa per i suoi vigneti e il clima mite. Non mancano i paesaggi naturalistici, il principale è costituito dal fiume Danubio con la gola delle Porte di Ferro.

Idrografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fiumi della Serbia .
La fortezza di Golubac , all'interno del Parco nazionale Đerdap

I laghi della Serbia sono per lo più di origine artificiale, i laghi naturali sono pochi e relativamente piccoli, tra di essi vi sono il Palić (5 km²) e il Lago Ludaš nella Serbia settentrionale presso Subotica .
Il principale lago artificiale è il Lago Ðerdap (253 km²) al confine con la Romania.

Altri bacini artificiali sono il Lago Vlasina nella parte sudorientale del paese, il Lago Gazivode sul Fiume Ibar (sud-ovest), sul Fiume Drina si trovano il Lago Zlatar nella Regione del Sangiaccato e il Lago Zvornik .

Clima

La parte settentrionale del Paese ha un clima di tipo continentale influenzato dalle masse d'aria provenienti dal nord ed est europeo, con inverni freddi e estati calde e umide, le precipitazioni sono distribuite lungo tutto l'anno [17] .

Nella parte meridionale e sud-occidentale del Paese il clima subisce delle influenze da parte del Mediterraneo anche se le Alpi Dinariche formano uno sbarramento per le masse d'aria calda; il clima è prevalentemente caldo e secco in estate e autunno e relativamente freddo e ricco di precipitazioni nevose in inverno [18] . La più bassa temperatura mai registrata in Serbia è di −39.5 °C, registrata il 13 gennaio 1985 in un villaggio del comune di Sjenica , mentre la più alta è stata di 44.9 °C registrata a Smederevska Palanka il 24 luglio del 2007 [19] .

Società

Costume tradizionale serbo tipico della Šumadija , con la šajkača , un particolare tipo di cappello.

La Serbia è costituita ufficialmente da tre territori: la Serbia, propriamente detta, o Serbia Centrale (in serbo Централна Србија / Centralna Srbija ) al centro, la regione autonoma della Voivodina (la più sviluppata economicamente) a nord e la provincia del Kosovo (autoproclamatasi indipendente dal 2008 ) a sud-ovest.

Carta etnica della Serbia segnalante l'etnia maggioritaria nelle singole località da censimento del 2002 .

Evoluzione demografica

Etnie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gruppi etnici della Serbia .

Il gruppo etnico predominante in Serbia è quello serbo . Minoranze significative sono rappresentate da albanesi , ungheresi , bosgnacchi (bosniaci musulmani), rom , croati , slovacchi , ruteni , bulgari , rumeni (prevalentemente nel Banato ).

La Voivodina è uno dei territori maggiormente variegati etnicamente in Europa , con più di 25 differenti comunità nazionali. Secondo l'ultimo censimento completo ( 2002 ), la provincia ha una popolazione di circa 2 milioni di abitanti, così suddivisa: serbi 65%, ungheresi 14,3%, slovacchi 2,79%, croati 2,78%, non dichiarati 2,71%, iugoslavi 2,45%, montenegrini 1,75%, rumeni 1,50%, rom 1,43%, bunjevci 0,97%, ruteni 0,77%, macedoni 0,58%, ucraini 0,23%, altri 2,74% ( sloveni , tedeschi , polacchi , cinesi , ecc.).

Nel Sangiaccato , una regione storica priva di status ufficiale, situata a cavallo tra Serbia e Montenegro, una parte consistente della popolazione è costituita da bosgnacchi (bosniaci musulmani).

Il tempio di San Sava a Belgrado.

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica in Serbia .
Religioni in Serbia (2011) [20]
Cristianesimo ortodosso
84,6%
Cristianesimo cattolico
5,2%
Islam
2,9%
non dichiarato
2,0%
altri
1,5%
Cristianesimo protestante
1,1%
Ateismo
1,1%

La Serbia risulta essere uno dei paesi europei più variegati dal punto di vista religioso. Si possono notare differenze marcate da regione a regione: la struttura etnica e religiosa della regione della Voivodina è molto complessa. In questa regione i serbi ortodossi costituiscono la maggioranza, tuttavia il secondo gruppo religioso più grande è quello cattolico di cui fanno parte gli Ungheresi, i Bunjevci ei Croati. Ci sono inoltre uniati Ucraini, luterani Slovacchi e calvinisti Ungheresi. Oltre il 90% degli abitanti della Serbia centrale (compresa la regione di Belgrado ) professano la confessione ortodossa. I musulmani vivono prevalentemente nel Sud-Ovest del paese, nella regione del Sangiaccato, nelle città di Preševo e Bujanovac e nella regione resasi indipendente come stato del Kosovo. Sebbene in nessuna parte del paese sia vietato vendere e acquistare alcolici, nelle zone a maggioranza musulmana il consumo di alcol in strada non è ben visto.

Tra le Chiese ortodosse , quella serba è la più occidentale. Secondo il censimento del 2002, l'82% della popolazione dichiara di essere di etnia serba, per la stragrande maggioranza ortodossa. Gli altri gruppi di culto ortodosso sono i montenegrini, i romeni, i macedoni, i bulgari, i valacchi . In tutto, essi rappresentano l'84% dell'intera popolazione. La Chiesa Ortodossa Serba fa ancora uso del vecchio calendario giuliano, che presenta un ritardo di 13 giorni rispetto a quello gregoriano utilizzato dai cattolici ed è proprio per questa ragione che i Serbi celebrano il Natale il 7 di gennaio, mentre invece il capodanno è il 13 gennaio, ma non ha valore ufficiale. [21]

In ogni famiglia serba ortodossa il giorno più bello e più sacro dal punto di vista religioso è quello del santo protettore o, più comunemente, slava , diverso per ciascuna famiglia. Trattasi di una tradizione esclusivamente serba, non riscontrata presso gli altri popoli di fede cristiana ortodossa, e ogni famiglia serba magnifica come meglio può il proprio santo. Uno dei santi più famosi e più venerati è San Giorgio, seguito da San Nicola. Durante questa festa gli amici ei parenti si uniscono solitamente a cena e la celebrazione talvolta può anche durare più di un giorno.

La Serbia ospitò per secoli anche una fiorente comunità ebraica sefardita , che giunse nella penisola balcanica in seguito alle espulsioni dalla Spagna. Già colpita dalle numerose guerre, che costrinsero molti appartenenti a fuggire altrove, fu decimata durante gli stermini nazisti e, nel 2002, solo 1.200 persone si dichiaravano ebrei serbi. La sinagoga più grande e famosa della Serbia si trova a Novi Sad .

Lingue

La lingua ufficiale è il serbo , parlato dal 88% della popolazione, scritto ufficialmente in alfabeto cirillico; tuttavia si è diffuso anche l'alfabeto latino, tanto che le indicazioni sono in entrambi gli alfabeti, e c'è anzi una forte tendenza a utilizzare l'alfabeto latino piuttosto di quello cirillico, che sta perdendo terreno, soprattutto sul web [22] [23] .

Sono diffuse lingue minoritarie quali: albanese , bosniaco , bulgaro , croato , rumeno , slovacco e ungherese . Tutte queste lingue sono ufficialmente utilizzate in comuni o città in cui la minoranza etnica supera il 15% della popolazione totale. Nei comuni di Preševo e Bujanovac l'amministrazione utilizza l'albanese [24] . In Vojvodina l'amministrazione provinciale utilizza, oltre al serbo, cinque altre lingue (ungherese, slovacco, croato, rumeno e russo).

Media e libertà d'informazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Media in Serbia , Libertà dei media in Serbia e Censura in Serbia .

Televisione , riviste e giornali in Serbia sono gestiti da società sia statali che private. La Costituzione della Serbia tutela la libertà di parola . Il sistema mediatico serbo è in trasformazione, ma l'evoluzione è ancora "lenta, incoerente e incompleta". Secondo il Centro europeo di giornalismo, "la democratizzazione del sistema dei media non è riuscita a diventare un fattore di democratizzazione della società nel suo insieme, una speranza diffusa nel 2000 basata sui risultati della decennale lotta contro la repressione dei media nel regime di Milosevic " [25] . La Serbia è al 59 ° posto su 180 paesi nel rapporto dell' Indice della libertà di stampa 2016 stillato da Reporter senza frontiere .

La libertà dei mezzi di informazione in Serbia è garantita dall'articolo 50 della Costituzione. [26] La libertà di espressione e di informazione sono protette dalla legge internazionale e nazionale, sebbene le garanzie sancite dalle leggi non siano attuate in modo coerente. Infatti casi di censura e autocensura sono ancora riportati nel paese. La Serbia è considerata "parzialmente libera" da Freedom House [27] e si classifica 59º su 180 paesi nel rapporto 2016 Press Freedom Index compilato da Reporter senza frontiere , migliorando il suo posizionamento di otto posizioni rispetto al 2015. [28] Tuttavia, secondo alcuni esperti, questo miglioramento è stato di natura puramente statistica in quanto è dovuto più al peggioramento della tendenza negli altri paesi compresi nell'Indice che non a miglioramenti concreti della situazione in Serbia. [29] Secondo il rapporto di Freedom House del 2015, i media ei giornalisti in Serbia sono soggetti alle pressioni di politici e proprietari sui contenuti editoriali. Inoltre i mezzi di informazione serbi sono fortemente dipendenti da contratti pubblicitari e sussidi governativi che rendono i giornalisti ei media esposti a pressioni economiche, come mancati pagamenti, risoluzione di contratti e simili. [30] Nell'ambito dei negoziati con l'Unione europea l'UE ha chiesto che la Serbia migliori e garantisca la libertà di espressione e di stampa. Secondo Christian Mihr di Reporters Without Borders , "come paese candidato [la Serbia] deve comprendere seriamente l'importanza dell'indipendenza dei giornalisti e la necessità di libertà dei media". [ senza fonte ]

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Serbia .
Assemblea Nazionale della Repubblica di Serbia.

La Serbia è una repubblica parlamentare in cui l'Assemblea Nazionale, eletta democraticamente dal popolo ogni quattro anni, è legata al governo da un rapporto di fiducia. Il presidente della Repubblica viene eletto ogni cinque anni e generalmente detiene funzioni cerimoniali ma acquista maggiori poteri quando contestualmente in parlamento viene a crearsi una maggioranza del suo stesso colore politico.

La vita politica pluralista della Serbia si è aperta con le elezioni del 1992 , che segnano la continuità del predominio di Slobodan Milošević e del suo Partito Socialista di Serbia (SPS), erede della Lega dei Comunisti Jugoslavi.

La Serbia è membro delle Nazioni Unite , del Consiglio d'Europa е dell' Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero . Pur essendo già tra i paesi "osservatori" dell'Organizzazione mondiale del commercio , l'entrata nell'OMC, che era prevista per l'anno 2012, non è stata ancora ratificata. [31] La Serbia è considerata dal Fondo monetario internazionale come un paese dallo sviluppo medio-alto con un'economia in crescita ed è stata dichiarata dalla Freedom House paese libero.

I cittadini della Serbia dal 2009 possono viaggiare senza obbligo di visto nei Paesi dell' Unione europea . Il 2 marzo 2014 la Repubblica di Serbia è diventata ufficialmente candidato per l'adesione all'Unione europea, e il 14 dicembre 2015 sono cominciati ufficialmente i negoziati per l'adesione.

Ordinamento dello Stato

L'attuale Costituzione della Serbia , che sostituisce quella del 1990 , è stata approvata tramite un referendum tenutosi il 28 e 29 ottobre 2006 ed è stata ratificata dal Parlamento l'8 novembre dello stesso anno [32] .

La Serbia è una repubblica parlamentare nella quale il Primo Ministro è il capo del Governo. Il sistema politico è di tipo multipartitico e semipresidenziale .

Il capo dello stato è il Presidente della Serbia , eletto a suffragio universale e diretto ogni cinque anni, che nomina il Primo ministro e cura le relazioni estere.

Il potere esecutivo viene esercitato dal Governo della Serbia ( Vlada Republike Srbije ) guidato da un Primo ministro ( Predsednik Vlade ), comunemente detto premier ( premijer ). Il Primo ministro, nominato dal Presidente, è approvato dall' Assemblea Nazionale ; mentre i Ministri sono nominati dal Primo ministro e approvati dal Parlamento .

L'attuale presidente è Aleksandar Vučić , mentre il primo ministro è Ana Brnabić , in carica dopo l'elezione del primo ministro Vučić a capo dello Stato. Ana Brnabić è la prima donna ad occupare tale carica. [33]

Il potere legislativo è detenuto dall' Assemblea Nazionale della Repubblica di Serbia ( Narodna skupština Republike Srbije ) composta da 250 membri, eletti per un mandato quadriennale.

Il potere giudiziario è separato ed indipendente dall'esecutivo e dal legislativo.

Suddivisioni storiche e amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni della Serbia .
Distretti della Serbia, e il territorio kosovaro distinto con tonalità bluastra per evidenziarne la specificità e lo status di territorio a status conteso.

La Serbia è suddivisa in 29 distretti (5 dei quali si trovano in Kosovo, quindi fuori dell'amministrazione del Governo centrale), a cui si aggiunge la città di Belgrado . I distretti sono suddivisi in 108 comuni.

Dalla conclusione della Guerra del Kosovo , il Kosovo è sotto protettorato delle Nazioni Unite in base alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU 1244 e di fatto stato autonomo.

La parte della Serbia esterna al Kosovo e alla Vojvodina viene detta Serbia centrale ma non è una suddivisione amministrativa del Paese e non ha, al contrario delle due province autonome, un governo regionale proprio.

Rivendicazioni territoriali ed exclavi

Sul territorio serbo si trova la piccola exclave bosniaca di Sastavci , attualmente [ quando? ] amministrata dalla Serbia (distretto di Priboj ) e rivendicata dalla Bosnia. I confini non sono definiti con precisione.

La posizione precisa del confine tra Serbia e Croazia nel tratto fluviale del Danubio è controversa. Negli ultimi secoli il corso del Danubio ha subito modifiche; il confine non correva quindi a metà del fiume, ma lungo rami in secca dello stesso. Nel corso del tempo si sono formate isole che pur essendo in territorio serbo appartengono alla Croazia.

A titolo di curiosità: il 17 luglio 1945 Winston Churchill , per permettere la nascita in territorio jugoslavo dell'erede al trono jugoslavoAleksandar Karađorđević i cui genitori erano in esilio a Londra , dichiarò, per un giorno, la suite 212 del Claridge Hotel territorio jugoslavo. [34]

Città principali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Città della Serbia .
Belgrado , la capitale della Serbia.

Le città più grandi e più popolose (aventi più di 100.000 abitanti) della Repubblica di Serbia, secondo i dati del censimento del 2011 (il quale però esclude il territorio a status conteso del Kosovo ) sono:

Istituzioni

Ordinamento scolastico

La Matica srpska a Novi Sad è l'istituzione culturale più antica della Serbia.

Nel 2001 è stata avviata una radicale riforma del sistema scolastico che, tra gli altri interventi, ha completamente rivisto e rimodernato i programmi scolastici e ha allungato la durata della formazione primaria portandola a nove anni. Il primo anno di entrata in vigore della riforma è stato il 2003 e il completamento della stessa è previsto per l'anno scolastico 2007/2008.

L'obbligo scolastico inizia a 7 anni con l'inizio del ciclo primario suddiviso in cicli triennali con materie obbligatorie e opzionali. La formazione secondaria prevede la scelta fra il liceo (4 anni), di altre scuole superiori di durata compresa fra i due ei 4 anni oppure l'accesso alla formazione professionale (due o tre anni). L'età lavorativa in Serbia inizia dai diciotto anni.

Le istituzioni culturali più importanti della Serbia sono la Matica srpska a Novi Sad e l'Accademia SANU a Belgrado .

Università

In Serbia secondo i dati del 2009 vi sono quindici università [4] . Otto di queste sono statali e sette, invece, sono private. Di tutte queste, addirittura otto hanno la propria sede nella capitale. L' Università di Belgrado , la più antica, fondata nel 1808 come scuola superiore di Belgrado, nel 1838 si fonde con i dipartimenti di Kragujevac in un'unica università; con il nome attuale nel 1905. Fra quelle statali troviamo:

  • Università di Belgrado
  • Università delle Arti, Belgrado
  • Università della Difesa, Belgrado
  • Università di Kragujevac
  • Università di Niš
  • Università di Novi Sad
  • Università di Novi Pazar

Fra quelle private vi sono:

  • Singidunum, Belgrado
  • Megatrend, Belgrado
  • Metropolitan, Belgrado
  • L'Accademia del Sistema Economico, Novi Sad
  • Edukons, Sremska Kamenica
  • Università Europea, Belgrado
  • Union - Nikola Tesla, Belgrado

Sistema sanitario

Forze armate

Esercito della Repubblica di Serbia.
MiG-29B. Aviazione Militare della Repubblica di Serbia.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Forze armate della Serbia .

La difesa della Serbia è composta da 2 forze armate:

  • Esercito

L'esercito serbo è composto da 31.000 unità di professionisti e da molti riservisti. All'interno dell'esercito vi è anche la Flottiglia fluviale che ha funzioni di supporto per le forze di terra. L'esercito serbo è considerato l'erede della Armata Popolare di Jugoslavia (JNA) sia per i mezzi che per il personale.

Allo scoppio delle guerre jugoslave molti soldati disertarono per unirsi ad altre formazioni; nel giro di poco tempo gli unici soldati della JNA erano serbi e montenegrini.

Anch'essa erede della JNA , l'aeronautica serba è composta da 4000 unità e da più di 200 aerei.

La Serbia dispone anche di diverse unità speciali antiterrorismo:

La pubblica sicurezza è assicurata da due forze di polizia: Gendarmeria e Polizia , entrambi dipendenti dal ministero degli interni. [35]

Economia

La NIS, specializzata nel settore dell'energia, è una delle aziende serbe più redditizie.

In economia molto pesanti sono le conseguenze delle guerre e delle scelte politiche in cui la Serbia è stata coinvolta dal Governo di Slobodan Milošević (isolamento, decrescita economica, lungo periodo di sanzioni economiche internazionali, danneggiamento delle infrastrutture nazionali e della reputazione del Paese). L'embargo e le sanzioni internazionali hanno inflitto un durissimo colpo all'economia del paese, a ciò sono seguite la svalutazione del dinaro e l'aumento della disoccupazione che hanno peggiorato le condizioni di vita dei cittadini serbi. Dopo la fine della guerra civile jugoslava e la fine delle sanzioni ci fu una fragile ripresa, tuttavia nel 1999, con la nuova esplosione dei conflitti con gli albanesi del Kosovo, le sanzioni vennero reintrodotte e l'attacco della NATO diede il colpo finale all'economia dell'allora Repubblica Federale di Jugoslavia. Dopo che Slobodan Milošević venne destituito iniziò una delicata fase di transizione dall'economia di stampo socialista verso l'economia di mercato. Il paese, libero dall'embargo e dalle sanzioni, si aprì agli investimenti internazionali che hanno giocato e giocano ancora adesso un ruolo di grande importanza nella ricostruzione della Serbia. [36]

L'unità monetaria serba è il dinaro (RSD), diviso in 100 pare . Un euro vale circa 117 dinari serbi. I dinari si possono cambiare anche fuori dalla Serbia, ma è consigliabile riconvertirli prima di lasciare il paese. Il dinaro serbo è la valuta ufficiale dello stato ed è l'unica ammessa per gli acquisti e le transazioni. Le carte di credito internazionali sono accettate e anche le carte bancomat , tuttavia è consigliabile munirsi sempre di dinari per gli acquisti quotidiani in quanto l'economia della Serbia è ancora molto legata ai contanti. [37] (Sul territorio del Kosovo è in uso l'euro)

Da quando è iniziata la transizione molte aziende multinazionali hanno aperto le loro filiali in Serbia, attratte prevalentemente dalla manodopera a basso costo. Le principali sono: FIAT , Siemens , Bosch , Philip Morris , Michelin , Coca Cola e Carlsberg . Nel settore dell'energia ad aver fatto gli investimenti più ingenti è stato il gigante russo Gazprom .

Nel gennaio del 2005 il PIL si attestava al 50-60% del valore raggiunto nel 1990 . A partire dal 2001 tuttavia molti indicatori economici sono positivi, anche grazie a numerosi investimenti stranieri. La crescita del PIL si attestava nel 2004 attorno all'8%, nel 2009 il PIL ha subito una contrazione del 3,5%, nel 2010 la crescita è stata dell'1%, nel 2011 del 2,3%.

Statistiche economiche
PIL prodotto (PPA): $77,8 miliardi (stima 2012) [3]
PIL pro capite (PPA): $10.722 (stima 2012) [3]
Tasso di crescita della produzione industriale : 7,1% (2004), 1,3% (2005), 3,5% (2011)
Tasso di disoccupazione : 16,7% (2011)
Inflazione : 11,3% (2011)
Debito estero : $15,43 miliardi (2005)
Debito pubblico : 41% del PIL (2011)
Investimenti stranieri nel 2005 : $1.481 miliardi (Source: NBS Народна банка Србије )

Settore primario

Attualmente [ quando? ] il 16% circa della produzione mondiale di lamponi viene dalla Serbia
Attualmente [ quando? ] la Serbia è seconda al mondo nella produzione di prugne e la prima in Europa

La quota di addetti nel settore primario ammonta al 25%. L'agricoltura risulta essere particolarmente importante in Europa dell'est, in Serbia grazie alla presenza di grandi aree di terreno fertile specialmente nella regione autonoma della Vojvodina e nella Mačva, una regione incastonata tra la Vojvodina , la Bosnia e la Šumadija . Si coltivano prevalentemente cereali ( mais , frumento ), patate e barbabietole . Molto estesa è anche la viticoltura . In Serbia la viticoltura è praticata principalmente nelle aree lungo i fiumi: Danubio, le tre Morave, Timok e Nišava. La zona dello Srem è stata per secoli una delle aree di punta per quanto riguarda la viticoltura nei Balcani. Altrettanto famosa è la zona vinicola del Banato . Molto diffusa è la coltivazione degli alberi da frutto, come il prugno: dalle prugne si ricava un distillato tipicamente nazionale, la sljivovica . La Serbia può vantare di essere il terzo produttore mondiale di lamponi subito dietro alla Russia e alla Polonia e seconda al mondo nella produzione di prugne subito dietro la Cina . Attualmente [ quando? ] un terzo della produzione mondiale di lamponi avviene nella Serbia Centrale, soprattutto nei pressi di Arilje . Mentre circa il 70% della produzione di prugne serbe è destinata alla produzione della Sljivovica . Le esportazioni di prodotti agricoli della Serbia sono aumentate da quando il paese è diventato un candidato ufficiale per l'adesione all'Unione Europea.

L'allevamento è costituito soprattutto da suini , bovini , ovini e animali da cortile.

Settore secondario

Gli addetti nel settore secondario sono circa il 30%. I settori industriali più importanti sono quelli agroalimentari, chimici, meccanici e manifatturieri. Le industrie più importanti sono localizzate a Belgrado ( Novi Sad , Kragujevac , Subotica ) e Smederevo . A Kragujevac , Serbia Centrale, ha sede la fabbrica di autovetture e autocarri Zastava , che ha siglato un contratto con la FIAT per la produzione in Serbia della Punto (seconda serie) con il nome di Zastava 10 . Sempre a Kragujevac dal 2012 viene prodotta la Fiat 500L .

Settore terziario

Lago nel centro della località turistica di Kraljeve Vode a Zlatibor
Felix Romuliana
Aeroporto Nikola Tesla a Belgrado

C'è un 67% di addetti a questo settore. Negli ultimi anni in Serbia si è assistito a massicci investimenti stranieri, in particolare dalla Germania , dall' Italia e dalla Grecia , e per questo il turismo è diventato una delle attività più importanti nel Paese. Non disponendo di un accesso al mare, il turismo in Serbia si concentra soprattutto su quello termale, sull'agriturismo e sulle grandi città come Belgrado e Novi Sad adesso completamente ricostruite dopo i bombardamenti.

Belgrado , la capitale della Serbia, una metropoli in cui vivono quasi 2 milioni di persone, è una delle città più grandi dell'Europa orientale e sorge sulla confluenza dei due fiumi Sava e Danubio . È anche il fulcro della rete stradale e ferroviaria del paese. Il clima belgradese è di tipo continentale ed è caratterizzato da inverni piuttosto rigidi ed estati molto calde. I mesi migliori per visitare la capitale serba sono aprile e maggio. Le attrazioni della capitale serba includono la fortezza di Kalemegdan , anch'essa sorge sui due fiumi, i più grandi musei del paese e dei Balcani , i palazzi reali e altri importanti monumenti. I bar sulle vie affollate e la vita notturna effervescente hanno fatto sì che questa città acquisisse sempre più prestigio a livello turistico. Belgrado è inoltre il cuore economico del paese e la città con il tenore di vita più alto. [38]

La seconda città della Serbia per dimensioni e numero di abitanti è Novi Sad . Questa città oltre che per l'economia è di fondamentale importanza anche per la cultura serba. Quando l' Impero Ottomano conquistò il territorio serbo, molti serbi si rifugiarono infatti a Novi Sad, che allora era sotto dominazione asburgica, per sfuggire alle persecuzioni dei Turchi . A Novi Sad venne fondata anche la Matica srpska , una delle istituzioni culturali più importanti della Serbia. Oggi, la sua crescente importanza ha portato alla realizzazione di nuovi ampi viali, strade e alla costruzione di altri grandi edifici. Anche Novi Sad è stata bombardata dalla NATO , ma è stata completamente ricostruita. Dal 2001 vi si organizza Exit : un festival musicale di fama internazionale, nato in origine come forma di protesta contro la dittatura di Slobodan Milošević , ma che ora attrae migliaia di spettatori da tutto il mondo e che ha dato alla città e alla Serbia un posto sulla mappa della musica. [39]

Sulla riva destra del Danubio , poco lontano dal confine con la Croazia , si incontra la Fruska Gora una catena di colline alte non più di 600 metri che movimentano il paesaggio della piatta pianura. L'area è stata dichiarata Parco Nazionale e ospita al suo interno una ricca varietà di flora e fauna oltre a custodire i monasteri ortodossi, veri scrigni della cultura serba. [40]

I laghi e le cascate naturali di Zlatibor [41] , che in lingua serba significa "pino dorato" in ricordo del Pinus silvestris ormai non più presente nell'area, costituiscono un'altra attrattiva turistica e, per gli amanti degli sport di montagna, vi sono più a sud, al confine col Kosovo, gli impianti sciistici di Kopaonik [42] . Le terme di Vrnjacka Banja per esempio risalgono all'epoca dell'impero romano e non sono le uniche, inoltre negli ultimi decenni sono stati scoperti numerosi siti archeologici di origine romana, ma anche più antica come la città romana di Sirmium , vicino a Sremska Mitrovica o quella di Viminacium , nei dintorni di Požarevac .

Nella Serbia occidentale, nei pressi del confine con la Bosnia ed Erzegovina , si trova il Parco nazionale di Tara [43] istituito nel 1981; qui le più orientali propaggini della dorsale dinarica offrono un habitat ideale per le tante varietà di flora e di fauna che si trovano tra picchi che sfiorano i 1500 metri e l'ampio canyon scavato dalla Drina . Altri centri che dal 2007 hanno cominciato ad attirare i turisti sono Djavolja Varos (la città del Diavolo) ei vari centri spirituali tra i quali spicca Studenica con il suo monastero. [44]


Ambiente

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aree naturali protette della Serbia .
Parco nazionale di Tara.
Flora tipica della Fruška Gora
Area naturale protetta di Uvac.

La natura della Serbia è ricca e variegata. Sono presenti sul territorio serbo catene montuose che si sviluppano a sud dei fiumi Sava e Danubio. Sono i fiumi stessi a dividere il paese in due aree distinte: una montuosa e collinare, l'altra pianeggiante che coincide con la pianura pannonica. Tuttavia l'inquinamento è uno dei più gravi problemi che l'odierna Repubblica di Serbia deve affrontare. Da quanto è emerso dai risultati dello screening effettuato dall'Unione Europea, la politica ambientale dello stato serbo è del tutto incompatibile con il modello previsto per un paese UE, il che, unito alla totale assenza di raccolta differenziata e di un efficace sistema di riciclaggio, renderà il capitolo 27 (quello riguardante la tutela dell'ambiente) uno dei più lunghi e difficili da chiudere. Sono stati fatti dei timidi progressi in tal senso da quando il paese è diventato un candidato ufficiale per l'accesso all'UE e da quando il turismo ha iniziato a giocare un ruolo sempre più pesante nell'economia del paese. Il bombardamento della NATO del 1999 ha provocato dei seri danni alla struttura ambientale della Serbia, soprattutto a causa dell'utilizzo dell'uranio impoverito. [45] Nella Repubblica sono stati istituiti cinque parchi nazionali [46] :

Oltre ai parchi nazionali ci sono in Serbia 31 aree protette. Tutti i parchi nazionali della Serbia sono facilmente accessibili e il regime di gestione è molto permissivo e consente alla popolazione di vivere all'interno del parco. Nei molti villaggi pittoreschi presenti al loro interno, i visitatori possono scegliere tra alberghi e abitazioni tradizionali.

Flora

Verso la fine del XVII secolo la Serbia era ancora una terra dall'ambiente incontaminato. Più del 90% del territorio era coperto da foreste di querce e faggi. Da qui il nome della collinosa regione centrale Шумадија / Šumadija , che deriva dalla parola serba Шума / Šuma , che significa bosco. Negli ultimi tre secoli, anche a causa della rivoluzione industriale, buona parte delle foreste sono state trasformate in terreni agricoli e industriali e oggi la zona forestale occupa solo il 27% del territorio della Serbia. Gli alberi più comuni sono il faggio, la quercia (si contano quasi 10 specie), il pioppo, l'abete e il pino scozzese e austriaco. In tutta la Serbia i querceti sono tipici di pianura e collina quanto i faggeti per le zone montuose. Nella Serbia occidentale sono comuni le foreste di conifere. I parchi nazionali conservano invece specie rare ed endemiche: il bagolaro, l'albero di noce selvatico, il nocciolo turco, il pino di Pančić (monte Tara), il pino bosniaco e macedone e la quercia macedone. [45]

Fauna

Le estese foreste della Serbia sono un habitat perfetto per molti animali selvatici comuni: il lupo , ad esempio, prospera in gran numero; vi è poi l' orso bruno , che si trova in quasi tutti i parchi nazionali serbi, specialmente in prossimità del monte Tara . La lince , invece, si trova in poche aree protette, come, ad esempio, nel Đerdap , mentre la Suva Planina è famosa per il gran numero di cavalli inselvatichiti . La poiana è diffusa soprattutto nella Serbia occidentale. I cervi si trovano prevalentemente nella regione della Vojvodina, mentre i cinghiali , i caprioli ei conigli si trovano in tutto il paese. [47]

Cultura

Tradizioni

Una tradizione della diplomazia serba prevede che il Presidente della Repubblica o il Primo Ministro accolgano i capi di stato in visita offrendo loro all'arrivo del pane e del sale [48] , considerati (specialmente il pane) fin dall'antichità i simboli dell'ospitalità [49] . Un'altra tradizione tipicamente serba è quella di baciarsi tre volte sulla guancia. Non è obbligatorio farlo al primo incontro, ma da quelli successivi sì, e specialmente se avete familiarizzato molto con il vostro conoscente o ospite [50] .

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura serba .

Una letteratura serba si afferma già nel XVIII secolo. Ma nel XIX secolo prevale la poesia epica nazionale di Vuk Karadzic , soprattutto linguista e Dositej Obradović .

Nel XX secolo una certa notorietà internazionale si afferma con lo scrittore Danilo Kiš , autore di vari romanzi e poesie.

Musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica serba .

Anche in campo musicale la Serbia ha prodotto importanti personalità: tra le cantanti serbe più apprezzate ricordiamo Svetlana Ražnatović , Indira Radić , Danica Krstic , Marija Šerifović , autrice del singolo Molitva , che ha vinto l' Eurovision Song Contest 2007 e tra i cantanti serbi ricordiamo Željko Joksimović e il cantautore Đorđe Balašević .

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arte serba .

La Serbia continua ancora oggi a coltivare e conservare la tradizione culturale e artistica, specialmente quella bizantina.

Cinema

In campo cinematografico spiccano le figure dei registi Emir Kusturica , bosniaco, ma naturalizzato serbo, Goran Paskaljević e di Zoran Đorđević ; tra le attrici Beba Loncar .

Tra i film premiati ricordiamo La polveriera (1998), di Goran Paskaljević , Premio FIPRESCI agli European Film Awards 1998 .

Scienza

Fisica

Uno dei più grandi scienziati nel campo dell' elettromagnetismo , tra il XIX e il XX secolo, fu Nikola Tesla , naturalizzato statunitense. Il suo lavoro teorico ei suoi brevetti costituiscono la base del sistema elettrico a corrente alternata , in particolare la distribuzione elettrica polifase ei moderni motori elettrici a corrente alternata.

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina serba .

La cucina serba è caratterizzata per essere eterogenea con influenze mediterranee , turche e dell' impero austroungarico .

Sport

Tennis

In campo sportivo la Serbia, nell'ambito internazionale, ha raggiunto in varie discipline risultati di alto prestigio: nel tennis ricordiamo Novak Đoković , tra i più grandi tennisti di sempre, che è il n.1 al mondo da ben 320 settimane, Janko Tipsarević e Viktor Troicki , oltre alle tenniste Ana Ivanović e Jelena Janković , entrambe numero 1 della classifica.

Pallavolo

La Nazionale di pallavolo femminile della Serbia ha ottenuto il titolo mondiale nel 2018 battendo l'Italia.

Calcio

La Serbia è una nazione dalla grande tradizione calcistica. La nazionale serba è considerata dalla UEFA l'erede ufficiale della nazionale jugoslava .

Le squadre di calcio più popolari sono il FK Crvena Zvezda , nota in italiano come Stella Rossa, e il FK Partizan , squadre dal notevole passato. Tra i calciatori serbi più famosi attualmente in attività troviamo Sergej Milinković-Savić , Aleksandar Kolarov e Nikola Milenković , militanti rispettivamente nella Lazio , nell' Inter e nella Fiorentina .

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Serbia ai Giochi olimpici .

La prima medaglia d'oro olimpica per la Serbia (dall'indipendenza), fu vinta da Milica Mandić , nel taekwondo, ai Giochi olimpici di Londra 2012.

Festività e ricorrenze nazionali

Data Nome Significato
27 gennaio (14 gennaio del calendario giuliano) Giorno di San Sava di Serbia Festa per il patrono di Serbia
15 febbraio Festa nazionale della Serbia prima rivolta serba (1804) contro l' Impero ottomano

La Festa nazionale della Serbia ricorre il 15 febbraio, giorno in cui ebbe inizio la prima rivolta serba contro l' Impero Ottomano nel 1804 e lo stesso in cui, trentun anni dopo (il 15 febbraio del 1835) entrò in vigore la prima costituzione serba [51] , detta anche Costituzione di Sretenje .

Galleria d'immagini

Note

  1. ^ La Serbia ha ereditato il seggio che fu della Repubblica Federale di Jugoslavia .
  2. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  3. ^ a b c Dati dal Fondo monetario internazionale, ottobre 2013
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  5. ^ in Voivodina sono ufficiali anche: Croato , Romeno , Russino , Slovacco e Ungherese .
  6. ^ come Repubblica Federale di Jugoslavia, rinominata il 5 febbraio 2003 Serbia-Montenegro. Secondo la Carta Costituzionale eredita direttamente il seggio della Confederazione.
  7. ^ Giorgio Ravegnani, Soldati e guerre a Bisanzio: il secolo di Giustiniano , Il Mulino, 2009, pp. 35, 109, 185, ISBN 978-88-15-13044-0 .
  8. ^ Constantino VII Porfirogenito , De Administrando Imperio , Cap. XXXII
  9. ^ Florin Curta , The Making of the Slavs: History and Archaeology of the Lower Danube Region, c. 500–700 , Cambridge University Press, 2001.
  10. ^ Јованка Калић , Рашка краљевина: Regnum Rasciae , in Зборник радова Византолошког института , vol. 41, 2004, pp. 183–189.
  11. ^ PanaComp.net – Patriarchate of Peć ( in inglese ).
  12. ^ Republic of Serbia - The Constitutional Court: The Constitution of the Republic of Serbia (in serbo e in inglese)
  13. ^ Tale proclamazione non è stata accettata e dichiarata nulla e priva di ogni effetto dal Parlamento serbo il giorno seguente.
  14. ^ Serbia Travel - Sava (in inglese)
  15. ^ Serbia Travel - The Danube (in inglese)
  16. ^ Serbia Travel - Kopaonik (in inglese)
  17. ^ Encyclopedia Britannica Online - Serbia (in inglese)
  18. ^ Hydrometeorologic Service of Serbia (in inglese) , su hidmet.gov.rs . URL consultato il 22 febbraio 2009 (archiviato dall' url originale il 10 ottobre 2017) .
  19. ^ ( EN ) Temperature regime Serbia ( PDF ), su hidmet.gov.rs , Hydrometeorological Service of Serbia (archiviato dall' url originale l'11 maggio 2011) .
  20. ^ Book 4: "Confession, Mother Tongue and National Identity or Ethnicity" (brief summary, ( PDF ), su media.popis2011.stat.rs , p. 1. URL consultato il 22 febbraio 2013 .
  21. ^ Serbia.com - Serbia welcomes Orthodox New Year (in inglese)
  22. ^ [1]
  23. ^ [2]
  24. ^ C'è una piccola comunità di albanesi nella regione di Pešter di Sandžak che vive in villaggi come Boroštica, Doliće e Ugao. Le ultime due generazioni questi villaggi sono diventati in parte bosniaticizzati, a causa dei matrimoni misti con la popolazione bosniaca circostante. Come tali, anche a causa delle guerre jugoslave, e da allora in poi, hanno deciso di dichiararsi censiti come "musulmani" e "bosgnacchi" anziché come albanesi. Gli anziani in questi villaggi parlano ancora fluentemente in albanese.
  25. ^ Jovanka Matic and Larisa Rankovic, " Serbia Archiviato il 17 ottobre 2016 in Internet Archive .", EJC Media Landscapes; accessed 11 March 2016.
  26. ^ ( EN ) II HUMAN AND MINORITY RIGHTS AND FREEDOMS , su srbija.gov.rs . URL consultato il 15 luglio 2018 .
  27. ^ [3]
  28. ^ RWP World Press Freedom Index 2016. Retrieved April 6, 2016
  29. ^ Reporteri bez granica: Top-lista nadrealista
  30. ^ Serbia , su freedomhouse.org .
  31. ^ ( EN ) World Trade Organization , su wto.org . URL consultato il 20 febbraio 2014 .
  32. ^ ( EN ) Second special sitting of the national assembly of the Republic of Serbia in 2006 , su parlament.sr.gov.yu . URL consultato l'8 maggio 2007 (archiviato dall' url originale il 1º giugno 2007) .
  33. ^ Serbia, la prima volta di una donna premier e gay , in Il Corriere della Sera , 16 giugno 2017.
  34. ^ Notizia citata su varie fonti e sul sito ufficiale dell'hotel.
  35. ^ Ministero degli Affari Interni della Repubblica di Serbia (in serbo e inglese)
  36. ^ Voyagesphotosmanu.com - L'economia serba ( in italiano )
  37. ^ Serbia.com - Economia serba (in inglese)
  38. ^ Serbia.com - Belgrade (in inglese)
  39. ^ Serbia.com - Novi Sad (in inglese)
  40. ^ Serbia.com - Fruška Gora (in inglese)
  41. ^ Serbia.com - Zlatibor (in inglese)
  42. ^ Serbia.com - Kopaonik (in inglese)
  43. ^ Serbia.com - Tara (in inglese)
  44. ^ Serbia.com - Studenica, monastery of incredible frescoes (in inglese)
  45. ^ a b Fauna e flora in Serbia , su voyagesphotosmanu.com . URL consultato il 17 agosto 2016 .
  46. ^ Federparchi - Sito ufficiale
  47. ^ La fauna della Serbia , su serbia.travel . URL consultato il 17 agosto 2016 .
  48. ^ B92 - US Biden arrives in Belgrade
  49. ^ Journal du MAUSS - Il lievito del dono
  50. ^ Serbia Travel - Tipicamente serbo!
  51. ^ La prima Costituzione dei Balcani (in serbo)

Bibliografia

Libri

Articoli e Saggi

  • Stevo Ostojic, Grande Serbia e Grande Croazia: progetti a confronto , in «Limes. Rivista italiana di geopolitica», 2 (1994), n. 1
  • Dusan T. Batakovic, Progetti serbi di spartizione , in «Limes. Rivista italiana di geopolitica», 6 (1998), n. 3

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 151202876 · ISNI ( EN ) 0000 0000 9526 6709 · LCCN ( EN ) n85195919 · GND ( DE ) 4054598-2 · NDL ( EN , JA ) 00570825 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-140423359
Serbia Portale Serbia : accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Serbia