Siracusa

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Siracusa (desambiguació) .
Siracusa
comú
Siracusa - Escut d'armes Siracusa - Bandera
Syracuse - Vista
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Escut d'armes de Sicilia.svg Sicília
província Província de Siracusa-Stemma.png Siracusa
Administració
Alcalde Francesco Italia ( centre-esquerra independent llavors Action ) del 27-6-2018
Territori
Coordenades 37 ° 04'09 "N 15 ° 17'15" E / 37.069167 ° N 15.2875 ° E 37.069167; 15.2875 (Siracusa) Coordenades : 37 ° 04'09 "N 15 ° 17'15" E / 37.069167 ° N 15.2875 ° E 37.069167; 15.2875 ( Siracusa )
Altitud 17 m aixi
Superfície 207,78 km²
Habitants 118 169 [1] (31-10-2020)
Densitat 568,72 habitants / km²
Fraccions Belvedere , Cassibile
Municipis veïns Avola , Canicattini Bagni , Floridia , Melilli , Noto , Palazzolo Acreide , Priolo Gargallo , Solarino
Altra informació
Codi Postal 96100
Prefix 0931
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 089017
Codi cadastral I754
Placa SR
Cl. sísmic zona 2 (sismicitat mitjana) [2]
Cl. climàtic Zona B, 799 GG [3]
Anomenar habitants Siracusans
Patró Llúcia de Siracusa
Festa 13 de desembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Siracusa
Siracusa
Syracuse - Mapa
Posició del municipi de Siracusa al seu consorci municipal gratuït
Web institucional

Syracuse ( AFI : [siraˈkuːza] , pronunciació [ ? · Informació ] ; Sarausa en sicilià ) és una ciutat italiana de 118.169 habitants, [1] capital del consorci municipal gratuït del mateix nom , a Sicília .

Situada a la costa sud-est de l’ illa, Siracusa té una història mil·lenària : comptada entre les metròpolis més grans de l’època clàssica , [4] va destacar en poder i riquesa amb Atenes , que va intentar en va sotmetre-la . Va ser la pàtria del matemàtic Arquímedes , que es va situar al capdavant de la seva defensa durant el setge dels romans el 212 aC. Siracusa va ser durant segles la capital de Sicília [5] , fins a la conquesta dels àrabs el 878 .

Transformat en una fortalesa a l’època espanyola , el seu centre històric, Ortigia , va adoptar l’aspecte barroc actual amb la reconstrucció iniciada després del violent terratrèmol de 1693 . Durant la Segona Guerra Mundial , l'any 1943 , es va signar l'armistici al sud-oest de Siracusa, al districte de Santa Teresa Longarini, que sancionava el cessament de les hostilitats entre el Regne d'Itàlia i les forces aliades dels Anglo- Americans ; transmès a la història com a armistici de Cassibile . [6]

Caracteritzada per enormes riqueses històriques, arquitectòniques i paisatgístiques, la ciutat de Siracusa va ser declarada per la UNESCO el 2005 , juntament amb la necròpolis rupestre de Pantalica , declarada Patrimoni de la Humanitat .

Geografia física

Territori

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Geografia del territori siracusà .

Siracusa es troba al sud-est de Sicília. La seva geografia és molt variada, a l’interior es troba amb turons i cavitats naturals , mentre que dos rius recorren el costat sud-oest de la ciutat. Limita sobretot amb el mar , que l’envolta en la seva quasi totalitat. La costa és majoritàriament rocosa i dentada, mostrant diversos promontoris , badies , petites illes i penínsules .

L’illa d’ Ortigia vista des del seu costat oriental; la península de la Maddalena és visible al fons

La ciutat es desenvolupa en part a l' illa d'Ortigia i en part al continent (tenint en compte també que tota la zona es troba dins de l' illa de Sicília ). [7] La ubicació geogràfica particular l’ha fet famosa per les seves postes de sol (gràcies als punts zenit des d’on s’observen, s’han descrit al llarg dels mil·lennis com dels més bells del món [8] ).

La conformació de la costa sud determina la vasta riera natural dins la qual es desenvolupa el Porto Grande : a uns 1200 metres de la punta d’Ortigia s’aixeca Capo Murro di Porco , un promontori de la península de la Maddalena : localment coneguda com a illa sola [9]. (en referència al topònim d'un districte de la costa oriental, l'origen del qual està lligat a una antiga condició d'insularitat que ja no existeix [10] ). Al nord de la ciutat hi ha un altre promontori: Capo Santa Panagia , [11] on antigament es va ubicar el tercer port de Siracusa: el Trogilo . [12]

La ciutat té vistes al mar Mediterrani central , [13] envoltada per la conca del mar Jònic . Siracusa dóna nom a l' escarpa siciliana del sud-est, coneguda com a " Malta i Siracusa" (també coneguda com a "escarpa Ibleo-maltesa") [14] , a més del principal responsable de l'alta sismicitat de la zona , que es desenvolupa a l’est del territori aretusià, a les profunditats del mar Jònic, fins a l’illa de Malta. [N 1]

Orografia

La zona de Siracusa forma part geològicament de les muntanyes Iblei . La seva orografia està formada per cims moderats, el més gran dels quals està donat per l' altiplà d' Epipoli , que forma part de les darreres branques orientals de l'Hibea. Als vessants de l’Epipolis, situat entre els municipis d’ Acradina i Neapolis , s’aixeca el turó temenita . El paisatge urbà també està marcat per la presència d’un penyal –un relleu en aquest cas ric en cavitats– anomenat Balza di Akradina, les parets dentades de les quals formen pedra calcària blanca, coneguda com a pedra blanca de Siracusa .

A Balza Akradina desenvolupa la latòmia caputxina : la més gran de les pedreres de Siracusa ( pedreres esteses mil·lenàries, l'activitat de les quals està documentada des de l' època grega . [N 2] Les pedreres són una característica principal de la ciutat, posseeix nombroses.

A la banda nord de Siracusa continuen els brancs Hyblean, formant paisatges rocosos i coves; això és particularment visible al barri de Scala Greca . En aquest costat de la ciutat hi ha el Cava Santa Panagia , excavat al llarg dels mil·lennis per un torrent d’ aigües meteòriques : representa l’única pedrera d’Iblei en contacte amb el mar. De fet, l’àrea física de Siracusa es veu afectada per un càrstic madur.

Al districte de Grotta Perciata, al límit del territori municipal, hi ha una de les coves càrstiques més importants de Sicília, per a la qual s’ha establert una reserva protegida: la reserva natural integral de Grotta Monello , situada entre valls fluvials i pendents pronunciades, sovint prohibitiu. [18] Dins la Grotta Monello hi ha estalactites i estalagmites notables, de les formes més variades. [18]

Hidrografia

Els principals rius que creuen l'àrea de la ciutat són l' Anapo i el Ciane : [N 3] el llit del Ciane al final del seu cabal es fusiona amb el de l'Anapo, els dos cursos d' aigua dolça comparteixen única desembocadura al mar Jònic, prop de la plana al·luvial del Pantanelli , on es troba la reserva natural de la salina de Siracusa (salina que ja no s’utilitza durant diversos anys [20] ).

Ponte sul Ciane (prop del Pantanelli )

Encara a la zona pantanosa situada a l'oest de la ciutat, al Pantanelli, el lloc on es trobaven els pantans de Lisimelie (precisament els pantans, segons una antiga tradició, haurien representat una característica tan significativa per a Siracusa que el nom de la ciutat en si mateix es remunta a ells [N 4] ) -, arran de les obres de recuperació del segle XX , es van excavar canals artificials : la Mammaiabica (discorre al costat del camí de la Ciane), la Scandurra, la Pismotta i la Regina. [22]

Després hi ha un altre riu important (també mil·lenari culturalment) que afecta el terme municipal: el Cassibile , del qual pren el nom el poblat llogaret siracusà . La desembocadura d’aquest rierol es troba al districte de Fontane Bianche . [23]

La font d'Aretusa amb els papirs al centre; planta rara però típica de Siracusa

Al centre històric de la ciutat, representat per l’illa d’Ortigia, brolla l’ aigua salobre de la font d’Aretusa , que brolla dels aqüífers de l’illa. [24] Al turó temenita, dins de la cova de Nymphaeum , hi ha la sortida de l' aqüeducte de Galermi ; conegut per ser l’aqüeducte més antic de Sicília (construït pel tirà Gelone el 480 aC , encara porta les aigües de l’Anapo fins a la ciutat). [25]

flora i fauna

El matoll mediterrani caracteritza la flora i la fauna siracusanes: palmeres , figueres de figuera , oliveres i cítrics dominen el paisatge. Gràcies a la presència del mar, s’ha desenvolupat una de les concentracions més importants de palmera nana a la Mediterrània; gairebé un quilòmetre quadrat. [26] A la ciutat, a prop de l' àrea arqueològica , també es pot veure un dels exemplars seculars de pagoda ficus més impressionants d' Itàlia. [27]

La flora fluvial té un especial interès: la planta més singular, atesa la seva raresa a Europa i al món, és el papir egipci ( cyperus papyrus ), les colònies del qual aquí creixen espontàniament (es poden observar a la Ciane).

Pel que fa a la fauna, Siracusa té un paper primordial en la receptivitat de les aus migratòries i el seu territori inclou la presència d’espècies rares a la resta del continent europeu. [28] La complexa conformació de l'àrea geogràfica permet la subdivisió de la fauna en espècies rupestres (o espelees), [29] fluvials i sobretot marines: l' àrea protegida marina de Plemmirio , en aquest sentit, representa un important observatori per a l’estació de cetacis ( rorquals comuns , dofins , catxalots i altres gegants del mar). [30]

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Estació Meteorològica de Siracusa .

El clima de Siracusa és típic de les zones costaneres mediterrànies ( clima mediterrani ) i, per tant, plujós i suau a l’hivern, càlid però ventós i sec a l’estiu. En particular, se sap que el clima siracusà està dominat pel vent de siroc . [31] Es poden produir episodis d'inundació a la tardor , amb pics superiors a 100/150 mm al dia. [32]

L'11 d'agost de 2021, a l'estació siciliana d'informació agrometeorològica situada a prop de la frontera amb el municipi de Floridia , es va registrar el valor de temperatura més alt a Itàlia i Europa en la història de la recopilació de dades climàtiques, igual a +48,8 ° C [33] . Atès que aquesta estació no pertany a l’ Organització Meteorològica Mundial (OMM), el registre oficial italià resta atribuït a Foggia que va registrar +47 ° C el 25 de juny de 2007 a l’ estació meteorològica d’Amendola pertanyent a la xarxa meteorològica de la Força Aèria (organisme afiliat) a l’OMM).

Siracusa [35] Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 16 16 18 20 24 28 32 32 29 25 20 17 16.3 20.7 30,7 24.7 23.1
T. min. mitjàC ) 5 5 7 8 12 16 19 19 17 14 10 7 5.7 9 18 13.7 11.6
Precipitacions ( mm ) 75 53 46 35 19 6 5 9 45 106 62 86 214 100 20 213 547
Humitat relativa mitjana (%) 73 71 70 70 68 65 64 67 68 72 75 76 73.3 69,3 65.3 71,7 69,9

Orígens del nom

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Orígens de Siracusa § Etimologia .
Moneda amb la inscripció ΣΥRAKOΣION («dels siracusans»), segle V aC

Els orígens del nom de Siracusa són extremadament incerts. És sobre la moneda de l'antiga ciutat que aquest topònim és testificat per primera vegada al segle VI aC. Entre les hipòtesis més conegudes hi ha la derivació:

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Siracusa i Siracusa (ciutat antiga) .

Antiga Siracusa

Les excavacions arqueològiques de la zona han establert que la zona on es va construir Siracusa estava habitada, sense solució de continuïtat, a partir del neolític : [40] el paper de l'anomenada "civilització Stentinello ", que pren el nom del jaciment costaner. , és molt significatiu al nord de Siracusa i les troballes del qual es remunten al 6000 aC

«Múltiples ciutats, de cinc noms, d’antiga esplendor, de poder, d’una bellesa incomparable, de reis savis i tirans cecs, de llarga pau i guerres ruïnoses, d’assalts bàrbars i saquejos: a Siracusa s’escriu, com a totes les ciutats de la glòria antiga, la història de la civilització humana i el seu declivi ".

( Vincenzo Consolo , L'olivera i l'olivera , 1994. )

La ciutat de Syrakousai va ser fundada pels corintis l'any 733 aC (segons la datació tucididiana ). La guia dels nous colons era l’ ecista Archia , mentre que el seu lloc de desembarcament era l’illa d’Ortigia, de la qual van aconseguir expulsar els sicilians ; els anteriors habitants de la zona .

La colònia neocorintiana va créixer ràpidament i va sotmetre els territoris geogràficament propers a ella. Durant la seva història grega centenària, Siracusa va tenir una llarga línia de tirans i breus moments de poder popular, principalment sotmesos a l’ oligarquia . Entre els nombrosos homes que ocupaven el govern de la polis , sis, més que tots els altres, destacaven en el panorama del món antic per enginy, fama i poder: Gelone , Ierone I , Dionigi I , Agatocle i Ierone II , a al qual cal afegir el govern oligàrquic moderat del general corinti Timoleonte , que va durar uns deu anys. Van dominar una gran part de Sicília, impulsant la presència siracusana dins de la Magna Grècia , i van ampliar la influència de la polis en l’ampli escenari mediterrani, colonitzant i creant ports comercials estratègics (com l’obra de Dionís a l’Adriàtic ) o sotmetent el ciutats que van trobar en el camí per allunyar-les de l'enemic (exemple d'això va ser Agatocle amb la seva expedició a Àfrica ). [41]

Siracusa va ser el principal rival de la capital fenícia , Cartago , que, en ocupar la part occidental de l’illa (anomenada eparquia púnica) amb les seves activitats bèl·liques i comercials, va donar lloc a les guerres greco-púniques . Aquestes dues metròpolis influents, en una successió de tractats de pau i brots de noves batalles, van animar tota la història de la Sicília grega d’una manera cruenta.

A més dels forts contrastos interns amb les altres poleis sicilianes i amb els bàrbars -per exemple, la guerra contra Akragas i el conflicte contra la Syntèleia de Ducezio , rei dels sicilians-, Syrakousai va rebre l’ambiciosa ofensiva externa d’ Atenes : les golfes capital va establir una poderosa expedició dirigida a Sicília , en el context bèl·lic de la guerra del Peloponès , amb l'objectiu de conquerir la reconeguda ciutat costanera que, amb la seva expansiva política, va soscavar els interessos atenesos a Occident. Durant l'esdeveniment bèl·lic, es va distingir el general siracusà Hermocrates , que posteriorment va dirigir ell mateix els soldats siracusans a Àsia Menor , al costat d' Esparta , en la fase final de la mateixa guerra.

Arquimedes dibuixa els seus cercles mentre el soldat romà es prepara per perforar-lo (a partir de la coneguda tradició de la mort del científic siracusà , de Thomas Degeorge , segle XIX )

La cort de Siracusa va ser un mecenes de les arts , que va acollir els noms més famosos del món grec, incloent: Esquil , Píndar , Ibic , Xenofont i Plató ; aquest últim no només es va quedar al pentàpolis , sinó que va participar (segons la tradició), així com l’ Acadèmia d’Atenes , en tota la història política de Syrakousai, fent diversos viatges i convertint-se en un confident de Dione , que al seu torn era el principal opositor polític del tirà Dionis II . [42] Va ser el bressol d'un gran nombre de personalitats atorgades al món de les arts, la filosofia i la ciència. Arquimedes destaca entre els nadius: matemàtic, inventor, científic que es va fer càrrec de Siracusa quan va ser assetjada pels romans el 212 aC .

Després d'una llarga resistència, les legions romanes van aconseguir entrar a la ciutat i la capitulació va tenir lloc pel cònsol Marco Claudio Marcello . Durant la calor de la conquesta, un soldat romà va matar Arquimedes. Totes les riqueses de Siracusa, acumulades al llarg de segles d’hegemonia i prosperitat, van ser saquejades i transportades a Roma. Va ser un important punt d’inflexió en la cultura mediterrània. No obstant això, malgrat haver perdut la seva autonomia, Syracusae va continuar sent el principal centre de l'illa durant tota l'època romana . Es va establir la província de Siracusa i la ciutat va ser designada capital de la Sicília romana . Ciceró , que hi va arribar el segle I aC , la va descriure com " la ciutat grega més bella i més gran " ( A Verrem , II, 4, 117) i l'emperador August , en el mateix període, va enviar una colònia de ciutadans romans per contribuir-hi a la seva repoblació.

Amb l'arribada del cristianisme , a la ciutat van néixer impressionants catacumbes . Aquí aviat va arribar el missatge apostòlic, ja que el port siracusà era al centre de les rutes marítimes de l’ Imperi Romà ; camins recorreguts pels primers missioners . [43] La tradició afirma que el protobisbe de Siracusa era Marciano d'Antioquia , enviat per l' apòstol Pere .

Els Fets dels Apòstols testimonien que l'any 61 l'apòstol Pau de Tars va romandre a la ciutat durant tres dies. [44] Durant el regnat de Dioclecià , el 13 de desembre de 304 , va tenir lloc el martiri de Llúcia de Siracusa (Santa Llúcia). [45]

Època medieval

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Siracusa a l’època medieval .

Amb les invasions bàrbares, l' Imperi Romà d'Occident va declinar, com a conseqüència del qual la ciutat va passar a formar part de l' Imperi Romà d'Orient (més tard conegut com a Imperi Bizantí ) al segle V. Per a un disseny polític desitjat per Constant II , Siracusa es va convertir en la capital de l'Imperi d'Orient en lloc de Constantinoble , del 663 al 668 ; fins a l'assassinat de l'emperador, que va tenir lloc en una localitat de la ciutat anomenada per Teòfanes "els banys de Dafne ". [46]

A partir del segle VII, Siracusa va ser objectiu dels àrabs , els atacs dels quals es van intensificar al segle IX : després de repel·lir un primer setge el 827 , la ciutat finalment va caure, de manera cruenta, durant el segon setge , que va acabar el 21 de maig de. 878 .

El període islàmic siracusà roman impregnat del silenci de les antigues fonts, especialment els primers anys posteriors a la violenta conquesta. Una damnatio memoriae que va afectar l’absència d’evidències arquitectòniques àrabs a la ciutat. [47] Malgrat la destrucció gairebé total soferta, Siracusa aviat va haver de ser reintroduïda als circuits socials de l'illa (ja en el període normand es coneixia com a punt focal del comerç [N 5] [N 6] ).

El 1040 l'emperador de Bizanci Miquel IV va enviar el general Giorgio Maniace en missió a Siracusa, amb l'objectiu de recuperar la terra d'Arezzo. Els principals companys d’armes del general foren els guerrers itàlics i normands , dirigits per Harald Hardråde de Noruega , William Popeye - sobrenom que li va donar per haver perforat l’ emir de Siracusa amb l’espasa -, Drogone d’Altavilla , Arduino de Melfi i Stefano. il Calafato ; cunyat de l'emperador, situat al capdavant de la flota. La ciutat fou conquerida per ells. Després de nombroses victòries, però, van sorgir greus desacords interns a l'exèrcit de Maniace, que va haver d'abandonar Sicília. Els normands van prendre partit contra els bizantins. El nou equilibri format va portar en poc temps a la represa del control musulmà sobre Siracusa. [49] [50]

En primer pla, el tòtem que recorda l’origen Frederic del castell de Maniace (construït per Frederic II dels Hohenstaufen el 1240 i nomenat per ell en memòria del general bizantí Giorgio Maniace )

La ciutat es va retirar definitivament dels àrabs el 1085 , després d’una batalla naval –que va tenir lloc al Gran Port– que va veure la batalla mortal entre l’emir Benavert (l’últim emir àrab de Siracusa i l’últim que quedava al poder en el conjunt Sicília [51] ) i el normand Roberto il Guiscardo .

El nou ordre polític de l'illa donat pels normands no va donar tanmateix a Siracusa la possibilitat de recuperar el seu antic paper de capital de Sicília (de fet, tal com van inaugurar els àrabs, van mantenir la seu capital a Palerm ).

Amb l'arribada del poble nòrdic, els siracusans van formar un comtat ; el primer establert a l'illa, governat pel seu propi comte en la figura de Giordano d'Altavilla ; nét de Ruggero I d'Altavilla , que al seu torn es va convertir en Gran Comte de Sicília .

Al segle XII, Siracusa va ser testimoni de la disputa entre les repúbliques marítimes de Gènova i Pisa , que tenien com a objectiu establir-s'hi i comptar-la entre els seus feus . El 1204 Siracusa també tenia com a senyor feudal un comte genovès: va ser el pirata Alamanno da Costa , el qual va rebre el títol de comte de Siracusa "per la gràcia de Déu, pel rei de Sicília i per la República de Gènova" [ 52] (Gènova comptava amb drets sobre la possessió de Siracusa, ja que la ciutat siciliana li hauria estat promesa pel dinast de Hohenstaufen , el sveu Frederick Barbarossa , a canvi de favors personals; una promesa que el seu fill també renovaria, Enric VI de Suàbia [53] ). Tanmateix, el nebot de Barbarossa, Frederic II de Suàbia , rei de Sicília i emperador del Sacre Imperi Romanogermànic , va decidir tornar Siracusa sota el poder directe del govern sicilià, la va rescatar de les disputes feudals i la va declarar el 1234 com a " urbs fidelissima ". (ciutat fidel; epítet que en els documents que la relacionen es mantindrà fins a l'era moderna). [54]

Durant les Vespres sicilianes, Siracusa es va proclamar com a municipi lliure ; institució que va deixar d’existir amb l’arribada dels aragonesos per governar l’illa. [55] El 1302 la ciutat es va convertir en la seu de les reines del Regne de Sicília i a partir d'aquestes va estar governada durant molt de temps per la Cambra Reial , que va atorgar als siracusans una àmplia autonomia, "com a estat dins de l'estat", [ 56] sense perjudici que la seva obediència final fos exclusivament del propietari de la corona de Sicília.

La primera reina dels siracusans va ser Eleonora d'Angiò , l'última va ser la infanta de Navarra Germana de Foix , nebot del rei de França Lluís XII i consort de Ferran II d'Aragó . [57]

Època moderna

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Siracusa a l’era moderna .

També gràcies al profund vincle emocional que existia entre Germana de Foix i el primer governant de l’Imperi espanyol, Carles V d’Habsburg , Siracusa va mantenir una relació bastant intrínseca amb aquest últim, cosa que va conduir al testimoni substancial dels fets dels Habsburg a els aspectes més variats de la història siracusana. L’època de Carles V va estar marcada per la guerra contra l’ Imperi Otomà . Siracusa, com a territori fronterer entre la Mediterrània occidental i oriental, es va convertir en un pivot fonamental per defensar les fronteres imperials espanyoles. Carlo V, quindi, la fece fortificare in maniera talmente poderosa che essa assunse, da qual momento in avanti, l'appellativo di fortezza . [58]

Risale inoltre all'operato dei soldati spagnoli di Carlo V la trasformazione di Ortigia in un'isola, poiché essi tagliarono l' istmo che i Greci avevano costruito circa mille anni prima, [59] riportando così Ortigia alla sua forma geografica originale. [60]

Nel 1529 l'Ordine dei cavalieri Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme si trasferì a Siracusa: le fonti si dividono su chi sostiene fosse stato lo stesso Carlo V a indirizzarli nel siracusano, per tenere lontane le flotte turche ei pirati barbareschi , [61] e chi invece sostiene fosse stata iniziativa del Gran Maestro Philippe de Villiers de L'Isle-Adam . [62] I cavalieri erranti, in quanto privi di fissa dimora dopo la perdita dell' isola di Rodi , rimasero a Siracusa un intero anno, fino a quando ricevettero, nell'aprile del 1530 , i documenti concessi da Carlo V, in qualità di re di Sicilia, sull'infeudamento dell' arcipelago di Malta al loro Ordine; in cambio l'Asburgo pretendeva dalla sacra milizia la fedeltà al monarca siciliano. I cavalieri accettarono.

Siracusa divenne allora testimone della nascita dell' Ordine dei cavalieri di Malta (data la vicinanza tra le due isole, i cavalieri instaureranno con i siracusani un rapporto molto stretto, non privo di conflittualità [N 7] ).

In alto: le colonne d'Ercole con il motto Plus Ultra e il globo terrestre; i simboli personali di Carlo V - adottati a seguito della scoperta delle Americhe - sormontano tutt'oggi l'ingresso del castello Maniace di Siracusa (la targa fu da egli voluta nel 1542 ).
In basso: gli stessi simboli nel Palazzo di Carlo V

Il '500 fu per Siracusa un secolo di grandi catastrofi naturali : l'evento per essa più distruttivo fu il terremoto del 1542 , durante il quale la città fu vicina alla distruzione totale. [63] Carestie ed epidemie decimarono la popolazione (solo qualche decennio prima del terremoto era stata persino attesa una fine del mondo ). Pure Carlo V, negli anni del pieno fervore religioso (in Sicilia vigeva l' inquisizione spagnola ), si convinse di dover punire degli ignoti peccatori che, avendo provocato l'«ira del Cielo» [64] (così sostenevano i siracusani), avevano attratto la calamità sulla città. [65]

Guerre e calamità perdurarono a un ritmo sostenuto anche per tutto il secolo successivo. Siracusa, difatti, non riuscì più a tenere il passo con la crescita demografica degli altri principali centri di Sicilia (mentre nella maggior parte dell'isola la popolazione aumentava, a Siracusa accadeva l'opposto: la sua popolazione andava sempre più a diminuire). [N 8]

In epoca spagnola Siracusa era nota soprattutto con il nome di Zaragoza de Sicilia (o Çaragoça de Sicilia): fin dal principio della loro presenza sull'isola, gli spagnoli l'avevano appellata come la capitale aragonese Saragozza e, per distinguerla da questa, nei documenti ufficiali figurava sempre come la Saragozza di Sicilia. [66]

Tra i principali eventi bellici del periodo, particolarmente rilevanti per Siracusa furono: la tentava invasione da parte del sultano Solimano il Magnifico (come conseguenza della battaglia di Lepanto ), la sconfitta dei cavalieri di Malta al Plemmirio , la guerra del re Sole, Luigi XIV di Francia (nel contesto della seicentesca guerra d'Olanda ), che interessò soprattutto i domini spagnoli del siracusano; durante quest'ultimo conflitto perse la vita e fu seppellito a Siracusa l'ammiraglio d'Olanda Michiel de Ruyter (il cui corpo venne in un secondo tempo reclamato dagli olandesi di Amsterdam [67] ).

Nel 1693 si verificò nel siracusano un altro terremoto distruttivo , con conseguente maremoto , che stavolta interessò la maggior parte della Sicilia orientale. Siracusa patì meno danni rispetto all'evento sismico del 1542, ma ne uscì ugualmente stremata. Nel 1700 , con la morte prematura di Carlo II di Spagna , si aprì la violenta contesa per decidere il nuovo dinasta dell'Impero spagnolo. La guerra di successione spagnola coinvolse pienamente Siracusa, poiché la Sicilia divenne terra contesa a seguito del trattato di Utrecht , con il quale l'isola veniva sottratta al controllo della Spagna e unita al Ducato di Savoia .

La Spagna di Filippo V , non avendo tuttavia alcuna intenzione di rinunciare al possesso dell'isola, disattese le aspettative delle altre potenze europee e intraprese una guerra per svincolare la Sicilia dai piemontesi e riportarla sotto l'influenza iberica. Fu in tale contesto che Siracusa divenne la fortezza savoiarda nella quale si rifugiò Annibale Maffei , viceré di Vittorio Amedeo II di Savoia , mentre l'esercito spagnolo aveva già conquistato quasi l'intera isola. Intervenne allora in terra aretusea, per la prima volta, l'esercito britannico , poiché l'intento di Giorgio I d'Inghilterra era impedire alla Spagna di riconquistare gli antichi domini perduti.

Segnò una svolta importante nella storia di Siracusa lo scontro dell'11 agosto 1718 tra spagnoli e inglesi , che vide la vittoria di quest'ultimi nelle acque siracusane: l'esito di quella battaglia difatti sancì la fine dei rapporti con la terra iberica e il principio di un'assidua presenza britannica sul territorio.

Dopo la separazione dal Piemonte e una breve e tormentata parentesi austriaca , durata circa quindici anni , Siracusa entrò a far parte dei domini della corona dei Borbone di Napoli . Nel 1798 Napoleone Bonaparte mise fine a un lungo periodo di pace, reclamando per la Francia l'isola di Malta e cacciando da essa i cavalieri, un gruppo dei quali andò a chiedere aiuto allo zar della Russia Paolo I Romanov . Venne scatenata una disputa per il possesso dell'arcipelogo maltese; disputa che si estese ai siracusani , poiché Bonaparte non era estraneo al desiderio di conquistare la Sicilia. La città aretusea ricevette nel suo porto dapprima la flotta britannica di Horatio Nelson (celebre la sua frase sull'acqua della Fonte Aretusa , grazie alla quale egli avrebbe riportato la vittoria su Bonaparte in Egitto [68] ) e in seguito quella di Cuthbert Collingwood , successore di Nelson nel ruolo di comandante della Mediterranean Fleet , che richiese il pieno possesso marinaro di Siracusa per i soldati di Sua Maestà Britannica . Le truppe di terra del Regno Unito , così come quelle di mare, presidiarono la città per tutta la durata del conflitto bellico napoleonico , lasciandola scoperta solo dopo il 1813 (il periodo napoleonico formò un forte legame con l'Inghilterra, tale da far vacillare la stabilità politica di Siracusa ).

Da segnalare che nel medesimo periodo Siracusa accolse la flotta degli Stati Uniti d'America , la quale rimase nel suo porto dal 1803 al 1807 , durante lo svolgimento della prima guerra barbaresca . [69] Gli americani lasciarono però la città a seguito dei difficili rapporti con i soldati britannici (dopotutto le reminiscenze della guerra d'indipendenza americana erano ancora vivide e la Gran Bretagna si apprestava a occupare militarmente Siracusa per impedire ai francesi di conquistarla, non volendo ulteriori presenze armate in essa). [N 9]

Il Regno delle Due Sicilie , nato nel 1816 , attraversò a partire dagli anni '20 una profonda crisi, poiché la Sicilia non accettò mai l'unione della propria corona a quella napoletana, con la conseguente privazione di autonomia. Siracusa si unì alla ribellione negli anni '40: per essa lo spartiacque, capace di spazzare via in un sol colpo la fiducia nel governo borbonico, fu dato dalla crisi sanitaria che la colpì nel 1837 , quando un' epidemia di colera funestò pesantemente la città. Avvennero delle rivolte e con esse nacquero delle discordie insanabili tra i siracusani e l'autorità dei Borbone: Ferdinando II per riportare Siracusa sotto il suo controllo ricorse all'uso delle forze armate , le quali non risparmiarono odiose ritorsioni alla popolazione. Infine il re tolse alla città il titolo di capoluogo, dando origine alla provincia di Noto . I siracusani, quindi, aderendo ai moti rivoluzionari del 1848 (noti come Primavera dei popoli ), accolsero tra le loro mura i soldati inglesi, poiché la Gran Bretagna, affiancata quasi subito dalla Francia, s' impose come potenza mediatrice nella disputa in corso tra i siciliani ei Borbone di Napoli, i quali dovettero accettare, momentaneamente, l'esistenza di un nuovo Regno di Sicilia .

Siracusa, divisa tra il presidio dei soldati inglesi e quello dei soldati francesi, vide finire molto presto il fugace momento indipendentista e si ritrovò nuovamente sotto le insegne di Ferdinando; ciò anche a causa della rivalità tra i paesi europei intervenuti nel conflitto. [70] La svolta definitiva avvenne con i successivi moti per la nascita del Regno d'Italia : Siracusa si consegnò ai Garibaldini il 28 luglio del 1860 . [71] Il potere dei sovrani borbonici venne annullato e la città dal 1865 tornò ad essere stabilmente il capoluogo della provincia siciliana sud-orientale (all'epoca la provincia di Siracusa conteneva al suo interno anche la futura provincia di Ragusa ).

Epoca contemporanea

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Siracusa in epoca contemporanea .
Lo sbarco delle truppe inglesi presso la spiaggia aretusea di Fontane Bianche (luglio 1943)

Durante la guerra coloniale italiana e durante l' epoca fascista Siracusa assunse il suo classico ruolo strategico, essendo la sua posizione geografica predisposta alla rotta tra l'Italia e l'Africa. [72] Il re Vittorio Emanuele III risiedette in città diverse volte (l'ultimo suo soggiorno fu nel 1942 ), così come venne in visita in più di un'occasione il duce Benito Mussolini .

Dal 1941 al 1943 , con lo scoppio della seconda guerra mondiale , Siracusa subì numerosi bombardamenti . Nella primavera del 1941, al largo della città, i soldati britannici silurarono il transatlantico Conte Rosso ; un attacco che causò un gravissimo numero di vittime per l'Italia (con oltre milleduecento morti fu il più alto tributo di vite umane che si verificò a bordo di una nave italiana durante la prima fase del conflitto). [73]

La città venne occupata dagliAlleati tra la notte del 9 luglio e il giorno del 10 luglio 1943 , tramite l' operazione Ladbroke (a sua volta parte dell' operazione Husky ). In un primo momento essa fu la sede principale dell' AMGOT , il governo militare alleato che prese il controllo della Sicilia. [74] Nei pressi della frazione di Cassibile , esattamente nella contrada Santa Teresa Longarini (pochi chilometri dall'ingresso sud di Siracusa), venne firmato segretamente il 3 settembre 1943 l' armistizio tra l'Italia e gli Alleati (che sarà reso noto al mondo tramite il Proclama Badoglio dell'8 settembre 1943 ; data alla quale esso rimarrà legato). In seguito venne costruito nella periferia centrale della città il Syracuse War Cemetery per i caduti inglesi (adiacente al cimitero monumentale siracusano). [75] Finita la guerra, la città conobbe un periodo di ricostruzione e nuove speranze.

Il 1953 fu un anno importante per Siracusa, poiché avvenne al suo interno la lacrimazione di un'effigie mariana (raffigurante il Cuore Immacolato di Maria ), evento che la chiesa ha in seguito dichiarato miracoloso . [N 10]

Sir Winston Churchill in visita al Syracuse War Cemetery durante la sua permanenza in città nel 1954

Nel 1954 giunse in città, ufficialmente in vacanza, Winston Churchill (vi era già stato una prima volta nel 1917 , di passaggio, quando da Vienna si era diretto a Malta). Il primo ministro inglese nei suoi racconti ricorderà la permanenza a Siracusa come «la vacanza più deliziosa della sua vita da viaggiatore». [77]

Tra la fine degli anni '50 e la fine degli anni '70 nacque e si sviluppò, nel lato periferico nord della città, il polo petrolchimico siracusano ; annoverato tra i più vasti poli petrolchimici d'Europa. [78] Ciò non fu senza ripercussioni sociali: per quanto riguarda i territori di Siracusa, l'industria interessò la baia di Santa Panagia , la contrada Targia e il borgo di Priolo Gargallo , che divenendo un centro industriale, chiese ed ottenne l'indipendenza da Siracusa nel 1979 . [79] Le industrie collegate al petrolchimico giunsero a lambire l'entrata nord della città. Oltre ad una ricchezza economica circoscritta, il polo portò al deturpamento e all'inquinamento dell'ambiente circostante. [80]

Nel 1990 un violento terremoto, detto di Santa Lucia , poiché accadde il 13 dicembre, provocò ingenti danni alla città e parecchie polemiche per il silenzio istituzionale che ne seguì. [81]

Il 5 e 6 novembre del 1994 papa Giovanni Paolo II venne in città per inaugurare il santuario della Madonna delle Lacrime e per l'occasione tenne un discorso alla cittadinanza, esortandola a reagire dinnanzi all' emarginazione socio-economica che rischiava di escluderla dalla vita della nazione. [82]

Nel 2005 Siracusa è stata inserita dall' UNESCO nella lista dei patrimoni dell'umanità , congiuntamente alle vicine necropoli rupestri di Pantalica . Un altro evento significativo per la città si verificò nel 2009 , quando al Castello Maniace venne organizzato il forum del G8 per l'ambiente , dal quale scaturì la carta di Siracusa sulla biodiversità . [83]

Simboli

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stemma di Siracusa .
Lo stemma di Siracusa scolpito sulla facciata del palazzo del Senato cittadino

Anticamente la città aveva i propri simboli di riconoscimento nelle emissioni monetali . Il suo più noto e antico emblema era il volto di Aretusa circondato da delfini , che la rese celebre nel Mediterraneo. Essa inoltre fu la prima città di Sicilia a incidere sulle monete la figura della Triscele , contribuendo in maniera decisiva alla sua diffusione come simbolo principale dell'isola. [84]

Siracusa rappresenta anche uno dei primi luoghi geografici ad aver adottato la figura dell' aquila : essa, a partire dal periodo ellenistico , la incideva sul metallo, mostrandola nell'atto di afferrare un fascio di fulmini . E proprio questo animale - con gli artigli sempre serrati sulla folgore, originario segno di Zeus - venne ripreso durante il medioevo per divenire l'unico simbolo della città, inciso sulla sua arma già durante il trono degli Svevi. [85]

In seguito, nel XV secolo , una fortezza andò a sostituire del tutto l'aquila, [86] fino a quando, nel XVII secolo , i più longevi simboli della città vennero uniti e formarono quello che è lo stemma di Siracusa: un'aquila turrita (con castello torricellato) cinta da corona . [86]

«Di verde all'aquila al naturale, al volo abbassato e con l'ala sinistra chiusa, cimata di corona regia, caricata nel petto di un castello d'oro, torricellato, afferrante con gli artigli d'oro i fulmini di Giove dello stesso. Sotto lo scudo una lista d'azzurro con la scritta SPQS »

( Descrizione dello stemma all'interno dello statuto comunale. )

L'attuale stemma è stato concesso l'8 dicembre del 1942 e viene citato nel terzo articolo dello statuto comunale . Il motto posto sotto lo scudo di colore verde , su una lista di colore azzurro , reca la scritta SPQS , in lingua latina , «Senatus PopulusQue Syracusanus» , tradotto: «Il Senato e il Popolo Siracusano» . [87]

Mentre la sopracitata figura di Aretusa attorniata da delfini odiernamente viene adoperata insieme alla biga (che come la quadriga era un altro noto simbolo della città antica), alla Vittoria alata e al leone (figura che faceva la sua comparsa nel contesto bellico contro Cartagine) per rappresentare lo stemma dellibero consorzio comunale di Siracusa (ex-provincia). [88] [89]

Monumenti e luoghi d'interesse

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall' UNESCO
Siracusa e la Necropoli Rupestre di Pantalica
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Blue Hour Piazza Duomo 5 - Syracuse - Unesco World Heritage.jpg
Tipo Architettonico
Criterio C (ii) (iii) (iv) (vi)
Pericolo Nessuna indicazione
Riconosciuto dal 2005
Scheda UNESCO ( EN ) Syracuse and the Rocky Necropolis of Pantalica
( FR ) Scheda

«L'evidente stratificazione culturale, architettonica e artistica nel complesso di Siracusa/Pantalica è un'eccezionale testimonianza della storia e della diversità culturale della regione di Siracusa in oltre tre millenni dal periodo Greco al Barocco.»

( Unesco , Syracuse and the Rocky Necropolis of Pantalica . )

Siracusa è tra le principali città d'arte in Italia. Colma di pregevoli monumenti e luoghi d'interesse, deve le sue innumerevoli testimonianze architettoniche e culturali a una storia altrettanto ricca e antica.

L'UNESCO annovera Siracusa tra i patrimoni dell'umanità utilizzando quattro criteri, tra i quali l'eccezionale importanza universale degli eventi che qui si verificarono (VI criterio) e la straordinaria diversità culturale concentrata in un unicum spazio (II criterio).

La città abbraccia nel suo insieme un patrimonio architettonico-culturale plurimillenario, custodendo nei suoi musei reperti archeologici di un'antichità ancora maggiore rispetto alla sua fondazione greca.

Architetture civili

Nel collage alcune delle vedute più caratteristiche dell'isola di Siracusa, Ortigia

Le architetture di Siracusa mostrano quasi sempre facciate bianche, tendenti al beige o al giallo-oro, poiché esse sono state erette con la pietra degli Iblei , che in dialetto prende il nome di pietra giuggiulena : la pietra torrone; data la sua modellabilità e le sue tonalità simili a quelle dell'alimento sopracitato. [90] Per tale motivo Siracusa viene spesso appellata, architettonicamente, «città bianca». [91]

La maggior parte dei numerosi e antichi palazzi nobiliari si trova sull'isola di Ortigia, poiché in epoca medievale e rinascimentale la città era esclusivamente racchiusa al suo interno, mentre la Siracusa di più recente edificazione ospita gli edifici di carattere amministrativo e governativo (ad esempio il plesso ospedaliero e il tribunale di giustizia ). Tra le prime costruzioni civili dell'età post classica si annoverano la trecentesca sede della Camera reginale e il trecentesco palazzo Mergulese-Montalto , in stile gotico chiaramontano . In città permangono altre architetture medievali , soprattutto del periodo aragonese-catalano : esempi ne sono il palazzo Bellomo e gli elementi sopravvissuti del palazzo Zapata -Gargallo, appartenuto alle omonime prestigiose famiglie (un loro discendente fu il fondatore dell'originario borgo di Priolo Gargallo, Tommaso ). Tuttavia è dopo il terremoto seicentesco, e quindi con la conseguente ricostruzione, che fa la sua comparsa lo stile predominante di Siracusa: il barocco siciliano . La città ha dato i natali ad uno dei principali esponenti di questo stile: l'architetto Rosario Gagliardi .

Il palazzo del Vermexio , sede del governo comunale, rimane uno dei maggiori esempi dell'arte barocca applicata ad un edificio amministrativo. [92] L'evoluzione definitiva del barocco fu il rococò ; Siracusa ne mostra chiaramente gli elaborati segni: palazzi come il Beneventano del Bosco (nelle cui antiche stanze risiedettero, in tempi diversi, il Gran maestro dei cavalieri di Malta Philippe de Villiers de L'Isle-Adam, [93] l'ammiraglio Horatio Nelson [94] ei sovrani Borbone che giunsero in città, tra i quali il conte di Siracusa, Leopoldo delle Due Sicilie ), l' Impellizzeri , [95] il Borgia del Casale (proprietà del ramo siracusano dell'influente famiglia dei Borgia ) vennero edificati adottando li suddetto stile ornamentale .

L'edificio che ospita la curia siracusana è il palazzo Arcivescovile ; al suo interno sono visibili vari secoli di mutazioni architettoniche: dall'edificazione sveva a quella settecentesca e ottocentesca. Risalgono direttamente all '800 e riflettono gli stili liberty e neoclassico (singolarmente o alle volte entrambi) i palazzi intitolati: della Sovrintendenza ai Beni Culturali , dell'Orologio (così chiamato per via del grande orologio meccanico che sovrasta la sua sommità), dell'Antico mercato, della Camera di Commercio.

Nell'immagine il prospetto frontale del palazzo dell'orologio, presso piazza Archimede. Sulla sinistra le statue della fontana di Diana

Ottocentesco è anche il palazzo del teatro comunale di Siracusa , costruito affinché «la terra di Epicarmo avesse un teatro adatto» ad ospitare la vita artistica della popolazione. [96] Un decennio dopo venne inaugurato il palazzo della stazione ferroviaria ea seguito di ciò vi fu l'inaugurazione dell' edificio per la stazione marittima (odierna sede della Capitaneria di Porto ). [97]

Nella prima metà del Novecento vennero realizzati il palazzo dell' hotel Des Etrangers , del Grand Hotel (entrambi tra i più antichi hotel siracusani) [98] e il palazzo delle Poste (odiernamente convertito anch'esso in struttura ricettiva ).

Le principali e storiche ville della città sono essenzialmente tre: Politi, Landolina e Reimann. La villa Politi sorge sopra le latomie siracusane (nata come Grand Hotel Villa Politi) e venne edificata nel XIX secolo dalla nobile austriaca Maria Theresa Laudien, moglie del siracusano Raffaello Politi , la quale con il suo operato le fece conferire la nomea di «salotto internazionale» [99] (tra le tante personalità ospitò anche i principi del Piemonte e Winston Churchill).

La villa Landolina, sita nel quartiere della Neapolis , è anch'essa una dimora del XIX secolo. Porta il nome della famiglia Landolina, il cui più illustre membro fu l'archeologo e naturalista Saverio Landolina (fu egli che riportò alla luce la nota Venere siracusana e che difese l'esistenza della colonia spontanea dei papiri aretusei, entrando inoltre nel dibattito su chi scoprì questa rara pianta ). [100] Accanto ad essa, dentro il suo terreno, è stato costruito il museo archeologico regionale Paolo Orsi . Un grande parco alberato e tombe dei caduti di altre nazioni completano la sua complessa area. [101]

Villa Reimann invece, conosciuta anzitutto per il suo particolare ed esteso giardino (copre 35.000 m² di suolo urbano [102] ), che è detto «Giardino delle Esperidi», [103] sorge a pochi passi dalla necropoli della tomba di Archimede e prende il nome dalla nobile infiermiera danese Christiane Reimann , che trasferendosi a Siracusa acquistò l'immobile nel 1933 . [N 11] Per volere della stessa nobil donna, la villa odiernamente è divenuta proprietà del comune. Meritevole di attenzione è inoltre la villa Bonanno (nota pure come castello per via del suo aspetto imponente), ormai in stato di abbandono, la quale sorge a Tremilia, periferia di Siracusa: inizialmente il proprietario della villa fu lo scozzese Gould Francis Leckie , che nel 1800 ottenne la concessione dell'antico terreno ecclesiastico, ma avendo dovuto egli in seguito abbandonare la Sicilia (Leckie durante l'occupazione britannica di Siracusa entrò in conflitto con i sovrani borbonici), l'edificio passò ai baroni siracusani Bonanno. [104]

Architetture militari

Al principio sorse il castello Eurialo (ubicato nell'odierna frazione di Belvedere ), voluto dal tiranno Dionisio il Grande come perno difensivo e punto di congiunzione delle sue vaste mura , alzate contro gli assalti dei Cartaginesi e di altri popoli dalle intenzioni bellicose (Siracusa in quel periodo aveva appena respinto l'offensiva di Atene, sentiva quindi la necessità di aumentare le proprie difese per far fronte ad altre guerre). Anche Archimede mise mano alla fabbricazione del castello, arricchendolo di insidie per i nemici della pentapoli. [105] L'Eurialo è l'opera militare che quando millenni dopo fu veduta dal Kaiser Guglielmo II di Germania , venne presa ad esempio per la guerra di tunnel e trincee combattuta dai tedeschi. [106]

Una delle sale interne del Castello Maniace e uno dei suoi profili esterni che affacciano sul mare

Nella prima metà del Duecento sorse il Castello Maniace , in stile gotico , progettato da Federico II di Svevia su un forte precedente, a sua volta realizzato dal generale bizantino Giorgio Maniace; a lui Federico intitolò la propria costruzione. [107] Questo castello, considerato come una delle più rappresentative architetture federiciane, [108] rivestì un importante ruolo nella vita militare della città medievale: adibito a prigione e usato per contrastare le incursioni piratesche , ma quando giungevano i sovrani del Regno era in grado di divenire anche un'elegante sede di corte. [108]

Con l'avanzare dei secoli Siracusa venne sempre più fortificata. Nel Cinquecento , sotto il dominio degli spagnoli , venne distrutta la gran parte dei monumenti greco-romani (alcuni già compromessi dai molteplici terremoti) per riutilizzarne la pietra, costruendo così poderosi bastioni e muraglie, che mutarono definitivamente l'aspetto della città. [109]

Le fortificazioni e il regime militaresco raggiunsero un livello tale che la Siracusa seicentesca e settecentesca è stata definita dagli storici moderni «una caserma abitata da civili», [109] ma anche la « piazzaforte d'Europa», [110] pensata per risultare inespugnabile. [111] Al riguardo ne diede una chiara descrizione un noto viaggiatore britannico del XIX secolo, Henry Clark Barlow , che annotò quante e quali strutture belliche fosse necessario attraversare prima di entrane nella città; che chiudeva le proprie porte al tramonto, lasciando fuori chi non riusciva a varcarle in tempo: [112]

«Le fortificazioni dal lato terra sono molto possenti, si passa su ponti levatoi attraverso camminamenti fiancheggiati da formidabili batterie e comandati da bocche di fuoco, dirette verso la porta di ingresso; e quando si crede che le fortificazioni siano finite si scopre che occorre attraversare altri fossati, altri camminamenti, altre batterie; e quando si spera di essere giunti ai cancelli, c'è ancora mezzo miglio di trincee in prospettiva e ponti e fossati e batterie; e quando si è oltrepassati i cancelli, la città è ancora lontana, con un ponte e mura da oltrepassare.»

( Henry Clark Barlow, 1843. [113] )

Bisognerà attendere la fine dell' Ottocento per lo smantellamento completo delle possenti architetture militari: di esse sono rimaste in piedi, ben visibili, il forte Vigilena (prima chiamato forte della Gradiglia) e il forte San Giovannello (ex forte della Ferraria). Va inquadrato nell'ottica militare anche il palazzo che ha ospitato il carcere ai tempi dei Borbone: la sua costruzione fu sollecitata dalle sempre più crescenti ribellioni dei siracusani nei confronti della monarchia napoletana. [114] I Borbone quindi, non essendoci più spazio nel carcere che sorgeva dietro Piazza del Duomo, fecero edificare nel 1853 questa nuova struttura. Il palazzo è odiernamente in attesa di restauro. [114]

Nel 1735 venne edificata la caserma del Genio militare , in seguito intitolata al patriota siracusano Gaetano Abela . La caserma Abela è sita all'interno dell'area del castello Maniace: fino al 2001 fu sede del reggimento di Fanteria e del Genio guastatori , per poi diventare la dimora universitaria per la facoltà di architettura. [115]

Con l'espandersi della città si è ampliata anche la superficie dell'architettura militare: nel decennio che precedette la seconda guerra mondiale sorse a Siracusa l' idroscalo (odiernamente sede del 34º Gruppo Radar dell'Aeronautica Militare ), seguito dalla costruzione della batteria Lamba Doria , che occupa 48.000 m² nella parte meridionale della Penisola della Maddalena. Sorsero numerosi bunker , disseminati un po' ovunque, e sorse l'edificio sotterraneo per il deposito di carburante della Regia Aeronautica di Siracusa. [116]

Sempre al secondo conflitto mondiale è legata la presenza della batteria di Capo Santa Panagia , incorporata nella vasta area della base della Marina militare siracusana e da essa tutelata come bene archeologico bellico. Inoltre, d'interesse storico-bellico è divenuto l' ipogeo di Piazza Duomo , poiché questo lungo tunnel (che dal sito della cattedrale spunta al Foro Italiaco, presso la Marina) è stato uno dei principali rifugi della popolazione durante i bombardamenti dell'ultimo conflitto. [117]

Altro elemento architettonico militare predominante di Siracusa sono le torri: l'area comunale che annovera molte (retaggio di un passato bellico incentrato sull'avvistamento e la difesa del territorio); ben 10 le principali: torre di Ognina, torre Cuba, torre Milocca, torre Tonda, torre Landolina, torre Teatro Greco, torre Pizzuta, torre Targia, torre Bosco Minniti, torre Modica. Menzione a parte tra le torri merita la costruzione simbolo della frazione di Belvedere: chiamato u Semafuru (il Semaforo), è una costruzione militare del XIX secolo composta da una torretta merlata sulla cui cima sorgeva fino al 1955 un'antenna luminosa che tramite alfabeto Morse comunicava con le navi sottostanti: in transito e in avvicinamento al porto di Augusta e al porto di Siracusa . [118]

Altro

Il comune di Siracusa ospita nella piazza dei Cappuccini (accanto all' omonimo convento e all' omonima latomia ) il monumento ai Caduti italiani d'Africa , risalente al periodo fascista ma assemblato solo decenni dopo il crollo del regime. Il monumento vuole commemorare i soldati morti sul continente africano durante la guerra coloniale. Al suo interno si trova una cappella dedicata al legionario, mentre al suo esterno è stata recentemente apposta una targa che ricorda anche le vittime dell'affondamento del transatlantico Conte Rosso, avvenuto poco distante dal luogo in cui è ubicato il monumento.

La città possiede tre storici fari , punti di riferimento per la navigazione marittima: il faro del castello Maniace, che di colore verde (così come verde è la sua luce) domina il promontorio della costruzione federiciana; il faro di Massolivieri, di colore rosso e costruito sopra un'antica abitazione rurale, funge da guida per segnalare la presenza del promontorio della Penisola della Maddanela; il faro di Capo Murro di Porco, il quale estende la sua luce bianca sul capo che gli dà il nome ed è il faro siracusano più famoso, oltre a rappresentare uno dei più importanti segnali luminosi della Sicilia orientale: esso appare anche nelle riprese di una pellicola televisiva intitolata L'isola dei segreti - Korè . Il demanio ha fatto rientrare il faro in questione tra le prime nove strutture del suo genere in Italia cedute in affitto per essere trasformate in caratteristici alberghi, pur continuando a svolgere la loro funzione di segnalatori marittimi. [119]

L'antico ponte sul fiume Anapo , dove si verificò lo scontro tra italiani e britannici per la presa della città durante la seconda guerra mondiale

Sviluppandosi in parte su un'isola ed essendo da un lato attraversata da fiumi e canali, Siracusa ha nel corso della sua longeva storia edificato svariati ponti; il comune collega Ortigia al resto della città tramite due ponti, il più monumentale dei quali è chiamato Ponte Umbertino: dal sovrano Umberto I , che regnava quando esso venne costruito. [120] Mentre la sua entrata sud è caratterizzata da un ponte che permette di superare i letti del Ciane e dell'Anapo; quest'ultimo fiume prima era sormontato da un altro ponte fatto di pietra, nel quale si combatté la battaglia contro gli inglesi il 10 luglio 1943. Inoltre un ulteriore importante ponte collega la strada costiera che dall'area di Fontane Bianche giunge a quella di Cassibile, superando così la foce di uno dei maggiori fiumi iblei.

La baia di Santa Panagia con l'omonima tonnara che spunta sulla parte sinistra dell'immagine

Il punto in cui sgorga la fonte Aretusa , con la struttura architettonica che la circonda, è uno dei luoghi più visitati di Siracusa: nei secoli ha mutato molte volte il proprio aspetto, venendo circondata da grosse fortificazioni, accogliendo nelle sue acque i papireti e divenendo persino il lavatoio delle siracusane nei tempi post-classici. Oltre a ciò, sull'isola sono concentrate diverse opere scultoree : su tutte spicca la novecentesca fontana di Diana , la quale mostra gli elementi principali della leggenda del dio oceanico Alfeo, della ninfa Aretusa e della sua protettrice, Artemide (la Diana dei Romani). Rientra altresì nel patrimonio architettonico di Siracusa l'antica tonnara di Santa Panagia , dalle origini medievali (la sua fondazione risale al 1100 ), che con alterne vicende è rimasta attiva fino agli anni '50 del XX secolo .

Siti archeologici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Scavi archeologici di Siracusa .

Lungo tutto il percorso della regione siracusana si possono osservare rilevanti testimonianze archeologiche. Oltre alle già citate aree dei templi sacri, la città possiede uno dei più estesi ambienti archeologici del Mediterraneo, racchiuso in un parco che porta il nome del quartiere in cui sorge: il parco archeologico della Neapolis . Esso copre 240.000 m² di superficie urbana e custodisce al suo interno alcune delle più imponenti testimonianze della Siracusa greco-romana:

Alle spalle del teatro greco; le tombe della Via dei Sepolcri
Le colonne superstiti del foro siracusano
  • Il teatro greco , che serviva per lo svago della popolazione, ma anche per le assemblee politiche (qui svetta solitario l'ultimo dei mulini di Galerme ).
  • La grotta del Ninfeo , dove sgorga l'acqua dell'Anapo e dove un tempo si preparavano gli attori prima di scendere nel teatro.
  • L' anfiteatro romano ; in quello aretuseo si mettevano in scena persino gli spettacoli acquatici, oltre alle lotte tra gladiatori .
  • L' Orecchio di Dionisio , così chiamata per la prima volta da Caravaggio durante la sua permanenza a Siracusa. Si pensa fosse una prigione greca.

Sempre all'interno del parco archeologico sorgono una serie di interessanti complessi tombali: la Via dei Sepolcri (dove si tributava ai defunti il culto degli Eroi), i sarcofagi romani siti nei pressi dell'anfiteatro e la necropoli Grotticelli, il cui tratto più importante è dato dalla tomba di Archimede, detta presunta poiché il periodo e il luogo dello scavo in realtà non coincidono con ciò che si racconta sull'uccisione e sulla sepoltura del famoso matematico: egli infatti, secondo Cicerone, fu sepolto a sud di Siracusa: forse nei pressi del fiume Ciane, ma la perdita della tomba originaria (contrassegnata dalla figura di una sfera e di un cilindro ) e la tradizione formatasi nei secoli hanno consacrato questo sito come simbolica tomba del più noto tra gli antichi siracusani.

Le necropoli sono l'elemento strutturale più presente nei siti archeologici aretusei: l'area geografica è famosa per la peculiarità sicula di scavare i propri sepolcri dandogli le fattezze di un alveare : Pantalica è l'esempio maggiore di ciò, ma anche a Siracusa si rinviene nelle pareti calcaree questa millenaria usanza. [121] Essa ha dodici gruppi di necropoli che vanno dall'VIII sec. aC all'epoca bizantina; per citare alcune delle più grandi e antiche (oltre alla su menzionata Groticelli): a sud-ovest della città si trova la necropoli del Fusco, al centro quella dell'Ospedale civile e di Santa Panagia, mentre a nord vi è il largo perimetro della necropoli della Targia.

Altri siti significativi sono dati dal Foro siracusano (antica agorà della pentapoli in seguito divenuto forum ) e dai monumenti che compongono il Ginnasio romano.

Tra i resti delle più antiche civiltà si segnalano: a nord i siti archeologici di Stentinello e della penisola di Tapsos , mentre a sud Ognina , la quale oltre a mostrare i segni di arcaici contatti con gli abitanti di Malta, conserva i resti architettonici delle successive epoche storiche.

Architetture religiose dell'antica polis

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Culti e templi dell'antica Siracusa .

Le prime testimonianze architettoniche religiose sono databili all' epoca preistorica , [122] mentre la cultualità degli antichi Greci fece sì che in città sorgessero imponenti aree votive, come l' ara di Ierone (la più grande in assoluto del suo tempo), e numerosi templi, dei quali il più significativo e ben conservato è il tempio di Atena (convertitosi in chiesa con l'avvento del cristianesimo).

Le colonne del tempio di Atena incorporate nella struttura del Duomo di Siracusa (esse hanno circa duemilacinquecento anni)

Il tempio più vetusto di Siracusa è rappresentato dalla casa eretta per il dio del sole Apollo : risalente al VI secolo aC, esso è anche il più antico tempio siciliano in stile dorico consacrato a tale divinità e sorge nell'isola di Ortigia, la quale, secondo gli antichi Siracusani, era stata donata dagli dei alla gemella di Apollo, Artemide : [123] proprio per la dea lunare venne eretto l' Artemision (accanto all'edificio della dea della sapienza Atena); edificio che Cicerone descrisse come il più prestigioso degli antichi templi siracusani. [124]

Sempre nel VI secolo aC sorse nelle campagne che fronteggiano il mare, tra l'isola di Ortigia e la penisola della Maddalena, il tempio per Zeus Olimpico , chiamato dai siracusani « i ru colonne » (le due colonne), essendo queste l'unico elemento architettonico rimasto ben visibile; esso è una delle tangibili testimonianze che ricordano il legame tra l'antica Siracusa e la sede dei sacri agoni olimpici .

Nella strada che un tempo conduceva alla sub-colonia di Eloro - e per questo chiamata via Elorina - sorge il complesso monumentale conosciuto con il nome di ginnasio romano di Siracusa , all'interno del quale si possono osservare i resti di un tempio, di incerta dedica (forse divinità egiziane ) che Cicerone descrisse nelle sue cronache.

La polis era inoltre famosa per essere la sede principale di diffusione del culto siciliano per le divinità ctonie Demetra e Kore , alle quali era dedicata una vasta area votiva rinvenuta nei pressi di Piazza della Vittoria. Sempre alla Madre terra ea sua figlia erano dedicate altre aree votive sparse per la città. Numerosi altri resti di templi consacrati agli Olimpi e alle divinità minori, con rilevanza per il luogo geografico, si trovano distribuiti per tutto il suolo urbano ed extra-urbano.

Architetture religiose

Architetture cristiane

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese di Siracusa .

I luoghi di culto della religione cristiana costituiscono la maggior parte del patrimonio artistico-religioso siracusano. Molteplici le strutture dal richiamo storico, alcune rappresentate persino da anfratti naturali, come le grotte adibite per il rito liturgico. [N 12] L'ex-tempio greco divenuto la cattedrale della Natività di Maria Santissima , meglio noto semplicemente come Duomo di Siracusa (che dà il nome all'omonima principale piazza), va annoverato tra le più arcaiche e notabili strutture architettoniche sorte con il primo cristianesimo e modellatesi lentamente nel corso del tempo.

La tradizione afferma che il secondo edificio cattolico più antico di Siracusa dopo il Duomo è dato dalla chiesa di San Giovannello (consacrata a San Giovanni Battista ), costruita nel quartiere della Giudecca. Millenaria è anche lachiesa di San Giovanni alle catacombe , che durante la dominazione islamica pare abbia sostituito la cattedrale assumendone il ruolo. L'edificio è privo del soffitto, andato distrutto a causa delle calamità naturali che lo coinvolsero, e rappresenta la porta d'ingresso per una delle più ampie catacombe siracusane (nella loro totalità esse sono, insieme a quelle di Roma, le più vaste al mondo), quella di San Giovanni. Sempre sotto la chiesa in questione sorge la cripta che si presume ospitasse le reliquie del protovescovo Marciano.

Risalenti all'epoca dei Normanni sono invece la chiesa di San Nicolò ai Cordari (che a sua volta sovrasta un edificio di età paleocristiana ), la chiesa di San Martino e la chiesa di Santa Lucia al Sepolcro , la cui adiacente rotonda, come suggerisce il nome della chiesa, venne edificata nel Seicento con l'intento di farla divenire il sepolcro della Santa patrona della città (le cui spoglie mortali sono però rimaste a Venezia , dopo che vennero sottratte a Siracusa dai Bizantini). La chiesa di Santa Lucia alla Badia è l'altra importante struttura dedicata sempre alla Santa patrona.

Di particolare interesse sono anche le chiese appartenute ai cavalieri di Malta : la loro prima chiesa fu quella di San Sebastianello ( San Sebastiano è il compatrono dei siracusani), mentre in seguito si trasferirono nella chiesa dei Santi Biagio e Leonardo ; del primo edificio, eretto in epoca bizantina, rimane visitabile la cripta posta accanto al tempio preistorico, [126] mentre del secondo, che risale al 1500, si può osservare solo il prospetto esterno, che si affaccia sulla piazza dei Cavalieri di Malta. [127]

Tra le edificazioni del XX secolo spiccano il Pantheon di Siracusa , al cui interno si trovano le spoglie dei caduti della prima guerra mondiale , e il santuario della Madonna delle Lacrime , sorto per ricordare l'evento mariano miracoloso del 1953: il santuario, dalla forma conica, è la chiesa più alta della città, visibile da notevole distanza.

All'interno del perimetro della villa Landolina (sede museale) è situato inoltre un piccolo cimitero acattolico , nel quale si trovano le spoglie del noto poeta tedesco August von Platen e quelle di alcuni caduti britannici e statunitensi del periodo napoleonico. [128]

Architetture di altre religioni

In città trovano sede anche strutture di altre religioni. Il monumento più notevole è il miqweh , risalente all' epoca bizantina , descritto spesso come il più grande e antico bagno rituale ebraico d'Europa. [129]

Società

Evoluzione demografica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Antropizzazione del territorio siracusano .

Nella sua millenaria storia Siracusa ha attraversato periodi di grande popolamento e periodi di forte spopolamento. In età greca si ebbe la massima espansione della città: gli storici si dividono nell'attribuire una cifra esatta sul numero dei suoi abitanti, [130] tuttavia si è concordi nel definirla una delle prime metropoli densamente popolate dell'antichità. [131] [132] Ha scritto su di essa il noto classicista londinese Michael Grant :

( EN )

«Although the biggest city in the world was Pataliputra (Patna) on the Ganges, Syracuse was the largest in Europe.»

( IT )

«Sebbene la più grande città nel mondo fosse Pataliputra ( Patna ) sul Gange , Siracusa fu la maggiore in Europa.»

( Michael Grant, The Civilizations of Europe , 1965, p. 23. )

Dominazioni, guerre e carestie finirono per mutare stabilmente l'aspetto demografico di Siracusa, riducendola nella seconda metà dell'epoca moderna ad avere una popolazione di appena 15 000 abitanti, con il suo centro abitato che si concentrò unicamente nella fortificata isola di Ortigia. [133]

Una forte crescita demografica avvenne però dal secondo dopoguerra mondiale in avanti: odiernamente il comune conta una popolazione di oltre 120 000 abitanti.

Etnie e minoranze straniere

Alla data del 1º gennaio 2019 a Siracusa risultano residenti 6 138 cittadini stranieri, pari al 5,1% della popolazione totale. [135] La comunità più numerosa proviene dallo Sri Lanka con 1 323 cittadini; seguono le comunità del Marocco 795 cittadini, della Romania 584 cittadini, e della Polonia 412 cittadini. [135]

Lingue e dialetti

Placca onorifica ( Iside ?) con alfabeto siracusano, rinvenuta nel porto della città. Periodo ellenistico

Nell'antichità, grazie all'attivo movimento culturale e commerciale, la parlata siracusana rappresentava una delle "lingue franche" del mondo greco-mediterraneo . Il linguaggio degli antichi Siracusani, che si rinviene nelle opere di scrittori siti anche a grande distanza dall'isola di Sicilia, è stato definito: dialetto greco-siracusano. [N 13] [138] [139]

In seguito la parlata del luogo si arricchì di nuove influenze giunte dall'esterno; specialmente dalla lingua latina (a sua volta influenzata comunque dalla lingua greca antica [140] ).

Intorno al XIII secolo , con la cosiddetta Scuola Siciliana , gli isolani unificarono il proprio linguaggio, trasmettendo poi i loro schemi contenutistici e fonetici ai Toscani , ponendo dunque il primo tassello per la nascita della lingua italiana . [141] Gioverà in tale contesto tenere presente che il maggiore esponente di questa scuola linguistica fu un abitante dell' area siracusana : Giacomo da Lentini . [142] Particolarmente influente per il dialetto locale fu inoltre la secolare presenza degli spagnoli in città: dalla lingua spagnola derivano difatti numerose parole siracusane. [143]

In base ai moderni studi effettuati sulla lingua siciliana , il dialetto siracusano, pur con le sue precise peculiarità (ad esempio nella parlata dei siracusani la lettera D diventa di norma una R ), [144] rientra nelle seguenti due categorie:

Religione

Nonostante l'antica Siracusa rappresentasse uno dei luoghi più significativi per il culto delle divinità greche - va ricordato che la città si proclamava dinnanzi al mondo antico come la terra sacra della dea lunare Artemide, [123] e faceva dei suoi abitanti i prescelti della ctonia Demetra, [145] oltre ad avere accolto per secoli tra le sue mura alcuni dei sacerdoti più potenti di Olimpia , come gli Iamidi [N 14] -, il mutamento del credo religioso qui giunse molto presto: grazie al suo scalo marittimo, di primaria importanza per le vie di comunicazione dell'impero romano, essa fu meta iniziale degli evangelizzatori cristiani. [146]

Parte superiore del Duomo siracusano: a sinistra la statua del protovescovo giunto da Antiochia , Marciano , accanto le statue di Maria di Nazareth e Lucia da Siracusa

La tradizione siracusana (il cui più antico documento al riguardo risale all'epoca bizantina [147] ) ha tramandato la venuta del suo primo vescovo , Marciano (o Marziano), già nell'anno 39 (appena sei anni dopo la crocifissione di Gesù ), mandato dal principe degli apostoli, Pietro , quando questi si trovava ancora ad Antiochia , con il fine di portare il messaggio cristiano alla popolazione di Siracusa, convertendola; così come venne in seguito registrato nel Martirologio Romano : [148] per tale ragione i siracusani ritennero la loro prima chiesa (sorta all'interno di uno dei principali templi greci della città) la più antica d'Occidente. [149] [150]

Siracusa compare inoltre nel Nuovo Testamento come luogo di approdo dell'apostolo Paolo di Tarso (l'autore delle lettere ai Corinzi ), che qui dimorò per tre giorni nell'anno 61 . [44]

Fin dai suoi albori, l'istituzione della chiesa siracusana fu contesa dalle autorità ecclesiastiche orientali e occidentali, poiché all'epoca del suo sviluppo la città faceva ormai parte dell'Impero bizantino e in nome di ciò il patriarcato di Costantinopoli desiderava scegliere il vescovo di Siracusa, ma la stessa volontà era stata espressa anche dai papi della chiesa latina (alla quale al principio era legata la comunità cristiana siracusana). In tali frangenti la chiesa di Siracusa divenne autocefala , ovvero il suo vescovo non riconosceva alcun capo religioso sopra di lui. [151] Fu papa Niccolò I , nel settembre dell' 860 , a richiedere espressamente all'imperatore Michele III che fosse concesso a Roma, e non a Bisanzio, il diritto di consacrare il capo religioso di Siracusa; per non tradire, disse, un'antica usanza che risaliva direttamente al tempo degli apostoli (l'appello, ciononostante, venne ignorato dall'imperatore). [N 15]

L' arcidiocesi di Siracusa era a quei tempi la più importante sede cristiana della Sicilia, la sua area metropolitana comprendeva tutta l'isola, inclusa Malta, ed era responsabile dell'intera area cristiano-bizantina dell' Italia meridionale . [152] Uno dei suoi vescovi, Gregorio Asbesta , fu l'artefice dello strappo di Fozio : preludio al Grande scisma , il quale sancì la separazione tra la chiesa latina e quella greca . Durante la guerra delle icone l'arcidiocesi siracusana si schierò a favore del culto delle immagini sacre.

L'inserimento della dominazione islamica sulla città mutò del tutto il contesto egemonico della chiesa siracusana: l'ultimo suo vescovo dell'età antica fu Sofronio , che venne deportato dagli Arabi a Palermo insieme al resto dei siracusani e al monaco Teodosio , autore della cronaca sulla cattura . Quando infine giunsero i Normanni a porre fine al dominio dell'islam su Siracusa, il contesto religioso ne uscì molto ridimensionato: l'arcivescovo siracusano non fu più il metropolita di Sicilia e fu modificata la suddivisione in diocesi dell'isola.

Tradizioni e folclore

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Festa di Santa Lucia a Siracusa .

La festività siracusana maggiormente popolare, nota a livello nazionale e internazionale, è la festa di Santa Lucia , la quale comincia il 13 dicembre, giorno in cui si svolge la processione con la statua della santa per le vie della città. [153] e termina sette giorni dopo con l' Ottava di Santa Lucia , quando il simulacro argenteo viene riposto all'interno del Duomo. Fin dal 1927 per l'occasione giunge dalla Svezia una giovane donna, scelta nel proprio paese d'origine e vestita di bianco per rappresentare Lucia da Siracusa, partecipando alla processione insieme alla popolazione locale. [154] Tale tradizione sveva è alla base del gemellaggio tra Siracusa e Stoccolma . [155]

La festività per Santa Lucia si ripete nella prima domenica del mese di maggio, tale celebrazione, che si svolge in abiti d'epoca, prende il nome di festa per Santa Lucia delle quaglie: in tale occasione viene celebrato l'evento miracoloso accaduto nel maggio del 1646 , quando una colomba (l' animale simbolo dello Spirito Santo ) entrò nella chiesa siracusana consacrata a Santa Lucia, annunciando la fine della carestia che aveva messo in ginocchio la città, poiché dopo la singolare visita del volatile giunse finalmente nel porto aretuseo una nave carica di grano. [156]

Cultura

Istruzione

Biblioteche e librerie

La più antica biblioteca siracusana, sita nell'arcivescovado. Intitolata al suo fondatore Giovanni Battista Alagona

La città dispone di diverse biblioteche , tra queste la più antica risale al 1780 (poiché le precedenti non sopravvissero ai saccheggi e alle calamità naturali del passato [157] ), denominata biblioteca arcivescovile alagoniana, istituita dal vescovo Giovanni Battista Alagona , ospita un patrimonio cartaceo di 60.000 libri. La maggiore è rappresentata dalla biblioteca comunale della città, istituita nel 1867 , ospita circa 70.000 volumi. [158]

Tra le librerie aretusee, inoltre, la Casa del libro Rosario Mascali è stata riconosciuta, per la prima volta in Sicilia, come «un bene dal valore culturale», annoverandosi tra le librerie storiche d'Italia (al suo interno si sono avvicendati scrittori siciliani del calibro di Quasimodo , Sciascia , Vittorini ). [159]

Ricerca

Nel 2015 Siracusa è stata selezionata dal progetto del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) per divenire la prima città d'Italia ad assumere il titolo di città intelligente (smart city) 2.0. Precedentemente, nel 2012 , essa aveva già partecipato al progetto statunitense dell'IBM Smarter Cities Challenge, venendo selezionata insieme ad altre 32 città nel mondo. [160]

Scuole, università, accademie

Il comune di Siracusa possiede 150 scuole che adempiono all' obbligo d'istruzione (dalle scuole materne alle scuole superiori ). [161] Tra i suoi indirizzi superiori più peculiari, in quanto città marinara, si cita il Nautico (uno dei sette in Sicilia e dei circa quaranta in Italia [162] ), fondato nel 1944 e intitolato al patriota Alessandro Rizza (già ex- Gaetano Arezzo della Targia ), esso ha firmato l'accordo (gestito dalla Scuola Allievi Operai dell'Arsenale Militare Marittimo) - il primo in Italia nel suo genere - di alternanza scuola-lavoro con la Marina Militare . [163] Essendo inoltre una città a forte vocazione turistica, l'istruzione cittadina dedica molto spazio alla formazione nel settore dei servizi turistici: il capoluogo conta tre istituti di questo genere (che andandosi a sommare agli altri tre del libero consorzio comunale compongono una delle maggiori concentrazioni di scuole turistiche dell'isola). [164]

Il capoluogo, pur potendosi annoverare tra i centri urbani siciliani più antichi, e odiernamente anche tra quelli più popolosi, non dispone di un suo ateneo (a causa di ragioni storiche originatesi nell'epoca post-antica [N 16] ), ma esso può comunque vantare due importanti e curiosi primati legati proprio alla storia universitaria: da Siracusa, infatti, proviene il decreto che sancì la nascita della più antica università statale d'Europa, ovvero l' università degli Studi di Napoli Federico II , voluta dall'imperatore Federico II di Svevia nel 1224 , quando con la sua corte risiedeva tra le mura di Siracusa; [166] inoltre, sempre da questa città proviene il più antico laureato della Sicilia: il siracusano Antonio Mantello, che ottenne la laurea in diritto civile nella vicina università degli Studi di Catania il 19 novembre del 1449 . [167] Solamente nel 1996 è stata inaugurata nella città aretusea la sede decentrata della facoltà di architettura dell'università catanese. [168] Le università telematiche Pegaso e Niccolò Cusano hanno recentemente aperto le loro sedi decentrate in città.

In ambito teologico l' istituto superiore di scienze religiose San Metodio , fondato nel 1977 e dedicato al siracusano che divenne patriarca di Costantinopoli , permette di conseguire la laurea in scienze religiose. Oltre a ciò vi trovano sede l' accademia di belle arti Rosario Gagliardi (dedicata all'architetto siracusano del barocco), l'accademia di naturopatia Anea [169] e l'academy of english (centro esami Cambridge ed ente monitorato del centro DITALS dell' università per stranieri di Siena ). [170]

Il Mediterranean Center for Arts and Sciences (MCAS) dell'Arcadia University (la cui sede madre privata si trova in Pennsylvania ) è invece un corso per studenti americani che risiedono a Siracusa; [171] esso ha contribuito alla nascita del Sicily Center for International Education (SCIE): fondato nel 2015 in Ortigia, esso si rivolge agli studenti stranieri offrendo loro la possibilità di conoscere la cultura italiana tramite corsi di studi estivi e relazione con gli altri istituti nazionali e internazionali che operano in zona. [172] Sempre agli studenti stranieri è dedicata anche la The Italian Academy (Italian Language and Culture Centre); nata nel 1984 nell'area delle catacombe di San Giovanni e dell'omonima basilica che le sovrasta. [173]

Siracusa possiede inoltre una scuola accademica di specializzazione in Beni Archeologici che, fondata nel 1925 , rappresenta un unicum nel suo genere sia in Sicilia che nell'Italia meridionale. La sua direzione in principio venne affidata all'archeologo Paolo Orsi . [174] La città è anche la sede originaria dell'istituto di psicoterapia della Gestalt HCC Italy (Gestalt Human Communication Center Italy): fondato nel 1979 , ha incominciato da questo territorio la sua storia universitaria nella penisola italiana. [175]

Fondazioni e associazioni

La fondazione ONLUS dell' INDA (acronimo di Istituto Nazionale del Dramma Antico), nota anche come accademia d'arte del dramma antico, è stata costituita a Siracusa nel 1914 . Rappresenta una delle più longeve e rinomate scuole di teatro per l'arte drammitica. Grazie ad essa dopo 2.400 anni il teatro greco della città è tornato ad ospitare le tragedie e le commedie scritte per la prima volta nell'antichità, oltre a farsi promotrice di attività artistico-culturali varie e portare i propri spettacoli ei propri attori in giro per l'Italia e per l'estero (si cita ad esempio l'INDA al teatro Grande di Pompei [176] e al festival culturale di Atene [177] ).

La città è anche un importante punto di riferimento a livello globale per lo studio delle scienze criminali e del diritto penale , per via della presenza del Siracusa International Institute (fino al 2017 conosciuto come ISISC - Istituto Superiore Internazionale di Scienze Criminali); fondazione ONLUS sorta nel 1972 che, tra le altre cose, possiede lo status consultivo speciale presso le Nazioni Unite . Tra le azioni più significative dell'istituto vi è il convegno in cui gli esperti scrissero a Siracusa il primo testo della Convenzione delle Nazioni Unite contro la Tortura , adottato da tutti i paesi membri dell' ONU . Il Siracusa International Institute, che come scopo si prefigge la protezione dei diritti umani, la lotta alla criminalità organizzata transnazionale e l'affermazione dello stato di diritto, organizza da sempre corsi internazionali di alta formazione in campo penalistico, porta avanti programmi di assistenza tecnica all'estero e sviluppa svariati progetti di ricerca, prevalentemente in materia di contrasto alla criminalità organizzata. Nella sede di questo istituto, dedicata al suo fondatore e presidente Mahmoud Cherif Bassiouni , si trova inoltre l'OPCO (acronimo di Osservatorio Permanente sulla Criminalità Organizzata): organo del consiglio della presidenza della regione siciliana e degli enti locali territoriali. [178] Il Siracusa International Institute ospita inoltre un fondo librario di 24.000 volumi incentrati sulla criminologia ei diritti umani provenienti da svariate nazioni. [179]

Carta da papiro realizzata presso l'istituto internazionale del papiro, la cui sede è sita all'interno dell'area museale dedicata alla rara pianta

Avendo la città un rapporto particolareggiato con la pianta del papiro (Siracusa rappresenta l'unica città in Europa nella quale essa prospera naturalmente), l'istituto italiano per la Civiltà Egizia (IICE) l'ha scelta come sua sede principale (trasferendosi qui da Torino , dove ebbe i natali come associazione culturale nel 1986 ); [180] alla presa di tale decisione ha influito la presenza consolidata a Siracusa dell'istituto internazionale del papiro, il quale si occupa dal 1987 dello studio e del restauro degli antichi papiri egiziani: esso è gemellato con la Bibliotheca Alexandrina , ha diretto il «Laboratorio di Restauro dei Papiri» nel museo egizio del Cairo , ha partecipato a campagne di scavo nella terra dei faraoni e conduce a Siracusa egittologi provenienti da tutto il mondo per confrontarsi durante convegni e seminari. [181] [182]

Nel 1984 per valorizzare l'architettura barocca è sorto in città il centro internazionale di studi sul barocco (CISB), il quale è stato uno dei soggetti che ha maggiormente contribuito all'inserimento delle città tardo barocche del Val di Noto nella lista UNESCO. [183] Siracusa è inoltre la sede del primo Hub (fulcro, centro) siciliano: The Hub Siracusa (denominato anche The Hub Sicilia), [184] facente parte dell'Euro-South Hub. [185]

La città è culturalmente attiva anche nell'ambito della pacificazione socio-politica, tramite l'AIEP (Associazione Internazionale per l'Educazione alla Pace), presieduta dal priolese Bruno Fucili (tredici volte candidato al premio Nobel), [186] il quale organizza nel comune aretuseo, da oltre vent'anni, il convegno internazionale su l'Educazione alla Pace. Grazie a queste iniziative Siracusa è stata proclamata, dal 1995 , «città per la pace e per i diritti umani». [187] Tra gli avvenimenti memorabili di questi convegni aretusei si ricorda la venuta nel 1999 del campione pacifista Muhammad Alì , che firmò in città i documenti per un trattato di pace nel Burundi , nel quale imperversava la guerra civile . [188]

Oltre a ciò in città si riuniscono con continuità giovani medici provenienti da tutto il Mediterraneo con il fine di specializzarsi, usufruendo della Euro Mediterranean Rehabilitation Summer School (EMRSS), gestita dall'associazione siracusana che si occupa di medicina fisica e riabilitativa . [189]

Musei

Vetrine con vasi, coppe e crateri della Sicilia antica ( museo archeologico regionale Paolo Orsi )

Stampa e media

Nella città hanno sede le edizioni locali del Giornale di Sicilia , La Sicilia e la Gazzetta del Sud , e l'emittente radiofonica Radio FM Italia .

Cinema

La città ha rappresentato un set cinematografico a cielo aperto per numerose pellicole. Ciò ha condotto in città molteplici personalità del mondo del cinema come Vittorio De Sica , Mario Monicelli , Nino Manfredi , il duo Franco e Ciccio , i fratelli Taviani , Walter Chiari , Monica Bellucci , Giuseppe Tornatore e numerosi altri.

Tra i titoli più significativi vi sono: Casanova '70 ; Rosolino Paternò soldato ; Secondo Ponzio Pilato ; La più bella coppia del mondo ; Il viaggio ; Anni di piombo ; Kaos ; L'uomo delle stelle ; Sicilia! ; Malèna ; Nati stanchi ; Lettere dalla Sicilia ; Il Commissario Montalbano ; Il figlio della luna ; Caravaggio .

La storia della città è stata inoltre il soggetto o l'ispirazione per svariate pellicole cinematografiche, come il film muto Damon and Pythias , seguito dal remake Damon and Pythias (film 1914 ), i peplum L'assedio di Siracusa , Il tiranno di Siracusa , La sfida dei giganti (ultima pellicola dove Reg Park veste i panni di Ercole ) e il film d'animazione Sinbad - La leggenda dei sette mari (ultimo film della DreamWorks con animazione tradizionale ).

A Siracusa si tengono due festival del cinema, con circuiti nazionali e internazionali, di cadenza annuale: l'Ares International Film e Media Festival, giunto alla sua settima edizione, e l'Ortigia Film Festival, giunto all'ottava edizione, i quali hanno visto la partecipazione di artisti come Margareth Madè , Nino Frassica , Mario Venuti , Krzysztof Zanussi , Pietro Marcello . Ai festival si è aggiunto anche il “premio Tonino Accolla ”, contest in onore del noto doppiatore siracusano (la voce italiana di Eddie Murphy , Jim Carrey , Ben Stiller , Tim Curry e molti altri). [195]

Teatro

Siracusa è stata una delle prime città al mondo in cui si è sviluppata la forma d' arte teatrale . Mentre ad Atene si è soliti accostare l' arte drammatica , la nascita dell' arte comica viene attribuita alla polis di Siracusa, per via delle parole di Platone , il quale nel Teeteto (Plato, Teet. , 152 e) definisce il siracusano Epicarmo « archegeta della commedia » (o anche « principe della commedia »), paragonandolo ad Omero - che egli definisce « archegeta della tragedia » -, [196] quelle di Alcimo in Ad Aminta , e per via del suo teatro greco ; uno dei più vasti e importanti teatri dell'antichità . Nel suo palcoscenico hanno recitato Eschilo , Formide , Antifonte e altri grandi nomi. [197] Si rivivono i fasti del teatro greco mettendo in scena le rappresentazioni classiche, organizzate ogni anno dall'INDA.

In epoca moderna sono sorti gli edifici teatrali al chiuso, come il teatro comunale di Siracusa ( XIX secolo ) [198] e il teatro Vasquez. [199] All'interno della latomia dei Cappuccini si trova il Teatro di Verdura, sul cui palco hanno recitato attori di fama internazionale. In città ha sede inoltre un teatro dei pupi, denominato Piccolo Teatro dei Pupi di Siracusa , presso il quale si porta in scena la tradizione siciliana dell'Opera dei pupi.

Arte

La storia dell'arte di Siracusa è estremamente variegata. Dall'epoca greca giunge una delle forme d'arte più apprezzate dell'antica città: la sua monetazione .

«Le monete di Siracusa meritano di essere considerate tra le più belle del mondo. [200] »

Tali monete sono odiernamente sparse in giro per il globo, ma una parte delle stesse rimane custodita a Siracusa. La filatelia moderna ha celebrato la zecca aretusea emettendo la serie denominata Siracusana , così come ha fatto la lira italiana , ponendo in circolazione la banconota di Stato con il volto di Aretusa .

Antico centro culturale ritenuto prestigioso, la polis attirava nei suoi confini menti brillanti, così che vi fiorì ogni tipo di arte. Quando la città venne conquistata dai Romani , questi rimasero meravigliati dallo stato culturale e artistico raggiunto dai greci di Siracusa ; gli studiosi ritengono infatti che l'importazione dei tesori siracusani comportò l'inizio della luxuria tra i Romani.[201]

La conquista di Siracusa rappresentò un punto cruciale per l'avvicinamento della cultura latina a quella greca (dapprima avversata dai Romani).[201] Marco Claudio Marcello saccheggiò così tante opere d'arte siracusane che una volta giunte a Roma, collocate in un tempio, pare abbiano rappresentato il primo museo dell'urbe. [202]

( LA )

« Infesta mihi credite signa ab Syracusis illata sunt hunc urbi. »

( IT )

«Infeste, credetemi, per questa città sono le statue portate da Siracusa.»

( Catone il Censore in Livio, I, 34, 3. )

Il componimento architettonico della città ben rappresenta la storia dei popoli che si susseguirono: una forte impronta avvenne sotto il dominio spagnolo , poiché dopo il violento terremoto del 1693 , gran parte della città venne ricostruita adottando l'elaborato stile barocco , motivo per cui Siracusa, insieme ad altre città del Val di Noto , viene presa ad esempio per la definizione di barocco siciliano , ospitando anche un centro di studi internazionali sul barocco. [203] Essa custodisce inoltre antiche e preziose opere dell'arte pittorica; tra i dipinti più noti si menzionano il dipinto del Caravaggio , ovvero il Seppellimento di Santa Lucia del 1608 e L'Annunciazione di Antonello da Messina del 1474 .

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina siracusana e Cucina siciliana .

Le prime testimonianze scritte sulla cucina di Siracusa risalgono all' epoca greca . Grazie al suo ruolo egemone nel Mediterraneo la città fu pioniera nel far conoscere le abitudini alimentari siciliane all'estero. L'antica cucina siracusana, data la notorietà, attirò su di sé critiche ed elogi: Archestrato nel suo trattato la definì eccessivamente elaborata e pesante. [204] Platone giudicò negativamente la sontuosità dei banchetti siracusani e il cibarsi due volte al giorno, motivo, per il filosofo, di dissolutezza. [205] Aristofane comparò la mensa dei Siracusani ai banchetti dei Sibariti [206] ( polis nota per l'eccessiva dolce vita). [207]

( GRC )

«Συρακοσίαν δέ, ὦ φίλε, τράπεζαν καὶ Σικελικὴν ποικιλίαν ὄψου, ὡς ἔοικας, οὐκ αἰνεῖς»

( IT )

«Amico mio, non si direbbe che tu lodi, se ritieni che questo vada bene, la tavola siracusana e l'infinita varietà di leccornie siciliane.»

( Platone , La Repubblica , 404 d, in Francesco Rizzo , Dialoghi politici e Lettere . )

La cucina siracusana, d'altro canto, venne molto apprezzata dagli antichi greci : le nobili famiglie chiamavano cuochi sicelioti alle loro mense, e la città di Siracusa diede i natali a Miteco Siculo , il quale scrisse il primo libro di cucina del mondo occidentale ( V secolo aC ), [208] ea Labdaco , che i cuochi greci consideravano loro maestro nell'arte culinaria. [209]

La bevanda più esportata da Siracusa fu il vino: «gli antichi siracusani preparavano le uve - a tenore delli precetti prescritti da Esiodo - e come ne tiravano il vino Pollio, è la medesima oggi da tutti comunemente praticata per fare li buoni moscati ». [210] Una leggenda d'epoca greca vuole che Pollio fosse un sovrano argivo , il primo re di Siracusa, che diede il proprio nome a questo vino, [211] apostrofato spesso come il vino più antico d'Italia. [212]

Con la dominazione romana , il vino, il miele (nello specifico il miele degli Iblei ) e il grano siracusano, vennero su larga scala esportati a Roma . Nelle mense di Augusto si potevano trovare vino e olio provenienti da Siracusa. [213] Nei secoli successivi la cucina siracusana subì le medesime influenze delle culture straniere che dominarono il resto della Sicilia.

Odiernamente la cucina siracusana rientra nella costituita dieta mediterranea , dichiarata patrimonio immateriale dell'umanità .

Granita alle mandorle con brioscia preparate artigianalmente a Siracusa
Le pizzette siracusane; un classico della panificazione locale

Tra i suoi alimenti più noti vi sono le olive , il pesce , diversi prodotti PAT e IGP come il limone di Siracusa , l' arancia rossa di Sicilia , la patata novella di Siracusa , l' olio d'oliva dei Monti Iblei , l' anguria di Siracusa , la fragola di Cassibile .

La tradizione culinaria siracusana annovera diversi primi e secondi piatti, tra i più tipici vi sono la pasta fritta alla Siracusana e gli spaghetti alla bottarga di tonno , la zuppa di pesce alla Siracusana, il tonno alla ghiotta e numerosi altri piatti originari del territorio. Nel siracusano si usa preparare l'impanata (pizza chiusa ripiena di patate che deriva dalla spagnola empanada ), il pizzolo , gli arancini al ragù (che qui assumono la classica forma a cilindro). Alcuni dei dolci peculiari di Siracusa sono i totò (biscotti al cioccolato ricoperti di glassa), la giuggiulena , la cuccìa , la cotognata , la granita di mandorla (quella siracusana ha trovato menzione nell'opera de il garofano rosso di Elio Vittorini [214] ), la versione locale della cassata siciliana , preparata con del pan di Spagna , e le paste di mandorla .

Eventi

In città si susseguono durante l'anno numerosi eventi, di diversa natura (artistica, culturale, sportiva), il cui richiamo risulta essere di livello nazionale e internazionale.

Geografia antropica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia antropica di Siracusa e Antropizzazione del territorio siracusano .
NASA : Siracusa e la sua provincia viste dallo spazio

La città porta i segni della passata antropizzazione greca lungo tutto il suo percorso urbano e anche oltre, questo perché l' antica Siracusa fu una delle più vaste metropoli del mondo. Gran parte della Sicilia era sotto il suo controllo e non si conoscono esattamente i confini geo-antropologici di questa capitale.

«Si calcola che all'epoca del suo massimo sviluppo e splendore, tra il V e il VI secolo aC, Siracusa raggiunse il milione di abitanti, assai prima di altre città divenute in seguito importanti nel Mediterraneo, quali Roma ed Alessandria d'Egitto.»

( Gestione Sito Unesco, p. 32. [227] )

Siracusa confina a nord con i comuni di Melilli e Priolo Gargallo , a sud con il comune di Avola , a ovest con i comuni di Canicattini Bagni , Solarino , Floridia , Noto e Palazzolo Acreide mentre a est è bagnata dal mar Ionio . Il comune aretuseo ha due popolose frazioni storiche: Belvedere sita a nord-ovest e Cassibile sita a sud-ovest; la prima conta una popolazione di circa 7.000 abitanti, mentre la seconda una popolazione di circa 6.500 abitanti. Fino al 1979 anche Priolo Gargallo era una frazione di Siracusa ma in tale data chiese ed ottenne l'autonomia comunale. [228] Oltre ai due principali centri abitati, sono sorti negli anni altri agglomerati, soprattutto lungo le coste, tra cui degni di rilievo sono Isola , Capo Murro di Porco, Fanusa, Milocca, Arenella, Ognina e soprattutto Fontane Bianche .

Fino al 2018 il territorio era suddiviso in nove circoscrizioni , soppresse come previsto dalla legge regionale n. 11/2015: Ortigia , Santa Lucia, Acradina , Grottasanta , Neapolis , Tiche, Epipoli , Belvedere e Cassibile . Le principali contrade di Siracusa sono: Pantanelli , Santa Teresa Longarini Scalo e Targia, mentre tra i principali quartieri vi sono: Zona umbertina , Corso Gelone , Tisia , Zecchino , Santa Panagia , Mazzarona , Scala Greca .

Al 2017 la città contava una popolazione totale di circa 122.000 persone (in leggero calo rispetto agli anni '90 quando ne contava circa 126.000 e in leggero rialzo rispetto al 2011 quando ne contava 118.000). [229] La maggior parte della popolazione urbana si concentra nelle ex circoscrizioni di Tiche (20% della popolazione totale), Akradina (19% del totale) e Grottasanta (18% del totale). Il restante 43% della popolazione comunale è distribuita in maniera abbastanza uniforme nelle restanti sei ex suddivisioni, tra cui Ortigia, dove risiede il 4% della popolazione. [230]

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia del libero consorzio comunale di Siracusa .

Nel siracusano vi è il primo distretto limonicolo d' Italia e dell' Unione europea , con la produzione del limone di Siracusa IGP che registra numeri di vendite sempre più importanti. [231] Altre produzioni rilevanti del territorio sono i formaggi siciliani, la patata novella di Siracusa , che copre i 3/4 della produzione siciliana e viene esportata sia in Italia che all'estero, l' olio extravergine d'oliva dei monti Iblei , [232] l' anguria di Siracusa e altri prodotti della terra. In ambito vinicolo si producono le DOC del vino di Siracusa che oltre al Nero d'Avola comprende la produzione del Moscato di Siracusa . [233] Nelle acque di Siracusa poi avvengono gli allevamenti di molluschi e crostacei e la pesca di una vasta varietà di pesci, al servizio più che altro del commercio locale. [234]

Visibile in profondità la rada di Santa Panagia (Siracusa nord), presso la quale si carica e scarica il petrolio grezzo e raffinato

Una considerevole parte del territorio è stata vocata al settore industriale della petrolchimica . Nel siracusano vi è uno dei poli del settore tra i più grandi d' Europa , il quale ha fatto registrare, soprattutto in passato, numeri da record per l'economia provinciale, poi andati gradatamente a diminuire.

Nonostante il polo faccia registrare dati export assolutamente ragguardevoli per l'Italia (si consideri che dal solo polo siracusano proviene oltre il 70% del totale nazionale dei prodotti petroliferi raffinati e che essi rappresentano anche il 70% dell'intero export siciliano [235] ), il settore viene odiernamente considerato in crisi. [236]

In via di sviluppo risulta il settore dell' energia alternativa , specialmente quella solare , con varie sperimentazioni sul territorio. [237] È inoltre presente un importante impianto di riciclaggio del vetro a piombo unico al mondo. [238] Il settore terziario dei servizi è quello che offre maggiore impiego per i siracusani. [239] L'accoglienza turistica risulta essere fortemente in crescita.

Infrastrutture e trasporti

Strade

Il territorio comunale è interessato dalle seguenti direttrici stradali:

Ferrovie

Il binario 1 della stazione di Siracusa

Il comune è servito dalla stazione di Siracusa , posta al km 312+176 della ferrovia Messina-Siracusa [240] e della Caltanissetta Xirbi-Gela-Siracusa . A sud-ovest è situato il Deposito Locomotive di Siracusa .

Porti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Porto di Siracusa e Rada di Santa Panagia .
La città vista dal largo del porto Grande

I due porti principali della città sono collocati in Ortigia: uno a ponente e uno a levante dell'isola; rispettivamente il porto Piccolo o Lakkios (ovvero il porto Marmoreo dei Greci) e il porto Grande, collegati tra loro attraverso un canale sormontato da tre ponti. Considerato uno dei primi e più antichi porti del Mediterraneo, il porto di Siracusa vanta una millenaria storia commerciale , tuttavia odiernamente gli attracchi siracusani sono maggiormente vocati alla nautica da diporto (porto Grande) e alla pesca (porto Piccolo): circa 300 posti barca nel porto Grande e circa 700 posti barca nel porto Piccolo. La funzione commerciale è maggiormente svolta dalla rada di Santa Panagia che permette l'attracco delle navi petroliere , chimichiere e gasiere , servendo tramite il lungo pontile la LUKoil del polo petrolchimico. Altri porti minori del comune sono: il porto Rifugio (sito sempre all'interno della baia di Santa Panagia), il porticciolo di Ognina e il porticciolo di Fontane Bianche .

Aeroporti

Siracusa possiede in città un idroscalo , sorto all'inizio del XIX secolo , esso è stato attivo durante l'apice del mezzo trasportatore idrovolante , successivamente è divenuto sede dei comandi militari siracusani. Tra settembre 2007 e la primavera 2008 è stato nuovamente attivato tramite un collegamento verso l' idroscalo di Enna . A 6 km, a sud-ovest della città, si trova l' aviosuperficie Rinaura , dotata di aerei che possono svolgere attività di volo da diporto o da sport dell'aria .

Mobilità urbana

I trasporti urbani e interurbani di Siracusa vengono svolti con servizi regolari di autobus gestiti dalla società AST .

Nel comune è presente la pista ciclabile Rossana Maiorca che attraversa il lato nord della città: tale pista è stata ufficialmente inserita nel 2019 nell'itinerario ciclabile, denominato Ciclovia Magna Grecia , che da Pozzallo giunge a Lagonegro (toccando tre regioni d'Italia). [241]

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Siracusa .
Il palazzo del Senato di Siracusa (edificazione d'epoca spagnola)

Di seguito vengono riportati in ordine cronologico gli ultimi tre sindaci del comune di Siracusa:

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16 giugno 2008 1º gennaio 2013 Roberto Visentin Il Popolo della Libertà Sindaco
30 gennaio 2013 24 giugno 2013 Alessandro Giacchetti Commissario straordinario
24 giugno 2013 27 giugno 2018 Giancarlo Garozzo Partito Democratico Sindaco
27 giugno 2018 in carica Francesco Italia Indipendente di centro-sinistra poi Azione Sindaco

Consolati

In città sono presenti i consolati dei seguenti Stati [242] :

Siracusa si è fatta inoltre promotrice, negli ultimi anni, di una cooperazione internazionale denominata “Grande Intesa”; protocollo che si occupa di iniziative volte allo sviluppo dei paesi di area mediterranea ; i sottoscriventi sono stati la giunta della Consulta civica della città di Siracusa ei consoli della Turchia, di Malta, della Grecia , del Senegal e dell' Azerbaigian . [243] Nel 2015 si è aggiunto all'intesa il consolato dello stato americano del Venezuela , allargando così lo scenario di cooperazione oltre oceano. [244]

Gemellaggi

La città di Siracusa è gemellata con:

Gli enti territoriali hanno creato diversi tipi di gemellaggio con le città di:

Sport

Contesto sportivo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sport a Siracusa .

La città di Siracusa ha una significativa tradizione sportiva (che diventa millenaria se si considera che la Siracusa dell'antichità fu una delle maggiori partecipanti ai giochi panellenici , classificandosi spesso sul podio di Olimpia , Delfi , Corinto , Nemea e Argo ). Tra gli avvenimenti sportivi più importanti della Siracusa d'età contemporanea è da annoverare il passaggio della torcia olimpica , diretta nella capitale d'Italia durante le Olimpiadi di Roma , svoltesi nel 1960 : il 18 agosto di quell'anno la nave scuola Amerigo Vespucci giunse a Siracusa, arrivava dalla Grecia , da dove aveva prelevato il fuoco olimpico, facendo tappa nella città aretusea. Qui la fiaccola fu consegnata al primo tedoforo italiano, il siracusano Concetto Lo Bello , il quale aprì la staffetta che dalla Sicilia sarebbe giunta fino a Roma. [252]

Numerosi altri eventi sportivi di rilievo si sono svolti in città; per citarne solo alcuni: nel circuito di Siracusa la Ferrari ha ottenuto le sue prime vittorie automobilistiche, partecipando al Gran Premio di Siracusa (la cui ultima corsa si svolse nel 1961 ); il Trofeo 8 Nazioni della pallanuoto si è legato a tal punto alla città da assumere successivamente il nome di Trofeo Syracusae [253] ; alla medesima disciplina della pallanuoto sono legate le tappe svolte della World League ; la finale della Supercoppa Italiana di pallavolo e la Final Eight Coppa Italia di pallamano ; nel 2016 ha ospitato il campionato mondiale di canoa polo .

Squadre e titoli

Di seguito le maggiori squadre che rappresentano il capoluogo nei rispettivi sport:

Di seguito i titoli vinti dalle singole squadre del capoluogo nei rispettivi sport:

Impianti sportivi

Stadio Nicola De Simone visto dall'alto

Il principale impianto sportivo di Siracusa è il centro polivalente PalaLoBello : attorno alla struttura portante del palasport vi sono situati diversi impianti sportivi destinati a svariate discipline. La città disponde inoltre di un camposcuola adibito all' atletica leggera . Altri impianti sportivi sono: Il centro sportivo ERG ; il centro sportivo Fortuna ; il campo sportivo Franco Bianchino ; centro sportivo Pantanelli , il polivalente Giorgio Di Bari . Lo stadio Nicola De Simone è invece il principale impianto calcistico della città.

Nei pressi di Cassibile è situato l' Ippodromo del Mediterraneo , nel quale si svolgono regolarmente gare di ippica di livello nazionale e internazionale. Infine, non più attivo risulta il sopracitato circuito di Siracusa; in passato adibito all' automobilismo e al motociclismo .

Note

Note esplicative
  1. ^ Si tratta non di un unico blocco ma di un sistema di faglie tettoniche: i calcari iblei-maltesi a est si troncano e danno vita alla scarpata. La Sicilia sud-orientale (il cosiddetto Plateau Ibleo) sorge dove passa da 10 milioni di anni il punto di incontro tra la placca africana e la placca euroasiatica . [15]
  2. ^ Cicerone ne lasciò ampia descrizione, definendole come «opera grandiosa, magnifica, dei re e dei tiranni». [17]
  3. ^ L'Anapo nasce al di fuori del territorio aretuseo, mentre il Ciane nasce dalle sorgenti di testa Pisima (la principale, detta fonte Ciane , e Pisimotta, più piccola, situate a Cozzo del Pantano, a pochi chilometri dal mare. [19] )
  4. ^ È per la sua caratteristica paludosa e lagunare che questa zona è stata chiamata "i Pantanelli". Ed è proprio qui che sarebbe sorta nella preistoria la palude chiamata Syraka dalla quale avrebbe preso il nome l'intera città di Siracusa. [21]
  5. ^ Muhammad al-Idrisi , Nuzhat al-Mushtaq :

    «Siracusa è delle città celeberrime e de' più nobili paesi. Cittadini e foresi d'ogni banda cavalcano alla volta di lei; a lei s'indirizzano i mercatanti viaggiatori di tutte le regioni. Sta sul mare che la bagna da tutti i lati, se non che avvi una porta a settentrione, donde si entra e si esce. Superfluo sarebbe descrivere largamente questo luogo sì famoso […]»

  6. ^ Sempre al periodo arabo-normanno risale la testimonianza di Ugo Falcando , che nel XII secolo definì Siracusa « optima et pulcherrima parte Sicilie » [48]
  7. ^ Nonostante siano numerose le volte in cui i cavalieri difesero le coste siracusane, non mancarono episodi di conflittualità tra l'Ordine di Malta ei politici, ecclesiastici e militari di Siracusa; si rammentano, ad esempio: la crisi del 1531 , accaduta per il prezzo del vino siracusano , la crisi del 1637 , scoppiata per il bombardamento delle galee dell'Ordine da parte dei militari della città , la crisi del 1687 , verificatasi per il divieto dei siracusani di far sbarcare le galee dell'Ordine ad Augusta .
  8. ^ Il terremoto del 1542, in tal senso, fu determinante nel dare il colpo di grazia a un tessuto sociale già sofferente da decenni. Cfr. dati e fonti in cap. di approfondimento: La malannata grande e le dinamiche sociali nella Sicilia orientale .
  9. ^ Gli Stati Uniti d'America torneranno a domandare nel 1848 di poter fare di Siracusa la loro principale base nel Mediterraneo, tuttavia non otterranno dal governo provvisorio siciliano l'autorizzazione .
  10. ^ Papa Pio XII nel convegno mariano di Sicilia, riferendosi all'evento inspiegabile che era accaduto a Siracusa, disse: «Comprenderanno gli uomini l'arcano linguaggio di quelle lacrime?» [76]
  11. ^ La Reimann, in un carteggio con all'epoca ministero dei beni culturali, così la descriveva:

    «...una delle più suggestive di Siracusa, da cui si affaccia ai piedi della collina che dolcemente degrada, interrotto dal verde dei giardini e degli orti, il cerchio ceruleo del porto, chiuso dalla mite linea dei colli e lontano dall'azzurro mare Ionio. [102] »

  12. ^ Notevoli cavità religiose sono la cosiddetta Grotta Santa, da cui prende il nome l' omonimo quartiere , e l'oratorio di Santa Panagia , sito in una cava naturale lambita dal mare. Per approfondire la storia religiosa della città. [125]
  13. ^ Gli antichi Siracusani avevano assimilato soprattutto il dialetto dorico , come conferma anche Teocrito nei suoi scritti, ma la loro parlata viene distinta dai dialetti puramente dorici e ionici (anche lo ionico è stato individuato nelle testimonianze scritte dell'antica Siracusa. [136] [137] [138] )
  14. ^ Per approfondire il legame tra Olimpia e Siracusa vd. Siracusa e l'Elide: il legame con Pisa e Olimpia .
  15. ^ Papa Nicolò I, Gf. PAGI in Baron. ad ann. 730, n. 11.: 25 settembre 860:
    ( latina )

    «Volumus ut consecratio Syracusano archiepiscopo nostra a sede impendatur ut traditio ab apostolis instituta nullatenus nostris temporibus violetur»

    ( IT )

    «Vogliamo consacrare nella nostra sede l'arcivescovo Siracusano perché la tradizione che dagli apostoli ci è pervenuta non sia in questi tempi violata»

  16. ^ Le prime tre e uniche sedi pubbliche universitarie sorsero in Sicilia durante il '400 e il '500 , in un'epoca in cui vi era la contesa per il titolo di capitale tra Palermo e Messina (e in minor forma Catania ). Siracusa, che dopo la conquista araba aveva perso il suo status di capitale dell'intera Sicilia, impoverita e tenuta fuori dai giochi di potere economico, visse in quei secoli la sua trasformazione in piazzaforte militare; votata alla continua difesa bellica del Regno, ben lontana dal poter ottenere un polo di studi. [165]
  17. ^ Il Giorno del pi greco è diffuso in tutto il mondo ( Il 14 marzo è il Pi Greco Day, anche su Marte si festeggia il “re dei numeri” , in La Stampa , 14 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2016 ( archiviato il 18 marzo 2016) . ), anche Siracusa, patria del genio matematico, dal 2011 dedica la settimana archimedea presso il Tecnoparco di Archimede ( "Pi Greco day", anche l'Italia celebra Archimede: enigmi e matematica tra mostre e concerti , in La Repubblica , 12 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2016 ( archiviato il 2 febbraio 2017) . )
Note bibliografiche
  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione al 31 ottobre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ Cfr. Tweedie, 1904, p. 293; Crow, 1965, p. 29; Privitera, 1984, p. 19; Vittorini, 2002, p. 22.
  5. ^ Amedeo Tullio, Itinerari archeologici in Sicilia , 2002, p. 189; Pasquale Passarelli, ‎Adele Falasca, Sicilia , 2005, p. 392; Michael Scott, Space and Society in the Greek and Roman Worlds ( EN ) , 2012, p. 131.
  6. ^ Cfr. in Mario Torsiello, Settembre 1943 , 1963; Giorgio Vitali, Una Città nella bufera , 1980; Santi Corvaja, Hitler & Mussolini: The Secret Meetings , 2013.
  7. ^ Siracusa e provincia: i siti archeologici e naturali, il mar Ionio, i monti Iblei , 1999, p. 117.
  8. ^ Cfr. nelle fonti da Cicerone a Hans Christian Andersen , Giosuè Carducci , Edmondo De Amicis , Alberto Moravia ecc. Cfr. es. Edmondo De Amicis, Ricordo d'un viaggio in Sicilia , 1908, p. 109.
  9. ^ Consorzio Plemmirio. L'Area Protetta: Archeologia e Paesaggio Umano , su plemmirio.eu . URL consultato il 14 maggio 2020 ( archiviato il 7 aprile 2020) .
  10. ^ Società paleontologica italiana, Bollettino di paletnologia italiana , vol. 16-17, 1890, p. 115.
  11. ^ Ferdinando Milone, Sicilia: la natura e l'uomo , 1960, p. 82.
  12. ^ Arcuri di Marco, I Porti della Sicilia , 1961, p. 170.
  13. ^ AA. VV., La Sicilia e il Mediterraneo in un riscontro interdisciplinare , , p. 122; Mario Attilio Levi , La città antica: morfologia e biografia della aggregazione urbana nell'antichità , 1989, pp. 311-319.
  14. ^ Éditions de l'Université de Provence, Géologie Méditerranéenne , vol. 21, 1994, p. 70.
  15. ^ Cit. Missione a Malta: ricerche e studi sulla preistoria dell'arcipelago maltese (a cura di Fradkin Anati, Emmanuel Anati), 1988, p. 60; Società geologica italiana , Bollettino della Società geologica italiana , vol. 126, 2007, p. 463.
  16. ^ classificazione sismica dei comuni italiani ( PDF ), su protezionecivile.gov.it (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2013) .
  17. ^ Verrine , II 5: traduzione italiana in Georges Vallet, Laura Vallet Mascoli, Siracusa antica: immagini e immagine, 1993, p. 32.)
  18. ^ a b Riserve naturali della provincia di Siracusa. Grotta Monello , su www.siciliaparchi.com . URL consultato il 13 maggio 2018 ( archiviato il 17 novembre 2015) .
  19. ^ Vd. Politi, Siracusa pei viaggiatori , 1835, p. 19.
  20. ^ Riserva Naturale Fiume Ciane e Saline di Siracusa - Sicilia. Atlante dei Parchi e delle aree protette in Italia , su www.agraria.org . URL consultato il 13 maggio 2018 ( archiviato il 17 novembre 2015) .
  21. ^ Archivio storico per la Sicilia orientale , vol. 81-83, 1986, p. 186.
  22. ^ Società di studi geografici , Rivista geografica italiana , vol. 82, 1975, p. 42.
  23. ^ Famoso, Mosaico Sicilia: atlante e racconti di paesaggi , 2005, p. 203.
  24. ^ Luigi Baldacci , Descrizione geologica dell'isola di Sicilia , 1886, p. 388.
  25. ^ Gioacchino Di Marzo , Biblioteca storica e letteraria di Sicilia , 1869, p. 317; Touring Club Italiano , Sicilia , 1937, p. 21; Bertolami, Le necropoli rupestri di Pantalica , 2014.
  26. ^ Caratterizzazione naturalistica P.ta Arenella ( PDF ), suplemmirio.eu . URL consultato il 16 novembre 2015 ( archiviato il 17 novembre 2015) .
  27. ^ Il territorio e la sua storia. Speciale Sicilia. Il giardino botamico di Palermo, Donatella Marsaglia ( PDF ), su gruppocarige.it . URL consultato il 13 maggio 2018 ( archiviato il 17 novembre 2015) .
  28. ^ Progetto “Intervento per la valorizzazione delle produzioni ittiche locali. Recupero e promozione della trota macrostigma” , su www.provincia.siracusa.it . URL consultato il 13 maggio 2018 ( archiviato il 17 novembre 2015) . ; Nunzio Famoso, Mosaico Sicilia: atlante e racconti di paesaggi , 2005, p. 208.
  29. ^ Istituto geografico militare , La fauna cavernicola di Siracusa in L'Universo , vol. 47, ed. 4-6, 1967, p. 716.
  30. ^ flora e fauna marina , su plemmirio.eu/ . URL consultato il 13 maggio 2018 ( archiviato il 17 novembre 2015) .
  31. ^ Paolo Orsi , Vincenzo La Rosa, Le Presenze micenee nel territorio siracusano , stampa 2004, p. 54.
  32. ^ Tabella climatica ( TXT ), su clisun.casaccia.enea.it ( [Siracusa %20capoluogo.Txt archiviato] il 3 novembre 2014) .
  33. ^ Stazione meteo di Siracusa SIAS, Siracusa - myMeteoNetwork , su my.meteonetwork.it . URL consultato l'11 agosto 2021 .
  34. ^ Pagina con le classificazioni climatiche dei comuni della Sicilia Archiviato il 21 ottobre 2002 in Internet Archive .
  35. ^ Copia archiviata , su ilmeteo.it . URL consultato il 28 ottobre 2017 ( archiviato il 7 febbraio 2018) .
  36. ^ Fu Stefano di Bisanzio il primo ad asserire tale derivazione. Bisanzio sv Syrakousai. Cfr. Sicilia e Anatolia dalla preistoria all'età ellenistica: atti della 5ª riunione scientifica della Scuola di perfezionamento in archeologia classica dell'Università di Catania (Siracusa, 26-29 novembre 1987) , a cura di Rizza, p. 131.
  37. ^ Carubia, Autori classici greci in Sicilia , 1996, p. 29; Correnti, Ecologia e storia in Sicilia , 1984, p. 25.
  38. ^ Pellegrini, Toponomastica italiana: 10000 nomi di città, paesi, frazioni, regioni, contrade, fiumi, monti spiegati nella loro origine e storia , 1990, p. 55.
  39. ^ Bochart, Geographia Sacra: , 1646, pp. 594-95; Holm, Cavallari, Die Stadt Syrakus im Alterthum , 1887, pp. 65-67.
  40. ^ Cfr. Paolo Orsi , Stazione Neolitica di Stentinello (Siracusa). Bollettino di Paletnologia Italiana 16, 177-200, 1890; Giuseppe Voza, Siracusa 1999: lo scavo archeologico di Piazza Duomo ; Giovanni Di Stefano, Archeologia iblea , 1987, p. 82.
  41. ^ Sulla spedizione agatoclea in Africa, e sulla conseguente alleanza con Ofelia, vd. Gaetano De Sanctis , Scritti minori , 1970, pp. 205-249.
  42. ^ Per approfondire il periodo storico e l'intreccio tra Platone, Dione ei due Dionigi vd. F. muccioli, Dionisio II. Storia e tradizione letteraria , 1999.
  43. ^ Lanzoni , Le diocesi d'Italia , 1927, pp. 613.614.
  44. ^ a b Atti degli Apostoli , At 28,12 , su laparola.net . .
  45. ^ Concetto Barreca, Santa Lucia di Siracusa: Pagine storiche. Il codice greco Papadopulo ed un'insigne epigrafe delle catacombe di Siracusa con note ed appendice , 1902; Maria Stelladoro, Lucia la martire , 2010;
  46. ^ Teofane Confessore , Chronographia , I 535.
  47. ^ Vd. F. Gabrieli , U. Scerrato, P. Balog, Gli Arabi in Italia: cultura, contatti e tradizioni , Milano, Garzanti, 1979; G. Gentile , C. Tumminelli , Enciclopedia italiana di scienze, lettere ed arti , vol. 36, 1936, p. 691.
  48. ^ Testo in G. Fasoli , Scritti di Storia Medievale , 1974, pp. 405-406; testo latino, p. 176, consultabile in Epistola ad Petrum Panormitanum Ecclesie Thesaurarium , su www.alim.dfll.univr.it . URL consultato il 19 maggio 2020 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  49. ^ Cfr. G. Tamassia , Storia del regno dei Goti e dei Longobardi in Italia Archiviato il 24 aprile 2021 in Internet Archive . , vol. 1-3, p. 146;
  50. ^ A. Zoncada, Prose , 1853, da p. 77; S. Tramontana, I normanni in Italia: Aspetti politici e militari , 1970; Gordon S. Brown, The Norman Conquest of Southern Italy and Sicily , 2003.
  51. ^ Michele Amari lo appella come «l'ultimo eroe musulmano della Sicilia»; cfr. S. Di Matteo, Storia della Sicilia: dalla preistoria ai nostri giorni , 2006, p. 138.
  52. ^ Cheyette, Fredric L. (1970). The Sovereign and the Pirates ( EN ) , p. 1332.
  53. ^ Gina Fasoli , Francesca Bocchi, Scritti di storia medievale , 1974, p. 407.
  54. ^ Giuseppe Agnello : Urbs fidelissima. Il governo di Siracusa ( PDF ), su archivia.unict.it . URL consultato il 20 maggio 2020 (archiviato dall' url originale il 25 settembre 2015) . A. Loreto, Biblioteca alagoniana, I libretti musicali della Biblioteca alagoniana di Siracusa , 2006, p. XIII.
  55. ^ Cfr. Privitera, 1879 , p. 41 ; Gatto, 1992 , p. 218 .
  56. ^ Privitera, 1879 , pp. 82-88; 515 .
  57. ^ Vd. per approfondire Diego Orlando , Il feudalismo in Sicilia storia e dritto pubblico , 1847, p. 62; Gatto, 1992 , p. 220 .
  58. ^ Liliane Dufour, Henri Raymond, Siracusa tra due secoli , 1998, p. 54; Teresa Carpinteri, Siracusa, città fortificata , 1983, p. 15.
  59. ^ Cfr. Valerio Massimo Manfredi , I Greci d'Occidente , car. XXII Siracusa , 2018.
  60. ^ Teresa Carpinteri, Siracusa, città fortificata , 1983, p. 31; Vincenzo Mirabella , Delle Antiche Siracuse , vol. 2 (seguito del libro di Giacomo Bonanni, ovvero Le dichiarazioni della pianta dell'antiche Siracuse... descritte da D. Vincenzo Mirabella ), 1717, p. 89.
  61. ^ Tiron, abate, Historia y trajes de las Ordenes Religiosas ( ES ) , vol. II, 1854, p. 8.
  62. ^ Isidoro Escagües, La Huella de España en Sicilia , 1951, p. 107; La Orden de Malta en España (1113-2013) , vol. I (a cura di), 2015, pp. 339-340.
  63. ^ Barbano MS, The Val di Noto earthquake of December 10, 1542 in Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes (a cura di D.Postpischl), CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica, n.114, vol.2A, 1985, pp.28-29.
  64. ^ Antonio Mongitore , Della Sicilia ricercata , vol. 2, 1743, pp. 392-393.
  65. ^ Cit. in Archivio di Stato di Palermo, Segretari del regno, Ramo del protonotaro, Lettere , vol.30 (1546-1550), Copia di lettera del viceré di Sicilia Ferrando Gonzaga al re di Spagna Carlo V , Palermo 10 maggio 1546 (rapporto di fine mandato del Gonzaga). Vd. inoltre Catania, terremoti e lave: dal mondo antico alla fine del novecento (a cura di), 2001, p. 77.
  66. ^ Liliane Dufour, Henri Raymond, Siracusa tra due secoli: le metamorfosi dello spazio, 1600-1695 , 1998.
  67. ^ Caterina Napoleone, Franco Maria Ricci , Enciclopedia della Sicilia , 2006, p. 338.
  68. ^ Carla Crespi, Nelson: l'uomo che fece tremare Napoleone , 1967, p. 87; Ernle Dusgate Selby Bradford, Horatio Nelson: l'uomo e l'eroe , 1981, p. 198.
  69. ^ Serafino Privitera, Storia di Siracusa antica e moderna , vol. 2 e 3, 1879, p. 287.
  70. ^ Serafino Privitera, Storia di Siracusa antica e moderna , vol. 2 e 3, 1879, pp. 421-422.
  71. ^ Vd. Archivio di Stato di Siracusa , Pacco cit., doc. 15. Cfr. in G. Parlato, Siracusa dal 1830 al 1880 , ed. 1919, pp. 134-135; B. Martinez La Restia, p. 171.
  72. ^ Comitato per la documentazione dell'opera dell'Italia in Africa, L'Italia in Africa , 1860, p. 10; Carlo Giglio, Inventario delle fonti manoscritte relative alla storia dell'Africa del Nord esistenti in Italia: L'archivio centrale dello Stato dalle origini al 1922 , 1983, pp. 264, 274, 284.
  73. ^ Bordonali, Uomini del «Conte Rosso» , 2004.
  74. ^ Isobel Williams, Allies and Italians under Occupation: Sicily and Southern Italy 1943-45 , 2013; Benito Li Vigni, Sicilia 1943: Sbarco Americano, Mafia e Italia segreta , 2014, p. 30.
  75. ^ James Daly, Portsmouth's World War Two Heroes , 2012.
  76. ^ Radiomessaggio al Congresso Mariano Regionale della Sicilia - Domenica, 17 ottobre 1954 , su w2.vatican.va . URL consultato il 18 maggio 2018 ( archiviato il 2 settembre 2016) .
  77. ^ Cit. in Churchill, il viaggio nell'Isola del liberatore in vacanza , su ricerca.repubblica.it . URL consultato il 18 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  78. ^ Rugafiori, Fasce, Dal petrolio all'energia: ERG 1938-2008: storia e cultura d'impresa , 2008, p. 73.
  79. ^ Adorno, Neri Serneri, Industria, ambiente e territorio: per una storia ambientale delle aree industriali in Italia , 2009, pp. 302, 304; Annali del Mezzogiorno , vol. 18, 1978, pp. 104, 113.
  80. ^ Rugafiori, Fasce, Dal petrolio all'energia: ERG 1938-2008: storia e cultura d'impresa , 2008, pp. 114, 116.
  81. ^ Il Terremoto dei Silenzi, 13 dicembre 1990 , su www.telejato.it . URL consultato il 18 maggio 2018 ( archiviato l'8 dicembre 2015) . Cfr. anche Emilio Gerelli, Catastrofismo e terremoti Archiviato il 13 gennaio 2016 in Internet Archive ., 2012, p. 90.
  82. ^ Discorso di Giovanni Paolo II alla cittadinanza di Siracusa , su w2.vatican.va . URL consultato il 18 maggio 2018 ( archiviato l'8 dicembre 2015) .
  83. ^ Cfr. Biodiversità - Risorse per lo sviluppo , 2009, p. 86; Alberto Pierobon, Nuovo manuale di diritto e gestione dell'ambiente , 2012, p. 961.
  84. ^ Cfr. Rivista italiana di numismatica , 1891, p. 90; Accademia Nazionale dei Lincei , Rendiconti , 1971, p. 6.
  85. ^ Vd. Serafino Privitera, Storia di Siracusa Antica e Moderna , 1879, p. 28.
  86. ^ a b Cfr. Michele Romano, L'araldica secolare di Siracusa , 1992.
  87. ^ Vd. inoltre Art. 3. comune.siracusa.it , http://www.comune.siracusa.it/images/doc/STATUTO.nuovo.testo.approv.consiglio1.pdf . URL consultato il 19 maggio 2018 ( archiviato il 24 aprile 2021) . e Lo Stemma: il vecchio e il nuovo , su comune.siracusa.it . URL consultato il 19 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  88. ^ RD dell'11 aprile e 21 settembre 1938, RR.LL.PP. del 14 settembre 1939. Vd. Bollettino Ufficiale della Consulta Araldica del Regno , Roma, Istituto poligrafico dello Stato, vol. XI, n. 45, 1942, p. 164.
  89. ^ Cfr. Provincia di Siracusa , su rbvex.it . URL consultato il 19 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  90. ^ Vd. Anthony Blunt, Barocco siciliano , 1968, p. 31.
  91. ^ Cfr. Ruggero Bonghi , La cultura , 1902, p. 93. Vd. anche Incantevole Italia, ecco le 12 città "bianche" , suwww.ansa.it . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) . e La bellezza abbagliante delle città bianche. Ecco dove sono , su siviaggia.it . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  92. ^ Sicilia, 1989 , pp. 616-620 .
  93. ^ Alessandro Musco (a cura di), Francescani e la politica: atti del convegno internazionale di studio, Palermo, 3-7 dicembre , 2002, vol. 2, 2007, p. 95; Jeremy Dummett, Syracuse, City of Legends: A Glory of Sicily ( EN ) , 2010, cap. Baroque Syracuse .
  94. ^ Linda Cotugno, The beneventano del Bosco Palace: a special historic house in the island of Ortigia in Review of Historical Geography and Toponomastics ( EN ) , vol. VII, no. 13-14, 2012, pp. 77-88 (p. 84); Dorling Kindersley, Eyewitness Travel Guide: Sicily ( EN ) , 2011, p. 142; Biblioteca d'arte, Archiva , 1936, p. 290.
  95. ^ Cfr. Siracusa e provincia: i siti archeologici e naturali, il mar Ionio, i monti Iblei , p. 60 .
  96. ^ Così l'Accademia degli Aretusei. Vd. Siracusa e provincia: i siti archeologici e naturali, il mar Ionio, i monti Iblei , p. 60 .
  97. ^ Storia della Capitaneria di Porto Siracusa , su www.guardiacostiera.gov.it . URL consultato il 24 maggio 2018 ( archiviato il 14 ottobre 2017) .
  98. ^ Cfr. Salvatore Adorno, La produzione di uno spazio urbano: Siracusa tra Ottocento e Novecento , 2004; Leone Efisio Picone, La provincia di Siracusa: monografia economica , 1925, pp. 176, 177.
  99. ^ Cfr. Siracusa e provincia: i siti archeologici e naturali, il mar Ionio, i monti Iblei , p. 38 .
  100. ^ Cfr. Saverio Landolina , su www.regione.sicilia.it . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 7 dicembre 2015) .
  101. ^ Cfr. Parco storico di Villa Landolina , su www.regione.sicilia.it . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 24 febbraio 2013) . Vd. anche Siracusa e provincia: i siti archeologici e naturali, il mar Ionio, i monti Iblei , p. 35 .
  102. ^ a b Villa Reimann , su www.comune.siracusa.it . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  103. ^ Cfr. The Garden of Villa Reiman at Siracusa in Paradise on Earth: The Gardens of the XXI Century, Volume 1 (Italian Association of Landscape Architecture), 1996, pp. 183-184.
  104. ^ Vd. immagini della Villa: facciata frontale Archiviato il 18 giugno 2018 in Internet Archive ., veduta dall'alto Archiviato il 18 giugno 2018 in Internet Archive .. Cfr. storia in Giuseppe Margani, Celle tricore: edifici a pianta trilobata nella tradizione costruttiva siciliana , 2005; Hartmut Mayer, Aspekte seines Werks , 2002, p. 137.
  105. ^ Archimede , vol. 27-28, 1975, p. 4.
  106. ^ Vd. Archivio storico per la Sicilia , vol. 50, 1930, p. 320.
  107. ^ Cfr. Caterina Napoleone, Franco Maria Ricci, Enciclopedia della Sicilia , p. 2006, p. 911.
  108. ^ a b Cfr. Nicola Guiliano Leone, L'Arte Siculo-Normanna: La cultura islamica nella Sicilia medievale , 2004, cap. X Castello Maniace ; Siracusa e provincia: i siti archeologici e naturali, il mar Ionio, i monti Iblei , p. 55 ; Renata Prescia, Ferdinando Trapani (a cura di), Rigenerazione urbana, innovazione sociale e cultura del progetto , 2016, p. 144.
  109. ^ a b Cit. Elio Tocco, Il Cinquecento - Lineamenti generali , parte di La memoria, le vicende, l'urbanistica, la storia di Siracusa .
  110. ^ Vd. Annalena Lippi Guidi, Il Quartiere di San Paolo nella prima metà dell'Ottocento in «I Siracusani», anno IV, n. 7, 1999.
  111. ^ Vd. Liliane Dufour, Antiche e nuove difese: castelli, torri e forti del siracusano , 2000, p. 18.
  112. ^ Vd. Rina La Mesa, Viaggiatori stranieri in Sicilia: antologia , 1961, p. 18.
  113. ^ Cit. in Emanuele Kanceff, Roberta Rampone, Centro interuniversitario di ricerche sul "Viaggio in Italia", Viaggio nel Sud , vol. 1, 1993, p. 342.
  114. ^ a b Cfr. Salvatore Santuccio, Il carcere borbonico di Siracusa ( PDF ), su antoniorandazzo.it . URL consultato il 26 maggio 2018 ( archiviato l'11 agosto 2016) . ; Ulisse Spinnato Vega, 101 perché sulla storia della Sicilia che non puoi non sapere , 2017, cap. 86.
  115. ^ Cfr. Due fortificazioni trasformate in centri di cultura , su www.difesa.it . URL consultato il 27 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  116. ^ I depositi di carburante dell'ultima guerra aperti a Siracusa , su siracusa.gds.it . URL consultato il 27 maggio 2018 ( archiviato il 4 giugno 2018) .
  117. ^ Percorso ipogeico di Piazza Duomo - Regione Siciliana , su regione.sicilia.it . URL consultato il 27 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  118. ^ Era “'u pitollu” la vera fortezza di Belvedere? Riduttivo chiamarlo Semafaro , su lacivettapress.it . URL consultato il 14 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  119. ^ Cfr. I fari in Sicilia ( PDF ), su www.agenziademanio.it . URL consultato il 30 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) . ; Il faro Murro di Porco diventa albergo , su www.ragusanews.com . URL consultato il 30 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  120. ^ Cfr. Siracusa, Il ponte Umbertino tra i 30 ponti più belli d'Italia secondo Skyscanner , su www.siracusanews.it . URL consultato il 30 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  121. ^ Cfr. Francesca Buscemi, Francesco Tomasello, Paesaggi archeologici della Sicilia sud-orientale , 2008, p. 2; Giuseppe Pasciuta, Itinerari naturalistici e paesaggistici della Sicilia , vol. 1, 2001, p. 98.
  122. ^ Biagio Pace, Arte e civiltà della Sicilia antica: Cultura e vita religiosa , 1945.
  123. ^ a b Rosario Greco, Pagani e cristiani a Siracusa tra il III e il IV secolo DC , parte 3, 1999, pp. 19-20.
  124. ^ Cicerone citato in Rosario Greco, Pagani e cristiani a Siracusa tra il III e il IV secolo DC , parte 3, 1999, pp. 19-20.
  125. ^ Vd: Consolo Langher, Siracusa e la Sicilia greca: tra età arcaica ed alto ellenismo , 1996; Greco, Pagani e cristiani a Siracusa , 1999.
  126. ^ Cfr. San Sebastiano , suwww.cstb.it . URL consultato il 22 maggio 2018 ( archiviato il 24 aprile 2021) .
  127. ^ Cfr. Monumenti dei Cavalieri di Malta a Siracusa in Archìvio Storico di Malta , Roma 1937; Annali del barocco in Sicilia , vol. 2, 1995, p. 125.
  128. ^ Giuseppe Voza, Museo archeologico regionale Paolo Orsi , Museo archeologico regionale Paolo Orsi, Siracusa , 1987.
  129. ^ Cfr. Bucaria, Luzzati, Tarantino, Ebrei e Sicilia , 2002, p. 208; AISG, Materia giudaica , vol. 14, 2009, p. 41.
  130. ^ Storey G. (2006), Urbanism in the Preindustrial World: Cross-Cultural Approaches . University of Alabama Press, p. 27. ISBN 978-0-8173-5246-2
  131. ^ Cfr. Biagio Pace , Arte e civiltà della Sicilia antica: I fattori etnici e sociali , 1935, pp. 464-6; European city architecture: project structure image: documents from the Festival dell'architettura 6 - 2011 , p. 92; Indro Montanelli , Storia dei Greci , 2010, p. IV, la fine di un'era.
  132. ^ RIC Publications, Literacy and History: The Greeks , 2007, p. 53:
    ( EN )

    «[...] Siracusa (modern Syracuse), which was the largest city in Europe for five hundred years.»

    ( IT )

    «[...] Siracusa (moderna Syracuse), che fu la maggiore città in Europa per cinquecento anni.»

    Vd. anche Glenn Thomas Trewartha, The More Developed Realm: A Geography of Its Population , 2013, p. 25. (en).
  133. ^ Lucia Trigilia, Siracusa: architettura e città nel periodo vicereale, 1500-1700 , 1981, p. 8.
  134. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  135. ^ a b Cittadini Stranieri. Bilancio demografico anno 2017 e popolazione residente al 1 gennaio. Comune: Siracusa , su demo.istat.it . URL consultato il 2 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  136. ^ Società Siracusana di Storia Patria, Archivio storico siracusano , 1993, p. 41.
  137. ^ Annali della Scuola normale superiore di Pisa: Lettere, storia e filosofia , 1958, p. 202.
  138. ^ a b Cfr. Carlo Consani, Luisa Mucciante, Norma e variazione nel diasistema greco: atti del quarto Incontro internazionale di linguistica greca, Chieti-Pescara, 30 settembre-2 ottobre 1999 , 2001, p. 93.
  139. ^ Cfr. Atti del 2º Incontro internazionale di linguistica greca (Trento, settembre 1995) , 1997, pp. 59-62; Pubblicazioni della Università degli studi di Firenze: il mimo di Sofrone e di Senarco , 1934, p. 42.
  140. ^ Cfr. Arturo Messina, Grammatica della lingua siciliana ( PDF ), su antoniorandazzo.it . URL consultato il 18 giugno 2018 (archiviato dall' url originale il 23 aprile 2016) . A cura dell'assessorato alle politiche scolastiche di Siracusa.
  141. ^ Cfr. siciliana, Scuola , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  142. ^ Vd. Carmelo Cappuccio, Poeti e prosatori italiani , vol. 1, 1961, p. 73; Giuseppe Bellafiore , La civiltà artistica della Sicilia dalla preistoria ad oggi , 1963, p. 183. Vd. anche AA.VV. , Saffo in Il libro della sera , 2014.
  143. ^ Cfr. Salvatore Zesaro, Parri spagnolu? Sull'origine spagnola di voci dialettali siciliane , Siracusa 2005 ISBN 9788874280346
  144. ^ Vd. Sebastiano Macaluso Storaci, Nuovo vocabolario siciliano-italiano e italiano-siciliano contenente le voci, le frasi ei proverbi d'uso più comune proposto alle famiglie, alle scuole ed alle officine , Siracusa 1875.
  145. ^ Pietrina Anello, Sicilia terra amata dalle dee ( PDF ), 2010, pp. 9-24. URL consultato il 3 giugno 2020 ( archiviato il 3 giugno 2020) .
  146. ^ Francesco Lanzoni , Le diocesi d'Italia dalle origini al principio del secolo VII (an.604) , 1927, p. 614. ; Salvatore Pricoco, Sicilia e Italia suburbicaria tra IV e VIII secolo , 1991, pp. 237, 257.
  147. ^ Agostino Amore, Marciano vescovo in Bibliotheca Sanctorum , vol. 8, p. 693; Francesco Paolo Rizzo, Sicilia cristiana dal I al V secolo , vol. 2, parte 2, 2006, p. 80.
  148. ^ Cesare Baronio , Martirologio Romano , ed. 1750 (Iglesia católica, Urbano VIII (papa), Clemente X (papa), Benedicto XIV (papa)), Vaticano , p. 122.
  149. ^ Bunson, Our Sunday Visitor's Encyclopedia of Saints ( EN ) , 2003, p. 519.
  150. ^ Pirro Rocco, Notitiae Syracusanae Ecclesiae Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive . in Sicilia Sacra , II, p. 599.
  151. ^ Cfr. Vitalien Laurent, Le corpus des sceaux de l'Empire byzantin . Vol. 1 A, Paris 1963, pp. 691-709.
  152. ^ Carmela Salazar, Antonino Spadaro (a cura di), Lineamenti di diritto costituzionale della Regione Calabria , 2013, p. 17.
  153. ^ Siracusa. Festa di Santa Lucia, non solo Berretti Verdi: ci sono anche le Portatrici, fazzoletto verde al collo , su siracusaoggi.it . URL consultato l'8 giugno 2018 ( archiviato il 24 aprile 2021) .
  154. ^ Alfredo Cattabiani , Lunario: dodici mesi di miti, feste, leggende e tradizioni popolari d'Italia , 1994, p. 368.
  155. ^ Santa Lucia: Siracusa gemellata con Stoccolma nel nome della patrona , su www1.adnkronos.com , Adnkronos.com. URL consultato l'8 giugno 2018 ( archiviato il 3 marzo 2016) .
  156. ^ Elena Montanaro, Lucia di Siracusa: tra passato e presente , 2006, p. 70.
  157. ^ Cfr. Annunziata Berrino, Alfredo Buccaro, Delli Aspetti de Paesi. Vecchi e nuovi Media per l'Immagine del Paesaggio: Tomo I. Costruzione, descrizione, identità storica , 2018, p. 156.
  158. ^ Le biblioteche siracusane , su sbrsiracusa.it . URL consultato il 25 febbraio 2016 (archiviato dall' url originale il 7 giugno 2016) . .
  159. ^ A Siracusa la prima libreria storica della Sicilia tutelata dalla legge, è "La Casa del libro Rosario Mascali" , in Siracusa Post , 23 luglio 2018. URL consultato il 23 luglio 2018 ( archiviato il 23 luglio 2018) .
  160. ^ Siracusa, Italy - IBM Smarter Cities Challenge: Smarter City , su smartercitieschallenge.org . URL consultato l'11 novembre 2015 (archiviato dall' url originale l'8 maggio 2013) . ; Benvenuti a Siracusa città smart 2.0 , su www.lastampa.it . URL consultato il 6 novembre 2015 ( archiviato il 17 novembre 2015) .
  161. ^ Scuole di Siracusa , su tuttitalia.it ( archiviato il 18 giugno 2018) . ; Scuole Provincia di Siracusa , su comuni-italiani.it ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  162. ^ Tutto sil mare - Istituti Tecnici Nautici Italiani , su tuttosulmare.wordpress.com . URL consultato il 9 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  163. ^ Alternanza scuola-lavoro: Marina Militare ed istituti scolastici delle province di Siracusa e Catania firmano la convenzione , su strettoweb.com . URL consultato il 9 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  164. ^ Scuole secondarie di II grado in Sicilia per conseguire il Diploma di Tecnico dei Servizi Turistici , su corsiturismo.it . URL consultato il 9 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  165. ^ Cfr. la storia della nascita delle università siciliane in Salvatore Di Lorenz, Laureati e baccellieri dell'Università di Catania. Il Fondo «Tutt'Atti» dell'Archivio storico diocesano (1449-1571) , 2005.
  166. ^ Vd. approfondimento in Laura Cassataro (a cura di), Il Castello di Federico II a Siracusa , 1997.
  167. ^ Salvatore Di Lorenzo, Laureati e baccellieri dell'Università di Catania , 2005, p. 9.
  168. ^ Sito della Facoltà di Architettura dell'Università di Catania , su www3.unict.it . URL consultato il 12 giugno 2018 ( archiviato il 2 aprile 2014) .
  169. ^ Accademia di Naturopatia Anea , su accademia-anea.com . URL consultato il 25 febbraio 2015 ( archiviato il 13 febbraio 2015) .
  170. ^ Academy of English - Siracusa , su academyofitalian.com . URL consultato il 15 giugno 2018 ( archiviato il 25 dicembre 2014) .
  171. ^ Arcadia University Opens Mediterranean Center for Arts and Science for Study Abroad Students , su prnewswire.com . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  172. ^ SCIE CENTER - core features , su sciecenter.org . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  173. ^ The Italian Academy - Italian Language and Culture Centre , su theitalianacademy.com . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 28 febbraio 2018) .
  174. ^ Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici ( PDF ), su disum.unict.it . URL consultato il 16 novembre 201 ( archiviato il 17 novembre 2016) .
  175. ^ Istituto di Gestalt HCC Italy , su gestalt.it . URL consultato il 13 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  176. ^ Al via le prove degli Spettacoli al Teatro Grande di Pompei , su indafondazione.org . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  177. ^ L'INDA ad Atene , su indafondazione.org . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  178. ^ Osservatorio Permanente sulla Criminalità Organizzata , su regione.sicilia.it . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  179. ^ Siracusa Institute , su siracusainstitute.org . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  180. ^ Dall'Egizio di Torino al Museo del Papiro , su ilgiornaledellarte.com . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  181. ^ IICE - Corrado Basile , su iice.it . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  182. ^ Convegni organizzati: - Museo del papiro - Istituto Internazionale del Papiro ( PDF ), su museodelpapiro.it . URL consultato il 16 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  183. ^ Centro internazionale di studi sul barocco - Siracusa , su centrostudibarocco.it . URL consultato il 26 febbraio 2015 (archiviato dall' url originale il 19 dicembre 2014) .
  184. ^ ( EN ) The Hub Siracusa, in Ortigia , su siracusa.the-hub.net . URL consultato il 27 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale il 16 gennaio 2013) .
  185. ^ ( EN ) Il sito internazionale degli Hub , su the-hub.net . URL consultato il 27 febbraio 2013 ( archiviato il 1º marzo 2013) .
  186. ^ Il 13 volte candidato al Nobel per la Pace Bruno Ficili incontra a Siracusa i Giovani del Servizio Civile , su siracusanews.it . URL consultato l'11 maggio 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  187. ^ Siracusa crocevia mediterraneo per la cultura della giustizia , su myrrha.it . URL consultato il 18 giugno 2018 ( archiviato il 18 giugno 2018) .
  188. ^ Associazione Internazionale di Educatori alla Pace Mondiale , su worldpeacecongress.net . URL consultato il 16 novembre 2016 ( archiviato il 17 novembre 2016) .
  189. ^ Euro Mediterranean Rehabilitation Summer School , su emrss.it . URL consultato il 16 novembre 2016 ( archiviato il 17 novembre 2016) .
  190. ^ Touring editore, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia , 2002, p. 35, ISBN 88-365-2389-7 .
  191. ^ Istituto Italiano per la Civiltà Egizia , su archaeogate.org . URL consultato il 27 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale il 1º febbraio 2013) .
  192. ^ Museo del Cinema di Siracusa , su museodelcinemadisiracusa.it . URL consultato il 27 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale il 17 gennaio 2014) .
  193. ^ Il Tecnoparco Archimede , su tecnoparco-archimede.com . URL consultato il 27 febbraio 2013 ( archiviato il 18 marzo 2013) .
  194. ^ Museo del Mare di Siracusa , su siracusamuseodelmare.it . URL consultato il 27 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale il 4 maggio 2016) .
  195. ^ Siracusa, Presentate a Roma le novità 2016 del premio Tonino Accolla , su siracusanews.it . URL consultato il 27 febbraio 2016 (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2016) .
  196. ^ Vd. B. Marzullo, W. Bühler, Scripta minora. 2(2000) , p. 724; LM Catteruccia, Pitture vascolari italiote di soggetto teatrale comico , 1951, p. 13; Dialoghi filosofici , 2013, n. 67.
  197. ^ Carlo Anti , Guida per il visitatore del Teatro Antico di Siracusa , 1948, SBN IT\ICCU\PAL\0134568 .
  198. ^ Il Teatro Comunale di Siracusa , su ibmsnet.it . URL consultato il 27 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale il 28 febbraio 2013) .
  199. ^ Spettacolo del Russian Ballet Moscow al Teatro Vasquez di Siracusa ( JPG ), su vacanzeasiracusa.altervista.org . URL consultato il 27 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2016) .
  200. ^ Sonia Laconi, Genesi storica e spirito monetario tra lingua immagine e propaganda , 2002, p. 16, SBN IT\ICCU\CAG\0714328 .
  201. ^ a b Cit. M. Cadario, I Claudi Marcelli: Strategie di propaganda in monumenti onorari e dediche votive tra III e I secolo aC , in Ostraka , 2005, p. 149.
  202. ^ M. Cadario, I Claudi Marcelli: Strategie di propaganda in monumenti onorari e dediche votive tra III e I secolo aC , in Ostraka , 2005, p. 149, n. 17.
  203. ^ Annali del barocco in Sicilia , vol. 8, 2006.
  204. ^ Cit. Università di Bologna. Istituto di filologia classica, Museum criticum , vol. 13-14, 1978, p. 283. Per approfondire vd. Gastronomia di Archestrato, trad. italiana a cura di Domenico Scinà , Venezia, 1842, SBN IT\ICCU\TSA\0674505 .
  205. ^ Platone , Lettera VII , 326b in Opere complete , cit., vol. VII, p. 28.
  206. ^ Aristofane, Banchettanti , fr. 225 K.-A.
  207. ^ Charles Van Doren, Storia della conoscenza , n° 3, cap. 15, 2012 [2006] , ISBN 88-8358-870-3 .
  208. ^ Scritto andato perduto. Cit. Mary Taylor Simeti, La tavola del Gattopardo: la cucina siciliana tra letteratura e memoria , 2001, p. 7, SBN IT\ICCU\CFI\0525802 . Mondadori, Italia: arte, natura, cultura , 2005, p. 541, ISBN 88-370-3083-5 .
  209. ^ Fausto Cantarelli, I tempi alimentari del Mediterraneo: cultura ed economia nella storia alimentare dell'uomo , vol. 1, 2005, p. 128, SBN IT\ICCU\PUV\1033591 .
  210. ^ Cit. Società degli enotecnici italiani, L'Italia vinicola ed agraria , 1935, p. 340.
  211. ^ Francesca Berlinzani, Convivenze etniche, scontri e contatti di culture in Sicilia e Magna Grecia , 2012, p. 100, ISBN 978-88-6458-055-5 .
  212. ^ Siracusa DOC - Atlante dei prodotti tipici - Vini DOP e IGP , su agraria.org . URL consultato il 22 febbraio 2016 ( archiviato il 4 marzo 2016) .
  213. ^ Tullio Dandolo, Studî sul secolo d'Augusto. Libri quattro , 1837, p. 212, SBN IT\ICCU\NAP\0034180 .
  214. ^ Caterina Barilaro, I parchi letterari in Sicilia , 2004, p. 237, ISBN 88-498-0863-1 .
  215. ^ ( EN ) J. Michael Walton, Living Greek theatre: a handbook of classical performance and modern production , 1987, p. 318, ISBN 0-313-24597-5 .
  216. ^ ( EN ) Cristian Bonetto, Gregor Clark e Brendan Sainsbury, Syracuse , in Lonely Planet Southern Italy , 2016, ISBN 1-76034-124-X .
  217. ^ Le grandi stelle del balletto classico al Teatro Greco di Siracusa , su agenziastampaitalia.it . URL consultato il 22 marzo 2015 (archiviato dall' url originale il 2 febbraio 2017) .
  218. ^ Festival Internazionale del Balletto di Siracusa , su festivalballettosiracusa.com . URL consultato il 21 marzo 2015 ( archiviato il 19 dicembre 2014) .
  219. ^ ( EN ) International Siracusa Tango Festival , su tangomarathons.com . URL consultato il 22 marzo 2016 (archiviato dall' url originale il 2 febbraio 2017) .
  220. ^ ( EN ) Siracusa City Marathon , su marathonrunnersdiary.com . URL consultato il 22 marzo 2016 ( archiviato il 24 marzo 2016) .
  221. ^ Sabato parte la Malta-Siracusa. Oltre 60 yachts al via, tra crociera, race e classic , in La Stampa , 10 luglio 2008. URL consultato il 22 marzo 2016 ( archiviato il 20 aprile 2018) .
  222. ^ Panorama , Edizioni 1137-1140, 1988, p. 139; Epoca , 1993, p. 108.
  223. ^ Festa della Musica [ collegamento interrotto ] , su festadellamusica-europea.it . URL consultato il 22 marzo 2016 .
  224. ^ Ares International Film e Media Festival , su aresfestival.it . URL consultato il 22 marzo 2016 (archiviato dall' url originale il 26 marzo 2016) .
  225. ^ Ortigia Film Festival , su adnkronos.com , Adnkronos .com, 11 luglio 2015. URL consultato il 22 marzo 2016 ( archiviato il 2 febbraio 2017) .
  226. ^ Successo per Sudest wine fest a Siracusa , su ansamed.info , ANSAmed .info, 9 settembre 2015. URL consultato il 22 marzo 2016 (archiviato dall' url originale il 4 gennaio 2016) .
  227. ^ http://www.unesco.beniculturali.it Archiviato il 28 settembre 2017 in Internet Archive .. PDF.
  228. ^ Cfr. Turismo e competitività urbana (a cura di L. Ruggiero, Luigi Scrofani), 2011, p. 214.
  229. ^ Confronta con dati Istat.
  230. ^ Ndr i dati sulle percentuali delle circoscrizioni sono aggiornati al 2006, eccetto quelle di Tiche e Ortigia aggiornati al 2016. Cfr. grafico in Ruggiero, Scrofani , p. 215 .
  231. ^ Limone di Siracusa Igp, numeri da record In cinque anni: quadruplicati i volumi di prodotto certificato , su siracusanews.it . URL consultato il 25 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 15 novembre 2016) .
  232. ^ Nustrizionista In Un Click: La Ricerca Lancia L'extravergine Siracusano Archiviato il 24 marzo 2016 in Internet Archive .
  233. ^ Moscato di Siracusa: insieme al Marsala Doc una delle Denominazioni più antiche del territorio siciliano Archiviato il 23 luglio 2014 in Internet Archive .
  234. ^ La Gastronomia in Provincia di Siracusa Pesci Crostacei e Molluschi [ collegamento interrotto ] , su itinerariprovsr.altervista.org .
  235. ^ Regione Siciliana - Dipartimento Trasporti e Comunicazioni ( PDF ), su regione.sicilia.it . URL consultato il 26 novembre 2016 ( archiviato il 27 novembre 2006) . .
  236. ^ Siracusa, l'inesorabile declino del petrolchimico e della manifattura , su ilmattinodisicilia.it . URL consultato il 14 febbraio 2017 ( archiviato il 15 febbraio 2017) . ; La profonda crisi della zona industriale , su libertasicilia.it . URL consultato il 14 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 15 febbraio 2017) .
  237. ^ A Siracusa II forum europeo su potenzialità solare termodinamico , su casaeclima.com . URL consultato il 7 gennaio 2017 (archiviato dall' url originale il 15 febbraio 2017) .
  238. ^ A Siracusa primato mondiale del riciclo del vetro al piombo , in Il Sole 24 ORE . URL consultato il 18 giugno 2018 ( archiviato il 22 giugno 2018) .
  239. ^ Il sistema economico siracusano - oltre la crisi ( PDF ) [ collegamento interrotto ] , su sr.camcom.gov.it . URL consultato il 14 febbraio 2017 .
  240. ^ Fascicolo circolazione , p. 115 .
  241. ^ Ciclovia della Magna Grecia, prima intesa a Roma: in bici da Siracusa a Lagonegro , su www.siracusaoggi.it . URL consultato il 24 aprile 2019 ( archiviato il 24 aprile 2019) .
  242. ^ MAECI, Cerimoniale diplomatico della Repubblica, Consolati di carriera ed onorari esteri in Italia. Roma, 21 novembre 2018 ( PDF ), su esteri.it . URL consultato il 26 novembre 2018 ( archiviato il 4 dicembre 2018) .
  243. ^ Siracusa, "La Grande intesa": 5 consolati per la sottoscrizione del protocollo di cooperazione internazionale , su www.siracusanews.it . URL consultato il 10 novembre 2016 (archiviato dall' url originale l'11 novembre 2016) .
  244. ^ Si allarga al Venezuela “Grande Intesa” della Consulta civica di Siracusa , su www.newsicilia.it . URL consultato il 10 novembre 2016 ( archiviato l'11 novembre 2016) .
  245. ^ Le città di Siracusa e Stoccolma gemellate nel nome della Patrona Santa Lucia Archiviato il 9 aprile 2016 in Internet Archive .
  246. ^ Siracusa e Corinto gemelle nel nome di Archimede , su sicilia.travelnostop.com ( archiviato il 10 marzo 2016) .
  247. ^ Il gemellaggio tra Erchie e Siracusa , su iluoghidisantalucia.it (archiviato dall' url originale il 5 settembre 2010) .
  248. ^ Gemellaggio Siracusa-Hauteville , su www.siracusaoggi.it . URL consultato il 18 novembre 2015 ( archiviato il 19 novembre 2015) . .
  249. ^ Siracusa gemellata con Perugia nel segno della mobilità sostenibile , su www.siracusanews.it . URL consultato il 10 novembre 2016 (archiviato dall' url originale l'11 novembre 2016) . .
  250. ^ Alessandria “sposerà” Siracusa , su ww.lastampa.it . URL consultato il 10 novembre 2016 ( archiviato l'11 novembre 2016) . .
  251. ^ Castellammare - Il Consiglio Comunale sancisce il gemellaggio con la città di Siracusa , su stabiachannel.it . URL consultato il 22 dicembre ( archiviato il 21 dicembre 2020) .
  252. ^ Quando la Fiaccola Olimpica viaggiò a bordo della Amerigo Vespucci Archiviato il 24 dicembre 2016 in Internet Archive .
  253. ^ Trofeo Syracusae. Vince l'Olanda , su www.federnuoto.it . URL consultato il 9 maggio 2020 ( archiviato il 9 giugno 2020) .

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Siracusa .
  • Touring Club Italiano , Sicilia , 1989.
  • E. Kanceff, Centro interuniversitario di ricerche sul Viaggio in Italia,, Siracusa nell'occhio del viaggiatore , 1998.
  • Tesori di Siracusa . Melinda Miceli. Edizioni Edessae 2009
  • Siracusa e provincia . Touring Club Italiano, 1999. ISBN 88-365-1253-4
  • Siracusa Noto Pantalica Akray . Melinda Miceli. Edizioni Edessae 2009
  • Francesco S. Cavallari, Adolf Holm. Topografia archeologica di Siracusa . Città Aperta, 2002. ISBN 88-8137-055-7
  • Siracusa e le meraviglie dell'UNESCO . Melinda Miceli. Edizioni Edessae 2008
  • Marcello Scorciapino. Siracusa e provincia . Città Aperta, 2002. ISBN 88-8137-054-9
  • Pino Di Silvestro. La fuga, la sosta. Caravaggio a Siracusa . Rizzoli, 2002. ISBN 88-17-87056-0
  • Salvatore Adorno. La produzione di uno spazio urbano. Siracusa tra Ottocento e Novecento . Marsilio, 2004. ISBN 88-317-8594-X
  • Alessandro Brandino, Luca Brandino. Siracusa in tasca . Flaccovio Dario, 2004. ISBN 88-7758-559-5
  • Salvatore Adorno. Siracusa 1880-2000. Città, storia, piani . Marisilio, 2005. ISBN 88-317-8760-8
  • Santi Correnti . Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Sicilia . Newton Compton, 2000. ISBN 88-8289-117-8
  • Tesori dell'Ortigia , a cura di E. Mocchetti. Supplemento a Bell'Italia (agosto-settembre). Milano, Giorgio Mondadori, 1994, pp104–105.
  • F. Coarelli, M. Torelli, Sicilia , Guide Archeologiche Laterza, pp. 209–306, Bari 2000. ISBN 88-420-2407-4
  • Siracusa: identità e storia: 1861-1915 di Istituto di studi siracusani, editore A. Lombardi, 1998
  • Memorie patrie per lo ristoro di Siracusa , vol. 1 (Google eBook), di Tommaso Gargallo, Stamperia Reale, 1791
  • L. Ruggiero, Luigi Scrofani (a cura di), Turismo e competitività urbana , FrancoAngeli, 2011, ISBN 978-88-568-3970-8 .
  • Vincenzo Cabianca, Vent'anni di utopia urbanistica a Siracusa , Roma, La Casa del Nespolo, 2013. ISBN 978-88-909062-0-6
  • MA Mastelloni, Cave e materiali utilizzati in alcuni monumenti di Siracusa, in Arquelogía de la Construcción IV, Le cave nel mondo antico: sistemi di sfruttamento e processi produttivi, Conv Int. Padova 22-24/11/2012, Merida 2014, pp. 223–245

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 131280663 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2158 6483 · LCCN ( EN ) n81018794 · GND ( DE ) 4106466-5 · BNF ( FR ) cb11956461n (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n81018794