Espanya

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Espanya (desambiguació) .
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix a "Regne d'Espanya". Si busqueu altres significats, consulteu Regne d’Espanya (desambiguació) .
Espanya
Espanya - Bandera Espanya - Escut d'armes
( detalls ) ( detalls )
( LA ) Plus Ultra
( IT ) Per anar més enllà
Espanya - Localització
Espanya (verd fosc) a la Unió Europea (verd clar)
Dades administratives
Nom complet Regne d’Espanya
Nom oficial Regne d’Espanya
Idiomes oficials Espanyol [1]

Localment: [2]
Basc , gallec , català , dialecte aranès

Altres idiomes Asturià , aragonès i leonès
Capital Escut de Madrid.svg Madrid (3.223.334 hab. / 2018 )
Política
Forma de govern Monarquia parlamentària
rei Felip VI
President del Govern Pedro Sánchez
Independència 20 de gener de 1479 [3]
Proclamació 22 de novembre de 1975 [4]
Entrada a l’ ONU 14 de desembre de 1955
Entrada a la UE 1 de gener de 1986
Superfície
Total 504 645 [5] km² ( 53º )
% d'aigua 1,04%
Població
Total 46.769.864 [6] pop. (05-02-2021) ( 31º )
Densitat 94 habitants / km²
Índex de creixement −0,30% (2019) [7]
Nom dels habitants Espanyols
Geografia
Continent Europa , Àfrica ( Illes Canàries i places de sobirania )
Fronteres Andorra , França , Gibraltar ( Regne Unit ), Portugal , Marroc
Jet lag UTC + 1 (Península i Balears ),
UTC + 2 en horari d'estiu ;
UTC + 0 ( Illes Canàries ),
UTC + 1 en horari d'estiu
Economia
Moneda EUR
PIB (nominal) 1 425 865 $ [8] milions de dòlars (2018) ( 13è )
PIB per càpita (nominal) 30 697 [8] $ (estimació 2018) ( 30º )
PIB ( PPP ) 1 864 419 [8] milions de dòlars (2018) ( 14è )
PIB per càpita ( PPP ) 40 138 [8] $ (estimació 2018) ( 32º )
ISU (2017) 0.891 (molt alt) ( 25º )
Fertilitat 1.4 (2010) [9]
Consum d'energia 0,59 kWh / ab. curs
Diversos
Codis ISO 3166 ES , ESP, 724
TLD .es , .eu
Prefix tel. +34
Autom. I
himne nacional Marcha Real
festa nacional 12 d’octubre
Espanya - Mapa
Evolució històrica
Estat anterior Espanya Estat espanyol

Coordenades : 40 ° 12'N 3 ° 30'O / 40,2 ° N 3,5 ° O 40,2; -3,5

Espanya , oficialment el Regne d’Espanya (en castellà i gallec : Reino de España , en basc : espanyol Erresuma , en dialecte aranès : Regne d’Espanha , en català i valencià : Regne d’Espanya ), és un estat membre de la Unió Unió Europea (a partir de l'1 de gener de 1986 ) i OTAN (a partir de 1982 ).

Organitzada en forma de monarquia parlamentària , Espanya es troba al sud-oest d’ Europa i té una superfície de 505 514 km² , [5] té 47 431 256 habitants (dades del 2020 ) i ocupa el 84,5% del territori de la península Ibèrica , compartit amb Portugal , Andorra i Gibraltar . Limita al nord-est amb França (de la qual està separada per la serralada dels Pirineus ) i Andorra, al sud amb el mar Mediterrani i Gibraltar (una petita possessió del Regne Unit ), a l'oest amb Portugal i el Marroc ( a través de les ciutats autònomes de Ceuta i Melilla , els seus exclaves ). Té disputes amb Portugal per la ciutat d' Olivere i per a les illes Selvagge , situada entre Madeira i Canàries , amb el Regne Unit per Gibraltar i amb el Marroc per Ceuta i Melilla. Finalment, l’exclau de Llívia pertany a Espanya, així com a l’ illa dels Faisans al riu Bidasoa (a la mateixa zona que França).

Des de 1561 , excepte un breu període comprès entre 1601 i 1606 , la capital és Madrid , que amb més de tres milions d'habitants (uns sis milions a l'àrea metropolitana) és també la ciutat més poblada. La llengua oficial de l’estat és el castellà [1] . A nivell local, el català , el valencià , l’ aranès ( dialecte gascó de l’ occità ) en una vall de Catalunya , gallec i basc , gaudeixen d’un estatus de cooficialitat, garantit per la Constitució espanyola i les legislacions autonòmiques als seus respectius territoris de difusió. a les comunitats autònomes. Fins i tot l’ asturià , el lleonès i l’ aragonès , tot i que no gaudeixen, respectivament, a Astúries , Castella i Lleó i Aragó d’ un règim de cooficialisme amb els espanyols, són objecte d’una protecció particular per part de les autoritats locals. La resta d’idiomes parlats al país no tenen reconeixement oficial.

En algunes fases importants de la història europea, Espanya ha tingut un paper important, com en el període de la Reconquista , en què els regnes cristians de les regions internes de la península Ibèrica han rebutjat progressivament del territori l’ocupant àrab-berber que, establert amb el califat i amb les següents dinasties, havia estat present al sud d’Ibèria des del segle VIII dC, fins a la seva sortida definitiva el 1492, per Ferran d’Aragó i Isabel de Castella .

Des de principis del segle XVI fins a la segona dècada del segle XIX aproximadament, la monarquia espanyola va estar al capdavant d’un vast imperi colonial que abastava els cinc continents. Diminuït dràsticament en grandària i població, aquest imperi, no obstant això, va aconseguir sobreviure fins a finals del segle XIX ( guerra hispanoamericana ) i més enllà. Entre el 1808 i el 1812, la victoriosa rebel·lió del poble espanyol contra Joseph Bonaparte , que Napoleó havia instal·lat al tron ​​d’Espanya per annexionar la península Ibèrica, va establir les bases del lent renaixement i modernització d’Espanya, que es va completar amb el país. entrada a la Comunitat Europea el 1986.

Etimologia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Espanya (etimologia del nom) .

El nom d’ Espanya deriva del llatí Hispania , terme utilitzat pels romans des del segle III aC per indicar tota la península Ibèrica i totes les províncies, constituïdes per ells, que posteriorment la conformaran. Aquest terme es va anar imposant a poc a poc al grec d’ Ibèria , que va passar a tenir (i té) connotacions purament geogràfiques. Tanmateix, atès que la paraula Hispània no cap arrel que es pugui relacionar amb el llatí antic o amb l’ indoeuropeu , s’han especulat molt sobre els seus possibles orígens, que han donat lloc a nombroses hipòtesis.

Hipòtesi fenícia

No només és el més estès, sinó que també és el que històricament sembla tenir el fonament més gran. Segons aquesta hipòtesi, l'etimologia d' Hispània podria derivar:

  • el terme sf (a) No, probablement conill , ja que la paraula fenici i-shphhanim significa literalment un teixó de roca . Una altra versió d'aquesta mateixa etimologia seria hi-shphanim , illa de conill o, de nou, els cucs de roca ;
  • de l’ extensió de l’arrel fenícia, el significat de la qual és oculta . Probablement, aquest terme significava un territori remot i inaccessible per a una població de navegants com el fenici;
  • de la paraula i-span-ya , costa o illa de ferrers o forges (de metalls) , que troba la seva raó de ser de la intensa activitat minera i metal·lúrgica de les costes andaluses a l’època en què els fenicis van arribar a Espanya. Recordem al respecte que la riquesa del subsòl andalús va ser un dels motius pels quals van establir les seves primeres i més importants colònies a l’extrem sud de la península; [10]
  • del terme fenici traduïble com a nord , ja que la península espanyola es troba al nord del continent africà, la terra d’origen del púnic: per tant, tindríem i-span-ia , illa del nord .

Hipòtesi grega

Hi ha dues conjectures principals sobre una possible derivació d' Hispània del grec antic :

  • d’ esperos , nom de la primera estrella que van poder veure a l’ oest després del crepuscle . El fonema podria haver sofert una mutació, arribant a la paraula Hispània ;
  • pel déu Pan .

Hipòtesi indígena

Es basa en les següents etimologies:

  • del terme ibero de hispalis , oest, que després passà a designar la ciutat de Sevilla , que en època romana donava, segons els partidaris d’aquesta hipòtesi, el seu nom a tota la península;
  • del basc Ezpaina , llavi , però també vora, vora o, més probablement, Izpania , l'arrel iz del qual entra en la composició d'alguns substantius, entre els quals dividir .

Bandera

L’escut de la bandera.
Icona de la lupa mgx2.svg Mateix tema en detall: bandera espanyola .

La bandera espanyola fou encarregada pel rei Carles III el 1785 . Està format per dues franges horitzontals vermelles i una de gran groga. A l'interior es pot veure l' escut nacional, format per l'addició dels escuts de Castella (un castell daurat sobre fons vermell), Lleó (un lleó violeta rampant ), Aragó (quatre franges verticals vermelles sobre un fons daurat) , Navarra (cadenes daurades sobre fons vermell) i Granada ( magrana de fulles verdes), sota una corona reial i entre els dos pilars d’Hèrcules (que representen l’ estret de Gibraltar ) amb el distintiu Plus Ultra , en referència a l’ imperial espanyol expansió . El símbol de la família Borbó també es pot veure al centre de la bandera.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història d’Espanya .

Els primers registres escrits de la península Ibèrica la donen com una terra poblada en gran part pels ibers , els bascos i els celtes . Després d’una difícil conquesta, la península va caure sota el domini de Roma . Durant l’ edat mitjana va quedar sota domini germànic, però més tard va ser conquerida envaint moriscos del nord d’Àfrica . En un procés que va durar segles, els petits regnes cristians del nord van recuperar gradualment el control de la península. L’últim regne morisc va caure el mateix any que Cristòfor Colom va arribar a les Amèriques (1492). En aquesta època va començar un imperi mundial que va fer que Espanya es convertís en una potència líder del món durant un segle.

Les contínues guerres i altres problemes van provocar la decadència gradual del poder de l'Imperi espanyol . La invasió napoleònica d’Espanya va portar la nació al caos, provocant moviments independentistes que van devastar la major part de l’imperi i van deixar el país políticament inestable. Abans de la Segona Guerra Mundial , Espanya va patir una devastadora guerra civil que va provocar l’establiment d’un govern autoritari, que va coincidir amb un període d’ estancament però que va acabar amb un fort impuls econòmic. La democràcia es va restablir pacíficament en forma de monarquia constitucional parlamentària . El 1986, Espanya va ingressar a la Unió Europea , experimentant un renaixement cultural i un creixement econòmic constant.

Prehistòria i pobles preromans

Les investigacions arqueològiques realitzades a Atapuerca indiquen que la península Ibèrica havia estat poblada per homínids ja fa 1,2 milions d’anys. [11] Els humans moderns van arribar a Ibèria, des del nord a peu, fa uns 32.000 anys. [12] Els artefactes més coneguts d'aquests assentaments prehistòrics són les famoses pintures rupestres d'Altamira a Cantàbria que van ser realitzades al voltant del 15.000 aC per l' home de Cro-Magnon .

Les evidències arqueològiques i genètiques suggereixen que la península Ibèrica va servir com un dels principals territoris des d’on va començar la repoblació del nord d’Europa després de la fi de l’última era glacial .

Els dos principals pobles històrics de la península eren els ibers i els celtes . Els ibers es van establir al vessant mediterrani de nord-est a sud-est. Els celtes van habitar l' Atlàntic , al nord, al centre, al nord-oest i al sud-oest de la península. Els bascos van ocupar la part occidental de la serralada dels Pirineus i les zones adjacents.

Entre el 500 aC i el 300 aC, els mariners fenicis i grecs van fundar colònies comercials al llarg de la costa mediterrània. Els cartaginesos van exercir breument el control sobre gran part del vessant mediterrani de la península, fins que van ser derrotats en les guerres púniques pels romans. [13]

Espanya gòtica i romana

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: l’Espanya romana .

Durant la Segona Guerra Púnica , l'expansió de la República Romana va provocar la captura d'algunes colònies comercials cartagineses al llarg de la costa mediterrània. Tot i això, els romans van trigar gairebé dos segles a completar la conquesta de la península Ibèrica. El domini romà va portar la llengua, la llei i els carrers . [14]

Les cultures de les poblacions celtes i ibèriques es van anar romanitzant progressivament. Els comandants locals van ser admesos a la classe aristocràtica romana. Espanya produïa grans quantitats de cereals per al mercat romà i s’exportava or , llana , oli d’oliva i vi des dels seus ports. La producció agrícola va augmentar amb la introducció del reg. Els emperadors Trajà , Adriano , Teodosi I i el filòsof Sèneca van néixer a Espanya. El cristianisme es va introduir al país al segle I i es va popularitzar progressivament.

El debilitament de l' Imperi Romà d'Occident a Espanya va començar el 409, quan els suevos i els vàndals , juntament amb els alans , van creuar el Rin i van devastar la Gàl·lia només per ser empesos a Espanya pels visigots . Els suevos van establir un regne on avui hi ha la moderna Galícia i el nord de Portugal .

Els vàndals Silingi van ocupar la regió el nom del qual encara recorda la seva denominació: Vandalusia, Andalusia moderna. Els bizantins van establir una mena d' enclavament al sud del país, amb la intenció de reviure l'Imperi romà a tota Ibèria. Finalment, però, Espanya es va reunir sota el domini visigòtic .

Espanya musulmana

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: al-Andalus .

Al segle VIII quasi tota la península Ibèrica va ser conquerida pels exèrcits musulmans , la majoria àrabs del nord d'Àfrica. Aquestes conquestes van formar part de l'expansió de l' imperi Omeia . Només una petita zona muntanyosa al nord-oest de la península va aconseguir resistir la invasió inicial.

Segons la legislació islàmica, cristians i jueus rebien la condició de dhimmi subordinat. Això va permetre a cristians i jueus practicar la seva religió, pregària i fe sense ser discriminats. [15] [16]

La conversió a l' islam va continuar a un ritme constant. Es creu que els muladies (musulmans d'origen ètnic ibèric) formaven la majoria de la població a finals del segle X. [17] [18]

La Giralda , el campanar de la catedral de Sevilla .

Còrdova era la capital del califat i era la ciutat més gran i rica d'Europa occidental . El comerç a la Mediterrània va afavorir l'intercanvi cultural i la rica tradició intel·lectual musulmana va infectar una gran part dels intel·lectuals europeus.

Caiguda dels musulmans i Reconquista

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Reconquista .

La Reconquista ("Reconquesta") va ser un període, que va durar 750 anys, en què es va produir l'expansió, en detriment dels regnes moriscos per part dels governants cristians d'Espanya. L'inici de la Reconquesta coincideix amb la batalla de Covadonga el 722 . La victòria cristiana va conduir a la creació del Regne d'Astúries al llarg de les muntanyes de la costa nord-oest. Poc després, el 739, les forces musulmanes van ser expulsades de Galícia, que per als cristians representava un dels llocs més sagrats amb la presència del santuari de Santiago de Compostel·la . Els exèrcits musulmans es van traslladar al nord dels Pirineus, però van ser derrotats per les forces franques a la batalla de Poitiers . Més tard, les forces franques van establir comtats cristians al vessant sud dels Pirineus . Aquestes zones van veure sorgir els regnes de Navarra i Aragó i del comtat de Barcelona . [19] Durant molts segles, la frontera flotant entre zones musulmanes i cristianes es va estendre al llarg de les valls de l' Ebre i Duero .

La presa de la ciutat estratègica de Toledo el 1085 va suposar un canvi significatiu en el balanç de poder a favor dels regnes cristians.

Als segles XIII i XIV , la secta musulmana marínida del nord d’Àfrica va envair i va establir alguns enclavaments a la costa sud, però no va aconseguir restablir el domini musulmà a Ibèria i aviat va ser expulsada. El segle XIII també va veure l’intent de la Corona d’Aragó d’estendre la seva influència a les illes del Mediterrani, Sicília i fins i tot Atenes . [20] Durant aquest període es van establir les universitats de Palència (1212/1263) i la universitat de Salamanca (1218/1254). La Pesta Negra de 1348 i 1349 va devastar Espanya. [21]

El 1469 , les corones dels regnes cristians de Castella i Aragó es van reunir pel matrimoni d’ Isabel I de Castella i Ferran II d’Aragó . Es va iniciar la finalització de la conquesta de Canàries i el 1492, les forces de Castella i Aragó van prendre l’ emirat de Granada , tancant l’últim bastió de 781 anys de presència de dominació islàmica a Ibèria. El tractat de Granada garantia la tolerància religiosa cap als musulmans. [22] L'any 1492 també va marcar l'arribada de Cristòfor Colom al Nou Món , gràcies a un viatge finançat per Isabella. Aquell mateix any, a Espanya, es va ordenar als jueus que es convertissin al catolicisme , amb l'expulsió dels territoris espanyols o fins i tot la mort durant la Inquisició espanyola . [23] Uns anys més tard, després dels disturbis socials, els musulmans van ser expulsats en les mateixes condicions. [24]

Espanya imperial

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Imperi espanyol .
Influència històrica de l'Imperi espanyol.

La unificació de les corones d’Aragó i Castella va establir les bases de l’Espanya moderna i de l’ imperi espanyol . [25] Així, Espanya va ser una potència europea indiscutible al llarg del segle XVI i durant la major part del XVII , gràcies al comerç i a les possessions colonials. En aquests anys Espanya va participar en nombrosos esdeveniments bèl·lics, incloses les guerres d'Itàlia , la revolta dels Comuneros , l'anomenada " Revolta dels captaires ", la revolta dels moriscs i la guerra anglo-espanyola . [26]

També va ser un període de gran ferment cultural, gràcies a l'obertura de noves rutes, l'exploració del món i els intercanvis comercials, Espanya va viure l'anomenada "edat d'or". Les activitats culturals van tenir el seu epicentre a la Universitat de Salamanca .

En el camp religiós el 1534 la Companyia de Jesús va ser fundada per Ignasi de Loyola , autor dels Exercicis espirituals .

A la segona meitat del segle XVII , Espanya va patir un descens relatiu gradual. Tot i algunes petites pèrdues de territori a França, va mantenir el seu vast imperi d'ultramar fins a principis del segle XIX .

La decadència va culminar amb la Guerra de Successió espanyola que va donar lloc a un conflicte internacional i una guerra civil importants , que van marginar Espanya de les principals potències mundials.

Durant aquesta guerra, una nova dinastia originària de França, els Borbons , van assumir el poder, abolint molts dels antics privilegis i lleis regionals. [27]

El segle XVIII va experimentar una recuperació gradual i va augmentar la prosperitat a gran part de l'imperi. La monarquia borbònica va fer moltes obres de modernització, a l’estil del sistema francès, pel que fa a la gestió administrativa i econòmica. Les idees de la Il·lustració van començar a guanyar espai entre algunes de les elits del regne i la monarquia .

El domini napoleònic i les seves conseqüències

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Restauració espanyola i guerres d’independència hispanoamericanes .
3 de maig de 1808 , pintura de Goya que representa la repressió dels revolucionaris espanyols per part de les tropes franceses

El 1793 , Espanya va entrar en guerra contra la nova República Francesa , que havia enderrocat i executat el seu rei borbònic , Lluís XVI . Derrotada sobre el terreny, la pau es va signar el 1795 i Espanya es va convertir en un estat client de França. El 1807, el tractat secret de Fontainebleau entre Napoleó i Manuel Godoy va ser profundament impopular i va provocar una declaració de guerra contra Gran Bretanya i Portugal . Les tropes franceses van entrar al regne indiscutiblement, amb l’excusa d’envair Portugal, van ocupar les fortaleses espanyoles, cosa que va provocar l’abdicació del rei espanyol a favor del germà de Napoleó, Giuseppe Bonaparte .

Aquest monarca estrella de titelles era considerat pels espanyols amb menyspreu. La revolta del 2 de maig va ser una de les moltes revoltes nacionalistes contra el règim bonapartista a tot el país. [28] Aquests aixecaments van marcar l'inici de la Guerra d'Independència espanyola . [29] Napoleó es va veure obligat a intervenir personalment, derrotant diversos exèrcits espanyols, que patien una organització ineficient i que van haver de xocar fins i tot amb els anglesos més organitzats, aliats dels revolucionaris. No obstant això, a causa del poder britànic i la desastrosa campanya russa , el 1814 l'exèrcit francès va ser expulsat i el rei Ferran VII va tornar al tron. [30]

Les invasions franceses van devastar l' economia i van deixar Espanya sotmesa a una greu inestabilitat política. Les lluites pel poder del segle XIX van provocar la pèrdua de totes les colònies americanes, excepte Cuba i Puerto Rico .

Guerra Hispanoamericana

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Guerra hispanoamericana .
El vaixell espanyol Cristóbal Colón , destruït durant la batalla de Santiago de Cuba , el 3 de juliol de 1898 .

A causa de la inestabilitat política i la crisi econòmica que va afectar Espanya al segle XIX , van sorgir moviments nacionalistes a Filipines i Cuba , en aquell moment sota control espanyol. Aquests moviments van provocar guerres d’independència que també van implicar els Estats Units . Tot i els esforços dels diversos departaments militars, l'exèrcit espanyol estava mal gestionat als nivells més alts i això va provocar la derrota a la guerra hispanoamericana . Aquesta guerra es va resoldre amb el tractat de París de 1898 en què Cuba va obtenir la independència i Espanya es va veure obligada a cedir Filipines, Guam i Puerto Rico als Estats Units per la suma de 20 milions de dòlars .

La derrota militar (anomenada El desastre ) va ajudar a donar impuls a la Generació del 98 , un grup d'intel·lectuals espanyols que va fer una anàlisi molt crítica de la situació al país.

Guerra Civil espanyola

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Guerra Civil espanyola .

El començament del segle XX va portar certa pau a Espanya, que va participar, encara que sense grans ambicions, en la carrera de les potències europees per colonitzar el continent africà : el Sàhara Occidental , una part del Marroc i Guinea es van convertir en colònies espanyoles. Les fortes pèrdues sofertes durant la guerra del Rif al Marroc van contribuir a minar el prestigi de la monarquia. Un període del règim autoritari del general Miguel Primo de Rivera (1923-1930) va acabar amb la instauració de laSegona República espanyola , que oferia autonomia política al País Basc, Catalunya, Galícia i estenia el dret a vot a les dones.

El juliol de 1936 va començar la guerra civil espanyola , gràcies a les forces nacionalistes hostils a la República, encapçalades pel general Francisco Franco , que va sortir victoriós gràcies també al suport de l’Alemanya nazi i la Itàlia feixista .

La guerra civile durò tre anni e causò la morte di oltre mezzo milione di persone [31] e l' emigrazione di circa 500.000 cittadini, la maggior parte dei loro discendenti vive oggi nei paesi dell' America latina , di cui se ne contano circa 300.000 nella sola Argentina . [32]

Francisco Franco e il presidente statunitense Eisenhower , Madrid, 1959.

Spagna durante il Franchismo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Franchismo .

La Spagna di Franco si dichiarò neutrale durante la seconda guerra mondiale , ma mantenne un rapporto di sintonia con le potenze dell'Asse . L'unico partito legale sotto il regime franchista fu la Falange Española Tradicionalista y de las Juntas de Ofensiva Nacional Sindicalista , formatosi nel 1937. Il partito era dichiaratamente anticomunista , cattolico e nazionalista . Più tardi il partito fu ribattezzato in Movimiento Nacional .

Nel dopoguerra la Spagna era un paese politicamente ed economicamente marginale e fuori dalle Nazioni Unite . La situazione mutò nel 1955 , durante il periodo della guerra fredda , quando divenne strategicamente importante per gli Stati Uniti stabilire una presenza militare nella penisola iberica, come contenimento per un eventuale mossa dell' URSS nel bacino del Mediterraneo.

Nel corso del decennio successivo furono forniti al paese aiuti finanziari di una certa consistenza che, unitamente all'impetuoso sviluppo turistico, in particolare di numerose aree costiere, contribuirono ad assicurare alla Spagna tassi di crescita economica sempre più sostenuti che diedero un forte impulso alla modernizzazione del Paese. Avvenne il "miracolo spagnolo".

Alla morte di Franco, avvenuta nel novembre 1975, Juan Carlos divenne re di Spagna e capo di Stato, in conformità con la legge.

Spagna dopo Franco

Il nuovo re virò verso una transizione democratica e con l'approvazione della nuova Costituzione spagnola del 1978 e l'arrivo della democrazia , lo Stato ha devoluto alcune autorità alle regioni creando una organizzazione interna basata sulle comunità autonome .

Nei Paesi Baschi , il nazionalismo moderato basco ha convissuto con un movimento radicale nazionalista guidato dall'organizzazione armata ETA . Il gruppo si è formato nel 1959 durante il regime di Franco, ma ha continuato a condurre la sua campagna violenta anche dopo il ripristino della democrazia e il ritorno ad un ampio grado di autonomia regionale.

Il 23 febbraio 1981 , elementi ribelli tra le forze di sicurezza hanno tentato un colpo di Stato nel tentativo di imporre un governo militare. Re Juan Carlos ha preso personalmente il comando delle forze armate e con successo ha portato i golpisti alla resa.

Il 30 maggio 1982 , la Spagna ha aderito alla NATO e nello stesso anno il PSOE è salito al potere. Sempre nel 1982 si sono tenuti in Spagna i Mondiali di calcio FIFA , che hanno contribuito a far riscoprire il Paese al Mondo, dopo gli anni di dittatura e di transizione alla democrazia .

Nel 1986 la Spagna ha aderito alla Comunità europea ; nello stesso anno, a seguito di un referendum , il paese ha confermato la sua appartenenza alla NATO.

Anche le Olimpiadi di Barcellona e la EXPO di Siviglia, tenutesi nel 1992 , hanno sortito un benefico effetto per la ripresa del turismo e per far conoscere il modello di vita ei costumi della nuova Spagna.

Spagna nel XXI secolo

Euro, valuta ufficiale in Spagna dal 2002

Come si è già accennato, a partire dagli anni sessanta del Novecento la Spagna ha vissuto un'epoca di grande sviluppo economico, con tassi di crescita nettamente superiori alla media europea. Tale sviluppo continuò anche dopo il 1º gennaio 2002 allorquando il Paese adottò l'euro (che condivide con altri 18 Paesi della zona euro ) in sostituzione della peseta ed ebbe termine solo con la grande crisi economica iniziata nel 2008 . [33]

L'11 marzo 2004 , un attentato terroristico colpì alcuni treni pendolari di Madrid. Dopo un processo durato cinque mesi, si è concluso che gli attentati sono stati perpetrati da un locale gruppo militante islamico ispirato da al-Qaida . [34] Gli attentati uccisero 191 persone e portarono al ferimento di più di 1800. Si è ipotizzato da taluni che l'intenzione degli autori fosse rivolto ad influenzare l'esito delle elezioni generali del 2004 avvenute tre giorni dopo, [35] che portarono alla vittoria del PSOE , guidato da José Luis Rodríguez Zapatero . [36]

Durante il governo Zapatero la Spagna divenne il terzo paese al mondo, dopo Paesi Bassi e Belgio , a legalizzare il matrimonio omosessuale (con adozioni) il 30 giugno 2005 .

Nel 2014 dopo 39 anni di regno re Juan Carlos ha abdicato in favore del figlio, divenuto re con il nome di Felipe VI.

Geografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Spagna .

La Spagna è una nazione dell' Europa sud -occidentale, che comprende circa l'85% della penisola iberica . L'area totale è di 504.782 km² , dei quali 499.542 km² sono di terra e 5.340 di acque.

La Spagna ha un altopiano chiamato Meseta che si estende per circa 400.000 km 2 . Esso è circondato da varie catene montuose: la Cordigliera Cantabrica a nord, i Pirenei a nord-est che separano la Spagna dalla Francia e le cui cime superano i 3000 metri, il Sistema Centrale nel centro, il Sistema Betico e la Sierra Morena a sud, ad est il Sistema Iberico. La montagna più alta della Spagna continentale è quella del Sistema Betico: il Mulhacén con i suoi 3482 m di altezza.

La pianura più estesa è la Depressione Betica in Andalusia, e tutte si trovano lungo la linea costiera che si estende per 4000 km

Panorama in Castiglia-La Mancia .

I confini della Spagna sono formati per il 72% (4.964 km ) dal mare e per il 28% (1.917 km) da terra. Il Mare di Cantabria ( Golfo di Biscaglia ) si trova a nord, il Mar Mediterraneo e il Mare delle Baleari a sud e sud-est, il Portogallo e l' Oceano Atlantico a ovest e la Francia e Andorra a nord-est, lungo i Monti Pirenei . La costa mediterranea si estende per 1.660 km, mentre quella atlantica per 710 km. I Pirenei si estendono per 435 km dal Mar Mediterraneo al Golfo di Biscaglia . Nell'estremo sud della Spagna si trova lo stretto di Gibilterra , che separa la Spagna e il resto dell' Europa dal Marocco , nel Nord Africa . Il Teide con i suoi 3718 metri sul livello del mare (ei circa 7.000 metri sopra la piattaforma oceanica) è la vetta più alta di Spagna e la cima più alta di tutto l' Atlantico . È il terzo più grande vulcano del mondo dalla sua base. [37]

Al largo della penisola iberica ci sono diverse altre zone spagnole: le Isole Baleari nel Mar Mediterraneo, le Isole Canarie a sud-ovest, a circa 108 km a nord-ovest dell' Africa ; ci sono inoltre altre cinque terre di sovranità spagnola ( plazas de soberanía ) sulla costa del Marocco : Ceuta , Melilla , Isole Chafarinas , Peñón de Alhucemas e Peñón de Vélez de la Gomera .

Panorama della Sierra Norte , nei pressi di Madrid.

Morfologia

Mappa geografica della Spagna.

La forma del territorio spagnolo è tozza e poco articolata. Possiamo distinguervi tre regioni geografiche:

  1. L' altopiano centrale della Meseta : È di antica formazione ed occupa buona parte dell'area centrale del Paese. È diviso in due parti. È attraversato da catene montuose ed è delimitato a Est dai Monti Iberici e dalla Sierra Morena a Sud. Nel cuore di questa zona è presente la capitale Madrid
  2. Le catene settentrionali: sono costituite dai Pirenei e dalla Cordigliera Cantabrica che corre lungo la costa. La catena dei Pirenei è giovane, mentre i Monti Cantabrici sono più antichi.
  3. Il Sistema Betico , a Sud: è formato da una serie di catene montuose, tra le quali la Sierra Nevada (Mulhacén). Le pianure, poco estese, sono sulle sottili fasce costiere.
Pirenei centrali. Panorama dal Pic du Midi de Bigorre
Vista del Teide , sull'isola di Tenerife . È la vetta più alta di Spagna

Catene montuose

Pianure

Vulcani

Isole

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Isole della Spagna .

Le isole principali sono raggruppate in due arcipelaghi: le Isole Baleari e le Isole Canarie . Le Baleari sono situate nel Mediterraneo, non lontano dalle coste della Comunità Valenzana e sono composte da quattro isole principali, Maiorca , Minorca , Ibiza e Formentera . Le Canarie invece sono situate nell' Atlantico , al largo del Marocco meridionale ea oltre 1000 km a sud-ovest della penisola iberica . Geograficamente appartengono al continente africano . Sono Gran Canaria , Lanzarote , Fuerteventura , Tenerife , La Palma , La Gomera ed infine El Hierro . Ci sono poi altre isole minori, molto più piccole, come le Isole Cíes .

La Graciosa , piccola isola dell'arcipelago delle Canarie .
La Spagna ha uno sviluppo costiero di 4000 km. La costa atlantica nei Paesi Baschi , caratterizzata da paesaggi verdi, scogliere e vento forte

Idrografia

Fiumi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fiumi della Spagna .

I fiumi sono numerosi ma hanno un regime torrentizio, che ne limita lo sfruttamento come vie di comunicazione.

La maggior parte dei fiumi iberici di grande portata si dirige verso l'Atlantico, ad eccezione dell' Ebro [38] , al quale si aggiungono il Turia , lo Júcar e il Segura che sfociano nel Mar Mediterraneo. Procedendo da nord verso sud gli altri fiumi principali che sfociano nell'Atlantico sono il Duero , il Tago , il Guadiana e il Guadalquivir , che attraversa la depressione andalusa e raccoglie le acque della Sierra Nevada e di parte della Sierra Morena ed è forse il fiume importante a livello economico per la sua regolarità di portata idrica e le condizioni climatiche del suo bacino. [38]

Laghi

In Spagna non esistono laghi naturali di grandi dimensioni, bensì numerosi bacini artificiali, destinati ad assicurare il fabbisogno energetico ed idrico di zone più o meno ampie del paese. In spagnolo vengono definiti pantanos , o embalses (di particolare importanza gli embalses di Alcántara , di Torrejón e di Valdecañas sul Tago , e quello di Mequinenza , sull' Ebro ).

Coste

A parte i confini con Francia , Andorra , Gibilterra e Portogallo , la Spagna nel territorio rimanente è completamente circondata dal mare, precisamente dall' Oceano Atlantico a nord, nord-ovest ed un piccolo tratto del sud-ovest, nonché dal Mar Mediterraneo a est, sud-est e sud fino alle Colonne d'Ercole . Alla penisola iberica vanno aggiunte le Canarie , completamente nell'Atlantico e le Baleari , completamente situate nel Mediterraneo.

Per l'enorme lunghezza delle sue coste e la notevole diversità di posizione fra di esse, la Spagna presenta tratti litorali diversissimi. La costa atlantica, chiamata nel tratto più orientale Mar Cantabrico (che è a sua volta parte del Golfo di Biscaglia ), è caratterizzata da suggestive baie alternate da scogliere suggestive lavorate dal forte vento oceanico e dalle numerose piogge. Soprattutto nella parte più occidentale la costa è frastagliata ed incisa da strette e lunghe insenature, chiamate ría , tipiche della Galizia , incastonate in tratti scoglieri molto impervi, fra tutti la celebre Costa della Morte .

Completamente diversa è la costa mediterranea, molto più dolce e poco frastagliata, con eccezione del golfo di Valencia e dell'area deltizia dell' Ebro e di alcuni promontori, anche se presenta comunque tratti scoglierosi, e soprattutto dal clima molto più mite e adatto al turismo di balneazione. Si affacciano sulla costa mediterranea numerose città famose come Barcellona , Valencia e Malaga , oltre a località spiccatamente balneari come Lloret de Mar o Tarifa . Viene divisa geograficamente in più parti: la più settentrionale è la Costa Brava , che si estende dal confine francese fino a Barcellona ; la Costa Daurada si estende dal capoluogo catalano fino alle foci dell' Ebro ; la Costa del Azahar fino a Dénia (esclusa) includendo pertanto la quasi totalità del Golfo di Valencia ; la Costa Blanca fino a Cabo de Gata ; ed infine la Costa del Sol che bagna tutta la Spagna meridionale fino allo stretto di Gibilterra . La costa mediterranea, dato il suo maggiore richiamo turistico, è stata meno preservata di quella Atlantica e ha conosciuto notevoli abusi edilizi.

Clima

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Clima spagnolo .
Zone climatiche.

Tre zone climatiche principali possono essere individuate in Spagna, in base alla posizione geografica e alle condizioni orografiche: [39] [40] [41]

  • Il clima mediterraneo , caratterizzato da estati secche e calde. Secondo la classificazione climatica Köppen , è dominante nella penisola, con due varietà: Csa e Csb.
  • Il clima steppico (Bsh, Bsk), si trova nella parte sud-est del paese, soprattutto nella regione di Murcia e nella valle dell' Ebro . In contrasto con il clima mediterraneo, la stagione secca si estende oltre l'estate.
  • Il clima oceanico (Cfb), che si trova nella parte nord del paese, soprattutto nella regione dei Paesi Baschi, Asturie, Cantabria e in parte in Galizia. In contrasto con il clima mediterraneo, le temperature invernali ed estive sono influenzate dal mare e non presentano la siccità stagionale.

Oltre a questi tipi principali, si possono trovare altri sotto-tipi, come il clima alpino dei Pirenei e in Sierra Nevada , e un tipico clima subtropicale nelle Isole Canarie .

Costa mediterranea vicino ad Alicante , con spiagge lunghe e intenso sfruttamento turistico

Popolazione

Demografia

Andamento della popolazione della Spagna dal 1900 al 2005
Distribuzione geografica della popolazione.

La conformazione del territorio condiziona una distribuzione non equilibrata della popolazione: sulle coste, lungo le valli dei fiumi e nelle zone economicamente più progredite, in cui sono sviluppate l' agricoltura e le industrie, la densità supera i 300 abitanti per km². In molte aree della Meseta , invece, la densità è al di sotto dei 29 ab. per km². La popolazione urbana (77%) è costantemente in crescita.

La popolazione totale della Spagna era, secondo le stime dell'anno 2011, di 47.025.000 abitanti, con una densità media di 93 abitanti per km², suddivisa nelle varie comunità autonome che fanno parte del Regno.

Il fenomeno dell' urbanizzazione è abbastanza recente, ed oggi il 70% degli spagnoli vive nelle città , molte delle quali si sono sviluppate in modo non organico e con problemi, talvolta gravi, di inquinamento .

Il territorio del Paese è diviso in comunità autonome che, in considerazione della diversa storia, godono di una notevole autonomia.

La Spagna è il 2º paese europeo con la maggior concentrazione di avvocati, con una media nazionale di 5,5 avvocati ogni 1000 abitanti. [42]

Popolazione delle isole

Monte Teide sull'isola di Tenerife .

Etnie

La popolazione è costituita in gran parte da spagnoli appartenenti a diversi gruppi etnico-linguistici ( castigliani , catalano - valenciani , galiziani , Baschi , etc) e da una minoranza di stranieri che, agli inizi del 2008 , rappresentava oltre l'11% della popolazione nazionale: 5,2 milioni su 46 milioni circa. [43] Le comunità autonome dov'è più consistente la presenza di collettività straniere sono la Catalogna , con oltre un milione di unità, Madrid , con quasi un milione e la Comunità Valenzana , con circa 800.000. Notevole è la presenza di immigrati dell' Europa orientale (soprattutto romeni , che attualmente rappresentano la comunità allogena più numerosa del Paese), nordafricani , molti dei quali clandestini (impiegati soprattutto nelle aziende agricole della Spagna meridionale), e latino-americani . Negli ultimi anni tuttavia, complice la crisi e la disoccupazione diffusa, i saldi immigratori hanno registrato un saldo negativo rispetto agli anni precedenti e sempre più stranieri, soprattutto nordafricani e sudamericani, non richiedono il rinnovo del visto di soggiorno preferendo tornare nei paesi d'origine o spostarsi in altri stati europei.

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religioni in Spagna .

Il cristianesimo , nella confessione Cattolica, è la principale religione della Spagna.

Secondo lo studio condotto da Pew Forum (2010) la statistica riguardo all'affiliazione religiosa in Spagna è la seguente:

75.2% cattolici

2.1% musulmani

2.0% ortodossi

1.0% protestanti

0.5% altri cristiani

0.2% altre religioni

19.0% non affiliati

Lingue

     Spagnolo , parlato su tutto il territorio

     Catalano , co-ufficiale

     Basco , co-ufficiale

     Galiziana , co-ufficiale

     Occitano , co-ufficiale

     Asturiano-leonese

     Aragonese

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingue della Spagna , Lingue ibero-romanze e Lingua basca .

Il nucleo dell'area linguistica centrale spagnola è il castigliano. Il leonese e l'aragonese sono zone di passaggio fra il castigliano e il galiziano e fra il castigliano e il catalano. La delimitazione geografica dello spagnolo rispetto a queste lingue viene intrapresa in generale secondo un criterio storico-linguistico, ossia la dittongazione delle vocali brevi latine è e ó (dente-diente/porta-puerta) . Il leonese e l'aragonese si distinguono dal castigliano per la conservazione della – f latina (forno-horno).

Storicamente la suddivisione in aree linguistica della Penisola Iberica si riconduce, non tanto alla latinizzazione dell'impero Romano, ma all'epoca della Reconquista: lo sviluppo linguistico latino-romanzo fu interrotto nell'VIII secolo, quando un esercito invasore arabo-islamico proveniente dal Nord Africa, conquistò quasi l'intera penisola. Nei 7 secoli successivi la storia della Spagna fu segnata da alleanze e scontri fra i mori e gli ispanici. Il conflitto si riassume con il termine “Reconquista”. La Reconquista è il periodo di 750 anni in cui avviene la riconquista dei regni moreschi-musulmani di Al-Andalus della Penisola Iberica da parte dei sovrani cattolici, che culminò il 2 gennaio 1492 quando Ferdinando e Isabella, Los Reyes Católicos, espulsero dalla Penisola l'ultimo dei governatori musulmani e con la conquista di Granada. Nel corso della Reconquista il castigliano si era diffuso sia in direzione delle regioni settentrionali e sia in tutto il meridione, diversamente dal leonese e dall'aragonese che erano limitati nella regione di confine.

Lingua ufficiale in tutto lo stato è il castigliano o spagnolo . In alcune comunità autonome rivestono carattere di coufficialità con il castigliano il catalano - valenciano ( Catalogna , Isole Baleari e Comunità Valenzana ) il galiziano ( Galizia ) e il basco ( Paesi Baschi e Navarra ). Lo Stato spagnolo e le amministrazioni periferiche proteggono ed incoraggiano l'uso, in ambito locale, di alcune lingue e parlate che però non godono dello status di coufficialità come l' asturiano , il leonese , il cántabro e l' estremegno (ormai estinto; tradizionalmente l'asturiano, il leonese e l'estremegno vengono considerate tre varietà della stessa lingua: l'asturiano-leonese), l' aragonese . Nella Valle d'Aran è riconosciuto ufficialmente, accanto al castigliano e al catalano, anche l' aranese , varietà di guascone del gruppo linguistico occitano . A La Línea de la Concepción al confine con Gibilterra la popolazione parla Llanito e inglese come terza lingua.
Inoltre nella città autonoma africana di Ceuta si parla l' arabo , ea quella di Melilla , il berbero . Il portoghese viene parlato nella regione di Olivenza e in diversi punti confinanti con il Portogallo . La cosiddetta fala è una parlata del valle di Xálima molto più prossima al galiziano che al portoghese. Tradizionalmente, il galiziano è considerato dalla linguistica ( Friedrich Diez , Wilhelm Meyer-Lübke , Erich Auerbach , Gustav Gröber , Heinrich Lausberg , André Martinet , etc.), una varietà di portoghese.

Ordinamento dello Stato

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Spagna , Costituzione della Spagna e Monarchia spagnola .
Prima pagina della costituzione spagnola.

Secondo la Costituzione del 1978 , la Spagna è una monarchia ereditaria parlamentare , dove il re ha un ruolo di rappresentanza, ma anche di garante della democrazia e dell'unità del Paese.

Il potere esecutivo è nelle mani del Consiglio dei ministri ( Consejo de Ministros ), retto da unPresidente del Governo , cui il Parlamento dà e toglie la fiducia.

Il potere legislativo è attribuito a un Parlamento bicamerale ( Cortes Generales ) con mandato quadriennale, composto di:

  • Congresso dei Deputati ( Congreso de los Diputados ), una camera di 350 deputati, eletti con un sistema proporzionale corretto e senza voto di preferenza in circoscrizioni corrispondenti alle province;
  • Senato del Regno di Spagna ( Senado ), una camera con un numero di senatori variabile, nell'attuale legislatura sono 265, di cui 208 eletti direttamente e 57 eletti indirettamente dai parlamenti regionali.

Il potere giudiziario è indipendente.

Suddivisioni amministrative

Comunità autonome

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Comunità autonome della Spagna .
Mappa della Comunità autonome

La Spagna è suddivisa in 17 comunità autonome ( comunidades autónomas , al singolare: comunidad autónoma ) che sono ulteriormente suddivise in 50 province, più due città autonome: Ceuta e Melilla (designate ufficialmente come Plazas de Soberanía en el Norte de África ). Gibilterra è rivendicata dalla Spagna.

Ceuta , Melilla e altri piccoli isolotti, che si estendono su 0,65 km² e contano 312 abitanti sono i resti del vasto impero coloniale che il paese possedeva. In totale la Spagna ha 31,65 km² di territori nell'Africa del Nord, popolati da 138.228 abitanti.

Province e municipi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Province della Spagna e Comuni della Spagna .

A partire dall'introduzione del sistema delle comunità autonome le province hanno visto diminuire i loro poteri. Sono ancora utilizzate come distretti elettorali, per la codifica postale e come riferimenti geografici.

Sette comunità autonome sono composte da una sola provincia: Asturie , Isole Baleari , Cantabria , La Rioja , Comunità autonoma di Madrid , Murcia , e Navarra .

Le province sono a loro volta suddivise in comuni o municipi (in spagnolo municipio ). A capo del municipio c'è l' alcalde , il sindaco .

Città principali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Comuni della Spagna per popolazione .
Principali città in Spagna

Madrid
Madrid
Barcellona
Barcellona
Valencia
Valencia

Città Comunità Autonoma Popolazione Città Comunità Autonoma Popolazione

Sevilla
Siviglia
Zaragoza
Saragozza
Málaga
Malaga

1 Madrid Madrid 3.273.049 11 Alicante Comunità Valenzana 334.418
2 Barcellona Catalogna 1.619.337 12 Córdoba Andalusia 328.547
3 Valencia Comunità Valenzana 809.267 13 Valladolid Castiglia e León 315.522
4 Siviglia Andalusia 704.198 14 Vigo Galizia 297.124
5 Saragozza Aragona 675.121 15 Gijón Asturie 276.854
6 Malaga Andalusia 573.969 16 A Coruña Galizia 244.162
7 Murcia Murcia 448.700 17 Hospitalet de Llobregat Catalogna 241.750
8 Palma di Maiorca Isole Baleari 404.681 18 Santa Cruz de Tenerife Isole Canarie 240.266
9 Las Palmas de Gran Canaria Isole Canarie 383.308 19 Granada Andalusia 235.692
10 Bilbao Paesi Baschi 353.187 20 Vitoria Paesi Baschi 239.154
Statistiche del 2010 [44]

Principali aree metropolitane

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aree metropolitane spagnole .
Pos. Comune Regione Prov. Abitanti
1 Madrid Madrid Madrid 5.883.521
2 Barcellona Catalogna Barcellona 3.150.380
3 Valencia Comunità Valenzana Valencia 2.463.592
4 Siviglia Andalusia Siviglia 1.438.451
5 Malaga Andalusia Málaga 965.371
6 Bilbao Paesi Baschi Biscaglia 949.939
7 Oviedo - Gijón Asturie Asturie 857.495
8 Alicante - Elche Comunità Valenzana Alicante 725.395
9 Saragozza Aragona Saragozza 688.343
10 Vigo Galizia Pontevedra 659.632

Istituzioni

Ordinamento scolastico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Istruzione in Spagna .

Il sistema educativo in Spagna è principalmente pubblico e si articola in diverse fasce. Sono obbligatori gli insegnamenti nelle scuole elementari e nelle scuole medie, mentre sono facoltativi gli insegnamenti infantili (gli asilo nido e le scuole materne) e gli insegnamenti secondari non obbligatori, come la scuola superiore e la formazione professionale. Inoltre la Spagna possiede un importante sistema universitario.

Una delle più importanti istituzioni educative spagnole private è stata rappresentata dalla Institución Libre de Enseñanza , che ha riguardato tutti gli aspetti della cultura spagnola.

Università

Era il 1212 quando venne fondata la prima università in Spagna: l' Università di Palencia , istituita da Alfonso VIII di Castiglia , dove si formarono personalità come San Domenico di Guzmán e altri. L' Università Alfonso X el Sabio (UAX) è la prima università privata spagnola approvata dalle Cortes Generales (parlamento spagnolo), nel 1993

Ma nel 1218 fu fondata da Alfonso IX di León l' Università di Salamanca : fu la prima in Europa a detenere il titolo di Università per l'editto del 1253 di Alfonso X di Castiglia e papa Alessandro IV , che concede la licenza ubique docendi , nel 1255

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Spagna .

Partiti politici ed elezioni democratiche

Torre di Hércules , nella città di A Coruña , in Galizia .

Le prime elezioni democratiche dopo il franchismo si tennero il 15 giugno 1977 , e furono vinte da una coalizione politica, e successivamente, partito politico di centro, l' Unione del Centro Democratico (UCD), presieduto da Adolfo Suárez . Il sistema politico è basato sul multipartitismo, ma da tempo due sono i partiti dominanti: il Partito Socialista Operaio Spagnolo (di centro-sinistra) e il Partito Popolare (di centro-destra). I due partiti dominanti si alternano al potere, ma quasi sempre, a causa del sistema elettorale, dopo le elezioni devono forgiare coalizioni con partiti minori. Il Partito Socialista ha guidato il governo dal 1982 al 1996 (governi di Felipe González ) e dal 2004 al 2011 (governi di José Luis Rodríguez Zapatero ); il Partito Popolare dal 1996 al 2004 (governi di José María Aznar ) e dal 2011 al 2018 (governi di Mariano Rajoy ). Il 2 giugno 2018, dopo la sfiducia a Rajoy a causa di un grave scandalo di corruzione, diventa premier il leader dei socialisti Pedro Sánchez , con il sostegno di Podemos e delle autonomie.

Organizzazioni internazionali cui la Spagna ha aderito

Organizzazioni internazionali
Membro ONU dal: 14 dicembre 1955
Membro NATO dal: 30 maggio 1982
Membro UE dal: 1º gennaio 1986

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Spagna .
Esportazioni spagnole nel 2006 .

L'economia spagnola rientra tra le economie avanzate dell'Europa occidentale. In particolare, nel decennio che va dal 1998 al 2008, l'economia iberica è stata tra le più dinamiche nell' eurozona . [45] La società e l'economia spagnola hanno vissuto un forte periodo di trasformazione e di crescita nel corso degli ultimi due decenni del novecento. Uscito dall'isolamento politico ed economico imposto dalla lunga dittatura fascista, il Paese si è aperto a degli scambi commerciali internazionali e ha aderito all' UE nel 1986. il secondario è maggiormente sviluppato nelle industrie chimiche

L'economia ha anche potuto contare sulla nascita di nuove imprese industriali e sull'afflusso di capitali stranieri che, sfruttando il minor costo della mano d'opera rispetto ad altri paesi, hanno avviato iniziative industriali e commerciali. Si sono inoltre aggiunti nuovi mezzi di comunicazione che hanno aumentato il reddito del sistema produttivo. Il settore principale è quello terziario: turismo e commerci ( uva e agrumi ) sono molto sviluppati.

Tuttavia, a partire dalla grande crisi finanziaria iniziata nel 2008 e la crisi del sistema bancario che ha costretto il governo spagnolo a chiedere aiuti al fondo salva stati nel giugno del 2012 a causa dello scoppio della bolla immobiliare , l'economia spagnola è entrata in una crisi profonda che ha portato il livello di disoccupazione a sfiorare il 25% (ha raggiunto anche il 26,3% in alcuni mesi del 2013, scenderà sotto il 20% solo a giugno 2016 e scenderà fino al 13,9% a febbraio 2019 [46] ) e un declassamento del suo debito pubblico che hanno portato il rating dalla tripla A a (per l'agenzia Moody's ) a BAA3 con outlook negativo il 14 giugno 2012, fino a portare ad un rendimento dei titoli di stato a 10 anni ad un rendimento che sfiora il 7% annuo e che è considerato un punto di non ritorno sulla strada del default .

Turismo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Turismo in Spagna .
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Parchi nazionali della Spagna .

Nel corso degli ultimi quattro decenni l' industria del turismo spagnolo è cresciuta fino a diventare la seconda più grande del mondo, con un valore stimato di 40 miliardi di euro, nel 2006, corrispondente a circa il 5% del PIL . [47] [48] Il clima della Spagna, i monumenti storici e culturali, la sua posizione geografica, insieme alle sue infrastrutture ricettive all'avanguardia, contribuiscono a farla essere una delle mete più ambite, creando una grande fonte di occupazione stabile e continua di sviluppo.

Energia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Energia rinnovabile in Spagna ed Energia nucleare in Spagna .
Centrale Planta Solar 10 , vicino a Siviglia .

La Spagna è uno dei paesi leader a livello mondiale nello sviluppo e nella produzione di energia rinnovabile . Nel 2010 la Spagna è diventata il leader mondiale nella produzione di energia solare , superando gli Stati Uniti con un impianto enorme, vicino ad Alvarado , Badajoz . [49] [50] La Spagna è anche il principale produttore europeo di energia eolica . Nel 2010 le sue turbine a vento hanno generato 42.976 GWh, pari al 16,4% di tutta l'energia prodotta in Spagna. [51] [52] [53] Il 9 novembre 2010, l'energia eolica ha raggiunto un picco istantaneo storico che ha coperto il 53% di energia elettrica della domanda della terraferma [54] e ha generato una quantità di energia equivalente a quella di 14 reattori nucleari . [55] Altre energie rinnovabili utilizzate in Spagna sono l' idroelettrico , le biomasse e l' energia marina (2 impianti in costruzione). [56]

Le fonti non rinnovabili di energia utilizzate in Spagna sono il nucleare (8 reattori operativi) il gas , carbone e petrolio .

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Spagna .
Treno AVE nella tratta Madrid - Barcellona .

Il sistema stradale spagnolo è di tipo centralizzato, con 6 autostrade che collegano Madrid ai Paesi Baschi, alla Catalogna, a Valencia, all'Andalusia occidentale, all'Estremadura e alla Galizia. Inoltre, ci sono strade lungo l' Atlantico ( Ferrol a Vigo ), Cantabria ( Oviedo a San Sebastián ) e sulle coste del Mediterraneo ( Gerona a Cadice ).

La Spagna ha la più estesa rete ad alta velocità ferroviaria in Europa e la seconda più estesa al mondo dopo la Cina . [57] [58] Ad ottobre 2010 la Spagna ha un totale di 3.500 km di tratte ad alta velocità che collegano Malaga, Siviglia, Madrid, Barcellona, Valencia e Valladolid, con i treni che raggiungono velocità fino ai 300 km/h. Per quanto riguarda la puntualità, è il secondo al mondo (98,54% sul tempo di arrivo) dopo Shinkansen giapponese (99%). [59] Se gli obiettivi del programma ambizioso AVE (treni ad alta velocità spagnola) vengono soddisfatti, entro il 2020 la Spagna avrà 7000 km di percorso ferroviario ad alta velocità che collegherà quasi tutte le città a Madrid in meno di 3 ore ea Barcellona entro 4 ore.

Ci sono 47 aeroporti pubblici in Spagna. Il più trafficato è l' Aeroporto di Madrid-Barajas , con 50,8 milioni di passeggeri nel 2008. L' aeroporto di Barcellona ( El Prat ) è anch'esso importante con 30 milioni di passeggeri transitati nel 2008. Altri grandi aeroporti si trovano a Gran Canaria, Malaga, Valencia, Siviglia, Maiorca, Alicante e Bilbao.

Nel 2008 la Spagna progettava di mettere su strada 1 milione di auto elettriche entro il 2014 come parte del piano del governo per risparmiare energia e aumentare l'efficienza energetica. Il ministro dell'Industria Miguel Sebastian ha dichiarato che “il veicolo elettrico è il futuro e il motore di una rivoluzione industriale”. [60]

Cultura

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arte spagnola .

In tema artistico bisogna ricordare il Museo del Prado , in cui sono esposte opere dei più famosi artisti del mondo: venne istituito il 19 novembre 1819 .

Pittura

Fra i nomi più importanti della pittura spagnola possiamo trovare:

Da ricordare anche la figura dell'artista Antoni Tàpies .

Architettura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Architettura spagnola .

Per architettura spagnola si intendono tutti gli esempi di architettura realizzati in ogni epoca in Spagna e le opere dei moderni architetti spagnoli presenti in tutto il mondo.

Grazie alla sua diversità storica, l'architettura spagnola s'è giovata di numerose influenze. Ad esempio, una città importante della provincia come Cordova , che fu fondata dai Romani e quindi vanta una vasta infrastruttura di quell'epoca, divenne la capitale culturale della dinastia islamica Omayyade vedendo sorgere su di essa anche raffinate architetture in stile arabo . [61] Le successive dinastie arabe che si sono succedute nel sud di Iberia, in particolare Andalusia , hanno sviluppato fulgidi esempi di architetture sempre più complesse e caratteristiche come il famoso complesso del Palazzo di Granada . Lo stile mudéjar , emerso dal XII al XV secolo è stato sviluppato con la fusione di motivi in stile moresco ei modelli dell'architettura europea.

Palazzo Alhambra , in Andalusia .

Allo stesso tempo, emersero i regni cristiani medievale che, durante e dopo la Reconquista , poco a poco svilupparono i loro stili, integrando i flussi romanici e gotici . In particolare vi fu una straordinaria fioritura dello stile gotico ed barocca che ha validi esempi sparsi su tutto il territorio nazionale.

L'arrivo dell' architettura modernista in ambito accademico, ha prodotto gran parte dell'architettura del XX secolo , uno stile che ha avuto l'epicentro a Barcellona e in Gaudí l'architetto simbolo, e esponente del Modernismo catalano . Dalle soglie del XXI secolo , la Spagna sta vivendo una rivoluzione nell'architettura contemporanea e architetti spagnoli come Rafael Moneo , Santiago Calatrava , Ricardo Bofill e molti altri hanno guadagnato fama mondiale.

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura spagnola .
Illustrazione del Don Chisciotte di Miguel de Cervantes . [62]

Con il termine letteratura spagnola ci si riferisce alla produzione letteraria scritta in lingua spagnola , tra cui la letteratura in lingua spagnola composta da scrittori non necessariamente spagnoli. Per le storiche diversità geografica e generazionali, la letteratura spagnola ha conosciuto un gran numero di influenze ed è molto disomogenea. Alcuni movimenti letterari più importanti possono essere identificati all'interno di essa.

Miguel de Cervantes è probabilmente l'autore più famoso della Spagna e il suo Don Chisciotte è considerata l'opera più emblematica nel canone della letteratura spagnola e un classico fondatore della letteratura occidentale. [62]

Filosofia

Tra il XIII e il XIV secolo si distinse il filosofo, teologo e alchimista Raimondo Lullo , inventore, tra l'altro, di un metodo denominato Ars magna .

Nel XVI secolo, nell'epoca della Riforma, si distinse la figura di Michele Serveto , esponente dell' Antitrinitarismo .

Inoltre il 28 settembre 1569 venne pubblicata a Basilea, in Svizzera, la prima traduzione completa della Bibbia in spagnolo, detta Bibbia dell'orso (Biblia del oso), da Casiodoro de Reina .

Sempre nel XVI secolo si distinse la figura della religiosa e mistica Santa Teresa d'Avila , autrice del saggio Il castello interiore (1577).

Tra il XVI e il XVII secolo ricordiamo la figura di Francisco Suárez , tra i maggiori esponenti della scolastica barocca.

Nel XX secolo ricordiamo la figura di José Ortega y Gasset , esponente dell' esistenzialismo , del prospettivismo e, in seguito, del raziovitalismo .

Tra le personalità femminili, nel XX secolo, si distinse María Zambrano , esponente della Generazione del '36 .

Diritto

In campo giuridico, nel XVI secolo, è da ricordare la figura di Francisco de Vitoria , tra i fondatori del diritto internazionale e importante esponente della Scuola di Salamanca o scolastica spagnola.

Musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica spagnola .

Uno degli stili musicali spagnoli più conosciuti è il Flamenco , il cui importante esponente, come cantante è Camarón de la Isla e come chitarrista Paco de Lucía , uno dei più grandi chitarristi di tutti i tempi [63] . Un tipico strumento a percussione è costituito dalle nacchere .

Tra i cantanti spagnoli ricordiamo, tra gli altri, Lola Flores , anche attrice, Rocío Jurado , nota anche come La Chipionera e La más grande , la cantante di origine gitana Isabel Pantoja , importante esponente della Copla andalusa , David Bisbal e ancora Julio Iglesias , il figlio Enrique Iglesias , Pau Donés , leader del gruppo rock latino Jarabe de Palo e Álvaro Soler . Tenore lirico-drammatico e cantante d'opera di fama mondiale è Plácido Domingo .

Tra i più noti compositori spagnoli del XIX secolo ricordiamo il violinista Pablo de Sarasate . Tra i compositori, vissuti tra il XIX e il XX secolo, ricordiamo Isaac Albéniz , esponente del post-Romanticismo musicale e Enrique Granados e Manuel de Falla , esponenti rispettivamente del nazionalismo musicale e dell' impressionismo musicale .

Un importante contributo allo studio della chitarra classica è stato dato da Andrés Segovia . Nello sviluppo dell'uso della chitarra classica moderna contribuì anche Francisco Tárrega . E ancora è da ricordare la figura del violoncellista Pau Casals (1876-1973): la data della sua nascita, il 29 dicembre , viene celebrata nel mondo con la Giornata internazionale del violoncello . [64] .

Cinema

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cinema spagnolo .

Il cinema spagnolo ha ottenuto importanti successi internazionali, tra cui l' Oscar i film “ Il labirinto del fauno ” e “ Volver ”. [65] Nella lunga storia del cinema spagnolo, il grande regista Luis Buñuel fu il primo ad ottenere il riconoscimento internazionale, seguito da Pedro Almodóvar nei tardi anni ottanta . Altri registi spagnoli di fama sono: Segundo de Chomón , Florian Rey , Luis García Berlanga , Carlos Saura , Julio Medem , Juan José Bigas Luna e Alejandro Amenábar .

Tra gli attori di fama internazionale ricordiamo Antonio Banderas .

Scienza

Tra i più grandi scienziati spagnoli che si distinsero nel xx secolo bisogna citare Santiago Ramón y Cajal (1852-1934), (che sviluppó la dottrina del neurone, cioè l'idea secondo la quale i neuroni sono la formazione fondamentale e anche la funzionale del sistema nervoso), e Severo Ochoa (1905-1993), noto in particolare per le ricerche nella sintesi dell' RNA : vincitori, tra l'altro, del Premio Nobel per la medicina rispettivamente nel 1906 e 1959.

Chimica

  • 1783 : viene scoperto il tungsteno (o wolframio), dai chimici spagnoli, i fratelli Fausto Delhuyar e Juan José Delhuyar , scoperta esposta nell'opera Análisis químico de volfram y examen de un nuevo metal que entra en su composición .

Tecnologia

La Spagna nello spazio

Le grandi esplorazioni

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina spagnola .

Tra le specialità della cucina spagnola ricordiamo in particolare la paella .

Tra le bevande alcoliche nota è invece la sangria .

Sport

Calcio

L'interesse sportivo in Spagna è dominato dal calcio . La nazionale di calcio spagnola , ha vinto il campionato europeo di calcio nel 1964 , nel 2008 e nel 2012 e il Campionato mondiale di calcio nel 2010 . Il campionato spagnolo di calcio è considerato come uno dei migliori al mondo [66] poiché il Barcellona , il Real Madrid e l' Atletico Madrid sono tra squadre più titolate al mondo [67] .

Tra i grandi calciatori spagnoli ricordiamo Francisco Gento , inserito nella lista Miglior calciatore del XX secolo IFFHS , posizione numero 30, e Emilio Butragueño , Luis Enrique e Raúl , inseriti nella lista FIFA 100 . E ancora David Villa , attuale capocannoniere della nazionale spagnola con 59 reti.

Tennis

Rafael Nadal è il leader del tennis spagnolo e ha vinto diversi titoli del Grande Slam con campioni del passato come Sergi Bruguera , Arantxa Sánchez Vicario , Conchita Martínez , Àlex Corretja , Albert Costa , Carlos Moyá , Alberto Berasategui , Juan Carlos Ferrero ; anche la squadra spagnola di Coppa Davis ha ottenuto ottimi risultati con 5 titoli conquistati tra il 2000 e il 2011.

Ciclismo

Alberto Contador è il ciclista leader spagnolo e ha vinto diversi titoli del Grand Tour tra cui tre titoli del Tour de France , assieme alle gesta di predecessori come Luis Ocaña , Federico Bahamontes , Miguel Indurain , Abraham Olano , Carlos Sastre e Alejandro Valverde .

Automobilismo

Nella Formula 1 Fernando Alonso è stato il primo pilota spagnolo a vincere un campionato del mondo nel 2005 e nel 2006 .

Motociclismo

Nel motociclismo ricordiamo l'importante affermazione di Daniel Pedrosa , vincitore di 3 titoli al motomondiale e Marc Marquez vincitore di 8 titoli mondiali.

Pallacanestro

La Nazionale di pallacanestro della Spagna ha ottenuto importanti affermazioni in campo internazionale tra cui due titoli mondiali nel 2006 e nel 2019. Tra i cestisti di fama ricordiamo Pau Gasol , Marc Gasol e Ricky Rubio . Le squadre che compongono la Liga ACB (la lega nazionale di pallacanestro) più titolate di Spagna sono il Real Madrid Baloncesto , il Futbol Club Barcelona Bàsquet , il Club Joventut de Badalona e il Saski Baskonia .

Football Americano

È presente anche il Campionato spagnolo di football americano .

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Spagna ai Giochi olimpici .

Il primo oro olimpico per la Spagna è stato conquistato nella disciplina della palla basca (pelota basca) maschile a squadre da José de Amézola e Francisco Villota , ai Giochi olimpici di Parigi 1900.

Altri sport

Basket , tennis , ciclismo , pallamano e, ultimamente, la Formula Uno hanno incrementato il loro successo, grazie anche alla presenza di campioni spagnoli in queste discipline. L'industria del turismo ha portato ad un miglioramento delle infrastrutture sportive, in particolare per gli sport acquatici, per il golf e lo sci . Nel nord della Spagna, il gioco della pelota è molto popolare.

Eventi sportivi

Le Olimpiadi estive del 1992 si sono tenute a Barcellona .

Alpinismo

La Corrida

Famosa in tutto il mondo è la corrida spagnola.

Festività e ricorrenze nazionali

Data Nome Significato
23 aprile Giornata della lingua spagnola nelle Nazioni Unite per celebrare la lingua spagnola nel mondo
12 ottobre Festa nazionale spagnola celebra la scoperta dell'America da parte di Cristoforo Colombo , nel 1492
27 novembre Día del Maestro [69] in onore a Giuseppe Calasanzio
6 dicembre Giorno della Costituzione della Spagna celebra la costituzione spagnola del 1978

Note

  1. ^ a b Secondo la Costituzione spagnola dal 1978 (art. 3): "Lo spagnolo è la lingua ufficiale dello Stato. Tutti gli spagnoli hanno il dovere di conoscerla e il diritto di usarla. Le ulteriori lingue spagnole saranno altresì ufficiali nell'ambito delle rispettive comunità autonome conformemente ai propri statuti".
  2. ^ Costituzione della Spagna ( PDF ), su mediaserver.spol.uniroma1.it . URL consultato il 26 aprile 2015 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  3. ^ Unione dinastica tra Isabella di Castiglia e Ferdinando II di Aragona
  4. ^ Proclamazione di Juan Carlos I di Borbone come re di Spagna e inizio della transizione democratica
  5. ^ a b Anuario estadístico de España 2006. 1ª parte: entorno físico y medio ambiente ( PDF ), su ine.es .
  6. ^ https://www.worldometers.info/world-population/spain-population/
  7. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato l'11 marzo 2015 .
  8. ^ a b c d ( EN ) World Economic Outlook Database, April 2019 , su IMF.org , Fondo Monetario Internazionale . URL consultato il 24 maggio 2019 .
  9. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  10. ^ Jesús-Luis Cunchillos y José-Ángel Zamora, Gramatica elemental fenicia , Madrid, Consejo Superior de Investigaciones Científicas, 1997 (pp. 141-154), ISBN 84-00-07702-4
  11. ^ 'First west Europe tooth' found , BBC, 30 giugno 2007. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  12. ^ Typical Aurignacian items were found in Cantabria (Morín, El Pendo, Castillo), the Basque Country (Santimamiñe) and Catalonia. The radiocarbon datations give the following dates: 32,425 and 29,515 BP.
  13. ^ Robert Rinehart, Seeley, Jo Ann Browning, A Country Study: Spain – Hispania , su lcweb2.loc.gov , Library of Congress Country Series, 1998. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  14. ^ Stanley G. Payne, A History of Spain and Portugal; Ch. 1 Ancient Hispania , su libro.uca.edu , The Library of Iberian Resources Online, 1973. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  15. ^ Dhimma provides rights of residence in return for taxes. H. Patrick Glenn, Legal Traditions of the World . Oxford University Press, 2007, pg. 218–219.
  16. ^ Dhimmi have fewer legal and social rights than Muslims, but more rights than other non-Muslims.Lewis, Bernard, The Jews of Islam. Princeton: Princeton University Press (1984). ISBN 978-0-691-00807-3 p. 62
  17. ^ Islamic and Christian Spain in the Early Middle Ages. Chapter 5: Ethnic Relations , Thomas F. Glick
  18. ^ Stanley G. Payne, A History of Spain and Portugal; Ch. 2 Al-Andalus , su libro.uca.edu , The Library of Iberian Resources Online, 1973. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  19. ^ Robert Rinehart, Seeley, Jo Ann Browning, A Country Study: Spain – Castile and Aragon , su lcweb2.loc.gov , Library of Congress Country Series, 1998. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  20. ^ Stanley G. Payne, A History of Spain and Portugal; Ch. 5 The Rise of Aragón-Catalonia , su libro.uca.edu , The Library of Iberian Resources Online, 1973. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  21. ^ The Black Death , su channel4.com , Channel 4 . URL consultato il 13 agosto 2008 (archiviato dall' url originale il 9 luglio 2008) .
  22. ^ The Treaty of Granada, 1492 , su cyberistan.org , Islamic Civilisation. URL consultato il 13 agosto 2008 .
  23. ^ Spanish Inquisition left genetic legacy in Iberia . New Scientist. 4 December 2008.
  24. ^ Robert Rinehart, Seeley, Jo Ann Browning, A Country Study: Spain – The Golden Age , su lcweb2.loc.gov , Library of Congress Country Series, 1998. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  25. ^ Imperial Spain , su ucalgary.ca , University of Calgary. URL consultato il 13 agosto 2008 (archiviato dall' url originale il 29 giugno 2008) .
  26. ^ Stanley G. Payne, A History of Spain and Portugal; Ch. 13 The Spanish Empire , su libro.uca.edu , The Library of Iberian Resources Online, 1973. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  27. ^ Bamber Gascoigne, History of Spain: Bourbon dynasty: from AD 1700 , su historyworld.net , Library of Congress Country Series, 1998. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  28. ^ David A. Bell, Napoleon's Total War , su TheHistoryNet.com (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2009) .
  29. ^ (Gates 2001, p.20)
  30. ^ (Gates 2001, p.467)
  31. ^ Spanish Civil War crimes investigation launched , Telegraph, 16 October 2008
  32. ^ Relatives of Spaniards who fled Franco granted citizenship ”. Daily Telegraph (UK) 28 December 2008.
  33. ^ Pfanner, Eric, Economy reaps benefits of entry to the 'club' : Spain's euro bonanza , in International Herald Tribune , 11 luglio 2002. URL consultato il 9 agosto 2008 . Vedi anche: Spain's economy / Plain sailing no longer , in The Economist , 3 maggio 2007. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  34. ^ Al-Qaeda 'claims Madrid bombings' , BBC, 14 marzo 2004. URL consultato il 13 agosto 2008 . Vedi anche: Madrid bombers get long sentences , BBC, 31 ottobre 2007. URL consultato il 13 agosto 2008 .
  35. ^ Del 11-M al 14-M: estrategia yihadista, elecciones generales y opinión pública , su realinstitutoelcano.org , Fundación Real Instituto Elcano. URL consultato il 9 agosto 2008 .
  36. ^ Spain awakes to socialist reality , BBC, 15 marzo 2004. URL consultato il 13 agosto 2008 .
  37. ^ Parque Nacional del Teide en todo sobre España , su red2000.com .
  38. ^ a b Il Milione , p. 39 .
  39. ^ World Map of the Köppen-Geiger climate classification updated – (see p.3) ( PDF ), su schweizerbart.de . URL consultato il 30 aprile 2011 .
  40. ^ http://www.city-data.com/forum/attachments/weather/56180d1263187925-ultimate-climate-poll-koppen-climate-classification-kottek_et_al_2006.gif
  41. ^ Copia archiviata ( PNG ), su upload.wikimedia.org . URL consultato il 1º gennaio 2013 (archiviato dall' url originale il 30 aprile 2011) .
  42. ^ Distribuzione degli avvocati in Europa - Versari Studio , in Versari Studio , 26 febbraio 2016. URL consultato il 27 dicembre 2016 .
  43. ^ cfr. il sito dell' INE ( PDF ), su ine.es .
  44. ^ ( ES ) Instituto nacional de estadística , su ine.es . URL consultato il 3 agosto 2011 .
  45. ^ www.spagna.cc , su spagna.cc .
  46. ^ spagna disoccupazione - Cerca con Google , su www.google.com . URL consultato il 17 luglio 2019 .
  47. ^ “Global Guru” analysis , su theglobalguru.com , The Global Guru. URL consultato il 13 agosto 2008 (archiviato dall' url originale il 6 gennaio 2011) .
  48. ^ Economic report ( PDF ), su bde.es , Bank of Spain . URL consultato il 13 agosto 2008 (archiviato dall' url originale il 26 luglio 2008) .
  49. ^ Morning Edition, Spain Is World's Leader In Solar Energy , su npr.org . URL consultato il 4 settembre 2010 .
  50. ^ Spain becomes solar power world leader , su europeanfutureenergyforum.com . URL consultato il 4 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 24 novembre 2010) .
  51. ^ Spain becomes the first European wind energy producer after overcoming Germany for the first time , su eolicenergynews.org , Eolic Energy News, 31 dicembre 2010. URL consultato il 30 aprile 2011 .
  52. ^ Asociación Empresarial Eólica – Spanish Wind Energy Association – Energía Eólica , su aeeolica.es . URL consultato il 30 aprile 2011 .
  53. ^ ( ES ) Rafael Méndez, La eólica supera por primera vez la mitad de la producción eléctrica , in El País , Ediciones El Pais, 9 novembre 2009. URL consultato l'8 agosto 2010 .
  54. ^ Wind power in Spain breaks new instantaneous power record , su renovablesmadeinspain.es , www.renovablesmadeinspain.es, 9 novembre 2010. URL consultato il 5 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 14 dicembre 2011) .
  55. ^ Morning Edition, 14 reactores nucleares movidos por el viento , su elpais.com , www.elpais.com, 9 novembre 2010. URL consultato il 5 giugno 2011 .
  56. ^ Morning Edition, La Fuerza del Mar , su revista.consumer.es . URL consultato il 5 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 26 agosto 2011) .
  57. ^ The Need for Speed–High Speed Rail in Europe: Do You Speak Spanish? Europe on Track , su blog.raileurope.com . URL consultato il 1º novembre 2011 (archiviato dall' url originale il 2 febbraio 2011) .
  58. ^ Spain has developed Europe's largest high-speed rail network | Olive Press Newspaper | News , su theolivepress.es . URL consultato il 1º novembre 2011 .
  59. ^ Spain powers ahead with high-speed rail , su railpro.co.uk , www.railpro.co.uk, gennaio 2010. URL consultato il 5 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 21 luglio 2011) .
  60. ^ Spain to Put 1 million Electric Cars on the Road , su enn.com , Triplepundit.com, 30 luglio 2008. URL consultato il 14 dicembre 2016 .
  61. ^ Jo Cruz, Western Views of Islam in Medieval and Early Modern Europe: Perception and Other , a cura di Edited by David R. Blanks and Michael Frassetto, New York, Saint Martin's Press, 1999, p. 56.
  62. ^ a b The top 100 books of all time , in The Guardian , Londra, 11 maggio 2006. URL consultato il 14 agosto 2008 .
  63. ^ https://www.panorama.it/musica/paco-de-lucia-cinque-album-fondamentali/
  64. ^ https://celloday.wordpress.com/
  65. ^ Barry Jordan, Rikki Morgan-Tamosunas, Contemporary spanish cinema , Manchester University Press , 1998.
  66. ^ James McNicholas, Power Ranking WF's Best Tournaments , su Bleacher Report . URL consultato il 20 marzo 2016 .
  67. ^ Classifica dei club più titolati al mondo: graduatoria aggiornata , su CalcioWeb . URL consultato il 20 marzo 2016 .
  68. ^ https://www.elmundo.es/especiales/2013/deportes/everest/espanoles.html
  69. ^ https://elpais.com/elpais/2018/11/27/mamas_papas/1543303554_212299.html

Bibliografia

  • Achille Boroli e Adolfo Boroli, Il Milione - Enciclopedia di tutti i Paesi del mondo , vol. 2, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1974.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 133609710 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2324 3505 · LCCN ( EN ) n79006971 · GND ( DE ) 4055964-6 · BNF ( FR ) cb118635857 (data) · BNE ( ES ) XX109717 (data) · NLA ( EN ) 35515143 · NDL ( EN , JA ) 00571694 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79006971