Història de Caltanissetta

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca

1leftarrow blue.svg Veu principal: Caltanissetta .

Aquesta entrada tracta de la història de Caltanissetta i la seva àrea des de la prehistòria fins als nostres dies.

Des de la prehistòria fins a l’antiguitat tardana

Els primers pobles sicans

Encara que alguns sílex treballat troben en el lloc de Gibil Gabib [1] i altres troballes arqueològiques atribuïbles a l'Edat de l'Coure testimoni que el territori de Caltanissetta va ser habitada des del quart mil·lenni abans de Crist , els primers nuclis urbans dels quals sabem són alguns pobles de la Edat del bronze que va sorgir cap al segle XIX aC als principals turons a l'oest del sud de l' Himera: Gibil Gabib, Sabucina , Vassallaggi , San Giuliano i Capodarso . S'han identificat almenys cinc dins del terme municipal,[2] però podrien ser més: l'arqueòleg Piero Orlandini va fer la hipòtesi de més d'un als vessants de Sabucina.

La presència d’un nombre tan gran d’assentaments en una àrea relativament petita es justifica per la fertilitat excepcional del sòl i la presència de diferents fonts d’aigua, en contrast amb la resta de l’interior sicilià, notòriament àrid i argilós, on de fet els assentaments d’aquest tipus són escassos.

Els habitants d’aquests pobles, que Diodor Siculo identifica com Sicani , es remunten a la cultura de Castelluccio : eren principalment agricultors sedentaris, dedicats ocasionalment també a la ramaderia i la caça d’ovelles. Cada nucli mantenia la seva pròpia autonomia política i tenia la seva pròpia necròpolis , però, de manera similar a la resta de jaciments de Castellucci, se suposa que constituïen una única entitat social i econòmica, fins i tot compartint el mateix lloc de culte, que s’ha identificat a la muntanya de San Julià. Al mateix temps, però, l’absència d’objectes importats entre les troballes arqueològiques indica una actitud de tancament i desconfiança cap al món exterior.[3]

Sabucina

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Sabucina .
Casetes circulars al jaciment arqueològic de Sabucina

Cap al 1270 aC els pobles castelluccians van ser abandonats i es va construir un de nou enfilat al cim del mont Sabucina. Es tracta d’un fenomen similar al que va passar a la resta de Sicília en resposta a la invasió dels sicilians , un poble de la península Itàlica que es va establir a la part oriental de l’illa: els habitants de petits pobles indefensos es van reunir per fundar-ne un a lloc més segur i més defensable, i la conformació natural del mont Sabucina i la seva posició, a l’oest de la “frontera” al llarg del riu Himera amb els sicilians, responia a les necessitats defensives dels habitants de l’actual territori de Nisseno. Davant la impossibilitat de rastrejar el nom original del jaciment, aquest assentament s’indica amb el topònim contemporani de la localitat, Sabucina .[2]

En una primera fase, procedeix sense problemes amb la cultura de Castelluccio , alhora que presenta una societat més evolucionada també en termes d’hostilitat amb els veïns enemics, com demostra la producció d’objectes molt complexos i funcionals, però amb pocs i simples elements decoratius. El lloc fou abandonat bruscament després de tres segles, probablement a causa de la incursió i el saqueig dels sicilians.[3]

La capella de Sabucina , una escultura que data de la fase hel·lènica del lloc

Sabucina va tornar a ser habitada al segle VIII aC , uns dos-cents anys després del sobtat abandonament, per les poblacions locals hereves dels antics sicilians i sicans per ara integrades i mixtes. Un cop cessats els requisits bèl·lics, la posició estratègica del poble es va utilitzar per controlar la principal carretera d’accés des de la costa fins a l’interior, representada per la vall d’Imera , que va afavorir el naixement d’un florent intercanvi comercial amb els grecs i cartaginesos establerts al llarg del costa, com es pot veure en alguns objectes que s’hi troben. En aquest període els altres jaciments abandonats al segle XIII també van tornar a ser habitats. A Sabucina la cultura grega substituí gradualment la indígena; inicialment va tenir relacions privilegiades amb Gela , però al segle VI aC va entrar a la zona d’influència d’ Akragas , probablement després de la conquesta del tirà Falaride durant la campanya de conquesta de l’interior fins a la colònia d’ Himera , al Tirreno. costa de l'illa. Durant el període d’Agrigent, Sabucina va viure un període daurat, galvanitzat per una florent agricultura i intensos intercanvis comercials amb Akragas, però mai no es va convertir en una subcolònia pròpia i, de fet, va mantenir la seva pròpia identitat indígena, tal com demostren les obres que es remunten a aquella època. període, inclosa la capella de Sabucina .[3]

Durant el segle V aC hi ha una fase de decadència del poble, que comença al mateix temps que la guerra que Ducezio , rei dels sicilians, va desencadenar contra els grans centres hel·lenitzats de l’interior. Per tant, s'ha suposat que Sabucina va participar en la guerra i alguns historiadors han arribat a identificar-la amb Motyon, una ciutat destruïda per Ducezio i encara no identificada amb precisió. En qualsevol cas, Sabucina va ser definitivament abandonada cap al 400 aC i els intents posteriors de repoblació per Timoleonte , el 310 aC, també van fracassar.[3]

Època romana i bizantina

No hi ha proves que avalin l'existència d'un centre urbà al territori de Caltanissetta durant el període romà; per exemple, entre totes les ciutats insulars esmentades per Ciceró a la Verrine , cap es pot remuntar a Caltanissetta ni a l'antiga Sabucina; les mateixes troballes arqueològiques mostren que el territori devia estar lluny dels llocs habitats. L’absència quasi total de centres urbans a l’interior sicilià durant aquesta fase de la història es pot explicar pel fet que, després de la conquesta romana de Sicília, el territori es va començar a gestionar segons l’esquema de les latifundis; això, combinat amb l’aparició de la pax romana que va fer superflu qualsevol sistema defensiu, va provocar la desaparició de nombrosos pobles posats en lloc d’una concentració d’activitats antròpiques en uns pocs centres urbans situats al fons de la vall. La mateixa situació es troba a l’època bizantina següent, durant la qual no es pot excloure la presència d’alguna vil·la rural, però no es pot parlar d’un veritable assentament urbà.[3]

Fundació de la ciutat

Mapa del món d'Idrisi des del 1154

Els primers documents en què apareix el nom de la ciutat es remunten a l’època normanda . [4] El primer a esmentar un topònim atribuïble a Caltanissetta va ser al segle XI el cronista personal del gran comte Roger , Goffredo Malaterra , que va narrar la conquesta normanda de Sicília ; ho compta, amb el nom de Calatenixet , entre les onze fortaleses conquerides per encerclar i aïllar l' emir d' Enna : [5]

( LA )

"Unde et usque ad undecim aevo corti subiugata sibi alligat, quorum ista sunt nomina: Platanum, Missar, Guastaliella, Sutera, Rasel, Bifar, Mocluse, Naru, Calatenixet, quod, nostra lingua interpretatum, resolvitur Castrum foeminarum, Licata, Remunisse."

( IT )

"Així doncs, en poc temps va sotmetre onze [fortaleses] a si mateix, es diuen: Platanum, Missar, Guastaliella, Sutera, Rasel, Bifar, Mocluse, Naro, Caltanissetta, que, traduït al nostre idioma, significa Castell de dones, Licata , Remunisse ".

( Goffredo Malaterra, De rebus gestis Rogerii Calabriae et Siciliae comitis et Roberti Guiscardi ducis fratris eius )

Aquest text demostra inequívocament l’existència d’un assentament anterior a l’arribada dels normands ; tanmateix, tot i que el passat àrab de la ciutat és trivialment intuïtiu també a partir dels rastres evidents deixats en la llengua, en la toponímia local i fins i tot en alguns aspectes culturals, en la vasta bibliografia geogràfica elaborada durant l’ emirat de Sicília i que ha baixat fins als nostres dies, mai no s’esmenta Caltanissetta. La raó es pot explicar pel fet que no era una ciutat, sinó només una "fortalesa", és a dir, un castell flanquejat per un modest poble fortificat.

Tingueu en compte que Caltanissetta és l’únic topònim del qual Malaterra s’encarrega de proporcionar una traducció al llatí, confirmat més endavant: el topònim de fet deriva de l’ àrab Qalʿat an-nisāʾ , literalment traduïble com a “fortalesa de dones” (o “castell de dones” "), que és el nom amb què el geògraf àrab Idrisi va indicar la ciutat el 1154 a Il libro di Ruggero . [4]

Tanmateix, basant-se en els seus estudis sobre l’origen del topònim Caltanissetta , l’erudit Luigi Santagati argumenta que els primers a viure al lloc actual de la ciutat podrien haver estat els bizantins , que a la segona meitat del segle VIII haurien construït el castell de Pietrarossa i el llindar poble que haurien anomenat Nissa a partir del possible nom de la ciutat d'origen dels strataoti fundadors situats a Capadòcia. Amb l'arribada dels àrabs , cap al 846 , el nom es convertiria en Qalʿat an-nisāʾ per assonància amb l'antic nom bizantí. [6]

Dels àrabs a la dinastia aragonesa

Segle X-XI: Emirat de Sicília

Detall de l' abadia de Santo Spirito , en què són visibles la construcció rectangular i la porta del mur que l'envolta, atribuïdes ambdues a l'època islàmica.

Com a la resta de l’illa, malgrat l’enorme impacte que la cultura islàmica ha deixat al territori, des de la llengua fins a les tècniques agrícoles, passant per la cuina, els testimonis arquitectònics a la zona de Nisseno que es remunten a aquest període històric són escassos. Entre aquestes, hi ha una masia rural fortificada, ara incorporada al complex de l’ abadia de Santo Spirito , de la qual es troba un enorme edifici rectangular coronat per una torre mirador, envoltat de murs equipats amb una porta amb antisetge, ja que, a causa de a la distància del poble, havia de ser capaç de proveir-se independentment de la seva pròpia defensa. És probable que el castell de Pietrarossa (o una part d’aquest) també es construís en aquest període. Finalment, queden traces dèbils en el traçat urbà del districte de Santa Domenica, que certament correspon al poble àrab, tot i que és impossible establir amb certesa els límits exactes; en ella encara hi ha patis triangulars identificables que s’observen a les façanes principals de les cases, típiques del món islàmic. [4]

Segles XI-XII: el Regne de Sicília

Escut atribuït a l' Altavilla

El 1061 Ruggero d'Altavilla va desembarcar a Sicília, iniciant la conquesta normanda de l'illa, que va acabar trenta anys després, el 1091, amb la caiguda de Noto . Caltanissetta, juntament amb altres onze "fortaleses" situades entre Agrigent i Enna, fou conquerida per Ruggero el 1086, un any abans de la batalla final contra l'emir d'Enna Ibn al-ʿAwwās, de la qual fou derrotat, probablement a Capodarso, on pont homònim s’aixeca avui. [7]

Entre les primeres mesures del Gran Comte Roger hi havia la subdivisió de l'illa en una diòcesi i el nomenament dels seus bisbes ; entre aquests, la diòcesi d’Agrigento , fundada el 1093, tenia la frontera oriental amb l’ Himera meridional i, per tant, també incloïa el territori de Caltanissetta. Per convertir la població musulmana, es va planejar la construcció d'una xarxa d'esglésies rurals, inclosa l' abadia de Santo Spirito , [7] la primera parròquia de la ciutat, [8] obtinguda d'una masia àrab fortificada; també l' església de San Giovanni , que el 1101 es trobava entre les dependències de l' abadia de la Santíssima Trinitat de Mileto , s'esmenta com a "església fora de les muralles" en una butlla d' Eugenio III de 1150. [8] Al mateix temps, el el territori estava dividit entre diversos senyors feudals. El senyor feudal més antic de Caltanissetta del qual tenim certa informació és Goffredo di Montescaglioso. Va participar juntament amb altres nobles sicilians en una conspiració contra Maione di Bari , assessor del rei Guillem el dolent , però la conspiració va fracassar i Goffredo va quedar cegat i privat de les seves possessions; el feu de Caltanissetta aleshores el 1167 fou assignat al germanastre de la reina Margherita i al cunyat del rei, Enric de Navarra , que, tanmateix, pel seu estil de vida sobri, fou retirat per la mateixa reina el 1170 [9] Deixada sense senyor feudal, la ciutat es va convertir així en " propietat estatal ", que es troba sota la jurisdicció reial directa, i va romandre així fins i tot sota les successives dominacions suaves i angevines. [10]

Segle XIII: de Frederic II a les Vespres sicilianes

Al primer segle de govern normand, es va establir una convivència pacífica entre àrabs i normands, però aquest clima es va esvair a principis del segle XIII , quan els àrabs van començar a negar l'autoritat del rei i a reclamar el seu propi autogovern. Això va provocar que el nou rei Frederic II de Suàbia fes una guerra despietada contra els musulmans, que va culminar amb la deportació a Lucera dels qui es van negar a convertir-se. Al mateix temps, va intentar frenar el poder dels barons, administrant directament nombrosos feus. A Caltanissetta es va establir la figura del "capellà reial", una autoritat religiosa que exercia el poder en nom del rei i que tenia la seu a la nova església dedicada a la Mare de Déu, construïda el 1225 al castell de Pietrarossa i no a l'interior de el poble, només per representar el poder reial sobre el territori. [11] Segons molts erudits, seria l'església actualment coneguda com Santa Maria degli Angeli , tot i que algunes proves han motivat que l'erudita Daniela Vullo l'identifiqués amb una capella construïda a l'interior del castell i que es va esfondrar amb ella el 1567. [12]

Durant les agitades fases que van seguir a la mort de Frederic II, Caltanissetta, juntament amb Agrigent, Catània, Agosta i altres ciutats sicilianes, van fer costat a Corradino di Svevia , el nebot de Frederic i el seu legítim hereu; el general imperial Nicolò Maletta va situar la seva seu al castell de Pietrarossa, considerat inexpugnable. Quan Carles I d'Anjou va superar els altres pretendents, va imposar un règim dur a les ciutats que se li havien oposat. Caltanissetta va ser confiada al militar francès Raul de Grollay, i després d'un llarg setge al castell, cap al 1268 Maletta va ser capturada i assassinada, gràcies a la traïció dels seus homes. [13]

A la primavera del 1282, després de les Vespres sicilianes , els ciutadans de Caltanissetta es van unir als disturbis que van esclatar a tota l'illa i després de perseguir els angevins, es van organitzar al "Municipi Lliure de Caltanissetta", que, però, va tenir una vida curta: a dificultats contra els francesos, els sicilians van demanar i van obtenir l'ajut de Pere III d'Aragó , que ja a finals d'aquell any es va proclamar rei de Sicília i va posar fi a les diverses experiències comunitàries , inclosa la de Caltanissetta. [14]

Segle XIV: de Lancia a Peralta

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: el comtat de Caltanissetta .

Durant els primers anys en què la dinastia aragonesa va regnar a Sicília, els catalans Bernard de Sarrià i Ramon Almany es van succeir com a castellans de la ciutat; aquest últim, posat al castell de Pietrarossa juntament amb alguns nobles fidels a ell, el 1295 va intentar oposar-se al nomenament de Frederic III de Sicília com a rei amenaçant una secessió, però va ser pacíficament convençut de desistir. Després del retorn dels secessionistes a Espanya, el nou rei va nomenar nous senyors feudals el 1296, inclòs Corrado I Lancia a qui va confiar el feu de Caltanissetta. [15] A la mort d'aquest últim, el feu va ser objecte de l'atenció del nou marit de la vídua de Corrado Lancia, Pedro Ferrandis de Vergua, que va intentar fer-ho en tots els sentits. Descobert, va fugir a Tunis per evitar la presó, i el feu va passar al llegitari hereu Pietro Lancia , nebot de Corrado. [16] Després del matrimoni, el 1342 de la filla gran de Pere, Cesarea, amb el germà del rei Pere II de Sicília , Giovanni di Randazzo , Caltanissetta va passar a aquest últim, que tanmateix va morir de la pesta a prop de Catània el 1348; el seu fill Federigo també va morir de la pesta el 1355. [17] Caltanissetta es va salvar de l'epidèmia de pesta a causa del seu aïllament territorial, però la mort dels senyors feudals va provocar problemes de successió: a causa de l'actual llei sàlica , ni Cesarea ni la seva filla Eleonora va poder heretar la ciutat com a dones i, segons el que es preveia en cas de buit de poder als feus, la ciutat hauria de tornar a la propietat reial de l'Estat . Tanmateix, Cesarea va aconseguir convèncer la cort i se li va permetre continuar obtenint el subsistència del feu, malgrat el sentiment contrari de la població que es va aixecar diverses vegades en les revoltes antifeudals que finalment van obligar la Dama a abandonar la ciutat el 1360, tot i que ella va quedar la mestressa. [18]

El 1361, Frederic IV de Sicília i la seva esposa Costanza , després de casar-se a Catània, es van aturar al castell de Pietrarossa per rebre els nobles que desitjaven fer-los un homenatge, però van ser atacats per Francesco Ventimiglia i Federico Chiaramonte, nobles rebels que es va negar a sotmetre's al nou rei. Es va produir un setge en què el rei, barricat al castell inexpugnable, va tenir el domini, malgrat les nombroses pèrdues. [18]

En aquells anys, Eleonora , filla de Giovanni di Randazzo, s'havia casat amb Guglielmo Peralta , que es va convertir en el senyor de Caltanissetta. El 1371 fundaren un convent per als carmelites, en una ermita fora de les muralles anomenada "Selva degli ulivi", que coincideix amb l'actual Piazza Garibaldi ; el convent, construït al costat de l'església preexistent de Sant Giacomo, estava equipat amb una església dedicada a Santa Maria dell'Annunciata ; en el seu lloc s’aixeca el Palazzo del Carmine. Probablement també són contemporànies l’església de Santa Domenica i el Palazzo del Magistrato, tots dos desapareguts. [19]

Mentrestant, Caltanissetta es trobava al centre de la política internacional: durant les primeres etapes del regnat de la jove Maria de Sicília , per tal d’evitar cops de la dinastia aragonesa, Gugliemo Peralta va reunir l’anomenat govern dels Quatre Vicaris. , format per homes, a Caltanissetta, el més poderós de l'època (a més de Peralta, Artale Alagona , Manfredi III Chiaramonte , Francesco II Ventimiglia ), que va dividir tota Sicília; l’únic gran exclòs fou Guglielmo Raimondo III Moncada , que per aquest motiu va segrestar la reina Maria el 1379 i la va portar a Espanya, apartant-la del control d’Artale Alagona, el seu tutor. [20] Aquesta acció afavorí la monarquia aragonesa: el 1391 Maria es casà amb Martí el Jove , fill de Martí d'Aragó , reforçant el poder aragonès sobre Sicília i l'any següent desembarcaren a l'illa, posant fi al govern dels vicaris. . La legitimitat del matrimoni, però, no va ser acceptada immediatament per tots els nobles; entre aquests Gugliemo Peralta, que va romandre arrelat al seu castell. [21] La situació es va normalitzar només després de la mort de Guglielmo, el 1396, quan el seu fill Nicolò Peralta va jurar fidelitat al rei. Nicolò va morir sense hereus després de només dos anys, i les seves possessions van tornar a mans de la seva mare Eleonora, que les va administrar fins a la seva mort el 1405. [21]

Les Moncadas

Escut d'armes de Moncada

L’arribada dels Moncada

A la mort d'Eleonora d'Aragona, l'absència d'hereus directes va provocar una disputa sobre les possessions que va acabar amb la confiscació temporal de les propietats a la Reial Oficina Tributària. El comtat de Caltanissetta va ser assignat a Sancho Ruiz de Lihori , un home fidel al rei, que, però, el va retornar després de dos anys a canvi d'altres terres i diners. Caltanissetta es trobava, doncs, en mans directes del rei Martí I quan el 1407 el comte d’Agosta Matteo Moncada , fill d’aquell Guglielmo Raimondo, responsable del segrest de la reina Maria, va intercanviar el seu feu amb Caltanissetta. Les raons de l’intercanvi foren probablement de caire econòmic i polític, ja que Agosta ( Augusta actual) estava exposada a incursions pirates. [22] Per tant, Caltanissetta va passar a la família Moncada , a la qual va romandre fins a l'abolició del feudalisme a Sicília el 1812; donat l'enorme poder que els senyors feudals tenien i exercien a les seves terres, la història de Caltanissetta durant els 405 anys de domini de Moncada va estar estrictament influenciada pels seus esdeveniments familiars.

El segle XV

En els anys en què Matteo Moncada es va convertir en el primer comte de Caltanissetta, es va crear un buit de poder a Sicília a causa de la mort de Martí el Jove i Martí II de Sicília , tots dos sense hereus masculins. Els nobles es van dividir en dues faccions, una de les quals es posà al costat de Bernardo Cabrera , l’altra de Bianca di Navarra , esposa de Martino, el jove però il·legítim hereu de dona. Matteo Moncada va donar suport activament a Bianca di Navarra, tant que la va acollir al castell de Pietrarossa , el lloc on s’havia establert amb la seva família després del seu nomenament comte. [23] [24]

Claustre dins del convent de San Domenico

Matteo Moncada va morir el 1423 a Canicattì , intentant escapar d'una epidèmia que va esclatar a Caltanissetta, [25] i el seu successor es va convertir en el seu fill, Guglielmo Raimondo IV Moncada . A la mort d'aquest últim el 1465, en no tenir fills, l'herència va passar al seu germà Antonio II Moncada , ja dominicà , que va haver d'abandonar l'hàbit religiós per evitar disputes dinàstiques. El primer document que certifica la presència del convent de San Domenico es remunta a aquest període, construït probablement conjuntament amb el vestit de l’hàbit dominicà del futur comte Antonio; va ser a la cripta d’aquella església on Antonio va ser enterrat a la seva mort el 1479, així com tots els comtes de Moncada durant aproximadament un segle. A causa de la jove edat dels fills d'Antonio, el va succeir el seu cosí Giovanni Tommaso Moncada , [26] que va augmentar el poder sobre el territori, aconseguint obtenir el dret de nomenar els abats de Santo Spirito , que anteriorment era un dret reial. [27]

A la segona meitat del segle, una petita comunitat jueva d'uns cinquanta individus vivia a Caltanissetta, que es va veure afectada per les polítiques antisemites espanyoles. Molts nobles de l’època van intentar convèncer el rei espanyol d’eximir el territori sicilià del decret de l’ Alhambra , que imposava la conversió forçada als jueus, sota pena de confiscació de béns i expulsió del regne; entre aquests, el comte de Caltanissetta Giovanni Tommaso Moncada , conscient que les activitats econòmiques dutes a terme pels jueus eren indispensables i insubstituïbles. No obstant això, el decret també es va aplicar a Sicília; a Caltanissetta tots els jueus es van convertir i van poder quedar-se, però es van constatar almenys dos casos de marranisme , un pare i un fill que van ser descoberts i empresonats al Castello a Mare de Palerm , on van morir. [28]

Les polítiques religioses espanyoles van continuar influint a l'illa: la inquisició espanyola es va introduir a Sicília el 1487, [29] i només va ser abolida al segle XVIII . Les dues últimes víctimes sicilianes de la Inquisició van ser els nissenians entre Romualdo i germana Gertrude, condemnats a l'estaca la nit del 6 al 7 d'abril de 1725. [30]

El 1501 va morir Giovanni Tommaso Moncada i el seu fill Guglielmo Raimondo va passar a ser comte. El 1507 van arribar els franciscans i van fundar el seu convent fora de les muralles. A la mort de Guglielmo Raimondo, el 1510, el va succeir el seu fill Antonio III Moncada . [31]

El naixement de la burgesia de Nissen

Cap a la segona meitat del segle XV , gràcies a l’increment demogràfic que va portar la població a 4.000 unitats, va sorgir el primer embrió de la burgesia urbana, format pels principals operadors econòmics de l’època que havien aconseguit acumular riquesa i sovint es van educar ; els Moncada van reconèixer el seu pes polític i econòmic, confiant-vos la gestió de la ciutat mitjançant òrgans formats per magistrats , jurats i jutges escollits de la classe mitjana de la ciutat, el mandat dels quals va durar un any. Les funcions d’aquests cossos eren essencialment simbòliques, els membres tenien dret a una gabella anual molt humil i havien de pertànyer al noble coaming , una llista de persones que es consideraven adequades per ocupar un paper directiu. El noble coaming estava subjecte a l'aprovació del comte, que podia revocar el càrrec d'un membre en qualsevol moment; així, dins de les seves pròpies terres, els senyors feudals continuaven tenint un fort control del poder executiu, així com del legislatiu i judicial, i en certs casos, fins i tot religiosos, però la classe mitjana adquiriria cada vegada més poders, i això va constituir el primer pas cap a l’emancipació de la noblesa. [27]

El creixent poder econòmic i social de la burgesia, no adequadament equilibrat pel poder polític, va provocar el primer xoc amb els Moncada el 1516. El protagonista va ser el notari Antonino Naso, que va aconseguir unir la classe mitjana de la ciutat per rebel·lar-se contra el poder feudal, aconseguint obtenir el suport de la població, que va patir els efectes d’una forta fam; al juny va esclatar una insurrecció i Naso i els seus fidels van aprofitar per demanar al virrei que traslladés Caltanissetta a la propietat reial de l'Estat i expulsés definitivament els Moncada. No obstant això, el "front burgès" es va dividir i els més moderats van establir una "pau separada" amb el comte, que preveia que no podia nomenar oficials estrangers, com era costum fins aquell moment, però que eren escollits entre una llista curta de Nisseni expressat per la classe mitjana; l'esdeveniment es va convertir en un gran èxit per a la burgesia moderada (els ciutadans, però, van pagar el compte de 3 500 cossos de blat com a reparació [32] ), mentre que els extremistes van ser jutjats i privats dels seus béns, excepte Antonino Naso, el qual va fugir a Castrogiovanni , una ciutat estatal a la qual Moncada no tenia poder. [33]

Unes dècades després, el 1548, per resoldre una disputa amb el comte, la classe mitjana va promoure l'establiment d'un consell cívic en què participaven tots els adults; nominalment el Consell era una expressió dels habitores , o de la gent, però de fet es va convertir en un instrument en mans de la burgesia, que va poder influir-hi, molt més del que va fer la noblesa. [34]

El segle XVI

Pont de Capodarso en una postal de principis del segle XX

Nel corso del Cinquecento la città cambiò volto spinta dalla costante crescita demografica: in breve tempo, la popolazione passò dai 6900 abitanti del 1570 ai 9000 del 1586. L'aumento della popolazione rese necessaria la realizzazione di un acquedotto, il Vagno, da affiancare al metodo tradizionale di raccolta d'acqua per mezzo di grandi cisterne, che non riusciva più a soddisfare il fabbisogno cittadino. Nel 1550 fu fondato il Monte di Pietà, una sorta di ospizio destinato a orfani e mendicanti, che nel 1576 [35] fu ampliato e trasformato in ospedale. Per far fronte alla crescita del volume di grano prodotto, nel 1553 venne costruito il ponte Capodarso , che ne facilitò il trasporto verso i porti della costa meridionale. [36] Nel corso del secolo inoltre furono costruiti il monastero benedettino di Santa Croce (1531) e il convento dei cappuccini in contrada Xiboli (1540); nel piano degli Ulivi nei primi anni del secolo sorse la chiesa di San Sebastiano , e nel 1539 iniziarono i lavori di costruzione della chiesa di Santa Maria la Nova , che nel 1570 divenne la chiesa madre. [37]

Dopo Antonio III Moncada , si succedettero Francesco I (1549-1566), Cesare (1566-1571) e Francesco II (1571-1592). Figure di rilievo furono Aloisia de Luna e Maria d'Aragona, consorti rispettivamente di Cesare e Francesco II. La prima è ricordata per la sua grande carità: ristrutturò l'ospedale e invitò in città l' Ordine ospedaliero di San Giovanni di Dio , detto "Fatebenefratelli", e per favorire l'istruzione di tutte le classi sociali chiamò i gesuiti che costruirono il loro Collegio ; nel 1580 promosse e finanziò il trasferimento dei cappuccini nel nuovo convento di contrada Pigni ; [38] morì a Palermo nel 1619, dopo circa quarant'anni di dominio su Caltanissetta e gli altri possedimenti dei Moncada. [39] A Maria si deve la costruzione del monastero benedettino di Santa Flavia , fondato in memoria del marito Francesco II, morto prematuramente nel 1592 a 23 anni. [40]

La notte del 27 febbraio [41] 1567 a causa di un evento geologico, probabilmente una frana, crollò gran parte del castello di Pietrarossa. I Moncada non vi abitavano più già dall'inizio del XVI secolo, poiché non era più adeguato allo stile di vita dell'epoca, preferendovi una residenza in un luogo non precisato nella zona del Canalicchio, [42] all'epoca fuori dal centro abitato, ma che nelle intenzioni dei conti doveva costituire il nuovo fulcro della città. Furono infatti costruite le prime case nei nuovi quartieri a ovest del nucleo originario, tra cui l'Annunciata , San Francesco e gli Zingari . [43] Nella seconda metà del secolo si trasferirono nuovamente, in un palazzo comprendente un ricco giardino, di fronte al sito in cui era in costruzione la futura cattedrale.

Sull'onda della mai avvenuta invasione dei turchi, nel 1554 a Caltanissetta fu istituita la milizia urbana, costituita da 83 uomini, di cui 30 cavalieri. Si trattava di comuni cittadini in possesso di un'arma che continuavano a svolgere il mestiere di tutti i giorni a parte nelle adunate e nel caso di guerra o assedio. In realtà la milizia nissena, detta anche Maestranza, non dovette mai andare in battaglia, e con il tempo la funzione militare venne meno, conservando però quella civile, presenziando alle principali feste religiose e sfilando il Mercoledì Santo. [44]

Il Seicento e l'allontanamento dei Moncada

Apparizione di San Michele a fra Giarratana

Il Seicento si aprì con l'arrivo dei frati minori riformati , che per volontà di donna Aloisya nel 1601 si stabilirono nella chiesa di Santa Maria la Vetere e vi affiancarono un convento costruito con le macerie del castello di Pietrarossa. [45] La costruzione di nuove chiese e conventi continuò per tutto il secolo: nel 1614 furono costruite le chiese di San Giuseppe e della Madonna dell'Arco, [46] nel 1626 il convento degli agostiniani scalzi annesso alla chiesa di Santa Maria della Grazia , [47] nel 1637 la chiesa di Sant'Antonio con il convento dei frati minori riformati . [48] Lo spirito religioso del secolo è testimoniato anche da numerosi eventi miracolosi e soprannaturali registrati in quegli anni; in particolare, nel 1625 san Michele fu proclamato patrono della città a seguito della visione che ebbe l'8 maggio di quell'anno il frate cappuccino Francesco Giarratana , il quale vide in sogno l'arcangelo impedire l'ingresso in città di un appestato, il cui corpo fu effettivamente ritrovato qualche giorno dopo in una grotta nel luogo in cui oggi sorgono chiesa e convento di San Michele . [45]

Durante il secolo, all'incremento demografico (nel 1630 si contavano 10 600 abitanti, quasi il doppio rispetto al 1570) [49] si rispose con la fondazione di nuovi paesi attraverso la concessione delle licentiae populandi che avrebbero dovuto aumentare la produzione cerealicola avvicinando i contadini ai campi più distanti dalla città. Nacquero in questo periodo Delia (1597), Santa Caterina Villarmosa (1605), San Cataldo (1608), Resuttano (1625), Montedoro (1635) e Serradifalco (1640); [50] l'incremento demografico interessò anche le campagne più prossime a Caltanissetta, dove da lì in avanti nacquero nuove borgate, alcune su preesistenti casali, altre di nuova fondazione: ne sono esempi Favarella, Prestianni, Santa Rita , Canicassè , Cozzo di Naro. [51] Questo però non bastò ad evitare che le carestie si facessero sempre più frequenti e che avessero il loro apice nell'inverno 1647-48, durante il quale almeno 1685 persone morirono di fame. [50]

Facciata laterale del palazzo Moncada

Alla morte di Francesco II, nel 1592, la contea era passata ad Antonio d'Aragona Moncada , che grazie ai numerosi possedimenti ebbe un grande potere politico all'interno del Parlamento siciliano ; tuttavia nel 1627 aveva deciso di seguire la vocazione religiosa, entrando nell'ordine dei Gesuiti, [39] e aveva lasciato i suoi possedimenti al figlio tredicenne Luigi Guglielmo I Moncada , il quale, tra il 1635 e il 1638 ricoprì la carica di presidente del Regno; [49] è in questo periodo che si inquadra l'avvio dei lavori di costruzione del Palazzo Moncada . [52] A seguito del fallimento di una congiura antispagnola in Sicilia, il conte Luigi Guglielmo fu chiamato in Spagna dal re Filippo IV per ricoprire l'incarico di viceré del regno di Valencia , sicché intorno alla seconda metà del secolo, i Moncada abbandonarono di fatto Caltanissetta, così come testimoniato dall'interruzione della costruzione del loro palazzo. [53] L'improvviso allontanamento dei Moncada ebbe un duplice effetto: da una parte impoverì gli strati più umili della popolazione, che già versavano in condizioni di miseria a causa della carestia e delle tasse imposte dalla corona, perché i costi di mantenimento del conte e dei suoi familiari divennero sempre maggiori; [50] dall'altra parte favorì l'ascesa del ceto borghese, che andò a riempire il vuoto lasciato dai Moncada, i quali, a causa della continua necessità di denaro, vendettero vasti appezzamenti di terra ai notabili nisseni che cominciarono a diventare latifondisti. [54]

Battaglia di Caltanissetta

Antica cartolina raffigurante la battaglia di Caltanissetta

In seguito alla pace di Utrecht del 1713, che aveva messo fine a quattro secoli di dominio spagnolo, la Sicilia era passata ai Savoia , i quali furono presto percepiti come avidi burocrati e invasori stranieri. Nel 1718 gli spagnoli tentarono di riconquistare l'isola, coinvolgendo i siciliani delusi dai Savoia. In questo clima ostile, il viceré di Sicilia, il piemontese Annibale Maffei , lasciò Palermo diretto a Siracusa, per tentare di resistere agli spagnoli; durante il viaggio comunicò ai giurati di Caltanissetta che l'8 luglio avrebbe fatto sosta lì con le sue truppe per i rifornimenti e il riposo. Contemporaneamente i giurati ricevettero un ordine opposto da parte delle truppe spagnole, che chiedevano di mostrare fedeltà al re di Spagna impedendo il passaggio di Maffei. Alla fine i giurati si schierarono dalla parte degli spagnoli e impedirono con le armi l'ingresso in città di Maffei, il quale, nonostante le ripetute richieste, fu costretto ad accamparsi in campagna con le sue truppe. Il giorno successivo, il 9 luglio, gli uomini di Maffei riuscirono ad aggirare le milizie nissene, che si erano barricate nel convento della Madonna della Grazia , posto sul principale ingresso della città, entrando da sud e accampandosi presso il convento dei Cappuccini . Sfilarono per le vie della città senza incontrare resistenza, iniziando il saccheggio delle case, ma l'improvvisa morte violenta del barone Faverges, al seguito di Maffei, e l'avvicinarsi delle truppe spagnole, spinse i piemontesi, a corto di munizioni e quindi impossibilitati a combattere, a stipulare la pace con i nisseni: dopo il vettovagliamento, le truppe piemontesi ripartirono alla volta di Messina, consapevoli di non potere avere la meglio sugli spagnoli, e la battaglia si concluse, con un bilancio di 53 vittime nissene e circa venti piemontesi. [55]

Lotte per il "reintegro al demanio" della città

Nella seconda metà del Settecento, a seguito di una controversia ereditaria che portò all'investitura a conte di Francesco Rodrigo Moncada , la borghesia locale intraprese una lunga battaglia legale per il trasferimento della città alla giurisdizione diretta del re ("regio demanio"), e porre fine al dominio feudale dei Moncada, ma più che una lotta tra classi subalterne, si trattava del tentativo del notabilato locale di istituzionalizzare una situazione che di fatto che li vedeva sostituirsi al feudatario nella gestione città, tanto che la borghesia non si oppose mai al sistema feudale in vigore. La querelle cominciò nel 1752, quando fu inviato al Tribunale del Real Patrimonio una relazione a firma del giurista napoletano Francesco Peccheneda (dietro il quale probabilmente si celava il nisseno Luciano Aurelio Barrile) e controfirmato dagli esponenti delle più illustri famiglie della città, in cui si presentava una città dal glorioso passato e dalle numerose virtù, che avrebbe portato vantaggi economici al regno ed elevato il prestigio del re; tuttavia il processo si bloccò a causa della burocrazia e dell'influenza del principe Moncada. Circa trent'anni dopo, la successiva generazione delle stesse famiglie che avevano controfirmato il documento del Peccheneda, si fece promotrice della riapertura del processo con la stesura di nuovi documenti che essenzialmente ribadivano le stesse motivazioni di un trentennio prima, ma anche questa seconda fase non ebbe seguito. La disputa si concluderà definitivamente solo nel 1812, con la soppressione della feudalità in tutto il regno di Sicilia . [56]

Il soggiorno di Goethe

Ritratto di Goethe durante il suo viaggio in Italia
Itinerario del viaggio in Italia di Goethe

Nel 1787 vi fece una breve sosta il drammaturgo tedesco Wolfgang Goethe impegnato nel suo viaggio in Italia. Il suo soggiorno a Caltanissetta durò solo un giorno, e ne fece un beve resoconto nel suo saggio Viaggio in Italia , pubblicato qualche anno dopo.

Goethe giunse in Sicilia da Napoli in nave, sbarcò a Palermo il 2 aprile e, dopo aver raggiunto Girgenti , decise di non procedere sull'itinerario costiero, che l'avrebbe condotto a Siracusa , ma di deviare per l'entroterra, desideroso di vedere di persona i vasti campi di cereali che avevano valso all'isola il titolo di granaio d'Italia sin dall'epoca romana. Le sue aspettative vennero più che soddisfatte, come si evince dal suo racconto: [57]

«Oggi possiamo finalmente dire d'aver avuto dal vero l'immagine di come alla Sicilia sia stato abbinato il nome d'onore di granaio. Appena di poco fuori Girgenti, è cominciato il terreno fertile. Non sono grandi superfici, ma dorsali di colline e di montagne che si estendono dolcemente e sono coltivate in modo continuo a grano e orzo, offrendo all'occhio un'ininterrotta massa di fertilità. Il terreno adatto a queste coltivazioni viene usato e trattato in modo che da nessuna parte si vede un albero, e addirittura anche i piccoli villaggi e le case si trovano sui dorsali delle colline, dove fila di rocce calcaree rendono il suolo inutilizzabile comunque. [...] E così il nostro desiderio è stato esaurito fino alla nausea: avremmo desiderato il carro alato di Trittolemo per sfuggire da questa uniformità.»

( Johann Wolfgang von Goethe , Viaggio in Italia )

Il 28 aprile giunse quindi a Caltanissetta, dove fece fatica a trovare una sistemazione adeguata e si vide costretto a chiedere la cucina in prestito a un anziano paesano; dalla descrizione della sua esperienza [57] si evince come all'epoca la città fosse pressoché isolata dal resto del mondo, e la sua popolazione vivesse al limite della sussistenza: [58]

«E così abbiamo cavalcato sotto il sole torrido, attraverso questa fertilità desolata e siamo stati contenti di arrivare alla fine nella ben situata e ben costruita Caltanissetta, dove però, ancora una volta, abbiamo cercato invano una locanda decente. I muli stanno in stalle con magnifiche volte, i servi dormono sull'erba medica destinata agli animali, ma lo straniero deve cominciare da zero la sua abitazione. Una stanza da prendere in affitto, -semmai-, deve prima essere pulita. Non ci sono né sedie né panche, si sta seduti su bassi sgabelli di legno robusto; non si trovano nemmeno dei tavoli. Se uno vuole trasformare quegli sgabelli in gambe da letto, si va dal falegname e si prende in prestito il numero di assi necessari, in affitto. [...] Soprattutto per il mangiare però ci siamo dovuti inventare qualcosa. Avevamo comprato un pollo lungo la strada; il vetturino era andato in cerca di riso, sale e spezie; siccome egli non era mai stato qui, per molto tempo non abbiamo saputo quale luogo poteva essere usato per cucinare, dato che nella locanda stessa non era possibile. Finalmente un cittadino anzianotto si è scomodato per prestarci forno e legna, pentole e stoviglie in cambio di pochi soldi, per mostrarci la città mentre cucinavano, e per portarci infine al mercato dove stavano seduti, come si usava nell'antichità, i notabili della città, che chiacchieravano tra di loro e hanno voluto essere intrattenuti da noi. Abbiamo dovuto raccontare di Federico II e la loro partecipazione verso questo grande Re era talmente vivace che abbiamo nascosto loro la sua morte, per non diventare antipatici ai nostri ospiti a causa di una notizia così nefasta.»

( Johann Wolfgang von Goethe , Viaggio in Italia )

Lasciò Caltanissetta il giorno successivo, diretto a Castrogiovanni , e ancora una volta si trovò in difficoltà poiché non riuscì a trovare un ponte che gli consentisse di attraversare il fiume Salso , e quindi dovette guadarlo con l'aiuto di alcuni uomini. Il passaggio per l'entroterra siciliano fu un'esperienza complessivamente negativa per il poeta tedesco ei suoi compagni di viaggio, con i quali, dopo aver passato una "notte spiacevole" a Castrogiovanni, giurò «solennemente di non scegliere mai più una meta lungo la strada solo per via di un nome mitico». [57]

Ottocento

Da città feudale a capovalle

Nel 1812, con la promulgazione della nuova costituzione siciliana su spinta degli inglesi, la feudalità venne abolita in tutta l'isola. Le vecchie comarche vennero sostituite da 23 distretti, ciascuno facente capo a un "capoluogo di distretto" scelto tra «le popolazioni più cospicue e più favorite dalle circostanze locali». [59] Caltanissetta, nonostante il passato feudale, venne elevata a capoluogo del proprio distretto , ma fu soltanto il primo passo verso l'affermazione come centro principale dell'entroterra siciliano. Nel 1817 venne introdotta una nuova riforma amministrativa che prevedeva la soppressione dei tre valli storici e l'istituzione di sette "valli minori", o province; Caltanissetta veniva elevata a "capovalle" di un'inedita provincia interna, costituita da tre distretti (Caltanissetta, Piazza , Terranova ) e ventotto comuni. La riforma del 1817 riconobbe l'autonomia amministrativa alla Sicilia centrale ed elevò Caltanissetta al rango delle principali città siciliane, tra cui Palermo, Messina, Catania e Siracusa. [60]

Il nuovo ruolo di città capovalle implicò la presenza di nuovi organi istituzionali: la riforma del 1817 prevedeva infatti che le città capovalli fossero anche capoluogo di intendenza, e quindi sede dell'intendente (figura con poteri simili a quelli del prefetto) e del Consiglio d'intendenza ; strettamente correlato all'istituto dell'intendenza, venivano istituiti anche il Consiglio provinciale, presieduto dall'intendente stesso e costituito da quindici membri, e un archivio provinciale. Un'altra novità derivante dalla riforma amministrativa vi fu l'istituzione del Comune, al vertice del quale veniva posto un sindaco coadiuvato dal primo eletto e dal secondo eletto; il sindaco presiedeva il decurionato, di fatto l'odierno consiglio comunale. Primo intendente di Caltanissetta fu Antonino Di Sangiuliano, e il primo sindaco fu il barone Mauro Calafato. Nel 1819 la città fu interessata dagli effetti della riforma dell'ordinamento giudiziario, che istituì nei capoluoghi il Tribunale civile e la Gran Corte criminale, da ospitare nello stesso edificio; [61] presidente del Tribunale, che a Caltanissetta aveva competenze anche in materia di controversie commerciali, fu nominato Mauro Tumminelli , che aveva sostenuto la candidatura di Caltanissetta a città capovalle. [62] Dopo quattro secoli di dominio feudale, il patrimonio immobiliare del demanio a Caltanissetta era scarso, e l'improvvisa richiesta di tanti edifici per altrettante istituzioni non fu facile da soddisfare; lo stesso intendente dovette nominare un sostituto nell'attesa che venisse reperita una sede adeguata per l'intendenza. [61]

Monsignor Antonino Maria Stromillo , 1º vescovo di Caltanissetta.

L'accresciuta importanza di Caltanissetta all'interno del panorama statale è dimostrata anche nel provvedimento varato dal re Ferdinando I nel 1824, che, nell'ambito della razionalizzazione degli enti amministrativi, riorganizzava l'isola in quattro province facenti capo rispettivamente a Palermo, Messina, Catania e Caltanissetta; a quest'ultima sarebbe stato riconosciuto il ruolo di città baricentro per tutta la Sicilia centro-meridionale, tramite l'annessione dell'intero territorio della provincia di Girgenti ; tale riforma fu osteggiata dalle parti coinvolte, in particolare da Siracusa e Girgenti, che sarebbero state private del ruolo amministrativo, tanto che venne ritirata già nel 1825, a seguito della morte di Ferdinando I, prima di poter essere promulgata. Nel 1828 vide la luce un altro progetto di riforma, che prevedeva la soppressione della provincia di Girgenti, a favore ancora una volta della provincia nissena, a cui sarebbero andati i distretti di Girgenti e di Bivona , mentre il distretto di Sciacca sarebbe stato assegnato alla provincia di Trapani . Anche questo provvedimento venne ritirato a seguito delle vive proteste di Girgenti. [60]

Nel 1844 la città completava il proprio quadro istituzionale diventando sede vescovile, con la creazione della diocesi di Caltanissetta dallo scorporo della diocesi di Girgenti . La questione era stata sollevata dinnanzi al Parlamento napoletano già qualche anno prima dal deputato Giuseppe Cinnirella, che si impegnò fortemente a risolvere quell'apparente contraddizione che vedeva Piazza sede di una propria diocesi , ma subordinata amministrativamente a Caltanissetta, a sua volta subordinata da un punto di vista ecclesiastico a Girgenti. [60]

In appena un trentennio Caltanissetta era stata trasformata da grosso centro feudale a importante polo istituzionale dotato di organi amministrativi, giudiziari e religiosi, sancendo il passaggio da città agricola di proprietà dei Moncada a città industriale di rilievo mondiale nel settore estrattivo.

Le strade rotabili la collegavano a Piazza Armerina , Barrafranca e Canicattì fin dal 1838 , ma la ferrovia arrivò solo nel 1878 , con l'apertura della stazione ferroviaria e la costruzione della via Cavour, che doveva collegare lo scalo al centro della città. Nel 1867 giunse l' illuminazione a gas , nel 1914 l'arrivo dell' elettricità permise l'apertura del primo cinematografo .

Tuttavia la città fu colpita dal colera nel 1837 e successivamente per altre due volte ( 1854 e 1866 ).

I fatti del 1820, l'anno dell'assassinio

L'insurrezione del 1820 a Palermo

Nell'estate del 1820 scoppiarono dei moti di matrice carbonara a Napoli e Palermo, che la concessione da parte di Ferdinando I di una nuova costituzione ricalcata su quella di Cadice non riuscì a placare. La rivolta popolare di Palermo portò alla nascita di un governo separatista che mirava al ripristino del Regno di Sicilia (soppresso in seguito alla fusione con il Regno di Napoli), e per tale motivo si rifiutò di ratificare la costituzione. Le mire indipendentiste di Palermo però non erano condivise dalle altre città siciliane, e solo Girgenti appoggiò l'iniziativa. La necessità di Palermo di ricevere l'appoggio di tutta l'isola, spinse la Giunta provvisoria a forzare la mano, costringendo i centri maggiori ad appoggiare la rivolta. Gli occhi vennero puntati in particolare su Caltanissetta, grosso centro nell'entroterra militarmente sguarnito, dove era prevalso l'atteggiamento moderato del sindaco Angelo Rizzo: egli fece affiggere i manifesti che annunciavano la promulgazione della costituzione, e nei giorni successivi tutti i funzionari vi giurarono fedeltà. [63]

Il principe Salvatore Galletti di Fiumesalato si rese disponibile a guidare una rivolta contro Caltanissetta, forte del fatto che la sede del suo titolo nobiliare fosse proprio la vicina San Cataldo , ove si stabilì già dal 7 agosto per arruolare uomini dalle campagne e dai vicini paesi con la promessa del bottino. La situazione sempre più tesa preoccupò i nisseni a tal punto che il 10 agosto portarono in processione la statua di San Michele per chiederne la protezione dalla guerra, ma il saccheggio delle campagne intorno alla città era già iniziato.

Il comportamento moderato e lealista dell'élite nissena era dettata dalla preoccupazione di perdere i privilegi ottenuti grazie all'elevazione a capovalle solo qualche anno prima. Tali timori vennero confermati dalle condizioni dettate dai sancataldesi per la stipula della resa: essi chiedevano tra le altre cose, anche la soppressione dell'intendenza, del Tribunale civile e della Gran Corte criminale, cioè tutti quegli istituti concessi alla città dai Borbone. Tuttavia, mentre le trattative erano ancora in corso, un gruppo di nisseni armati intraprese uno scontro contro le truppe di Galletti appostate sul monte Babbaurra, a metà strada tra Caltanissetta e San Cataldo, ottenendo un'effimera vittoria. Agli occhi dei sancataldesi l'aggressione armata apparve come un tradimento, ragion per cui Galletti diede inizio alle operazioni militari.

Dopo aver riconquistato le postazioni di Babbaurra, gli assalitori si diressero verso il convento della Madonna delle Grazie, all'ingresso di Caltanissetta, dove si era asserragliata la resistenza; entro la sera del 12 agosto [64] chiunque vi si trovasse all'interno venne ucciso, e le truppe rivoluzionarie ebbero libero accesso alla città, che venne saccheggiata e devastata per due giorni. La guerriglia, costituita non da militari professionisti, ma da povera gente attratta dalla speranza di un bottino a cui si unirono anche altre persone provenienti dai paesi vicini, ben presto non rispose più ai comandi del principe Galletti, che per ristabilire l'ordine si vide costretto a inviare in città una banda armata proveniente da Naro , ea costituire una giunta provvisoria. Nei giorni successivi dei cannoni furono posizionati sul monte San Giuliano e puntati verso la città, con l'intenzione di raderla al suolo, ma il 7 settembre l'arrivo delle truppe borboniche guidate dal generale Costa mise in fuga i rivoltosi e pose fine alla violenze.

Decreto reale con il quale Caltanissetta fu insignita del titolo di fedelissima

La rivolta, oltre a causare ingenti danni materiali, era costata la vita a 45 persone, tanto che il 1820 venne ricordato come "l'anno dell'assassinio"; [64] la notizia delle violenze perpetrate ai danni di Caltanissetta si sparse velocemente e molte città siciliane si affrettarono a inviarvi aiuti. Con la repressione dei moti in tutto il Regno delle Due Sicilie , furono messi a processo ben 1313 imputati per i fatti di Caltanissetta, anche se vennero condannati soltanto i mandanti della rivolta, tra cui lo stesso principe Galletti, che nel frattempo si era dato alla latitanza, mentre gli autori materiali del saccheggio furono rilasciati con l'amnistia e l'indulto del 1825. Nello stesso anno il nuovo re Francesco I concesse alla città il titolo di fedelissima come riconoscimento alla lealtà dimostrata nei confronti del regno. Nonostante tutto, i fatti del 1820 causarono ferite che non si rimarginarono per lungo tempo; il decurionato, per dare lavoro agli strati più umili della popolazione, avviò una serie di opere pubbliche, tra cui la ricostruzione delle statue dei reali, distrutte dai ribelli, e la realizzazione di un nuovo giardino pubblico, l'odierna villa Amedeo . [63]

La rivoluzione siciliana del 1848

La città aderì ai moti rivoluzionari e indipendentisti del 1848 - 1849 , guidati da Ruggero Settimo , che ebbero termine proprio a Caltanissetta, dove fu firmata la capitolazione dei rivoluzionari.

Spedizione dei Mille e unità d'Italia

Garibaldi sbarca a Marsala , di Gerolamo Induno

La notizia dello sbarco dei Mille a Marsala ebbe delle conseguenze anche a Caltanissetta. Per scongiurare una rivolta popolare fu schierato l'esercito nel centro della città, e nei giorni che precedettero la presa di Palermo, vi si stanziò anche l'armata di circa cinquemila uomini del generale Gaetano Afan de Rivera . L'entusiasmo popolare, già timidamente manifestato in occasione dell'instaurazione della dittatura di Garibaldi da un ignoto che issò il tricolore sulle rovine del castello di Pietrarossa , esplose nell'insurrezione del 26 maggio, il giorno prima dello scoppio di quella palermitana , quando le truppe lasciarono la città e furono dichiarate decadute tutte le vecchie istituzioni borboniche. [65]

Il 17 giugno 1860 il nuovo consiglio civico di Caltanissetta, presieduto da Vincenzo Minichelli, deliberò la volontà di annessione della città al Regno d'Italia; contestualmente fu stabilito il cambio di denominazione della piazza principale della città, la piazza Ferdinandea, che fu intitolata a Garibaldi . Il 29 giugno successivo, la cittadinanza richiese a gran voce di integrare la delibera del consiglio civico con la sottoscrizione popolare del documento. La sera stessa furono raccolte le firme di 1064 notabili nisseni che espressero così il proprio consenso all'annessione. [66] [67]

Le colonne garibaldine guidate dal colonnello ungherese Ferdinando Eber giunsero a Caltanissetta il 2 luglio 1860, preceduti il giorno prima da un corpo d'avanguardia. Come racconta Mulè Bertolo , furono accolti da tutti gli strati della popolazione in festa, dai contadini alle più alte autorità civili e militari. I garibaldini entrarono in città sfilando sotto un arco di trionfo tappezzato di bandiere tricolori e sormontato da un ritratto di Vittorio Emanuele, allestito presso la porta di Santa Lucia. Insieme ai garibaldini arrivò in città anche lo scrittore Alexandre Dumas padre , che fu ospitato insieme al colonnello Eber nel palazzo del barone Francesco Morillo di Trabonella. Nei giorni della permanenza nissena, a Dumas fu concessa la cittadinanza onoraria: inchinandosi davanti alla statua del patrono san Michele, disse: «San Michele, io son cittadino caltanissettese, prendimi sotto la tua protezione». Il 7 luglio si tenne una festa presso la villa Amedeo, che il giovane Cesare Abba definì "festa da fate". Al plebiscito del 21 ottobre 1860 andarono a votare però poco più di duemila persone, i quali confermarono quasi all'unanimità l'adesione al nuovo stato unitario. [68]

Garibaldi tornò in Sicilia nel 1862 e dal 10 al 13 giugno stanziò a Caltanissetta, accolto dal popolo in festa come due anni prima, per convincere i giovani ad arruolarsi allo scopo di conquistare Roma e completare l'Unità d'Italia. Il ritorno di Garibaldi riaccese seppur momentaneamente gli entusiasmi e le speranze che si erano affievolite già nei mesi successivi al primo passaggio di Garibaldi, allorché non furono risolti molti dei problemi siciliani, anzi se ne aggiunsero di nuovi, tra cui l'introduzione della leva obbligatoria. [65]

Capitale mondiale dello zolfo

Dopo l' Unità d'Italia fu interessata da un grande boom economico dovuto soprattutto ad un'intensa attività mineraria, che però fu spesso accompagnata da varie sciagure: il 27 aprile 1867 morirono 47 persone a causa di un'esplosione di grisou nella miniera di Trabonella , 65 minatori persero la vita a Gessolungo il 12 novembre 1881 sempre per un'esplosione, e altri 51 nel 1911 a Deliella ea Trabonella .

Gaetani, Testasecca e Lo Piano

Ignazio Testasecca , nominato conte nel 1893 dal re Umberto I

Negli ultimi decenni del secolo, la vita politica nissena fu dominata da due figure importanti: Berengario Gaetani (che fu sindaco dal 1891 al 1894 e poi dal 1897 al 1911 ) e Ignazio Testasecca , importante imprenditore minerario che venne eletto alla Camera dei deputati per ben otto legislature consecutive nel collegio di Caltanissetta [69] . Durante la sindacatura di Gaetani si realizzarono numerose opere pubbliche, come l'allargamento della strada che conduceva al Convento dei Cappuccini , che fu intitolata alla Regina Margherita , mentre Testasecca donò mezzo milione di lire per la costruzione di un ospizio di beneficenza in contrada Palmintelli, a lui intitolato, che gli valse il titolo di conte concessogli da re Umberto I tramite motu proprio [70] . Altra figura politica di rilievo fu quella dell'avvocato Agostino Lo Piano Pomar , che fu dirigente della sezione nissena dei Fasci siciliani e poi nel 1905 uno dei fondatori della Camera del Lavoro di Caltanissetta, che nasceva dalle rivendicazioni di giustizia sociale dei minatori nisseni [71] .

Novecento

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bombardamento di Caltanissetta .
Soldati americani e civili davanti alla cattedrale danneggiata dai bombardamenti (1943)

Nel 1920 le elezioni amministrative videro la vittoria del fronte social-riformista, con l'elezione a sindaco di Agostino Lo Piano Pomar , che però produssero numerosi disordini tra le varie formazioni politiche, alcuni dei quali sfociarono nell'uccisione di Gigino Gattuso , che verrà poi celebrato come "martire fascista" [72] . Durante la Seconda guerra mondiale , tra il 9 e il 13 luglio 1943 , Caltanissetta fu teatro di pesanti bombardamenti da parte delle forze aeree anglo-americane nel quadro dello sbarco degli Alleati in Sicilia , durante i quali persero la vita 350 civili. Tali eventi furono anticipati da un mitragliamento aereo occorso in città la notte tra il 17 e il 18 giugno precedenti. Inoltre, alla fine dello stesso mese, una colonna tedesca venne mitragliata nelle vicinanze del ponte Capodarso . Truppe americane sbarcarono a Licata la mattina del 10 luglio 1943 alle ore 2,45 nella spiaggia di Mollarella con la 3ª divisione fanteria e il 18 luglio occuparono la città.

Pochi mesi prima, il 21 marzo 1943 , un grave incidente ferroviario interessò un treno militare che trasportava 800 soldati del 476º battaglione costiero da Castrofilippo a Termini Imerese, causando 137 morti e 360 feriti [73] .

Pian piano Caltanissetta incominciò a rimarginare la maggior parte delle ferite ricevute in eredità dopo la guerra: negli anni cinquanta incominciò il restauro della Cattedrale, distrutta dai bombardamenti dell' aviazione americana nel 1943 e le strade erano state liberate dalle macerie negli anni precedenti. Negli anni cinquanta-sessanta, con l'approvazione di un nuovo piano regolatore, la città ha conosciuto una notevole espansione urbanistica, che ha portato alla nascita di nuovi quartieri e di nuove arterie di comunicazione. Nei primi anni settanta venne meno il settore dell'estrazione dello zolfo : la crisi irreversibile del settore, incominciata a partire dagli anni venti grazie al nuovo processo Frasch messo a punto negli USA , raggiunse in quegli anni il punto di non-ritorno e furono così chiuse anche le ultime solfare nissene.

Dopoguerra

La scalinata Cardinale Nava negli anni cinquanta, in seguito trasformata in strada carrabile
Salvatore Sciascia davanti alla sua libreria in corso Umberto

Sul piano politico, negli anni cinquanta si succedono ben sette sindacature: alla guida di Palazzo del Carmine si succedono Pietro Restivo ( 1948 - 52 ), Carmelo Longo ( 1952 - 54 ; 1954 - 56 ), Gioacchino Papa ( 1954 ), Ottavio Rizza ( 1956 - 57 ), Calogero Traina ( 1957 - 59 ) e Francesco Saverio D'Angelo ( 1959 - 61 ). Si tratta quasi sempre di esponenti della Democrazia Cristiana , con l'eccezione di Gioacchino Papa, primo sindaco comunista di un capoluogo siciliano, seppure per pochi mesi. [74] In questi anni il Comune approva il piano regolatore e di ricostruzione, un documento in cui vengono previste le nuove direttrici per l'espansionismo edilizio: in esso compaiono già alcune arterie fondamentali della futura parte moderna della città, come via Palmintelli e via Colajanni, nonché la presenza di due nuovi quartieri residenziali pensati per accogliere le famiglie dei minatori, il villaggio Santa Barbara e il quartiere De Amicis. Tuttavia, nonostante la presenza del piano di ricostruzione, anche a Caltanissetta, come in altre città siciliane, prende presto piede la piaga dell' abusivismo edilizio : sorgono così nelle attuali via Malta , piazza Europa, corso Sicilia, via Guastaferro, via Turati, via De Cosmi, via Leone XIII e via Aretusa numerosi complessi residenziali abusivi, anche destinati all'edilizia popolare. L'abusivismo non risparmia neppure vie prestigiose del centro cittadino, come il viale della Regione, viale Trieste e via Paladini. Per iniziativa pubblica, invece, sorgono anche i due complessi residenziali di INA Casa e UNRRA Casas . Nel 1954 - 55 vengono inaugurate anche la sede della Questura di via Catania e numerose scuole elementari e medie, mentre il nuovo Palazzo di giustizia , la cui costruzione incomincia proprio in questi anni, sarà inaugurato solo nel 1966 . L'anno successivo scoppia in città un vivace dibattito mediatico in merito alle proporzioni assunte dal fenomeno dell'edilizia selvaggia, di cui rappresenta il culmine la realizzazione della nuova sede provinciale della Banca d'Italia : un edificio moderno inserito senza alcun raccordo urbanistico nel quadro architettonico ottocentesco di corso Umberto I, in pieno centro storico. Pochi anni dopo, per volontà del sindaco Ottavio Rizza , viene inaugurato il basamento della Fontana del Tritone, opera di Tripisciano , nella centralissima piazza Garibaldi, che diventerà presto l'emblema della città, e viene deciso lo spostamento del Monumento ai Caduti della Grande Guerra nella sua sede attuale del viale Regina Margherita. Sempre al sindaco Rizza si deve l'entrata in servizio della prima ambulanza pubblica gratuita per i meno abbienti. Nel 1953 è edificato l'ostello della Gioventù sul monte San Giuliano , che sarà distrutto da un incendio doloso nel 1989. Gli anni cinquanta rappresentano anche degli anni di vivacità culturale alquanto insoliti per una piccola cittadina dell'entroterra. Artefice dello splendore culturale, che porterà alcuni letterati a definire la città con l'appellativo di “Piccola Atene”, può essere indubbiamente considerato Salvatore Sciascia . A lui si deve l'apertura di una libreria e di una piccola casa editrice nel pieno centro storico, la cui sede diventerà un autentico salotto letterario, frequentato da personalità come Elio Vittorini , Vitaliano Brancati , Salvatore Quasimodo , Luigi Monaco, Luigi Russo , Pier Maria Rosso di San Secondo e Pier Paolo Pasolini , del quale Sciascia pubblicherà nel 1954 anche una delle prime opere: Dal Diario . Nel 1948 Sciascia incomincerà anche la pubblicazione di “Galleria”, una rivista letteraria che continuerà a sopravvivere fino al 1986 . Sempre sul finire degli anni cinquanta si segnala anche l'apertura degli scavi archeologici nel sito di Sabucina .

Anni sessanta e settanta

Piazza Garibaldi negli anni sessanta

Gli anni sessanta non sono caratterizzati da un grande splendore economico per la città, che continua ad essere principalmente terra d'emigrazione, così come lo era stata nei decenni precedenti. La città, infatti, continua a vivere principalmente di agricoltura e di attività estrattive dello zolfo , queste ultime già in pieno declino. Nel 1962 è comunque motivo di vanto e di respiro per l'economia cittadina l'inaugurazione della prima edizione della manifestazione espositiva della Fiera Centro-Sicula, la quale continua a sopravvivere fino al presente. I sindaci che si succedono nel decennio sono Calogero Traina ( 1961 - 62 ; 1965 - 67 ) e Umberto Traina ( 1962 - 65 ). Nel 1967 sarà eletto Piero Oberto , il quale sarà successivamente travolto da alcune inchieste giudiziarie in merito al suo ruolo nell'abusivismo edilizio, che lo condurranno anche al carcere. Proprio durante il suo mandato, nel 1968, aveva visto la luce la proposta per il piano regolatore, che tuttavia sarà approvato solo oltre vent'anni dopo, nel 1993 .

Edificio in rovina della Solfara Trabonella

Gli anni settanta si aprono con le dimissioni, a seguito delle minacce ricevute, del sindaco neoeletto Raimondo Collodoro . A Collodoro subentreranno alla guida di Palazzo del Carmine, nell'ordine, Giuseppe Giliberto ( 1972 - 74 ; 1975 ; 1980 - 82 ), Giuseppe Sapia ( 1974 - 75 ), Vincenzo Assennato ( 1975 - 77 ) e Aldo Giarratano ( 1977 - 1980 ). Ancora sul finire del decennio, al di fuori di una specifica e organica regolamentazione urbanistica, si continuano ad aprire nuove vie di comunicazione e si inaugurano intere aree residenziali, come i quartieri-dormitorio Calcare, Balate e Pinzelli (con il contestatissimo agglomerato del cosiddetto “piano Geraci”). Nel corso del decennio vengono ammodernate le vie di comunicazione della città: nel 1971 è inaugurata la SS 640 di Porto Empedocle (oggi detta "Strada degli Scrittori") a scorrimento veloce, che diventa il collegamento più breve con Agrigento , in luogo del vecchio e tortuoso itinerario della SS 122 . Nel 1973 , invece, è inaugurata l' autostrada A 19 Palermo-Catania , infrastruttura di fondamentale importanza per tutta la Sicilia centrale. Tra il 1976 e il 1980 la città deve fare però i conti con più emergenze: inizialmente con l'epidemia di tifo ed epatite virale , dovute alle pessime condizioni delle reti idriche e fognarie, e successivamente con una legge regionale del 1979 che chiude la maggior parte delle miniere isolane, ormai largamente improduttive e in crisi. Sul piano culturale, gli anni settanta rappresentano la nascita di nuove emittenti radio-televisive locali, come Telenissa, Tele Centro Sicula e Radio Cl-1 . Nel 1975, invece, è fondata la Compagnia del Teatro Stabile Nisseno . Nel 1980, per iniziativa di padre Sorce, nasce l'Associazione Casa Famiglia Rosetta, dedita alla cura dei malati e dei tossicodipendenti, attiva.

Anni ottanta e novanta

Lo stadio Marco Tomaselli , a Pian del Lago

Gli anni ottanta sono segnati da cinque sindacature: a Giliberto seguono Raimondo Maira , che assumerà due mandati (1982-84; 1988-90), cercando anche l'accordo con i comunisti, Salvatore Vizzini ( 1984 - 85 ), Silvestro Coco (1985), e Massimo Taglialavore (1985- 88 ). Nel corso del decennio il Consiglio Comunale approva il primo piano regolatore industriale, cui ne seguiranno altri due; può così nascere il Consorzio ASI, con il determinante apporto della Regione. Di lì a poco viene inaugurata la Zona Industriale di contrada Calderaro. Anche in questo decennio prosegue l'espansionismo edilizio nisseno, dunque, che porta alla creazione di nuove aree residenziali; vengono altresì intrapresi i lavori di metanizzazione della città e prende avvio la privatizzazione del servizio di raccolta rifiuti. Nel 1979, dopo quindici anni di lavori, viene inaugurato il nuovo ospedale "Sant'Elia", che va a sostituire il vecchio nosocomio "Vittorio Emanuele II" ; contemporaneamente le varie amministrazioni comunali che si succedono nel tempo incominciano la costruzione di numerosi impianti sportivi di medio livello, tra cui spicca l'appalto per i lavori, incominciati nel 1982 e terminati circa dieci anni dopo, per la realizzazione del nuovo campo sportivo di Pian del Lago . Nel maggio del 1992 sono ultimati anche i lavori per l'elettrificazione delle direttrici ferroviarie Palermo-Catania e Catania-Agrigento .

Gli anni novanta sono da annoverare come tra i più bui per Caltanissetta: oltre alla dilagante disoccupazione [75] , il decennio si caratterizza per l'inchiesta della magistratura sull'abusivismo edilizio e sulla collusione tra mafia e politica denominata "O perazione Leopardo" , scaturita dalle dichiarazioni del pentito sancataldese Leonardo Messina , che non risparmia politici, imprenditori e funzionari pubblici locali: vengono condotti numerosi arresti eccellenti, tra cui quelli di noti imprenditori edili nisseni come Francesco Cosentino, Pietro Di Vincenzo, Michele Biancucci e Santo Angilello, e persino l'ex sindaco Rudy Maira , una delle figure politiche più importanti della città, è accusato di essere il tramite politico con le cosche, accuse che però non troveranno mai conferma definitiva [76] [77] [78] . Travolto dalle accuse di collusione, si suiciderà anche il noto avvocato penalista nisseno Salvatore Montana [79] . Coinvolto nello scandalo, nel 1993 il Comune di Caltanissetta, all'epoca guidato da Aldo Giarratano , è commissariato ed affidato al commissario straordinario Onofrio Zaccone. Proprio mentre la città è travolta dallo scandalo giudiziario, essa è però onorata dalla visita del papa Giovanni Paolo II , in occasione della sua visita apostolica in Sicilia . Nel 1993 vengono celebrate le prime elezioni amministrative con la nuova legge elettorale ispirata al metodo maggioritario: le elezioni sono vinte da Peppino Mancuso , che reggerà il Comune fino al 1997 [80] . Al sindaco Mancuso si devono alcune opere pubbliche di rilievo e l'inaugurazione di nuovi impianti sportivi, la sistemazione della Villa Cordova, il “giardino della città”, la ripavimentazione della storica via Palermo e l'adeguamento della rete fognaria del nuovo quartiere di San Luca. Nello stesso periodo è inaugurato il CEFPAS, il centro permanente per la formazione del personale sanitario, una struttura di eccellenza regionale che entrerà in funzione nel 1996 [81] . Nello stesso anno a Caltanissetta, dalla collaborazione del Comune, della Provincia , di alcuni Atenei siciliani e di altri enti pubblici, è creato il Consorzio Universitario: in breve sono attivati alcuni corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia, Scienze della formazione , Relazioni pubbliche , Biologia e Ingegneria . Nel 1997 alle elezioni amministrative trionfa Michele Abbate ; al nuovo sindaco si deve la riapertura, dopo un lungo calvario, del Teatro Margherita , ad appena un anno dalla scomparsa di uno dei fondatori della Compagnia dello Stabile nisseno, Giuseppe Nasca. L'esperienza del giovane sindaco sarà tuttavia molto breve: nel 1999 Caltanissetta ottiene una triste ribalta nazionale a causa dell'attentato mortale al primo cittadino nisseno Abbate ad opera di uno squilibrato [82] ; alcuni anni dopo l'efferato omicidio, il sindaco Messana gli dedicherà il centro culturale comunale. Dopo il temporaneo affidamento del Comune al commissario Stefano Agliata, nel 1999 le elezioni confermano la vittoria del candidato di centro-sinistra Salvatore Messana .

Duemila

Lavori sulla strada statale 640 , oggi "Strada degli Scrittori"

Nel 2002 la zona nota come "Terrapelata", nel Villaggio Santa Barbara , è stata oggetto di una serie di dissesti idrogeologici dovuti al fenomeno delle " maccalube ". L'emergenza si ripresenterà in maniera ancor più intensa nell'estate del 2008 . [83] Nel 2004 Salvatore Messana ottiene un secondo mandato, confermandosi uno dei sindaci più longevi di Caltanissetta. Sul fronte della viabilità, nel 2006 vengono ultimati i lavori di completamento della strada statale 626 della Valle del Salso , a scorrimento veloce: l'arteria permette così di abbreviare i tempi di percorrenza tra Caltanissetta e Gela , il principale centro della provincia. Tuttavia anche sull'appalto di questi lavori sorgeranno inchieste giudiziarie per presunte infiltrazioni mafiose. [84] Nel 2009 , invece, sono incominciati i lavori di adeguamento a superstrada della strada statale 640 di Porto Empedocle , che collega Agrigento all' autostrada Palermo-Catania passando per Caltanissetta. [85] Al sindaco Messana si deve l'ideazione, [ senza fonte ] nel 2008, del progetto di riqualificazione urbanistica del centro storico nisseno noto come " La grande piazza ". Il progetto, il più ardito dal dopoguerra in poi, [ senza fonte ] perseguiva l'esigenza di riqualificare le due arterie principali della città vecchia, viale Vittorio Emanuele II e corso Umberto e la piazza Garibaldi: tal fine si è perseguita l'idea strategica di pedonalizzare tutta l'area del centro storico con un incremento dei servizi di trasporto pubblico, l'aumento di aree destinate a parcheggi per i veicoli di privati e la netta separazione di aree pedonali e carrabili. [86]

Galleria d'arte contemporanea nella salita Matteotti, realizzata nell'ambito del progetto "" La grande piazza "

Nel 2009 viene eletto sindaco Michele Campisi , sostenuto dal centrodestra. Negli anni della sua sindacatura sono entrati nel vivo i lavori del progetto La grande piazza, con la ripavimentazione di parte di corso Umberto (2012-2013). Nel 2012 la RAI annuncia l'imminente smantellamento del trasmettitore della città e la relativa antenna alta 286 metri, eretta nel 1954 e divenuta uno dei simboli della città, [87] che il sindaco Campisi cercò di scongiurare tramite l'acquisto, la cui procedura non è si è mai conclusa, [88] da parte dell'amministrazione comunale dell'intero impianto e dei terreni circostanti. [89] Alla fine del suo mandato, Campisi non si ricandiderà; gli succederà nel 2014 Giovanni Ruvolo , indipendente, sostenuto dal centrosinistra. Nel frattempo proseguono i lavori del progetto La grande piazza, con la ripavimentazione di corso Vittorio Emanuele (2014-2015) [90] [91] e il recupero del rifugio antiaereo sotterraneo della Salita Matteotti, i cui lavori sono incominciati nel 2015. [92] La progressiva riqualificazione di nuove aree a seguito di tali lavori, spingerà l'amministrazione Ruvolo a perseguire politiche volte alla limitazione del traffico automobilistico nel centro storico tramite la pedonalizzazione definitiva di corso Umberto [93] e piazza Garibaldi , e l'istituzione della zona a traffico limitato in corso Vittorio Emanuele. [94] che però lo renderanno impopolare tra i commercianti ei residenti delle zone interessate, [95] tanto che una protesta [96] spingerà il sindaco a sostituire l'isola pedonale di piazza Garibaldi con una ZTL limitata al fine settimana. [97] Dal 15 maggio 2019 inizia il mandato di Roberto Gambino , sostenuto dal Movimento cinque stelle, eletto sindaco dopo aver sconfitto al ballottaggio il candidato del centrodestra Michele Giarratana.

Note

  1. ^ Zone archeologiche > Gibil Habib , su Piccola Atene (archiviato dall' url originale il 22 marzo 2016) .
  2. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , I primi abitanti , pp. 5-8.
  3. ^ a b c d e Zaffuto Rovello, 1991 , I primi insediamenti , pp. 11-27.
  4. ^ a b c Zaffuto Rovello, 1991 , pp. 29-42 .
  5. ^ ( LA ) Goffredo Malaterra, De rebus gestis Rogerii Calabriae et Siciliae comitis et Roberti Guiscardi ducis fratris eius , IV libro, XI secolo. URL consultato il 9 dicembre 2014 .
  6. ^ Luigi Santagati, Nuove considerazioni sulla fondazione di Caltanissetta ( PDF ), su storiapatriacaltanissetta.it , c, Anno III - N. 4 gennaio-Giugno 2009, 138 e succ..
  7. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , I Normanni , pp. 12-15.
  8. ^ a b Santagati, 1989 , p. 47.
  9. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Goffredo di Montescaglioso , pp. 15-16.
  10. ^ Santagati, 1989 , p. 53.
  11. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Federico II di Svevia , pp. 16-17.
  12. ^ Daniela Vullo, Alessandro Ferrara e Giuseppe Dell'Utri, Storia, architettura e restauro del complesso conventuale di Santa Maria degli Angeli a Caltanissetta , a cura di Daniela Vullo, Caltanissetta, Paruzzo editore, 2016, pp. 11-26, ISBN 978-88-6164-426-7 .
  13. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La guerra di successione , pp. 19-21.
  14. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La dominazione angioina e la guerra del Vespro , p. 22.
  15. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Federico III re di Sicilia , pp. 25-26.
  16. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Caltanissetta contesa , p. 27.
  17. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Il vicariato di Giovanni di Randazzo , p. 30.
  18. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , Cesarea Lancia ed Eleonora d'Aragona , pp. 30-33.
  19. ^ Santagati, 1989 , p. 56.
  20. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Il vicario Guglielmo Peralta , pp. 33-35.
  21. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , Il regno dei Martini , pp. 36-37.
  22. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Sancho Ruiz de Lihori , pp. 39-40.
  23. ^ Santagati, 1989 , p. 58.
  24. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Matteo Moncada, primo conte di Caltanissetta , pp. 40-41.
  25. ^ Santagati, 1989 , p. 61.
  26. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Antonio Moncada , pp. 42-43.
  27. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , Il ceto mezzano e la gestione della città feudale , pp. 43-45.
  28. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Gli ebrei a Caltanissetta , pp. 45-46.
  29. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La vita religiosa , pp. 47-50.
  30. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La lotta alle eresie , pp. 86-88.
  31. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , I Moncada, una signoria illuste , pp. 51-52.
  32. ^ Santagati, 1989 , p. 64.
  33. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La rivolta del 1516 , pp. 52-54.
  34. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Il nuovo ceto mezzano , pp. 54-56.
  35. ^ Santagati, 1989 , p. 66.
  36. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La città nuova , pp. 59-61.
  37. ^ Santagati, 1989 , pp. 64-65.
  38. ^ Antonio Vitellaro, Padre Girolamo da Caltanissetta, Camillo Genovese e la cultura a Caltanissetta nel Settecento , in Archivio Nisseno , n. 4, Caltanissetta, Società Nissena di Storia Patria , gennaio-giugno 2009, p. 84.
  39. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , Il governo di donna Aloysia , pp. 65-66.
  40. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Splendore di una corte principesca , pp. 61-63.
  41. ^ Santagati, 1989 , p. 65.
  42. ^ tra piazza Garibaldi e la villa Cordova
  43. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , Vita di corte , pp. 56-58.
  44. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La milizia urbana , pp. 58-59.
  45. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , Un nuovo spirito religioso , pp. 66-69.
  46. ^ Santagati, 1989 , p. 73.
  47. ^ Santagati, 1989 , pp. 73-74.
  48. ^ Santagati, 1989 , p. 76.
  49. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , Luigi Gugliemo Moncada , pp. 70-71.
  50. ^ a b c Zaffuto Rovello, 2008 , La fondazione di nuovi paesi e la crisi economica , pp. 75-77.
  51. ^ Santagati, 1989 , p. 74.
  52. ^ Santagati, 1989 , pp. 75-76.
  53. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La congiura antispagnola , pp. 77-78.
  54. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La questione delle terre comuni , p. 73.
  55. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La battaglia di Caltanissetta , pp. 82-86.
  56. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , La battaglia politica per la demanializzazione della città , pp. 93-96.
  57. ^ a b c Il viaggio in Sicilia di JW von Goethe ( PDF ), su Azioni Parallele , pp. 45-49. URL consultato il 1º marzo 2019 .
  58. ^ Santagati, 1989 , pp. 87-89.
  59. ^ Costituzione siciliana del 1812
  60. ^ a b c Torrisi , pp. 21-36.
  61. ^ a b Torrisi , pp. 157-166.
  62. ^ Zaffuto Rovello, 2008 , pp. 97-100.
  63. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , pp. 100-107 .
  64. ^ a b Giuseppe Saggio e Daniela Vullo, Un giardino borbonico dell'Ottocento. Villa Isabella a Caltanissetta , Caltanissetta, Paruzzo, 1998, pp. 11-16.
  65. ^ a b Zaffuto Rovello, 2008 , Il 1860, entusiasmi e delusioni , pp. 135-137.
  66. ^ Antonio Vitellaro, Campane, cavalli, muli e tela per la rivoluzione ( PDF ), in Il Fatto Nisseno , marzo 2011, pp. 22-23. URL consultato il 21 giugno 2018 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  67. ^ I Mille a Caltanissetta , su Piccola Atene . URL consultato l'8 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 2 giugno 2016) .
  68. ^ L'Unità d'Italia a Caltanissetta , su Piccola Atene . URL consultato l'8 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2015) .
  69. ^ Profilo di Ignazio Testasecca , su storia.camera.it .
  70. ^ Alessandro Barrafranca, Testasecca, il sindaco filantropo diviso tra politica e beneficenza ( PDF ), in Il Fatto Nisseno , novembre 2011, p. 6. URL consultato il 24 settembre 2016 (archiviato dall' url originale il 4 aprile 2016) .
  71. ^ Scioperi e rivendicazioni operaie degli zolfatari - Associazione Amici della Miniera - Caltanissetta , su amicidellaminiera.it . URL consultato il 3 aprile 2019 (archiviato dall' url originale il 20 ottobre 2016) .
  72. ^ Patrizio Gattuso lancia il guanto a Camilleri per l'avo Gigino - La Repubblica , su ricerca.repubblica.it .
  73. ^ La tragedia del treno dimenticata: il 21 marzo 1943 a Xirbi morti 137 militari, 360 i feriti , su ilfattonisseno.it . URL consultato l'8 settembre 2015 .
  74. ^ Il compagno Gioacchino Papa eletto sindaco di Caltanissetta ( PDF ), in l'Unità , 11 dicembre 1954. URL consultato il 31 ottobre 2020 .
  75. ^ QUI CALTANISSETTA 30 SU 100 A SPASSO - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  76. ^ INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/08035 presentata da PECORARO SCANIO ALFONSO (FEDERAZIONE DEI VERDI) in data 30/11/1992 , su dati.camera.it .
  77. ^ COLPO MORTALE ALLA ' NUOVA MAFIA' - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 4 maggio 2021 .
  78. ^ DIECI ANNI DI MALAFFARE TRA VOTI E APPALTI COMPRATI - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  79. ^ GIU' DAL BALCONE L'AVVOCATO DEL BOSS - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  80. ^ CALTANISSETTA, RIMONTA MSI SVANISCE IL SOGNO PROGRESSISTA - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 29 marzo 2021 .
  81. ^ LA MEGASCUOLA DEGLI SCANDALI - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 25 marzo 2021 .
  82. ^ la Repubblica/fatti: Caltanissetta, il sindaco ucciso a coltellate , su www.repubblica.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  83. ^ Regione Siciliana – Dipartimento della Protezione Civile, Emergenza "Maccalube" dell'11 agosto 2008 nel comune di Caltanissetta – Descrizione dell'evento e dei danni ( PDF ), pp. 1, 23. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  84. ^ Alessandro Farruggia, Cede un giunto, il viadotto si spezza - È panico sulla Caltanissetta-Gela , su Quotidiano.net , 22 maggio 2009. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  85. ^ Anas, Sicilia: cerimonia di posa della prima pietra dei lavori di realizzazione del primo tratto della Agrigento-Caltanissetta , su stradeanas.it , 9 marzo 2009. URL consultato il 14 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 18 agosto 2016) .
  86. ^ La Grande Piazza a Caltanissetta - Architetto Orazio La Monaca , su lamonacaarchitetto.it . URL consultato il 3 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale il 5 febbraio 2013) .
  87. ^ E' vero: l'antenna di Caltanissetta sarà abbattuta. , su Portale Italradio , 24 settembre 2012. URL consultato il 14 novembre 2012 .
  88. ^ Caltanissetta. L'allarme di Giuseppe D'Antona: l'Antenna Rai potrebbe essere abbattuta , in Il Fatto Nisseno , 22 gennaio 2016. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  89. ^ Gioacchino Amato, Caltanissetta non abbatte l'antenna più alta d'Italia , su Repubblica.it , 12 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  90. ^ Corso Vittorio Emanuele, iniziano i lavori e le polemiche , su AciNews , 8 settembre 2014. URL consultato il 14 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 27 ottobre 2017) .
  91. ^ I dissuasori in piazza, sono stati apposti i paletti in corso Vittorio Emanuele , su TFN web , 15 luglio 2015. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  92. ^ Salvatore Mingoia, Caltanissetta: salita Matteotti rinascerà, aggiudicati i lavori , in Giornale di Sicilia (edizione Caltanissetta) , 11 gennaio 2015. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  93. ^ Caltanissetta, isola pedonale nel centro storico: commercianti divisi fra favorevoli e contrari , 26 giugno 2014. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  94. ^ Stefano Gallo, Caltanissetta, traffico in centro: via alla rivoluzione , 4 gennaio 2016. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  95. ^ Stefano Gallo, Ztl a Caltanissetta, esplode la protesta , 23 febbraio 2016. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  96. ^ Commercianti contro la ztl nel centro storico di Caltanissetta , in Giornale di Sicilia (edizione Caltanissetta) , 23 gennaio 2016. URL consultato il 14 novembre 2016 .
  97. ^ Alberto Sardo, Il sindaco riapre al transito Piazza Garibaldi. Entro giugno arredo urbano e nuova illuminazione , su Radio CL1 , 2 febbraio 2016. URL consultato il 14 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 14 novembre 2016) .

Bibliografia

  • Luigi Santagati, Storia di Caltanissetta , Caltanissetta, Edizioni Lussografica, 1989.
  • Rosanna Zaffuto Rovello, Universitas Calatanixette 1086-1516 , Caltanissetta, Salvatore Sciascia Editore, 1991.
  • Luigi Santagati, Fatti politici di Caltanissetta , Caltanissetta, Paruzzo Editore, 1993.
  • Claudio Torrisi, Ottocento nisseno. Istituzioni e società , Caltanissetta, Edizioni Lussografica, 1997.
  • Rosanna Zaffuto Rovello, Storia di Caltanissetta , Palermo, Edizioni Arbor, 2008, ISBN 88-86325-35-5 .
  • Rosanna Zaffuto Rovello, Aldo Lipani, Enrico Curcuruto, Valerio Cimino e Luigi Garbato, L'epoca dorata - Caltanissetta capitale mondiale dello zolfo , Caltanissetta, Rotary Caltanissetta, 2015.

Altri progetti