Udine

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Udine
comú
Udine - Escut d'armes Udine - Bandera
Udine - Vista
En sentit horari: plaça Libertà amb la lògia de San Giovanni i el castell, l'àngel del castell, la catedral, plaça Matteotti, la loggia del Lionello, via Mercatovecchio
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Friuli-Venècia-Giulia-Stemma.svg Friuli Venècia Júlia
EDR Província d'Udine-Stemma.svg Udine
Administració
Alcalde Pietro Fontanini ( Lliga Nord ) del 14-5-2018
Territori
Coordenades 46 ° 04'N 13 ° 14'E / 46.066667 ° N 13.233333 ° E 46.066667; 13.233333 (Udine) Coordenades : 46 ° 04'N 13 ° 14'E / 46.066667 ° N 13.233333 ° E 46.066667; 13.233333 ( Udine )
Altitud 113 m aixi
Superfície 57,17 km²
Habitants 99 613 [1] (28-2-2021)
Densitat 1 742,4 habitants / km²
Fraccions Godia, Beivars, San Bernardo, Laipacco, Baldasseria Alta, Baldasseria Medium, Baldasseria Bassa, Cussignacco, Gervasutta, Cormor Alto, Cormor Basso, Rizzi, Paderno
Municipis veïns Campoformido , Pagnacco , Pasian di Prato , Pavia di Udine , Povoletto , Pozzuolo del Friuli , Pradamano , Reana del Rojale , Remanzacco , Tavagnacco
Altra informació
Idiomes Italià , friülà
Codi Postal 33100
Prefix 0432
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 030129
Codi cadastral L483
Placa UD
Cl. sísmic zona 2 (sismicitat mitjana) [2]
Cl. climàtic zona E, 2 323 GG [3]
Anomenar habitants Udine
Patró sants Ermacora i Fortunato
Festa 12 de juliol
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Udine
Udine
Udine - Mapa
Posició del municipi d'Udine a l'antiga província homònima
Web institucional

Udine ( AFI : / ˈudine / [4] ; Udin en friülà [5] ) és una ciutat italiana de 99 613 habitants del Friül-Venècia Júlia , considerada la capital històrica del Friül [6] : antiga capital de la província de amb el mateix nom , és la seu de l’ òrgan homònim de descentralització regional (EDR), establert per la llei regional núm. 21 ("Exercici coordinat de funcions i serveis entre les autoritats locals de Friuli Venècia Júlia i establiment d'òrgans regionals de descentralització"), i operatiu a partir de l'1 de juliol de 2020.

Geografia física

Territori

La ciutat es troba al centre de la històrica regió del Friül . Es troba, en línia recta, a poc més de 20 km d' Eslovènia i a uns 54 km d' Àustria . Això el situa en una posició estratègica, a la intersecció de l’est europeu-oest ( corredor V o mediterrani ) i nord-sud ( via Iulia Augusta , ara reconeguda per la Unió Europea com a part del corredor bàltic-adriàtic [7] ) , de camí a Àustria i Europa de l'Est.

Neix a l’ alta plana , al voltant d’un turó aïllat (segons la llegenda construïda per Àtila per admirar l’incendi que ell mateix va provocar a la ciutat d’ Aquileia , però en realitat està format per roques conglomeràtiques de més de 100.000 anys d’antiguitat), a la part superior del qual es troba el castell , a pocs quilòmetres dels turons, i limita amb la riera de Cormor a l'oest i la riera de la Torre a l'est.


Vistes des del castell
Vista panoràmica des del castell de la ciutat d'Udine cap a l'horitzó nord-oest, nord i nord-est de Friuli
Vista sud
Vista sud-oest
Vista oest
Vista nord-oest
Vista nord-oest

Clima

El clima d’Udine és principalment temperat continental , amb temperatures força elevades a l’estiu i relativament rígid a l’hivern, però amb menys continentalitat que les ciutats de la vall del Po central i occidental. L’hivern és l’estació menys plujosa, mentre que a l’estiu són freqüents les tronades, fins i tot acompanyades de fortes calamarsades. En general, sembla ser una de les capitals de província més humides d’Itàlia. [8] Tanmateix, Udine és una de les zones amb menys neu de les planes del nord, amb uns 10 cm de nevades anuals. La disminució en comparació amb les primeres dècades del segle passat, però, és inferior a la de moltes ciutats del nord-oest d’Itàlia (13 cm la mitjana a Udine el 1910 , Torí va perdre uns 28 cm de neu, passant dels 55). a 27). Després de la dècada 1991-2000, amb una nevada mitjana molt baixa (4 cm), la dècada actual presenta un augment moderat (mitjana de 12 cm), gràcies a les fortes nevades del 2005 i del 2010 . Les nevades més abundants des del gener de 1985 (30 cm d’acumulació) van ser:

  • Gener de 1987 (40 cm)
  • 31 de desembre de 1996 (10 cm)
  • 21 de febrer de 2005 (8 cm)
  • 3 de març de 2005 (15 cm)
  • 29 de desembre de 2005 (20-25 cm)
  • 17 de desembre de 2010 (10-15cm).

Les acumulacions de nord a sud de la ciutat són sovint diferents: de fet cap al nord hi ha menys molèsties del vent i sovint una major exposició als corrents de SO, autèntics defensors de les rares nevades a Udine. La configuració de neu clàssica per a Udine és la formació d’una depressió mínima al golf de Ligúria i la seva translació cap al golf de Venècia , amb la formació simultània d’un mínim d’ulleres. Un cas excepcional va ser el gener del 85, on un "coixí fred" va resistir els vents sirocencs formats amb les extraordinàries temperatures dels dies anteriors (rècord fred amb -14,8 ° C).

Mes Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Curs
Temperatura màxima mitjana (° C) 7 9 13 17 22 25 28 28 24 19 13 8 17.7
Temperatura mínima mitjana (° C) -1 1 3 7 11 15 17 17 13 9 4 0 8.2
Pluja (mm) 89 72 103 119 126 136 79 90 99 124 107 104 1248
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: estació meteorològica Udine Centro , estació meteorològica Udine Campoformido i estació meteorològica Udine Rivolto .

Orígens del nom

Topònim preromà, G. Frau hipotetitza una formació a partir de l’arrel * oudh- / * udh- ʿmammellaʾ → ʿcolleʾ, seguit d’un sufix “no del tot clar”. Atestacions: Udene (983), Utinum (llatinització de Ud-; al voltant de 1000) altres erudits deriven el nom del culte per a les nimfes undines que eren venerades en aquest lloc en època preromana i romana. Una altra possible etimologia és la derivació del llombard * Wotan, o un altre nom del déu Odín [ es necessita una cita ] , Pare dels déus. De fet, els llombards , població d'origen germànic, es van establir en aquesta zona cap al segle VI . No és casualitat que Cividale del Friuli fos un centre important d’aquesta població.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història d’Udine .

Capital de la regió històrica de Friuli , ha estat habitada des del neolític [9] , període al qual es remunten les restes d’un antic Castelliere que es va desenvolupar al voltant del turó del castell fa uns 3500 anys [10] . Tot i que les troballes arqueològiques que es remunten al segle I aC testimonien la seva existència fins i tot en època romana [11] , la ciutat d'Udine va augmentar la seva importància gràcies a la decadència d' Aquileia primer i després de Cividale .

Esmentat amb motiu de la donació del castell de la ciutat per l’ emperador Otó II el 983 amb el nom d’Udene, a partir del 1222 es va convertir en una de les residències dels patriarques d’Aquileia , gràcies al patriarca Bertoldo di Andechs que es va traslladar de Cividale a Udine. arran d’un terratrèmol que va danyar la seva residència (25 de desembre). Degut a la seva centralitat, cada vegada va ser més preferit pels patriarques, que més tard van fer construir el palau patriarcal allà. Al segle XIV Udine es va convertir en la ciutat més important de la regió per al comerç i el trànsit en detriment d' Aquileia i Cividale del Friuli. El 7 de juny de 1420 , després de la guerra entre Venècia i el Patriarcat d'Aquileia, la ciutat va ser conquistada per les tropes venecianes, marcant la caiguda i la fi del poder temporal dels patriarques. Família noble friülana de referència en nom de la sereníssima de la ciutat la dels Savorgnan, l'escut de la qual la família esdevé, de fet, la de la ciutat.

La guerra civil de 1511

El pla de perspectiva de 1652 atribuït a Joseph Heintz el Jove , es conserva als museus cívics del castell

La ciutat d'Udine es va veure afectada, a partir del 27 de febrer de 1511 , per una guerra civil que va passar a la història amb el nom de zoiba greix cruel que va resultar sagnant i aviat es va estendre a tot el Friül. Per agreujar les condicions de la població es va produir, els dies immediatament posteriors, un violent terratrèmol després del qual es van desenvolupar nombrosos incendis i l’ensorrament del castell de la ciutat. Finalment, però no menys important, la plaga va empitjorar la situació. [12] Lligat a la Zoiba Grassa hi ha l'origen friülà de Romeu i Julieta, dos joves, Lucina i Luigi, pertanyents a les famílies rivals de Savorgnan i Da Porto. [13]

Del domini venecià a la Primera Guerra Mundial

Tina Modotti , actriu, fotògrafa i revolucionària, a la pel·lícula de 1920 Tiger Skin
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de la República de Venècia .

Sota el domini de la República de Venècia del 1420 al 1797 , Udine es va convertir en la cinquena ciutat de la República en importància i població i ho va ser fins a finals del segle XVIII [14] . Amb la caiguda de la República de Venècia , Udine es torna francesa a causa de les campanyes napoleòniques. Després de la Restauració, Udine va veure la transició cap al Regne Llombard-Vèneto , que va quedar sota la sobirania de l' aleshores imperi austríac .

El 1848, durant la Primera Guerra d'Independència , la ciutat es va aixecar contra els austríacs juntament amb la resta del Friül. Es va crear un govern provisional a Palmanova sota la direcció del general Carlo Zucchi . L'exèrcit dels Habsburg va prendre Palmanova, va calar foc a moltes ciutats veïnes i finalment va bombardejar Udine, que va capitular. Aquests fets van ser contats amb passió per l’escriptora Caterina Percoto , testimoni ocular dels fets. El 1866 es va produir l’annexió al Regne d’Itàlia .

Des de la Primera Guerra Mundial fins a finals del segle XX

Gaetano Perusini , neuropsiquiatre, descobridor de la malaltia d' Alzheimer juntament amb Alois Alzheimer

Durant la Primera Guerra Mundial, Udine va ser, fins a la derrota de Caporetto , la seu de l' alt comandament suprem militar italià , tant que va rebre el sobrenom de " capital de guerra ". Des del 17 d'agost de 1915 també va ser la seu del 2n grup (més tard 2n grup volador ). L'hospital psiquiàtric de Sant'Osvaldo, a pocs quilòmetres del comandament militar de les operacions de guerra, s'havia transformat el 1916 en hospital militar. Els malalts mentals van ser traslladats a altres hospitals italians, però a l’hospital encara hi havia mil pacients, alguns d’ells militars.

Just al costat de l’hospital es va construir un dipòsit de municions. El 27 d'agost de 1917 a les 11.00 hores, el dipòsit de municions va explotar i va provocar un desastre per al qual mai es va reconèixer el nombre exacte de víctimes civils i militars i que va provocar la destrucció completa de les cases d'una enorme zona de l'església de Sant'Osvaldo i el jardí d’infants de Sant'Osvaldo. El desastre, provocat probablement per la subestimació del perill de municions i emmagatzematge de gas per part de l'exèrcit italià, va passar a ser censurat per les autoritats militars, a més en els mesos presents a la ciutat per dirigir la guerra, i és recordat per la gent d'Udine amb el nom d '" explosió de Sant'Osvaldo " o "la Polveriera di Sant'Osvaldo". [15] Menys de dos mesos després va seguir la derrota de Caporetto , el 24 d'octubre de 1917 .

En la primera postguerra la ciutat es va convertir en la capital de la província de Friül , que incloïa l'aleshores província de Gorizia (fins al 1927 ), i les actuals províncies de Pordenone (fins al 1968 ) i Udine. Després del 8 de setembre de 1943 fou posat sota l'administració militar directa del III Reich a la zona d'operacions de la costa adriàtica que va cessar amb el final de l'ocupació alemanya l'abril de 1945 . El 6 de maig de 1976 la ciutat va ser afectada pel desastrós terratrèmol de Friül . Tot i que el nombre de víctimes no va ser elevat a Udine, el municipi i els ciutadans van contribuir substancialment a la reconstrucció, organitzant ajuts a la població afectada. Després del desastrós terratrèmol, Giuseppe Zamberletti va ser nomenat comissari de protecció civil pel govern italià. Precisament en aquella ocasió va néixer una moderna i organitzada Protecció Civil italiana.

Els anys de plom també van colpejar la ciutat. El 1978 va ser víctima el mariscal Antonio Santoro .

Símbols

Escut del municipi

L’escut del municipi d’Udine és un escut blanc i negre coronat per una corona ducal, que també incorpora l’escut de la família Savorgnan . A la corona ducal es col·loca un cavall en ascens. L’escut està envoltat per una branca de llorer i roure, lligada per una cinta tricolor a la qual es fixa la medalla d’or al valor militar.

Honors

La ciutat va ser decorada amb el mèrit de la creu de guerra (1915-1918) [ sense font ]

War Merit Cross: cinta per a uniforme ordinari Creu del Mèrit de la Guerra

Udine es troba entre les ciutats decorades amb valor militar per a la guerra d'alliberament pels sacrificis de les seves poblacions i per la seva activitat en la lluita partidista durant la Segona Guerra Mundial , concedida a la ciutat per a tot el Friül:

Medalla d’or al valor militar: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla d’or al valor militar
«Fidel a les tradicions dels pares, desitjós de redimir-se de la tirania i de renéixer a la llibertat, el poble friülà, després del 8 de setembre de 1943, es va oposar compactament a l'opressió alemanya i feixista, lluitant durant 19 mesos una lluita que fa olor de llegenda. Per domesticar la seva resistència, els alemanys van liderar i llançar, en esforços desesperats, famoses hordes de mercenaris, mentre que el malgrat feixista al servei de la barbàrie delatava la generosa sang del poble. La fe ardent i el valor indomable del poble friülà van guanyar les represàlies, el terror i la fam. Els dies brillants de la insurrecció, els seus vint mil partidaris, alineats des de les muntanyes fins al mar, s’enlairaren amb heroisme èpic per retornar la seva terra a la vida i a la llibertat. Dos mil sis-cents morts, mil sis-cents ferits, set mil deportats, vint mil perseguits encara senten ansietats i angoixes en l’esperit i la crema de ferides i tortures a la seva carn, testimonien el sacrifici sagnant i gloriós que ofereix el poble, a la mare comuna, i pels focs ardents dels països van destruir la flama sagrada de l’amor per Itàlia i la llibertat puja al cel. Setembre 1943 - Maig 1945 "
- 4 de juny de 1947 [16]
Títol de ciutat: cinta per a uniforme ordinari Títol de ciutat
"Ciutat reial"
- Llicència Imperial Regia, 24 d’abril de 1815

Aniversaris

Les principals celebracions a la ciutat d'Udine:

Monuments i llocs d'interès

Vista de la Via Mercatovecchio, al cor de la ciutat

Des del punt de vista urbà, la ciutat d’Udine conserva l’empremta típica de les ciutats medievals. La ciutat es va desenvolupar al voltant del turó del castell, al centre, expandint-se a partir del segle X (hi va haver cinc muralles successives, fins al segle XV, amb portes i portes relatives).

Entre els monuments més famosos: el Castell situat en un turó que domina la ciutat, el Duomo , la Loggia del Lionello , el Palau Arquebisbal amb frescs de Tiepolo , la Piazza Libertà i la Piazza Matteotti , d'estil venecià, que representa el cor de la ciutat. juntament amb via Mercatovecchio . Pel que fa a les obres modernes, cal destacar el Teatro Nuovo Giovanni da Udine , inaugurat el 1997 , el projecte porta la signatura de l’enginyer Giuliano Parmegiani i l’arquitecte Lorenzo Giacomuzzi Moore.


Loggia del Lionello
La Loggia del Lionello
La Loggia del Lionello a la nit
La façana
La Loggia i la Piazza Libertà
Sota el pòrtic
Sota el pòrtic
Sota el pòrtic
Sota el pòrtic amb vista de la Loggia di S. Giovanni

Arquitectura de la plaça Libertà i el castell

  • Loggia del Lionello
    Construït en bandes alternes de pedres blanques i roses, té vistes a la plaça Libertà central (anteriorment anomenada Contarena i "Vittorio Emanuele II"). Es tracta d’una lògia pública d’estil gòtic venecià, les obres de la qual van començar el 1448 per Bartolomeo delle Cisterne a partir d’un disseny de l’orfebre Nicolò Lionello i van acabar el 1457 . Als segles següents va patir diverses modificacions i, arran del desastrós foc que el va destruir el 1876 , va ser restaurat per Andrea Scala, que va mantenir la fe amb els dissenys originals. La majoria de les obres que hi eren presents ara es conserven al museu de la ciutat. Entre aquests, recordem el cicle de llenços de la Sereníssima República de Venècia i la Mare de Déu amb nen de Giovanni Antonio de 'Sacchis , datat el 1516 .
  • Loggia i temple de San Giovanni
    Davant de la lògia Lionello hi ha la lògia i el temple de San Giovanni, construït el 1533 per l'arquitecte llombard Bernardino da Morcote . La seva realització comportà nombrosos problemes, tant a nivell urbà com pràctic. L’obra resultant té un vague sabor Brunelleschi . L'església, antigament dedicada a Sant Joan, s'utilitza ara com a petit temple dels caiguts. També davant de la lògia Lionello, hi ha les estàtues d’Hèrcules i Cac, atribuïdes a Angelo de Putti.
Loggia de San Giovanni i Torre
La loggia de San Giovanni amb la torre del rellotge
El pòrtic de San Giovanni, al fons la torre okupa del campanar de la catedral
Detall de la torre del rellotge
Detall del lateral de la torre del rellotge
Detall de la part posterior de la torre del rellotge
La loggia de San Giovanni amb el castell
La loggia de San Giovanni
La loggia de San Giovanni
  • Torre del Rellotge
    Incorporada a la lògia de San Giovanni, la torre es va construir el 1527 segons un disseny de Giovanni da Udine que es va inspirar en la torre veneciana de la Piazza San Marco . A la part superior hi ha els dos moriscos que toquen les hores sobre una campana, les actuals escultures de coure es remunten al 1852 i han substituït les originals de fusta.
  • Arco Bollani i l'església de Santa Maria a Castello
    Des de la plaça Libertà, continueu per la pujada al castell, on travessareu l' arc de Bollani , del 1556 , dissenyat per Andrea Palladio i superat pel lleó de Sant Marc . A continuació, es passa per la lògia de Lippomano, datada el 1487 . Això condueix a l' església de Santa Maria di Castello , la més antiga de la ciutat. Recolzada contra l'església de Santa Maria hi ha la "casa de la Confraria", un edifici medieval restaurat el 1930 . Al seu costat s’alça l ’“ arc Grimani ”erigit el 1522 en honor al duge del mateix nom, ubicat originalment a la via Portanuova i remuntat aquí el 1902 , a través de l’arc s’arriba a la plaça del castell.
  • El castell
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Castell d’Udine .
La façana posterior del castell i la plaça
La imponent construcció domina el turó i tota la ciutat d’Udine. Des de temps immemorials, hi havia un jaciment fortificat al turó testimoniat pel neolític i les restes romanes trobades al turó del castell. Després de nombroses alteracions, aquesta última va resultar greument danyada en el terratrèmol de 1511 . El 2 d'octubre de 1517 es va iniciar la reconstrucció, que no obstant això va durar molt de temps, a causa de la manca de fons, la vastesa i la complexitat de les obres. Aquests van ser inicialment confiats a Giovanni Fontana, que va abandonar la ciutat renunciant al càrrec el 1519 .
La casa de la Contadinanza

L’aspecte romà del segle XVI de l’edifici, que el fa més semblant a una casa senyorial que a una infraestructura militar, es deu a la intervenció de Giovanni da Udine , que, a partir del 1547 , va reprendre i acabar el lloc de construcció. Altres segles següents es van fer altres canvis interns per poder utilitzar-lo per als usos més variats: presó, caserna, seu municipal, etc. El castell acull el saló del Parlament de la Pàtria de Friuli que data del segle XII i un dels més antics d' Europa .

  • Casa de la Contadinanza
    A la clariana herbosa situada al capdamunt del turó del castell, s’alça la casa de la Contadinanza on residien els representants dels camperols friulans, el tercer cos polític de la pàtria friülesa. El que es veu al segle XXI és la còpia que es va tornar a muntar el 1931 d’un edifici del segle XVI situat entre la via Vittorio Veneto i la via Rauscedo. Posteriorment, l’edifici va allotjar l’armeria del castell i, en èpoques posteriors, es va utilitzar com a sala per degustar productes típics friülans.

Arquitectures religioses

Udine és la seu arquepiscopal .

La façana de la catedral

Construït a partir del 1236 a instàncies del patriarca Bertoldo d’Andechs-Merania . La construcció es va acabar en cent anys. Al costat del Duomo hi ha el campanar amb el baptisteri, que alberga un petit Museu del Duomo.

Detall de la façana de l'església de Sant'Antonio Abate amb l'escut de la família Dolfin
Originalment era un edifici d'estil gòtic que es remunta al segle XIV , va ser erigit a instàncies del patriarca Nicolò de Luxemburg , i després transformat el 1733 amb la façana de Giorgio Massari , es troba a prop de la Piazza Patriarcato . Desconsagrat, s’utilitza com a auditori i acull exposicions i exhibicions.
A l'interior hi ha les tombes dels darrers quatre patriarques d'Aquileia : Francesco Barbaro , Ermolao Barbaro , Daniele Dolfin i Dionisio Dolfin .
La façana neoclàssica de l’església de Redentore
  • Església del Redemptor
    Es remunta al 1733 ; la façana, d'estil neoclàssic , va ser construïda un segle després per l'arquitecte friülà Giovanni Battista Bassi ; es troba a via Mantica.
  • Església de San Cristoforo, seu de la Missió Unida de Romania a Roma "San Cristoforo" (del 2002/2003)
    Aquí podeu admirar el bell portal d’estil renaixentista pur esculpit el 1518 per l’escultor llombard Bernardino da Bissone .
  • Església de Sant Francesc
    L’església fou consagrada el 1266 i amb el convent adjacent constitueix l’inici de la penetració de l’orde dels frares franciscans al Patriarcat d’Aquileia . Els frares van ser introduïts pel patriarca Bertoldo d’Andechs-Merania , amic personal de sant Francesc d’Assís . És considerada una de les esglésies més boniques de la ciutat per la seva línia franciscana pura i senzilla. A l’interior, format per una sola nau acabada en tres absis, hi ha frescos del segle XIV, molt desgastats; representen els exemples de pintura més antics de la ciutat. L'església (desconsagrada) s'utilitza per a exposicions temporals, mentre que el convent és la seu del Tribunal .
  • Església de Sant Giacomo
    Erigida el 1378 a instàncies de la "Confraria dels pellissers", inicialment com a capella després ampliada, es troba a l'antiga "Piazza delle Erbe", que més tard es va convertir en Piazza Matteotti, però més coneguda com a Piazza San Giacomo . La façana actual data de 1525 per Bernardino da Morcote , mentre que la capella lateral es va afegir després del 1650 . Al seu costat hi ha la "Capella de les ànimes" construïda el 1744 amb una pintura de Miquel Àngel Grigoletti a l' interior.
  • Església de San Giorgio
    Va ser construït a partir del 1760 , obert al culte el 1780 i només va acabar el 1831 a Borgo Grazzano. A l'interior hi ha un retaule del 1529 que representa Sant Jordi matant el drac, obra de Sebastiano Florigerio .
- l’església de San Pietro Martire

Palazzi

Palazzo del Monte di Pietà in via Mercatovecchio
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzi e architetture del centro storico di Udine .
Palazzo D'Aronco, sede municipale
Giovanni da Udine , pittore e architetto rinascimentale
  • Palazzo del Comune
    Tipico esempio d'architettura in stile Liberty del XX secolo è il palazzo del Comune o D'Aronco dal nome dell'architetto friulano Raimondo D'Aronco che lo progettò. Fu costruito a partire dal 1911 sul luogo di un precedente edificio del Cinquecento, fu ultimato nel 1932 .
  • Palazzo Valvason-Morpurgo
    Situato in via Savorgnana, in stile neoclassico risale al XVIII secolo e nel 1969 è stato donato al Comune di Udine, è dotato di un giardino con annessa loggetta. Dopo il restauro, ospita le "Gallerie del Progetto" che espongono gli archivi di architettura e design di proprietà dei Civici Musei; inoltre, è sede dell'Assessorato al Turismo e alla Cultura e di un punto d'informazioni turistiche.
  • Casa Cavazzini
    Storico palazzo, situato tra le vie Cavour e Savorgnana, di fronte alla sede municipale nel pieno centro storico. Oggetto di un lungo restauro, completato nel 2011, su progetto originario di Gae Aulenti , è ora sede del Museo di arte moderna e contemporanea . Il complesso è costituito dal cinquecentesco palazzo Savorgnan della bandiera e dalla contigua casa Cavazzini (donata al Comune dalla famiglia del commerciante e filantropo udinese Dante Cavazzini ). I restauri hanno portato alla luce ritrovamenti archeologici visibili al piano terra attraverso il pavimento in vetro: una vasca-cisterna veneziana del XVI secolo e un deposito di vasellame protostorico databile alla prima metà del ferro (seconda metà dell'VIII secolo aC), che costituisce il ritrovamento più antico documentato nel sito. Nell'appartamento Cavazzini sono presenti inoltre affreschi di Afro Basaldella , Mirko Basaldella e Corrado Cagli ; al primo piano del palazzo Savorgnan della Bandiera sono invece presenti degli affreschi assegnabili alla seconda metà del Trecento, testimonianze pittoriche di soggetto profano e di notevole importanza per lo studio della pittura gotica in area friulana. In una delle due sale dove sono stati ritrovati gli affreschi si sono conservate tracce di una decorazione raffigurante un tendaggio retto da giovinette e giovani a mezza figura secondo schemi ispirati all'iconografia di composizioni sacre. A giudicare dalla decorazione l'ambiente fu forse adibito ad alcova: i giovani infatti sorreggono il tendaggio come a proteggere l'intimità della stanza. Appartenente ad epoca successiva, invece, dovrebbe essere la decorazione della sala adiacente, con le pareti occupate interamente da comparti geometrici e da formelle quadrangolari a finto marmo con figure mostruose e fantastiche derivate dalle tradizioni del bestiario medioevale.
  • Palazzo Chizzola Mantica
  • Villa Veritti , progettata da Carlo Scarpa .
  • Casa di Giovanni da Udine
  • Casa natale di Tina Modotti , Via Pracchiuso 89

Teatri

Questi sono i principali edifici cittadini che ospitano manifestazioni teatrali e di spettacolo (per quanto riguarda gli enti e le associazioni teatrali si veda la sezione Cultura/Teatro):

  • Teatro Nuovo Giovanni da Udine
  • teatro comunale Palamostre
  • teatro San Giorgio
  • auditorium Menossi di Sant'Osvaldo
  • auditorium A. Zanon
  • auditorium Tomadini

Altre architetture

Essendo Udine una ex città industriale in seguito convertita al terziario, sono presenti numerosi siti di archeologia industriale , su tutti il sito delle acciaierie SAFAU nella parte sud della città e lo stabilimento dismesso Dormisch - Birra Peroni . Altri importanti siti come quelli delle acciaierie Bertoli nella parte nord della città e lo stabilimento della Birra Moretti a poca distanza dal centro storico sono stati demoliti per la realizzazione di lottizzazioni residenziali, direzionali e commerciali.

Fontane

Le principali fontane di Udine:

  • fontana del bergamasco Giovanni Carrara in piazza Libertà
  • fontana di piazza Matteotti
  • fontana del monumento alla Resistenza disegnato da Gino Valle

Piazze

Scorcio di piazza Matteotti, meglio conosciuta come piazza San Giacomo oppure piazza delle Erbe, con la chiesa di San Giacomo
  • Piazza Duomo
  • Piazza Garibaldi, anticamente e fino al 1866 era chiamata piazza dei Barnabiti o Antonini.
  • Piazza Libertà
  • Piazza Matteotti, chiamata in epoca medievale del mercato nuovo , in seguito detta piazza San Giacomo dopo la costruzione dell'omonima chiesa nel 1399 nome che popolarmente mantiene nel ventunesimo secolo.
  • Piazza I Maggio, detta anche giardin grande , nel 1866 fu chiamata piazza d'armi e nel 1900 fu intitolata, anche se non ufficialmente, a Umberto I in seguito alla sua morte [17] . La data dell'intitolazione odierna fa riferimento all'anno 1945 , in cui Udine fu liberata dall'occupazione nazista con l'arrivo in città delle truppe alleate.
  • Piazza Venerio, anticamente detta piazza della ghiacciaia e poi plazze dai lens ovvero piazza delle legna che ivi venivano smerciate. L'attuale piazza era occupata dal palazzo della famiglia nobile dei Savorgnan che nel 1549 , su ordine dei veneziani, fu fatto radere al suolo in seguito alla condanna per omicidio di Girolamo Savorgnan, fu quindi popolarmente soprannominata la piazza della rovina.
  • Piazza XX Settembre, detta anche piazza dei grani , in precedenza, era occupata da alcuni edifici della famiglia dei della Torre poi fatti demolire nel 1717 dal governo della Repubblica di Venezia , fu detta quindi piazza dei Torriani , nel 1868 fu acquisita dal comune. Dal 2011 è sede del mercato trasferitosi da piazza Matteotti. [18]
  • Piazzale Cella
  • Piazzale Chiavris
  • Piazzale Gabriele D'Annunzio
  • Piazzale Paolo Diacono
  • Piazzale Guglielmo Oberdan
  • Piazzale Osoppo
  • Piazzale XXVI Luglio 1866, la data fa riferimento all'arrivo in città delle truppe italiane e alla fine del dominio austriaco.

Le mura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Mura di Udine .

Nella città di Udine restano tracce o notizie di cinque cerchia di mura di cinta del centro urbano, costruite nell'arco di quasi cinquecento anni (tra l'XI e il XV secolo). Ancor più antico fu il terrapieno del castelliere , risalente all' età del bronzo .

Le rogge

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rogge della città di Udine .


Roggia a Udine

Delle sei rogge che l'attraversano nel Medioevo, sono sopravvissute la roggia di Udine e la roggia di Palma. Forse di origine romana, sono documentate (per la concessione d'uso ai mulini) al 1217 per la roggia di Udine, e al 1171 per quella di Palma. Proprio lo studio dei salti delle rogge cittadine permisero ad Arturo Malignani di divenire un pioniere nello studio delle centrali idroelettriche.

Udine è inoltre lambita, a ovest, dal Canale Ledra-Tagliamento , che è collegato alle due rogge dal Canale di San Gottardo .

Parchi e giardini

  • Parchi
    • Parco del Cormôr: sorge lungo l'omonimo torrente, e si sviluppa anche nei comuni di Martignacco, Campoformido e Pozzuolo del Friuli. Il parco comprende due zone, quella a nord vicino alla fiera ha una superficie di 258.765 m², la zona a sud nei pressi del viale Venezia ha una superficie di 66.759 m².
    • Parco del Torre: sorge lungo l'omonimo torrente, e si sviluppa anche nel comune di Remanzacco, si estende su una superficie di 69.478 m².
    • Parco urbano "Moretti" (già "parco Alfredo Foni"): sorge nell'area un tempo occupata dal demolito stadio Moretti nei pressi del viale Venezia si estende su una superficie di 66.900 m².
    • Parco urbano "Ardito Desio": sorge nei pressi dello Stadio Friuli e occupa una superficie di 28.733 m².
  • Giardini storici
    • Parco della Rimembranza: è uno dei giardini storici della città, costeggia per tutta la lunghezza via Diaz, da viale della Vittoria a viale Trieste occupando una superficie di 17.044 m².
    • Giardino Loris Fortuna: piccolo parco di 5.765 m² a fianco della centrale piazza I Maggio .
    • Area verde Giardin Grande: occupa la parte centrale di piazza I Maggio con una superficie di 19.406 m².
    • Area verde del piazzale del Castello: posto sulla sommità del colle del Castello con una superficie di 4.478 m².
    • Giardini del Torso: sorgono accanto all'omonimo palazzo in via del Sale su una superficie di 1.261 m², sono stati usati in passato per le proiezioni del cinema all'aperto durante l'estate.
    • Giardino Ricasoli : si trova nei pressi di piazza Patriarcato con una superficie di 1.002 m², qui ha trovato posto il monumento equestre dedicato a Vittorio Emanuele II collocato in precedenza in piazza Libertà. È attraversato dalla roggia di Palma.
    • Giardino Giovanni Pascoli: sorge nella zona di via Carducci e via Dante su 992 m².
  • Aree verdi
    • Area verde Ilaria Alpi: parco attrezzato con campo da tennis, campo da basket e giochi per i bambini su 7.523 m² in via Melegnano.
    • Area verde Lord Baden Powell: adiacente al centro storico, attrezzato con giochi per bambini su 4.538 m².
    • Area verde Ambrosoli: sorge nei pressi del Liceo Classico su 5.633 m².
    • Area verde McBride: sorge nei pressi del Palamostre su 9.490 m².
    • Area verde Umberto Saba: sorge in via Joppi su 12.102 m².
    • Area verde Marchiol: sorge in zona Baldasseria su 9.700 m².
    • Area verde Salgari: sorge in via Del Bon su 9.000 m².
    • Area verde Marcello D'Olivo: sorge in viale Afro su 9.228 m².
    • Area verde Cesare Scoccimarro: sorge in zona San Gottardo su 10.860 m².
    • Area verde Giacomo Della Mea: sorge in zona viale dello Sport su 10.620 m².
    • Area verde Robin Hood: sorge in zona Paparotti su 5.500 m².

Altre aree verdi di minori dimensioni sorgono in ogni quartiere cittadino. [19]

Società

Evoluzione demografica

Nonostante negli anni novanta ci sia stato un progressivo spopolamento del comune di Udine a favore dei comuni del circondario, l'andamento demografico nell'ultimo decennio è comunque positivo grazie all'immigrazione di cittadini stranieri. L'andamento demografico di Udine e del circondario nel suo complesso è quindi in crescita costante. Nel febbraio 2012 Udine ha di nuovo superato i 100.000 abitanti, per poi tornare ai 99.180 del 2019.

Abitanti censiti [20]

Etnie e minoranze straniere

Dei 4 capoluoghi di provincia della regione Friuli-Venezia Giulia, al 31 dicembre 2019 Udine ha la seconda più alta percentuale di residenti stranieri: 13.880 presenze ovvero il 14,0% della popolazione totale, superiore alla media regionale del 9,2%. [21] [22]

  1. Romania , 2642 (19,0%)
  2. Albania , 1677 (12,1%)
  3. Ucraina , 1187 (8,6%)
  4. Ghana , 761 (5,5%)
  5. Serbia , 628 (4,5%)
  6. Cina , 574 (4,1%)
  7. Nigeria , 560 (4,0%)
  8. Kosovo , 511 (3,7%)
  9. Filippine , 443 (3,2%)
  10. Marocco , 433 (3,1%)

Lingue e dialetti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua friulana e Dialetto veneto udinese .

A Udine, accanto alla lingua italiana , la popolazione utilizza la lingua friulana . Ai sensi della Deliberazione n. 2680 del 3 agosto 2001 della Giunta della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, la città è inserita nell' ambito territoriale di tutela della lingua friulana ai fini della applicazione della legge 482/99, della legge regionale 15/96 e della legge regionale 29/2007 [23] .
La lingua friulana che si parla a Udine rientra fra le varianti appartenenti al friulano centrale [24] .
In centro città è presente inoltre un dialetto veneto , l' udinese , tutelato dalla LR nr. 5 del 17 febbraio 2010 [25] [26] , eredità dei tempi della dominazione della città da parte della Repubblica di Venezia. Inizialmente diffuso tra le classi agiate e borghesi della città e utilizzato come simbolo dell'alto stato sociale, una volta estintasi la dominazione della Serenissima, l'udinese ha vissuto una fase d'espansione nell'Ottocento e si è diffuso anche a livello popolare grazie alla sua affinità con la lingua italiana. Le testimonianze letterarie del dialetto udinese sono ridotte al minimo, ma va sicuramente ricordato lo scrittore e giornalista udinese Renzo Valente che scrisse una serie di articoli autobiografici sulla vita della città rappresentando (con fine sensibilità e una sottile vena d'umorismo) il modo di parlare e di vivere della borghesia udinese.

Curiosità: il saluto friulano " Mandi " è stato utilizzato dal comico e cabarettista Marco Milano per dare il nome al suo personaggio "Mandi Mandi", un originale giornalista friulano che si collegava da Udine durante la trasmissione Mai dire Gol [27] .

Istituzioni, enti e associazioni

A Udine hanno sede la Provincia presso il palazzo Antonini-Belgrado in piazza Patriarcato , alcuni uffici e dipartimenti della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia ospitati presso il nuovo palazzo della Regione in via Sabbadini . La città è sede del comando Brigata alpina "Julia" .

  • Le strutture ospedaliere della città sono:
    • Azienda Ospedaliero-Universitaria "Santa Maria della Misericordia", dotato di circa 1400 posti letto
    • Istituto di medicina fisica e riabilitazione "Gervasutta", dotato di circa 100 posti letto
    • Casa di cura Città di Udine, ospedale privato convenzionato con il sistema sanitario regionale
  • Hanno sede a Udine diversi enti, istituzioni e associazioni di vario tipo, tra cui:
    • Società Filologica Friulana [28] , principale istituto regionale per lo studio, la valorizzazione e la promozione della lingua e della cultura friulana, riconosciuta dalla Regione autonoma e dal Ministero per i Beni culturali, fondata a Gorizia nel 1919;
    • Associazione Culturale Udine Sipario [29] , è un'associazione no profit costituitasi nel 1996 che si occupa dell'organizzazione di numerose e importanti attività culturali cittadine e ha dato costante sostegno alle istituzioni teatrali esistenti sul territorio.
    • Associazione Vicino-Lontano, è un'associazione culturale costituitasi nel 2004 , organizza ogni anno il "Premio letterario internazionale Tiziano Terzani ".
    • Centro Internazionale per le Scienze Meccaniche, con sede in piazza Garibaldi presso Palazzo Mangilli-Del Torso, fu istituito nel 1968 .
    • Deputazione di Storia Patria per il Friuli, con sede in via Manin, fu istituita nel 1918 al fine di «...raccogliere e pubblicare, per mezzo della stampa, studi, storie, cronache, statuti e documenti diplomatici ed altre carte che siano particolarmente importanti per la storia civile, militare, giuridica, economica ed artistica del Friuli». [30]
    • Ente Friuli nel Mondo, con sede in via del Sale, fu fondato nel 1953 per assistere i friulani all'estero e per coordinare le attività dei Fogolârs Furlans . Esso pubblica un mensile, Friuli nel mondo , che supera le 25.000 copie distribuite in 78 stati. Le attività dell'Ente sono informative, di collegamento e di mantenimento dell'identità friulana soprattutto tra le nuove generazioni.
    • Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, con sede in viale Ungheria, fu istituito nel 1970 .

Qualità della vita

Udine con la sua provincia si attesta in buone posizioni nelle classifiche sulla qualità della vita stilate dai due maggiori quotidiani economici e da Legambiente.

Anno Qualità della Vita
( Sole 24 Ore )
Qualità della Vita
( Italia Oggi )
[31]
Rapporto
Ecosistema Urbano
( Legambiente )
[32]
2004 11° [33] 17°
2005 16° (- 5) [33] 22° 18°
2006 13° (+ 3) [34] 56° 11°
2007 10° (+ 3) [35] 24° 20°
2008 17° (- 7) [36] 27° 22°
2009 17° (=) [37] 46° 33°
2010 15° (+2) [38] 11° (+35) [39] 30° (+3) [40]
2011 18° (-3) [41] 13° (-2) [42] (+22) [43]
2012 16° (+2) [44] 13° (+0) [45] (-1) [46]
2013 29° (-13) [47] ND° (--) 13° (-4) [48]
2014 21° (+8) [49] 14° (-1) 18° (-5) [50]
2015 18° (+3) [51] 17° (-3) 16° (+2) [52]
2016 (=) [53] (+10) 29° (-13) [54]
2017 10° (-1) [55] 10° (-3) 12° (+17) [56]
2018 24° (-14)
2019 16° (+8)

Cultura

Biblioteche

La sede della sezione moderna della Biblioteca civica "Vincenzo Joppi"
  • Biblioteca civica Vincenzo Joppi
  • Biblioteche dell' Arcidiocesi di Udine :
    • Arcivescovile , è una biblioteca di tipo storico-conservativo e possiede circa 11.000 volumi
    • Bartoliniana , conta oltre 10.000 volumi
    • del Seminario, biblioteca pubblica specializzata in opere storiche e teologiche, possiede circa 90.000 volumi
  • Biblioteca d'arte dei civici musei, ospita oltre 35.000 volumi, attivata agli inizi degli anni sessanta solo dal 1987 è aperta al pubblico nella sede del Castello di Udine, non effettua prestiti ma solo la consultazione.
  • Biblioteca del Museo friulano di storia naturale, possiede circa 38.000 volumi
  • Biblioteca dell' Istituto friulano per la storia del movimento di liberazione , possiede 35.000 volumi
  • Biblioteca della Società filologica friulana "GI Ascoli", ospitata nella sede di Palazzo Mantica in via Manin, sono conservati circa 20.000 volumi divisi nelle sezioni: generale, ladino dolomitico, romancio, catalano, Venezia Giulia, lingua e cultura friulana. La biblioteca svolge sia il servizio di consultazione che di prestito.
La sede del liceo classico Jacopo Stellini in piazza I Maggio con all'orizzonte le Alpi Giulie
Il liceo artistico Sello, sull'altro lato della piazza

Scuole

Sono presenti in città 21 scuole primarie suddivise in quattro circoli scolastici, 8 scuole secondarie , 11 istituti d'istruzione superiore tra i quali il Liceo Classico Jacopo Stellini , L'ISIS Caterina Percoto, con i suoi quattro indirizzi: musicale, linguistico, economico sociale e delle scienze umane; dal 1981 inoltre vi è la possibilità di frequentare il Conservatorio statale di Musica Jacopo Tomadini . L'ISIS Arturo Malignani di Udine è tra le prime scuole in Italia che forniscono un'eccellente preparazione nel campo dell'aerotecnica, l'ex comandante delle Frecce Tricolori Marco Lant ha frequentato questo istituto, da qui anche la notorietà della scuola. L'ISIS ha in dotazione strumentazioni donate dalle industrie per formare adeguatamente gli studenti, inoltre nell'hangar sono presenti velivoli tra cui il North American F-86 Sabre e l' Aermacchi MB-326 , altri costruiti dagli stessi studenti. L'istituto tecnico (ex commerciale) Antonio Zanon ,fondato nel 1866, ad opera del commissario regio Quintino Sella ;Tra gli insegnanti ricordiamo Giovanni Marinelli , geografo che dalla cattedra dello Zanon passò all'insegnamento universitario, lo scrittore Carlo Sgorlon ; tra gli allievi Bonaldo Stringher , governatore della Banca d'Italia , e lo scienziato Arturo Malignani . [57] . Alle suddette scuole pubbliche si affiancano alcuni istituti privati soprattutto nell'ambito delle scuole dell'infanzia .

Aermacchi MB-326 nell'hangar dell'ISIS A. Malignani

Università

Targa in friulano all'ingresso di Palazzo Florio, ex-sede del Rettorato

L' Università degli studi di Udine è stata fondata nel 1978 nell'ambito degli interventi per la ricostruzione del Friuli in seguito al terremoto del 1976 .

L'istituzione dell'università, in particolare delle facoltà di medicina e di magistero, era stata richiesta fin dagli anni cinquanta : il Comitato per l'università friulana, presieduto da Tarcisio Petracco , aveva raccolto 125.000 firme a favore della fondazione dell'ateneo.

Ha tra i suoi obiettivi, oltre alla ricerca e alla formazione, comuni a tutti gli atenei, anche quello di "contribuire al progresso civile, sociale ed economico del Friuli e di divenire organico strumento di sviluppo e di rinnovamento dei filoni originari della cultura, della lingua, delle tradizioni e della storia del Friuli" [58] .

L'università ha promosso la costituzione di diverse istituzioni:

I progetti d'impresa presentati dall'ateneo hanno inoltre vinto il "Premio nazionale dell'innovazione" nel 2003 , 2004 e 2006 .

Nel 2004 ha visto la luce, su spinta dei docenti laureatisi alla Scuola normale superiore di Pisa , la Scuola superiore dell'università di Udine , l'istituto d'eccellenza dell'ateneo friulano.

Nel 2014 viene fondata l'Accademia di Belle Arti di Udine GB Tiepolo. L'Accademia offre vari corsi quali Arti Visive, Comunicazione Web, Design, corsi di Lingua Italiana e corsi di alta specializzazione in Tatuaggio Artistico. [62]

Musei

Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo . Affresco, particolare di una scena biblica, Giacobbe

Media

Stampa

Quotidiani:

Periodici:

  • Il Friuli;
  • La Vita Cattolica;
  • La bancarella.

Radio

  • Radio Onde Furlane
  • Radio Spazio - la voce del Friuli
  • Radio Gioconda
  • Radio Italia Network nasce nel 1982 a Udine la famosa radio dance, che chiude definitivamente le sue trasmissioni nel 2018.

Televisione

Redazioni di Udine:

Teatro

Questi sono gli enti e le associazioni teatrali e cinematografici principali della città (per quanto riguarda gli edifici si veda la sezione Monumenti e luoghi d'interesse/Teatri):

  • CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli-Venezia Giulia
  • Teatro Club Udine
  • Civica accademia d'arte drammatica Nico Pepe
  • Ente regionale teatrale del Friuli-Venezia Giulia
  • Associazione teatrale friulana
  • CEC - Centro Espressioni Cinematografiche (Cinema Visionario e Cinema Centrale) [64]

Il teatro Club di Udine organizza dal 1971 il Palio Teatrale Studentesco Città di Udine, che vede come attori da 40 anni gli studenti delle scuole superiori di Udine.

Cinema

Dal 2000 grazie all'opera della FVG film commission si sono realizzate diverse produzioni cinematografiche che hanno avuto come location la città, tra queste: La ragazza del lago , Come Dio comanda , Riparo-Anis tra di noi di Marco Simon Puccioni.

Dal 1999 Udine è la sede del Far East Film Festival , un'importante rassegna cinematografica sul cinema del lontano Oriente.

Cucina udinese

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina friulana .
Frico con patate

La cucina friulana è caratterizzata da piatti sostanziosi come la polenta , il frico , le minestre ei minestroni, i prodotti dalla macellazione del maiale, la brovada e il musetto , le frittate, soprattutto con le erbe del territorio, la selvaggina, generalmente accompagnati da vino bianco ( taj di blanc ) o rosso ( taj di neri ).

Data la vicinanza e la facilità con cui si può raggiungere la Slovenia (mezz'ora da Udine) si sono introdotti nella cucina locale piatti della tradizione slava, in particolare il gulasch ei ćevapčići , accompagnati da polenta, e infine prodotti del territorio quali il prosciutto di San Daniele , la trota e gli asparagi. Relativa l'influenza della cucina goriziana (patate in tecia). Marginale, invece, l'influenza della cucina triestina su quella udinese, sopravvissuta quasi esclusivamente nell'offerta della jota e dei bolliti (cragno e porcina).

Importante la produzione di formaggi, in particolare del Montasio (detto in passato latteria ), ingrediente principale del frico , e dei salumi, fra i quali il prosciutto di San Daniele, il salame, la soppressa, il lardo, la lingua, il prosciutto cotto nel pane. Il pane ha la caratteristica forma del doppio cornetto. I piatti della cucina udinese si trovano nelle sopravvissute osterie udinesi.

Gubana
Strucchi

Fra i dolci, tipici sono la gubana e gli strucchi, i crostoli durante il periodo del carnevale e le favette fra i Dolci dei morti .

I principali vini della produzione locale sono, fra i grandi bianchi friulani, il Friulano , il Ramandolo , il Verduzzo , la Ribolla (vitigni Pinot , Picolit ), e fra i rossi, il Merlot , il Cabernet , (vitigno Refosco ). Notevole anche l'offerta delle grappe.

La cucina udinese, oltre che nelle osterie e nelle trattorie della cinta cittadina, si può trovare nelle sagre. In Borgo Grazzano, è tipica la sagra delle rane (crots). Da diversi anni Friuli Doc è un'importante vetrina dedicata alla cucina locale. Alcune pietanze vengono preparate in occasione di ricorrenze particolari. È il caso della trippa, preparata in brodo o in umido (vigilia di Natale), l'aringa con la cipolla il mercoledì delle ceneri , il vin brulè il giorno dell' Epifania .

La polenta

( FUR )

«Polente e so sûr»

( IT )

«Polenta e poi ancora polenta»

( detto popolare )

Un capitolo a parte merita la polenta , piatto principale della dieta delle famiglie più povere dei friulani e degli udinesi per almeno cento anni, dalla metà dell'Ottocento alla seconda guerra mondiale.

L'inchiesta Jacini sulle condizioni di vita della popolazione agricola italiana ( 1881 - 1886 ) riconosce come la polenta di granturco al momento dell'unificazione fosse l'unico alimento accessibile per la maggior parte delle famiglie friulane contadine. La grande prevalenza dell'uso del granturco sugli altri alimenti originava dalla distruzione dei raccolti delle patate a causa del fungo peronospora intorno al 1850 e dell'infezione della fillossera per la vite, oltre che dalla generale crisi agraria. La dieta povera a base di polenta poteva causare la pellagra per avitaminosi . Preparata nella cjalderie (paiolo) di rame sul fogolâr (caminetto), la farina di granturco cotta nell'acqua faceva da colazione, pranzo e cena per le famiglie di contadini. La polenta, a differenza della pasta, non si presta a molte varianti nella cucina. Laddove la pasta può essere lessata e condita, ma anche riempita, oppure fatta al forno in forma di pasticcio, aggiunta alle minestre, e persino aggiunta alla frittata, la polenta è poco versatile, e può essere servita solo cotta nel paiolo o al massimo pasticciata, ovvero preparata a strati con ragù o funghi. Con il mutamento delle condizioni di vita della popolazione e l'accesso della donna nel mondo del lavoro è diventata una pietanza assai più limitata nel consumo per via dei tempi di cottura necessari che consistono in almeno 45 minuti. Sostituita dal pane e dalla pasta, è diventata soprattutto un accompagnamento per gli spezzatini, i gulasch ei piatti di selvaggina, in sostanza un piatto invernale e persino di festa, oppure viene servita a fette nelle sagre, sempre con diversi accompagnamenti.

Eventi

  • Manifestazioni del ciclo Udine porta a Oriente :
    • Calendidonna (marzo), festival delle lettere, arti e scienze al femminile.
    • Far East Film Festival (aprile), dal 1997 Udine ospita una delle più importanti vetrine mondiali dedicate alla cinematografia asiatica. Organizzato dal Centro Espressioni Cinematografiche, si svolge ogni anno tra aprile e maggio al Teatro Nuovo Giovanni da Udine e nelle sale del cinema Visionario.
    • Vicino/Lontano - Premio Terzani (maggio), manifestazione culturale sul tema delle identità e delle differenze che si svolge dal 2005 dal giovedì alla domenica con dibattiti e conferenze tematiche che vedono la partecipazione di filosofi, scrittori, giornalisti e studiosi. Durante la manifestazione nella serata del sabato al Teatro Giovanni da Udine viene assegnato il Premio letterario internazionale intitolato al giornalista e scrittore Tiziano Terzani . Gli incontri, nelle prime edizioni si sono svolti presso la chiesa sconsacrata di San Francesco e all'ex mercato del pesce, nel 2008 si sono concentrati nella zona di piazza Libertà: nella sala Ajace della loggia e in un tendone appositamente allestito sullo sterrato della piazza.
  • Palio Teatrale Studentesco (aprile) è una rassegna teatrale che vede impegnati ogni anno da oltre 40 anni gli studenti delle scuole superiori di Udine.
  • Maratonina Città di Udine (settembre)
  • Festival internazionale di chitarra (giugno), si svolge nel salone del Parlamento al Castello
  • Free Cormor Rock (giugno), rassegna musicale e sportiva che si tiene presso il parco del Cormor
  • Udine Pedala (giugno), è una pedalata non competitiva che si tiene annualmente ed è aperta a tutti. La manifestazione è particolarmente famosa per essere entrata per ben due volte nel guinness dei primati con il record di partecipanti, la prima volta nel 1999 in cui alla partenza si presentarono 33.000 iscritti. L'anno successivo, nel 2000 , presero parte alla gara 48.015 persone battendo così il precedente record. [65] Nel 2006 ha cambiato denominazione in UdinBike .
  • Udinestate (giugno-agosto)
  • Udin&Jazz (giugno), rassegna musicale giunta alla diciottesima edizione (2008) cui hanno preso parte artisti quali Archie Shepp , Pat Metheny , Robert Fripp , BB King , Equality , Quintorigo , Dionne Warwick .
  • Rally del Friuli e delle Alpi orientali (agosto)
  • Friuli doc (settembre), è una rassegna enogastronomica che si tiene dal 1995 nelle principali piazze e vie del centro storico cittadino in cui vengono allestiti stand e punti di ristoro. La manifestazione si svolge nell'arco di quattro giorni, dal giovedì alla domenica ed ha come motto vini, vivande, vicende, vedute . L'edizione che ha sinora avuto più successo (2007) ha visto la presenza di oltre un milione e duecentomila visitatori.
  • Udine grazie alla presenza dello Stadio Friuli ospita spesso importanti manifestazioni musicali a livello nazionale ed internazionale, nell'estate 2009 si sono tenuti 3 importanti concerti che hanno visto la presenza di circa 120.000 spettatori [66] .
  • HomePage Festival , festival musicale annuale
  • Bianco&Nero
  • Conoscenza in Festa

Geografia antropica

Il comune ha un'estensione di 55,81 km² e ha un'altitudine di 113 m slm .

  • Patto per il Sistema Urbano Udinese
    Il 30 gennaio 2009 è stato sottoscritto a Udine il patto per il Sistema Urbano Udinese [67] tra i Comuni di Udine, Campoformido, Martignacco, Tavagnacco, Pasian di Prato, Pradamano, Tricesimo, Pozzuolo del Friuli, Pavia di Udine, Remanzacco, Pagnacco e Povoletto, con l'obiettivo di promuovere la cooperazione a livello sovracomunale nell'ambito dei settori dell'ambiente, mobilità e pianificazione.

Località

Da quando esistono le circoscrizioni le località sono considerate come quartieri cittadini. Alcune di esse sono periferiche al centro storico, come Cussignacco, Laipacco, Paparotti, Paderno, altre sono appena fuori, come Chiavris, una zona circostante ad una rotatoria inserita in piena città, per la quale oramai il termine località è del tutto fuorviante. In generale sono ancora poche le località non conurbate alla città, e sono ancora di meno quelle che conservano una definita identità di paese. Tra queste possiamo ricordare Beivars, Godia, che si trova a circa 6 km a nord-est dal centro cittadino, e San Bernardo che è situata anch'essa nell'estrema periferia nord-orientale del comune udinese e lambisce i confini dei comuni di Reana del Rojale e Povoletto .

I principali quartieri:

  • Baldasseria, Beivârs, Casali Sartori, Chiavris, Cormôr, Cussignacco, Gervasutta, Godia, Laipacco, Molin Nuovo, Paderno, Paparotti, Rizzi, San Bernardo, San Domenico, San Gottardo , Sant'Osvaldo, San Paolo, San Rocco, Sant'Ulderico, Vât, Villaggio del Sole.

Suddivisione amministrativa

Udine è amministrativamente suddivisa in sette circoscrizioni che comprendono quartieri cittadini. Fino al 2008 erano dotate di propri organi amministrativi ad elezione diretta, con l'entrata in vigore della nuova legge finanziaria questi organi rappresentativi sono stati soppressi e sostituiti da un consigliere comunale che funge da rappresentante circoscrizionale.

Circoscrizioni del Comune di Udine
Circoscr. Denominazione Zone km² Nr. abitanti [68] Nr. stranieri Strutture comunali
1 Udine centro centro storico 2,98 19.437 3.019 1 biblioteca
2 Rizzi - San Domenico - Cormor - San Rocco nord-ovest e ovest : v.le Venezia-S. Rocco, Cormor, centro studi, S. Domenico, Villaggio del Sole, Rizzi-Università-Stadio 10,23 21.169 2.507 2 biblioteche, 1 ambulatorio, 1 centro di aggregazione
3 Laipacco - San Gottardo est : S. Gottardo , Riccardo Di Giusto-via Cividale, via del Bon-Laipacco 9,88 14.637 1.673 1 biblioteca, 1 ambulatorio, 1 consultorio, 1 centro di aggregazione
4 Udine sud sud : stazione FS, Viale Palmanova-Baldasseria, Gervasutta-Partidor 6,18 9.454 1.349 1 biblioteca, 1 ambulatorio, 1 consultorio
5 Cussignacco Cussignacco-Paparotti 7,58 5.446 693 1 biblioteca, 1 ambulatorio
6 San Paolo - Sant'Osvaldo sud-ovest : S. Osvaldo-via Pozzuolo-via Lumignacco 4,23 5.527 747 1 biblioteca, 1 ambulatorio, 1 consultorio
7 Chiavris - Paderno nord : ospedale, Chiavris, Paderno, v.le Vat, Parco Nord-Molin Nuovo, Godia, Beivars 15,70 23.401 2.168 1 biblioteca, 1 ambulatorio

Suddivisioni storiche

A Udine sono presenti 7 borghi storici rientranti nell'area delimitata dalle antiche mura medievali facenti parte del centro storico e quindi della 1 circoscrizione, inoltre si aggiungono alcune contrade storiche al di fuori delle mura come il quartiere di Cussignacco. Attraverso il comitato dei borghi storici vengono organizzate feste e manifestazioni culturali in ogni borgo cittadino. I borghi sono:

  • Borgo Aquileia
  • Borgo Gemona
  • Borgo Grazzano
  • Borgo Poscolle
  • Borgo Pracchiuso
  • Borgo San Lazzaro
  • Borgo Villalta

Economia

Udine è al primo posto tra i quattro comuni capoluogo della regione per reddito imponibile medio ai fini Irpef (dati 2010). [69] [70] Le attività economiche peculiari del capoluogo friulano sono legate principalmente alla sua funzione amministrativa e culturale essendo sede di Provincia, Regione, ospedali, banche, scuole, università e vari enti e associazioni. Di grande importanza anche il ruolo del commercio che ha sempre caratterizzato Udine come città emporiale punto di riferimento per tutto il Friuli , di contro è andata via via perdendo il ruolo di città industriale, sono stati infatti chiusi i grandi stabilimenti soprattutto nel settore siderurgico ed alimentare , ad essi si sono sostituiti piccoli e medi insediamenti che hanno trovato spazi adeguati nella cosiddetta ZIU ovvero la Zona Industriale Udinese , presente a sud della città.

Industria

All'industria pesante in fase di generale declino, si è sostituito con successo il modello dell'azienda manifatturiera medio-piccola, a struttura generalmente familiare, derivante dall'esperienza dell' artigianato . Le industrie siderurgiche, un tempo presenti nel capoluogo friulano ( acciaierie Bertoli , SAFAU ) si sono trasferite nell'hinterland udinese ( ABS di Cargnacco ) oppure lontano dal capoluogo (come Pittini di Osoppo ). Hanno cessato la loro attività anche importanti stabilimenti dell'industria alimentare come la Birra Moretti e la sede di imbottigliamento della Coca-Cola .

Servizi

I grandi stabilimenti industriali sono stati sostituiti da una fitta rete di distribuzione commerciale di dimensioni medio-grandi concentrata specialmente a nord della città, sulla cosiddetta Tresemane o strada degli acquisti . Il settore terziario , soprattutto nell'hinterland udinese, ha raggiunto un grande peso economico e rappresenta circa 2/3 dell'occupazione totale. Sono presenti numerosi insediamenti della grande distribuzione organizzata e specializzata, nel territorio comunale sorgono 2 parchi commerciali e 3 ipermercati , nei vicini comuni dell'hinterland, esistono invece 5 centri commerciali (Martignacco, Pradamano, Tavagnacco, Cassacco e Basiliano) e 7 ipermercati. Sono presenti inoltre 2 grandi complessi cinematografici, i cosiddetti multiplex , rispettivamente con 2.500 posti in 12 sale e 2.122 posti in 11 sale. Nel centro cittadino opera un circuito di 5 sale ospitate in due cinema multisala con un totale di 722 posti.

Di una certa importanza anche il quartiere fieristico di UdineFiere [71] , sorto nell'area che ospitava l'ottocentesco Cotonificio Udinese presso Torreano nel confinante comune di Martignacco. Il complesso occupa una superficie di 240.000 m² ed è dotato di 9 padiglioni che con le aree esterne offrono un'area espositiva di 31.000 m². Vi si svolgono una decina di eventi annuali tra cui il salone internazionale della sedia e la fiera Casa moderna [72] . Nel 2006 in seguito alla fusione con la fiera di Gorizia si è costituita la Udine e Gorizia Fiere spa , nel complesso il polo fieristico conta su circa 500.000 visitatori annui.

Infrastrutture e trasporti

Strade

Essendo Udine una città situata in prossimità dei confini con Austria e Slovenia è interessata dal passaggio di strade internazionali. Fra le principali si ricordano:

La città è dotata di due tangenziali :

Ferrovie

La stazione di Udine è la più importante stazione della regione Friuli-Venezia Giulia per numero annuale di passeggeri ed è capolinea di cinque linee ferroviarie:

Esistevano in precedenza progetti di collegamento con Majano di cui rimangono tuttora delle tracce come il viadotto che passa sopra il Cormor nei pressi di Pagnacco , un viadotto in rovina che doveva passare sopra viale Vat e il terrapieno che segue il percorso dalla periferia di Udine fino a Pagnacco . Altro progetto era laferrovia Udine-Portogruaro il cui tratto comincia a Lestizza e termina nei pressi di Teglio Veneto ; l'intero percorso ora è utilizzato come strada provinciale denominata SP 95 che, proprio per questo motivo, viene chiamata "ferrata".

Nel piazzale antistante la stazione ferroviaria è presente la fermata del bus ÖBB Intercity per Villaco e Klagenfurt .

Dall'8 giugno 2008 , nel territorio comunale è presente una fermata ferroviaria situata nella zona orientale lungo la Udine – Cividale , la quale è denominata San Gottardo ed è a servizio dell'omonima frazione.

La città è dotata anche di altri impianti ferroviari, non aperti al servizio viaggiatori: il Posto di Movimento Vat , situato alla diramazione tra la ferrovia Pontebbana e la linea di cintura di Udine , e Udine Parco , sulla ferrovia Udine-Trieste .

Mobilità urbana

Il mezzo di trasporto più utilizzato è l'automobile, con una media di 64 auto private ogni 100 abitanti. [73] .

Il traffico urbano, specie negli ultimi anni, è molto consistente, spesso critico nelle zone del centro come via Poscolle, via del Gelso, via Zanon o nei dintorni come viale Leonardo da Vinci, viale Cadore, piazzale Osoppo (la zona più inquinata dalle polveri sottili), viale della Vittoria, viale Palmanova e via Martignacco [ senza fonte ] . Nonostante questo, Udine è una tra le poche città capoluogo italiane a non aver superato nel 2012 la soglia limite di polveri sottili in un anno previste dal decreto legislativo 155/2010 (35 giorni/anno con concentrazioni superiori a 50 µg/m3) [74] .

Il principale mezzo pubblico è l'autobus, che risulta essere molto utilizzato [ senza fonte ] . La Società Autoservizi Friuli-Venezia Giulia (SAF) gestisce il trasporto urbano. Sono attive 11 linee urbane, più altre linee speciali istituite nel periodo scolastico. Secondo lo studio divulgato da un'associazione ambientalista, nel 2012 Udine risultava la città italiana con il minor impatto ambientale dei mezzi pubblici [73] .

Fra il 1887 e il 1952 a Udine era attiva una rete tranviaria , elettrificata nel 1908, a scartamento metrico; un tratto di essa era comune alle tranvie Udine-San Daniele e Udine-Tarcento , che avevano quale principale terminal urbano la scomparsa stazione di Udine Porta Gemona.

Aeroporti

La città è raggiungibile con l'aereo dall'aeroporto del Friuli-Venezia Giulia, detto anche aeroporto di Trieste-Ronchi dei Legionari , distante 38 km; altro aeroporto è l' aeroporto di Udine-Campoformido che è aperto al solo traffico turistico e sportivo ed è distante 5 km. A 19 km da Udine è presente anche l' aeroporto militare di Rivolto , sede delle Frecce Tricolori .

Amministrazione

Gonfalone civico
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Udine .

Consolati

Gemellaggi

Fonte: Comune di Udine - ufficio gemellaggi

Città amiche

Sport

Squadre minori udinesi - quartiere - campionato 2013-14 [ Sono tutte enciclopediche? Fonti? ]

Nel femminile la Libertas Sporting Club Udine gioca in serie A-2 da 9 stagioni.

  • Rugby : l' Udine RFC milita in serie A (realmente A-2 essendo presente un campionato superiore chiamato Super-10)
  • Pallavolo : sia la squadra maschile che quella femminile disputano il campionato di B-1
  • Football americano : in A-2 ci sono i Draghi Udine
  • Pallamano : in serie A, dalla stagione 2008-09, milita la squadra femminile di pallamano del CUS Udine, l'Atomat, in serie B militava la squadra maschile di pallamano della Pallamano Malignani. La Campoformido Pallamano con 3 squadre; due femminili Under 16 e 18 e una squadra maschile di amatori.
  • Tennis Club Udinese.
  • Scuderia Friuli scuderia automobilistica del ACI Udine [75]
  • Scherma ASU: Associazione Sportiva Udinese , nata nel 1875 come Società di Ginnastica e Scherma. La sezione scherma ha contribuito a formare numerosi atleti, maestri e commissari tecnici di fama internazionale, come Dorina Vaccaroni , Margherita Granbassi e Andrea Magro . La squadra di calcio dell'ASU vinse nel 1896 il Primo campionato Nazionale del gioco del calcio, mai riconosciuto in quanto la Federazione Italiana Football venne creata solo nel 1898. [76]
  • Scherma storica : Sala d'Arme Achille Marozzo
  • Atletica leggera : Atletica Malignani Libertas Udine

Eventi sportivi

Il 5 giugno 1983 la città vede l'arrivo della tappa finale del 66º Giro d'Italia , vinto da Giuseppe Saronni . Nel mese di giugno del 1990 Udine ospita 3 incontri del Girone E dei mondiali di calcio di Italia '90 .

Impianti sportivi

Note

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ Luciano Canepari , Udine , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  5. ^ toponomastica ufficiale (DPReg 016/2014) , su arlef.it .
  6. ^ Touring Club Italiano , p. 36 .
  7. ^ FVG: Riccardi, anche la Bassa Friulana avrà ruolo di rilievo nel corridoio Baltico Adriatico: Ferpress
  8. ^ [1]
  9. ^ Palazzo Mantica ritorna a splendere - Cronaca - Messaggero Veneto , su messaggeroveneto.gelocal.it . URL consultato il 13 novembre 2012 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2013) .
  10. ^ Via Mercatovecchio, riportata alla luce la Udine di 3mila e 500 anni fa , su udinetoday.it . URL consultato il 17/04/2020 .
  11. ^ UDINE. Resti romani in via Mercatovecchio. , su archeocartafvg.it . URL consultato il 17/04/2020 .
  12. ^ Fonte: santuariocastelmonte.it Archiviato il 5 febbraio 2009 in Internet Archive .
  13. ^ [2] ,
  14. ^ Paolo Malanima, Italian Urban Population 1300-1861 ( PDF ), su paolomalanima.it . URL consultato il 25 febbraio 2016 (archiviato dall' url originale il 7 dicembre 2010) .
  15. ^ Dedica di un'area verde alle vittime dello Scoppio di Sant'Osvaldo
  16. ^ Sito del Quirinale , su quirinale.it .
  17. ^ Giancarlo Gualandra, "Udine - vie piazze attività", 1995 Chiandetti
  18. ^ [3] Archiviato il 2 giugno 2015 in Internet Archive ., testo aggiuntivo.
  19. ^ Fonte sito del Comune di Udine , su comune.udine.it . URL consultato il 27 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 22 agosto 2009) .
  20. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  21. ^ istat.it , http://www.istat.it/popolazione/stranieri/ .
  22. ^ Copia archiviata , su comuni-italiani.it . URL consultato il 5 febbraio 2012 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2011) .
  23. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana. , su arlef.it .
  24. ^ Lingua e cultura , su arlef.it .
  25. ^ LR 17 febbraio 2010 n.5 , su lexview-int.regione.fvg.it .
  26. ^ LR 17 febbraio 2010 n.5 , su regione.fvg.it (archiviato dall' url originale il 25 settembre 2013) .
  27. ^ Nuova pagina 1
  28. ^ Sito ufficiale della Società Filologica Friulana
  29. ^ Sito Associazione Udine Sipario , su udinesipario.it .
  30. ^ Tratto dal sito istituzionale , su storiapatriafriuli.it .
  31. ^ Qualità della vita - ItaliaOggi
  32. ^ Ecosistema Urbano, l'Italia delle cento città Archiviato il 19 ottobre 2008 in Internet Archive .
  33. ^ a b IL SOLE 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 5 agosto 2019 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  34. ^ IL SOLE 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 5 agosto 2019 (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2016) .
  35. ^ Indagine de Il Sole 24 Ore sulla qualità della vita in Italia
  36. ^ Pagella finale - Il Sole 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 3 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 13 agosto 2011) .
  37. ^ Graduatoria 2009 - Il Sole 24 ORE
  38. ^ Graduatoria 2010 - Il Sole 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 6 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale il 13 agosto 2011) .
  39. ^ Graduatoria 2010 - Italia Oggi , su messaggeroveneto.gelocal.it . URL consultato il 6 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale il 12 dicembre 2010) .
  40. ^ Graduatoria 2010 - Legambiente ( PDF ), su risorse.legambiente.it . URL consultato il 6 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale il 23 novembre 2010) .
  41. ^ Graduatoria 2011 - Il Sole 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 6 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 29 luglio 2013) .
  42. ^ Graduatoria 2011 - Italia Oggi
  43. ^ Graduatoria 2011 - Legambiente
  44. ^ Graduatoria 2012 - Il Sole 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 15 gennaio 2013 (archiviato dall' url originale il 20 maggio 2013) .
  45. ^ Trento è la città più vivibile - News - Italiaoggi
  46. ^ Graduatoria 2012 - Legambiente
  47. ^ Graduatoria 2013 - Il Sole 24 ORE
  48. ^ Graduatoria 2013 - Legambiente
  49. ^ Sole 24 Ore 2014 ( PDF ), su ilsole24ore.com . URL consultato il 3 aprile 2018 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  50. ^ https://www.legambiente.it/sites/default/files/docs/ecosistema_urbano_2014.pdf
  51. ^ Copia archiviata , su ilsole24ore.com . URL consultato il 3 aprile 2018 (archiviato dall' url originale il 31 gennaio 2017) .
  52. ^ https://www.legambiente.it/sites/default/files/docs/ecosistemaurbano_2015_xxiiedizione.pdf
  53. ^ Copia archiviata , su ilsole24ore.com . URL consultato il 3 aprile 2018 (archiviato dall' url originale il 19 giugno 2018) .
  54. ^ https://www.legambiente.it/sites/default/files/docs/ecosistema_urbano2016.pdf
  55. ^ Copia archiviata , su ilsole24ore.com . URL consultato il 3 aprile 2018 (archiviato dall' url originale il 28 novembre 2017) .
  56. ^ https://www.legambiente.it/contenuti/comunicati/ecosistema-urbano-2017-dati-performance-ambientali-comuni-capoluogo
  57. ^ Premio Roma - albo d'oro 2001
  58. ^ Legge numero 546 del 1977, articolo 26.
  59. ^ Parco scientifico e tecnologico "Luigi Danieli" di Udine
  60. ^ Techno Seed , su technoseed.it . URL consultato il 24 febbraio 2007 (archiviato dall' url originale il 9 marzo 2007) .
  61. ^ InnovAction [ collegamento interrotto ] , su db.innovactionfair.com .
  62. ^ ABAUD | Accademia GB Tiepolo , su accademiatiepolo.it . URL consultato il 23 aprile 2019 .
  63. ^ Un'importante donazione fu quella di monete e reperti archeologici della prima sala al piano terra nell'ala est del Castello, donazione di Augusto de' Brandis , del 1924 (vedi Bergamini, 2002 e provincia.udine.it Archiviato il 12 luglio 2014 in Internet Archive .).
  64. ^ Cinema Visionario - Film Spettacoli Concerti Mostre a Udine , su Visionario . URL consultato il 23 aprile 2019 .
  65. ^ Sito dell'organizzazione Archiviato l'8 gennaio 2006 in Internet Archive .
  66. ^ Fonte MessaggeroVeneto , su messaggeroveneto.gelocal.it . URL consultato l'8 settembre 2009 (archiviato dall' url originale il 19 novembre 2009) .
  67. ^ Patto per il Sistema Urbano Udinese ( DOC ), su provincia.udine.it .
  68. ^ Dati 2008 annuario statistico Comune di Udine
  69. ^ Maurizio Caprino, Francesca Milano, Marco Mobili e Giovanni Parente, Milano prima, calano i redditi alti , in Il Sole 24 ORE , 16 maggio 2012, p. 24. URL consultato il 27 ottobre 2014 .
  70. ^ Maurizio Cescon, Redditi, Udine è la prima in regione , in Messaggero Veneto , Udine, 17 maggio 2012.
  71. ^ Sito UdineFiere , su udinefiere.it .
  72. ^ Sito fiera casa moderna , su casamoderna.it .
  73. ^ a b Rapporto "Ecosistema Urbano 2012" di Legambiente
  74. ^ Rapporto "Mal'aria 2013" di Legambiente
  75. ^ ASD Scuderia Friuli ACU - Sito ufficiale , su Scuderia Friuli . URL consultato il 14 gennaio 2020 .
  76. ^ Corsi sportivi - Udine - ASU Associazione Sportiva Udinese , su asu1875.it .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 129639371 · LCCN ( EN ) n79100753 · GND ( DE ) 4117272-3 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79100753