Aquest és un element destacat. Feu clic aquí per obtenir informació més detallada

Humanisme

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu una filosofia ètica-racional moderna, vegeu Humanisme (segle XIX) .
L’ home vitruvià de Leonardo da Vinci . El dibuix representa les proporcions ideals del cos humà, basat en un fragment de De architectura de Vitruvi .

L’humanisme era un moviment cultural, inspirat per Francesco Petrarca i en part per Giovanni Boccaccio , dirigit al redescobriment dels clàssics llatins i grecs en la seva historicitat i ja no en la seva interpretació al·legòrica , inserint així també costums i creences antigues en la seva vida quotidiana. a través del qual iniciar un "renaixement" de la cultura europea després de l'anomenada " època fosca " de l' edat mitjana .

L’ humanisme petrarqui , fortament impregnat de neoplatonisme i tendent al coneixement de l’ànima humana, es va estendre a totes les zones de la península (a excepció del Piemont de Savoia ), determinant en conseqüència l’accentuació d’un aspecte del classicisme segons les necessitats. "protectors" dels mateixos humanistes, és a dir dels diversos governants. Al tombant del segle XV , els humanistes dels diversos estats italians van començar a mantenir forts llaços epistolars entre ells, actualitzant-se pel que fa als descobriments fets als diversos capítols o biblioteques claustrades d’ Europa, permetent a la cultura occidental redescobrir autors i obres. fins ara desconegut.

Per confirmar l’autenticitat i la naturalesa dels manuscrits trobats, els humanistes, sempre arran de Petrarca , van afavorir el naixement de la filologia moderna , una ciència destinada a verificar la naturalesa dels codis que contenien les obres dels antics i determinar-ne la naturalesa ( és a dir, en què es va transcriure aquest codi, l'origen, els errors continguts per fer comparacions basades en les variants ). Des del punt de vista de les àrees d'interès en què alguns humanistes es van concentrar més que d'altres, podem recordar les diverses "ramificacions" de l'humanisme, passant de l'humanisme filològic a l' humanisme filosòfic .

L’humanisme, que va trobar la seva base en les reflexions dels filòsofs grecs sobre l’existència humana i en algunes obres extretes també del teatre hel·lènic, també va fer ús de la contribució de la literatura filosòfica romana, primer Ciceró i després Sèneca . Tot i que l’humanisme pròpiament dit va ser l’italià i després europeu que es va estendre al segle XV i la major part del segle XVI (fins a la Contrareforma ), alguns historiadors de la filosofia també van utilitzar aquest terme per expressar certes manifestacions del pensament al segle XIX. I el segle XX .

Historiografia sobre l’humanisme

El terme "humanisme" va ser encunyat el 1808 pel pedagog alemany Friedrich Immanuel Niethammer (1766-1848), [1] amb l'objectiu de millorar els estudis de grec i llatí dins del currículum studiorum [2] . A partir d’aquest moment, la paraula humanisme va començar a utilitzar-se en els cercles alemanys d’especialistes en filologia i filosofia al llarg del segle XIX , inclòs el nascut a Basilea Jacob Burckhardt , autor de El Renaixement a Itàlia de 1860, i Georg Voigt , autor de Die Wiederbelebung des classischen Alterthums, oder das erste Jahrhundert des Humanismus , la segona edició ampliada (1880-81), traduïda per Diego Valbusa ( El Risorgimento dell'antichità classico o el primer segle de l'humanisme , 1888-90), va fer que el terme fos familiar a Itàlia [3] . Les contribucions a la historiografia humanista van arribar a la plena maduresa, però, al llarg del segle XX , gràcies als erudits nord-americans naturalitzats alemanys Hans Baron (inventor de l’humanisme civil florentí) i Paul Oskar Kristeller , especialitzats en els estudis sobre Giovanni Pico della Mirandola. i Marsilio Ficino . A Itàlia, després del renaixement iniciat per Francesco De Sanctis al segle XIX, l’ensenyament de filòsofs com Eugenio Garin, d’una banda, i els estudis realitzats per filòlegs com Giuseppe Billanovich i Carlo Dionisotti, de l’altra, van permetre el naixement i l’arrelament a Itàlia d’una sòlida escola d’estudis [4] .

Les arrels: el pensament clàssic sobre l’home

Especulació filosòfica grega

Bust del filòsof Sòcrates , actualment conservat al Museu Arqueològic Nacional de Nàpols .

La primera afirmació humanística de la filosofia occidental es pot referir al filòsof sofista Protàgores (segle V aC) que, sobre la base del fragment 80 B1 DK [5] , va afirmar:

"... l'home és la mesura de totes les coses, del que són, del que són, del que no són pel que no són".

Aquesta afirmació va canviar l'interès filosòfic de la natura a l' ésser humà , que, a partir d'aquest moment, es va convertir en el personatge central de l'especulació filosòfica. L’home, des de l’alba de la filosofia grega , sempre ha estat al centre de l’especulació filosòfica des de l’ escola jònica i eleatica , amb la diferència que anteriorment era vist com a part de la natura [6] ; després, amb l'arribada del sofisme primer i després del socratisme platònic, l'atenció es va traslladar definitivament a l'home com a tal i a la seva realitat independentment de la relació amb les forces de la natura. De fet, amb Sòcrates i Protagora, vam passar a la fase, en les classificacions donades per Nicola Abbagnano i Giovanni Reale , "humanístiques" o "antropològiques", per a les quals la investigació de l'home es fa a través de l'especulació centrada en la seva dimensió ontològica i en la seva relació amb altres homes [7] . Després del final de l’època clàssica i l’inici del període hel·lenístic , la reflexió sobre l’ésser humà es va traslladar a problemes estrictament ètics: Zenó de Citium , fundador de l’estoïcisme; Epicur , fundador de l’ epicurisme ; i l’ escepticisme , un corrent que va evolucionar a partir de Pirrone i que va continuar fins a la plena era romana, busca donar a l’home una ètica pràctica amb la qual afrontar la vida quotidiana i els dilemes de la seva pròpia existència, inclosa la mort [8] .

De Menandro a Sèneca

Terenci, Comèdies , còdex del segle XI que també conté els Heautontimorumenos . 96 fulls de pergamí, conservats a la Biblioteca Nacional d’Espanya , classificat Vitr / 5/4.

Les obres de dramaturgs com Menander , en comparació amb els dilemes universals proposats per Èsquil , Sòfocles i Eurípides , donen pas a les relacions interfamiliars diàries, centrades especialment en la relació pare-fill: escena només amb finalitats d’entreteniment ” [9] . Aquest significat ètic continua dins de la cultura romana, tant literària-teatral com filosòfica, impregnada de les idees professades per les escoles hel·lenístiques. De fet, a partir del segle II , el dramaturg Publio Terenzio Afro , referint-se a la tradició menandrea, desenvolupa encara més la funció ètica en el drama teatral, arribant a escriure, a la Heautontimorumenos , la famosa línia: " Homo sum, humani nihil a me alienum puto " [10] , en què:

" Humanitas , per a Terenci, significa sobretot la voluntat d’entendre les raons de l’altre, de sentir el seu dolor com el dolor de tots: l’home ja no és un enemic, un adversari a enganyar amb mil enginyosos trucs, sinó un altre home ser entès i ajudar "

( Pontiggia-Grandi , pàg. 308 )

Al llarg de la mateixa línia ètic-antropològica sorgeix dins de la cultura filosòfica romana, caracteritzada per l’ eclecticisme , que combina en si mateixa les diverses filosofies hel·lenístiques. La proclamació de la virtut de Ciceró en els seus escrits [11] i la dimensió elitista i autosuficient de l’assaig proclamat per l’estoic sèneca condueixen inevitablement a la qüestió dels principis ètics humans, entesos no com a especulació moral, sinó com a vida pràctica [12]. . Tots els temes que fascinaran i conquistaran, més de mil anys després, l’ànima de Francesco Petrarca.

Els orígens de l’humanisme

La proposta de Francesco Petrarca

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Francesco Petrarca .

El naixement de la filologia moderna

Anònim, Francesco Petrarca al taller , fresc mural , darrer quart del segle XIV , Reggia Carrarese - Sala dei Giganti, Pàdua .

Des que era un jove italià exiliat a Avinyó , Francesco Petrarca va mostrar un profund amor pels clàssics llatins , comprant codis preciosos al mercat d’antiguitats i intentant reconstruir les peces dels poemes èpics que tant estimava, en col·lacions que podrien reconstruir el integritat original [13] . Admirador de Ciceró , Virgili i Tito Livio , durant la seva vida Aretino va consultar de dalt a baix les biblioteques capitulars més importants de l’Europa cristiana, amb l’esperança de redescobrir aquell llibre i el patrimoni espiritual que tant estimava. Gràcies als nombrosos viatges com un representant de la família Colonna , Petrarca tenien estrets lligams epistolars amb els estudiosos que havien acceptat la seva proposta humana i cultural, estenent la seva xarxa a nivell europeu [14] : Matteo Longhi, estudiós ardiaca de la catedral de Lieja ; Dionigi di Borgo San Sepolcro , un erudit agustí que treballa primer a Avinyó i després a Itàlia; el culte rei de Nàpols Robert d'Anjou ; el polític veronès Guglielmo da Pastrengo , clau per a la lectura de les Epístoles a Àtic de Ciceró a la Biblioteca Capitular de Verona . Després, durant els seus passejos per Itàlia, Petrarca va atreure altres intel·lectuals de diverses regions italianes, establint nuclis "protohumanístics": Milà amb Pasquino Cappelli ; Pàdua amb Lombardo della Seta ; i finalment Florència [15] .

El redescobriment de la dimensió clàssica i l’antropocentrisme

Francesco Petrarca és un dels fundadors de l'humanisme [16] . La clara divisió que va operar respecte al passat en qüestions filosòfiques i literàries va produir el naixement d’aquest moviment revolucionari que impulsarà la nova elit intel·lectual a afirmar la dignitat de l’home sobre la base de les seves capacitats intrínseques, l’autonomia identitària de la cultura clàssica. [17] i l'ús d'aquest últim per construir una ètica en clar contrast amb l' escolàstica d' estil aristotèlic [18] , vist lluny del propòsit d'investigar la naturalesa de l'ànima humana [N 1] . L'estudi d'aquesta identitat ha de conduir a una vivificació de l'antic [19] , que consisteix en l'estudi i l'adoració de la paraula (és a dir, la filologia ), a partir de la qual parteix la comprensió de l'antiguitat clàssica amb tots els seus valors ètics i morals [20]. ] . Ugo Dotti resumeix el programa cultural de Petrarca:

"En elogi de la laboriositat humana, les cartes com a aliment per a l'ànima, l'estudi com un esforç incessant i imparable, la cultura com a instrument de la vida civil: aquests són els temes proposats per Petrarca".

( Dotti , pàg. 534 )

La modernitat dels antics i l’humanisme cristià

Coneixent la mentalitat dels antics, possible gràcies a una cerca titànica de manuscrits a totes les biblioteques capitulars europees, Petrarca i els humanistes van poder declarar que la lliçó moral dels antics era una lliçó universal vàlida per a totes les èpoques [21] : humanites de Ciceró no és diferent del d’un sant Agustí , en què expressen els mateixos valors, com l’honestedat, el respecte, la fidelitat en l’amistat i el culte al coneixement. Tot i que Petrarca i els antics estaven separats, per a disgust dels primers, del coneixement del missatge cristià i, per tant, del bateig [N 2] , Petrarca va superar la contradicció entre el "paganisme" i la seva fe "mitjançant la meditació moral, que revela a una continuïtat entre el pensament antic i el pensament cristià " [22] .

Raffaello Sanzio Morghen , Giovanni Boccaccio, gravat (1822).

El paper de Giovanni Boccaccio

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Giovanni Boccaccio .

Les arrels florentines i la revalorització del grec

Petrarca, al llarg de la seva vida, va tenir importants vincles epistolars amb els erudits que havien acceptat la seva proposta cultural. El grup més nombrós d’aquests deixebles de Petrarca es trobava a Florència : Lapo da Castiglionchio , Zanobi da Strada i Francesco Nelli van formar el grup original, al qual aviat es va afegir Giovanni Boccaccio [23] , un admirador de la fama que Petrarca havia conquerit amb el la seva coronació al Capitoli , el 1341 [24] . La col·laboració entre els dos intel·lectuals, que va començar el 1350 i va durar fins a la mort de Petrarca el 1374, va permetre a Boccaccio adquirir plenament la mentalitat humanística i, al mateix temps, també aquelles eines filològiques necessàries per a la recuperació i identificació de manuscrits [25] .

Boccaccio, que es va convertir ràpidament en el principal referent de l'humanisme a Florència, demostrat (a diferència de Petrarca) profundament interessat en la llengua i la cultura grega , dels quals va aprendre els rudiments de l'frare calabrès Leonzio Pilat i va sembrar les llavors per als seus alumnes. Florentinos [26 ] . Fidel al missatge humanista, Boccaccio va confiar aquest patrimoni cultural al grup de joves erudits que es reunien a la basílica agustina de Santo Spirito , entre els quals destacava el notari i futur canceller Coluccio Salutati [27] .

Característiques de l’humanisme italià

Vincenzo Foppa , nen que llegeix Ciceró . Aquest fresc , datat cap al 1464, provenia del Banco Mediceo present a Milà i denotava la profunda veneració que es tenia cap al retòric i filòsof Marco Tullio Ciceró , admirat i celebrat com el més gran prosista llatí pels humanistes.

Humanisme del primer i segon segle XV

L’humanisme del segle XV, forjat per la presència d’humanistes amb trets personals i els més variats interessos, va veure en la proposta petrarquiana i posteriorment boccaciana la base comuna sobre la qual donar vida al projecte cultural dels dos grans mestres del XIV. segle . A més, però, a la difusió generalitzada de l’humanisme en diverses formes i usos, l’humanisme del segle XV va veure una evolució que el va portar a desenvolupar interessos i adreces que de vegades eren antitètics als de les primeres dècades del segle, també a causa d’exògens. factors com l'establiment de senyories i l'enfortiment del platonisme a nivell filosòfic [28] .

L’intel·lectual de l’època es va veure obligat a enfrontar-se a una realitat històrica caracteritzada per la crisi del municipi medieval i, com s’acaba d’esmentar, pel naixement de les senyories, mentre les monarquies nacionals s’establien a Europa. Els intel·lectuals de l’època, per dedicar-se a la lliure investigació intel·lectual, van optar per formar part d’un tribunal. Aquesta tria va tenir algunes conseqüències: es van accentuar els elements aristocràtics de la seva cultura (escrivien a un públic limitat d'iniciats); es van deixar anar els llaços amb la comunitat urbana (la vida al camp es va sentir més còmoda de la "ociositat" literària); es van trencar els vincles entre recerca i docència. [29]

El "primer" humanisme

Trets essencials

L’humanisme de la primera meitat de segle es caracteritza, en general, per una vitalitat energètica en la difusió de la nova cultura, energia que s’expressa a través de diverses direccions: des de la recuperació de manuscrits a les biblioteques capitulars fins a la difusió de nous descobriments gràcies a treballs de traducció del grec al llatí; des de la promoció del missatge humanístic als centres de poder local fins a la creació de cercles i acadèmies privades on els simpatitzants de l'humanisme es reunissin i intercanviessin notícies i informació [30] . Els descobriments i els progressos dels diversos humanistes no es limitaven a una àrea geogràfica concreta, sinó que es van difondre, mitjançant densos intercanvis de cartes basats en el llatí de Ciceró [31] , a escala nacional, promovent així el gènere de l’ epistolografia com a principal mitjà de informació [32] .

Classificacions

Per a una categorització d’interessos en concret, abasta, per tant, des d’un humanisme centrat en el descobriment, anàlisi i codificació de textos ( humanisme filològic ) [33] fins a un humanisme propagandístic centrat en la producció de textos destinats a celebrar la llibertat humana i a exaltar-la. la seva naturalesa a través de la influència del neoplatonisme ( humanisme secular i filosòfic ) [34] ; des d’un humanisme orientat a expressar les línies polítiques del règim al qual pertanyen ( humanisme polític venecià, florentí i llombard), fins a un més preocupat per conciliar els valors de l’antiguitat amb els del cristianisme ( humanisme cristià ) [35] . Tanmateix, la classificació no s'ha de fer fixa i estàtica, sinó que serveix per comprendre els diversos interessos en què es van centrar els humanistes de principis del segle XV: de fet, es poden trobar més "ànimes" de l'humanisme en l'obra d'un humanista específic. , com demostra l'eclecticisme i la varietat d'interessos que mostren un Lorenzo Valla o un Leon Battista Alberti [36] .

Plini el Vell , Naturalis historia , 1446, manuscrit S. XI.1, 02, del copista Jacopo da Pergola i guardat a la Biblioteca Malatesta de Rimini .

El "segon" humanisme

Tanmateix, començant per l’afirmació definitiva de les senyories sobre règims municipals i republicans (com l’ascens dels Mèdici a Florència, el dels Sforza de Milà, humanisme del sud nascut després de dècades d’anarquia política), coincidint amb els anys 50 i 60 , el moviment humanístic va perdre aquesta energia propulsora i heterogènia a favor, en lloc d’una cortesana i filològica estàtica. Així descriu Guido Cappelli el canvi entre les dues estacions:

«En general, per tant, la fesomia de l’humanisme italià està ben diferenciada entre una primera fase —la" llarga "primera meitat del segle, fins als anys seixanta - i una posterior, que s'estén fins a finals de segle ... és llavors, a l’últim terç del segle [a partir dels anys setanta], que assistim a un procés d’especialització i, al mateix temps, de “normalització” de la cultura humanística, que s’està movent ... cap a la delicadesa acadèmica i metodològica , tot abandonant gradualment l’impuls innovador i global de les generacions anteriors ".

( Cappelli , pàgines 20-21 )

La fi del monolingüisme i l’humanisme vulgar

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: humanisme vulgar .
Domenico Ghirlandaio , Angelo Poliziano , detall de Zaccaria al temple , fresc , 1486-1490, capella Tornabuoni a Santa Maria Novella , Florència . Poliziano, a més de ser un exquisit filòleg clàssic, també va ser un excel·lent poeta en llengua popular i un dels promotors culturals de l’humanisme vulgar.
Filippino Lippi , Luigi Pulci , fresc , capella de Brancacci . Pulci va ser un dels partidaris literats amb Lorenzo el Magnífic i Angelo Poliziano del retorn del vulgar al cercle literari de finals del segle XV.

La recuperació de l’antiguitat i el principi cardinal de la imitació dels clàssics (la imitatio ciceroniana) van afavorir, en el context de la cultura del segle XV, la dominació del llatí com a vehicle comunicatiu exclusiu de l’humanisme [37] . D’aquesta època, només tenim en llengua popular les Vides de Dante i Petrarca del Bruni de 1436 [38] , i el desafortunat resultat del Certamen coronari organitzat, sota el patrocini de Piero di Cosimo de 'Medici , per Leon Battista Alberti a 1441 [39] . Exiliat de Florència a causa de l'hostilitat que va trobar tant a l'antic Bruni com a Cosimo de 'Medici [N 3] , Alberti va compondre probablement la Grammatichetta del Vaticà (també anomenada Regles de la llengua popular [40] , 1442), el primer manual de gramàtica del Vernacle italià, subratllant que els grans escriptors han escrit en aquesta llengua i, per tant, té la mateixa dignitat literària que la llengua llatina [41] .

Tanmateix, abans de veure un retorn sistemàtic de la llengua popular com a llengua de cultura i poesia, haurem d’esperar als anys setanta , quan a la fortalesa de l’humanisme italià, Florència, la poesia vulgar va recuperar força gràcies a la política cultural de Lorenzo el Magnífic , que amb el patrocini dels Stanze del Poliziano i del Morgante del Pulci tenia la intenció d’exportar la producció d’òpera toscana a la resta d’Itàlia, sancionant així la seva superioritat [42] [43] . El signe més explícit d’aquest ressorgiment de la llengua popular és el regal a Frederic d’Aragó , Col·lecció aragonesa , una antologia literària preparada per Poliziano per encàrrec de Lorenzo en la qual es comparen els grans poetes toscans del segle XIV al mateix Lorenzo. Amb els clàssics [ 44] . Aquesta operació política i cultural al mateix temps, que marca el naixement del vulgar humanisme [45] , és recordada amb orgull pel mateix Poliziano en una carta que va servir de base per a la col·lecció:

«Tampoc hi ha ningú que menyspreï aquesta llengua toscana tan poc ornamentada i copiosa. Perquè, si s’aprecien les seves riqueses i ornaments, aquest llenguatge no és pobre, sinó abundant i molt educat ".

( Agnolo Poliziano a Guglielmino-Grosser , p. 260 )

Pedagogia humanista

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Vittorino da Feltre i Guarino Veronese .

El programa escolar adoptat pels primers teòrics pedagògics de l’humanisme, a saber, Guarino Veronese (alumne de Giovanni Conversini al seu torn) i Vittorino da Feltre, reflectia una revolució metodològica respecte a l’ensenyament medieval. La pedagogia humanista, adoptant el model platònic, el diàleg com a mitjà de coneixement, pretenia involucrar els estudiants en el procés d’aprenentatge a través d’una atmosfera cordial i dolçor, abolida toto en la violència física [46] .

El programa pedagògic humanista preveia l’estudi directe dels clàssics (el llatí es va aprendre directament del text i no es basava en una teoria gramatical medieval excessiva; el grec, en canvi, es va estudiar sobre els Erotemata de Crisolora), i després es va aprofundir en el literari i després a les ciències de l’ studia humanitatis: història , filosofia moral (basada en l’ ètica nicomàquica d’Aristòtil ), filologia , historiografia i retòrica [47] . A més, els exercicis físics es van reintroduir en els programes escolars, ja que, a més de l’ànima, el cos també havia de ser adequadament entrenat, en nom de la integritat humana [48] . Aquest curs d'estudi, en teoria basada en Plutarc De liberis educandis [49] , va haver de formar un home virtuós i un cristià convençut de la seva fe [50] , de manera que llavors podria gestionar millor l'Estat d'acord amb l'honestedat i la rectitud moral [51 ] .

La geografia humanística italiana

Humanisme florentí

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: humanisme florentí i Cosimo de 'Medici .
Itàlia el 1494, a l'alba de la campanya de Carles VIII . El mapa mostra els diversos estats en què es va dividir la península .

Entre la mort de Boccaccio (1375) i l'ascens de Cosimo de Médicis (1434), el municipi de Florència va accentuar encara més el caràcter oligàrquic de les seves institucions. Trastornat per les lluites internes entre classes socials a mitjan segle XIV, i aquest darrer va empitjorar els darrers anys després d’una greu crisi econòmica que va provocar la revolta dels Ciompi (1378), les antigues magistratures municipals es van convertir en el monopoli d’unes poques famílies aristocràtiques. , inclosa la que va sobresortir la dels Albizzi . En les dècades següents, Florència va aguditzar aquesta faceta oligàrquica ( estatuts de 1409-1415) provocant la insatisfacció d’aquella petita gent silenciada després de la fallida experiència revolucionària de 1378 [52] . El molt ric comerciant Cosimo de 'Medici , portador de peticions populars i amarg enemic dels albizzi, va aprofitar aquest estat d'intolerància social. Exiliat per voluntat dels albizzi, Cosimo va poder tornar a Florència el 1434 gràcies al suport dels seus partidaris i de la gent comuna, establint aquella "cripto-senyoria" que va durar fins al 1494 [53] .

De l’humanisme civil al mèdic

Després de l’ensenyament de Boccaccio i Petrarca sobre el cercle dels prehumanistes florentins, el nou moviment cultural va adquirir connotacions molt específiques en relació amb la constitució republicana de la ciutat, iniciant la primera fase de l’humanisme florentí, anomenada "civil" [54] . Aquesta línia programàtica es va declinar en el compromís polític de Coluccio Salutati (1332-1406), canceller de Florència des del 1374 fins a la seva mort (1406) i animador del cercle humanista de Santo Spirito , i de Leonardo Bruni aleshores (1370-1444), tots dos entusiastes patrons de les llengües clàssiques com a vehicle de difusió de la cultura.

Retrat imaginari de Leonardo Bruni, de G. Palazzi, al llibre Leonardi Aretini Historiarum Florentini populi libri XII , volum II, traducció de Donato Acciaiuoli , Le Monnier, Florència 1857.
Coluccio Salutati, el tret d’unió entre els protohumanistes Petrarca i Boccaccio i la primera generació d’humanistes, inclòs Leonardo Bruni.

Coluccio, considerat el mestre indiscutible de l’humanisme florentí gràcies a la coordinació del grup Santo Spirito i un pont entre la temporada de les dues corones florentines i la més madura de tot el segle XV [55] , Coluccio Salutati va exaltar perenne el model de la constitució florentina, basada en les autodeterminacions libertas i personals pròpies de la República romana , contra la tirania absoluta de Visconti (en lloc d'encarnar l'esclavitud de l' Imperi ) [N 4] . Erede dell'umanesimo civile del Salutati fu proprio Leonardo Bruni (1370-1444), chiamato anche Leonardo Aretino per le sue origini. Attivo al Concilio di Costanza quale legato papale di Giovanni XXIII , Bruni ottenne solo nel 1416 la cittadinanza fiorentina, e nel giro di un decennio diventò cancelliere (1427), carica che mantenne fino alla morte nonostante la vittoria del partito mediceo [56] . Profondo conoscitore del greco antico , instancabile traduttore da questa lingua in latino fin dalla giovinezza [57] [58] , Leonardo Bruni manifestò con ancor più vigore ed efficacia l'eccellenza del modello socio-politico fiorentino rispetto a Salutati [59] , culminante nella Historia florentini populi . A fianco della produzione esclusivamente latina del Salutati e del Bruni, bisogna ricordare anche la figura di Matteo Palmieri , agiato mercante fiorentino che, negli anni '30 , redasse in volgare quello che è considerato il manifesto dell'umanesimo civile, il trattato La libertà fiorentina.

Con l'avvento al potere di Cosimo de' Medici, l'umanesimo civile lasciò il posto a una forma di umanesimo in cui prevaleva la dimensione elitaria, astratta e contemplativa [60] . Cosimo, detentore del potere effettivo a Firenze, favorì un umanesimo che fosse al servizio della sua causa politica e che non formasse una nuova classe dirigente autonoma ispirata ai più puri valori repubblicani. Offrendo la protezione a intellettuali cortigiani quali Carlo Marsuppini , Ciriaco d'Ancona , Niccolò Niccoli , Vespasiano da Bisticci e, non ultimo per importanza, al filosofo neoplatonico Marsilio Ficino , la cui influenza sulla cultura fiorentina fu determinante nello spostamento degli interessi umanistici dalla partecipazione politica alla contemplazione filosofica e cristiana, Cosimo diede una svolta alla cultura fiorentina, che culminerà con la stagione laurenziana ei suoi protagonisti più importanti: Pico della Mirandola , Cristoforo Landino [61] .

L'umanesimo veneziano

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Umanesimo veneziano .

Un umanesimo politico, pedagogico e religioso

Francesco Barbaro, politico e umanista di primo piano nella Venezia del primo Quattrocento.

L'umanesimo veneziano si può inquadrare, nella sua declinazione geo-politica, in un umanesimo politico non molto dissimile da Firenze. Differenza tra i due modelli repubblicani fiorentino e veneziano consisteva nella flessibilità delle classi sociali, elemento che a Venezia non esisteva rendendola una repubblica nobiliare [62] .

In seguito all'espansione militare sulla terraferma e l'acquisizione di Verona , Padova e Vicenza , la Serenissima permise la fusione della coscienza umanistica con la volontà di rendere prestigioso lo Stato [N 5] , con l'intento di formare future classi dirigenti che sostenessero, in chiave letteraria, la grandezza della patria [63] . In questo senso, promotori della pedagogia statale furono da un lato Pier Paolo Vergerio il vecchio (1370-1444), dall'altro il patrizio veneto Leonardo Giustinian (1388-1446), fervente promotore del programma scolastico propugnato dal Vergerio e dal Barbaro e amico di Flavio Biondo e Francesco Filelfo [64] . Insieme al Giustinian e al Vergerio, si unisce la figura dell'altro patrizio Francesco Barbaro (1390-1454) considerato il «campione dell'interesse della classe dirigente della Serenissima per la nuova cultura» [65] . Barbaro si dedicò anima e corpo alla progettazione concreta dell'umanesimo politico veneziano tramite l'attività politica ( procuratore di San Marco nel 1452) e quella letteraria [66] . Tra i lavori principali di questo periodo ricordiamo il De re uxoria , trattatello famigliare in cui Barbaro sottolinea l'importanza della madre nell'educazione del bambino secondo i costumi patrii [67] .

Jean-Jacques Boissard and Johann Theodor de Bry , Ermolao Barbaro il Giovane , incisione,

Non si devono dimenticare anche Vittorino da Feltre e Guarino Veronese , le cui esperienze pedagogiche valicarono i confini veneti, andando il primo a insegnare a Mantova presso la corte di Gianfrancesco Gonzaga ; l'altro, divenne il precettore di Leonello d'Este . Risultato di questi sforzi fu una vera e propria proliferazione di scritti celebrativi di Venezia e del suo sistema di governo. Tra i più significativi prodotti dell'umanesimo veneto si ricorda quello di Lauro Quirini (1420-1479) che, con il trattato De Nobilitate , esaltava la funzione dell'aristocrazia [68] . Altro elemento fondamentale dell'umanesimo veneziano fu la forte dimensione religiosa che, al contrario di quanto avvenne a Roma oa Firenze, non determinò una fusione tra gli elementi paganeggianti della nuova cultura e il cristianesimo . Grazie all'azione di alcuni religiosi colti, quali Lorenzo Giustiniani e Ludovico Barbo , l'interesse per l'antichità classica andò di pari passo con l'aspetto dottrinale, contribuendo allo sviluppo dell' umanesimo cristiano [69] .

Il secondo Quattrocento: Ermolao Barbaro e Aldo Manuzio

Bernardino Loschi , Aldo Manuzio (a destra) con il principe di Carpi Alberto III Pio , affresco , 1510, Castello dei Pio , Carpi ( Modena ).

Il secondo Quattrocento vide il consolidarsi delle prospettive del Giustiniani e del Vergerio in merito all'educazione. Il critico letterario e filologo Vittore Branca parla degli ultimi decenni del XV secolo a Venezia come un periodo aureo per lo sviluppo delle arti, della letteratura, della filosofia e, soprattutto, della nascente editoria libraria . Quest'ultima, dopo l'impulso dato da Johannes Gutenberg a Magonza nel 1450, si diffuse rapidamente a Venezia prima per opera di alcuni editori tedeschi e francesi e, a partire dal 1490, grazie all'azione di Aldo Manuzio , inventore di edizioni tascabili (le Aldine ) e rigorosamente curate dai maggiori umanisti dell'epoca, tra cui Erasmo da Rotterdam [70] . La maggiore personalità di questo periodo, a livello culturale, fu Ermolao Barbaro il Giovane (1454-1493), fautore dell'applicazione filologica dettata da Lorenzo Valla e della riconsiderazione del "vero" Aristotele in seguito alla traduzione del suo corpus di scritti [71] .

L'umanesimo romano

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Umanesimo romano .

L'umanesimo romano può trovare il suo inizio con la fondazione, da parte di papa Innocenzo VII , della cattedra di greco e latino a Roma [72] . Gli anni immediatamente successivi, dopo il pontificato di Innocenzo, furono contraddistinti da un vuoto di potere dovuto alla fase culminante dello Scisma d'Occidente , che si concluse nel 1417 con l'elezione di Papa Martino V con la conclusione del Concilio di Costanza . Fu però sotto il pontificato di Martino e quello di Papa Eugenio IV che la cultura umanistica a Roma vide intensificarsi intorno alla Curia romana , dando all'umanesimo pontificio un volto cosmopolita che lo contraddistinguerà per tutto il secolo. Tra i principali umanisti spiccarono per importanza e significato Poggio Bracciolini , Maffeo Vegio e Flavio Biondo .

Poggio Bracciolini, ritratto nel codice Urb. lat. 224 contenente il De Varietate Fortunae , custodito presso la Biblioteca Vaticana .

Poggio Bracciolini (1380-1459), nativo di Terranuova , allievo di Salutati e amico di Bruni, fu per trent'anni un personaggio di spicco alla corte pontificia, finché nel 1453 non accettò da Cosimo de' Medici l'incarico di Cancelliere della Repubblica [73] . Poggio Bracciolini è ricordato, principalmente, per essere stato il più significativo ricercatore e scopritore di classici dell'intero XV secolo [74] [75] , e per essere stato uno dei più significativi epistolografi tra i suoi contemporanei. A fianco di Bracciolini si distinse Maffeo Vegio (1406-1450), segretario pontificio che si concentrò nella produzione letteraria erudita volta alla celebrazione della Roma cristiana ( De rebus antiquis memorabilibus Basilicae Sancti Petri Romae ) [76] . Infine, nel pontificato di Eugenio, nacque anche la storiografia umanista grazie all'opera del forlivese Flavio Biondo (1392-1463) [77] . Costui, grazie alla sua monumentale Historiarum ab inclinatione Romani imperii Decades , si confrontò con la

Pio II (1458-1464), il celebre umanista Enea Silvio Piccolomini nel circolo di affreschi del Pinturicchio .

produzione storiografica bruniana, caratterizzata da una forte vena ideologica e perciò in contrasto con l'esattezza del metodo storiografico basato sulla consultazione delle fonti storiche [78] .

L'auge dell'umanesimo romano trovò il suo compimento sotto i pontificati di Niccolò V (1447-1455) e di Pio II (1458-1464): il primo, appassionato bibliofilo e cultore delle antichità romane, si propose una renovatio urbis volta alla glorificazione della Roma cristiana [79] : Leon Battista Alberti , Giannozzo Manetti , Pier Candido Decembrio e di alcuni prelati greci quali il cardinal Bessarione [80] , o il filosofo e cardinale Nicola Cusano (patrocinatore di una teologia negativa [81] ) furono i principali animatori del pontificato del primo. Sotto Pio II, lui stesso umanista e autore dei Commentarii, l'umanesimo pontificio trovò un mecenate meno prodigo di Niccolò ma, nel contempo, il primo papa-umanista. Intorno alla corte di Pio si riunirono Porcelio Pandone ; Bartolomeo Sacchi , detto il Platina, chiamato a dirigere la Biblioteca apostolica vaticana [82] ; e Giannantonio Campano (1429-1477), fedele consigliere di Pio II, rivide i Commentarii del Pontefice e ne scrisse una biografia postuma [83] .

Dopo la morte di Pio II, incominciò la crisi della parabola umanistica a Roma. I pontefici, infatti, non avranno più lo stesso entusiasmo nei confronti della cultura umanistica, o al limite la proteggeranno considerandola come un fattore culturale acquisito. L'umanesimo romano, come a Firenze e in altri centri culturali della Penisola, esaurì la spinta propositiva della prima metà del secolo, riducendosi a puro e semplice spirito di ornamento esteriore del potere papale [84] , trovando un ultimo sprazzo di originalità con l'accademia di Pomponio Leto [85] [86] .

L'umanesimo lombardo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Umanesimo lombardo .
Medaglia di Pier Candido Decembrio , opera di Pisanello . Considerato uno dei massimi umanisti italiani, la personalità culturale del Decembrio dominò incontrastata a Milano fino al 1447, anno della morte del suo protettore Filippo Maria Visconti.
Francesco Filelfo, grande avversario di Pier Candido Decembrio e personalità di spicco durante il ducato di Francesco Sforza.

L'umanesimo patrocinato dalla dinastia Visconti prima, e da quella Sforzesca poi, cercò di contrapporsi all'uso strumentale di cui le repubblicane Firenze e Venezia facevano degli ideali classicisti. Nato grazie al soggiorno di Petrarca (1352-1360) e sviluppato poi da Pasquino Cappelli , vero e proprio propulsore della nuova cultura in terra lombarda [87] , i primi risultati significativi furono raccolti dal vicentino Antonio Loschi , celebre autore dell' Invectiva in Florentinos (1397) e fervido sostenitore dell'assolutismo visconteo [88] . Da Loschi in avanti, infatti, gli intellettuali promossero l'eccellenza del modello monarchico cesareo (rappresentato appunto da Giulio Cesare ) contro quello repubblicano incarnato da Scipione l'Africano [89] . Gian Galeazzo Visconti prima, e il figlio Filippo Maria poi, favorirono il patrocinio di tale produzione politologica, incentivando nel contempo il patrimonio della cultura classica (e volgare ) nella Biblioteca di Pavia da un lato, e lo Studium pavese dall'altro, col fine di assicurarsi una stabile base intellettuale al servizio del potere [90] . In quest'ottica, intorno alla corte di Filippo Maria gravitarono umanisti del calibro del frate francescano Antonio da Rho (1398 – post 1446) [91] , Guiniforte Barzizza (1406 – 1463) [92] e, soprattutto, Pier Candido Decembrio (1392-1477), segretario del duca e celebre per aver completato la traduzione della Repubblica di Platone e per l'intensa attività di traduttore di opere classiche [93] . La tradizione cortigiana continuò anche sotto Francesco Sforza ei suoi successori: durante questi decenni, si ricordano le figure di Francesco Filelfo (1398-1481) e, in particolar modo sotto il governo di Ludovico il Moro , quella dello storico della Casata Bernardino Corio .

La promozione della nuova cultura non era patrocinata soltanto dalla dinastia regnante, ma anche da dotti prelati e cardinali, quali Branda Castiglioni , Pietro Filargo (futuro antipapa Alessandro V ), gli arcivescovi di Milano Bartolomeo Capra (1414-1433) e Francesco Piccolpasso (1435-1443), e il vescovo di Lodi Gerardo Landriani [N 6] .

Infine, altra direttiva su cui si mosse il primo umanesimo lombardo fu quella della riscoperta del greco antico, grazie al magistero triennale che vi esercitò Manuele Crisolora dal 1400 al 1403 e alla collaborazione con il politico locale Uberto Decembrio con Gasparino Barzizza e Guarino Veronese [94] . Come fece a Firenze, il Crisolora regalò ai suoi allievi gli Erotèmata , favorendo il radicamento del greco in terra lombarda, grazie alla presenza, nel corso dell'età sforzesca, di Francesco Filelfo e di Giovanni Argiropulo .

L'umanesimo napoletano

Alfonso V e gli umanisti catalani

Miguel Hermoso Cuesta, Ritratto di Alfonso V , conservato oggi presso il Museo provinciale di Saragozza .

A causa delle guerre intestine alla dinastia d'Angiò , il Regno di Napoli giunse in ritardo nell'acquisizione del sapere umanistico. Dopo il disastroso governo dell'ultima esponente della Casa d'Angiò, Giovanna II , il Regno di Napoli cadde nelle mani dell'aragonese Alfonso V , detto il Magnanimo, governandolo dal 1442 al 1458 [95] . Uomo non dotato di eccezionali capacità politico-militari, Alfonso cercò di riparare ai danni causati dalla guerra, intavolando rapporti quasi paritari con i baroni ed elevando culturalmente il regno determinandone l'entrata dell'umanesimo [96] .

L'umanesimo alfonsino non fu favorito dall'azione di umanisti autoctoni, ma da intellettuali catalani amanti della rivoluzione petrarchesca. Sostenitore dell'umanesimo inteso come movimento culturale di formazione etica e professionale di una classe politica che lo affiancasse nella ricostruzione del reame, Alfonso si appoggiò principalmente a due umanisti Giovanni Olzina, segretario di Alfonso, autore di un manuale di governo e protettore del giovane Lorenzo Valla e del Panormita ; e Arnau Fonolleda , diplomatico catalano che curò i rapporti con gli umanisti fiorentini e curiali [97] .

Una corte cosmopolita

Coadiuvato da questi suoi collaboratori, Alfonso V creò una vastissima biblioteca regale della quale si servirono molti degli umanisti italiani di passaggio da Napoli: Giannozzo Manetti , autore del De dignitate hominis ; Pier Candido Decembrio, durante l'esilio da Milano; Poggio Bracciolini, che dedicò al sovrano la versione latina della Ciropedia di Senofonte ; e l'irrequieto Lorenzo Valla [98] .

Inoltre, Alfonso favorì l'introduzione del greco, grazie all'ospitalità di Teodoro Gaza , autore della traduzione in latino del De instruendis aciebus di Eliano e delle Omelie di Giovanni Crisostomo ; e di Giorgio da Trebisonda , nobile bizantino dell' Impero di Trebisonda che si era recato a Napoli per spingere Alfonso a una crociata contro i Mamelucchi d'Egitto , e che dedicò al sovrano la versione dal greco del Pro Ctesiphonte di Demostene [99] .

Bartolomeo Facio e il Panormita

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bartolomeo Facio e Antonio Beccadelli .
Fatti d'Alfonso d'Aragona, primo re di Napoli di questo mome descritti da Bartholomo Facio Genovese , in un'edizione del 1580.

Oltre a Valla, le due principali figure umanistiche presenti alla corte di Alfonso furono Bartolomeo Facio e Antonio Beccadelli , detto il Panormita. Il primo, ligure trapianatato a Napoli, fu consigliere e segretario di Stato del monarca aragonese. Tra le sue opere principali si ricordano il De rebus gestis ab Alphonso I Neapolitanorum rege libri X (1448-1455), il De bello veneto clodiano (pubblicato nel 1568) ei trattati morali De humanae vitae felicitate e De hominis excellentia [100] .

Figura più singolare e movimentata fu quella del Panormita che, dopo essersi trasferito a Napoli, aprì un suo salotto letterario non molto dissimile dall'Accademia di Pomponio Leto a Roma, detto Porticus Antoniana , in cui si riunivano i colti napoletani [98] . Oltre a questa sua attività di promozione dell'umanesimo, il Panormita si accattivò l'animo di Alfonso con il suo De dictis et factis Alphonsi regis , ma ne suscitò anche l'imbarazzo e, presso i circoli umanisti, rimprovero, per il suo Hermaphroditus , opera dalla dubbia morale ma degna epigona delle liriche catulliane e degli epigrammi di Marziale [98] .

I centri minori

Bologna

Celebre già per l'antico studium universitario , Bologna conobbe un periodo di relativo splendore sotto i Bentivoglio , famiglia che manterrà, per conto dello Stato Pontificio, il potere signorile fino al 1506. L'umanesimo bolognese, frutto del mecenatismo dei Bentivoglio, della presenza dello Studium e delle commissioni di importanti ecclesiasti, fu animato anche dalla presenza di umanisti provenienti da tutta la Penisola, grazie alla strategica posizione geografica (a metà strada tra Firenze, Venezia e Milano). Gli umanisti bolognesi più celebri del XV secolo, cioè Filippo Beroaldo e Francesco Puteolano , si occuparono di un'attività culturale che passava dalla produzione di scritti cortigiani celebranti i Bentivoglio, ad attività più specificamente filologico-letterarie. Infatti, Beroaldo e Antonio Urceo Codro si dedicarono alla traduzione in volgare di Plauto , Lucrezio e Apuleio ; mentre Francesco Puteolano ebbe il merito di commentare Catullo e Stazio , oltre a essere uno dei primi umanisti a interessarsi della stampa a caratteri mobili (pubblicando Ovidio nel 1471) [101] .

Guarino Veronese , in Carlo de' Rosmini, Vita e disciplina di Guarino Veronese e de' suoi discepoli , Niccolo' Bettoni, Brescia 1805.

Ferrara: da Donato degli Albanzani alle soglie del Cinquecento

Pisanello , Ritratto di Leonello d'Este , tempera su legno, Accademia Carrara , 1441. Principe illuminato, allievo di Guarino Veronese, fu uno dei più importanti governanti sensibili alla nuova temperie umanista.

Il messaggio umanistico in terra di Ferrara fu diffuso da uno dei più stretti amici del petrarca, il colto letterato toscano Donato degli Albanzani . Quest'ultimo, infatti, risiedette a partire dal 1382 nella città emiliana [102] , dando adito al nuovo sapere: Alberto V fondò lo Studium di Ferrara (1391) [103] e Donato fu chiamato quale precettore di Niccolò III (1393-1441) [102] , che sarà grande estimatore della cultura umanistica.

Il punto di svolta per l'umanesimo ferrarese fu dovuta alla permanenza in città, a partire dal 1429, dell'umanista e pedagogista Guarino Veronese . Questi, importatore della nuova educazione e grande cultore dei classici latini e greci, si occupò sia dell'attività dello Studium sia dell'educazione dell'erede del marchesato Leonello (1441-1450) [104] , che passò alla storia quale insigne intellettuale e modello del principe rinascimentale. Guarino importò il greco antico a Ferrara, approfittando anche della convergenza dei dotti bizantini nel Concilio di Basilea-Ferrara-Firenze , che tra il 1438 e il 1439 si tenne proprio in Firenze, e prese come collaboratore Giovanni Aurispa , erudito siciliano e il massimo ricercatore di codici greci del secolo [105] , e il poeta-umanista Ludovico Carbone [106] .

Dopo la morte di Guarino (1460), la scena culturale ferrarese fu dominata di Tito Vespasiano Strozzi (1424-1505), poeta in lingua latina e autore della Borsias , emulazione ferrarese della Sphortias del Filelfo; e da Pandolfo Collenuccio (1447-1504), operante sotto Ercole I (1471-1505) quale giurista e compositore di dialoghi lucianeschi [106] . Fu però sotto il regno del successore di Ercole, il figlio Alfonso I (1505-1534), che l'umanesimo ferrarese toccò l'apice con il recupero del teatro classico con l'azione di Ludovico Ariosto , autore nel 1508 della Cassaria , primo esempio di puro teatro rinascimentale dopo l'esperimento del Poliziano a Mantova [107] .

Rimini e l'umanesimo “isottiano”

Piero della Francesca , Ritratto di Sigismondo Pandolfo Malatesta , pittura ad olio e a tempera , Museo del Louvre , 1451. La relazione che il signore di Rimini ebbe con Isotta degli Atti fu al centro della produzione poetica della corte romagnola.

La piccola signoria di Rimini , retta dalla famiglia Malatesta , vide il fiorire dell'umanesimo sotto il principale esponente di quest'ultima, Sigismondo Pandolfo Malatesta (1417-1468). La nuova cultura prese spunto dalle vicende biografiche del Signore, che fossero sia sentimentali sia bellici. Oltre a poeti quali Giusto de' Conti , Roberto Valturio e Tommaso Seneca da Camerino che, ricalcando il modello ovidiano , celebrarono l'amore tra Sigismondo e Isotta degli Atti [108] , il principale esponente dell'umanesimo riminese fu Basinio da Parma (1425-1457). Basinio, allievo di Vittorino da Feltre, si concentrò, oltre sulla relazione tra i due amanti (da cui nacque la raccolta di elegie ovidiane Isoetteus [109] ), anche sulle vicende belliche dei Malatesta scrivendo l' Hesperis , poema epico in 13 libri scritto celebrante le impresi militari di Sigismondo contro gli aragonesi di Alfonso V e ricalcante, per linguaggio e spunti stilistici, la Sphortias [110] .

Incisione raffigurante Battista Spagnoli, da un'edizione delle sue opere del XVI secolo .

Mantova

L'umanesimo mantovano sorse a partire dagli anni '30 quando il marchese Gianfrancesco Gonzaga (1407-1433) invitò, nel 1423, il celebre pedagogo Vittorino da Feltre , che a Mantova aprirà la "Casa gioiosa", scuola in cui l'erede al marchesato Ludovico fu educato insieme a ragazzi di tutte le estrazioni sociali [111] . Abitò a Mantova, seppur per breve periodo, anche il greco Teodoro Gaza , fornendo all'umanesimo mantovano le basi per uno sviluppo in senso ellenista della sua cultura [112] . I due illuminati coniugi Ludovico II Gonzaga (1444-1478) e la moglie Barbara di Brandeburgo resero Mantova, a partire dalla seconda metà del secolo, un piccolo ma vitale centro dell'umanesimo lombardo: protessero il Platina che, rifugiatosi a Mantova dalla persecuzione di papa Paolo II, compose la Historia urbis Mantuae Gonzagaeque familiae in segno di ringraziamento [113] ; chiamarono Leon Battista Alberti ; e il successore di Ludovico, Federico I (1478-1484), ospitò il Poliziano , che a Mantova mise in scena e dedicò a Federico la Fabula d'Orfeo . A parte la presenza di umanisti stranieri, la Mantova del XV secolo poté vantare, quale umanista autoctono, Battista Spagnoli detto il Mantovano (1447-1516), soprannominato il “Virgilio Cristiano” da Erasmo da Rotterdam [114] a causa della fusione tra la lingua latina e le tematiche cristiane e autore dell' Adulescentia , composta da dieci ecloghe bucoliche dominate da una forte vena realista [111] . La cultura mantovana, rinvigorita poi dalla figura poliedrica della moglie di Francesco II (1484-1519), Isabella d'Este , cominciò ad assumere quel volto cortigiano proprio della corte ferrarese, attraverso la protezione dell'umanista e poeta cortigiano Mario Equicola , autore del Libro de natura de amore [115] .

Il caso sabaudo

Il Ducato di Savoia nel XV secolo, incastonato tra la Penisola italiana e il Regno di Francia.

Unica area in cui il movimento umanistico-rinascimentale non trovò campo fu quello del Ducato di Savoia , Stato la cui orbita gravitazionale fluttuava tra l'area francese e quella italiana. La crisi del ducato sabaudo nel corso del '400, attanagliato da rivalità interne, dipendenze politiche e culturali dal potente Regno di Francia e governato da duchi inetti [116] , non permise alla classe dirigente savoiarda di recepire i vantaggi della nuova cultura umanistica, relegando il Piemonte a un vero e proprio ritardo culturale:

«Il terreno sul quale si manifestano più profonde le differenze fra la corte sabauda e le corti principesche italiano è quello della cultura: né intellettuali, né pittori, né poeti, né scultori: e neppure rappresentazioni teatrali. O meglio, artisti di tono minore, imitatori di scuole, manovali dell'arte, teatranti girovaghi. Lo studio universitario fondato a Torino all'inizio del Quattrocento non vale a colmare le distanze dai centri umanisti di Firenze e di Padova...E gli artisti che lavorano alla corte sabauda sono nomi sconosciuti: il poeta Martin Lefranc ; il cronista Jean d'Orville ...; gli scultori Gerardo di Berna e Janin di Bruxelles ; il pittore veneziano Gregorio Boni ...; un altro pittore, Giacomo Giacheri ...Poca cosa.»

( Oliva , p. 175 )

Le travagliate vicende che funestarono il Ducato nel corso del primo Cinquecento, sotto il debole governo di Carlo II il Buono (1504-1553), causarono l'ulteriore ritardo culturale del Piemonte, situazione da cui lo Stato sabaudo fu poi risollevato grazie all'energica guida di Emanuele Filiberto (1553-1580), restauratore del Ducato e protettore di Giovan Battista Giraldi Cinzio [117] .

Lorenzo Valla e Leon Battista Alberti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lorenzo Valla e Leon Battista Alberti .

Lorenzo Valla (1407-1457) e Leon Battista Alberti (1404-1472), per il loro eclettismo, cosmopolitismo e varietà d'interessi, non possono rientrare in una ben specifica categorizzazione geografica o tematica.

Jean-Jacques Boissard e Theodor de Bry, Lorenzo Valla , incisione.
Ritratto di Leon Battista Alberti del 1804, per l'edizione del Trattato sulla Pittura.

Per quanto riguarda il pensiero e l'attività del Valla, si può sostenere che l'umanista romano fondò una sorta di filosofia della parola basata sulla sua assoluta preminenza rispetto ai discorsi di carattere filosofico e culturale che si possono sviluppare in seguito. Il verbum deve essere indagato, studiato etimologicamente, ricostruito in base all' usus di cui si fece e analizzare, pertanto, anche le accezioni semantiche più particolari [118] . Soltanto partendo da quest'analisi rigorosa, basata sulla lezione del retore romano Quintiliano nella sua Institutio Oratoria ) si può ricostruire il senso del testo. Insofferente verso le autorità filosofiche della cultura tomista, Valla non si fermava neanche davanti agli stessi autori classici ( lettera a Juan Serra, 1440 ) o agli stessi Vangeli (di cui compì, per la prima volta, l' emendatio degli errori compiuti da san Girolamo nella redazione della Vulgata ), qualora l'umanista vi avesse trovato degli errori da correggere: in quest'ottica, si può comprendere allora il coraggioso attacco contro il testo riportante la presunta Donazione dell'imperatore romano Costantino dei possedimenti occidentali dell'Impero a Papa Silvestro I , documento su cui si fondavano le pretese del potere temporale dei papi . Valla, sostanzialmente, abbandona le ultime armi mediatrici del primo umanesimo, per combattere a viso aperto contro tutta quella cultura che poteva ostacolare l'attività corretta della sua ricerca, suscitando le stesse ire di un umanista estremamente bizzarro e anticonformista, quale fu Poggio Bracciolini [119] .

Leon Battista Alberti è considerato uno dei più poliedrici e significativi umanisti europei. Intellettuale che ardeva nel concretizzare il sapere umanistico nei più svariati ambiti (l'arte, l'architettura, la medicina, il diritto e la scultura), l'Alberti si segnala per lo spregiudicato sperimentalismo, per la volontà di riabilitare il volgare italiano davanti alle detrazioni dei suoi colleghi umanisti (si riveda l'episodio infelice del Certame coronario ) e per un anomalo pessimismo di fondo sulla natura umana [120] . La riflessione sull'uomo, declinata nei trattati dedicati alle relazioni sociali ( De familia , De Iciarchia ), o in quelli dal sapore politico ( Momus e Theogenius ), mostra il superamento dell'iniziale ottimismo antropologico per abbracciare invece sia la positività che la negatività, ambivalenza che genera la concezione "doppia" dell'uomo [121] . Oltre alla dimensione speculativa, l'Alberti si preoccupò di coniugare tale sapienza con l'attività pratica e con le scienze combinando, nello specifico, il sapere tecnico della classicità con l'attività di architetto e d'artista ( De re aedificatoria , De pictura ) [122] .

Pico della Mirandola e il manifesto dell'umanesimo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Giovanni Pico della Mirandola e Discorso sulla dignità dell'uomo .

Il conte Giovanni Pico della Mirandola (1463-1494) fu senza dubbio l'esponente maggiore dell'umanesimo filosofico italiano. Dotato di una memoria prodigiosa che gli meritò l'appellativo di " fenice degli ingegni", giovanissimo studiò greco all' Università di Pavia , ebraico e la filosofia cabalista ad esso annessa, cercando di creare un sapere universale tramite la fusione delle religioni monoteiste e il sapere greco e latino. Considerato eretico, vicino sia all' aristotelismo padovano che al platonismo fiorentino , fu esiliato per un po' di tempo in Francia al fine di sfuggire all' Inquisizione , ma poté rientrare in Italia nel 1486 dove poté esporre la sua idea di filosofia che doveva essere necessariamente pia in quanto «capace di assicurare una pace e una "concordia" tra tutte le scuole [di pensiero]» [123] . Rifugiatosi in Francia in seguito all'esposizione delle sue Novecento tesi e del Discorso sulla dignità dell'uomo , poté finalmente rientrare in Italia nel 1487 a Firenze e, avvicinatosi al Savonarola negli ultimi anni della sua vita in quanto attirato dall'ardore della sua riforma morale della Chiesa , morì avvelenato in circostanze non chiare nel 1494, poco più che trentenne [124] .

Il nome di Pico della Mirandola, oltre alla prodigiosa memoria, è legato anche al dialogo Oratio de hominis dignitate o Discorso sulla dignità dell'uomo , in cui espone il manifesto dell'umanesimo. L'opera, incentrata sul dialogo tra Dio e Abramo [124] , esalta l'uomo in quanto dotato del libero arbitrio , ossia di quella facoltà unica che Dio diede all'uomo unico tra le altre creature di scegliere tra il bene ed il male e di operare in conseguenza di ciò, dimostrando di avere una natura non predeterminata capace di abbassarsi al livello dei bruti sia di elevarsi a quello degli angeli:

( LA )

«Nec te celestem neque terrenum, neque mortalem neque immortalem fecimus, ut tui ipsius quasi arbitrarius honorariusque plastes et fictor, in quam malueris tute formam effingas. Poteris in inferiora quae sunt bruta degenerare; poteris in superiora quae sunt divina ex tui animi sententia regenerari.»

( IT )

«Non ti ho fatto né celeste né terreno, né mortale né immortale, affinché fossi di te stesso quasi un Demiurgo arbitrario e onorario, in cui tu plastifichi la forma secondo ciò che più preferisci. Potrai degenerare nei gradi inferiori propri dei bruti; potrai rigenerarti nei gradi superni e divini secondo la tua intima decisione.»

( Giovanni Pico della Mirandola, Oratio de hominis dignitate , c. 5, parg. 22-23 )

L'umanesimo europeo

A partire dalla fine del '400 l'umanesimo, da fenomeno strettamente legato all'area italica, cominciò a diffondersi presso le altre nazioni europee grazie ai soggiorni degli intellettuali stranieri nel nostro Paese. In alcuni di essi (quali Francia e Inghilterra ) l'umanesimo tardò a causa della Guerra dei cent'anni prima, e delle lotte per la ricostruzione del tessuto nazionale poi; in altri, invece, il dominio della filosofia scolastica e della cultura medievale in genere non permisero all'umanesimo di penetrare se non verso la fine del '400: furono i casi del Regno d'Ungheria col suo sovrano Mattia Corvino e quello di Polonia , grazie all'azione della regina Bona Sforza , maritata dal 1518 con Sigismondo I Jagellone [125] .

Erasmo da Rotterdam

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Erasmo da Rotterdam .
Hans Holbein il Giovane , Ritratto di Erasmo da Rotterdam allo scrittoio , colore su carta su legno di pino, 1523, Museo d'arte di Basilea .

Il principale esponente dell'umanesimo che ha avuto un sapore internazionale è stato sicuramente l'umanista olandese Erasmo da Rotterdam (1469?-1536), definito "il principe degli umanisti". Considerato al contempo l'esponente di punta dell'umanesimo cristiano Erasmo, che nutriva una profonda avversione per la scolastica e per la corruzione in cui versava la Chiesa di Roma, si proponeva di restaurare una fede che fosse veramente sentita nel cuore (la devotio moderna ) , ancor prima che nelle forme esteriori, e quindi di ritornare al modello dell' età apostolica [126] .

Sulla base di questo progetto, l'umanista olandese (i cui contatti epistolari spaziavano dal Colet a Tommaso Moro, da Manuzio all'editore svizzero Froben , da eminenti ecclesiastici a principi) propose la sua "riforma etica" del cattolicesimo attraverso una rivisitazione filologica del Nuovo Testamento ; la creazione di un manuale per la formazione del cristiano (l' Enchiridion militis christiani ) e la produzione di opere letterarie, fortemente contrassegnate dall'ironia (si ricordi il celebre Elogio della follia ), volte a smuovere le coscienze [127] .

La combinazione dei modelli classici e patristici con la sensibile attenzione verso le tematiche contemporanee (la deplorazione della guerra tra i cristiani; l'attenzione verso le tematiche pedagogiche e politiche) fece di Erasmo il campione dell'umanesimo fino allo scoppio della Riforma protestante e dalla sua contrapposizione con gli estremismi della fazione luterana e di quella cattolico-romana, che accusarono l'anziano umanista di essere ora segretamente protestante, ora segretamente cattolico. Nonostante Erasmo avesse difeso, nello scritto Diatribe de libero arbitrio del 1524, la teoria secondo cui ogni essere umano dispone liberamente della propria coscienza e, quindi, delle proprie azioni, andando anche contro la morale divina, la sua protervia nel rimanere neutrale nella disputa gli alienò le simpatie anche dei cattolici [128] .

Geografia dell'umanesimo europeo

Thomas de Leu, Ritratto di Michael de Montaigne , pittura.

Francia

Per quanto riguarda l'area francese, il primo umanista che importò in patria la nuova cultura fu Jacques Le Fèvre d'Étaples (1455-1536), teologo e uomo di cultura che rimase affascinato dalle proposte di Marsilio Ficino e di Giovanni Pico della Mirandola al principio degli anni '90 [129] . La lezione filologiche e filosofiche di d'Étaples verranno ulteriormente diffuse in seguito alle Guerre d'Italia di Carlo VIII , Luigi XII e, soprattutto, di Francesco I , che rese il francese lingua ufficiale del Regno e che protesse numerosi artisti e letterati. Sotto il suo regno vissero Guillaume Budé (1468 - 1540), François Rabelais (1494 - 1553) [130] e vari dotti parigini quali Charles de Bovelles e Symphorien Champier , vicini alla lezione di Pico e di Nicolò Cusano [131] . Nella seconda metà del secolo, campeggia la figura di Michel de Montaigne (1533 - 1592), scettico indagatore della natura umana nelle sue molteplici sfaccettature [130] .

Inghilterra

Sconvolta dalla guerra delle due rose , l'Inghilterra cominciò a ricostruire le sue energie, tra cui anche quelle culturali, sotto l'energico governo del primo sovrano Tudor , Enrico VII (1485-1509). In questo periodo, la ripresa del commercio e degli scambi col Continente favorì la penetrazione dell'umanesimo anche in terra inglese grazie alla figura del religioso e futuro decano della Cattedrale di San Paolo John Colet (1466/67-1519), fervente sostenitore del neoplatonismo e degli studi patristici greci e fondatore della Scuola di Oxford . Vicino a Colet fu la figura più prestigiosa del primo umanesimo inglese, Tommaso Moro (1478-1535), amico di Erasmo da Rotterdam, cancelliere di Enrico VIII (1509-1547) e autore del trattato socio-politico di L'Utopia . Il pieno rinascimento inglese si svolse nettamente in ritardo rispetto all'Europa: fu sotto l' età elisabettiana (1558-1603) che le teorie umanistiche furono raccolte da Philip Sidney e, soprattutto, da William Shakespeare [132] .

Germania

Tra i principali umanisti tedeschi si ricordano Johannes Reuchlin (1455-1522), che introdusse in patria le nozioni di Pico della Mirandola riguardo al valore magico della cabala ebraica [133] ; Ulrich von Hutten (1488-1523), traduttore dell'opera di Valla La falsa Donazione di Costantino e fautore del luteranesimo in chiave violenta [134] ; Johannes Agricola (1494-1566), inizialmente fautore di Lutero e poi suo oppositore; e infine Filippo Melantone (1497-1560), raffinato umanista e rappresentante della fazione moderata del luteranesimo [135] .

Spagna

L'umanesimo, grazie ai legami dinastici tra Alfonso V di Napoli e la sua terra d'origine, il Regno d'Aragona , penetrò lentamente nella Penisola iberica [125] . Dopo la Conquista di Granada da parte dei Re cattolici nel 1492 e il completamento della Reconquista , iniziò la vera diffusione dell'umanesimo in Spagna. Fautore dell'introduzione del movimento culturale nello Stato iberico fu Antonio de Nebrija , insieme al traduttore di Aristotele Pedro Simón Abril , al politologo Juan Ginés de Sepúlveda e al frate e poi vescovo difensore degli indios Bartolomé de Las Casas . Oltre a questi umanisti, il regno di Carlo V d'Asburgo (1516-1558) fu caratterizzato dalla presenza di intellettuali legati all' erasmismo , in primo luogo Alfonso de Valdés e suo fratello Juan de Valdés , artefici di un cristianesimo che riconciliasse il cattolicesimo con le istanze riformate , cosa che decretò la decadenza dell'umanesimo spagnolo, l'instaurazione dell' Inquisizione spagnola e l'avvio al maturo Siglo de Oro [136] .

Il Münster di Basilea , città più importante elvetica dell'epoca.

Svizzera

Nel territorio dell'attuale Svizzera è soprattutto la città di Basilea che può essere qualificata come uno dei centri più importanti al nord delle Alpi. Grazie alla fondazione dell' università di Basilea nel 1460 (prima università svizzera), dove s'installerà anche Erasmo da Rotterdam, la famiglia Holbein o Paracelso e come nuovo centro di stampa di libri (in concorrenza con le città di Parigi e Venezia) riuscirà a stabilirsi come la città più importante elvetica dell'epoca e come luogo d'innovazione intellettuale. Diventò inoltre anche terra d'accoglienza per vari rifugiati religiosi di provenienza italiana, quali Bernardino Ochino [137] .

Note

Note esplicative

  1. ^ Petrarca aveva fondato una filosofia che «profondamente avversa alle vuote dispute delle scuole, è indagine sulla vita degli uomini», come ricorda Garin , p. 30 . Rifacendosi al pensiero neoplatonico cristiano di sant'Agostino d'Ippona , il letterato aretino basa l'esistenza sulla conoscenza intima di sé stessi, filtrata attraverso lo studio dei classici e la preghiera, per poi procedere alla comunione con l'intero ecumene umano:

    «Perciò il viaggio...alla scoperta dell'anima propria, fu insieme la conquista di un più solido legame con gli altri uomini.»

    ( Garin , p. 28 )
  2. ^ Il Petrarca, uomo profondamente religioso, manifestò un forte dolore nel libro XX delle Familiari composto, per la maggior parte, da lettere inviate ai grandi scrittori del passato: Cicerone, Seneca e altri. Il dolore che uomini così virtuosi non siano venuti a conoscenza del messaggio cristiano lo si denota, per esempio, nel saluto finale della Petrarca2, Familiare , XX, 3 , quando Petrarca sottolinea la distanza temporale spirituale fra i due: «anno ab ortu Dei illius quem tu non noveras, MCCCXLV», cioè nell'anno 1345 dalla nascita di quel Dio che tu non avevi conosciuto .
  3. ^ L'Alberti era fortemente critico verso il monolinguismo della cultura umanistica fiorentina che, con l'avvento di Cosimo nel 1434, era diventata l'espressione del rinnovamento culturale mediceo. Perciò fu costretto ad allontanarsi da Firenze per prendere la strada ecclesiastica. Si veda Cappelli , pp. 309-310
  4. ^ Come però rivela Pastore Stocchi , p. 34 , l'accorata difesa della libertà fiorentina non aveva nulla a che vedere con l'uguaglianza interna tra magnati e popolo minuto, quanto una differenza di carattere socio-politico tra due modelli di Stato antitetici:

    «In effetti anche nel primo '400 l'apologia della libertà fiorentina rimane condizionata, in buona misura, da un'istanza di autonomia-autocefalia raffermata contro una minaccia esterna. Si tratta, insomma, di un concetto di libertà che assume significato nel quadro di uno scontro di interessi politico-economici fra Stati, non già da un serio tentativo di analisi comparativa interna dei rispettivi sistemi statali.»

  5. ^ Tutte e tre le città sono luoghi significativi per l'umanesimo: la prima è la patria di Guarino Veronese , patrocinatore della pedagogia umanista con Vittorino da Feltre; Padova si poteva considerare la "sede spirituale" del petrarchismo per la forte impronta che l'insegnamento del Petrarca ebbe sull'élite politica e culturale locale; a Vicenza , infine, nacque l'umanista "politico" Antonio Loschi , allievo di Coluccio Salutati e futuro cancelliere del duca di Milano Gian Galeazzo Visconti. Si vedano: Cappelli , p. 140 e Tateo, cultura umanistica , pp. 92-93 .
  6. ^ Questi alti prelati non furono soltanto simpatizzanti dell'umanesimo nascente, ma anche loro stessi umanisti e appassionati scopritori di codici. Bartolomeo Capra, per esempio, scoprì la Rethorica e la Dialectica di sant'Agostino; mentre Gerardo Landriani, nel 1421, riportò alla luce il De Oratore di Cicerone. Cfr. Cappelli , p. 229 .

Note

  1. ^ Der Streit des Philanthropinismus und Humanismus in der Theorie des Erziehungs-Unterrichts unsrer Zeit , Jena, Friedrich Frommann, 1808.
  2. ^ Kristeller , p. 8 .
  3. ^ Umanesimo .
  4. ^ Per uno sguardo complessivo sugli studi storiografici, si veda Fubini , pp. 7-11 .
  5. ^ È il primo frammento attribuito a Protagora nella raccolta dei frammenti dei presocratici curata da Diels e Kranz , come esposto in Reale , p. 67 .
  6. ^ Abbagnano, 1 , p. 14 :

    «Essa non esclude l'uomo dalla sua considerazione; ma nell'uomo vede soltanto una parte o un elemento della natura, non già il centro di un problema specifico. Per i presocratici, gli stessi principi che spiegano la costituzione del mondo fisico, spiegano la costituzione dell'uomo.»

  7. ^ Abbagnano, 1 , p. 10 e Reale , p. 12 .
  8. ^ Abbagnano, 1 , p. 205 :

    «La filosofia [post-aristotelica] è ancora e sempre ricerca; ma ricerca di un orientamento morale, di una condotta di vita che non ha più il suo centro e la sua unità nella scienza, ma subordina a sé la scienza come il mezzo al fine.»

  9. ^ Canfora , p. 587 .
  10. ^ Publio Terenzio Afro, Heautontimorumenos , 77.
  11. ^ Abbagnano, 1 , p. 242 .
  12. ^ Abbagnano, 1 , p. 245 .
  13. ^ Tali esperimenti filologici del giovane Petrarca furono la collazione delle decadi di Tito Livio ( codice Hamilton 2493 ), realizzata tra il 1326 e il 1330 ( Cfr . Wilkins , p. 24 ); e la costituzione del Virgilio ambrosiano , codice composto di 300 fogli manoscritti contenenti le Bucoliche , le Georgiche e l' Eneide di Virgilio , a cui aggiunsero quattro Odi di Orazio e l' Achilleide di Stazio ( Cfr . Wilkins , p. 5; p. 32 ).
  14. ^ L'attività frenetica di Petrarca a livello europeo viene sinteticamente riportata da Gargan , pp. 134-140 , ricordando come il punto di partenza fosse stata la "fortunata" coincidenza di trovarsi, allora, ad Avignone la sede del papato (si veda la Cattività avignonese per maggiori informazioni storiche), «centro situato in località propizia per essere un punto di contatto culturale tra nord e sud [Europa]» (Gargan, p. 135).
  15. ^ Per avere uno sguardo complessivo della vita di Petrarca, si fruisca del libro di Wilkins citato in bibliografia. Altro valido aiuto è rappresentato dal libro di Pacca .
  16. ^ Garin , p. 26 ; Cappelli , p. 31 .
  17. ^ Con l'umanesimo petrarchesco, difatti, i classici vengono visti nella loro condizione storica, e non più interpretati secondo l'esegesi cristiana operata nel Medioevo . Così Garin , p. 21 :

    «Proprio l'atteggiamento assunto di fronte alla cultura del passato, al passato, definisce chiaramente l'essenza dell'umanesimo. E la peculiarità di tale atteggiamento...va collocata...in una ben definita coscienza storica. I "barbari" [i medioevali] non furono tali per aver ignorato i classici, ma per non averli compresi nella verità della loro situazione storica.»

  18. ^ Cappelli , p. 39 :

    «Tra Venezia, Padova e Bologna dominava l'aristotelismo scolastico: Petrarca vi oppone il suo cristianesimo spiritualista, venato di platonismo e di stoicismo, e la sua morale fondata su una lettura attenta e laica dei classici.»

  19. ^ Significativa la sintesi di Abbagnano, 1 , p. 5 :

    «L'umanesimo rinascimentale non è soltanto l'amore e lo studio della sapienza classica e la dimostrazione del suo accordo con la verità cristiana; è anche e soprattutto la volontà di ripristinare nella sua forma autentica tale sapienza, di intenderla nella sua effettiva realtà storica.»

  20. ^ Petrarca poneva, come conseguenza dello studio dei classici, l'apprendimento dell'etica greco-romana, un'etica virtuosa cui doveva corrispondere, nella vita quotidiana, un'ortoprassi identica. La teoria, esposta nella Fam . I, 9, è riportata da Garin , p. 26 .
  21. ^ Petrarca, Seniles , II, 1, par. 8 :
    ( LA )

    «Quid hic tibi dicere aliud videtur, quam quod in Proverbiis Salomon: «Iustus prior est accusator sui»? Aut quid aliud Seneca idem ad Lucilium, ubi ait «somnium narrare vigilantis est, et vitia sua confiteri sanitatis indicium est», quam quod in psalmo David: «Dixi: confitebor adversum me iniustitiam meam Domino (en confessio); et tu remisisti impietatem peccati mei (en sanitas confitentis)»? Quamvis ergo cui et qualiter confitendum sit nemo nisi cristianus noverit, tamen peccati notitia et conscientie stimulus, penitentia et confessio comunia sunt omnium ratione pollentium.»

    ( IT )

    «Che cosa sembra che ti dica costui a te, quanto ciò Salomone [disse] nei Proverbi : "Il giusto è il primo accusatore di sé stesso?" O che cos'altro il medesimo Seneca [disse a Lucilio], quando esclamò: "è proprio di colui che vigila narrare il sogno, ed è segno di probità ammettere i propri vizi", quanto ciò Davide [disse anche] nel salmo: "Ho detto: denuncerò contro me stesso la mia ingiustizia al Signore (ecco la confessione); e tu rimettesti l'empietà del mio peccato (ecco l'assennatezza del penitente)"? Per quanto a costoro [Salomone e Davide] e, così come nessuno se non il cristiano ha ristorato ciò che si deve confessare, il pentimento e il riconoscimento [delle proprie colpe] sono comuni a tutti coloro che sono dotati di ragione.»

  22. ^ Ferroni, Trecento , p. 10 .
  23. ^ Sapegno .
  24. ^ Monti , p. 34 .
  25. ^ Si veda, per i singoli passaggi di quest'apprendistato, Rico .
  26. ^

    «[Il Boccaccio] intravvide, seppur vagamente, che l'Umanesimo per esser veramente integrale doveva completarsi con la matrice della cultura e della 'humanitas latina, cioè con la cultura e l'humanitas' dei Greci»

    ( Agostino Pertusi in Branca 1977, Giovanni Boccaccio: profilo biografico , p. 118 )
  27. ^ Branca , p. 183 .
  28. ^ Cappelli , pp. 20-21 .
  29. ^ Beatrice Panebianco, Mario Gineprini, Simona Seminara, LetterAutori , vol. 1, ed. Zanichelli, Bologna, 2014.
  30. ^ Guglielmino-Grosser , pp. 248-249 .
  31. ^ Burckhardt , p. 192 :

    «Lo scrittore che, fin dal secolo XIV passava senza contrasto come il modello più perfetto della prosa latina, era Cicerone [...] Ma [Petrarca] nutriva per lui troppa venerazione, per mostrarsi lieto di una tale scoperta; e dal suo tempo in poi, l'epistolografia in primo luogo e in seguito tutti gli altri generi di composizione, eccettuato soltanto il narrativo, non avevano preso altro modello, fuorché Cicerone.»

  32. ^ Pastore Stocchi , p. 15 :

    «Invece, a partire dal Petrarca..., l'Umanesimo viene affermandosi anche nel modo in cui le informazioni sono fatte circolare velocemente in un esteso e fitto intreccio di canali, grazie ai frequentissimi contatti personali favoriti dall'avventurosa mobilità di tanti studiosi, e soprattutto al commercio epistolare, istituzione principe e universalmente officiata nella nuova cultura.»

  33. ^ Si vedano le personalità di Poggio Bracciolini, di Leonardo Bruni o di Giovanni Argiropulo, spiegate nella sezione successiva, per dare un'idea.
  34. ^ Abbagnano, 1 , p. 7 :

    «Quando si dice che l'umanesimo rinascimentale ha scoperto o riscoperto "il valore dell'uomo" s'intende affermare che esso ha riconosciuto il valore dell'uomo come essere terrestre e mondano, inserito nel mondo della natura e della storia e capace di forgiare in esso il proprio destino.»

    Si guardi anche il paragrafo Poggio Bracciolini e il valore dei beni terreni in Garin , pp. 54-58 .
  35. ^ Queste categorizzazioni sommarie sono riprese da Ferroni, Quattrocento , p. 21 .
  36. ^ Cappelli , p. 21 .
  37. ^ Guglielmino-Grosser , p. 255 : «Per quasi tutto il Quattrocento (sino all'ultimo quarto) il predominio del latino come lingua di cultura, a scapito del volgare, è nettissimo...»
  38. ^ Tateo, cultura umanistica , p. 55 .
  39. ^ Guglielmino-Grosser , p. 256 .
  40. ^ Chines , p. 212 .
  41. ^ Ferroni, Quattrocento , p. 12 .
  42. ^ Ferroni, Quattrocento , p. 35 .
  43. ^ Chines , p. 213 :

    «...Lorenzo il Magnifico, il quale, per sancire la superiorità culturale di Firenze, sollecità l'uso del volgare come lingua d'arte e affida così agli scrittori della sua corte, umanisti esperti dei classici latini, il compito di applicare al volgare toscano i costrutti eleganti che avevano condotto le lingue antiche alla loro perfezione morale.»

  44. ^ Guglielmino-Grosser , p. 260 .
  45. ^ Tartaro , p. 170 :

    «L'umanesimo volgare avrà dunque la sua estrema definizione in senso politico-culturale. Il fiorentinismo che lo ispira da sempre sarà allora fiducia in un programma di espansione e di supremazia politica; e come tale non dissociabile dalla persona stessa [il Magnifico] del singolarissimo programmatore, promotore di cultura e di iniziative culturali prima ancora che mecenate.»

  46. ^ Cappelli , p. 125 .
  47. ^ Guglielmino-Grosser , p. 277 .
  48. ^ Guglielmino-Grosser , pp. 279-280 .
  49. ^ Cappelli , p. 127 .
  50. ^ L'attenzione alla pratica religiosa come rispecchiamento esteriore del sentimento interiore era proprio più della scuola di Vittorino da Feltre, come ricordano Cappelli , p. 132 e Burckhardt , p. 165 .
  51. ^ Cappelli , pp. 125-126 .
  52. ^ Bosisio , p. 361 .
  53. ^ Bosisio , pp. 361-362 .
  54. ^ Termine coniato da Hans Baron nel 1924, quando recensì il libro di Friedrich Engel-Jànosi Soziale Probleme der Renaissance . Cfr. Fubini , p. 299, nota 77 .
  55. ^ Cappelli , pp. 86-88 .
  56. ^ Per una biografia del Bruni, per quanto datata, si veda: Santini .
  57. ^ Sabbadini , p. 51 :

    «Non meno vigile e operoso fu il Bruni. Anch'egli cominciò a formarsi il primo nucleo coi doni del Crisolora, da cui ricevette un Demostene ; sin poi dal 1400 pose mano alla ricca serie delle traduzioni dal greco col Fedone platonico...»

  58. ^ Tateo, cultura umanistica , p. 67 :

    «L'attività propriamente umanistica del Bruni è legata alla sua vasta opera di traduttore; oltre gli storici, già citati, tradusse Demostene, Eschine , san Basilio ...e ancora il Fedone , il Gorgia , il Fedro , l' Apologia , il Critone , alcune lettere e il Convito di Platone. Se la traduzione dell'opera platonica diede un fecondo contributoalla diffusione del platonismo nell'umanesimo fiorentino, le versioni aristoteliche della Nicomachea (1417), degli Economici (1420), della Politica (1434) intesero rinnovare la lettura del filosofo [cioè Aristotele ]....»

  59. ^ Pastore Stocchi , p. 36 :

    «Il Bruni è molto più abile e certo più coerente nel perseguire il suo [di Salutati] disegno apologetico. la sua critica ai sistemi tirannici non è affatto esplicita, ma è pure meno contingente: si proietta infatti nella celebrazione delle origini repubblicane di Firenze, fondata quando ancora a Roma [la libertà]...dove gli sceleratissimi latrones sono Giulio Cesare e gli imperatori successivi, che hanno tolto a Roma la libertà repubblicana di cui Firenze è rimasta unica erede e fiera custode...»

  60. ^ Ferroni, Quattrocento , p. 36 .
  61. ^ Garin , p. 94 .
  62. ^ Canfora , p. 34 :

    «Si trattava di una forma di stato repubblicano ovviamente sui generis , fondato sulla conservazione istituzionale, sull'equilibrio tra i poteri e sulla programmatica esclusione dell'allargamento della partecipazione al governo cittadino.»

  63. ^ Tateo, cultura umanistica , p. 92 :

    «...il primo umanesimo veneto appare caratterizzato soprattutto da funzioni - per così dire - istituzionali: accolto nelle grandi famiglie dell'aristocrazia, l'umanesimo contribuì soprattutto alla formazione di uomini politici, ambasciatori, prelati.»

  64. ^ Tissoni Benvenuti , p. 250 .
  65. ^ Canfora , p. 34 .
  66. ^ Cappelli , p. 159 .
  67. ^ Tateo, cultura umanistica , p. 95 .
  68. ^ Finzi , pp. 359-360 .
  69. ^ Si veda il saggio di Caracciolo , nella sezione dedicata alla religiosità dell'umanesimo veneto.
  70. ^ Steinberg , p. 61 .
  71. ^ Bigi, Barbaro .
  72. ^ Cappelli , p. 166 .
  73. ^ per una biografia del Bracciolini, si veda Bigi .
  74. ^ Cappelli , p. 61 : «Ma la figura di maggior rilievo in questa immensa opera di recupero [dei classici] fu quella di Poggio Bracciolini...»
  75. ^ Ferroni, Quattrocento , p. 23 .
  76. ^ Cappelli , pp. 168-169 .
  77. ^ Per la biografia, si veda quella di Fubini, Biondo Flavio .
  78. ^ Testimonianza del metodo storico, basato sulla veritas historiae , è la lettera che Lapo da Castiglionchio il Giovane invia al Biondo, nell'aprile del 1437. In essa, Lapo elogia Biondi, per aver osservato i precetti della storiografia antica, senza però esserne un pedissequo emulatore:
    ( LA )

    «Nam quae sunt primum hystoricis quasi impositae leges, ut ne quid falsum admiscere audeant, ne quid verum praetermittant, ne...a vera ac recta sententia deducantur, abs te diligentissime conservatae sunt.»

    ( IT )

    «In primo luogo, difatti, queste sono delle sorti di leggi imposte agli storici, affinché non osino aggiungervi qualcosa di falso, non omettano qualcosa di vero, e non si allontanino da un discorso vero e giusto, e da te [queste leggi] sono conservate in modo assai diligente.»

    ( Miglio , pp. 14-15 )
  79. ^ Kelly , p. 413 : «Il suo ideale di essere il restauratore di Roma, il protettore degli uomini di lettere e l'assertore del papato come guida della civilizzazione...»
  80. ^ In Tateo, Niccolò V questi sono soltanto alcuni degli umanisti più importanti che giunsero a Roma chiamati dal loro "collega" divenuto papa. Nell'organizzazione dei codici della Biblioteca Vaticana e nella loro traduzione dal greco in latino, infatti, furono chiamati un'infinità di intellettuali di cui si riportano i nomi:

    «Tradussero dal greco per il pontefice, e in qualche caso conosciamo la loro lautissima retribuzione, Giovanni Aurispa, Poggio Bracciolini, Pietro Balbi, Pier Candido Decembrio, Francesco Filelfo, Teodoro Gaza, Giorgio da Trebisonda, Gregorio Tifernate, Guarino da Verona, Jacopo da San Cassiano, Lilio Tifernate, Giannozzo Manetti, Carlo Marsuppini, Orazio Romano, Nicolò Perotti, Lorenzo Valla, Rinuccio da Castiglione che, ancor prima dell'elezione al pontificato, aveva tradotto per il Parentucelli le Favole di Esopo, Maffeo Vegio. Altrettanto ampio il novero di coloro che dedicarono loro opere e loro traduzioni a N.: come Andrea Contrario, Antonio Agli, Antonio da Bitonto, Antonio Tridentone, Rodrigo Sánchez de Arévalo, Bartolomeo Facio, Basinio da Parma, Benedetto da Norcia, Bernardo da Rosergio, Biondo Flavio, Lampugnino Birago, Poggio Bracciolini, Filippo Calandrini, Michele Canensi, Leonardo Dati, Pietro del Monte, Gaspare da Verona, Giano Pannonio, Giovanni da Capestrano, Giovanni Giusti, Pietro Godi, Girolamo Guarini, Leonardo da Chio, Lorenzo da Pisa, Lupo da Speio, Paolo Maffei, Timoteo Maffei, Giovanni Marrasio, Nicolò Cusano, Porcelio Pandone, Nicolò Perotti, Lauro Quirini, Giovanni Serra che si offrì anche come biografo, Raffaele da Pornassio, Rinuccio da Castiglione, Giovanni Torquemada, Giovanni Tortelli.»

  81. ^ Abbagnano, 1 , pp. 58-59 .
  82. ^ Tateo :

    «...quindi si trasferì a Roma (1462-63) quando il suo allievo Francesco Gonzaga ricevette la nomina cardinalizia, ea Roma concluse felicemente la sua carriera di umanista come prefetto della Biblioteca vaticana.»

  83. ^ Kelly , p. 176 .
  84. ^ Burckhardt , p. 171 :

    «...ei suoi [di Paolo II] successori, Sisto, Innocenzo e Alessandro accettarono sì qualche dedica e si lasciarono esaltare dai poeti senza misura (si parla persino di una Borgiade , scritta probabilmente in esametri ), ma ebbero in generale ben altre occupazioni e cercarono appoggi più solidi, che non fossero le servizi adulazioni dei poeti-filologi.»

    Sempre in Ibidem , nota 90, Burckhardt rivela il nome dell'autore dell'incompiuta Borgiade , tale Sferulo da Camerino .
  85. ^ Burckhardt , pp. 211-212 .
  86. ^ Tateo, cultura umanistica , p. 125 .
  87. ^ Si veda De Mesquita .
  88. ^ Per uno sguardo complessivo sul Loschi, si veda: Viti, Antonio Loschi .
  89. ^ Canfora , p. 12 :

    «Scipione e Cesare, simboli rispettivamente della repubblica e della monarchia, sono i due grandi eroi antitetici su cui il poeta aretino per primo richiamò puntualmente l'attenzione dei contemporanei [...] La contrapposizione...era tra libertà individuale ed efficacia nell'azione di governo, tra repubblica e monarchia.»

  90. ^ Tolfo .
  91. ^ Cfr . Fubini, Antonio da Rho .
  92. ^ Cappelli , p. 237 .
  93. ^ Per uno sguardo complessivo sulla figura del Decembrio, si veda: Viti, Pier Candido Decembrio .
  94. ^ Cappelli , pp. 409-410 .
  95. ^ Bosisio , pp. 358-359 .
  96. ^ Bosisio , p. 359 .
  97. ^ Cappelli , pp. 279-280 .
  98. ^ a b c Tateo, cultura umanistica , p. 130 .
  99. ^ Cappelli , p. 283 .
  100. ^ Cappelli , p. 298 .
  101. ^ Cappelli , p. 255 .
  102. ^ a b Martellotti .
  103. ^ Cappelli , p. 257 .
  104. ^ Burckhardt , p. 165 .
  105. ^ Sabbadini , pp. 46-47 .
  106. ^ a b Ferroni, Quattrocento , p. 54 .
  107. ^ Alfano-Gigante-Russo , p. 92 .
  108. ^ Cappelli , p. 266 .
  109. ^ Tateo, cultura umanistica , pp. 111-112 .
  110. ^ Tateo, cultura umanistica , p. 112 e Cappelli , p. 267 .
  111. ^ a b Tateo, cultura umanistica , p. 112 .
  112. ^ Cappelli , p. 269 .
  113. ^ Tateo : «aveva scritto infatti, per onorare i Gonzaga suoi protettori, una storia della città di Mantova ( Historia urbis Mantuae ), iniziata nel 1466 e completata nel 1469.»
  114. ^ Cappelli , p. 271 .
  115. ^ Alfano-Gigante-Russo , p. 93 .
  116. ^ Per approfondire, si veda il capitolo di Oliva , Una decadenza durata cent'anni , pp. 147-180 .
  117. ^ Alfano-Gigante-Russo , p. 95 .
  118. ^ Cappelli , pp. 337-338 .
  119. ^ Pagnoni Sturlese .
  120. ^ Cappelli , pp. 305-306 .
  121. ^ Catanorchi .
  122. ^ Cappelli , p. 325 .
  123. ^ Pico della Mirandola .
  124. ^ a b Tirinnanzi .
  125. ^ a b Landucci , p. 1175, colonna 2 .
  126. ^ Potestà-Vian , p. 304 .
  127. ^ Abbagnano, 3 , p. 98 .
  128. ^ Abbagnano, 3 , p. 99 .
  129. ^ Si consulti la voce su Le Fèvre d'Étaples .
  130. ^ a b Per approfondire, si veda Humanisme et Renaissance .
  131. ^ Kristeller , p. 75 e Ibidem , nota 30 .
  132. ^ Si veda, per approfondimenti, la voce English Humanists dell' Enciclopedia Britannica online.
  133. ^ Abbagnano, 3 , pp. 125-126 .
  134. ^ Hutten, Ulrich von .
  135. ^ Abbagnano, 3 , pp. 109-110 .
  136. ^ Si veda, per ulteriori approfondimenti, il saggio Humanismo en España .
  137. ^ Maissen .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 13282 · BNF ( FR ) cb11944995n (data)
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina , identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 1º luglio 2019 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci in vetrina in altre lingue · Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki