Val Camonica

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Val Camonica
Monte Concarena - Valle Camonica (Foto Luca Giarelli) .jpg
Monte Concarena , Val Camonica mitjana
Estats Itàlia Itàlia
Regions Llombardia Llombardia
Províncies Brescia Brescia
Bèrgam Bèrgam
Principals ubicacions Angolo Terme , Artogne , Berzo Demo , Berzo Inferiore , Bienno , Borno , Braone , Breno , Capo di Ponte , Castro , Cedegolo , Cerveno , Ceto , Cevo , Cimbergo , Cividate Camuno , Corteno Golgi , Costa Volpino , Darfo Boario Terme , Edolo , Esine , Gianico , Incudine , Losine , Lovere , Lozio , Malegno , Malonno , Monno , Niardo , Ono San Pietro , Ossimo , Paisco Loveno , Paspardo , Pian Camuno , Piancogno , Pisogne , Ponte di Legno , Rogno , Saviore dell'Adamello , Sellero , Sonico , Temù , Vezza d'Oglio , Vione
Comunitat de muntanya Dividit per zones
Riu Oglio
Superfície 1 518,19 km²
Altitud Adamello : 3 554 m slm
Anomenar habitants Camuni
Cartografia
Mapa de la Vall

Coordenades : 46 ° 00'27 "N 10 ° 20'51" E / 46.0075 ° N 10.3475 ° E 46.0075; 10,3475

Val Camonica (també Valcamonica o Vall Camonica i, en els dialectes Camunian , A l'Camònega o Camunia, des del ethnonym a Amèrica amb la qual els autors clàssics de l'antiguitat defineixen la població que vivia allà: la Camuni ) és un vall a l'est de Llombardia , un dels més grans dels Alps centrals , gairebé llarg 100 km , amb una superfície d'1 518,19 km² [1] i una població de 120 327 habitants [2] ; De la banda sud comença a Corna Trentapassi , en el llac d'Iseo , mentre que el límit nord està marcat en tres direccions diferents pel major nombre de ports de muntanya: Passo de l'Tonale , a 1 883 m snm , Passo dell'Aprica i Passo de l'Gavia , amb aquest últim representa el punt més septentrional de la vall.

Logo blanc de la UNESCO.svg Ben protegit per la UNESCO
Valle Camonica - Alto Sebino
Gnome-globe.svg Reserva de la Biosfera
Val Paghera Baitone Group.jpg
Reconegut des de 2018
Targeta UNESCO ( EN ) [3] Targeta

Geografia

El territori del Valle Camonica

Creuat en tota la seva longitud des del curs alt del riu Oglio , que neix a Ponte di Legno , entra al Sebino a la Costa Volpino i després el surt a Sarnico , i finalment desemboca al Po , gairebé tota la vall està inclosa a el territori administratiu de la província de Brescia , excloent els municipis de Lovere , Rogno , Costa Volpino , Castro i la Val di Scalve [4] que formen part de la província de Bèrgam . El 1979 la UNESCO va declarar les talles de la roca de Val Camonica patrimoni de la humanitat , mentre que el 2018 tota la vall va ser designada una reserva de la biosfera [5] [6] [7] [8] .

Territori

El territori de Valle Camonica es pot dividir en tres macro-sectors: [9]

  1. Bassa Val Camonica : és una zona plana, rica en prats i camps, que parteix de la riba del llac Iseo i arriba a la carena transversal de Bienno , de vegades denominada Soglia di Breno ;
  2. Media Val Camonica : des de la Soglia di Breno arriba als municipis de Sonico - Edolo . La vall mitjana baixa s'estén des de Breno fins a Sellero , la superior comença des de l'estret congost de Cedegolo fins a Sonico - Edolo ;
  3. Alta Val Camonica : aquest sector de la vall segueix la línia Insubrica , amb orientació est-oest. Comença des de Val di Corteno i continua fins al municipi de Ponte di Legno , situat a la capçalera. Climàticament és similar a la Valtelina mitjana.

Està delimitat pels límits següents:

Nord Est Sud Oest

Orografia i geologia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Adamello Group i Orobic Prealps .

A causa de la seva extensió, es considera tant un Alpine Valley, en el seu sector més septentrional, i una pre- alpina vall, a la zona baixa de la vall. [10] ; hi ha nombroses valls secundaris, entre els quals els més importants són el Vall Corteno , la Paisco Valley , el vall Saviore , el vall de Grigna i el Vall Palot .

Enclavades entre les muntanyes del grup Adamello a l' est i les de les prealpes òrbiques a l' oest , aquestes muntanyes inclouen diversos cims que superen els 3 000 m, i entre aquests es nota tot el grup Adamello a l'est, format per un tipus particular de granit anomenat tonalita , anomenat així en honor al pas del Tonale ; a la banda occidental de l' Oglio hi ha els prealpis òrbics, formats sobretot per pedra calcària com la dolomita : aquí a l'antiguitat hi havia importants pedreres de marbre occhialino .

També hi ha conglomerats de verrucano llombard , un gres vermell, famós perquè és el suport preferit per als gravats rupestres de Valcamonica ; també hi ha nombrosos jaciments de pissarra , anomenats piòda , que antigament s’utilitzaven per cobrir les teulades de les cases; prop del llac Iseo , a la zona entre Costa Volpino i Pisogne , hi ha dipòsits de guix de silicat anomenats volpinite ; al nord, a la carena que divideix Valcamonica de Valtellina , hi ha les mines d'on es va extreure el marbre de Vezza d'Oglio .

Hidrografia

La vall és travessada longitudinalment pel riu Oglio , el cinquè més llarg d’ Itàlia : originari de la confluència dels rierols Frigidolfo i Narcanello , a Ponte di Legno , desemboca finalment al llac Iseo entre els municipis de Pisogne i Costa Volpino ; la riba sud-oest cau sota l'administració de la província de Bèrgam, insistint de fet en el territori dels dos municipis bergamasos de Rogno i Costa Volpino .

A més, a Oglio convergeixen diversos rierols de les serralades laterals, alguns dels quals tenen un marcat caràcter estacional: a Ogliolo , Dezzo , Grigna i Resio s’afegeixen altres rierols, gairebé tots caracteritzats per freqüents bancs estivals i per fortes gelades hivernals.

A gran altitud hi ha molts llacs alpins, inclòs el llac d’Arno , el llac Moro , a més de les nombroses conques artificials creades al segle XX per canalitzar les aigües cap a les estacions hidroelèctriques de la zona.

Clima

Escut de la conca de muntanya de Valle Camonica

El clima varia molt segons la zona i l’altitud en què es troba: comença des de 187 m slm de Pisogne fins a 1 257 m slm de Ponte di Legno , variant entre les zones de classificació climàtica E i F [11] . El clima també depèn molt de les zones exposades als vents o a ombres prolongades, de manera que es marquin canvis climàtics significatius entre llocs propers, però assolellats i protegits.

La neu poques vegades cau al fons de la vall, però és abundant, sobretot durant la temporada d’hivern, als cims de les muntanyes i a les estacions d’esquí.

Climàticament és possible dividir el Valle Camonica en cinc trams que s’esvaeixen gradualment a l’alçada de Gianico , Cividate Camuno , Forno d’Allione i Edolo . [12]

  • Llac Iseo - Gianico - Aquest sector, orientat del sud - oest al nord - est , està influït per les brises fredes que surten del llac proper, per tal de fer que les màximes de primavera i estiu siguin més baixes que a la part superior, mentre que les mínimes s’ajusten a les de la secció superior fins a Pisogne .
  • Gianico - Cividate Camuno - La secció de la vall sempre organitzada del sud - oest al nord - est , es caracteritza per uns màxims estivals més alts que en els segments restants gràcies a la menor incidència de brises del llac i a la considerable quantitat de sol, també a causa de la modesta alçada de les muntanyes, que permeten una sortida primerenca del sol i una tarda posta de sol, però també des de l’amplada considerable de la vall.
  • Cividate Camuno - Forno d'Allione - En aquest sector, la Valle Camonica experimenta una primera contracció i disminueixen les temperatures tant a l'estiu com a l'hivern, màximes i mínimes. L'ordenació de nord a sud i les altes muntanyes que l'envolten, reduint la quantitat de sol al fons de la vall, fan que la zona sigui molt ventosa, sovint afectada pel foehn .
  • Forno d'Allione - Edolo - Aquesta secció també es disposa de nord a sud , excepte la plana de Malonno, que es disposa de sud - oest a nord - est . Les temperatures màximes disminueixen gradualment a mesura que augmenta l'altitud, mentre que les mínimes experimenten una forta caiguda a la plana de Malonno , on l'aire fred s'omple a causa de la restricció de Forno d'Allione .
  • Edolo - Passo del Tonale : l’últim sector s’organitza aproximadament d’ Oest a Est , amb mínims molt baixos a l’hivern i el sol que aconsegueix escalfar poc fins i tot durant el dia. Aquí la neu és freqüent i dura períodes llargs.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Val Camonica .
Gravats rupestres

La història antiga de Valle Camonica comença amb el final de l'última glaciació , fa uns 15.000 anys, quan la glacera , que es fon, crea la vall. La glacera que va tallar la vall feia 90 km de llargada i uns centenars de metres de gruix.

Els habitants, que ja havien començat a visitar la vall a l’ epipaleolític , s’hi van establir a partir del neolític . Eren els antics Camuni , un poble d’origen incert, famós per les seves talles rupestres . Tot i que se sap poc sobre la seva societat, aquestes persones ens han deixat més de 300.000 petroglifs , cosa que converteix Valle Camonica en el centre d’art rupestre més gran d’ Europa .

Els contactes amb els pobles de la vall del Po i en particular amb els etruscs estan documentats per nombroses inscripcions rupestres. Cap a finals del segle I aC, la Valle Camonica es va annexionar a l’Imperi Romà i es va fundar la ciutat de Cividate Camuno , equipada amb un balneari, teatre i amfiteatre i un santuari de Minerva , un dels més grans dels Alps .

Durant l'edat mitjana a la zona hi ha freqüents enfrontaments entre els güelfs i els gibel·lins de Camuni, els primers del costat del bisbe de Brescia i el papat, els segons de l' emperador del Sacre Imperi Romanogermànic . El 1287 els Camuni es van rebel·lar contra la interferència de Brescia i els Visconti de Milà , anomenats per les dues parts com a àrbitres, van estendre el seu control a tota la zona durant el segle XIV .

Venècia i Milà competiran durant molt de temps, durant la primera part del segle XV , pel Valle Camonica, que finalment passarà sota el control de la Sereníssima fins al 1797 . En aquest llarg període, conegut com el Pax Veneta , la població civil es va dedicar al comerç, especialment al ferro, i es va governar gairebé de forma autònoma amb una comunitat de Valle Camonica , un òrgan polític que expressava els barris locals.

El segle XIX és un període molt complex en què la zona passarà primer sota control francès i després sota el regne llombard-veneto . Només el 1861 la vall de Camonica va ser annexionada al Regne d'Itàlia .

El 1915 Val Camonica es va convertir en l'escenari de la Primera Guerra Mundial , que es va combatre aquí a la línia fronterera al llarg del grup Adamello , i també es coneix com la Guerra Blanca a Adamello .

El 1955 es va crear el Parc Nacional de Gravats Rupestres de Naquane a Capo di Ponte per la Superintendència Arqueològica de Llombardia .

Naturalesa

A Valle Camonica hi ha diversos parcs d’interès naturalista nacional o regional.

Parcs nacionals i regionals

Nom Reconeixement Comú Hectàrees
Parc Nacional Stelvio Nacional Ponte di Legno , Temù , Vione , Vezza d'Oglio , Enclusa 133 325
Parc regional Adamello Regional Ponte di Legno , Temù , Vione , Vezza d'Oglio , Incudine , Edolo , Sonico , Malonno , Berzo Demo , Cevo , Saviore dell'Adamello , Paspardo , Ceto , Cimbergo , Braone , Niardo , Breno , Prestine 50 935

Reserves naturals

Valle Camonica de Gorzone

Parcs locals d’interès supramunicipal

Altres parcs o reserves

Valle Camonica s'estén sobre una altitud entre 187 m slm de Pisogne i 3 539 m slm del mont Adamello .

Des del punt de vista climàtic és particularment heterogeni, ja que és possible reconèixer cinc bandes diferenciades: [21]

Fauna

Gràcies a la presència, sobretot a la vall alta, de grans àrees protegides, com el parc regional de l’ Adamello o el parc nacional de Stelvio , es poden admirar molts animals que sovint no menystenen algunes incursions fins i tot en zones provocades per l’home. [22]

Demografia

Valle Camonica té 120 327 habitants, dels quals prop de 100.000 resideixen a la província de Brescia , i la resta a la província de Bèrgam . [25]

La majoria de la població, aproximadament dos terços, es distribueix en un llarg conglomerat urbanitzat que parteix de la riba del Sebino i arriba fins a Breno . Com més pugeu cap a la vall alta, millor es detallen els municipis petits a causa de la densitat de població més baixa. El centre més poblat de la vall és Darfo Boario Terme , que es troba a la part més urbanitzada de la vall baixa; Breno , en canvi, es considera la seva capital administrativa.

Mapa de la vall de Camonica, Museus Vaticans , segle XVI

Taula resum dels deu municipis més poblats. [26]

Escut d'armes comú província Població
Darfo Boario Terme-Stemma.png Darfo Boario Terme Brescia 15 797
Pisogne-Stemma.png Pisogne Brescia 7 995
Esine-Stemma.png Esine Brescia 5 262
Breno-Stemma.png Breno Brescia 4 827
Piancogno-Stemma.png Piancogno Brescia 4 669
Pian Camuno-Stemma.png Pian Camuno Brescia 4 653
Edolo-Stemma.png Edolo Brescia 4 586
Bienno-Stemma.png Bienno Brescia 3 794

Els quatre municipis menys poblats són: Losine (608), Lozio (405), Incudine (370) i Paisco Loveno (188).

Evolució demogràfica

Habitants enquestats

Cites

«Valcamonica, la més gran i no menys famosa de les valls llombardes per esdeveniments bèl·lics de les històries antigues, per a famílies nobles i molt honrades i per a homes que han estat il·lustres per lletres, armes i càrregues importants; per la fertilitat del seu sòl; per a la indústria i el comerç dels seus habitants ... "

( Agostino Caggioli - Història de Valcamonica , 1853 [27] )

Economia

Indústria

Potència

La producció hidroelèctrica és una realitat d’importància primordial en el context de l’economia local, ja que és capaç d’aprofitar els recursos hídrics conspicus presents a la zona; la primera unitat de control es va construir el 1888 a Breno , però a partir del 1907 , amb el naixement d' Elva , es van afegir les de Niardo , Darfo Boario Terme i Vezza d'Oglio . Després es van construir les grans centrals elèctriques de Temù , Sonico , Isola , Cedegolo , Cividate Camuno , Gratacasolo i Grevo .

Es van posar en funcionament les tres plantes d' Edolo , San Fiorano i Cedegolo , a les quals és atribuïble la producció d'una gran part de l'energia hidroelèctrica de Camuna.

Començant des de Cedegolo i fins a Cividate Camuno , és visible un canal per transmetre aigües torrencials des del costat est de la vall, construït també amb finalitats elèctriques el 1926 [28] .

Turisme

Valle Camonica de Sonico

Tot i que encara està lluny d’assolir el seu potencial real, el turisme és una de les activitats econòmiques més importants per al territori camunià.

Al llarg de l'any, turistes i escolars visiten els nombrosos parcs de gravats rupestres de la vall de Camonica , a través dels quals és possible admirar una part del patrimoni de l' art rupestre camunès molt més gran. La zona de màxima concentració, a Naquane, va ser declarada lloc protegit per la UNESCO el 1979 .

Durant la temporada d’hivern, el turisme es concentra sobretot a les nombroses zones d’esquí presents, en particular:

En els mesos d’estiu, però, els principals atractius són les excursions a:

així com els tractaments termals i centres de benestar connectats a les Terme di Boario i a les d’ Angolo Terme .

D’altra banda, cal destacar la ciutadella romana a prop de Cividate Camuno i les nombroses i precioses esglésies romàniques i renaixentistes amb força frescos.

En totes les estacions, són freqüents les fires i festivals que atrauen a un gran nombre de persones fins i tot de ciutats properes: destaquen especialment les exposicions al mercat de Bienno [29] , Pisogne [30] i Pescarzo [31] .

Vies de transport i comunicació

Carrers

Els dos accessos principals a la vall estan representats per les següents rutes per carretera:

Les dues carreteres s’uneixen a l’entrada sud de la vall, just al nord de Pisogne .

Vi sono poi diversi accessi attraverso passi montani:

Valico Altitudine Ubicazione Collegamento Infrastruttura
Passo dell'Aprica 1 126 m nord-ovest con la media Valtellina ( provincia di Sondrio ) Strada statale 39 dell'Aprica Strada Statale 39 Italia.svg
Passo del Tonale 1 828 m nord-est con la Val di Sole ( provincia di Trento ) Strada statale 42 del Tonale e della Mendola Strada Statale 42 Italia.svg
Passo del Mortirolo 1 850 m nord con la media Valtellina (provincia di Sondrio) Strada provinciale
Passo di Gavia 2 621 m nord con la Valfurva , Bormio e l'alta Valtellina (provincia di Sondrio) exStrada statale 300 del Passo di Gavia
Passo di Crocedomini 1 875 m est con Valle del Caffaro , tributaria della Valle Sabbia ( provincia di Brescia ) e con la Val Trompia ex Strada statale 345 delle Tre Valli Strada Statale 345 Italia.svg ex Strada statale 669 del Passo di Crocedomini
Passo della Presolana 1 293 m sud-ovest con l'alta Valle Seriana ( provincia di Bergamo ) ex Strada statale 671 della Val Seriana Strada Statale 671 Italia.svg
Passo del Vivione 1 826 m ovest con le sue vallate secondarie (la Valle di Scalve e la Val Paisco ) ex Strada statale 294 della Valle di Scalve Strada Statale 294 Italia.svg

Tra tutti, i primi due sono di gran lunga i più importanti, mentre molti dei rimanenti sono aperti soltanto durante la stagione estiva e sono noti soprattutto per ragioni turistiche (ad es. i passi Gavia e Mortirolo sono ormai salite classiche del Giro d'Italia ).

Ferrovie e tranvie

La Valle Camonica è servita dalla linea ferroviaria Brescia-Iseo-Edolo , attiva fino ad Edolo .

Fra il 1901 e il 1917 era inoltre attiva la tranvia Lovere-Cividate Camuno , funzionante a vapore.

Piste ciclabili

Esiste una pista ciclabile, con partenza a Vello , che risale quasi tutta l'area: superata la bassa Valle raggiunge, nell'ordine, Cividate Camuno , Breno e Losine , per poi proseguire lungo tutta la media fino a Capo di Ponte .

Nel 2012 ne è stata inaugurata una seconda, lunga dodici chilometri , che collega Vezza d'Oglio a Ponte di Legno .

Porti

I principali porti lacustri sono ubicati sulle sponde del Sebino , presso i comuni di Lovere , Pisogne e Castro .

Cultura

Monumenti e luoghi d'interesse

Parco del teatro e dell' anfiteatro a Cividate Camuno

Borghi medievali:

Castelli:

Epoca romana:

Località termali:

  • Boario , le cui terme annoverano ben quattro diverse fonti [35] ; vi si produce inoltre una nota marca di acqua minerale;
  • Angolo Terme , proprio all'imbocco della Val di Scalve ;
  • Ponte di Legno , attualmente in fase di realizzazione, con l'apertura al pubblico prevista per il 2020 [36]

Musei e parchi tematici:

Santuari cattolici:

Patrimoni dell'umanità UNESCO

Incisioni rupestri , sito UNESCO n 94:

La “Valle Camonica e Alto Sebino” è stata proclamata Riserva di Biosfera MAB UNESCO nel corso della trentesima sessione del Mab-Icc (il Consiglio del Programma internazionale uomo e biosfera dell'Unesco), svoltosi a luglio 2018 a Palembang, in Indonesia. Il territorio della Riserva di Biosfera comprende 40 Comuni camuni e 5 lacustri .

Enogastronomia

  • Gastronomia:
Primi piatti Secondi piatti Dolci Formaggi Insaccati
Casoncelli Capù (ripieno avvolto in foglie di verza o di erbe coste ) Mundìne ( caldarroste , castagne cotte in una pentola forata) Mascherpa (ricotta) Luganega
Gnòc dè schelt (gnocchi di farina di castagne) Cuz (carne di pecora cotta nel suo grasso) Spongada (focaccia zuccherata) Casatta di Corteno Golgi Strinù
Gnòc dè la cua (gnocchi di erbe) Tùrta dè hànc ( Torta di sangue di maiale fatta con: sangue di maiale, latte intero, burro, porro, pane grattugiato, formaggio grattugiato, noce moscata e un pugno di ciccioli) Casolet
Torta di rane Torta secca (dolce tipico di Villa Dalegno , fatto di mandorle, farina, burro, zucchero e uova) Rosa Camuna
  • Vini e Viticoltura:

La coltivazione vitivinicola camuna occupa circa 150 ettari ed è una delle realtà emergenti più interessanti nel panorama vitivinicolo italiano. È caratterizzata da un'estensione nord-sud di 40 km con una diversità microclimatica suddivisibile in tre aree vinicole:

- la zona della bassa Vallecamonica con i caratteristici terrazzamenti dal comune di Piancogno e Darfo Boario Terme

- la zona della media valle nei comuni Bienno, Berzo Inferiore, Esine, Cividate

- la zona della medio/alta Vallecamonica che si estende da Breno a Sellero

I vitigni attualmente più diffusi in Vallecamonica sono Marzemino e Merlot per i vigneti a bacca rossa. Questi vengono coltivati con una certa omogeneità lungo tutta l'estensione valligiana dando vita ad uve e vini dall'impronta tipicamente camuna. In ogni vino e zona vinicola camuna si ritrovano caratterizzazioni proprie a seconda dell'area microclimatica specifica in cui avviene la loro coltivazione. Vi sono inoltre, seppur in misura minore, vitigni autoctoni come l'Erbanno (dopo Marzemino e Merlot, il più diffuso) e altri vitigni come il Barbera, il Rebo e il Nebbiolo. I vitigni a bacca bianca sono principalmente il Muller, l'Incrocio Manzoni e il Riesling Renano. Il primo lo si trova lungo i terrazzamenti della medio/bassa valle. Il Manzoni lo troviamo nella medio/alta valle e nella zona del Lago Moro. Il Riesling Renano è invece tipico della medio/alta valle dove il clima è più rigido. Anche la bacca bianca camuna presenta forti specifiche microclimatiche a seconda della locazione dei vigneti. Linea comune della "bacca bianca camuna" è la spiccata freschezza e aromaticità, frutto di climi sostanzialmente freddi dal marcato sbalzo termico.

Il 2 ottobre 2003 è stata riconosciuta alla Valcamonica l'Indicazione Geografica Tipica dei vini, con approvazione del relativo disciplinare di produzione. Nello stesso anno è nato il consorzio di tutela dei vini IGT di Valcamonica di cui attualmente fanno parte 9 aziende. Ad esse vanno aggiunte altrettante aziende vitivinicole non consorziate per un totale di 18 realtà operanti sul territorio camuno.

Il vino è molto radicato nella storia della Valle Camonica. Nel 1970 (anno che rappresenta l'inizio del temporaneo abbandono della viticoltura in Vallecamonica prima del recupero a partire dagli anni 90) la superficie vitata copriva 943 ettari del territorio camuno. Le superfici più importanti si trovavano a Capo di ponte (101 ha ), Ono San Pietro (54 ha), Cerveno (61 ha), Losine (73 ha), Bienno (112 ha), Esine (77 ha), e lungo i terrazzamenti ( ruc in dialetto camuno) di Piancogno (34 ha) e Darfo (77 ha). Le produzioni attuali si trovano principalmente nei comuni di Sellero, Capo di ponte, Ono San Pietro, Ceto, Cerveno e Losine per la medio/alta valle e nei comuni di Cividate, Piancogno e Darfo per la medio/bassa Vallecamonica.

Terrazzamenti di Piancogno - Cultivar Delle Volte - Foto Fenocolo
I terrazzamenti del lago Moro - Vigneti in località scraleca

Qualche esempio di terrazzamenti, seppur reimpiantati con le nuove tecnologie di produzione (guyot), sono visibili sul versante orografico esposto a est della media Valle Camonica, all'altezza di Piamborno (frazione principale del comune di Piancogno) lungo la strada comunale delle Volte da cui prendono il nome i vini dell'azienda che qui li produce. Cultivar delle Volte. Li ritroviamo inoltre nel parco naturalistico del lago Moro grazie al recupero e alla valorizzazione degli antichi terrazzamenti seicenteschi ad opera dell'azienda agricola Scraleca che li produce il vino Griso e olio extra vergine di oliva.

Percorrendo la media Valle Camonica è l'intero versante occidentale a presentare un marcato risveglio dell'attività vitivinicola. Nella media valle i comuni di Cividate, Losine, Ceto e Cerveno hanno visto, negli ultimi 20/25 anni, un'intensa attività di reimpianto e valorizzazione territoriale e "viti-culturale" ad opera di realtà come la Cooperativa Rocche dei Vignali, Agricola Vallecamonica e Cantina Monchieri. Lo stesso vale per la medio/alta Vallecamonica, nei comuni di Ceto, Ono San Pietro, Capodiponte e Sellero dove operano realtà come la Cantina Flonno, Le terrazze, Cascina Casola e l'Azienda Agricola Concarena.

Tra le bottiglie di vino Valcamonica Rosso IGT più diffuse troviamo: il Cultivar Delle Volte Valcamonica Rosso IGT da un uvaggio di Merlot, Marzemino e Barbera, il Cultivar delle Volte Valcamonica Rosso IGT Collezione Fenocolo da un uvaggio di Merlot, Marzemino e Cabernet, Il Cultivar delle Volte Merlot IGT da uve di Merlot al 100%, il Camunnorum costituito da un uvaggio di Merlot al 60%, Marzemino al 30 % e cabertnet al 10% e il Baldamì (nome dialettale del Marzemino) è prodotto in prevalenza con uve Marzemino e in quantità minore Merlot, Barbera e Incrocio Terzi. Vini camuni a uvaggio Merlot e/o Marzemino sono invece il Barabant Rosso IGT , il Grandimani Rosso IGT, il Rosso Donna IGT, il Quinto Rosso IGT, il terre alte valcamonica Rosso IGT e il Ciass Negher Rosso IGT.

Tra le bottiglie di vino bianco IGT più diffuse troviamo il Cultivar Delle Volte Bianco IGT, da un uvaggio di muller e Chardonnay, che si trova anche in quantità limita nella versione spumante ottenuta con metodo classico. A uvaggio incrocio manzoni troviamo il Coppelle Bianco IGT, il Bianco dell'annunciata IGT, il Griso Bianco IGT, il Terre Alte Bianco IGT e il Cascina Casola Pare Bianco IGT. Ad uvaggio di Riesling Renano troviamo invece il Bianco delle colture IGT, il Flonno Granditodi Bianco IGT e il Concarena Videt Bianco IGT.

  • Formaggi:

I formaggi camuni più rinomati sono il Silter (il quale ha ottenuto la DOP), il Fatulì e la Rosa Camuna.

La lingua camuna

In un lontano passato, in Val Camonica, si parlava un'antica lingua camuna .

Il mezzo di comunicazione più utilizzato è la lingua italiana , a dispetto dei numerosi dialetti camuni che, seppur ampiamente parlati e compresi sono sempre più utilizzati solamente in ambito familiare.

Folklore

Quel poco che rimane di quegli antichi culti è oggetto di studio attraverso i racconti popolari (le bóte ) che si sono trasmesse oralmente nel corso dei secoli. Questi racconti parlano di esseri immaginari, sovrannaturali, demonizzati, che secondo alcuni studiosi potrebbero rappresentare miti risalenti all' epoca pre-cristiana . Alcuni di questi personaggi sono:

  • Barbaluf
  • Badalisc
  • Bís = Una specie di serpente magico con una cresta che soffia. Quando lo si vede fa stare male.
  • Caccia-morta
  • Cunfinàcc = Confinati
  • Diaol = Diavolo
  • Dùna del Zóc = Donna del gioco
  • Fulécc = Folletti
  • Pagà = Pagani
  • Pé de cavra = "Piedi di capra", erano di due tipi: gli "ila" (che entravano nelle case, dove le donne filavano) ei "ballo" (ballavano all'esterno del paese)
  • Stría e Striù = Strega e Stregone (vedi Streghe di Valle Camonica )

Si può notare una macro-divisione tra i soggetti che agiscono in luoghi abitati e all'esterno.

Nella tradizione orale camuna permane ancora la convinzione che a seguito del concilio tridentino non si senta più parlare di streghe. [39]

A ciò si aggiunge il rogo del fantoccio, che è stato praticato da alcune comunità fino a pochi anni fa; Esso era chiamato la égia (la vecchia) e rappresentava l'inverno, ed era rimasuglio di un'usanza pagana. [40]

Sport

Calcio

La Val Camonica ha numerose squadre di calcio, che vanno dall' Eccellenza fino alla Terza Categoria ; sono molto numerose anche quelle partecipanti ai campionati del CSI . Le più importanti squadre affiliate alla FIGC e ancora in attività sono:

  1. US Darfo Boario ( SERIE D ): ha partecipato a sedici stagioni di Serie D alternando campionati vicini alla promozione in Serie C2 a stagioni in cui è retrocessa in Eccellenza ; è retrocessa al termine della stagione 2013-2014. Gioca le sue partite al "Comunale" di Darfo Boario Terme .
  2. AC Vallecamonica ( Eccellenza ): nata dalle ceneri dell' Ortofrutticola (a sua volta nata dalla fusione di due squadre: Virtus Cogno e US Piamborno ) è attualmente la seconda squadra camuna. Ha la sede a Pianborno . Gioca le sue partite al "Comunale" di Piancogno .
  3. US Sellero Novelle ( Promozione ): retrocessa in Seconda Categoria nel 2012 , è tornata in Promozione grazie alla fusione con il Chiari . [41]
  4. USD Sebinia ( Promozione ): nata dalle ceneri della Sebinia Lovere prima e della Sebinia Pianico poi è, a livello di storia, la più importante società camuna, poiché ha militato per due anni in Serie C . Gioca le sue partite al "Comunale" di Lovere .
  5. FC Pian Camuno ( Prima Categoria ): nata sul finire degli anni ottanta è riuscita a conquistare la promozione in Prima Categoria , di cui raggiunge i play-off nel campionato 2007 - 2008 . Essendo giovane non gode di particolari rivalità. Gioca le sue partite al "S. Giulia" di Pian Camuno .
  6. San Giovanni Bosco Bienno ( Prima Categoria ).
  7. US Unica ( Prima Categoria ).

Ci sono in Terza Categoria :

  1. US Vezza d'Oglio;
  2. AC Camunia ( Edolo . Nata dalla fusione di due società sportive: US Edolese e US Malonno ).
  3. Breno Futura (ha disputato due anni la Serie D e vinto in una stagione campionato e Coppa Italia Dilettanti ottenendo il trofeo a Matera . Gioca le sue partite al Franco e Giuseppe Tassara . [42]
  4. Cividate Camuno

Nel calcio femminile si distingue l' USD Unica femminile , che milita nei campionati regionali.

Pallacanestro

La squadra più importante a livello cestistico è la Vivigas Costa Volpino ,( Bergamo ) militante in Divisione Nazionale B (promozione conquistata in Serie B Dilettanti nella stagione 2010 - 2011 ).

Da non dimenticare l' Iseo Serrature Pisogne , dell' omonimo paese , che milita nel campionato nazionale di Divisione Nazionale C e ha raggiunto i play-off nel 2006 - 2007 e nel 2010 - 2011 (perdendo con Cremona la possibilità di disputare la finale- derby proprio con la Vivigas).

Sci

Sono camune le campionesse di sci alpino Nadia Fanchini e Elena Fanchini . Occhi Carla, di Vezza d'Oglio è arrivata ad essere inclusa nella squadra nazionale B di sci di Fondo e ha partecipato ai Campionati Mondiali Juniores 2003 e alla Universiade invernale 2005 .

Pallavolo

La società pallavolistica più importante è la Foppapedretti Vallecamonica Bergamo (seconda squadra della Foppapedretti Bergamo ), che ha militato in nella stagione 2012-2013 in Serie B1 femminile e gioca le sue partite nel palazzetto dello sport di Piamborno . Al termine della stagione è però retrocessa in serie B2 . In questo campionato milita anche la AS New Volley 2000 Iseo Serrature , società di Pisogne .

A livello maschile la società Pallavolo Vallecamonica-Sebino milita in serie B2 e gioca le sue partite casalinghe al PalaCBL di Costa Volpino .

Rugby

Le società di rugby presenti sul territorio sono: il Rugby Valle Camonica [43] e la 2HScorpions .

Il Rugby Valle Camonica nasce a Bienno nel 2004 e si trasferisce poi a Rogno . Schiera in campo una formazione seniores che milita nel campionato nazionale di Serie C girone Lombardia ed è inoltre impegnata nelle categorie under 18, under 16 e under 14. Alcuni giocatori del club, che sono stati ceduti in prestito, si sono laureati campioni d'Italia ed hanno vestito la maglia azzurra.

La 2H Scorpions si occupa del settore propaganda nelle categorie under 8, under 10 e under 12. Anch'essa svolge la sua attività sui medesimi campi di Rogno .

Politica

La Valle Camonica è storicamente divisa tra la provincia di Bergamo e la provincia di Brescia . Circa l'88% del territorio e l'84% della popolazione [44] ricadono sotto l'amministrazione della seconda, di cui la Valle rappresenta ben il 27% del territorio.

Il comune più esteso è Ponte di Legno , con i suoi 100 km². Il più piccolo è invece quello di Cividate Camuno , con un'area di soli 3 km².

Dalla fine degli anni novanta è stata avanzata l'ipotesi di istituire una provincia di Valle Camonica con capoluogo Darfo Boario Terme o Breno : nelle intenzioni dei promotori, essa avrebbe dovuto raggruppare tutti i comuni della Valle, con l'aggiunta dell'alto Sebino , della Val di Scalve e di parte della Val Borlezza . [45] [46]

Diversi movimenti reclamano la sovranitá del popolo camuno e ne chiedono la seccessione dall'Italia [47]

Bandiera e stemma

La prima attestazione di un vessillo della Valle Camonica risale al 1402 , secondo quando riporta lo scritto di Pietro da Castelletto Ordo funeris Johannis Galeatii Vicecomitis ducis Mediolani : egli infatti lo cita in seconda posizione nel corteo funebre di Gian Galeazzo Visconti . [48]

Descrizione araldica dello stemma:

D'azzurro, al cervo d'argento, accasciato sopra un ristretto erboso sovrastato da un'aquila al naturale con le ali spiegate e afferrante con gli artigli il cervo.

Unione di comuni

In Valle Camonica esistono le seguenti unioni di comuni :

Nome Sede Superficie Abitanti Costituzione
Unione Comuni di Ceto, Cimbergo e Paspardo Ceto 69,01 km² 1998
Unione Comuni della Valsaviore Cedegolo 225 km² 1999
Unione Comuni dell'Alta Valle Camonica Ponte di Legno 284,10 km² 2000
Unione dei comuni della Media Valle Camonica - Civiltà delle pietre Capo di Ponte 70 km² 5 404 2010
Unione Comuni delle Alpi Orobie Bresciane Edolo 2010
Unione Comuni della Bassa Valle Camonica Pian Camuno 2010
Unione Comuni dei Borghi antichi Breno 2011

Comunità montane

Esiste una grandeComunità montana di Valle Camonica che amministra gran parte del territorio ed è la più grande comunità montana d'Italia. Sino alla riforma del 2009, con i suoi è composta da 123 membri, provenienti da 41 comuni della provincia di Brescia , è stata la più grande assemblea istituzionale italiana eletta dopo la Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica . Nel 2009, con il riordino delle comunità montane da parte della Regione Lombardia , ha visto la propria assemblea ridotta a 41 unità, corrispondenti ai 41 comuni. Nel 2016, con la fusione per annessione del comune di Prestine nel comune di Bienno , è composta da 40 comuni.

Presso il Lago d'Iseo vi è invece la Comunità montana dei Laghi Bergamaschi (ex Comunità montana Alto Sebino ), che comprende i comuni della provincia di Bergamo : Lovere , Costa Volpino e Rogno .

Il comune di Pisogne fa invece parte di una terza comunità montana: la Comunità montana del Sebino .

Sanità

La sanità in Valle Camonica, sino alla riforma lombarda della sanità del 2016, è stata gestita dalla ASL Vallecamonica - Sebino, che aveva sede a Breno .

Le sedi principali sono: [49]

Breno Edolo Esine Malegno Darfo
Via Nissolina, 2

TEL. 0364/329.1

  • Direzione:
    • Direttore generale - Dr. Renato Pedrini
    • Direttore sanitario - dottoressa Romana Coccaglio
    • Direttore amministrativo - Dr. Vigilio Rota
    • Direttore sociale - dottoressa Anna Calvi
  • Dipartimento amministrativo
  • Distretto socio sanitario
  • Dipartimento di prevenzione veterinario
  • Distretto veterinario
  • Dipartimento di prevenzione medico
  • Dipartimento Assi
  • Dipartimento cure primarie
  • Settore di medicina specialistica
  • URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico

P.zza Donatori di Sangue, 1
Tel. 0364/772.1

  • Ospedale e Servizi di Medicina Specialistica e distrettuali

Via Manzoni, 142 Tel. 0364/369.1

  • Ospedale e Servizi di Medicina Specialistica e distrettuali
  • Dipartimento di igiene mentale: SPDC

Via Lanico
Tel. 0364/347.504 - 347.501

  • Dipartimento di salute mentale
  • Comunità riabilitativa ad alta assistenza(CRA)
  • Centro psicosociale (CPS)

Via Quarteroni, 10/A Tel. 0364/540.319 - 540.340 - 540.331

  • Laboratori di sanità pubblica
  • UO Impiantistica
  • Prevenzione sicurezza ambienti lavoro (PSAL)
  • Servizio dipendenze (Ser.D.)
  • Centro di assistenza limitata di dialisi (CAL)
  • Servizi di medicina specialistica distrettuali.

Dal 1º gennaio 2016 il territorio della Valle Camonica è gestito dall'ATS della Montagna ( Agenzia di Tutela della Salute ), nuova agenzia del sistema sanitario lombardo con funzioni di pianificazione e prevenzione dei servizi sanitari. In particolare sul territorio camuno vi è l'ASST Valcamonica (Aziende socio sanitarie territoriali).

La Valle Camonica vanta un triste primato: il territorio sotto il controllo dell'ASST Valcamonica presenta il maggior numero di giorni persi per decessi dovuti a cause di mortalità evitabile maschile in Italia, in particolar modo tumori. [50]

Galleria d'immagini

Note

  1. ^ Calcolo eseguito calcolando le superfici dei comuni, comprendendo la parte bergamasca
  2. ^ Popolazione camuna al 1/1/17 ( PDF ), su ats-montagna.it . URL consultato il 15 gennaio 2018 ( archiviato il 15 gennaio 2018) .
  3. ^ Valle Camonica – Alto Sebino Biosphere Reserve, Italy , su en.geneva.unesco.org . URL consultato il 1º novembre 2019 (archiviato dall' url originale il 1º novembre 2019) .
  4. ^ a b La Val di Scalve è una valle tributaria della Valle Camonica. A causa del suo accesso difficoltoso lungo il corso del fiume Dezzo è sempre stata considerata, sia storicamente che amministrativamente, una entità separata, tanto che la parte terminale prende anche il nome di Val d' Angolo .
  5. ^ Valle Camonica – Alto Sebino , su unesco.it . URL consultato il 1º novembre 2019 ( archiviato il 1º novembre 2019) .
  6. ^ Designazione della Valle Camonica – Alto Sebino a Riserva della Biosfera - MAB UNESCO , su parcoadamello.it . URL consultato il 1º novembre 2019 ( archiviato il 1º novembre 2019) .
  7. ^ «Valle» e Alto Sebino tra i 700 luoghi più belli del pianeta , in giornaledibrescia.it , 26 luglio 2018. URL consultato il 1º novembre 2019 ( archiviato il 1º novembre 2019) .
  8. ^ Parola di Unesco: la Valcamonica e il Sebino tra i posti più belli del mondo , in bresciatoday.it , 26 luglio 2018. URL consultato il 1º novembre 2019 ( archiviato il 1º novembre 2019) .
  9. ^ Francesco Fedele, L'uomo, le Alpi, la Valcamonica - 20.000 anni di storia al Castello di Breno , Boario Terme, La Cittadina, 1988, p. 26.
  10. ^ Francesco Fedele, L'uomo, le Alpi, la Valcamonica - 20.000 anni di storia al Castello di Breno , Boario Terme, La Cittadina, 1988, p. 17.
  11. ^ www.confedilizia.it Archiviato il 14 marzo 2009 in Internet Archive .
  12. ^ Tratto e rielaborato da: 3B Meteo
  13. ^ Parchi della regione Lombardia - Riserve naturali Archiviato il 7 giugno 2006 in Internet Archive .
  14. ^ Siap:: Parchi di Lombardia Archiviato il 7 giugno 2006 in Internet Archive .
  15. ^ Parchi della regione Lombardia - Locali di interesse sovracomunale [ collegamento interrotto ]
  16. ^ Parchi della regione Lombardia - Locali di interesse sovracomunale Archiviato il 7 giugno 2006 in Internet Archive .
  17. ^ Itinerari Brescia, Il Parco del Barberino e dintorni , su Itinerari Brescia , 21 gennaio 2017. URL consultato il 29 dicembre 2019 ( archiviato il 29 dicembre 2019) .
  18. ^ 3. Val Grigna , su www.ersaf.lombardia.it . URL consultato il 29 dicembre 2019 ( archiviato il 29 dicembre 2019) .
  19. ^ Parco del Giovetto , su Borno Turismo – Portale turistico di Borno, Vallecamonica . URL consultato il 29 dicembre 2019 (archiviato dall' url originale il 29 dicembre 2019) .
  20. ^ Società Editrice Athesis SpA, Darfo circondata dai parchi «È il nostro biglietto da visita» , su Bresciaoggi.it . URL consultato il 29 dicembre 2019 ( archiviato il 29 dicembre 2019) .
  21. ^ Elena Medeghini, Aldo Avogadri, Omar Fantini, Gio Lodovico Baglioni, Valento Pedrocchi, Guida al Parco dell'Adamello , La Cittadina, 2000, p. 87.
  22. ^ Elena Medeghini, Aldo Avogadri, Omar Fantini, Gio Lodovico Baglioni, Valento Pedrocchi, Guida al Parco dell'Adamello , La Cittadina, 2000, p. 100.
  23. ^ Avvistamento di orsi in Val Camonica , su petnews.it . URL consultato il 12-1-2008 (archiviato dall' url originale il 18 luglio 2007) .
  24. ^ a b c d e f Valutazione ambientale strategica ( PDF ), su ERSAF Ente Regionale per i Servizi all'Agricoltura e alle Foreste – Direzione Parco dello Stelvio , marzo 2018, p. 52. URL consultato l'8 maggio 2020 ( archiviato l'8 maggio 2020) .
  25. ^ Istat , su demo.istat.it . URL consultato il 18 marzo 2010 ( archiviato il 28 marzo 2010) .
  26. ^ Dati Istat - Riferiti all'aggiornamento Istat al 31 ottobre 2009
  27. ^ Marcello Ricardi, Giacomo Pedersoli, Grande guida storica di Valcamonica Sebino Val di Scalve , Cividate Camuno, Toroselle, 1992, p. 64.
  28. ^ Franco Bontempi, Storia del Comune di Ceto e Nadro , Darfo Boario Terme, Tipografia Lineagrafica, 2007, p. 39.
  29. ^ Copia archiviata , su www.mostramercatobienno.it . URL consultato il 30 dicembre 2019 ( archiviato il 30 dicembre 2019) .
  30. ^ 22^ MOSTRA MERCATO PISOGNE, la Cultura è di casa! - , su www.mostramercatopisogne.com . URL consultato il 30 dicembre 2019 ( archiviato il 30 dicembre 2019) .
  31. ^ Immaginarti , su www.immaginarti.it . URL consultato il 30 dicembre 2019 ( archiviato il 30 dicembre 2019) .
  32. ^ I Borghi più belli d'Italia , su borghitalia.it . URL consultato il 6 gennaio 2008 ( archiviato il 16 aprile 2008) .
  33. ^ I Borghi più belli d'Italia , su borghitalia.it . URL consultato il 6 gennaio 2008 ( archiviato il 4 agosto 2007) .
  34. ^ Castello di Artogne - complesso, Via Fucina, 18(P) - Artogne (BS) – Architetture – Lombardia Beni Culturali , su www.lombardiabeniculturali.it . URL consultato il 29 dicembre 2019 ( archiviato il 29 dicembre 2019) .
  35. ^ Le fonti , su Terme di Boario . URL consultato il 12 gennaio 2020 ( archiviato il 28 ottobre 2019) .
  36. ^ Terme di Pontedilegno , su www.termedipontedilegno.it . URL consultato il 29 dicembre 2019 ( archiviato il 29 dicembre 2019) .
  37. ^ Nostalgia Club auto e moto d'epoca , su www.nostalgiaclub.com . URL consultato il 29 dicembre 2019 ( archiviato il 29 dicembre 2019) .
  38. ^ ( EN ) Casa Museo della gente di Lozio , su Valle Camonica Tourism . URL consultato il 29 dicembre 2019 ( archiviato il 29 dicembre 2019) .
  39. ^ Massimo Prevideprato, Tu hai renegà la fede - Stregheria ed inquisizione in Valcamonica e nelle Prealpi lombarde dal XV al XVIII secolo , Brescia, Vannini, 1992, p. 90.
  40. ^ Roberto Andrea Lorenzi, Medioevo camuno - proprietà classi società , Brescia, Grafo, 1979, p. 88.
  41. ^ Francesco Doria, Chiari - La fine dopo un secolo tra le grandi , in Giornale di Brescia , 2 luglio 2012, p. 47.
  42. ^ Francesco Doria, Al capolinea 66 anni di storia , in Giornale di Brescia , 25 giugno 2012, p. 40.
  43. ^ home | RUGBY VALLE CAMONICA [ collegamento interrotto ] , su rvallecamonica.it . URL consultato l'8 agosto 2017 .
  44. ^ Dari al 31 dicembre 2007
  45. ^ Provincia di Valle Camonica - atto secondo , su scalve.it , 9 febbraio 2008. URL consultato il 9 febbraio 2008 (archiviato dall' url originale il 7 novembre 2003) .
  46. ^ Ulteriore approfondimento: Davide Caparini - Provincia di Valle Camonica , su caparini.com , 9 febbraio 2008. URL consultato il 9 febbraio 2008 ( archiviato il 5 ottobre 2013) .
  47. ^ "Camunia Nasciú" , su facebook.com .
  48. ^ Associazione «El Teler» , su elteler.it . URL consultato il 13 dicembre 2019 ( archiviato il 5 marzo 2016) .
  49. ^ Asl Vallecamonica-sebino Archiviato il 1º febbraio 2008 in Internet Archive .
  50. ^ Fonte: ERA - Atlante 2007 della mortalità evitabile Archiviato il 20 ottobre 2013 in Internet Archive .

Bibliografia

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 316430466 · LCCN ( EN ) sh85019162 · BNF ( FR ) cb11952734m (data) · WorldCat Identities ( EN ) viaf-315526765