Vèneto

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si cerqueu l'idioma que es parla a la regió i a les zones veïnes, consulteu l'idioma venecià .
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Vèneto (desambiguació) .
Vèneto
regió amb estatut ordinari
Regió del Vèneto
Vèneto: escut d'armes Vèneto: bandera
( detalls ) ( detalls )
Vèneto - Vista
Palazzo Balbi , seu del Consell Regional
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
Administració
Capital Venècia
President Luca Zaia ( Lega ) del 4-7-2010 (3r mandat del 15-10-2020)
Data d’establiment 1866 (reconfirmada el 1948 per la Constitució italiana)
Territori
Coordenades
de la capital
45 ° 26'23 "N 12 ° 19'55" E / 45.439722 ° N 12.331944 ° E 45.439722; 12.331944 (Vèneto) Coordenades : 45 ° 26'23 "N 12 ° 19'55" E / 45.439722 ° N 12.331944 ° E 45.439722; 12.331944 ( Vèneto )
Altitud 180 [1] m slm
Superfície 18 345,35 km²
Habitants 4 847 026 [2] (28-2-2021)
Densitat 264,21 habitants / km²
Províncies Belluno , Pàdua , Rovigo , Treviso , Venècia (ciutat metropolitana ), Verona , Vicenza
Comú 563
Regions veïnes Caríntia ( Àustria Àustria ), Tirol ( Àustria Àustria ), Emília-Romanya , Friül Venècia Júlia , Llombardia , Trentino-Alto Adige
Altra informació
Idiomes Italià , venecià , ladí , cimbrià , friülà , alemany , emilià
Jet lag UTC + 1
ISO 3166-2 IT-34
Codi ISTAT 05
Anomenar habitants vèneti
Patró Sant Marc Evangelista
PIB (nominal) 162 224 milions [3]
PIB pro capita (nominal) 33 100 [3] (2017)
( PPA ) 33.500 [3] (2017)
Representació parlamentària 51 diputats
24 senadors
Cartografia
Vèneto: ubicació
Vèneto: mapa
Web institucional

Vèneto ( Vèneto a Vèneto / ˈvɛːneto / , Vèneto a Ladino , Venedigen a Cimbro ), oficialment la regió de Vèneto , és una regió italiana amb un estatut ordinari de 4 847 026 habitants [2] situada al nord-est d’Itàlia , amb capital històrica i la capital administrativa és la ciutat de Venècia .

Quarta regió per població d'Itàlia, després de Llombardia , Laci i Campània , limita al nord amb Àustria , al nord-oest amb Trentino-Alto Adige , al sud amb Emília-Romanya , al sud-oest amb Llombardia , al a l'est amb Friuli-Venècia Júlia i al sud-est amb el mar Adriàtic , juntament amb Trentino-Alto Adige i Friuli-Venècia Júlia constitueix la macroàrea del Triveneto o Tre Venezie .

La sisena regió més visitada d’ Europa i la primera d’ Itàlia segons les dades d’ Eurostat [4], amb 19,6 milions d’arribades i 69,2 milions de presències turístiques el 2018 [5] , pren el nom de la gent del Veneti , una població indoeuropea que es va establir al territori després de mitjans del segon mil·lenni aC

Símbols

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Bandera del Vèneto i Lleó de Sant Marc .
El lleó de Sant Marc en un quadre de Carpaccio .

La bandera del Vèneto , adoptada amb la llei regional n. 56 del 20 de maig de 1975, [6] resumeix diversos segles d'història veneciana en símbols, colors i formes.

L’element principal de la bandera i l’escut és el lleó de Sant Marc , que ha estat el símbol de la República de Venècia durant diversos segles. San Marco va ser adoptat com a patró de la ciutat i de la República, substituint el grec San Todaro el 828, després de la traducció del cos de l'evangelista a Venècia des d' Alexandria a Egipte per part de dos comerciants, Rustego da Torcello i Bon da Malamocco. . A partir d’aquesta data es va començar a representar el sant en una figura humana amb escuts públics i pancartes. [7]

La primera representació constatada del lleó alat de Sant Marc, que des dels primers segles després de Crist es va associar a la figura de l’evangelista, es remunta al 1261, quan amb la caiguda de l’Imperi Llatí de Constantinoble, Venècia va endurir més relacions amb Egipte , la terra del soldà de la qual, Baybars , va aixecar un lleó andant (és a dir, vist de costat) com a escut d'armes. En aquest període, la representació preeminent era la del lleó en moleca (o moeca , que es veu des de la part frontal amb les ales per coronar-lo). A partir del segle XV, es van començar a exhibir pancartes en què destacava el clàssic lleó de Sant Marc que passava amb un llibre i una espasa: en el mateix període aquesta iconografia es va adoptar generalment com a símbol de la República. Si el llibre estava obert era un símbol de pau, si en canvi estava tancat a causa de la guerra [7]

Geografia física

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Geografia del Vèneto .
Vèneto per altitud

El Vèneto és una regió que inclou moltes formes del paisatge natural: des de la franja litoral que domina l'Adriàtic fins a la plana del Vèneto-Friuli , que s'eleva als dotze relleus del turó Euganeu i Berici , fins als Alps a la part més septentrional, inclòs la majoria de les Dolomites. Amb una superfície de 18 390 km² , el Vèneto és la vuitena regió italiana per superfície. El punt més al nord és Cima Vanscuro (a la frontera amb Àustria , allà anomenat Pfannspitze) i el punt més al sud és la Punta di Bacucco. El seu territori és morfològicament molt variat, amb una prevalença de planes (56,4%). Les fronteres terrestres s’identifiquen amb elements naturals de tipus hidrogràfic ( Po , Tagliamento, Livenza ), però també de tipus orogràfic (com els contraforts al nord de l’ altiplà d’Asiago o el mont Baldo ). Un altre element geogràfic que caracteritza l'àrea del Vèneto és la conca de drenatge del Piave gairebé totalment tancada dins de les fronteres de la regió, ja que les fonts del Piave passaven junt amb Sappada a la propera regió del Friül Venècia Júlia. El pic més alt de la regió és el Marmolada ( 3 343 m ) situat a la província de Belluno, a la frontera amb el Trentino-Alto Adige .

Passos alpins

Arrows-folder-categorize.svg Els articles individuals s’enumeren a la categoria: Travessies del Vèneto

Hi ha nombrosos colls de dolomites que creuen la zona de muntanya regional: Passo di Giau , Passo di Valparola , Passo Fedaia , Passo di Falzarego , Passo di Campolongo , Passo Duran , Forcella Staulanza , Passo della Mauria , Passo di Monte Croce di Comelico , Passo Tre Croci , Passo Xomo , Passo Cibiana , Passo Buole , Passo San Boldo , Forcella Lavardet , Passo Croce d'Aune , Forcella Aurine , Cima Sappada , Sella di Rioda .

Hidrografia

Rius

Llacs

Clima

Des del clima fred de les Dolomites fins al clima mediterrani de la costa adriàtica , el Veneto resumeix en una àrea de 18 390 km² totes les temperatures a Europa.

El llac de Garda és un cas en si mateix: gràcies a la seva mida, el clima circumdant, de mitjana suau durant tot l’any, presenta característiques submediterrànies amb hiverns suaus i estius molt calorosos.

El clima del Vèneto és subcontinental, però amb l’agent mitigant del mar i la cadena dels Alps per protegir-lo dels vents del nord, és generalment temperat.

Entre les diverses principals zones climàtiques trobem: la regió alpina, caracteritzada per estius frescos i temperatures fredes a l’hivern amb nevades freqüents, el cinturó muntanyós i una part de la plana on el clima és més suau, la major part de la plana on el clima és continental tipus, és a dir, amb hiverns relativament freds i humits i estius llargs i calorosos.

Medi ambient

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Espais naturals protegits del Vèneto .

Al Vèneto hi ha un parc nacional protegit i cinc de regionals. Són: [8]

A més d’aquestes, també hi ha sis reserves naturals regionals, catorze reserves naturals estatals, dos aiguamolls d’importància internacional, nou boscos regionals estatals i diversos parcs regionals i reserves d’interès local. [8]

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història del Vèneto i Història de la República de Venècia .

Prehistòria i història antiga

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Veneti i la civilització atestina .

Habitat ja en temps prehistòrics, en un primer assentament dels Euganei , era en temps protohistòrics ocupats per la gent dels venecians , segons la llegenda clàssica originària de la Troad i la Paflagònia a Anatòlia , avui Turquia . Moltes ciutats importants de la regió provenen d’assentaments venecians, per exemple Pàdua , Concòrdia , Oderzo (entre els assentaments atestats a l’època més antiga, segles IX - VIII aC ), Este , Treviso , Belluno , Altino , Vicenza i probablement Verona i Adria .

La procedència anatoliana dels venecians adriàtics no és acceptada per tots els autors antics i encara avui és objecte de discussió. Les fonts antigues transmeten l'existència de poblacions anomenades Veneti des de Bretanya fins a Espanya , els romans anomenaven llac de Constança a Suïssa Lacus Veneticus , a Epir a Grècia , a Anatòlia i a aquests pobles es connectarien diferents topònims (per exemple, Vindelicia , regió corresponent a l'actual Baviera , Vindebona, actual Viena ). Segons alguns estudiosos [ sense font ], aquestes poblacions testimoniarien l'existència d'una sola civilització indoeuropea que s'hauria estès per tot el nord-oest de l'Adriàtic i que seria atribuïble a la cultura dels camps d'urnes .

El procés de romanització de Venècia va tenir lloc gradualment: els venecians i els romans van ser de fet aliats a partir del segle III aC : el 225 - 222 aC venetians i cenomani van fer una aliança militar amb Roma contra els Insubri , els Boi i els Gesati , proporcionant segons Polibi [ sense font ] un contingent de 20.000 homes. Els gals van ser derrotats a la batalla de Clastidium el 222.

El 181 aC la dedicació de la colònia romana d’ Aquileia , construïda al límit del territori dels venecians, va enfortir encara més les relacions tradicionals de col·laboració amb els romans i després de la guerra social el 89 aC diverses ciutats venecianes van obtenir el ius Latii . El 49 aC les poblacions del territori van obtenir la plena ciutadania romana de Juli Cèsar .

En el període augustà el territori es va incloure al Regio X Venetia et Histria , que tenia Aquileia com a centre principal. Sota Dioclecià es va convertir en una província de Venetiae i Histriae, estenent els seus límits fins al riu Adda .

La cristianització de la regió va tenir lloc a partir d'Aquileia, on el cristianisme probablement va arribar per mar. Segons la tradició, va ser sant Marc Evangelista qui va fundar l'església d'Aquileia. També hauria enviat a la Prosdocimo grega per evangelitzar Pàdua , Asolo , Vicenza , Treviso , Altino i Aquest . Una comunitat cristiana romana de l'Àfrica hauria contribuït a l'evangelització de Verona ; Àfrica és també San Zeno , patró de la ciutat.

Història medieval

Les invasions bàrbares i la caiguda de l'Imperi d'Occident

Les primeres infiltracions de tribus germàniques al territori de la regió es van produir ja entre el 168 i el 169 dC amb el saqueig d' Oderzo pels quadi i els marcomans . Tanmateix, va ser a partir del segle V que les incursions es van repetir i van ser més devastadores, amb els huns , els heruli i, finalment, amb els ostrogots de Teodoric , que van establir el seu regne sobre el Vèneto i Itàlia el 493 .
No obstant això, el marc regional encara es mantenia substancialment unitari; el llenguatge, l’escriptura, les institucions, les tècniques agrícoles i de fabricació, tot i que es van debilitar, van sobreviure a l’impacte d’aquesta onada bàrbara.

Bizantins i llombards

La dominació gòtica va acabar brutalment a mitjan segle VI després de la invasió dels exèrcits bizantins dirigits pels generals Narsete i Belisario .
Poc després, el 568 dC , però, es va produir la formidable i devastadora invasió dels llombards , que va provocar la resta d'una gran part del nord d'Itàlia del domini imperial. Va ser en aquesta fase quan es va crear una separació al Vèneto entre la zona continental, sota el domini llombard, i la zona costanera, encara dependent de l’imperi bizantí . A el mateix temps, el cisma tricapitolino va causar una fractura més també en el camp religiós, i destinat a durar tot el segle següent.

Les terres venecianes del nou regne llombard es van dividir entre els ducats de Vicenza , Verona i Ceneda . El teixit social del continent va experimentar un ràpid declivi; una certa continuïtat de la vida de la ciutat va ser garantida pels bisbes, que es van convertir en referents autoritaris en els àmbits moral, cultural i social. Va sorgir fundacions monàstiques vinculats o dependents de l' abadia de Bobbio que va crear la base per al desenvolupament de l'agricultura, amb l'extensió de vinyes, boscos de castanyers, oliveres, molins i almàsseres. Les rutes de comerç i comunicació van reobrir: oli, sal , fusta, carn, etc. Entre ells, el gran Piorato di San Colombano di Bardolino , amb el territori del llac de Garda , els rius Adige , Mincio , la zona de Valpolicella i Veronese, entre les diverses produccions vinícoles i oli del territori monàstic, les basses de peixos del Garda, el peix del qual es va comercialitzar gràcies a la conservació en sal i oli.

La zona bizantina es va unir per primera vegada el 580 als territoris del nord supervivents en constituir l’ eparquia Annonaria , per convertir-se llavors en 584 una província autònoma dependent de l’ exarcat d’Itàlia amb el nom de Venetia maritima . Des de l’interior, les autoritats polítiques i religioses romà-venecianes, juntament amb part de les poblacions, van trobar refugi als principals centres de la llacuna, en particular Grado , Caorle , Eraclea , Torcello , Malamocco , Rialto , Olivolo , Chioggia , Cavarzere , a més de les ara desaparegudes Ammiana i Costanziaco . Aquestes illes, que ja havien començat a desenvolupar-se durant un segle, van passar a constituir-se, el 697 , durant el regnat de l'emperador Leontius , el ducat de Venècia .

La definició dels límits ( terminatio ) entre el Ducatus Venetiarum i el Regnum Langobardorum , signada pel rei Liutprand i el primer duge de la República de Venècia Paoluccio Anaphaestus . El territori de la llacuna va assumir característiques d’independència cada vegada més grans del poder bizantí central, fins que, amb la conquesta llombarda de Ravenna el 751 , la dependència política de Bizanci es va convertir en poc més que formal. Mentrestant, la seu del Dux es va traslladar d'Eraclea a la vora del continent, a la menys accessible Metamauco / Malamocco.

El naixement de Venècia i la Marca Veronese

A la fi del segle VIII, el regne llombard va quedar desbordat pels francs de Carlemany i es va coronar emperador del Sacre Imperi Romanogermànic a la nit de Nadal del 800 . El fill d'aquests, Pepin , també va intentar conquerir els territoris costaners, però, rebutjat, també va haver de reconèixer formalment la independència del ducat venecià en el tractat del 811 amb l' Imperi bizantí . Dins d’aquella federació de centres i territoris de llacunes, de Grado a Loreo , coneguda com a Dogado , va sorgir Venècia , un imponent organisme urbà que es va desenvolupar al voltant del pol mercant de Rialto, on el 812 va ser transferit des de Malamocco, destruït per Pipino, la capital.

També des del punt de vista religiós, el 827 es va sancionar una divisió entre el món del Vèneto continental i la Venècia marítima: els bisbes del continent van continuar sotmesos a la seu metropolitana d’Aquileia , mentre que la densa xarxa de nous seients diocesans que va sorgir a la llacuna reconegut com a referent el patriarcat de Grado .

Els territoris de la Marca di Verona i la República de Venècia l'any 1000.

Els problemes dinàstics de l'Imperi franc i les terribles agressions dels hongaresos el 900 van provocar un buit de poders i un conflicte desenfrenat que va assolar el Vèneto continental fins a mitjan segle X. L'autoritat imperial va ser finalment restablerta per Otó I : el 962 va agregar un vast territori del nord-est d'Itàlia al Ducat de Baviera i, posteriorment, el 976 al Ducat de Caríntia . L'organisme resultant, que té el propòsit de frontissa entre Alemanya i Itàlia, es deia, a partir del nom de la seva ciutat principal, Marca de Verona . El territori de la diòcesi de Trento es va trencar amb això el 1027 , que es va organitzar en un principat eclesiàstic i el Friuli el 1077 , que va iniciar la seva pròpia paràbola històrica autònoma sota l'autoritat dels patriarques d'Aquileia . Els llaços entre la Marca Veronese i l'Imperi s'han reforçat per la presència en el territori de diverses dinasties feudals d'origen germànic: entre els més famosos, destinats a jugar un paper important en els segles següents, el Aquest , el Ezzelini , l' Dóna Camí , el de Carrara .

Del segle XII al XIII: municipis, senyories i ascens del ducat de Venècia

A partir de les primeres dècades posteriors al 1000 , es va produir un enlairament econòmic a tot el Vèneto i una represa de la vida social a les principals ciutats, que va començar a exercir un control hegemònic sobre el seu camp.
Des de finals del segle X , Venècia va començar la seva expansió marítima a l' Adriàtic , de la qual va començar a configurar-se com a potència hegemònica fins a convertir-se en el golf de Venècia , i va augmentar enormement els seus privilegis i el seu comerç a l'est.

Simultàniament al desenvolupament econòmic, a la Marca Veronese (que a partir del 1200 es va començar a identificar amb el nom de Marca Trevisana ), es va produir un debilitament del sistema feudal, caracteritzat per l’aparició progressiva de municipis lliures : entre els més importants de Verona ( 1136). ), Pàdua ( 1138 ), Treviso i Vicenza.
La Terra continental es va convertir en un territori cada cop menys sotmès al control efectiu dels emperadors alemanys.

Els dotze-cents van estar marcats per l'expansió del poder venecià per tot el Mediterrani oriental , que va culminar amb la quarta croada i la creació el 1205 de l'Imperi Llatí de Constantinoble , en què Venècia tenia el domini garantit sobre el quart i mig de l'imperi de Romània. . L’ estat de Mar va incloure, a més dels territoris d’ Istria i Dalmàcia , les illes Jòniques , Creta , Xipre i tota una sèrie de bases i fortaleses al Peloponès , l’ Egeu i Anatòlia . Tot i que el mar va ser la font principal de la seva riquesa, Venècia no va perdre mai l’interès per l’interior: va mantenir forts vincles en particular amb les àrees de Treviso i Pàdua, va donar suport a la Lliga Veronese i després es va unir a la Lliga Llombarda , assolint un paper molt prestigiós. mediador (i al mateix temps de tercera força) entre el papa Alexandre III i l'emperador Frederic Barbarroja , amb la reconciliació celebrada a Sant Marc el 1177 ( pau de Venècia ).

Al segle XIII vam assistir a tota la península a la transformació de les comunes lliures en poderoses senyories que lluitaven entre elles per l’hegemonia regional. El primer a sorgir va ser la senyoria d' Ezzelino III da Romano , que va aconseguir conquerir una gran part del centre-nord del Vèneto. Treviso va caure en mans de la família da Camino , els senyors de la Scala es van imposar a Verona el 1262 , convertint-se en la capital d’un poderós estat, que en el seu moment àlgid creuava els Apenins, arribant fins a Lucca .

La senyoria de la Della Scala el 1336 , en la seva màxima expansió.

Els segles XIV i XV i el domini venecià

Tot i Venècia tenia el centre dels seus interessos econòmics en el mar, sempre mantingut amb vida els vincles amb la seva zona d'influència, que exerceix una forta atracció sobre les ciutats amb problemes de la Marca Trevigiana . Ja el 1291 Motta di Livenza va passar a la república, el primer territori del continent que es va lliurar al govern de Venècia. No obstant això, va ser a partir del segle XIV que la Sereníssima va començar a intervenir cada vegada amb més decisió en la política regional, sobretot per evitar que el poderós estat carrarès amenaçés les seves vies de comunicació terrestre i fluvial. De fet, el 1318 , Pàdua havia perdut la llibertat municipal, convertint-se en la senyoria dels da Carrara , que aviat va entrar en conflicte amb Venècia i Verona.

El poder i la influència creixents de la república van despertar les gelosies dels seus veïns, que el 1379 formaven una formidable coalició que reunia els Carraresi, el duc d’Àustria , el rei d’Hongria , el patriarcat d’Aquileia i Gènova , desencadenant contra Venècia el que faria passà a la història com la Guerra de Chioggia i acabà el 1381 amb la victòria sobre el mar contra Gènova i la pèrdua de Treviso per terra (obtinguda el 1339 ), cedida al duc d’Àustria.

L'amenaça imminent dels Carraresi, a la qual s'havia afegit l' estat Visconti , que va prendre possessió d'una gran part del Vèneto entre 1387 i 1390 , no va desaparèixer.
Al principi la república va reaccionar amb decisions sobre els objectius de Francesco II da Carrara , recuperant Treviso el 1388 i després en ràpida successió pràcticament totes les terres de la zona de Treviso: el 28 d’abril de 1404 , el Senat del Vèneto va acceptar la dedicació de Vicenza , un pocs dies després va ser la volta de Colònia (7 de maig), de Belluno (18 de maig), Bassano (10 de juny), Feltre (15 de juny), i després de l' Altopiano dei Sette Comuni el 20 de febrer de 1405 i de Verona el 22 Juny. Finalment, el 22 de novembre també va caure Pàdua i l’últim Carraresi va acabar la seva existència en captivitat.

La unitat del Vèneto estava pràcticament recomposta. Per a aquestes terres, a més de la fi dels conflictes i l’establiment d’un govern estable i respectat, les dedicacions a la Serenissima solien significar la concessió d’uns estatuts d’autonomia particulars que garantissin, a canvi de l’acte de subjecció a Venècia i al l'acceptació dels governadors enviats pel Senat del Vèneto, el manteniment de la majoria de les institucions i lleis preexistents: l' estat de Tera va néixer, de fet, com una mena d'estat federal ante litteram .

Nel corso del Cinquecento , la repubblica di Venezia espanse ulteriormente i propri possedimenti, includendo nel 1420 il Cadore e il Friuli , seguiti nel 1428 da Brescia , Bergamo e Crema e conquistando il Polesine , già occupato nel 1405 e definitivamente strappato al duca di Ferrara nel 1484 .

Storia moderna

Dal XVI al XVIII secolo: la Pax Veneta

Nella seconda metà del Quattrocento e agli inizi del Cinquecento, Venezia continuò la sua politica espansionistica, portando il Leone di San Marco in Romagna , Trentino meridionale, a Gorizia , Trieste e finanche in Puglia . Alla vigilia della guerra del 1509 , la repubblica veneta, fra Stato da Mar e Stato da Tera , costituiva un impero multietnico abitato da veneti, lombardi, friulani, istriani, romagnoli, dalmati, croati, albanesi, pugliesi, greci e ciprioti.

La terraferma veneta nel 1796.

Nel 1508 , in seguito alla sconfitta per opera dei veneti dell'imperatore d'Austria che perse Trieste e Gorizia, si formò, sotto l'impulso di Papa Giulio II , cui Venezia aveva tolto le città della Romagna , una coalizione anti-veneziana, nota come Lega di Cambrai , che dichiarò guerra alla repubblica. Venezia reagì mobilitando l'esercito e mettendovi a capo Bartolomeo d'Alviano . Il 14 maggio 1509 ad Agnadello nel cremasco, le truppe venete sono sbaragliate dall'esercito di Luigi XII di Francia : in pochi giorni gran parte dello Stato da Tera è occupato dal nemico.

Grazie alla diplomazia, che seppe sfruttare e attizzare le contrapposizioni nel campo dei collegati, e alle vittorie militari dell'esercito riorganizzato (tra queste quella di Marignano , in cui la cavalleria veneta, venuta in soccorso alle fanterie francesi, consentì a Francesco I di conseguire una vittoria sulle truppe svizzere), la repubblica riconquistò gran parte della Terraferma, ritornando sui confini di fine Quattrocento. Fu perduto il territorio dell' Ampezzano , che rimase austriaco fino al 1918 . Finito il lungo periodo bellico, nel 1530 incominciò un periodo di sviluppo che si protrasse, senza significative interruzioni, per quasi tre secoli fino a 1797 .

Al declino dei commerci e dell'impero marittimo della Serenissima incominciato nel Cinquecento, si accompagnò una crescente attenzione del patriziato per la proprietà fondiaria di terraferma, riducendo progressivamente il dinamismo del ceto dirigente e portando sempre più verso la stagnazione sociale e politica della repubblica.

Se nel Seicento Venezia fu ancora in grado di combattere i Turchi per difendere gli ultimi possedimenti marittimi e di promuovere una parziale riorganizzazione dell'esercito di terra, giungendo a una più definitiva sistemazione dei contesi confini con l'Austria, il Settecento segnò il definitivo tramonto del modello politico che per un millennio aveva retto le sorti dello Stato.

Storia contemporanea

L'arrivo di Napoleone e la dominazione austriaca

Il Veneto sotto il dominio austriaco nel 1803.
Il Regno d'Italia napoleonico (1805-1814).

Alla fine del XVIII secolo fermenti rivoluzionari e borghesi percorrevano anche la repubblica veneta, mentre dalle Alpi irrompevano le truppe di Napoleone Bonaparte , disceso nella campagna d'Italia .

Venezia rifiutò di schierarsi, dichiarando la propria neutralità e al contempo rifiutando di mobilitare le truppe a difesa dei propri territori. Il Veneto divenne campo di battaglia tra gli opposti schieramenti. La Terraferma venne infine occupata dalle truppe francesi, cui venne permesso di entrare nelle città.

La situazione esplosiva così creata deflagrò con le Pasque veronesi , una ribellione contro la presenza francese che fornì a Napoleone il pretesto per rovesciare il governo aristocratico. Nell'inutile tentativo di evitare l'inevitabile Venezia smobilitò le truppe, ritirandosi nel Dogado , ma sotto la minaccia d'invasione della stessa Venezia, il 12 maggio 1797 il Maggior Consiglio decretò la fine della repubblica cedendo i poteri alla Municipalità democratica.

Seguirono una serie di saccheggi e di violenze da parte dei francesi, desiderosi di ottenere dalle terre venete il massimo bottino possibile e al contempo di fornire il minor vantaggio possibile all' Austria , cui quelle terre erano destinate sin dal preliminare di pace poi formalizzato col trattato di Campoformio .

Il Veneto rimase dunque sotto amministrazione austriaca dal 1797 al 1805 quando, in seguito alla Pace di Presburgo , venne annesso al Regno d'Italia di dominazione francese, nell'ambito del quale rimase per un decennio. Con la caduta di Napoleone il dominio austriaco venne ristabilito con la costituzione del Regno Lombardo-Veneto .

Il sessantennio di dominazione asburgica venne però caratterizzato dai moti risorgimentali , culminati con le ribellioni di Vicenza, Padova, Treviso e la costituzione a Venezia della repubblica di San Marco nel 1848 . Mentre Verona diveniva uno dei capisaldi del Quadrilatero austriaco, i moti rivoluzionari nelle città dell'entroterra vennero repressi dall'armata imperiale. Nonostante l'auspicata unione al Regno di Sardegna , i rovesci militari subiti dall'esercito piemontese durante laprima guerra di indipendenza lasciarono isolata la repubblica marciana, che, nonostante la resistenza contro le truppe di Josef Radetzky , dovette infine capitolare il 24 agosto 1849 .

Al termine della seconda guerra di indipendenza , nel 1859 , gli austriaci tenevano ancora il Veneto: giunto alle porte di Verona, infatti, l'esercito franco-piemontese venne arrestato dalla firma dell' armistizio di Villafranca da parte di Napoleone III .

L'unione al Regno d'Italia

Le 17 province (9 lombarde ed 8 venete) del Regno Lombardo-Veneto attorno al 1850
Il compartimento statistico del Veneto all'interno del Regno d'Italia , secondo i confini in vigore dal 1870 agli anni '20

La situazione alla vigilia dellaterza guerra di indipendenza .

L'unione del Veneto al Regno d'Italia avvenne nel 1866 dopo laterza guerra di indipendenza . Nonostante l'Italia risultasse sconfitta dall'esercito austro-veneto per terra a Custoza e per mare a Lissa , la vittoria prussiana nella Battaglia di Sadowa portò ad accordi di pace fra le principali potenze europee che prevedevano la cessione del Veneto non all'Italia, paese da cui non si considerava sconfitta, bensì alla Francia, nell'intesa che Napoleone III lo avrebbe consegnato a Vittorio Emanuele II previa organizzazione di un plebiscito .

Il trattato di pace di Vienna firmato il 3 ottobre 1866 disponeva testualmente che la cessione del Veneto (con Mantova e Udine) al Regno d'Italia dovesse aversi sotto riserva del consenso delle popolazioni debitamente consultate .

Regio decreto del 4 novembre 1866, n. 3300.

Napoleone III procedette all'organizzazione del plebiscito delle province venete e di Mantova , in ottemperanza al trattato di pace, secondo il quale: "I cittadini delle Provincie Italiane liberate, convocati nei Comizi il giorno 21 e il 22 ottobre scorso, hanno dichiarata l'unione al Regno d'Italia colla Monarchia costituzionale di Vittorio Emanuele II". Napoleone III tuttavia fu soggetto a forti pressione dei Savoia, affinché cedesse anzitempo le fortezze e il controllo militare della regione in anticipo sull'esito del plebiscito e anche alla stessa organizzazione del plebiscito. Il conte di Gramont, cui fu affidato provvisoriamente il territorio del Veneto attuale, più Mantova e il Friuli escluso Trieste, cercò di rispettare l'impegno. Le pressioni indussero tuttavia Napoleone III a consegnare le fortezze ea lasciar occupare il Veneto alle truppe del Regno prima ancora che si tenesse un plebiscito. Il plebiscito fu organizzato nei giorni 21 e 22 ottobre 1866 a suffragio universale maschile (ovvero solo il 30% della popolazione venne chiamato alle urne). Il risultato fu di 646.789 sì, 69 no, 567 voti nulli.

La Grande Guerra

Il 24 maggio 1915 l'Italia entrò nel primo conflitto mondiale (primo colpo di cannone sparato dal Forte Verena ) a fianco delle potenze dell' Intesa con l'obbiettivo di sottrarre all' Impero austro-ungarico il Friuli austriaco con la città di Gorizia e la Venezia-Giulia , con Trieste , l' Istria e Fiume . Il Veneto divenne pertanto la retrovia del lunghissimo fronte esteso dalle Piccole Dolomiti alle Dolomiti , alla Carnia e all' altopiano carsico . Treviso divenne sede dell'Intendenza del Regio Esercito , mentre a Padova si stabilirono vari Comandi Superiori, compreso quello della 3ª Armata , numerosi reparti logistici e il principale ospedale militare del fronte.

Il collasso del fronte nella notte del 24 ottobre 1917 , durante la battaglia di Caporetto , trasformò di colpo il territorio veneto nel cuore del nuovo fronte. Sotto la minaccia dell'accerchiamento e della sconfitta totale, l'esercito tentò un ripiegamento in breve trasformatosi in rotta. La via che minacciava i capoluoghi veneti si presentava completamente spalancata per l'imperial-regio esercito austro-ungarico. Nel disperato tentativo di difendere Venezia e la sua preziosa base navale, l'esercito italiano tentò di riorganizzarsi prima sulla Livenza , quindi si attestò sul Piave , dove si impegnò in una lunga battaglia di resistenza.

I territori a nord del fronte rimasero quindi in mano austriaca sino al 1918 e alla vittoria finale nella battaglia di Vittorio Veneto .

La prima guerra mondiale lasciò sul territorio gravissimi danni. Interi paesi vennero cancellati lungo la linea del Piave, così come in montagna ( Asiago venne completamente rasa al suolo) mentre le campagne risultavano incolte e spopolate.

L'enorme povertà lasciata dalle macerie della guerra favorì una massiccia emigrazione, diretta in massima parte verso i paesi dell'America latina e altre regioni d'Italia.

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale apportò nuove distruzioni. Dopo l'armistizio dell' 8 settembre 1943 , il territorio venne occupato dalle truppe germaniche. Verona divenne una delle capitali della RSI , con l'insediamento di importanti comandi militari e di alcuni ministeri. In questo periodo enormi distruzioni vennero causate dai bombardamenti aerei (particolarmente feroce quello che colpì e rase al suolo gran parte di Treviso ). E altri massicci bombardamenti su Padova e Verona e in particolare Vicenza , anche questa quasi rasa al suolo. Enormi distruzioni patì in particolare poi il polo industriale di Marghera, ripetutamente colpito dai bombardamenti alleati.

Il territorio veneto divenne quindi terreno delle azioni di guerriglia durante la Resistenza partigiana . Con la resa incondizionata dell'occupante tedesco il 29 aprile 1945 il Veneto venne infine liberato dal nazi-fascismo.

Dal secondo dopoguerra a oggi

Il 2 giugno 1946 massiccia fu la partecipazione della popolazione veneta al referendum che sancì il passaggio dalla monarchia alla repubblica . Con l'entrata in vigore il 1º gennaio 1948 della Costituzione della Repubblica Italiana , nella nuova organizzazione dello Stato venne prevista la creazione del Veneto comeregione a statuto ordinario .

Nel dopoguerra, riprese l'emigrazione che interessò America, Europa e altre regioni del nord Italia.

Si stima in circa 3 300 000 le persone emigrate negli anni dal 1876 al 1976 dal Veneto, di fatto la regione italiana a maggior emigrazione in tale periodo (seconda è la Campania, con 2 500 000) [9] .

Durante gli anni cinquanta l'attività industriale di Porto Marghera incominciò a riprendersi dalle devastazioni portate dal conflitto, riprendendo a crescere, fino a raggiungere la massima espansione negli anni 1960, quando il polo industriale divenne uno dei più importanti d'Europa.

A partire dagli anni sessanta , si è verificata in Veneto una proliferazione di piccole e medie imprese.

Onorificenze

Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile - nastrino per uniforme ordinaria Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile
«Per la partecipazione all'evento sismico del 6 aprile 2009 in Abruzzo, in ragione dello straordinario contributo reso con l'impiego di risorse umane e strumentali per il superamento dell'emergenza.»
— DPCM 11 ottobre 2010, ai sensi dell'art.5, comma 5, del DPCM 19 dicembre 2008.

Politica

Suddivisione amministrativa

Dal 1º gennaio 1948 , ex art. 131 della vigente Costituzione italiana, il Veneto è una regione a statuto ordinario della Repubblica Italiana , ma solo con la legge 281 del 1970 furono attuate le sue funzioni. Con 563 comuni sul suo territorio, il Veneto è la terza regione d' Italia per suddivisione comunale. Il Veneto è suddiviso in 7 enti di area vasta (di cui 6 province e 1 città metropolitana) [10] [11] :

Stemma Provincia Sigla o targa Abitanti comune capoluogo Superficie provinciale (km²) Abitanti provincia Densità (ab./km²) Comuni Mappa Sito istituzionale
Provincia di Venezia-Stemma.svg Città metropolitana di Venezia VE 254.965 2.462 840.846 341,53 44 ( lista ) Provincia di Venezia Venezia
Provincia di Belluno-Stemma.png Provincia di Belluno BL 35.497 3.610 199.212 55,18 61 ( lista ) Provincia di Belluno Belluno
Provincia di Padova-Stemma.png Provincia di Padova PD 207.757 2.142 928.118 433,30 102 ( lista ) Provincia di Padova

Padova

Provincia di Rovigo-Stemma.png Provincia di Rovigo RO 49.752 1.789 228.989 128,00 50 ( lista ) Provincia di Rovigo Rovigo
Provincia di Treviso-Stemma.png Provincia di Treviso TV 84.897 2.477 876.303 353,78 94 ( lista ) Provincia di Treviso Treviso
Provincia di Verona-Stemma.jpg Provincia di Verona VR 257.651 3.121 921.531 295,27 98 ( lista ) Provincia di Verona Verona
Provincia di Vicenza-Stemma.png Provincia di Vicenza VI 109.211 2.723 849.187 311,86 114 ( lista ) Provincia di Vicenza Vicenza
Flag of Veneto.svg Veneto totale 999.730 18.324 4.844.186 264,36 563 ( lista ) Mappa provinciale del Veneto Regione Veneto
Palazzo Balbi , sede della Presidenza e della Giunta Regionale del Veneto

Presidente e giunta regionale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti del Veneto e Giunta regionale del Veneto .

Il presidente della regione è Luca Zaia , eletto per il primo mandato il 30 marzo 2010 . I risultati delleelezioni regionali in Veneto del 2020 hanno riconfermato Zaia alla carica di presidente con il 76,79 % dei voti. La sede dei lavori della giunta regionale è a Palazzo Balbi , sul Canal Grande a Venezia .

Palazzo Ferro Fini , sede del Consiglio Regionale del Veneto.

Consiglio regionale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Consiglio Regionale del Veneto .

È l'organo di rappresentanza democratica del popolo veneto, determina l'indirizzo politico e amministrativo della Regione e ne controlla l'attuazione; esercita la potestà legislativa, nonché la potestà regolamentare non attribuita da singole leggi regionali della Giunta; adempie alle altre funzioni conferitegli dalla Costituzione, dallo Stato e dalle leggi. (art. 33 - legge regionale statutaria 17 aprile 2012, n.1). Ha sede presso Palazzo Ferro Fini , Venezia . [12]

Gruppi consiliari Numero consiglieri
Zaia Presidente 12
Liga Veneta - Lega Nord 12
Partito Democratico 9
Movimento Cinque Stelle 5
Forza Italia 3
Lista Tosi per il Veneto 3
Alessandra Moretti Presidente 2
Indipendenza Noi Veneto 1
Il Veneto del fare - Flavio Tosi 1
Veneto civico - Moretti presidente 1
Area Popolare Veneto 1
Fratelli d'Italia - AN - Movimento per la cultura rurale 1
Totale 51

Statuto e autonomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Progetti di aggregazione di comuni italiani ad altra regione e Progetti di aggregazione di comuni al Trentino-Alto Adige .

L'istituzione formale della Regione del Veneto si deve alla Costituzione del 1948 , peraltro rimasta inattuata sino al 1970. Lo statuto regionale del 1971 è l'unico statuto regionale, oltre a quello sardo, che definisce «popolo» gli abitanti della regione [13] [14] .

Tra il 2005 e il 2008 sono stati effettuati vari referendum , con esito positivo, da parte di comuni confinanti con le regioni del Trentino-Alto Adige e del Friuli Venezia Giulia , per ottenere il passaggio dalla regione del Veneto alle due regioni autonome limitrofe. Il procedimento costituzionale richiede che i referendum con esito positivo vengano esaminati per l'approvazione finale dal parlamento nazionale, previo parere obbligatorio dei due consigli regionali interessati.

L'11 gennaio 2012 il Consiglio regionale ha approvato in seconda votazione il nuovo statuto [15] . Il successivo 4 febbraio, tuttavia, il governo Monti annuncia di voler impugnare dinanzi alla Corte costituzionale lo Statuto per contrasto tra il comma IV dell'art. 30 sull'autonomia finanziaria [16] e l'articolo 119 comma II della Costituzione , scatenando, tra l'altro, le vivaci proteste della maggioranza regionale [17] , intenzione decaduta dietro promessa da parte della presidenza regionale di modificare il comma specificando l'obbligo del rispetto da parte del bilancio regionale dei vincoli e dei principi di coordinamento della finanza pubblica [18] [19] .

Progetto d'indipendenza o di autonomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Referendum consultivo in Veneto del 2017 .

Il 12 giugno 2014, il Consiglio regionale, a maggioranza, [20] ha votato il progetto di legge per indire un referendum sull'ipotesi di indipendenza del Veneto dall'Italia. Il progetto di legge è stato quindi convertito nella legge regionale numero 16/2014 il 19 giugno 2014, [21] accompagnata dalla legge numero 15/2014, relativa a un referendum per l'autonomia regionale. [22]

Nel giugno 2015 la Corte costituzionale ha sentenziato, a seguito dell'impugnazione da parte del governo, la bocciatura completa del referendum sull'indipendenza e parziale del referendum sull'autonomia , [23] il quale, dopo un nuovo giudizio da parte della Consulta, è stato ammesso. Il referendum si è svolto domenica 22 ottobre 2017 , con affluenza del 57,2% e il 98,1% di voti favorevoli. Sempre lo stesso giorno è stato svolto un referendum analogo anche in Lombardia.

Società

Evoluzione demografica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Demografia del Veneto .

La popolazione del Veneto non è omogeneamente distribuita. Se la media pianura vanta le densità maggiori (soprattutto lungo la fascia che va da Verona a Venezia passando per Vicenza , Padova e Treviso ), meno popolati sono la bassa Veronese (eccetto nel quadrilatero comprendente Bovolone , Isola della Scala , Nogara , Cerea e Legnago ) e il Polesine (specie in seguito all'alluvione del 1951 ). Ancor meno abitate sono le Prealpi e la montagna (la provincia di Belluno mostra le densità minori), eccetto l'alto Vicentino (con Schio , Valdagno , Thiene , Bassano del Grappa ) e la Valbelluna . A partire dagli anni ottanta si è verificato il fenomeno, molto diffuso in tutto il Norditalia, dello spopolamento delle grandi città (Venezia con Mestre in testa) a favore dei piccoli e medi comuni delle "cinture" periurbane. Questo ha portato a un notevole sviluppo urbano e taluni hanno constatato la formazione di una vasta megalopoli che si estende in particolare tra Padova, Mestre e Treviso (la cosiddetta PaTreVe o Triangolo Veneto) [24] . Nel rapporto annuale Censis del 2008 si parla di una grande regione metropolitana ( GREM ) veneta estesa su 6 679 ,6 km² che conta una popolazione di 3 267 420 abitanti e di una piccola area metropolitana ( PAM ) veronese estesa su 1 426 km² e con una popolazione di 714 724 abitanti. [25]

Abitanti censiti (migliaia)

Il tasso di incremento naturale annuo è stato uno dei più elevati d'Italia, ma dal 1983 è divenuto per la prima volta negativo. Anche se oggi questa tendenza permane (e, anzi, si è rafforzata), il Veneto resta una delle regioni del Nord Italia con il più alto indice di natalità. Il fenomeno, tuttavia, varia notevolmente da provincia a provincia, anche se la popolazione residente continua comunque a crescere per effetto dell'immigrazione dall'estero, divenuta notevole a partire dal 1990.

Dalla fine dell'Ottocento ebbe luogo un'intensa emigrazione di veneti all'estero a causa dell'estrema povertà della regione. Gli abitanti del Veneto si spostarono particolarmente verso Australia, Argentina , Uruguay e Brasile . Infatti il Veneto è stato, sino agli anni settanta , una terra di emigrazione (oltre 3 milioni di partenze tra il 1870 e il 1970 ) per via della povera economia contadina, non affiancata da impianti industriali di rilievo. Sino al fascismo i flussi si dirigevano specialmente in America Latina ( Brasile , Argentina ); negli anni trenta le bonifiche promosse da Mussolini portarono gli emigranti nel Lazio ( Latina ) e in Sardegna (Mussolinia di Sardegna, oggi Arborea ) e anche nelle colonie italiane d'Africa; nel secondo dopoguerra, le correnti si spostarono verso le aree industriali della Lombardia , del Piemonte e della Liguria , e verso l'Europa centrale, specie dopo l'alluvione del Polesine nel 1951 (che costrinse decine di migliaia di persone a lasciare la propria terra) [24] .

Il notevole sviluppo dell'industria a partire dagli anni settanta trasformò il Veneto da terra di emigrazione a terra di immigrazione. Più che i rientri, molti sono stati gli immigrati dal Meridione e in seguito dall'estero ( Nordafrica , Europa orientale ), il che ha fatto del Veneto la quinta regione per numero di abitanti (dopo Lombardia , Campania , Lazio e Sicilia ) e una delle prime per numero di stranieri residenti [24] .

Comuni più popolosi

Di seguito la tabella riporta la popolazione residente nei comuni del Veneto con più di 30 000 abitanti (in grassetto i capoluoghi di provincia): [26]

Dati aggiornati al 31 gennaio 2021
Posizione Comune Popolazione
(ab.)
Superficie
(km²)
Densità
(ab./km²)
Provincia o
Città metropolitana
Stemma Verona 257 748 198,92 1 295,74 Verona Verona
Stemma Venezia 255 305 415,90 613,86 Venezia Venezia
Stemma Padova 208 019 93,03 2 236,04 Padova Padova
Stemma Vicenza 109 233 80,57 1 355,75 Vicenza Vicenza
Stemma Treviso 84 902 55,58 1 527,56 Treviso Treviso
Stemma Rovigo 49 808 108,81 457,75 Rovigo Rovigo
Stemma Chioggia 48 117 187,91 256,06 Venezia Venezia
Stemma Bassano del Grappa 42 138 47,06 895,41 Vicenza Vicenza
Stemma San Donà di Piave 42 084 78,88 533,52 Venezia Venezia
10º Stemma Schio 38 748 66,21 585,23 Vicenza Vicenza
11º Stemma Mira 37 949 99,14 382,78 Venezia Venezia
12º Stemma Belluno 35 485 147,22 241,03 Belluno Belluno
13º Stemma Conegliano 34 642 36,38 952,23 Treviso Treviso
14º Stemma Castelfranco Veneto 33 467 51,61 648,46 Treviso Treviso
15º Stemma Villafranca di Verona 33 384 57,34 582,21 Verona Verona
16º Stemma Montebelluna 31 388 49,01 640,44 Treviso Treviso

Etnie e minoranze straniere

Come molte altre regioni italiane, nel XXI secolo il Veneto è diventata una società multietnica con una presenza significativa di cittadini provenienti dall'estero: al 1º gennaio 2019 risiedevano 501 085 stranieri [27] su un totale di 4 905 854 cittadini, [28] rappresentando quindi il 10,2% della popolazione totale. Nella stessa data, le nazionalità maggiormente rappresentate erano quella rumena , con 93 007 residenti, la marocchina , con 45 829 residenti, la cinese , 35 714, la albanese , 33 758, la moldava , 33 422, la bengalese , 17 227, l' ucraina , 16 868, l' indiana , 15 658, la nigeriana , 15 368, e la serba con 13 556 residenti. [27]

Lingue e dialetti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua veneta .
Principali aree di diffusione della lingua veneta in Italia.

Nella Regione sono parlate, oltre all' italiano e al veneto , altre tre lingue autoctone: il cimbro , il ladino e il friulano . Esistono inoltre alcune zone della provincia di Rovigo in cui si parla anche il dialetto ferrarese .

La Regione Veneto si caratterizza per una forte conservazione del proprio idioma storico, distinto in diversi dialetti. Secondo le statistiche, è compreso da quasi il 70% della popolazione, [29] con un sostanziale bilinguismo Italiano-veneto. La vivacità della lingua veneta è confermata dal fiorire di iniziative culturali ed editoriali che, soprattutto in questi ultimi anni, hanno visto un moltiplicarsi di pubblicazioni. La forte riscoperta delle identità storico-linguistiche è stata recentemente sancita da una legge della Regione Veneto, approvata dal consiglio regionale il 28 marzo 2007 , volta alla valorizzazione, alla tutela e alla diffusione della lingua veneta. [30]

Le altre lingue sono diffuse in aree molto limitate e parlate da minoranze che, spesso, antepongono ai loro idiomi l'italiano o il veneto stesso.

Se all'interno della Regione Veneto esistono diverse comunità allofone, specularmente, venetofone sono alcune aree delle regioni confinanti, in particolare il Friuli-Venezia Giulia occidentale e meridionale (nei dintorni di Pordenone e Monfalcone , tutta la zona costiera da Grado fino a Muggia ), il Trentino orientale e meridionale, e parte della provincia di Mantova . All'estero è venetofona la comunità italiana della Venezia Giulia in Slovenia ( Istria ) e in Croazia (Istria, Quarnaro e Dalmazia ).

Il veneto parlato nella Regione Veneto si divide essenzialmente in quattro macroaree, ognuna con caratteristiche proprie, pur non perdendo la sostanziale unitarietà linguistica. L'area più vasta è quella centrale, comprendente la provincia di Padova e Vicenza , parte della provincia di Rovigo e parte della provincia di Venezia : tra i fenomeni più interessanti che la caratterizzano, oltre a una marcata conservazione delle vocali atone finali, vi è il fenomeno della metafonesi . [35] Questa è invece assente nell'area veneziana, che si estende su tutta la laguna di Venezia , da Chioggia fino a Caorle e ha storicamente costituito il riferimento su cui si è modellata la koinè linguistica veneta. Da registrare in quest'area una minore conservazione della vocali atone finali. Questo fenomeno diviene ancora più marcato nelle altre due aree, quella settentrionale trevigiano-bellunese, in cui sono ancora vive le interdentali sorde e sonore, e quella veronese, in cui emerge talvolta il sostrato gallo-italico. [36] [37]

Religione

La Basilica patriarcale di san Marco.
Una delle cinque sinagoghe presenti nel Ghetto di Venezia .

La presenza religiosa in Veneto ha da sempre dato vita a numerose istituzioni ed edifici di culto, soprattutto nella città lagunare, ma non solo. Antonio di Padova , noto in città con il nome Il Santo , fu prima canonico agostiniano a Coimbra ( 1210 ), poi frate francescano ( 1220 ). Viaggiò molto vivendo prima in Portogallo quindi in Italia e in Francia . Nel 1221 si recò al Capitolo Generale ad Assisi dove vide di persona Francesco. Professore di teologia e valente predicatore, fu inviato da Francesco d'Assisi a combattere l'eresia catara in Francia . Fu trasferito poi a Bologna e quindi a Padova . Morì all'età di 36 anni. Definito da molti cattolici come Taumaturgo , cioè autore di prodigi, per la notevole mole di eventi miracolosi a lui ascritti sin dai primi tempi dopo la sua morte e fino a oggi.

La figura di Marco evangelista , legata alla città di Venezia, si dipana in una serie di tradizioni orali, spesso in contrasto tra loro. Una tradizione lo vuole evangelizzatore in Egitto e fondatore della chiesa di Alessandria che lo vuole come suo primo vescovo. Altra tradizione vuole che Marco - prima di rientrare in Egitto - fosse stato inviato da Pietro nella metropoli alto-adriatica di Aquileia - capoluogo della X Regio Venetia et Histria - per curare l'evangelizzazione dell'area nord-est. A Marco si deve la scelta dei primi Vescovi della Chiesa-madre di Aquileia (Ermagora e Fortunato) dalla quale deriverà, in tempi e per complesse vicende successive, il titolo del Patriarca di Grado poi assorbito da Venezia . Dopo la sua morte ad Alessandria , le spoglie del santo vengono trafugate da mercanti veneziani e portate nell' 828 a Venezia , dove pochi anni dopo verrà dato inizio alla costruzione della Basilica che ancora oggi ospita le sue reliquie.

Il Veneto ospita anche i resti di un altro evangelista , San Luca , che riposano (tranne la testa conservata a Praga ) nella Basilica di Santa Giustina a Padova, assieme alle reliquie di san Mattia apostolo .

Tra i luoghi di culto, oggetto di pellegrinaggi, vanno ricordati: il Santuario della Madonna di Monte Berico a Vicenza ; il Santuario della Madonna della Corona , nelle montagne veronesi; il Santuario della Beata Vergine del Covolo , edificio progettato da Antonio Canova situato sulle pendici del monte Grappa ; il santuario, più moderno e all'interno della città di Padova, di San Leopoldo e il Santuario del Cristo Alluvionato a Lama Polesine in provincia di Rovigo.
La fede Cristiana si fuse in tale maniera con la tradizione popolare e la vita quotidiana dei veneti che proprio a Verona sorse una nuova arte, unica al mondo: la famosa tecnica dei concerti di campane alla veronese .

Il Veneto ha dato i natali ad alcuni Pontefici della Chiesa cattolica, tra cui vanno ricordati Papa Pio X ( Riese Pio X ) e Papa Giovanni Paolo I ( Canale d'Agordo ). Papa Giovanni Paolo II (Karol Wojtyła) trascorse molte delle sue vacanze nelle montagne venete, soprattutto nel Comelico ea Lorenzago di Cadore . Proprio questi luoghi, ora, sono oggetto di un progetto di valorizzazione grazie al Cammino delle Dolomiti [38] , un percorso ad anello che tocca i luoghi più importanti della spiritualità presenti nella montagna bellunese.

Notevoli le presenze di altre confessioni religiose. La confessione protestante, presente in numerose città con chiese luterane, anglicane, valdesi e metodiste, ha trovato nella Serenissima un ambiente che ha permesso la diffusione della cultura evangelica, data anche la presenza di case editrici. Alcune chiese ortodosse si possono trovare a Venezia , oggi rivitalizzate dalla presenza di molte persone provenienti dall'est europeo di tradizione ortodossa. La più importante è la chiesa di San Giorgio dei Greci, sede dell'Arcidiocesi d'Italia e Malta, dipendente dal Patriarcato di Costantinopoli.

Altra presenza storica, e anche ora molto attiva, è quella della comunità ebraica nel ghetto di Venezia , quartiere presente nel sestiere di Cannaregio.
A Venezia tale comunità crebbe godendo inizialmente di un clima di relativa tolleranza, finché il Consiglio dei Pregadi (Senato) dispose il 29 marzo 1516 che tutti gli ebrei dovessero obbligatoriamente risiedere nel “Ghetto nuovo”. Nasce così un'istituzione che verrà poi ampiamente applicata anche nel resto d'Europa. Con la caduta della Repubblica e l'avvento di Napoleone furono eliminate le discriminazioni nei confronti degli ebrei, i quali furono equiparati in tutto agli altri cittadini. Le porte del ghetto furono eliminate così come l'obbligo di residenza. Al giorno d'oggi questo complesso è rimasto abbastanza integro anche se gli ebrei veneziani sono ormai poche centinaia. Due sinagoghe sono tuttora aperte al culto e quasi tutti gli altri edifici della comunità svolgono ancora funzioni istituzionali (museo, casa di riposo ecc.). Altre comunità ebraiche importanti si trovano a Padova ea Verona .

Nel territorio del Veneto, non sono attualmente presenti moschee di dimensioni importanti: esistono, tuttavia, dei luoghi di culto per i fedeli musulmani, e alcuni progetti di realizzazione di moschee.

Prima della cristianizzazione del Veneto, erano presenti culti pagani , in particolare alla dea Reitia . [39] .

Economia

Dati economici

Di seguito la tabella che riporta il PIL e il PIL procapite [40] prodotto nel Veneto dal 1997 al 2008 :

1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Prodotto Interno Lordo (milioni di €) 98.907 101.463 105.334 112.719 117.096 119.886 125.729 132.481 135.911 141.000 146.986 149.385
PIL ai prezzi di mercato per abitante (€) 23.300 24.200 24.900 26.700 27.500 26.600 27.000 27.400 27.800 29.000 30.000 30.400

Di seguito la tabella che riporta il PIL , prodotto in Veneto ai prezzi correnti di mercato nel 2006 , espresso in milioni di euro, suddiviso tra le principali macro-attività economiche:

Macro-attività economica PIL prodotto % settore su PIL regionale % settore su PIL italiano
Agricoltura, silvicoltura, pesca € 2.303,3 1,66% 1,84%
Industria in senso stretto € 34.673,6 24,95% 18,30%
Costruzioni € 8.607,7 6,19% 5,41%
Commercio, riparazioni, alberghi e ristoranti, trasporti e comunicazioni € 28.865,8 20,77% 20,54%
Intermediazione monetaria e finanziaria; attività immobiliari e imprenditoriali € 31.499,4 22,66% 24,17%
Altre attività di servizi € 19.517,2 14,04% 18,97%
Iva, imposte indirette nette sui prodotti e imposte sulle importazioni € 13.526,4 9,73% 10,76%
PIL Veneto ai prezzi di mercato € 138.993,5

Dal confronto tra il dato regionale e quello nazionale, si evidenzia che rispetto alla media italiana in Veneto è più forte l'incidenza del settore industriale, anche escludendo il settore delle costruzioni. Questa maggiore incidenza dell'industria, si riflette su un minor peso che ha sull'economia veneta tutto quanto ricade sul settore Altri Servizi , dove essenzialmente sono raggruppati i servizi resi dalla pubblica amministrazione , sanità, servizi sociali e istruzione pubblica .

Evoluzione storico-economica

Il Veneto è una delle regioni più ricche d' Italia . Ha conosciuto una fortissima espansione economica, sin dal secondo dopoguerra, e oggi è sede di importanti attività industriali e terziarie. Complessivamente il PIL della regione Veneto registrato nel 2003 è stato di 94 429,6 milioni di Euro 1995 che, attualizzati al 2004 , corrispondono a 116 148,4 milioni di Euro . Il Veneto apporta, nel 2003 , un Valore Aggiunto che costituisce il 67% della ricchezza prodotta dall'intero Nord Est e il 9% di quella nazionale. Attualmente, la crisi economica presente a livello mondiale, incide anche sull'economia veneta. Tuttavia, stando ad analisi recenti, l'export sembra ancora trainare la produzione. [41]

Lo sviluppo dell'industrializzazione sul finire dell'Ottocento, contemporaneamente all'unione del Veneto all' Italia , vede una lunga incubazione protoindustriale, una modernizzazione dell'industria laniera, e lo sviluppo di una classe imprenditoriale, che vede nel territorio vicentino il luogo dove insediare le attività produttive. Il mercato cercava di non rivolgersi più al proprio interno ma di aprirsi al resto d'Italia, rinnovando i processi manifatturieri e trovando delle spinte in una nuova classe dirigente, che vede nuovi protagonisti d'eccezione imporsi. Tra questi vanno ricordati:

  • Alessandro Rossi : imprenditore laniere scledense , con il suo pedagogismo industrialista propone una nuova visione dell'azienda industriale in tutto il vicentino.
  • Vincenzo Stefano Breda : si coinvolge in un processo di infrastrutturazione del territorio, coinvolgendosi in attività politiche e in attività bancarie, anche ad alto rischio.
  • Luigi Luzzatti : capo del movimento che vuole l'affermazione delle Banche mutue popolari.
  • Leone Wollemborg : ricco possidente, a capo del movimento d'opinione che vuole l'affermazione delle Casse rurali.

Con il 1900 e la rivoluzione dell'energia elettrica, si fanno strada alcune società elettriche, tra cui la Cellina e poi la SADE . Giuseppe Volpi , dopo aver costituito la SADE, fu autore della crescita del capitale di questa società, fino a farla diventare una delle più importanti realtà produttive di energia, costruendo una rete di distribuzione elettrica che coprì buona parte del territorio veneto. Successivamente, proprio per iniziativa di Volpi, nacque il polo industriale chimico di Venezia ( Marghera ), il quale fungeva da raffineria e da terminal per l'industria del Nord-Ovest. Tale sviluppo industriale di Marghera incominciò nel 1919 per continuare fino al 1932 . In questo modo, in Veneto si ha l'introduzione di un'industria ad alta densità di capitale.

Dal 1937 al 1940 il Veneto diventa la terza regione industrializzata d' Italia . L'incremento della potenza installata documentava del progresso tecnico e dei miglioramenti produttivi raggiunti dal Veneto nonostante la pesante congiuntura degli anni trenta. Esso si concentrava nelle province di Vicenza e di Venezia , che detenevano così più del 50% della potenza complessivamente disponibile, contro il 43,7% di dieci anni prima. Il progresso era comunque andato in direzioni opposte: a rafforzare i comparti delle industrie di base e di quelle produttrici di beni strumentali nel comprensorio veneziano; a razionalizzare il settore produttivo tessile, in particolar modo il comparto laniero.

Si accentuava così la frattura tra localizzazione della manifattura leggera e localizzazione dei settori trainanti, come quello chimico ad esempio, che nel 1937 - 1940 presentava dei valori superiori ai dati nazionali: il 4,3% dell'intera occupazione industriale regionale (3,9% il valore nazionale), 32,9 addetti per unità produttiva (16,9), una potenza disponibile pari al 12,7% della regione (9,2% la media nazionale) e al 10,2% della forza motrice complessiva dell'intera industria chimica italiana (era il 3,4% solo dieci anni prima). [42] Un altro elemento cardine della storia economica del Veneto è l'impresa Marzotto di Valdagno , la quale rappresenta una svolta nella cultura economica veneta: Gaetano Marzotto Jr concepisce l'attività produttiva come continua spinta al cambiamento, all'innovazione, al reinvestimento di capitali e alla realizzazione di economie di scala.

Nel secondo dopoguerra il Veneto conosce un periodo di crisi, diventando una zona povera e senza un'economia trainante. Tuttavia, il Veneto ha saputo uscire da questa crisi grazie al suo essere un aggregato di sistemi, al suo saper coniugare tradizione e innovazione, al suo saper essere internazionale e locale allo stesso tempo, al suo essere formato da uno sviluppo multilineare che ha permesso la nascita di molti distretti, differenziando la produzione in maniera accentuata.

Situazione attuale

Le attività agricole ( frumento , mais , frutta , ortaggi ) e zootecniche ( bovini , suini ) sono ancora di rilievo, e sono molto meccanizzate. L'industria è presente soprattutto nelle province occidentali e sulle coste adriatiche; prevalgono piccole aziende, specializzate nei settori alimentare, tessile, calzaturiero e del mobile.

A Marghera , nella terraferma veneziana, è ancora attivo il polo chimico industriale di Porto Marghera. Molti sono i segnali che fanno pensare a una sua chiusura, auspicata da molte associazioni di residenti e ambientalisti, tuttavia, il problema occupazionale vivacizza il dibattito, poiché secondo molte associazioni di lavoratori una sua chiusura creerebbe un problema sociale ben peggiore dei danni causati dalla chimica. Molte sono state le morti tra i lavoratori, la cui responsabilità una sentenza ha attribuito ai vertici del Petrolchimico. Treviso e provincia sono anche la prima area d' Italia per l'abbigliamento giovanile, con il gruppo Benetton .

Importanti sono anche le attività bancarie, il commercio e il turismo, nelle località balneari di Jesolo , Caorle , Bibione , Eracleamare , Cavallino-Treporti , Sottomarina , Rosolina , nelle località montane di Cortina d'Ampezzo , Arabba , Falcade , Val di Zoldo , Alleghe , Pieve di Cadore , Asiago , nelle città d'arte e sul lago di Garda .

Con la crisi globale di inizio XXI secolo si assiste a una forte delocalizzazione dei settori produttivi delle aziende venete principalmente nei paesi in via di sviluppo ; di contro la regione segnala forti progressi e investimenti nelle nuove tecnologie, in particolare nella nanotecnologia .

Il Veneto attualmente fa parte sia della Euroregione Adriatico Ionica sia della Comunità di lavoro Alpe Adria .

Secondo l'Osservatorio suicidi per motivazioni economiche della Link Campus University , nel periodo 2008-2018 che è seguito alla Grande Recessione , il Veneto è stata la regione italiana che per il maggior numero di anni ha conseguito il primato dei suicidi causati dalla crisi economica e bancaria. [43] [44] [45] [46]
L'anno col maggior incremento relativo a livello nazionale è stato il 2016, che ha registrato un +20% del numero di decessi rispetto ai dodici mesi precedenti [45] , mentre l'anno con il più elevato numero di suicidi in assoluto è stato il 2014, con 201 casi accertati. [47] Contestualmente, la regione resta tra le prime in Italia per diffusione dell'evasione fiscale. [48] [49] [50]

Turismo

La vocazione turistica del Veneto, che detiene il primato di regione più visitata d' Italia [51] , è confermata dai quasi 15 milioni di arrivi nel 2010 e dagli oltre 60 milioni di presenze [52] . I settori turistici possono essere suddivisi nei seguenti ambiti: Città d'arte, Mare, Montagna, Terme, Lago. Le città d'arte hanno registrato, relativamente all'anno 2010, 7,2 milioni di arrivi e 16,2 milioni di presenze [53] , mentre il comprensorio balneare ha registrato 3,6 milioni di arrivi e 25,8 milioni di presenze [53] . Gli arrivi turistici totali nel 2010 sono stati di 5.609.809 italiani e 8.973.933 stranieri [52] . Grazie al suo patrimonio paesaggistico, storico, artistico e architettonico il Veneto è stato, con oltre 16,2 milioni di visitatori e 61,8 milioni di presenze turistiche, la regione più visitata d'Italia nel 2014. [54] [55]

Alcuni tipi di condotte e l'esigenza di garantire un turismo di qualità hanno indotto le amministrazioni locali a dotarsi di regole più circostanziate e severe. Il Comune di Venezia ha modificato il proprio Regolamento di Polizia Urbana nel 2018 [56] e nel 2019 [57] per garantire pulizia e decoro nei centri abitati, e la tutela dell'incolumità e della fruibilità urbana. Ha introdotto una lista aree di particolare decoro, il divieto di assunzione di alcolici in orario notturno al di fuori dei locali autorizzati e di circolare in tenuta balneare oa torso nudo, e, per gli esercenti, il limite di occupazione del suolo pubblico di due giorni al mese e l'obbligo di raccolta differenziata obbligatoria. [58] Oltre alle multe, le sanzioni possono arrivare al Daspo , e alla sospensione/revoca della licenza per i pubblici esercenti.

Le presenze turistiche nel comprensorio montano hanno conosciuto un calo sia come presenze sia come arrivi, dal 1997 al 2010 [59] . I mesi più frequentati sono quelli estivi con cifre che superano 1.500.000 presenze durante il mese di agosto negli anni dal 2007 al 2010 [60] .

Infrastrutture e trasporti

Assi viari

Autostrade

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Autostrade in Italia .

Elenco delle autostrade passanti per il Veneto:

Statali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Strade statali in Italia e Strada regionale .

Elenco delle strade statali passanti per il Veneto:

Oggigiorno gran parte delle strade statali del Veneto è passato, dall' ANAS , sotto il controllo di Veneto Strade , divenendo così Strade Regionali.

Ferrovie

La stazione di Venezia Santa Lucia che, insieme con la stazione di Venezia Mestre formano il nodo ferroviario più importante della Regione e uno dei più importanti d'Italia.

Di seguito vengono riportate le linee ferroviarie che percorrono la regione:

Tutte le linee sopracitate sono gestite da Rete Ferroviaria Italiana tranne la ferrovia Adria-Mestre, di proprietà regionale, la cui gestione è stata affidata a Sistemi Territoriali .

È in corso il potenziamento di alcune linee ferroviarie per ottenere un servizio suburbano con orari cadenzati. Questo progetto è conosciuto come Sistema Ferroviario Metropolitano Regionale (SFMR).

Un tempo la regione era dotata delle seguenti linee ferroviarie:

Sono in progettazione tre linee ad alta velocità :

Porti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Porti d'Italia .

Aeroporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elenco degli aeroporti italiani .
L' Aeroporto di Venezia-Tessera "Marco Polo", che insieme con quello di Treviso forma il terzo polo aeroportuale d'Italia.

Di seguito vengono riportati i principali aeroporti veneti:

Vengono riportati gli altri aeroporti minori presenti in Regione:

Fino al 2008 era presente anche l' Aeroporto di Vicenza .

Trasporti pubblici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Translohr , Tranvia di Padova e Tranvia di Mestre .
Il tram di Mestre .
Il tram di Padova : translohr su gomma a guida vincolata.

Oltre alle consuete linee di autotrasporto urbano, due città venete hanno deciso di dotarsi di un nuovo modello di tram, l' NTL Translohr , caratterizzato da una guida vincolata per mezzo di una sola rotaia, mentre il movimento è permesso per mezzo di ruote su gomma. A Padova tale mezzo è in funzione dal 2007, mentre a Mestre dal 2010 .

Istruzione

Università

Università Ca' Foscari.
Palazzo del Bo', sede dell'Università di Padova.
  • Università Ca' Foscari Venezia
    Rinomata come una delle Università più prestigiose d' Italia , prende il nome dalla propria sede principale, il palazzo detto appunto Ca' Foscari , situato nel sestiere di Dorsoduro . L'Università Ca' Foscari di Venezia , nasce il 6 agosto 1868 come Scuola Superiore di Commercio ed è stata la prima istituzione in Italia a occuparsi dell'istruzione superiore nel campo del commercio e dell'economia. Ca' Foscari è oggi una moderna università che presenta un ampio ventaglio di attività formative articolate in quattro grandi aree scientifico-culturali: economica, linguistica, scientifica e umanistica. Per l'anno scolastico 2008 - 2009 , offre 23 corsi di laurea triennali (di primo livello) e 30 corsi di laurea specialistica, oltre a master universitari di primo e di secondo livello, 6 scuole di dottorato di ricerca e una scuola di specializzazione per gli insegnanti della scuola secondaria.
  • Università degli Studi di Padova
    L'Università degli Studi di Padova è fra le più note università in Italia , e fra le più antiche al mondo (la seconda in Italia, la settima al mondo), risalendo al 1222 . Nel 2007 contava circa 63 000 studenti e 2 350 docenti [61] . Si trova nella città di Padova .
Il Cotonificio Veneziano, polo dell' Università Iuav di Venezia .
  • Università Iuav di Venezia
    L'Università IUAV di Venezia è stata fondata come Istituto Universitario di Architettura di Venezia nel 1926 . La scuola superiore di architettura di Venezia (seconda in Italia, dopo quella di Roma) fu istituita nel dicembre di quell'anno per iniziativa di Giovanni Bordiga , allora presidente dell' Accademia di belle arti di Venezia . Dal 2001 l'ateneo è diventato Università Iuav di Venezia, affiancando alla facoltà di Architettura le altre due (Design e Pianificazione del territorio). Tra i rettori del passato troviamo: Giovanni Bordiga , Guido Cirilli , Giuseppe Samonà , Carlo Minelli , Carlo Scarpa , Carlo Aymonino , Valeriano Pastor , Paolo Ceccarelli e Marino Folin . [62] Dal 2015 il rettore dell'Università è Alberto Ferlenga. [63] Iuav offre lauree triennali in Scienze dell'Architettura, Produzione dell'Edilizia, Arti Visive e dello Spettacolo, Disegno industriale, Pianificazione urbana e territoriale, Servizi informativi territoriali (SIT). Oltre a ciò sono attivi corsi di Laurea Specialistica in Architettura (per la Costruzione, per la Conservazione, per la Sostenibilità, per la Città e per il Paesaggio), in Arti visive, Teatro, Disegno e Comunicazione visiva, Pianificazione.
  • Università degli Studi di Verona
    L'Università degli Studi di Verona è un'università fondata nel 1982 ed è organizzata in otto facoltà e ventisei dipartimenti. L' Università degli Studi di Verona è organizzata in due poli principali all'interno della città omonima: quello di Veronetta, che ospita le facoltà umanistiche e l'amministrazione centrale con il rettorato, e quello di Borgo Roma, dove si trovano le facoltà di Medicina e di Scienze. Oltre a questi, essa possiede una facoltà di Giurisprudenza in città e varie sedi minori nelle città vicine: è infatti presente con alcuni corsi di studio a Legnago , Vicenza , Bolzano , Trento , Ala e Rovereto .
  • Istituto Universitario Salesiano Venezia
    È un'università privata, aggregata all' Università Pontificia Salesiana di Roma. Attivo dal 1990, ha la sede principale alla Gazzera di Mestre e una sede secondaria a Verona. È attivo nel campo della psicologia, pedagogia e comunicazione.

Accademie

Conservatori

Il Veneto vanta una tradizione prestigiosa nell'ambito della formazione musicale, è una terra rinomata per la qualità dei suoi cori polifonici e le sue orchestre . In regione vi sono sette conservatori statali di musica:

Altri istituti e fondazioni

Sanità

A seguito della riforma regionale sanitaria del 2016, nella Regione furono individuate nove aziende sanitarie locali ,[65] la "ULSS 1 Dolomiti" per la provincia di Belluno , la "ULSS 2 Marca Trevigiana" per la provincia di Treviso , la "ULSS 3 Serenissima" per la parte centrale e meridionale della provincia di Venezia , la "ULSS 4 Veneto Orientale" per la restante parte, la "ULSS 5 Polesana" per il territorio della provincia di Rovigo , la "ULSS 6 Euganea" per la provincia di Padova , le "ULSS 7 Pedemontana" e "ULSS 8 Berica" per la provincia di Vicenza , e infine la "ULSS 9 Scaligera" per la provincia di Verona. [66]

Dalla stessa riforma furono inoltre confermate alcune eccellenze della Regione: l' Azienda Ospedaliera di Padova , l' Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona e l' Istituto Oncologico Veneto .[65]

Cultura

Patrimoni dell'umanità

In Veneto sono presenti otto beni inseriti nella lista dei siti patrimonio dell'umanità redatta dall'agenzia UNESCO , in quanto rappresentano delle particolarità di eccezionale importanza da un punto di vista culturale o naturale: [67]

Venezia e la sua Laguna
Venne iscritta nel 1987 in quanto «Fondata nel V secolo e sviluppatasi su 118 piccole isole, Venezia divenne una grande potenza marittima nel X secolo. L'intera città è uno straordinario capolavoro dell'architettura in cui anche il più piccolo edificio può custodire opere di alcuni dei più grandi artisti del mondo quali Giorgione , Tiziano , Tintoretto , Veronese e altri». [68]
Città di Vicenza e le ville palladiane del Veneto
Sito iscritto nel 1994 e ampliato nel 1996, in quanto «Fondata nel II secolo aC nell'Italia settentrionale, Vicenza prosperò sotto il dominio veneziano dall'inizio del XV secolo fino alla fine del XVIII secolo. L'opera di Andrea Palladio (1508–80), basata su uno studio dettagliato dell'architettura classica, conferisce alla città un aspetto unico. Gli edifici urbani di Palladio, così come le sue ville, sparse in tutto il Veneto, hanno avuto un'influenza decisiva sullo sviluppo dell'architettura. Il suo lavoro ha ispirato uno stile architettonico denominato palladianesimo che si diffuse in Inghilterra, oltre che in altri paesi europei, e nel Nord America». [69]
Orto botanico di Padova
Bene iscritto nel 1997 in quanto «Il primo giardino botanico del mondo è stato creato a Padova nel 1545. Conserva ancora la sua disposizione originale: un elemento centrale circolare che simboleggia il mondo, circondato da un anello d'acqua. Altri elementi furono aggiunti in seguito, alcuni architettonici (ingressi ornamentali e balaustre) e alcuni pratici (impianti di pompaggio e serre). Continua ad essere utilizzato per il suo scopo originale ovvero centro di ricerca scientifica». [70]
Città di Verona
Iscritta nel 2000 in quanto «La storica città di Verona fu fondata nel I secolo aC Fiorì in particolare sotto il governo della famiglia Scaligera nel XIII e XIV secolo e come parte della Repubblica di Venezia tra il XV e il XVIII secolo. Verona ha conservato un considerevole numero di monumenti dall'antichità, dai periodi medievale e rinascimentale, e rappresenta un esempio eccezionale di fortezza militare.» [71]
Le Dolomiti
Enorme area iscritta nel 2009 in quanto «Il sito delle Dolomiti comprende una catena montuosa delle Alpi settentrionali italiane, si estende su ben 141 903 ettari e conta 18 cime che superano i 3 000 metri di altitudine. Presenta alcuni dei più bei paesaggi montani, con pareti verticali, strapiombi e un'alta densità di strette, profonde e lunghe valli. Un sito seriale composto da nove aree che presentano una varietà di paesaggi spettacolari di rilievo internazionale per la geomorfologia segnata da guglie, pinnacoli e pareti rocciose, inoltre il sito presenta anche formazioni glaciali e sistemi carsici. È caratterizzato da processi dinamici come frequenti frane, alluvioni e valanghe. Il sito presenta anche uno dei migliori esempi di conservazione di rocce carbonatiche di età mesozoica, con resti fossili». [72]
Siti palafitticoli preistorici attorno alle Alpi
Un sito seriale iscritto nel 2011 che in Veneto comprende il sito palafitticolo Belvedere , del Frassino , della Tombola e il laghetto della Costa . Si tratta quindi di «Un sito seriale composto da 111 piccoli siti che comprendono i resti di insediamenti preistorici su palafitte situati dentro e attorno alle Alpi, costruiti tra il 5000 aC e il 500 aC lungo i bordi dei laghi, dei fiumi o in zone umide. Gli scavi archeologici, condotti solo in alcuni di questi siti, hanno rinvenuto testimonianze che forniscono informazioni sulla vita in età preistorica durante il Neolitico e l'età del bronzo nell'area alpina dell'Europa e sui modi in cui le comunità interagivano con il loro ambiente». [73]
Opere di difesa veneziane tra XVI e XVII secolo: Stato da Terra-Stato da Mar occidentale
Un sito seriale iscritto nel 2017 che in Veneto comprende la fortezza di Peschiera , lungo le sponde del lago di Garda . Si tratta di «Un sito composto da sei opere di difesa situate in Italia, Croazia e Montenegro, che si estendono per oltre 1 000 km tra la Lombardia e la costa adriatica orientale. Le fortificazioni dello Stato da Terra proteggevano la Repubblica di Venezia dalle altre potenze europee da nord-ovest mentre quelle dello Stato da Mar proteggevano le rotte marittime ei porti nel mare Adriatico verso il Levante. Furono necessari per sostenere l'espansione e il governo della Serenissima. L'introduzione della polvere da sparo portò a significativi cambiamenti nelle tecniche e nell'architettura militare che si riflettono nella progettazione delle cosiddette fortificazioni alla moderna, o fortificazioni bastionate, che si diffusero poi in tutta Europa». [74]
Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene
Iscritto nel 2019 in quanto, «Situato nell'Italia nord-orientale, comprende parte del paesaggio vitivinicolo dell'area di produzione del Prosecco . Il paesaggio è caratterizzato da una conformazione geologica peculiare, dai cosiddetti "ciglioni" (stretti terrazzamenti erbosi su cui si coltivano le viti), boschi, piccoli centri abitati e da terreni agricoli. Per secoli questi terreni accidentati sono stati modellati e resi adatti alla coltura dall'uomo. Dal XVII secolo, l'uso dei ciglioni ha creato un particolare paesaggio costituito da filari di viti parallele e ortogonali ai declivi delle colline. Nel XIX secolo, la tecnica di coltivazione della "bellussera" ha contribuito alle caratteristiche estetiche del territorio». [75]

Letteratura e teatro in lingua veneta

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura in lingua veneta .

La letteratura in lingua veneta affonda le sue radici nella produzione di testi poetici e in prosa in lingua volgare , che si sviluppa nell'area corrispondente all'incirca all'odierna Regione Veneto a partire dal XII secolo . La letteratura veneta, dopo un primo periodo di splendore nel Cinquecento con il successo di artisti come il Ruzante , giunge al suo massimo apogeo nel Settecento , grazie all'opera del suo massimo esponente, il drammaturgo Carlo Goldoni . Successivamente la produzione letteraria in lingua veneta subisce un periodo di declino a seguito della caduta della repubblica di Venezia , riuscendo comunque nel corso del Novecento a raggiungere vette liriche mirabili con poeti come Giacomo Noventa, Biagio Marin di Grado , Virgilio Giotti di Trieste, Andrea Zanzotto, fino ad arrivare, nei tempi più recenti, ad autori come Ernesto Calzavara , Eugenio Tomiolo, Claudio Grisancich, Luciano Cecchinel , Gianmario Villalta e Ivan Crico .

Letteratura e teatro in lingua italiana

Il Novecento

Tra gli scrittori del Novecento che hanno lasciato un'importante traccia nel panorama culturale italiano, vanno sicuramente citati alcuni importanti scrittori veneti. Tra questi occorre citare sicuramente il moglianese Giuseppe Berto ( 1914 - 1978 ), autore di Anonimo Veneziano , Il Male oscuro e Il cielo è rosso .
Inoltre, va ricordato Mario Rigoni Stern ( 1921 - 2008 ), il quale, nato, cresciuto e morto ad Asiago, ha saputo raccontare i personaggi, i colori, i suoni ei silenzi dell' Altopiano dei Sette Comuni , autentico appartenente alla cultura dei Cimbri a cui si è sempre sentito legato. In tal senso, una delle opere più rappresentative è il Bosco degli urogalli , o Uomini, boschi, api . Ma l'esperienza della campagna di Russia ha segnato la sua vita e ha ispirato dei veri e propri capolavori come Il sergente nella neve .

Il trevigiano Giovanni Comisso ( 1895 - 1969 ) è stato senza dubbio uno dei più estrosi e dei più attivi giornalisti e scrittori. Tra le sue opere meritano di essere ricordate La mia casa di campagna e Un gatto attraversa a strada .

Luigi Meneghello ( 1922 - 2007 ), vicentino di Malo, è l'autore di numerosi romanzi tra cui Libera nos a Malo e Pomo Pero , libri nei quali l'elemento ispiratore è l'ambiente paesano di Malo. Meneghello utilizza uno stile originale, basato su un registro colto e raffinato, nel quale inserisce neologismi o espressioni venete italianizzate.

Tra gli altri scrittori vanno segnalati:

I nostri giorni

Per quanto concerne la letteratura contemporanea, Giuliano Scabia ha saputo conquistare un posto nell'ambito del panorama veneto e nazionale, grazie soprattutto al romanzo "Nane Oca", nei quali l'atmosfera delle storie popolari si mescola alla creatività linguistica e narrativa creando una storia raffinata, fatta di vicende che si rimandano, di personaggi che si moltiplicano, per creare quell'atmosfera tipica del racconto orale veneto.

Alberto Ongaro è autore di numerosi romanzi, quali "La partita", "La taverna del doge Loredan", e "L'ombra abitata", che, insieme con l'amico veneziano Hugo Pratt , tradurrà in fumetti.

Romolo Bugaro , padovano di nascita, nel romanzo "La buona e brava gente della nazione" (premio Campiello nel 1998) scrive e racconta della vita di trentenni di provincia che scoprono la disillusione di tutto ciò che la giovinezza aveva portato a sognare. Lo stile denso, che prende forma in una scrittura barocca che, però, accompagna dialoghi serrati ma linguisticamente poveri, accentua questo conflitto tra un atteggiamento pomposo e una dissoluzione linguistica e sociale.

Tiziano Scarpa , autore di numerosissimi romanzi, è anche molto attivo sul piano teatrale, con attività pubbliche di letture in piazze e teatri; importanti sono anche le sue collaborazioni con musicisti e scrittori. Ha scritto i romanzi Occhi sulla graticola (Einaudi, 1996), Kamikaze d'occidente (Rizzoli, 2003) e Stabat Mater (Einaudi, 2008); le raccolte di racconti Amore® (Einaudi, 1998), Cosa voglio da te (Einaudi, 2003) e Amami, in cui accompagna con sessanta microstorie altrettante immagini di Massimo Giacon (Mondadori, 2007); la raccolta di aforismi Corpo (Einaudi, 2004); il libro di interventi critici Cos'è questo fracasso? (Einaudi, 2000), il poema Groppi d'amore nella scuraglia (Einaudi, 2005). Nel 2006 esce per Fanucci il libro Batticuore fuorilegge, raccolta di interventi, saggi, racconti e poesie uscite su giornali e siti web. Comuni mortali, contiene tre testi teatrali: Comuni mortali, Gli straccioni e Il professor Manganelli e l'ingegner Gadda (Effigie, 2007). Nel 2008, oltre a Stabat Mater, sono usciti la raccolta di poesie Discorso di una guida turistica di fronte al tramonto (Amos edizioni, 2008) e il testo teatrale L'inseguitore (Feltrinelli, 2008). Nel 2000 ha pubblicato per Feltrinelli la guida Venezia è un pesce, opera che nel 2002 ha letto ad alta voce e pubblicato per il Narratore audiolibri editrice.

Marco Paolini è autore teatrale e interprete di un repertorio che appartiene al cosiddetto teatro civile. La sua attività si distingue per il gusto dello studio dei testi e della ricerca delle fonti e per l'accostamento continuo dei fatti a trovate teatrali spesso dissacranti e ironiche. I suoi spettacoli sono per la gran parte sviluppati in monologhi spesso recitati in lingua veneta. Fino al 1994 Paolini ha lavorato in vari gruppi teatrali: Teatro degli Stracci , Studio 900 di Treviso , Tag Teatro di Mestre e Laboratorio Teatro Settimo . Con quest'ultimo ha realizzato Adriatico ( 1987 ), il primo della serie degli Album , e ha partecipato all'allestimento di diversi spettacoli teatrali, rivedendo fra gli altri Shakespeare e Goldoni . Negli anni novanta incomincia a collaborare con la Cooperativa Moby Dick - Teatri della Riviera con cui ha realizzato spettacoli come Il racconto del Vajont , Appunti foresti , Il milione - Quaderno veneziano di Marco Paolini ei Bestiari (raccolta di spettacoli dedicati al recupero della cultura locale, in particolare veneta). Proprio grazie a Il racconto del Vajont Paolini arriva al grande pubblico; lo spettacolo vince nel 1995 il Premio Speciale Ubu per il Teatro Politico, nel 1996 il Premio Idi per la migliore novità italiana e nel 1997 l' Oscar della televisione come miglior programma dell'anno, per la trasmissione televisiva su Rai 2 dello spettacolo (in diretta dalla diga del Vajont il 9 ottobre 1997, anniversario del disastro del Vajont ). [76]

Ivan Crico , poeta, si esprime in lingua e impiegando il dialetto bisiacco un'antica varietà della lingua veneta. Discende, per via paterna, da una nobile famiglia veneta di Feltre . Nel 1999 ha ideato e fondato, assieme al poeta Pierluigi Cappello , La barca di Babele, una collana di poesia, che accoglie autori noti dell'area veneta, friulana e triestina. È impegnato in un'intensa attività artistica e di diffusione della cultura veneta anche nelle scuole e in campo istituzionale all'interno di un progetto legislativo di valorizzazione delle varietà venete del Friuli-Venezia Giulia. Varie e significative sono le iniziative culturali sviluppate nel Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Austria, Slovenia e Croazia che fanno capo a questo poeta, legate alla poesia, alla saggistica, a convegni per la valorizzazione dei dialetti e delle lingue minoritarie europee, alla reciproca conoscenza fra i vari popoli, anche in collaborazione con studiosi e poeti veneti, sloveni, austriaci, sardi, siciliani, francesi e catalani. Con recensioni e interviste a noti esponenti del mondo artistico nazionale (da Marco Paolini a Toti Scialoja fino alla cantante Elisa) collabora da una ventina d'anni con diverse riviste nazionali. Nel 2009 ha ricevuto il premio nazionale di poesia Biagio Marin , il massimo riconoscimento in Italia per la poesia in dialetto e nelle lingue delle minoranze linguistiche storiche.

Poeti

Fra i più importanti poeti veneti o di lingua veneta si ricordano (in ordine alfabetico):

Teatri

Teatro la Fenice.
Teatro Olimpico.
  • Teatro La Fenice
    Il Teatro La Fenice è il principale teatro lirico di Venezia . Più volte distrutto dal fuoco e riedificato, è sede di un'importante stagione operistica e del Festival internazionale di musica contemporanea. Il Teatro la Fenice di Venezia venne progettato nel 1790 da Giannantonio Selva per una società di palchettisti dell'aristocrazia di Venezia ; il teatro veneziano fu costruito celermente nonostante le numerose polemiche sulla sua collocazione e sulla sua struttura razionalista e neoclassica.
  • Teatro Malibran
    Il Teatro Malibran è un teatro veneziano. È noto soprattutto per la sua importanza in ambito operistico che ebbe tra il XVII e il XVIII secolo , quando portava il nome di Teatro San Giovanni Grisostomo.
  • Teatro stabile del Veneto Carlo Goldoni
    Il Teatro "Carlo Goldoni" di Venezia corrisponde all'antico Teatro Vendramin, detto anche di San Salvador o di San Luca, e fu inaugurato nel 1622 . Il Teatro Goldoni è ubicato in prossimità del Ponte di Rialto , nel centro storico di Venezia . È un teatro all'italiana, con la sala strutturata in platea e quattro ordini di palchi-galleria, per una capienza totale di 800 posti; il palcoscenico è largo 12 metri e profondo 11,20 ed è dotato di graticcio in ferro . Il Teatro Goldoni ospita la Stagione di Prosa organizzata dal Teatro Stabile del Veneto "Carlo Goldoni", la rassegna di Teatro Ragazzi e altre manifestazioni in concessione (balletti, operette, concerti e convegni).
  • Teatro Verdi (Padova)
    Il Teatro Verdi è il principale teatro padovano. L'edificio, commissionato da una società di nobili padovani, venne realizzato dall'architetto padovano Giovanni Gloria su progetto dell'architetto Antonio Cugini di Reggio Emilia . Attualmente il Verdi è la sede operativa del Teatro Stabile del Veneto "Carlo Goldoni".
  • Teatro Olimpico
    Il Teatro Olimpico è un teatro progettato dall'architetto rinascimentale Andrea Palladio nel 1580 e sito in Vicenza . È generalmente ritenuto il primo esempio di teatro stabile coperto dell'epoca moderna. La realizzazione del teatro, all'interno di un preesistente complesso medievale, venne commissionata a Palladio dall'Accademia Olimpica per la messa in scena di commedie classiche. La sua costruzione ebbe inizio nel 1580 e venne inaugurato il 3 marzo 1585 , dopo la realizzazione delle celebri scene fisse di Vincenzo Scamozzi . Tali strutture lignee sono le uniche d'epoca rinascimentale a essere giunte fino a noi, peraltro in ottimo stato di conservazione. Il teatro è tuttora sede di rappresentazioni e concerti ed è stato incluso nel 1994 nella lista dei Patrimoni dell'umanità dell' UNESCO , come le altre opere palladiane a Vicenza .
  • Teatro Filarmonico (Verona)
    Il Teatro Filarmonico è il principale teatro d'opera di Verona . È di proprietà dell'Accademia Filarmonica di Verona, fin dalla sua fondazione, ma viene utilizzato dalla fondazione dell'Arena come sede della stagione lirica invernale.
  • Teatro romano di Verona
    Il teatro romano di Verona sorge nella parte settentrionale della città, ai piedi di colle San Pietro. Questo teatro è stato costruito alla fine del I secolo aC , periodo che a Verona ha visto la monumentalizzazione del colle San Pietro. Prima della sua costruzione tra il ponte Pietra e il ponte Postumio vennero costruiti dei muraglioni sull' Adige , paralleli al teatro stesso, per difenderlo da eventuali piene del fiume. È ritenuto il più importante teatro romano del nord Italia . Attualmente viene utilizzato per rassegne di prosa durante la stagione estiva.
  • Teatro comunale Mario Del Monaco di Treviso
  • Teatro Accademia di Conegliano
    Il Teatro Accademia di Conegliano.
  • Teatro Rivoli di Valdagno
    È il teatro più grande del Veneto e uno dei più grandi del nord est. È chiuso dal 30 giugno 1981 .
  • Teatro Sociale di Rovigo
  • Teatro Salieri di Legnago
    Teatro "Mario Del Monaco" di Treviso.
  • Teatro de la Sena di Feltre
  • Teatro Sociale di Villa Bartolomea

Pittura, architettura e scultura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pittura veneta .

Medioevo e gotico

Il Medioevo ha permesso la creazione di opere monumentali quali il complesso di chiese dell'isola di Torcello , nella laguna veneziana, con la cattedrale di Santa Maria Assunta fondata nel 639 , il campanile eretto nell' XI secolo e la chiesa di Santa Fosca realizzata intorno al 1100 , edifici importanti per la presenza di mosaici. A Verona il Medioevo ha visto la costruzione della basilica di San Zeno Maggiore , opera nella quale più che altrove si scorge la mescolanza di stili che in quel periodo fecero di Verona un importante crocevia per il Nord Europa .

Tra gli esempi di arte gotica , oltre alle chiese veneziane di Santa Maria Gloriosa dei Frari ea quella di Santi Giovanni e Paolo, troviamo le Arche scaligere nel centro storico di Verona .

Giotto e Padova

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Giotto .

Mentre nelle città venete l'impostazione rimaneva quella bizantina , un elemento di innovazione viene portato a Padova da Giotto , portatore di una nuova tradizione pittorica: quella toscana. Verso il 1302 riceve l'incarico dal banchiere Enrico Scrovegni di affrescare la cappella di famiglia, oggi nota appunto con il nome di Cappella degli Scrovegni , uno dei monumenti artistici più importanti di Padova e del Veneto. Le influenze del contributo di Giotto si sono fatte sentire subito, e si ritrovano negli affreschi di Giusto de' Menabuoi nel battistero del Duomo di Padova e in quelli di Altichiero nella Basilica di Sant'Antonio .

Il Rinascimento

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rinascimento veneto .

Dopo una fase di sviluppo dell' arte gotica , con la creazione di opere importanti tra cui il palazzo della Ca' d'Oro , il Palazzo Ducale e le basiliche di Santa Maria Gloriosa dei Frari e dei Santi Giovanni e Paolo a Venezia, l'influsso rinascimentale inaugurò una nuova stagione. Oltre a Donatello, un importante artista rinascimentale fu il veneto Andrea Mantegna ( 1431 - 1506 ), la cui opera più importante presente in Veneto è forse la Pala di San Zeno a Verona. Con l'espandersi in terraferma della Serenissima e il consolidarsi delle sue istituzioni si ebbe anche uno sviluppo artistico di eccezionale levatura: Mantegna, Vittore Carpaccio , Giovanni Bellini , Cima da Conegliano , il Pordenone gettarono le basi di quella che sarebbe stata la stagione della pittura veneta .

Il Rinascimento troverà in Padova la sua culla veneta dove crescere e svilupparsi. Tra gli artisti rinascimentali che operarono troviamo Donatello , il quale lavorò soprattutto a Padova e in particolare nell'altare della basilica di Sant'Antonio , il Pisanello , le cui opere sono presenti soprattutto a Verona e in particolare nella chiesa di Sant'Anastasia (suo è l'affresco di San Giorgio ).

Giorgione e Tiziano

La fase successiva vide come protagonisti Giorgione , Tiziano , Sebastiano del Piombo e Lorenzo Lotto . Se nella prima fase, con Carpaccio e Bellini, le influenze della pittura internazionale furono ancora evidenti ei riferimenti all' arte fiamminga numerosi, con Giorgione e Tiziano incominciò un nuovo modo di fare pittura, originale e innovativo, che caratterizzò i pittori della scuola veneta rispetto ad altre tradizioni. Giorgione, artista enigmatico per le sue opere piene di allegorie, creò le sue opere senza partire da un disegno preparatorio ma utilizzando il colore a macchie per trasmettere la sensazione dell'immagine. Questa innovazione cercava l'imitazione dei fenomeni naturali creando delle atmosfere con i colori e mettendo in secondo piano la ricerca della perfezione figurativa. Una delle sue opere più celebri, la Tempesta ( 1506 - 1508 ), oggi nelle Gallerie dell'Accademia a Venezia, è un esempio di questo uso del colore, in cui l'impasto cromatico indefinito e la trama continua della pittura priva di disegno preparatorio conferiscono all'opera un'atmosfera particolare. Tiziano, bellunese nato a Pieve di Cadore , portò avanti l'uso di questa tecnica pittorica senza disegno, creando capolavori come l' Assunta ( 1516 - 1518 ), pala d'altare dalle dimensioni imponenti visibile sull'altare principale della basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari a Venezia; un'opera la cui suggestione è dovuta all'uso del colore in cui predominano toni accesi.

Tintoretto, Veronese e Bassano
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tintoretto , Paolo Veronese e Jacopo Bassano .

Jacopo Robusti detto il Tintoretto ( 1518 - 1594 ) riprende il manierismo romano ma lo rielabora in uso tipicamente veneto del colore, accentuando il luminismo e dando alle proprie opere delle prospettive insolite, a volte vere e proprie deformazioni prospettiche, con lo scopo di accrescere il senso di tensione che permea l'opera. Palazzi e chiese di Venezia sono pieni di capolavori firmati da Tintoretto, ma vanno citati senza dubbio i 66 dipinti presenti nella Scuola Grande di San Rocco e l' Ultima Cena nella chiesa di San Giorgio . Paolo Caliari detto il Veronese ( 1528 - 1588 ), con opere che celebravano la vita di Venezia, si dedica a opere civili come palazzi e case di nobili veneziani. Sue furono parte della decorazione di Palazzo Ducale e la decorazione di numerose ville palladiane , tra cui Villa Barbaro . Jacopo da Ponte detto Bassano ( 1517 - 1592 ) rinnovò l'arte figurativa lagunare pur essendo un artista dell'entroterra, grazie all'introduzione di immagini prese dalla vita reale, arricchiti da un tocco drammatico e intenso.

Palladio
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Andrea Palladio .

Andrea Palladio , divenuto il proto (architetto capo) della Repubblica di Venezia, è l' architetto più famoso nel mondo e una delle figure più influenti nella storia dell'architettura . Nato nel 1508 a Padova e morto nel 1580 , si trasferì in gioventù a Vicenza , dove visse e operò. Tra le sue architetture si ricordano anzitutto le numerose ville , dislocate nella campagna tra le province di Vicenza , Padova e Treviso e le chiese veneziane di San Giorgio , quella del Redentore , e delle Zitelle , nell'isola della Giudecca . I suoi palazzi sono situati quasi esclusivamente a Vicenza, dove ha lasciato i suoi capolavori assoluti.

L'architettura palladiana riprende i motivi dell'architettura classica romana, nelle ville che richiamano le forme del tempio , creando capolavori quali Villa Emo , Villa Barbaro , Villa Almerico Capra , Villa Foscari detta la Malcontenta. A questa estetica, anticipatrice del neoclassico , corrisponde una rigorosa ricerca della funzionalità che doveva avere una villa di campagna, nella quale il corpo centrale, abitazione del proprietario, deve consentire il controllo sulle attività produttive della campagna circostante, strutturando le parti funzionali, come le barchesse , a ridosso del corpo centrale. Nel caso di villa Badoer, la barchessa, formata da un ampio colonnato circolare, racchiude l'aia antistante la facciata della villa, permettendo così di creare uno spazio che richiama l'idea antica del foro romano , e portando tutte le attività della campagna a gravitare davanti alla villa stessa.

La ricerca stilistica di Palladio ha dato vita a un movimento architettonico, il palladianesimo , che ha avuto grande seguito nei tre secoli successivi, ispirando altri architetti, alcuni dei quali suoi allievi diretti, tra cui Vincenzo Scamozzi , che dopo la morte del maestro ne completò alcune opere, tra cui anzitutto il Teatro Olimpico a Vicenza .

Il Settecento

Nel Settecento la scuola veneziana può contare su numerosissimi artisti: i pittori Giambattista Tiepolo , suo figlio Giandomenico , Giovanni Battista Piazzetta , Pietro Longhi , Marco e Sebastiano Ricci , Nicolò Bambini , Sebastiano Bombelli , Giovanni Antonio Fumiani , Gaspare Diziani , il pittore d'architetture Girolamo Mengozzi Colonna , la pittrice Rosalba Carriera ; gli scultori Morlaiter , Filippo Parodi , Bernardi Torretti e suo nipote Giuseppe Torretto ; gli architetti Gerolamo Frigimelica , Giorgio Massari , Giovanni Scalfarotto , Tommaso Temanza ; il vedutista Gianantonio Canal più noto come Canaletto , l'intagliatore Andrea Brustolon , i commediografi Carlo Goldoni e Gasparo Gozzi , i poeti Alessandro Labia e Giorgio Baffo , i compositori Benedetto Marcello e Antonio Vivaldi . In seguito, sul finire della repubblica, emerge Antonio Canova .

Con Giambattista Tiepolo ( 1696 - 1770 ) la prospettiva assume un ruolo centrale nella rappresentazione, non per dare enfasi alla tensione dell'immagine, ma solo per dare un impatto teatrale alle figure. Con Tiepolo, infatti, la prospettiva viene forzata fin oltre i limiti usuali, dipingendo sui soffitti figure riprese dal basso in un movimento che le rende spettacolari.

Altro elemento caratteristico dell'arte veneta è il vedutismo , che vede in Canaletto ( 1697 - 1768 ) e in Francesco Guardi ( 1712 - 1793 ) le due figure di spicco. Il Canaletto ricorre a studi prospettici rigorosi cercando di rendere quasi “fotograficamente” la realtà, modellando i colori per accentuare la vitalità dell'immagine. Francesco Guardi cerca invece un taglio più soggettivo e meno preciso, cercando di comunicare un'emozione.

Antonio Canova è il maggiore scultore del suo tempo in Europa. Nato a Possagno , elabora l'arte classica diventando il riferimento del neoclassicismo . Il tempio di Possagno, da lui stesso progettato, è l'emblema dell'architettura neoclassica, mentre nella gipsoteca , un tempo casa del Canova, si conservano i calchi delle opere più famose che si trovano nei vari musei del mondo, data la sua fama che si impose a livello internazionale. Tra le opere più importanti Amore e Psiche giacenti e il Monumento funerario per Maria Cristina d'Austria .

Tra Ottocento e Novecento

Venendo a mancare un centro principale dopo la caduta della Serenissima , ogni città ha declinato l'arte secondo varianti proprie e modelli specifici. Importante fu, tuttavia, il ruolo dell' Accademia di belle arti di Venezia , che seppe attrarre numerosi artisti giovani dal territorio circostante.

Tra i numerosi artisti Guglielmo Ciardi , che riprende l'esperienza dei macchiaioli unendola al colorismo tipico della scuola classica veneta, facendo emergere dai suoi quadri una essenzialità cromatica; Giacomo Favretto : anch'egli, come Ciardi, valorizza il colorismo, talvolta in modo molto accentuato; Federico Zandomeneghi , pittore che si discosta dalla tradizione del colorismo veneto, per avventurarsi in uno stile di stampo impressionista tipicamente francese; Luigi Nono , che nelle sue opere giunge a esiti veristi, anche se, oltre alla pittura di scene di genere, si impone per ritratti di raffinata descrizione psicologica.

Musica

Musicisti

Antonio Salieri.
Antonio Vivaldi.

Cultura di massa

Filastrocche

Feste tradizionali

Casera durante la festa del Pan e Vin a Cinto Caomaggiore .
  • Festa del Redentore : si svolge la terza domenica di luglio a Venezia con spettacoli pirotecnici e processioni fino alla Basilica del Redentore , costruita come voto cittadino per la fine della peste del 1575-1576. Anche in tutto l'entroterra la gente si ritrova alla sera per mangiare all'aperto e assistere agli spettacoli pirotecnici organizzati nei vari paesi.
  • Festa della Madonna della Salute : si celebra il 21 novembre a ricordo della fine della lunga pestilenza che decimò la popolazione veneziana fra il 1630 e il 1631. Un ponte di barche viene approntato per l'occasione, mentre la popolazione si reca in processione presso la Basilica di Santa Maria della Salute, aperta per l'occasione fino a sera tarda.
  • Carnevale di Venezia : festa di antichissima tradizione, prevede una nutrita serie di spettacoli di vario tipo in città, sia nei teatri sia all'aperto per tutto il periodo carnevalesco. Un tempo durava dall' Epifania fino al mercoledì delle Ceneri : oggi il periodo è limitato ai sei giorni che vanno da giovedì grasso al martedì grasso successivo.
  • Regata delle Antiche Repubbliche Marinare : si svolge ogni anno in un giorno compreso tra la fine di maggio e l'inizio di luglio, ed è ospitata a rotazione da Amalfi , Pisa , Genova e Venezia.
  • Festa della Sensa : si svolge a Venezia a partire dall'anno 1000, il giorno dell' Ascensione . Prevede una serie di manifestazioni, fra le quali un corteo storico di barche che di fronte alla Chiesa di San Nicolò del Lido di Venezia celebra la cerimonia dello Sposalizio del Mare .
  • Festa di Sant'Antonio da Padova: si svolge il 13 giugno, e prevede una processione per le vie del centro di Padova.
  • Brusa vecia: si svolge la sera dell'Epifania e prevede l'incendio di un fantoccio raffigurante la Befana e simboleggia il buttarsi alle spalle le cose vecchie per essere pronti ad accogliere il nuovo anno.
  • Festa del Panevin : si svolge nei giorni vicini all'Epifania, e prevede dei falò in piazza o nei cortili delle case di campagna, attorno ai quali ci si trova per mangiare la pinza e bere vin brulé . La sua origine è antichissima e pare risalga a riti protostorici. Attualmente è ancora molto diffusa e sentita.
  • Regata Storica : si svolge la prima domenica di settembre a Venezia e coinvolge la cittadinanza in una gara di voga alla veneta accompagnata da sfilate in barche storiche.
  • Partita a scacchi di Marostica: la partita a scacchi di Marostica si svolge nella piazza sotto il castello di Marostica che ricorda una scacchiera e rievoca una partita che, secondo la tradizione odierna, si sarebbe svolta verso l'anno 1454 tra due nobili giovani.
  • Vendri gnocolar : si svolge l'ultimo venerdì del Carnevale di Verona , ed è caratterizzata dalla maschera del papà del gnoco, la più antica maschera veronese.
  • Bati marso o bruxa marso : festa popolare che avviene ai primi di marzo in quello che un tempo era il Capodanno veneto . In questi giorni si bruciano dei falò per risvegliare la natura e alcuni bambini girano per il paese e la campagna facendo rumori con pentole o utensili di lavoro. Tali riti sopravvivono soprattutto nella fascia pedemontana da Verona e Vicenza fino a Treviso .

Eventi culturali

Molti gli eventi che animano la vita culturale della regione, alcuni dei quali anche di richiamo internazionale. Fra tutti, vanno segnalati i seguenti:

Palio

Diverse città organizzano il palio, tra cui vale la pena citare:

Cinema

Si svolgono numerosi festival o eventi legati al cinema, tra cui:

Veneto Film Festival , rete di festival cinematografici che hanno luogo nella regione, tra cui:

  • Lago film fest : si tiene presso il lago di Revine, e riguarda il mondo dell'immagine, allargando il concetto di cinema, per mezzo di proiezioni, dibattiti, incontri e cene.
  • Circuito Off : si tiene nell'isola di San Servolo a Venezia, e ospita cortometraggi di giovani registi emergenti a livello internazionale.
  • Euganea Film Festival : si tiene a Monselice e nei Colli Euganei, ed è dedicato ai cortometraggi e ai documentari.
  • Film Festival della Lessinia : si tiene in Lessinia, dedicato esclusivamente a tutto ciò che riguarda la montagna.
  • Gallio festival del cinema italiano: festival di opere prime italiane; si tiene a Gallio, sull'altopiano di Asiago.

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Prodotti agroalimentari tradizionali veneti .

La presenza di zone umide molto importanti, quali il Delta del Po , e la presenza di numerosi fiumi e corsi d'acqua hanno permesso la coltivazione di moltissime specie vegetali. Inoltre, la varietà di terreni e di altitudini, hanno reso possibile la diversificazione delle colture.

Alcune delle produzioni tradizionali regionali:

Piatti tipici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina veneziana , Cucina vicentina e Cucina trevigiana .
Il fegato alla veneziana con polenta bianca di mais Biancoperla .
Una tecia di bigoli con l'anatra .

Il contributo delle culture con le quali, storicamente, la Repubblica di Venezia entrò in contatto, è evidente anche nella tradizione culinaria della regione. Infatti, la presenza di elementi provenienti da culture del Medio e dell' Estremo Oriente si può riscontrare sia nei piatti veneziani sia in quelli regionali. Tuttavia, va evidenziata la differenza tra zone montane, zone di pianura e zone costiere, dove la diversità di prodotti offerti dall'agricoltura o dalla pesca ha determinato una diversità anche culinaria, prediligendo piatti a base di carne e formaggi nelle zone montane, ortaggi , carni suine e ovine in pianura, piatti di pesce nelle zone costiere e dei laghi, o nelle campagne ricche di canali e risaie .

I piatti tipici più apprezzati:

  • Agnolini essenzialmente è un tortellino, nel basso veronese era piatto della domenica servito esclusivamente in brodo preferibilmente di cappone.
  • Pearà : salsa veronese fatta con brodo , pane grattugiato, midollo di bue e pepe. Serve ad accompagnare i piatti di carne bollita (lesso), composto possibilmente da carne di manzo, maiale e gallina, la lingua di vitello e il codeghin (cotechino). Nata secondo la tradizione per invogliare l'inappetente Rosmunda dopo che il re dei Longobardi Alboino l'aveva costretta a bere nella coppa ottenuta dal cranio, di suo padre Cunimondo il re dei Gepidi .
  • Sardee in saor : sarde fritte lasciate macerare in una salsa composta di aceto e cipolle , uvetta , pinoli e zucchero . È un piatto soprattutto veneziano, e pare fosse usato nei lunghi viaggi compiuti da Marco Polo : la marinatura delle sarde nel composto agrodolce , permetterebbe una buona conservazione del preparato, consentendo così una buona conservazione, soprattutto nei lunghi viaggi.
  • Baccalà alla vicentina : piatto vicentino fatto con stoccafisso lasciato in ammollo e poi pestato, infarinato e cotto a fuoco lentissimo con latte e olio di oliva in uguali quantità. Ricetta molto antica che si tramanda di generazione in generazione.
  • Baccalà mantecato : piatto veneziano che consiste nel pestare al mortaio dello stoccafisso aggiungendo olio di oliva e latte, fino a ottenerne una crema omogenea.
  • Fegato alla veneziana : fegato bovino preparato con cipolle e aceto o vino bianco. Inizialmente soffritto con abbondante cipolla, va poi mantecato con aceto e vino per risultare morbido nel suo intingolo profumato e leggermente agrodolce, va aggiunta uvetta .
  • Polenta rossa: profumata dal gusto particolare, ottenuta con il mais marano
  • Polenta bianca: polenta dal colore bianco ottenuta con il Mais Biancoperla .
  • Bigoi al ragù d'anatra : pasta fatta in casa, con una trafila a mano, simile agli spaghetti condita con ragù di carne d'anatra. Tipica della pianura veneta e della pedemontana.
  • Bigoi col musso : pasta fatta in casa con sugo di carne di asino.
  • Bigoi con le sardele o Bigoi in salsa : bigoli conditi con una salsa di sarde salate agone del lago di Garda e cipolle. Non manca mai per tradizione nel Venerdì santo .
  • Risi e bisi : risotto con i piselli, tipico della pianura veneta.
  • Papparele con i bisi .
  • Pasta e fasioi : pasta e fagioli.
  • Lasagne con la lepre o col coniglio: lasagne con el conejo o el liegore , in lingua veneta .
  • Riso con la zucca, tipico della bassa veronese
  • Tortelli con la zucca : Tortej con la zuca in lingua veneta di chiara influenza mantovana, con ripieno che può essere dolce o salato, diffusi soprattutto nella zona ovest della Provincia di Verona
  • Risotto nero: cucinato con il nero di seppia.
  • Seppie alla veneziana: seppie cotte in umido con una salsa a base di pomodoro e cipolle, a cui si aggiungono i sacchetti di nero di seppia.
  • Pastisada de caval : brasato di cavallo, prelibato piatto veronese a base di carne di cavallo, cipolla e spezie frutto di ore a lenta cottura nel vino rosso. Piatto nato, secondo la leggenda, il 30 settembre del 489 a seguito una storica sanguinosa battaglia alle porte di Verona tra gli eserciti di Odoacre e Teodorico , a campagna minore , oggi Madonna di Campagna, tra San Michele Extra e San Martino Buon Albergo . Sul campo vennero a trovarsi centinaia di animali morti, la cui carne in abbondanza, fu data alla popolazione da Teodorico per festeggiare la vittoria, quella non consumata durante i festeggiamenti venne conservata tagliata a pezzi nel vino per renderla morbida e commestibile. Esiste anche la variante con el muso , l'asino in lingua veneta ; preparata sempre con lo stesso procedimento.
  • Risotto con i bruscanzoli : chiamati anche bruscansi o bruscandoli , varietà selvatica di luppolo e non di asparago come da molti erroneamente confuso, diffuso nel veronese.
  • Risotto con i scrissioi : chiamati anche carletti, schioppettini o stridoli, si tratta di un'erba spontanea e commestibile dal gusto delicato ( Silene Vulgaris ).
  • Risotto con i fegadini e le regueste : riso con fegatini e durelli di gallina.
  • Risotto all'Amarone: risotto aromatizzato con il vino Amarone della Valpolicella , è un piatto originario di Verona.
  • Risotto con il tastasal , cioè con carne macinata di suino, in pratica lo stesso impasto per il salame. La ricetta richiede riso vialone nano, brodo di carne, cipolla, cannella, burro, formaggio Grana Padano o Parmigiano Reggiano, rosmarino, vino bianco. Come molti risotti è diffuso a Verona e nella sua provincia.
  • Risotto all'isolana : piatto veronese (per l'esattezza di Isola della Scala , paese che dà il nome a questo piatto) di cui gli ingredienti base sono il riso vialone nano e il tastasal (carne macinata di suino) con aggiunta di macinato di carne di vitello, simile negli ingredienti al precedente, si differenzia per una mantecatura che nella sua cremosità ne esalta il sapore, rendendolo una vera e propria prelibatezza. Piatto delle Feste e dei Matrimoni per eccellenza. Va ricordato anche il Riso a la Pilota, riso con ingredienti simili a quello con il tastasal , vanto della cucina mantovana deriva dal Pilota, che era l'addetto alla pila , dove si ripuliva il riso dall'involucro pula .
  • Risotto con le rane, piatto veronese con ingredienti il riso vialone nano e le rane dei fossi della pianura.
  • Risotto con pessin : piatto veronese, ma molto diffuso anche nella zona di Adria , con ingredienti il riso vialone nano ei pesciolini, presenti nelle risaie della Bassa che vengono pescati al momento della fuoriuscita dell'acqua dalle risaie. Il pesce è fritto a parte e aggiunto solo a fine cottura del riso.
  • Risotto con i saltarei : come il precedente, ma con dei piccoli gamberetti d'acqua dolce numerosi nelle risaie.
  • Risotto con la tinca: piatto veronese del lago di Garda con ingredienti il riso e la tinca .
  • Trippe in brodo o in sugo.
  • Rane fritte: con l'aggiunta di sale e un po' di succo d'arancia.
  • Anguilla ( bisato ): anguilla tagliata a rondelle e fritta, oppure preparata in umido.
  • Moeche : piatto tipico della laguna di Venezia; sono granchi in fase di muta (quindi senza carapace, di conseguenza risultano molli) che vengono infarinati e fritti. Una variante simile sono le masanete , femmine di granchio consumate assieme alle loro uova.
  • Pesce gatto ( barbo ): fritto, tutti accompagnati da verdure di stagione e naturalmente da abbondante polenta.
  • Pesce gatto in umido con Polenta.
  • Paparele in brodo coi figadini : piatto veronese a base di tagliatelle con fegati e cuori di gallina.
  • Gnocchi al ragù di carne o con l'intingolo della Pastisa de Caval , ma diffusi anche al pomodoro, con abbondante grana. Piatto tipico veronese, immancabile nel Vendri gnocolar , giorno della sfilata dei carri del Carnevale di Verona
  • Gnocchi di malga : piatto della montagna veronese e vicentina con ingredienti gli gnocchi conditi col formaggio Monte Veronese e burro della Lessinia . Nel vicentino è uso mangiarli dolci, aggiungendo uva passa e zucchero .
  • Fortaja co' a segoea : frittata con la cipolla.
  • Polenta e Scopeton : è una grassa sardina atlantica Sardina pilchardus , salata; un tempo si usava appenderla a una trave.
  • Renga rostia : aringa del lago di Garda arrostita e conservata sotto olio di oliva.
  • Polenta e Renga : polenta con aringa arrostita alla griglia. Piatto tipico di Parona e del periodo di quaresima.
  • Polenta e osełi (o osei ): polenta con piccola cacciagione (allodole, tordi, passeri, ecc.)
  • Polenta e quaie : polenta con le quaglie . Per entrambi i piatti si usa un particolare tipo di tegame oblungo per raccogliere il grasso che cola dai piccoli spiedi.
  • Schiz : formaggio di malga cotto, accompagnato da polenta. Piatto bellunese.
  • Pastin : carne di suino tritata e lasciata macerare.
  • Toresan di Breganze : piccione selvatico fatto allo spiedo.
  • Gnocchi alle granseole .
  • Schissotto: pane tipico della bassa padovana, caratterizzato da un impasto senza lievito e dall'aggiunta di strutto, ciccioli di maiale o grasso d'oca. Veniva cotto sotto un coperchio sulle braci del camino.
  • Maroni : caldarroste solitamente consumate con vino rosso.
  • Tortajon : torta a base di uova zucchero e burro, che una volta veniva cotta nel testo , un particolare tipo di tegame, che si poneva sulle braci del camino.
  • Bigoloto : torta simile a una focaccia detta anche Brasadèla , preparata con uova, zucchero, burro (un tempo si usava l'unto che rimane in superficie dell'acqua di bollitura del cotechino), limone grattugiato; può essere con le mele oi fichi, cotta con il Testo sulla graticola.
  • Fogazin con i pomi: focaccia con uova burro e zucchero, con aggiunta di mele.
  • Crema fritta: crema pasticcera preparata in modo da ottenerla molto densa, tagliata a losanghe successivamente fritte.
  • Pan Biscoto : Pane biscottato, con una cottura di 24 ore a 100 gradi. Buono anche da solo, ma superlativo con salumi, formaggi e sottaceti.
  • Pinza : dolce antichissimo, preparato con pane raffermo, latte , fichi secchi, uvetta , semi di finocchio e polenta. È tradizione mangiarlo nelle festività dell' Epifania , accompagnato dal vin brulé .
  • Załeti [78] : biscotti fatti con farina di mais, uvetta e liquore. Il nome deriva dal colore giallo ( zialo o zalo in veneto).
  • Bussolai o bussolà : biscotti semplici fatti con burro di forma circolare.
  • Baicoli : Particolare biscotto secco veneziano.
  • Pandoro e nadalin : dolci natalizi veronesi, il primo diffuso anche a livello nazionale grazie alla produzione industriale. Solitamente viene accompagnato con crema al mascarpone.
  • Tiramisù : tipico dolce veneto con savoiardi (o pavesini) imbevuti di caffè, alternati a strati di crema al mascarpone e coperti una spolverata di cacao.
  • Frittella vicentina ( Fritole ) tipica nel periodo di Carnevale, frittella venduta in tutte le fiere, fritta in olio.
  • Crostoli o Galani , sfoglie di farina e uova fritte in olio, dolci tipici di Carnevale .
  • Rofioi (o rufioi) : simili a ravioli , sono dolci di Carnevale realizzati con una pasta molto simile a quella dei crostoli, chiusi a mezzaluna e ripieni con marmellata di susine, mandorle pestate e amaretti o con mostarda e poi fritti in olio.
  • Pastafrolle de Santa Lussia : biscotti di pasta frolla di varie forme, consumati a Verona e nella sua provincia il giorno di Santa Lucia (13 dicembre).
  • Maronada : crema di castagne.
  • Bole : castagnaccio.
  • Sópa coàda : pasticcio di piccione dalla consistenza piuttosto asciutta, accompagnato da una tazza di brodo bollente da consumare a parte o da versarvi sopra. Piatto tipico della cucina Trevigiana.

Vini e liquori

Alcuni vigneti nei pressi di Farra di Soligo .
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Vini del Veneto .

Tra i liquori veneti più caratteristici ci sono:

  • Acqua di melissa : infuso alcolico
  • Brodo di giuggiole : sciroppo dolce e alcolico fatto con le giuggiole
  • Liquore alla prugna: distillato ottenuto con il succo delle prugne
  • Liquore Fragolino: dal colore rosso e dal gusto deciso, è preparato con le fragoline di bosco
  • Grappa veneta: di vario tipo, dalle grappe con le erbe come ginepro, ruta e genziana; alle grappe aromatiche o monovitigno di vino; dalle grappe fruttate con fragoline, more, lamponi alle più particolari come la grappa al radicchio
  • Amaro al radicchio rosso di Treviso : ottenuto dal radicchio IGP Rosso di Treviso
  • Amaro del Cansiglio: fatto con 18 ingredienti tra bacche ed erbe.
  • Barancino: grappa a cui sono aggiunti oli e infusi di pino, ginepro e mugo.
  • Maraschino : liquore incolore e dolce realizzato con le marasche
  • Tagliatella : liquore tipico di Bassano del Grappa
  • Spritz : aperitivo veneziano, ormai diffuso a livello internazionale
Altri vigneti sulla strada del Recioto.

Tra i vini veneti più famosi vanno ricordati i seguenti:

Sport

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sport in Veneto .

Diverse sono le società venete che eccellono in campo sportivo nella stagione 2015 - 2016 .

Calcio

Nel calcio a rappresentare il Veneto nei campionati di vertice c'è l'Hellas Verona in quello maschile e Verona Women in quello femminile .

Degne di nota sono anche le formazioni maschili di Chievo , Venezia (1 coppa Italia), Cittadella , LR Vicenza (1 Coppa Italia) e Padova nella serie cadetta e di Virtus Verona e Legnago Salus in Serie C e quelle femminili di Padova e Vittorio Veneto che militano nella Serie C .

Pallacanestro

Nella pallacanestro a rappresentare il Veneto nei campionati di vertice ci sono la Reyer Venezia e Treviso nella massima serie maschile e Schio , San Martino di Lupari e Reyer Venezia Femminile nella massima serie femminile.

Di nota è anche la formazione di Verona militante in A2, Padova (oggi attiva solo a livello giovanile) e Vicenza che in passato hanno militato in massima serie.

Pallavolo

Nella pallavolo a rappresentare il Veneto nei campionati di vertice ci sono Padova e Verona nel campionato maschile e Conegliano in quello femminile.

Degne di nota sono le formazioni di Treviso e Petrarca .

Rugby

Nel rugby a rappresentare il Veneto nei campionati di vertice ci sono Treviso , Padova , Rovigo , Mogliano , San Donà , Valsugana , Vicenza e Verona .

Altri sport

Nel calcio a 5 sono dieci gli scudetti conquistati da compagini venete: sei dalla Luparense ( San Martino di Lupari ), due ciascuno dall' Arzignano e dalla Marca Futsal ( Castelfranco Veneto ).

Anche il football americano con le squadre di Padova e Verona il baseball con Padova e l'hockey su ghiaccio con Cortina , Asiago e Alleghe , sono presenti in Veneto.

Il Veneto è stata inoltre la prima regione italiana ad aver ospitato le Olimpiadi , in quanto nel 1956 vi sono stati realizzati i VII Giochi olimpici invernali a Cortina d'Ampezzo .

Diffuso è lo sci alpino su tutte le Dolomiti Bellunesi e oltre con importanti stazioni sciistiche tra le quali Cortina d'Ampezzo , Alleghe , Altopiano dei Sette Comuni , Monte Baldo , Nevegal , Arabba , Malga Ciapela .

Note

  1. ^ Altitudine media, Statistiche Veneto , su it.db-city.com . URL consultato il 13 agosto 2019 .
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2021 (dato provvisorio).
  3. ^ a b c GDP per capita in 281 EU regions
  4. ^ Il Veneto è la sesta regione più turistica d'Europa , su touringclub.it . URL consultato il 13 agosto 2019 .
  5. ^ Sistema statistico regionale - presenze di turisti , su statistica.regione.veneto.it . URL consultato il 13 agosto 2019 .
  6. ^ Bandiera, gonfalone e stemma della regione , su consiglioveneto.it , Consiglio Regionale del Veneto. URL consultato il 28 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 13 dicembre 2017) .
  7. ^ a b Maria Pia Pedani, Venezia tra mori, turchi e persiani ( PDF ), su venus.unive.it , Ministero dell'Istruzione, dell'Universita e della Ricerca, 15 dicembre 2005 (archiviato dall' url originale il 19 novembre 2011) .
  8. ^ a b I Parchi del Veneto , su parchiveneto.it . URL consultato il 13 giugno 2017 .
  9. ^ Ricerca del CSER (Centro Studi Emigrazione - Roma).
  10. ^ Statuto del Veneto , su consiglioveneto.it , Consiglio Regionale del Veneto. URL consultato il 28 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 10 aprile 2019) .
  11. ^ Bilancio demografico al 31 marzo 2021 (dati provvisori) , su demo.istat.it .
  12. ^ Il consiglio , su consiglioveneto.it , Regione del Veneto. URL consultato il 28 dicembre 2016 .
  13. ^ Statuto della Regione Veneto , su consiglioveneto.it , Consiglio Regionale del Veneto. URL consultato il 28 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 24 luglio 2013) .
  14. ^ Statuto speciale Sardegna Art.15 e Art.28 ( PDF ), su regione.sardegna.it , Regione Sardegna, pp. 4-6. URL consultato il 28 dicembre 2016 .
  15. ^ La Regione approva il nuovo statuto Zaia: «Adesso tocca al federalismo» , in Il Gazzettino , Venezia, 11 gennaio 2012. URL consultato il 28 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 9 marzo 2012) .
  16. ^ Il cui testo recita: "La Regione, d'intesa con il Consiglio delle autonomie locali, adatta i vincoli posti dalla legislazione statale in materia di coordinamento della finanza pubblica alle specifiche esigenze del Veneto"
  17. ^ Il governo impugna Statuto e legge elettorale , in Corriere del Veneto , 4 febbraio 2012. URL consultato il 28 dicembre 2016 .
  18. ^ Le parole da aggiungere saranno: "la Regione non viola i principi di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario e non intende procedere ad alcuna elusione di tali vincoli, in particolare di quelli relativi al rispetto del patto di stabilità interno e dei limiti di indebitamento"
  19. ^ Marco Bonet, Il governo ci ripensa, via libera allo Statuto ( PDF ), in Corriere del Veneto , 9 febbraio 2012. URL consultato il 28 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 29 dicembre 2016) .
  20. ^ Foto del foglio delle votazioni ( JPG ), su mattinopadova.gelocal.it . URL consultato il 10 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  21. ^ Regione Veneto, BUR nº62 (Legge 16/2014) , su bur.regione.veneto.it .
  22. ^ Regione Veneto, BUR nº62 (legge 15/2014) , su bur.regione.veneto.it .
  23. ^ Filippo Tosato, Sì al referendum sull'autonomia del Veneto , su mattinopadova.gelocal.it , mattinopadova.geolocal.it, 25 giugno 2015. URL consultato il 17 settembre 2015 .
  24. ^ a b c Veneto , in L'Enciclopedia Geografica - vol. 1 , Milano, Corriere della Sera, pp. 294-295, ISSN 1824-9280. .
  25. ^ Dato Censis, riportato nel Rapporto annuale 2008 , sezione La società italiana al 2008 , pp.19-23 (vedi sito Censis ( PDF ), su censis.it . URL consultato l'11 dicembre 2008 (archiviato dall' url originale il 21 febbraio 2010) .
  26. ^ Dati provvisori ISTAT dicembre 2020 , su demo.istat.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  27. ^ a b ISTAT, Cittadini Stranieri , su demo.istat.it . URL consultato il 2 luglio 2020 .
  28. ^ ISTAT, Bilancio demografico , su demo.istat.it . URL consultato il 2 luglio 2020 .
  29. ^ Dato ISTAT ( PDF ), su istat.it . URL consultato il 22 settembre 2008 .
  30. ^ Tratto da consiglioveneto.it , su consiglioveneto.it . URL consultato il 22 settembre 2008 (archiviato dall' url originale il 24 luglio 2013) .
  31. ^ VENETO: Lingua Ladina , su www.regione.taa.it . URL consultato il 25 marzo 2021 .
  32. ^ VENETO: Il cimbro , su www.veneto.eu . URL consultato il 25 marzo 2021 .
  33. ^ Lingua minoritaria storica tutelata ufficialmente in questi comuni in base alla Delibera del Consiglio Provinciale di Venezia del 21.12.2006, n. 120 Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive ..
  34. ^ Enrico Dal Buono, 10 cose da sapere prima di uscire con un ferrarese , su Cosmopolitan , 6 maggio 2016. URL consultato il 25 marzo 2021 .
  35. ^ veneti, dialetti in "Enciclopedia dell'Italiano" , su www.treccani.it . URL consultato il 25 marzo 2021 .
  36. ^ Lengua Veneta – Istituto Lingua Veneta – ente autonomo di tutela e diffusione della lingua veneta , su istitutolinguaveneta.org . URL consultato il 25 marzo 2021 .
  37. ^ Il dialetto Veneto: inconfondibile per i suoi modi di dire e le curiosità che nasconde , su TrevisoToday . URL consultato il 25 marzo 2021 .
  38. ^ Il Cammino delle Dolomiti , su camminodelledolomiti.it .
  39. ^ https://www.romanoimpero.com/2017/04/culto-di-reitia.html?m=1
  40. ^ Dato ISTAT , su istat.it . URL consultato il 22 settembre 2008 .
  41. ^ Tratto da http://www.asca.it [ collegamento interrotto ] , su asca.it . URL consultato il 17 novembre 2008 .
  42. ^ Tratto da http://www.giorgioroverato.eu/SP/Veneto-2007-08.pdf ( PDF ), su giorgioroverato.eu . URL consultato il 17 novembre 2008 .
  43. ^ Suicidi, solo negli ultimi sei anni morti quasi mille cittadini a causa della crisi , su Il Giornale , 12 novembre 2018 ( archiviato il 12 novembre 2018) .
  44. ^ Crisi, tra 2008 e 2016 in Italia 1.394 suicidi per cause economiche , su statoquotidiano.it , 10 settembre 2016 ( archiviato il 1º febbraio 2020) .
  45. ^ a b «Crisi, Veneto prima regione per suicidi» , su vvox.it . URL consultato il 2 febbraio 2020 ( archiviato il 1º febbraio 2020) .
  46. ^ Andrea Priante, L'imprenditore suicida in azienda: «In crisi per colpa dell'e-commerce» , in Il Corriere della Sera , 9 marzo 2019 ( archiviato il 2 luglio 2019) .
  47. ^ Antonio Massariolo, Suicidi per motivazioni economiche: ecco i dati , su ilbolive.unipd.it , 6 marzo 2019. URL consultato il 2 febbraio 2020 ( archiviato il 1º febbraio 2020) .
  48. ^ Fisco, aumenta l'evasione fiscale: +3,8% in sei mesi, record al nord , su QuiFinanza , 28 ottobre 2019. URL consultato il 18 aprile 2021 .
  49. ^ L'evasione fiscale aumenta ancora: al Nord livelli record , su Fanpage . URL consultato il 18 aprile 2021 .
  50. ^ Ma al Nord evasione fiscale record in Veneto sparisce il 22,4% del reddito - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 18 aprile 2021 .
  51. ^ Sistema Statistico Regionale su dati ISTAT, "La vitalità del turismo veneto" ( ZIP ), in Statistiche Flash , febbraio 2011. URL consultato il 27 ottobre 2011 .
  52. ^ a b Dato fornito dal Sistema Statistico Regionale , su statistica.regione.veneto.it . URL consultato il 6 luglio 2011 .
  53. ^ a b Dato fornito dal Sistema Statistico Regionale , su statistica.regione.veneto.it . URL consultato il 6 luglio 2011 .
  54. ^ Movimento turistico nel Veneto , su statistica.regione.veneto.it , Regione Veneto. URL consultato il 28 dicembre 2016 .
  55. ^ Sei regioni Italia tra top 20 più visitate in Ue , su ansa.it , ANSA. URL consultato il 28 dicembre 2016 .
  56. ^ Nuovo regolamento di polizia urbana a Venezia: «Stop al turismo cafone: daspo a visitatori maleducati, regole severe per i baristi» , su veneziatoday.it , 12 luglio 2018. URL consultato il 2 giugno 2019 ( archiviato il 12 luglio 2018) .
  57. ^ Il Consiglio comunale approva il nuovo Regolamento di Polizia e Sicurezza urbana , su live.comune.venezia.it , 16 maggio 2019. URL consultato il 2 giugno 2019 ( archiviato il 2 giugno 2019) .
  58. ^ Regolamento di Polizia Urbana ( PDF ), su comune.venezia.it . URL consultato il 2 giugno 2019 ( archiviato il 2 giugno 2019) .
  59. ^ Più specificamente, le presenze di turisti italiani sono passate da quasi 6 milioni nel 1997 a circa 4,5 milioni nel 2010, non compensate dall'aumento delle presenze straniere, che da circa 700 000 sono passate a 1 milione nello stesso periodo. Il dato in Banca dati della Regione Veneto , su statistica.regione.veneto.it . URL consultato il 28 agosto 2011 .
  60. ^ Banca dati della Regione Veneto , su statistica.regione.veneto.it . URL consultato il 28 agosto 2011 .
  61. ^ Università di Padova: dati statistici [ collegamento interrotto ]
  62. ^ Università Iuav di Venezia: La storia , su www.iuav.it . URL consultato il 25 marzo 2021 .
  63. ^ Università Iuav di Venezia: Rettore , su www.iuav.it . URL consultato il 25 marzo 2021 .
  64. ^ Art. 1 dello Statuto , su istitutoveneto.it . URL consultato il 13 novembre 2008 (archiviato dall' url originale il 24 dicembre 2007) .
  65. ^ a b Come cambia la sanità del Veneto. Cosa prevede la riforma , su quotidianosanita.it . URL consultato il 1º luglio 2020 ( archiviato il 22 gennaio 2017) .
  66. ^ Aziende ULSS e Ospedaliere , su salute.regione.veneto.it . URL consultato il 1º luglio 2020 ( archiviato il 6 giugno 2020) .
  67. ^ Il Patrimonio Unesco nel Veneto , su veneto.eu . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 19 dicembre 2019) .
  68. ^ Venice and its Lagoon , su whc.unesco.org . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 30 giugno 2020) .
  69. ^ City of Vicenza and the Palladian Villas of the Veneto , su whc.unesco.org . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 12 giugno 2020) .
  70. ^ Botanical Garden (Orto Botanico), Padua , su whc.unesco.org . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 19 giugno 2020) .
  71. ^ City of Verona , su whc.unesco.org . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 1º giugno 2020) .
  72. ^ The Dolomites , su whc.unesco.org . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 13 giugno 2020) .
  73. ^ Prehistoric Pile Dwellings around the Alps , su whc.unesco.org . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato l'8 giugno 2020) .
  74. ^ Venetian Works of Defence between the 16th and 17th Centuries: Stato da Terra – Western Stato da Mar , su whc.unesco.org . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 2 giugno 2020) .
  75. ^ Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene , su whc.unesco.org . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 20 giugno 2020) .
  76. ^ Il disastro del Vajont avvenne il 9 ottobre 1963 alle ore 22.39
  77. ^ Sito ufficiale del Festival nazionale dei sosia d'Italia , su festivaldeisosia.it . URL consultato il 6 agosto 2019 (archiviato dall' url originale il 24 gennaio 2019) .
  78. ^ Approfondimento disponibile su Wikibooks , su it.wikibooks.org . URL consultato il 22 settembre 2008 .

Bibliografia

  • Giorgio Aldrighetti, L'araldica e il leone di San Marco , Venezia, Marsilio, 2002 ISBN 88-317-8071-9
  • Girolamo Arnaldi , M. Pastore Stocchi, Storia della Cultura Veneta , Vol. 10, Vicenza, Neri Pozza, 1976-1987 ISBN non esistente
  • Luigi Brunello, Il Veneto ei Veneti , Venezia-Mestre, Panizzutti, 1986 ISBN non esistente
  • Manlio Cortelazzo , Manuale di Cultura Veneta. Geografia, storia, lingua e arte , Venezia, Marsilio, 2004 ISBN 88-317-8475-7
  • Silvio Lanaro Società e ideologie nel Veneto rurale. (1866-1898) , Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1976.
  • Silvio Lanaro (a cura di) Il Veneto ,della serie Regioni dell'opera Storia d'Italia Einaudi , Torino, Einaudi, 1984. ISBN 88-06-05720-0 .
  • Fabio Mutinelli, Lessico veneto , tipografia Giambattista Andreola, Venezia, 1852 ISBN non esistente
  • Alvise Zorzi , San Marco per sempre , Milano, Mondadori, 1998 ISBN non esistente
  • Giovanni Distefano, Giannantonio Paladini , Storia di Venezia 1797 - 1997 , Supernova, Venezia, 1997 ISBN non esistente
  • AAVV, La Biblioteca di Repubblica, L'Italia, 11, Veneto , 2005, Touring Editore, ISBN non esistente
  • Venetica (rivista) una rivista italiana di storia contemporanea , edita dal 1984.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 155404177 · LCCN ( EN ) n79054010 · GND ( DE ) 4062510-2 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79054010
Veneto Portale Veneto : accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto