Venècia

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Venècia (desambiguació) .
Venècia
comú
Venècia - Escut d'armes Venècia - Bandera
( detalls ) ( detalls )
Venècia - Vista
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Escut d'armes de Veneto.png Vèneto
Ciutat metropolitana Província de Venècia-Stemma.svg Venècia
Administració
Alcalde Luigi Brugnaro ( CI ) del 15-6-2015 (2n mandat del 24-9-2020)
Territori
Coordenades 45 ° 26'23 "N 12 ° 19'55" E / 45.439722 ° N 12.331944 ° E 45.439722; 12.331944 (Venècia) Coordenades : 45 ° 26'23 "N 12 ° 19'55" E / 45.439722 ° N 12.331944 ° E 45.439722; 12.331944 ( Venècia )
Altitud 2,56 [1] m slm
Superfície 415,9 [2] km²
Aigües continentals 257,73 km² (61,97%)
Habitants 254 965 [3] (31.03.2021)
Densitat 613,04 habitants / km²
Fraccions vegeu Municipi de Venècia
Municipis veïns Campagna Lupia , Cavallino-Treporti , Chioggia , Marcon , Martellago , Mira , Mogliano Veneto ( TV ), Musile di Piave , Quarto d'Altino , Scorzè , Spinea
Altra informació
Codi Postal 30121–30176
Prefix 041
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 027042
Codi cadastral L736
Placa VE
Cl. sísmic zona 4 (sismicitat molt baixa) [4]
Cl. climàtic zona E, 2 345 GG [5]
Anomenar habitants Venecians
Patró Sant Marc Evangelista i 24 copatrons més [Nota 1]
Festa 21 de novembre [Nota 2]
Himne Himne a Sant Marc
Sobrenom La Sereníssima,
el Dominant
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Venècia
Venècia
Venècia: mapa
El territori de Venècia a la ciutat metropolitana del mateix nom .
Web institucional

Venècia ( AFI : / veˈnɛttsja / [6] , pronunciació [ ? · Informació ] ; a Veneto [veˈnɛːsja] [Nota 3] ) és una ciutat italiana de 254 965 habitants, [3] el centre històric del qual (limitat als sestieri de la ciutat llacuna) a partir de l'1 de novembre de 2017 tenia 53 609, [7] [8 ] ] capital de la ciutat metropolitana homònima i de la regió del Vèneto . Segon municipi de la regió per població després de Verona i primer al Vèneto per àrea , [9] inclou tant territoris insulars com continentals i s’articula al voltant dels dos principals centres de Venècia (al centre de la llacuna homònima ) i Mestre (a la terra ferma) ).

La ciutat va ser durant 1100 anys la capital de la Sereníssima República de Venècia i és coneguda en aquest sentit com la Sereníssima , la Dominant i la Reina de l’Adriàtic : per les seves peculiaritats urbanes i el seu patrimoni artístic, és universalment considerada una de les les ciutats més belles del món, declarades, juntament amb la seva llacuna , Patrimoni de la Humanitat per la UNESCO [10], cosa que ha contribuït a convertir-la en la segona ciutat italiana després de Roma amb el flux turístic més alt. [11]

Geografia física

Territori

Des del punt de vista geogràfic, el municipi de Venècia es divideix en dues parts: la zona insular i la zona continental. Pel que fa al risc sísmic , Venècia es classifica a la zona 4, és a dir amb una sismicitat molt baixa. [12]

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: estació meteorològica Venècia Tessera i estació meteorològica Venècia Mestre .

El clima de Venècia és típic de la vall del Po , mitigat per la proximitat al mar (temperatures hivernals d’aprox 5 ° C de mitjana) i a les màximes estivals (28 ° C de mitjana). Segons Köppen, pertany a la classe Cfa [13] . Els períodes de pluja a la primavera i la tardor i l’estiu són freqüents. A l’hivern, les nevades no són infreqüents (però normalment la neu tendeix a fondre’s ràpidament), però la nit sovint es glaça, cosa que també afecta les aigües de la llacuna de les zones més íntimes. L’alta humitat pot provocar boires als mesos freds i sufocants als calorosos.

Els vents principals són el bora (NE) dominant als mesos d’hivern, el siroc (SE) a l’estiu i, menys freqüent, el libeccio (SO, localment anomenat Garbìn ) [14] .

Des del punt de vista legislatiu, el municipi de Venècia entra a la " zona climàtica E " amb 2 345 graus de dies , per tant, el límit màxim permès per encendre la calefacció és de 14 hores diàries del 15 d'octubre al 15 d'abril.

VENÈCIA LIDO Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 6.4 8.5 12.1 16.2 20.6 24.7 27,8 27,5 23,8 18.3 11.7 7.2 7.4 16.3 26,7 17,9 17.1
T. min. mitjàC ) 1.1 2.4 5.9 9.7 13,9 17,8 20.3 20.1 16,5 11.3 6.2 1.9 1.8 9.8 19.4 11.3 10.6
Precipitacions ( mm ) 59 46 61 64 73 70 53 76 62 67 79 61 166 198 199 208 771
Dies plujosos 7 6 7 8 9 7 5 6 6 6 8 7 20 24 18 20 82
Vent ( direcció - m / s ) No.
2.6
No.
2.5
I
2.6
I
2.8
I
2.8
S.
2.7
JO
2.5
JO
2.5
S.
2.5
No.
2.5
No.
2.6
No.
2.6
2.6 2.7 2.6 2.5 2.6

Les marees

La marea observada a Venècia es pot considerar com la suma de dos components: la marea astronòmica, correlacionada amb el moviment dels cossos celestes, principalment la Lluna i el Sol, i la contribució meteorològica a causa de l’estat de l’atmosfera. En condicions normals, la contribució meteorològica és petita i el nivell observat coincideix aproximadament amb la marea astronòmica. En alguns casos, la suma dels efectes de la pressió atmosfèrica i del vent pot determinar una contribució meteorològica important que condueix a baixades considerables o, al contrari, produeix el fenomen de les aigües elevades . [15]

Fenomen d’ aigües altes

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Aigües altes .
Aigües altes a la Piazza San Marco

El terme aigües altes indica cims de marea especialment pronunciats a la llacuna de Venècia , com ara causar inundacions a la zona urbana. El fenomen és freqüent sobretot en el període comprès entre la tardor i la primavera , quan la marea alta inunda una gran part de la ciutat, cosa que dificulta la circulació pels carrers i camps . La marea que supera el llindar d’atenció de +80 cm a Venècia es denomina habitualment " aigua alta "; a aquesta altitud, es produeixen problemes de transport i trànsit de vianants als punts més baixos de la ciutat. Quan la marea supera els 100 cm (el 5% de la superfície pública inundada), el fenomen comença a afectar trams més consistents de rutes de la ciutat. A una altitud de +110 cm, aproximadament el 12% de la ciutat es veu afectada per les inundacions. En canvi, quan arribeu a +140 cm, el 59% de la ciutat queda inundada. [16]

El fenomen de l’aigua alta es genera per la combinació de dos factors principals: l’alternança regular de les marees combinada amb una causa meteorològica composta per la combinació de pluja , vent i pressió atmosfèrica sobre la massa marina; la marea alta per si sola no genera aigua alta: és la superposició d’aquests factors que, combinada amb la marea astronòmica, porta el nivell de l’aigua a cotes més altes d’una manera menys previsible. L’augment de l’aigua per sobre del nivell de la marea és un fenomen normal en una conca tancada com el mar Adriàtic i el vent que l’afavoreix no és tant el bora , comú a Venècia, sinó el siroc que actua en direcció longitudinal sobre el tota la massa d’aigua adriàtica [17] .

L’eustatisme (pujada del nivell del mar) i l’ enfonsament (disminució del sòl a causa de causes naturals o antròpiques) contribueixen a la variació de la freqüència dels esdeveniments de marea alta a Venècia. Una vegada es va pensar que l’excavació del Canale dei Petroli i l’aprofundiment de les entrades (que van augmentar la secció d’intercanvi d’aigua entre la llacuna i el mar) havien amplificat el fenomen, ja que en el passat va ser un fet extraordinari per a la ciutat. . Aleshores es va demostrar que aquesta contribució específica existeix, però és completament insignificant en comparació amb les altres.

Per protegir la llacuna de Venècia d’aigües altes excepcionals, el projecte MO.SE està en marxa des del 2003 , que consisteix en una sèrie de barreres mòbils que consisteixen en un nombre variable de portes ancorades al fons de les entrades de la llacuna. es supera el nivell de marea predefinit, bloquejant l’entrada d’aigua des del mar.

Orígens del nom

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Venècia (regió) .

El topònim "Venècia" (i les seves antigues variants: Venédia, Venétia, Venésia, Venéxia, Vinegia ) es va utilitzar inicialment per indicar tota la terra de les poblacions venecianes preromanes.

Venetia apareix així a la subdivisió administrativa augusta d'Itàlia ( 6 dC) i, al costat de l'antiga Istria , formava part del X Regio . El topònim es va continuar utilitzant sota els bizantins que van anomenar Venetikà , o Venetia maritima en llatí , la franja costanera de Chioggia a Grado [18] . En conseqüència, el nom va continuar indicant el ducat de Venècia i només més tard la seva capital: se sap que el centre va sorgir a finals de l'època, reunint els assentaments sorgits a les seves illes.

Una particularitat del nom llatí de Venècia és que és una pluralia tantum , és a dir, es declina en plural Venetiae i no en Venetia ; Això potser es deu al fet que la ciutat es va concebre com la unió de diversos centres que van sorgir als diferents illots i que després es van fusionar o, en qualsevol cas, es componen d'una pluralitat d'elements [Nota 4] . En documents antics, la regió apareixia, per tant, en singular Venetia ( Venetia et Histria , Venetia Maritima ), però quan es feia referència a la ciutat s’utilitzava el plural: Venetiarum Civitas , Venetiarum ResPublica , Venetiarum Patriarcha .

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Venècia i Història de la República de Venècia .

La llacuna veneciana es va formar al segle VIII aC a partir d’un entorn anterior de pantans fluvio i se suposa que aquí hi havia assentaments humans des de la prehistòria donada la riquesa de recursos que afavorien la caça i la pesca [19] . A l’època preromana, és a dir, al període Paleoveneto , la civilització estava ben arrelada a la zona amb poblacions dedicades a la pesca, la producció de sal, el transport marítim i altres activitats mercantils relacionades. Centre d’intens trànsit comercial que connectava l’Adriàtic amb el centre i el nord d’Europa, durant aquest període es van desenvolupar alguns assentaments, entre els quals destaca el centre d’ Altino , ara amb un aspecte proto-urbà [20] . L’arribada dels romans només reforça aquesta situació. Es va reforçar el sistema portuari ( Chioggia es remunta a aquest període), mentre es va recuperar i centuritzar l’interior, que encara és visible en el traçat de les carreteres i rases [21] . La llacuna potser es va convertir en un lloc de vacances per a la noblesa, com demostren algunes troballes [21] .

Segons el Chronicon Altinate ( segle XI ), el primer assentament a Venècia a la Riva Alta ( Rialto ) data del 25 de març del 421 amb la consagració de l’ església de San Giacometo a la vora del Gran Canal : estudis recents han demostrat que San Giacomo di Rialto és molt posterior, que es remunta a mitjan segle XII [22] . Els habitants del continent van buscar refugi a les llacunes després de les diverses onades d' invasions bàrbares que es van succeir a partir del segle V , en particular la dels huns ( 452 ) i els llombards ( 568 ) [23] . No obstant això, Venècia va aparèixer en aquell moment com un grup de petits assentaments que encara eren molt heterogenis, mentre que algunes ciutats veïnes com Torcello , Ammiana i Metamauco adquireixen una major importància. Al mateix temps, les principals institucions religioses són traslladades a la llacuna, com el patriarca d’Aquileia a Grado i el bisbe d’Altino a Torcello .

Mapa polític de la península Itàlica vers el 1000 : possessions venecianes en verd

Reunit amb tota Itàlia a l’ imperi amb la pragmàtica sanció de Justinià el 554 , el Triveneto torna a quedar desbordat per la descendència dels llombards el 568 . Els bizantins perden gran part de la zona, mantenint només la franja litoral [24] . És a partir d’aquest moment que el terme Venetia , una vegada que es referia a tot el Vèneto, arriba a indicar només la zona de la llacuna.

Venècia es va erigir el 697 com a ducat dependent de l' Exarcat de Ravenna , amb la capital primer a Eracliana i després a Metamauco . Després de la temptativa invasió franca de Pipino (Carlomanno) , el 821 el Rialto més segur es va convertir en la capital del ducat de Venècia , prenent amb el temps el mateix nom del territori i de l'estat i esdevenint definitivament Venècia [25] . La proximitat a l’ Imperi franc , la relació privilegiada amb l’ Orient bizantí i, al mateix temps, la distància de Constantinoble el van convertir en un dels principals ports d’intercanvi entre Occident i Orient, permetent el desenvolupament d’una classe mercant dinàmica i emprenedora que al llarg d'uns quatre segles, va transformar la ciutat d'un assentament imperial remot i avançat a una potència que governava els mars, per ara totalment independent.

Lazzaro Bastiani , Retrat de Francesco Foscari . Amb el Doge Foscari, la República va experimentar la major expansió territorial de la seva història i el pentagrama més llarg.

Es compta entre les repúbliques marítimes ; en record d'això, el lleó de Sant Marc, emblema de la Sereníssima, apareix a la insígnia marina de la bandera italiana juntament amb els símbols de Gènova , Pisa i Amalfi . El cap del govern era el duge (del llatí dux ), que veia, amb el pas del temps, el seu poder cada vegada més lligat per nous òrgans institucionals. Molts doges, sobretot abans de l'any mil, es van veure obligats a fer vots perquè els ciutadans els consideraven massa ansiosos pel poder: alguns fins i tot van ser assassinats o cecs .

En ple apogeu, al segle XIII , Venècia va dominar una gran part de les costes de l’Adriàtic, regions com Dalmàcia , Istria , moltes de les illes del mar Egeu , Creta , Xipre , Corfú i va ser la potència militar més important. i entre les principals forces mercantils del Pròxim Orient . Al segle XV el territori de la República s'estenia des d' Adda fins a l' Istria i des de la província de Belluno fins al Polesí venecià. Però la decadència es va començar a notar ja al segle XV : esdeveniments històrics com l’augment del poder otomà i el desplaçament del comerç cap a les Amèriques , van colpejar durament la vocació marítima de la ciutat que va acabar girant els seus interessos econòmics cap a l’interior.

7 de novembre de 1866 . L’entrada triomfal de Vittorio Emanuele II

Al segle XVIII Venècia es trobava entre les ciutats més refinades d' Europa , amb una forta influència en l' art , l' arquitectura i la literatura de l'època. Després de més de 1000 anys d'independència, el 12 de maig de 1797 el duge Ludovico Manin i el Maggior Consiglio van ser obligats per Napoleó a abdicar, per proclamar el "govern provisional del municipi de Venècia". Durant la primera dècada des de la pèrdua de la sobirania de la República de Venècia, es van dur a terme moltes intervencions a la ciutat, com ara l'enterrament del riu Sant'Anna que es va convertir a través de Garibaldi, les demolicions per construir els jardins de Castello, la destrucció dels graners de Terranova per construir els jardins reials a la Procuratie Nuove . [26]

Amb el tractat de Campoformio entre els francesos i els austríacs, el 17 d'octubre de 1797 el "Municipi de Venècia" va deixar d'existir i el Vèneto, Istria, Dalmàcia i les Bocche di Cattaro van ser cedides a Àustria, que va formar la "província veneciana" de l’Imperi austríac . Tornat als francesos amb la pau de Presburg el 26 de desembre de 1805 , va tornar a ser austríac fins a la unificació d'Itàlia. El 1848 la ciutat va participar activament en les revoltes revolucionàries i, per iniciativa de Daniele Manin, va ser, encara que breument, independent de l'establiment de la República de San Marco . Després d’un any de setge dels austríacs, la República es va haver de rendir el 22 d’agost de 1849. El 1866 va passar a formar part del Regne d’Itàlia i l’annexió va ser sancionada pel plebiscit del 21 i 22 d’octubre de 1866 que va guanyar el sí amb un 99,9% dels vots a favor de l’electorat actiu. El 1883 el municipi de Malamocco , incloent tot el Lido de Venècia , va ser suprimit i incorporat a Venècia.

La proclamació de la República de Sant Marc

El 24 de maig de 1915, Itàlia va entrar a la Primera Guerra Mundial al costat de les potències de l’ Entente . Amb la retirada de Caporetto , en un intent desesperat de defensar Venècia i la seva preciosa base naval, l'exèrcit italià es va instal·lar al Piave i va rebutjar dues ofensives austrohongareses (una a finals d'any , la segona el juny de 1918 ). Per tant, Venècia es va trobar a prop del front. En aquest context, va patir nombrosos atacs aeris per part d'Àustria-Hongria, que van causar diversos danys a la ciutat. [27] .

El 1917 , la zona de Bottenigo (que es va canviar el nom per Marghera) es va integrar al municipi de Venècia i es va iniciar la construcció de les noves instal·lacions portuàries a Porto Marghera . Als anys vint, la ciutat va veure augmentar considerablement el seu territori, gràcies a la unificació dels municipis de Burano , Murano , Pellestrina ( 1923 ), Chirignago , Zelarino , Mestre i Favaro Veneto ( 1926 ). L'annexió del continent en particular va estar lligada al naixement del centre industrial de Marghera , desitjat per les polítiques econòmiques d'aquells anys. Venècia, a causa de la seva conformació urbana, era de fet incapaç, malgrat la seva àmplia disponibilitat de mà d'obra, de disposar d'una àrea industrial completa pròpia: l'expansió a la part continental es va convertir en la solució necessària per donar un nou desenvolupament a la ciutat llacuna.

El 1933 es va construir el pont per carretera entre Venècia i el continent (al costat de l'anterior pont ferroviari construït el 1846 ). Durant la Segona Guerra Mundial, els centres de Marghera i Mestre van patir forts bombardejos aeris. La postguerra va veure la gran expansió edificatòria de la part continental de Venècia, que va atreure immigrants de tot l’interior del Vèneto i del mateix centre històric. Paral·lelament a aquesta expansió, s’ha produït l’èxode de la majoria de la seva població del centre històric. Com a resultat d'aquests fenòmens, el continent venecià té el doble dels habitants de l'illa de Venècia.

El creixement demogràfic de Mestre es va tornar vertiginós a partir dels anys seixanta , quan els efectes desastrosos de la inundació de 1966 , que mostraven la vulnerabilitat de les cases dels pisos inferiors de Venècia, es van afegir a les polítiques d’habitatge i treball, que no afavorien la llacuna residents. La increïble velocitat de desenvolupament va significar que això es produís d’una manera bastant desordenada i fora d’un pla regulador (és l’anomenat solar edificable de Mestre ). La nit de l'11 de setembre de 1970 , el centre històric va ser copejat per un remolí amb una intensitat nominal F4 a l'escala Fujita , que va causar greus danys, inclòs l'enfonsament d'una barca a motor ACNIL que va matar 21 persones. A mitjans dels anys setanta es va produir un descens en els sectors químic, industrial i de la construcció naval amb la consegüent reutilització, per majoria, del capital humà i econòmic del sector turístic. [28]

Durant els primers anys, Venècia també va ser objecte reiterat d’actes criminals com les nits dels incendis a la regió del Vèneto i el bombardeig a la seu Il Gazzettino o els assassinats de Giuseppe Taliercio , Alfredo Albanese o l’ assassinat de Lino Sabbadin. n’esmenta uns quants. A la ciutat hi havia cel·les de les brigades vermelles , de la primera línia i del nou ordre .

Símbols

El 30 de març de 1995, el consell municipal va encarregar a Mario De Biasi i Giorgio Aldrighetti la definició dels emblemes de la ciutat de Venècia. Els esbossos que acompanyaven l’informe històric heràldic eren obra de Sandro Nordio. L'escut i la pancarta en aquell moment en ús es van concedir per decret del president de la República el 6 de novembre de 1996. [29]

Escut d'armes:

"En blau, al lleó daurat, alat i ratllat del mateix, amb el cap situat davant, ajupit, que sosté entre les potes davanteres davant del pit el llibre de plata, obert, escrit amb les paraules en majúscula romana de negre PAX TIBI MARCE al primer costat en quatre línies i EVANGELISTA MEUS al segon costat, de manera similar en quatre línies. L’escut d’estil venecià estamparà amb la banya del Doge ".

( DPR 6.11.1966 )

Bàner:

"Drap de color vermell, amb la vora del mateix, vorejat de fils d'or intern i extern que es creuen a les cantonades, i carregat de brodats daurats i quatre esferes armil·lars, de color blau i daurat, un al cap, un a la punta, dos als malucs; la tela es carregarà amb l’escut de la ciutat amb la inscripció centrada en or: CITTÀ DI VENEZIA. La cortina estarà decorada a la part inferior per sis tires rectangulars de color vermell, vores amb fils daurats, carregades de brodats de la mateixa, aproximadament un terç de tota la cortina ".

( DPR 6.11.1966 )

Honors

Honors francesos

Creu de guerra amb palma de bronze (1914-1918): cinta per a uniforme normal Creu de guerra amb palma de bronze (1914-1918)
«MINISTERI DE GUERRA

Primer ministre, ministre de guerra. Citació a l’ordre de l’exèrcit: LA CIUTAT DE VENÈCIA: durant quaranta mesos al front marítim, durant deu mesos al front de guerra, s’ha demostrat digne del seu brillant passat. Tenaç i serena, malgrat les ferides cruels, sota els repetits bombardejos aeris que han provocat la desaprovació unànime del món civilitzat, es va mantenir impassible davant l’amenaça de l’enemic, encara més forta que el coratge i el patriotisme en els seus habitants i en protecció de les seves aigües. Georges Clemenceau "
- París, 24 d'abril de 1919 [30]

Monuments i llocs d'interès

( DE )

"Alles, was mich umgibt, ist würdig, ein großes respektables Werk versammelter Menschenkraft, ein herrliches Monument, nicht eines Gebieters, sondern eines Volks."

( IT )

"Tot el que m'envolta està ple de noblesa, és la grandiós i venerable obra de les forces humanes unides, és un monument majestuós no d'un sol príncep, sinó de tot un poble".

( Goethe , Viatge a Itàlia , 1816 )
En sentit horari des de la part superior esquerra: el Palau Ducal , el pont de Rialto , la basílica de San Marco i la basílica de Santa Maria della Salute

Els monuments del municipi de Venècia es troben gairebé íntegrament al centre històric i a les illes de la llacuna.

El lloc més famós de la ciutat és la plaça de Sant Marc , l'única del centre històric que es caracteritza pel topònim " plaça ": les altres places es denominen de fet " campi " o "campielli". La basílica de Sant Marc es troba al centre de la plaça, de color daurat i coberta de mosaics que expliquen la història de Venècia , juntament amb els baixos relleus que representen els mesos de l'any. Per sobre de la porta principal, els quatre cavalls de bronze del palau imperial de Constantinoble [Nota 5] , que van ser transportats a Venècia després de la quarta croada el 1204 per ordre del duge Dandolo (comandant de la croada). El pla de creu grega està superat per cinc grans cúpules . La fàbrica és la tercera basílica dedicada a Sant Marc que es troba en aquest lloc: les dues primeres van ser destruïdes. Aquesta versió es va inspirar en l' església dels Sants Apòstols de Constantinoble (destruïda pels musulmans pocs anys després de la conquesta de 1453 ), de la qual és una mena de rèplica a petita escala. L’interior està cobert de mosaics amb un fons daurat que representa passatges bíblics i al·legòrics. Inicialment, era la capella dels Doges de la República de Venècia.

El Palau Ducal es troba al costat de la basílica: per unir-los, la Porta della Carta , obra de Bartolomeo Bono , que és la sortida del museu Palazzo Ducale. L’entrada principal es troba al costat que dóna a la llacuna. Seu del govern de la Sereníssima, es va construir al segle XV amb marbres procedents d’Istria. Aquí hi havia un castell, i després es va cremar per deixar escapar Pietro IV Candiano que hi havia trobat refugi durant un motí. Ora il Palazzo è un museo, con opere dei migliori artisti veneziani: la Biblioteca Sansoviniana , che si trova al suo interno, ospita delle mostre temporanee. Da vedere la Sala del Maggior Consiglio , che per secoli fu la più grande sede di governo del mondo, il Ponte dei Sospiri , le carceri ei Piombi .

Le torri dell' Arsenale

Di fronte al Palazzo Ducale sorge il campanile di San Marco : costruito nel 1173 come faro per i naviganti, fu restaurato da Bartolomeo Bon nel XV secolo . Crollò il 14 luglio 1902 e venne interamente ricostruito. La loggetta in marmo rosso di Verona è un'opera di Jacopo Sansovino, e su di essa si trovano i bassorilievi che raffigurano allegorie con le imprese della Repubblica del Leone.

Altri importanti monumenti veneziani sono l' Arsenale , la basilica di Santa Maria della Salute , la basilica di Santa Maria gloriosa dei Frari , le sinagoghe del Ghetto [31] [32] .

Venezia è celebre anche per i suoi caffè storici. Importato dall' Impero ottomano intorno al 1615 , a partire dal 1683 si diffusero moltissime caffetterie in tutta la città. Il 29 dicembre 1720 fu aperto il celebre Caffè Florian , ancor attivo in Piazza San Marco, sotto le Procuratie Nuove , nel 1775 fu la volta invece dell'altrettanto celebre Caffè Quadri .

A Venezia ha inoltre sede il ricercato museo Peggy Guggenheim , dove si trovano grandi opere di artisti tra i quali Ernst , Modigliani , Picasso , Mirò , Pollock e Kandinsky . Nella laguna importanti mete turistiche sono le isole di Murano , Burano e Torcello . L'isola del Lido è invece una rinomata località balneare, nonché sede del celebre festival del Cinema di Venezia .

Architetture religiose

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese di Venezia .

Sono innumerevoli le chiese degne di nota che si possono trovare nella città lagunare, sia per i propri pregi architettonici che per i tesori artistici ivi contenuti [33] . Tra le più importanti si può annoverare la Basilica di Santa Maria della Salute a pianta ottagonale, con la sua imponente cupola che spicca all' incile del Canal Grande e la celebre e maestosa Basilica di San Marco , cattedrale della città e sede del Patriarca e del Patriarcato di Venezia , situata nell'omonima piazza, di fianco al Palazzo Ducale .

Tra gli altri importanti edifici religiosi, abbiamo: la basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari , la chiesa di Santa Maria dei Miracoli , la chiesa di San Francesco della Vigna , la chiesa di San Zaccaria , la basilica dei Santi Giovanni e Paolo , la chiesa del Redentore , quest'ultima realizzata presso l'isola della Giudecca su progetto di Andrea Palladio , e la basilica di San Pietro di Castello che annovera due cappelle ad opera del Veronese .

Palazzi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzi di Venezia .

Venezia è ricca di palazzi signorili, affacciati su campi, calli, rii e canali, antiche residenze delle più ricche famiglie veneziane dell'epoca d'oro della città.

A parte le scuole e gli edifici istituzionali come ad esempio Palazzo Ducale , quasi tutti i palazzi sono identificati con il nome della famiglia che li ha fondati o che più vi ha lasciato il proprio segno. Tra i più famosi Palazzo Fortuny , in stile gotico donato alla città di Venezia dalla vedova dell'artista spagnolo Mariano Fortuny , Palazzo Grassi , opera di Giorgio Massari , Palazzo Mocenigo dalla facciata di impronta rinascimentale,Palazzo Grimani [34] , di proprietà demaniale e sede della Corte d'appello e Palazzo Loredan in stile gotico . Spesso nel nome vengono citate due o più famiglie come ad esempio Palazzo Cavalli-Franchetti , o Palazzo Gritti-Badoer , oppure è specificato il ramo della famiglia (es. Palazzo Morosini del Pestrin ).

Palazzo Balbi affacciato sul Canal Grande

Molte residenze private mantengono invece la tradizionale denominazione Ca' , che indicava il nome della casata e dell'edificio: ad esempio Ca' Foscari , sede dell'omonima Università cittadina, Ca' Corner , progettata nel XVI secolo da Jacopo Sansovino , Ca' Rezzonico , nel sestiere di Dorsoduro e opera del Longhena , Palazzo Balbi , sede del Presidente e della Giunta Regionale della Regione del Veneto , Ca' Pesaro , Ca' Tron , Ca' Vendramin Calergi [35] e Ca' Dario , tristemente nota per il tragico destino di alcuni dei suoi proprietari.

Più recente l'uso dell'italiano Casa (es. Casa Venier ). Alcuni edifici di non grandi dimensioni vengono spesso indicati come Palazzetto (es. Palazzetto Stern ).

A Venezia, vista la sua antica vocazione commerciale, sono inoltre presenti i fondachi , antichi edifici di origine medioevale adibiti a magazzino ea ricovero per i mercanti stranieri. Lungo il Canal Grande sono visibili il fondaco dei Tedeschi [36] , il fondaco dei Turchi e il fondaco del Megio [37] .

Ponti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lista dei ponti di Venezia .

Per la sua conformazione Venezia dispone di 435 ponti tra pubblici e privati che collegano le 118 isolette su cui è edificata, attraversando 176 canali [38] . La maggior parte di essi sono costruiti in pietra , altri materiali comuni sono il legno e il ferro . Il più lungo è il ponte della Libertà che attraversa la laguna veneta, collegando la città con la terraferma e permettendo così il traffico veicolare. Il progetto è del 1931 , ad opera dell'ingegnere Eugenio Miozzi , mentre la sua inaugurazione si è avuta nel 1933 , con il nome di Ponte Littorio.

Il principale canale che taglia la città, il Canal Grande, è attraversato da quattro ponti: il ponte di Rialto è il più antico (edificato intorno al XVI secolo ); il ponte dell'Accademia ; il ponte degli Scalzi , questi ultimi costruiti sotto la dominazione asburgica e ricostruiti nel XX secolo , e infine il ponte della Costituzione , posto in opera nel 2008 su progetto dell'architetto Santiago Calatrava .

Un altro simbolo della città è il ponte di Rialto : opera di Antonio Da Ponte , sorse nel 1591 . Costituiva l'unico modo di attraversare il Canal Grande a piedi: infatti, rimase l'unico ponte fino al 1854 , quando fu costruito il ponte dell'Accademia (a cui si aggiunsero in seguito il ponte degli Scalzi e il ponte della Costituzione ). Sui lati del corpo centrale si trovano negozi di lusso mentre, alla fine del ponte, nel sestiere di San Polo , si trovano il mercato orto-frutticolo, l'edificio coperto della pescheria e la chiesa di San Giacomo di Rialto.

Uno dei ponti più celebri di Venezia è, inoltre, il ponte dei Sospiri . Realizzato in pietra d'Istria nel XVII secolo su progetto dell'architetto Antonio Contin , collega il Palazzo Ducale con le Prigioni Nuove.

Teatri

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teatri di Venezia .

Venezia ai tempi della Serenissima possedeva molti teatri, per rappresentazioni sia musicali che drammaturgiche o di commedia, molti dei quali ospitati all'interno di palazzi patrizi, come ad esempio il teatrino di Palazzo Grassi ristrutturato nel 2013 [39] o in fabbriche di indubbio interesse architettonico, come il settecentesco Teatro La Fenice (1792), il Teatro Goldoni (risalente al 1622, anche se completamente ristrutturato negli anni settanta ) e il Teatro Malibran (1678).

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [40]

Il Comune di Venezia è, per popolazione, il dodicesimo d'Italia, secondo una graduatoria che da decenni è rimasta pressoché immutata [41] .

La popolazione è soggetta da anni a un saldo naturale negativo (−6,4‰ nel 2018 ), molto più accentuato rispetto ai dati dell'intera Città Metropolitana (−4,2‰) e della Regione (−2,8‰) [42] . Anche in confronto alle altre grandi città italiane, Venezia risulta tra quelle maggiormente segnata dal fenomeno dell'invecchiamento, preceduta solo da Genova [41] .

D'altro canto, il tasso migratorio si mantiene positivo (+3,5‰ nel 2018 ), superiore sia alla media regionale (+3,2‰), sia a quella italiana (+1,1‰) [42] .

Questi fenomeni demografici non coinvolgono il Comune in modo omogeneo: la popolazione della terraferma risulta sostanzialmente stabile, mentre centro storico ed estuario mostrano una diminuzione accentuata. Infatti, se la contrazione delle nascite ha interessato tutto il Comune, nelle municipalità di terraferma è stata compensata dall'arrivo di nuovi abitanti, mentre nella municipalità di Venezia-Murano-Burano si osserva un tasso migratorio negativo che accentua la perdita di residenti. Nella municipalità di Lido-Pellestrina il saldo migratorio è leggermente positivo, ma questo non controbilancia il forte calo dovuto all'invecchiamento della popolazione [41] .

L'età media si attesta sui 48 anni. Anche in questo caso, le due municipalità lagunari presentano i valori più alti, sfiorando i 50 anni [41] .

Come nel resto dell'Italia, si è assistito a un graduale aumento del numero delle famiglie, con una conseguente diminuzione della dimensione media delle stesse. Nel 2018 si riscontravano in media 2 componenti per famiglia [42] , un dato paragonabile a quelle della altre grandi città del Centro-Nord. Alla fine del 2017 il 44,6% delle famiglie era composto da una sola persona, con un massimo di 50,5% a Venezia-Murano-Burano e un minimo di 37,4% a Favaro. Complessivamente, vivevano sole 57 204 persone (nel 2000 non erano nemmeno 42 000) [41] .

Dal 1951 , quando aveva raggiunto il suo massimo di 174 808 residenti, il centro storico di Venezia ha perso circa il 70% della popolazione, attestandosi sui 52 996 abitanti nel 2018. Sempre nel 1951, la popolazione della laguna rappresentava il 69,3% del Comune, contro il 30,7% della popolazione di terraferma; nel 2017 le proporzioni sono ribaltate, rispettivamente 31,3% e 68,7% [43] . L'area urbana funzionale (FUA) conta 559.983 abitanti. [44]

Centro storico Estuario (isole) Centro storico + estuario Terraferma
1901 146 682 21 064 167 746 20 597
1931 163 559 32 826 196 385 53 937
1951 [Nota 6] 174 808 44 037 218 845 96 966
1971 108 426 48 747 157 173 205 829
1991 [Nota 7] 76 644 47 057 123 701 190 136
2001 [Nota 8] 65 695 32 183 97 878 176 290
2018 52 996 27 730 80 726 179 794

Etnie e minoranze straniere

All'inizio del 2019 gli stranieri residenti nel comune erano 37 554, ovvero il 14,4% della popolazione [45] . Il dato percentuale risulta più alto rispetto a quello dell'intera Città Metropolitana (10,2%), ma è in linea con quelli delle altre grandi città dell'Italia Centrosettentrionale [41] .

Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti [45] :

  1. Bangladesh , 6.580
  2. Romania , 5.957
  3. Moldavia , 4.285
  4. Cina , 3.520
  5. Ucraina , 2.553
  6. Albania , 1.598
  7. Macedonia , 1.459
  8. Filippine , 1.425
  9. Kosovo , 779
  10. Sri Lanka , 730

Alcune nazionalità sono costituite prevalentemente da individui di sesso maschile (è il caso di Bangladesh e Kosovo ), mentre in altre prevale la componente femminile ( Moldavia e Ucraina ) [41] .

La popolazione straniera presenta una struttura per età ben diversa dalla componente italiana: prevalgono le classi di età giovani e attive e quelle di seconda generazione, derivanti da stranieri nati in Italia o da ricongiungimenti familiari. L'età media, di conseguenza, è molto più bassa rispetto a quella dell'intera popolazione e alla fine del 2017 si attestava sui 34 anni [41] .

Anche la distribuzione dei residenti stranieri nel comune non è omogenea: essi costituiscono solo il 6,2% dei residenti a Lido-Pellestrina e il 7,7% a Venezia-Murano-Burano, ma raggiungono il 17,9% a Mestre-Carpenedo e il 22,9% a Marghera. Di conseguenza, gli stranieri incidono in modo diverso a livello di classi di età; per quanto riguarda i residenti da 0 a 4 anni, ad esempio, a Venezia Litorale solo 8 bambini su 100 sono stranieri, ma diventano 45 su 100 a Marghera [41] .

Lingue e dialetti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto veneziano e Lingua veneta .
Toponomastica dialettale

Nel comune di Venezia, oltre naturalmente all' italiano che è compreso e usato dalla totalità dei residenti, è parlata una notevole varietà di dialetti della lingua veneta , soprattutto a causa delle notevoli diversità geografiche del territorio, suddiviso tra centro storico, estuario e terraferma.

Sostanzialmente, si può dire che il dialetto veneziano , più propriamente veneziano lagunare , è parlato in tutta l'area della Laguna veneziana, centro storico compreso, ma può mostrare notevoli differenze tra isola e isola; spicca tra tutte Pellestrina, dove permane un idioma affine al chioggiotto . Nell'entroterra si parla per lo più un dialetto molto simile a quello cittadino ma con influenze dei dialetti delle vicine province di Padova e di Treviso .

Questa differenziazione ovviamente non è così marcata, almeno non come un tempo. Il veneziano è ben presente anche in terraferma a causa dello spopolamento del centro storico a favore di Mestre e dei sobborghi limitrofi e spesso qui si possono ravvisare degli "ibridi" tra le varie parlate.

Religione

Per antica tradizione, la diocesi di Venezia è l'unica diocesi italiana a titolare patriarca il proprio vescovo cattolico . Il patriarca di Venezia è il metropolita della provincia ecclesiastica che comprende tutte le diocesi del Patriarcato di Venezia più la diocesi di Concordia-Pordenone .

L'isola di San Lazzaro degli Armeni ospita dal 1717 l' Ordine mechitarista , una delle più importanti istituzioni di cultura armena nel mondo.

Dal 1991 Venezia è sede dell' Arcidiocesi ortodossa d'Italia e Malta ed esarcato per l'Europa meridionale, di lingua greca e rito bizantino [46] , con relativo metropolita nell'autorità delPatriarcato ecumenico di Costantinopoli [47] .
Suo centro è l'antica chiesa di San Giorgio dei Greci , nel sestiere di Castello .

Per quanto riguarda le religioni cristiane riformate , in città sono presenti gli edifici di culto della più antica comunità luterana italiana (nel sestiere di Cannaregio ), e della chiesa evangelica valdese , nel sestiere di Castello. Nei pressi delle Gallerie dell'Accademia si trova infine la chiesa anglicana di Saint George .

L'area del Ghetto è il fulcro della Comunità ebraica di Venezia che conta circa 500 appartenenti.

Presenti in buon numero sono i Testimoni di Geova che hanno diverse sale del regno nel territorio comunale: nel centro città, al Lido, a Mestre ea Zelarino.

Qualità della vita

Se il turismo di massa ha portato grande giovamento all'economia della città, non si può dire la stessa cosa riguardo alla qualità della vita dei residenti del centro storico. Addentrandosi in esso, appare subito evidente l'esigua presenza di negozi di generi alimentari e piccole attività artigianali a favore di negozi di souvenir e altre attività indirizzate a turisti, pendolari e studenti. Gli alti costi dei locali, la scarsità della domanda e le difficoltà logistiche hanno portato molte piccole attività imprenditoriali a spostarsi sulla terraferma, così come i servizi legati alla persona ( nidi e asili infantili , uffici postali , ecc.).

Anche le strutture ospedaliere sono piuttosto carenti nella città antica: basti pensare che, a fronte di un posto letto per 33 abitanti nella media regionale, qui se ne ha uno per 96 abitanti. Considerando il progressivo invecchiamento della popolazione residente, poiché le nuove generazioni tendono ad abbandonarla, il problema sarà sempre più sentito.

La mancanza di unità abitative e gli elevati canoni delle locazioni contribuiscono inoltre al progressivo spopolamento. Se il trend non dovesse cambiare, la città andrà sempre più incontro ad una specializzazione monoculturale turistica. [48]

Anno Qualità della Vita
( Sole 24 Ore )
Qualità della Vita
( Italia Oggi )
Rapporto Ecosistema Urbano
( Legambiente ) [Nota 9]
2002 57º 31º (+2)
2003 53º (+5) 48º 23º (+8)
2004 47º (+6) 54º (−6) 67º (−44)
2005 57º (−10) 30º (+24) 28º (+39)
2006 56º (+1) 39º (−9) 18º (+10)
2007 40º (+16) 14º (+25) 11º (+7)
2008 37º (+3) 39º (−25) 10º (+1)
2009 43º (−6) 41º (−2) 14° (-4)
2010 46º (−3) 52º (−11) 15° (-1)
2011 35º (+11) 54º (−2)(fra i capoluoghi superiori a 200.000 abitanti. Confronto non possibile con l'anno precedente)
2012 39º (−4) 60º (−6)(fra i capoluoghi superiori a 200.000 abitanti # =)
2013 59º (−20) 63º (−3)(fra i capoluoghi superiori a 200.000 abitanti # =)
2014 65° (-6) 40° (+23) 10° (fra tutti i capoluoghi. Confronto non possibile con l'anno precedente)
2015 48° (+17) 54° (-14)(-2)
2016 39° (+9) 62° (-8) 14° (+6)
2017 43° (-3) 41° (+21) 21° (+7)
2018 34° (+9) 62° (-21) 14° (-7)

Cultura

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall' UNESCO
Venezia e la sua laguna
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Venezia - Panorama 007, San Marco e Palazzo ducale.jpg
Criterio (i)(ii)(iii)(iv)(v)(vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1987
Scheda UNESCO ( EN ) Venice and its Lagoon
( FR ) Scheda

Istruzione

Biblioteche e archivi

La maggiore biblioteca della città, e una delle maggiori italiane, è la Biblioteca nazionale Marciana . Essa si trova in piazza San Marco, dispone di circa 1 000 000 di volumi, specializzata in filologia classica e storia di Venezia , possiede una delle più pregiate raccolte di manoscritti greci, latini e orientali del mondo. [49] Il palazzo che la ospita è opera dell'architetto Jacopo Sansovino . La Marciana fu istituita ufficialmente nel 1560 , anche se già nel XIV secolo Francesco Petrarca ebbe l'idea di realizzare una biblioteca pubblica in questa città. Dopo la caduta della Repubblica, con la trasformazione delle Procuratie Nuove in Palazzo Reale, la biblioteca fu sposta in Palazzo Ducale , ma dopo la Prima guerra mondiale , a causa degli esigui spazi e della crescita del patrimonio letterario, la biblioteca trovò una nuova sede presso il Palazzo della Zecca . [50]

Presso l'ex-convento dei Frari , è presente l' Archivio di Stato di Venezia che, con i suoi 70 km di scaffali, ospita la documentazione prodotta in mille anni dalla repubblica di Venezia , dalla nascita al XX secolo . Il suo patrimonio è composto da una ricchissima collezione di pergamene , carte e disegni, conservati nelle centinaia di stanze (le antiche celle dei frati) poste attorno ai chiostri , che testimoniano non solo la storia della serenissima, ma anche di tutto il mondo che intratteneva con essa relazioni diplomatiche e commerciali. Istituito nel 1815 , dal 1866 vi affluiscono anche gli archivi prodotti dagli uffici dello Stato italiano situati a Venezia. [51]

La biblioteca della Fondazione Querini Stampalia , in campo Santa Maria Formosa con sede nel Palazzo Querini Stampalia , raccoglie materiale di carattere prevalentemente scientifico e naturalistico, assolvendo il ruolo di biblioteca civica della città grazie alla disponibilità di circa 350.000 volumi. [52] La biblioteca fu voluta nel 1868 dal NH Giovanni Querini Stampalia , che moriva l'anno successivo senza eredi diretti. Subì un importante intervento di restauro da parte dell'architetto Carlo Scarpa tra 1959 e 1963 e più recentemente da parte di Mario Botta . [53]

La Fondazione Giorgio Cini gestisce una biblioteca sull' isola di San Giorgio Maggiore , negli ambienti dell'ex monastero benedettino, recentemente restaurata da Michele De Lucchi , che si occupa di storia di Venezia, letteratura, musica, teatro e melodramma, ma è specializzata soprattutto in storia dell'arte, cui è dedicato un nucleo di oltre 150.000 volumi e circa 800 testate di periodici, di cui 200 correnti. [54]

Importanti fondi specialistici sono inoltre quelli delle biblioteche universitarie di Ca' Foscari (oltre 830.000 volumi), dello IUAV (circa 170.000 volumi), [55] dell' Accademia di Belle Arti (circa 16.000 volumi inventariati) [56] e del Conservatorio Benedetto Marcello (oltre 50.000 volumi). [57] Altre biblioteche con rilevante numero di opere sono: la Biblioteca Monumentale del Seminario Patriarcale di Venezia (163'000 volumi e importanti altre opere d'arte) [58] , e la Biblioteca dell' Istituto Cavanis (60'000 volumi) [59] .

La comunità ebraica veneziana gestisce la biblioteca-archivio "Renato Maestro", sita nel Ghetto . Istituita ufficialmente nel 1981 , offre oggi circa 12.000 titoli e un "Catalogo libri ebraici antichi" che conta 2500 volumi risalenti ai secoli XVI - XIX . [60]

Presso l'isola di San Lazzaro degli Armeni la biblioteca è considerata la più significativa collezione di manoscritti armeni conservati in Occidente . Fondata nel 1740 possiede 170.000 volumi di cui 4.500 manoscritti. [61]

Alcuni musei civici gestiscono anche biblioteche specialistiche dedicate: quella del Museo Correr (135.000 volumi moderni, oltre 8000 antichi e più di 12.000 manoscritti), [62] di Ca' Pesaro (oltre 25.000 volumi) [63] , del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo (oltre 25.000 volumi e circa 13.000 figurini di moda ), [64] e di Studi Teatrali di Casa Goldoni (oltre 30.000 volumi). [65]

Per quanto riguarda le biblioteche civiche, la "Rete Biblioteche Venezia" raggruppa 23 biblioteche di pubblica lettura e specialistiche, delle quali sette si trovano nel centro storico, quattro nelle isole e dodici in terraferma. [66] Come biblioteca centrale, a partire dal 1980 , è stata designata la Biblioteca Civica di Mestre VEZ , aperta al pubblico nel 1953 e dal 2013 trasferitasi presso Villa Erizzo , che conta circa 100.000 volumi e 60 testate di periodici in una superficie totale di 2 015 . [67]

Scuole

Delle varie scuole secondarie di Venezia, vanno ricordati alcuni istituti storici, come i licei classici " Foscarini ", fondato nel 1807 con decreto di Eugenio di Beauharnais , viceré d'Italia e " Marco Polo ", istituito nel 1812 . Tra i licei situati a Mestre, si può citare il liceo classico Raimondo Franchetti . Un altro istituto storico è l' Istituto Cavanis del 1804 fondato da religiosi, grande polo più moderno è invece l' Istituto Benedetti-Tommaseo .

A queste si può aggiungere la nota Scuola Navale "Morosini" , che continua l'antico Collegio dei giovani nobili , fondata il 2 ottobre del 1961 e con sede presso l' isola di Sant'Elena . [68]

Università

Facciata della sede dell' Università Ca' Foscari , sul Canal Grande
L'ex cotonificio, una delle sedi dell' Università IUAV

Venezia è un'importante sede universitaria italiana, infatti possiede più di un'università. La più celebre è l' Università Ca' Foscari , che offre i corsi di laurea in economia e commercio , lingue e letterature straniere, lettere e filosofia , e scienze naturali . Nata nel 1868 come prima Business School d'Italia e seconda in Europa, dopo quella di Anversa [69] , ha la sede principale presso Ca' Foscari , palazzo gotico affacciato sul Canal Grande .

Per gli studi di architettura , moda , design e urbanistica , è presente l' Università IUAV , istituita nel 1926 , come seconda scuola di architettura in Italia, dopo quella di Roma , per iniziativa di Giovanni Bordiga , allora presidente dell' Accademia di Belle Arti di Venezia . [70]

L' Accademia di Belle Arti nasce il 24 settembre 1750 per volontà del Senato veneto come "Veneta academia di pittura, scultura e architettura", con Gianbattista Piazzetta quale primo presidente. Fra gli artisti che vi insegnarono si ricordano: Tiepolo , Hayez , Ettore Tito , Alberto Viani , Carlo Scarpa ed Emilio Vedova . La sede principale dell'ateneo è ospitata nell' ex-Ospedale degli Incurabili , presso la fondamenta delle Zattere . [71]

Sempre a Venezia, fin dal 1876 è presente il Conservatorio Benedetto Marcello , ospitato a Palazzo Pisani .

Il Monastero a San Servolo , sede della Venice International University

Nel 1995 è stata fondata la Venice International University , consorzio internazionale di formazione e ricerca, a cui partecipano tra gli altri l' Università Ca' Foscari , lo IUAV , l' Università Ludwig Maximilian di Monaco e l' Università Autonoma di Barcellona . La sede dell'istituzione si trova nell'isola di San Servolo , in un edificio che un tempo ospitava un monastero . [72]

Venezia è inoltre l'unica città italiana sede di una Facoltà di Diritto Canonico, la " San Pio X ", eretta dalla Congregazione per l'Educazione Cattolica nel 2008 all'interno dello Studium Generale Marcianum . Voluta dall'allora cardinale Patriarca Angelo Scola , la facoltà ha sede nel restaurato palazzo del Seminario patriarcale, adiacente alla Basilica della Salute . Fa parte del polo pedagogico accademico dello Studium Generale Marcianum anche l'Istituto Superiore di Scienze Religiose " San Lorenzo Giustiniani ", eretto nel 2006 , e parte della Facoltà Teologica del Triveneto . [73]

A Mestre si trovano la sede del corso di laurea in infermieristica dell' Università di Padova , il Laboratorio di Scienza delle costruzioni dello IUAV e il Campus Scientifico di Ca' Foscari.

Memore della lunga tradizione marittima veneziana, nel 1999 la Marina Militare ha scelto la sede dell' Arsenale di Venezia come sede dell' Istituto di studi militari marittimi per la formazione superiore dei propri ufficiali.

Dentro il monastero di San Nicolò al Lido vi è la sede del Master Europeo in Diritti umani. [74]

Istituzioni culturali

  • L' Istituto veneto di scienze, lettere ed arti è un' accademia italiana . L'Istituto "ha per fine l'incremento, la diffusione e la tutela delle scienze, delle lettere ed arti". A questo scopo oltre alla ordinaria attività accademica, promuove periodicamente manifestazioni di carattere scientifico e umanistico, incontri di studio, convegni, seminari, scuole internazionali di specializzazione e organizzazione di mostre d'arte.
  • L' Ateneo Veneto è un'istituzione che ha per scopo la collaborazione alla divulgazione delle scienze, delle lettere, delle arti e della cultura, in ogni loro manifestazione. Le attività promosse dall'Ateneo Veneto coinvolgono: storia, storia dell'arte e dell'oreficeria, musica, medicina, cinema, teatro, economia, architettura e letteratura, coinvolgendo tutte le categorie del sapere. Esse si svolgono in giornate dedicate alle varie attività nel corso dell'anno. Tutte le attività promosse dall'istituto sono a ingresso libero ea titolo gratuito.
  • La Fondazione Giorgio Cini è un' ONLUS istituita dal conte Vittorio Cini . Lo scopo è quello di promuovere il ripristino del complesso monumentale dell' isola di San Giorgio Maggiore e di favorire lo sviluppo nel territorio di istituzioni educative, sociali, culturali e artistiche, in collaborazione con quelle già esistenti. La Fondazione oltre alle proprie attività di ricerca, mostre e convegni, spettacoli e concerti, accoglie congressi e convegni di organizzazioni scientifiche e culturali e ospita iniziative di assoluta importanza nel campo dei rapporti internazionali.
  • La Biennale di Venezia è una società di cultura nata nel 1895 con l'organizzazione della prima Esposizione Biennale d'Arte del mondo al fine di stimolare l'attività artistica e il mercato dell'arte nella città di Venezia. Ha il fine di promuovere le nuove tendenze artistiche e organizza manifestazioni internazionali nelle arti contemporanee .

Musei

Ca' Rezzonico , museo dell'700 Veneziano
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musei di Venezia .

Media

Il quotidiano storico di Venezia è Il Gazzettino nella sua edizione locale dedicata alla città. Fondato nel 1887 da Gianpietro Talamini, la redazione del giornale ha avuto sede fino al 1977 presso Ca' Faccanon a Venezia per poi trasferirsi in via Torino a Mestre dove si trova. A partire dal 2002 anche Mestre ha il suo quotidiano, Il Mestre [75] . Sempre nel 2002, iniziano le pubblicazioni dell'edizione di Venezia-Mestre del Corriere del Veneto che ha origine dalla redazione del Corriere della Sera . [76] Nel 1984 è nato un giornale dedicato alla città e provincia , la Nuova Venezia facente parte del Gruppo Editoriale L'Espresso [77] .

A Mestre, inoltre, ha sede l' emittente televisiva Televenezia , nata nel 1978 , di stampo generalista, trasmette in gran parte del Veneto e dell' Emilia-Romagna [78] .

L'emittente radiofonica di Venezia è Radio Venezia , che trasmette in FM 92,400 – 103,500 MHz [79] . Dal 1978 è presente anche Radio Vanessa, unica radio a trasmettere dal centro storico di Venezia sui 101.800 FM. [80]

A partire dal 3 luglio 2009 il comune di Venezia è stato gradualmente coperto dal Wi-Fi , garantendo ai residenti una connessione gratuita [81] [82] .

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pittura veneta e Rinascimento veneziano .
Da in alto a sinistra in senso orario: Tiziano , Tintoretto , Bellini , Giorgione

La storia artistica veneziana si è sviluppata nei secoli in modo singolare e anacronistico, rispetto al resto dell'Europa, seguendo un percorso di originalità e di lenta elaborazione degli influssi esterni. Nata come città bizantina , Venezia è stata a lungo condizionata artisticamente dai suoi rapporti con il mondo arabo. [83]

Se il precursore della pittura veneta è stato certamente Paolo Veneziano (1300–1365), a cui va attribuito il ruolo di mediatore tra il gusto bizantino e le nuove influenze di Giotto , il pittore Giovanni Bellini (1433–1516) fu l'anello di congiunzione tra il Rinascimento italiano e gli sviluppi della pittura lagunare. Oltre a Bellini, tra i massimi esponenti della scena artistica veneziana del XV - XVI secolo si ricordano Giorgione (1478 circa–1510), Tiziano Vecellio (1488 circa–1576) e il Tintoretto (1518–1594). Ancora Palma il Vecchio (1480–1528) esaltato dal Vasari , Jacopo Palma il Giovane (1549–1628), il ritrattista Lorenzo Lotto (1480–1556) o il manierista Paolo Veronese (1528–1588) il produttore di Telero Vittore Carpaccio (1465–1525/26) e ancora Sebastiano del Piombo (1485–1547), amico e collaboratore di Michelangelo . [84]

Nel XVIII secolo , Venezia è uno dei centri culturali e artistici più importanti al mondo. Ai pittori veneziani di questo periodo vengono commissionati moltissimi lavori, che vanno dalla pittura sacra per le chiese alla decorazione dei numerosi e sontuosi palazzi che sorgono in città. Tra di loro troviamo Giovanni Battista Pittoni (1687–1767) e Giovanni Battista Tiepolo (1696–1770) che dipinge in Italia e in Europa. [85] Si sviluppa una scuola di Vedutismo dove emergono il Canaletto , al secolo Giovanni Antonio Canal (1697–1768), Francesco Guardi e Bernardo Bellotto (unico nipote e allievo di Canaletto 1721–1780). Bisogna anche citare l'artista El Greco (1541–1614) cittadino della Repubblica di Venezia che ebbe un enorme successo in Spagna .

Verso la fine del 1700 lo scultore Antonio Canova lavora esclusivamente a Venezia influenzando l'arte dell'epoca tanto da essere ritenuto il massimo esponente del Neoclassicismo . [86]

Numerosissime sono le chiese della città che conservano le opere di questi grandi artisti del Rinascimento veneziano ; tra le pinacoteche cittadine principali: le Gallerie dell'Accademia , il museo Correr e Pinacoteca Egidio Martini ospitata a Ca' Rezzonico .

Con la caduta della Serenissima e la successiva dominazione austriaca del XIX secolo , la vita artistica della città si spegne fino al Risorgimento . Tra i numerosi artisti contemporanei sono da citare il veneziano d'adozione Virgilio Guidi (1891–1984), autore di vedute della laguna, [87] Emilio Vedova o l'architetto designer Carlo Scarpa oppure il pittore Mario Deluigi .

Cinema

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia .

Grazie alle sue caratteristiche ambientali e al suo passato storico, la città di Venezia è stata impiegata come sfondo per numerose pellicole cinematografiche. Nel cinema italiano , Venezia è stata l'ambientazione per le vicende narrate in Venezia, la luna e tu (1958) di Dino Risi , Anonimo veneziano di Enrico Maria Salerno (1970), Dimenticare Venezia di Franco Brusati (1979). La città è stata lo sfondo per raccontare, a metà tra storia e romanzo, le vite di personaggi come Giordano Bruno di Giuliano Montaldo (1973) e del Casanova diretto da Lasse Hallström e interpretato da Heath Ledger (2005).

La città è stata teatro delle opere shakespeariane dell' Otello diretto da Orson Welles (1952) e del Mercante di Venezia di Michael Radford e con protagonista Al Pacino (2004); Venezia è stata inoltre l'ovvia scelta per lo sfondo della trasposizione del romanzo di Thomas Mann Morte a Venezia , diretto da Luchino Visconti (1971), ed è una delle ambientazioni per La leggenda degli uomini straordinari di Stephen Norrington (2003), adattamento dell' omonimo fumetto di Alan Moore .

Hollywood ha scelto la città come teatro per sequenze in film di genere tra il thriller e l' azione , a partire da Nikita (1990) di Luc Besson e passando per The Italian Job (2003) di F. Gary Gray con Mark Wahlberg e The Tourist (2010), diretto da Florian Henckel von Donnersmarck e interpretato da Angelina Jolie e Johnny Depp . Il campione d'incassi Indiana Jones e l'ultima crociata di Steven Spielberg (1989) ha numerose scene ambientate nella città, così come il personaggio di James Bond è transitato a Venezia per i film A 007, dalla Russia con amore di Terence Young (1963), Agente 007 - Moonraker - Operazione spazio di Lewis Gilbert (1979) e Agente 007 - Casinò Royale di Martin Campbell (2006).

Letteratura

Libro stampato da Aldo Manuzio

Tra i veneziani più conosciuti vi è Marco Polo (1254–1324) autore de Il Milione , divenuta l'opera più famosa per la conoscenza del mondo asiatico e della Cina nell'Europa del Medioevo. Altri importanti letterati sono Paolo Sarpi , Francesco Algarotti , Pietro Bembo e Riccardo Selvatico .

Venezia è una città legata a filo doppio alla scrittura, da un punto di vista tecnico innanzitutto poiché è stata sede della prima tipografia italiana, condotta da Aldo Manuzio (1449–1515) e restò importante centro tipografico tanto che nel Settecento vi si stampava ancora la metà dei libri prodotti in Italia. Tra le opere stampate a Venezia anche un testo di matematica: la Pratica d'arithmetica e geometria di Lorenzo Forestani .

A Venezia hanno scritto: Maffio Venier (1550–1586), poeta erotico, Carlo Goldoni (1707 –1793) e Carlo Gozzi (1720–1806) tra i principali autori della commedia dell'arte dialettale e italiana, e Giacomo Casanova (1725–1798), scrittore prolifico ricordato soprattutto per la sua autobiografia Histoire de ma vie ( Storia della mia vita ), che si identifica con Venezia anche per la fama libertina che la città aveva nel Settecento, già cantata anche dal poeta Giorgio Baffo .

Altri scrittori illustri sono Ugo Foscolo (1778–1827) nato a Zante allora Repubblica di Venezia, e Giacinto Gallina (1852–1897) commediografo e erede della commedia goldoniana.

Di Venezia si è scritto moltissimo, basti ricordare Shakespeare (1564–1616) che vi ambienta l' Otello e Il mercante di Venezia .

Thomas Mann è l'autore del romanzo La Morte a Venezia ( 1912 ).

Venezia ha ospitato e ispirato la poetica di Ezra Pound , il quale pubblicò e scrisse nella città la sua prima fatica letteraria A lume spento . Sempre a Venezia, Pound morì nel 1972 ei suoi resti sono seppelliti al locale cimitero dell' isola di San Michele .

Lo scrittore francese Philippe Sollers ha passato gran parte della sua vita a Venezia e ha pubblicato un Dizionario per gli amanti di Venezia (2004).

Gabriele D'Annunzio ambienta a Venezia Il fuoco e nel periodo di convalescenza mentre soggiorna nella residenza da lui denominata " Casetta Rossa " sul Canal Grande, scrive il Notturno .

Iosif Brodskij ha passato lunghi periodi a Venezia a cui ha dedicato il libro Fondamenta degli incurabili . [88] Tra gli altri autori che hanno trascorso periodi veneziani durante i quali hanno scritto figurano anche Henry James , Marcel Proust e John Ruskin .

Il disegnatore Hugo Pratt ha passato buona parte della sua vita a Venezia lavorando a stretto contatto con il fumettista Lele Vianello .

Lo scrittore Tiziano Scarpa ambienta a Venezia i romanzi Venezia è un pesce , Occhi sulla graticola , Stabat Mater , In gita a Venezia con Tiziano Scarpa e Il cipiglio del gufo . [89]

I romanzi La reliquia di Costantinopoli e Ultimo Carnevale di Paolo Malaguti sono ambientati a Venezia. [90] [91]

Musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Scuola veneziana .
Ritratto di Antonio Vivaldi

Le prime testimonianze musicali a venezia si hanno intorno al VI secolo durante il periodo bizantino , ma il periodo di massima attività fu tra il XV e il XIX secolo quando la scuola veneziana si impose come una delle realtà musicali più importanti del mondo. [92]

Centro della scuola veneziana era la basilica di San Marco con i suoi due organi che accompagnavano i cori a cappella in polifonia vocale. La figura del Maestro di Cappella nasce nel 1436 con Johannes de Quadris e si stabilizza con Pietro de Fossis (1491–1525) succeduto dal fiammingo Adrian Willaert (1527–1562) che ebbe il merito di aver reso la città un centro formativo e innovatore nel campo musicale, arrivando a definire lo "stile veneziano". Se in questo periodo la produzione di musica profana è dominante, la musica sacra ha come validi esponenti Andrea (1533–1588) e Giovanni Gabrieli (1557–1612) che ne rappresenteranno le espressioni più alte. Il compositore Claudio Monteverdi (1567–1643) segnò il passaggio dalla musica rinascimentale a quella barocca , abbandonando la forma a cappella per quella concertale , i madrigali . [93]

Tra gli altri esponenti della scena musicale veneziana del XVI secolo possiamo ricordare l'organista Claudio Merulo (1533–1604), il compositore Giovanni Croce (1557–1609) e il teorico musicale Gioseffo Zarlino (1517–1590). La scuola veneziana accolse anche musicisti di altri paesi, tra i quali Hans Leo Hassler e Heinrich Schütz , "il padre della musica tedesca". [92]

Nel 1637 , a Venezia, venne inaugurato il primo teatro pubblico, il celebre San Cassiano dove, grazie al contributo di Francesco Mannelli , viene organizzata in occasione del carnevale la prima stagione lirica pubblica. Negli anni successivi verranno aperti numerosi nuovi teatri, Venezia diventò così un importante centro propulsivo del melodramma in concorrenza con Roma . [93]

Nel secolo successivo , lo stile musicale della città lagunare iniziò ad essere influenzato da contaminazioni estere. Il dramma giocoso fu predominante sulla scena musicale e il suo maggior esponente fu il compositore Baldassare Galuppi (1706–1785). In quegli anni Venezia fu la città natale anche del celebre violinista Antonio Vivaldi (1678–1741), grande esponente della musica d'insieme, a cui si affiancarono i compositori Tomaso Albinoni (1671–1751) e Giuseppe Tartini (1692–1770). [92] Da ricordare anche Alessandro Marcello (1673-1747) autore del celebre "adagio per oboe in re minore" e fratello maggiore di Benedetto Marcello (1686–1739) a cui è intitolato il Conservatorio di Musica della città.

La Cappella Marciana , diretta da Marco Gemmani , è ancora in attività e viene considerata, insieme a quello della Cappella Sistina , uno dei due cori liturgici storicamente più importanti d'Italia. Ininterrottamente fin dal 1490 a San Marco vi sono sempre stati un Maestro e un organista. [94]

Nel XX secolo ricordiamo: Ermanno Wolf-Ferrari (Venezia, 12 gennaio 1876 – Venezia, 21 gennaio 1948), il compositore Luigi Nono (1924–1990) e il direttore d'orchestra Giuseppe Sinopoli (1946–2001).

Dal 1965 fino al 1981 è stata sede della Mostra internazionale di musica leggera assegnando come premio la Gondola d'oro.

Dal 1966 irrompe nella scena musicale italiana e internazionale il gruppo musicale Le Orme , esponenti del rock progressivo .

Il 14 luglio 1989 , la città ospitò un contestatissimo concerto dei Pink Floyd . Il concerto, gratuito e trasmesso in mondovisione, si tenne su un palco galleggiante di fronte a Piazza San Marco. [95] In quegli anni è attivo in città un gruppo reggae , i Pitura Freska , che nel 1991 pubblicano un album con una canzone al riguardo [96] .

La Biennale di Venezia organizza i Festival di musica contemporanea. [97]

Nel 2014 la città di Venezia è stata sede dell'8º Festival della coralità veneta svoltosi nella Scuola Grande di San Giovanni Evangelista .

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina veneziana .

La cucina veneziana è ovviamente caratterizzata da pescato ma non solo: i prodotti degli orti delle isole, il riso della terraferma, la cacciagione, la pesca nell'alto Adriatico, la polenta . Venezia mescola tradizioni locali a influenze lontanissime che vengono dai millenari contatti commerciali.

Le sarde in saor , sarde marinate in grado di conservarsi nelle lunghe navigazioni. I risi e bisi , il fegato alla veneziana , il risotto nero con le seppie, i cicchetti bocconcini raffinati e prelibati, antipasti o da gustarsi tutto il giorno con un bicchierino di prosecco. Non solo: Venezia è famosa per l'anguilla (in veneziano bisàto ) marinata; per i biscotti ovali e dorati chiamati baicoli , e per i vari tipi di dolci come il "pan del pescatore", con mandorle e pistacchi; la crema fritta veneziana; i bussolai dell'isola di Burano (biscotti al burro e pasta frolla fatti ad "S" o ad anello); le chiacchiere dette anche galani , o bugie, o crostoli; la fregolotta (una torta friabile alle mandorle); il budino di latte chiamato rosada ei biscotti di semolino giallo chiamati zaléti .

Eventi

Venezia ospita un gran numero di eventi e manifestazioni a valore internazionale. Con oltre 300 enti e associazioni pubbliche e private coinvolte nell'organizzazione, 2886 eventi distribuiti in 20214 giornate pari ad una media di 56 eventi al giorno (dati del 2014). [98]

Nel campo culturale l'evento di maggior rilievo è la Biennale di Venezia , nata come società di cultura nel 1895 , che comprende al suo interno varie esposizioni multidisciplinari suddivise in settori tra cui: l' esposizione internazionale d'arte (tutti gli anni dispari), la mostra internazionale di architettura (tutti gli anni pari) e la mostra internazionale d'arte cinematografica che si tiene annualmente tra la fine di agosto e l'inizio di settembre.

Tra gli eventi folcloristici il celebre Carnevale di Venezia , che si svolge dal tredicesimo giorno di quaresima al giorno precedente il Mercoledì delle ceneri . Esso risulta essere uno dei carnevali più antichi del mondo, famoso per le sue maschere attira moltissimi visitatori.

La Regata delle Antiche Repubbliche Marinare è una rievocazione storica, istituita nel 1955 , che si tiene ogni quattro anni in un giorno compreso tra la fine maggio e l'inizio di luglio, mentre la prima domenica di settembre di ogni anno si tiene la Regata storica che mischia folclore con l'evento sportivo. In maggio si svolge la Vogalonga evento non competitivo che richiama imbarcazioni e rematori da tutto il mondo.

In ottobre si svolge la Maratona di Venezia mentre dal 2015 si svolge in giugno il CMP Venice night trail una corsa notturna di 16 km. [99]

Tra le ricorrenze religiose, la festa della Madonna della Salute (21 novembre) che costituisce festività locale, la festa della Sensa in occasione dell' Ascensione , la festa del Redentore (terza domenica di luglio) e la festa di san Marco che si tiene ogni 25 aprile.

Tra gli appuntamenti fieristici di notevole importanza vi è il Salone nautico internazionale in primavera. [100] Un popolare appuntamento di primavera è inoltre la marcia non competitiva Su e zo per i ponti che si snoda per le calli ei ponti del centro storico.

In ottobre viene svolta la competizione di Vela (sport) Veleziana organizzato dalla Compagnia della Vela [101]

Geografia antropica

Urbanistica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Piazze e campi di Venezia .

Il territorio del comune di Venezia è amministrativamente diviso in sei municipalità e si presenta nettamente diviso nelle due realtà della Venezia insulare (centro storico e isole) e della terraferma .

Il centro storico di Venezia sorge in mezzo alla laguna omonima su un totale di centodiciotto isolette, consolidate nei secoli grazie a palificazioni in legno [102] , che ne hanno permesso l'urbanizzazione. Alcune di queste isole sono raccolte in gruppi organici tra di loro mentre altre risultano più disperse. Le 118 isolette sono separate da canali navigabili e collegate tra loro da ponti ad uso esclusivamente pedonale.

L'estensione totale del centro storico, escluse le acque interne e le isole maggiori, è pari a 797,96 ettari, il che ne fa uno dei centri storici più grandi d'Italia e d'Europa. Calcolando l'estensione dell'intera I Municipalità, includendo dunque le isole della Laguna quali Murano e Burano, la superficie totale della Venezia insulare ammonta, escluse le acque interne, a 1688,91 ettari.

Veduta di Venezia all'imbrunire

La parte storica della città viene tradizionalmente suddivisa in sei sestieri : Dorsoduro , Santa Croce , San Polo , San Marco , Cannaregio e Castello . I sestieri della città antica si articolano intorno alla doppia ansa del Canal Grande , la via d'acqua principale da cui si snoda una fitta rete di circa 158 canali minori. [103]

Nel secondo dopoguerra sono state edificate molte nuove zone nell'isola di Venezia. Di nuova costruzione sono ad esempio il quartiere di Sacca Fisola , la nuova isola del Tronchetto (con 17 ettari di laguna interrati) e l'area Saffa a Cannaregio .

Nella laguna attorno al centro storico si trovano numerose isole edificate, alcune ormai disabitate. Tra le isole maggiori (che fanno parte anch'esse del comune) si ricordano Murano e Burano , celebri rispettivamente per la lavorazione del vetro e dei merletti , Torcello , Sant'Erasmo , Pellestrina e la lunga e sottile isola del Lido con i suoi stabilimenti balneari.

Nella terraferma si trovano i due grossi centri di Mestre e Marghera , oltre ad altre località minori. Tali centri hanno avuto un grosso sviluppo dopo il secondo dopoguerra , come sfogo per l'espansione edilizia di Venezia, che non disponeva di spazi edificabili nella laguna circostante, e hanno pertanto l'aspetto di città moderne. Nella terraferma risiedono circa i due terzi della popolazione del comune.

Panorama del Canal Grande

Il territorio comunale di Venezia può essere diviso in centro storico, a cui appartiene il primo nucleo della città ed è costituito da un insieme di isole poste nel centro della Laguna di Venezia e la parte posta sulla terraferma che si estende per 130,03 km² .

Il centro storico è sempre stato isolato dalla terraferma (cosa che in più occasioni ha rappresentato un efficiente sistema difensivo) fino al 1846 , quando fu ultimato il ponte ferroviario, affiancato, nel 1933 , dal Ponte della Libertà , aperto al traffico stradale. Il corpo principale della città visto dall'alto ha l'aspetto di un pesce [104] , con la coda rivolta verso est.

Il centro storico di Venezia è stato suddiviso nell' XI secolo in sei sestieri : Cannaregio , Castello , Dorsoduro , Santa Croce , San Marco e San Polo . Dal punto di vista ecclesiastico, Venezia è suddivisa in 70 parrocchie .

I sestieri si sviluppano su 118 isolette collegate da 354 ponti e divise da 177 tra rii e canali . A Venezia si possono inoltre trovare diversi ambienti urbani caratteristici della città, quali la calle , il sotoportego , la ruga , la corte , il campo , il campiello , la riva , la fondamenta e la salizada . I nomi delle calli e dei campi sono dipinti sui muri (si tratta dei cosiddetti nizioleti ) eccezion fatta per Corte Cappello, a Castello.

I canali principali della città sono il Canal Grande e il Canale della Giudecca . Il primo taglia in due la città tracciando una " S " (divide Venezia in due zone nettamente distinte: "de ultra", al di là dell'acqua, e "de citra", al di qua, distinzione ancora corrente, molto sentita dalla popolazione), il secondo, disponendosi a sud della città, separa il centro storico propriamente detto dall'isola della Giudecca ed è molto trafficato dalle grosse navi da carico e passeggeri che vanno ad attraccare alla Stazione Marittima. Anticamente le vie maggiormente usate erano proprio quelle d'acqua, che fornivano la visione principe della città: questo spiega perché alcune facciate importanti di palazzi diano su rii anche non molto larghi.

Nel tempo hanno avuto luogo discussioni sul futuro di Venezia. Già nel Cinquecento c'era chi, il proto Cristoforo Sabbadino , progettava il mantenimento dell'acqua e chi, lo scrittore Alvise Cornaro , auspicava il riscatto dal passato eliminando i canali. L'acqua ha sempre dato preoccupazioni. Richiede cure, investimenti cospicui per evitare l'impaludamento quanto l'allagamento. L'acqua nello stesso tempo, però, attrae e affascina e, senza di essa, Venezia perderebbe senso.
Una ricerca del 2014 condotta in collaborazione con l'UNESCO di Venezia ha identificato i principali fenomeni usuranti e di degrado che compromettono la stabilità dell'equilibrio di sistema e la sopravvivenza del tessuto urbano: il problema dell'acqua alta, il moto ondoso da vento e da traffico acqueo, l'inquinamento, il degrado del patrimonio edilizio e delle pavimentazioni, i cambiamenti di destinazione d'uso dovuti alla progressiva perdita di popolazione residente, le modificazioni della struttura del commercio locale, oltre alla crescente pressione antropica determinata dai flussi turistici. [105]

La conformazione e il terreno su cui sorge Venezia hanno richiesto la soluzione a diversi problemi nella costruzione degli edifici e nell'urbanistica della città [106] .

  • Il consolidamento delle fondamenta, ottenuto piantando nel terreno instabile delle isole lagunari dei pali di legno.
  • L'assenza di fonti di acqua potabile ha portato allo sviluppo dei campi e campielli, dove la stessa area urbana veniva usata come un'enorme cisterna, isolata dalle infiltrazioni della laguna con argilla e riempita di sabbia per la raccolta e il filtraggio dell'acqua piovana, infine un pozzo al centro del campiello permetteva l'approvvigionamento di acqua potabile. Spesso le vere da pozzo sono vere e proprie opere d'arte in marmo bianco, se ne contano 600 circa ma, prima della costruzione dell'acquedotto nel 1858, ne esistevano 6782 in tutta la città. [107] [108]
  • L'adeguamento delle abitazioni con ingressi via acqua per l'accesso delle persone e dei magazzini per il carico scarico delle merci.

Architettura, a Venezia, significa anche "architettura" del paesaggio e dell'ambiente.

Il delicato equilibrio della laguna, che risente dell'apporto di sedimenti e di acqua dolce dai fiumi, dell'invasione dell'acqua marina in base alle maree e al vento, ha reso necessario l'attento controllo del regime delle acque nel corso dei secoli, in ciò Venezia è stata maestra nel passato modellando la laguna con interventi idraulici e di gestione ambientale e trovando un equilibrio tra laguna e città. Tale equilibrio si è rotto nel corso del XX secolo a causa dell'intervento umano portando all'aggravamento del fenomeno dell'acqua alta [109] . Il progetto MoSE , ormai deciso da parte del Governo Nazionale per salvare Venezia dalle acque alte [110] è contestato da alcuni ambienti cittadini. [111]

Un elemento tipico dell'architettura di Venezia è la patera .

Sestieri di Venezia :

     Cannaregio

     Castello

     Dorsoduro

     San Marco

     San Polo

     Santa Croce

Come già accennato, il primo nucleo della città, ergo, il centro storico, è costituito da un insieme di isole poste nel mezzo della laguna di Venezia , sulla costa adriatica nord-occidentale ( golfo di Venezia ), per un totale di circa 60 000 abitanti. A queste si aggiungono la maggior parte delle isole dell'estuario (circa 30 000 abitanti) e la terraferma (circa 180 000) che con i suoi 130,03 km² di estensione, rappresenta l'83% delle superfici emerse del territorio.

Il centro storico è sempre stato isolato dalla terraferma (cosa che in più occasioni ha rappresentato un efficiente sistema difensivo) fino al 1846 , quando fu ultimato il ponte ferroviario, affiancato, nel 1933 , dal Ponte della Libertà , aperto al traffico stradale; lungo 4 km collega Mestre a piazzale Roma . Dista circa 37 km da Treviso e 40 km da Padova .

Suddivisioni storiche

Venezia è tradizionalmente divisa, fin dall' XI secolo in sei sestieri : Dorsoduro , Santa Croce , San Polo , San Marco , Cannaregio e Castello . I confini territoriali comunali subirono però, dopo l'unità d'Italia, numerose variazioni. Nel 1883 venne annesso il comune di Malamocco . Successivamente entrarono a far parte del comune di Venezia Marghera di Mestre (1917), Pellestrina (1923), Murano , Burano e Ca' Savio di Burano (1924) e infine Chirignago , Zelarino , Mestre , Malcontenta di Mira e Favaro (1926).

Vista del Lido
Vista di Burano

Negli anni settanta si accese il dibattito sulla separazione dal comune di Venezia di tutta la zona della cosiddetta Terraferma veneziana . Nei tre referendum consultivi del 1979, 1989 e 1994 la maggioranza della popolazione si espresse contro la separazione. La zona di Cavallino-Treporti divenne invece comune autonomo nel 1999 a seguito del risultato positivo del referendum svoltosi il 13 dicembre 1998. A seguito dell'esperienza positiva del comune di Cavallino-Treporti, nel 2003 venne riproposta per la quarta volta alla cittadinanza la tematica della separazione dell'area di Mestre e della terraferma dalla Venezia insulare; anche quest'ultima consultazione referendaria ebbe esito negativo e inoltre non venne raggiunto nemmeno il quorum come pure nel quinto referendum del 2019, nonostante per la prima volta la maggioranza degli elettori recatisi alle urne si sia espressa in maniera favorevole alla separazione.

Suddivisioni amministrative

Il comune di Venezia è amministrativamente suddiviso nelle seguenti municipalità [112] [113] :

  1. Municipalità di Venezia-Murano-Burano (altrimenti detta Venezia insulare) (60 198 ab. e 211 km² ) (ex Quartieri numero 1 San MarcoCastelloSant'Elena , numero 2 Cannaregio , numero 3 DorsoduroSan PoloSanta Croce , numero 4 GiudeccaSacca Fisola , numero 7 Murano e numero 8 Burano )
  2. Municipalità di Lido-Pellestrina (altrimenti detta Venezia litorale) (20 183 ab. e 72 km² ) (ex Quartieri numero 5 Lido - Malamocco – Alberoni e numero 6 Pellestrina – San Pietro in Volta)
  3. Municipalità di Favaro Veneto (23 873 ab. e 45 km² ) (ex Quartiere 10 Favaro)
  4. Municipalità di Mestre-Carpenedo (altrimenti detta Mestre centro) (89 373 ab. e 24 km² ) (ex Quartieri numero 11 Carpenedo Bissuola, numero 15 Piave 1866, numero 13 San Lorenzo 25 aprile, numero 12 Terraglio)
  5. Municipalità di Chirignago-Zelarino (altrimenti detta Mestre ovest) (39 083 ab. e 26 km² ) (ex Quartieri numero 14 Cipressina – Zelarino – Trivignano e numero 16 Chirignago – Gazzera)
  6. Municipalità di Marghera (28 645 ab. e 35 km² ) (ex Quartiere 17 Marghera – Catene e numero 18 Malcontenta)

Le municipalità furono istituite il 7 febbraio 2005 e divennero operative dal 21 aprile dello stesso anno. In precedenza, il territorio comunale era diviso in 13 quartieri (18 fino al 1997 ) [114] .

Economia

Venezia è stata per quasi un millennio una città di commerci, diventata potente grazie alla sua posizione difensiva (da invasioni terrestri) e nelle sue istituzioni ad uso dei mercanti.

Dopo la decadenza ottocentesca , nel Novecento la città ha trovato nuove risorse nel turismo .

Agricoltura

L' agricoltura conta sulle aree rurali della terraferma, in particolare quelle che si estendono a sud di Marghera ea est di Mestre . Degna di nota è anche l'orticoltura ancora praticata in varie isole della laguna che, più per la quantità, spiccano per la qualità e la specificità dei prodotti (tipico il carciofo violetto di Sant'Erasmo ). Nel 2007 si contavano 917 imprese agricole nel territorio comunale (compreso Cavallino-Treporti ), in netto calo rispetto al quinquennio precedente [115] .

Pesca

La pesca si basa su 366 imprese [115] .

La Vongola filippina ( Tapes philippinarum ), differente dalla Vongola verace italiana ( Tapes decussatus ) [116] , detta in veneziano caparòssoło , introdotta nel Mediterraneo negli anni settanta e recentemente diffusasi in laguna [117] , ha influito sulle forme di pesca tradizionale, la pesca del novellame e la pesca della mołéca ; la mołéca è il granchio in una fase dello sviluppo (ovvero, durante il cambiamento della muta) in cui mancano parti dure ed è completamente molle, è una prelibatezza gastronomica e la sua pesca, compiuta ormai da pochi, si svolge secondo una tecnica immutata da secoli, trasmessa di padre in figlio e che richiede una decina di anni per la formazione del pescatore [118] . Negli ultimi anni si sono verificati episodi di criminalità legati alla pesca illegale di vongole in terreni inquinati [119] [120] .

Secondo il Censimento dell'Industria e dei Servizi del 2001 [121] , al settore primario partecipavano 760 addetti, pari al lo 0,5% della forza lavoro occupata nel comune.

Artigianato

Vista l'importanza del turismo, l'artigianato tipico è ben vivo in città. Tra i prodotti più noti, si ricordano i vetri di Murano ei merletti di Burano . È ancora attivo qualche squero , il cantiere dove si costruiscono e si riparano le imbarcazioni veneziane, come le gondole , secondo i metodi tradizionali.

Industria

La nave da crociera Costa Favolosa in costruzione a Porto Marghera

L'industria del comune si basa sul polo di Porto Marghera , notevolmente ridimensionato rispetto a qualche decennio fa. L'inquinamento dell'aria è un problema ben conosciuto e che coinvolge tutta l'area della pianura padana, anche se è praticamente inesistente il traffico veicolare nella città storica si registrano gli stessi livelli di particolato Pm10 che si registrano sulla terraferma [122] .

Il polo petrolchimico di Marghera genera emissioni di inquinanti nell'aria e nell'acqua della laguna. Una recente indagine ha rilevato le quantità per una serie di sostanze emesse in atmosfera distinte per settore di attività, leggiamo che in un anno (dati relativi al 1999) vengono emesse 23 000 t di ossidi di azoto , 27 000 t di ossidi di zolfo , 1 500 t di particelle sospese e ancora metalli come 9 t di ferro , 3 t di rame , 1, 5 t di piombo e così via [123] . Se in un primo tempo, all'inizio del Novecento, il polo industriale era visto come fonte di progresso e di benessere economico, nel corso dei decenni nella popolazione si è sviluppato un atteggiamento sempre più critico, fino a sfociare nel celebre, e tormentato, mega processo al petrolchimico che ha visto fronteggiarsi come parte civile i lavoratori e familiari di lavoratori del petrolchimico, le autorità civili (tra queste la Regione Veneto, la Provincia e il Comune di Venezia insieme alla Presidenza del Consiglio e al Ministero dell'Ambiente ) associazioni ambientaliste e sindacali contro ventotto imputati e responsabili civili le maggiori aziende chimiche ( Edison , Syndial (ex EniChem), Eni e Montefibre ), il processo si è chiuso nel maggio del 2006 con la sentenza diCassazione [124] [125] [126] .

Al settore energetico (acqua, elettricità, gas) fanno capo 2 214 lavoratori. Gli addetti delle industrie estrattive e chimiche sono 7 176, quelli delle industrie metallurgiche 9 203; gli addetti all'edilizia sono 7 144. Le altre industrie riguardano 4 983 lavoratori [121] .

Porto Marghera al tramonto

Importante l'industria navale presente con la Fincantieri .

Servizi

Il settore trainante della economia veneziana è quello dei servizi. Nel commercio operano 35 629 unità, nei trasporti, nelle comunicazioni e nel settore informatico 7 346; credito e assicurazioni riguardano 22 262 lavoratori, mentre gli addetti ad altri servizi e alla pubblica amministrazione sono 37 070 [121] .

La raccolta dei rifiuti urbani e il servizio idrico sono effettuati da Veritas .

Turismo

I dati ufficiali delle presenze turistiche inseriscono Venezia al terzo posto in Italia per numero di visitatori dopo Roma e Milano nel 2015 [127] e 2016 [128] con oltre 10 milioni di presenze. Per valutare adeguatamente il fenomeno, è però da considerare che diversi milioni di persone all'anno visitano Venezia soggiornando nei vicini comuni di Cavallino-Treporti (fino al 1999 quartiere del Comune di Venezia, 6 milioni di presenze turistiche nel 2017), Jesolo (5,3 milioni), Caorle (4,2 milioni), collegati alla città con linee dirette sia private che pubbliche. Visite giornaliere a Venezia vengono organizzate da diversi tour operator della zona del Lago di Garda e di tutte le località turistiche principali del Veneto, così come anche – via catamarano – dalle vicine coste istriane, con corse giornaliere nel periodo estivo da Rovigno , Parenzo , Pola , Pirano e Umago .

Meta di viaggio da secoli, i primi testi dedicati alla scoperta di Venezia ad uso dei viaggiatori risalgono ancora al XV secolo [129] . Venezia era una tappa obbligata del Grand Tour (espressione da cui derivò la parola turismo ) che a partire dal XVII secolo veniva intrapreso dai giovani aristocratici europei per perfezionare il loro sapere. Su Venezia lasciarono le proprie impressioni di viaggio, pensieri o aforismi alcuni dei massimi scrittori e pensatori europei e mondiali, quali Goethe , Mann , Nietzsche , Proust , Stendhal , Byron , Pirandello , D'Annunzio , Hemingway , Dostoevskij e molti altri.

Il turismo ha assunto sempre più un peso decisivo per l'economia della città, tanto da rendere via via problematico negli anni il rapporto fra la città storica con i suoi delicati equilibri e le masse di turisti in visita, spesso frettolosa [130] .

La legge di bilancio per il 2019 ha introdotto la possibilità di introdurre una "tariffa di sbarco" anticipata dai vettori di trasporto (pullman, aerei, navi da crociera) che accedono alla città antica di Venezia, estendendo la possibile imposizione comunale della tassa di soggiorno anche ai flussi giornalieri di turisti [131] . La tassazione si propone anche il fine di «conseguire un effetto selettivo e moderare l'accesso delle cosiddette grandi navi alla zona lagunare» [131] .

Inquinamento

Le principali fonti di inquinamento delle acque lagunari sono determinate dagli scarichi industriali di origine civile e agricola che vengono sversati direttamente in laguna o introdotti tramite la rete idrografica del bacino scolante. L'insediamento industriale di Porto Marghera e in particolare il Petrolchimico ha costituito per molto tempo una delle principali fonti di inquinamento della laguna veneta. Le fonti di inquinamento non sono soltanto quelle prodotte dalle attività industriali ma sono anche quelle derivate dagli scarichi di tipo domestico dei centri abitati lagunari privi di adeguati sistemi di depurazione e l'apporto di sostanze inquinanti provenienti dai terreni agricoli concimati del bacino scolante. Inquinamento dei fondali nell'area tra Venezia e Marghera. [132]

Tra le altre cause di inquinamento, anche il passaggio delle navi da crociera e di altre imbarcazioni turistiche nella laguna. Attraverso uno studio realizzato da Transport & Environment [133] , gli studiosi hanno messo a paragone l'impatto ambientale di 68 navi da crociera con le circa 111.000 automobili registrate nell'area comunale (Marghera e Mestre incluse): le prime hanno emesso diossido di zolfo in quantità 20 volte maggiore rispetto alle seconde. È stato anche rilevato inoltre il 138% in più di monossido di azoto (un gas sempre derivante dalla combustione che può portare a malattie infiammatorie croniche delle vie respiratorie e alla riduzione dell'attività polmonare) e il 20% in più di Pm2.5. A questi ultimi due agenti inquinanti in particolare sono state attribuite rispettivamente 20.000 e 60.000 morti premature in Italia solo nel 2018. Se 68 navi inquinano molto più di 111.000 automobili, è facile dedurre l'impatto ambientale del crocierismo a Venezia, dove di questi colossi ne passano in media due al giorno. Perdipiù, a causa della mancanza di infrastrutture adatte, durante la sosta le navi mantengono i motori accesi per garantire i servizi a bordo. Oltre alle emissioni poi generano un enorme inquinamento acustico , elettromagnetico (per via dei radar) e marino , a causa delle vernici antivegetative delle carene [134] .

Infrastrutture e trasporti

Traffico in Canal Grande

Per la sua particolarità di svilupparsi sia sulla terraferma sia sulla laguna, la città di Venezia ha sviluppato un complesso sistema di trasporti sia per via terrestre sia acquea, in grado di permetterle di assolvere a qualsiasi necessità di collegamento, approvvigionamento o di servizio, sia pubblico sia privato. Una simile peculiarità si rende evidente nel centro storico della città e nelle isole dove qualunque spostamento di persone o cose avviene o tramite imbarcazioni o per via pedonale.

La navigazione all'interno della gronda lagunare , sebbene ricada sotto diversi regolamenti e giurisdizioni (Comune di Venezia, Capitaneria di Porto di Venezia, Provincia di Venezia, Magistrato alle Acque, Comune di Chioggia, Capitaneria di Porto di Chioggia, Comune di Cavallino-Treporti) è stata in tempi recenti regolamentata in modo univoco con l'applicazione di un unico regolamento stabilito da un'autorità commissariale governativa e l'applicazione di limiti di velocità, zone a traffico limitato e in generale di un sistema di cartellonistica simile a quella in uso sulle strade. Tale azione di riordinamento del traffico acqueo è volta in particolare alla riduzione del moto ondoso provocato dalle imbarcazioni a motore che causa difficoltà di navigazione per le imbarcazioni tradizionali a remi e danni alle rive, costantemente sottoposte ad un intenso fenomeno erosivo.

Strade

Il territorio della città metropolitana è interessato dall' Autostrada A4 , Autostrada A27 e dall' Autostrada A57 Tangenziale di Mestre .

La città è inoltre servita da diverse strade statali e provinciali:

L'intera rete è collegata al centro storico attraverso il ponte della Libertà , che congiunge la terraferma con i due terminali stradali della città:

  • l' isola del Tronchetto , destinata al flusso turistico e privato, dotata di parcheggi e interscambi con le linee traghetto per il Lido e le linee di navigazione urbana. Dal Tronchetto dall'aprile del 2010 è più veloce raggiungere la città "pedonale" grazie al people mover ;
  • piazzale Roma , capolinea delle linee di autobus urbani ed extraurbani e polo di interscambio con le principali linee di navigazione urbana.
La stazione di Venezia Santa Lucia , la principale della città

Ferrovie

Venezia è un importante snodo ferroviario per l'Italia nord-orientale in cui convergono le linee:

Lo smistamento dei treni avviene presso la stazione di Venezia Mestre , da dove la ferrovia prosegue verso il lungo Ponte della Libertà fino ad arrivare alla stazione terminale di Venezia Santa Lucia , posta all'estremità occidentale del Canal Grande e luogo di interconnessione con i trasporti urbani lagunari.

Venezia è una delle mete servite dal famoso Venice-Simplon Orient Express .

Porti

Nave da crociera in Bacino San Marco

Il porto di Venezia è il sesto porto in Italia per volume di traffico commerciale. Il movimento merci vede transitare il 6% del traffico totale nazionale, con 29 000 migliaia di tonnellate circa (dati 2004). [135] Relativamente basso invece il traffico passeggeri: il movimento complessivo tra sbarchi e imbarchi di 1 365 375 unità rappresenta il 3,06% del totale nazionale (dati 2005). [136] Il 70% circa del traffico passeggeri è dato dal settore crocieristico : il più ad alto valore aggiunto. Oltre a ciò, il trend di crescita di questo settore è stato rapidissimo: in dieci anni è passato da meno di mezzo milione a 1 453 513 passeggeri (dati 2006), [137] facendo di Venezia il primo porto crocieristico italiano e uno dei primi al mondo: su un parco mondiale di 282 navi da crociera, ben 80 toccano lo scalo veneziano. [138]

Le navi accedono in laguna attraverso le due "bocche di porto" del Lido e di Malamocco . I moli e le banchine sono dislocati su un'ampia porzione di territorio e ripartiti per funzione:

Aeroporti

L' Aeroporto Internazionale Marco Polo inaugurato il 31 luglio 1961 in località Tessèra , è diventato in breve tempo quello di riferimento nel Veneto e terzo in Italia per volume di traffico passeggeri. Nel trasporto merci, Tessera è il secondo scalo in regione dopo l' aeroporto di Treviso-Sant'Angelo .

Dal 2004 l'aeroporto utilizza la nuova aerostazione, dotata di finger per aeroplani e progettata per operare con 15 milioni di passeggeri l'anno; nel 2017 il numero di passeggeri è stato di 10.355.205 con un aumento del 7,7% [139]

Per l'aviazione privata e amatoriale è attivo inoltre l' aeroporto turistico Giovanni Nicelli (ex Venezia-San Nicolò) che si trova al Lido di Venezia .

Mobilità urbana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: People Mover di Venezia , Imob e ACTV .
Esempi di mezzi pubblici veneziani, in senso orario: pontile del servizio pubblico, vaporetto , battello foraneo , taxi acqueo

Oltre alle normali reti di trasporto pubblico urbano (autobus e tram ), che servono la terraferma e le isole del Lido e di Pellestrina , il centro storico e le isole lagunari sono collegate da una fitta rete di linee di navigazione operate dall'azienda ACTV per le quali è utilizzata un'ampia gamma di mezzi, differenziati a seconda delle esigenze:

  • Vaporetti , utilizzati nelle linee interne urbane che percorrono il Canal Grande, hanno una capienza di circa 250 persone.
  • Motoscafi , utilizzati nelle linee urbane di circumnavigazione per la loro superiore velocità e minore altezza dato il passaggio sotto ponti bassi, hanno una capienza di circa 150 persone.
  • Battelli foranei , utilizzati nei collegamenti minori e maggiori con le isole, hanno una capienza di circa 250-350 persone.
  • Motonavi , utilizzate nei collegamenti maggiori con le isole per la loro alta capacità e funzionalità in ogni condizione atmosferica grazie ad apparati radar, hanno una capienza di circa 1200 persone. Sono gli unici mezzi abilitati a navigare nei canali maggiori con forte nebbia. Nonostante ciò nel 2000 una motonave è stata urtata, provocando solo feriti, da un cargo estero che si è dato alla fuga.
  • Motozattere , noti anche come ferry boat, utilizzate per il trasporto di autoveicoli e autotreni, circa 70, da e per l'isola del Lido. Tra Lido e l'isola di Pellestrina vi è un'ulteriore spola di ferry con ridotte capacità, circa 40 mezzi, che lavora all'unisono con la linea di autobus che percorre interamente le due isole.

Tali mezzi acquei dispongono di approdi, i cosiddetti pontili , costituiti da pontoni galleggianti ormeggiati a robuste palificazioni e collegati alle rive tramite passerelle: ne esistono quasi un centinaio di vario genere e grandezza sparsi per la città e la laguna. Nell'ambito del trasporto pubblico di linea opera dal 1999 Alilaguna , società privata con una partecipazione pubblica del 30% di Actv, che garantisce il collegamento via acqua tra l'aeroporto di Venezia e il centro storico. Le tariffe Alilaguna non sono integrate con le tariffe ACTV.

Il tram sul Ponte della Libertà , in arrivo a Venezia

Presso Venezia-Piazzale Roma e Lido-Santa Maria Elisabetta avviene l'interscambio tra il trasporto pubblico acqueo e quello su gomma, sono inoltre presenti collegamenti da e per il terminale di Fusina , l'aeroporto e Punta Sabbioni , nel comune di Cavallino-Treporti .

Relativamente ai collegamenti pubblici, è attiva dal 15 settembre 2015 la linea tramviaria di collegamento tra Venezia e Mestre . È attivo un people mover che collega Piazzale Roma al Tronchetto . Dal 1º maggio 2008 è entrato in funzione ilsistema di bigliettazione elettronica Imob .

Sempre nell'ambito del trasporto pubblico, nella città storica è attivo un servizio taxi su imbarcazioni funzionante esattamente come qualsiasi altro servizio di auto pubbliche del mondo.

Tipico sistema per attraversare il Canal Grande, infine, è il traghetto pubblico, economico servizio svolto con le tipiche gondole "da parada" manovrate da due gondolieri. Il servizio è attivo nei cinque "stazi" di Dogana, Santa Maria del Giglio, Riva del Vin/Riva del Carbon, San Tomà, Santa Sofia.

Imbarcazioni lagunari

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Imbarcazioni veneziane .
Gondola a Venezia

Per la sua caratteristica di essere sempre stata una città in cui le vie d'acqua sono state usate come principale via di trasporto, a Venezia esistono numerosi tipi di imbarcazioni per diversi usi.

La più caratteristica delle imbarcazioni lagunari è certamente la gondola . Per le sue caratteristiche di manovrabilità e velocità essa è stata, fino all'avvento dei mezzi motorizzati, l'imbarcazione veneziana più adatta al trasporto di persone. Storicamente veniva costruita e ricoverata in rimessaggio in piccoli cantieri detti squèri , come ad esempio lo squero di San Trovaso , questa imbarcazione è usata soprattutto a scopi turistici, ma anche per cerimonie come matrimoni e funerali oppure per avvenimenti sportivi, come la celebre Regata Storica .

Alcuni esempi di imbarcazioni da lavoro veneziane
Da in alto a sinistra in senso orario: Carabinieri , idroambulanza , Polizia , Vigili del Fuoco

Per il trasporto privato esiste un'amplissima gamma di imbarcazioni, delle più svariate forme e dimensioni, le più numerosi delle quali sono perlopiù imbarcazioni tipiche veneziane . Per tale naviglio privato esiste una fitta rete di servizi, con rimesse per l' alaggio e il varo , cantieri per la costruzione e manutenzione, distributori di carburante e ormeggi privati, sia temporanei sia dati in concessione.

Così come per le persone ei servizi pubblici, anche le merci seguono, nella città storica, un doppio percorso acqueo e terrestre, snodo principale di tale sistema è l'isola del Tronchetto, dove le merci vengono scaricate dai camion e trasbordate sulle imbarcazioni che provvedono poi a distribuirle in tutta la città (e viceversa). Analogamente qualsiasi altra attività lavorativa, dai trasporto-valori alle imprese edili, sono dotate di propri mezzi acquei atti a consentire lo svolgimento delle loro occupazioni.

Nel centro storico tutti i servizi di pubblica utilità e le amministrazioni pubbliche sono dotate di proprie imbarcazioni per le più svariate attività, dal servizio di rappresentanza all'emergenza sanitaria, si incontrano così imbarcazioni della Polizia di Stato , dei Carabinieri , della Guardia di Finanza , idroambulanze del Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica , imbarcazioni antincendio dei Vigili del Fuoco , pattuglie della Guardia Costiera , della Polizia Locale , Provinciale , di cui è presente il distaccamento Lagunare , barche della Polizia Penitenziaria , del Servizio Postale , della nettezza urbana o addette ai servizi funebri. Molte delle istituzioni utilizzano imbarcazioni progettate esclusivamente per la laguna Veneta.

Amministrazione

Ca' Farsetti e Ca' Loredan . I due palazzi sono sede comunale
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Venezia .

Gemellaggi

Venezia è gemellata con le seguenti città: [140]

Esistono accordi di cooperazione con: [140]

Sport

Calcio

Lo Stadio Pier Luigi Penzo , utilizzato dal Venezia Football Club
Lo Stadio Francesco Baracca , utilizzato dall'Associazione Calcio Mestre

La più antica e blasonata squadra di calcio cittadina è il Venezia Football Club : fondata nel 1907 dalla fusione delle sezioni calcistiche delle polisportive Palestra Marziale e Costantino Reyer , adottò la denominazione Venezia Foot-Ball Club ei colori sociali rosso-blu (poi sostituiti dal nero-verde nel 1909 e transitoriamente dal rosso veneziano nel quinquennio 19301934 ). Tale club ha nel tempo mutato in varie occasioni la propria denominazione e ha attraversato diverse interruzioni d'attività e rifondazioni: nel 1987 la fusione con la squadra del Mestre portò in dote l'arancione come terzo colore sociale e gli appellativi di Unione e Venezia-Mestre . La denominazione e struttura societaria correnti sono state raggiunte nel 2015 a seguito dell'acquisizione del club da parte dell'imprenditore americano Joe Tacopina . Il massimo successo del Venezia (che annovera diverse partecipazioni ai campionati di prima serie) è costituito dalla vittoria della Coppa Italia 1940–1941 . La squadra militerà in Serie A per la stagione 2021-2022.

La seconda squadra cittadina è l' AC Mestre , rappresentativa dell' omonima località di terraferma . Fondata nel 1927 , nel 1987 si fuse con il Venezia , per poi essere rifondata nel 1991 e ancora nel 2003 e infine (assumendo il corrente assetto) nel 2015 . Essa vanta come maggior successo la partecipazione al campionato di Serie B 1946–1947 , quando questa era suddivisa in tre gironi.

I due principali stadi cittadini sono il " Pier Luigi Penzo ", ubicato sull'isola di Sant'Elena , e il " Francesco Baracca" di Mestre .

Basket

Nel 1872 venne fondata la società Reyer Venezia , a cui fa capo la squadra di pallacanestro cittadina che milita dalla stagione 2011–2012 in Serie A e che nel corso della sua storia ha conquistato quattro scudetti, l'ultimo nella stagione 2018–19 e la Coppa Italia 2020 . Nel 2017–18 ha vinto la FIBA Europe Cup 2017–2018 .

Anche la squadra femminile Reyer Venezia Femminile milita ai massimi livelli, disputando il campionato nazionale di Serie A1 nel suo palmares può contare su uno scudetto (1945–46) , una Coppa Italia 2008 (pallacanestro femminile) , una supercoppa Italiana (2008), una WABA Liga (2014–2015).

In serie A2 femminile milita la squadra Giants Basket Marghera 2016–2017 vincitrice anche di una coppa Italia di Serie A2 .

Scherma

Venezia ha sempre avuto una forte tradizione schermistica. Le due società storiche (non più esistenti) Circolo della Spada di Venezia (vincitore di due Campionati italiani assoluti di scherma ) e il Circolo della Spada di Mestre (vincitore di quattro Campionati italiani assoluti di scherma ) assieme agli esistenti circoli del Dlf Venezia [141] il circolo Foscarini Scherma e il Circolo Scherma Mestre [142] hanno formato una serie di campioni italiani, mondiali e olimpionici tra cui Andrea Cipressa , Dorina Vaccaroni , Mauro Numa , Antonella Ragno-Lonzi , Fabio Dal Zotto , Andrea Borella , Francesca Bortolozzi , Luigi Narduzzi , Matteo Zennaro .

Voga veneta

Vogatori su " mascarete "

È assai praticata a livello agonistico la voga veneta : in città si tengono numerose regate per imbarcazioni tipiche durante tutto il corso dell'anno e che hanno il loro culmine nelle competizioni che si svolgono in occasione della Regata Storica . Nel territorio comunale sono presenti 33 circoli sportivi [143] che partecipano a più di 120 regate.

Altre discipline

Nel campo del rugby al 1986 risaliva il Veneziamestre Rugby , ora disciolto. Presente anche la società rugbistica Lido di Venezia che milita in serie C.

Nel campo della pallavolo le squadre cittadine militano in serie C.

A San Marco ha sede la Compagnia della Vela , fondata nel 1911 e vincitrice della Louis Vuitton Cup nell'ambito della XXIII America's Cup con Il Moro di Venezia .

Viene praticata la pallanuoto da tre società: la Pallanuoto Sant'Alvise (allenata dalla ex campionessa olimpionica kazaka Julija Pyreseva), con sede nella piscina di Sant'Alvise, e dalla Pallanuoto Venezia con sede nella piscina "Rari Nantes" di Sacca Fisola e la Pallanuoto Mestrina che milita in Serie B .

Il nuoto competitivo e nuoto sincronizzato viene praticato nelle società Rari Nantes, Nuoto Venezia, Serenissima Nuoto e Polisportiva Terraglio.

Viene praticato molto anche il canottaggio in tantissime società tra cui le più famose sono laReale Società Canottieri Bucintoro (nata nel 1882), [144] Canottieri Diadora (1898) , [145] Canottieri Giudecca e Reale Società Canottieri Querini (1901). [146]

Dal 1908 al 2009 si è tenuta la gara di Motonautica Pavia -Venezia gara attraverso il fiume Po . [147]

Dal 1990 l'associazione Motonautica Venezia organizza la gara Venezia- Monte Carlo . [148]

Il tiro con l'arco viene praticato nella società Arcieri del Leon [149] e la compagnia Arcieri Conte di Carmagnola. [150]

Il tiro a segno viene praticato presso l'antica società TSN Venezia (1858). [151]

Infine, il Centro Universitario Sportivo di Venezia svolge numerose attività. [152]

Note

Esplicative

  1. ^ Il primo patrono di Venezia fu Teodoro , in veneziano "tradotto" come Todaro , nome assai presente nella toponomastica e nella letteratura lagunare.
  2. ^ La festività di san Marco ricorre il 25 aprile, giorno della festa nazionale della Liberazione . Per tale ragione la città ha scelto il 21 novembre, giorno della Madonna della Salute , come festività locale sostitutiva.
  3. ^ Poiché manca una grafia standardizzata per il veneziano e il veneto in generale, per trascrivere la pronuncia locale vengono utilizzate grafie alternative: Venesia , Venezia , Venexia , Venessia e Venezsia . In antico diffuse anche le grafie Vinegia e Venethia . In latino il nome della città è Venetiae e si tratta di un plurale tantum , cfr. a questo proposito il paragrafo Origini del nome .
  4. ^ Un meccanismo, questo, analogo a quanto avvenuto per i nomi di altre città, come Atene , chiamata Ἀθῆναι ( Athénai ; lat.: Athenae ) perché costituita di più circoscrizioni, i demi
  5. ^ I quattro cavalli esposti al primo livello della basilica sono in realtà delle copie: gli originali sono custoditi nel museo di San Marco per motivi di protezione dagli agenti atmosferici e inquinanti
  6. ^ Dal 1951 i dati sono da fonte comunale e non censuaria.
  7. ^ Dal 1991 i dati comprendono anche i cittadini senza fissa dimora.
  8. ^ Dal 2001 i dati non comprendono la popolazione dell'ex quartiere 9 Cavallino-Treporti (conteggiata nell'estuario), divenuto comune autonomo nel 1999 .
  9. ^ Al fine di «sottolineare l'attualità editoriale della ricerca» dal 2003 Legambiente ha preferito nominare il dossier con l'anno in cui inizia ad essere distribuito al pubblico, nonostante i dati si riferiscano all'anno precedente; così il rapporto 2003 riporta i dati 2002, il 2004 i dati 2003 e così via. Per praticità, qui sono stati riportati i dati relativi all'anno di ricerca e non all'anno di pubblicazione, pertanto i dati 2002 sono in realtà quelli riportati nel rapporto 2003, i dati 2003 sono quelli del rapporto 2004 e via dicendo.

Bibliografiche

  1. ^ Quota riferita al caposaldo di Punta Salute (Canal Grande) , su comune.venezia.it . URL consultato il 18 febbraio 2016 (archiviato dall' url originale il 2 marzo 2016) .
  2. ^ Superfici amministrative , su comune.venezia.it , Città di Venezia. URL consultato il 12 giugno 2019 .
  3. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2021 (dato provvisorio).
  4. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  5. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  6. ^ Luciano Canepari , Venezia , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  7. ^ [1]
  8. ^ [2]
  9. ^ Comuni veneti per superficie , su tuttitalia.it . URL consultato il 7 luglio 2011 .
  10. ^ Venise et sa lagune , su whc.unesco.org , UNESCO .
  11. ^ 19 Turismo ( PDF ), su istat.it . URL consultato il 13 febbraio 2020 .
  12. ^ Classificazione rischio sismico per comune ( PDF ), su protezionecivile.it . URL consultato il 4 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 18 aprile 2009) .
  13. ^ ( EN ) Updated world map of the Köppen-Geiger climate classification ( PDF ), su hydrol-earth-syst-sci.net , p. 1641.
  14. ^ Il clima di Venezia, Forum per la Laguna di Venezia, da url: http://www.forumlagunavenezia.org/italian/clima-laguna.html al 24 gennaio 2009 non accessibile.
  15. ^ PF466620, La marea , su Comune di Venezia , 8 marzo 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 .
  16. ^ PF466620, Le percentuali di allagamento , su Comune di Venezia , 13 marzo 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 .
  17. ^ Venti, depressioni e sesse: perturbazioni delle maree a Venezia (1951-2000) a cura del Centro Previsioni e Segnalazioni Maree del Comune di Venezia , su istitutoveneto.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 1º novembre 2009) .
  18. ^ Charles Diehl, La Repubblica di Venezia , Roma, Newton Compton Editori , 2004.
  19. ^ Antonio Rosso, La laguna veneta prima dei romani , in Archeologia Viva , 1984. URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  20. ^ Graziano Tavan, Archeologia della laguna di Venezia , Veneto archeologico, gen 1999 , su archeosub.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  21. ^ a b Antonio Rosso, I romani colonizzarono la laguna di Venezia? , Archeologia viva, ott 1982 , su archeosub.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  22. ^ Roberto Cessi, Annibale Alberti, Rialto. L'isola, il ponte, il mercato , Bologna, 1934.
  23. ^ Venice Explorer. , su almanacco.venicexplorer.net . URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  24. ^ Nicola Bergamo, Venetia Et Histria , imperobizantino.it , su imperobizantino.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 20 gennaio 2009) .
  25. ^ Venezia dalle origini alla Quarta Crociata, Biblioteca Nazionale Marciana , su marciana.venezia.sbn.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  26. ^ M. Favilla, Delendae Venetiae, La città e le sue trasformazioni del XIX al XX secolo , Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 2006.
  27. ^ Venezia nella Grande Guerra , su treccani.it . URL consultato il 27 maggio 2015 .
  28. ^ G. Ortalli, pag 23-24 , in Turismo e città d'arte , Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 2007, ISBN 978-88-88143-90-3 .
  29. ^ Giorgio Aldrighetti e Mario De Biasi, Il Gonfalone di San Marco, Analisi storico-araldica dello stemma, gonfalone, bandiera e sigillo della città di Venezia , Venezia, Filippi Editore, 2009, ISBN 9788864950334 .
  30. ^ Journal officiel de la République française. Lois et décrets | 1920-07-30 | Gallica , su gallica.bnf.fr .
  31. ^ I tre secoli del Ghetto (1516-1797) , su venipedia.it , ISSN 2384-9387 ( WC · ACNP ) .
  32. ^ Sinagoga spagnola di Venezia , su venipedia.it .
  33. ^ AA.VV., Enciclopedia Universo , dodicesimo, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1976, p. 380.
  34. ^ Zorzi , p. 125 .
  35. ^ Zorzi , p. 126 .
  36. ^ Tassini , p. 74 .
  37. ^ Tassini , p. 139 .
  38. ^ Ponti di Venezia , su gpmeneghin.com . URL consultato il 4 luglio 2011 .
  39. ^ Arianna Testino, Il Teatrino di Palazzo Grassi a Venezia compie 5 anni. Numeri e traguardi , su artribune.com , 3 giugno 2018.
  40. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  41. ^ a b c d e f g h i Dinamiche demografiche a Venezia. Anno 2017 ( PDF ), su comune.venezia.it , Città di Venezia, aprile 2018. URL consultato il 27 ottobre 2019 .
  42. ^ a b c Bilancio demografico anno 2018 e popolazione residente al 31 dicembre (dati provvisori) , su demo.istat.it , Istat. URL consultato il 27 ottobre 2019 .
  43. ^ Fonti dalla sezione censimenti del sito
  44. ^ Eurostat , su appsso.eurostat.ec.europa.eu .
  45. ^ a b Popolazione straniera residente al 1 gennaio 2019 per età e sesso (Dati provvisori) , su demo.istat.it , Istat. URL consultato il 27 ottobre 2019 .
  46. ^ Concelebrazione dei vescovi ortodossi (Venezia, 2015)
  47. ^ Chiesa Greca Ortodossa in Italia. , su ortodossia.it . URL consultato il 24 gennaio 2018 (archiviato dall' url originale il 15 dicembre 2008) .
  48. ^ Qualità della vita a Venezia , su feem-project.net . URL consultato il 9 luglio 2011 .
  49. ^ Biblioteche ( PDF ), su statistica.beniculturali.it , 2006 editore=.
  50. ^ Biblioteca Marciana - Storia , su marciana.venezia.sbn.it . URL consultato il 7 luglio 2011 .
  51. ^ Archivio di Stato di Venezia , su archiviodistatovenezia.it . URL consultato il 1º maggio 2015 .
  52. ^ Fondazione Querini Stampalia - collezioni , su querinistampalia.org . URL consultato il 1º maggio 2015 .
  53. ^ Fondazione Querini Stampalia - architettura , su querinistampalia.org . URL consultato il 1º maggio 2015 .
  54. ^ Biblioteche - Fondazione Giorgio Cini , su cini.it . URL consultato il 1º maggio 2015 .
  55. ^ Biblioteca IUAV , su polovea.sebina.it . URL consultato il 15 marzo 2018 .
  56. ^ ( EN ) Professionisti Associati, Biblioteca | Accademia di Belle Arti di Venezia , su www.accademiavenezia.it . URL consultato il 15 marzo 2018 .
  57. ^ Conservatorio Benedetto Marcello - biblioteca , su conservatoriovenezia.net . URL consultato il 1º maggio 2015 .
  58. ^ Biblioteca monumentale , su Seminario patriarcale .
  59. ^ Biblioteca dell'Istituto Cavanis , su beweb.chiesacattolica.it .
  60. ^ Biblioteca-Archivio Renato Maestro , su renatomaestro.org . URL consultato il 1º maggio 2015 .
  61. ^ Pinacoteca e museo dell'isola di San Lazzaro degli Armeni , su beniculturali.it .
  62. ^ Biblioteca | Museo Correr, Venezia , Museo Correr. URL consultato il 15 marzo 2018 .
  63. ^ Biblioteca | Ca' Pesaro, Venezia , Ca' Pesaro. URL consultato il 15 marzo 2018 .
  64. ^ Biblioteca del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume | Museo di Palazzo Mocenigo , Museo di Palazzo Palazzo Mocenigo. URL consultato il 15 marzo 2018 .
  65. ^ Biblioteca di Studi Teatrali | Casa di Carlo Goldoni , in Casa di Carlo Goldoni . URL consultato il 15 marzo 2018 .
  66. ^ Le biblioteche della Rete , Comune di Venezia, 21 luglio 2016. URL consultato il 15 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 15 marzo 2018) .
  67. ^ SG548346, Biblioteca Civica VEZ , in Comune di Venezia , 26 luglio 2016. URL consultato il 15 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 16 marzo 2018) .
  68. ^ Scuola navale Morosini , su Difesa.it . URL consultato il 7 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 15 maggio 2011) .
  69. ^ Profilo storico dell'Università Cà Foscari , su unive.it . URL consultato il 7 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 14 giugno 2011) .
  70. ^ IUAV , su iuav.it . URL consultato il 7 luglio 2011 .
  71. ^ Accademia di Belle Arti Venezia , su accademiavenezia.it . URL consultato il 7 luglio 2011 .
  72. ^ Venice International University , su univiu.org . URL consultato il 7 luglio 2011 .
  73. ^ Fondazione Marcianum , su marcianum.it . URL consultato il 1º maggio 2015 .
  74. ^ Global Campus of Human Rights , su eiuc.org .
  75. ^ Il Mestre.it , su ilmestre.it . URL consultato il 6 luglio 2011 .
  76. ^ Corriere della Sera - Edizioni locali , su corriere.it . URL consultato il 6 luglio 2011 .
  77. ^ La Nuova Venezia , su nuovavenezia.gelocal.it . URL consultato il 6 luglio 2011 .
  78. ^ Televenezia , su televenezia.it . URL consultato il 6 luglio 2011 .
  79. ^ RadioVenezia , su radiovenezia.it . URL consultato il 6 luglio 2011 .
  80. ^ Radio Vanessa , su tunein.com .
  81. ^ Cittadinanza Digitale , su cittadinanzadigitale.it . URL consultato il 12 giugno 2009 .
  82. ^ Il comunicato del Comune , su comune.venezia.it . URL consultato il 12 giugno 2009 (archiviato dall' url originale l'11 febbraio 2010) .
  83. ^ AA.VV., Storia dell'arte , vol. VI, Novara, Istituto geografico De Agostini, p. 122.
  84. ^ AA.VV., Storia dell'arte , volume VI, Novara, Istituto geografico De Agostini, pp. 122–154.
  85. ^ AA.VV., Storia dell'arte , vol. VIII, Novara, Istituto geografico De Agostini, pp. 89–92.
  86. ^ AA.VV., Storia dell'arte , vol. VIII, Novara, Istituto geografico De Agostini, pp. 120–122.
  87. ^ Liana Bortolon, Virgilio Guidi , Milano, A. Mondadori, 1978.
  88. ^ Marta Moretti, Stranieri illustri a Venezia nel '900 ( PDF ), su insula.it .
  89. ^ Il cipiglio del gufo, Tiziano Scarpa. Giulio Einaudi Editore - ET Scrittori , su Einaudi . URL consultato il 7 dicembre 2020 .
  90. ^ La reliquia di Costantinopoli , su http . URL consultato il 7 dicembre 2020 .
  91. ^ L'ultimo carnevale - Paolo Malaguti , su Solferino Libri . URL consultato il 7 dicembre 2020 .
  92. ^ a b c Treccani.it - Venezia, musica , su treccani.it . URL consultato il 9 luglio 2011 .
  93. ^ a b AA.VV., Enciclopedia della musica , Milano, Rizzoli, 1972, pp. 426-427.
  94. ^ cantoressanctimarci.it . URL consultato il 9 luglio 2010 .
  95. ^ Concerto Pink Floyd a Venezia , su digilander.libero.it . URL consultato il 9 luglio 2011 .
  96. ^ EL, Pitura Freska - Pin Floi , 16 maggio 2011. URL consultato il 25 maggio 2019 .
  97. ^ Biennale Musica , su labiennale.org . URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  98. ^ Dodicesimo rapporto culturale ( PDF ), su fondazionevenezia2000.org , Fondazione Venezia 2000, novembre 2015.
  99. ^ Sito Venice Marathon , su huaweivenicemarathon.it . URL consultato il 22 gennaio 2019 (archiviato dall' url originale il 23 gennaio 2019) .
  100. ^ Salone nautico di Venezia , su festivaldelmare.com . URL consultato il 6 luglio 2011 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2011) .
  101. ^ https://www.compagniadellavela.org/en/veleziana-2018-xi-edizione/
  102. ^ IUAV: Sistemi fondali di Venezia ( PDF ), su iuav.it . URL consultato il 30 aprile 2012 .
  103. ^ Venezia , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 9 luglio 2011 .
  104. ^ Come si osserva nel libro di Tiziano Scarpa Venezia è un pesce , 2007.
  105. ^ ( EN ) Renata Codello, Paolo Gasparoli, Anna Teresa Ronchi, Fabiana Pianezze, Giulia Totaro e Francesco Trovò, Tutelare il centro storico di Venezia. Una lettura integrata dei processi di usura fisica e percettiva per la definizione delle azioni di mitigazione , in Tech , n. 7, 2014, p. 76, ISSN 2239-0243 ( WC · ACNP ) , OCLC 7179874810 . URL consultato l'8 dicembre 2019 ( archiviato l'8 dicembre 2019) .
  106. ^ Venezia, guida rossa del TCI Touring Club Italiano.
  107. ^ Sito Web personale raccolta di foto di vere da pozzo veneziane , su piovesan.net . URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  108. ^ I pozzi, Archeo Venezia, numero 4 dicembre 1995 , su archeove.provincia.venezia.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 14 ottobre 2007) .
  109. ^ Sito Web del comune di Veneziab , su comune.venezia.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 22 gennaio 2009) .
  110. ^ Sal.Ve , su salve.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 25 ottobre 2012) .
  111. ^ Assemblea Permanente NoMoSE , su nomose.info . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 3 febbraio 2009) .
  112. ^ Pagina del Sito del Comune di Venezia , su comune.venezia.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale l'8 settembre 2015) .
  113. ^ Pagina del Sito del Comune di Venezia , su comune.venezia.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 16 giugno 2016) .
  114. ^ Vedi Pagina del Sito del Comune di Venezia , su comune.venezia.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 16 giugno 2016) .
  115. ^ a b Statistiche economiche del comune (comprendenti anche i dati di Cavallino-Treporti) ( PDF ) [ collegamento interrotto ] , su ve.camcom.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 . ]
  116. ^ Descrizione e foto delle conchiglie bivalvi a cura del sito del Liceo Classico "Marco Foscarini" di Venezia, Link al 24 gennaio 2009 non accessibile
  117. ^ Ufficio Pesca - Provincia di Venezia [ collegamento interrotto ] , su caccia.provincia.venezia.it .
  118. ^ La pesca nella laguna di Venezia: un percorso di sostenibilità nel recupero delle tradizioni - Lo stato dell'arte , su feem.it , Fondazione Eni Enrico Mattei. URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 30 ottobre 2009) .
  119. ^ Attilio Bolzoni, A pesca nella Laguna dei veleni ecco le vongole del Petrolchimico , in La Repubblica.it data= 22 aprile 2007 . URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  120. ^ La faida delle vongole insanguina la Laguna , in Il Giornale , 8 novembre 2005. URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  121. ^ a b c Censimento sul sito del Comune di Venezia , su www2.comune.venezia.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 3 aprile 2009) .
  122. ^ ARPA Veneto. Qualità dell'aria nella provincia di Venezia, rapporto annuale 2004 ( PDF ), su ambiente.venezia.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 28 settembre 2007) .
  123. ^ Porto Marghera - Emissioni dagli impianti industriali, Provincia di Venezia,settore politiche ambientali , su politicheambientali.provincia.venezia.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 30 ottobre 2009) .
  124. ^ Trascrizione atti processo petrolchimico (appello) , su petrolchimico.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 21 marzo 2008) .
  125. ^ Trascrizione sentenza di Appello , su petrolchimico.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  126. ^ Gianfranco Bettin e Maurizio Dianese, Petrolkiller , Feltrinelli, 2006, ISBN 978-88-07-81718-2 .
  127. ^ Istat, Movimento turistico in Italia 2015 ( PDF ), su istat.it .
  128. ^ Istat, Movimento turistico in Italia 2016 ( PDF ), su istat.it , p. 10.
  129. ^ Marco Antonio Sabellico , De situ Venetiae urbis libri tres , 1492.
  130. ^ I saggi sul tema sono oramai svariate decine. A titolo di esempio si citano Jan Van der Borg e Ignazio Russo, Per un turismo sostenibile a Venezia , in Ignazio Musu (a cura di), Venezia sostenibile , Bologna, Il Mulino, 1998, pp. 243 e ss.; Paolo Gasparoli e Francesco Trovò, Venezia fragile. Processi di usura del sistema urbano e possibili mitigazioni , Firenze, Altralinea Edizioni, 2014.
  131. ^ a b V. Nuti, La tassa per chi sbarca a Venezia , su Il Sole 24 Ore , 30 dicembre 2018 ( archiviato il 2 gennaio 2019) .
  132. ^ Venezia e la sua laguna - Inquinamento , su veniceandlagoon.net . URL consultato il 23 Febbraio 2021 .
  133. ^ Pollution and damage from 'floating cities' are creating conflict , su transportenvironment.org . URL consultato il 23 Febbraio 2021 .
  134. ^ In un anno le navi da crociera a Venezia inquinano come 820mila auto. Perché viene permesso? , su thevision.com . URL consultato il 23 Febbraio 2021 .
  135. ^ ISTAT - Statistiche dei trasporti marittimi, anni 2002-2004 ( PDF ), su istat.it . URL consultato il 24 gennaio 2009 .
  136. ^ I traffici 2005 , su infrastrutturetrasporti.it (archiviato dall' url originale il 28 settembre 2007) . indirizzo errato al 24 gennaio 2009
  137. ^ Venezia Terminal Passeggeri SpA, url Il porto di Venezia in numeri , su vtp.it . URL consultato il 15 giugno 2007 (archiviato dall' url originale il 16 giugno 2007) . pagina al 24 gennaio 2009 non funzionante
  138. ^ Il porto di Venezia , su myvenice.org . URL consultato il 24 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 1º luglio 2008) .
  139. ^ www.assaeroporti.it [ collegamento interrotto ] , su assaeroporti.it .
  140. ^ a b Città di Venezia - Gemellaggi e Accordi di Cooperazione , su comune.venezia.it . URL consultato il 17 gennaio 2012 (archiviato dall' url originale il 4 febbraio 2011) .
  141. ^ Sito del Dopo-lavoro Ferroviario di Venezia , su dlfvenezia.com .
  142. ^ Sito ufficiale Circolo Scherma Mestre , su circoloschermamestre.it .
  143. ^ Indirizzi delle remiere di voga alla veneta , su vogaveneta.it .
  144. ^ Canottieri Bucintoro , su Comune di Venezia .
  145. ^ La nostra storia , su Canottieri Diadora .
  146. ^ Storia , su Canottieri Querini .
  147. ^ La storia della mitica Pavia-Venezia, altro che la Dakar! , su boatmag.it . URL consultato il 6 febbraio 2019 (archiviato dall' url originale il 7 febbraio 2019) .
  148. ^ Motonautica, presentata la Venezia-Montecarlo: "Manifesto del made in Italy" , su repubblica.it , 4 ottobre 2015.
  149. ^ Sito ufficiale Arcieri del Leon , su arcierileon.it .
  150. ^ Sito ufficiale Arcieri Conte di Carmagnola , su contedicarmagnola.blogspot.com .
  151. ^ Sito ufficiale società TSN Venezia , su tsnvenezia.it .
  152. ^ CUS Venezia , su cusvenezia.it .

Bibliografia

  • Emanoel de Azevedo, Venetae urbis descriptio , Antonio Zatta, 1780.
  • Frederic C. Lane, Storia di Venezia , Torino, Einaudi , 1978, ISBN 978-88-06-17354-8 .
  • John Ruskin , Le pietre di Venezia , Milano, 1987, ISBN 978-88-04-47677-1 .
  • G. Benvenuti, Le Repubbliche Marinare. Amalfi, Pisa, Genova, Venezia , Roma, Newton & Compton editori srl, 1989, ISBN 978-88-8289-529-7 .
  • Armando Lodolini, Le repubbliche del mare , Roma, Biblioteca di storia patria, a cura dell'Ente per la diffusione e l'educazione storica, 1967.
  • Adolf Schaube, Storia del commercio dei popoli latini del Mediterraneo sino alla fine delle Crociate , Torino, Unione tipografico-editrice Torinese, 1915.
  • Carlo Silvestri, Istorica e geografica descrizione delle antiche paludi adriane ora chiamate Laguna di Venezia , Bologna, Forni, 1973, ristampa di un più antico volume intitolato Istorica e geografica descrizione delle antiche paludi adriane ora chiamate Laguna di Venezia e del corso di que' fiumi che in varj tempi hanno contribuito al loro interramento, con le principali notizie dell'antichissime città di Adria e Gavello , editore Domenico Occhi, in Venezia, 1736.
  • Gabriella Airaldi, BZ Ḳedar, I comuni italiani nel regno crociato di Gerusalemme , Genova, Università di Genova, Istituto di medievistica, 1986.
  • AA.VV., Storia di Venezia, 12 volumi , Treccani , 1990-2002.
  • Donald Nicol, Venezia e Bisanzio , Rusconi , 1990, ISBN 978-88-18-88015-1 .
  • Tiziano Scarpa , Venezia è un pesce , Feltrinelli , 2000, ISBN 978-88-07-81596-6 .
  • Alvise Zorzi , La Repubblica del Leone. Storia di Venezia , Milano, Euroclub , 1991, ISBN 978-88-452-9136-4 .
  • Alvise Zorzi, Venezia Scomparsa , Milano, Arnoldo Mondadori Editore , 2001, ISBN 88-04-49545-6 .
  • Antonio Manno, I tesori di Venezia , Vercelli , 2004.
  • Charles Diehl, La Repubblica di Venezia , Roma, Newton & Compton editori srl, 2004.
  • Gianfranco Bettin e Maurizio Dianese, Petrolkiller , Feltrinelli , 2006.
  • Elio Ciol, Tornare a Venezia- Returning to Venice "- libro fotografico con testi di Alessio Alessandrini , Punto Marte Edizioni, 2008.
  • Egle Renata Trincanato , Venezia minore , Cierre edizioni, 2008, ISBN 978-88-8314-460-8 .
  • Giuseppe Tassini, Edifici di Venezia distrutti o volti ad uso diverso da quello a cui furono in origine assegnati , Filippi Editore.
  • Alberto Toso Fei , Misteri di Venezia , La Toletta Edizioni, 2011, ISBN 978-88-88028-79-8 .
  • Piero Zanotto, Veneto in film , Venezia, Marsilio Editori , 2002, ISBN 88-317-8146-4 .
  • Intramontabili eleganze. Dior a Venezia nell'Archivio Cameraphoto Epoche , a cura di Luca Del Prete, Vittorio Pavan, Antiga Edizioni, 2019.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 136651400 · LCCN ( EN ) n79018142 · GND ( DE ) 4062501-1 · BNF ( FR ) cb11933474v (data) · NDL ( EN , JA ) 00629183 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-136651400