Vittorio Emanuele III de Savoia

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Vittorio Emanuele III de Savoia
Vittorio Emanuele III (vers 1924-1934) .jpg
Fotografia commemorativa de Vittorio Emanuele III (1930 ca.)
Rei d'Itàlia
Escut d'armes
A càrrec 29 de juliol de 1900 -
9 de maig de 1946
Predecessor Umberto I
Successor Umberto II
Emperador d'Etiòpia
A càrrec 9 de maig de 1936 -
5 de maig de 1941
Predecessor Haile Selassie
Successor Haile Selassie
Rei d'Albània
A càrrec 9 d'abril de 1939 -
27 de novembre de 1943
Predecessor Zog I d'Albània
Successor Zog I d'Albània ( de iure )
Ocupació alemanya del Regne d'Albània i abolició del títol ( de facto )
Primer mariscal de l'Imperi
títol compartit amb el cap de govern
Benito Mussolini
A càrrec 30 de març de 1938 -
25 de juliol de 1943
Nom complet Vittorio Emanuele Ferdinando Maria Gennaro de Savoia
Tractament Majestat imperial i reial
Altres títols Príncep de Nàpols
Duc de Savoia
Altres
Naixement Nàpols , Regne d’Itàlia , 11 de novembre de 1869
Mort Alexandria , Egipte , 28 de desembre de 1947 (78 anys)
Lloc d’enterrament Catedral d'Alexandria a Egipte ( 1947 - 2017 )
Santuari de Vicoforte (des del 2017 )
Casa reial Savoia
Dinastia Savoia-Carignano
Pare Umberto I d'Itàlia
Mare Margherita de Savoia
Consort Elena de Montenegro
Fills Iolanda
Mafalda
Umberto
Giovanna
Maria Francesca
Religió Catolicisme
Signatura Vittorio Emanuele III Autograph.svg
Vittorio Emanuele de Pollenzo
Retrat de Víctor Manuel III d’Itàlia.jpg
Vittorio Emanuele di Savoia, comte de Pollenzo en una fotografia vintage
Comte de Pollenzo
Sobirà abdicatori d'Itàlia
Escut d'armes
A càrrec 9 de maig de 1946 -
28 de desembre de 1947
Tractament Majestat
Naixement Nàpols , Regne d’Itàlia (actual Itàlia ), 11 de novembre de 1869
Mort Alexandria d'Egipte , Regne d'Egipte (actual Egipte ), 28 de desembre de 1947
Lloc d’enterrament Santuari de Vicoforte (des del 2017 )
Prèviament:
Catedral d'Alexandria a Egipte ( 1947 - 2017 )
Dinastia Savoia-Carignano
Pare Umberto I de Savoia
Mare Margherita de Savoia
Consort Elena de Montenegro
Fills Iolanda
Mafalda
Umberto
Giovanna
Maria Francesca
Religió Catolicisme

Vittorio Emanuele III de Savoia ( Vittorio Emanuele Ferdinando Maria Gennaro de Savoia ; Nàpols , 11 de novembre de 1869 - Alexandria d'Egipte , 28 de desembre de 1947 ) fou rei d'Itàlia (del 1900 al 1946 ), emperador d'Etiòpia (del 1936 al 1943 ), primer Mariscal de l'Imperi (del 4 d'abril de 1938 ) i rei d'Albània (del 1939 al 1943 ). Va abdicar el 9 de maig de 1946 i el va succeir el seu fill Umberto II . Fill d’ Umberto I de Savoia i de Margherita de Savoia , al néixer va rebre el títol de príncep de Nàpols , amb la intenció evident de subratllar la unitat nacional , que havia aconseguit recentment.

El seu llarg regnat (46 anys) va veure, a més de les dues guerres mundials , la introducció del sufragi universal masculí ( 1912 ) i femení ( 1945 ), les primeres formes importants de protecció social , la decadència i el col·lapse de l’estat liberal ( 1900). - 1922 ), el naixement i l’esfondrament de l’estat feixista ( 1925 - 1943 ), la solució de la qüestió romana ( 1929 ), la consecució de les màximes fronteres territorials de la Itàlia unida i les principals conquestes a l’esfera colonial ( Líbia i Etiòpia ). Va morir poc més d’un any i mig després d’acabar el Regne d’Itàlia .

Després de la victòria a la Primera Guerra Mundial va ser anomenat "Rei soldat".

Va exercir un paper fonamental en l’ afirmació del feixisme , en la promulgació de lleis racials , en les guerres colonials i en l’ entrada a la guerra durant la Segona Guerra Mundial, que va ser seguida per la fugida precipitada de la capital després de l’armistici de 1943 exèrcit i civils. El 1946 va fer un intent tardà per salvar la monarquia abdicant a favor del seu fill . A Itàlia els odònims que se li dediquen són 409 i es distribueixen d’una manera diferent [1] .

Biografia

Infància i joventut

Primers anys i educació

Vittorio Emanuele a l'edat d'un any, a Monza
Novembre de 1870

Vittorio Emanuele va néixer a Nàpols l'11 de novembre de 1869 , on visitaven els seus pares. A més dels noms de Vittorio Emanuele Ferdinando, en honor dels seus avis, la seva mare Margherita també volia que el batejessin amb els noms de Maria i Gennaro per relaxar les relacions amb l’ Església (malament a l’època) i guanyar-se l’afecte de Temes napolitans.

El jove príncep no va tenir una infantesa molt feliç: en part perquè l’educació pedagògica tradicional de la casa de Savoia , severa i de caràcter militar, no afavoria els impulsos afectuosos i en part perquè cap dels seus pares (amb qui se li permetia sopar) només dues vegades per setmana) mai no el va cuidar. Després del seu naixement, de fet va ser confiat a una infermera local per a la lactància materna, mentre que per a la seva educació inicial Margherita va escollir una infermera irlandesa anomenada Elizabeth Lee, coneguda familiarment com a "Bessie", que era vídua d'un oficial britànic i sobretot un catòlic observador. .

La reina Margherita i Vittorio Emanuele fotografiats el 1871

Va romandre catorze anys amb el jove príncep i probablement va ser l'única persona per la qual va desenvolupar un afecte filial. A més, Vittorio Emanuele va patir enormement les seves mancances físiques i això el va portar a desenvolupar un caràcter tímid i reflexiu fins al cinisme: sembla que una vegada que Margherita li havia proposat caminar junts a Roma i va respondre a la seva mare: "I on vulguis anar, mostra't amb un nan? [2]

Per compensar les seves mancances físiques, el jove Vittorio va desenvolupar un amor gairebé morbós per l’estudi i el treball de taula: sembla que als deu anys va poder recordar de memòria tot l’arbre genealògic i l’ordre de successió de la casa de Savoia d’ Umberto. Biancamano avall.

La reina Margherita amb el príncep de Nàpols el 1877

Als nou anys va tornar a visitar Nàpols amb el seu pare, que acabava d'ascendir al tron ​​fa uns mesos, la seva mare i el primer ministre, Cairoli . Al vagó, es va adonar que donava l'esquerra al príncep i va començar a canviar de lloc, però Umberto el va retenir. Va ser per aquesta supervisió cerimonial que va poder interposar el seu propi cos entre el del rei i el punyal del cuiner Passannante . El petit príncep tenia el seu uniforme de mariner embrutat amb la sang de Cairoli però, segons diuen, va romandre impassible encara que després es digui que al vespre va esclatar a plorar als braços de la seva mainadera Bessie.

Fill únic de cosins primers, va créixer en un entorn familiar típic de Savoia: rígid i militar; com a tutor va ser escollit, a proposta del príncep d'Alemanya Frederic III , coronel de l'estat major Egidio Osio , que havia estat agregat militar a l'ambaixada italiana a Berlín . Un home molt dur, imperiós i acostumat al lideratge, va donar al Príncep una educació sobre el model prussià del rei en armes. Sembla que tan bon punt va prendre possessió del càrrec va dir al seu alumne: "Recordeu que el fill d'un rei, com el fill d'un sabater, quan és un ruc és un ruc". [2] Alguns diuen que la gravetat d'Osio va tenir efectes nocius sobre el caràcter del futur sobirà, cosa que el fa encara més insegur i introvertit, però aquest fet també es nega per l'amistat que el futur sobirà va continuar tenint amb el seu tutor, entretenint la correspondència diària i la defensa de les acusacions que se li van fer.

Vittorio Emanuele III de Savoia el 1884 amb l'uniforme de la Nunziatella

Va tenir una educació precisa [3] , incloent entre altres coses l'assistència a la prestigiosa escola militar Nunziatella de Nàpols , que va completar amb llargs viatges a l'estranger. Elevat al rang reial, es va acostumar a assistir a les sessions d’inauguració de l’ Accademia Nazionale dei Lincei , així com d’altres associacions científiques, a les quals es va apropar, pels seus interessos. Entre totes les seves passions, en el camp cultural, potser destacaven la numismàtica , la història i la geografia : el seu coneixement en aquestes matèries era reconegut a nivells elevats, fins i tot fora del Regne (va escriure un tractat sobre la moneda italiana, el Corpus Nummorum Italicorum ). En diverses ocasions, Vittorio Emanuele va ser anomenat, en virtut del seu profund coneixement en el camp geogràfic, com a mediador en els tractats de pau. Va ser reconegut com a àrbitre per la disputa territorial de l’illa de Clipperton entre França i Mèxic i per la Disputa del Pirara .

Fora dels compromisos institucionals, residia en estades piemonteses als castells de Racconigi i Pollenzo [4] . Aquí, segons els informes judicials oficials, va practicar la lectura i l'agricultura, estudiant les tècniques que el portarien a fundar l' Institut Internacional d'Agricultura a Roma.

Estimador de William Shakespeare , parlava quatre idiomes, el piemontès i el napolità , però no li encantava ni el teatre ni els concerts.

Comiat d’Osio i l’època napolitana

El príncep hereu Vittorio Emanuele a Nàpols cap al 1890

A l'edat de vint anys, Vittorio Emanuele es va acomiadar del coronel Osio , que ara era major d'edat i era igual al seu tutor, amb qui, no obstant això, va continuar mantenint una correspondència gairebé diària. Per fer-lo practicar el comandament va ser destinat al 1r Regiment d'infanteria "Re" a Nàpols , on va romandre durant cinc anys. A Nàpols va fer amistat amb el príncep Nicola Brancaccio , que va aconseguir superar la timidesa i timidesa del jove Vittorio Emanuele, encaminant-lo cap a la vida nocturna napolitana formada per camerinos de teatres i actrius no exactament "respectables". [2]

Per al jove príncep, el període napolità va ser potser el més feliç de la seva vida: va aprendre a parlar napolità amb fluïdesa i també va tenir diversos amants, inclosa la baronessa Maria Barracco (sembla que una filla també va néixer de la relació), encara que la seva preferència va anar a les actrius i ballarines. [5] En el seu paper de comandant, va mostrar una rigidesa que conduïa a la punyència, tant que, segons les seves cartes a Osio, va resultar ser una autèntica bèstia negra per als seus subordinats; en una carta va escriure: «El meu grup d’estudiants oficials ha assolit el nombre de 104 estudiants; aviat n’hi haurà 103 perquè n’he perseguit un per robar a un company; Estic convençut de la necessitat d’espantar-los des del principi ".

El rei Umberto I de Savoia amb el seu fill Vittorio Emanuele el 1893

Probablement l’únic més exigent que ell va ser el seu comandant, el general Giuseppe Ottolenghi di Sabbioneta , que mai va perdre l’oportunitat de barallar el príncep per qualsevol falta de forma i això va donar a Vittorio la inspiració per fixar-se en els sobrenoms del seu superior (d’origen hebreu). com "Josep el jueu" o "Pobre macabeu". No obstant això, no es tractava d'antisemitisme, sinó d'un petit desgrat personal cap al superior. [5]

Un fet poc conegut és que durant el seu període a Nàpols va entrar en conflicte amb un dels seus parigrats que aleshores comandava el 10è Regiment dels Bersaglieri : aquell coronel era Luigi Cadorna i va néixer una antipatia ferotge que va durar tota la vida. i que va tenir conseqüències evidents vint anys després, durant la Gran Guerra .

Matrimoni

La qüestió del matrimoni del jove príncep es va convertir en un objecte d’extrema preocupació per Umberto I de Savoia i Margherita : cap Savoia no havia assolit el llindar de vint-i-cinc anys de solter, però Vittorio no va mostrar cap intenció de casar-se. Aquest es va convertir en un cas d'importància internacional dins de la Triple Aliança de la qual Itàlia formava part: el mateix Kaiser Wilhelm II es va interessar pel cas i, aprofitant la visita de Vittorio a Berlín , es va enfrontar frontalment al jove príncep, renyant-lo: " Per què no decidiu prendre una dona?! " i en aquella conjuntura, el Príncep, tot i que era tan jove, va mostrar tota la seva tossuderia posant-se davant d'ell i dient-li que no s'implicés en el seu negoci. [5]

La cort de Savoia va intentar combinar un compromís amb la princesa Maud de Gal·les , filla tercera d' Eduard VII del Regne Unit , però les negociacions van fracassar a causa de l'oposició de la reina Margarida que, demostrant-se encara més intransigent que el Papa , volia la jove va abjurar la seva fe anglicana abans de casar-se amb el seu fill. Alguns, inclòs el ministre Brin , van sospitar que la qüestió religiosa era en realitat una excusa, ja que la reina no volia que la seva futura nora embrutés la seva celebrada bellesa. [5] Fins i tot l’intent de compromís amb la princesa danesa Louise de Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg no va tenir èxit, aquesta vegada a causa de l’oposició del príncep hereu: no volia escoltar sobre els matrimonis concertats, sobretot perquè el resultat d'aquests sindicats (sovint entre parents), els veia cada matí davant del mirall i en era tan conscient que no tenia cap dificultat davant del general Porro , el seu cap de gabinet, per admetre amb franquesa: « Ch'am varda nen. A sap bé que sóc fòtu 'ntle legs! ". [6]

Per evitar aquest risc, es va concertar el matrimoni entre el príncep de Nàpols de vint-i-set anys i una princesa montenegrina Elena , la família de la qual estava estretament lligada, per vincles polítics i familiars, al Tribunal de St. Petersburg . Al mateix temps, el matrimoni amb un exponent de la família indígena més antiga de prínceps balcànics, malgrat la relativa pobresa i inferioritat del llinatge, en comparació amb el de Savoia, va enfortir la política italiana a les regions més enllà de l’ Adriàtic . Tanmateix, no eren pocs els corts i els cercles polítics que estiraven el nas en aquesta unió, considerant que els Savoia eren la dinastia europea més antiga després dels Hohenzollern , mentre que Nicolau I de Montenegro era poc més que un príncep-pastor.

El compromís entre Vittorio i Elena va ser una autèntica "conspiració", en la qual van participar pràcticament totes les cases governants europees i l'únic que va ignorar-ho va ser el jove príncep. La primera trobada entre tots dos va tenir lloc a Venècia el 1895 , durant la inauguració de l' Exposició Internacional d'Art : per seguretat, Elena havia estat acompanyada de la seva germana Anna, en cas que Vittorio preferís l'un a l'altre. No obstant això, la preferència del príncep va ser per Elena, que havia aconseguit impressionar-lo amb la seva bellesa eslava i els seus ulls de "daina ferida". [5] La segona reunió entre els dos va tenir lloc tretze mesos més tard a Moscou , durant les celebracions de la coronació del tsar Nicolau II , i finalment el jove Vittorio es va mostrar realment interessat en la jove Elena, tant que va decidir parlar sobre això als seus pares. Naturalment, el príncep no sabia res de la conspiració contra ell i tenia por que Umberto i Margherita s’enfadessin amb el seu enamorament de la filla d’un príncep-pastor; en canvi, per a gran sorpresa de Vittorio, els pares no només no s’enfadaven, sinó que estaven tan contents que fins i tot li tiraven els braços al coll en un rar moment de tendresa. [5]

Les noces de Vittorio Emanuele i Elena de Montenegro en una il·lustració del diari La Mujer

El matrimoni, gens sumptuós, es va celebrar al Quirinale amb una cerimònia civil, seguida d'una religió catòlica a la basílica de Santa Maria degli Angeli e dei Martiri el 24 d'octubre de 1896 [7] . Les noces van ser celebrades per monsenyor Piscicelli, gran prior de Bari. [8] Per commemorar l'esdeveniment, es va planejar un segell postal conegut com a " Casament de Vittorio Emanuele III ", però mai no es va distribuir i existeix avui, 100 exemplars. en tot. Quan va arribar a Itàlia el 19 d'octubre de 1896 , Elena de Montenegro havia renunciat al credo ortodox , la seva fe original, i professava el credo catòlic a la basílica de San Nicola di Bari .

Vittorio Emanuele va retratar amb la seva dona Elena i els fills Jolanda , Mafalda , Umberto i Giovanna el 1908

La parella, molt contenta en el vessant emocional, va trigar molt a tenir fills. Després de quatre anys, va néixer la princesa Jolanda ( 1901 ), que el 1923 es va casar, no sense impediments inicials per la disparitat de noblesa, amb el comte Giorgio Carlo Calvi di Bergolo . Després del naixement de Mafalda ( 1902 ), que es casarà amb el landgrau Felip d’Hesse el 1925 , va arribar l’esperat home hereu, Umberto ( 1904 ), príncep de Piemont , que el 1930 es casarà amb Maria José de Bèlgica . El quart fill, Giovanna ( 1907 ), es casarà amb Boris III de Bulgària el 1930 i, finalment, la filla menor Maria Francesca (1914) que es casarà amb el príncep Lluís de Borbó-Parma el 1939 .

Pujada al tron ​​i orientació política

Retrat del rei Vittorio Emanuele III de Pier Celestino Gilardi

La notícia de l' assassinat del seu pare, el rei Umberto I de Savoia , assassinat el 29 de juliol de 1900 a Monza per l'anarquista de Prato Gaetano Bresci , va arribar a Vittorio Emanuele mentre feia un creuer pel Mediterrani amb la seva dona Elena de Montenegro : fins llavors el príncep de Nàpols havia considerat la seva adhesió al tron ​​encara lluny, donada l'edat del seu pare, que en el moment del regicidi tenia cinquanta-sis anys.

El jove rei es va posar immediatament a la feina i, només dos dies després de la mort del seu pare, va convocar el primer ministre Giuseppe Saracco per a una entrevista, de la qual el mateix va deixar un relat detallat: Saracco acabava d’abandonar el tanatori del rei difunt, quan Vittorio Emanuele el va convocar al seu estudi; sense donar-li temps a pronunciar les habituals paraules de condol, el nou rei li va ensenyar les cartes que s’amuntegaven sobre la taula. Eren decrets que el seu pare no havia tingut temps de signar, però que segons ell no estava d'acord amb la Constitució. Saracco va respondre que l'avaluació de la constitucionalitat no era responsabilitat del rei, que s'havia de limitar a signar com sempre havia fet fins llavors. El jove rei, però, va respondre: "Sí, però a partir d'ara el rei només signarà els seus propis errors, no els dels altres".

Saracco, que sobretot va passar per un gran expert en dret, es va sentir ofès i va oferir la seva renúncia al moment. El príncep va fingir no escoltar-lo, però va insistir que se li portessin els decrets perquè els llegís abans de signar-los. Després va explicar al president com veia les seves pròpies obligacions i les dels altres. «No pretenc posar remei a les dificultats actuals amb la meva pròpia força. Però estic convençut que aquestes dificultats tenen una única causa. A Itàlia, pocs compleixen exactament el seu deure: hi ha massa suavitat i relaxació. Tothom, sense excepció, ha de complir exactament les seves obligacions. Seré un exemple, complint tots els meus deures. Els ministres m'ajudaran, sense deixar que ningú es faci il·lusions en va, sense prometre el que estaran segurs que podran mantenir ».

El 2 d'agost de 1900 , pocs dies després del regicidi, en el seu primer discurs a la nació, el nou rei va enumerar les bases de la seva visió política.

Jurament de Vittorio Emanuele III atorgat al Palazzo Madama .

L'11 d'agost va jurar fidelitat a l' Estatut a la cambra del Senat, davant del president Giuseppe Saracco i les dues branques del Parlament , situades darrere seu. En el discurs, escrit amb les seves pròpies mans, el nou rei va exposar una política conciliadora i parlamentària:

"Monarquia i Parlament avancen solidàriament en aquesta salutativa obra".

( Discurs de Vittorio Emanuele III amb motiu del seu jurament, 11 d'agost de 1900 )

Després de la coronació, el neo rei va ordenar a Guido Cirilli que dissenyés i construís una capella que commemorés el seu pare on havia estat assassinat; fent això, el rei Vittorio Emanuele III va fer que la seu de la Societat de Gimnàstica Monzese Forti e Liberi de Monza fos enderrocada i reconstruïda a l’altra banda del Viale Cesare Battisti de Monza.

Finalment, la reconciliació nacional desitjada pel sobirà es va concretar amb el Reial decret de l’11 de novembre de 1900 , n. 366, en què el rei concedia amnistia pels delictes de premsa i contra la llibertat de treball i condonava la meitat de les sancions imposades per les revoltes populars de 1898 [9] . El 1901 es va emetre la primera sèrie de segells, que van inaugurar els llargs números filatèlics del seu Regne; aquesta sèrie, anomenada " Serie Floreale 1901 ", va aportar intrínsecament la novetat d'utilitzar el nou estil anomenat Liberty , que en els propers anys acabava d'italianitzar-se en "Floral".

Política exterior: entre la Triple Aliança i els nous acords

Segons la tradició de Savoia i respectant les prerrogatives estatutàries, Vittorio Emanuele III va exercir una acció significativa en el camp de la política exterior i militar [10] . Aclamat per molts observadors com a "anti-triplicista", ell, tot i mantenir-se a la sortida del Triple , va donar suport a l'acostament a les altres potències excloses de l'aliança i contra les quals s'havia format potencialment: Rússia , que obstaculitzava els plans d'expansió austríacs. , i França , de la qual els alemanys temien el desig de venjança.

Un acostament a França

La normalització de les relacions amb la República Francesa havia començat uns anys abans de l’accés al tron ​​de Vittorio Emanuele, amb la signatura dels tres convenis entre Itàlia i Tunísia el 30 de setembre de 1896 i posteriorment amb l’acord comercial italo-francès del novembre. 21 de 1898 , que va posar fi a la guerra duanera entre les dues potències. El desembre de 1900 , amb l'intercanvi de notes Visconti Venosta - Barrère , el govern italià va obtenir un primer reconeixement francès del seu interès en Tripolitania - Cirenaica . L’acord va tenir l’efecte de buidar la Triple Aliança d’una part del seu contingut, vinculada al conflicte italo-francès al Mediterrani .

L'acord es va reforçar el juliol de 1902 amb l'intercanvi de notes Prinetti - Barrère , que va comprometre les dues potències a mantenir-se neutrals en cas de conflicte amb altres potències. L’acostament italo-francès va ser segellat per la visita a París de Vittorio Emanuele, guardonada amb la Legió d’honor , per part del president Émile Loubet , a l’octubre de 1903 , corresponsal a Roma el 1904 .

La política exterior italiana va dissenyar així un sistema que hauria fet menys rígida la divisió entre "blocs de potències", cosa que hauria conduït a l'explosió del conflicte mundial: en aquest context, el comportament italià a la Conferència d'Algesires sobre el Marroc el 1906 és va explicar que el representant italià, Visconti Venosta , va rebre instruccions de no donar suport a l'Alemanya de Guillem II .

Rússia i els Balcans
Ambaixada italiana amb el príncep de Nàpols (Vittorio Emanuele III) al centre envoltat de dignataris i ambaixadors presents a la coronació del tsar Nicolau II de Rússia

L’establiment de bones relacions amb Rússia , de les quals la manifestació més evident de l’acostament a l’època umbertina va ser el matrimoni de Vittorio Emanuele amb Elena de Montenegro , va ser el corol·lari necessari de les directrius de política exterior a la zona dels Balcans, el statu quo de les quals , que almenys formalment el Triplex es va comprometre a mantenir, es va veure amenaçat per la imparable crisi de l’Imperi Otomà i pels conflictius apetits austríacs i russos, entre els quals Itàlia pretenia entrar, intentant limitar els intents de l’aliat dels Habsburg amb l’objectiu de canviar el situació al seu favor, en violació de l'article VIII del tractat.

Vittorio Emanuele III i Nicola II de Rússia al recinte del castell de Racconigi

Itàlia mirava els Balcans com una zona potencial d'influència de la seva economia. Davant dels objectius expansionistes de Sèrbia , Vittorio Emanuele es va situar com a mediador per a la creació d’un estat tampó que impedís l’entrada de Pere I a l’ Adriàtic : Albània . El comportament austríac, que el 1908 havia annexionat Bòsnia i Hercegovina sense previ avís, va despertar fortes protestes per part de les parts sèrbia i russa, així com d'Itàlia, que va portar el govern italià a prendre acords amb el rus: el 24 d'octubre de 1909 es va signar entre les dues potències el tractat de Racconigi , que per la part russa va posar fi a la política d'acords exclusius amb Àustria sobre els Balcans , per a la qual es preveia l'aplicació del principi de nacionalitat i una acció diplomàtica conjunta de les dues potències a aquest sentit; a més, Rússia va reconèixer l'interès italià per Tripolitania - Cirenaica .

Arbitratge internacional

Les bones relacions tradicionals amb el Regne Unit i l'estima internacional del rei d'Itàlia es van confirmar en l'elecció de Vittorio Emanuele com a àrbitre per establir les fronteres entre el Brasil i la Guaiana britànica entre el 1903 i el 1904 , i per a les fronteres de Barotseland entre Portugal. . i Gran Bretanya en 1905 . El 1909 França i Mèxic també van recórrer a l'arbitratge de Vittorio Emanuele III per definir la possessió de l' illa de Clipperton [10] .

Institut Internacional d’Agricultura

«Un Istituto siffatto, organo di solidarietà fra tutti gli agricoltori e perciò elemento poderoso di pace.»

( Messaggio di Vittorio Emanuele III a Giolitti, 1905 )

Coerentemente con il proprio pensiero umanitario, nel 1905 , accogliendo la proposta di David Lubin , Vittorio Emanuele III si fece personalmente promotore a livello internazionale della fondazione dell' Istituto internazionale di agricoltura , evolutosi nel secondo dopoguerra nella FAO , con l'obiettivo di abbattere la piaga della fame mondiale.

L'Ente era finanziato prevalentemente attraverso i contributi degli Stati aderenti, che andavano da un minimo di 12.500 lire ad un massimo di 200.000 lire. Vittorio Emanuele III, che era abituato a sostenere con i propri averi le molte istituzioni scientifiche e caritative da lui patrocinate, partecipava con la somma annua di 300.000 lire, che si aggiungevano alla donazione della palazzina che doveva servire da sede all'Istituto [11] .

Politica interna: apertura a sinistra e pace sociale

Il re (2º a sinistra) con Francesco Saverio Nitti (1º a sinistra) a Torino nel 1911 per ilcinquantenario dell'unità d'Italia .

«Conviene ora con prudente risolutezza proseguire sulla strada che la giustizia sociale consiglia [...] in sollievo delle classi lavoratrici. Sono felici portati della civiltà nuova l'onorare il lavoro, il confortarlo di equi compensi e di preveggente tutela, l'innalzare le sorti degli obliati dalla fortuna. Se a ciò Governo e Parlamento provvedano, egualmente solleciti dei diritti di tutte le classi, faranno opera memoranda di giustizia e di pace sociale.»

( Discorso della Corona, 20 febbraio 1902 )

L'operato di Vittorio Emanuele III in politica interna riguarda in primo luogo la realizzazione della pace sociale, attraverso una legislazione volta a superare "l'ardente contrasto fra capitale e lavoro" [12] . La pace sociale e la necessità di operare con equità tra le classi sociali sono, infatti, temi ricorrenti dei discorsi della Corona, normalmente redatti di proprio pugno dal re.

Nella visione politica del sovrano, punto fondamentale per il raggiungimento della desiderata pace sociale era "conseguire una più elevata condizione intellettuale, morale ed economica delle classi popolari" [13] , in particolare assicurando un completo livello di istruzione a tutti i cittadini.

Le leggi promulgate tra 1900 e 1921 nell'ambito della legislazione sociale voluta da Vittorio Emanuele III riguardano: la tutela giuridica degli emigranti ( 1901 ), la tutela del lavoro delle donne e dei minori ( 1902 ), le misure contro la malaria e per la chinizzazione ( 1902 ), l'istituzione dell'Ufficio del lavoro ( 1902 ), l' edilizia popolare ( 1903 ), gl'infortuni sul lavoro ( 1904 ), l'obbligo del riposo settimanale ( 1907 ), l'istituzione della Cassa nazionale delle assicurazioni sociali ( 1907 ), la mutualità scolastica e l'istituzione della Cassa nazionale per la maternità ( 1910 ), l'assistenza a favore dei colpiti da disoccupazione involontaria ( 1917 ) [14] . Sempre nel 1917 , fu istituita l' Opera Nazionale Combattenti .

Dato l'interesse di Vittorio Emanuele III per la questione sociale, molti contemporanei lo dipinsero come un "Re socialista" [15] . Attento alle esigenze di progresso del Paese, che alla vigilia della Grande Guerra era divenuto la settima Potenza industriale al mondo, diede lo status di ente morale nel 1908 alla Società italiana per il progresso delle scienze fondata nel 1839 . Contribuì finanziariamente alla fondazione a Milano della prima "Clinica di medicina del lavoro" d' Europa e di uno dei primi istituti per lo studio e la cura del cancro .

Attentati

Il 14 marzo 1912 il muratore romano Antonio D'Alba , anarchico , sparò due [16] colpi di pistola contro di lui, mancandolo. Poche ore dopo il fallito attentato, Vittorio Emanuele ricevette la visita dei socialisti riformisti Ivanoe Bonomi , Leonida Bissolati e Angiolo Cabrini , che si felicitarono con il Re; questo gesto diede poi il pretesto alla maggioranza del PSI di espellere i tre riformisti colpevoli di aver appoggiato il quarto governo Giolitti nella guerra contro la Turchia . Fra i socialisti il più intransigente fu Benito Mussolini , che accusò i riformisti di connivenze con il «gregge clerico-nazionalista-monarchico», dichiarando «O col Quirinale o col socialismo!». [17]

Il 12 aprile 1928 , mentre inaugurava la VIII edizione dellaFiera Campionaria di Milano , Vittorio Emanuele fu bersaglio di un sanguinoso attentato dinamitardo : una bomba esplosa fra la folla assiepata in attesa di vedere il Re uccise venti persone fra donne, bambini e militari presenti. Il Re non venne tuttavia colpito. Furono arrestati i repubblicani Ugo La Malfa , Lelio Basso e Leone Cattani . [18] Fu accusato, in modo infondato, Mario Giampaoli , segretario del Fascio di combattimento di Milano , rimasto coinvolto pochi mesi dopo nello scandalo Belloni . [19] [20]

Nel 1941 , durante una visita in Albania , il Re Imperatore fu oggetto di un terzo attentato: un giovane, Vasil Laci Mihailoff, sparò cinque volte, ma nessuno dei colpi esplosi compì il regicidio. Vittorio Emanuele III, rimasto impassibile, commentò: "Spara ben male quel ragazzo". [21]

Rapporti tra Stato e Chiesa

In politica ecclesiastica, Vittorio Emanuele si mostrò restio ad aperture verso le pretese politiche della Chiesa cattolica : la firma, nel 1929 , dei Patti Lateranensi è da ascriversi più all'iniziativa di Benito Mussolini che al monarca, che avrebbe fatto cadere un precedente tentativo di Orlando nell'immediato primo dopoguerra. In questo primo periodo, pur nel massimo rispetto delle istituzioni ecclesiastiche e della fede della propria Casa e degli Italiani, il Re volle mantenere il sistema di separazione fra Stato e Chiesa , senza ricucire per via concordataria o pattizia i rapporti rotti con la Presa di Roma e con le campagne risorgimentali .

Nella vita privata Vittorio Emanuele era assai diverso dai propri predecessori per quanto riguardava i rapporti con la Chiesa . Il suo bisnonno Carlo Alberto era fortemente religioso; suo nonno Vittorio Emanuele II era un incredulo che tuttavia serbava un superstizioso timore per la Chiesa; suo padre Umberto era invece un agnostico osservante che in chiesa ci andava più per dare l'esempio ai sudditi che non per convinzione personale, ma al contempo aveva un profondo rispetto per la Gerarchia. Vittorio Emanuele era invece uno scettico che non credeva e non praticava: da giovane aveva coltivato letture positiviste (come Comte , Stuart Mill e Ardigò ) tuttavia, più che un laicista , egli era un "ghibellino" profondamente conscio del proprio ruolo come quello che la Chiesa aveva avuto nella storia del Paese e dunque ne diffidava. [22]

Vittorio Emanuele, in effetti, considerava la Questione Romana risolta con la Legge delle Guarentigie , che assicuravano la piena autonomia al Pontefice, al quale venivano riconosciuti i diritti di legazione attiva e passiva e la cui persona veniva equiparata, per certi aspetti, specialmente di rilievo penale, a quella del Re [23] .

Un alto livello di tensione nei rapporti tra Stato e Chiesa fu causato dalla visita del 1904 del presidente francese Émile Loubet a Vittorio Emanuele: la Santa Sede protestò per il fatto che un Capo di Stato cattolico in visita a Roma avesse reso omaggio al Re d'Italia prima che al Papa . L'incidente produsse in Francia il rafforzamento delle posizioni anticlericali e la rottura delle relazioni diplomatiche con la Santa Sede .

Guerra di Libia

Vittorio Emanuele III in un francobollo delle Poste coloniali ( 1934 )

La visita dello zar Nicola nell'ottobre 1909 portò, tra le altre cose, al riconoscimento dell'influenza italiana nell' Africa che si affaccia sul mar Mediterraneo e, nello specifico, nell'area libica . Da ciò, già si poteva scorgere l'inizio dell'impresa militare nella Tripolitania e nella Cirenaica , nel 1911 : non tardò, per giovare a questo fine, la divisione delle sfere di influenza nel Mediterraneo africano tra Francia e Italia a seguito delle crisi marocchine , nelle quali Vittorio Emanuele si schierò a fianco di Parigi , riconoscendo, a sua volta, la priorità francese nell'area più occidentale del Sahara .

L'iniziativa coloniale italiana era, tuttavia, già attiva sul continente africano. Già era occupata l' Eritrea , mentre la Somalia era colonia dal 1907 , ma le loro posizioni, sul Corno d'Africa , le rendevano remote e, in ogni caso, la loro conformazione territoriale e la scarsa importanza sul piano strategico non davano lustro alla politica coloniale italiana. L'Italia era anzitutto sul Mediterraneo , e l'ultima terra ancora non posta sotto il dominio di una qualche potenza europea era la Libia .

Il governo italiano agì con cautela: la Cirenaica e la Tripolitania erano poste sotto il controllo dell' Impero ottomano , minato ormai da un cancro interno che lo rendeva un'entità ormai moribonda, ma in ogni caso, da non trascurare: la rivolta dei Giovani Turchi servì come trampolino di lancio per l'operazione militare.

Il 29 settembre 1911 iniziò lo sbarco italiano in Libia , annessa, secondo decreto regio, il 5 novembre, senza considerare la grande debolezza dell'occupazione, che risentiva di un esercito ancora arretrato e la resistenza attiva dei capi tribali delle aree interne. Non a caso, nell'occasione dell'imminente prima guerra mondiale, la Libia non tarderà a riprendersi, con l'esercito italiano tutto impiegato su altri fronti, un'autonomia praticamente completa. Nell'ambito della guerra italo-turca , furono anche annesse, nel 1912 , le isole greche del Dodecaneso . Con la pace di Losanna , del 18 ottobre 1912 , l'Impero ottomano riconobbe all' Italia il possesso della colonia Tripolitania e di quella Cirenaica .

Prima guerra mondiale

Immagine di Vittorio Emanuele III durante la Grande Guerra .

«La guerra contro l'Austria-Ungheria che, sotto l'alta guida di SM il Re, duce supremo, l'Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi è vinta.»

( Bollettino della Vittoria , 4 novembre 1918 )

Nella prima guerra mondiale , Vittorio Emanuele III sostenne la posizione inizialmente neutrale dell' Italia . Molto meno favorevole del padre alla Triplice Alleanza (di cui l'Italia era parte con Germania ed Impero austro-ungarico ) e ostile all' Austria , promosse la causa dell' irredentismo del Trentino e della Venezia Giulia . Le vantaggiose offerte dell' Intesa (formalizzate nel Patto di Londra , stipulato in segreto all'insaputa del parlamento) indussero Vittorio Emanuele ad appoggiare l'abbandono della triplice alleanza (4 maggio 1915 ) passando a combattere a fianco dell'Intesa ( Francia , Gran Bretagna e Russia ).

Ad inizio maggio, l'azione neutralista di Giovanni Giolitti insieme alla diffusione di notizie circa concessioni territoriali da parte austriaca aprirono una crisi parlamentare. Il 13 maggio, Salandra rimetteva nelle mani del Re il mandato. Il Corriere della Sera scrisse: "L'on. Giolitti ei suoi amici trionfano. Più ancora trionfa il Principe di Bülow . Egli è riuscito a far cadere il Ministero che conduceva il Paese alla guerra."; e il Messaggero : "L'on. Salandra dà partita vinta agli organizzatori del malefico agguato; si arrende alle male arti diplomatiche del Principe di Bülow." [ Non è chiaro cosa c'entrino le insinuazioni di giornali interventisti contro l'opera neutralista di Giolitti, con Vittorio Emanuele III. ]

Giolitti fu convocato di conseguenza dal Re, per formare il nuovo governo. Questi però, informato dei nuovi impegni presi [ non chiaro ] con la Triplice intesa , decise di rifiutare l'incarico, così come altri politici convocati.

Retro copertina de La Domenica del Corriere : Il Re e l'on. Salandra visitano il fronte della nostra guerra, fra le entusiastiche acclamazioni delle truppe.
Achille Beltrame , 18 luglio 1915

Il 16 maggio Vittorio Emanuele respingeva ufficialmente le dimissioni di Salandra . Il 20 e il 21 maggio, a stragrande maggioranza, le due camere del Parlamento votarono a favore dei poteri straordinari al Sovrano e al Governo in caso di ostilità. Il 23 maggio l' Italia dichiarava guerra all' Austria-Ungheria .

Fin dall'inizio delle ostilità sul fronte italiano (24 maggio 1915 ) fu costantemente presente al fronte, meritandosi [ senza fonte ] da allora il soprannome di «Re soldato». Durante le operazioni belliche affidò la luogotenenza del Regno allo zio Tommaso, duca di Genova . Non si stabilì nella sede del quartier generale di Udine ma in un paese vicino, Torreano di Martignacco , presso Villa Linussa (da allora chiamata Villa Italia) con un piccolo seguito di ufficiali e gentiluomini.

Ogni mattina, seguìto dagli aiutanti da campo, partiva in macchina per il fronte oa visitare le retrovie. La sera, quando ritornava, un ufficiale di Stato Maggiore veniva a ragguagliarlo sulla situazione militare. Il Re, dopo aver ascoltato, esprimeva i suoi pareri, senza mai scavalcare i compiti del Comando Supremo.

Soggiornò brevemente a Monteaperta (presso l'ospedale militare del Gran Monte, attuale Rifugio ANA Montemaggiore-Monteaperta) durante i combattimenti, vista la notevole importanza logistica di Monteaperta alle spalle del fronte.

Dopo la battaglia di Caporetto , per decisione concordata tra i governi Alleati durante la conferenza di Rapallo viene sostituito Cadorna con il generale Armando Diaz , l'8 novembre 1917 , al convegno di Peschiera , il re ratificò quanto già sottoscritto dal Governo Orlando facendo sue le decisioni di questo. Il Consiglio dei Ministri avrebbe voluto conferire al Re la Medaglia d'Oro al Valor Militare, ma il Sovrano la rifiutò con le seguenti parole: «Non ho conquistato alcuna quota difficile; vinto nessuna battaglia, non ho affondato alcuna corazzata; compiuto alcuna gesta di guerra aerea». [ senza fonte ]

Vittorio Emanuele III con re Alberto I del Belgio .

La vittoria italiana portò all'annessione all'Italia del Trentino e dell'Alto Adige (con Trento ), della Venezia Giulia , di Zara e di alcune isole dalmate (tra le quali Lagosta ).

Il Re, tra il 1914 ed il 1918 , ricevette circa 400 lettere - anche minacciose e minatorie - di carattere prevalentemente anti-bellicista da individui di qualsiasi estrazione sociale, soprattutto bassa e composta da semi-alfabeti. Attualmente esse sono conservate nell' Archivio Centrale dello Stato in tre fondi, ma sono state digitalizzate e rese di pubblico dominio [24] , essendo di grande interesse storico e linguistico [25] .

Dal primo dopoguerra al primo Governo Mussolini

A causa della crisi economica e politica che seguì la guerra, l'Italia conobbe una serie di agitazioni sociali che i deboli governi liberali dell'epoca non furono in grado di controllare. Nel Paese si diffuse il timore di una rivoluzione comunista , simile a quella in corso in Russia e nel contempo le classi possidenti temevano di essere travolte dalle idee socialiste; queste condizioni storiche portarono all'affermarsi di movimenti politici antidemocratici e illiberali.

Uno di questi erano i Fasci di combattimento , movimento costituito nel 1919 dall'ex direttore dell' Avanti! Benito Mussolini . Al movimento erano collegate le squadre d'azione , che successivamente sarebbero state integrate nella Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale . Mussolini aveva chiaramente scelto di forzare la situazione, ormai giunta a un' impasse . A fine ottobre 1922 Mussolini, eletto da un anno deputato alla Camera, fece dunque scattare il suo piano di occupazione del potere. Il 27 ottobre iniziarono i primi movimenti squadristici con l'occupazione, nell' Italia settentrionale, di prefetture e caserme. Vittorio Emanuele si precipitò a Roma da San Rossore e comunicò al primo ministro Luigi Facta la propria intenzione di decidere personalmente sulla crisi in atto.

Gli eventi delle ore successive sono molto confusi e non permettono ancora oggi di fornire una chiara ricostruzione degli eventi: Facta ebbe almeno due colloqui con il sovrano sia alla stazione di Roma che a Villa Savoia, nei quali il Re avrebbe detto al Ministro che si rifiutava di deliberare «sotto la minaccia dei moschetti fascisti» per poi chiedere al Governo di prendere tutti i provvedimenti necessari e poi sottoporglieli per ottenere la sua approvazione. Di questi colloqui comunque le versioni sono assai discordanti (secondo una versione, Facta minacciò le proprie dimissioni). La cosa assai strana però è che, nonostante che la situazione fosse molto grave, il Primo Ministro, convinto fino all'ultimo che Mussolini bluffasse, se ne andò a dormire come se nulla fosse salvo essere svegliato nel cuore della notte dai suoi collaboratori che lo informavano delle occupazioni fasciste e della calata delle colonne di camicie nere su Roma .

Alle sei del mattino del 28 ottobre Facta riunì il Consiglio dei ministri, che deliberò, su precise insistenze del generale Cittadini, primo aiutante di campo del Re, il ricorso allo stato d'assedio per bloccare la marcia su Roma . Ma quando alle 9 Facta si recò dal Re al Quirinale per la controfirma, ricevette il rifiuto del monarca a sottoscrivere l'atto. Quando Vittorio Emanuele vide la bozza del proclama andò su tutte le furie e, dopo aver strappato il testo dalle mani di Facta, in uno scatto di collera disse al Ministro: «Queste decisioni spettano soltanto a me. Dopo lo stato d'assedio non c'è che la guerra civile . Ora bisogna che qualcuno di noi due si sacrifichi». Allora sembra che Facta abbia risposto: «Vostra Maestà non ha bisogno di dire a chi tocca». E si congedò. [26]

Questo improvviso mutamento d'indirizzo non è ancora stato chiarito dalla storiografia. Renzo De Felice , il maggiore storico del fascismo, abbozza un elenco di possibili motivi che potrebbero avere indotto il re ad evitare lo scontro col fascismo, cioè:

  • la debolezza del governo Facta;
  • i suoi timori per gli atteggiamenti filofascisti del Duca d'Aosta ;
  • le incertezze dei vertici militari;
  • il timore di una guerra civile.

Secondo Mauro Canali [27] bisogna aggiungerne un altro, riconducibile alla personalità del re, cioè alla sua supposta pavidità che lo indusse a non sfidare sul terreno militare lo squadrismo fascista. "Le sue preoccupazioni - aggiunge Canali - erano assolutamente fuori luogo, dato lo squilibrio delle forze in campo". Infatti le forze dell'esercito di stanza a Roma erano molto superiori a quelle dei fascisti: 28 000 uomini contro qualche migliaio, ed equipaggiati alla meglio. Su questo dato concordano tutti gli storici, ma devono essere considerate le menzionate "incertezze" dei vertici militari, le pressioni della classe dirigente, la volontà di evitare il deterioramento della crisi interna.

In conseguenza della decisione del Re, Facta presentò le dimissioni, subito accolte dal Sovrano. Il 29 ottobre 1922 , Vittorio Emanuele, consultatosi con i massimi esponenti della classe dirigente politica liberale ( Giolitti , Salandra ) e militare italiana ( Diaz , Thaon di Revel ), dopo la bocciatura da parte mussoliniana di un possibile gabinetto Salandra-Mussolini, con l'intento di far rientrare il movimento fascista nell'alveo costituzionale parlamentare e di favorire la pacificazione sociale, affidò al capo del fascismo Benito Mussolini, deputato dal 1921, l'incarico di formare un nuovo governo.

Mussolini, che s'indirizzò al Parlamento con tono minaccioso ("Avrei potuto fare di quest'aula sorda e grigia un bivacco di manipoli..."), ricevette una larga fiducia dal Parlamento, ottenendo alla Camera 316 voti a favore, 116 contrari e 7 astenuti. Ricordiamo i voti favorevoli di Giovanni Giolitti , di Benedetto Croce , in seguito il massimo rappresentante dell' antifascismo liberale, e di Alcide De Gasperi [28] , poi padre della repubblica italiana, mentre Francesco Saverio Nitti lasciò l'aula in segno di protesta [29] . Il Governo, composto da quattordici ministri e sedici ministeri, con Mussolini capo del Governo e ministro ad interim di Esteri e Interni, era formato da nazionalisti , liberali e popolari , tra i quali il futuropresidente della repubblica Giovanni Gronchi , sottosegretario all'Industria.

Secondo De Felice, "senza il compromesso con la monarchia è molto improbabile che il fascismo sarebbe mai potuto arrivare veramente al potere".

Stato fascista (1925-1943)

Il Re e Benito Mussolini ai funerali del generale Diaz

Nell'aprile del 1924 vennero indette nuove elezioni, svoltesi tra gravi irregolarità. Il deputato socialista Giacomo Matteotti , che aveva denunciato queste irregolarità, venne rapito il 10 giugno 1924 e trovato morto il 16 agosto dello stesso anno. Il fatto scosse il mondo politico e aprì un semestre di forte crisi interna, risolto infine il 3 gennaio 1925 quando Benito Mussolini , rafforzato sul piano internazionale dal recente incontro con Chamberlain [30] , rivendicò la responsabilità non materiale dell'accaduto ("Se il fascismo è stato un'associazione a delinquere, io sono il capo di questa associazione a delinquere!") [31] , indicando al parlamento la procedura di messa in stato d'accusa conformemente all'articolo 47 del Regio Statuto . La Camera, dove l'opposizione era frantumata nelle molteplici correnti e incapace di accordarsi su strategie condivise, non procedette e Mussolini diede inizio, per via parlamentare, alla trasformazione in senso autoritario e poi totalitario [32] dello Stato.

Il Re, che fino ad allora aveva conservato il controllo dell'esercito, non si oppose. Del resto, il Parlamento, dove alla Camera per soli sette seggi gli iscritti al PNF erano la maggioranza assoluta, indebolito dalla secessione dell'Aventino , non aveva fornito alcun pretesto giuridico per chiedere le dimissioni di Mussolini né elaborato una credibile compagine di governo alternativa. Né la scelta extraparlamentare dell'opposizione era riuscita a mobilitare le masse. Il Re rimase quindi in attesa di un'iniziativa parlamentare nel rispetto delle regole istituzionali [33] .

Quando il senatore Campello presentò a Vittorio Emanuele le prove della responsabilità del presidente del Consiglio dei ministri nel delitto Matteotti , il Re avrebbe risposto: «Sono cieco e sordo. I miei occhi e le mie orecchie sono la Camera e il Senato » [34] .

Francesco Saverio Nitti , durante il suo esilio dovuto alle intimidazioni fasciste, inviò una lettera al monarca in cui gli rivolse accuse di ignava connivenza con Mussolini e lo esortò a prendere provvedimenti contro il regime [35] . Il 27 dicembre iniziò a essere pubblicato su Il Mondo e poi su altri giornali il memoriale dello squadrista Cesare Rossi , nel quale Mussolini veniva documentatamente indicato come mandante di un gran numero di atti di violenza politica prima del delitto Matteotti e, almeno implicitamente, anche di quest'ultimo. Ma nemmeno queste rivelazioni portarono il Re a dimettere Mussolini, il quale secondo la procedura avrebbe prima dovuto essere messo dal Parlamento in stato d'accusa.

Vittorio Emanuele III sulla copertina del Time , 1925

D'altronde grazie alla legge elettorale Acerbo e ai brogli denunciati da Matteotti, i fascisti avevano, sia pur di sette seggi, la maggioranza parlamentare assoluta. Il mancato ricorso all'articolo 47 non testimoniava, quindi, l'innocenza di Mussolini ma piuttosto il suo controllo sul Parlamento stesso [36] . Nei giorni successivi, durante il gennaio del 1925, furono chiusi 35 circoli politici di opposizione, sciolte 25 organizzazioni definite "sovversive", arrestati 111 oppositori ed eseguite 655 perquisizioni domiciliari [37] .

Nel novembre 1925 il Re firmò le cosiddette Leggi fascistissime con cui furono sciolti tutti i partiti politici (tranne il PNF) e instaurata la censura sulla stampa. Con la legge del 24 dicembre 1925 venne modificato lo Statuto Albertino [37] , attribuendo al Capo del Governo, responsabile solo di fronte al Re, la nomina e revoca dei ministri; nel 1926 il Re autorizzò la nascita del Tribunale Speciale per la difesa dello Stato, che sottraeva alla magistratura ordinaria tutti i reati politici, e la formazione della polizia politica segreta ( OVRA ). Venne istituito il confino di polizia per gli oppositori. I successivi rapporti con il Duce furono caratterizzati da burrascose scenate private, nelle quali il Re difendeva le proprie prerogative, preoccupato di salvaguardare una legalità formale e rigorosi silenzi pubblici [ senza fonte ] .

Apice del consenso al regime fascista

Visita di Vittorio Emanuele III a Bengasi , maggio 1938

Al termine della vittoriosa guerra d'Etiopia le truppe italiane entrarono in Addis Abeba il 5 maggio 1936 e il 9 successivo Vittorio Emanuele III assunse il titolo imperiale . L' Impero etiope insieme alle altre colonie italiane ( Eritrea e Somalia ) furono unite nell' Africa Orientale Italiana . La conquista dell' Etiopia e del titolo imperiale furono progressivamente riconosciuti dalla maggior parte dei membri della comunità internazionale, tra cui l' Inghilterra e la Francia , con l'eccezione di Stati Uniti e Russia , nonostante l' imperatore etiopico in esilio Hailé Selassié avesse denunciato presso la Società delle Nazioni le gravi violazioni della Convenzione di Ginevra perpetrate dalle truppe italiane (luglio 1936 ).

Nel 1938 , all'apice del consenso popolare del regime, che aveva ottenuto la firma del Manifesto della razza da parte di grandi esponenti della cultura italiana tra cui il futuro padre costituente Amintore Fanfani , il Re firmò le leggi razziali del governo fascista, che introdussero discriminazioni nei confronti degli Ebrei . Di formazione liberale, Vittorio Emanuele avversò, sia pur non pubblicamente, queste disposizioni, che cancellavano uno dei più notevoli apporti di Casa Savoia al Risorgimento Italiano , il principio di non discriminazione e di parità di trattamento dei sudditi indipendentemente dal culto professato stabilito nel 1848 .

In effetti, l'attuazione delle leggi razziali fu alla base di un ulteriore inasprimento dei rapporti tra la Corona e il Duce , sempre più stanco degli ostacoli frapposti dalla prima (rimasta l'unico serio freno-opposizione insieme alla Chiesa cattolica ) e intenzionato a cogliere il momento opportuno per instaurare un regime repubblicano . In particolare scrive Galeazzo Ciano nel suo Diario 1937-1943 , giorno 28 novembre 1938 : "Trovo il Duce indignato col Re. Per tre volte, durante il colloquio di stamane, il Re ha detto al Duce che prova un'infinita pietà per gli ebrei [...] Il Duce ha detto che in Italia vi sono 20.000 persone con la schiena debole che si commuovono sulla sorte degli ebrei. Il Re ha detto che è tra quelli. Poi il Re ha parlato anche contro la Germania per la creazione della 4 divisione alpina. Il Duce era molto violento nelle espressioni contro la Monarchia. Medita sempre più il cambiamento di sistema. Forse non è ancora il momento. Vi sarebbero reazioni".

Nell'aprile del 1939 venne conquistata l' Albania , della quale Vittorio Emanuele III, pur scettico sull'opportunità dell'impresa per "prendere quattro sassi", fu proclamato re.

Rapporti con Mussolini

Visita ufficiale di Hitler a Roma nel 1938; sul palco in prima fila da sinistra: Benito Mussolini , Adolf Hitler , Vittorio Emanuele III d'Italia, Elena del Montenegro ; in seconda fila, da sinistra: Joachim von Ribbentrop , Joseph Goebbels , Rudolf Hess , Heinrich Himmler (volto nascosto dal cappello della regina Elena)

«C'è voluta la mia pazienza, con questa Monarchia rimorchiata. Non ha mai fatto un gesto impegnativo verso il regime. Aspetto ancora perché il Re ha 70 anni e spero che la natura mi aiuti, e quando alla firma del Re, si sostituirà quella meno rispettabile del principe potremo agire.»

( Mussolini a Ciano , Diario di Ciano, 1937-1943 , 17 luglio 1938 )

I rapporti tra Vittorio Emanuele III e Mussolini non andarono mai al di là dei rapporti formali tra capo di Stato e capo del Governo. Il Re, di formazione liberale, durante tutto il periodo fascista non mancò di ricordare positivamente a Mussolini e ai suoi collaboratori l'esperienza dello Stato liberale [38] . Vittorio Emanuele non celò le sue idee profondamente antitedesche in generale, e anti-naziste in particolare, idee che si rafforzarono durante la visita di Stato di Hitler a Roma nel maggio 1938 . D'altra parte l'ostilità tra Hitler e Vittorio Emanuele III era reciproca [39] e più volte il dittatore austriaco naturalizzato tedesco ei suoi collaboratori suggerirono a Benito Mussolini di sbarazzarsi della Monarchia. [40]

Il duce del Fascismo già da tempo meditava l'abolizione dell'istituto monarchico, in modo da ritagliarsi maggiore spazio d'azione, ma rinviò più volte la decisione a causa dell'ampio sostegno popolare alla monarchia [41] .

Il Re si mostrò particolarmente ostile alle innovazioni istituzionali del regime, all'introduzione di nuove onorificenze e cerimonie che contribuivano a rafforzare il peso del capo del Governo, ai progetti di "modifica dei costumi italiani", come l'introduzione del saluto fascista , la questione del lei e, maggiormente, la questione razziale [42] . Questa opposizione, sia pur non espressa pubblicamente, esasperò le relazioni con Mussolini e gli ambienti più radicali del partito fascista, fedeli al programma originario del partito e sostenitori della scelta repubblicana del regime.

Distintivo di grado per paramano di Primo Maresciallo dell'Impero del Regio Esercito Italiano

Mussolini scrisse che il sovrano aveva cominciato a odiarlo fin dalla legge di costituzionalizzazione del Gran consiglio del fascismo (9 dicembre 1928 ), ma ritenne che la vera causa di frattura fosse il titolo di Primo Maresciallo dell'Impero , approvato per acclamazione dalla Camera il 30 marzo 1938 (sotto l'impulso di Starace, Costanzo e Galeazzo Ciano e certo non all'insaputa del duce) e conferito sia al Capo del Governo che al Re (secondo Federzoni , allora Presidente del Senato "non si poteva non usare un riguardo, del resto puramente formale, al Re" [43] ): in un incontro privato, riferito dallo stesso Mussolini, Vittorio Emanuele III, pallido di collera, gli disse che avrebbe preferito abdicare piuttosto che subire quell'affronto [44] .

Il 28 dicembre 1939 , l'incontro di Vittorio Emanuele III e papa Pio XII , la prima di un pontefice al Quirinale dopo la presa di Roma , fu letto come un tentativo in favore della pace in Europa .

Seconda guerra mondiale

Vittorio Emanuele III in divisa militare nel 1936 .

A seguito dell'avvicinamento tra Italia fascista e Germania nazista , simboleggiato dalla nascita dell' Asse Roma-Berlino dell'ottobre 1936 e della firma del Patto d'Acciaio del 22 maggio 1939 , il 10 giugno 1940 Vittorio Emanuele III firmò la dichiarazione di guerra, voluta fortemente da Benito Mussolini a Francia e Gran Bretagna , schierandosi a fianco dei tedeschi nella seconda guerra mondiale . Il Re aveva inizialmente espresso il proprio parere contrario alla guerra sia perché conscio dell'impreparazione militare italiana, sia perché da sempre filo-britannico e avverso alle politiche della Germania nazista. Nei mesi precedenti, Vittorio Emanuele III, tramite il ministro della Real Casa Acquarone , aveva messo in atto un tentativo di rovesciare Mussolini; la legalità formale sarebbe stata salvaguardata ottenendo un voto di sfiducia dal Gran consiglio del fascismo e Ciano , che rifiutò, sarebbe stato chiamato a guidare il nuovo governo [45] . Lo schema sarebbe stato ripreso tre anni dopo a guerra ormai persa.

Vittorio Emanuele III e il nipote Vittorio Emanuele di Savoia

Dopo qualche effimero successo in Egitto e nell'Africa orientale, i disastri che sopravvennero fra l'autunno 1940 e la primavera 1941 (fallito attacco alla Grecia , sconfitte navali di Taranto e Capo Matapan , perdita di gran parte dei territori italiani in Libia , perdita totale dei possedimenti in Africa orientale ) rivelarono la debolezza delle forze italiane, che dovettero essere tratte d'impaccio dall'alleato tedesco sia nei Balcani (primavera 1941 ) che in Africa settentrionale.

Vittorio Emanuele, sfuggito ad un attentato durante una visita in Albania nel 1941 , osservò con sempre maggior preoccupazione l'evolversi della situazione militare ed il progressivo asservimento delle forze italiane agli interessi tedeschi, cui egli era inviso. La sconfitta nella seconda battaglia di El Alamein del 4 novembre 1942 portò nel giro di pochi mesi all'abbandono totale dell'Africa e poi all'invasione alleata della Sicilia ( Sbarco in Sicilia , iniziata il 9 luglio 1943 ) e all'inizio di sistematici bombardamenti alleati sulle città italiane.

Caduta del Fascismo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ordine del giorno Grandi .

Queste nuove sconfitte spinsero il Gran consiglio del fascismo a votare contro il supporto alla politica di Mussolini (25 luglio 1943 ). Lo stesso giorno, Vittorio Emanuele dimissionò Mussolini, che, posto sotto custodia [46] , riconobbe la sua lealtà al Re e al nuovo governo Badoglio. Già da giugno Vittorio Emanuele aveva intensificato i suoi contatti con esponenti dell'antifascismo, direttamente o mediante il ministro della Real Casa d'Acquarone. Il 22 luglio, all'indomani del vertice di Feltre tra Mussolini e Hitler e dopo il primo bombardamento di Roma , il sovrano aveva discusso con Mussolini della necessità di uscire dal conflitto lasciando soli i tedeschi e dell'evenienza di un avvicendamento alla presidenza del Consiglio [47] . La Regina Elena lasciò scritto nelle sue memorie un resoconto dell'incontro che precedette l'arresto di Mussolini e la sua reazione successiva:

"Eravamo in giardino. A me non aveva ancora detto nulla. Quando un emozionato Acquarone ci raggiunse, e disse a mio marito «Il generale dei carabinieri desidera, prima dell'arresto di Mussolini, l'autorizzazione di Vostra Maestà ». Io restai di sasso. Mi venne, poi da tremare quando sentii mio marito rispondere «Va bene. Qualcuno deve prendersi la responsabilità. Me l'assumo io». Poi salì la scalinata con il generale. Attraversavo l'atrio quando Mussolini arrivò. Andò incontro a mio marito. E mio marito gli disse «Caro Duce, l'Italia va in tocchi…», Non lo aveva mai chiamato così, ma sempre "eccellenza". Io nel frattempo salii al piano superiore, mentre la mia dama di compagnia, la Jaccarino, attardandosi nella saletta era rimasta giù e ormai non poteva più muoversi. Più tardi mi riferì tutto. Mi narrò che mio marito aveva perso le staffe e si era messo a urlare contro Mussolini , infine gli comunicò che lo destituiva e che a suo posto metteva Pietro Badoglio . Quando poi la Jaccarino mi raggiunse, dalla finestra di una sala, vedemmo mio marito tranquillo e sereno, che accompagnava sulla scalinata della villa, Mussolini, Il colloquio era durato meno di venti minuti. Mussolini appariva invecchiato di vent'anni. Mio marito gli strinse la mano. L'altro mosse qualche passo nel giardino, ma fu fermato da un ufficiale dei carabinieri seguito da soldati armati. Il dramma si era compiuto. Mi sentivo ribollire. Per poco non sbattei contro mio marito, che rientrava. «È fatta» disse piano, lui. «Se dovevate farlo arrestare» gli gridai a piena voce, indignata «..questo doveva avvenire fuori casa nostra. Quel che avete fatto non è un gesto da sovrano…». Lui ripeté «Ormai è fatta» e cercò di prendermi sotto braccio, ma io mi allontanai di scatto da lui, «Non posso accettare un fatto del genere» dissi «mio padre non lo avrebbe mai fatto» poi andai a rinchiudermi nella mia camera"

Il nuovo Governo Badoglio ereditò il gravoso compito di elaborare una strategia di uscita dal conflitto e di garantire l'ordine pubblico all'interno del Paese. Le condizioni interne non rendevano realmente possibile la continuazione della guerra a fianco dell'alleato tedesco: urgeva quindi siglare un armistizio con le potenze alleate ed evitare che l'esercito tedesco, che a seguito degli accordi presi con il precedente Governo stava rafforzando la sua presenza nella Penisola, riversasse la sua potenza contro le truppe e la popolazione italiana. Il Governo annunciò quindi la continuazione della guerra, ma intavolò negoziati con gli Alleati.

Armistizio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Armistizio di Cassibile e Fuga di Vittorio Emanuele III .
Proclama del Re ai marinai d'Italia dopo l' armistizio (25 settembre 1943 ).

Il 3 settembre fu firmato a Cassibile l' armistizio con gliAlleati , che lo resero noto l'8 settembre contrariamente a quanto calcolato dal Governo Badoglio [48] .

In effetti, l'annuncio dell'armistizio l'8 settembre colse di sorpresa il Re che aveva convocato al Quirinale Pietro Badoglio , il ministro Guariglia , i generali Ambrosio , Roatta , Carboni , Sandalli e Zanussi, l'ammiraglio De Courten , il maggiore Marchesi, il duca Acquarone e Puntoni , aiutante di campo del Re. Alla riunione Carboni e De Courten proposero di sconfessare l'armistizio e conseguentemente l'operato di Badoglio e di continuare la guerra a fianco dei tedeschi. La proposta, appoggiata inizialmente dalla maggioranza dei convenuti, dopo essere stata definita irrealistica da Marchesi, venne respinta da Vittorio Emanuele e Badoglio comunicò l'armistizio ormai reso pubblico dagli Alleati [49] .

L'esercito, lasciato senza un chiaro piano d'azione in risposta a un'offensiva dell'ex alleato tedesco, si trovò disorientato ad affrontare i colpi delle numerose unità tedesche che erano state inviate in Italia all'indomani della caduta di Mussolini. In effetti Badoglio, che riteneva che ai tedeschi sarebbe convenuto ritirarsi dall'Italia, come avrebbe voluto Rommel , comunicò che le truppe italiane non dovessero prendere l'iniziativa di attacchi contro l'ex alleato, ma limitarsi a rispondere.

La notte tra l'8 e il 9 settembre il Re, dopo un'iniziale esitazione e convinto da Badoglio della necessità di non cadere nelle mani tedesche [50] , fuggì da Roma alla volta di Brindisi , città libera dal controllo tedesco e non occupata dagli anglo-americani, arrivando in mattinata del 9 settembre nel borgo abruzzese di Crecchio ( CH ) a pochi chilometri da Ortona, ospite al Castello ducale della famiglia dei duchi di Bovino . Lo Stato Maggiore invece ripiegò a Chieti , a una trentina di chilometri di distanza da Crecchio, presso il Palazzo Mezzanotte. Trascorsa una giornata al castello, godendo di tutti i favori disponibili alla sua persona, Vittorio Emanuele proseguì la fuga imbarcandosi a Ortona sulla Corvetta Baionetta . Alla difesa di Roma, dichiarata città aperta , il Re lasciò il genero, il generale Giorgio Carlo Calvi di Bergolo , comandante del Corpo d'armata della città. Tuttavia, il maresciallo Badoglio, che probabilmente credeva ancora di poter raggiungere un qualche accordo con la Germania, non diede l'ordine di applicare il piano militare (" Memoria 44 ") elaborato dall'Alto comando per affrontare un eventuale cambio di fronte [51] . Seguirono dure rappresaglie tedesche contro l'esercito italiano; la più nota è l' eccidio di Cefalonia .

Il 12 settembre 1943 i tedeschi liberarono Mussolini, nel corso di un'operazione militare. Mussolini il 25 settembre successivo proclamò la nascita della Repubblica Sociale Italiana a Salò , dividendo anche di fatto in due parti l' Italia . Questa situazione terminò il 25 aprile 1945 , quando un'offensiva alleata e del ricostituito Regio Esercito insieme all'insurrezione generale proclamata dal CLN portarono le truppe dell' Asse alla resa.

"Regno del Sud"

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Regno del Sud .
Vittorio Emanuele III a Brindisi passa in rassegna una formazione del Regio Esercito

La fuga del Re e dei ministri militari a Brindisi lasciò l'intero esercito italiano dislocato in patria e su tutti i fronti di guerra senza ordini al completo sbando, permettendo all'esercito tedesco di attuare senza problemi l' operazione Achse e sancendo la più grave disfatta dell' esercito italiano che nell'arco di 10 giorni subì 20.000 perdite e oltre 800.000 prigionieri.

Tuttavia la fuga permise la continuità formale dello stato soprattutto agli occhi degli Alleati.

In questo modo gli Alleati vedevano garantita la validità dell'armistizio mentre la presenza di un governo legittimo evitava all'Italia l'instaurazione di un duro regime di occupazione, almeno nelle zone meridionali [52] . A Brindisi venne fissata la sede del governo: assicuratosi il riconoscimento anglo-americano, Vittorio Emanuele dichiarò formalmente guerra al Terzo Reich il 13 ottobre e gli Alleati accordarono all'Italia lo status di «nazione cobelligerante».

Nel frattempo si procedette alla riorganizzazione dell'esercito: il Re dovette affrontare la fronda dei ricostituiti partiti politici, allora ancora dei comitati di notabili, in particolare di quelli riuniti nel CLN di Roma presieduto da Bonomi . Anche da parte di notabili rimasti leali alla Corona, tra cui Benedetto Croce in un acceso discorso al Congresso di Bari , furono sollevate richieste di abdicazione del sovrano.

Ma Vittorio Emanuele non cedette neppure dinanzi alle forti pressioni esercitate dagli angloamericani, intendendo così difendere il principio monarchico e dinastico che lui stesso rappresentava e, al contempo, tentando di riaffermare almeno formalmente l'indipendenza dello Stato dalle ingerenze esterne, sebbene vada notato che diverse clausole del cosiddetto " armistizio lungo ", di carattere essenzialmente politico, facevano gravare una pesantissima ipoteca sull'indipendenza dello Stato al cospetto delle Nazioni Unite che lo avevano costretto a una resa senza condizioni.

Luogotenenza al figlio e abdicazione

Il 12 aprile 1944 un radiomessaggio diffondeva infine la decisione del Sovrano di nominare il figlio Umberto luogotenente a liberazione della Capitale avvenuta. La soluzione della Luogotenenza, istituto cui già Casa Savoia era ricorsa più volte in passato, venne caldeggiata dal monarchico Enrico De Nicola in un suo incontro con il Capo dello Stato [53] . Il 5 giugno affidò al sopracitato Umberto la Luogotenenza del Regno, senza però abdicare.

All'inizio del 1944, Benedetto Croce affermò: "Fin tanto che rimane a capo dello Stato la persona del presente re, noi sentiamo che il fascismo non è finito, che esso ci rimane attaccato addosso, che continua a corroderci ed infiacchirci, che riemergerà più o meno camuffato". [54] Nel 1945, Arturo Toscanini dichiarò a Time "Sono fiero di tornare quale cittadino della libera Italia, ma non quale suddito del re degenerato e del principe di casa Savoia." [55]

Il 5 giugno 1944 è una data che segna il passaggio dei poteri dal re al figlio Umberto, che così esercitò le prerogative del sovrano dal Quirinale, senza tuttavia possedere la dignità di re, con Vittorio Emanuele che rimase a Salerno .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Abdicazione di Vittorio Emanuele III .

Il sovrano, in un estremo ma tardivo tentativo di salvare la monarchia, il 9 maggio 1946 , abdicò a Napoli in favore del figlio Umberto II di Savoia circa un mese prima del referendum istituzionale del 2 giugno; l'autenticazione della firma del re, anziché dal Presidente del Consiglio, fu fatta da un notaio (Nicola Angrisano del collegio notarile di Napoli) [56] . La sera stessa s'imbarcò sul Duca degli Abruzzi per raggiungere l'Egitto, in volontario esilio .

Esilio e morte

I funerali di Vittorio Emanuele III ad Alessandria d'Egitto

Vittorio Emanuele III si ritirò in esilio con la moglie, prima della consultazione referendaria, ad Alessandria d'Egitto , con il titolo di « Conte di Pollenzo ».

Durante l'esilio egiziano il sovrano visitò le zone di guerra dove il Regio esercito aveva combattuto pochi anni prima, fra cui El Alamein [57] .

Morì ad Alessandria il 28 dicembre 1947 . Si spense quindi il giorno dopo la firma della Costituzione italiana che, con la XIII disposizione finale, avrebbe visto lo Stato avocare a sé i beni in Italia degli ex re di Casa Savoia e delle loro consorti [58] . La morte di Vittorio Emanuele III in una casetta della campagna egiziana fu dovuta — come accertarono i medici — a una congestione polmonare degenerata in trombosi . L'ex sovrano ne soffriva ormai da cinque giorni allorché, il 28, giunse la morte; il monarca spirò alle 14.20, dopo essersi sentito male un'ultima volta alle 4.30 del mattino (era sempre stato mattiniero).

Le ultime parole dell'ex re furono: "Quanto durerà ancora? Avrei delle cose importanti da sbrigare", frase che egli rivolse al medico accorso al suo capezzale dopo il sopraggiungere di una paralisi. Qualche giorno prima, precisamente il 23 dicembre, Vittorio Emanuele III aveva invece detto: "Viviamo proprio in un bel porco mondo!"; tali parole furono rivolte al proprio aiutante di campo , il colonnello Tito Livio Torella di Romagnano , e si riferivano al fatto che Vittorio Emanuele aveva notato che nella corrispondenza giunta dall'Italia per le festività natalizie brillavano per la loro assenza alcune missive di personalità da cui, evidentemente, si aspettava gli omaggi.

Tomba di Vittorio Emanuele nella cattedrale cattolica latina di Alessandria d'Egitto

La scomparsa di Vittorio Emanuele III limitò ogni avocazione al solo Umberto II [59] . Il re d'Egitto Faruq dispose che il defunto avesse funerali di carattere militare (col feretro cioè disposto su un affusto di cannone e scortato da un'adeguata rappresentanza delle forze armate egiziane ); la salma di Vittorio Emanuele III — salutata durante l'esequie da 101 colpi di cannone — fu tumulata nella cattedrale cattolica latina di Alessandria d'Egitto [60] [61] [62] . D'altronde, per desiderio dell'estinto, sulla bara non furono deposti fiori; infatti, a chi volle onorarne la memoria, fu consigliato di seguire il suggerimento della regina Elena , ovvero di beneficiare la comunità italiana in Alessandria d'Egitto .

Tomba di Vittorio Emanuele III al santuario di Vicoforte .

Il 17 dicembre 2017 , quasi in concomitanza con il settantesimo anniversario della morte, la salma di Vittorio Emanuele III è stata rimpatriata a bordo di un aereo dell' Aeronautica Militare Italiana e tumulata nella cappella di San Bernardo del santuario di Vicoforte [63] , a fianco della moglie Elena , i cui resti vi erano stati traslati da Montpellier due giorni prima [64] .

Secondo lo storico americano del fascismo Peter Tompkins , Vittorio Emanuele III sarebbe stato un “ massone segreto della loggia di Piazza del Gesù[65] . Tuttavia, questa diceria pare sia infondata e attribuibile piuttosto ad una fantasia giornalistica. Infatti, l'idea secondo cui il Re sarebbe stato massone sarebbe nata, oltre che per il conclamato anticlericalismo del Re (poiché all'epoca essere anticlericali era visto automaticamente come sinonimo di appartenenza alla Massoneria), a causa di un episodio occorso durante il funerale di re Umberto, durante il quale Vittorio Emanuele, spazientito dalla predica dell'officiante, avrebbe esclamato: «Quanto la tirano lunga, questi preti!». Da quella volta il Re fu etichettato come massone anche se, in realtà, non lo era [22] .

Numismatica

5 Lire del 1927 raffiguranti l' aquila imperiale (a sinistra) e Vittorio Emanuele III d'Italia

Fu studioso di numismatica e grande collezionista di monete. Nel 1900 acquistò dagli eredi la collezione Marignoli composta da circa 35.000 pezzi nei tre metalli [66] . Pubblicò il Corpus Nummorum Italicorum ( 1909 - 1943 ), opera in 20 volumi dove sono classificate e descritte le monete italiane. Lasciò l'opera, incompiuta, in dono allo Stato italiano. La sua attività di numismatico fu premiata nel 1904 con l'assegnazione della medaglia della Royal Numismatic Society .

Biglietto di Stato da 5 lire con l'effigie del Re

Volle una monetazione circolante ricca e varia, dando così vita a una vera e propria collezione tra le più belle e seguite. Fece coniare inoltre molte monete in numero limitato esclusivamente per i numismatici. Alla partenza per l'Egitto il 9 maggio 1946, il Re scrisse al presidente del consiglio Alcide De Gasperi : «Signor presidente, lascio al popolo italiano la collezione di monete che è stata la più grande passione della mia vita» [67] . Tale collezione è oggi parzialmente esposta nel piano seminterrato di Palazzo Massimo alle terme a Roma.

Epiteti

Nel suo lungo regno, Vittorio Emanuele III ricevette dalla stampa, da eminenti uomini di cultura o da politici a seconda della corrente filomonarchica o antagonista a questa alcuni epiteti passati alla storia. Gli epiteti propagandistici celebrativi sono legati alla Grande guerra, alla sua assidua presenza al fronte, e alla sua "alta guida" delle operazioni belliche che portarono il Regno alla vittoria sul tradizionale nemico dell'Unità italiana: "Re soldato", "Re di Peschiera", "Re della Vittoria", o semplicemente "Re Vittorioso" [68] .

Di riflesso alla sua politica improntata a idee di pace e protezione sociale, fu dipinto come il "Re socialista", e, similmente, per il suo appoggio a Giolitti fu noto come il "Re borghese" [69] .

Dopo l' 8 settembre fu anche chiamato dai fascisti di Salò "Re Fellone", appellativo che rimase in una certa stampa [70] .

"Re Sciaboletta" in una caricatura dell'epoca

Alcune caratteristiche fisiche furono all'origine di altri nomignoli ideati negli ambienti antimonarchici o frutto di trovate goliardiche. Il Re venne soprannominato "Sciaboletta" a causa della bassa statura (1,53 m), che avrebbe reso necessaria la forgiatura di una sciabola particolarmente corta, ad evitare che strisciasse sul terreno [71] . Sempre con riferimento alla statura, fu chiamato "Re Tappo"; Mussolini lo definì il "Re bloccardo" [72] .

Similmente, il Duca d'Aosta , riferendosi a Vittorio Emanuele e alla regina Elena (di origine montenegrina), li definì " Curtatone e Montanara ", guadagnandosi l'allontanamento da Corte e una missione in Africa [73] .

Ascendenza e osservazioni genetiche

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Carlo Alberto di Savoia Carlo Emanuele di Savoia-Carignano
Maria Cristina di Sassonia-Curlandia
Vittorio Emanuele II di Savoia
Maria Teresa d'Asburgo-Toscana Ferdinando III di Toscana .
Luisa Maria Amalia di Borbone-Napoli
Umberto I di Savoia
Ranieri Giuseppe d'Asburgo-Lorena Leopoldo II d'Asburgo-Lorena
Maria Ludovica di Borbone-Napoli
Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena
Maria Elisabetta di Savoia-Carignano Carlo Emanuele di Savoia-Carignano
Maria Cristina di Sassonia-Curlandia
Vittorio Emanuele III di Savoia
Carlo Alberto di Savoia Carlo Emanuele di Savoia-Carignano
Maria Cristina di Sassonia-Curlandia
Ferdinando di Savoia-Genova
Maria Teresa d'Asburgo-Toscana Ferdinando III di Toscana
Luisa Maria Amalia di Borbone-Napoli
Margherita di Savoia
Giovanni I Re di Sassonia Massimiliano principe di Sassonia
Carolina di Borbone-Parma
Elisabetta di Sassonia
Amalia Augusta di Baviera Massimiliano I di Baviera
Carolina di Baden

L'albero genealogico di Vittorio Emanuele III ben evidenzia l'elevato livello di consanguineità dei matrimoni contratti nelle generazioni a lui precedenti: tre dei quattro nonni erano cugini di primo grado l'uno con l'altra, avendo tutti e tre per nonni la coppia formata da Carlo Emanuele di Savoia-Carignano e Maria Cristina di Sassonia-Curlandia .

Ascendenza patrilineare

  1. Umberto I , conte di Savoia , circa 980-1047
  2. Oddone , conte di Savoia, 1023-1057
  3. Amedeo II , conte di Savoia, 1046-1080
  4. Umberto II , conte di Savoia, 1065-1103
  5. Amedeo III , conte di Savoia, 1087-1148
  6. Umberto III , conte di Savoia, 1136-1189
  7. Tommaso I , conte di Savoia, 1177-1233
  8. Tommaso II , conte di Savoia, 1199-1259
  9. Amedeo V , conte di Savoia, 1249-1323
  10. Aimone , conte di Savoia, 1291-1343
  11. Amedeo VI , conte di Savoia, 1334-1383
  12. Amedeo VII , conte di Savoia, 1360-1391
  13. Amedeo VIII (Antipapa Felice V), duca di Savoia , 1383-1451
  14. Ludovico , duca di Savoia, 1413-1465
  15. Filippo II , duca di Savoia, 1443-1497
  16. Carlo II , duca di Savoia, 1486-1553
  17. Emanuele Filiberto , duca di Savoia, 1528-1580
  18. Carlo Emanuele I , duca di Savoia, 1562-1630
  19. Tommaso Francesco , principe di Carignano , 1596-1656
  20. Emanuele Filiberto , principe di Carignano, 1628-1709
  21. Vittorio Amedeo I , principe di Carignano, 1690-1741
  22. Luigi Vittorio , principe di Carignano, 1721-1778
  23. Vittorio Amedeo II , principe di Carignano, 1743-1780
  24. Carlo Emanuele , principe di Carignano, 1770-1800
  25. Carlo Alberto , re di Sardegna , 1798-1849
  26. Vittorio Emanuele II , re d'Italia , 1820-1878
  27. Umberto I , re d'Italia, 1844-1900
  28. Vittorio Emanuele III , re d'Italia, 1869-1947

Titoli

SuaMaestà Imperiale e Reale Vittorio Emanuele III, per grazia di Dio e per volontà della Nazione,

Onorificenze

Stemma di Re Vittorio Emanuele III d'Italia con il collare dell' Ordine del Toson d'Oro e quello dell' Ordine di Carlo III

Onorificenze italiane

Gran maestro dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata
— 29 luglio 1900 - 9 maggio 1946
Gran maestro dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine militare di Savoia
— 29 luglio 1900 - 9 maggio 1946
Gran maestro dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 29 luglio 1900 - 9 maggio 1946
Gran maestro dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine della Corona d'Italia
— 29 luglio 1900 - 9 maggio 1946
Gran maestro dell'Ordine civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine civile di Savoia
— 29 luglio 1900 - 9 maggio 1946
Fondatore e unico Gran maestro dell'Ordine cavalleresco al merito agrario, industriale e commerciale - nastrino per uniforme ordinaria Fondatore e unico Gran maestro dell'Ordine cavalleresco al merito agrario, industriale e commerciale
— 4 giugno 1901 - 8 maggio 1921
Fondatore e primo Gran maestro dell'Ordine al merito del Lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Fondatore e primo Gran maestro dell'Ordine al merito del Lavoro
— 8 maggio 1921 - 9 maggio 1946
Medaglia della Stella al merito del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della Stella al merito del lavoro
— 30 dicembre 1923
Fondatore e primo Gran maestro dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Fondatore e primo Gran maestro dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia
— 18 gennaio 1914 - 9 maggio 1946
Gran maestro dell'Ordine della Besa (Regno d'Albania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine della Besa (Regno d'Albania)
— 16 aprile 1940 - 27 novembre 1943
Gran maestro dell'Ordine di Skanderbeg (Regno d'Albania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine di Skanderbeg (Regno d'Albania)
— 16 aprile 1940 - 27 novembre 1943
Fondatore e unico Gran maestro dell'Ordine civile e militare dell'Aquila romana (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Fondatore e unico Gran maestro dell'Ordine civile e militare dell'Aquila romana (Regno d'Italia)
— 14 marzo 1942 - 3 gennaio 1945
Medaglia Mauriziana pel merito militare di dieci lustri per ufficiali generali - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana pel merito militare di dieci lustri per ufficiali generali
Croce al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna)
«con barrette "1915", "1916", "1917", "1918"»
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia 1848-1918 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia 1848-1918
— 19 gennaio 1922
Medaglia commemorativa interalleata italiana della Vittoria (1918) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa interalleata italiana della Vittoria (1918)
— 16 dicembre 1920

Onorificenze straniere

Cavaliere dell'Ordine supremo di Cristo (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine supremo di Cristo (Santa Sede)
— 2 gennaio 1932
Cavaliere del Reale Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del Reale Ordine dei Serafini (Svezia)
— 15 aprile 1888
Cavaliere straniero del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera (K.G., Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere straniero del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera (KG, Regno Unito)
— 1891
Medaglia del giubileo di diamante della regina Vittoria (K.G., Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo di diamante della regina Vittoria (KG, Regno Unito)
— 1897
Balì Cavaliere di gran croce d'Onore e Devozione con croce di professione ad honorem del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Balì Cavaliere di gran croce d'Onore e Devozione con croce di professione ad honorem del Sovrano Militare Ordine di Malta
— 10 febbraio 1891
Cavaliere di Gran Croce e Collare dell'Ordine di Carol I (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce e Collare dell'Ordine di Carol I (Romania)
1906 [74]
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 23 settembre 1891
Collare del Reale e Distinto Ordine spagnolo di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare del Reale e Distinto Ordine spagnolo di Carlo III (Spagna)
— 10 dicembre 1900 [75]
Gran Collare dell'Ordine imperiale del Giogo e delle Frecce (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine imperiale del Giogo e delle Frecce (Spagna)
— 1º ottobre 1937 [76]
Commendatore di gran croce con collare dell'Ordine della Rosa Bianca di Finlandia (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di gran croce con collare dell'Ordine della Rosa Bianca di Finlandia (Finlandia)
— 1920
Stella d'oro dell'Ordine militare del Leone bianco (Cecoslovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Stella d'oro dell'Ordine militare del Leone bianco (Cecoslovacchia)
1925 [77]
Royal Victorian Chain (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Royal Victorian Chain (Regno Unito)
— 1903
Cavaliere di gran croce onorario dell'Onorevolissimo Ordine del Bagno, divisione militare (G.C.B. (hon. -mil.-), Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce onorario dell'Onorevolissimo Ordine del Bagno, divisione militare (GCB (hon. -mil.-), Regno Unito)
— 1916
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Regno ungherese (Regno d'Ungheria) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Regno ungherese (Regno d'Ungheria)
Croce della Libertà per il servizio civile di I classe (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Croce della Libertà per il servizio civile di I classe (Estonia)
Cavaliere dell'Ordine di San Pietro di Cettigne (Regno di Montenegro) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Pietro di Cettigne (Regno di Montenegro)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Lāčplēsis (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Lāčplēsis (Lettonia)
Collare del Ordine supremo del Crisantemo (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Collare del Ordine supremo del Crisantemo (Giappone)
Cavaliere dell'Ordine supremo dell'Aquila Nera (Regno di Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine supremo dell'Aquila Nera (Regno di Prussia)
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Regno di Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Regno di Spagna)
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Cirillo e Metodio (Regno di Bulgaria) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Cirillo e Metodio (Regno di Bulgaria)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo)
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine Virtuti Militari (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine Virtuti Militari (Polonia)
Fascia dei Tre Ordini (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dei Tre Ordini (Portogallo)

Note

  1. ^ ( EN ) Le strade dedicate a Vittorio Emanuele III , su wiki.openstreetmap.org . URL consultato il 16 dicembre 2020 .
  2. ^ a b c Storia d'Italia , volume XI, Fabbri Editori, 1965.
  3. ^ Mario Bondioli Osio, La giovinezza di Vittorio Emanuele III nei documenti dell'archivio Osio . Ed. Simonelli, Milano, 1997.
  4. ^ Aldo A. Mola, Storia della Monarchia in Italia . Edizioni Bompiani, Milano, 2002.
  5. ^ a b c d e f Antonio Spinosa, Vittorio Emanuele III, l'astuzia di un Re , Mondadori, 1990.
  6. ^ «Non mi stia a guardare. Sa bene ch'io sono fottuto nelle gambe!»
  7. ^ Sito della Basilica: il matrimonio del Principe di Napoli .
  8. ^ Illustrazione Popolare giornale per le famiglie, Volume XXXIII, N.46 del 16 novembre 1896, Fratelli Treves editori Milano
  9. ^ Guido Jetti, Il referendum istituzionale (tra il diritto e la politica), Guida, 2009, p. 109.
  10. ^ a b Enciclopedia Italiana Treccani (1939), tomo XXXV, voce: Vittorio Emanuele III.
  11. ^ Vittorio Emanuele III e l'Istituto internazionale di agricoltura .
  12. ^ Discorso della Corona del 30 novembre 1904.
  13. ^ Discorso della Corona del 27 novembre 1913.
  14. ^ Waldimaro Fiorentino, 100 anni fa Vittorio Emanuele III saliva al Trono , Istituto Nazionale per la Guardia d'Onore alle Reali Tombe del Pantheon, Roma, 2000.
  15. ^ Mario Missiroli, La Monarchia socialista , Laterza e figli, Bari, 1914.
  16. ^ «D'Alba ([ [...] ]) sparò due colpi di pistola contro re Vittorio Emanuele III» .
  17. ^ Spinosa, op. cit. , pp. 127-129
  18. ^ Spinosa, op. cit. , p. 279
  19. ^ L'orrenda strage , su La Stampa , http://www.archiviolastampa.it , 13 aprile 1928, p. 1. URL consultato l'8 gennaio 2016 .
  20. ^ Copia archiviata , su archiviostorico.info . URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 21 febbraio 2014) .
  21. ^ Spinosa, op. cit. , pp. 384-385
  22. ^ a b Indro Montanelli, Il Nuovo Re , in Storia d'Italia - L'Italia di Giolitti (1900-1920) vol. X , Bur, Rizzoli, 1965.
  23. ^ In particolare l'articolo primo della legge delle Guarentigie ("La persona del Sommo Pontefice è sacra e inviolabile") riproduceva in modo identico la formula dell'articolo quarto dello Statuto Albertino ("La persona del Re è sacra e inviolabile"), inoltre stabiliva che "L'attentato contro la persona del Sommo Pontefice e la provocazione a commetterlo sono puniti colle stesse pene stabilite per l'attentato e per la provocazione a commetterlo contro la persona del Re. Le offese e le ingiurie pubbliche commesse direttamente contro la persona del Sommo Pontefice con discorsi, con fatti, o coi mezzi indicati nell'art. 1 della legge sulla stampa, sono punite colle pene stabilite all'art. 19 della legge stessa", cioè le pene previste in caso di offesa del Re e dei membri della famiglia reale.
  24. ^ Lettere al re (1914-1918) Archiviato il 12 marzo 2016 in Internet Archive . su aiter.unipv.it.
  25. ^ Mirko Volpi, "Sua Maestà è una pornografia!" La scrittura della protesta nelle lettere al Re durante la Grande Guerra , in La lingua italiana. Storia, struttura e testi. , VI, Pisa/Roma, Fabrizio Serra Editore, 2010, pp. 123-40. URL consultato il 2 luglio 2014 .
  26. ^ L'Italia in camicia nera , Milano, Rizzoli, 1976.
  27. ^ "Vittorio Emanuele III. Il re che permise il golpe a Mussolini", Liberal , 30 agosto 2008.
  28. ^ Raccolta di documenti su De Gasperi Archiviato il 23 luglio 2011 in Internet Archive ..
  29. ^ Gianfranco Bianchi , Da Piazza San Sepolcro a Piazzale Loreto , Vita e Pensiero, Roma, 1978, p. 264.
  30. ^ Ennio Di Nolfo , Storia delle relazioni internazionali. Dal 1918 ai giorni nostri , Laterza, 2008, p. 24.
  31. ^ Discorso di Benito Mussolini del 3 gennaio 1925
  32. ^ Renzo De Felice , Mussolini il duce. Lo Stato totalitario (1936-1940) , Einaudi, Milano, 1996.
  33. ^ «Ma Vittorio Emanuele III non avrebbe mai potuto accantonare il suo rigido legalismo, travalicando le sue competenze istituzionali per nominare un nuovo governo, magari militare e sciogliere la Camera», Luciano Regolo, Il re signore: tutto il racconto della vita di Umberto di Savoia , Simonelli Editore, 1998 - ISBN 88-86792-14-X .
  34. ^ P. Ortoleva, M. Revelli, Storia dell'età contemporanea , Milano 1998, p. 123.
  35. ^ Francesco Barbagallo , Francesco Saverio Nitti , UTET, Torino, 1984, p. 489.
  36. ^ G. Candeloro, Storia dell'Italia moderna: Il Fascismo e le sue guerre , Volume 9, p. 92.
  37. ^ a b P. Ortoleva, M. Revelli, Storia dell'età contemporanea , Milano 1993, p. 372.
  38. ^ Galeazzo Ciano , Diario 1937-1943 , BUR.
  39. ^ Himmler fu sentito dire del Quirinale "Qui si respira un'aria da catacomba" e Vittorio Emanuele III definì Hitler un "degenerato psicofisico".
  40. ^ Galeazzo Ciano , Diario 1937-1943 , BUR, primi giorni di maggio 1938.
  41. ^ In particolare, Mussolini credette di potersi occupare dell'abolizione della Monarchia una volta terminata la Guerra di Spagna , cfr. Galeazzo Ciano , Diario 1937-1943 , BUR, 18 giugno 1938.
  42. ^ Si veda ad esempio Galeazzo Ciano , Diario 1937-1943 , BUR, 17 luglio 1938.
  43. ^ L. Federzoni, Italia di ieri per la storia di domani , Milano 1967, p. 167.
  44. ^ Questi episodi sono riportati in R. De Felice, Mussolini il Duce Vol. 2 - Lo stato totalitario (1936 - 1940) , Einaudi 1996, ISBN 978-88-06-19568-7 .
  45. ^ 1940, quando il re progettò il golpe contro Mussolini .
  46. ^ "Fall of a Dictator." Economist [London, England] 31 July 1943: 129+. The Economist Historical Archive, 1843-2012.
  47. ^ Pietro Ciabattini, Il Duce, il Re e il loro 25 luglio, Bologna, Lo Scarabeo, 2005.
  48. ^ Lettera di Badoglio all'ambasciatore italiano in Spagna Archiviato il 4 luglio 2008 in Internet Archive ..
  49. ^ Elena Aga Rossi , Una Nazione allo sbando. L'armistizio italiano del settembre 1943 , Il Mulino, Bologna, 1993, pp. 113-118.
  50. ^ Lucio Lami, Il Re di maggio , Ares, pp. 204-205. In particolare, Lami riporta le parole del Re in risposta a Badoglio: «Sono vecchio, anche se mi prendono cosa volete che mi facciano?». Ma in precedenza Vittorio Emanuele si era espresso diversamente: «Non voglio correre il rischio di fare la fine del re dei Belgi . [...] Non ho alcuna intenzione di cadere nelle mani di Hitler e di diventare una marionetta di cui il Führer possa muovere i fili a seconda dei suoi capricci». Badoglio scrive: «Una questione per me d'importanza capitale s'impadronì del mio spirito: quella cioè di mantenere a ogni costo uno stretto e continuo contatto con gli Alleati in modo che l'armistizio, firmato d'ordine mio dal generale Castellano, rimanesse sempre operante. – Tale rimanendo l'armistizio, l' Italia sarebbe stata trattata non più come nazione nemica, ma come nazione che aveva solennemente dichiarato e firmato di far subito causa comune con gli anglo-americani. – Ora, se il Governo fosse rimasto a Roma, la sua cattura sarebbe stata inevitabile ei tedeschi si sarebbero affrettati a sostituirlo con un Governo fascista ed avrebbero subito provveduto ad annullare l'armistizio. – Bisognava ad ogni costo evitare questa disastrosa eventualità che avrebbe significato la completa rovina dell'Italia. Che questa mia convinzione fosse esatta lo dimostrarono più tardi gli avvenimenti di Ungheria . In detto Paese l'ammiraglio Horty avendo al mattino proclamato l'armistizio fu immediatamente arrestato dai tedeschi, ed obbligato nel pomeriggio a dichiarare nulla la precedente comunicazione e ad assicurare che l'Ungheria avrebbe continuata la guerra. – E tutti sanno le tremende conseguenze che tale dichiarazione ebbe per quel disgraziatissimo paese.», Pietro Badoglio, L'Italia nella Seconda guerra mondiale , A. Mondadori, 1946, pp. 114-117. .
  51. ^ Lucio Lami, Il Re di maggio , Ares, pp. 201-205.
  52. ^ Aurelio Lepre, La storia del Novecento , Zanichelli, 1999, p. 1036; Enciclopedia Treccani, Appendici 1938-48, vol. II, p. 1122.
  53. ^ "Dopo avere incontrato il Sovrano, in un drammatico colloquio che avvenne al Quirinale nel febbraio del 1944 - presenti la Regina ed il Ministro della Real Casa - per prospettargli la proposta così congegnata, cui avevano previamente acconsentito i generali anglo-americani ed i rappresentanti delle forze antifasciste, De Nicola con estremo garbo attese che la risposta gli venisse recapitata all'indomani, nella sua abitazione privata": Tito Lucrezio Rizzo, Parla il Capo dello Stato , Gangemi, 2012, p. 17.
  54. ^ Vittorio Emanuele III .
  55. ^ Andrea Della Corte, Arturo Toscanini , in Collezione Biblioteca , vol. 6, Edizioni Mediterranee, 1981, p. 292.
  56. ^ L'atto di abdicazione di Vittorio Emanuele III è riprodotto sul sito della wordpress .
  57. ^ Paolo Puntoni , Parla Vittorio Emanuele III , Il Mulino, 1993.
  58. ^ La nascita della Costituzione .
  59. ^ Servizio studi Camera, Leggi costituzionali – Casa Savoia (XIII disp. trans. fin.) .
  60. ^ Giuseppe Josca , Quella tomba dimenticata di Vittorio Emanuele III , in Corriere della Sera , 3 febbraio 2001.
  61. ^ Sergio Romano , Vittorio Emanuele III dimenticato in Egitto , in Corriere della Sera , 3 febbraio 2001 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2013) .
  62. ^ Sergio Romano , Vittorio Emanuele III dimenticato in Egitto , in Corriere della Sera , 1º settembre 2013.
  63. ^ Tornerà in Piemonte la salma dell'ex re d'Italia Vittorio Emanuele terzo , in la Repubblica , 16 dicembre 2017. URL consultato il 16 dicembre 2017 .
  64. ^ Vittorio Emanuele III tumulato a Vicoforte , in La Stampa , 17 dicembre 2017. URL consultato il 17 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale il 19 dicembre 2017) .
  65. ^ Peter Tompkins, Dalle carte segrete del Duce. Momenti e protagonisti dell'Italia fascista nei National Archives di Washington , Milano, Marco Tropea, 2001. pag. 69
  66. ^ Andrea Pucci, Bollettino di numismatica on line , Materiali 3, Marzo 2013 pp. 8 e 10.
  67. ^ L. Travaini, Storia di una passione. Vittorio Emanuele III e le monete , Edizioni Quasar, 2005, retrocopertina.
  68. ^ Romano Bracalini, Vittorio Emanuele III: il re "Vittorioso" , Mondadori, 1987.
  69. ^ Vittorio Emanuele III, re d'Italia , Enciclopedia dei ragazzi (2006).
  70. ^ Vittorio Emanuele III, re non sempre fellone , Corriere della Sera , 8 novembre 1997.
  71. ^ I tifosi del Re Sciaboletta , La Repubblica , 30 dicembre 1997.
  72. ^ Da un discorso del 1910 citato in MG di Savoia e R. Bracalini, Diario di una Monarchia , Mondadori, 2001, p. 74.
  73. ^ Dal Corriere della Sera (12 marzo 2003): La saga parallela dei duchi d'Aosta, i cugini rivali .
  74. ^ https://familiaregala.ro/ordine-si-decoratii/ordinul-carol-i
  75. ^ (p.159) .
  76. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  77. ^ Vittorio Emanuele III .

Bibliografia

  • Francesco Perfetti, Parola di Re. Il diario segreto di Vittorio Emanuele , Firenze, Le Lettere, 2006, ISBN 978-88-7166-965-6 .
  • Piero Operti, Lettera aperta a Benedetto Croce (con la risposta di Croce) , Volpe editore, Roma, 1963.
  • Mario Viana, La Monarchia e il fascismo , L'Arnia, Firenze, 1951.
  • Gioacchino Volpe, Scritti su Casa Savoia , Volpe editore, Roma, 1983, pag. 126 ss., 155 ss., 234 ss., 272 ss.
  • Carlo Delcroix, Quando c'era il Re , Rizzoli, Milano, 1959, pag. 15 ss.
  • Alberto Bergamini, Il Re Vittorio Emanuele III di fronte alla storia , Società editrice Superga, Torino, 1950.
  • Gioacchino Volpe, Vittorio Emanuele III. Dalla nascita alla corona d'Albania (con introduzione di Domenico Fisichella ), Marco Editore, Lungro di Cosenza, 2000.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Re d'Italia Successore Royal Standard of Italy (1880-1946).svg
Umberto I 29 luglio 1900 - 9 maggio 1946 Umberto II
Predecessore Reggente della Colonia d'Eritrea Successore Eritrea COA.svg
Umberto I 29 luglio 1900 - 1941 Titolo abolito
Predecessore Reggente della Colonia di Somalia Successore Italian Somaliland COA.svg
Umberto I 29 luglio 1900 - 1941 Titolo abolito
Predecessore Imperatore d'Etiopia Successore Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Hailé Selassié 1936 - 1941 Hailé Selassié
Predecessore Re dell'Albania Successore Flag of Albania (1939-1943; crowned).svg
Zog I di Albania 1939 - 1943 Enver Hoxha
Come leader dello Stato d'Albania
Predecessore Erede al trono italiano Successore Royal Standard of the Crown Prince of Italy (1880-1946).svg
Umberto, principe di Piemonte
Poi monarca col nome di Umberto I
Principe ereditario
1878 - 1900
Umberto, principe di Piemonte
Poi monarca col nome di Umberto II
Predecessore Principe di Napoli Successore CoA of the prince of Naples.svg
Titolo inesistente 1878 - 1900
1ª creazione
Titolo confluito nella Corona
Predecessore Custode della Sacra Sindone Successore Turiner Grabtuch Gesicht negativ klein.jpg
Umberto I di Savoia 29 luglio 1900 - 9 maggio 1946 Umberto II di Savoia
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 13103888 · ISNI ( EN ) 0000 0000 8092 8191 · SBN IT\ICCU\RAVV\059612 · Europeana agent/base/225 · LCCN ( EN ) n80103764 · GND ( DE ) 118804545 · BNF ( FR ) cb13539209w (data) · BNE ( ES ) XX1196381 (data) · BAV ( EN ) 495/72843 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80103764