Es tracta d’un article de qualitat. Feu clic aquí per obtenir informació més detallada

William Shakespeare

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació - "Shakespeare", veure aquí. Si vostè està buscant altres aplicacions, vegi Shakespeare (desambiguació) .
William Shakespeare al retrat realitzat per Martin Droeshout
William Shakespeare Signature.svg

William Shakespeare ( / ʃɛkspir / , [1] en Anglès / ʃeɪkspɪər / ; Stratford-upon-Avon , 23 d'abril de 1564 [2] - Stratford-upon-Avon , 23 d'abril de 1616 [3] ) va ser un dramaturg i poeta, Anglès , considerat com l'escriptor més important en l'anglès i generalment considerat com el dramaturg més prominent de la cultura occidental [4] [5] [6] .

Es considera el poeta representant més dels anglesos [7] i conegut com el " Bard de ' Avon " (o simplement "The Bard" [8] ) o el "cigne de l'Avon" [9] ; seves obres han estat trobats, incloent algunes col·laboracions, 37 obres de teatre, 154 sonets i altres poemes . Les seves obres s'han traduït a tots els idiomes més importants de l'món i s'han representat amb més freqüència que qualsevol altre treball [10] ; També és l'autor més citat en la història de la literatura Anglès i molts de les seves expressions lingüístiques s'introdueixen diàriament en anglès [11] [12] [13] .

Tot i que la cronologia exacta de les seves obres segueix sent el tema de molt debat, així com l'autoria d'alguns d'ells, es pot posar amb suficient certesa la ' era de la composició de la major part del seu treball en uns vint anys entre 1588 i el 1613 [14] [15] . Capaç de sobresortir tant en la tragèdia i la comèdia , va ser capaç de combinar el gust popular del seu temps amb una caracterització complexa, poètic i refinat una notable profunditat filosòfica.

Tot i que ja era popular a la vida, es va fer molt popular després de la seva mort i es eufòric les seves obres i celebrat moltes figures importants en els segles següents. L'escassetat de sobreviure documents sobre la seva vida privada ha donat lloc a nombroses especulacions sobre la seva aparença física, la seva sexualitat, la seva religió i fins i tot a ' atribució de les seves obres [16] [17] [18] [19] . Ell era un dedicat d'asteroides : 2985 Shakespeare [20] .

Biografia

Els orígens

El presumptelloc de naixement de Shakespeare a Stratford

Shakespeare va viure entre el XVI i el segle XVII , època en què estava fent la transició de la societat medieval a el món modern. En 1558 el tron de el regne s'havia aixecat Isabel I , inaugurant un període de florida artístic i cultural que va prendre el nom [21] . El pare de William, John , es va traslladar a mitjan el segle XVI , des Snitterfield a Stratford-upon-Avon , on es va convertir en un adober i el guant fabricant [22] .

John apareix per primera vegada en documents històrics en 1552 . Un document ens informa que John Shakespeare va haver de llogar una ala del que després seria famós com ellloc de naixement de l'poeta , situada al carrer Henley. En 1556 John va augmentar la seva propietat, la compra d'una propietat de la terra i l'altra ala de la casa natal, que en aquest moment era una estructura separada [23] .

John es va casar amb Mary Arden, la filla de l'granger ric Robert Arden [24] . Maria era la filla menor, però, va ser probablement el favorit de la serra pare que quan va morir, a finals de 1556, ella va deixar el seu patrimoni i la collita de la seva terra [25] . El matrimoni va tenir lloc entre novembre de 1556, el mes en què es va redactar el testament de Robert Arden, i setembre de 1558, mes en què va néixer el primer fill [26] .

Des de la tardor de 1558, va començar la carrera política de John Shakespeare, va ser juramentat com un dels quatre connestabili [27] . Des 1565 va ser regidor , que és un component de l'consell municipal de Stratford; en 1568 es va exercir durant un any la posició més important de la ciutat, a l'agent judicial [28] . Una vegada que el màxim reconeixement ciutadà, va decidir anar a Col·legi d'heraldistes per rebre un escut d'armes, però no va poder aconseguir- [29] . Entre 1570 i 1590, John Shakespeare , aclaparats pels deutes, va tenir problemes financers, el que va portar a la final de la seva carrera pública i la venda d'algunes participacions [30] .

La joventut a Stratford

La família de Shakespeare en un dibuix de 1890: William recita el ' Hamlet , Anne seu a la dreta, Hamnet està dret, mentre que l'esquerra Judith i Susannah està escoltant

La data de William Shakespeare de baptisme a Stratford-upon-Avon sembla ser de 26 d'abril de 1564 ; la transcripció en les llistes de registre de la parròquia: Gulielmus, filius Johannes Shakespeare [31] . Data de naixement, que tradicionalment se suposava que no està documentat va passar tres dies abans, el 23 d'abril, dia en què celebra Sant Jordi , patró de ' Anglaterra [32] [33] . William va ser el tercer de vuit fills [34] . En l'estiu de 1564, la plaga va colpejar Stratford, però va perdonar a l'Shakespeare [35] .

Tot i que no hi ha juntes els registres de l'escola d'aquest període, alguns biògrafs de Shakespeare va assistir Nova Escola de Rei, escola gratuïta per als homes de la ciutat, dedicat a Eduardo VI i va fundar la Confraria de la Santa Creu , a uns 400 metres de casa [36] [37] [38] ; no hauria tingut l'oportunitat d'aprendre llatí i els clàssics de la literatura, i potser ser sotmès a penes freqüents física [39] [40] . Les lliçons es donen sis dies a la setmana, a partir de les sis o set del matí i van continuar fins a les onze; després d'aturar per dinar en un van reprendre i acaba a les sis de la tard [41] . No existeix la seva possible formació universitària.

És probable que William ha estat treballant com a aprenent al taller del seu pare [42] ; Es va fer èmfasi que Shakespeare es referia a diversos tipus de cuir i altres blanquers coneixements tradicionals [43] . El 27 de novembre 1582 , als divuit anys, es va casar amb William Stratford Anne Hathaway , que tenia vuit anys. Donada la data de naixement del primer fill, el matrimoni, en presència de Sandalls Fulco i John Richardson, va ser potser accelerada per l'embaràs de la núvia [44] .

El 26 de maig 1,583 la primera filla de Shakespeare, Susannah , va ser batejat a Stratford [45] . Dos anys més tard, el 2 de febrer, 1585 , que eren bessons batejats: un fill, Hamnet , i una filla, Judith [46] . El Shakespeare va cridar als nens com als seus veïns i amics inseparables, Hamnet i Judith Sadler [47] . Quan, en 1598, Judith i Hamnet Sadler tenien un fill, anomenat William [47] . Hamnet era una variant morfològica, habitual en aquest moment, de Hamlet [48] , i es va suposar que el nom de l'infant es va inspirar en la de la protagonista de ' obra homònima , encara que el nom Hamnet o Hamlet estava en aquest moment en lloc comú. La filla de Susana i John Hall, Elizabeth, és l'últim descendent de la família [49] .

Abans de Shakespeare Thomas Lucy, una il·lustració d'una anècdota sobre el poeta

Els anys perduts

Entre el baptisme dels bessons i la seva aparició en l'escena literària britànica, no hi ha documents relacionats amb la vida de Shakespeare; Per aquesta raó, el període comprès entre 1585 a 1592 es defineix pels estudiosos com "anys perduts" (anys perduts). L'intent d'explicar aquest període va donar lloc a nombroses suposicions i fantasies; sovint hi ha proves substanciar aquestes històries si els rumors recollits després de la mort de l'dramaturg [50] [51] . Nicholas Rowe , el primer biògraf de Shakespeare, mostra una llegenda de Stratford en el sentit que Shakespeare va fugir de la ciutat i es va refugiar a Londres, per escapar d'un procés causat per la caça furtiva d'un cérvol Thomas Lucy, un escuder locals [52] [53 ] . Una altra història dels segles XVIII informes que Shakespeare va començar la seva carrera de teatre a importar els cavalls de Londres teatres client [54] .

John Aubrey va informar que Shakespeare es va convertir en un mestre rural [55] si bé no presentar cap evidència per donar suport a aquesta hipòtesi. Alguns investigadors han suggerit la possibilitat que Shakespeare va ser contractat com a tutor d'Alexandre Hoghton de Lancashire , un terratinent catòlic que cita un "William Shakeshafte" en el seu testament a 1581 [56] [57] . No obstant això no hi ha evidència que qualsevol membre de la família de l'poeta mai s'utilitza la variant "Shakeshafte" [58] . S'ha suggerit que Shakespeare va començar la seva carrera teatral unint-se a una de les moltes empreses que van visitar Stratford anualment. En la temporada 1583 - 84 de tres empreses visitades Stratford, a la temporada 1586 - 87 5, incloent la de la reina, d'Essex i de Leicester [59] .

L'aparició a Londres i els primers èxits

L'estàtua de Shakespeare a Leicester Square , Londres, dissenyat per Giovanni Fontana en 1874 [60]

Diversos documents de 1592 ens informen de l'èxit de Shakespeare al teatre: sabem que les seves obres han estat representades pels comptes de les empreses de Derby, Pembroke i Sussex; sentim també la representació de les 3 de març de 1592 la primera part de ' Enrique VI [61] . La fama de les obres de Shakespeare va ser probablement en augment, amb la finalitat d'atreure l'enveja dels seus col·legues de més edat en aquest mateix any Robert Greene va dedicar la seva famosa diatriba que sembla estar dirigida a Shakespeare:

( EN )

"Un intrús Crow, embellit amb les nostres plomes, que amb la seva wrapt Tygers Hart en un Hyde jugadors, suposa que és així capaç de grandiloqüència a terme un vers Blanke com el millor de vosaltres, i beeing un absolut Johannes Factotum, està en el seu owne la presumpció de l'onely Shake-escena en un countrey ".

( IT )

"Un corb arribista, embellit per les nostres plomes, que amb la seva tigre art ocult pel cos d'un actor [62] creu que és tan capaç com el millor dels quals un tro en pentàmetre iàmbic; i ser un John Factotum, que és d'acord al seu parer l'única 'Shake-scene' [63] de país ".

( Greene , en Groatsworth de Wit 3 de setembre un fullet publicat 1592 )

Greene va ser un escriptor de la personalitat de foc xocat amb John Florio llegir i escriure i que en Groatsworth també va criticar Marlowe i Nashe [64] . Henry Chettle, una impressora que havia preparat per a còpies de l'manuscrit de Groatsworth, va sentir la necessitat, mesos més tard, a distanciar-se de Greene en el prefaci de la seva obra El somni de Classe-Cor (Somni classe de cor) [65] ; el passatge en qüestió, en la qual els estudiosos han especulat freqüentment ja dictada el personatge de Shakespeare, Chettle no es penedeix d'haver salvat, apreciant la "rectitud de la seva conducta, el que dóna fe de la seva honestedat i la seva gràcia enginyosa per escrit, que és un bon auguri en el seu art " [66] .

L'emblema de la família de Shakespeare

En els anys 1593 - 94 , a causa d'un brot de pesta, teatres anglès van ser tancats; Shakespeare, en aquest període, va publicar dos poemes, Venus i Adonis i La Violació de Lucrècia [67] . El primer imprès en 1593 , es dedica a Henry Wriothesley , dinou anys. Moltes especulacions s'han fet sobre la relació entre Shakespeare i Southampton - alguns crítics ho identifiquen com el misteriós "WH" receptor d' sonets . El llibre va ser un èxit i es va reimprimir moltes vegades [68] . L'èxit de l'obra també pot ser vist com una obra de teatre, imprès en 1606 , però uns anys abans, La tornada de l'Parnàs, va representar l'inici de l' segle XVII pels estudiants de la universitat de Sant Joan de Cambridge [69] . El retorn de l'Parnàs és el segon d'una sèrie de tres obres de teatre; a l'interior, un personatge diu:

( EN )

"Que aquesta estima món duncified de Chaucer i Spenser, t'adoro dolça senyor Shakespeare, i en honor a ell posarà la seva Venus i Adonis sota el coixí."

( IT )

"El que el món ignora estima així Spenser i Chaucer . Venero el dolç senyor Shakespeare, i en el seu honor vaig posar Venus i Adonis sota el coixí "

(La tornada de Parnassus, 1606)

No obstant això aquesta cita mostra només la popularitat que Venus i Adonis havien aconseguit en aquests anys; De fet, encara que alguns crítics han interpretat aquesta frase com un entorn d'apreciació Universitat de Shakespeare, altres van assenyalar que el caràcter que fa que aquest elogi és una estúpida [68] . Per donar suport a la hipòtesi que Shakespeare no era mal vist pel sector universitari, pot demanar a la tercera i última part de l'cicle "Parnassus" pels estudiants d'universitat de Sant Joan, la segona part de la devolució de l'Parnàs; en aquest, un personatge que interpreta William Kempe , parlant amb un personatge de fer-se passar per un altre membre de la companyia va ser en Shakespeare, els crítics grollerament dramaturgs amb educació universitària i estableix que "el nostre company Shakespeare ha humiliat tots ells" [70] .

En 1594, Shakespeare dóna impressions del seu segon poema La Violació de Lucrecia , també dedicada a l'comte de Southampton. Mitjançant la lectura de la dedicació, la majoria dels experts estan d'acord en la major familiaritat entre el poeta i el recompte [71] ; No obstant això, la relació entre els dos segueix sent difícil d'interpretar, atès que, a més d'aquestes dues dedicacions, Southampton no apareix en cap altre document relatiu a Shakespeare [72] .

Els servidors de el Senyor Chamberlain

A la tardor de 1594 la plaga va acabar a Londres, i això va permetre la reobertura dels teatres; Shakespeare es va unir a la companyia de teatre anomenada de Lord Chamberlain Homes ( "servidors de l' Senyor Chamberlain "), que eren també part de Richard Burbage i William Kempe [73] . El primer de l'existència de l'empresa va tenir lloc al juny de 1594 [74] , a través d'un document en el llibre de comptes de l'tresorer privada de la reina, que va informar de la notícia de la marxa de la companyia en el palau reial de Greenwich , el D dia. Stephen (26 de desembre) i el dia dels innocents (28 de desembre), al davant de Elizabeth i [74] .

New Place , la casa de Shakespeare, en un dibuix de George Vertue

En 1596 va morir l'únic fill, Hamnet , que va ser enterrat a Stratford l'11 d'agost [75] . Aquest mateix any, John Shakespeare , gràcies a l'èxit del seu fill, se les va arreglar per obtenir el dret a portar un escut d'armes i el títol de cavaller per a ell i els seus descendents, malgrat el seu prestigi i la seva fortuna es va reduir significativament en comparació amb alguns anys abans [76] , el lema triat no és droict Sanz, "no sense dret" [77] .

En 1597 Shakespeare comprada per William Underhill durant seixanta lliures a la residència a Stratford, New Place , compost per "dos graners, dos jardins, horts, amb dues dependències." La casa, el més gran de Stratford en el moment, era en realitat construïda per un ciutadà eminent de la generació anterior, Sir Hugh Clopton [78] . La compra testifica notables avenços aconseguits per Shakespeare amb l'activitat teatral.

En 1598 Shakespeare es va traslladar a la diòcesi de Bishopsgate St. Helen. En el mateix any, Francis Meres va publicar Palladis Tamia, en què va parlar d ' "una Ovidi augmentat en mel·líflua Shakespeare", i ha afegit que entre els dramaturgs anglesos va ser el millor tant en la tragèdia és comèdia, citant molts dels seus títols [77] . També en 1598 el Bard va participar com a actor en la representació de cada home en el seu humor per Ben Jonson , en la part de Kno'well, un ancià [79] ; a ' foli d'obres de Jonson de 1616 , va aparèixer Shakespeare, de fet, encapçala la llista dels actors [77] .

Shakespeare es va convertir en accionista de l' Homes de Lord Chamberlain , adquirint el 10% de l'empresa que, gràcies a ell, que era tan popular com per assegurar que, després de la mort de Isabel I i la coronació de Jaume I ( 1603 ), el nou monarch a adoptar, i el reclama per al títol com els homes de rei ( "els homes del rei"); en aquesta Companyia Shakespeare va ocupar el càrrec de director, així com els de dramaturg i actor [80] . Diversos gravació d'assumptes legals i les transaccions comercials documents mostren que la riquesa de Shakespeare s'havia incrementat en els seus anys de Londres. El 5 de juny 1607 a la seva filla Susannah va casar amb el Dr. John Hall doctor en l'Església de la Trinitat a Stratford [81] .

El retorn a Stratford i la mort del seu germà

Al voltant de 1611 es va retirar a la seva ciutat natal, Stratford. L'11 de setembre, figura "el senyor Shakespeare" a la llista de contribuents que han de pagar l'impost per al manteniment dels camins reials [77] . Aquest mateix any es va signar una petició dels ciutadans de Stratford demanant a la Cambra dels Comuns per reparar les carreteres [82] [83] . El 3 de febrer 1612 , va ser enterrat Gilbert, un germà de Shakespeare [84] . Al maig, Shakespeare va ser cridat a Londres per testificar en el cas "Bellot-Mountjoy," que s'oposava a dos fabricants de perruques londinencs, Christopher Mountjoy i el seu fill Stephen Bellott. Els registres de la prova han arribat fins a nosaltres després dels que contenen la deposició de Shakespeare és la seva signatura [85] .

A principis de 1613 va morir l'últim de germà de Shakespeare, Richard [86] : els vuit fills de John Shakespeare només estaven William i la seva germana Joan [86] . Al març de Shakespeare va comprar una casa a Londres per £ 140 (incloent 80 en efectiu); Conserge era l'antiga abadia dels negres Frares (Blackfriars), no lluny de ' homònim teatre [77] . A partir de 1613 Shakespeare ja no es produeix res [83] . Al novembre de 1614 va passar diverses setmanes a Londres juntament amb el fill John Hall [87] .

El 10 de febrer 1616 a la seva filla Judith es va casar amb Thomas Quiney [88] : aquesta última just abans de casar-se amb ella va fer una noia embarassada Stratford [89] . La següent Shakespeare 25 de març va fer la seva voluntat: la major part de les seves possessions van ser a la seva filla Susanna i el seu marit; una altra filla, Judith, va deixar una mica de diners en les clàusules de precaució relacionades amb els diners, mentre que la seva dona es va anar "l'usdefruit de la segona habitació" a la casa a New Place; Després es va deixar diversos articles i petites quantitats de diners als anells de compra a alguns coneguts de Stratford i actors Richard Burbage , John Heminges i Henry Condell [90] .

La tomba de William Shakespeare

William Shakespeare va morir en l'aniversari nombre 52 el 23 d'abril 1616 ; Hi havia romàs casat amb Anne fins al final. John Ward, un vicari de Stratford, mig segle més tard va dir que Shakespeare, després de passar una nit al camp amb Michael Drayton i Ben Jonson , en què bevia molt alcohol, va morir d'una febre contreta en aquest moment [90] . És possible que aquesta és una de les moltes llegendes sobre la vida de l'Bard [90] .

Va ser enterrat a la capella de la Santa Església de la Trinitat , l'església parroquial de Stratford; Aquest privilegi no es va deure a la seva fama com a escriptor, però de pagar una part de l'delme de l'església, 440 lliures. En una paret prop de la seva tomba és un monument , probablement per encàrrec de la família, [91] ; Shakespeare és un bust que mostra l'acte d'escriure. L ' epitafi a la seva tomba diu:

( EN )

"Bon amic, per Jesús avantpassat bé,
Per cavar la pols aquí tancat.
Beneït sigui l'home que no perdona Aquestes pedres,
I maleït el que es mou meus ossos ".

( IT )

"Benvolgut amic, per Jesús tornada bé,
pel moviment de la pols contingut en el mateix.
Feliços els qui les pedres,
I maleït el que pertorba els meus ossos

(Epitafi sobre la tomba de W. Shakespeare)

Arbre genealògic

Richard Shakespeare
(1490-1561)
Abigail Webb
Robert Arden
(0,1550 ..- 1556)
John Shakespeare
(Al voltant de 1531 a 1601)
Mary Arden
(1537-1608)
William Shakespeare
(1564-1616)
Anne Hathaway
(1555 / 56-1623)
Joan Shakespeare
(1569-1646)
William Hart
John Hall
(1575-1635)
Susanna Shakespeare
(1583-1649)
Hamnet Shakespeare
(1585-1596)
Judith Shakespeare
(1585-1662)
Thomas Quiney
John Barnard
Elizabeth Hall
(1608-1670)
Thomas Nash
Thomas Quiney
(1620-1639)
Shakespeare Quiney
(1616-1617)
Richard Quiney
(1618-1639)

Obres

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Cronologia de les obres de Shakespeare .
Les obres de William Shakespeare, Sir John Gilbert , 1849

Les obres poètiques i dramàtiques de Shakespeare és una part vital de la literatura occidental i s'estudia i es representen en cada part de el món de forma contínua. La cronologia de les seves obres és incert i segueix sent un tema molt debatut pels estudiosos [4] [5] [6] . En el primer foli de 1623 , escrit per John Heminges i Henry Condell , que inclouen les 36 obres de Shakespeare, que s'enumeren en funció de la seva classificació com tragèdies , comèdies i drames històrics [92] .

Cap obra de la poesia de Shakespeare ha estat inclòs en el primer foli. A la fi de l' segle XIX , Edward Dowden diu quatre de les últimes obres de Shakespeare, Pèricles, príncep de Tir , La tempesta , Els dos nobles cavallers i conte d'hivern , com els romanços , i encara que molts estudiosos prefereixen anomenar " tragicomèdia " aquest terme s'usa sovint [93] [94] .

En 1896, Frederick S. Boas va encunyar el joc problema a llarg termini, "jocs dialèctics" per descriure quatre escrits de Shakespeare, Bé està el que bé acaba , Mesura per mesura , Troilo i Crésida i Hamlet [95] ; el terme, encara que es debat, es manté en ús, encara que Hamlet es classifica definitivament com una tragèdia [95] [96] . Altres treballs, de vegades s'atribueixen a l'dramaturg de Stratford, s'enumeren com apòcrifa . Hi ha dues obres perdudes, Cardenio iWon Treballs d'amor [95] .

Obres teatrals

Talbot en batalla en Enrique VI, Part I

Inicialment, com era la tradició en l'era isabelina, Shakespeare va col·laborar amb altres dramaturgs a escriure les seves primeres obres [97] ; aquests inclouen Tito Andrónico , que un autor de finals de segle XVII, va dir "que només es limita a perfeccionar amb el seu únic toc magistral o dos dels principals caràcters" [98] . Els dos nobles cavallers , escrit en col·laboració amb John Fletcher , i Cardenio , perdut, té una documentació precisa atribució de Shakespeare.

Les primeres obres de Shakespeare es van centrar en Enric VI ; Enric VI, part I , composta entre 1588 i 1592 , podria ser la primera obra de Shakespeare, posada en escena, sens dubte, si no encarregat per Philip Henslowe . L'èxit de la primera part va seguir Enric VI, part II , Enric VI, part III i Ricard III , constituint a posteriori una tetralogía sobre la Guerra de les Roses i els esdeveniments immediatament següents; Aquests van ser fets a diversos graus per moltes mans de dibuix profusament de Cròniques de Raphael Holinshed , però cada vegada més marcades per l'estil característic de l'dramaturg, que descriu els contrastos entre les dinasties de York i Lancaster , que va acabar amb l'adveniment de la dinastia dels Tudor que va baixar l 'reina Isabel I. en el seu conjunt, fins i tot abans de la celebració de la monarquia i dels mèrits de la seva família, tetralogia apareix com una crida a la concòrdia civil [99] .

Gravat d'una escena de la domesticació de la musaranya , acte IV, escena III

Moltes obres dels primers temps de la cursa de Shakespeare va ser influenciat per les obres d'altres dramaturgs isabelins, especialment Thomas Kyd i Christopher Marlowe , per les tradicions de teatre medieval i les obres de Sèneca [100] [101] . La datació controvertida, però es presentaran en els treballs posteriors, són un petit grup de comèdies, en què hi ha una forta influència de ' Eufuismo i textos dels escriptors de el Renaixement i llocs italians. D'aquest període són part de els dos cavallers de Verona , La comèdia dels errors , en el qual hi ha elements relacionats amb els models clàssics, i La fierecilla domada , que alguns diuen que prové d'un conte popular [102] [103] , però que trobem a les novel·les Cinthio Giovan Battista Giraldi que van inspirar a Otel·lo i mesura per mesura .

Des 1594 la pesta i la censura ressorgiment van causar la desaparició de moltes empreses, mentre nascut nova realitat teatral, com Homes de Lord Chamberlain , de la qual formava part com a escriptor i actor. La capacitat de l'autor per identificar els temes més populars i talent en la reescriptura de guions perquè incappassero en els talls de l' amo de l'Revels li va assegurar durant aquest temps un ràpid ascens a la fama. Les primeres obres de Shakespeare, influenciats per l'estil italià clàssic, amb parcel·les doble atapeït i seqüències còmiques precises, 1594 donarà pas a la romàntica, de vegades amb tons més foscos i posseir una tragicomèdia [104] .

En totes les obres d'aquesta fase és l'enginy, joc literari basat en subtileses lèxics. Shakespeare se les arregla per fer jocs de paraules eines d'expressió, la contradicció , les figures retòriques , que mai són fins en si mateixos, però incorporat per a crear contrast desitjat entre l'elegància de la convenció literària i els sentiments genuïns dels personatges [105] . Aquest període va marcar la fi de les comèdies romàntiques comença però amb una tragèdia, Romeu i Julieta , una de la més famosa de les obres de Shakespeare, i després continuar amb el somni d'una nit d'estiu , que conté diversos elements nous en les obres de l'bard com màgia i fades, i el mercader de Venècia [106] [107] . Completano le opere di questa fase degli scritti shakespeariani l'ingegno ei giochi di parole di Molto rumore per nulla [108] la suggestiva cornice rurale di Come vi piace , la vivace allegria de La dodicesima notte e Le allegre comari di Windsor [109] .

Negli stessi anni nacque la seconda serie di drammi storici inglesi; dopo la lirica Riccardo II , scritta quasi interamente in versi, Shakespeare presentò, alla fine del XVI secolo , alcune commedie in prosa, come Enrico IV, parte I e II ed Enrico V . L'ultimo scritto di questo periodo fu Giulio Cesare , basato sulla traduzione di Thomas North delle Vite parallele di Plutarco [110] . La produzione di opere storiche riguardanti le origini della dinastia regnante andò di pari passo con il successo suscitato da tale genere. Edoardo III , attribuibile a Shakespeare solo in parte, offre un esempio positivo di monarchia, contrapposto a quello del Riccardo III . Re Giovanni , abile riscrittura shakespeariana di un copione pubblicato nel 1591 , narra di un monarca instabile e tormentato e dei discutibili personaggi che lo circondano. In queste opere i suoi personaggi divennero più complessi e teneri, mentre si passa abilmente tra scene comiche e serie, tra prosa e poesia, raggiungendo una notevole varietà narrativa. Fu determinante per il successo dei drammi l'introduzione di personaggi fittizi a cui il pubblico si affezionò, come Falstaff [111] .

Hamlet et Horatio au cimetière , Eugène Delacroix , 1839

Nei primi anni del XVII secolo , Shakespeare scrisse quelle che verranno definite da Frederick S. Boas problem play , i "drammi dialettici" che segnano un nuovo modo di intendere la rappresentazione, in cui i personaggi esprimono compiutamente le contraddizioni umane, dando voce alle problematiche di un'epoca che si è ormai distaccata completamente dagli schemi medioevali; di queste fanno parte Tutto è bene quel che finisce bene , Misura per misura , Troilo e Cressida e alcune tra le sue tragedie più note, come Amleto [95] [112] ; l'eroe di quest'ultima è probabilmente il personaggio shakespeariano più conosciuto, discusso e studiato, soprattutto per il suo famoso monologo " To be, or not to be " [113] . Shakespeare inoltre ha probabilmente scritto parte della scena VI di Sir Tommaso Moro , frutto della mano di almeno cinque diversi autori, mai rappresentato e stampato soltanto nel 1814 [114] .

Il 1603 segna una svolta storica per il teatro inglese; salito al trono, Giacomo I promuove un nuovo impulso delle arti sceniche, avocando a sé la migliore compagnia dell'epoca, i Chamberlain's Men , che da quel momento si chiameranno King's Men . A Giacomo I, Shakespeare dedicò alcune delle sue opere maggiori, scritte per l'ascesa al trono del sovrano scozzese, come Otello , Re Lear e Macbeth , la più breve e più complessa delle tragedie di Shakespeare [115] . A differenza dell'introverso Amleto, il cui errore fatale è l'esitazione, gli eroi di queste tragedie come Otello e Re Lear furono sconfitti da affrettati errori di giudizio [116] ; le trame di queste opere fanno spesso perno su questi errori fatali, che sovvertono l'ordine e distruggono l'eroe ei suoi cari [117] . Le tre ultime tragedie, che risentono della lezione di Amleto , sono drammi che restano aperti, senza ristabilire un ordine ma generando piuttosto ulteriori interrogativi. Ciò che conta non è l'esito finale, ma l'esperienza. Ciò a cui si dà maggiore importanza è l'esperienza catartica dell'azione scenica, piuttosto che la sua conclusione.

Incisione de La tempesta , atto I, scena I, basata su un dipinto di George Romney

Le sue ultime grandi tragedie contengono alcune delle più note poesie di Shakespeare e sono state considerate le migliori da Thomas Stearns Eliot [118] . I drammi di argomento classico sono l'occasione per affrontare il tema politico, calato nella dimensione della storia antica ricca di corrispondenze con la realtà britannica. In Antonio e Cleopatra l'utilizzo di una scrittura poetica sottolinea la grandiosità del tema, le vicissitudini storiche e politiche dell' impero romano . Coriolano è invece occasione per affrontare il tema del crollo dei potenti, l'indagine sui vizi e sulle virtù, dando voce a un'intera comunità come in una sorta di coro. Timone d'Atene , probabilmente scritto in collaborazione con Thomas Middleton , contiene allo stesso tempo la coscienza dei rischi di un individualismo moderno e la denuncia della corruzione e del potere dell'oro [118] .

Negli ultimi anni della produzione shakespeariana, il mondo del teatro londinese subisce un cambiamento sensibile; il pubblico aristocratico e della nuova borghesia agiata non frequenta più i grandi anfiteatri, ma teatri più raccolti come il Blackfriars . Le richieste di tale pubblico andavano più nella direzione dell'intrattenimento che non del coinvolgimento nella rappresentazione; alcuni commentatori hanno visto questo cambiamento di umore come prova di una più serena visione della vita da parte di Shakespeare [119] . Il Bardo, sempre attento ai cambiamenti del gusto e della sensibilità dei suoi spettatori, produce dei nuovi drammi, i cosiddetti romances , "drammi romanzeschi", tornando in parte agli scritti romantici e alle tragicommedie; nascono dunque Pericle, principe di Tiro , Cimbelino , Il racconto d'inverno , La tempesta e I due nobili cugini .

A differenza delle tragedie degli anni precedenti, queste spesso terminano con la riconciliazione e il perdono di errori potenzialmente tragici [119] [120] . In Enrico VIII , l'ultimo grande rifacimento di un dramma storico già in cartellone per le compagnie rivali, Shakespeare, aiutato probabilmente da Fletcher , arricchiva e perfezionava la vicenda, riprendendo i temi della produzione precedente, dalla cronaca storica e nazionale al dramma morale, riprendendo lo stile dell' età elisabettiana nel momento in cui quell'epoca era giunta al termine [121] . Shakespeare abolisce le tre unità aristoteliche dalle proprie opere teatrali.

Elenco delle opere teatrali di Shakespeare

Rappresentazioni teatrali

Gli interni del Globe Theatre nella ricostruzione del 1997

Non è chiaro per quali compagnie teatrali Shakespeare scrisse le sue prime opere; il frontespizio dell'edizione del 1594 del Tito Andronico rileva che la tragedia è stata messa in scena da tre gruppi di attori diversi [122] . Dopo la peste del 1592-1593, le opere di Shakespeare vennero affidate alla propria compagnia, The Lord Chamberlain's Men , che si esibiva presso il The Theatre e il The Curtain di Shoreditch [123] . Quando la compagnia si trovò in conflitto con il proprietario del The Theatre, con conseguente riduzione del pubblico del teatro, Richard Burbage , capo dei The Lord Chamberlain's Men , per salvare l'investimento fatto, decise di abbattere la struttura e utilizzare il legno rimanente per costruire il Globe Theatre [124] . Il "Globe" venne aperto nell'autunno del 1599 ; una dei primi copioni rappresentati nel nuovo teatro fu Giulio Cesare , mentre negli anni successivi vennero messe in scena alcune delle maggiori opere shakespeariane, tra cui Amleto , Otello e Re Lear .

Nel 1603 , i The Lord Chamberlain's Men entrarono nei favori di Re Giacomo I e cambiarono nome in King's Men ; anche se le loro rappresentazioni non furono regolari e continue nel tempo, riuscirono a esibirsi sette volte a corte tra il 10 novembre 1604 e il 31 ottobre 1605 [125] . Dal 1608 si spostarono al Blackfriars Theatre in inverno (era infatti un teatro coperto) e al Globe, che venne distrutto da un incendio accidentale il 29 giugno 1613 mentre era in corso la rappresentazione dell' Enrico VIII [126] , in estate [127] . Le scenografie interne, combinate con le elaborate maschere della moda giacobina , permisero a Shakespeare di introdurre dispositivi scenici più complessi [128] .

Tra gli attori della compagnia di Shakespeare vi erano Richard Burbage , William Kempe , Henry Condell e John Heminges . Burbage svolgeva il ruolo di primo attore nelle prime rappresentazioni delle opere di Shakespeare, tra cui Riccardo III , Amleto , Otello e Re Lear [129] . Il popolare attore comico William Kempe ricoprì il ruolo del servo Pietro in Romeo e Giulietta e di Dogberry in Molto rumore per nulla , oltre ad altri personaggi [130] [131] . Alla fine del XVI secolo venne sostituito da Robert Armin , che fu Pietraccia in Come vi piace e il Fool in Re Lear [132] .

Opere poetiche

Frontespizio originale dei Sonetti

Negli anni dal 1592 al 1594 a Londra infuriò la peste , provocando la chiusura dei teatri. Shakespeare, nell'attesa di riprendere la sua attività sul palcoscenico, scrisse due poemi di diverso stile ma entrambi dedicati a Henry Wriothesley, III conte di Southampton ; Venere e Adone , pubblicato nel 1593 , fu ristampato numerose volte ed ebbe un notevole seguito; il ratto di Lucrezia , registrato l'anno seguente, ebbe un successo molto inferiore [133] Influenzate da Le metamorfosi di Ovidio [134] , le opere, caratterizzate da forti tematiche erotiche, mostrano il senso di colpa e la confusione morale che derivano dalla lussuria incontrollata [135] .

Negli anni seguenti Shakespeare continuò occasionalmente a scrivere poemi e sonetti , perlopiù diffusi nella cerchia delle sue amicizie. Nel 1609 l'editore Thomas Thorpe stampò senza il consenso dell'autore Sonnets , una raccolta di 154 sonetti del Bardo. Scritti prevalentemente tra il 1593 e il 1595 , i sonetti rappresentano l'unica opera autobiografica di Shakespeare, da considerarsi anche come libro filosofico colmo di implicazioni meditative [136] . La critica ha suddiviso sommariamente la raccolta in due parti: la prima è dedicata a un non meglio specificato fair friend ("bell'amico", sonetti 1-126), la seconda a una dark lady ("donna misteriosa", sonetti 127-154); tra questi possiamo poi individuare la sequenza del "poeta rivale" (sonetti 76-86) [137] .

Un terzo poema narrativo, A Lover's Complaint , attribuito a Shakespeare dalla maggior parte degli studiosi, venne stampato e inserito nella prima edizione dei Sonetti nel 1609 [138] [139] . Nel 1599 , due prime stesure dei sonetti 138 e 144 vennero incluse ne Il pellegrino appassionato , pubblicato sotto il nome di Shakespeare ma senza il suo permesso [138] La fenice e la tortora , pubblicato in appendice a Love's Martyr , un poema di Robert Chester , è conosciuto come uno dei suoi lavori più oscuri e ha portato a molti conflitti interpretativi [140] [141] .

Opere apocrife

Pagina del Sir Tommaso Moro scritta dalla " Mano D ", considerata l'unico esempio pervenutoci della scrittura di Shakespeare

Nel corso degli anni, un gruppo di opere teatrali e poetiche è stato talvolta attribuito a Shakespeare, anche se il dibattito sulla paternità di queste opere al Bardo è ancora aperto. Questa incertezza è dovuta alla mancanza di alcune opere all'interno del First Folio e del Palladis Tamia di Francis Meres . Tra questi vi sono Arden of Feversham , dramma del 1592 attribuito in parte a Shakespeare, che lo mise in scena almeno una volta insieme ai The Lord Chamberlain's Men [142] , Edoardo III , opera edita anonimamente nel 1596, scritta almeno in parte, secondo gli studiosi, da Shakespeare [143] , Locrine , pubblicata nel 1595 con la scritta "Appena redatta, supervisionata e corretta da WS" [144] , Sir John Oldcastle , edita nel 1600, per la quale Shakespeare fu indicato subito come l'autore (il diario di Philip Henslowe riporta invece che questa fu opera di altri quattro scrittori), Thomas Lord Cromwell , che venne data alle stampe nel 1602 e alla quale, secondo moderni studi, il Bardo non contribuì alla stesura [145] e To the Queen , poesia ritenuta l'epilogo di Come vi piace .

The London Prodigal venne stampata nel 1605 sotto il nome di Shakespeare, anche se, secondo alcuni studiosi, manca di alcuni elementi tipici delle opere shakespeariane [145] , mentre The Puritan , A Yorkshire Tragedy e The Second Maiden's Tragedy , pubblicate rispettivamente nel 1607, nel 1608 e nel 1611 e attribuite a "WS", vennero in seguito ritenute tutte di Thomas Middleton [145] . Degli scritti apocrifi del Bardo vi sono anche The Birth of Merlin , pubblicata nel 1662 come opera del Bardo e di William Rowley ma scritta probabilmente nel 1622, sei anni dopo la morte di Shakespeare [146] , e Sir Tommaso Moro , dramma incappato subito nella censura che ne impose numerosi tagli; tre delle pagine di quest'opera possono essere state scritte da Shakespeare e rappresentare quindi, l'unico documento autografo del Bardo (fatta eccezione per le firme poste su alcuni documenti) arrivato in età contemporanea [147] .

Diverse sono le opere attribuite a Shakespeare andate perdute; Cardenio ( The History of Cardenio ) è una commedia messa in scena dai King's Men nel 1613 . Il libraio Humphrey Moseley inserì l'opera nel 1653 nello Stationers' Register , attribuendola a Shakespeare ea John Fletcher . Il contenuto della commedia, la cui esistenza è attesta da diversi documenti, non è conosciuto, ma era probabilmente basato sulle disavventure che coinvolgevano il personaggio Cardenio del Don Chisciotte [148] . Nel Palladis Tamia , Meres inserì nella lista di opere di Shakespeare Pene d'amore vinte ( Love's Labour's Won ); alcuni lo ritengono un lavoro a noi non giunto, altri considerano la citazione di Meres un titolo alternativo di una commedia del Bardo a noi giunta [149] . Alcuni studiosi ipotizzano inoltre la pubblicazione di Ur-Hamlet , una prima versione di Amleto [145] .

Edizioni e pubblicazioni

Frontespizio del First Folio

A differenza del suo contemporaneo Ben Jonson , Shakespeare non ha partecipato alla redazione e pubblicazione delle sue opere. Infatti, fatta eccezione per due poemetti giovanili ( Venere e Adone e Lo stupro di Lucrezia ) , il Bardo non si è mai curato di dare alle stampe le proprie opere; d'altra parte a quel tempo non vi era interesse a farlo, poiché le opere teatrali erano di proprietà della compagnia e pubblicarle avrebbe significato mettere nelle mani di compagnie rivali i propri copioni. I testi esistenti sono solitamente trascrizioni effettuate dopo le prime rappresentazioni oppure provengono direttamente dal manoscritto autografato dello scrittore o dagli stessi copioni [150] .

Le prime stampe furono destinate a un pubblico popolare e le copie erano fatte senza particolari accorgimenti estetici. Il formato utilizzato è chiamato in quarto , le cui pagine sono ottenute piegando i fogli stampati in quattro parti; talvolta le pagine non erano ordinate correttamente. La seconda edizione fu destinata a un pubblico più agiato, comportando quindi una maggiore importanza alla presentazione; per questa stampa fu utilizzato il formato in folio [151] .

Nel 1598 Francis Meres pubblicò Palladis Tamia , primo resoconto critico delle opere di Shakespeare di natura enciclopedica, importante per la ricostruzione della cronologia dei drammi shakespeariani [152] . Mr. William Shakespeare's Comedies, Histories & Tragedies , conosciuta comunemente come First Folio , fu la prima raccolta delle opere di Shakespeare, pubblicata nel 1623 a cura di John Heminges e Henry Condell ; contiene 36 testi, di cui 18 stampati per la prima volta, elencati come tragedie , commedie e drammi storici [92] . Il First Folio , che non comprende né poesie né poemi, rappresenta la sola fonte attendibile per circa venti opere e comunque una fonte molto importante anche per molte di quelle già pubblicate in precedenza [92] [153] . Due opere non sono incluse nel First Folio : I due nobili congiunti e Pericle, principe di Tiro , tuttavia accettate come parte del canone shakespeariano, dal momento che numerosi studiosi hanno concordato sul notevole contributo di Shakespeare nella loro composizione [154] .

La ricerca dei testi originali di Shakespeare è diventata una delle principali preoccupazioni degli editori moderni. Refusi, errori di battitura, interpretazioni sbagliate del copista , dimenticanze di interi versi sono presenti nell' in quarto e il primo folio . Inoltre il drammaturgo spesso scriveva utilizzando ortografie diverse anche per la stessa parola, aggiungendo del suo alla confusione della trascrizione; gli studiosi devono dunque ricostruire i testi originali ed eliminandone gli errori [155] . Critici moderni credono che lo stesso Shakespeare abbia rivisto le sue composizioni nel corso degli anni, facendo così coesistere versioni differenti di una determinata opera. Per arrivare a un testo accettabile, gli editori devono scegliere tra la prima e la versione rivista, che è generalmente più "teatrale"; in passato, gli editori risolvevano la questione con la fusione dei testi, ma per i critici questo processo è contrario alle intenzioni di Shakespeare [156] .

Stile

The Quarrel of Oberon and Titania , Joseph Noel Paton , 1849

Le prime opere di Shakespeare vennero scritte seguendo lo stile convenzionale dell'epoca, utilizzando un linguaggio stilizzato che non sempre è funzionale ai personaggi e alle opere [157] . La poesia si basa su estese ed elaborate metafore e il linguaggio è spesso retorico, scritto appositamente per declamare piuttosto che per parlare [158] . Ben presto, però, Shakespeare cominciò ad adeguare lo stile tradizionale ai propri fini, riuscendo a coniugare le convenzioni e la scrittura del passato alle esigenze del pubblico; nel periodo della pubblicazione di Romeo e Giulietta , probabilmente il migliore esempio di mescolanza dei due stili, di Riccardo II e di Sogno di una notte di mezza estate , Shakespeare aveva iniziato a scrivere una poesia più naturale e scorrevole, in cui comico e tragico coesistono nello stesso testo [159] , relazionando le metafore e le figure retoriche alle esigenze dell'opera [160] . L'originalità di Shakespeare non era negli intrecci, ma nell'ampiezza di respiro con cui faceva propri gli apporti più diversi [159] .

La forma poetica standard utilizzata da Shakespeare sono i blank verse , mutuato nella letteratura inglese dalla tradizione classica tra XIII e XIV secolo e adottato anche da Christopher Marlowe ; questo è composto da un sistema giambico a cinque accenti ( pentametro giambico ). Questo significava che i suoi versi, costituiti solitamente da dieci sillabe, lasciando l'accento su ogni seconda sillaba, non erano in rima; tuttavia le frasi tendono a coincidere con le righe, aumentando il rischio di una lettura monotona [161] . Il blank verse delle sue prime opere è piuttosto diverso da quello dei suoi lavori più maturi, riuscendo a modificare il ritmo delle sue opere, dando così maggiore forza e flessibilità importanza ai propri versi [162] .

Dopo Amleto , Shakespeare modificò ulteriormente il suo stile poetico, in particolare nei passaggi più emotivi delle tragedie, sottolineando inoltre l'illusione del teatro [163] . Il critico letterario AC Bradley ha descritto questo stile come "più concentrato, veloce, vario e meno regolare nella costruzione, non di rado contorta o ellittica" [164] . Nell'ultima fase della sua carriera, Shakespeare adottò molte tecniche letterarie per raggiungere questi effetti; tra queste vi sono enjambement , pause irregolari e notevoli variazioni nella struttura della frase e nella lunghezza dei versi, riuscendo a coinvolgere maggiormente il pubblico [165] . Le opere della maturità, con le variazioni della sequenza cronologica degli eventi ei colpi di scena nella trama, sono invece caratterizzate da frasi lunghe e brevi in sequenza, dall'inversione tra oggetto e soggetto e dall'omissione di parole, creando così maggiore spontaneità [166] . Shakespeare fu in grado di combinare il suo genio poetico con un senso pratico del teatro [167] , strutturando le trame delle sue opere per creare vari centri di interesse e per mostrare diversi possibili punti di vista, senza schemi preordinati [168] .

Fonti letterarie

Geoffrey Chaucer , padre della letteratura inglese , a cui Shakespeare attinse per Troilo e Cressida e Due nobili cugini

La grande maggioranza dei lavori di Shakespeare sono rielaborazioni di opere precedenti; inoltre, non raro è il caso in cui Shakespeare attinga a gruppi separati di narrazioni per intrecciarle tra loro [169] . Il primo punto di riferimento sono evidentemente le opere dei contemporanei [77] , in particolare le opere del teatro elisabettiano . Alcuni esempi di opere utilizzate come fonte d'ispirazione sono i romances Rosalynde di Thomas Lodge per Come vi piace , Pandosto o il trionfo del tempo di Robert Greene per Il racconto d'inverno , Arcadia di Philip Sidney per Re Lear , I due gentiluomini di Verona e Come vi piace , oltre alle opere di autori stranieri riproposte da autori inglesi, come The tragical History of Romeus and Juliet di Arthur Brooke , riproposizione di una novella di Matteo Bandello rifacentesi a quella omonima di Luigi da Porto , per Romeo e Giulietta o il romanzo pastorale Diana Enamorada di Jorge de Montemayor , tradotto in inglese da Bartolomew Yong, per I due gentiluomini di Verona e per Sogno di una notte di mezza estate [77] . Anche Geoffrey Chaucer venne utilizzato da Shakespeare per Troilo e Cressida e Due nobili cugini .

Per i drammi storici la fonte principale sono le imponenti compilazioni cronologiche degli storici Tudor [77] . La prima opera utilizzata da Shakespeare per i suoi drammi storici fu The Union of the Two Noble and Illustre Families of Lancastre and Yorke di Edward Hall , tuttavia "ben presto Shakespeare avrebbe abbandonato l'opera di Hall a favore delle più ricche e pittoresche Chronicles of England, Scotland and Ireland di Raphael Holinshed " [77] . Oltre che ai drammi storici, queste cronache fornirono spunti importanti anche per Macbeth , Cimbelino e Re Lear . Sia Hall sia Holinshead hanno spesso attinto dalla Anglicae Historiae Libri XXVI dei Polidoro Virgili [77] . Altre opere storiche certamente utilizzate da Shakespeare furono la Historia Regum Britanniae redatta in latino da Goffredo di Monmouth nel 1130 e poi ripresa da altri autori compreso Holinshed [77] , utilizzata per Re Lear e Cimbelino , e le Gesta Danorum di Saxo Grammaticus , fonte principale dell' Amleto .

Numerose sono le riproposizioni di storie e tematiche presenti nella novellistica italiana; tuttavia è probabile che Shakespeare sia arrivato a conoscenza di tali storie solo attraverso la mediazione di traduzioni e adattamenti francesi e inglesi [77] . Le novelle di Matteo Bandello furono utilizzate per Romeo e Giulietta , Molto rumore per nulla e La dodicesima notte , mentre alcuni spunti del Decameron di Giovanni Boccaccio sono rintracciabili in Tutto è bene quel che finisce bene e nel Cimbelino [77] . La traduzione inglese delle 100 novelle degli Hecatommithi di Giambattista Giraldi Cinzio servì a Shakespeare per alcuni elementi di Misura per misura e una novella in particolare fu la fonte principale dell' Otello [170] Il Pecorone di Giovanni Fiorentino servì per Le allegre comari di Windsor e per Il mercante di Venezia . La novella Le piacevoli notti di Gianfrancesco Straparola servì anch'essa per Le allegre comari di Windsor . La traduzione inglese di George Gascoigne de I suppositi di Ludovico Ariosto servì per La bisbetica domata . Gl'ingannati , una commedia italiana allestita a Siena dall' Accademia degli Intronati nel 1531 e stampata a Venezia nel 1537 , fornì la guida principale per la vicenda amorosa de La dodicesima notte . La traduzione inglese di Thomas Hoby de Il Cortegiano di Baldassare Castiglione fu certamente letta da Shakespeare, attingendoci per Molto rumore per nulla [77] .

Bronzo di Shakespeare a Verona

Shakespeare probabilmente non conosceva il greco, tuttavia aveva studiato il latino e letto i classici come Seneca alla King's New School di Stratford, non c'è da stupirsi pertanto che molti spunti delle sue opere provengono da autori antichi. Le Vite parallele di Plutarco fornirono la fonte principale del Giulio Cesare , Antonio e Cleopatra , Coriolano e del Timone d'Atene ; non conoscendo il greco è probabile che Shakespeare abbia utilizzato la traduzione di Thomas North Plutarch's Lives of the noble Grecians and Romans stampata nel 1579 e nel 1595 . I Menaechmi di Plauto servirono invece come spunto per La commedia degli errori e La dodicesima notte ; la Mostellaria servì invece per La bisbetica domata . Le tragedie di Seneca fornirono alcuni elementi del Tito Andronico [77] . Ovidio era il modello dichiarato dei due poemetti giovanili di Shakespeare, Venere e Adone e Lo stupro di Lucrezia . Le Metamorfosi riecheggiano anche in Tito Andronico , La commedia degli errori , Le allegre comari di Windsor , Sogno di una notte di mezza estate (con la vicenda di Piramo e Tisbe), Troilo e Cressida e La tempesta [77] .

Temi del teatro di Shakespeare

Sono temi ricorrenti nel teatro di Shakespeare: l'amore (passione disperata in Otello , passione sensuale in Romeo e Giulietta ), la lotta per il potere, la morte, il carattere illusorio e la fugacità della vita, la precarietà dell'esistenza con i frequenti motivi dell'oscura presenza della morte e del dubbio che sembrano dominare il cammino terreno dell'uomo (si pensi al celeberrimo monologo di Amleto "Essere o non essere, questo è il problema", scritto nella prima scena del terzo atto). Il tema della lotta per il potere è frequente ( Amleto , Macbeth , Re Lear ) anche per il fatto che l'autore vive in un'epoca in cui predomina la monarchia assoluta che, se da una parte può assicurare l'ordine e la prosperità, dall'altra crea grande brama di potere e di potenza, nonché rivalità, invidie, gelosie.

Altri temi fondamentali sono la presentazione dei sentimenti e degli stati d'animo umani nella loro varietà e complessità, senza escludere i problemi morali e psicologici nonché gli stati anomali della mente quali le contraddizioni nel comportamento, l'inquietudine, la follia (quest'ultima presente, ad esempio, in Amleto ). Dalla tradizione popolare e medievale Shakespeare accoglie poi la dimensione fantastica e irrazionale (gli spettri in Amleto e Macbeth , le streghe in Macbeth , i folletti in La tempesta , fate ed elfi nel Sogno di una notte di mezza estate , ecc.). Tali figure soprannaturali rappresentano le angosce e le colpe insite nell'animo umano. L'"eroe" si presenta come una figura complessa che resta tale e spesso esce moralmente nobilitata anche dopo drammatici conflitti di coscienza e una sconfitta subita per opera degli eventi.

Il fato nella tragedia classica era una forza soprannaturale, superiore anche agli dei, capace di determinare la sorte degli uomini. Nel teatro di Shakesperare esso non è più presente in quanto cede il posto al carattere, alle libere scelte e ai conflitti interiori dell'individuo. Quanto alle figure femminili, esse assumono una notevole importanza: sono dotate di autonomia e di forte individualità. I loro caratteri ei loro comportamenti sono diversi: ad esempio la tenera Giulietta ( Romeo e Giulietta ), l'innocente Desdemona ( Otello ), l'intelligente Porzia ( Il mercante di Venezia ). Altre invece sono coinvolte nella lotta per il potere come la sinistra Lady Macbeth ( Macbeth ) o le due perfide figlie di Re Lear .

Il drammaturgo inglese da una parte è figlio del Rinascimento in quanto nelle sue opere interpreta l'uomo che afferma se stesso, la propria creatività e razionalità ( antropocentrismo ) contro i limiti posti dalla realtà e dal destino; d'altra parte egli è anche esponente della nuova sensibilità del barocco in quanto evidenzia le lacerazioni di coscienza dell'individuo, l'incertezza degli ideali, la mutevolezza della sorte, il mistero insondabile della vita accompagnato da un senso di smarrimento esistenziale. I drammi di Shakespeare si interrogano quindi sull'identità dell'uomo, sull'assurdità della vita, sui misteri profondi e inconfessabili dell'animo umano, senza però giungere a una verità unica capace di eliminare ansie e insicurezze. In Shakespeare troviamo poi un dubbio radicale, cioè se la vita, oltre a essere breve, fragile e minacciata dalla continua presenza della morte, sia anche un sogno, un'illusione: ne sono testimonianza due celebri affermazioni, una nel Macbeth (V, 5) ed una ne La tempesta (IV, 1).

Macbeth sostiene che "la vita è solo un'ombra che cammina, un povero commediante che si pavoneggia e si dimena per un'ora sulla scena e poi cade nell' oblio : la storia raccontata da un idiota, piena di rumore e di foga, che non significa nulla". Nella seconda opera citata, il principe Prospero dice: "noi siamo fatti della stessa sostanza dei sogni e la nostra breve vita è cinta di sonno". I personaggi del drammaturgo inglese tuttavia lasciano aperta la questione in quanto non forniscono una risposta definitiva a questa domanda contenente un'idea ricorrente nell' età barocca : si pensi al Don Chisciotte di Cervantes (realtà-illusione) e al capolavoro La vita è sogno del grande drammaturgo spagnolo Pedro Calderón de la Barca . [171] [172]

Fortuna

Statua di Shakespeare, opera di John Massey Rhind , situata presso il Carnegie Museum of Art di Pittsburgh

Durante la sua vita, benché non fosse venerato e apprezzato come dopo la morte, Shakespeare ricevette comunque numerose lodi per i suoi lavori [173] . Nel 1598 Francis Meres lo ha inserito in un gruppo di scrittori inglesi, definiti come "i più eccellenti" [174] . Gli autori del Parnassus del St John's College di Cambridge lo paragonarono a Geoffrey Chaucer , a John Gower ea Edmund Spenser [175] . Anche Ben Jonson , nel First Folio , dimostrò apprezzamento per le sue opere.

Tra la restaurazione inglese e la fine del XVII secolo l'apprezzamento per le idee ei modelli classici fece sì che i critici del tempo apprezzavano John Fletcher e Ben Jonson piuttosto che Shakespeare [176] . Thomas Rymer , ad esempio, criticò il drammaturgo per la sua combinazione di comico e tragico; tuttavia, il poeta e critico John Dryden aveva grande considerazione di Shakespeare, dicendo di Jonson, "Lo ammiro, ma amo Shakespeare" [177] . Per alcuni decenni, il giudizio di Rymer non fu largamente diffuso, ma nel corso del XVIII secolo , i critici cominciarono a considerare l'importanza e il genio del Bardo. Una serie di critiche letterarie sulle sue opere, in particolare quella di Samuel Johnson del 1765 e di Edmond Malone del 1790, ha contribuito alla sua crescente reputazione [178] . Nel 1800, Shakespeare divenne poeta nazionale [179] . Tra il XVIII e il XIX secolo , la sua fama si diffuse anche all'estero; tra coloro che hanno apprezzato le sue opere vi sono Voltaire , Goethe , Stendhal e Victor Hugo [180] .

Durante l' età romantica venne ulteriormente riconosciuta l'importanza dei lavori di Shakespeare; venne elogiato dal poeta e filosofo Samuel Taylor Coleridge , mentre il criticoWilhelm August von Schlegel tradusse le sue opere nello spirito del romanticismo tedesco [181] . Nel XIX secolo , l'ammirazione critica per il genio di Shakespeare spesso scivolava in eccessi e nell'adulazione [182] [183] ; i vittoriani misero in scena le sue opere in modo sontuoso e su larga scala [184] . George Bernard Shaw definì il culto di Shakespeare come bardolatry ("bardolatria"), ritenendo che il nuovo naturalismo di Ibsen avesse fatto diventare le opere shakespeariane obsolete [185] .

La rivoluzione modernista nelle arti del XX secolo utilizzò con entusiasmo i suoi testi al servizio del Avanguardia . Gli espressionisti in Germania ei futuristi a Mosca organizzarono alcune rappresentazioni delle sue commedie; anche Bertolt Brecht mise in scena il suo teatro epico , influenzato dalle opere di Shakespeare. Il poeta e critico TS Eliot , insieme a G. Wilson Knight e al New Criticism , sostenne la necessità di una lettura più attenta di opere di Shakespeare. Negli anni cinquanta, nuovi approcci critici hanno aperto la strada a studi post-moderni sul bardo. Negli anni ottanta, le sue opere cominciarono a essere utilizzate per nuovi movimenti come lo strutturalismo , il femminismo , il New Historicism , gli studi afro-americani e queer [178] [186] .

Influenza

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Influenza di Shakespeare .
Macbeth Consulting the Vision of the Armed Head , Henry Fuseli , 1793–1794

I lavori di William Shakespeare hanno avuto una profonda influenza sul teatro e sulla letteratura successiva. In particolare, Shakespeare ampliò il potenziale drammatico della caratterizzazione dei personaggi, dell'intreccio e del linguaggio [187] . Ad esempio, i monologhi erano generalmente utilizzati per fornire informazioni sui personaggi o gli eventi; Shakespeare, invece, li utilizzò per esplorare la mente dei personaggi [188] .

Le sue opere influenzarono profondamente anche la letteratura poetica successiva. La poesia romantica tentò di far rivivere i versi drammatici shakespeariani, tuttavia con scarso successo. Il critico George Steiner descrisse tutti i versi drammatici inglesi da Coleridge a Tennyson come "flebili variazioni di temi shakespeariani" [189] . Shakespeare influenzò i romanzieri come Thomas Hardy , William Faulkner , e Charles Dickens . I monologhi del romanziere statunitense Herman Melville devono molto a Shakespeare: il suo Capitano Achab di Moby Dick è un classico eroe tragico, ispirato al King Lear [190] . Alcune opere liriche sono direttamente collegate con i lavori di Shakespeare, tra cui tre lavori di Giuseppe Verdi , il Macbeth , l' Otello e il Falstaff [191] . Shakespeare ha inoltre ispirato molti pittori, inclusi i romantici , tra cui Henry Fuseli , ei preraffaelliti [192] .

Ai giorni di Shakespeare, la grammatica, l'ortografia e la pronuncia inglese erano meno standardizzati rispetto a oggi [193] , e il suo utilizzo del linguaggio aiutò la formazione dell'inglese moderno [194] . Samuel Johnson citò Shakespeare più spesso di qualsiasi altro autore nel suo dizionario di lingua inglese , il primo lavoro autorevole di questo tipo [195] . Espressioni come "with bated breath" ("con il fiato sospeso", da Il mercante di Venezia ) e "a foregone conclusion" ("una conclusione inevitabile", dall' Otello ) sono ormai presenti nell'inglese di tutti i giorni [12] [13] .

Shakespeare nella cultura di massa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Shakespeare nella cinematografia .
Screenshot di Cleopatra , film tratto da Antonio e Cleopatra

Diversi elementi degli scritti di Shakespeare sono stati spesso utilizzati nella cultura popolare come modelli stilistici, sia per le sceneggiature, sia per le ambientazioni, sia per i personaggi. Numerose sono le opere letterarie il cui titolo si basa su frasi del Bardo; Beds in the East di Anthony Burgess si riferisce ad Antonio e Cleopatra ; Under the Greenwood Tree di Thomas Hardy a Come vi piace ; Time Must Have a Stop di Aldous Huxley a Enrico IV ; Band of Brothers di Stephen Ambrose a Enrico V ; The Dogs of War di Frederick Forsyth e There is a Tide di Agatha Christie a Giulio Cesare ; Twice-Told Tales di Nathaniel Hawthorne a Re Giovanni ; Pomp and Circumstance di Noël Coward a Otello ; The Winter of Our Discontent di John Steinbeck e Tomorrow in the Battle Think on Me di Javier Marías a Riccardo III ; What's in a Name? di Isaac Asimov a Romeo e Giulietta ; Absent in the Spring di Agatha Christie e Nothing Like the Sun di Anthony Burgess ai Sonetti ; Brave New World di Aldous Huxley a La tempesta ; Pale Fire di Vladimir Nabokov a Timone d'Atene e Cakes and Ale di William Somerset Maugham e Sad Cypress di Agatha Christie a La dodicesima notte ; Brief Candles di Aldous Huxley , By the Pricking of My Thumbs di Agatha Christie , The Moon is Down di John Steinbeck , Something Wicked this Way Comes di Ray Bradbury , The Sound and the Fury di William Faulkner , Tomorrow and Tomorrow and Tomorrow di Kurt Vonnegut , Wyrd Sisters di Terry Pratchett a Macbeth ; The Glimpses of the Moon di Edith Wharton ; There are More Things di Jorge Luis Borges , Time Out of Joint di Philip K. Dick , Mortal Coils di Aldous Huxley , Infinite Jest di David Foster Wallace ad Amleto [196] [197] .

Altre opere shakespeariane sono state di grande influenza per diversi poeti, soprattutto in lingua inglese, come Childe Roland to the Dark Tower Came di Robert Browning [198] , Macbeth per Out, Out— di Robert Frost [199] , Amleto per Very Like A Whale di Ogden Nash e La tempesta per Full Fathom Five di Sylvia Plath [200] [201] [202] . Anche diverse rappresentazioni teatrali hanno attinto in qualche modo alle opere del Bardo, in particolare Amleto ; la tragedia venne infatti utilizzata, tra gli altri, come base le sceneggiature da Ivor Novello per il musical Perchance to Dream [203] , da Agatha Christie per The Mouse Trap [204] , da Tom Stoppard per Rosencrantz & Guildenstern Are Dead e da Elmer Rice per Cue for Passion [205] [206] . Inoltre Journey's End di RC Sherriff si basa su Otello [207] , The Isle Is Full of Noises di Derek Walcott su La tempesta e Present Laughter di Noël Coward e Improbable Fiction di Alan Ayckbourn su La dodicesima notte [208] [209] [210] . Si ipotizza inoltre che oltre 20 000 brani musicali sono collegati con i lavori di Shakespeare [191] .

Il cinema è uno dei campi che ha maggiormente risentito dell'opera di Shakespeare, sia in forma integrale sia come adattamenti. Romeo e Giulietta è l'opera che è stata riprodotta sul grande schermo il maggior numero di volte; tra gli adattamenti più famosi vi sono Giulietta e Romeo (1936) , Giulietta e Romeo (1954) , West Side Story , Romeo e Giulietta (1968) , Romeo + Giulietta di William Shakespeare , Shakespeare in Love e Romeo and Juliet (2013) . Tra le altre pellicole che hanno tratto dai lavori del Bardo vi sono Falstaff da Le allegre comari di Windsor ; Amleto (1948) , Amleto (1964) , Amleto (1990) e Amleto (1996) da Amleto ; Cleopatra da Antonio e Cleopatra ; La bisbetica domata e 10 cose che odio di te da La bisbetica domata ; Belli e dannati da Enrico IV ; Enrico V (1944) e Enrico V (1989) da Enrico V ; Macbeth (1948) , Il trono di sangue , Macbeth (1971) , Macbeth (2015) da Macbeth ; Otello (1951) , Otello (1965) , Otello (1995) e O come Otello da Otello ; Ran da Re Lear ; Riccardo III (1955) , Riccardo III (1995) e Riccardo III - Un uomo, un re da Riccardo III ; Sogno di una notte di mezza estate (1935) , Sogno di una notte di mezza estate (1999) e Una commedia sexy in una notte di mezza estate da Sogno di una notte di mezza estate ; Titus da Tito Andronico . Come vi piace , La dodicesima notte , Giulio Cesare , Il mercante di Venezia , Molto rumore per nulla , Pene d'amore perdute e La tempesta sono invece adattamenti delle rispettive opere [211] [212] .

Speculazioni su Shakespeare

I principali quattro candidati alternativi all'attribuzione delle opere di William Shakespeare (al centro). In senso orario, da sinistra in alto: Edward de Vere , Francis Bacon , William Stanley e Christopher Marlowe .

Attribuzione e identità

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Attribuzione delle opere di Shakespeare .

La maggior parte degli studiosi shakespeariani ritiene senza alcun dubbio che lo Shakespeare nato a Stratford on Avon sia l'autore materiale delle opere che gli furono attribuite. Tuttavia, a causa della scarsità di notizie sulla sua vita, la sua istruzione, assenza di documenti o lettere a lui intestate, sono stati avanzati diversi dubbi sull'identità del drammaturgo. A partire dal XVIII secolo questi temi sono stati ampiamente e intensamente dibattuti da studiosi e non. In campo accademico, tali ipotesi non hanno avuto riconoscimenti dagli studiosi shakespeariani [213] .

In particolare, come autore delle opere shakespeariane sono state avanzate le candidature di Francis Bacon , celebre filosofo e scrittore, che avrebbe scritto le opere teatrali sotto uno pseudonimo, di Christopher Marlowe , autore teatrale, morto nel 1593 , ma che secondi alcuni avrebbe svolto attività di spionaggio per la corona e avrebbe continuato la propria attività letteraria con un falso nome, di Edward de Vere , 17º conte di Oxford, colto nobiluomo della corte elisabettiana che avrebbe continuato la propria giovanile attività poetica sotto uno pseudonimo per motivi di decoro oppure di William Stanley , sesto Conte di Derby , genero di Edward de Vere [213] .

Altre ipotesi hanno messo in discussione l'identità inglese stessa di William Shakespeare, per cui il bardo sarebbe da identificarsi con il linguista e scrittore di origini italiane Giovanni Florio , conosciuto come John. Diversi studi hanno approfondito l' influenza di Giovanni Florio sulle opere shakespeariane . John Florio ha coniato per la lingua inglese 1.149 parole [214] e diversi proverbi e frasi scritti da John Florio compariranno in seguito nelle opere di William Shakespeare e diversi neologismi creati da Florio compariranno per la prima volta nel First Folio di Shakespeare[215] . Inoltre, tre frasi di Florio diventarono titoli di tre commedie shakespeariane [216] . John Florio è stato proposto come redattore del First Folio da alcuni studiosi di Shakespeare, tra cui Saul Frampton e Stuart Kells [217] .

Un altro candidato proposto è il teologo e predicatore toscano Michelangelo Florio , padre di John Florio. Sono stati fatti, tra gli altri candidati, anche i nomi di Ben Jonson , Thomas Middleton , sir Walter Raleigh , Mary Sidney contessa di Pembroke, e persino la regina Elisabetta I .

Credo religioso

Alcuni studiosi affermano che i membri della famiglia Shakespeare fossero cattolici [218] ; sua madre, Mary Arden, proveniva infatti da una famiglia cattolica. Nel 1757 , nella casa del padre di Shakespeare, fu trovato un testamento cattolico firmato da John Shakespeare ; sebbene ne sia stato tramandato il contenuto, il testamento è stato perduto, pertanto gli studiosi discutono ancora della sua autenticità [219] [220] . Nel 1591 le autorità più volte riportarono che John Shakespeare non andava alla funzione domenicale "per paura di essere processato per debiti", una comune scusa utilizzata dai cattolici per evitare di seguire le cerimonie protestanti; tuttavia, molti documenti sembrano indicare che effettivamente all'epoca John Shakespeare avesse problemi economici. Nel 1606 il nome della figlia di Shakespeare, Susanna, apparve in una lista di persone che non presero la comunione durante la Pasqua di quell'anno [221] .

Gli studiosi hanno trovato prove sia a favore sia a sfavore del cattolicesimo di Shakespeare nelle sue opere, ma la verità sembra impossibile da trovare nell'uno e nell'altro caso [222] [223] . Rowan Williams , arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione Anglicana , che è anche uno studioso di letteratura, ha comunicato durante l'Hay Festival in Galles del 2011: "Non penso che questo ci debba interessare molto, se posizionarlo tra i cattolici oi protestanti. Ma per quel che vale, penso che egli avesse probabilmente un retroterra cattolico e molti amici cattolici" [224] .

Possibili volti di Shakespeare

Il volto di Shakespeare

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Raffigurazioni di Shakespeare .

Numerosi sono i dipinti o le sculture che raffigurano William Shakespeare, tuttavia nella maggior parte dei casi si tratta di opere posteriori alla sua morte, realizzate da artisti che mai videro il vero volto di Shakespeare. Un tempo l'unica raffigurazione di cui era accettato il valore documentario è la statua del monumento funebre a Stratford, ma la forma attuale risulta solamente dopo il 1720, in quanto precedentemente aveva dettagli diversi dalle caratteristiche attuali (nel monumento originale Shakespeare non teneva in mano una penna e un libro ma si appoggiava a un sacco di grano). La celebre incisione presente sul First Folio del 1623 [225] è di fatto posteriore di alcuni anni alla morte di Shakespeare. Tra i ritratti la cui attendibilità è discussa possiamo ricordare il Ritratto Chandos , il ritratto dell' Ely Palace , il ritratto Flowers , la maschera mortuaria Kesselstadt , il ritratto di Cornelius Janssen , la miniatura di Nicholas Hilliard e il recente Ritratto Cobbe [226] .

Note

  1. ^ Luciano Canepari , William Shakespeare , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  2. ^ La data di battesimo è il 26 aprile 1564, mentre l'esatto giorno di nascita è un argomento ancora dibattuto tra gli esperti. Si dice che sia nato il 23 aprile per convenzione, in quanto in quel giorno si celebra la festa di san Giorgio, patrono della nazione.
  3. ^ La data di morte riportata segue il calendario giuliano allora in uso in Inghilterra. Secondo il calendario gregoriano , introdotto nei paesi cattolici dal 1582, Shakespeare morì il 3 maggio. Nella stessa data del 23 aprile 1616, ma del calendario gregoriano, morirono anche Miguel de Cervantes e il meticcio inca Garcilaso de la Vega . Per questo motivo l' UNESCO ha scelto il 23 aprile per la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore .
  4. ^ a b Greenblatt, 2005 , p. 11 .
  5. ^ a b Bevington, 2002 , pp. 1-3 .
  6. ^ a b Wells, 1997 , p. 399 .
  7. ^ ( EN ) Michael Dobson, The Making of the National Poet: Shakespeare, Adaptation and Authorship, 1660-1769 , su us.oup.com , Oxford University Press . URL consultato il 26 febbraio 2006 .
  8. ^ ( EN ) The Bard , su websters-online-dictionary.org , Webster's Dictionary. URL consultato il 20 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 30 settembre 2007) .
  9. ^ ( EN ) To The Memory Of My Beloved, The Author, Mr William Shakespeare, And What He Hath Left Us , su poetry.poetryx.com , Poetry.com. URL consultato il 26 febbraio 2006 (archiviato dall' url originale il 2 luglio 2006) .
  10. ^ Craig, 2003 , p. 3 .
  11. ^ ( EN ) Lois Potter, William Shakespeare , su litencyc.com , The Literary Encyclopedia. URL consultato il 21 dicembre 2011 .
  12. ^ a b Johnson, 2002 , p. 12 .
  13. ^ a b Crystal, 2001 , p. 63 .
  14. ^ Chambers, 1930 , Vol. 1, pp. 270–71 .
  15. ^ Taylor, 1987 , pp. 109–134 .
  16. ^ Shapiro, 2005 , pp. XVII-XVIII .
  17. ^ Schoenbaum, 1991 , pp. 41, 66, 397–98, 402, 409 .
  18. ^ Taylor, 1990 , pp. 145, 210–23, 261–5 .
  19. ^ ( EN ) David Bevington, Shakespeare, William – Shakespeare the man>Life>Sexuality , su search.eb.com , Encyclopædia Britannica's Guide to Shakespeare . URL consultato il 23 giugno 2015 .
  20. ^ ( EN ) MPC 10044 del 29 settembre 1985
  21. ^ ( EN ) Andrew Gurr, The Shakespearean Stage 1574–1642 , 3ª ed., Cambridge, Cambridge University Press, 1992, pp. 12-18, ISBN 0-521-50981-5 .
  22. ^ Schoenbaum, 1979 , pp. 18-19 .
  23. ^ Schoenbaum, 1979 , pp. 19-20 .
  24. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 20 .
  25. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 22 .
  26. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 23 .
  27. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 37 .
  28. ^ Schoenbaum, 1979 , pp. 38-39 .
  29. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 41 .
  30. ^ Schoenbaum, 1979 , pp. 43-44 .
  31. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 26 .
  32. ^ Schoenbaum, 1987 , pp. 24-25 .
  33. ^ Carlo Maria Pensa prefazione a William Shakespeare, Amleto - Sogno di una notte di mezza estate 1999.
  34. ^ ( EN ) A Shakespeare Genealogy , su shakespeare.palomar.edu . URL consultato il 27 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 29 marzo 2007) .
  35. ^ Schoenbaum, 1979 , pp. 28-29 .
  36. ^ Schoenbaum, 1987 , pp. 62-63 .
  37. ^ Ackroyd, 2006 , p. 53 .
  38. ^ Wells, 2005 , Capitoli XV–XVI .
  39. ^ ( EN ) TW Baldwin, William Shakspere's Small Latine & Lesse Greek , Ill, University of Illinois Press, 1944, pp. 164–184, ISBN non esistente. .
  40. ^ ( EN ) David Cressy, Education in Tudor and Stuart England , New York, St Martin's Press, 1975, pp. 28-29, ISBN non esistente. .
  41. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 73 .
  42. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 80 .
  43. ^ Schoenbaum, 1979 , pp. 80-81 .
  44. ^ Schoenbaum, 1987 , pp. 78-79, 93 .
  45. ^ Schoenbaum, 1987 , p. 93 .
  46. ^ Schoenbaum, 1987 , p. 94 .
  47. ^ a b Schoenbaum, 1979 , p. 99 .
  48. ^ Alessandro Serpieri, Il mistero del primo Amleto , in Giuseppina Restivo, Renzo Crivelli (a cura di), Tradurre/Interpretare "Amleto" , Bologna, Clueb, 2002, ISBN 88-491-1853-8 . .
  49. ^ ( EN ) Shakespeare's Family , su freepages.genealogy.rootsweb.ancestry.com . URL consultato l'8 gennaio 2012 .
  50. ^ Honigmann, 1999 , pp. 95–117 .
  51. ^ Wood, 2003 , pp. 97–109 .
  52. ^ Schoenbaum, 1987 , pp. 97-108 .
  53. ^ ( EN ) Nicholas Rowe, Some Acount of the Life &c. of Mr. William Shakespear , su shakespeare.palomar.edu . URL consultato il 21 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 23 luglio 2008) .
  54. ^ Schoenbaum, 1987 , pp. 144-145 .
  55. ^ Schoenbaum, 1987 , pp. 110-111 .
  56. ^ Honigmann, 1999 , Capitolo 1 .
  57. ^ Wells, 2005 , p. xvii .
  58. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 119 .
  59. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 122 .
  60. ^ ( EN ) William Shakespeare by Giovanni Fontana , su victorianweb.org . URL consultato il 30 dicembre 2011 .
  61. ^ ( EN ) Richard Proudfoot, Ann Thompson, David Scott Kastan, The Arden Shakespeare Complete Works Paperback Edition , Thomson Learning, 2001, p. 463 , ISBN 1-903436-61-3 . .
  62. ^ La frase in corsivo è una parodia della frase di Shakespeare "Oh, cuore di tigre nascosto da un corpo di donna!" ( Enrico VI, parte III ).
  63. ^ Evidente l'assonanza Shake-scene / Shake-speare.
  64. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 165 .
  65. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 166 .
  66. ^ Schoenbaum, 1979 , pp. 166-167 .
  67. ^ Giorgio Melchiori, Prospetto alle opere di Shakespeare , in Shakespeare, Re Lear , Mondadori, 1989, ISBN 88-04-32575-5 . .
  68. ^ a b Schoenbaum, 1990 , p. 189.
  69. ^ ( PDF ) Il fac-simile dell'edizione del 1606 ( PDF ), su ia700309.us.archive.org , Ia700309.us. URL consultato il 17 dicembre 2011 .
  70. ^ Internetshakespeare.uvic.ca . URL consultato il 17 dicembre 2011 .
  71. ^ Schoenbaum, 1990 , p. 191.
  72. ^ Schoenbaum, 1990 , p. 192.
  73. ^ Schoenbaum, 1987 , p. 184 .
  74. ^ a b Schoenbaum, 1990 , p. 196.
  75. ^ Schoenbaum, 1987 , p. 224 .
  76. ^ Anna Luisa Zazo (a cura di), Cronologia della vita e delle opere di Shakespeare , in Otello , Mondadori, 1992, p. LI, ISBN 978-88-04-50938-7 . .
  77. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Tutto il teatro di William Shakespeare. Testo inglese a fronte. Con CD-ROM, Garzanti Libri, 2000.
  78. ^ ( EN ) Bill Bryson, Shakespeare: The World as a Stage , Londra, Harper Perennial, 2008, p. 119, ISBN 0-06-074022-1 . .
  79. ^ ( EN ) The Holloway Pages: Ben Jonson: Works (1692 Folio): Every Man in his Humour , su hollowaypages.com . URL consultato il 21 dicembre 2011 .
  80. ^ ( EN ) EK Chambers, The Elizabethan Stage, 2 , Oxford, Clarendon Press, 1923, pp. 208–209, ISBN 0-19-811511-3 . .
  81. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 312 .
  82. ^ All'epoca le strade erano costruite e riparate per lo più da filantropi.
  83. ^ a b Schoenbaum, 1979 , p. 302 .
  84. ^ Schoenbaum, 1979 , pp. 303-304 .
  85. ^ ( EN ) Deposition of William Shakespeare in the Bellott-Mountjoy Dowry Lawsuit , su jottit.com . URL consultato il 21 dicembre 2011 .
  86. ^ a b Schoenbaum, 1979 , p. 304 .
  87. ^ Honan, 1998 , p. 387 .
  88. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 318 .
  89. ^ Schoenbaum, 1979 , p. 319 .
  90. ^ a b c Schoenbaum, 1979 , p. 322 .
  91. ^ ( EN ) Graham Holderness, Cultural Shakespeare: Essays in the Shakespeare Myth , Univ of Hertfordshire Press, 2001, pp. 152-154, ISBN 1-902806-11-5 . .
  92. ^ a b c Boyce, 1996 , pp. 91, 193, 513 .
  93. ^ ( EN ) Phillip Edwards, Shakespeare's Romances: 1900–1957 , Cambridge, Cambridge University Press, 1958, pp. 1-10, ISBN 0-521-21500-5 . .
  94. ^ ( EN ) William Shakespeare, Shakespeare , a cura di Susan Snyder, Deborah Curren-Aquino, Cambridge, Cambridge University Press, 2007, pp. 3-15, ISBN 0-521-22158-7 . .
  95. ^ a b c d ( EN ) Ernest Schanzer, The Problem Plays of Shakespeare , Londra, Routledge and Kegan Paul, 1963, pp. 1 -10, ISBN 0-415-35305-X . .
  96. ^ ( EN ) Ralph Berry, Changing Styles in Shakespeare , Londra, Routledge, 2005, p. 37, ISBN 0-415-35316-5 . .
  97. ^ Wells, Orlin, 2003 , p. 49 .
  98. ^ Edward Ravenscroft (1654?–1707) in Jonathan Bate, Arden Shakespeare , Titus Andronicus, 1996, p. 79, ISBN non esistente. .
  99. ^ Melchiori, 2008 .
  100. ^ Ribner, 2005 , p. 67 .
  101. ^ ( EN ) Patrick Gerard Cheney, The Cambridge Companion to Christopher Marlowe , Cambridge, Cambridge University Press, 2004, p. 100 , ISBN 0-521-52734-1 . .
  102. ^ Honan, 1998 , pp. 96–100 .
  103. ^ Schoenbaum, 1987 , pp. 159-161 .
  104. ^ Ackroyd, 2006 , p. 235 .
  105. ^ ( EN ) William Shakespeare, Shakespeare's wit and humor , a cura di William Alexander Lawson, GW Jacobs, 1912, ISBN non esistente.
  106. ^ Wood, 2003 , pp. 205–206 .
  107. ^ Honan, 1998 , p. 258 .
  108. ^ Ackroyd, 2006 , p. 359 .
  109. ^ Ackroyd, 2006 , pp. 362–383 .
  110. ^ Ackroyd, 2006 , p. 356 .
  111. ^ Shapiro, 2005 , p. 150 .
  112. ^ Shapiro, 2005 , p. 151 .
  113. ^ Bradley, 1991 , p. 94 .
  114. ^ ( EN ) John Jowett, Sir Thomas More. Arden Shakespeare , Methuen Publishing, 2011, p. 437, ISBN 978-1-904271-47-5 . .
  115. ^ McDonald, 2006 , pp. 43–46 .
  116. ^ Bradley, 1991 , p. 86 .
  117. ^ Bradley, 1991 , pp. 40-48 .
  118. ^ a b Ackroyd, 2006 , p. 444 .
  119. ^ a b Dowden, 1881 , p. 60 .
  120. ^ Frye, 2005 , p. 123 .
  121. ^ ( EN ) FE Halliday, A Shakespeare Companion 1564–1964 , Baltimore, Penguin, 1964, pp. 74–75, ISBN non esistente.
  122. ^ Wells, 2005 , p. xx .
  123. ^ Wells, 2005 , p. xxi .
  124. ^ Shapiro, 2005 , pp. 125–131 .
  125. ^ Wells, 2005 , p. xxii .
  126. ^ Wells, 2005 , p. 1247 .
  127. ^ ( EN ) RA Foakes, "Playhouses and Players" , in Braunmuller, Michael Hattaway, The Cambridge Companion to English Renaissance Drama , Cambridge, Cambridge University Press, 1990, ISBN 0-521-38662-4 . .
  128. ^ Ackroyd, 2006 , p. 454 .
  129. ^ ( EN ) William Jr. Ringler,Shakespeare and His Actors: Some Remarks on King Lear , in James Ogden, Scouten, In Lear from Study to Stage: Essays in Criticism , New Jersey, Fairleigh Dickinson University Press, 1997, p. 127 , ISBN 0-8386-3690-X . .
  130. ^ Chambers, 1930 , Vol. 1, p. 341 .
  131. ^ Schoenbaum, 1987 , p. 210 .
  132. ^ Shapiro, 2005 , pp. 247–249 .
  133. ^ Rowe, 2006 , p. 21 .
  134. ^ Frye, 2005 , p. 288 .
  135. ^ Rowe, 2006 , pp. 3, 21 .
  136. ^ Rowe, 2006 , pp. 3-24 .
  137. ^ ( EN ) Matz Robert, The World of Shakespeare's Sonnets: An Introduction , McFarland & Company, 2007, p. 111, ISBN 0-7864-3219-5 .
  138. ^ a b Rowe, 2006 , p. 1 .
  139. ^ Honan, 1998 , p. 289 .
  140. ^ ( EN ) J. Holander, Oxford Anthology of Literature of Renaissance England , F. Kermode, 1973, p. 424, ISBN non esistente.
  141. ^ Schoenbaum, 1987 , p. 327 .
  142. ^ ( EN ) L. Kirschenbaum, Shakespeare and Arden of Feversham , The Review of English Studies, 1945, pp. 134-136, ISBN non esistente.
  143. ^ ( EN ) MWA Smith, Notes and Queries 238 , 1993, pp. 204-205, ISBN non esistente.
  144. ^ ( EN ) Baldwin Maxwell, Studies in the Shakespeare Apocrypha , New York, King's Crown Press, 1956, pp. 39-63, ISBN non esistente.
  145. ^ a b c d ( EN ) CF Tucker-Brooke, The Shakespeare Apocrypha , Oxford University Press, 1908, ISBN non esistente.
  146. ^ ( EN ) Mark Dominik, William Shakespeare and "The Birth of Merlin" , Alioth Press, 1991, pp. 165-72, ISBN 0-945088-03-5 . .
  147. ^ ( EN ) G. Blakemore Evans, Introduction to Sir Thomas More. The Riverside Shakespeare , Houghton Mifflin Company, 1974, p. 1683, ISBN non esistente. .
  148. ^ Mark Dominik, William Shakespeare and 'The Birth of Merlin' , New York, Philosophical Library, 1991, p. 270, ISBN 0-945088-03-5 . .
  149. ^ ( EN ) John Berryman, Berryman's Shakespeare: essays, letters and other writings , Tauris Parke Paperbacks, 2001, p. lii, ISBN 1-86064-643-3 . .
  150. ^ Ciarammella, 1957 , p. 54 .
  151. ^ Ciarammella, 1957 , p. 61 .
  152. ^ Wells, 1997 , p. 90 .
  153. ^ Wells, 2005 , p. xxxvii .
  154. ^ Boyce, 1996 , p. 91 .
  155. ^ Ciarammella, 1957 , p. 72 .
  156. ^ Ciarammella, 1957 , pp. 59-75 .
  157. ^ Clemen, 2005 , p. 150 .
  158. ^ Frye, 2005 , pp. 105, 177 .
  159. ^ a b William Shakespeare , su girodivite.it . URL consultato il 5 gennaio 2012 .
  160. ^ ( EN ) Wolfgang Clemen, Shakespeare's Imagery , Londra, Routledge, 2005, p. 63, ISBN 0-415-35280-0 .
  161. ^ Frye, 2005 , p. 185 .
  162. ^ George T. Wright, The Play of Phrase and Line , in Russ McDonald, Shakespeare: An Anthology of Criticism and Theory, 1945–2000 , Oxford, Blackwell, 2004, ISBN 0-631-23488-8 .
  163. ^ McDonald, 2006 , p. 13 .
  164. ^ Bradley, 1991 , p. 91 .
  165. ^ McDonald, 2006 , pp. 42–46 .
  166. ^ McDonald, 2006 , pp. 36, 39, 75 .
  167. ^ Gibbons, 1993 , p. 4 .
  168. ^ Gibbons, 1993 , pp. 1–7, 15 .
  169. ^ Questa particolarità è tipica delle commedie shakespeariane; tuttavia non mancano gli esempi notevoli anche nelle tragedie, si veda ad esempio il Re Lear , con le due leggende fonte d'ispirazione: quella di Lear e quella del Conte di Gloucester.
  170. ^ EAJ Honigmann, Othello , The Arden Shakespeare, 1997, p. 368, ISBN 1-903436-45-1 . .
  171. ^ Mario Pazzaglia, Letteratura italiana , vol.2, ed. Zanichelli, Bologna.
  172. ^ Marta Sambugar, Gabriella Salà; Gaot. Generi autori opere temi , La Nuova Italia, Firenze, vol. 2.
  173. ^ Dominik, 1988 , p. 9 .
  174. ^ Grady, 2001 , p. 265 .
  175. ^ Grady, 2001 , p. 266 .
  176. ^ Grady, 2001 , p. 269 .
  177. ^ Dryden, 1889 , p. 71 .
  178. ^ a b Grady, 2001 , pp. 270–327 .
  179. ^ Grady, 2001 , p.270 .
  180. ^ Grady, 2001 , pp. 272–274 .
  181. ^ Levin, 1986 , p. 223 .
  182. ^ Sawyer, 2003 , p. 113 .
  183. ^ Carlyle, 1907 , p. 161 .
  184. ^ Schoch, 2002 , pp. 58–59 .
  185. ^ Grady, 2001 , p. 276 .
  186. ^ Drakakis, 1985 , pp. 16–17, 23–25 .
  187. ^ Chambers, 1944 , p. 35 .
  188. ^ Clemen, 1987 , p. 179 .
  189. ^ Steiner, 1996 , p. 145 .
  190. ^ Bryant, 1998 , p. 82 .
  191. ^ a b Wells, Orlin, 2003 , pp. 641-642 .
  192. ^ Paraisz, 2006 , p. 130 .
  193. ^ Cercignani, 1981 .
  194. ^ Crystal, 2001 , pp. 55-65, 74 .
  195. ^ Wain, 1975 , p. 194 .
  196. ^ ( EN ) Titles from Shakespeare , su barbarapaul.com . URL consultato il 13 gennaio 2012 .
  197. ^ ( EN ) Robert Moscaliuc, Shakespeare in popular culture , Litere.usv.ro.
  198. ^ Margaret Drabble, Jenny Stringer, V. De Simone, Dizionario Oxford della letteratura inglese , Gremese Editore, 1998, p. 110, ISBN 88-7742-218-1 .
  199. ^ ( EN ) Kerry Michael Wood, Poetry Analysis: Out, out -, by Robert Frost , su helium.com . URL consultato l'11 gennaio 2012 (archiviato dall' url originale il 20 gennaio 2012) .
  200. ^ ( EN ) Kerry Michael Wood, The difference between a simile and a metaphor , su helium.com . URL consultato l'11 gennaio 2012 (archiviato dall' url originale il 20 gennaio 2012) .
  201. ^ ( EN ) Linda Wagner, Plath's 'Ariel': 'Auspicious Gales' , su sylviaplath.de . URL consultato l'11 gennaio 2012 .
  202. ^ ( EN ) Neil Corcoran, Shakespeare and the modern poet , Cambridge University Press, 2010, ISBN 0-521-19982-4 .
  203. ^ ( EN ) Adrian Wright, A tanner's worth of tune: rediscovering the post-war British musical , Boydell & Brewer, 2010, p. 34, ISBN 1-84383-542-8 .
  204. ^ ( EN ) Frances N. Teague, Acting funny: comic theory and practice in Shakespeare's plays , Fairleigh Dickinson Univ Press, 1994, p. 164 , ISBN 0-8386-3524-5 .
  205. ^ ( EN ) Thomas LaBorie Burns, Foreign accents: Brazilian readings of Shakespeare , University of Delaware Press, 2002, p. 185 , ISBN 0-87413-753-5 .
  206. ^ ( EN ) Amnon Kabatchnik, Blood on the Stage, 1950-1975: Milestone Plays of Crime, Mystery and Detection: An Annotated Repertoire , Scarecrow Press, 2011, pp. 275 -277, ISBN 0-8108-7783-X .
  207. ^ ( EN ) Laurie Di Mauro, Modern British literature , vol. 3, St. James Press, 2000, p. 172, ISBN 1-55862-418-X .
  208. ^ ( EN ) Harold Bloom, Derek Walcott - Bloom's modern critical views , Infobase Publishing, 2003, p. 201 , ISBN 0-7910-7395-5 .
  209. ^ ( EN ) Lucy Komisar, “Present Laughter,” Coward's satire of an actor & his entourage, lacks sparkle , su thekomisarscoop.com . URL consultato il 12 gennaio 2012 .
  210. ^ ( EN ) Anne Duffell, Improbable Fiction , su bbc.co.uk . URL consultato il 12 gennaio 2012 (archiviato dall' url originale il 21 marzo 2012) .
  211. ^ Emanuela Martini (a cura di),Ombre che camminano: Shakespeare nel cinema , Torino, Lindau, 1998, ISBN 88-7180-215-2 .
  212. ^ Isabella Imperiali (a cura di), Shakespeare al cinema , Roma, Bulzoni, 2000, ISBN 88-8319-528-0 .
  213. ^ a b Gibson, 2005 , pp. 48, 72, 124 .
  214. ^ Empire of Words: The Reign of the OED, by John Willinsky, Princeton University Press, 1994
  215. ^ ( EN ) Saul Frampton, Who edited Shakespeare? , su The Guardian , 12 luglio 2013. URL consultato il 19 aprile 2021 .
  216. ^ Florio : It is Labour lost to speak of love (Second Fruits, Folio 71, 1591), Shakespeare lo rende un titolo di una commedia: 'Love's Labour's Lost' (Pene d'amor perdute, 1598) Florio : Gran romore, e poca lana ( much a doe about nothing ) (Giardino di Ricreatione, 1591/Queen's Anna New World of Words, 1611) Shakespeare lo rende titolo di una commedia: 'Much Ado About Nothing' (1600) Florio : Tutto è bene, che riesce bene (Giardino di Ricreatione, 1591) Shakespeare lo rende titolo di una commedia 'All's Well That Ends Well' ('Tutto è bene quel che finisce bene', 1623)
  217. ^ Stuart Kells, Shakespeare's Library, Counterpoint, 2019
  218. ^ Pritchard, 1979 , p. 3 .
  219. ^ Wood, 2003 , pp. 75-78 .
  220. ^ Ackroyd, 2006 , pp. 22-23 .
  221. ^ Schoenbaum, 1987 , pp. 41-42, 186 .
  222. ^ ( EN ) Richard Wilson, Secret Shakespeare: Studies in Theatre, Religion and Resistance , Manchester, Manchester University Press, 2004, p. 34, ISBN 0-7190-7024-4 .
  223. ^ Shapiro, 2005 , p. 167 .
  224. ^ Primate Anglicano Rowan Williams, Shakespeare era cattolico , in Buonanotizia.org , 4 giugno 2011. URL consultato il 27 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 6 novembre 2011) .
  225. ^ ( EN ) Tarnya Cooper, Searching for Shakespeare , National Portrait Gallery, Yale University Press, 2006, pp. 48, 57, ISBN 1-85514-361-5 .
  226. ^ ( EN ) William L. Pressly, The Ashbourne Portrait of Shakespeare: Through the Looking Glass , Shakespeare Quarterly, 1993, pp. 54–72, ISBN 0-7864-3917-3 .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 96994048 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2103 2683 · SBN IT\ICCU\CFIV\000356 · Europeana agent/base/60305 · LCCN ( EN ) n78095332 · GND ( DE ) 118613723 · BNF ( FR ) cb119246079 (data) · BNE ( ES ) XX1020842 (data) · ULAN ( EN ) 500272240 · NLA ( EN ) 35491939 · BAV ( EN ) 495/76251 · CERL cnp01259574 · NDL ( EN , JA ) 00456207 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n78-95332
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 24 gennaio 2012 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci di qualità in altre lingue