Wolfgang Amadeus Mozart

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu Mozart (desambiguació) .
Wolfgang Amadeus Mozart en un retrat pòstum, de Barbara Krafft (1819)
La signatura del compositor

Wolfgang Amadeus Mozart ( Salzburg , 27 de gener de 1756 - Viena , 5 de desembre de 1791 ) fou un compositor i músic austríac .

Comptat entre els grans genis de la història de la música [1] [2] , dotat d’un talent rar i precoç [3] , va començar a compondre als cinc anys i va morir als trenta-cinc anys, deixant pàgines que van influir profundament tots els principals gèneres musicals de la seva època, incloses les músiques simfòniques , sagrades , de cambra i diversos tipus d’ obres , tant que va ser definit pel Diccionari Grove com "el compositor més universal de la història de la música occidental". [4]

També va ser el primer, entre els músics més importants, a alliberar-se de la servitud feudal i a emprendre una carrera com a autònom [2] .

Inclòs en els màxims exponents del classicisme musical del segle XVIII, juntament amb Franz Joseph Haydn i Ludwig van Beethoven constitueix la tríada a la qual, en la literatura musicològica, alguns autors es refereixen com la primera escola de Viena .

El nom

El nom de Mozart era Joannes Chrysostomus Wolfgangus Theophilus Mozart :

  • Joannes Crisòstom, perquè el nen va néixer el 27 de gener, el dia de Sant Joan Crisòstom ; [5] [6] [7]
  • Wolfgangus (que significa "caminar com un llop"), [8] [9] nom del seu avi matern, Wolfgang Nikolaus Pertl ( 1667 - 1724 ); [7] [10]
  • Theophilus, nom del padrí, Johann Theophilus Pergmayr, comerciant i conseller cívic. [7]

El pare Leopold va cridar familiarment al seu fill Wolferl. [11] El nom Amadeus és la traducció llatina del nom Theophilus (del grec Θεόφιλος Theophilos , que significa "qui estima Déu" o "qui és estimat per Déu"); [12] més tard (a partir de 1771 ) també es va dir Amadé o Amadè. [7] Els primers anys, el pare també va utilitzar, en algunes cartes, la versió alemanya del nom, és a dir, Gottlieb . [7] [13] Sembla que Mozart va patir una certa impaciència amb la terminació '-us' fixada al final dels seus noms, tant que de vegades es va signar amb èmfasi en broma: Wolfgangus Amadeus Mozartus. [14]

Biografia

Naixement i família

Petit Mozart en un retrat anònim, atribució incerta a Pietro Antonio Lorenzoni (1763)

Wolfgang Amadeus Mozart va néixer el 27 de gener de 1756 a les 20:00 a la Getreidegasse 9 de Salzburg , [15] capital de l' arquebisbat de Salzburg , en aquell moment un territori sobirà pertanyent al Sacre Imperi Romanogermànic al cercle bavarès . Wolfgang va ser batejat l'endemà del seu naixement a la catedral de San Ruperto .

La notícia del naixement de Wolfgang la va donar el seu pare Leopold (1719-1787) en una carta datada el 9 de febrer de 1756 a un amic d' Augsburg , Johann Jakob Lotter:

“Us informo que el 27 de gener, a les vuit del vespre, la meva estimada dona va donar a llum feliçment un fill. Es va haver d’eliminar la placenta i, per tant, era extremadament feble. Però ara, gràcies a Déu, tant el bebè com la mare estan bé. El nen porta els noms de Joannes Chrysostomus, Wolfgang, Gottlieb. [16] "

Els pares de Wolfgang tenien gairebé la mateixa edat (la mare es diferenciava del seu marit només un any) i eren persones molt conegudes i actives en el moment del seu naixement: el seu pare Leopold, compositor i professor de música, [17] ocupava el càrrec de el capellmeister adjunt [18] a la cort de l'arquebisbe Anton von Firmian ; la seva mare Anna Maria Pertl [19] ( 1720 - 1778 ) era filla d'un prefecte .

Dels set fills de Leopold i Anna Maria, a banda de Wolfgang, l'única no morta en la infància va ser la seva germana gran Maria Anna (1751 - 1829), [20] coneguda com Nannerl o Nannette. [21] Familiarment, el petit Mozart era conegut pels sobrenoms de Wolferl o Wofer .

Primer geni (1756-1769)

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: el viatge de la família Mozart a Europa .
La família Mozart

El nen mostrava un talent per a la música tan precoç com extraordinari, un autèntic nen prodigi : als tres tocava les tecles del clavicèmbal , als quatre tocava peces curtes i als cinc ja era l’autor d’algunes composicions com , per exemple, un "Andante i Allegro" o com a "Allegro" i el "Minuetto" escrits entre l'11 i el 16 de desembre de 1761, composicions conegudes ara com "Wolfgangerl Compositiones". [22] Hi ha diverses anècdotes sobre la seva prodigiosa memòria, la composició d’un concert als cinc anys, la seva amabilitat i sensibilitat i la por al so de la trompeta . [23] També tenia la capacitat de reconèixer el to dels sons (l'anomenat to perfecte ). [24]

Leopold va definir el seu fill com "el miracle que Déu va donar a llum a Salzburg" i és raonable creure que el gran talent demostrat pel petit Wolfgang motivés al seu pare una responsabilitat molt gran, més enllà de la de simple pare o mestre. Contràriament al que alguns han informat, inclosa la seva filla Nannerl, Leopold va continuar prestant els seus serveis amb cura a la cort, però va dedicar molta energia, molt de temps i diners a l'educació musical dels seus fills, fins i tot amb diversos viatges a Europa. cosa que, a més de marcar-lo físicament, probablement va detenir l'avanç de la seva carrera professional a la cort. [25]

Quan no tenia ni sis anys, el 1762 , el seu pare va portar Wolfgang i la seva germana, també molt dotades, a Munic per tocar a la cort de l' elector bavarès Maximilià III en el seu primer concert oficial; uns mesos després van anar a Viena , on van ser presentats a la cort imperial i on van continuar les seves actuacions en diverses residències nobles.

A mitjan 1763, va obtenir el permís per absentar-se del seu càrrec com a capellmeister adjunt a la cort del príncep arquebisbe de Salzburg.

Ruta del viatge a Europa, 1763-1766. Les línies negres mostren el viatge d’anada a Londres , 1763-1764, les línies vermelles indiquen el viatge de tornada a Salzburg , 1765-1766.

Així, tota la família va emprendre un llarg viatge pel continent que va durar més de tres anys. Els Mozarts es van allotjar als principals centres musicals d’ Europa occidental a la segona meitat del segle XVIII: Munic , Augsburg , Stuttgart , Mannheim , Ludwigsburg , Schwetzingen , Heidelberg , Mainz , Frankfurt , Koblenz , Colònia , Aquisgrà , Brussel·les , París (arribant a 18 de novembre de 1763 i passant-hi el primer hivern), Versalles (on es van allotjar i van actuar al prestigiós Palau ), després la llarga parada a Londres fins al juliol de 1765, per tornar a Dover , La Haia , Amsterdam , Utrecht , Malines , París ( arribada el 10 de maig de 1766), Dijon , Lió , Ginebra , Lausana , Berna , Zuric , Donaueschingen , Ulm , Munic de nou i finalment el retorn a Salzburg el 29 de novembre de 1766.

El petit Mozart de gira per Verona

Mozart tocava a la majoria d’aquestes ciutats, sol o amb la seva germana, o en una cort, en públic o en una església. Les cartes que Leopold va escriure als seus amics de Salzburg parlen de l’admiració universal que van rebre els prodigis del seu fill.

A París van conèixer molts compositors alemanys i es van publicar aquí les primeres composicions de Mozart (sonates per a clavicèmbal i violí , dedicades a una princesa reial; cf. KV 6-9).

A Londres van conèixer Johann Christian Bach , el fill petit de Johann Sebastian i una de les figures més importants de la vida musical de Londres, entre d'altres; sota la seva influència, Mozart va compondre les seves primeres simfonies ( núm. 1 , núm. 4 i K 19a ). Va seguir una altra simfonia durant la seva estada a La Haia en el viatge de tornada ( Simfonia núm. 5 ).

Després de poc més de nou mesos a Salzburg, els Mozart van marxar a Viena el setembre de 1767, on van romandre quinze mesos, excloent un interval de deu setmanes passat a Brno (Brünn) i Olomouc (Olmütz) durant una epidèmia de verola . Mentre que a Salzburg Mozart havia compost la primera part d'un sagrat singspiel en alemany, Die Schuldigkeit des ersten Gebotes , (K 35), realitzat al palau de l'arquebisbe, 1 interludi a Amèrica, Apollo et Hyacinthus (K 38), representada a la universitat , i una cantata per a la Passió, Grabmusik (K 42), representada a la catedral , a Viena va compondre un altre singspiel alemany en un acte, Bastien und Bastienne (K 50), que es va representar en privat. Es van confiar més esperances en la perspectiva de veure una òpera còmica italiana, La finta Semplice (K 51), representada al teatre de la cort, que, però, es va decebre, fins a la indignació de Leopold.

Una gran missa solemne (probablement la missa solemne en do menor "Weisenhausmesse" , K 139) es va realitzar en presència de la cort imperial amb motiu de la consagració de l'església d'orfenat. La finta simple es va realitzar l'any següent, el 1769, al palau de l'arquebisbe de Salzburg. A l'octubre, Mozart va ser nomenat Konzertmeister sense sou a la cort de Salzburg .

Amb prou feines tretze anys, Mozart havia adquirit una familiaritat considerable amb el llenguatge musical de la seva època. Les primeres sonates de París i Londres, els autògrafs de les quals inclouen l'ajut de la mà de Leopold, mostren un plaer encara infantil en la formació de notes i textura musical. Les simfonies de Londres i La Haia donen fe de la ràpida i original adquisició de Mozart de la música que havia trobat. Demostracions similars provenen de les simfonies compostes a Viena (com la Simfonia núm. 6 i, especialment, la núm. 8 ), caracteritzades per una textura més rica i un desenvolupament més profund. La seva primera òpera italiana , doncs, mostra un ràpid aprenentatge de les tècniques de l’estil buffo.

Mozart a Itàlia (1769–1773)

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Mozart a Itàlia .

"La nostra música eclesiàstica és molt diferent de la d'Itàlia, i cada vegada és més, que una missa amb tots els Kyrie, Gloria, Credo, la Sonata a l'Epístola, l'ofertori o ambdós Motet, Sanctus i Agnus Dei i també la més solemne , quan el propi príncep diu missa, ha de durar només tres quarts d’hora. Es necessita un estudi particular per a aquest tipus de composició, que no obstant això ha de ser una missa amb tots els instruments: trompetes de guerra, timpans, etc. "

( Wolfgang Amadeus Mozart, 1776 [26] )

La recerca de nous encàrrecs va ser l’origen dels nombrosos viatges de Mozart, tres dels quals a Itàlia. Del 1769 al 1773 Wolfgang va fer tres viatges a Itàlia amb el seu pare, durant els quals va tocar i escoltar música a diverses ciutats.

Mapa que mostra els principals llocs visitats per la família Mozart durant el primer viatge, des de desembre de 1769 fins a març de 1771 : la línia negra mostra la ruta cap a Nàpols; la línia verda indica desviacions durant el viatge de tornada

Primer viatge (1769-1771):

Segon viatge (1771):

Tercer viatge (1772-1773):

  • Octubre de 1772: Bressanone, Trento , Rovereto i Ala;
  • Novembre de 1772: Verona i Milà;
  • Març de 1773: Verona, Trento, Bressanone i Salzburg.

Primer viatge a Itàlia

Verona

La parada més llarga va ser dues setmanes a Verona, on la premsa va informar amb entusiasme del concert de piano de Wolfgang del 5 de gener de 1770 per a l' Acadèmia Filharmònica de Verona a la Sala Maffeiana del Teatre Filharmònic . Pare i fill van assistir el 3 de gener a una representació de Ruggiero de Pietro Alessandro Guglielmi al Teatre Filharmònic que Wolfgang va descriure amb menyspreu en una carta a la seva germana Maria Anna Mozart . El noi també va fer el seu retrat pintat per un artista local, Saverio Dalla Rosa i el 7 de gener va celebrar un concert d’orgue a l’ església de San Tomaso Cantuariense .

Milà
Església de Sant Marc de Milà , on els Mozart es van allotjar a la rectoria durant la seva primera visita a la ciutat

Les estades a Milà es convertirien en una experiència formativa important: Mozart (de vegades anomenat "Volgango Amadeo") va romandre a Milà durant gairebé un any de la seva curta vida. Va conèixer músics ( Johann Adolph Hasse , Niccolò Piccinni , Giovanni Battista Sammartini , Johann Christian Bach i potser també Giovanni Paisiello ), cantants ( Caterina Gabrielli ) i escriptors ( Giuseppe Parini , que li van escriure alguns llibretes).

Hasse va quedar molt impressionat amb les habilitats del noi, tant que va dir: "Aquest noi ens farà oblidar tothom". [27]

Entre els coneguts més importants que va fer Mozart destaca el del comte trentino Carlo Giuseppe Firmian , descrit com el "rei de Milà", un mecenes culte i influent. El seu suport va ser vital per a l'èxit de tot el viatge a Itàlia . [28]

Va deixar Milà el 15 de març de 1770 per tornar diverses vegades després. En arribar a Lodi , a la carretera de Parma , va escriure les tres primeres parts ( adagio , allegretto i minuetto ) del Quartet de corda núm. 1 , K 80, completat amb el Rondo que escriuria després, potser a Viena ( 1773 ) o a Salzburg ( 1774 ). Va tornar a Milà per interpretar les seves òperes. L’últim a debutar en un teatre italià va ser Lucio Silla , el 1772 .

Bolonya
La correspondència

La correspondència de Mozart, coneguda també per l’escarposa alegria de les cartes que conté, només s’ha fet pública recentment en la seva totalitat. Per curiositat, es proposen alguns extractes.

  • “Ja ho veieu, puc escriure de la manera que vulgui, elegant o salvatge, correcte o retorçat. Ahir estava de molt mal humor i el meu llenguatge era correcte i seriós; avui estic alegre i el meu estil és retorçat i lúdic ». A la cosina Maria Anna Thekla, anomenada afectuosament Bäsle.
Mozart ( 1789 )
  • "Oui, amb la quantitat de merda que tens al nas perquè et vagi a la barbeta". A Bäsle.
  • "Ahir vam escoltar el pet rei / Era dolç com el torró / I, tot i que no tenia gaire veu / Va fer soroll atrocament". A la mare.
  • "Em sap greu saber que Herr Abbot Salate ha tingut un ictus, però espero que amb l'ajut del trampós les conseqüències no siguin un embolcall boig" ( 1777 ).
  • «Ara us porto algunes notícies que potser ja sabreu: aquell ateu i arquebisbe de Voltaire , va morir com un gos. Quina recompensa! ». [29] Carta al seu pare Leopold ( 1778 ).

Una altra estada important va ser la de Bolonya (en dues etapes, de març a octubre de 1770 ). Convidat del comte Gian Luca Pallavicini, va tenir l'oportunitat de conèixer músics i erudits (des del famós castrato Farinelli fins als compositors Vincenzo Manfredini i Josef Mysliveček , fins a l'historiador de la música anglès Charles Burney i el pare Giovanni Battista Martini ). A Parma va tenir l'oportunitat d'assistir a un concert privat de la famosa soprano Lucrezia Agujari, coneguda com La Bastardella .

Wolfgang va prendre lliçons de contrapunt del pare Giovanni Battista Martini , considerat en aquell moment com el més gran teòric de la música i el màxim expert europeu en contrapunt renaixentista i barroc . [30] D'ell Mozart va aprendre sobretot els preceptes del contrapunt a l'estil de Palestrina .

Florència

A Florència, gràcies a la recomanació del comte Pallavicini, la família Mozart va obtenir audiència al Palau Pitti amb el gran duc i futur emperador Leopold II . [31] També van trobar el violinista Pietro Nardini a Florència, a qui ja havien conegut al començament del viatge a Itàlia. [32] Nardini i Wolfgang van tocar junts en un llarg concert nocturn al palau d'estiu del Gran Duc. [31]

Roma

Mozart va fer una prova extraordinària de les seves habilitats a Roma: va escoltar el Miserere de Gregorio Allegri a la capella Sixtina i va aconseguir transcriure-la completament de memòria després de només dues audicions. Es tractava d’una composició per a nou veus, apreciada fins al punt de ser propietat exclusiva de la capella papal, tant com per ser excomunicada a qualsevol persona que n’hagués pres possessió fora de les muralles del Vaticà. La importància del fet rau en l’època del compositor molt jove i en la increïble capacitat de memòria per recordar una peça que resumeix nou parts vocals a la seva final. Les notícies de l'empresa també van arribar al papa Climent XIV . [33]

L’estada a Roma va fer que Mozart participés en una intensa activitat compositiva: de fet, va ser durant aquest període que va escriure obres com la Contraddanza K 123 (K 6 73g) i l’ària Se ardire, se sperare K 82 (K 6 73o ). [34]

Nàpols

Després d'aquesta proesa, els habitants de Salzburg, passant per Sessa Aurunca (a l' edifici del qual es va allotjar Vanvitelliano ) i Capua , van anar a Nàpols, on van arribar el 14 de maig de 1770 i van romandre durant sis setmanes. Aquí van tenir una reunió amb el secretari d'Estat Bernardo Tanucci i l'ambaixador britànic William Hamilton , que ja havien conegut a Londres. [35] Mozart també va oferir un concert al Conservatori de la Pietà dei Turchini , durant el qual algú va atribuir la gènesi de les seves increïbles habilitats musicals a l'anell que portava al dit; Wolfgang es va treure i el va col·locar al teclat, demostrant que el seu talent no provenia de virtuts màgiques. [36]

Nàpols el 1770 va ser una de les capitals europees de la música, així com la d’un regne i els Mozart van poder entrar en contacte directe amb el món de l’òpera de la ciutat. Wolfgang es va sentir atret pels innovadors de l’òpera italiana: Domenico Cimarosa , Tommaso Traetta , Pasquale Cafaro , Gian Francesco de Majo i principalment Giovanni Paisiello . Segons el musicòleg Hermann Abert , el jove Mozart va haver d'aprendre diversos aspectes de Paisiello "[...] tant pels nous mitjans d'expressió com per a l'ús dramàtic-psicològic dels instruments". [37] .

Ferran IV de Borbó , als divuit anys, no el va rebre a la cort sinó només en una visita de cortesia al palau de Portici . Mozart va ser convidat a escriure una òpera per a la propera temporada del San Carlo, però es va veure obligat a negar-se a causa d'un compromís previ amb el teatre ducal de Milà. Wolfgang recordarà la dificultat de sorgir a Nàpols com a intèrpret d'òpera, a causa de la competència de nombrosos i consolidats músics locals actius en aquesta ciutat, en una carta al seu pare Leopold datada el 23 de febrer de 1778: [38]

“Ara la pregunta és només: on puc tenir més esperança de sorgir? potser a Itàlia, on només a Nàpols hi ha segurament 300 mestres [...] o a París, on unes dues o tres persones escriuen per al teatre i els altres compositors es poden comptar amb la punta dels dits? "

Viatge de tornada
Mozart a Bolonya en un quadre de 1777 realitzat especialment per a la galeria de quadres del Padre Martini de Bolonya (Ordre del Speron d'Oro) al Museu i Biblioteca Internacional de Música

El viatge de tornada al seu lloc de naixement va començar amb una nova parada a Roma, on el papa Climent XIV li va atorgar el Golden Speron . [39] Després van deixar Roma per anar a la costa adriàtica, fent parada a Ancona i Loreto; aquesta estada va impactar sobre el jove Mozart, tant que, immediatament després del seu retorn, va escriure una composició sagrada dedicada a la Mare de Déu de Loreto titulada Litaniae Lauretanae Beatae Mariae Virginis , seguida tres anys més tard, el 1774, per una segona.

Més tard, els Mozart es van aturar de nou a Bolonya, on es van aturar durant un temps a causa d'una lesió a la cama de Leopold. [40] Durant aquest període, Wolfgang va compondre el Minuet per a orquestra K 122 (K 6 73t) [41] i un Miserere en la menor , K 85 (K 6 73s). [42] En el mateix període se li va lliurar el llibret de l' òpera seriosa Mithridates, rei del Pont (escrita per Vittorio Amedeo Cigna-Santi ), en la qual va començar a treballar. [43]

Probablement va ser a principis d’octubre de 1770 quan Mozart va començar els seus estudis amb Giovanni Battista Martini . [44] Va ser amb ell que va fer l'examen d'agregació a l'Acadèmia Filharmònica de Bolonya (en aquell moment un títol molt desitjat pels músics europeus). La prova va consistir en l’escriptura d’una antífona que encara cantava (Mozart va presentar la seva òpera Quaerite primum regnum , K. 86 / 73v). El difícil i rígid examen del encara jove Mozart no va ser especialment brillant (el músic va rebre un "6"); no obstant això, hi ha proves que el mateix Martini el va ajudar en l'examen per promoure la seva promoció. De fet, com a prova del resultat problemàtic de l’anomenada tasca de Mozart , ara n’hi ha dos exemplars, el primer exposat al Museu i Biblioteca Internacional de Música i el “definitiu” a l’ Accademia Filarmonica di Bologna . [45]

La família va arribar més tard a Milà, on el 26 de desembre, al Teatro Regio Ducale , es va representar la primera representació de l’òpera Mithridates , que va veure a Wolfgang al clavicèmbal. [46] L'esdeveniment va tenir un èxit rotund, fins al punt que es van organitzar vint-i-dues repeticions. [47]

La següent parada va ser una breu estada a Torí, on Mozart va tenir l’oportunitat de conèixer alguns músics importants, com el violinista Gaetano Pugnani i el nen prodigi de quinze anys Giovanni Battista Viotti . A Pàdua, don Giuseppe Ximenes, príncep d’Aragó i mecenes de la música, va encarregar a Mozart un oratori La Betulia Liberata K 118 (K 6 74c), que continua sent l’única obra d’aquest tipus que ha realitzat el compositor.

El març de 1771 [48] els Mozart van tornar a Salzburg, on van romandre fins a l'agost, quan van marxar a un segon viatge a Itàlia, de quatre mesos.

Segon viatge a Itàlia

El 23 de setembre de 1771 a Milà [49] es va representar l’òpera Ascanio in Alba sobre un llibret de Giuseppe Parini per celebrar les noces de l’arxiduc Ferran d’Habsburg-Este d’Àustria amb la princesa Maria Beatrice Ricciarda d’Este de Mòdena . Malgrat l’agendada agenda, Mozart encara va aconseguir compondre la Simfonia n. 13 , K 112. [50] També es va escriure una altra simfonia, K 96 , en aquest període, tot i que encara queden dubtes sobre la datació. [51]

Al desembre del mateix any, els Mozarts van tornar a Salzburg. Al cap d’uns dies va morir l’ arquebisbe Sigismund III von Schrattenbach , substituït posteriorment per Hieronymus von Colloredo , a qui Wolfgang va dedicar l’obra El somni d’Escipió . [52] El pare Leopold, en adonar-se que amb el nou arquebisbe es reduirien considerablement les possibilitats de promoció, va organitzar un tercer viatge a Itàlia per esperar trobar una feina digna per al seu fill. [53]

Tercer viatge a Itàlia

Llibret de Lucio Silla

El tercer i darrer viatge a Itàlia va durar des d’octubre de 1772 fins a març de 1773 , període en què la composició i representació de l’obra Lucio Silla a Milà té una gran importància. Després d'un fracàs inicial, aquest greu treball es va fer encara més representat i apreciat que l'anterior i va aplaudir Mitridates, rei del Pont .

Davant aquest èxit, Leopold esperava aconseguir un lloc per al seu fill Wolfgang a la cort del gran duc Leopold I de Toscana . [54] Mentre esperava tenir audiència amb el gran duc, Wolfgang va compondre els anomenats sis quartets milanesos (de K 155 / 134a a K 160 / 159a) i el famós motet Exsultate, jubilate , K 165. [55] Tanmateix , la resposta del gran duc va ser negativa. [54] Per aquest motiu, els Mozart van tornar a Salzburg i ni Wolfgang ni Leopold no tornarien mai a Itàlia. [56]

Músic de la cort a Salzburg (1773-1777)

Després de tornar del seu viatge a Itàlia, Mozart ocupava regularment el càrrec, que li havia estat assignat l'any anterior, de konzertmeister amb un sou anual de 150 florins a la cort de l'arquebisbe Colloredo . El compositor tenia un gran nombre d'amics i admiradors a Salzburg, [57] per tant, va tenir l'oportunitat de concentrar la seva activitat compositiva en nombrosos gèneres, incloses diverses simfonies (algunes de les quals Alfred Einstein va anomenar les Simfonies de Salzburg : n. 22 , n. 23 , n. 24 , n. 26 i n. 27 ), [58] misses , serenates i algunes obres menors. Després de la composició de l’òpera Il re pastore , entre juny i desembre de 1775 , Mozart va desenvolupar un cert entusiasme pels concerts per a violí i orquestra (que després van ser els únics d’aquest gènere concebuts pel músic), que en compon quatre seguits, després del primer compost el 1773 . Els tres darrers ( n. 3 K 216 , n. 4 K 218 , n. 5 K 219 ) es troben actualment entre els més interpretats al repertori de Mozart.

Nel 1776 il suo interesse si spostò sui concerti per pianoforte , tra i quali è degno di rilievo il concerto per pianoforte e orchestra n. 9 "Jeunehomme" , considerato dai critici un'opera cardine dell'evoluzione stilistica del compositore. [59]

Nonostante il successo artistico, lo scontento di Mozart verso Salisburgo crebbe sempre di più e aumentarono gli sforzi per la ricerca di una posizione alternativa: una delle ragioni si può ricercare nel basso stipendio che percepiva (150 fiorini all'anno); [60] un altro motivo era l'assenza di commissioni per opere, genere a cui invece Mozart amava dedicarsi. La situazione peggiorò con la chiusura del teatro di corte nel 1775 . [61]

Due viaggi interruppero il lungo periodo salisburghese, entrambi con lo scopo di trovare una nuova occupazione: Mozart visitò Vienna con il padre dal 14 luglio al 26 settembre 1773 , dove compose la serie dei cosiddetti sei Quartetti viennesi K 168-173, e Monaco di Baviera dal 6 dicembre 1774 al 7 marzo del 1775 . Nessuno dei due soggiorni fu fruttifero, nonostante il successo dell'anteprima dell'opera buffa La finta giardiniera , a Monaco. [62] Al soggiorno monacense risalgono le sue prime sei sonate per pianoforte ( K 279 , K 280 , K 281 , K 282 , K 283 e K 284 ).

Il viaggio a Parigi (1777–1779)

Nell'agosto 1777 Mozart chiese all'arcivescovo il permesso di assentarsi da Salisburgo [63] e il 23 settembre, accompagnato dalla madre, partì alla ricerca di nuove opportunità, in un viaggio che lo avrebbe portato a visitare Augusta, Mannheim , Parigi e Monaco di Baviera. [64]

Mozart e la madre si recarono in primo luogo ad Augusta, facendo visita ai parenti paterni; qui Wolfgang iniziò una vivace amicizia con la cugina Maria Anna Thekla (con la quale in seguito tenne una corrispondenza piena di umorismo allegro e osceno con frequenti riferimenti coprofili e coprofagi ). [65] [66]

Aloysia Weber in scena in un'opera di André Grétry , dipinto del 1784 circa

Alla fine di ottobre, Mozart e la madre giunsero a Mannheim, la cui corte dell'Elettore Palatino Carlo Teodoro era una delle più famose ed evolute in Europa sul piano musicale con la sua scuola . Mozart vi soggiornò per più di quattro mesi, durante i quali divenne amico di vari musicisti, insegnò musica e suonò. Fu a Mannheim che Mozart si innamorò di Aloysia Weber , un soprano , seconda delle quattro figlie di un copista di musica. In questa città si dedicò anche alla composizione, con la stesura delle sonate per pianoforte n. 7 e n. 9 , delle sonate per violino e pianoforte K. 301, K. 302, K. 303 e K. 305, dei concerti per flauto e orchestra n. 1 e n. 2 e di altre composizioni minori.

A Mannheim, però, Mozart non riuscì a trovare impiego malgrado le pressioni dell'amico drammaturgo Otto Heinrich von Gemmingen-Hornberg , [67] per cui partì per Parigi, insieme a sua madre, il 14 marzo 1778 . [68]

In una delle sue lettere si cita un possibile incarico da organista presso la reggia di Versailles , ma Mozart non si mostrò disponibile ad accettarlo. [69] Presto si ritrovò nei debiti e dovette impegnare alcuni suoi oggetti di valore. [70]

Tra le composizioni più famose scritte durante il viaggio a Parigi si ricordano la sonata per pianoforte n. 8 K. 310/300d , le sonate per violino e pianoforte K. 304/300c e K. 306/300l, il balletto Les petits riens K. 299b, il concerto per flauto, arpa e orchestra K. 299/297c e la Sinfonia n. 31 (anche chiamata, appunto, Parigi ): quest'ultima fu eseguita per la prima volta a Parigi privatamente il 12 giugno 1778 e pubblicamente il 18 dello stesso mese. [71]

Il giorno della prima della sinfonia, il 18 giugno, sua madre era seriamente malata. Secondo Halliwell, si ritardò a chiamare un medico a causa della mancanza di liquidità. [72] Anna Maria Pertl coniugata Mozart, morì il 3 luglio 1778 [73] e fu sepolta nel cimitero di Saint Eustache; al suo funerale erano presenti solo il figlio Wolfgang e l'amico Heina. [74]

Durante il soggiorno a Parigi, Leopold negoziava con l'arcivescovo la riassunzione del figlio alla corte di Salisburgo. [75] Con l'aiuto della nobiltà locale, fu offerto a Wolfgang un posto come organista di corte, con un salario annuo di 450 fiorini. [76] Dopo aver lasciato Parigi nel settembre 1778 , sostò a Mannheim ea Monaco, serbando ancora qualche speranza di ottenere qualche incarico al di fuori di Salisburgo. A Monaco, in particolare, incontrò nuovamente Aloysia, nel frattempo divenuta una cantante di successo, che però non si dimostrò più interessata al compositore. [77]

Ritorno a Salisburgo e rottura con l'arcivescovo (1779–1781)

Nella metà di gennaio del 1779, Mozart tornò a Salisburgo e il 17 accettò la nomina a organista di corte; nel periodo 1779-80 la sua attività compositiva fu regolare e la sua produzione musicale manifestò una maggiore maturità acquisita grazie all'esperienza fatta durante l'ultimo viaggio all'estero. [78] Fra le sue opere più notevoli di questo periodo si trovano tre importanti sinfonie ( Sinfonia n. 32 in sol maggiore K 318 , Sinfonia n. 33 in si bemolle maggiore K 319 e Sinfonia n. 34 in do maggiore K 338 ), oltre alla cosiddetta serenata "Posthorn" K 320 , alla sinfonia concertante per violino, viola e orchestra in mi bemolle maggiore K 364 e alla Messa in do maggiore K 317 detta "dell'Incoronazione"; al di là delle apparenze, tuttavia, lo stato d'animo del compositore non era affatto tranquillo. [79]

Il suo datore di lavoro, l'arcivescovo Hieronymus von Colloredo , non era propriamente un oscurantista: aderiva al programma di riforme promosse dall'imperatore Giuseppe II , favoriva la cultura e la ricerca e il suo governo manifestava una certa apertura sul piano politico e religioso. [80] Attuò però una politica di tagli e di riduzioni di spese nell'ambito delle istituzioni musicali cittadine, fra l'altro chiudendo gli spazi riservati al teatro musicale; negli anni precedenti Mozart si era lamentato più volte, nelle sue lettere, della scarsa considerazione in cui Colloredo teneva la musica ei musicisti e del fatto che a Salisburgo non si potessero rappresentare né ascoltare opere liriche. [81]

Dopo il suo ritorno a Salisburgo, il massimo desiderio di Mozart era quello di comporre melodrammi e in particolare opere italiane, un genere musicale per il quale egli si sentiva particolarmente portato; era dai tempi della Finta giardiniera , cioè da sei anni, che Mozart non si cimentava in questo tipo di opere. [82] Dopo il ritorno da Parigi, però, e fino all'estate del 1780, il catalogo mozartiano registra due soli tentativi nel campo della musica per il teatro: l'incompiuto singspiel Zaide e le musiche di scena per il dramma Thamos, re d'Egitto . [83]

Verso la fine dell'estate 1780, la corte di Monaco di Baviera commissionò a Mozart la realizzazione dell'opera seria Idomeneo, re di Creta ossia Ilia e Idamante ; Mozart iniziò a comporla nel mese di ottobre e il 5 novembre 1780 partì per Monaco, con il permesso, da parte dell'arcivescovo, di rimanervi sei settimane allo scopo di ultimare l'opera e curarne l'allestimento. [84]

Il 29 gennaio 1781 Idomeneo andò in scena; nulla si sa di certo sul suo esito (l'opera fu comunque replicata il 3 febbraio e il 3 marzo); nemmeno si conosce il motivo per il quale Mozart, contrariamente alle sue aspettative, non riuscì a ottenere un impiego come compositore presso la corte di Monaco. [85]

Mozart partì da Monaco il 12 marzo alla volta di Vienna, obbedendo a un ordine dell'arcivescovo che proprio in quel periodo si era recato nella capitale e desiderava ora farvi esibire i propri musicisti di corte; in tal modo l'arcivescovo contava di accrescere il proprio prestigio nei confronti dell'aristocrazia viennese. [86]

Il 16 marzo 1781 Mozart giunse a Vienna, [86] dove accusò apertamente l'avarizia e l'ingiustizia dell'arcivescovo, chiedendo rispetto per la sua dignità d'artista e soprattutto non intendendo più accettare che Colloredo lo trattasse come un servo; agli inizi di maggio, dopo un litigio con l'arcivescovo, Mozart presentò per iscritto a quest'ultimo le proprie dimissioni. [87] Sulle prime, le dimissioni non furono accettate; il camerlengo dell'arcivescovo (conte Karl Joseph Felix Arco), d'accordo con Leopold Mozart, tentò più volte di convincere Wolfgang a ritirare le proprie dimissioni, ma senza successo; alla fine, in un ultimo, teso colloquio, lo spazientito conte Arco buttò letteralmente fuori Mozart con una pedata nel fondoschiena. [88] Mozart narrò l'episodio al proprio padre in una risentita lettera datata 9 giugno:

«Questo dunque è il conte che (stando alla sua ultima lettera) mi ha tanto sinceramente a cuore, questa è dunque la corte dove dovrei servire, una corte in cui uno che intende presentare una supplica per iscritto, invece di essere agevolato nell'inoltrarla, viene trattato in questo modo? [...] Ora non ho più bisogno di mandare nessuna supplica, essendo la cosa ormai chiusa. Su tutta questa faccenda non voglio più scrivere nulla ed anche se ora l'arcivescovo mi pagasse 1.200 fiorini, dopo un trattamento simile proprio non andrei da lui. Quanto sarebbe stato facile convincermi! Ma con le buone maniere, senza arroganza e senza villania. Al conte Arco ho fatto sapere che non ho più nulla da dirgli, dopo quella prima volta in cui mi ha aggredito in quel modo, trattandomi come un farabutto, cosa che non ha alcun diritto di fare. [...] Che gliene importa se voglio avere il mio congedo? E se è davvero tanto ben intenzionato nei miei confronti, cerchi allora di convincermi con dei motivi fondati, oppure lasci che le cose seguano il loro corso. Ma non si azzardi a chiamarmi zotico e furfante e non mi metta alla porta con un calcio nel culo; ma dimenticavo che forse l'ha fatto per ordine di Sua grazia.»

( Wolfgang Amadeus Mozart, lettera del 9 giugno 1781 [89] . )

Permanenza a Vienna (1781–1791)

Ritratto di Constanze Weber realizzato da Joseph Lange (1782)

Nei primi giorni del maggio 1781, Mozart andò ad abitare in una stanza in affitto a casa della madre di Aloysia Weber, la signora Maria Caecilia Stamm vedova Weber; quest'ultima viveva a Vienna assieme alle tre figlie nubili, Josepha, Sophie e Constanze ; con Constanze Weber, allora diciannovenne, Mozart di lì a poco si fidanzò. [90] La coppia, nonostante la contrarietà di Leopold Mozart, si sposò a Vienna, nella cattedrale di Santo Stefano , il 4 agosto 1782. [91] Constanze ebbe numerose gravidanze, ma solo due figli sopravvissero fino all'età adulta, Carl Thomas e Franz Xaver Wolfgang .

Nel corso del 1781, Mozart completò una serie di sei importanti sonate per violino e pianoforte ( K 296 , K 376 ,K 377 , K 378 , K 379 e K 380 ), dedicate alla sua allieva Josepha Auernhammer e pubblicate dall'editore Artaria & C. alla fine di novembre. [92] Fra le altre composizioni di quest'anno spiccano due serie di variazioni per pianoforte , rispettivamente K 265 e K 353 , nonché la Serenata in mi bemolle maggiore K 375 . [93] È incerto se la Serenata in si bemolle maggiore K 361 "Gran Partita" sia stata composta quasi del tutto a Monaco prima del marzo 1781 e poi completata a Vienna, oppure se appartenga interamente al periodo viennese. [85]

Il ratto dal serraglio

Il 16 luglio 1782, al Burgtheater di Vienna, ebbe luogo con successo la prima rappresentazione de Il ratto dal serraglio , primo importante capolavoro nel genere del Singspiel . [94] Il libretto , ambientato in Turchia , è venato di comicità popolare e, in una certa misura, attinge agli stereotipi sul mondo musulmano diffusi nell'Europa dell'epoca; tuttavia, nella vicenda (particolarmente nella figura del magnanimo pascià Selim) trovano espressione le idee umanitarie e cosmopolitiche , improntate alla tolleranza, proprie dell' Illuminismo . [95] Con quest'opera, Mozart conferì per la prima volta a un Singspiel un'eccezionale e inedita abbondanza e complessità di contenuti musicali, specialmente nella scrittura delle parti per l'orchestra. Ciò forse impressionò il pubblico dell'epoca, se è vero l'aneddoto tradizionale secondo cui l'imperatore Giuseppe II avrebbe rimproverato a Mozart di avere adoperato "troppe note", suscitando così l'orgogliosa risposta del compositore: "neanche una più del necessario, Maestà". [96]

La composizione del Ratto dal serraglio diede l'occasione a Mozart di enunciare, in una lettera a suo padre, quello che viene considerato un principio cardine della sua poetica teatrale. [97] A proposito dell'aria di Osmin (personaggio negativo, che in questo brano esprime sentimenti di rabbia e di odio), Mozart scrisse:

«Un uomo in preda a una collera tanto violenta oltrepassa ogni norma, ogni misura, ogni limite, non è più in sé e allora anche la musica non deve essere più in sé. Ma [...] le passioni, violente o no, non devono mai essere espresse fino al punto da suscitare disgusto e la musica, anche nella situazione più terribile, non deve mai offendere l'orecchio, ma piuttosto dilettarlo e restare pur sempre musica [...].»

( Wolfgang Amadeus Mozart, lettera del 26 settembre 1781 [98] )

All'estate del 1782 risale l'importante Sinfonia in re maggiore K 385 "Haffner" ; dello stesso anno è anche la Serenata in do minore K 388 . [99]

Nel periodo fra l'agosto e l'ottobre 1783, Mozart e sua moglie furono ospiti a Salisburgo, dove però la coppia non riuscì a conquistarsi la benevolenza del padre e della sorella del compositore. Nella sua città natale (dove, dopo di allora, il compositore non tornò mai più) Mozart fece eseguire, il 25 agosto 1783, l'incompiuta Messa in do minore K 427 , in cui la parte di soprano fu cantata dalla stessa Constanze; tornando a Vienna, Wolfgang e Constanze passarono da Linz , dove si fermarono un mese e dove Mozart scrisse la Sinfonia in do maggiore K 425 (3 novembre 1783), fortemente influenzata da Joseph Haydn , soprattutto nel movimento finale. [100]

Fra l'agosto e il novembre 1783 (la datazione è tuttavia incerta), Mozart compose quattro importanti sonate per pianoforte: la Sonata n. 10 in do maggiore K 330 , la Sonata n. 11 in la maggiore K 331 (il cui movimento finale è la celeberrima Marcia turca ), la Sonata n. 12 in fa maggiore K 332 [101] e la Sonata n. 13 in si bemolle maggiore K 333 , quest'ultima scritta molto probabilmente a Linz nel mese di novembre. [102]

La Società di musica antica

Alla primavera del 1782 risale l'incontro di Mozart con il barone Gottfried van Swieten , un facoltoso cultore di musica barocca. Grazie a lui, Mozart poté studiare importanti composizioni di Bach e di Haendel , poco conosciute all'epoca di Mozart, ma di cui van Swieten possedeva le partiture nella sua biblioteca; la conoscenza approfondita dei maestri del contrappunto arricchì in modo significativo il bagaglio tecnico ed espressivo del Mozart maturo. [103] Su impulso di van Swieten, Mozart, fra l'altro, trascrisse per quartetto d'archi cinque fughe de Il clavicembalo ben temperato di Bach; [104] più tardi, nominato direttore musicale della Società di musica antica promossa dallo stesso van Swieten, Mozart riorchestrò e condusse Aci e Galatea , il Messiah , Alexander's Feast e l' Ode per il giorno di Santa Cecilia di Haendel. [105]

Ritratto di Gottfried van Swieten

La rinnovata familiarità con il contrappunto si manifestò inizialmente attraverso una serie di composizioni pianistiche in stile dotto: preludi, fughe, fantasie e suite ( K 394 , K 396 , K 397 , K 399 e K 401 ), la cui composizione avvenne spesso su impulso della moglie Constanze, che aveva una particolare predilezione per questo stile musicale ed esortava spesso Wolfgang a scrivere fughe. [106] La perfetta assimilazione del contrappunto bachiano si manifesta pienamente nell' Adagio e fuga in do minore per quartetto d'archi K 546 (giugno 1788), che è la trascrizione di una precedente fuga per due pianoforti. [107]

Fra le opere che attestano il più alto livello di maturità raggiunto in questi anni dall'arte mozartiana, oltre alla già ricordata Messa in do minore K 427, si possono annoverare i sei quartetti per archi dedicati a Haydn ( K 387 , K 421 , K 428 , K 458 , K 464 e K 465 ). [108]

L'attività di pianista-compositore

Nel periodo compreso fra l'inverno 1782-83 e la primavera del 1786, i concerti per pianoforte e orchestra furono la più rilevante fonte di introiti per Mozart. [109] In tale arco di tempo, Mozart ne compose quattordici, che lui stesso eseguì a Vienna, in veste di pianista e direttore d'orchestra, in una serie di concerti su sottoscrizione da lui stesso organizzati, riscuotendo notevole successo; nel marzo 1784 la lista degli abbonati ai suoi concerti comprendeva 106 persone, fra cui molti esponenti dell'aristocrazia grande e piccola, vari alti burocrati statali nonché gli intellettuali più importanti della città. [110] Questo periodo di fortuna, anche economica, si interruppe dopo il maggio 1786, in coincidenza con l'allestimento viennese de Le nozze di Figaro : tale opera infatti, con i suoi fermenti di critica sociale, alienò a Mozart i favori del pubblico aristocratico e alto-borghese della capitale, il quale, da allora, iniziò a preferirgli musicisti magari meno geniali, ma artisticamente e politicamente meno inquietanti (come ad esempio Leopold Kozeluch ). [111]

I più alti capolavori della serie sono il concerto in re minore n. 20 K 466 , il concerto in do minore n. 24 K 491 e il concerto in la maggiore n. 23 K 488 ; particolarmente importanti sono anche il concerto in sol maggiore n. 17 K 453 , il concerto in fa maggiore n. 19 K 459 e il concerto in do maggiore n. 25 K 503 . [112] Il concerto in re maggiore n. 26 K 537 , composto nel febbraio 1788, [113] è detto "dell'incoronazione" in quanto fu eseguito dal suo autore a Francoforte il 15 ottobre 1790 [114] in occasione dei festeggiamenti per l'incoronazione di Leopoldo II.

Il concerto in re minore K 466, eseguito per la prima volta a Vienna l'11 febbraio 1785, è oggi il più conosciuto dei concerti mozartiani ed è in assoluto fra i più eseguiti di tutto il repertorio pianistico; la sua spiccata dialettica tematica e la sua intensità di sentimento ebbero una forte influenza su Beethoven , il quale, dopo la morte di Mozart, fu uno dei primi interpreti di questo concerto e per esso scrisse anche due cadenze (rispettivamente per il primo movimento e per il finale) [115] .

Fra le principali opere cameristiche di questo periodo vi sono il quartetto per pianoforte e archi in sol minore K 478 , del 1785, e il quartetto per pianoforte e archi in mi bemolle maggiore K 493 , del 1786; quest'ultimo è caratterizzato da un particolare slancio innovativo che fu apprezzato anche dai contemporanei; notevole anche il trio per pianoforte, viola e clarinetto in mi bemolle maggiore K 498 , detto "delle boccette" in quanto, secondo la tradizione, sarebbe stato composto durante una partita a boccette fra amici. [107] Il quintetto per pianoforte, oboe, clarinetto, corno e fagotto in mi bemolle maggiore K 452 era altamente stimato dallo stesso Mozart, che lo considerò la sua migliore composizione fino ad allora. [116]

In questi anni si collocano anche le ultime quattro sonate per violino e pianoforte : la sonata in si bemolle maggiore K 454 (21 aprile 1784) è dedicata alla violinista italiana Regina Strinasacchi ; la sonata in mi bemolle maggiore K 481 (12 dicembre 1785) è notevole per il suo lirismo; a esse fanno seguito l'appassionata sonata in la maggiore K 526 (24 agosto 1787) e la sonata in fa maggiore K 547 (26 giugno 1788). [117]

La Fantasia in do minore K 475 per pianoforte solo e la sonata per pianoforte n. 14 in do minore K 457 risalgono entrambe al 1785. [118] La sonata per pianoforte n. 15 in fa maggiore , pubblicata nel 1788, si compone di un allegro e di un andante K 533 composti nel gennaio 1788 e di un rondò K 494 composto nel 1786. [119] La sonata per pianoforte n. 16 in do maggiore K 545 è del 26 giugno 1788, [120] mentre la sonata per pianoforte n. 17 in si bemolle maggiore K 570 e la sonata per pianoforte n. 18 in re maggiore K 576 risalgono rispettivamente al febbraio e all'estate del 1789. [121]

Dopo aver dato impulso, con Il ratto dal serraglio , allo sviluppo del genere Singspiel , Mozart offrì un altro importante contributo alla vocalità tedesca, e in particolare austriaca, con una serie di importanti Lied per voce e pianoforte, composti in gran parte dopo il 1784. [122] Il migliore di essi è considerato Das Veilchen K 476, del 1785, su testo di Goethe ; gli altri Lieder , benché penalizzati dal divario qualitativo fra la musica di Mozart ei testi (spesso mediocri) dei letterati austriaci dell'epoca, comprendono comunque alcuni capolavori come Abendempfindung K 523, Traumbild K 530, entrambi del 1787, e Sehnsucht nach dem Frühling K 596. [123] Il tema di quest'ultimo è sostanzialmente lo stesso che appare nel rondò finale del concerto per pianoforte e orchestra n. 27 in si bemolle maggiore K 595 . [124]

Le nozze di Figaro

Libretto dell'opera Le nozze di Figaro rappresentata a Praga nel 1786

Dopo il Ratto dal serraglio , e per alcuni anni, Mozart trascurò la propria vocazione di operista per dedicarsi in prevalenza alla musica strumentale; rimasero incompiute due opere buffe, L'oca del Cairo e Lo sposo deluso , entrambe del 1783. [125]

Al carnevale del 1786 risale la messa in scena del singspiel in un atto Der Schauspieldirektor , commissionato a Mozart dall'imperatore Giuseppe II – assieme all'atto unico di Antonio Salieri Prima la musica e poi le parole – con l'intento esplicito di mettere a confronto i due compositori. [126] Le due opere furono infatti eseguite l'una dopo l'altra la sera del 7 febbraio 1786 nella tenuta imperiale di Schönbrunn , entrambe con successo. [127]

In quel periodo Mozart stava già lavorando alla composizione della commedia per musica Le nozze di Figaro , in collaborazione con il librettista Lorenzo Da Ponte (che nel 1783 era stato nominato poeta di corte per il teatro italiano). [128] Il soggetto era stato scelto dallo stesso Mozart, il quale aveva chiesto a Da Ponte di preparare un libretto dalla commedia omonima di Beaumarchais ; Da Ponte riuscì a vincere le resistenze opposte dalla censura imperiale solo attenuando i toni della polemica sociale, che nel testo di Beaumarchais è forte ed esplicita contro la classe nobiliare ea favore del ceto borghese emergente, mentre nel libretto di Da Ponte risulta molto più sfumata e indiretta. [129] Nel luglio 1785 il libretto era pronto; la prima rappresentazione dell'opera si ebbe a Vienna il 1º maggio 1786 con un successo buono, ma non eccezionale; [130] l'opera non convinse la totalità del pubblico e la sera della prima si ebbero sia applausi che fischi. [131] Fra il 1786 e il 1791, le Nozze di Figaro totalizzarono a Vienna 38 rappresentazioni (per avere un termine di paragone, si consideri che Il barbiere di Siviglia di Paisiello , considerata l'opera di maggior successo nella Vienna dell'epoca, ebbe in tale città 70 repliche fra il 1783 e il 1791). [132] Tuttavia, gli incassi di Mozart come operista durante tutto il 1786 non bastarono a compensare i mancati introiti derivanti dalla drastica riduzione della sua attività concertistica; inoltre, laddove come pianista Mozart era stato economicamente del tutto autonomo, adesso non lo era più come compositore di opere, in quanto doveva dipendere, per il loro allestimento, da impresari e direttori teatrali. [132]

Le nozze di Figaro costituiscono un momento decisivo nella storia del teatro in musica: con esse giunse a compimento l'evoluzione (avviata da Pergolesi e proseguita da Piccinni , Paisiello e Cimarosa ) in virtù della quale l' opera buffa , da genere musicale considerato inferiore e popolaresco (in confronto alla pretesa superiorità artistica dell' opera seria ), assurse a piena dignità estetica e divenne la più importante forma di teatro musicale, soppiantando l'opera seria grazie alla sua superiore efficacia drammatica, alla sua capacità di introspezione psicologica e alla perfetta integrazione fra testo e musica; qualità tutte che appunto in Mozart si trovano al massimo grado. [133]

Mentre a Vienna, come si è detto, l'esordio delle nozze di Figaro fu contrastato, l'opera ebbe un immediato e travolgente successo a Praga , dove fu allestita, presso il locale teatro italiano, dalla compagnia dell'impresario Guardasoni , nel dicembre 1786. [134] Mozart, l'11 gennaio 1787, giunse assieme alla moglie nella capitale boema, dove poté vedere di persona la grande popolarità raggiunta dalla sua opera, la cui musica veniva eseguita anche nelle sale da ballo, come egli stesso narrò in una vivace lettera a un amico viennese:

«Alle sei sono andato con il conte Canal al cosiddetto ballo di Bretfeld, dove è solito riunirsi il fior fiore delle bellezze praghesi [...] Io non ho ballato e non ho mangiato. La prima cosa perché ero stanco e la seconda per la mia innata stupidità. Ho però guardato con sommo piacere tutta questa gente saltarmi intorno, piena di autentica allegria, sulle note del mio figaro , trasformato in contraddanze e in allemande . Perché d'altro non si parla se non di figaro , altro non si suona, intona, canta e fischietta se non figaro . Non si assiste ad altra opera se non a figaro e sempre figaro . È certo un grande onore per me.»

( Wolfgang Amadeus Mozart, lettera del 15 gennaio 1787 [135] )

A questo periodo dell'arte mozartiana appartengono il Quartetto per archi n. 20 K 499 e la Sinfonia in re maggiore K 504 (6 dicembre 1786), detta anche Sinfonia di Praga , capolavoro che precorre Beethoven. [136]

Il 28 maggio 1787 morì a Salisburgo Leopold Mozart; benché il suo testamento non ci sia pervenuto, appare probabile che egli abbia lasciato la quasi totalità delle sue sostanze alla figlia Maria Anna, praticamente diseredando Wolfgang. [137] [137]

Don Giovanni

Il primo interprete del personaggio di don Giovanni, il baritono Luigi Bassi , in un'incisione dell'epoca (1787)

Da Praga, Mozart rientrò a Vienna nel febbraio 1787, avendo firmato il contratto con Guardasoni per una nuova opera; della stesura del testo poetico si incaricò Lorenzo Da Ponte, il quale si basò principalmente sul libretto che poco tempo prima Giovanni Bertati aveva scritto per un'opera del compositore italiano Giuseppe Gazzaniga , avente lo stesso soggetto; Da Ponte completò il libretto del dramma giocoso Il Dissoluto punito ossia il Don Giovanni probabilmente nel giugno 1787; Mozart ne compose la musica fra l'estate e l'autunno; la storica prima rappresentazione ebbe luogo a Praga il 29 ottobre 1787. [138]

All'anno 1787 appartengono due capolavori nel genere della serenata: Uno scherzo musicale in fa maggiore K 522 (14 giugno) è una brillante satira musicale che prende di mira la mediocrità e l'incompetenza dei compositori alla moda nella Vienna dell'epoca; la Piccola serenata notturna in sol maggiore K 525 (agosto) è oggi una delle composizioni mozartiane più popolari e più universalmente note. [139] Degno di menzione è anche l'ammirevole Divertimento per violino, viola e violoncello in mi bemolle maggiore K 563 del 1788. [140]

Il 7 dicembre 1787 l'imperatore Giuseppe II nominò Mozart kammermusicus , con una retribuzione di 800 fiorini l'anno (il suo predecessore Gluck , da poco deceduto, ne aveva presi 2000). [141] Si trattò comunque, per Mozart, di un incarico poco impegnativo, che consistette principalmente nella fornitura periodica di musica per i balli di corte. [142]

Ancora una volta, all'entusiastica accoglienza di un'opera mozartiana da parte del pubblico praghese fece da contrappeso un assai più tiepido riscontro a Vienna, dove il Don Giovanni , allestito il 7 maggio 1788, fu un sostanziale insuccesso; l'opinione del pubblico fu che si trattasse di una musica troppo difficile, anche se parte della critica ne riconobbe subito la qualità superiore. [143]

Il Don Giovanni è comunemente considerato uno dei massimi capolavori, non solo dell'arte musicale, di tutti i tempi. [144] Una sua caratteristica consiste nella prodigiosa compresenza di comicità e tragedia; [145] il protagonista, Don Giovanni, figura inizialmente negativa, raggiunge in modo paradossale una statura eroica nelle ultime scene del dramma, dove il suo ostinato e coraggioso rifiuto di pentirsi (pur di fronte alla imminente prospettiva della dannazione eterna, minacciatagli dalla sovrannaturale apparizione della statua semovente del commendatore) può apparire quale emblema di rivolta laica e illuministica contro il trascendente. [146] Il finale del secondo atto supera i limiti formali dell'opera settecentesca, realizzando l'assoluta adeguazione della musica all'azione drammatica e aprendo in questo modo la via al teatro musicale del Romanticismo . [147]

A partire dal biennio 1786-87, Mozart iniziò ad avere crescenti problemi economici; le sue entrate diminuirono complessivamente di circa un terzo rispetto al 1784, per poi calare ulteriormente nel 1788 e nel 1789; Mozart cominciò allora a chiedere denaro in prestito, come è attestato da una drammatica serie di lettere (una ventina) che il compositore scrisse al commerciante Michael Puchberg fra il 1788 e il 1791. [148] Va detto che le finanze di Mozart scontarono anche l'effetto di una congiuntura economica sfavorevole: la guerra contro la Turchia ebbe pesanti ripercussioni sulla vita musicale viennese fra il 1788 e il 1791, portando, fra l'altro, a una drastica diminuzione generale dell'attività concertistica. [149] Di fatto, non risulta che Mozart abbia più tenuto concerti a Vienna dopo l'estate 1788; calarono fortemente anche i guadagni che Mozart traeva dalla pubblicazione delle sue composizioni. [150]

All'estate 1788 risale la composizione dei tre ultimi capolavori sinfonici: la Sinfonia in mi bemolle maggiore K. 543 (26 giugno), la Sinfonia in sol minore K. 550 (25 luglio) e la Sinfonia in do maggiore K. 551 (10 agosto). [151] Questa trilogia costituisce il vertice artistico del sinfonismo settecentesco; la Sinfonia in do maggiore si distingue per le sue vaste proporzioni e per l'imponenza architettonica del suo finale fugato. [152]

Il viaggio a Berlino

La cantante boema Josepha Duschek, amica di Mozart

L'8 aprile 1789 Mozart partì da Vienna per un lungo viaggio verso la Germania settentrionale, alla ricerca di nuovi incarichi e di nuovi introiti. Fu il 10 aprile a Praga; il 12 a Dresda , dove tenne alcuni concerti in forma privata; il 20 a Lipsia , dove ebbe modo di leggere alcune partiture di Bach conservate nella Thomaskirche ; il 26 fu a Potsdam , dove, a quanto sembra, non riuscì a ottenere udienza dal re Federico Guglielmo II ; l'8 maggio ritornò a Lipsia, città nella quale, il 12 maggio, diede un concerto pubblico allaGewandhaus , in cui furono eseguite due sinfonie non identificate, due concerti per pianoforte e orchestra, due arie con orchestra, cantate dal soprano Josepha Duschek , e dove probabilmente improvvisò al pianoforte; ma gli incassi della serata non furono per nulla buoni. [153] Mozart era da tempo particolarmente legato alla Duschek, ed è possibile che fra i due ci sia stato, durante questo viaggio, qualcosa di più di una semplice amicizia. [154]

Il 19 maggio fu a Berlino , città in cui forse assistette a una rappresentazione del Ratto dal serraglio e dalla quale scrisse alla moglie di aver ricevuto incarico dalla corte di scrivere sei quartetti per archi e sei sonate facili per pianoforte (ma la circostanza che egli abbia realmente ricevuto tale commissione regia è posta in dubbio da alcuni studiosi, dato che di tale incarico non si trova traccia in nessun altro documento che non sia di mano dello stesso Mozart). [153] Il musicista, comunque, completò solo tre quartetti per archi, i suoi ultimi, conosciuti come Quartetti prussiani ( K. 575 , K. 589 e K 590 ), che furono pubblicati postumi e senza alcuna dedica, e una sola sonata, l'ultima, la K 576 . [155] Tornò a Vienna il 4 giugno 1789; il suo viaggio era stato infruttuoso dal punto di vista economico e aveva forse avuto l'effetto di intaccare la serenità del suo matrimonio. [156]

Così fan tutte e il viaggio a Francoforte

Il 1790 fu un anno particolarmente difficile per Mozart: la sua reputazione di eccellente compositore era ormai consolidata a livello europeo, ma in patria una parte di quello che era stato il suo pubblico ormai non lo seguiva più, anche perché Mozart non si preoccupava affatto di compiacerlo; raramente e malvolentieri, infatti, acconsentiva a scrivere musica banale, finalizzata al solo successo commerciale. [157] La sua produzione, benché mantenesse un livello qualitativo sempre molto elevato, ebbe inoltre un vero e proprio crollo quantitativo nel corso del 1790, un'epoca relativamente alla quale il suo catalogo registra non più di una dozzina di nuove composizioni, in quello che fu il periodo di minore produttività in tutta la sua maturità di compositore. [158] Si è ipotizzato che in questo periodo egli fosse affetto da depressione . [159]

Locandina della prima rappresentazione di Così fan tutte , Vienna, 26 gennaio 1790

Il 26 gennaio, al Burgtheater di Vienna, ebbe luogo la prima rappresentazione di Così fan tutte ossia La scuola degli amanti , dramma giocoso su libretto di Lorenzo Da Ponte; l'opera fu replicata nove volte nel corso dell'anno. [121] Basata su un soggetto originale dello stesso Da Ponte, essa esprime due differenti aspetti del razionalismo illuminista: da una parte, l'amara ironia e lo scetticismo riguardo al cuore umano propri di Voltaire ; dall'altra, la rivendicazione del sentimento erotico nella sua genuina naturalità, al di là delle convenzioni sociali, derivante da Rousseau . [160]

Il 20 febbraio moriva l'imperatore Giuseppe II, che era stato il più importante dei sostenitori di Mozart: con l'insediamento del suo successore, Leopoldo II , il compositore non fu più tra i favoriti presso la corte, dove le sue richieste di nuovi incarichi non furono accolte. [161]

Nel 1790 fu uno dei cinque compositori che realizzarono il Singspiel La pietra filosofale , su libretto di Emanuel Schikaneder ; l'opera venne musicata, oltre che da Mozart, dallo stesso Schikaneder, da Franz Xaver Gerl , Johann Baptist Henneberg e Benedikt Schack ; la prima si ebbe al Theater auf der Wieden l'11 settembre 1790. [162] A lungo si è ritenuto che il contributo di Mozart a tale opera si fosse limitato a un solo duetto; un manoscritto ritrovato nel 1996, però, fa supporre che l'apporto del musicista di Salisburgo sia stato più consistente. [163]

Mozart non fu tra i compositori invitati a presenziare alla cerimonia di incoronazione del nuovo imperatore, che doveva aver luogo in ottobre a Francoforte ; decise comunque di parteciparvi a proprie spese; nella città tedesca tenne un concerto il 15 ottobre, il cui cartellone comprendeva una sinfonia non identificata, due concerti per pianoforte e orchestra ( K 459 e K 537 ), alcune arie e un'improvvisazione pianistica; l'esito, dal punto di vista economico, ancora una volta non fu buono. [164] Mozart proseguì comunque il viaggio, toccando Magonza il 16 ottobre, Mannheim il 23, Monaco di Baviera il 29; in quest'ultima città, il 4 o 5 novembre suonò a un concerto in onore di re Ferdinando IV di Napoli ; il 10 novembre (senza essere passato da Salisburgo) era di nuovo a Vienna; il viaggio non aveva migliorato la sua situazione economica, ma l'avere incontrato molti vecchi amici a Mannheim ea Monaco lo aveva forse aiutato a uscire dal suo stato depressivo. [165]

Alla fine di ottobre del 1790, l'impresario britannico Robert May O' Reilly offrì a Mozart l'opportunità di soggiornare a Londra fino all'estate successiva con il compito di comporre almeno due opere teatrali, dietro un compenso equivalente a circa 3000 fiorini; non si sa per quale motivo Mozart abbia rifiutato tale vantaggiosa offerta, che avrebbe risolto gran parte dei suoi problemi finanziari: forse perché ciò avrebbe comportato una lunga separazione da Constanze (la quale, a causa della sua salute malferma, non avrebbe potuto seguire il marito a Londra), o forse perché a quell'epoca Mozart contava già con certezza su future opportunità di guadagno rimanendo a Vienna; [166] forse, più semplicemente, Mozart non se la sentiva di emigrare all'estero, sconvolgendo la sua vita e le sue abitudini solo per inseguire delle prospettive di carriera, per quanto allettanti. [167]

Gli ultimi capolavori

L'inizio del 1791 vide Mozart superare la propria crisi creativa e tornare ai suoi abituali livelli di produttività, come è attestato dalla serie di capolavori che costellano il suo ultimo anno: fra essi il concerto per pianoforte e orchestra n. 27 in si bemolle maggiore K 595 (5 gennaio), il quintetto per archi in mi bemolle maggiore K 614 (12 aprile), il mottetto Ave verum corpus K 618 (giugno), il Concerto per clarinetto e orchestra K 622 (7 ottobre). [168] Anche la sua situazione economica cominciò a migliorare: fra l'altro, alcuni mecenati ungheresi e olandesi sottoscrissero in suo favore, impegnandosi ad acquistare sue composizioni per cifre ragguardevoli; il 9 maggio la città di Vienna lo nominò assistente Kapellmeister di Leopold Hofmann presso la cattedrale di Santo Stefano, incarico onorifico che però preludeva alla nomina a maestro di cappella (retribuito 2000 fiorini annui) non appena il posto si fosse reso vacante. [169]

Fu probabilmente all'inizio di maggio che Mozart iniziò a comporre Il flauto magico , Singspiel su libretto di Emanuel Schikaneder ; intorno alla metà di luglio gli pervenne, dall'impresario Guardasoni, la commissione per un'opera seria italiana da mettere in scena a Praga, La clemenza di Tito . [170]

Sempre nell'estate del 1791 un aristocratico musicista dilettante, un certo conte Franz von Walsegg , tramite un suo emissario, commissionò a Mozart una messa da requiem , alla condizione che l'incarico dovesse rimanere segreto e che il committente restasse anonimo; ciò in quanto era intenzione del conte Walsegg di far passare l'opera come propria. Non è chiaro se Mozart conoscesse l'identità e le intenzioni del suo committente; in ogni caso egli, già impegnato nella composizione del Flauto magico e della Clemenza di Tito , non poté dedicarsi subito a scrivere il Requiem . [171]

Fra il 28 agosto e il 15 settembre Mozart fu a Praga, dove si svolgevano le cerimonie per l'incoronazione di Leopoldo II a re di Boemia ; il 6 settembre, al teatro nazionale, ebbe luogo la prima rappresentazione della Clemenza di Tito , alla presenza della coppia imperiale e con la direzione dell'autore, ma con esito non molto favorevole; è rimasto tristemente famoso il rozzo giudizio dell'imperatrice Maria Luisa , che definì l'opera "una porcheria tedesca in lingua italiana" e in una sua lettera affermò che "la musica era così brutta che ci addormentammo tutti". [172]

Scenario di Karl Friedrich Schinkel per un allestimento de Il flauto magico (1815)

Immediato, vasto e crescente successo ottenne invece Il flauto magico : alla prima rappresentazione, che si svolse, sotto la direzione del compositore, al Freihaustheater di Vienna il 30 settembre 1791, seguirono centinaia di repliche nel corso degli anni novanta. L'euforia di Mozart per il successo della sua opera è testimoniata dalle ultime lettere che il compositore scrisse alla moglie, che in quel periodo si trovava in villeggiatura a Baden . [173]

La musica dell'ultimo Mozart sembra mostrare una tendenza ad allontanarsi dalle forme codificate del classicismo (come la sinfonia, la sonata e il quartetto), per indirizzarsi invece verso brani d'occasione, apparentemente minori, a volte alquanto anomali dal punto di vista timbrico e formale; è il caso della Fantasia in fa minore K 608 e dell' Andante in fa maggiore K 616 , entrambi per organo meccanico ; dell' Adagio e rondò in do minore K 617 per glassarmonica , flauto, oboe, viola e violoncello, scritto per la virtuosa cieca Marianne Kirchgessner ; dello stesso Ave verum corpus K 618, scritto per il coro della scuola elementare di Baden [174] . Nel Flauto magico questa attenzione dell'ultimo Mozart per l'umile e il marginale trova la sua più compiuta realizzazione; scritto per un teatro di periferia e rivolto a un pubblico popolare, Il flauto magico esprime, in un linguaggio musicale trasparente e accessibile a tutti, la stessa filosofia giusnaturalistica che già aveva ispirato opere come Il ratto dal serraglio e Le nozze di Figaro : la fede nella bontà originaria degli esseri umani e nella felicità da raggiungere attraverso l'affetto e la solidarietà fra le persone, è la fondamentale filosofia mozartiana che nel Flauto magico si manifesta attraverso (ea volte nonostante) i complessi simboli dell'ideologia massonica cui è improntato il libretto di Schikaneder [175] .

Prima del 15 novembre 1791 Mozart mise da parte il Requiem e scrisse l'ultima sua opera compiuta, la Piccola cantata massonica K 623 ; il 20 novembre cadde malato. [176]

Mozart massone

Mozart entrò nella massoneria dopo il proprio trasferimento a Vienna, mentre la sua carriera di musicista era al culmine del successo. Venne iniziato come "apprendista" il 14 dicembre 1784, nella loggia "Zur Wohltätigkeit" ("Alla beneficenza") grazie alla mediazione dell'amico drammaturgo e massone Otto Heinrich von Gemmingen-Hornberg . [177] Il compositore, in poco tempo, percorse tutto il cammino iniziatico della massoneria: il 7 gennaio del 1785 fu elevato al grado di "compagno" e forse il 13 gennaio (la data non è certa) divenne "maestro". [178] Suo padre Leopold venne iniziato nella stessa loggia il 6 aprile 1785, il 16 aprile passò al grado di "compagno" e il 22 divenne "maestro". [179]

L'11 dicembre 1785 l'imperatore Giuseppe II fece emanare un decreto, il Freimaurerpatent , in virtù del quale le otto logge massoniche di Vienna furono accorpate in sole due, denominate rispettivamente "Alla nuova speranza incoronata" e "Alla verità" e assoggettate a uno stringente controllo da parte del governo; in seguito a questo provvedimento Mozart venne a far parte della loggia "Alla nuova speranza incoronata". [180]

Fra gli scopi dichiarati di tale decreto vi era quello di limitare l'influenza dell'ordine dei Rosacroce , di tendenza mistica ed esoterica; perciò i massoni di tendenza razionalista inizialmente accolsero con favore il Freimaurerpatent ; tuttavia, in seguito apparve chiaro che l'assoggettamento della massoneria al controllo governativo aveva anche l'obiettivo di frenare l'attività dell'ala più illuminista e più anticlericale, che faceva capo all'ordine degli Illuminati , considerato pericoloso per l'ordine costituito. [181] Difatti dopo il Freimaurerpatent l'ordine degli Illuminati cessò praticamente di esistere a Vienna, molti di loro (fra cui alcuni cari amici di Mozart) uscirono dalla massoneria e la stessa loggia "Alla verità" fu ufficialmente chiusa nel 1789. [182]

La loggia "Alla beneficenza", di cui faceva parte Mozart prima del Freimaurerpatent , era praticamente dominata dagli Illuminati, ed egli stesso ebbe stretti legami con appartenenti a tale ordine, come Ignaz von Born e Joseph von Sonnenfels . [183] Sembra che Mozart abbia avuto simpatie per gli Illuminati, anche se molto probabilmente non entrò mai a far parte del loro ordine. [184] Mozart continuò comunque a far parte della massoneria anche dopo che ne furono usciti gli Illuminati, sebbene, a quanto pare, la sua partecipazione alle attività della loggia sia diminuita fra il gennaio 1786 e il gennaio 1791. [184]

L'appartenenza massonica di Mozart non fu solo per adesione formale, ma trasse fondamento in profondi convincimenti esoterici e spirituali, che egli tradusse in musica, nelle opere che più si riallacciano ai simboli e agli ideali massonici: fra questi, resta impareggiabile la simbologia del Flauto magico . [185] È simbolico il carattere di progressione delle terze parallele, che contraddistingue la parte finale dell'opera K 623. Il carattere massonico di tali composizioni si esprime a volte nella scelta delle tonalità (con predilezione di mi bemolle) e nei timbri, dove è predominante la presenza di strumenti a fiato e voci maschili.

All'universo della musica massonica appartengono, fra le altre opere, la cantata K 471 del 1785, l' adagio per due clarinetti e tre corni di bassetto K 411 dello stesso anno e la musica funebre massonica K 477 (pure questa del 1785), oltre alla piccola cantata massonica K 623 del 1791. [186]

Nel suo ultimo anno di vita, Mozart riprese a comporre molta musica d'ispirazione massonica; oltre al Flauto magico e alla Piccola cantata massonica , sopra citati, è degna di nota la cantata per tenore e pianoforte Die ihr des unermeßlichen Weltalls Schöpfer ehrt ("Voi che onorate il creatore dell'universo infinito") K 619, su testo di Franz Heinrich Ziegenhagen . [187] Ziegenhagen era un socialista utopista , esponente dell'Illuminismo radicale ed egualitario; il suo testo (messo in musica da Mozart nel luglio 1791) è un'appassionata perorazione a favore della tolleranza religiosa, contro il fanatismo, contro il militarismo ea favore della pace fra i popoli: [188]

«Voi che onorate il creatore dell'universo infinito,
che si chiami Geova , o Dio,
che si chiami Fu o Brahmā , udite!
[...]
Spogliatevi della veste che impedisce
all'umanità di vedere il maleficio della superstizione!
Nel coltro viene riforgiato il ferro
che ha sparso finora il sangue degli uomini e dei fratelli!
Fate scoppiare la roccia con la polvere nera
che spesso ha diretto il piombo
nel cuore del fratello, uccidendolo!»

( FH Ziegenhagen [189] )

Malattia e morte

Mozart morente in un dipinto dell'Ottocento (Hermann Kaulbach, Mozarts letzte Tage , 1873)

Mozart morì nella sua casa a Vienna il 5 dicembre 1791 , cinque minuti prima dell'una di notte. [190] La salma fu portata alla cattedrale di Santo Stefano il 6 dicembre; il corpo venne poi sepolto, lo stesso giorno o forse la mattina del 7, in una fossa comune del Cimitero di St. Marx , a quanto pare senza che nessuno della famiglia di Mozart, né dei suoi amici o conoscenti, fosse presente (le testimonianze dei contemporanei tentano di giustificare questo fatto assumendo che al momento del funerale ci fosse maltempo, ma quest'ultima circostanza è stata posta in dubbio in epoca moderna). [191] Si trattò di un funerale di terza classe, vale a dire del più economico possibile (ad eccezione del funerale per i poveri, che era gratuito); forse tale tipo di funerale era stato scelto dallo stesso Mozart, seguendo le sue convinzioni illuministiche che potrebbero averlo indotto a disprezzare, alla stregua di un retaggio della superstizione, sia le cerimonie funebri troppo sfarzose sia il conforto della Chiesa (fra l'altro, Mozart non aveva chiesto, né ricevuto, l' estrema unzione ). [192]

Monumento funerario di Mozart nel cimitero di St. Marx a Vienna

L'esatto luogo di sepoltura di Mozart non è stato mai identificato: vi sono a Vienna due monumenti funerari del compositore in due diversi cimiteri, uno presso il Cimitero di St. Marx e un altro presso il Cimitero centrale ( Zentralfriedhof ).

La malattia e la morte di Mozart sono state e sono tuttora un difficile argomento di studio, oscurato da leggende romantiche e farcito di teorie contrastanti. Gli studiosi sono in disaccordo sul corso del declino della salute di Mozart, in particolare sul momento in cui Mozart divenne conscio della sua morte imminente e se questa consapevolezza influenzò le sue ultime opere.

Anche l'effettiva causa del decesso di Mozart è materia di congettura: il suo certificato di morte riporta hitziges Frieselfieber (" febbre miliare acuta", che allora era considerata contagiosa, o "esantema febbrile"), una definizione insufficiente a identificare la corrispettiva diagnosi nella medicina odierna. Sono state avanzate diverse ipotesi, dalla trichinosi all'avvelenamento da mercurio o acqua tofana , alla febbre reumatica o, più recentemente, la sifilide . La pratica terapeutica del salasso , all'epoca diffusa, è menzionata come concausa della morte. Una serie di ricerche epidemiologiche eseguite nel 2009 da un gruppo di patologi austriaci e olandesi, che si sono soffermati a studiare tutte le principali cause di decesso della popolazione negli ultimi anni di vita di Mozart, porta a ritenere che – con grande probabilità – il compositore sia morto per una nefrite acuta conseguente a una glomerulonefrite a eziologia streptococcica. [193]

Mozart morì lasciando incompiuto il Requiem , il cui completamento fu affidato dalla moglie del compositore in un primo tempo al musicista Joseph Eybler , il quale, tuttavia, ben presto si fece indietro. Fu allora chiamato il giovane compositore Franz Xaver Süssmayr , allievo e amico di Mozart che terminò il lavoro, completando le parti non finite e scrivendo ex novo quelle inesistenti.

Nel 1809 Constanze Weber, la vedova, si risposò col diplomatico danese Georg Nikolaus von Nissen ( 17611826 ), grande ammiratore di Mozart e autore di una delle prime biografie dedicate al musicista. Per questo lavoro di sicuro Nissen attinse a testimonianze di Constanze, la quale, però, non può essere considerata una fonte del tutto attendibile. Ad esempio, dalle lettere scritte da Mozart ad amici e familiari (alla stessa Constanze, ad esempio) Nissen e Constanze cancellarono spesso le parti più scurrili e ciò nel chiaro intento di idealizzare la figura del compositore. [194]

La carriera di Mozart come libero artista

La scelta di Mozart, nel maggio 1781, di abbandonare il servizio presso la corte dell'arcivescovo di Salisburgo fu gravida di conseguenze non solo per lui, ma anche per la condizione sociale dei musicisti in generale: infatti era la prima volta (perlomeno nell'ambiente musicale di lingua tedesca) che un compositore della sua statura si affrancava dal vincolo di sudditanza feudale alla Chiesa o alla classe nobiliare e decideva di lavorare come libero professionista, soggetto solamente alla legge della domanda e dell'offerta ; di lì a poco, tale nuova posizione sociale costituì il presupposto indispensabile per l'affermarsi in musica dell'individualismo romantico. [195]

Fino all'epoca di Mozart, infatti, in tutti i territori che già avevano fatto parte dell'antico Sacro Romano Impero , musicisti di estrazione borghese come lui (e come suo padre Leopold) potevano trovare una degna collocazione sociale solamente impiegandosi in pianta stabile presso una delle molte corti aristocratiche o delle istituzioni a esse collegate; il loro ruolo sociale era dunque subalterno all'aristocrazia di corte, ed era sostanzialmente equiparato a quello del personale di servizio. [196] Leopold Mozart, anche se malvolentieri, si era alla fine adattato a questo tipo di collocazione sociale e si aspettava che anche suo figlio facesse carriera come musicista di corte, tutt'al più in una corte più grande e più ricca di quella di Salisburgo; ma Wolfgang, da quando fu maggiorenne, non poté più accettare interiormente tale condizione di sudditanza, che gli appariva umiliante in modo intollerabile e che sviluppò in lui un permanente stato d'animo di rancore profondo nei confronti della nobiltà di corte. [197] La personale rivolta di Mozart contro le costrizioni derivanti dal servizio a corte trovò infine espressione nella sua decisione di dimettersi dal suo impiego e di guadagnarsi da vivere come libero artista. [198]

Circa l'effettivo successo economico della carriera di Mozart nei suoi ultimi dieci anni di vita si trovano, nella letteratura biografica, valutazioni molto contrastanti: la visione prevalente per tutto l'Ottocento e per gran parte del Novecento fu che Mozart, sostanzialmente, perse la sua partita e che concluse la propria avventura umana e professionale con un fallimento e nella più nera miseria. Tale è la versione che appare, ad esempio, negli scritti di Massimo Mila [199] e che si trova sintetizzata da una diffusa enciclopedia la quale, ancora nel 1995, scriveva che Mozart morì "senza mai conoscere il vero successo". [2]

Secondo il sociologo Norbert Elias , Mozart intraprese il suo rischioso progetto di vita come libero artista in un momento, e in un luogo, in cui non esistevano ancora le condizioni storiche per la sua riuscita: non esisteva ancora un mercato musicale pienamente sviluppato; l'editoria musicale era ai suoi inizi, così come lo era l'attività concertistica modernamente intesa (nella maggior parte del territorio di lingua tedesca, i concerti e le opere erano tuttora [ non chiaro ] finanziati e allestiti da esponenti della classe nobiliare e per un pubblico composto per lo più da invitati). [200] Tutte queste condizioni non sussistevano ancora nella Vienna di Mozart, ma vennero a realizzarsi in gran parte solo pochi anni dopo la sua morte, quando ebbe inizio la carriera del giovane Beethoven. [201]

«Da outsider borghese al servizio della corte, Mozart combatté fino in fondo, con incredibile coraggio, una battaglia di affrancamento dai suoi padroni e committenti aristocratici. Lo fece di propria iniziativa, per amore della propria dignità di uomo e del proprio lavoro di musicista. E perse la battaglia – come era da prevedere, aggiungeremmo con la presunzione dei posteri.»

( Norbert Elias [202] )

È stato anche osservato che, nei suoi primi anni viennesi, Mozart aderì al programma di modernizzazione dello Stato e della società asburgica promosso dall'imperatore Giuseppe II; l'imperatore intendeva fra l'altro (secondo i canoni del dispotismo illuminato) limitare i poteri dell'aristocrazia feudale, i cui abusi Mozart condannò ne Le nozze di Figaro . [203] Tuttavia, il consenso e la protezione, accordati entro certi limiti a Mozart dalla corte viennese, non costituirono – secondo questa interpretazione – una base sufficientemente solida per l'attività professionale del compositore; inoltre, la novità e la complessità del suo linguaggio musicale non furono pienamente compresi nemmeno dalla corte dell'imperatore, abituata a musiche di più facile accessibilità (pochi mesi dopo la morte di Mozart trionfò a Vienna Il matrimonio segreto di Cimarosa) e al minore impegno compositivo profuso da musicisti di secondaria importanza come Martín y Soler e Dittersdorf . [203]

A partire dagli anni settanta del Novecento, la visione tradizionale di un Mozart morto in miseria fu corretta da una serie di studi i quali puntualizzarono come il compositore guadagnasse in realtà nei suoi anni viennesi cifre sempre considerevoli (pur dilapidandone gran parte nel gioco d'azzardo ). [204] La valutazione di Maynard Solomon è che Mozart ebbe un momentaneo declino di popolarità tra il 1788 e il 1790 e che in particolare nel 1790 la crisi delle sue finanze si accentuò fino a sfiorare il crollo definitivo; tuttavia, dice Solomon, tali difficoltà finirono nel 1791, ma la ripresa della fortuna anche economica di Mozart fu troncata dalla morte. [205]

Lista di tutte le composizioni per genere

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Composizioni di Wolfgang Amadeus Mozart .

Le composizioni di Mozart spaziano in tutti i generi musicali del suo tempo: l' opera , la messa , l' oratorio , la cantata , il lied , la sonata da chiesa , la sinfonia , il concerto per strumento solista e orchestra , il quartetto d'archi , il quintetto d'archi , la sonata per pianoforte , la sonata per violino , la serenata , il divertimento , la musica per organo e la musica massonica . Mozart è fra i musicisti maggiormente eseguiti non solo in Austria (in particolare a Salisburgo), [206] ma anche nelle sale da concerto di tutto il mondo.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Catalogo Köchel .

L'elenco in ordine cronologico di tutte le composizioni musicali di Mozart è il cosiddetto " Catalogo Köchel ". Esso prende il nome da Ludwig von Köchel , che ne pubblicò la prima edizione nel 1862. A essa hanno fatto seguito numerose edizioni rivedute. Ogni opera di Mozart viene dunque comunemente designata con un numero preceduto dall'abbreviazione K o KV, in entrambi i casi indicante Köchel Verzeichnis (Catalogo Köchel in tedesco).

Strumenti

Sebbene alcuni dei primi brani di Mozart siano stati scritti per clavicembalo , nei suoi primi anni conobbe i pianoforti realizzati da un costruttore di Regensburg Franz Jakob Späth. [207] Più tardi, quando Mozart visitò Augusta, rimase colpito dai pianoforti Stein e lo scrisse in una lettera a suo padre. [207] Il 22 Ottobre del 1777 Mozart fece la prima esecuzione del suo Triplo concerto (K.242) su strumenti forniti da Stein. [208] L'organista della Cattedrale di Augusta, Demmler suonava la prima parte, Mozart la seconda e Stein la terza. [209] Nel 1783, quando viveva a Vienna, acquistò uno strumento di Walter . [210] Leopold Mozart ha confermato l'attaccamento di Mozart con il suo fortepiano Walter: “È impossibile descrivere il trambusto. Il pianoforte di tuo fratello è stato spostato almeno dodici volte da casa sua a teatro oa casa di qualcun altro”. [211]

Lo stile mozartiano

Le composizioni di Mozart e di Haydn appartengono a un periodo storico – la seconda metà del XVIII secolo – durante il quale avvenne nella musica occidentale l'evoluzione dal cosiddetto stile galante a un nuovo stile, detto in seguito classico , che avrebbe accolto in sé anche gli elementi contrappuntistici, che caratterizzavano la tarda musica barocca e proprio in reazione alla cui "complessità" si era sviluppato lo stile galante.

Dettaglio del manoscritto del Requiem K. 626

Lo stile della musica di Mozart non solo segue da vicino lo sviluppo dello stile classico, ma senza dubbio contribuisce in modo fondamentale a definirne le caratteristiche, in modo tale da poter essere considerato esso stesso l' archetipo . Mozart fu uno straordinario compositore che si dedicò con apparente semplicità a tutti i principali generi dell'epoca: scrisse un gran numero di sinfonie, opere, concerti per strumento solista, musica da camera (fra cui quartetti e quintetti d'archi) e sonate per pianoforte. Benché per nessuno di questi generi si possa affermare che egli fu il "primo autore", per quanto riguarda il concerto per pianoforte si deve riconoscere che esso deve a Mozart, autore e interprete delle proprie composizioni, il grandioso sviluppo formale e di contenuti che avrebbe caratterizzato questo genere nel secolo successivo. Lo stesso Beethoven nutriva grande ammirazione per i concerti per pianoforte mozartiani, che furono il modello dei suoi concerti, in modo particolare i primi tre per pianoforte. [212] [213]

Mozart rinnovò il genere musicale del concerto: il discorso musicale si svolge come dialogo paritario fra due soggetti di uguale importanza, il solista e l'orchestra. Mozart scrisse concerti per pianoforte, violino, flauto, oboe, corno, clarinetto, fagotto. Mozart scrisse anche un gran numero di composizioni sacre, fra cui messe, e composizioni più "leggere", risalenti per lo più al periodo salisburghese, come le marce , le danze , i divertimenti , le serenate e le cassazioni .

I tratti caratteristici dello stile classico possono essere ritrovati senza difficoltà nella musica di Mozart: chiarezza, equilibrio e trasparenza sono elementi distintivi di ogni sua composizione. Tuttavia, l'insistenza che a volte viene data agli elementi di delicatezza e di grazia [214] della sua musica non riesce a nascondere la potenza eccezionale di alcuni dei suoi capolavori, quali il concerto per pianoforte n. 24 in do minore K. 491, la Sinfonia n. 40 in sol minore K. 550 e l'opera Don Giovanni . A questo proposito, Charles Rosen ha scritto: [215]

«Solamente riconoscendo che la violenza e la sensualità è al centro dell'opera di Mozart è possibile fare il primo passo verso la comprensione delle sue strutture e della sua magnificenza. In un modo paradossale, la caratterizzazione superficiale di Schumann della sinfonia K. 550 in sol minore [214] [216] può aiutarci a comprendere il demone di Mozart in modo più completo. Nell'opera di Mozart ogni suprema espressione di sofferenza e terrore ha qualcosa di sorprendentemente voluttuoso.»

Soprattutto nell'ultimo decennio di vita Mozart esplorò l' armonia cromatica con una intensità raramente ritrovata in altri compositori del suo tempo. Scrive Hermann Abert: [217]

«Neppure l'uomo normale si dà pena di imitare alcuna cosa di cui non rechi già in sé l'embrione. Nel genio questa scelta reca già l'impronta dell'atto creativo. Essa è infatti il primo tentativo di una presa di posizione, d'un affermarsi nei confronti della tradizione: tentativo che dovrà agguerrirlo a rifiutare ciò che gli sia estraneo o d'intoppo e non soltanto a imitare ma a "ricreare" e assimilare ogni elemento congeniale. Non dovremo quindi mai dimenticare che la grandezza di Mozart sta nel suo "io", nella sua forza creativa; non nel materiale col quale si è cimentato.»

Fin da fanciullo Mozart aveva mostrato che era capace di ricordare e imitare senza alcuna difficoltà la musica che aveva l'occasione di ascoltare. I suoi numerosi viaggi consentirono al giovane compositore di far sua una rara collezione di esperienze attraverso le quali Mozart creò il suo unico linguaggio compositivo. [218]

La ricerca critica e musicologica sull'opera di Mozart è al centro del monumentale lavoro in cinque volumi Mozart - Sa vie musicale et son oeuvre (1912-1946) di Teodor de Wyzewa e Georges de Saint-Foix. Attraverso un metodo di analisi scrupolosa delle influenze dovute all'ambiente musicale col quale Mozart si confrontò nel corso della sua breve vita, i due musicologi arrivarono a suddividere l'opera di Mozart in 34 fasi stilistiche diverse, ciascuna di esse sotto l'influenza di un dato modello. Questo "approccio riduttivo", tuttavia, è stato in seguito criticato e messo in discussione, fra gli altri da Paumgartner: [219]

«Nella compiaciuta infatuazione di quei confronti critico-stilistici, si tralasciò anzitutto di cercar di scoprire in virtù di quali leggi più profonde la musica di Mozart, nonostante le innegabili reminiscenze dei modelli contemporanei, risulti così sostanzialmente diversa da questi e, appunto perciò abbia potuto svilupparsi assumendo forme proprie, originali e durature»

Mozart era ancora bambino durante il soggiorno a Londra quando incontrò Johann Christian Bach e ascoltò la sua musica. A Parigi, Mannheim e Vienna, egli ascoltò i lavori dei compositori attivi in quei luoghi così come la famosa orchestra di Mannheim. In Italia ebbe modo di conoscere e approfondire la ouverture italiana e l' opera buffa dei grandi maestri italiani del Settecento e questa esperienza sarebbe stata di fondamentale importanza nello sviluppo successivo della sua musica. Sia a Londra sia in Italia, lo stile galante dominava la scena: uno stile semplice, quasi da "musica leggera", caratterizzato da una predilezione per le cadenze , da una enfasi sulle frasi nella tonalità fondamentale-dominante-sottodominante (escludendo così altri accordi ) e dall'uso di frasi simmetriche e di strutture articolate in modo chiaro. [220]

Lo stile galante, che fu l'origine dello stile classico, era nato come reazione alla "eccessiva complessità" della tarda musica barocca. Alcune delle sinfonie giovanili di Mozart hanno la forma di ouverture in tre movimenti nello stile italiano; molte di queste sono "omotonali", ossia tutti i tre movimenti sono nella stessa tonalità, essendo il movimento lento centrale nella relativa tonalità minore. Altri lavori "imitano" la stile di Johann Christian Bach, mentre altri ancora mostrano la semplice forma bipartita in uso fra i compositori viennesi.

Passando dalla giovinezza alla prima maturità, Mozart iniziò a inserire alcune delle caratteristiche fondamentali dello stile barocco all'interno delle proprie composizioni: per esempio, la Sinfonia n. 29 in la maggiore K 201 impiega nel primo movimento un tema principale in forma contrappuntistica e sono presenti anche sperimentazioni con frasi di lunghezza irregolare. A partire dal 1773 appaiono nei quartetti dei movimenti conclusivi in forma di fuga , probabilmente influenzati da Haydn, che aveva incluso finali in questa forma nei quartetti dell'opera 20 . L'influenza dello stile Sturm und Drang , che preannuncia col suo carattere la futura era romantica è evidente in alcune delle composizioni di quel periodo di entrambi gli autori, fra cui spicca la Sinfonia n. 25 in sol minore K 183 , la prima delle due uniche sinfonie in tonalità minore scritte da Mozart. [221]

«Mozart infuse negli strumenti il nostalgico afflato della voce umana per la quale nutriva uno specialissimo amore. Orientò verso il cuore della melodia l'inesauribile fiumana d'una ricca armonia, dando sempre alla voce degli strumenti quella fervida intensità di sentimento propria della voce umana: inesauribile fonte dell'espressione racchiusa nel fondo del cuore. [222] »

( Richard Wagner )

Mozart fu anche uno dei grandi autori di opere; egli passava con grande facilità e naturalezza dalla scrittura strumentale a quella vocale. Le sue opere appartengono ai tre generi principali in voga alla fine del Settecento: l' opera buffa ( Le nozze di Figaro , Don Giovanni e Così fan tutte ), l' opera seria ( Idomeneo e La clemenza di Tito ) e il Singspiel ( Il ratto dal serraglio e Il flauto magico ). In tutte le sue grandi opere Mozart impiega la scrittura strumentale per sottolineare lo stato psicologico dei personaggi ei cambiamenti di situazione drammatica. La scrittura operistica e quella strumentale si influenzano a vicenda: l'orchestrazione via via più sofisticata che Mozart adotta per le composizioni strumentali (sinfonie e concerti in primo luogo) viene adottata anche per le opere, mentre l'uso particolare che egli fa del colore strumentale per evidenziare gli stati d'animo ritorna anche nelle ultime composizioni non operistiche. [223]

Mozart ei compositori contemporanei

Franz Joseph Haydn

Ritratto di Joseph Haydn (1792)

Una grande amicizia e reciproca stima contraddistingue il legame che unisce Mozart a Haydn, nonostante quest'ultimo fosse di ventiquattro anni più anziano. Non è possibile stabilire con certezza quando Mozart entrò in rapporti di amicizia con Haydn, ma di certo si sa che nel 1785 i due musicisti erano intimi amici, tanto da darsi del tu, ed ebbero diversi incontri in casa dei fratelli Storace, avendo occasione e di parlare di musica e di eseguire insieme musica cameristica.

Mozart ebbe come intimo amico il fratello Michael Haydn e ciò fu importante per la conoscenza di Joseph. Haydn, dalla residenza degli Esterházy dove prestava servizio, si recava spesso a Vienna dove Mozart si era definitivamente trasferito nel 1781.

A Haydn non poteva sfuggire la grandezza di Mozart ma non concepì questo fatto oggettivo con ostilità e invidia, bensì ne raccolse i suggerimenti compositivi. E ciò avvenne anche per Mozart che pubblicamente rese nota la sua riconoscenza a Haydn dedicandogli sei quartetti ( K 387 , K 421 , K 428 , K 458 , K 464 e K 465 ) [224] e apprezzò per tutta la vita il compositore più di ogni altro musicista del passato o contemporaneo.

Mozart compose i citati quartetti tra il 1782 e il 1785, un'eccezione per un compositore che più volte aveva scritto concerti in poche ore e che a volte mandava a memoria la propria parte, presente solo nella sua testa ma non ancora riportata su uno spartito.

La ragione è semplice: i quartetti furono scritti nel modo rivoluzionario inventato da Haydn, pubblicando proprio nel 1771 i sei quartetti russi op. 33 , la cui modalità di composizione fu da Haydn stesso definita "nuova e speciale maniera". La "nuova e speciale maniera" era costituita dall'abbandono dei principi compositivi del settecento della melodia con accompagnamento per dare invece un ugual risalto alle quattro voci dell'organico che si trovavano ora a colloquiare in modo paritetico. Mozart aveva quindi due problemi da risolvere: imparare a comporre nel nuovo modo e trovare un proprio modo espressivo. Quale conseguenza della reciproca amicizia e stima, furono tramandate due opere parallele e immortali. La stima che Haydn aveva di Mozart è ben descritta nelle parole che Haydn dice al padre: «Vi dico innanzi a Dio, da galantuomo, che vostro figlio è il più grande compositore che io conosca, di nome e di persona. Ha gusto e possiede al sommo grado l'arte del comporre».

Quando Mozart morì a trentacinque anni, Haydn era a Londra. Seppe della morte dell'amico e collega solo al suo rientro a Vienna ( 1792 ), rimanendone rattristato.

Aneddotica

Pochi altri autori musicali hanno suggestionato la fantasia del pubblico come Mozart. Già bambino prodigio noto nelle maggiori corti d'Europa, in seguito compositore di genio e infine protagonista di una precoce e misteriosa morte: la sua vita è stata interpretata, sin dall'Ottocento, come simbolo stesso della genialità e della perfezione apollinea, idealizzando la sua figura come nessun altro autore prima o dopo di lui. Creando quindi un mito di Mozart , genio assoluto, che tuttora nell'immaginario collettivo è probabilmente più popolare delle sue stesse opere. Non deve quindi stupire che siano fioriti aneddoti di ogni tipo sulla sua figura, miranti a sottolineare (rare volte a sproposito, ma spesso in modo esagerato) la sua genialità e la sua "unicità". Nel vasto repertorio di aneddoti che circondano il giovane Mozart, particolare è quello che riguarda la sua visita a Roma a Pasqua 1770: l'allora quattordicenne Mozart ascoltò il celebre Miserere di Gregorio Allegri , di proprietà esclusiva della Schola Cantorum della Cappella Sistina , che la custodiva gelosamente. L'esecuzione avveniva solo nella Settimana Santa a luci spente e lo spartito non poteva essere copiato né letto, pena la scomunica.

Si racconta (e lo affermò per primo il padre Leopold in una lettera alla moglie) che il giovane Mozart, dopo averlo ascoltato una sola volta, sia stato in grado di trascriverlo a memoria, nota per nota. A questa leggenda si aggiunge un secondo aneddoto:Felix Mendelssohn Bartholdy , in visita a Roma, per scommessa volle ripetere l'impresa di Mozart e, dopo un solo ascolto, fu anch'egli in grado di trascrivere fedelmente la composizione. La ricerca storiografica ha scoperto che Mozart ascoltò quest'opera due volte prima della trascrizione, mentre al meno celebrato Mendelssohn fu sufficiente un solo ascolto; Mozart però ascoltò il Miserere a 14 anni, mentre Mendelssohn ne aveva più di 20. [225]

Si racconta inoltre che Mozart bambino, durante uno dei suoi concerti alla corte dell'imperatrice Maria Teresa , rese omaggio a una piccola dama del reale seguito, chiedendola anche in moglie. Quella damina sarebbe diventata la regina di Francia Maria Antonietta . [226]

Il 12 gennaio 1782, Mozart scrisse al padre: "Clementi suona bene, fino a che guardiamo alla mano destra. La sua potenza sono i passaggi di terza. A parte questo, egli non ha un centesimo di gusto o sensibilità; in pratica è solo un puro meccanico". In una lettera successiva si spinse oltre: "Clementi è un ciarlatano, come tutti gli italiani". Per contro, le opinioni di Clementi su Mozart furono sempre entusiasticamente positive.

Mozart era particolarmente bravo a scrivere da destra a sinistra; infatti alcune righe delle sue lettere erano scritte al contrario.

Un altro aspetto del suo carattere era un senso dell'umorismo a tratti osceno. Ne rimangono testimonianze nelle lettere alla cugina Maria Anna Thekla, ai parenti e agli amici. [227] Compose persino una serie di canoni scatologici che intonava in compagnia degli amici, i più noti dei quali sono:

  • Leck mich im Arsch K. 231, in Si bemolle maggiore, per sei voci;
  • Gehn wir im Prater, gehn wir in d' Hetz K. 558, in Si bemolle maggiore, per sei voci;
  • Difficile lectu K. 559, in Fa maggiore, per tre voci;
  • O du eselhafter Peierl K. 560a, in Fa maggiore, per tre voci;
  • O du eselhalfter Martin K. 560b, in Fa maggiore, per tre voci (versione riveduta del precedente);
  • Bona nox K. 561, in La maggiore, per quattro voci.

La leggenda su Mozart e Salieri

Nel corso degli anni nacque e si diffuse la leggenda secondo cui Mozart sarebbe stato avvelenato, per invidia, dal compositore italiano Antonio Salieri . Questa diceria, priva di fondamento, ha ispirato diversi artisti nel corso dei secoli. Il poeta e scrittore russo Aleksandr Sergeevič Puškin diede credito a queste voci e nel 1830 scrisse Mozart e Salieri (precedentemente intitolato Invidia ), un brevissimo dramma in versi, in cui un Salieri roso dall'invidia fa commissionare da Mozart un'opera, il Requiem, per poi ucciderlo, spacciare il brano per suo, suonarlo al funerale di Mozart e dover sentire: «Anche Salieri è stato toccato da Dio». Per la trovata, l'autore russo si ispirò probabilmente al fatto che il Requiem di Mozart fu commissionato dal conte Franz von Walsegg , che voleva spacciarlo per suo in occasione dell'anniversario della morte della moglie.

Di Puškin si disse:

«Se Salieri non ha ucciso Mozart, di sicuro Puškin ha ucciso Salieri. [228] »

Il 6 (18) novembre 1898, al Teatro Solodovnikov di Mosca , andò in scena la prima dell'opera Mozart e Salieri diNikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov . La musica è ispirata e dedicata al compositore Dargomyžškij , mentre il libretto è scritto dallo stesso Rimskij-Korsakov basandosi sulla tragedia di Puškin, e come questa l'opera si divide in due sole scene.
La sera della prima, le variazioni sulla musica di Mozart furono eseguite dal pianista e compositore Sergej Rachmaninov . [ senza fonte ] .

Nel 1978 un successivo adattamento della leggenda sulla fine di Mozart: Amadeus , del drammaturgo Peter Shaffer , conquista i teatri di Londra. La vicenda prende le basi da Puškin e ne amplia la portata. Rimane l'invidia di Salieri e il Requiem commissionato da un uomo vestito di nero (Salieri mascherato), ma il tutto è approfondito e narrato da Salieri stesso. Il testo subisce diverse modifiche, fino alla versione definitiva del 1981 .

Nel 1984 il dramma di Shaffer fu portato al cinema da Miloš Forman con Amadeus , ma i lati negativi del personaggio di Salieri sono ammorbiditi rispetto a Puskin: anche se nella versione rimasterizzata del film del 2002 sono ripristinate alcune scene più dure, il Salieri cinematografico di F. Murray Abraham , che vinse l'Oscar per il miglior attore, è decisamente meno negativo di quello di Shaffer e per sua decisione, dato che il drammaturgo aveva curato anche la sceneggiatura del film. Nel film, a parte alcuni avvenimenti realmente accaduti a Mozart, gran parte della trama è una libera ricostruzione del personaggio, molto lontana dalla realtà.

Prestiti da altri autori

Pur nell'inconfutabilità del genio mozartiano, un capitolo a parte meritano, nella sua vasta produzione artistica, i "prestiti" e le citazioni di opere altrui che si possono riscontrare nei suoi lavori. Nel noto Requiem , sono rintracciabili intere frasi musicali tratte da composizioni di Georg Friedrich Händel e di molti altri, tra cui Michael Haydn . [229] Mozart in alcune occasioni rielabora temi di Muzio Clementi : Ludwig Berger, allievo di Clementi, su Caecilia del 1829 stampa l'incipit della sonata Op. 24 n. 2 del suo maestro e osserva ironicamente che "forse è a questo tema che dobbiamo il geniale Allegro dell'ouverture della Zauberflöte , un'opera insuperata nel suo genere." [230]

Il musicologo Carlo Ballola su Gente del 1982 arrivò ad affermare che "se Mozart fosse vissuto ai nostri tempi, per i suoi plagi avrebbe dovuto passare molto tempo in Pretura". [231] È stata enorme l'influenza di Mozart sugli operisti napoletani e italiani, compreso il grande Rossini, in gioventù soprannominato "il tedeschino" per lo studio di Mozart e altri grandi sinfonisti. Anche in ambito tedesco (dunque fondamentalmente sinfonico) Mozart fu "plagiato" da musicisti come Beethoven, che utilizzò due temi musicali mozartiani (sonate K 332 e K 135 ; Fuga della fantasia K 394 ) nella sua sinfonia pastorale e Felix Mendelssohn che sfruttò in diverse composizioni temi ispirati a Mozart.

Registrazioni

  • Linda Nicholson. Wolfgang Amadeus Mozart. Sonatas for Fortepiano. Fortepiano Walter
  • Paul Badura-Skoda . Wolfgang Amadeus Mozart. Works for piano. Fortepiano Walter
  • Nikolaus Harnoncourt , Rudolf Buchbinder . Wolfgang Amadeus Mozart. Piano Concerti Nos. 23 & 25. Fortepiano Walter (Paul McNulty)
  • Robert Levin, Academy of Ancient Music, Christopher Hogwood . Wolfgang Amadeus Mozart. Piano Concertos Nos 15 & 26 . Fortepiano Walter (Paul McNulty)
  • Viviana Sofronitsky . WA Mozart: 11CD box, the first world complete works for piano and orchestra performed on original instruments . Orchestra: Musicae Antiquae Collegium Varsoviense "Pro Musica Camerata". Fortepiano Walter (Paul McNulty)
  • András Schiff . Wolfgang Amadeus Mozart. Piano works. Fortepiano Walter

Mozart nella letteratura

Nel 1856 lo scrittore tedesco Eduard Mörike scrisse il racconto romantico Mozart in viaggio verso Praga , che narra il viaggio compiuto da Wolfgang e dalla moglie Constanze verso Praga per allestire la prima rappresentazione del Don Giovanni (29 ottobre 1787).

Riconoscimenti

Cavaliere dell'Ordine dello Speron d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dello Speron d'oro
Roma , 4 luglio 1770

A Mozart è dedicato il cratere Mozart su Mercurio . [232]

Gli venne dedicato anche l'asteroide 1034 Mozartia

Lavori teatrali

  • Amadeus , di Peter Shaffer (Regno Unito, 1978), adattata al cinema nell'omonimo film di Miloš Forman.
  • Mozart, l'opéra rock (Francia, 2009), musical di Dove Attia e Albert Cohen. La parte di Mozart è interpretata dal cantante italiano Mikelangelo Loconte .

Filatelia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Francobolli su Mozart .

Nella cultura di massa

Filmografia

Note

  1. ^ Grove Dictionary of Music and Musicians , voce Mozart , sezione (3) (Johann Chrysostom) Wolfgang Amadeus Mozart
  2. ^ a b c Enciclopedia Universale Garzanti , Milano 1995 ( ISBN 88-11-50464-3 ), pag. 985.
  3. ^ Dotato dell'abilità di esprimere attraverso la musica tutte le emozioni, fra l'altro si afferma che si divertiva nel comporre e che aveva nella memoria una delle sue più grandi alleate. Come descritto in Piero Melograni, Lydia G. Cochrane, Wolfgang Amadeus Mozart: A Biography p. VII , University of Chicago Press, 2007, ISBN 978-0-226-51956-2 .
  4. ^
    ( EN )

    «He may thus be regarded as the most universal composer in the history of Western music.»

    ( IT )

    «Egli può dunque essere ritenuto il più universale compositore della storia della musica occidentale.»

    ( Angermüller )
  5. ^ l'epiteto di "Crisostomo" - "bocca dorata" - per questo vescovo e Dottore della Chiesa , si riferisce all'arte oratoria nella quale Giovanni eccelleva, si veda Walter Leibrecht, Religion and Culture: Essays in Honor of Paul Tillich, p. 64 , Ayer Publishing, 1972, ISBN 978-0-8369-2558-6 .
  6. ^ Cliff Eisen, Simon P. Keefe, The Cambridge Mozart Encyclopedia, p. 304 , Cambridge University Press, 2006, ISBN 978-0-521-85659-1 .
  7. ^ a b c d e ( EN ) Cliff Eisen e Stanley Sadie, Mozart, (Johann Chrysostom) Wolfgang Amadeus , su Grove Music Online . URL consultato il 2 marzo 2021 .
  8. ^ ( EN ) Wolfgang , su behindthename.com . URL consultato il 6 aprile 2019 .
  9. ^ Piero Melograni, Lydia G. Cochrane, Wolfgang Amadeus Mozart: A Biography, p. 3 , University of Chicago Press, 2007, ISBN 978-0-226-51956-2 .
  10. ^ Stanley Sadie, Neal Zaslaw, Mozart: The Early Years 1756-1781 p. 13 , Oxford University Press, 2006, ISBN 978-0-19-816529-3 .
  11. ^ Da lettera di Leopold Mozart 1719–1798 a L. Hagenauer Salisburgo Wasserburg 11 giugno 1763 Wolfgang Amadeus Mozart, Hans Mersmann, MM Bozman, Letters of Wolfgang Amadeus Mozart, p. 1 , Courier Dover Publications, 1972, ISBN 978-0-486-22859-4 .
  12. ^ Riccardo Limongi, Sensi unici ovvero la ghirlanda, p. 76 , Guida Editori, 1999, ISBN 978-88-7188-204-8 .
  13. ^ HC Robbinson Landon, Mozart gli anni d'oro. 1781–1791 , Milano, Garzanti, 1989
  14. ^ Carrozzo Mario, Cimagalli Cristina, Storia della musica occidentale vol. 2, Armando Editore, p 380
  15. ^ In seguito lo stesso indirizzo venne trasformato in un museo dedicato al compositore Sandro Cappelletto, Mozart: la notte delle dissonanze, p. 10, nota 12 , EDT, 2006, ISBN 978-88-6040-061-1 .
  16. ^ Gottlieb è l'equivalente in tedesco del nome Theophilus e dell'italiano Amedeo.
  17. ^ scrisse una Versuch einer gründlichen Violinschule , un metodo per violino , pubblicato nel 1756, l'anno della nascita di Wolfgang
  18. ^ Ruth Halliwell, The Mozart Family: Four Lives in a Social Context, p. 214 , Oxford University Press, 1998, ISBN 978-0-19-816371-8 .
  19. ^ Il suo cognome a volte lo si ritrova Bertel altre Bertl così come raccontato in Franz Xaver Niemetschek, Friedrich von Schlichtegroll, Giorgio Pugliaro, Mozart, p. 101 , EDT srl, 1990, ISBN 978-88-7063-082-4 .
  20. ^ I coniugi Mozart si erano sposati il 21 novembre 1747 e avevano avuto in precedenza altri cinque figli, tutti morti in tenerissima età: Johann Leopold Joachim ( 17481749 ), Maria Anna Cordula ( 1749 ), Maria Anna Nepomucena Walpurgis ( 1750 ), Johann Carl Amadeus ( 17521753 ), Maria Crescentia Francisca de Paula ( 1754 ). Per l'elenco completo e altri atti si veda Otto Erich Deutsch, Mozart, a Documentary Biography: A Documentary Biography, p. 4 , Stanford University Press, 1965, ISBN 978-0-8047-0233-1 .
  21. ^ Franz Xaver Niemetschek, Friedrich von Schlichtegroll, Giorgio Pugliaro, Mozart, p. 101 , EDT srl, 1990, ISBN 978-88-7063-082-4 .
  22. ^ Deutsch 1965 , p. 455 .
  23. ^ Franz Xaver Niemetschek, Mozart , EDT Edizioni Torino, 1990. , traduzione italiana di Giorgio Pugliaro dall'originale Leben des kk Kapellmeisters Wolfgang Gottlieb Mozart, nach Originalquellen beschrieben
  24. ^ Deutsch, D., The Enigma of Absolute Pitch , in Acoustics Today , vol. 2, n. 4, 2006, pp. 11-18, DOI : 10.1121/1.2961141 . Documento in PDF
  25. ^ Cliff Eisen, (Johann Georg) Leopold Mozart , in Stanley Sadie e John Tyrrell (a cura di), The New Grove Dictionary of Music and Musicians , 2ª ed., Oxford University Press, 2001, ISBN 978-0195170672 . .
  26. ^ da una lettera in "italiano" di Amadé al molto Rev.do Pad.e Maestro Giovanni Battista Martini , spedita da Salisburgo a Bologna, il 4 settembre 1776)
  27. ^ Lorenzo Arruga Mozart da vicino p. 117
  28. ^ Halliwell 1998 , p. 145 .
  29. ^ Da segnalare invece che il Mozart maturo, aderente alla massoneria , riabilita le idee di Voltaire e le riutilizza in alcune opere, cfr. Così fan tutte e il viaggio a Francoforte
  30. ^ Sadie 2006 , pp. 190-191 .
  31. ^ a b Gutman 1999 , pp. 268-269 .
  32. ^ Sadie 2006 , p. 39 .
  33. ^ Gutman 1999 , pp. 270-271 .
  34. ^ Sadie 2006 , pp. 193-196 .
  35. ^ Sadie 2006 , pp. 196-199 .
  36. ^ Guglielmo Barblan, Andrea della Corte, Mozart in Italia. I viaggi e le Lettere , Milano, Ricordi, 1956. , p. 245
  37. ^ Hermann Abert, Mozart, la giovinezza 1756-1782 , Milano il Saggiatore, p. 187
  38. ^ Pasquale Scialò, Mozart a Napoli , Napoli, Alfredo Guida Editore, 1995. .
  39. ^ Gutman 1999 , p. 280 .
  40. ^ Halliwell 1998 , p. 151 .
  41. ^ Sadie 2006 , p. 206 .
  42. ^ Sadie 2006 , p. 211 .
  43. ^ Sadie 2006 , p. 201 .
  44. ^ Gutman 1999 , p. 283 e Sadie 2006 , p. 211 . Entrambi gli autori affermano che non esiste nessun riferimento a queste lezioni nelle lettere di Leopold Mozart.
  45. ^ Delle due versioni della prova di esame, una è scorretta. Dato che entrambe sono autografate da Mozart, questa è l'evidenza che padre Martini passò una sua rielaborazione del testo di esame ad Amadeus, per favorirne la promozione. Cfr. sito dell'Accademia Filarmonica di Bologna
  46. ^ Halliwell 1998 , p. 154 .
  47. ^ Sadie 2006 , pp. 222-223 .
  48. ^ Sadie 2006 , pp. 232-233 .
  49. ^ Sadie 2006 , p. 239 .
  50. ^ Zaslaw , pp. 190-191 .
  51. ^ Zaslaw , pp. 186-188 .
  52. ^ Sadie 2006 , p. 257 .
  53. ^ Halliwell 1998 , p. 174 .
  54. ^ a b Halliwell 1998 , pp. 180-186 .
  55. ^ Sadie 2006 , pp. 292-295 .
  56. ^ Gutman 1999 , p. 309 .
  57. ^ Solomon , p. 106 .
  58. ^ Bernhard Paumgartner, Mozart , Torino, Einaudi 1994, p.172
  59. ^ Solomon , p. 103 .
  60. ^ Solomon , p. 98 .
  61. ^ Solomon , p. 107 .
  62. ^ Solomon , p. 109 .
  63. ^ Halliwell 1998 , p. 225 L'arcivescovo reagì dimissionando anche il padre Leopold, senza però mai attuare tale decisione,
  64. ^ Sadie 2006 .
  65. ^ William Stafford, The Mozart Myths: A Critical Reassessment , Stanford, Stanford University Press, 1991. , p. 92
  66. ^ Stanley Sadie, Mozart:The Early Years 1756-1781 , Oxford, Oxford University Press, 2006.
  67. ^ Gerald Drebes, Die " Mannheimer Schule " – ein Zentrum der vorklassischen Musik und Mozart , Heidelberg 1992, online Copia archiviata , su gerald-drebes.ch . URL consultato il 7 febbraio 2015 (archiviato dall' url originale l'11 luglio 2015) .
  68. ^ Deutsch 1965 , p. 174 .
  69. ^ Solomon 1995 , p. 149 .
  70. ^ Halliwell 1998 , pp. 304-305 .
  71. ^ Deutsch 1965 , p. 176 .
  72. ^ Halliwell 1998 , p. 305 .
  73. ^ Abert 2007 , p. 509 .
  74. ^ Luciano Cacciavillani, Mozart... amico mio! , Edizioni Nuovi Poeti, Milano 2009, p. 123. ISBN 978-88-96255-28-5
  75. ^ Halliwell 1998 , pp. 18-19 .
  76. ^ Solomon 1995 , p. 157 .
  77. ^ Sadie 1998 .
  78. ^ Notizia sulla vita e le opere di WA Mozart , in: Wolfgang Amadeus Mozart, Lettere , a cura di Elisa Ranucci, Ugo Guanda Editore, Parma 2010, pag. 41.
  79. ^ Solomon , pp. 213-124 .
  80. ^ Solomon , p. 111 .
  81. ^ Solomon , pp. 111-112 .
  82. ^ Solomon , pp. 215, 217 .
  83. ^ Solomon , p. 214 .
  84. ^ Solomon , pp. 217-218 .
  85. ^ a b Solomon , p. 225 .
  86. ^ a b Solomon , p. 226 .
  87. ^ Solomon , pp. 229-231 .
  88. ^ Solomon , pp. 231-233 .
  89. ^ Wolfgang Amadeus Mozart, Lettere , a cura di Elisa Ranucci, Ugo Guanda Editore, Parma 2010, pp. 193-4.
  90. ^ Solomon , pp. 240-243 .
  91. ^ Solomon , pp. 243-246 .
  92. ^ Solomon , pp. 238, 267 .
  93. ^ Solomon , p. 268 .
  94. ^ Mila, 2006 , pp. 247, 251 .
  95. ^ Mila, 2006 , pp. 252-254 .
  96. ^ Mila, 2006 , p. 255 .
  97. ^ Mila, 2006 , pp. 261-262 .
  98. ^ Wolfgang Amadeus Mozart, Lettere , a cura di Elisa Ranucci, Ugo Guanda Editore, Parma 2010, pag. 207.
  99. ^ Solomon , pp. 245, 268 .
  100. ^ Mila, 2006 , pp. 49, 66 .
  101. ^ Solomon , pp. 252, 276 .
  102. ^ Solomon , p. 256 .
  103. ^ Mila, 2006 , pp. 47-48 .
  104. ^ Mila, 2006 , p. 47 .
  105. ^ Solomon , p. 389 .
  106. ^ Mila, 2006 , pp. 47, 82-83 .
  107. ^ a b Mila, 2006 , p. 79 .
  108. ^ Mila, 2006 , p. 49 .
  109. ^ Solomon , p. 275 .
  110. ^ Solomon , p. 273 .
  111. ^ Piero Rattalino , Storia del pianoforte , Il Saggiatore, Milano 2008 ( ISBN 978-88-565-0015-8 ), pag. 50.
  112. ^ Mila, 2006 , pp. 70-71 .
  113. ^ Solomon , p. 391 .
  114. ^ Solomon , p. 432 .
  115. ^ Luigi Della Croce, I concerti di Mozart , Mondadori, Milano 1990, pp. 21, 132 e 135.
  116. ^ Mila, 2006 , p. 76 .
  117. ^ Mila, 2006 , p. 81 .
  118. ^ Solomon , p. 276 .
  119. ^ Solomon , pp. 286, 391 .
  120. ^ Solomon , p. 196 .
  121. ^ a b Solomon , p. 426 .
  122. ^ Stinchelli, 1996 , p. 75 .
  123. ^ Stinchelli, 1996 , p. 76 .
  124. ^ Stinchelli, 1996 , p. 73 .
  125. ^ Solomon , p. 282 .
  126. ^ Christoph Wolff, Mozart sulla soglia della fortuna , EDT, Torino 2013, pag. 36.
  127. ^ Stinchelli, 1996 , pp. 80-81 .
  128. ^ Christoph Wolff, Mozart sulla soglia della fortuna , EDT, Torino 2013, pp. 36 e 38.
  129. ^ Massimo Mila, Lettura delle Nozze di Figaro , Einaudi, Torino 1979, pp. 18-20.
  130. ^ Mila, 2006 , pp. 50-51 .
  131. ^ Solomon , p. 285 .
  132. ^ a b Solomon , pp. 284-285 .
  133. ^ Massimo Mila, Lettura delle Nozze di Figaro , Einaudi, Torino 1979, pp. 6-15.
  134. ^ Mila, 1988 , pp. 23-24 .
  135. ^ Wolfgang Amadeus Mozart, Lettere , a cura di Elisa Ranucci, Ugo Guanda Editore, Parma 2010, pag. 247.
  136. ^ Mila, 2006 , p. 66 .
  137. ^ a b Solomon , pp. 365, 379-380 .
  138. ^ Mila, 1988 , pp. 24-30 .
  139. ^ Stinchelli, 1996 , pp. 89-90 .
  140. ^ Mila, 2006 , p. 73 .
  141. ^ Mila, 2006 , p. 53 .
  142. ^ Solomon , p. 390 .
  143. ^ Mila, 1988 , pp. 31-32 .
  144. ^ "Siamo sul piano dei valori assoluti ed eterni, sul piano di Omero, di Dante, di Shakespeare, di Cervantes e di Goethe" in Mila, 1988 , p. 42 .
  145. ^ Mila, 1988 , p. 34 .
  146. ^ Mila, 1988 , pp. 37-39, 41, 43 .
  147. ^ Mila, 1988 , p. 234 .
  148. ^ Solomon , pp. 393-4 .
  149. ^ Solomon , pp. 398-9 .
  150. ^ Solomon , pp. 392-3 .
  151. ^ Solomon , p. 393 .
  152. ^ Mila, 2006 , pp. 66-68 .
  153. ^ a b Solomon , pp. 402-5 .
  154. ^ Solomon , pp. 409-10 .
  155. ^ Solomon , pp. 406-7 .
  156. ^ Solomon , pp. 408-17 .
  157. ^ Solomon , pp. 424-425 .
  158. ^ Solomon , pp. 426-427 .
  159. ^ Solomon , pp. 419, 421, 427-430 .
  160. ^ Mila, 2006 , p. 206-207, 236-238 .
  161. ^ Solomon , p. 431 .
  162. ^ Lidia Bramani, Mozart massone e rivoluzionario , Bruno Mondadori, Milano 2005, pag. 73.
  163. ^ Lidia Bramani, Mozart massone e rivoluzionario , Bruno Mondadori, Milano 2005, pag. 74.
  164. ^ Solomon , pp. 431-432 .
  165. ^ Solomon , pp. 432-433 .
  166. ^ Solomon , p. 437 .
  167. ^ Mila, 2006 , p. 56 .
  168. ^ Solomon , pp. 434-438 .
  169. ^ Solomon , p. 438 .
  170. ^ Solomon , pp. 435-436 .
  171. ^ Solomon , pp. 443-444 .
  172. ^ Solomon , pp. 444-445 .
  173. ^ Solomon , p. 445 .
  174. ^ Massimo Mila, Lettura del Flauto magico , Einaudi, Torino 1989, pp. 19-21 e 49-50.
  175. ^ Massimo Mila, Lettura del Flauto magico , Einaudi, Torino 1989, pp. 28; 198; 200-4; 225-7.
  176. ^ Solomon , p. 449 .
  177. ^ Solomon , p. 300 .
  178. ^ Bramani, 2005 , p. 56 .
  179. ^ Bramani, 2005 , pp. 35, 59 .
  180. ^ Solomon , pp. 301, 303 .
  181. ^ Solomon , pp. 301-302 .
  182. ^ Solomon , p. 302 .
  183. ^ Solomon , pp. 304-305 .
  184. ^ a b Solomon , p. 305 .
  185. ^ Francesco Attardi, Viaggio intorno al flauto magico , Libreria Musicale Italiana Editrice, 2006
  186. ^ Fabrizio Alfieri, Mozart, il viaggio iniziatico nel Flauto magico , Luni editrice.
  187. ^ Solomon , p. 307 .
  188. ^ Bramani, 2005 , pp. 12-13, 300-307 .
  189. ^ Franz Heinrich Ziegenhagen, Die ihr des unermeßlichen Weltalls Schöpfer ehrt , citato in: Bramani, 2005 , pp. 12-13 .
  190. ^ Notizia sulla vita e le opere di WA Mozart , in: Wolfgang Amadeus Mozart, Lettere , a cura di Elisa Ranucci, Ugo Guanda Editore, Parma 2010, pag. 48.
  191. ^ Solomon , pp. 453-454 .
  192. ^ Solomon , pp. 455-456 .
  193. ^ Zegers et al.: "The death of WA Mozart: an epidemiologic perpective",in: Annals of Internal Medicine , 2009
  194. ^ Cfr, Wolfgang Hildesheimer, Mozart , Rizzoli, Milano, 1994, p. 122
  195. ^ Mila, 2006 , p. 41 .
  196. ^ Elias, 1991 , pp. 28-29, 35, 40-41 .
  197. ^ Elias, 1991 , pp. 29, 33, 35, 38, 47 e 97 .
  198. ^ Elias, 1991 , pp. 29, 33, 35, 38, 42 .
  199. ^ Mila, 2006 , pp. 55-56, 61 e passim .
  200. ^ Elias, 1991 , p. 43 .
  201. ^ Elias, 1991 , pp. 53-54 .
  202. ^ Elias, 1991 , p. 26 .
  203. ^ a b Giorgio Pestelli, Introduzione all'edizione italiana , in: Elias, 1991 , p. 13 .
  204. ^ Solomon , p. 580 .
  205. ^ Solomon , p. 418-427, 434-438 .
  206. ^ nella Sala del Principe nella Fortezza Hohensalzburg la musica di Mozart viene eseguita per 341 giorni l'anno
  207. ^ a b The Letter of Wolfgang Amadeus Mozart (1769-1791). In Two Volumes. Vol. 1. By Wolfgang Amadeus Mozart. Translated, from the Collection of Ludwig Nohl, by Lady Wallace. New York and Philadelphia, 1866
  208. ^ Review in Augsburgische Staats und Gelehrten Zeitung 28 Oktober 1777
  209. ^ ( EN ) Demmler [Demler, Dümmler], Johann Michael , su Grove Music Online . URL consultato il 17 giugno 2021 .
  210. ^ Early Music, Volume XXV, Issue 3 , August 1997, Pages 383–400
  211. ^ Translated from the original German in Mozart: Briefe und Aufzeichnungen , ed. Wilhelm A. Bauer and Otto Erich Deutsch (Kassel, 1963), Vol. III.
  212. ^ Stephan D. Lindeman, Structural Novelty in the Early Romantic Piano Concerto , Pendragon Press, 1999, pp. 14-15, ISBN 978-1-57647-000-8 .
    «Analysis of the seven listed essays in concerto form - the five piano concertos, the Violin Concerto, and the Concerto for Violin, Cello and Piano - reveals that Beethoven did not, in effect, create a new model of concerto form as Mozart had done, or as he would do in other genres, such as the piano sonatas, string quartet, and symphony; the Mozartean model is clearly perceptible in each example» .
  213. ^ Michael Thomas Roeder, XI - Ludwig Van Beethoven , in A History of the Concerto , Amadeus Press, 1994, ISBN 978-0-931340-61-1 .
  214. ^ a b
    ( de, de )

    « Nun vergleiche man die Mozart'sche G moll-Symphonie (diese griechisch schwebende, wenn auch etwas blasse Grazie) oder das G moll-Concert von Moscheles und sehe zu! - Daß durch Versetzung der ursprünglichen Tonart einer Composition in eine andere, eine verschiedene Wirkung erreicht wird, und daß daraus eine Verschiedenheit des Charakters der Tonarten hervorgeht, ist ausgemacht

    ( IT )

    «Si confronti ora la sinfonia in sol minore di Mozart, questa aleggiante Grazia greca, o il concerto in sol minore di Moscheles e vedete un po'! – Che mediante il cambiamento della tonalità originaria di una composizione in un'altra, venga raggiunto un altro effetto e che ne risulti una differenza di carattere delle tonalità, è cosa fuori discussione.»

    ( Robert Schumann , Charakteristik der Tonarten )
    Schumann: Schriften , su koelnklavier.de . URL consultato il 26 marzo 2013 .
  215. ^ Charles Rosen, The Classical Style , WW Norton & Company, 1998.
  216. ^ Robert Schumann disse che questa sinfonia possedeva "grazia e leggerezza greca"
  217. ^ Citazione di Abert ripresa da Paumgartner in Bernhard Paumgartner, Mozart , Einaudi, 1956.
  218. ^ ( EN ) Maynard Solomon, A Life , Harper Perennial, 1996.
  219. ^ Bernhard Paumgartner, Mozart , Einaudi, 1956.
  220. ^ Daniel Heartz, Music in European Capitals: The Galant Style, 1720–1780 , WW Norton & Company, 2003.
  221. ^ Probabilmente esiste una terza sinfonia in tonalità minore, la K 16a (K Anh. 220) in la minore detta Sinfonia Odense , la cui autenticità mozartiana tuttavia non è stata comunemente accettata.
  222. ^ citazione riportata nel Mozart di Paumgartner a proposito della strumentazione ne Le nozze di Figaro
  223. ^ ( EN ) Alfred Einstein, Mozart: His Character, His Work , Oxford University Press, 1965.
  224. ^ Lorenzo Arruga Mozart da vicino p. 116
  225. ^ ( EN ) Ed Newton, The story of Allegri's Miserere , su medium.com . URL consultato il 29 ottobre 2016 .
  226. ^ Jula Baldini, Mozart e Maria Antonietta, un amore impossibile La storia (poco nota) della passione tra la futura regina di Francia e il grande musicista , Il Giornale, 29 aprile 2007.
  227. ^ Solomon, Maynard,, Mozart : a life , First edition, ISBN 0-06-019046-9 , OCLC 31435799 . URL consultato il 29 ottobre 2020 .
  228. ^ Citazione riportata da Maria Agostinelli in "Effetto Mozart" ( Copia archiviata , su railibro.rai.it . URL consultato il 12 novembre 2005 (archiviato dall' url originale il 19 giugno 2006) . )
  229. ^ Christoph Wolff, Il Requiem di Mozart , Roma, Astrolabio, 2006, p. 127, ISBN 978-88-340-1496-7 .
  230. ^ Leon Plantinga, Clementi. La vita e la musica , Feltrinelli Editore, 1980, ISBN 9788807180026 . URL consultato il 12 ottobre 2017 .
  231. ^ Luciano Chailly, Plagi musicali , Edizioni Curci, 1993. URL consultato il 12 ottobre 2017 .
  232. ^ ( EN ) Mozart , su planetarynames.wr.usgs.gov , Gazetteer of Planetary Nomenclature. URL consultato il 22 dicembre 2015 .

Bibliografia

Testi di Mozart e testi da lui musicati

  • Wolfgang Amadeus Mozart, Lettere , a cura di Elisa Ranucci, con introduzione di Enzo Siciliano, Ugo Guanda Editore, Parma 2010, ISBN 978-88-8246-907-8
  • Wolfgang Amadeus Mozart, Lettere alla cugina , traduzione di Claudio Groff, postfazione di Juliane Vogel, Feltrinelli, Milano 2013, ISBN 978-88-07-90066-2
  • Tutti i libretti di Mozart , a cura di Marco Beghelli, Garzanti, Milano 1990, ISBN 978-88-114-1062-1
  • Wolfgang Amadeus Mozart, Tutti i libretti d'opera , a cura di Piero Mioli, Newton Compton, Roma 2006, ISBN 88-541-0590-2

Biografie e letteratura critica

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

In lingua italiana
In lingua straniera

Partiture e testi

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 32197206 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2126 9154 · SBN IT\ICCU\CFIV\019276 · Europeana agent/base/146951 · LCCN ( EN ) n80022788 · GND ( DE ) 118584596 · BNF ( FR ) cb14027233b (data) · BNE ( ES ) XX1147441 (data) · ULAN ( EN ) 500339585 · NLA ( EN ) 35366602 · BAV ( EN ) 495/20399 · CERL cnp01259793 · NDL ( EN , JA ) 00450717 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80022788